DISCIPLINARE ALBO FORNITORI PER ACQUISIZIONE LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E-MAIL sociale@comune.tuili.vs.it DISCIPLINARE ALBO FORNITORI PER ACQUISIZIONE LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA"

Transcript

1 COMUNE DI TUILI Provincia del Medio Campidano C.F P. IVA Via Matteotti n. 4 Cap Tel 070/ / Fax 070/ DISCIPLINARE ALBO FORNITORI PER ACQUISIZIONE LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con Determinazione del Responsabile dell Ufficio Affari Generali n. 426 del Art. 1 - Oggetto Il presente disciplinare è adottato ai sensi del D.Lgs 163/2006 Codice dei Contratti Pubblici, della L.R. 5/07, del D.P.R. 5 ottobre 2010 n. 207 Regolamento di esecuzione ed attuazione del D.Lgs. 163/2006, delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE, del Regolamento Comunale per l acquisizione di lavori, beni e servizi in economia vigente. Le disposizioni in esso contenute si applicano, in linea di massima, ad appalti mediante procedura negoziata per lavori, forniture e servizi, di importo non superiore alla soglia di valore comunitaria, nonché alle procedure in economia per forniture e servizi o lavori per importi superiori a e fino alle soglie di rilevanza comunitaria, ed alle procedure di affidamento diretto, come meglio specificato al successivo articolo 4. Art. 2 Finalità dell Albo dei fornitori Nel rispetto di quanto previsto dall art. 1, al fine di conseguire maggiore trasparenza, efficienza ed efficacia nell attività negoziale, il Comune di Tuili istituisce il proprio Albo dei fornitori per la gestione delle spese in economia. Nell Albo sono iscritte le ditte dei fornitori di lavori, beni e servizi ammesse con le procedure di cui ai successivi articoli. Chiunque intenda essere iscritto all Albo deve fare domanda al Comune di Tuili, accompagnandola con i documenti prescritti dal presente disciplinare e con la specificazione dell oggetto o delle forniture di beni e di servizi che il richiedente intende offrire. Le categorie ricomprese nell albo sono riconducibili ad ogni forma di acquisto di bene e affidamento di servizi di competenza ed interesse dell Amministrazione Comunale. Art. 3 Categorie e procedure L Albo fornitori è unico, ma viene ripartito per esigenze di funzionalità in settori in base alla tipologia dei lavori, beni e servizi ed alle diverse aree di riferimento. Viene gestito a livello generale dall Ufficio Affari Generali, secondo quanto disposto dal successivo art. 5. Ogni settore potrà liberamente ed autonomamente accedere agli elenchi di proprio interesse, in base alla natura delle attività da svolgere. Tale accesso è consentito anche agli uffici non facenti capo direttamente all Area Amministrativa. L elenco dei fornitori inseriti sarà approvato con determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa, sulla base delle risultanze della Commissione. Art. 4 - Ambito di applicazione L Albo dei fornitori, ori, costituito e gestito nel rispetto delle modalità di cui agli articoli seguenti, potrà essere utilizzato in presenza di affidamento/acquisto di lavori, beni e servizi in

2 economia, cottimo fiduciario ed affidamento diretto, di cui all art. 125 del D.Lgs 163/2006, ed al il Titolo V, Capo II, del Regolamento di esecuzione ed attuazione del D.Lgs. 163/2006, approvato con D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207, secondo i limiti economici stabiliti dalla legge. Art. 5 - Commissione per la formazione e la tenuta dell Albo Fornitori Per la formazione e la tenuta dell Albo dei Fornitori è costituita una Commissione composta dai Responsabili del Procedimento degli Uffici di Servizio Sociale, Affari Generali, Vigilanza, Ufficio Anagrafe, e dai Responsabili dell Area Amministrativa, che presiede la Commissione, del Servizio Tecnico e del Servizio Finanziario. Alla Commissione spetta il compito di: esaminare la regolarità formale delle domande; accertare il possesso dei requisiti sulla base delle dichiarazioni presentate e provvedere altresì alla verifica delle stesse, a campione; inserire la ditta richiedente nell Albo nella categoria, o categorie richieste, nel rispetto delle prescrizioni fornite dal presente regolamento; procedere all aggiornamento mensile della lista dei soggetti inseriti nell Albo ; proporre la sospensione o cancellazione dall Albo, con parere motivato, delle ditte inadempienti; redigere un verbale delle operazioni sopra descritte, che dovrà essere sottoscritto dai partecipanti. La Commissione si riserva la facoltà di richiedere alle ditte documentazione integrativa. Art. 6 - Requisiti d ordine generale, di idoneità e capacità per l iscrizione all Albo Fornitori Sono ammessi a far parte dell Albo dei Fornitori, i concorrenti di cui all art. 34 del D.Lgs n 163/2006 e successive modificazioni, con le prescrizioni e i requisiti previsti ai successivi articoli 35,36,37,38,39 e 41 del medesimo D. Lgs n 163/2006. E' ammessa l iscrizione unicamente di imprese singole. Il mancato possesso dei requisiti richiesti comporta la non iscrizione all Albo. Per quanto concerne l Area Servizio Sociale sono ammesse anche le domande presentate da associazioni culturali, turistiche e sportivo dilettantistiche. 1. Requisiti di carattere generale: - possesso dei requisiti di cui all art. 38 del D.Lgs. 163/2006) e inesistenza delle clausole di esclusione. 2. Requisiti di idoneità e Requisiti in ordine alla capacità tecnica e professionale (Art. 42 D. Lgs. 163/2006): - Iscrizione nel Registro delle Imprese presso la competente C.C.I.A.A; - per le cooperative sociali: Iscrizione all Albo Regionale delle Cooperative sociali (previsto dall art. 2 della L.R n 16/97 esclusivamente per le Cooperative sociali aventi sede in Sardegna) o analogo registro della Regione di appartenenza o dello stato aderente all Unione Europea. - per le associazioni di vario genere: Statuto, affiliazione.

