Elezioni Amministrative Todi 6-7 Maggio PROGRAMMA ELETTORALE LISTA CIVICA ARIA NUOVA PER TODI Candidato Sindaco Claudio Serafini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elezioni Amministrative Todi 6-7 Maggio 2012. PROGRAMMA ELETTORALE LISTA CIVICA ARIA NUOVA PER TODI Candidato Sindaco Claudio Serafini"

Transcript

1 Elezioni Amministrative Todi 6-7 Maggio 2012 PROGRAMMA ELETTORALE LISTA CIVICA Candidato Sindaco Claudio Serafini La costruzione di una piattaforma programmatica diventa uno strumento importante per iniziare un confronto aperto e democratico con la città ma soprattutto con i cittadini che, a nostro avviso, sono e rimangono l'unico motore dello sviluppo di un territorio. I cittadini reclamano più partecipazione, maggiore attenzione alle esigenze, risposte immediate ai loro problemi; il nostro impegno vede quindi, al centro della azione politica i problemi e gli interessi dei cittadini, il miglioramento della qualità della vita nella sua totale globalità. Il primo passo è questo: concepire un nuovo modello di azione politica, intesa questa come servizio e non come interesse personale; esigiamo una città dei valori, della libertà, della semplicità, delle opportunità, della solidarietà, dei diritti, dello sviluppo, della sicurezza, una città di tutti. Allora, ecco che abbiamo elaborato una proposta di città, un progetto che vogliamo sottoporre a tutte le forze sociali, economiche ed associative perché, in particolare, esigiamo che i cittadini ritornino ad essere attori protagonisti, punto di riferimento per una nuova politica di valorizzazione di una comunità importante come quella tuderte. Il nostro progetto di città è basato sulla partecipazione attiva dei cittadini nella gestione della vita pubblica. Per garantire trasparenza, controllo e verifica dell azione amministrativa proponiamo l istituzione di Commissioni tecnico-scientifiche tematiche quale strumento operativo per la partecipazione condivisa. Le Commissioni saranno composte da cittadini (da quattro fino a massimo sei membri), rappresentanti istituzionali (Sindaco, Vicesindaco o Assessore di competenza in qualità di Presidente) e da un professionista esperto in materia (scelto tra i dipendenti comunali o nominato come tecnico esterno). Grazie alle Commissioni tecnico scientifiche, i cittadini potranno partecipare direttamente e attivamente alle decisioni in quattro fasi e momenti diversi: informazione, consultazione, progettazione partecipata e verifica dei risultati rispetto agli obiettivi prefissati.

2 PROGRAMMA LISTA CIVICA La lista si prefigge l obiettivo prioritario, da realizzare all inizio del mandato imminente al primo periodo di insediamento dalle elezioni, qualora dovesse ottenere la piena fiducia dei cittadini di: RIORGANIZZARE LA PIANTA ORGANICA TECNICO-AMMINISTRATIVA COMUNALE. Condizione indispensabile per attuare il programma comunale è quella di favorire un processo di modernizzazione. Razionalizzazione, semplificazione e riorganizzazione della pianta organica tecnico-amministrativa dell'ente. Il personale dipendente ha necessità di trovare la sua giusta collocazione e incentivazione nell esercitare il proprio ruolo. A sua volta, dovrà erogare i servizi a cui è chiamato, nel rispetto delle regole imposte, a servizio del cittadino. AMBIENTE / URBANISTICA / EDILIZIA PRIVATA Creare le condizioni per incrementare le possibilità di confronto con i tecnici comunali e tendere ad un atteggiamento di maggiore disponibilità alla soluzione dei problemi dei cittadini. Dotare finalmente questo Servizio di figura/e dirigenziale/i, capace/i, disponibile/i, propositiva/e, con un alto senso del dovere. Dislocazione dell attuale nuova sede Uffici tecnici comunali - presso la struttura ex. nosocomio (edificio - vecchio ospedale ) per assicurare agli utenti maggiore comodità, accessibilità e disponibilità dei parcheggi. Istituzione ed apertura dello sportello front-office, in grado di dare risposte e informazioni al pubblico, tutti i giorni della settimana e non due giorni come è attualmente. Modificare il sistema degli appuntamenti per la presentazione delle pratiche garantendo la possibilità di presentazione tutti i giorni della settimana. Rendere più agevole l accesso all archivio per la consultazione dei precedenti autorizzativi. Avviare o comunque potenziare il processo di informatizzazione dell ufficio per ogni nuova Legge Regionale con le relative interpretazioni da parte dello stesso, anche in vista della possibilità di invio telematico per comunicazioni

