Centro Regionale di Studi e Ricerche Economico Sociali DATI STATISTICI INDICATORI GRAFICI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Regionale di Studi e Ricerche Economico Sociali DATI STATISTICI INDICATORI GRAFICI"

Transcript

1 Centro Regionale di Studi e Ricerche Economico Sociali DATI STATISTICI INDICATORI GRAFICI

2 Tab. 1 Provincia dell'aquila - Indicatori strutturali POPOLAZIONE Popolazione residente (mgl di unità) Popolazione straniera (% sul totale) Crescita naturale Saldo migratorio totale Indice di vecchiaia (pop >65 / pop 0-14) Provincia dell'aquila ,5-3,1 10,4 1, ,5-1,7 12,6 1,6 Italia ,8-0,1 8,4 1,4 PRODOTTO INTERNO LORDO (variazioni % sull'anno precedente; prezzi correnti) annua Provincia dell'aquila 5,4 4,2 1,4 2,0 2,0 4,7 4,5 3,1 2,2 2,8 Italia 2,7 3,9 4,0 1,8 3,3 euro PIL pro capite a prezzi correnti Numero indice (Italia = 100) Posizione in graduatoria anno 2008 Differenza di posizione con il 2001 Provincia dell'aquila , , Italia MERCATO DEL LAVORO Tasso di attività Tasso di occupazione Tasso di disoccupazione Provincia dell'aquila 63,2 57,7 8,6 63,1 59,0 6,6 Italia 63,0 58,7 6,7 SISTEMA PRODUTTIVO Numero di addetti alle unità locali per provincia e classe di addetti. Anno addetti addetti addetti 50 addetti e più Totale Provincia dell'aquila Italia addetti addetti addetti 50 addetti e più Totale Provincia dell'aquila 58,1 9,9 7,7 24, ,5 11,4 10,5 24,6 100 Italia 51,2 12,0 11,5 25,3 100 Fenomeni di attrazione e delocalizzazione rispetto alla sede legale dell'impresa Anno 2006 Attrazione Delocalizzazione Addetti in UL di imprese con sede fuori dal territorio peso % Addetti in UL fuori territorio di imprese con sede nel territorio numero % numero % Provincia dell'aquila , , , ,5 Italia , ,1 ESPORTAZIONI Anno 2008 Milioni di euro var. % sul 2007 Propensione all'export % (2007) Apparecchiature elettriche ed 1 elettroniche Provincia dell'aquila 997 4,3 17,4 2 Prodotti chimici ,0 29,5 3 Prodotti in metallo Italia ,0 26,4 4 Prodotti di carta TURISMO Presenze nel complesso degli esercizi ricettivi. Anno 2007 Italiani Stranieri Totale Provincia dell'aquila Italia Fonte: elaborazioni CRESA su dati Istat e Istiuto G. Tagliacarne

3 Tab. 2 QUADRO RIEPILOGATIVO DEI COMUNI COLPITI DAL SISMA COMPRESI NEL DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO N. 3 DEL 16 APRILE 2009 Cod Istat Comuni Popolazione 2008 pop <14 (%) pop > 65 (%) pop 2017 var. % Intensità sisma MCS VILLA SANT'ANGELO 433 9,4 27, , POGGIO PICENZE ,7 19, , SANT'EUSANIO FORCONESE 403 9,1 29, , L'AQUILA ,7 19, , FOSSA ,4 21, , CASTELVECCHIO SUBEQUO ,6 33, , GORIANO SICOLI 603 9,6 26, ,4 Comuni con MCS > TIONE DEGLI ABRUZZI 346 7,3 44, , CARAPELLE CALVISIO 89 12,2 24, , CASTEL DI IERI ,0 22, , LUCOLI ,3 32, , SAN DEMETRIO NE'VESTINI ,0 22, , SANTO STEFANO DI SESSANIO 125 4,2 34, , BARETE 686 8,9 29, , BARISCIANO ,6 24, , CAPESTRANO 964 6,6 36, , CAPORCIANO 255 6,3 36, , CASTEL DEL MONTE 472 5,6 39, , CASTELVECCHIO CALVISIO 186 8,0 49, , NAVELLI 606 9,3 33, , OCRE ,9 19, , OFENA 600 6,0 40, , OVINDOLI ,7 22, , PIZZOLI ,1 18, , ROCCA DI CAMBIO 511 4,9 26, , ROCCA DI MEZZO ,0 29, , SCOPPITO ,8 16, , BUSSI SUL TIRINO ,8 25, , POPOLI ,2 23, , ACCIANO 379 6,8 43, , SAN PIO DELLE CAMERE ,6 23, ,0 Comuni con MCS < TORNIMPARTE ,7 22, , CAMPOTOSTO 714 5,3 41, , COCULLO 269 5,7 45, , COLLARMELE ,8 26, , FAGNANO ALTO ,8 33, , GAGLIANO ATERNO 299 7,6 32, , PRATA D'ANSIDONIA 520 8,0 31, , VILLA SANTA LUCIA DEGLI ABRUZZI 163 3,4 54, , ARSITA ,4 27, , CASTELLI ,0 27, , MONTORIO AL VOMANO ,1 21, , PIETRACAMELA 298 6,7 31, , TOSSICIA ,5 24, , BRITTOLI 346 8,5 39, , CIVITELLA CASANOVA ,1 30, , CUGNOLI ,8 25, , MONTEBELLO DI BERTONA ,6 29, , TORRE DE' PASSERI ,5 21, ,2 TOTALE COMUNI CRATERE ,2 22, ,3 ABRUZZO ,3 20, ,6 Fonte: elaborazioni CRESA su dati Istat