3 3. Requisiti in ordine alla capacità economico finanziaria (Art. 41 D. Lgs. 163/2006): Le ditte non devono trovarsi in alcune delle condizioni di esclusione previste dall art. 38 del D. Lgs. n. 163/2006, ed in particolare: in stato di fallimento, di liquidazione, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la legislazione dello Stato in cui sono stabiliti, o di non avere in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni, oppure che non versano in stato di sospensione dell attività. Il possesso di tutti i requisiti di cui ai punti precedenti dovranno essere dichiarati nelle forme di cui all art. 47 del D.P.R n 445/2000 tramite presentazione di copia del documento d identità del firmatario. I requisiti sopra elencati devono sussistere al momento della richiesta di partecipazione alla gara e persistere per tutta la durata del contratto. Art. 7 - Presentazione delle istanze ed iscrizione all Albo Nella domanda tendente ad ottenere l iscrizione all Albo, redatta in carta legale, devono essere indicati: la ragione sociale o la denominazione della ditta; il nome/i del/i legale/i rappresentante/i; il domicilio e la sede legale; il codice fiscale e/o la partita IVA; il numero di iscrizione al registro, albo o numero di affiliazione di competenza; l oggetto della fornitura dei beni o dei servizi per cui si richiede l iscrizione, con espresso riferimento alle categorie merceologiche di cui si compone l Albo, o richiedendo la istituzione di specifica categoria. La domanda deve altresì contenere la dichiarazione redatta ai sensi degli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000, relativa al possesso dei requisiti previsti dall art. 6 del presente regolamento, e dovrà pervenire all ufficio protocollo del Comune di Tuili indirizzata all Ufficio Affari Generali. I richiedenti potranno comunque allegare alla domanda ogni ulteriore documentazione referenziale che sia ritenuta utile ai fini della valutazione dei requisiti stessi. Con la stessa domanda può essere richiesta l iscrizione a più categorie merceologiche. Le domande potranno essere presentate liberamente in ogni periodo dell anno, fermo restando quanto disposto in merito all aggiornamento periodico dell albo. L iscrizione all Albo avviene cronologicamente in base al numero assegnato dal Protocollo Generale del Comune di Tuili. Alla domanda dovranno essere allegati i documenti indicati nel modello fac simile allegato al bando. Art. 8 Approvazione, variazione ed aggiornamento periodico dell Albo dei fornitori L elenco delle ditte inserite, la variazione della struttura dell Albo, e l aggiornamento periodico saranno approvati con determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa. La prima approvazione sarà effettuata sulla base delle istanze pervenute entro il 30 giorno dalla pubblicazione del bando pubblico di avviso dell istituzione dell Albo dei Fornitori.

4 L aggiornamento periodico avviene a cadenza almeno mensile, su valutazione delle istanze acquisite al protocollo comunale entro il giorno 30 di ogni mese. Art Pubblicità dell Albo Una volta intervenuta l approvazione dell Albo Fornitori con determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa, lo stesso viene successivamente depositato presso l Ufficio Affari Generali, che ne curerà la pubblicazione all Albo Pretorio Comunale e sul sito web del Comune di Tuili. Non sarà data comunicazione alle singole ditte dell inserimento nell albo. Le eventuali comunicazioni riguarderanno esclusivamente le esclusioni e cancellazioni. Art Trattamento dei dati I dati forniti dalle ditte verranno trattati ai sensi del D.Lgs. 196/2003, al solo fine della costituzione/revisione/aggiornamento dell albo fornitori e per le procedure conseguenti. Titolare del trattamento è il Comune di Tuili. Il Responsabile del Trattamento è il Responsabile dell Area Amministrativa. Art Aggiornamento dell Albo su richiesta delle ditte Le ditte che abbiano modificato la loro struttura operativa, che intendano richiedere l iscrizione ex novo per la modifica della precedente iscrizione, o per l estensione ad altre categorie, possono avanzare la domanda ai sensi dell art. 7. Tali variazioni avranno valore a partire dalla data di successivo aggiornamento dell elenco dei fornitori. Le variazioni per estensioni non comportano variazione del termine di durata dell iscrizione e del numero di posizione nell Albo Le iscrizioni ex novo comporteranno l assegnazione di un nuovo numero di posizione nell Albo. Art.12 - Aggiornamento straordinario dell Albo Di norma, l aggiornamento dell Albo avviene mensilmente, sulla base delle eventuali nuove istanze di iscrizione pervenute, con apposito atto del Responsabile dell Area Amministrativa, previa valutazione della Commissione. Le ditte e le imprese iscritte all Albo sono tenute, a pena della cancellazione d ufficio, a comunicare, entro 30 giorni dal verificarsi di tali situazioni, ogni atto o fatto che implichi la perdita o il mutamento dei requisiti o delle condizioni previste per l iscrizione, nonché ogni ulteriore modifica della struttura aziendale che possa avere rilevanza ai fini del presente regolamento, per una eventuale revisione degli elenchi. L aggiornamento straordinario dell Albo è dunque ammesso per cancellazione o variazioni delle condizioni o requisiti delle ditte. Art. 13 Durata dell iscrizione, sospensione e cancellazione dall Albo L iscrizione all Albo ha validità triennale a far data dalla ufficializzazione dell inserimento negli elenchi, o dalle iscrizioni ex novo di ditte già presenti e che ne facciano richiesta. L efficacia dell iscrizione di una ditta all Albo può essere sospesa temporaneamente, in qualsiasi momento dal Presidente della Commissione per accertare negligenze o malafede nelle forniture e/o gravi irregolarità nella esecuzione della prestazione, ed in ogni caso quando si ritiene vengano meno le condizioni di cui all art.7. Il Presidente comunica all interessato con raccomandata con ricevuta di ritorno i fatti addebitatigli fissando il termine di 15 giorni per le sue controdeduzioni. Trascorso tale termine, il Presidente emette una decisione. La sospensione non prolunga i termini della durata dell iscrizione.