3 delle istanze da inviare ai vari professionisti o ai committenti tramite posta certificata. Nella riorganizzazione di questo Servizio, all interno dei ruoli del personale, si dovrà prevedere una interscambiabilità fra gli stessi, onde evitare che in assenza (ferie, malattia, permessi ) di alcune figure del personale dipendente le pratiche edilizie ne subiscano ritardi ingiustificati. Istituire immediatamente un tavolo di confronto fra l Amministrazione Comunale e i dirigenti della Soprintendenza di Perugia al fine di trovare in maniera chiara, univoca e definitiva - soluzioni tecniche condivise relativamente a tutte le aree in fascia di vincolo, edificabili della città di Todi Inoltre per le pratiche di indirizzo ai fini dell ottenimento delle Autorizzazioni Paesaggistiche e Ambientali creare una corsia preferenziale nel rispetto delle tempistiche normative ( Commissione edilizia max. 30gg. ). Ambiente / Urbanistica Piano Regolatore Generale: nell immediato occorre mettere a disposizione dei cittadini e professionisti una versione aggiornata con tutte le varianti approvate ad oggi. La versione attualmente in circolazione (quella del 2005) è ormai inattendibile date le cospicue variazioni intervenute, e rischia pertanto di essere ingannevole per chi la consulta. In prospettiva inoltre si dovrà prevedere alla sua pubblicazione sul sito comunale (come già avviene per diversi altri comuni) possibilmente in forma interattiva, nel senso che sia possibile cliccando sull area oggetto di consultazione avere a disposizione i principali parametri edilizi che la caratterizzano, i vincoli che vi insistono, gli articoli delle NTA che la regolano etc. Rinnovata attenzione sarà dedicata al decoro ed ai servizi offerti nelle aree cimiteriali di tutto il territorio comunale - attualmente in totale stato di degrado e di abbandono. Interventi di ampliamenti, valorizzazioni ed opportuni restauri di recupero su tutte le aree cimiteriali. Inoltre, per alcune aree cimiteriali si prevede un estensione dell area ed una seria ristrutturazione dei percorsi interni, con la sistemazione dei relativi arredi di carattere floreale e la creazione di un area attrezzata permanente per la vendita dei fiori recisi.

4 Edilizia privata Obiettivo principale sarà la redazione di un (Nuovo Regolamento Edilizio Comunale ) Piano Ottimale di Assetto del Territorio (POAT), inserendo norme urbanistiche più snelle, più leggibili, più chiare ed omogenee di quelle attuali - procedendo ad un allineamento della normativa comunale (Regolamento Edilizio, NTA del PRG) con le normative urbanistico - edilizie regionali in modo da garantire un quadro normativo univoco cui riferirsi, eliminando doppioni che creano incertezza e difficoltà di applicazione, come ad esempio in riferimento alle definizioni di S.U.L. e di S.U.C., di altezza dei fabbricati, etc. Riduzione degli oneri di urbanizzazione per chi adotterà norme edilizie tendenti al risparmio energetico, e per la costruzione di fabbricati che adottino norme di Bioedilizia, Pannelli Fotovoltaici.. Linea Gas - Fognature e acquedotto nelle zone frazionali non ancora servite da questi servizi. Possibilità di maggior volume (credito edilizio) a chi adegua gli edifici alla classe energetica A e B (Casa Clima). Realizzazione e recupero di Borghi in aree periferiche o isolate, che vedono la presenza di un numero limitato di fabbricati, per lo più rurali, cercando di incentivare la permanenza dei cittadini in queste aree agricole. Riduzione dei tempi di attesa per il rilascio dei permessi a costruire e relativa burocrazia amministrativa, nel rispetto delle regole e delle norme, che ne conseguono.

5 LAVORO / ECONOMIA / SVILUPPO Rilancio delle attività commerciali tradizionali e sviluppo della filiera corta (distributori di latte alla spina; mercato settimanale contadino a Km 0 dei produttori agricoli). Creazione di punti vendita qualificati per favorire l acquisto di beni alimentari e di consumo prodotti nel territorio comunale favorendo la vendita alla spina direttamente dal produttore al consumatore con benefici sia sul prezzo (abbattimento costi di trasporto delle merci) che sull ambiente (prodotti sfusi senza packaging con conseguente riduzione dei contenitori in plastica). Favorire la creazione di uno sportello informatico informativo per facilitare la conoscenza e l accesso a contributi europei, statali e regionali. Rilancio delle attività dell artigianato locale con l adozione di regolamenti che incentivino l apertura di nuovi esercizi, favorendo l insediamento nel territorio di giovani artigiani. Prevedere un periodo di tre anni di detassazione dalle imposte comunali per tutte le nuove aziende disposte ad investire e insediare le proprie attività nel territorio comunale. Creazione di un punto di raccolta e vendita per le produzioni ortofrutticole anche all interno del Consorzio Agrario (Legge Regionale prodotti a km 0). Istituzione di un servizio di consulenza tecnica per la cura di giardini ed orti. Incentivare l insediamento di attività agrituristiche e fattorie didattiche per favorire lo sviluppo sostenibile del territorio. Promuovere la gestione dei servizi pubblici e le politiche di sviluppo a livello comprensoriale attraverso l Unione dei Comuni. Archeologia industriale: favorire e sostenere progetti di recupero funzionale e il riuso di edifici, siti e complessi di particolare pregio presenti sul territorio comunale come l ex Pastificio Cappelletti. Questo importante progetto comporterebbe la riqualificazione di tutta l area urbana grazie ad una nuova viabilità e ad interventi di decoro urbano per migliorare l ingresso alla città. Inoltre la nostra lista civica ha intenzione di premiare gli imprenditori con tanto di cerimonia e targa di ringraziamento, che vorranno investire nel nostro territorio e produrre ricchezza per le famiglie tuderti. I sacrifici imprenditoriali vanno riconosciuti e quindi premiati.

6 VIABILITÀ / SICUREZZA Viabilità Per rilanciare il centro storico e rendere più vivibile la nostra città è necessario realizzare nuovi parcheggi ad un costo equo per migliorare l accesso al centro cittadino anche con l obiettivo di rivitalizzare le attività e gli esercizi commerciali presenti. Occorre individuare aree vicine al centro cittadino da destinare a parcheggio ottimizzando anche gli spazi esistenti. Il modello guida è quello delle città moderne che hanno un parcheggio gratuito lungo tutta la cerchia delle mura che da qualsiasi punto permette l accesso alla zona pedonale. Realizzazione di rotatorie su incroci strategici e adeguamento della rete stradale non comunale di grande percorrenza. Sicurezza Per una città più sicura serve migliorare il servizio di Polizia municipale, realizzare piccole stazioni periferiche con sportello front-office in grado di fornire informazioni ai cittadini. Individuare un area adeguata per realizzare una nuova stazione dei Carabinieri (es. ex ospedale) allo scopo di consentire alle Forze dell ordine di potenziare il controllo del territorio. Garantire la permanenza degli uffici del Tribunale e del Giudice di pace con azioni mirate anche attraverso il coinvolgimento dell Anci regionale e dell Unione dei Comuni. Estensione del servizio di vigilanza e controllo del territorio comunale anche nelle ore serali. COMMERCIO Nel quadro generale della legislazione in vigore, è opportuno incentivare le attività commerciali e produttive presenti sul territorio comunale con particolare attenzione ai seguenti aspetti: - Approvazione di un nuovo Piano del Commercio e attivazione dello Sportello Unico delle Imprese come servizio utile e competente a trattare le procedure urbanistiche e commerciali delle attività produttive. Il nuovo servizio servirà a semplificare i procedimenti amministrativi interni all amministrazione comunale ed i rapporti con gli Enti preposti. Per riqualificare il centro storico, dove sono collocate le principali attività commerciali, va predisposto un piano per migliorare l arredo urbano.