4 Tab. 3 QUADRI RIEPILOGATIVO DEI COMUNI COLPITI DAL SISMA COMPRESI NEL DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO N. 3 DEL 16 APRILE 2009 reddito pro capite 2005 Unità Locali manifatturiere per 1000 abitanti Cod Istat Comuni valori in euro in % della media regionale VILLA SANT'ANGELO ,1 9,2 64, POGGIO PICENZE ,5 20,6 86, SANT'EUSANIO FORCONESE ,4 5,0 81, L'AQUILA ,6 9,7 87, FOSSA ,2 22,8 103, CASTELVECCHIO SUBEQUO ,2 7,2 76, GORIANO SICOLI ,9 3,3 77,9 Unità Locali totali per 1000 abitanti Intensità sisma MCS Comuni con MCS > TIONE DEGLI ABRUZZI ,1 2,9 112, CARAPELLE CALVISIO ,9 22,5 134, CASTEL DI IERI ,9 11,6 104, LUCOLI ,6 8,0 83, SAN DEMETRIO NE'VESTINI ,2 9,3 84, SANTO STEFANO DI SESSANIO ,6 24,0 424, BARETE ,7 11,7 97, BARISCIANO ,4 10,4 82, CAPESTRANO ,5 13,5 95, CAPORCIANO ,5 11,8 113, CASTEL DEL MONTE ,3 10,6 131, CASTELVECCHIO CALVISIO ,4 16,1 134, NAVELLI ,0 9,9 130, OCRE ,1 5,5 49, OFENA ,0 13,3 98, OVINDOLI ,5 11,5 177, PIZZOLI ,5 9,1 94, ROCCA DI CAMBIO ,5 3,9 123, ROCCA DI MEZZO ,8 14,4 146, SCOPPITO ,8 9,3 77, BUSSI SUL TIRINO ,6 9,0 63, POPOLI ,5 9,7 84, ACCIANO ,0 7,9 102, SAN PIO DELLE CAMERE ,0 13,0 145, TORNIMPARTE ,7 4,3 55, CAMPOTOSTO ,9 14,0 128, COCULLO ,2 3,7 85, COLLARMELE ,2 7,0 104, FAGNANO ALTO ,6 9,0 74, GAGLIANO ATERNO ,6 6,7 90, PRATA D'ANSIDONIA ,7 7,7 125, VILLA SANTA LUCIA DEGLI ABRUZZI ,7 6,1 79, ARSITA ,0 3,3 157, CASTELLI ,1 54,6 161, MONTORIO AL VOMANO ,0 17,0 104, PIETRACAMELA ,2 3,4 177, TOSSICIA ,6 12,1 86, BRITTOLI ,5 17,3 144, CIVITELLA CASANOVA ,0 12,1 150, CUGNOLI ,9 13,6 144, MONTEBELLO DI BERTONA ,8 7,6 121,6 Comuni con MCS < TORRE DE' PASSERI ,9 15,6 102,6 TOTALE COMUNI CRATERE ,0 10,8 94,0 ABRUZZO ,9 118,1

5 Tab. 4 Principali settori di attività economica presenti nel comune dell'aquila NUMERO UNITA' LOCALI PESO % 1 G Commercio all'ingrosso e dettaglio ,8 2 F Costruzioni ,4 3 K Attività immobiliari, noleggio, informat., ricerca ,6 4 D Attivita' manifatturiere ,0 di cui: 0,0 DA15 Industrie alimentari e delle bevande 152 2,4 DJ28 Fabbricazione e lavorazione prodotti in metallo, escl.macchine 97 1,5 DN36 Fabbricazione mobili, altre industrie manifatturiere 78 1,2 DE22 Editoria, stampa 74 1,2 DL33 Fabbricazione apparecchi di precisione 52 0,8 DI26 Fabbricazione prodotti lavorazione min. non metalliferi 45 0,7 5 H Alberghi e ristoranti 463 7,2 6 O Altri servizi pubblici, sociali e personali 399 6,2 7 A Agricoltura, caccia e silvicoltura 307 4,8 8 J Intermediazione monetaria e finanziaria 239 3,7 9 I Trasporti, magazzinaggio e comunicaz ,9 10 N Sanita' e altri servizi sociali 60 0,9 11 M Istruzione 59 0,9 non classificate 93 1,5 TOTALE COMUNE ,0 Fonte: elaborazioni CRESA su dati Infocamere

6 Tab. 5 Principali settori di attività economica presenti nei restanti comuni del NUMERO UNITA' LOCALI PESO % 1 A Agricoltura, caccia e silvicoltura ,6 2 G Commercio all'ingrosso e dettaglio ,0 3 F Costruzioni ,8 4 D Attivita' manifatturiere ,9 di cui: 0,0 DA15 Industrie alimentari e delle bevande 163 2,6 DJ28 Fabbricazione e lavorazione prodotti in metallo, escl.macchine 112 1,8 DI26 Fabbricazione prodotti lavorazione min. non metalliferi 105 1,7 DD20 Industria del legno, esclusi mobili 90 1,5 DN36 Fabbricazione mobili, altre industrie manifatturiere 59 1,0 DB18 Confezione di articoli di vestiario 35 0,6 5 H Alberghi e ristoranti 546 8,9 6 K Attività immobiliari, noleggio, informat., ricerca 383 6,2 7 O Altri servizi pubblici, sociali e personali 292 4,7 8 I Trasporti, magazzinaggio e comunicaz ,0 9 J Intermediazione monetaria e finanziaria 83 1,3 10 N Sanità e altri servizi sociali 25 0,4 11 M Istruzione 19 0,3 non classificate 58 0,9 TOTALE ,0 Fonte: elaborazioni CRESA su dati Infocamere