5 La cancellazione dell Albo è disposta d ufficio quando a carico della ditta siano venuti meno uno di requisiti previsti dall art. 7, comma 1 oppure siano stati accertati i fatti relativi al comma 1, e inoltre per irreperibilità o reiterata non partecipazione alle gare ufficiose. La cancellazione è altresì disposta su richiesta dell interessato. Al termine dei tre anni di validità dell iscrizione, le ditte interessate dovranno presentare nuova documentazione attestante il mantenimento dei requisiti di accesso, mantenendo il proprio numero di posizione nell Albo. Art. 15 Modalità di scelta del contraente Ogni singolo ufficio, ai sensi dell art. 3 comma 3, nelle propria determinazione a contrarre, disporrà l eventuale ricorso a determinati elenchi dell Albo dei Fornitori. Si procederà dunque all invito, secondo il principio della rotazione, di un numero minimo di 5 ditte, sia per gara informale che per gara formale, seguendo l ordine cronologico di iscrizione nell Albo per il relativo settore. E lecito inserire tra le 5 ditte individuate anche la ditta che ha gestito il servizio/fornitura/lavoro nell ultima fase, in deroga a quanto sopra esposto. Le successive procedure saranno espletate in base alle disposizioni di legge, le ditte saranno dunque tenute a presentare tutta la documentazione richiesta per legge anche se eventualmente già presentata in fase di richiesta di iscrizione all Albo. Nel caso in cui per determinate categorie merceologiche non vi siano imprese iscritte all Albo o ve ne siano iscritte in numero minore a 5, o non esista la categoria merceologica o, comunque, il Responsabile del Procedimento lo ritenga opportuno, si potrà integrare il numero dei concorrenti, secondo quanto stabilito dalle norme vigenti. Art. 16 Esclusioni dall applicazione Il presente Regolamento non si applica nel caso di acquisti effettuati attraverso il mercato elettronico della P.A. e mediante convenzioni stipulate da Consip S.p.A. Art. 17 Settori d ambito L Albo dei Fornitori del Comune di Tuili è organizzato e suddiviso secondo lo schema allegato, facente parte integrante e sostanziale del presente disciplinare. Art Entrata in vigore - Norme finali Il presente disciplinare entra in vigore in base alla determinazione di approvazione. L istituzione dell Albo dei fornitori non obbliga l Amministrazione Comunale a ricorrere a tali elenchi per l acquisto/affidamento di beni, servizi e lavori in economia, potendo procedere anche con procedure aperte e ristrette ed al mercato elettronico, secondo le disposizioni di legge. L iscrizione all Albo dei fornitori non garantisce alle ditte l affidamento di acquisti, servizi o lavori da parte del Comune di Tuili. Il presente disciplinare, dopo la sua approvazione, potrà essere sottoposto a revisione con atto motivato del Responsabile dell Area Amministrativa. Per ogni controversia è competente il TAR della Regione Sardegna. Per tutto quanto non indicato nel presente Disciplinare si fa riferimento alla normativa vigente in materia.

6 Allegato al Disciplinare Albo Fornitori per acquisizione lavori, beni e servizi in economia ALBO DEI FORNITORI DEL COMUNE DI TUILI PER ACQUISTO IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SETTORI D AMBITO SETTORE Area A Affari Generali TIPOLOGIA LAVORO/FORNITURA/SERVIZIO 1) Fornitura cancelleria varia, materiale di consumo, di funzionamento e ricambio d uso di attrezzature d ufficio di qualsiasi genere; 2) Fornitura arredi e attrezzature quali, a titolo esemplificativo: mobili, sopramobili, quadri, tende, apparecchi di illuminazione, macchine per ufficio, beni informatici hardware e software, beni per la conservazione, riproduzione e diffusione di immagini, suoni e filmati; 3) Fornitura Libri, audiovisivi, riviste etc. anche in abbonamento, sia su supporto cartaceo che su supporto informatico 4) Fornitura articoli vari per Biblioteca Comunale 5) Fornitura Software 6) Fornitura coppe, trofei, medaglie, targhe, oggetti-ricordo, bandiere con relative aste, addobbi floreali, altri gadgets relativi a manifestazioni pubbliche, onorificenze, riconoscimenti, gemellaggi, inaugurazioni, ricorrenze, nonché acquisti necessari alla eventuale ricettività ed ospitalità in occasione di specifici eventi; 7) Fornitura Prodotti tipografici di vario tipo 8) Servizi informatici e affini, compresi i servizi telematici, di videoconferenza, di gestione, manutenzione e revisione siti web istituzionali, di e-governement, di informatizzazione degli adempimenti, aggiornamenti software; 9) Servizio assistenza computer e macchine per ufficio 10) Servizio mensa scolastica 1) Servizi assicurativi; 11) Servizio Scuola Bus 12) Servizi di editoria e di stampa, compresi servizi di tipografia, litografia, fotografia, modellazione, aerofotogrammetria; 13) Servizi pubblicitari, compresa la divulgazione di avvisi e bandi di concorso e di gara a mezzo stampa o altri mezzi di informazione e l acquisto dei relativi spazi; 14) Servizi relativi all istruzione, compresi gestione di corsi di qualunque genere e grado,

7 Area B Servizio Sociale Area C Ufficio Anagrafe Protocollo/Stato Civile Area D Vigilanza Area E Servizio Tecnico partecipazione a corsi di preparazione, formazione e perfezionamento del personale, partecipazione alle spese per corsi indetti da enti, istituti e amministrazioni varie; 1) Servizio Assistenza Domiciliare 2) Servizio Educativo Territoriale 3) Servizio Assistenza Specialistica studenti disabili 4) Servizio Animazione ed Attività ludico ricreativo sportive di socializzazione per minori, adulti ed anziani 5) Servizio Gestione Comunità per anziani (alloggio e comunità integrata) 6) Servizio Informagiovani 7) Servizio Telesoccorso 8) Servizio Viaggi e soggiorni climatici per anziani 9) Servizio colonia, spiaggia, piscina estiva per bambini 10) Fornitura Mobili ed attrezzature per comunità per anziani 11) Forniture alimentari e di vario genere per attività di socializzazione 1) Fornitura stampati, registri ed altro per Ufficio Stato Civile ed Anagrafe 1) Fornitura attrezzatura ed abbigliamento per Vigile Urbano LAVORI 1) Lavori urgenti di manutenzione o riparazione di opere o impianti ( esempio: prime opere per la difesa dalle inondazioni o per il deflusso delle acque da aree inondate; riparazioni alle strade comunali e loro pertinenze, compresi i manufatti, per inconvenienti causati da eventi atmosferici anche indiretti o da incidenti stradali; lavori da eseguirsi d'ufficio a carico dei contravventori alle leggi e ai regolamenti, in esecuzione di ordinanze emanate dalla pubblica amministrazione; lavori da eseguirsi senza indugio per garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro e la salvaguardia dell incolumità pubblica, interventi non programmabili in materia di sicurezza di immobili, strutture, impianti, viabilità e in ogni altro ambito di competenza del Comune) 2) Lavori necessari per la compilazione di progetti e per la redazione di studi di fattibilità; 3) Completamento di opere o impianti a seguito della risoluzione del contratto o in danno dell appaltatore inadempiente, quando vi è necessità ed urgenza di completare i lavori; 4) Lavori da eseguirsi d'ufficio per il completamento di opere o impianti a carico degli appaltatori in dipendenza di carenze o incompletezze constatate in sede di collaudo, di accordo bonario, di lodo arbitrale o di dispositivo giurisdizionale; 5) Lavori di demolizione da eseguirsi d'ufficio ai sensi del combinato disposto degli articoli 27,

