SETTORE 4 - PROTEZIONE CIVILE U.O.C. PROGRAMMAZIONE PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LAVORI PUBBLICI PATRIMONIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SETTORE 4 - PROTEZIONE CIVILE U.O.C. PROGRAMMAZIONE PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LAVORI PUBBLICI PATRIMONIO @@@ 2011 2012 2013 @@@"

Transcript

1 CITTA ITTA` DI FOLLONICA SETTORE 4 LAVORI PUBBLICI - PATRIMONIO MANUTENZIONI - PROTEZIONE CIVILE U.O.C. PROGRAMMAZIONE PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LAVORI PUBBLICI PATRIMONIO PROGRAMMAZIONE TRIENNALE LAVORI PUBBLICI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ELENCO LAVORI PER CATEGORIE A EDIFICI COMUNALI e IMPIANTI TECNOLOGICI B VIABILITA e PUBBLICA ILLUMINAZIONE C EDILIZIA SCOLASTICA E SPORTIVA D DIFESA E TUTELA AMBIENTE E TERRITORIO e VERDE URBANO OTTOBRE 2010 INDICE 1 INTRODUZIONE 1.1 LA POLITICA DEL PROGRAMMA 1.2 LA DIMENSIONE DEL PROGRAMMA Il Responsabile del Programma Ing. Luigi Madeo 2 DESCRIZIONE DEI LAVORI PER CATEGORIE E SCHEDE INTERVENTI PRINCIPALI 2.1 A EDIFICI COMUNALI e IMPIANTI TECNOLOGICI 2.2 B VIABILITA e PUBBLICA ILLUMINAZIONE 2.3 C EDILIZIA SCOLASTICA E SPORTIVA 2.4 D DIFESA E TUTELA AMBIENTE E TERRITORIO e VERDE URBANO 3 DATI STATISTICI 4 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEI CONTRATTI DI FORNITURE E SERVIZI INERENTI AI LAVORI PUBBLICI anno 2011 ( art. 29 Legge regionale 38/2007) L.go Cavallotti 1, Follonica (GR) - Tel. 0566/ / Fax 0566/ C.F

2 INTRODUZIONE 1.1 LA POLITICA DEL PROGRAMMA Il programma di investimenti tiene conto in particolare di vari fattori: La crisi mondiale si ripercuote in modo diretto e drammatico sugli enti locali agendo di fatto in modo sostanziale sul sistema le cui prime azioni sono il quasi azzeramento dei trasferimenti, la diminuzione dei finanziamenti per gli investimenti, sempre più meno disponibili, la stretta del patto di stabilità che oltre a creare i ben noti meccanismi sui ritardi nel pagamenti dei debiti, attiva un processo di contrazione della capacità di investire a cominciare dalla programmazione e dalla progettazione. Legate a tale situazione ovviamente la crisi ha interessato fortemente il settore dell edilizia e nel nostro comune si è aggiunta la specifica questione della dilatazione dei tempi approvazione degli strumenti di governo del territorio che produca da vari anni forti diminuzioni di entrate relative. Il combinato disposto di tali situazioni ed ovviamente di altre componenti porta ad una serie di conseguenze legate alla capacità e possibilità di investire nelle opere pubbliche; in particolare la carenza di opportune risorse pone seri problemi di gestione del patrimonio e delle infrastrutture esistenti ( scuole, edifici pubblici, strade, illuminazione, fognature, difesa del territorio). In altre parole si possono avere gravi problemi per il mantenimento e manutenzione dell esistente. Pur tuttavia lo sforzo fatto dall amministrazione per tale piano consente, pur nella riduzione generale delle risorse, di mirare in modo più specifico tutte le risorse disponibili. EDIFICI COMUNALI e IMPIANTI TECNOLOGICI Gli immobili compresi nel patrimonio dell Amministrazione Comunale, qualunque sia il loro utilizzo, sono infatti strumento per l attuazione delle finalità istituzionali dell Ente ed oggi sono chiamati a concorrere all attuazione dell indirizzo politico espresso dalla Città, attraverso la loro valorizzazione, razionalizzazione ed anche la loro dismissione, se necessario, per consentire il raggiungimento di tale obiettivo. Intendiamo infatti impostare, nell ambito delle potenzialità conseguenti all innovativo quadro rappresentato dalla disponibilità dell Ex Ippodromo comunale e dell Area Ex Ilva, la valutazione di una nuova configurazione del patrimonio immobiliare pubblico con scelte comunque finalizzate a garantire fabbricati più moderni e funzionali per le attività a cui sono destinati, con l obiettivo di rendere più efficiente ed efficace l azione amministrativa Il patrimonio degli immobili comunali e dei relativi impianti tecnologici deve essere riqualificato, mantenuto ed utilizzato al meglio garantendo la sua consistenza alle effettive esigenze pubbliche. Dovrà permettere di allocare le funzioni pubbliche in edifici più idonei, funzionali ed ecosostenibili, sia per la loro posizione nel tessuto urbano che per le loro strutture ed impianti. In particolare l area dell ex Ilva e gli immobili ad essa collegati, oltre alle aree dell ex Ippodromo, sulla base delle previsioni di recupero strutturale che li riguardano. Di notevole importanza, nel tempo di validità del piano, rivestono gli interventi legati al progetto PIUSS - FOLLONICA 2013 rappresentano un importante elemento per lo sviluppo economico, amministrativo e direzionale della città nel prossimo futuro e interessano gli immobili quali la FONDERIA N 2 Leopolda, allo scopo di realizzare un teatro ed una struttura polivalente, il fabbricato FONDERIA N 1 da adibire a struttura espositiva e