7 - Utilizzo degli strumenti offerti dalla pianificazione urbanistica e commerciale per coordinare e armonizzare le varie esigenze presenti sul territorio con particolare riferimento alla valorizzazione commerciale di alcune zone anche attraverso un piano di regolazione sugli orari e di pianificazione delle aree commerciali. - Azioni a sostegno delle attività presenti delle frazioni, prevedendo incentivi economici e micro contributi al fine di preservarne la presenza soprattutto a favore della popolazione più anziana. TURISMO / CULTURA Sostegno e promozione di iniziative, manifestazioni ed eventi finalizzati ad aumentare l attrattività e la vocazione turistica del territorio. Valorizzazione dei prodotti tipici attraverso la creazione di itinerari enogastronomici per far conoscere i luoghi dove acquistare le tipicità locali e riscoprire particolari lavorazioni artigianali. Stringere accordi di collaborazione operativi con le Amministrazioni comunali limitrofe, Associazioni e Pro Loco cittadine per favorire la fruizione dei percorsi guidati per scoprire i numerosi tesori del territorio comunale mediante la creazione di itinerari e pacchetti turistici in grado di valorizzare il ricco patrimonio storico-artistico, ambientale ed enogastronomico. SPORT Favorire ed incentivare le attività sportive attraverso nuove modalità di gestione degli impianti sportivi comunali valutando forme innovative di collaborazione pubblico-privato al fine di garantire maggiore funzionalità operativa delle strutture ed ottimizzare la gestione economica delle stesse. Rafforzare i legami con società, associazioni sportive e culturali che svolgono una funzione educativa per la comunità. Potenziare il ruolo della Consulta dello sport quale centro propulsore di tutte le associazioni sportive al fine di rilanciarne l operatività e stimolare il coinvolgimento dei giovani praticanti. Sostegno e maggiore collaborazione con associazioni e gruppi sportivi per aumentare l offerta delle pratiche sportive. Il nostro impegno è rivolto a: - favorire l attività sportiva con iniziative di promozione per avvicinare bambini e ragazzi alle discipline sportive anche attraverso la creazione di nuovi eventi; - far vivere lo sport come momento di crescita della persona e di tutela della salute, come fattore di socializzazione tra famiglie e scuola;

8 - sostegno alle associazioni con particolari finalità sociali; - favorire l inserimento di soggetti portatori disabili o di disagio sociale; - sostegno all attività agonistica che promuove iniziative sportive popolari; - maggiore collaborazione tra associazioni sportive e scuola con progetti condivisi; - migliorare la gestione degli impianti sportivi per garantire la fruibilità delle strutture a tutti i cittadini, anche non aderenti ad associazioni sportive; - completare gli impianti sportivi con la realizzazione di campi da calcetto, basket e punto di ristoro per creare condizioni di autogestione della struttura. VOLONTARIATO I cittadini impegnati nelle attività di volontariato svolgono un ruolo insostituibile per tutta la collettività. Per rafforzare le varie associazioni operative sul nostro territorio come il gruppo di Protezione Civile La Rosa dell Umbria, la sezione dell Associazione nazionale Carabinieri in congedo, la sezione comunale della Croce Rossa proponiamo l ingresso della Protezione Civile comunale in un più ampio gruppo comprensoriale comprendente le varie realtà presenti nei Comuni della Media Valle del Tevere. Il coordinamento di questo nuovo gruppo unificato può essere affidato alla Polizia municipale, posta sotto la diretta responsabilità del Presidente dell Unione dei Comuni (figura istituzionale del comune capofila). In ogni Comune del comprensorio ci sarà un referente di Gruppo che terrà i rapporti tra la Polizia municipale e i volontari del proprio Comune. Il gruppo comprensoriale di Protezione Civile della Media Valle del Tevere, perseguirà i suoi obiettivi coordinandosi con gli altri gruppi comunali creando così un unica struttura intercomunale, un polo dell emergenza unificato in grado di sfruttare sinergie nell utilizzo delle risorse umane, economiche ed organizzative. Occorre integrare l attuale organico dei gruppi di Protezione Civile con nuovi volontari, principalmente giovani: per questo è necessaria una adeguata formazione di base, tecnica ed operativa, per le nuove leve, destinate ad attività di controllo del territorio, nell antincendio boschivo, nella bonifica, nello studio del piano di emergenza di Protezione Civile in collaborazione con gli altri gruppi di Protezione Civile (Gruppo Intercomunale, Unità cinofila) e con altri Enti e Associazioni del territorio (Polizia municipale, Polizia Provinciale, C.R.I.).