8 comma 2, e 41, del D.P.R. n. 380/2001, di opere eseguite senza titolo su aree assoggettate a vincolo di inedificabilità, o destinate ad opere e spazi pubblici ovvero ad interventi di edilizia residenziale pubblica di cui alla legge n. 167/1962, ove non sia possibile intervenire con gli ordinari procedimenti di affidamento dei lavori. 6) Lavori di manutenzione delle opere relative alla viabilità, compreso lo spargimento di ghiaia e pietrisco, i rappezzi di tronchi asfaltati o bitumati, lo spurgo di cunette e condotti, le riparazioni di manufatti, l'innaffiamento, la sistemazione delle banchine, la regolazione delle scarpate, nonché la manutenzione e l'installazione della segnaletica stradale, la sistemazione di aiuole spartitraffico o salvagente e dei collegamenti pedonali; 7) Lavori di conservazione, manutenzione, ristrutturazione, restauro, adattamenti e riparazione dei beni comunali demaniali e patrimoniali, mobili ed immobili, con relativi impianti, infissi, accessori e pertinenze; 8) Lavori di conservazione, manutenzione, ristrutturazione, restauro, adattamenti e riparazione di mobili ed immobili, con i relativi impianti, infissi, accessori e pertinenze, in uso al Comune o presi in locazione nei casi in cui, per legge o per contratto, le spese sono poste a carico del locatario; 9) Lavori di manutenzione, riparazione ed integrazione di reti e impianti concernenti il ciclo delle acque e fognario, non compresi nella convenzione con Aziende o Enti gestori; 10) Lavori di manutenzione, riparazione ed integrazione di impianti di pubblica illuminazione e affini; 11) Lavori di manutenzione e riparazione di giardini, viali, piazze pubbliche, impianti sportivi ed elementi di arredo urbano e parchi gioco, nonché di marciapiedi, piazze ed in genere sistemazione di aree pubbliche e opere di completamento relative; 12) Lavori di manutenzione e riparazione di strutture e attrezzature cimiteriali e relative pertinenze. FORNITURE 13) Fornitura veicoli di servizio e attrezzature per gli apprestamenti speciali dei veicoli, prodotti e materiale di consumo per autotrazione e funzionamento dei mezzi meccanici,

9 apparecchi integranti le reti tecnologiche dei servizi (contatori, scatole di derivazione, cabine, trasformatori, quadri di distribuzione, chiusini, canali, pezzi prefabbricati, ecc.), mezzi e attrezzature per la mobilità (ascensori, servoscala, pedane, segnaletica, ecc); 14) vestiario di servizio e dei dispositivi di protezione individuale per i dipendenti; 15) beni necessari al funzionamento delle strutture relative all istruzione, all assistenza, al volontariato, alla ricreazione, alla cultura, allo sport, a manifestazioni pubbliche o ad altre necessità derivanti da compiti istituzionali o da servizi a domanda individuale; 16) combustibile per il riscaldamento di immobili; 17) fornitura e consumo di acqua, gas, energia elettrica, utenze telefoniche e telematiche, compresi gli allacciamenti agli immobili, illuminazione e climatizzazione dei locali; 18) materiali per la pulizia, derattizzazione, disinfestazione e disinfezione degli immobili, delle infrastrutture, degli arredi e degli automezzi; 19) attrezzature per il gioco, l arredo ed il funzionamento delle aree verdi in generale, delle strutture scolastiche e degli impianti sportivi, comprese le strutture accessorie a questi; 20) sabbia, ghiaia, pietrisco e altri inerti per la sistemazione di strade e piazzali; 21) forniture di qualsiasi genere di conforto in caso di calamità naturali anche extraterritoriali, anche in via indiretta sotto forma di contributi; 22) spese per impianti ed infrastrutture, apparati radio ricetrasmittenti; materiali ed attrezzature per le telecomunicazioni (impianti e apparecchi telefonici e telefax); impianti e sistemi di videoconferenza e di videosorveglianza; sistemi, apparecchiature ed impianti televisivi, di registrazione, di ripresa, fonici, sonori e di allarme; noleggio impianti luce e palchi per pubblici spettacoli; 23) opere cimiteriali; SERVIZI 24) Servizi di manutenzione, riparazione e restauro di attrezzature, arredi, mezzi e impianti; 25) Servizi di trasporto terrestre e aereo di qualunque genere, compreso l acquisto di biglietti, servizi di corriere, spedizione e consegna, altri servizi di trasporto o

10 messaggeria estranei al servizio postale; 26) Servizi di telecomunicazione; 27) Servizi di ricerca e sviluppo, compresi rilievi statistici, indagini, studi, rilevazioni socioeconomiche, analisi di fattibilità, analisi tecniche e finanziarie; 28) Servizi di pulizia e di gestione delle proprietà comunali immobiliari; 29) Servizio eliminazione di scarichi e di rifiuti, disinfestazione e servizi analoghi, riconducibili in qualunque modo alla parte terza, limitatamente alla tutela delle acque dall inquinamento e spurgo delle fognature, e alla parte quarta, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152; 30) Servizi relativi alla sicurezza, compresi i servizi di vigilanza e di sorveglianza di immobili comunali, del territorio e di manifestazioni; 31) Servizi di nolo, affitto o altra forma di prestito contro corrispettivo, di beni e attrezzature; 32) Servizi pubblici per l erogazione di energia di qualunque genere e tipo, per i quali non vi siano riserve di legge;