3 fieristica, il FORNO SAN FERDINANDO da allestire come museo del ferro e della ghisa, l OSPEDALETTO struttura per la tutela dei diritti e per il contrasto al disagio sociale, l AREA MERCATALE nell ex ippodromo con inserita l ARENA SPETTACOLI questi ultimi due interventi inseriti nella categoria DIFESA E TUTELA AMBIENTE E TERRITORIO e VERDE URBANO. Nell attuale piano, uno sforzo mirato, ha reso possibile non azzerare i finanziamenti per le manutenzioni VIABILITA ITA e PUBBLICA ILLUMINAZIONE Oltre al controllo del traffico, da incentivare e ottimizzare anche con ulteriori moderatori di velocità, vogliamo migliorare la segnaletica stradale, verticale e orizzontale, e rendere più funzionale l illuminazione pubblica secondo standard di risparmio energetico, per offrire un servizio adeguato e riqualificare l arredo urbano. Tra gli obiettivi prioritari indichiamo la riqualificazione del lungomare da Senzuno alle Casse Lombarde, la programmazione di nuovi interventi nelle zone periferiche (con sistemazione e rifacimento del manto stradale usurato, sconnesso e spesso pericoloso perché sollevato dalle radici dei pini), la riqualificazione di Via Colombo, Via Bicocchi, la manutenzione e la sostituzione dei giochi nei parchi pubblici La tutela dell'ambiente si realizza anche rispettando il decoro urbano. Opereremo perciò per sensibilizzare i cittadini, attivando momenti informativi ed educativi, ma anche attuando controlli severi con le relative eventuali sanzioni. Il decoro riguarda le abitazioni, ma anche il verde pubblico e le spiagge Gli interventi previsti, infatti, riguardano l arredo di alcune strade importanti della città tra le quali via Bicocchi, via Colombo e via della Repubblica, da attivare tramite un concorso di idee. E prevista la realizzazione del sottopasso ciclo-pedonale verso campi alti, in fase di progettazione esecutiva e di convenzione con le Ferrovie, nonché il completamento di strade rispetto agli interventi già realizzati. Si darà corso a nuovi bandi per la realizzazione di parcheggi interrati che saranno attivati dopo la redazione del piano del traffico. Compatibilmente con la situazione economico-finanziaria, saranno mantenuti alcuni finanziamenti per la manutenzione e per il decoro delle strade, marciapiedi e delle aree pubbliche della città nonché di ammodernamento della pubblica illuminazione nelle zone ove più evidenti sono le carenze di adeguati corpi illuminanti. EDILIZIA SCOLASTICA E SPORTIVA Il patrimonio comunale a servizio delle attività scolastiche rappresenta una quota rilevante del numero complessivo di immobili pubblici. Gli attuali immobili destinati all uso scolastico presenti sul territorio seguono una logica costruttiva con strutture progettate e realizzate in modo da fornire servizi sufficientemente adeguati alle ordinarie esigenze scolastiche, probabilmente in futuro per adeguarsi ad un utilizzo diverso e più evoluto necessiteranno di interventi pesanti di ristrutturazione e di adeguamento normativo in particolare per gli aspetti sismici nonché di necessari e possibili ammodernamenti. Tale piano tuttavia sarà subordinato al progetto di un polo scolastico. Per quanto riguarda gli impianti sportivi l obiettivo è garantire un offerta sempre più aperta, qualificata e fruibile, attraverso un processo di concertazione con gli operatori e gli

4 utenti da cui deriveranno le reali necessità e quindi la previsione per gli interventi pubblici nel campo manutentivo e di ammodernamento. Comunque in questo triennio gli interventi previsti, sia per gli edifici scolastici sia per quelli sportivi, sono essenzialmente di manutenzione. L inserimento nel piano del campus/polo scolastico sarà possibile una volta definite le scelte politiche sul piano dell edilizia scolastica. DIFESA E TUTELA TELA AMBIENTE E TERRITORIO e VERDE URBANO La messa in sicurezza del tratto urbano del torrente Petraia, la regimazione di alcuni fossi a monte della Vecchia Aurelia e la costruzione delle vasche di laminazione in Valli eviteranno possibili allagamenti del centro urbano, gravitanti nel bacino idrografico del Torrente Petraia. L obiettivo prioritario è quello di risolvere, in modo definitivo, il problema degli allagamenti nelle zone Cassarello e Salciaina. L intero sistema fognario di Follonica ha bisogno di interventi di manutenzione e adeguamento funzionale, a partire dalle stazioni di sollevamento e da quei tratti che manifestano problemi in coincidenza con le piogge intense, nonché sollecitare e supportare gli interventi previsti dal Fiora di realizzazione la nuova fognatura lungo l Aurelia per sgravare la condotta del lungomare. Di particolare rilievo ed importanza sono gli interventi alla foce del Petraia che riguardano il sistema delle acque miste. L impegno dell Amministrazione è quello di attivare una seria programmazione di interventi diretti ad eliminare le maggiori criticità, ricercando ulteriori finanziamenti e risorse economiche da aggiungere alle disponibilità comunali In tale ambito gli interventi più significativi riguardano il problema degli allagamenti di Salciaina e Cassarello, dei quali un primo stralcio è stato già realizzato ed un secondo stralcio sarà completato entro la primavera 2011 e il sistema delle fognature alla foce del torrente Petraia. Di notevole importanza, nel tempo di validità del piano, rivestono gli interventi legati al progetto PIUSS e che interessano gli interventi nell AREA MERCATALE nell ex ippodromo con inserita l ARENA SPETTACOLI. Saranno mantenuti idonei finanziamenti per la manutenzione dei fossi e corsi d acqua, delle fognature bianche, delle aree verdi e delle pinete. E stato sollecitato l acquedotto del Fiora ad accelerare le progettazioni di importanti opere tra le quali la nuova fognatura lungo l Aurelia per sgravare la condotta del lungomare e la condotta dell acquedotto industriale, l adeguamento del sistema fognario alla foce del Petraia, la risoluzione degli odori derivanti dal depuratore. 1.2 LA DIMENSIONE DEL PROGRAMMA Il presente Programma triennale delle opere pubbliche presenta una previsione di investimenti nel triennio 2011/2013 pari a complessivi così suddivisi: dalla allegata scheda si può evincere in modo più chiaro e preciso il costo presunto di ogni intervento e la ripartizione dello stesso nel triennio