7 Tab. 6 Principali settori di attività economica presenti nella regione NUMERO UNITA' LOCALI PESO % 1 G Commercio all'ingrosso e dettaglio ,2 2 A Agricoltura, caccia e silvicoltura ,5 3 F Costruzioni ,0 4 D Attivita' manifatturiere ,6 di cui 0,0 DA15 Industrie alimentari e delle bevande ,5 DJ28 Fabbricazione e lavorazione prodotti in metallo, escl.macchine ,8 DB18 Confezione articoli di vestiario ,1 DN36 Fabbricazione mobili, altre industrie manifatturiere ,9 5 DD20 Industria del legno, esclusi mobili ,8 DK29 Fabbricazione macchine ed apparecchiature meccaniche ,7 K Attività immobiliari, noleggio, informat., ricerca ,9 6 H Alberghi e ristoranti ,0 7 O Altri servizi pubblici, sociali e personali ,2 8 I Trasporti, magazzinaggio e comunicaz ,9 9 J Intermediazione monetaria e finanziaria ,4 10 N Sanità e altri servizi sociali 857 0,6 11 M Istruzione 628 0,4 non classificate ,1 TOTALE ,0 Fonte: elaborazioni CRESA su dati Infocamere

8 Tab. 7 Studenti ISCRITTI all'ateneo dell'aquila A.A. 2007/08 per facoltà e provenienza geografica Italiani Stranieri Totale % stranieri Biotecnologie ,6 Economia ,3 Ingegneria ,5 Lettere e filosofia ,7 Medicina e chirurgia ,6 Scienze della formazione ,1 Scienze matematiche, fisiche e naturali ,8 Scienze motorie ,3 Totale ,0 Fonte: elaborazioni CRESA su dati Ministero dell'università e della ricerca Tab. 8 Iscritti a tutte le tipologie di corsi* A.A. 2007/2008 numero quota % sul totale iscritti var. % sull'a.a. 2003/2004 Biotecnologie ,0 194,5 Lettere e filosofia ,9-0,6 Medicina e chirurgia ,8 53,1 Scienze motorie ,0 31,1 Scienze matematiche, fisiche e naturali ,4 2,4 Ingegneria ,6 23,1 Economia ,1 12,7 Psicologia ,4 324,5 Scienze della formazione ,0-11,7 Totale ,3 26,5 * Sono compresi: Dottorati, Scuole di specializzazione, Master di I e II livello Fonte: elaborazioni CRESA su dati Università dell'aquila Tab. 9 Iscritti all'università dell'aquila per provenienza e spesa media Spesa media annua (milioni di Numero studenti euro) Studenti in sede Studenti pendolari tra e tra 17,5 e 23 Studenti fuori sede a e tra 135 e 150 Totale tra 220 e 235 Fonte: elaborazioni CRESA su dati Università dell'aquila

9 Tab. 10 Stima del volume d'affari generato da alcune attività economiche e di servizio nel Centro storico dell'aquila Attività Numero incidenza % su totale comune Volume d'affari medio annuo Milioni di euro in % del valore aggiunto del comune dell'aquila Esercizi commerciali, bar, alberghi, ristoranti, etc. tra 700 e tra 200 e %-17% Attività professionali circa % Studenti fuori sede (in circa abitazioni) tra e tra 85 e 95 6%-7% TOTALE circa circa % Fonte: elaborazioni CRESA su dati Confcommercio, Consorzio centro storico, Università dell'aquila, Ordini professionali, Agenzia delle Entrate Tab. 11 Stima del volume d'affari generato da alcune attività economiche e di servizio nel restante territorio comunale Attività Volume d'affari medio annuo Numero incidenza % su totale comune Milioni di euro in % del valore aggiunto del comune dell'aquila Esercizi commerciali, bar, alberghi, ristoranti, etc circa % Attività professionali circa 58 circa 72 5% Studenti fuori sede tra e tra 50 e 60 4% TOTALE circa circa % Fonte: elaborazioni CRESA su dati Confcommercio, Consorzio centro storico, Università dell'aquila, Ordini professionali vari, Agenzia delle Entrate Tab. 12 Stima del volume d'affari generato da alcune attività economiche e di servizio nel comune dell'aquila e incidenza sul complesso dell'economia locale Volume d'affari medio annuo Numero Milioni di euro in % del valore aggiunto del comune dell'aquila Esercizi commerciali, bar, alberghi, ristoranti, etc tra 640 e % - 49% Totale attività professionali circa % Totale iscritti all'università tra 220 e % - 17% TOTALE circa % Fonte: elaborazioni CRESA su dati Confcommercio, Consorzio centro storico, Università dell'aquila, Ordini professionali vari, Agenzia delle Entrate e Istat

10 INDICATORI SOCIO ECONOMICI DELL'AREA COLPITA DAL SISMA Graf. 1 DEMOGRAFIA POPOLAZIONE (var % ) INDICE DI DIPENDENZA 2007 (rapporto tra popolazione [>65+(0-14)] e popolazione 15-64; val. %) 8,1 47,0-4,6 58,4 5,3 53,0 DENSITA' DEMOGRAFICA (abitanti per Kmq.) QUOTA DELLA POPOLAZIONE DELL'AQUILA E DEI COMUNI DEL "CRATERE" SUL TOTALE ABRUZZO (val. %) 155,0 5,6 37,7 Comuni del con MCS >7 6,0 120,4 Comuni del con MCS <7 4,3

11 INDICATORI SOCIO ECONOMICI DELL'AREA COLPITA DAL SISMA Graf. 2 SISTEMA PRODUTTIVO UNITA' LOCALI DELL'AGRICOLTURA PER ABITANTI UNITA' LOCALI DELL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA PER ABITANTI 4,2 9,7 23,9 12,0 25,5 14,9 UNITA' LOCALI DELLE COSTRUZIONI PER ABITANTI UNITA' LOCALI DEGLI ALBERGHI E RISTORANTI PER ABITANTI 15,3 6,3 17,0 9,0 15,3 7,1 UNITA' LOCALI DEL COMMERCIO PER ABITANTI UNITA' LOCALI TOTALI DEL COMPRENSORIO AQUILANO PER ABITANTI 26,2 87,9 22,3 101,3 32,1 118,8

12 INDICATORI SOCIO ECONOMICI DELL'AREA COLPITA DAL SISMA Graf. 3 LIVELLO DI VITA REDDITO PRO CAPITE IN EURO (euro) RICCHEZZA IMMOBILIARE PRO CAPITE (EURO) ICI PRO CAPITE (euro) ABBONAMENTI TV PER 100 FAMIGLIE (%) 214,0 69,0 180,5 71,6 153,9 79,0 PENSIONI DI VECCHIAIA PER 100 ABITANTI (%) CONSUMI ELETTRICI PER FAMIGLIE (Kwh) 7, , ,

13 INDICATORI SOCIO ECONOMICI DELL'AREA COLPITA DAL SISMA Graf. 4 SERVIZI NUMERO DI ALUNNI DELLE SCUOLE DELL'OBBLIGO PER ABITANTI ADDETTI ALLE ISTITUZIONI PER ABITANTI 150,4 102,7 115,6 Altri comuni 58,6 154,1 65,7 ABITANTI PER SPORTELLO BANCARIO ALBERGHI E PUBBLICI ESERCIZI PER ABITANTI , , ,0 SERVIZI ALLE IMPRESE (Unità locali per imprese manifatturiere) UNITA' LOCALI DEL TERZIARIO PER ABITANTI 60,6 44,4 50,3 35,8 45,6 49,3

Abruzzo 2009 Tecnica di valutazione e censimento danni Agibilità degli edifici

Abruzzo 2009 Tecnica di valutazione e censimento danni Agibilità degli edifici Università Iuav di Venezia 8 9 Aprile 2010 SICUREZZA E CONSERVAZIONE NEL RECUPERO DEI BENI CULTURALI COLPITI DA SISMA Abruzzo 2009 Tecnica di valutazione e censimento danni Agibilità degli edifici Città

Dettagli

Argomento: Sisma Abruzzo. Quesito

Argomento: Sisma Abruzzo. Quesito Argomento: Sisma Abruzzo 1- Una ditta che ha chiesto la sospensione contributiva e quindi non versa il contributo a proprio carico né quello del personale dipendente, all atto del licenziamento di un lavoratore

Dettagli

SISMA ABRUZZO 6 APRILE 2009 STIMA QUANTIFICAZIONE MACERIE (aggiornamento al 19 luglio 2010)

SISMA ABRUZZO 6 APRILE 2009 STIMA QUANTIFICAZIONE MACERIE (aggiornamento al 19 luglio 2010) SISMA ABRUZZO 6 APRILE 2009 STIMA QUANTIFICAZIONE MACERIE (aggiornamento al 19 luglio 2010) PREMESSA 1. DETERMINAZIONE DEL VALORE MEDIO DI QUANTITATIVO DI MACERIE RISPETTO AL VOLUME VUOTO PER PIENO DEL

Dettagli

15 01 01 Imballaggi in carta e cartone. La raccolta della carta in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DELLA CARTA IN PROVINCIA DELL'AQUILA

15 01 01 Imballaggi in carta e cartone. La raccolta della carta in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DELLA CARTA IN PROVINCIA DELL'AQUILA CARTA E CARTONE CODICI CER DESCRIZIONE 15 01 01 Imballaggi in carta e cartone 20 01 01 Carta e cartone La raccolta della carta in Provincia dell'aquila 160.000 148.984,12 134.369,82 120.000 80.000 40.000

Dettagli

Avviso. Quick Impact Projects

Avviso. Quick Impact Projects Avviso Quick Impact Projects Interventi di micro finanza ad impatto rapido per lo start up di nuove imprese nel centro Abruzzo Invito a presentare proposte per l avvio di nuove attività imprenditoriali

Dettagli

Direzione centrale Entrate. Direzione centrale Bilanci e Servizi fiscali. Direzione centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione centrale Entrate. Direzione centrale Bilanci e Servizi fiscali. Direzione centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione centrale Entrate Direzione centrale Bilanci e Servizi fiscali Direzione centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 21 Aprile 2009 Circolare n. 59 Allegato 1 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

Batterie ed Accumulatori

Batterie ed Accumulatori 107 Visualizza la tabella dei Comuni della Provincia dell Aquila 108 CODICI CER BATTERIE ED ACCUMULATORI DESCRIZIONE 20 01 33* batterie e di cui alle voci 16 06 01, 16 06 02 e 16 06 03 nonché batterie

Dettagli

Coordinato da Valeria Lai. Agenzia Adiconsum - anno XXI - n. 22-24 aprile 2009. Stampato in proprio in aprile 2009. In questo numero: noi consumatori

Coordinato da Valeria Lai. Agenzia Adiconsum - anno XXI - n. 22-24 aprile 2009. Stampato in proprio in aprile 2009. In questo numero: noi consumatori Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XXI - n. 22-24 aprile 2009 Stampato in proprio in aprile 2009 In questo numero: Speciale S.o.s. Abruzzo: l impegno dell Adiconsum a sostegno delle popolazioni

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

DMC. Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo. PAR FAS ABRUZZO 2007-2013 Linea Azione 1.3.1.d

DMC. Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo. PAR FAS ABRUZZO 2007-2013 Linea Azione 1.3.1.d DMC Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo Ragione Sociale Consorzio Soc. Coop. A R.L.P.A. Capitale Sociale Euro 100.000,00 Legale Rappresentante Giagnoli Ottaviana Comuni del territorio coinvolto

Dettagli

Il credito spetta soltanto se si verificano particolari situazioni che sono tassativamente previste dalle norme.

Il credito spetta soltanto se si verificano particolari situazioni che sono tassativamente previste dalle norme. IL CREDITO D IMPOSTA INTRODUZIONE Il credito d imposta Tipologie del credito d imposta Quando spetta il credito d imposta Il credito d imposta è una agevolazione che riduce il debito di imposta. Questa

Dettagli

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari)

Allegato A. Allegato statistico. Interruzione di sezione (pagina dispari) Allegato A. Allegato statistico Interruzione di sezione (pagina dispari) Tabella 58 Titolari e soci per attività economica, sesso e anno valori assoluti (A) 2001 2000 Attività Titolari Soci Titolari Soci

Dettagli

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Benevento Settembre 213 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Economia e competitività Indicatori strutturali Valore aggiunto e

Dettagli

DMC PAR FAS ABRUZZO 2007-2013

DMC PAR FAS ABRUZZO 2007-2013 DMC Ragione Sociale DMC S.C. A R.L. Capitale Sociale: Euro 100.500,00 Legale Rappresentante: Alfonso D Alfonso Territorio coinvolto Barisciano*, Brittoli, Bussi sul Tirino*, Calascio, Capestrano*, Carapelle,

Dettagli

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera Elisabetta Tondini Procede anche in Umbria il processo di terziarizzazione. Dai dati strutturali alcuni segnali di cambiamento Il percorso Sul rapporto

Dettagli

SOS 7 luglio - Massiccia l'adesione

SOS 7 luglio - Massiccia l'adesione SOS 7 luglio - Massiccia l'adesione Domani tutti a Roma per i diritti dei terremotati 07/07/2010 Si annuncia davvero massiccia l adesione alla manifestazione di protesta, promossa dall assemblea del presidio

Dettagli

Regione Abruzzo DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA REGIONALE 2010-2012 PROPOSTA

Regione Abruzzo DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA REGIONALE 2010-2012 PROPOSTA Regione Abruzzo DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA REGIONALE 2010-2012 PROPOSTA L Aquila, dicembre 2009 Indice 1. L evoluzione del contesto Pag. 3 1.1 L evoluzione del contesto economico

Dettagli

I Consorzi di filiera

I Consorzi di filiera 1 La gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio è disciplinata dal D.lgs 22/1997, (Titolo II artt. 34-43), in attuazione della Direttiva 94/62/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del

Dettagli

Osservatorio Enti Locali

Osservatorio Enti Locali CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Aprile 2009 a cura della FONDAZIONE ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 21 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE I dati presentati in questo capitolo provengono dalle rilevazioni annuali sui risultati economici delle imprese, condotte in base a quanto disposto dal Regolamento UE N.

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

Reggio Emilia. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Reggio Emilia. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Reggio Emilia Settembre 213 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Economia e competitività Indicatori strutturali Valore aggiunto

Dettagli

PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL

PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL Tav.1 Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo 2005-2007 per anno, gestione e sesso Tav. 2 Infortuni sul lavoro avvenuti

Dettagli

METALLI. La raccolta dei metalli in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DEI METALLI IN PROVINCIA DELL AQUILA

METALLI. La raccolta dei metalli in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DEI METALLI IN PROVINCIA DELL AQUILA CODICI CER METALLI DESCRIZIONE 15 01 04 Imballaggi metallici 20 01 40 Metallo La raccolta dei metalli in Provincia dell'aquila 160.000 148.984,12 134.369,82 120.000 80.000 40.000 14.614,30 2.570,30 Rifiuti

Dettagli

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE

CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE CAPITOLO 5 LE ATTIVITÀ ECONOMICHE 5.1 - Imprese dei settori industria e servizi Al Censimento intermedio dell Industria e dei Servizi (31 dicembre1996) sono state rilevate 3.494 imprese 1 di tipo industriale

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela www.studiogiacalone.com Informativa per la clientela Informativa del 10 settembre 2010 La manovra correttiva (DL 31.5.2010 n. 78 convertito nella L. 30.7.2010 n. 122) - Principali novità INDICE 1 Premessa...

Dettagli

Bologna e Firenze: due città a confronto. Luglio 2005

Bologna e Firenze: due città a confronto. Luglio 2005 Luglio 2005 Il territorio, l'ambiente e il clima e : Indice Il territorio L'ambiente e la climatologia Il profilo demografico della popolazione La popolazione residente e le famiglie Il movimento naturale

Dettagli

L'Italia delle province. Pescara. Dicembre 2012

L'Italia delle province. Pescara. Dicembre 2012 Dicembre 212 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Stime e previsioni dei principali indicatori socio-economici Economia e competitività

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 di 13 02/12/2015 18:27 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 14 ottobre 2015 Termini, modalita' e procedure per la concessione ed erogazione di agevolazioni per la realizzazione di attivita' imprenditoriali

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE IL PERCORSO DI ADESIONE DEL PN GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA ALLA CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE IL RAPPORTO DIAGNOSTICO Giuseppe

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

VETRO. La raccolta del vetro in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DEL VETRO IN PROVINCIA DELL'AQUILA. RU Indifferenziati t/a

VETRO. La raccolta del vetro in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DEL VETRO IN PROVINCIA DELL'AQUILA. RU Indifferenziati t/a VETRO CODICI CER DESCRIZIONE 15 01 07 Imballaggi in vetro 20 01 02 La raccolta del vetro in Provincia dell'aquila 160.000 148.984,12 134.369,82 120.000 80.000 40.000 14.614,30 2663,83 Rifiuti Totali Prodotti

Dettagli

DALLA RESILIENZA ALLO SVILUPPO

DALLA RESILIENZA ALLO SVILUPPO DALLA RESILIENZA ALLO SVILUPPO QUALE CONTRIBUTO DALLE NUOVE GENERAZIONI Introduzione del Presidente di Unioncamere Marche Ing. Adriano Federici IL QUADRO ECONOMICO DELLE MARCHE si ringrazia Demografia

Dettagli

CORSI: R.L.S. R.S.P.P.

CORSI: R.L.S. R.S.P.P. Prof. Francesco Di Cosmo info@studiodicosmo.it CORSI: R.L.S. R.S.P.P. 1 Corso R.L.S. (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza) Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è una persona eletta

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI LAZIO Tavole statistiche Risultati del II trimestre 2015 e previsioni per il III trimestre 2015 Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Tavola 4

Dettagli

L Aquila 2030. sviluppo economico

L Aquila 2030. sviluppo economico L Aquila 2030 Una strategia di sviluppo economico uno strumento per pensare un ausilio ai processi decisionali S t u d i o pro m o s s o da l M i n i s t ro per la Coesione Territo r i a l e settembre

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

CONTRIBUTO ASSEGNATO. PROPRIETA' E DESCRIZIONE INTERVENTO Provincia III PIANO INTERVENTI EDIFICI SCOLASTICI DELIBERA CIPE 47/2009

CONTRIBUTO ASSEGNATO. PROPRIETA' E DESCRIZIONE INTERVENTO Provincia III PIANO INTERVENTI EDIFICI SCOLASTICI DELIBERA CIPE 47/2009 1 COMUNE DI AIELLI - Edificio materna, elementare e media AQ 940.000,00 2 COMUNE DI ALFEDENA - messa in sicurezza materna e elementare AQ 300.000,00 3 COMUNE DI ANVERSA DEGLI ABRUZZI - Scuola dell'infanzia

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO del Comune di Follonica

OSSERVATORIO ECONOMICO del Comune di Follonica OSSERVATORIO ECONOMICO del Comune di Follonica CONGIUNTURA Consuntivo 2007 Previsioni 2008 II semestre 2007 Previsioni I semestre 2008 Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici - Istituto Guglielmo

Dettagli

A cura del Soggetto Attuatore

A cura del Soggetto Attuatore SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4391/2001nell

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 14 ottobre 2015. Termini, modalità e procedure per la concessione ed erogazione di agevolazioni per la realizzazione

Dettagli

NOGA Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura

NOGA Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura NOGA Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Berna, 2002 Informazioni: Realizzazione: Diffusione: Esther Nagy, BFS Tel. ++41 32 713 66 72 / E-Mail: esther.nagy@bfs.admin.ch Jean Wiser,

Dettagli

La struttura economica romana

La struttura economica romana Capitolo 1 La struttura economica romana 15 LA STRUTTURA ECONOMICA ROMANA Il sistema produttivo 1 La struttura del sistema produttivo romano 1.1 La situazione nel 2001 In Italia secondo i dati dell archivio

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

IL SETTORE SANITARIO E LA RILEVANZA ECONOMICA DI UNA RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA SANTINO PIAZZA IRES PIEMONTE 15 APRILE 2015

IL SETTORE SANITARIO E LA RILEVANZA ECONOMICA DI UNA RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA SANTINO PIAZZA IRES PIEMONTE 15 APRILE 2015 IL SETTORE SANITARIO E LA RILEVANZA ECONOMICA DI UNA RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA SANTINO PIAZZA IRES PIEMONTE 15 APRILE 2015 IL SETTORE SANITARIO IN PILLOLE.. LE RISORSE Valore aggiunto 2012 Italia Italia

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

PARTE I IL SISTEMA CITTA : PROFILO SOCIO ECONOMICO, PROFILO COMMERCIALE, PROFILO URBANISTICO

PARTE I IL SISTEMA CITTA : PROFILO SOCIO ECONOMICO, PROFILO COMMERCIALE, PROFILO URBANISTICO PARTE I IL SISTEMA CITTA : PROFILO SOCIO ECONOMICO, PROFILO COMMERCIALE, PROFILO URBANISTICO 1. IL SISTEMA CITTA : IL PROFILO SOCIO-ECONOMICO 1.1. Premessa Il presente progetto, pur riferendosi direttamente

Dettagli

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCICOLI TERRITORIALI NOME CAPITOLO CODICE TAVOLA SOTTOCAPITOLO

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCICOLI TERRITORIALI NOME CAPITOLO CODICE TAVOLA SOTTOCAPITOLO CAPITOLO INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCICOLI TERRITORIALI NOME CAPITOLO SOTTOCAPITOLO CODICE TAVOLA DESCRIZIONE TAVOLA delle a livello. Iscrizioni/cancellazioni/stock di registrate/stock di attive

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9, COMMA 3 Azioni di formazione aziendale PROPOSTA DI PIANO

REGIONE CAMPANIA. INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9, COMMA 3 Azioni di formazione aziendale PROPOSTA DI PIANO ALLEGATO C A CURA DELL AMMINISTRAZIONE Data e numero di Protocollo: Numero progressivo di arrivo: 1. Dati identificativi Proposta REGIONE CAMPANIA INTERVENTI DI FORMAZIONE CONTINUA EX L. 236/93, ART. 9,

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia La farmaceutica è un patrimonio manifatturiero che il Paese non può perdere La farmaceutica e il suo indotto 174 fabbriche 62.300 addetti

Dettagli

Tutto quello che c'è da sapere sull'rspp (Responsabile del servizio prevenzione e protezione))

Tutto quello che c'è da sapere sull'rspp (Responsabile del servizio prevenzione e protezione)) Tutto quello che c'è da sapere sull'rspp (Responsabile del servizio prevenzione e protezione)) Chi è l RSPP in azienda, quando è obbligatorio, che titoli di studio deve avere, quali corsi e quali aggiornamenti

Dettagli

LE CARATTERISTICHE ECONOMICHE ED IL QUADRO EVOLUTIVO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE

LE CARATTERISTICHE ECONOMICHE ED IL QUADRO EVOLUTIVO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana COMUNE DI EMPOLI LE CARATTERISTICHE ECONOMICHE ED IL QUADRO EVOLUTIVO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE novembre 2006 1. I PRINCIPALI INDICATORI MACROECONOMICI

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 2 agosto 2013. Regione Abruzzo - Ricostruzione post-sisma dell aprile 2009. Ripartizione delle risorse di cui all articolo 7 -bis del

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

Scenari regionali. Piemonte. Dicembre 2011

Scenari regionali. Piemonte. Dicembre 2011 Dicembre 211 Le previsioni al 214 Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali Infrastrutture Mercato del lavoro e Tenore di vita Economia e competitività Indicatori strutturali Valore

Dettagli

Riordino degli interventi di sostegno alla nascita e allo sviluppo di start-up innovative in tutto il territorio nazionale.

Riordino degli interventi di sostegno alla nascita e allo sviluppo di start-up innovative in tutto il territorio nazionale. D.M. 24 settembre 2014 (1). Riordino degli interventi di sostegno alla nascita e allo sviluppo di start-up innovative in tutto il territorio nazionale. (2) (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 13 novembre 2014,

Dettagli

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Andamento delle attività economiche Sedi di imprese e localizzazioni

Dettagli

Scienza e Tecnologia in cifre

Scienza e Tecnologia in cifre Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA SULL IMPRESA E LO SVILUPPO 2013 AGGIORNAMENTI Scienza e Tecnologia in cifre STATISTICHE SULLA RICERCA E INNOVAZIONE ehjkhh Ottobre 2013 Aggiornamento

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività)

SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE. (Titolo del progetto) (Attività) SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE ALLEGATO H (Informazioni richieste dal MIUR per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE a valere sull Avviso 4384/2001

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

A cura dell interessato

A cura dell interessato A cura dell interessato DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO...l... sottoscritto/a... nato/a il a... (...) Stato... (Comune) Prov. Codice Fiscale fa domanda di partecipazione all intervento indicato Al

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

ELENCO COMUNI E FUNZIONARI RESPONSABILI

ELENCO COMUNI E FUNZIONARI RESPONSABILI ACCIANO AQ Rosanna TUTERI 67041 AIELLI AQ Emanuela CECCARONI 67030 ALFEDENA AQ Maria RUGGERI 67030 ANVERSA DEGLI ABRUZZI AQ Rosanna TUTERI 67030 ATELETA AQ Rosanna TUTERI 67051 AVEZZANO AQ Emanuela CECCARONI

Dettagli

PIANO MIGLIORATIVO TERRITORIALE - PROGETTO DIMOSTRATIVO dell'area GAL Gran Sasso Velino

PIANO MIGLIORATIVO TERRITORIALE - PROGETTO DIMOSTRATIVO dell'area GAL Gran Sasso Velino UNIONE EUROPEA PIANO MIGLIORATIVO TERRITORIALE - PROGETTO DIMOSTRATIVO dell'area GAL Gran Sasso Velino PSR ABRUZZO 2007/2013. ASSE IV LEADER. MISURA 413 - QUALITA DELLA VITA, DIVERSIFICAZIONE ATTIVITA

Dettagli

Il reddito di lavoro dipendente e gli adempimenti del sostituto d'imposta. Novità e conferme

Il reddito di lavoro dipendente e gli adempimenti del sostituto d'imposta. Novità e conferme Il reddito di lavoro dipendente e gli adempimenti del sostituto d'imposta. Novità e conferme Premi produttività e imposta sostitutiva del 10% Regime tributario degli sgravi contributivi Eventi eccezionali

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo

Università degli Studi di Cagliari Centro Orientamento di Ateneo Università degli studi di Cagliari SCHEDA ANAGRAFICA DEI CANDIDATI ALLA SELEZIONE (Informazioni richieste dal M.U.R. per analisi di realizzazione e di risultato dei progetti ammessi a cofinanziamento FSE

Dettagli

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura

NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche. Struttura NOGA 2008 Nomenclatura generale delle attività economiche Struttura Neuchâtel, 2008 La serie «Statistica della Svizzera» pubblicata dall Ufficio federale di statistica (UST) comprende i settori seguenti:

Dettagli

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013

Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 Ref. Ares(2013)3212181-09/10/2013 Programma Operativo Regionale FESR 2007-2013 CCI 2007 IT 162 PO 001 Regione Abruzzo Settembre 2013 Area di intervento: REGIONE ABRUZZO Denominazione: PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle

Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle agglomerazioni industriali italiane Giovanni Iuzzolino e Marcello Pagnini (Banca d Italia) Giovedì 21 marzo 2013, Unioncamere - Roma Il lavoro

Dettagli

A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO

A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO A.4 IL SISTEMA PRODUTTIVO A.4.1 Le unità locali Le unità locali presenti sul territorio della provincia di Ferrara, al Censimento dell Industria e dei Servizi 2001, erano 32.101, in aumento, rispetto al

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Decreto Ministero dello Sviluppo Economico 24 settembre 2014; G.U. 13 novembre 2014 n. 264 Riordino degli interventi di sostegno alla nascita e allo sviluppo di start-up innovative in tutto il territorio

Dettagli

Capitolo 1 La dinamica imprenditoriale del Distretto di Nocera Inferiore Gragnano

Capitolo 1 La dinamica imprenditoriale del Distretto di Nocera Inferiore Gragnano Capitolo 1 La dinamica imprenditoriale del Distretto di Nocera Inferiore Gragnano 1.1 Caratteristiche del tessuto imprenditoriale Per analizzare i tratti salienti dell economia del Distretto di Nocera-Gragnano

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005

Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005 Indice dei temi e delle tavole della giornata dell economia 2005 1) Consuntivo strutturale 2004 1.1 Demografia 9 maggio 2005 Andamento serie storica demografia delle imprese (5 anni) a livello provinciale

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare n. 68032 del 10 dicembre 2014 Criteri e modalità di concessione delle agevolazioni ai sensi del decreto ministeriale

Dettagli

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B

PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B PROGRAMMA CORSO ASPP/RSPP mod. B Essendo un modulo di specializzazione, esso tratta la natura dei rischi presenti nei luoghi di lavoro, correlati alle specifiche attività lavorative. La sua durata varia

Dettagli

Docenti: Esperti in legislazione sul lavoro, sicurezza sul lavoro, tecniche di comunicazione.

Docenti: Esperti in legislazione sul lavoro, sicurezza sul lavoro, tecniche di comunicazione. Corso di formazione per R.S.P.P. e A.S.P.P. in materia di Prevenzione e Protezione D.Lgs 81/2008 Art. 32 Comma 2 Conferenza Stato-Regione 26 Gennaio 2006 La frequenza del corso è obbligatoria per i soggetti

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 30 luglio 2008 Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla sua dodicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

PIT - AMBITO DELL AQUILA BANDO PROGETTO INTEGRATO TERRITORIALE AMBITO DELL AQUILA

PIT - AMBITO DELL AQUILA BANDO PROGETTO INTEGRATO TERRITORIALE AMBITO DELL AQUILA PROVINCIA DELL AQUILA (Organismo Intermedio POR FESR ABRUZZO 2007-2013) PIT - AMBITO DELL AQUILA BANDO PROGETTO INTEGRATO TERRITORIALE AMBITO DELL AQUILA Acciano, Barete,Barisciano, Cagnano Amiterno, Calascio,

Dettagli

Il Presidente della Regione Abruzzo

Il Presidente della Regione Abruzzo Il Presidente della Regione Abruzzo Relazione al Parlamento 2 La presente relazione è resa in ottemperanza a quanto disposto dall art. 14, comma 5-quater, del decreto legge n. 39/2009, così come convertito

Dettagli

Università degli Studî Suor Orsola Benincasa - Napoli Facoltà di Scienze della Formazione. Allegato H

Università degli Studî Suor Orsola Benincasa - Napoli Facoltà di Scienze della Formazione. Allegato H Università degli Studî Suor Orsola Benincasa - Napoli Facoltà di Scienze della Formazione Allegato H in Corso di Formazione Gli strumenti finanziari dell'ue a sostegno della ricerca scientifica e dello

Dettagli

Accordi Stato-Regioni per la formazione 21 dicembre 2011

Accordi Stato-Regioni per la formazione 21 dicembre 2011 Lavorat (+ art. 21 comma 1: componenti dell'impresa familiare [ ], i lavoratori autonomi [ ], i coltivatori diretti del fondo, i soci delle società semplici operanti nel sett agricolo, gli artigiani e

Dettagli

Elenco Corsi Sicurezza obbligatori comuni a tutti i settori integrato con parte dei contenuti

Elenco Corsi Sicurezza obbligatori comuni a tutti i settori integrato con parte dei contenuti Elenco Corsi Sicurezza obbligatori comuni a tutti i settori integrato con parte dei contenuti dell accordo Rep. 221 del 21/12/2011 e 223 del 21/12/2011 Stato/Regione Sono obbligate a possedere tutte le

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

BANDO PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE EMERGENZA ABRUZZO

BANDO PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE EMERGENZA ABRUZZO BANDO PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE EMERGENZA ABRUZZO *** *** *** INDICE 1 Premessa..2 1.1 Pubblicazione...2 1.2 Origine delle risorse.2 1.3 Criteri ispiratori...2 1.4 Ammontare delle somme messe a bando.3

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010)

Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010) 20 ottobre 2010 Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010) L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla quattordicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

Indice delle tavole della 3^ Giornata dell Economia

Indice delle tavole della 3^ Giornata dell Economia Indice delle tavole della 3^ Giornata dell Economia 1) Consuntivo strutturale 2004 1.1 Demografia Andamento serie storica demografia delle imprese (5 anni) a livello provinciale 1.1.1 Imprese registrate

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCIOLI TERRITORIALI

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCIOLI TERRITORIALI INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCIOLI TERRITORIALI Tav 1.1 - Riepilogo delle imprese registrate e attive per divisione di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei quattro trimestri 2011. Iscrizioni

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL INTERVENTO PON La scuola per lo sviluppo n.1999 IT 05 1 P0 013. Regione Campania Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE 1 2 Analisi dell'andamento delle operazioni attive 2008 rispetto al 2007 206 Studi di Settore In

Dettagli

PIANO DI SVILUPPO LOCALE Rimodulazione settembre 2011 GRAN SASSO VELINO: UN IDENTITA MASSICCIA

PIANO DI SVILUPPO LOCALE Rimodulazione settembre 2011 GRAN SASSO VELINO: UN IDENTITA MASSICCIA PIANO DI SVILUPPO LOCALE Rimodulazione settembre 2011 GRAN SASSO VELINO: UN IDENTITA MASSICCIA REGIONE ABRUZZO PSR 2007-2013 La proposta di Piano di Sviluppo Locale consiste in un documento con pagine

Dettagli