REGOLAMENTO SPESE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO SPESE IN ECONOMIA APPROVATO DAL COMITATO DIRETTIVO NELLA SEDUTA DEL 22 FEBBRAIO 2010 REGOLAMENTO SPESE IN ECONOMIA Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina le procedure in economia per l acquisizione

Dettagli

Regolamento per le spese in economia di ANCI Lombardia approvato dal Consiglio Direttivo di ANCI Lombardia con delibera n. 6 del 22 giugno 2011 e

Regolamento per le spese in economia di ANCI Lombardia approvato dal Consiglio Direttivo di ANCI Lombardia con delibera n. 6 del 22 giugno 2011 e Regolamento per le spese in economia di ANCI Lombardia approvato dal Consiglio Direttivo di ANCI Lombardia con delibera n. 6 del 22 giugno 2011 e s.m.i. Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Approvato con delibera n. 09 del C.D.A del 6 Agosto 2013 1 INDICE ART

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI BRESCELLO (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI BRESCELLO (Provincia di Reggio Emilia) Regolamento per l'affidamento in economia degli appalti di lavori, servizi e forniture ******* APPROVATO CON 30/11/2013. DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI IN ECONOMIA Regolamento degli interventi in economia SSD San donnino Sport a r.l. Data: 11/10/2010 REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI IN ECONOMIA Pagina 1 di 10 REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI IN ECONOMIA Art. 1 Interventi

Dettagli

Il sottoscritto, nato a. il, nella qualità di, della. ditta/società. Consede legale in, c.a.p., via, Codice Fiscale. tel.

Il sottoscritto, nato a. il, nella qualità di, della. ditta/società. Consede legale in, c.a.p., via, Codice Fiscale. tel. Camera di Commercio I.A.A. C.so Risorgimento, 302 86170 - ISERNIA OGGETTO: Istanza di iscrizione all Albo Fornitori. Il sottoscritto, nato a il, nella qualità di, della ditta/società Consede legale in,

Dettagli

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N.

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. 163 INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 AMBITO

Dettagli

COMUNE DI BIENTINA. Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI BIENTINA. Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI BIENTINA Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Il presente regolamento è stato approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 15 del 16/06/2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art.1 Oggetto Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 6 del Regolamento per l amministrazione e la contabilità disciplina l acquisizione di forniture e servizi in economia del Consorzio Interuniversitario

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento disciplina l'esecuzione dei lavori in economia e l acquisizione di beni e servizi

Dettagli

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine Pag. 1 COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, PROVVISTE E SERVIZI (Approvato con deliberazione consiliare commissariale n. 48 dd. 29.11.2005) 1 Pag. 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA approvato con Delibera Commissariale n. 28 del 26/09/2011

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Istituto di Istruzione Superiore "Primo Levi" GEIS017007 LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE SETTORE TECNOLOGICO SETTORE ECONOMICO

Dettagli

ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE

ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE Regolamento delle spese per l acquisizione in economia di beni e servizi >>> ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.P.R. 20.08.2001,

Dettagli

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Allegato B COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 10.02.2012 ESECUTIVO DAL 27.02.2012

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE FORNITURE, I SERVIZI IN ECONOMIA E LE SPESE MINUTE

REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE FORNITURE, I SERVIZI IN ECONOMIA E LE SPESE MINUTE REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE FORNITURE, I SERVIZI IN ECONOMIA E LE SPESE MINUTE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto pag. 3 Art. 2 Modalità di esecuzione delle acquisizioni in economia pag. 3

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I s t i t u t o C o m p r e n s i v o A l t o V e r b a n o

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I s t i t u t o C o m p r e n s i v o A l t o V e r b a n o REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 - NORMATIVA DI RIFERIMENTO ART. 3 OBBLIGHI E FACOLTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «Basilio Focaccia» via Monticelli 1 Fuorni 84131 Salerno TEL. 089 301704 FAX 089 3055189 C.F. 80023050653 C.M. SATF06000P web www.itisfocaccia.it e mail satf06000p@istruzione.it

Dettagli

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Delibera del D. G. n 165 del 16/09/2010 Delibera del D. G. n 142

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per gara ufficiosa Col.1 Col.2 Col.3

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per procedura di cottimo fiduciario

Dettagli

"#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE !!"#$!% &!"#$! ''' ##&"!!%( )* +, "#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE VISTE le norme sull autonomia delle istituzioni scolastiche

Dettagli

Area Affari Generali Settore Appalti e Approvvigionamento Ufficio Contratti e Appalti

Area Affari Generali Settore Appalti e Approvvigionamento Ufficio Contratti e Appalti DISCIPLINA CONCERNENTE I PROCEDIMENTI RELATIVI ALLE SPESE IN ECONOMIA (emanato con D.R. n. 122/2013 del 26 febbraio 2013 ed entrato in vigore il 26 febbraio 2013) Art. 1 Oggetto della disciplina 1. Il

Dettagli

COMUNE di TORINO DI SANGRO Provincia di Chieti REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

COMUNE di TORINO DI SANGRO Provincia di Chieti REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI COMUNE di TORINO DI SANGRO Provincia di Chieti REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 32 DEL 20.06.2011 1 I N

Dettagli

COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA E PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione CC n. 41 del 31/07/2002

Dettagli

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale TITOLO I GESTIONE ACQUISTI IN ECONOMIA... 2 Articolo 1 - Oggetto... 2 Articolo 2 - Limiti... 2 Articolo 3 - Amministrazione diretta...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con delibera di Consiglio dell Unione N 05 del 24 maggio 2007 Il Presidente (dott. Domenico Salvi) Il Segretario dell Unione (dott.

Dettagli

Parma Gestione Entrate S.p.A.

Parma Gestione Entrate S.p.A. Parma Gestione Entrate S.p.A. Regolamento per la disciplina delle spese in economia e dei relativi contratti (approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2013) Art. 1 Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL REGOLAMENTO DELLE SPESE PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI TREVISO GLOCAL (approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 21 maggio 2012) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

Regolamento per lavori, servizi e forniture in economia

Regolamento per lavori, servizi e forniture in economia COMUNE DI PERUGIA SEGRETERIA GENERALE VICE SEGRETARIO GENERALE VICARIO Regolamento per lavori, servizi e forniture in economia Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 95 del 26.05.2008 Modificato

Dettagli

Regolamento Comunale per i lavori, le forniture e i servizi in economia

Regolamento Comunale per i lavori, le forniture e i servizi in economia Comune di Donori Regolamento Comunale per i lavori, le forniture e i servizi in economia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 del 25.11.2009 Pagina 1 di 21 TITOLO I PRINCIPI ART.1 OGGETTO

Dettagli

Istituto Superiore di Stato

Istituto Superiore di Stato Istituto Superiore di Stato Giovanni Falcone Viale dell Europa Unita, 13 80078 Pozzuoli (Na) Tel. 081.8665200 Fax 081.8046382 Via Domiziana, 150 80012 Licola di Pozzuoli (Na) Tel. 081.8678156 e-mail: nais06200c@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI SILEA Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 8 del 22.02.2012 INDICE TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina il sistema delle procedure per l acquisizione

Dettagli

COMUNE DI BITONTO (Provincia di Bari) REGOLAMENTO PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI BITONTO (Provincia di Bari) REGOLAMENTO PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI BITONTO (Provincia di Bari) REGOLAMENTO PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA INDICE TITOLO I... 3 PRINCIPI... 3 Art. 1 - Oggetto del Regolamento... 3 Art. 2 - Modalità di esecuzione in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA SOCIETA DI PROMOZIONE PER L UNIVERSITA NELL IMPERIESE P.A. Via Nizza, 8 18100 Imperia Società soggetta all attività di direzione e coordinamento dell Amministrazione Provinciale di Imperia REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE Articolo 1 (Oggetto) Articolo 2 (Responsabile del procedimento) Articolo

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Adottato con deliberazione C.C. n. 18 del 19.04.2002 Modificato con deliberazione C.C. n. 24 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DEGLI APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE. Art. 1- Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DEGLI APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE. Art. 1- Ambito di applicazione Comune di Schiavon Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DEGLI APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE INDICE Art. 1- Ambito di applicazione Art. 2- Oggetto degli affidamenti ineconomia

Dettagli

COMUNE DI CALATABIANO ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI

COMUNE DI CALATABIANO ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI COMUNE DI CALATABIANO Provincia di Catania ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI da eseguire in economia (1) o tramite il servizio economato o da affidare a trattativa privata 1 Addobbi CATEGORIE MERCEOLOGICHE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESECUZIONE DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Settore Tecnico Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 23/04/2010 Modificato con Deliberazione del

Dettagli

Allegato A ALBO FORNITORI DELL AGENZIA LAORE SARDEGNA Categorie merceologiche

Allegato A ALBO FORNITORI DELL AGENZIA LAORE SARDEGNA Categorie merceologiche Allegato A ALBO FORNITORI DELL AGENZIA LAORE SARDEGNA Categorie merceologiche Gli operatori economici sono tenuti ad indicare, in sede di richiesta di iscrizione, per quali categorie, tra quelle sottoriportate,

Dettagli

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina il sistema delle

Dettagli

C O M U N E DI N A S I N O PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE ED I SERVIZI IN ECONOMIA

C O M U N E DI N A S I N O PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE ED I SERVIZI IN ECONOMIA C O M U N E DI N A S I N O PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE ED I SERVIZI IN ECONOMIA Artt. 97, 117 6^ comma e 118 1^ e 2^ comma della Costituzione Artt 3 comma 4, 7 e

Dettagli

PROVINCIA DI CAMPOBASSO

PROVINCIA DI CAMPOBASSO PROVINCIA DI CAMPOBASSO Via Roma, 47 Campobasso - tel. 0874/4011 - Fax 0874/411976 - C.F. 00139600704 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E GESTIONE DI UN ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI Approvato dal Consiglio

Dettagli

COMUNE DI CITTADELLA

COMUNE DI CITTADELLA COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (Approvato con deliberazione di C.C. n.. del..) 1 TITOLO I PRINCIPI Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Comune di Reggello. ALLEGATO A al disciplinare dell Albo dei fornitori di beni e servizi (approvato con determinazione n. del )

Comune di Reggello. ALLEGATO A al disciplinare dell Albo dei fornitori di beni e servizi (approvato con determinazione n. del ) Comune di Reggello ALLEGATO A al disciplinare dell Albo dei fornitori di beni e servizi (approvato con determinazione n. del ) Categorie di Servizi (sez. I) Servizi assicurativi Servizi di brokeraggio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Regolamento per i Lavori, le Forniture e i Servizi in Economia. (aggiornato con D.R. n.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Regolamento per i Lavori, le Forniture e i Servizi in Economia. (aggiornato con D.R. n. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Regolamento per i Lavori, le Forniture e i Servizi in Economia (aggiornato con D.R. n. 79 del 5/01/2014) TITOLO I - PRINCIPI Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

Comune Castel San Giovanni

Comune Castel San Giovanni Comune Castel San Giovanni Approvato deliberazione Consiglio comunale n. 44 del 29.11.2013 1 I N D I C E Articolo 1 - Scopo del Regolamento pag. 1 Articolo 2 - Affidamento del servizio economato pag. 1

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE RECANTE: UTILIZZO DEL FONDO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE.

REGOLAMENTO REGIONALE RECANTE: UTILIZZO DEL FONDO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE. Bollettino Ufficiale n. 42 del 21 / 10 / 2004 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 ottobre 2004, n. 11/R. Regolamento regionale recante: Utilizzo del fondo regionale di protezione civile. IL

Dettagli

Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019

Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019 Estratto dal Manuale delle politiche e delle procedure della Fondazione di partecipazione Perugiassisi 2019 Politiche e Procedure per l'acquisto in economia di beni e servizi Politiche In ragione della

Dettagli

REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO CONSORTILE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI IN ECONOMIA Articoli 97, 117, sesto comma e 118, commi primo e secondo, della Costituzione Articoli 3, comma 4; 7 e 191, comma 2, decreto legislativo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CEPRANO Via D.L.Catelli Ceprano tel.fax 0775914060 e mail certificata fric83100r@ pec.istruzione.it e mail istituzionale

Dettagli

Le spese per l acquisizione in economia di lavori, servizi e forniture sono classificate ed effettuate come segue.

Le spese per l acquisizione in economia di lavori, servizi e forniture sono classificate ed effettuate come segue. Definizione di categorie di oggetti, limiti di importo e relative procedure per l acquisizione in economia mediante cottimo fiduciario di lavori, servizi e forniture, ai sensi dell art. 125 del D.lgs.

Dettagli

STORIA DELLE VARIAZIONI

STORIA DELLE VARIAZIONI RESPONSABILITÀ Funzione Nome Data Redatto da Donatella Diotti 11/01/2012 Controllato e Approvato da Sergio Duretti, Paola Mascarello 12/01/2012 Emesso da Sergio Duretti 18/01/2012 STORIA DELLE VARIAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 Approvato con deliberazione n. 03/2012 del Consiglio di Istituto del 07/02/2012 INDICE ART. 1

Dettagli

Regolamento per l affidamento di lavori forniture e servizi

Regolamento per l affidamento di lavori forniture e servizi "GAL DEL LARIO SOCIETA' CONSORTILE A RESPONSABILITA' LIMITATA". Regolamento per l affidamento di lavori forniture e servizi Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina le modalità

Dettagli

Ufficio Atti Normativi

Ufficio Atti Normativi Ufficio Atti Normativi REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI E PER L'ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA (Emanato con D.R. n. 813/2002-03 del 9 giugno 2003 pubblicato nel Bollettino Ufficiale di

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

SISTEMA DI SELEZIONE DI FORNITORI QUALIFICATI PER LE CONSULENZE, I SERVIZI PROFESSIONALI E LE FORNITURE DI BENI E/O SERVIZI

SISTEMA DI SELEZIONE DI FORNITORI QUALIFICATI PER LE CONSULENZE, I SERVIZI PROFESSIONALI E LE FORNITURE DI BENI E/O SERVIZI SISTEMA DI SELEZIONE DI FORNITORI QUALIFICATI PER LE CONSULENZE, I SERVIZI PROFESSIONALI E LE FORNITURE DI BENI E/O SERVIZI 1. Oggetto del disciplinare Il presente Disciplinare ha lo scopo di definire

Dettagli

Regolamento per i lavori, le forniture e i servizi in economia.

Regolamento per i lavori, le forniture e i servizi in economia. Regolamento per i lavori, le forniture e i servizi in economia. (art. 125, decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163 e successive modificazioni, della legge 106/2011 (art. 4 comma 2 lett - m/bis), del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI Rev.01 Pagina 1 di 8 TABELLA REVISIONI REGOLAMENTO Rev. Data Descrizione della Modifica 00 08 ottobre 2012 Prima emissione 01 16 settembre 2015 Aggiornamento 02 18 novembre 2015 Aggiornamento Rev.01 Pagina

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Adottato dal Consiglio Provinciale nella seduta del 29 settembre 2009 con deliberazione n.41 Modificato dal Consiglio Provinciale

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER LE SPESE IN ECONOMIA RELATIVE A LAVORI, FORNITURE DI BENI E SERVIZI (ai sensi dell art.125, comma. 10, D.Lgs. n.163/06 e s.m.i. e degli artt.

Dettagli

ALBO FORNITORI DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALBO FORNITORI DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALBO FORNITORI DI LAVORI, BENI E SERVIZI LAVORI Elenco categorie 1. Prime opere per la difesa dalle inondazioni o per il deflusso delle acque da aree inondate 2. Riparazioni alle strade comunali e loro

Dettagli

Regolamento per le acquisizioni in economia di forniture e servizi dell Università degli Studi di Ferrara

Regolamento per le acquisizioni in economia di forniture e servizi dell Università degli Studi di Ferrara Regolamento per le acquisizioni in economia di forniture e servizi dell Università degli Studi di Ferrara SENATO ACCADEMICO 28/10/2008; 26/05/2009; 20/05/2011;22/11/2011;20/11/2013 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI Programma di Sviluppo Rurale della Regione Sardegna 2007/2013 Asse IV Attuazione dell Approccio Leader Misura 431 GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI ESEGUIBILI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI ESEGUIBILI IN ECONOMIA COMUNE DI CAPURSO (Prov.di Bari) REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI ESEGUIBILI IN ECONOMIA Approvato dal Consiglio Comunale in data atto n. Pubblicato all albo pretorio del Comune

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO PER INSERIMENTO NELL ALBO DEI FORNITORI

PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO PER INSERIMENTO NELL ALBO DEI FORNITORI - PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO PER INSERIMENTO NELL ALBO DEI FORNITORI La Provincia di Lecce (Tel. 0832/683219-0832/683320 - Fax 0832/683486-683256) rinnova gli elenchi delle ditte da invitare a

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, SERVIZI E PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, SERVIZI E PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, SERVIZI E PER L ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA PARTE PRIMA DISPOSIZIONI COMUNI Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Principi Art. 3 - Forme di procedure

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO FORNITORI

REGOLAMENTO ALBO FORNITORI REGOLAMENTO ALBO FORNITORI Art. 1 Definizione dell Albo Fornitori 1. Il presente regolamento ha lo scopo di individuare le ditte qualificate a concorrere alle gare per forniture di beni, prestazioni di

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI 1 SOMMARIO Art. 1 Principi... 2 Art. 2 Il responsabile unico del procedimento... 3 Art. 3 Pubblicità ed indagini di mercato... 3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI MINISTERO DELL' ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TOLFA C.U. VIA LIZZERA (Scuola Infanzia, Primaria e Secondaria I Grado) Cod. Min. RMIC89400P

Dettagli

Regolamento per gli acquisti con cassa economale

Regolamento per gli acquisti con cassa economale Regolamento per gli acquisti con cassa economale GESEM SRL Regolamento per gli acquisti con cassa economale GeSeM Srl Sede Legale: Piazza Cinque Giornate, 20 20020 Arese gesem@legalmail.it Determina Amministratore

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art.

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art. DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA (approvate dal 25/9/2007) Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del Art. 1 Oggetto Le presenti disposizioni disciplinano

Dettagli

COMUNE DI INVERSO PINASCA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA

COMUNE DI INVERSO PINASCA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA COMUNE DI INVERSO PINASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 27/09/07

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI CARPI PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI CARPI PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI CARPI PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE FORNITURE ED I SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 72 del 11.07.2013 Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA.

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento tenuto conto delle specifiche esigenze dell Ente disciplina il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA.

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA. REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA. ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l esecuzione

Dettagli

CAPO I ART. 1 OGGETTO

CAPO I ART. 1 OGGETTO 1 CAPO I ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina le procedure per l acquisizione di beni e servizi in economia di cui al D.P.R. 384/2001 e stabilisce altresì le norme di dettaglio per l esecuzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 58 del 30/10/2012 e modificato con deliberazione del consiglio comunale n. 4 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA (Emanato con D.R. n. 1361 del 2 ottobre 2012 pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 3 ottobre 2012

Dettagli

Scheda di prima iscrizione inserire i dati relativi all'azienda ed al legale rappresentante

Scheda di prima iscrizione inserire i dati relativi all'azienda ed al legale rappresentante Scheda di prima iscrizione inserire i dati relativi all'azienda ed al legale rappresentante Parte riservata all ufficio acquisti N Ragione Sociale ditta * Sede operativa Indirizzo * Cap Citta * Provincia

Dettagli

AVVISO PER ISTITUZIONE ALBO FORNITORI DELL ISTITUTO

AVVISO PER ISTITUZIONE ALBO FORNITORI DELL ISTITUTO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE DEL 2 CIRCOLO - MASSA Viale Stazione n. 83 - tel. 0585/252561 - fax n. 0585/791145 Cod. mecc. MSEE002001 - Cod. fiscale

Dettagli

COMUNE DI GOSSOLENGO Provincia di Piacenza

COMUNE DI GOSSOLENGO Provincia di Piacenza Allegato B) ALBO DITTE SUDDIVISE PER CATEGORIE MERCEOLOGICHE E DI SERVIZI FORNITURE ELENCO DITTE 1. MATERIALE EDILI E DI FALEGNAMERIA 1.A Inerti 1.B Calcestruzzo pronto per l uso 1.C Conglomerati bituminosi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI. Approvato con deliberazione n. 3/56 del 21/11/2007

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI. Approvato con deliberazione n. 3/56 del 21/11/2007 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI Approvato con deliberazione n. 3/56 del 21/11/2007 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO TITOLO I - AFFIDAMENTO DI FORNITURE E SERVIZI

Dettagli

DIPARTIMENTO AFFARI FINANZIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

DIPARTIMENTO AFFARI FINANZIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE 1 Articolo 1 Definizioni Sezione I Disciplina Generale Ai fini del presente regolamento si applicano le definizioni che seguono:

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI APPALTI, FORNITURE E SPESE IN ECONOMIA DELL AZIENDA MULTISERVIZI ROVERETO

REGOLAMENTO PER GLI APPALTI, FORNITURE E SPESE IN ECONOMIA DELL AZIENDA MULTISERVIZI ROVERETO Comune di Rovereto Provincia di Trento REGOLAMENTO PER GLI APPALTI, FORNITURE E SPESE IN ECONOMIA DELL AZIENDA MULTISERVIZI ROVERETO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale 23.10.2000, n. 90

Dettagli

COMUNE DI BUSTO GAROLFO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA

COMUNE DI BUSTO GAROLFO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA COMUNE DI BUSTO GAROLFO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto

Dettagli

DA COMPILARE ELENCO CATEGORIE SUDDIVISE PER FORNITURE E SERVIZI

DA COMPILARE ELENCO CATEGORIE SUDDIVISE PER FORNITURE E SERVIZI DA COMPILARE ELENCO CATEGORIE SUDDIVISE PER FORNITURE E SERVIZI N.B. contrassegnare con una X il numero identificativo della/delle micro-categoria/e a cui la Ditta appartiene. Nel caso in cui non fosse

Dettagli

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE -

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE - COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE - ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ Approvato con Delibera C.C. n. 49 del 27/11/2014 REGOLAMENTO

Dettagli

Università degli studi di Messina

Università degli studi di Messina Università degli studi di Messina REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE FORNITURE ED I SERVIZI CHE POSSONO ESSERE ESEGUITI IN ECONOMIA Art. 1 - Ambito di applicazione (aggiornamento D.R. 14 febbraio 2006 n.234)

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI

COMUNE DI SASSO MARCONI COMUNE DI SASSO MARCONI REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del 30.7.2007 e modificato con deliberazione del

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale della Regione Puglia 2007-2013 Asse 4 Attuazione dell impostazione LEADER GRUPPO DI AZIONE LOCALE GARGANO S.c.a r.l.

Programma di Sviluppo Rurale della Regione Puglia 2007-2013 Asse 4 Attuazione dell impostazione LEADER GRUPPO DI AZIONE LOCALE GARGANO S.c.a r.l. Programma di Sviluppo Rurale della Regione Puglia 2007-2013 Asse 4 Attuazione dell impostazione LEADER GRUPPO DI AZIONE LOCALE GARGANO S.c.a r.l. AVVISO PER L AGGIORNAMENTO E L INTEGRAZIONE DELL ALBO FORNITORI

Dettagli

Azienda Turistica Locale Del Cuneese Valli Alpine E Città D Arte Società consortile a responsabilità limitata

Azienda Turistica Locale Del Cuneese Valli Alpine E Città D Arte Società consortile a responsabilità limitata Azienda Turistica Locale Del Cuneese Valli Alpine E Città D Arte Società consortile a responsabilità limitata Formazione di un elenco di operatori economici per l affidamento di lavori, servizi e forniture

Dettagli