5 2 DESCRIZIONE DEI LAVORI PER CATEGORIE E SCHEDE INTERVENTI PRINCIPALI Nell elenco dei lavori seguente gli stessi sono stati suddivisi per categorie in modo da avere chiaro i settori pubblici in cui si va ad intervenire, in particolare: 2.1 A EDIFICI COMUNALI e IMPIANTI I TECNOLOGICI Gli interventi in questo settore assorbono in media nel triennio il 30,63% degli investimenti e sono volti a mantenere in adeguate condizioni d uso gli edifici pubblici esistenti, a recuperare gli edifici storici ad usi pubblici, a creare nuovi edifici con i relativi servizi. PROGETTI NELL AMBITO DEL PARCO CENTRALE DI FOLLONICA A1 - RECUPERO EX FONDERIA LEOPOLDA (FABBRICATO FONDERIA N 2) DA ADIBIRE A TEATRO/SALA POLIVALENTE 2 LOTTO

6 Il progetto prevede di realizzare all interno dell edifico esistente un auditorium concepito in forma flessibile per ospitare vari tipi di manifestazioni e spettacoli. Le previsioni del progetto preliminare sono in parte state già realizzate con il primo lotto di lavori comprendenti : la realizzazione della centrale impianti nell ex magazzino delle terre; la distribuzione impiantistica nella sala attraverso il cunicolo centrale e il sistema di contropareti laterali; la nuova pavimentazione. Il progetto definitivo per il secondo lotto, prevede la suddivisione dello spazio principale dell ex Fonderia nelle seguenti realizzazioni: Teatro, con 416 poltrone; Sala polivalente, di circa 470m 2 ; Hall, Foyer, Bar-caffetteria food & wine e Ristorante, che potranno avere anche una gestione indipendente dall attività teatrale; Camerini e spogliatoi; Sistemazioni esterne, da limitarsi, per questo lotto, alla zona perimetrale degli edifici oggetto del presente intervento. COORDINAMENTO PROGETTAZIONE: Settore Lavori Pubblici Responsabile del procedimento: Ing. Luigi Madeo FASI DI PROGETTAZIONE e TEMPI DI REALIZZAZIONE: Incarico della redazione del progetto definitivo assegnato con procedura aperta; PROGETTO DEFINITIVO a cura di Gregotti Associati Int in data settembre 2010, approvato con Delibera di Giunta n 232 del INCARICO DELLA PROGETTAZIONE ESECUTIVA data prevista di affidamento gennaio 2011; PROGETTO ESECUTIVO data prevista di consegna marzo 2011; INIZIO LAVORI data prevista settembre 2011; FINE LAVORI data prevista dicembre 2013; MODALITÀ AFFIDAMENTO LAVORI e SISTEMA DI REALIZZAZIONE DA IMPIEGARE: procedura aperta sopra Il costo totale dell opera anno PIUSS come da decreti regionali di finanziamento contributo Fondazione Monte dei Paschi di Siena alienazione patrimonio anno mutuo (prestito flessibile) alienazione patrimonio stanziamenti di bilancio anno mutuo (prestito flessibile) anno mutuo (prestito flessibile) stanziamenti di bilancio

7 PIANTA PIANO TERRA A2 - (RISTRUTTURAZIONE RISTRUTTURAZIONE) FABBRICATO FONDERIA N 1 struttura espositiva e fieristica Nel progetto si vuole utilizzare l edificio principale per mostre, esposizioni e fiere. L edificio ha una navata centrale di altezza di circa m. 11 al colmo del tetto, realizzato a due falde con lucernari centrali. Ai lati della navata centrale sono presenti due navate laterali, una a tutt altezza di m. 6,5 massimi e m.4,40 minimi; l altra navata è suddivisa, secondo la proposta progettuale, da un solaio orizzontale che permette d ottenere due volumi: uno al piano terra con m. 3 di altezza, l altro al piano primo soppalco, con altezze variabili da m. 4,60 a m. 2,40 min. Da quest ultimo piano verranno realizzati degli affacci a sbalzo sulla navata centrale. Al piano primo dell edificio, in posizione di testata, sono presenti locali esistenti di cui è previsto il recupero. Sul lato sud dell edificio sono presenti tre ulteriori corpi di fabbrica. Il primo, prospiciente via Roma, denominato A conterrà la centrale termica e vano tecnico di servizio al complesso della Fonderia1 e limitrofo edificio residenziale Ospedaletto ; il secondo denominato B, esterno al corpo principale, conterrà la centrale frigorifera e il locale tecnico per gli impianti elettromeccanici; il terzo, di nuova costruzione e annesso alla Fonderia 1, denominato C edificio a torre, ospiterà la nuova caffetteria. Fanno parte del progetto anche le opere esterne funzionali al complesso, quali lo spazio aperto, denominato D, a supporto della caffetteria per spazio di ristoro e relax, e una fascia perimetrale esterna a corredo dell edifico principale e dei corpi annessi. COORDINAMENTO PROGETTAZIONE: Settore Lavori Pubblici Responsabile del procedimento: Ing. Luigi Madeo FASI DI PROGETTAZIONE e TEMPI DI REALIZZAZIONE: Incarico della redazione del progetto definitivo assegnato con procedura aperta contratto in data 11/02/2010 rep ; PROGETTO DEFINITIVO a cura di Politecnica ingegneria e architettura in data giugno 2010, approvato con DL della GC n 224 del 16/09/2010; INCARICO DELLA PROGETTAZIONE ESECUTIVA data prevista di affidamento gennaio 2011; PROGETTO ESECUTIVO data prevista di consegna marzo 2011; INIZIO LAVORI data prevista settembre 2011;