9 FAMIGLIA Istituzione di una delega specifica per la famiglia e le politiche familiari. Revisione dei regolamenti per l erogazione di contributi e sussidi economici riferiti a parametri certi (es. asilo nido, case Ater, alloggi comunali) introducendo, ove possibile, il principio dell anzianità di residenza. Introduzione della Commissione Assistenza. Istituzione di un contributo da erogare per ogni nato da genitori entrambi residenti. Contenimento dei costi del trasporto scolastico per le famiglie. Introduzione dei requisiti per l iscrizione anagrafica subordinata alla certificazione di autonomia economica e previdenziale. Sostegno alle coppie e alle famiglie, tutela delle ragazze madri e delle madri separate o sole ( affido diurno ). Per le famiglie in condizioni economiche disagiate, prevediamo una riduzione dell importo dell avviso di pagamento per: - Tassa rifiuti sull abitazione principale, individuando tre fasce di reddito calcolato ai fini ISEE. Inoltre, per le situazioni di disagio economico, verificatesi o perduranti nell anno in corso, dipendenti dalla crisi e/o carenza occupazionale riferita ad una delle condizioni di svantaggio lavorativo di seguito elencate: cassa integrazione a 0 ore per almeno 12 settimane (anche non continuative); perdita del lavoro da almeno 3 mesi nell anno in corso e dichiarazione di immediata disponibilità presso i Centri per l impiego; sospensione dal lavoro per almeno 90 giorni lavorativi (Legge 2/2009); iscrizione nelle liste di mobilità da almeno 3 mesi; verrà concesso su istanza documentata, sempre sulla base dell ISEE in corso di validità, lo sgravio corrispondente alla fascia di sconto immediatamente superiore, fatto salvo il limite massimo del 50%. I soggetti beneficiari della presente agevolazione dovranno comunque acquisire la dichiarazione ISEE per consentire all Amministrazione il controllo e l eventuale conguaglio degli importi erogati. Inoltre la tariffa rifiuti dovrà essere fondata sul principio che chi meno produce rifiuti, meno paga e non tassa fondata sui metri quadrati di un appartamento o sul numero dei suoi inquilini; - smaltimento degli imballaggi e ritiro dei prodotti usati a carico di chi li vende e rilancio del vuoto a rendere;

10 - istituzione di un organo di formazione e informazione che divulghi una maggior consapevolezza del problema smaltimento rifiuti anche attraverso le scuole; - Realizzazione di Isole ecologiche, con una tessera fornita dal comune i cittadini possono conferire i rifiuti, provenienti dalla raccolta differenziata, in appositi spazi gestiti dall amministrazione e ottenere in cambio sconti sulle tariffe e incentivi. - Possibilità di rifornirsi di acqua da bere in appositi punti di distribuzione curati dal comune - in questo modo c è un abbattimento verticale dei rifiuti in plastica. Modifiche al regolamento comunale ICI - Terreni edificabili : Nota _ Rif. alla D.C.C. n 4 del 07/Febbraio/2008 su proposta del Vicepresidente del Consiglio comunale _ Claudio Serafini - reintegro nel Regolamento Comunale art.5 Aree divenute inedificabili. - LE MOTIVAZIONI, DA CONSIDERARE A FAVORE, SONO: a) La commissione di esperti incaricata dalla vecchia Amministrazione ha commesso alcuni errori di valutazione, per non aver attribuito il giusto peso ad alcuni parametri VMRIA, come ad esempio il costo delle opere e degli oneri di urbanizzazione, che incidono in modo rilevante sul valore delle aree edificabili, le difficoltà connesse alla realizzazione di un consorzio tra i singoli proprietari. b) A far fronte alla crisi internazionale che ha provocato un fermo del settore edilizio e quindi un decremento del valore dei terreni e del numero dei contratti di compravendita, l Amministrazione Comunale, in base all art. 59 lettera g del D.Legs. n.446 del 15/12/1997 può determinare periodicamente ( per noi dovrà ) per zone omogenee i valori venali in comune commercio delle aree fabbricabili, secondo criteri improntati al perseguimento dello scopo di ridurre al massimo l insorgenza di contenzioso e di un rilancio economico. - PROVVEDIMENTI DA ATTUARE: a) Riduzione dei VMRIA (Valore Minimo di Riferimento Incidenza Area) adottati dalla vecchia Amministrazione e riconfermati dalla Attuale, dovranno essere: - allineamento dei VMRIA con i valori adottati da altri Comuni assimilabili a Todi (es. Marsciano, Collazzone, Massa Martana, Deruta, Montecastello di Vibio).

11 - riduzione dei VMRIA per i terreni ad attuazione indiretta con valore inferiore a quello minimo previsto per i terreni ad attuazione diretta. - rimborso dell ICI per chi ha presentato richiesta ed ha ottenuto l annullamento dell edificabilità. GIOVANI E SCUOLA Attivazione del progetto libri a noleggio per il triennio delle scuole secondarie. Organizzazione di un servizio dopo-scuola in collaborazione con personale qualificato e con realtà consolidate che già operano nel settore, anche del volontariato. Attivazione di un servizio di consulenza, gestito da esperti (psicologi e psicopedagogisti) al fine di supportare docenti e genitori nella delicata funzione educativa. SERVIZI SOCIALI / SANITÀ Attivare nuovi progetti per il Servizio Civile Volontario, per potenziare l assistenza agli anziani ed ai portatori di handicap, anche grazie a risorse regionali, attraverso un coordinamento comunale per la pianificazione ed un nuova mappatura delle problematiche della popolazione per il miglioramento dei servizi erogati dall Ente. Azioni di sostegno alle famiglie più disagiate anche attraverso la realizzazione di progetti mirati alla risoluzione di problematiche specifiche presenti nel tessuto sociale. La realizzazione di strutture specifiche tese al sostegno delle attività giovanili andranno di pari passo con l attuazione di politiche finalizzate al coinvolgimento delle fasce giovanili nella vita sociale politica e culturale della comunità. In particolare l amministrazione lavorerà per l istituzione della Consulta giovanile recentemente varata in seno al Consiglio comunale. Servizio di trasporto ed assistenza ai bambini portatori di handicap. Per gli anziani, creazione del servizio di trasporto urbano, di collegamento al centro storico. Attivazione di accordi con l U.L.S.S. per introdurre nuovi e più efficaci sostegni a carattere psicologico, o interventi mirati, rivolti alle famiglie che presentino particolari situazioni di disagio. - Promuovere asili nidi familiari (rif. D.G.R. 539/ progetto per la sperimentazione dei "nidi familiari" nel territorio della Regione Umbria). Il progetto è finalizzato a realizzare servizi di nido familiare destinati a bambini di

12 età compresa tra 3 mesi e 3 anni anche con riferimento alle significative esperienze di servizi di "tagesmutter" anche diversamente denominati realizzati all'estero e in Italia. Il Tagesmutter (mamma di giorno) è l asilo nido in famiglia e viene da un idea partita e diffusasi nel Nord Europa e in particolare in Scandinavia. In pratica, una mamma con uno o più figli, mette a disposizione la sua casa e accoglie altri bambini di mamme che lavorano e/o non possono accudirli, nutrendoli e accudendoli in un orario diurno prestabilito. L'offerta di questi servizi si ritiene utile per rispondere ai nuovi bisogni delle famiglie e ad una maggiore flessibilità dell'offerta di cura rispetto ai servizi tradizionali, potendo rispondere anche ad esigenze orarie particolari, dettate dalle nuove forme lavorative emergenti (part-time verticali, turni, lavoro interinale o a progetto). Nel caso la lista civica Aria Nuova per Todi riuscisse nella splendida impresa, non abbiamo nessuna intenzione di fare feste o ringraziamenti, le cerimonie si fanno una volta raggiunti determinati obiettivi, gli stessi obiettivi che sono stati esplicitati nella parte soprastante.

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) 1. Generalità Avviso pubblico La regione dell Umbria, con DGR 7 aprile 2013, n. 281, ha approvato l avviso per la presentazione

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT A cura di Giulia Oriani, Franco Beccari Redazione Ciessevi Con la collaborazione di Legambiente Milano Si ringrazia il Comune di Milano per il contributo

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Testo Unico del Commercio

Testo Unico del Commercio Testo Unico del Commercio Un nuovo strumento per semplificare la vita delle aziende e dei cittadini, trasformare la Regione in un amministrazione amica delle imprese e per rilanciare lo sviluppo del settore.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1979 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DI LEGGE

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1979 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DI LEGGE REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 1979 VI COMMISSIONE CONSILIARE AMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE PROGETTO DI LEGGE Modifiche e integrazioni alla legge regionale 9 settembre 2003, n.

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Cosa è la fusione È un progetto nato per creare un nuovo Comune di oltre 7mila abitanti, più visibile dal punto di vista politico

Dettagli

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni ITALIA: suddivisione amministrativa 20 regioni di cui 5 a statuto speciale oltre 100 province oltre 8000 comuni informazioni turistiche musei, geografia, hotel ristoranti su tutte le province italiane

Dettagli

Comune di Nave. TITOLO BANDO: Fondazione della Comunità bresciana: 1 bando 2014 Area Sociale (ASSOCIAZIONI-ENTI) - Scadenza 31/03/14.

Comune di Nave. TITOLO BANDO: Fondazione della Comunità bresciana: 1 bando 2014 Area Sociale (ASSOCIAZIONI-ENTI) - Scadenza 31/03/14. Comune di Nave CONTRIBUTI ALLE IMPRESE/ENTI/ASSOCIAZIONI AGGIORNAMENTO TERZO AGGIORNAMENTO FEBBRAIO 2014 Consulta l archivio completo sul sito del Comune: http://www.comune.nave.bs.it nella home page in

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI PER GLI ENTI LOCALI DEL DECRETO LEGGE DI SEMPLIFICAZIONE (N. 5/2012) di Arturo Bianco

LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI PER GLI ENTI LOCALI DEL DECRETO LEGGE DI SEMPLIFICAZIONE (N. 5/2012) di Arturo Bianco LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI PER GLI ENTI LOCALI DEL DECRETO LEGGE DI SEMPLIFICAZIONE (N. 5/2012) di Arturo Bianco Articolo 1 Articolo 2 La conclusione dei procedimenti Asseverazione della SCIA Articolo

Dettagli

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE 211 212 PROGETTO 13.1: CONTRASTO ALLA POVERTA E ALL ESCLUSIONE SOCIALE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Contributi economici erogati per bisogni

Dettagli

SCHEDA DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE MACROATTIVITÀ N. - DENOMINAZIONE:

SCHEDA DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE MACROATTIVITÀ N. - DENOMINAZIONE: Allegato alla Deliberazione della Giunta Comunale n. 139 del 10/11/ SCHEDA DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE MACROATTIVITÀ N. - DENOMINAZIONE: POLITICA DEL PGS: PROGRAMMA DELLA RPP: 18 CENTRO DI RESPONSABILITÀ:

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI (Lavanderie Industriali) Premessa Il contesto nel quale

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

Contro la crisi accanto alle famiglie

Contro la crisi accanto alle famiglie Contro la crisi accanto alle famiglie Coesione sociale Servizi educativi Sicurezze Coesione sociale e sostegno alle persone in difficoltà Misure anticrisi e sostegno alle famiglie Protocollo d intesa fra

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Introduzione Gruppo di Lavoro Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Il terzo incontro, a cui erano presenti 12 partecipanti,

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Provincia di Ferrara. Direttiva per l adeguamento dei RUE della Provincia di Ferrara -Requisiti-

Provincia di Ferrara. Direttiva per l adeguamento dei RUE della Provincia di Ferrara -Requisiti- Direttiva per l adeguamento dei RUE della Provincia di Ferrara -Requisiti- OTTOBRE 2007 1 Partendo dalla proposta di direttiva per l adeguamento dei RUE, elaborata dal gruppo sull Efficienza Energetica

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011 Oggetto: Progetto integrato per la tutela attiva dei locali storici del commercio: censimento dei negozi storici in Sardegna. L Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio evidenzia che l'attuale crisi

Dettagli

IL CAF DELLA CISL. Il posto giusto

IL CAF DELLA CISL. Il posto giusto Carta dei Servizi IL CAF DELLA CISL Il Caf Cisl opera per fornire ad iscritti, lavoratori e pensionati assistenza e consulenza completa e qualificata nel campo fiscale e delle agevolazioni sociali. Nato

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE Art. 1 - Finalità e oggetto. 1. La Regione del Veneto promuove l agricoltura sociale quale aspetto della multifunzionalità delle attività agricole, per ampliare

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Comune di Arluno. 21 Progetti

Comune di Arluno. 21 Progetti Comune di Arluno 21 Progetti Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Comune di Deruta, Piazza dei Consoli, n. 15, fax 075/9728639 ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Sono di seguito indicati, in riferimento alle quattro aree funzionali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA

LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA Linee guida per LA DIFFUSIONE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE DI AZIONI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA DIDATTICA 1. Quadro normativo di riferimento Le azioni previste dalle presenti linee guida

Dettagli

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE

PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE PROGRAMMA N. 13: UDINE CITTA SOLIDALE 205 206 PROGETTO 13.1: CONTRASTO ALLA POVERTA E ALL ESCLUSIONE SOCIALE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Contributi economici erogati per bisogni

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA RIORDINO E PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 1994 N. 42 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

INTRODUZIONE. I cittadini infatti possono recarsi alla Direzione Urbanistica per:

INTRODUZIONE. I cittadini infatti possono recarsi alla Direzione Urbanistica per: CARTA DEI SERVIZI DELLO SPORTELLO AL PUBBLICO DELLA DIREZIONE URBANISTICA a cura di: Servizio supporto giuridico amministrativo P.O. Archivio e protocollo: d.ssa Isabella Anna Leonesi Rev. 1 del 30 dicembre

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Il Bilancio Comunale. Uno strumento di gestione della Casa di tutti : un esigenza di trasparenza e un opportunità di partecipazione concreta

Il Bilancio Comunale. Uno strumento di gestione della Casa di tutti : un esigenza di trasparenza e un opportunità di partecipazione concreta Il Bilancio Comunale Uno strumento di gestione della Casa di tutti : un esigenza di trasparenza e un opportunità di partecipazione concreta Cos è il bilancio comunale? Il Bilancio Comunale è un documento

Dettagli

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI

PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI PROGRAMMA N. 1: PER IL COMMERCIO, IL TURISMO, IL RILANCIO DEL CENTRO E DEI BORGHI 7 8 PROGETTO 1.1: GLI INTERVENTI A FAVORE DELL ARTIGIANATO, DEL COMMERCIO, DEGLI ESERCIZI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Direzione Scuola e Politiche Giovanili Settore Gestione Servizi per l Infanzia e le Scuole dell Obbligo Via di Francia

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

Patto per il Biellese

Patto per il Biellese Patto per il Biellese INTEGRAZIONE TRA I PIANI DI SVILUPPO SOCIO ECONOMICO DELLE COMUNITA MONTANE DOCUMENTO REDATTO DAL GRUPPO DI LAVORO INTEGRAZIONE TRA I PSSE DELLE COMUNITÀ MONTANE (Approvato dal Tavolo

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO INTEGRATO DEI PICCOLI COMUNI (PICO) Fondo "MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI - FSE" P.O. Campania FSE 2007-2013

PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO INTEGRATO DEI PICCOLI COMUNI (PICO) Fondo MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI - FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Data Protocollo n. PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO INTEGRATO DEI PICCOLI COMUNI (PICO) Fondo "MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI - FSE" P.O. Campania FSE 2007-2013 Spett.le "MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI

Dettagli

Progetti di legge regionali e nazionali

Progetti di legge regionali e nazionali CONSIGLIO REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 8-9 febbraio 2007 Progetti di legge regionali e nazionali A cura di: di Giovanni Fantozzi PROPOSTA DI LEGGE N. 108 Di

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro

Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro Disegno di Legge per le politiche di genere e la conciliazione vita - lavoro «Certo caro Socrate ci hai plasmato, come uno scultore, dei bei Governanti». «Ma caro Glaucone, se è per questo anche delle

Dettagli

3 TRAGUARDI DEL PD per una LIGURIA + giovane + verde + trasparente

3 TRAGUARDI DEL PD per una LIGURIA + giovane + verde + trasparente Liguria 3 RGURD DEL PD per una LGUR + giovane + verde + trasparente l Partito Democratico ha sempre dato la massima priorità al lavoro e alla sua dignità come elemento irrinunciabile della propria azione

Dettagli

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0 Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a Valorizzazione produzioni agro alimentari di qualità Premessa Cosa si intende per consumo a KM 0? prodotti provenienti da areali di

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI,

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ACCORDO ATTUATIVO dell Accordo di collaborazione per la valorizzazione e l integrazione

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli