FONDAMENTI E APPLICAZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA _ 4cfu

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDAMENTI E APPLICAZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA _ 4cfu"

Transcript

1 Università degli Studi G. D'Annunzio - Chieti Facoltà di Architettura di Pescara_DSSAR Dipartimento di Scienze, Storia dell'architettura, Restauro e Rappresentazione Laurea Triennale in Scienze e Tecnica dell Architettura (Architetto junior) Corso integrato di SCIENZA DELLA RAPPRESENTAZIONE 1- corso C FONDAMENTI E APPLICAZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA _ 4cfu PROGRAMMA SPECIFICO ( ) Deve l architetto saper la grammatica, per mettere in carta e rendere più stabile la memoria col notare ( ). VITRUVIO I sec.a.c. OBIETTIVO DEL CORSO: Dotare gli studenti degli strumenti teorici e pratici necessari a comprendere misurare ideare e rappresentare lo spazio architettonico. Cfr. programmazione didattica Pagina 1 di 11

2 A.A. 2005/06 Pagina 2 di 11

3 Note generali sul Corso Integrato di Scienze della Rappresentazione 1_(8 cfu) In continuità didattica con gli insegnamenti del primo anno della Laurea triennale in Scienze e tecniche dell Architettura, l obiettivo principale del corso integrato di Scienze della Rappresentazione 1_(8 cfu) è introdurre l allievo architetto alla conoscenza delle varie componenti teorico-operative celate nell idea di rappresentazione architettonica. Tale obiettivo verrà perseguito a partire dalle specificità disciplinari proprie dei tre moduli didattici tematici in cui è strutturato il corso integrato. I tre moduli didattici tematici sono relativi alle seguenti discipline: 1) Fondamenti e Applicazioni di Geometria Descrittiva (4 cfu) _in questo modulo verranno studiati i principi e i metodi scientifici della Geometria proiettiva, ossia, i modi basilari del raffigurare. 2) Storia della Rappresentazione (2 cfu) _ in questo modulo i suddetti modi saranno contestualizzati e studiati all interno di un percorso storico-evolutivo, in cui poter criticamente elaborare il dato storico; 3) Disegno digitale 1 (2 cfu) _ in questo modulo verranno studiati gli ultimi sviluppi tecno-culturali del disegno in ambiente digitale. Modalità d esame_all esame di Scienza della rappresentazione 1 (8 cfu) verrà attribuito un unico voto, sintesi della preparazione dell allievo maturata nei singoli moduli didattici. Gli esami verranno svolti nella stessa data per tutti i moduli didattici integrati. Nel colloquio finale l allievo dovrà mostrare un idoneo grado di conoscenza delle cognizioni teoriche relative ai tre moduli e presentare, così come specificato nei singoli programmi didattici, tutti gli elaborati richiesti. FONDAMENTI E APPLICAZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA A. Programma didattico PREMESS ANell ambito del Corso Integrato di Scienze della Rappresentazione 1, il modulo didattico in epigrafe si pone alla base dell intero corso, in quanto disciplina formativa orientata all idonea comunicazione del pensiero architettonico. L acquisizione dei principi e delle regole che definisce il corpus della Geometria è d ausilio alla conoscenza dello spazio in cui viviamo, per poterlo meglio fruire e trasformare, il che significa, sapientemente raffigurarlo per appropriarsi delle forme e dei volumi. I settori di supporto sono la geometria euclidea, con i presupposti assiomatico-deduttivi, quella proiettiva fondata sui processi fisici dell ottica e fisiologici della percezione, quella topologica inerente le trasformazioni continue degli oggetti, oggi di grande attualità per l uso del computer. (cfr. programma generale) Il DISEGNO è un fondamentale strumento di comunicazione. Con il disegno è possibile esprimere nelle due dimensioni, - cioè sul foglio di carta o schermo del PC sul quale si disegna -, la tridimensionalità dello spazio secondo un procedimento di traduzione grafica delle immagini colte dalla realtà. Disegno è sinonimo di immagine, figurazione, intenzione, proposito, proposta, idea, progetto, quindi rappresentazione della forma della realtà o di un idea. Il termine Disegno comprende non soltanto il concetto di rappresentazione descrittiva di un oggetto mediante simboli, ma anche pensiero creativo e intenzione progettuale. Gli anglosassoni come è noto utilizzano due termini: drawing e design. A) DRAWING è riferibile all area della figurazione; indica l arte di rappresentare oggetti o scene per mezzo di linee, come schizzi, piante o vedute. B) DESIGN è ascrivibile al concetto di ideazione, che include quello di proposito, schema, piano, disegno. [Cfr. Enciclopedia italiana; voce Disegno] Attraverso il Disegno è possibile definire il modello grafico di comprensione dello spazio, scomponendolo in parti, rappresentandone le parti essenziali e caratterizzanti, secondo un processo di interpretazione che ne evidenzi le intime regole di funzionamento. La conoscenza della disciplina del DISEGNO, della SCIENZA DELLA RAPPRESENTAZIONE e dei metodi logici e operativi della GEOMETRIA DESCRITTIVA, si pone come sostegno fondativo di ogni curriculum di studi orientato verso la formazione di una figura professionale specializzata che debba operare nell ambito della conservazione e della gestione scientifica dell architettura dell ambiente e del territorio. OBIETTI VI Lo studio dei fondamenti della Geometria Descrittiva è finalizzato a dotare l allievo degli strumenti idonei a immaginare e rappresentare lo spazio e gli elementi in esso contenuti. Tale fine verrà perseguito percorrendo la duplice via del disegno tradizionale eseguito a mano e quello elaborato con l ausilio del computer. L intento è di trasferire su supporto bidimensionale, sia la realtà fisica e materica tridimensionale, sia dare concretezza e visualizzazione all idea di progetto. A tal proposito il Corso Integrato 1 è propedeutico al successivo corso di Scienza della Rappresentazione 2 e d ausilio a tutte quelle discipline in cui l allievo è chiamato a rappresentare graficamente l architettura.. (cfr. programma generale) Il corso di Fondamenti e Applicazioni di Geometria Descrittiva pertanto si pone l obiettivo di dotare l allievo degli strumenti e delle tecniche necessarie per la predisposizione di semplici ma chiari schizzi finalizzati alla costruzione di modelli grafici di rappresentazione dello spazio, ovvero dotare gli studenti degli strumenti teorici e pratici necessari a comprendere, misurare, ideare e rappresentare lo spazio architettonico (cfr. ordine degli studi). Pagina 3 di 11

4 DIDATTIC A Il modulo di Fondamenti e Applicazioni di Geometria Descrittiva si articola in quattro ore settimanali: due dedicate alle cognizioni teoriche e due all applicazione pratica da svolgersi in aula. Esercizi grafici verranno settimanalmente svolti a casa dagli allievi e consegnati al docente. A conclusione di ogni gruppo di lezioni, gli allievi affronteranno le verifiche (per un totale di tre), la cui valutazione è fondamentale per accedere all esame finale del Corso Integrato. Durante lo svolgimento delle lezioni si daranno i necessari riferimenti bibliografici. Lo svolgimento del corso è organizzato in moduli di quattro ore ciascuno, da effettuarsi in aule da disegno. Le lezioni teorico/applicative sono articolate in due fasi conseguenti: la prima parte di carattere teorico introduce i principali temi della rappresentazione infografica ; la seconda di carattere applicativo è rivolta all esercizio sui temi introdotti durante la lezione. Le lezioni (2 ore) saranno integrate da esercitazioni grafiche (2 ore) divise per argomento, aventi come tema lo studio e la rappresentazione dello spazio architettonico attraverso il disegno. Questa organizzazione delle lezioni riflette un specifica intenzionalità: orientare la formazione individuale, verso la padronanza della teoria e delle tecniche di rappresentazione dello spazio, che preveda l utilizzo in maniera consapevole e critica della matita oppure del mouse. La parte teorica è sostanzialmente finalizzata alla conoscenza dei metodi di rappresentazione stabiliti dalle norme di unificazione (UNI). La padronanza dei metodi di rappresentazione è infatti indispensabile per il controllo dello spazio, consentendo la costruzione di modelli dai quali è possibile ricavare, secondo un procedimento biunivoco di traduzione dell immagine, forma e dimensioni reali. Nell ambito del corso verrà assegnato un TEMA che unitamente alle esercitazioni svolte in aula costituirà materiale d esame avente per oggetto la rappresentazione - in tre tavole formato A2 - di un progetto di architettura contemporanea tramite i tre metodi di rappresentazione. Al singolo studente si richiede una propria attrezzatura di lavoro così composta: A) Un TACCUINO formato A4 sul quale verranno annotate le indicazioni fornite dal docente durante le lezioni. Ordinatamente impaginato, il taccuino verrà corredato in ogni sua pagina dei dati dell allievo (nome/cognome/matricola), della data e dell oggetto dell elaborato. Questo documento personale costituirà la testimonianza del percorso didattico del singolo allievo e dovrà essere adeguatamente conservato e portato all esame B) Una cartellina per archiviare gli elaborati delle esercitazioni, carta opaca formato A3, matite dure e morbide, gomme, squadre, righe, compasso, curvilinee, colori, penne, goniometro. Il corso avrà inizio il giorno Mercoledì 28 settembre 2005_ ORE Le lezioni proseguiranno secondo calendario allegato al programma. N.B. Si raccomanda di venire sempre muniti di materiale per disegnare. SINTESI DEGLI ARGOMENTI La teoria del corso affronterà i principali temi della rappresentazione grafica: il linguaggio del disegno; gli strumenti e le normative grafiche; il concetto di proiezione e sezione e gli enti di riferimento [il punto, la retta, il piano]; i principali metodi di rappresentazione: proiezioni ortogonali, proiezioni assonometriche, proiezioni prospettiche]. Si affronteranno, con le dovute specifiche teoriche dimostrative: 1) Gli enti geometrici e le operazioni fondamentali; 2) Il modello delle doppie proiezioni ortogonali; 3) Il modello assonometrico (retto e obliquo); 4) Il modello prospettico; 5) La teoria delle ombre. MODALITÀ DI VERIFICA E D ESAME Si ritiene di fondamentale importanza che l acquisizione delle cognizioni teoriche di base da parte dell allievo sia assunta sistematicamente attraverso approfondimenti sul libro e l applicazione grafica durante il periodo del corso. Ciò al fine di consentire, alla fine delle lezioni, la prova finale insieme agli altri due moduli. Pertanto risultano indispensabili le valutazioni delle tre verifiche, che insieme ad un corredo di elaborati grafici realizzati dall allievo e controllati periodicamente dal docente, diano accesso all esame finale con voto parziale. Le modalità d esame prevedono una eventuale prova grafica ed una prova orale. Nella prova orale i candidati dovranno esporre il tema sviluppato durante il corso e rispondere a quesiti inerenti il programma svolto nelle lezioni teoriche. Gli studenti che avranno svolto con profitto le esercitazioni saranno esentati dal sostenere la prova grafica di esame. Pagina 4 di 11

5 BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO M. DOCCI, R. MIGLIARI, Scienza della rappresentazione. Fondamenti e applicazioni della geometria descrittiva, NIS, Roma 1992 R. MIGLIARI, Geometria dei modelli. Rappresentazione grafica e informatica per l architettura e per il design, KAPPA, Roma 2003 M. DOCCI, D. MAESTRI, Scienza del disegno. Manuale per le Facoltà di Architettura e Ingegneria, UTET libreria, Roma 2000 Web: sito dedicato alla ricerca e alla didattica nel settore della comunicazione visiva dell architettura. Aperto agli studenti e ai ricercatori del settore, il sito si propone di affrontare temi teorici ed elaborare modelli rappresentativi legati, oltre che alla grafica tradizionale, soprattutto alla dimensione digitale. [Cfr. Sito web] Pagina 5 di 11

6 Calendario delle lezioni e delle esercitazioni Corso di Fondamenti e Applicazioni di Geometria Descrittiva_prof.arch.Antonella SALUCCI PRIMO SEMESTRE_SETTEMBRE/DICEMBRE 2004 Mercoledì 21 settembre Prolusione generale al CORSO INTEGRATO di Scienza della.rappresentazione 1 Mercoledi 28 settembre 16,00/18,00_18,00/20,00 LEZIONE #01_ INTRODUZIONE Mercoledi 05 ottobre 16,00/18,00_18,00/20,00 LEZIONE #02_ metodi di rappresentazione Mercoledi 12 ottobre 16,00/18,00_18,00/20,00 LEZIONE #03_ p.ortogonali Mercoledi 19 ottobre 16,00/18,00_18,00/20,00 LEZIONE #04_ p.ortogonali Mercoledi 26 ottobre 16,00/18,00_18,00/20,00 LEZIONE #05_ p.assonometriche Mercoledì 02 novembre 16,00/18,00_18,00/20,00 LEZIONE #06_ p.assonometriche Mercoledi 09 novembre 16,00/18,00_18,00/20,00 LEZIONE #07_ Ricapitolazione+VERIFICA 1 Mercoledi 16 novembre 16,00/18,00_18,00/20,00 LEZIONE #08_ Mercoledi 23 novembre 16,00/18,00_18,00/20,00 LEZIONE #09_ p.prospettiche Mercoledi 30 novembre 16,00/18,00_18,00/20,00 LEZIONE #10_ p.prospettiche Mercoledi 07 dicembre 16,00/18,00_18,00/20,00 LEZIONE #11_ Teoria delle OMBRE Mercoledì 14 dicembre 16,00/18,00_18,00/20,00 LEZIONE #12_ SUPERFICI E VOLTE+VERIFICA 2 Sintesi delle lezioni teoriche e delle esercitazioni grafiche Corso di Fondamenti e Applicazioni di Geometria Descrittiva_A.A. 2004/05_ prof.arch.antonella SALUCCI Guida alle esercitazioni SETTEMBRE/DICEMBRE 2005 Le lezioni saranno integrate da una serie di esercitazioni grafiche divise per argomento, aventi come tema lo studio e la rappresentazione dello spazio architettonico attraverso il disegno. Nel corso delle lezioni saranno illustrati i temi di ricerca e fornite tutte le indicazioni su metodi, strumenti, tecniche, formati e scale di rappresentazione da adottare. Ogni allievo dovrà avere una propria attrezzatura di lavoro composta essenzialmente da: una cartellina per archiviare gli elaborati, carta (formato A3), mine, portamine, temperamine, gomme, squadre, righe, compasso, curvilinee, colori, penne, goniometro. Riportiamo qui di seguito, divisa per argomento, una sintetica guida di orientamento verso i temi che costituiranno oggetto delle esercitazioni. Introduzione al disegno dell architettura e alla scienza della rappresentazione Il disegno della memoria. L iscrizione al corso avviene durante la prima lezione attraverso l elaborazione e la consegna di un disegno da svolgere in aula, dove l allievo esprime, rispetto ad un tema assegnato, il proprio modo di comunicare attraverso il linguaggio grafico. L esercizio consiste nel rappresentare su un foglio (di formato A3) alcuni spazi architettonici che frequenta abitualmente, attingendo solo alle immagini della memoria. Attraverso il ricordo degli ambienti in cui vive, l allievo Pagina 6 di 11

7 dovrà comunicare con il disegno le caratteristiche spaziali prevalenti dei luoghi. Il metodo e la tecnica di rappresentazione sono liberi. Classificazione del disegno di architettura. TEMA ANNUALE_TAVOLAZERO L esercizio consente all allievo di studiare e capire i tipi di disegni che produce l architetto per la comunicazione del progetto di architettura. In questa occasione viene scelto il tema annuale, ovvero: la rappresentazione sintetica di un edificio di architettura contemporanea. Entro la fine del corso l opera scelta dovrà essere descritta/comunicata con i tre metodi della GD su tavole di formato A2(cm42x59,4) in numero non superiore a 3+1. Si elencano di seguito le tavole che dovranno essere prodotte entro la fine del corso e portate all esame: TavolaZero: indagine preliminare; Tavola1: proiezioni ortogonali; Tavola2: assonometria, Tavola3: prospettiva. Si tratta, in questa fase, di realizzare la TavolaZero di indagine preliminare sull edificio scelto risultante dalla consultazione delle riviste di architettura; questa tavola consiste nel montaggio/impaginazione della documentazione raccolta. Si tratta di operare un attenta analisi critica degli elaborati grafici 2D e 3D raccolti (schizzi, fotografie, piante prospetti sezioni, assonometrie e prospettive), l allievo dovrà catalogare prima e classificare dopo i vari tipi di disegni individuandone attraverso delle didascalie : titolo dell opera, orientamento, tipo di rappresentazione, tecnica utilizzata, scala di rappresentazione. L elaborato va svolto a casa e successivamente revisionato. Rappresentazione di figure geometriche piane L esercizio ha come obiettivo lo studio delle proprietà interne che regolano le principali forme geometriche piane. In questo modo l allievo conferisce alla forma una sua struttura, affinando le proprie capacità percettive e memorizzando gli elementi che costituiscono il processo formativo di base della geometria. Le figure che saranno illustrate sono: asse di un segmento; perpendicolare di un segmento; segmento parallelo; divisione di un segmento e di un angolo; il triangolo; sezione aurea; il pentagono; l esagono; l ottagono; poligono di n lati; l ellisse; divisione della circonferenza; la parabola; l iperbole; l ovolo; l ovale; la spirale; la tangente delle circonferenza; raccordi tra rette; raccordi tra archi; gli archi. Il disegno dal vero. L esercizio consiste nell osservazione diretta di spazi reali e nella loro successiva traduzione grafica. L allievo dovrà osservare, analizzare e annotare in maniera intuitiva le caratteristiche degli spazi architettonici in oggetto per poi correggere le proprie modalità espressive in funzione dei metodi acquisiti. Rappresentazione di figure geometriche tridimensionali L esercizio propone un esperienza grafica finalizzata alla costruzione di un oggetto. L obiettivo principale dell elaborato consiste nel comprendere le relazioni che intercorrono tra l idea e la sua realizzazione, attraverso il tipico processo di formazione del progetto. Processo che partendo dall elaborazione dell idea, attraverso la verifica progettuale (alle debite scale), rende l opera eseguibile. I metodi di rappresentazione Comunicare attraverso il disegno i metodi di rappresentazione L esercitazione consente all allievo di recepire, attraverso il disegno, gli enti geometrici di riferimento dei vari metodi di rappresentazione. Attraverso varie tecniche grafiche e fotografiche l allievo dovrà dimostrare di conoscere il processo formativo del disegno nei tre metodi di rappresentazione (proiezione ortogonale, assonometria, prospettiva). Nella rappresentazione degli enti fondamentali l allievo dovrà fornire una visione spaziale del tema attraverso dei disegni assonometrici che siano in grado di evidenziare le operazioni fondamentali dei tre metodi di rappresentazione. Le proiezioni ortogonali Scegliendo adeguate figure e forme, l allievo dovrà comunicare in modo scritto-grafico i seguenti argomenti inerenti al metodo delle proiezioni ortogonali: 1) le origini del metodo; 2) i piani di riferimento e la rappresentazione e ricostruzione degli enti fondamentali nello spazio; 3) la rappresentazione del punto, della retta e del piano attraverso dei disegni che prima forniscono una visione spaziale del problema (si consiglia in assonometria) e che poi, una volta separate le rappresentazioni sui vari piani di proiezione, riescano a comunicare chiaramente i tre casi in esame. L assonometria L allievo dovrà comunicare in modo scritto-grafico i seguenti argomenti inerenti al metodo della proiezione parallela o assonometrica: 1) le origini del metodo; 2) i piani di riferimento e la rappresentazione e ricostruzione degli enti fondamentali nello spazio; 3) classificazione ed elaborazione delle rappresentazioni assonometriche (ortogonali e oblique isometriche, dimetriche e trimetriche); Pagina 7 di 11

8 4) rappresentazione degli enti geometrici (punto, retta e piano) attraverso dei disegni che prima forniscono una visione spaziale del problema e che poi riescano a comunicare chiaramente i tre casi in esame. La prospettiva Scegliendo adeguate figure e forme, l allievo dovrà comunicare in modo scritto-grafico i seguenti argomenti inerenti alla rappresentazione prospettica: 1) le origini del metodo; 2) la genesi spaziale e i casi della prospettiva centrale, accidentale, a quadro inclinato e a quadro orizzontale; 3) gli enti geometrici di riferimento (quadro, geometrale, punto di proiezione, punto e distanza principale, retta fondamentale o linea di terra, orizzonte, cerchio di distanza; 4) la rappresentazione del punto, della retta e del piano attraverso dei disegni che prima forniscono una visione spaziale del problema (si consiglia in assonometria) e che poi, una volta separate le rappresentazioni sul piano di quadro e sul geometrale, riescano a comunicare chiaramente i tre casi in esame; 5) applicazione grafica. Elaborare la prospettiva di due parallelepipedi, di cui sono state prima disegnate le proiezioni ortogonali, separando nella rappresentazione il piano di quadro dal geometrale secondo il metodo spiegato durante le lezioni; 6) applicazione grafica. Disegnare la prospettiva di un edificio alto tre piani, profondo 9 m, lungo 15 m, con il metodo diretto a mano libera. Questo esercizio consente all allievo di esercitare la mano e costringerla a seguire i ragionamenti elaborati dal pensiero; Le ombre Scegliendo adeguate figure e forme, l allievo dovrà comunicare in modo scritto-grafico argomenti inerenti il modello della luce nei tre metodi. La rappresentazione di principali sistemi voltati. L obiettivo dell esercitazione è quello di rappresentare attraverso i tre metodi studiati i principali sistemi voltati che si riscontrano in architettura. Lezione # 01 Introduzione al disegno di architettura e alla scienza della rappresentazione PROLUSIONE AL CORSO. Il disegno come linguaggio. Le discipline della rappresentazione. Disegno di progetto e di rilievo.il concetto cardine: proiezione e sezione. Strumenti e metodi per la rappresentazione grafica. Sul concetto di rappresentazione, modello tridimensionale. Gli strumenti ed i materiali fondamentali per il disegno. Il processo percettivo. Componenti biologiche. Visione e percezione. Le illusioni percettive. Riduzione in scala e sistema di riferimento. La rappresentazione del progetto alle varie scale. Sintesi grafica di uno schema di progetto in scala 1:100. S.imbologia convenzioni e normative grafiche ESERCITAZIONE #01: Il disegno della memoria Lezione # 02 I fondamenti della geometria proiettiva e i metodi della geometria descrittiva Gli enti geometrici fondamentali e loro rappresentazione: il punto, la retta, il piano. Enti generati dal movimento di un punto. Enti geometrici generati dal movimento di una linea. Il disegno geometrico. Richiami di geometria euclidea. Risoluzione grafica di problemi relativi alle figure geometriche piane. La rappresentazione di figure geometriche piane. Segmenti. Rette. Divisioni. Il triangolo, il pentagono, l esagono, l ellisse, l ovale. Riferimenti al CAD. ESERCITAZIONE #02: La rappresentazione di figure geometriche piane Lezione # 03 I metodi di rappresentazione della geometria descrittiva La rappresentazione dello spazio. Sistema di riferimento. La creazione del modello: le fasi, le caratteristiche, le viste. Le operazioni geometriche fondamentali: proiezione e sezione. Classificazione delle rappresentazioni: Modelli ottenuti per proiezione parallela o centrale. Proiezioni ortogonali ESERCITAZIONE #03: La rappresentazione con il metodo delle proiezioni ortogonali Lezione # 04 Modelli ottenuti per proiezione parallela: LE PROIEZIONI ORTOGONALI La rappresentazione con il metodo della doppia proiezione ortogonale o metodo di Monge. Gli enti geometrici di riferimento. Rappresentazione degli enti fondamentali. Le proiezioni quotate Pagina 8 di 11

9 ESERCITAZIONE #04: La rappresentazione con il metodo delle proiezioni ortogonali Lezione # 05 Modelli ottenuti per proiezione parallela: L ASSONOMETRIA (parte A) La rappresentazione con il metodo assonometrico. Gli enti geometrici di riferimento. Rappresentazione degli enti fondamentali. Classificazione delle rappresentazioni assonometriche. L assonometria ortogonale. L assonometria obliqua: militare e cavaliera. ESERCITAZIONE # 05: La rappresentazione con il metodo dell assonometria Lezione # 06 Modelli ottenuti per proiezione parallela: L ASSONOMETRIA (parte B) segue ESERCITAZIONE # 06: La rappresentazione con il metodo dell assonometria Lezione # 07 RICAPITOLAZIONE e verifica Lezione # 08 Modelli ottenuti per proiezione da un centro. LA PROSPETTIVA (parte A) La rappresentazione con il metodo della prospettiva. Gli enti geometrici di riferimento. Rappresentazione degli enti fondamentali. Punti di misura. Prospettiva con il metodo del ribaltamento. Prospettiva a quadro orizzontale. Prospettiva a quadro verticale. Prospettiva a quadro inclinato ESERCITAZIONE # 08: La rappresentazione con il metodo della prospettiva Lezione # 10 Modelli ottenuti per proiezione da un centro. LA PROSPETTIVA (parte B) Segue ESERCITAZIONE # 10: La rappresentazione con il metodo della prospettiva Lezione # 11 Modelli della luce. TEORIA DELLE OMBRE Genesi spaziale e enti geometrici di riferimento. Rappresentazione degli enti fondamentali. Ombra propria, portata e autoportata. Ombre in proiezione ortogonale, in assonometria e in prospettiva. ESERCITAZIONE # 11: Applicazione del metodo Lezione # 12 SUPERFICI RICORRENTI IN ARCHITETTURA. I sistemi voltati Classificazione generale delle superfici Superfici primitive. Sfera cilindro cono. Rappresentazioni secondo i tre metodi. Superfici di rivoluzione. Toro. Superfici di Traslazione. Modanature. Le superfici rigate. Le superfici di rototraslazione. Intersezione delle superfici. LE VOLTE. Gli archi e le volte. Nomenclatura e classificazione generale. Volte semplici e composte ESERCITAZIONE # 12: Rappresentazione di volte semplici e composte Pagina 9 di 11

10 Indicazioni preliminari valide per tutti gli elaborati: I disegni devono essere svolti su fogli di carta opaca di formato A3 (42 x 29,7) mentre il formato delle 4 tavole annuali è A2. Gli elaborati devono essere impaginati riportando sia la squadratura sia la suddivisione secondo la GRIGLIA (8x8), in cui gli assi verticali & orizzontali devono essere riportati tratto punto, mentre gli assi diagonali devono essere riportati tratteggiati. Ogni tavola deve contenere l intestazione con i dati secondo il LAYOUT comunicato in classe e la numerazione qui presentata. Gli esercizi fanno riferimento alla documentazione distribuita durante il corso delle lezioni. N.B. Porre la massima attenzione alla grafica, all impaginazione e alla nomenclatura di riferimento agli enti grafici e disegnare con cura tutte le linee di costruzione (linee di richiamo). INTESTAZIONE con i dati da inserire in ogni tavola Corso integrato di Scienza della Rappresentazione 1 Corso di FONDAMENTI E APPLICAZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA/B A.A.2005/06 prof.arch. Antonella SALUCCI TITOLO DELL ELABORATO: Il disegno della memoria STUDENTE : [NOME E COGNOME, MATRICOLA] ESERCITAZIONE del : [data] TAVOLA # 01 NB: DOVRÀ ESSERE CONSEGNATA IN SEDE D ESAME UNA COPIA DI TUTTO IL MATERIALE, sia su supporto digitale (CD), sia su supporto cartace formato A3 di buona qualità L allievo dovrà portare all esame complessivamente 10 esercitazioni - (per complessive n 23 tavole di cui 4 relative al tema d anno) - unitamente al TACCUINO di appunti presi in classe. ESERCITAZIONE #01 [1 tavola] IL DISEGNO DELLA MEMORIA OBIETTIVO_All allievo è richiesto di raccontare, con il linguaggio grafico che preferisce, gli spazi in cui vive attingendo solo alle immagini della memoria: comunicare, attraverso il ricordo le caratteristiche spaziali prevalenti dei luoghi che si frequentano abitualmente. TECNICA_testo e immagini con tecnica di rappresentazione a scelta. ESERCITAZIONE # 02 [4 tavole] RAPPRESENTAZIONE DI FIGURE GEOMETRICHE PIANE OBIETTIVO_L esercizio ha come obiettivo lo studio delle proprietà interne che regolano le principali forme geometriche piane. NB_Delle informazioni riportate sulla documentazione vanno trascritti e impaginati obiettivo, cioè il titolo con numero del disegno, e i dati del problema, cioè un sintesi del testo. TECNICA_Il disegno deve essere realizzato a matita (MINA_HB). Al termine le costruzioni vanno ripassate con un colore rosso; le figure invece vanno ripassate con un colore blu o nero. ESERCITAZIONE # 03 [1 tavola] RAPPRESENTAZIONE DI SOLIDI CON IL METODO DELLE PROIEZIONI ORTOGONALI ESERCITAZIONE # 04 [1 tavola] COMPOSIZIONE DI SOLIDI CON IL METODO DELLE PROIEZIONI ORTOGONALI ESERCITAZIONE # 05 [2 tavole] RAPPRESENTAZIONE DI UN OGGETTO ARCHITETTONICO CON IL METODO DELLE PROIEZIONI ORTOGONALI Aldo ROSSI, Il Teatro del Mondo, Venezia 1979 Rappresentare l oggetto architettonico in scala 1:200 considerando le dimensioni del quadrato di pianta pari a 9,5 metri. Riportare la scala metrica. ESERCITAZIONE # 06 [2 tavole] RAPPRESENTAZIONE DI UN OGGETTO ARCHITETTONICO CON IL METODO DELLE PROIEZIONI ASSONOMETRICHE ESERCITAZIONE # 07 [1 tavola] RAPPRESENTAZIONE DI UN OGGETTO ARCHITETTONICO CON IL METODO DELLE PROIEZIONI PROSPETTICHE TAVOLA #01 Il disegno della memoria TAVOLA # 02A Rapp.di Figure Geometriche Piane_Esercizio 1-13: Asse segmento/perpendicolarità e parallelismo/divisione di segmenti e di angoli TAVOLA # 02B Rapp.di Figure Geometriche Piane_Esercizio 14-20: Triangolo/pentagono/esagono/ottagono/poligono di n lati TAVOLA # 02C Rapp.di Figure Geometriche Piane_Esercizio 23-26: Tangenze e raccordi TAVOLA # 02D Rapp.di Figure Geometriche Piane_Esercizio 34-38: L ellisse/parabola/iperbole/ovale/spirale TAVOLA # 03 Rappresentazione di solidi in Proiezioni Ortogonali Cubo con asse perpendicolare al PO; Piramide a base triangolare appoggiata sul Piano Orizzontale TAVOLA # 04 Composizione di solidi in Proiezioni Ortogonali Prisma esagonale retto; Piramide pentagonale retta;cono retto; Edificio a pianta rettangolare coperto con volta a crociera TAVOLA # 05A Rappresentazione di un oggetto architettonico in P.Ortogonali: A.ROSSI, Il Teatro del Mondo, VE 1979 in Scala 1:200 TAVOLA # 05B Rappresentazione in PROIEZIONI ORTOGONALI: A.ROSSI, Il Teatro del Mondo, VE Scala 1:100 TAVOLA # 06A RAPPRESENTAZIONE IN PROIEZIONI ASSONOMETRICHE Cono retto in Assonometria Obliqua Cavaliera associata al metodo di Monge TAVOLA # 06B RAPPRESENTAZIONE IN PROIEZIONI ASSONOMETRICHE Cupola emisferica in Assonometria Obliqua Militare TAVOLA # 07 RAPPRESENTAZIONE IN PROIEZIONI PROSPETTICHE PROSPETTIVA A QUADRO VERTICALE CON IL METODO INDIRETTO Edifici a pianta quadrata coperti a falda inclinata. Pagina 10 di 11

11 ESERCITAZIONE # 08 [1 tavola] RAPPRESENTAZIONE DEL MODELLO DELLA LUCE NEI TRE METODI DI RAPPRESENTAZIONE ESERCITAZIONE # 09 [6 tavole] RAPPRESENTAZIONE DI UN OGGETTO ARCHITETTONICO CON I PRINCIPALI METODI DI RAPPRESENTAZIONE: EDIFICIO A PIANTA RETTANGOLARE COPERTO CON VOLTA A CROCIERA TAVOLA # 08 TEORIA DELLE OMBRE Costruire l ombra propria e portata di un oggetto tridimensionale rappresentato in proiezioni ortogonali, assonometria militare, prospettiva a quadro verticale. TAVOLA # 09 Rappresentazione in PROIEZIONI ORTOGONALI di un edificio a pianta rettangolare coperto con volta a crociera TAVOLA # 09B Rappresentazione in ASSONOMETRIA OBLIQUA CAVALIERA ASSOCIATA AL METODO DI MONGE di un edificio a pianta rettangolare coperto con volta a crociera TAVOLA # 09C Rappresentazione in ASSONOMETRIA OBLIQUA ISOMETRICA MILITARE di un edificio a pianta rettangolare coperto con volta a crociera TAVOLA # 09D Rappresentazione in ASSONOMETRIA ORTOGONALE ISOMETRICA (ribaltamento vera forma) di un edificio a pianta rettangolare coperto con volta a crociera TAVOLA # 09E Rappresentazione in PROSPETTIVA A QUADRO VERTICALE (CON IL METODO INDIRETTO) di un edificio a pianta rettangolare coperto con volta a crociera TAVOLA # 09F Rappresentazione in PROSPETTIVA A QUADRO ORIZZONTALE di un edificio a pianta rettangolare coperto con volta a crociera ESERCITAZIONE # 10 [4 tavole] Tema annuale RAPPRESENTAZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DI UN EDIFICIO DI ARCHITETTURA CONTEMPORANEA CON I PRINCIPALI METODI DI RAPPRESENTAZIONE. L opera deve essere scelta tra quelle documentate sulle più recenti riviste e pubblicazioni (anche web) di architettura. NB:Tra le caratteristiche prevalenti che condizionano la scelta del tema si consigliano le tre seguenti: 1.chiarezza volumetrica; 2.semplicità; 3.quantità di materiale al quale fare riferimento. L esercizio consente all allievo di leggere e capire i tipi di disegni che produce l architetto per la comunicazione del progetto di architettura. In questo modo l allievo affina le proprie capacità percettive e memorizza gli elementi che costituiscono il processo formativo di base della geometria; inoltre acquisisce gli strumenti di indagine per sperimentare la rappresentazione dello spazio e conferire alla forma una sua struttura. L opera dovrà essere descritta/comunicata con i tre metodi della GD su tavole di formato A2 (cm42x59,4) in numero non superiore a 3+1. La TavolaZero di indagine preliminare sull edificio scelto consiste nel montaggio/impaginazione della documentazione raccolta. Si tratta di operare un attenta analisi critica degli elaborati grafici 2D e 3D raccolti - schizzi, fotografie, piante prospetti sezioni, assonometrie e prospettive - l allievo dovrà catalogare prima e classificare dopo i vari tipi di disegni individuandone attraverso delle didascalie : titolo dell opera, orientamento, tipo di rappresentazione, tecnica utilizzata, scala di rappresentazione. TAVOLA #10_ZERO INDAGINE PRELIMINARE TAVOLA # 10_1 RAPPRESENTAZIONE DEL PROGETTO CON IL METODO DELLE PROIEZIONI ORTOGONALI TAVOLA # 10_2 RAPPRESENTAZIONE DEL PROGETTO CON IL METODO DELLE PROIEZIONI ASSONOMETRICHE TAVOLA # 10_3 RAPPRESENTAZIONE DEL PROGETTO CON IL METODO DELLE PROIEZIONI PROSPETTICHE Pagina 11 di 11

Verso queste finalità sono indirizzati i tre moduli didattici tematici che compongono l insegnamento di Scienza della Rappresentazione 1:

Verso queste finalità sono indirizzati i tre moduli didattici tematici che compongono l insegnamento di Scienza della Rappresentazione 1: Università degli Studi "G. d'annunzio" Chieti. Facoltà di Architettura di Pescara Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico in Architettura DSSARR - Dipartimento di Scienze, Storia dell'architettura,

Dettagli

Corso Integrato di Disegno dell'architettura - B

Corso Integrato di Disegno dell'architettura - B Corso Integrato di Disegno dell'architettura - B A.A. 2010-2011 Prof. Sylvie Duvernoy Prof. Giampiero Mele Elenco degli elaborati richiesti ELENCO E DESCRIZIONE DELLE TAVOLE D'ESAME Qui di seguito si trova

Dettagli

Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis

Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Corso di Laurea in DISEGNO INDUSTRIALE A.A. 2007-08 - 1 Semestre Corso Integrato di DISEGNO A Prof.ssa Anna De Santis Calendario del corso con argomenti svolti

Dettagli

DIPARTIMENTO DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DI MINIMA

DIPARTIMENTO DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DI MINIMA DIPARTIMENTO DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DI MINIMA Data 05-10-2012 Liceo Artistico Statale F. Russoli di Pisa e Cascina MD-01 Classi Materia Anno scolastico PRIME DISCIPLINE GEOMETRICHE 2012/ 2013 Prerequisiti

Dettagli

DISEGNO E LABORATORIO CAD

DISEGNO E LABORATORIO CAD CORSO DI DISEGNO E LABORATORIO CAD CIVILI C.D.L. INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E EDILE A.A. 2014 2015 P R O G R A M M A DISEGNO E LABORATORIO CAD Docente: Ing. Marco NOCERA m.nocera@email.it Codocente:

Dettagli

Programma (piano di lavoro) preventivo

Programma (piano di lavoro) preventivo I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E G u g l i e l m o M a r c o n i V e r o n a Programma (piano di lavoro) preventivo Anno Scolastico 2015/16 Materia Tecnologie e Tecniche

Dettagli

Corso Integrato di Disegno dell'architettura A

Corso Integrato di Disegno dell'architettura A IL TEMPO per il DISEGNO Felicità da me provata nel tempo del comporre, il miglior tempo ch io abbia passato in mia vita, e nel quale mi contenterei di durare finch io vivo. Passar le giornate senza accorgermene;

Dettagli

Programma svolto a.s. 2013/14

Programma svolto a.s. 2013/14 I.I.S.S. ERASMO DA ROTTERDAM CLASSE 1 S (C.A.T.) Programma svolto a.s. 2013/14 TECNICA GRAFICA Materiali, strumenti e tecniche per il disegno; tracciamenti con riga, squadre e compasso; costruzioni geometriche:

Dettagli

1 il coordinatore prof. Gaetano Fiore

1 il coordinatore prof. Gaetano Fiore Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica A. S. 2015/2016 ISTITUTO TECNICO GRAFICA E COMUNICAZIONE CLASSE 2 UNITA FORMATIVA 1 GLI OGGETTI E LA LORO FORMA Insegnante: Rota Margherita - ITP: Chilelli

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA

PROGETTAZIONE DIDATTICA I.T.T.S. VITO VOLTERRA San Donà di Piave anno scolastico 2014-2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA Al Dirigente Scolastico INSEGNANTI prof. Massimo Mucci prof. Rino Zanchettin DISCIPLINA: TECNOLOGIE E TECNICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2013/14 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LABORATORIO PROF. GARGIONI LUCIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2013/14 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LABORATORIO PROF. GARGIONI LUCIA Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2013/14 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LABORATORIO

Dettagli

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI a.s.2013/2014 DISCIPLINE GEOMETRICHE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI L AMBITO DISCIPLINARE DI DISCIPLINE PITTORICHE, PLASTICHE E GEOMETRICHE STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono

Dettagli

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI TECNOLOGIA 1. Esprimersi e comunicare mediante l uso del linguaggio specifico della tecnologia ( disegno, grafica, schemi, tabelle, metodi

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

MODULO N. 1 - GLI STRUMENTI PROPRI DEL DISEGNO TECNICO E LA GEOMETRIA EUCLIDEA ELEMENTARE

MODULO N. 1 - GLI STRUMENTI PROPRI DEL DISEGNO TECNICO E LA GEOMETRIA EUCLIDEA ELEMENTARE Il programma di Disegno Geometrico è stato strutturato partendo da un attenta analisi della situazione di partenza relativa al grado di manualità dei singoli alunni, per passare poi all analisi delle principali

Dettagli

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 anno (6 ore settimanali) La materia propone l ampliamento, la conoscenza e l uso dei metodi proiettivi orientandoli verso lo studio e la rappresentazione

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 Pagina 1 di 6 Nome docente Nome docente tecnico-pratico CHIOLA Piero MARENGO Ferruccio. Materia insegnata Classe Tecnologie e tecniche di organizz.grafiche(disegno biennio) 1E ITIS Angelino,Moranino,Begni,Rovere

Dettagli

Programma del Corso Integrato di Disegno dell'architettura I A-B

Programma del Corso Integrato di Disegno dell'architettura I A-B L immaginario fa parte del campo della rappresentazione. Ma vi occupa il posto della traduzione non riproduttiva, non semplicemente trasposta in immagine, bensì creativa, poetica in senso etimologico (J.

Dettagli

PIANO DI LAVORO prof. Buonocore Luigi I.T.P. D Antuoni

PIANO DI LAVORO prof. Buonocore Luigi I.T.P. D Antuoni PIANO DI LAVORO prof. Buonocore Luigi I.T.P. D Antuoni DISCIPLINA TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA BIENNIO ANNO SCOLASTICO: 2012-2013 1 CONTRATTO FORMATIVO E PIANO DI LAVORO PRIMO BIENNIO

Dettagli

ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 MATEMATICA. Nodo concettuale disciplinare

ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 MATEMATICA. Nodo concettuale disciplinare ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI- MIUR 2012 CURRICOLO VERTICALE MATEMATICA NUCLEO TEMATICO SPAZIO E FIGURE Nodo concettuale disciplinare DESCRIVERE E RAPPRESENTARE LE FORME E LO SPAZIO (Daniela

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 MATERIE GRAFICHE TECNICO indirizzo: Grafica e comunicazione TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA - CLASSI

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO

PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE. Prof. MORARA MARCO PROGRAMMA DIDATTICO E PATTO FORMATIVO A.S. 2010-2011 CLASSE: 1Bcat MATERIA: DISEGNO E PROGETTAZIONE Prof. MORARA MARCO 1. LIVELLI DI PARTENZA. 1.1. Composizione La classe si compone di 15 studenti (2 femmine

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: ITC Anno scolastico Materia Classi 22 23 MATEMATICA Terze. Competenze al termine del percorso di studi Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

LABORATORIO DI DISEGNO DIGITALE A Arch. Simone Cappochin A.A. 2011-2012

LABORATORIO DI DISEGNO DIGITALE A Arch. Simone Cappochin A.A. 2011-2012 LABORATORIO DI DISEGNO DIGITALE A Arch. Simone Cappochin A.A. 2011-2012 CALENDARIO e PROGRAMMA Ultimo aggiornamento: 07/10/2011 Il corso, della durata di 40 ore, si terrà i martedì pomeriggio indicati

Dettagli

COMPETENZE E CONTENUTI

COMPETENZE E CONTENUTI ESAMI DI IDONEITA E CONTENUTI PER ACCEDERE AL SECONDO ED AL TERZO ANNO DEL LICEO ARTISTICO Obiettivi minimi delle DISCIPLINE GEOMETRICHE per gli esami di idoneità: Saper rappresentare intuitivamente oggetti

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici.

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Descrizione dell unità Titolo Le proiezioni ortogonali Autore Sabrina Rosano Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Finalità e obiettivi di apprendimento Far comprendere

Dettagli

CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini

CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini Scuola secondaria di 2 Grado Liceo Artistico A.S. 2012 2013 CLASSE 1 E Prof. Ssa: Georgia Angelini PROGRAMMAZIONE CONSUNTIVA DISCIPLINE GEOMETRICHE La classe è composta da alunni che hanno dimostrano una

Dettagli

Materia:Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica. Programmazione dei moduli didattici

Materia:Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica. Programmazione dei moduli didattici Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE Giacomo e Pio Manzù BERGAMO TABELLA DEI MINIMI DISCIPLINARI TRIENNIO RIFORMA DISCIPLINE PROGETTUALI INDIRIZZO DESIGN

LICEO ARTISTICO STATALE Giacomo e Pio Manzù BERGAMO TABELLA DEI MINIMI DISCIPLINARI TRIENNIO RIFORMA DISCIPLINE PROGETTUALI INDIRIZZO DESIGN DISCIPLINE PROGETTUALI CLASSE TERZA Riepilogo dei metodi proiettivi del disegno tecnico: - Proiezioni cilindriche proiezioni ortogonali (metodo di Monge) assonometrie oblique e ortogonali - Proiezioni

Dettagli

Corso di Disegno Assistito e Laboratorio di Rilievo e Rappresentazione (II anno, annuale, 14 c.f.u.) Docente: Mariangela Liuzzo A.A.

Corso di Disegno Assistito e Laboratorio di Rilievo e Rappresentazione (II anno, annuale, 14 c.f.u.) Docente: Mariangela Liuzzo A.A. Corso di Disegno Assistito e Laboratorio di Rilievo e Rappresentazione (II anno, annuale, 14 c.f.u.) Docente: Mariangela Liuzzo A.A. 2012/2013 PROGRAMMA DEL CORSO Il corso si propone di fornire agli studenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNAMENTO DISCIPLINE GEOMETRICHE E SCENOTECNICHE CLASSE 4^ SEZ.

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNAMENTO DISCIPLINE GEOMETRICHE E SCENOTECNICHE CLASSE 4^ SEZ. Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 2 del : 08/10/2013 Anno scolastico 2013/2014 INSEGNAMENTO DISCIPLINE GEOMETRICHE E

Dettagli

Corso di Qualifica Professionale in Arredamento d'interni

Corso di Qualifica Professionale in Arredamento d'interni Corso di Qualifica Professionale in Arredamento d'interni INSEGNAMENTI CODICE MONTE ORE 3D E Photoshop AI2015_01 26 Cad 2D AI2015_02 26 Disegno Tecnico AI2015_03 32 Progettazione 2 AI2015_04 36 Progettazione

Dettagli

1 Istituto Superiore M. Bartolo

1 Istituto Superiore M. Bartolo 1 Istituto Superiore M. Bartolo viale A. Moro Tel. 091592725 - Fax 0918620 96018 PACHINO (SR) PROGRAMMAZIONE A.S. 2015/2016 Docenti: Avveduto Massimo CLASSE 2ª A Materia : Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO CLASSE IC Classico ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO Gli allievi, in generale, si dedicano allo studio della matematica e della fisica con diligenza

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

REGOLAMENTO - TESI DI LAUREA Valido per: CDL QUINQUENNALE IN ARCHITETTURA (VECCHIO ORDINAMENTO) Articolo 1

REGOLAMENTO - TESI DI LAUREA Valido per: CDL QUINQUENNALE IN ARCHITETTURA (VECCHIO ORDINAMENTO) Articolo 1 REGOLAMENTO - TESI DI LAUREA Valido per: CDL QUINQUENNALE IN ARCHITETTURA (VECCHIO ORDINAMENTO) INTRODUZIONE Articolo 1 Il Corso di laurea si conclude con la presentazione e discussione di una tesi progettuale,

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

Ingegneria Elettrica (sede di Caltanissetta) INSEGNAMENTO. Disegno assistito da calcolatore TIPO DI ATTIVITÀ

Ingegneria Elettrica (sede di Caltanissetta) INSEGNAMENTO. Disegno assistito da calcolatore TIPO DI ATTIVITÀ FACOLTÀ Ingegneria ANNO ACCADEMICO 2012/2013 CORSO DI LAUREA Ingegneria Elettrica (sede di Caltanissetta) INSEGNAMENTO Disegno assistito da calcolatore TIPO DI ATTIVITÀ Di base AMBITO DISCIPLINARE Ingegneria

Dettagli

DOCENTI Docenti universitari provenienti da università Statali e Pontificie; professionisti, ricercatori, esperti del settore italiani e stranieri.

DOCENTI Docenti universitari provenienti da università Statali e Pontificie; professionisti, ricercatori, esperti del settore italiani e stranieri. OBIETTIVI FORMATIVI Scopo del Master è di consentire l approfondimento delle tematiche della progettazione, dell adeguamento e del recupero degli Edifici per il culto. DOCENTI Docenti universitari provenienti

Dettagli

L01_Introduzione PROGRAMMA DISEGNO Disegno a mano libera: Disegno tecnico: Disegno di architehura

L01_Introduzione PROGRAMMA DISEGNO Disegno a mano libera: Disegno tecnico: Disegno di architehura PROGRAMMA DISEGNO Disegno a mano libera: Strumen) e tecniche per il disegno a mano libera L eido)po Esercitazione di disegno dal vero Disegno tecnico: Strumen), tecniche e metodi per il disegno tecnico

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. SABRINA MAZZITELLI MATERIA: TECNOLOGIA CLASSE II D DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013

ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. SABRINA MAZZITELLI MATERIA: TECNOLOGIA CLASSE II D DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. SABRINA MAZZITELLI MATERIA: TECNOLOGIA CLASSE II D DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA L'INSEGNAMENTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti Marittimi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE LIVELLI DI PARTENZA La classe è attenta ma poco partecipe, qualcuno porta anche dei contributi personali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LABORATORIO ARTISTICO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LABORATORIO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LABORATORIO ARTISTICO CLASSE I SEZIONE D ANNO SCOLASTICO 2011-2012 INSEGNANTE REFERENTE n. 109 ore complessive modulo didattico n.1 n.2 n.3 n.4 INSEGNANTE IN COPRESENZA GIACOMO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTO Pag. Pagina 1 di 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTO Di Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica anno scolastico 2014/ 2015 FUNZIONE 1^A 1^B 1^ C 1^ ITI ( )DOC. prof.ssa Silvana Rizzo ( )ITP.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Classe 1^ CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Individuare i materiali più comuni, distinguendone le caratteristiche, l origine e la provenienza Eseguire semplici prove sperimentali

Dettagli

30 o. 60 o. assocubo.ggb. Disegno tecnico + costruzione cartellina. a cura di Manuela Menzaghi 1

30 o. 60 o. assocubo.ggb. Disegno tecnico + costruzione cartellina. a cura di Manuela Menzaghi 1 assocubo.ggb Assonometria monometrica del cubo con gli strumenti geometrici di NOTEBOOK Z Y 60 o 60 o 30 o X L.T. Assonometria monometrica con squadra e righello interattivo a cura di Manuela Menzaghi

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO DISCIPLINA TECNOLOGIA NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 01 DATI IDENTIFICATIVI TITOLO I METALLI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSI SECONDE CLASSI / ALUNNI COINVOLTI DOCENTI COINVOLTI UNITÀ DI APPRENDIMENTO DOCENTI

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2011/12 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI DISCIPLINE GEOMETRICHE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2011/12 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI DISCIPLINE GEOMETRICHE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011/12 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI DISCIPLINE

Dettagli

Disegno Tecnico Industriale

Disegno Tecnico Industriale Corso di A.A. 2014-2015 Ing. Alessandro Carandina Durata e prove d esame Durata complessiva: 48 h 6CFU Lezioni teoriche in aula 6 lunedì (14.00 16.30) Esercitazioni di disegno nell aula studio della biblioteca

Dettagli

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD )

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: DESIGN ARREDAMENTO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A: DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) SECONDO BIENNIO CLASSI : TERZE E QUARTE

Dettagli

Introduzione al Disegno Tecnico Metodi di Rappresentazione

Introduzione al Disegno Tecnico Metodi di Rappresentazione Knowledge Aided Engineering Manufacturing and Related Technologies DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE Introduzione al Disegno Tecnico Metodi di Rappresentazione Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

ATTIVITÀ DEL SINGOLO DOCENTE

ATTIVITÀ DEL SINGOLO DOCENTE PIANO DI LAVORO DOCENTE Carmela Calò MATERIA Matematica DESTINATARI 4Cl ANNO SCOLASTICO 2013-14 COMPETENZE CONCORDATE CON CONSIGLIO DI CLASSE Si veda la programmazione comune del CdC COMPETENZE CONCORDATE

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN SCENOGRAFIA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN SCENOGRAFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN SCENOGRAFIA INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD )

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: ARCHITETTURA E AMBIENTE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A: DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) SECONDO BIENNIO CLASSI : TERZE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA Art. 1 - Denominazione del Corso di studio È istituito presso la Rome University of Fine Arts - Accademia di Belle

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1DS Indirizzo di studio Liceo scientifico Docente Paola Carcano Disciplina Monte

Dettagli

DISCIPLINE PITTORICHE

DISCIPLINE PITTORICHE Anno Scolastico 2014-15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: ARTI FIGURATIVE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A DISCIPLINE PITTORICHE SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' - Educazione all

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Primo biennio Secondo biennio e quinto anno

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Primo biennio Secondo biennio e quinto anno PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Primo biennio Secondo biennio e quinto anno TOPOGRAFIA 2014/15 Iiritano A. Dipartimento Anno scolastico Data della riunione Coordinatore SCIENTIFICO-TECNOLOGICO

Dettagli

Tema n. 2 (prova d esame) "Analisi grafica del progetto della chiesa Dives in misericordia di Meier: le leggi aggregative dei principali componenti.

Tema n. 2 (prova d esame) Analisi grafica del progetto della chiesa Dives in misericordia di Meier: le leggi aggregative dei principali componenti. PROVE D ESAME DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE DELLA RAPPRESENTAZIONE E DEL RILIEVO XVIII CICLO tema n. 1 (prova d esame) "Rilievo di una porzione del porticato della piazza Augusto Imperatore.Il candidato

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

CLASSE 28/A - DISEGNO E STORIA DELL'ARTE

CLASSE 28/A - DISEGNO E STORIA DELL'ARTE Ambito Disciplinare 1 Programma d'esame CLASSE 25/A - EDUCAZIONE ARTISTICA Temi d'esame proposti in precedenti concorsi Programma d'esame CLASSE 25/A - EDUCAZIONE ARTISTICA L'esame comprende una prova

Dettagli

MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE

MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE PROGRAMMAZIONE CLASSI PRIME 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL'ARTE LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE I.I.S. VOLTA CLASSE 2 A ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL'ARTE LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE I.I.S. VOLTA CLASSE 2 A ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL'ARTE LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE I.I.S. VOLTA Prof.ssa Ester SANTELLA CLASSE 2 A ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MODULO 1 - rappresentazione in scala di un gruppo

Dettagli

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea di I livello in OTTICA e OPTOMETRIA Il Regolamento Didattico specifica gli aspetti

Dettagli

Premessa. Certipass Comitato Tecnico-Scientifico. EIPASS CAD 2D/3D Programma rev. 4.0 del 26/05/2015 Pagina 2 di 10

Premessa. Certipass Comitato Tecnico-Scientifico. EIPASS CAD 2D/3D Programma rev. 4.0 del 26/05/2015 Pagina 2 di 10 Pagina 2 di 10 Premessa Nel quadro delle competenze digitali, annoverate dalla Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 febbraio 2006 fra le cosiddette competenze chiave in grado di

Dettagli

LABORATORIO DI INFORMATICA

LABORATORIO DI INFORMATICA - PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2015-2016 Corso: Liceo Linguistico Quadro orario Classe I II Laboratorio di 2 2 LABORATORIO DI INFORMATICA L insegnamento dell informatica nel liceo linguistici

Dettagli

Istituto Comprensivo di Asiago Scuola Secondaria di I Grado Asiago Via M.Bortoli 1 PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA

Istituto Comprensivo di Asiago Scuola Secondaria di I Grado Asiago Via M.Bortoli 1 PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA Istituto Comprensivo di Asiago Scuola Secondaria di I Grado Asiago Via M.Bortoli PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA ANNO SCOLASTICO 04/05 SITUAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA INIZIALE Si fa riferimento al Piano

Dettagli

L. S. S. VITO VOLTERRA, CIAMPINO DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE ANNO SCOLASTICO 2014-15

L. S. S. VITO VOLTERRA, CIAMPINO DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE ANNO SCOLASTICO 2014-15 L. S. S. VITO VOLTERRA, CIAMPINO DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE ANNO SCOLASTICO 2014-15 Oggi, 10 settembre 2014, alle ore 9 nell aula del Dipartimento si riuniscono i docenti della materia

Dettagli

BACHELOR OF SCIENCE DEGREE IN PHYSIOTHERAPY SINTESI REGOLAMENTO FISIOTERAPIA parte Didattica

BACHELOR OF SCIENCE DEGREE IN PHYSIOTHERAPY SINTESI REGOLAMENTO FISIOTERAPIA parte Didattica Campus Accreditato L.U.de.S., Lugano (Svizzera) Facoltà di Scienze Mediche BACHELOR OF SCIENCE DEGREE IN PHYSIOTHERAPY SINTESI REGOLAMENTO FISIOTERAPIA parte Didattica Premessa pto.01 La conoscenza e il

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2008-09 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2008-09 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2008-09 Contratto Formativo Individuale Classe 5ª Sez. B Materia: Disegno Storia dell Arte 1 quadrimestre: Disegno- 2 quadrimestre: Storia dell arte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P.STRANEO Via P.Sacco 11 Tel. 0131/346280 Fax 0131/ 346315 15100 ALESSANDRIA

ISTITUTO COMPRENSIVO P.STRANEO Via P.Sacco 11 Tel. 0131/346280 Fax 0131/ 346315 15100 ALESSANDRIA ISTITUTO COMPRENSIVO P.STRANEO Via P.Sacco 11 Tel. 0131/346280 Fax 0131/ 346315 15100 ALESSANDRIA Piano di lavoro di Matematica e Scienze Classi III ANNO SCOLASTICO 2014-15 OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13 Docente I.T.P. Materia Classi AMATA ANTONIO NESCI MATTEO TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA 1C PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2012/13 Libro di testo: L. Cremona, R. Demaldè, F.

Dettagli

Art. 5 - Prospettive occupazionali Art. 6 - Criteri di ammissione Art. 7 - Articolazione dei curricula

Art. 5 - Prospettive occupazionali Art. 6 - Criteri di ammissione Art. 7 - Articolazione dei curricula REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. INDUSTRIAL DESIGN corso master

SCEGLI CON IL CUORE. INDUSTRIAL DESIGN corso master SCEGLI CON IL CUORE INDUSTRIAL DESIGN pag. 2 INDUSTRIAL DESIGN Master patrocinato dall Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e provincia, con rilascio di crediti formativi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: DISCIPLINE GRAFICHE Prof. Paolo Maria Arosio Prof. Lorenzo Cazzaniga A. Modigliani Giussano Mod.: dir.14 Rev.: 2,0 Data 10/10/2014

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN PITTURA INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

Art. 5 - Prospettive occupazionali Art. 6 - Criteri di ammissione Art. 7 - Articolazione dei curricula

Art. 5 - Prospettive occupazionali Art. 6 - Criteri di ammissione Art. 7 - Articolazione dei curricula REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN CINEMA INDICE Art. 1 - Denominazione del Corso di studio... 1 Art. 2 - Scuola di appartenenza... 1 Art. 3 - Dipartimento afferente...

Dettagli

Architettura. Corso di Laurea magistrale in

Architettura. Corso di Laurea magistrale in Ingegneria Laurea magistrale in Architettura 135 Corso di Laurea magistrale in Architettura Classe: LM-4 Architettura DURATA 2 anni CREDITI 120 SEDE Udine ACCESSO Programmato 80 posti CONOSCENZE RICHIESTE

Dettagli

SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE

SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE IN MATEMATICA CLASSE TERZA A - Numeri COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

di Belle Arti Bologna

di Belle Arti Bologna Accademia di Belle Arti Bologna AMMISSIONI 2015 2016 Istruzioni per l uso 1 Norme generali Per accedere agli esami di ammissione ai corsi di primo livello (Triennio) o a ciclo unico (Quinquennio) è necessario

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale PRIMO BIENNIO 1. Profilo generale L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione dei concetti e dei metodi elementari della disciplina

Dettagli

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE Finalità educative dell insegnamento delle Scienze Le più significative sono: l abitudine

Dettagli