8 FINE LAVORI data prevista dicembre 2013; MODALITÀ AFFIDAMENTO LAVORI e SISTEMA DI REALIZZAZIONE DA IMPIEGARE: procedura aperta Il costo totale dell opera anno PIUSS come da decreti regionali di finanziamento alienazione patrimonio anno contributo fondazione MPS mutuo (prestito flessibile) stanziamenti di bilancio alienazione patrimonio anno mutuo (prestito flessibile) anno mutuo (prestito flessibile) stanziamenti di bilancio A3 - museo del ferro e della ghisa opere di allestimento e completamento Il progetto prevede l allestimento dell edificio già recuperato con precedenti interventi allo scopo di realizzare il Museo del Ferro e della Ghisa articolata in un percorso di visita sui tre livelli del fabbricato. COORDINAMENTO PROGETTAZIONE: Settore Lavori Pubblici Responsabile del procedimento: Ing. Luigi Madeo FASI DI PROGETTAZIONE e TEMPI DI REALIZZAZIONE: PROGETTO DEFINITIVO a cura di Arch. Catalani e Arch. Del Francia approvato con Del. della GC n n 184 del ; INCARICO DELLA PROGETTAZIONE ESECUTIVA data prevista di affidamento dicembre 2011; PROGETTO ESECUTIVO data prevista di consegna marzo 2011; INIZIO LAVORI data prevista giugno 2011; FINE LAVORI data prevista giugno 2013;

9 MODALITÀ AFFIDAMENTO LAVORI e SISTEMA DI REALIZZAZIONE DA IMPIEGARE: procedura aperta SOTTO soglia Costo totale opera anno PIUSS come da decreti regionali di finanziamento contributo Fondazione MPS alienazione patrimonio anno mutuo (prestito flessibile) le) anno mutuo (prestito flessibile) anno mutuo (prestito flessibile) anno stanziamenti di bilancio A4 - FABBRICATO EX OSPEDALETTO struttura per la tutela dei diritti e per il contrasto al disagio sociale Il progetto prevede il recupero del fabbricato ex Ospedaletto per destinare gli spazi attrezzati per ospitare in modo adeguato attività diurne di tipo sociale assistenziale di contrasto al disagio sociale e di sostegno di soggetti a rischio. COORDINAMENTO PROGETTAZIONE: Settore Lavori Pubblici Responsabile del procedimento: Ing. Luigi Madeo FASI DI PROGETTAZIONE e TEMPI DI REALIZZAZIONE: La definizione del cronoprogramma sarà possibile solo dopo la comunicazione del finanziamento da parte della Regione Toscana

10 Costo totale opera anno PIUSS come da decreti regionali di finanziamento anno 2012 risorse comunali: saranno definite in base al finanziamento anno 2013 risorse comunali: saranno definite in base al finanziamento A5 MANUTENZIONE COLONIA MARINA Sono previsti interventi di manutenzione edilizia ed impiantistica e di pronto intervento per far fronte a condizioni di degrado e mantenere gli stesse nelle condizioni minime di sicurezza e fruibilità in attesa che il piano generale sulla colonia marina dia indicazioni definitive sulle funzioni e sulle modalità di gestione e finanziamenti. anno Stanziamenti di bilancio (oneri di urbanizzazione) anno Stanziamenti di bilancio (oneri urbanizzazione) A6 RECUPERO COLONIA MARINA centro polifunzionale per attività sociali, culturali e di interesse collettivo L intenzione di progetto è quella di utilizzare al meglio una struttura che ha sempre avuto negli anni una vocazione sociale e didattica e che per la propria ingente volumetria risulta di difficile gestione. In tal modo sarà restituito alla cittadinanza un edificio storico, di grandi dimensioni, posto in contesto ambientale di grande valore paesaggistico. Il progetto preliminare ha individuato una suddivisione funzionale degli spazi, finalizzata a razionalizzare l utilizzo della struttura. COORDINAMENTO PROGETTAZIONE: Settore Lavori Pubblici Responsabile del procedimento: Ing. Luigi Madeo FASI DI PROGETTAZIONE e TEMPI DI REALIZZAZIONE: PROGETTO PRELIMINARE approvato con Delibera di Giunta Comunale n 200 del ; Tuute le altri fasi saranno possibili solo dopo avere definito gli altri aspetti di gestione ed il finanziamento. costo totale dell opera è di anno fondi regionali anno fondi regionali

11 A7 MANUTENZIONE PINACOTECA : FACCIATE E TETTO Sono previsti interventi di recupero delle facciata della pinacoteca degli aggetti di gronda e degli infissi esterni, di miglioramento strutturale della copertura. anno fondi regionali ed europei anno mutuo alienazione patrimonio A8 MANUTENZIONE CIMITERO Sono previsti vari interventi di manutenzione edilizia ai loculi esistenti, elementi lapidei, pavimentazioni ed ai percorsi pedonali esterni mediante il rifacimento parziale degli stessi. anno proventi concessioni cimiteriali anno proventi concessioni cimiteriali anno proventi concessioni cimiteriali A9 REALIZZAZIONE NUOVI LOCULI anno proventi concessioni cimiteriali anno proventi concessioni cimiteriali anno proventi concessioni cimiteriali A10 MANUTENZIONE PATRIMONIO EDILIZIO Sono previsti interventi di manutenzione edilizia diffusa agli edifici pubblici in parte per mantenere gli stesse nelle condizioni minime di sicurezza e fruibilità, in parte per adeguare gli edifici stessi alle mutate esigenze funzionali delle attività ospitate. anno stanziamenti di bilancio (oneri urbanizzazione) anno vendita patrimonio anno stanziamenti di bilancio (oneri urbanizzazione) anno stanziamenti di bilancio (oneri urbanizzazione) A11 MANUTENZIONE IMPIANTI TECNOLOGICI Sono previsti interventi di manutenzione e/o rinnovo agli impianti tecnologici (impianti elettrici e speciali, impianti di riscaldamento di condizionamento, centrali termiche) anno stanziamenti di bilancio (oneri urbanizzazione) anno vendita patrimonio anno stanziamenti di bilancio (oneri urbanizzazione) anno stanziamenti di bilancio (oneri urbanizzazione) A12 COSTRUZIONE DI UN NUOVO GRUPPO DI LOCULI NEL CIMITERO DI FOLLONICA

12 Realizzazione di un nuovo gruppo di loculi nel cimitero comunale, opera necessaria in quanto sono in esaurimento quelli disponibili, il nuovo gruppo concretizzerà una nuova tipologia sperimentale, consistente in un piano interrato e due fuori terra, dotati di ascensore, nell ottica di ottimizzare lo spazio disponibile. Particolare attenzione sarà rivolta all aspetto architettonico del progetto, che si estenderà con lo stesso modulo compositivo a tutta la recinzione dell area nuova del cimitero, in modo da uniformare e riqualificare la qualità compositiva dei manufatti all interno dell area cimiteriale. COORDINAMENTO PROGETTAZIONE: Settore Lavori Pubblici Responsabile del procedimento: Arch. Alessandro Romagnoli FASI DI PROGETTAZIONE e TEMPI DI REALIZZAZIONE: PROGETTO DEFINITIVO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n 166 del 12/07/2010; PROGETTO ESECUTIVO data prevista di consegna dicembre 2010; INIZIO LAVORI data prevista aprile 2011; FINE LAVORI data prevista dicembre 2011; FUNZIONALITÀ: dicembre costo totale dell opera è di impegnato a residui B VIABILITA e PUBBLICA ILLUMINAZIONE Gli interventi in questo settore assorbono in media il 38,55% degli investimenti e sono volti alla manutenzione, creazione e ammodernamento della rete che tiene insieme e collega la città di Follonica nell ottica di rendere il territorio fruibile in condizioni di sicurezza per tutti gli utenti, è prevista anche la realizzazione di numerosi parcheggi elementi fondamentali e caratterizzanti il sistema del traffico cittadino, nell ottica di delimitare in modo più definito le zone di sosta e le zone riservate al traffico pedonale. B1 MANUTENZIONE STRADE E MARCIAPIEDI PROGETTO DECENNALE DI MANUTENZIONE Riguarda la realizzazione di intervento di Manutenzione, risanamento e miglioramento delle sedi viarie e dei marciapiedi con interessamento parziale ovvero esteso. anno diversa utilizzazione mutui residui stanziamento di bilancio (oneri di urbanizzazione) anno mutuo stanziamenti di bilancio (oneri urbanizzazione) anno mutuo stanziamenti di bilancio (oneri urbanizzazione)

13 B2 COSTRUZIONE PARCHEGGIO ZONA SUD VIA APUANEA VIA PORTOGALLO L intervento riguarda la sistemazione dell area allo scopo di realizzare un parcheggio strutturato per circa 130 stalli dotato di corsie di servizio, pubblica illuminazione secondo lo schema del progetto preliminare approvato con Delibera di C.C. n 66 del 24 maggio 2010 COORDINAMENTO PROGETTAZIONE: Settore Lavori Pubblici Responsabile del procedimento: ing. Luigi Madeo FASI DI PROGETTAZIONE e TEMPI DI REALIZZAZIONE: Incarico della redazione del progetto definitivo da assegnare entro dicembre 2010, progetto definitivo da approvare entro marzo 2011 PROGETTO ESECUTIVO data prevista approvazione entro giugno 2011 INIZIO LAVORI data prevista ottobre 2011; FINE LAVORI data prevista marzo 2012; FUNZIONALITÀ: data prevista aprile 2012 Il costo totale dell opera anno entrate a destinazione vincolata (rimborso Docup Petraia I lot.) devoluzione mutuo Acquedotto del Fiora Mutuo B3 COSTRUZIONE PISTE CICLABILI LI : intervento su via delle Collacchie

14 Si tratta di realizzare il collegamento della pista ciclabile tra l ingresso della colonia marina, zona ove sono in corso di realizzazione i lavori della pista su via della repubblica, ed il comune di Scarlino lungo via delle Collacchie. L intervento previsto su tale via riguarda solo il primo tratto che sarà realizzato compatibilmente con i finanziamenti indicati e parzialmente finanziati con il PNSS su progetto concordato con i Comuni di Piombino e Scarlino B4 MANUTENZIONE E ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE SU STRADE E MARCIAPIEDI Si tratta di interventi mirati all abbattimento delle barriere architettoniche esistenti nel settore della viabilità. Riguarda interventi puntuali che saranno attivati secondo specifico piano. anno stanziamento s di bilancio (oneri urbanizzazione) vendita patrimonio anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) B5 MANUTENZIONE E AMMODERNAMENTI A SU STRADE E MARCIAPIEDI Si tratta di interventi di manutenzione diffusa e di pronto intervento non prevedibili, che si rendono necessari sulle strade e marciapiedi. anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) B6 MANUTENZIONE E AMMODERNAMENTI A SU STRADE E MARCIAPIEDI Si tratta di interventi di manutenzione diffusa e di pronto intervento non prevedibili, che si rendono necessari sulle strade e marciapiedi. anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) B7 COSTRUZIONE SOTTOPASSO PEDONALE E CICLABILE CAMPI ALTI AL MARE La città di Follonica è attraversata in direzione est-ovest dalla ferrovia; lo sviluppo dell abitato ha saturato la fascia litoranea compresa fra la stessa ferrovia ed il mare, ed ha recentemente trovato espansione nella zona nord, S. Giuseppe o Campi Alti, quest ultima recentemente lottizzata. Le aree di nuova edificazione possiedono una viabilità interna ampia e funzionale, ma risultano scollegate rispetto alla fascia litoranea, proprio per la presenza della strada ferrata che ostacola il traffico veicolare fra la parte nord a quella sud. La richiesta di realizzazione di un collegamento pedonale diretto fra le zone denominate Campi Alti e CR1-S. Giuseppe, con la fascia litoranea della città di Follonica, viene direttamente dalla cittadinanza, ed in particolare dai residenti nelle stesse zone, costretti a servirsi di automezzi; la soluzione al problema consiste nella costruzione di in un passaggio interrato al di sotto della ferrovia e della parallela via Isola di Caprera, utilizzabile da pedoni

15 e biciclette. Il sottopasso renderà inoltre fruibili alcuni servizi ubicati all estremità sud della via dei Pini quali farmacia comunale o accessi all arenile. COORDINAMENTO PROGETTAZIONE: Settore Lavori Pubblici Responsabile del procedimento: Arch. Alessandro Romagnoli FASI DI PROGETTAZIONE e TEMPI DI REALIZZAZIONE: Lo studio di fattibilità è stato approvato con Delibera di Giunta Comunale n 186 del Incarico della redazione del progetto preliminare assegnato con procedura aperta contratto in data 03/02/2010 rep. 28. PROGETTO PRELIMINARE approvato con Delibera di Giunta Comunale n 72 del PROGETTO DEFINITIVO approvato con Delibera di Giunta Comunale n 255 del PROGETTO ESECUTIVO data prevista incarico dicembre 2010, consegna marzo 2011 INIZIO LAVORI data prevista settembre 2011; FINE LAVORI data prevista aprile 2012; FUNZIONALITÀ: aprile MODALITÀ AFFIDAMENTO LAVORI e SISTEMA DI REALIZZAZIONE DA IMPIEGARE: procedura aperta sotto soglia prezzo più basso - appalto per la sola esecuzione dei lavori. Costo totale opera: anno alienazione patrimonio Piano Nazionale Sicurezza Stradale mutuo

16 B8 MANUTENZIONI AMMODERNAMENTI MIGLIORAMENTI E POTENZIAMENTI PUBBLICA ILLUMINAZIONE Si tratta di interventi mirati a migliorare l efficienza, ad adeguamenti illuminotecnici degli impianti esistenti sulle sedi stradali anno no stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) vendita patrimonio anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) B9 MANUTENZIONI E AMMODERNAMENTI MIGLIORAMENTI E POTENZIAMENTI PUBBLICA ILLUMINAZIONE aree verdi Si tratta di interventi mirati a migliorare l efficienza, ad adeguamenti illuminotecnici degli impianti esistenti nei parchi e nelle aree verdi in genere anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) B10 MANUTENZIONI E FORNITURE ARREDI MOBILI STAGIONALI L obiettivo mira alla dotazione di arredi stagionali in particolare di cestini portarifiuti i quali opportunamente avrebbero la valenza di utilizzo legata alla stagione estiva anno no stanziamento s di bilancio (oneri urbanizzazione) B11 COMPLETAMENTO PARCHEGGIO A VIA DON SEBASTIANO LEONE Riguarda il completamento del parcheggio di Via Leone tra il campeggio Thaiti ed il Golfo del Sole realizzato nell anno L intervento prevede il completamento del sistema di smaltimento delle acque, le pavimentazioni stradali finali ed i marciapiedi. Costo totale anno entrate a destinazione vincolata B12 RIQUALIFICAZIONE QUARTIERE SENZUNO Riguarda la riqualificazione valorizzazione del quartiere di Senz uno secondo le indicazioni del Piano di Recupero e delle proposte che verranno acquisite con l indizione di un concorso di idee per un intervento sistematico sugli spazi aperti di proprietà pubblica, marciapiedi, slarghi finalizzati a favorire l uso di tali spazi urbani connotandoli per omogeneità stilistica, materia, architettonica. Costo totale anno fondi regionali ed europei stanziamenti di bilancio (oneri di urbanizzazione) alienazione patrimonio anno fondi regionali ed europei

17 stanziamenti di bilancio (oneri di urbanizzazione) alienazione patrimonio B13 ARREDO URBANO SU VIA BICOCCHI Riguarda la riqualificazione valorizzazione dell asse viario di Via Bicocchi dal ponte sul torrente Petraia fino al sottopasso ferroviario attraverso un intervento sistematico sugli spazi aperti di proprietà pubblica, marciapiedi, slarghi finalizzati a favorire l uso di tali spazi urbani connotandoli per omogeneità stilistica, materia, architettonica. Costo totale anno fondi regionali ed europei alienazione patrimonio B14 ARREDO PIAZZA SOCCI E MAZZINI Riguarda la riqualificazione valorizzazione delle due piazze limitrofe al lungomare attraverso il nuovo disegno delle stesse il rifacimento della pavimentazioni, degli arredi e dell illuminazione secondo il progetto preliminare approvato con delibera di Giunta Comunale n 55 del Costo totale anno perequazione secondo quanto indicato nel R.U. adottato B15 ARREDO SU VIA COLOMBO Riguarda la riqualificazione valorizzazione dell asse viario di Via Colombo da Via Matteotti fino a Via Roma attraverso un intervento sistematico sugli spazi aperti di proprietà pubblica, marciapiedi, slarghi finalizzati a favorire l uso di tali spazi urbani connotandoli per omogeneità stilistica, materia, architettonica. Costo totale anno fondi regionali ed europei mutuo B16 COMPLETAMENTO VIA LA MARMORA L intervento va a completare la sistemazione di Via Lamarmora secondo le caratteristiche degli interventi già realizzati ed in via di realizzazione nel tratto tra Via Paganini e l incrocio con Viale Italia. Costo totale anno fondi regionali ed europei stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) B17 PARCHEGGI INTERRATI L intervento, in base allo studio di fattibilità redatto, prevede la realizzazione di 3 parcheggi interrati ed a raso previsti su piazza XXV aprile, Via Litoranea e Via Francia da finanziare con lo strumento del Project financing di cui all art. 153 e segg. del D.Lgs

18 163/2006 come recentemente modificato. Tuttavia l inserimento nel 2012 viene previsto in relazione al fatto della necessità di disporre di un piano del traffico Costo totale : mediante apporti di capitale privato anno B18 COMPLETAMENTO VIALE ITALIA TRATTO COMPRESO TRA LARGO MERLONI E PENSIONE EDEN L intervento va a completare la sistemazione di Viale Italia secondo le caratteristiche degli interventi già realizzati tenendo conto delle diverse caratteristiche di traffico. Costo totale anno alienazione patrimonio stanziamento di bilancio io (oneri urbanizzazione) risorsa già acquisita nelle precedenti annualità

19 C EDILIZIA SCOLASTICA E SPORTIVA Gli interventi in questo settore assorbono in media il 1,92% degli investimenti, gli interventi previsti sono di manutenzione straordinaria. Gli interventi riguardano principalmente gli interventi di manutenzione alle strutture degli edifici scolastici e la manutenzione straordinaria presso gli impianti sportivi. C1 MANUTENZIONE EDILIZIA SCOLASTICA Riguarda interventi diffusi di opere murarie agli edifici scolastici in parte per far fronte alle esigenze che si manifestano e mantenere gli stesse nelle condizioni minime di sicurezza e fruibilità ed in parte per adeguare gli edifici stessi alle mutate esigenze funzionali delle attività ospitate. anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) alienazione patrimonio anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) anno mutuo C2 MANUTENZIONE EDIFICI SCOLASTICI Riguarda interventi diffusi agli impianti degli edifici scolastici in parte per far fronte alle esigenze che si manifestano e mantenere gli stesse nelle condizioni minime di sicurezza e fruibilità ed in parte per adeguare gli edifici stessi alle mutate esigenze funzionali delle attività ospitate. anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) C3 MANUTENZIONE E AMMODERNAMENTO IMPIANTI SPORTIVI Riguarda interventi di manutenzione straordinaria alle componenti edilizie ed impiantistiche degli impianti. anno contributi c regionali edilizia sportiva stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) alienazione patrimonio anno contributi regionali edilizia sportiva stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) anno contributi regionali edilizia sportiva stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) C4 MANUTENZIONE E ADEGUAMENTO IMPIANTI SPORTIVI Riguarda interventi di adeguamenti normativi degli impianti sportivi. anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) anno stanziamento di bilancio (oneri urbanizzazione) altro D DIFESA E TUTELA AMBIENTE E TERRITORIO e VERDE URBANO Gli interventi in questo settore, che assorbono in media il 28,91% degli investimenti, sono volti soprattutto alla regimazione delle acque di fossi e torrenti, alla sistemazione ed alla cura del verde urbano e della pineta, alla valorizzazione dell arenile ed alla manutenzione

20 delle fognature bianche. Sono stati inseriti inoltre gli interventi oggetto di richiesta di Finanziamento nel PIUSS ed in particolare la realizzazione dell area mercatale nell ex ippodromo. Inoltre sono presenti i progetti inseriti nel PASL della Provincia di Grosseto, quali l adeguamento del sistema fognario alla foce del Torrente petraia,la bonifica idraulica di Salciaina e Cassarello, la realizzazione del nuovo osservatorio astronomico e la modifica dello scivolo di alaggio sul fosso Cervia a Pratoranieri. D1 AREA EX IPPODROMO: AREA MERCATALE Il progetto è integrato con quello previsto al punto D2 Arena spettacoli Si è inteso procedere nella realizzazione di un parco in cui gli elementi naturali fossero predominanti, compatibilmente con le funzioni specialistiche previste all interno dell area. Appare infatti condivisibile, e auspicabile, che il parco centrale di Follonica possa in futuro diventare uno spazio caratterizzato da una grande qualità del paesaggio, anche e soprattutto nei momenti in cui non viene utilizzato come mercato o come luogo di spettacolo. A tale scopo, è stata posta una particolare attenzione al trattamento delle superfici pavimentate, che in gran parte saranno realizzate con materiali naturali e permeabili all acqua. In generale, l approccio progettuale è stato caratterizzato in senso antimonumentale e democratico, nel senso di privilegiare una fruizione degli spazi più libera, e meno vincolata ad assialità predeterminate. Gli stalli del nuovo mercato all aperto saranno ricavati nella zona ovest dell area di intervento, all interno di un sistema costituito da un reticolo di superfici aperte e di percorsi alberati, immerso nel verde. si determina un miglioramento del comfort ambientale della zona a mercato, grazie alla presenza di copiose alberature. Inoltre, anche durante il resto della settimana, il luogo sarà piacevole da frequentare come parco cittadino, laddove gli spazi aperti potranno essere utilizzati, ad esempio, per il gioco dei bambini. La dimensione degli stalli è di 8X5m, e ogni due stalli un passaggio largo 2m consente di andare sul retro delle bancarelle. Il numero totale degli stalli previsti è 212. COORDINAMENTO PROGETTAZIONE: Settore Lavori Pubblici Responsabile del procedimento: ing. Luigi Madeo FASI DI PROGETTAZIONE e TEMPI DI REALIZZAZIONE: Incarico della redazione del progetto definitivo assegnato con procedura aperta contratto in data 27/11/2009 rep ; PROGETTO DEFINITIVO approvato con del. di G.C. n 231 in data 23 settembre 2010 e redatto dal RTP capogruppo Goncalo Byrne Architetti associati Baldisseri, Marchetto, Zancan; INCARICO DELLA PROGETTAZIONE ESECUTIVA data prevista di affidamento gennaio 2011; PROGETTO ESECUTIVO data prevista di consegna aprile 2011; INIZIO LAVORI data prevista ottobre 2011; Il costo totale dell opera anno PIUSS come da decreti regionali di finanziamento

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2013/2015 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO SCHEDA : PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 0/05 DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNE DI ALCAMO QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI ARCO TEMPORALE DI VALIDITÀ DEL PROGRAMMA TIPOLOGIE RISORSE Disponibilità finanziaria

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI TIPOLOGIE RISORSE Entrate aventi destinazione vincolata per legge Entrate acquisite mediante contrazione di

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

RENDICONTO DI FINE MANDATO

RENDICONTO DI FINE MANDATO MAGGIO 2014 RENDICONTO DI FINE MANDATO ASSESSORATO LL.PP. E VIABILITA ANNO 2009 Sistemazione aiuola via Zanchi per messa in sicurezza fermata ATB Manutenzione straordinaria spalcatura barriera verde Impianti

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

LISTA PROGETT I- Fonte di finanziamento: REGIONE

LISTA PROGETT I- Fonte di finanziamento: REGIONE N. Denominazione Livello di Progett Gen Set Cat Importo in migliaia di euro 1. Pavimentazione ed arredo urbano vie, piazze, centro storico, via Bixio, Cancellieri, Dei Mille, Esecutiva 1 1 1 959 VIA CAVOUR

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note:

Approvato: con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 21.04.2009 Revisioni: Note: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COLLOCAZIONE DI INSEGNE DI ESERCIZIO, CARTELLI, ALTRI MEZZI PUBBLICITARI, SEGNALI TURISTICI E DI TERRITORIO E SEGNALI CHE FORNISCONO INDICAZIONE DI SERVIZI UTILI Approvato:

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

CITTA DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine SETTORE TECNICO E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici e Manutenzioni

CITTA DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine SETTORE TECNICO E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici e Manutenzioni LAVORO N. 01 CODICE C.U.P. F46D14000080002 OGGETTO INTERVENTO LAVORI DI COMPLETAMENTO EX SCUOLA ELEMENTARE DI VIA ROMA AD USO EDIFICIO PER SERVIZI SOCIO-SANITARI TIPOLOGIA INTERVENTO 07 Manutenzione Straordinaria

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

CAMP2ACA. trettari. paesaggisp

CAMP2ACA. trettari. paesaggisp A trettari concorso di d idee per la riqualificazione paesaggisp stica ed urbanisticaa del d sistema dei parchi urbani RELAZIONE ILLUSTRATIVAA PREMESSA L Area centrale del comune di Ciriè ed in particolare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala SOMMARIO PREMESSA 1 OBIETTIVI DEL CONCORSO 2 INQUADRAMENTO URBANO 2.1 DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL AMBITO

Dettagli

Comune di Santa Croce sull Arno

Comune di Santa Croce sull Arno Comune di Santa Croce sull Arno Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO NORME DI ATTUAZIONE A cura degli estensori del piano Ing. Riccardo Ciuti Arch. Luca Tosi Parte prima - Norme generali Art. 1 Elaborati

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02)

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) Direzione Centrale Sviluppo del Territorio e Mobilità REGOLAMENTO EDILIZIO ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) ESECUTIVO IL DELIBERA

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli