Comune di Boville Ernica Provincia di Frosinone. Regolamento del Servizio di Polizia Locale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Boville Ernica Provincia di Frosinone. Regolamento del Servizio di Polizia Locale"

Transcript

1 Comune di Boville Ernica Provincia di Frosinone Regolamento del Servizio di Polizia Locale

2 CAPO I ORDINAMENTO Art. 1) Norma generale. Il presente regolamento disciplina, ai sensi della legge 7 marzo 1986, n. 65 e della legge regionale del Lazio 20 GENNAIO 2005, n. 1 e successive modificazioni ed integrazioni, l ordinamento, l organizzazione e le funzioni del Servizio di Polizia Locale di Boville Ernica. Art. 2) Finalità, compiti e funzioni. Il Servizio di Polizia Locale, che per brevità verrà di seguito denominato anche Servizio, assolve a tutti i compiti previsti dalle leggi e dai regolamenti vigenti all interno del territorio dell ente. Art. 3) Dotazione di risorse umane. La dotazione di risorse umane del Servizio di Polizia Locale di Boville Ernica è fissata, in applicazione dei principi generali dettati dalla normativa vigente e dalla dotazione organica dell ente. L amministrazione, nomina il Responsabile del Servizio nel rispetto della normativa e del vigente C.C.N.L. Art. 4) Personale ausiliario. Il personale ausiliario, amministrativo e operaio, eventualmente in servizio presso il Servizio di Polizia Locale, non è considerato quale parte integrante della dotazione di risorse umane del Servizio stesso. Con Decreto del Sindaco può essere attribuita a detto personale la qualifica di Ausiliario del Traffico o Ausiliario della Sosta, ai sensi della legge n. 127/97 (legge Bassanini bis) e successive modifiche ed integrazioni, previa effettuazione di

3 apposito Corso di qualificazione professionale tenuto a cura del Servizio di Polizia Locale. In caso di necessità, per particolari servizi o cerimonie che coinvolgano il Servizio di Polizia Locale, gli Ausiliari di cui al comma che precede possono essere autorizzati dal Responsabile del Servizio ad indossare l uniforme di servizio completa anche in via continuativa. Art. 5) Dipendenza del Servizio di Polizia Locale. Il Servizio di Polizia Locale è direttamente alle dipendenze del Sindaco o dell assessore delegato. Il Sindaco ha poteri di indirizzo generali e di controllo sullo svolgimento delle attività del Servizio ai sensi del Testo Unico degli Enti Locali n. 267/2000 e dell art. 9 della legge n. 65/1986 e della L.R. n. 1/2005. Nell esercizio delle funzioni di Pubblica Sicurezza, il personale del Servizio messo a disposizione dal Sindaco, per operazioni da svolgersi in collaborazione con le altre forze di polizia, dipende funzionalmente ed operativamente dalla competente Autorità di Pubblica Sicurezza, con le modalità prescritte dagli accordi intercorsi tra l Autorità richiedente ed il Sindaco. Nel caso in cui un operatore di polizia locale, riceva un ordine urgente direttamente dall Autorità di pubblica sicurezza, senza utilizzo della normale via gerarchica, lo stesso è tenuto ad eseguirlo e a darne immediata notizia al Servizio. Nell esercizio delle funzioni di Polizia Giudiziaria, il personale del Servizio, dipende operativamente e funzionalmente dall Autorità Giudiziaria, ai sensi dell art. 56 del Codice di Procedura Penale e dell art. 109 della Costituzione. Art. 6) Qualifiche. Gli appartenenti al Servizio di Polizia Locale, nell ambito territoriale del Comune, rivestono le qualifiche di: a) Agenti e Istruttori di Polizia Locale ai sensi dell art. 5 della legge 65/86 e del vigente C.C.N.L.EE.LL.; b) Agenti di Pubblica Sicurezza, ai sensi dell art. 5 della legge 65/86; c) Ufficiali di Polizia Giudiziaria relativamente al Responsabile del Servizio ed agli Istruttori Direttivi (categoria D);

4 d) Ufficiali di Polizia Giudiziaria relativamente agli Istruttori di P.L. (categoria C) addetti al coordinamento e controllo di unità operative, che abbiano effettuato apposito corso di qualificazione professionale; e) Agenti di Polizia Giudiziaria, relativamente agli Istruttori di P.L., Agenti Scelti ed Agenti, ai sensi della legge 65/86 e dell art. 57, commi 2 e 3, del Codice di Procedura Penale; f) Pubblici Ufficiali ai sensi dell art. 357 del Codice Penale. Art. 7) Organizzazione del servizio. L organizzazione del servizio di polizia locale è improntata al principio della multifunzionalità e multiprofessionalità degli addetti ed al criterio della rotazione, a turno, degli stessi tra uffici e settori operativi. Art. 8) Attribuzioni del Responsabile. Al Responsabile del Servizio di Polizia Locale spetta la gestione finanziaria, tecnicooperativa ed amministrativa, compresa l adozione di tutti gli atti che impegnano l Amministrazione verso l esterno, mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo. Egli è responsabile della gestione e dei relativi risultati in relazione all attività svolta dalla struttura posta alle sue dipendenze secondo l indirizzo ricevuto dall Amministrazione ed in linea con gli obiettivi fissati dalla stessa. Il Responsabile del Servizio informa, secondo le disposizioni vigenti, il Sindaco sui risultati ottenuti dal Servizio di Polizia Locale e sulla loro efficacia rispetto agli obiettivi prefissati. Art. 9) Collaborazione con le forze di polizia. In via ordinaria, il personale della polizia locale, nell ambito del territorio comunale, collabora con le altre forze di polizia, garantendo gli interventi compresi nella propria competenza istituzionale. Possono, inoltre, espletare specifiche operazioni in collaborazione con le forze di polizia dello Stato, nei casi in cui il Prefetto, ai sensi dell art. 12 della legge 12 luglio 1991 n. 203, previa richiesta al Sindaco, disponga dei piani coordinati di controllo del territorio in armonia con il disposto della legge n. 65/86.

5 CAPO II PERSONALE Art. 10) Gerarchia e subordinazione. L'ordine di subordinazione gerarchica del personale del Servizio di Polizia Locale è così stabilito: a) Responsabile del Servizio b) Vice-responsabile c) Sottufficiale di Polizia Locale d) Agente scelto e) Agente La gerarchia in tutti i profili professionali, è determinata secondo i principi e le disposizioni dettate dalle leggi, dai regolamenti e dai C.C.N.L. In operazioni di polizia giudiziaria il personale appartenente al Servizio di Polizia Locale è tenuto ad eseguire gli ordini impartiti dai dirigenti e funzionari dei vari servizi, che esplicano funzioni di ufficiali di polizia giudiziaria, ai sensi dell articolo 5, comma 1, lettera a, della legge 65/86. Nei servizi di ordine pubblico, restano ferme le disposizioni contenute, negli articoli 22 e seguenti del regolamento di esecuzione del T.U.LL.P.S. Art. 11) Rapporto con i superiori. Tutti gli appartenenti al Servizio sono tenuti ad uniformarsi e ad eseguire le disposizioni impartite dei superiori gerarchici. Le disposizioni devono essere attinenti al servizio o alla disciplina, non eccedenti i compiti di istituto e non lesive della dignità personale di coloro cui sono dirette. Nel caso in cui, all esecuzione delle disposizioni impartite, si frapponessero difficoltà, inconvenienti od ostacoli imprevisti, l operatore di polizia locale dovrà adoperarsi per evitare pregiudizio al servizio, riferendo al superiore gerarchico appena possibile. In caso di disposizione ritenuta illegittima, l operatore dovrà farlo presente, dichiarandone i motivi al proprio superiore. Se l ordine è rinnovato per iscritto,

6 l operatore ha l obbligo di eseguirlo, salvo quando l ordine sia vietato dalla legge penale. CAPO III DISCIPLINA Art. 12) Riconoscimenti. Agli appartenenti al Servizio di Polizia Locale che si siano particolarmente distinti, per impegno, diligenza, capacità professionale o atti eccezionali di merito, possono essere concessi i seguenti riconoscimenti: a) Elogio del Responsabile del Servizio, per singoli atti di merito compiuti in servizio o fuori servizio, che abbiano dato particolare lustro al Servizio di Polizia Locale; b) Encomio del Sindaco, per singoli atti di merito compiuti in servizio o fuori servizio che abbiano dato particolare lustro all Amministrazione Comunale; c) Encomio solenne deliberato dal Consiglio Comunale, su proposta della Giunta Comunale, viene conferito al personale che abbia dimostrato di possedere, in relazione alla qualifica ricoperta o nello svolgimento di particolari attività di servizio, spiccate qualità professionali e non comune determinazione operativa; tale riconoscimento può essere conferito solo dopo almeno 15 anni di servizio nella Polizia Locale, includendo anche periodi svolti presso Servizi di Polizia Locale di altri comuni o presso Forze di Polizia dello Stato, e, comunque, dopo almeno 10 anni di servizio presso il Servizio di Polizia Locale di Boville Ernica; d) proposta di ricompensa al valore civile per gli atti di particolare coraggio. La concessione dei riconoscimenti di cui sopra è annotata sullo stato di servizio del personale interessato e non dà diritto ad elevazioni del profilo professionale, essendo valutabile unicamente ai fini della progressione economica orizzontale (p.e.o.). Al riconoscimento di cui al punto c) è connessa l attribuzione di apposita medaglia placcata oro con lo stemma del comune di Boville Ernica sul lato frontale e la dicitura encomio solenne e la data del provvedimento sul lato posteriore, sorretta da nastro di seta a due bande laterali di colore celeste ed una banda centrale di colore bianco, con cui si potrà fregiare l encomiato sulla grande uniforme o, nella forma ridotta del solo nastrino, sull uniforme ordinaria di servizio.

7 CAPO IV CONDOTTA IN SERVIZIO Art. 13) Norme generali di condotta. Il personale del Servizio di Polizia Locale, deve avere in servizio un comportamento improntato alla massima correttezza, imparzialità e cortesia nei confronti del pubblico, operando con senso di responsabilità in modo da riscuotere stima, fiducia e rispetto da parte della collettività. Deve astenersi dal porre in atto comportamenti ed atteggiamenti tali da arrecare pregiudizio all Amministrazione comunale o al Servizio di Polizia Locale. Art. 14) Comportamento in pubblico. L appartenente al Servizio di Polizia Locale deve corrispondere alle richieste dei cittadini, intervenendo o indirizzandoli secondo criteri di opportunità ed equità e deve sempre salutare la persona che lo interpella o a cui si rivolge. Quando opera in abito civile, ha l obbligo di qualificarsi preventivamente esibendo la tessera di riconoscimento. Deve assumere nei confronti della collettività un comportamento consono alla sua funzione; non deve dilungarsi in discussioni con cittadini per cause inerenti ad operazioni di servizio e deve evitare in pubblico apprezzamenti o rilievi sull operato dell Amministrazione, del Servizio di Polizia Locale, dei superiori gerarchici o dei colleghi. Non deve occuparsi, nemmeno gratuitamente, della redazione di esposti o ricorsi relativi ad argomenti o provvedimenti relativi al servizio. Art. 15) Cura della persona e dell uniforme. Il personale della Polizia Locale deve avere particolare cura della propria persona e dell aspetto esteriore, al fine di evitare giudizi negativi incidenti sul prestigio e sul decoro dell Amministrazione comunale e del Servizio che rappresenta.

8 L uniforme deve essere indossata in ogni sua parte ed in perfette condizioni di pulizia, con proprietà, dignità e decoro. Essa deve essere conservata con la massima cura per tutta la durata della giornata. E fatto divieto agli appartenenti al Servizio di apportare modifiche o visibili aggiunte all uniforme tali da alterarne l assetto formale. La fornitura dell uniforme di prima vestizione e la periodica sostituzione dei capi è a spese del Comune, così come indicato negli articoli 36 e 39 seguenti. Art. 16) Saluto. Il saluto è dovuto ai cittadini con i quali si viene in contatto per ragioni d ufficio, alla bandiera nazionale, al gonfalone comunale, al Sindaco, agli Assessori, alle Autorità civili, militari e religiose, ai cortei funebri, nonché ai superiori gerarchici anche appartenenti ad altri Servizi di Polizia Locale, alle Forze di Polizia dello Stato o alle Forze Armate. E dispensato dal saluto: a) il personale che presta servizio di regolazione del traffico e che ne sia materialmente impedito dall espletamento dei compiti d istituto; b) il personale alla guida o a bordo di veicoli; c) il personale in servizio di scorta al gonfalone civico e alla bandiera nazionale. Il saluto si esegue portando la mano destra, aperta ed a dita unite, all altezza del copricapo. Il polso è posto in linea con l avambraccio ed il braccio in linea con la spalla. Art. 17) Segreto d ufficio e riservatezza. Il personale della Polizia Locale ed il personale ausiliario che eventualmente presta l opera presso il Servizio, è tenuto alla rigorosa osservanza del segreto d ufficio e non può fornire, a chi non ne abbia diritto, anche se si tratta di atti non segreti, notizie relative ai servizi d istituto, a provvedimenti in genere e ad operazioni di qualsiasi natura. La divulgazione di notizie relative ai servizi espletati dal Servizio di Polizia Locale e dalle sue Sezioni, o a provvedimenti di organizzazione generale o ad operazioni di servizio specifiche, che assumano carattere di interesse generale e che non siano

9 coperte da segreto d ufficio, è attuata unicamente dal Responsabile, anche a mezzo di comunicati stampa. E, inoltre, fatto divieto di fornire notizie sulla vita privata degli appartenenti al Servizio, compresa la semplice indicazione del domicilio, della residenza e numero telefonico; per ragioni attinenti al servizio, può essere fornito il solo recapito di telefono radiomobile di chi ne fosse dotato dall Amministrazione. Art. 18) Servizi in uniforme. CAPO V IMPIEGO OPERATIVO Gli appartenenti al Servizio prestano servizio in uniforme. Il Responsabile del Servizio può autorizzare l abito civile quando ciò risulti strettamente necessario per l espletamento del servizio. Il Responsabile del Servizio in circostanze specifiche e straordinarie è dispensato dall uso dell uniforme. Art. 19) Obbligo di intervento. Fermo restando l espletamento dei doveri connessi alla qualità di pubblico ufficiale e di agente o ufficiale di Polizia Giudiziaria, gli appartenenti al Servizio hanno l obbligo di intervenire per tutti i compiti derivanti dalle funzioni di istituto. Art. 20) Obblighi al termine del servizio. Il personale, su ogni fatto di particolare rilievo, avvenuto durante l espletamento del servizio, deve riferire, con apposita relazione, al Responsabile del Servizio, al fine di consentire l espletamento degli adempimenti di legge, fatto salvo l obbligo del dipendente di redigere gli ulteriori atti prescritti dalle disposizioni normative vigenti. CAPO VI

10 UNIFORMI ED ATTREZZATURE Art. 21) Uniformi. L uniforme di servizio degli appartenenti al Servizio di Polizia Locale è fornita dall Amministrazione secondo quanto stabilito nel successivo articolo 39. In servizio, gli appartenenti, devono vestire l uniforme regolare e completa. E obbligatorio tenere sempre allacciati tutti i bottoni dell uniforme e le chiusure tipo zip. E vietato l uso dell uniforme in luoghi, occasioni o incombenze non consoni al decoro dell uniforme. Le uniformi degli appartenenti al Servizio debbono recare i distintivi con lo stemma del Comune ed il numero personale di matricola. La foggia, le caratteristiche, i colori ed i distintivi sono quelli che saranno stabiliti con legge dalla Regione Lazio. Fino all emanazione della Legge Regionale indicata al comma precedente, per gli appartenenti al Servizio di Polizia Locale di Boville Ernica, vengono previste le seguenti corrispondenze tra funzione e caratteristiche dell uniforme: UFFICIALI SPALLINE SOGGOLO D2 Tre stelle sei punte rosse Fascia dorata con tre nastri rossi D1 Due stelle sei punte oro Fascia dorata con due nastri oro Sottufficiali C 5 Tre binari colore oro Fascia dorata interlinea nera con tre nastri oro C 4 Due binari colore oro Fascia dorata interlinea nera con due nastri oro

11 C 3 Un binario colore oro Fascia dorata interlinea nera con un nastro oro Agenti C 2 Con una V colore rosso Fascia nera con una fascetta nera verticale C 1 ========== Fascia nera lucido con nastro nero verticale Gli appartenenti al profilo D vestono alamari decorati (tipo ufficiali dei Carabinieri) color oro su fondo crémisi. Gli appartenenti al profilo C vestono alamari rettangolari semplici (tipo granatieri) color oro su fondo crémisi. Art. 22) Tessera di riconoscimento. Agli appartenenti al Servizio di Polizia Locale è rilasciata dal Sindaco una tessera di riconoscimento plastificata, con validità quinquennale. Agli appartenenti in servizio esterno, sia in uniforme che in abiti civili, sono tenuti a recare con sé la tessera di riconoscimento. La tessera rilasciata agli appartenenti al profilo D è su fondo rosso; quella rilasciata agli appartenenti al profilo C è su fondo blu. La tessera va restituita all atto della cessazione del servizio e ritirata a seguito di sospensione dal servizio. E fatto obbligo di denunciare tempestivamente al Servizio lo smarrimento, la sottrazione, il danneggiamento od il semplice deterioramento del documento. Art. 23) Strumenti in dotazione. Gli appartenenti al Servizio di Polizia Locale sono responsabili degli strumenti in dotazione.

12 I veicoli di servizio possono essere condotti esclusivamente dal personale di polizia locale. E fatto obbligo di denunciare al Servizio lo smarrimento, la sottrazione, il danneggiamento ed anche il semplice deterioramento del distintivo di riconoscimento individuale, dei verbali e di ogni altro strumento in dotazione. CAPO VII ADDESTRAMENTO Art. 24) Addestramento professionale. Il personale della Polizia Locale di nuova assunzione è tenuto a frequentare, con assiduità e diligenza, corsi di formazione professionale con le modalità stabilite dall Amministrazione comunale. Tutto il personale della Polizia Locale è tenuto, altresì, a frequentare, con assiduità e diligenza, secondo le modalità stabilite dall Amministrazione, i corsi di qualificazione, di specializzazione e di aggiornamento professionali appositamente organizzati. Se il personale che frequenta tali corsi di qualificazione e/o aggiornamento professionale risulta in servizio durante il corso medesimo, dovrà vestire obbligatoriamente l uniforme. Della frequenza ai corsi e del relativo risultato è fatta menzione nei fascicoli personali degli interessati. Il Servizio, tenuto conto delle esigenze, programma e dispone la frequenza del personale dipendente, ai corsi organizzati e riconosciuti dalla Regione Lazio per la Polizia Locale, alle giornate di studio ed aggiornamento professionale, nonché ai convegni promossi da Associazioni di categoria ove vengano trattati temi relativi ad attività svolte dalla Polizia Locale. Il Servizio, inoltre, programma, organizza e propone all Amministrazione comunale corsi di formazione, qualificazione, specializzazione ed aggiornamento professionale, da svolgersi a carico dell Amministrazione stessa.

13 Il Responsabile del Servizio ed i Responsabili delle varie Sezioni ed Uffici, sono tenuti ad effettuare sedute di addestramento professionale in relazione alle normali esigenze dell impiego istituzionale, nonché in occasione di introduzione di nuove norme che interessano la realtà operativa. Art. 25) Addestramento fisico. L Amministrazione comunale favorisce e promuove la pratica dell attività sportiva da parte del personale della Polizia Locale, allo scopo di consentire la preparazione ed il ritempramento psico-fisico necessario per lo svolgimento delle attività istituzionali ed a garanzia del migliore rendimento professionale. Il Responsabile del Servizio programma, organizza e dispone la partecipazione dei dipendenti a periodici corsi di addestramento ginnico-sportivo, con particolare riguardo alla pratica della difesa personale. CAPO VIII DISPOSIZIONI FINALI Art. 26) Santo Patrono. Il giorno 20 Gennaio di ogni anno ricorre la festa di San Sebastiano, Patrono della Polizia Locale. La ricorrenza viene celebrata con apposite cerimonie, anche non solenni, predisposte dal Servizio. Art. 27) Gonfalone e bandiere. Il Servizio di Polizia Locale ha in dotazione il Gonfalone del Comune di Boville Ernica, la bandiera nazionale e la bandiera europea; tali vessilli sono tutti custoditi permanentemente presso l ufficio del Responsabile del Servizio. Quando il Gonfalone comunale partecipa a cerimonie o a parate è portato dal gonfaloniere.

14 Art. 28) Norme di rinvio generale. Il presente Regolamento del Servizio di Polizia Locale sostituisce ed abroga qualsiasi disposizione pre vigente. Art. 29) Entrata in vigore. Il presente Regolamento entra in vigore con l esecutività della delibera di approvazione. Esso sarà inviato in copia al Ministero dell Interno ed alla Prefettura di Frosinone (Art. 11 legge n. 65/86).

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E POLIZIA AMMINISTRATIVA DELL UNIONE DEI COMUNI STURA ORBA E LEIRA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E POLIZIA AMMINISTRATIVA DELL UNIONE DEI COMUNI STURA ORBA E LEIRA UNIONE DEI COMUNI STURA, ORBA E LEIRA SERVIZIO ASSOCIATO POLIZIA LOCALE COMUNI DI: Campo Ligure, Masone, Rossiglione, Mele e Tiglieto Via Convento n 8 16013 Campo Ligure (GE) tel. 010/9269679 fax 010/9237301

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO C O M U N E D I S C A L E T T A Z A N C L E A (PROVINCIA DI MESSINA) REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Approvato

Dettagli

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Emendato ed approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 25/02/2009 1

Dettagli

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone.

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. Approvato con delibera della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 47 del 10/04/2014 Esecutivo dal 10 aprile 2014 INDICE CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. I N D I C E CAPO

Dettagli

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere

CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere CITTA DI TAURISANO (Prov. Di Lecce) Regolamento di disciplina dello stemma, gonfalone, fascia tricolore e bandiere (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.09 del 31.03.2005) CAPO I FINALITA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI

REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI COMUNE DI CESENA (Provincia di Forlì-Cesena) REGOLAMENTO SULLE MODALITA' DI USO DEI SEGNI DISTINTIVI DEL COMUNE E DI ESPOSIZIONE DELLE BANDIERE ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI COMUNALI TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO. Regolamento del. Corpo. Polizia Municipale

COMUNE DI CUTROFIANO. Regolamento del. Corpo. Polizia Municipale COMUNE DI CUTROFIANO Regolamento del Corpo di Polizia Municipale INDICE CAPO I Art. 1 Istituzione del Corpo NORME GENERALI CAPO II SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Art. 2 Finalità e compiti Art. 3 Missioni

Dettagli

REGOLAMENTO del Servizio di POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO del Servizio di POLIZIA MUNICIPALE Comune di Guardialfiera (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO del Servizio di POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.ro 15 del 30-08-2007, (pubblicata all Albo Pretorio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Art. 1 - Principi generali del servizio sostitutivo. 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

COMUNI DI LONGARE ARCUGNANO CASTEGNERO MONTEGALDELLA NANTO

COMUNI DI LONGARE ARCUGNANO CASTEGNERO MONTEGALDELLA NANTO COMUNI DI LONGARE ARCUGNANO CASTEGNERO MONTEGALDELLA NANTO OGGETTO: REGOLAMENTO DEL SERVIZIO UNICO DI POLIZIA LOCALE. TITOLO I ISTITUZIONE ED ORDINAMENTO Art.1 Finalità Il presente regolamento disciplina

Dettagli

2. Ai fini del presente provvedimento per Polizia Locale si intendono i corpi o servizi di Polizia Municipale e di Polizia Provinciale.

2. Ai fini del presente provvedimento per Polizia Locale si intendono i corpi o servizi di Polizia Municipale e di Polizia Provinciale. ALLEGATO A CARATTERISTICHE DELLE UNIFORMI, DEI DISTINTIVI DI GRADO E DI RICONOSCIMENTO DEL PERSONALE, DEL MATERIALE E DEGLI STRUMENTI OPERATIVI NONCHÉ DEI MEZZI IN DOTAZIONE AGLI APPARTENENTI AI CORPI

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE INDICE INDICE...1 Articolo 1 - Denominazione e sede...2 Articolo 2 Durata...2 Articolo 3 Finalità ed attività...2 Articolo 4 Requisiti dei volontari...3 Articolo 5 Diritti dei volontari...3 Articolo 6

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO

Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER L USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO. Approvato con delibera C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO COMUNE DI MARTELLAGO Provincia Di Venezia SALA OPERATIVA: Deposito Comunale - Via Roma N 79-30030 Martellago (VE) TEL / FAX: 041-5408314 E-MAIL: pc.marte@provincia.venezia.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA approvato con delibera C.C. N. 9 / 99 INDICE ART. 1: SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA PRESSO IL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE...2 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI PREMARIACCO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA REGOLAMENTO per la costituzione e il funzionamento del Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile del Comune di Premariacco

Dettagli

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT COMUNE DI GRESSONEY-SAINT SAINT-JEAN REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Regolamento comunale disciplinante l'uso del gonfalone e dello stemma del comune, nonché i necrologi di partecipazione al lutto Approvato

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O COMUNE DI VENZONE UDINE PROVINCIA DI ************************************************************************************************ R E G O L A M E N T O PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Comando Polizia Locale REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO approvato con delibera di C.C. n. 72 del 28.11.2008

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento.

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il Centro socio-culturale di Azzanello di Pasiano di Pordenone (di seguito nominato

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 30.11.2004 REGOLAMENTO PER

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI LOCALI E SALE COMUNALI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 110 del 23/12/2003. Modificato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL USO DELLO STEMMA DEL COMUNE, DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE, DELLE BANDIERE, DELLA CONCESSIONE

Dettagli

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO.pag 3 Art. 2 INDIVIDUAZIONE DEGLI IMMOBILI.. pag. 3 Art. 3 UTILIZZO DEGLI

Dettagli

Testo coordinato con le modificazioni approvate con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 09 settembre 2010, n. 44

Testo coordinato con le modificazioni approvate con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 09 settembre 2010, n. 44 Regolamento per l accesso alla sede del Consiglio regionale e uso delle Sale aperte al pubblico di Palazzo Cesaroni approvato con deliberazione dell Ufficio di Presidenza 12 maggio 2009, n. 352 Testo coordinato

Dettagli

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA VISTO l art. 163 del D. Lgs. 31.03.1998 n 112 sul trasferimento di funzioni e compiti di Polizia Amministrativa

Dettagli

COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE

COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE Approvato con Delibera Consiglio comunale n 24 del 25-06-2013 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6

Dettagli

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO. Regolamento comunale per il progetto di Volontario Civico

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO. Regolamento comunale per il progetto di Volontario Civico COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Regolamento comunale per il progetto di Volontario Civico Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 39 del 27/11/2012 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n

Dettagli

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155. Pag. 1/11

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155. Pag. 1/11 COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 1 Supplemento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 215/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971003-971015 fax 0536/971002

COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971003-971015 fax 0536/971002 COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971003-971015 fax 0536/971002 Regolamento Comunale per l'uso dello stemma, del gonfalone, della fascia tricolore e

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo Regolamento comunale n. 19 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 75 del 30 settembre 1988. 1 INDICE

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Settore: Servizi Istituzionali Servizi Demografici

COMUNE DI BARLETTA Settore: Servizi Istituzionali Servizi Demografici COMUNE DI BARLETTA Settore: Servizi Istituzionali Servizi Demografici REGOLAMENTO COMUNALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI (Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

COMUNE DI SALO Provincia di Brescia

COMUNE DI SALO Provincia di Brescia COMUNE DI SALO Provincia di Brescia Regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 28 del 04.05.2015 Pubblicato all Albo dal 18.06.2015 al 03.07.2015

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Principi generali. Articolo 2 Graduatorie di sostegno. Articolo 3 Supplenze annuali

REGOLAMENTO. Articolo 1 Principi generali. Articolo 2 Graduatorie di sostegno. Articolo 3 Supplenze annuali REGOLAMENTO per il conferimento delle supplenze al personale educativo dei nidi d infanzia, delle scuole dell infanzia, dei ricreatori e del s.i.s. comunali Articolo 1 Principi generali 1. Al fine di garantire

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 13.03.2012 I N D I C E ART. 1 - FINALITA' DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Giunta Comunale n. 31 del 10.02.2011 MODIFICATO con deliberazione di Giunta Comunale n.

Dettagli

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À DI SURBO Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AUSILIARIO VOLONTARIO - Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 01.03.2013 - Modificato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

COMUNE DI VIGONE. Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI VIGONE. Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VIGONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 40 DEL 27 LUGLIO 2005 1

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina)

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI RISERVATI (Simbolo e contrassegno redatto

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 29.04.2013 I N D I C E Art. 1 - OGGETTO DEL

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE

CORPO POLIZIA MUNICIPALE C I T T À D I P R O V I N C I A D I C A R I N I P A L E R M O CORPO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DEL SERVIZIO VOLONTARIO NONNO VIGILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 28/04/2014 Pagina

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI PONTOGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI PONTOGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 30.09.1988 1 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI ( approvato con delibera consiliare n. 42 del 30/09/2014) Indice Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento. Art. 2 Luogo della celebrazione.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO.

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO. Comune di Lecco REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO. A) CRITERI PER LA CONCESSIONE 1) Gli edifici e le attrezzature scolastiche

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1

REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1 REGOLAMENTO DELL AUTOPARCO DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO 1 (Approvato con deliberazione dell Ufficio di presidenza 28 luglio 2010, n. 66) TESTO VIGENTE Il testo qui riportato, coordinato con le modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO COMUNE DI SAN SECONDO DI PINEROLO C.A.P. 10060 Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO Approvato con deliberazione Consiliare n. 46

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE I SINGOLI ARTICOLI DEL REGOLAMENTO SONO STATI APPROVATI CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 155 DEL 2/10/2003 IL REGOLAMENTO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO ALLEGATO 4.1 FOGLIO INFORMATIVO Redatto in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente ed in particolare ai sensi dell art. 16 della legge 108/1996, del titolo VI del T.U. Bancario e successive

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERA N. 57/C C DEL 27/05/2010 REGOLAMENTO SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 162 del

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI NOVI LIGURE SETTORE POLIZIA LOCALE PROTEZIONE CIVILE VIABILITÀ REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.16 in data 25/3/2002

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA degli iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin.

C.R.I. - Ispettorato Provinciale Volontari del Soccorso di Udine aggiornato dall Ispettore Provinciale Roberto Not 335.6073800 robertonot@tin. CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE Regolamento per l uso dell'uniforme dei Volontari del Soccorso Regolamento di applicazione dell art.7, comma 3, del Regolamento dei Volontari del Soccorso emanato

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l uso degli automezzi Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione degli autoveicoli a disposizione della Provincia di Lecce. Art. 2 Parco

Dettagli

Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Città di Melegnano (Provincia di Milano) Città di Melegnano (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEO SORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 81 del 27 novembre 2006 Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Dettagli

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Città di Lecce Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 72 del 7 settembre 2009 PRINCIPI GENERALI Art. 1. FINALITA

Dettagli

ALBO REGIONALE DEI PERITI, DEGLI ISTRUTTORI E DEI DELEGATI TECNICI

ALBO REGIONALE DEI PERITI, DEGLI ISTRUTTORI E DEI DELEGATI TECNICI L.R. 08 Gennaio 1986, n. 8 Istituzione dell' albo regionale dei periti, degli istruttori e dei delegati tecnici per il conferimento di incarichi connessi ad operazioni in materia di usi civici (1) TITOLO

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO

COMUNE DI MARANO SUL PANARO COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA C.A.P. 41054 REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE AI QUALI SIA CONFERITA LA QUALIFICA DI AGENTI

Dettagli

I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 60

I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 60 I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 60 3529,1&,$',3$'29$ 1250( 3(5/2692/*,0(172 ',,1&$5,&+, (;75$,67,78=,21$/, '$3$57('(,',3(1'(17, '(//$3529,1&,$ $SSURYDWRFRQ'*3LQGDWDQUHJHPRGLILFDWRFRQ'*3GHO QUHJ , 1 ', &

Dettagli

COMUNE DI MARCIANA MARINA

COMUNE DI MARCIANA MARINA COMUNE DI MARCIANA MARINA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA POLIFUNZIONALE (Approvato con delibera C.C. n. 18 del 13.4.1999, modificato con delibera C.C. n. 14 del 15.3.2002 con l introduzione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Settore Servizi Istituzionali Servizi Demografici

CITTA DI BARLETTA Settore Servizi Istituzionali Servizi Demografici CITTA DI BARLETTA Settore Servizi Istituzionali Servizi Demografici REGOLAMENTO COMUNALE PER L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI (Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI VIABILITA ed EDILIZIA DELLA PROVINCIA DI CHIETI ARTICOLO N.1 DEFINIZIONE La reperibilità è l obbligo del lavoratore di porsi in

Dettagli

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SANGUINETTO COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI VOLONTARIATO COMUNALE (Il presente Regolamento è stato approvato con deliberazione C.C. n. 25 del 12/05/2015) REGOLAMENTO

Dettagli

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP)

Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Statuto Organismo di Mediazione e Conciliazione Forense di Pesaro (OMFP) Art. 1 Principi generali e Oggetto. Il presente statuto disciplina l organizzazione interna dell ORGANISMO DI MEDIAZIONE E CONCILIAZIONE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Visto lo schema di regolamento di istituzione del Servizio Autonomo di Polizia Municipale, predisposto dal Comandante della Polizia Municipale, nel testo proposto dalla giunta comunale;

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA (CR)

COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA (CR) COMUNE DI CAMPAGNOLA CREMASCA (CR) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI VOLONTARIATO NELL AMBITO DI PROGRAMMI DI INTERVENTO INTEGRATI PARTE I PRINCIPI ART. 1 ATTIVITA DI VOLONTARIATO 1. L attività

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

1 25.11.10 1a emissione - Approvato con deliberazione G.C. 15/12/2010 n. 261 esecutiva in data 1 febbraio 2011 - Entrato in vigore il 02/02/2011

1 25.11.10 1a emissione - Approvato con deliberazione G.C. 15/12/2010 n. 261 esecutiva in data 1 febbraio 2011 - Entrato in vigore il 02/02/2011 Pagina 1 di 6 Documento COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Rev. Data Oggetto della revisione 1 25.11.10 1a emissione - Approvato con deliberazione G.C. 15/12/2010 n. 261 esecutiva in data

Dettagli

SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA

SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Decorata di Medaglia d'oro al V.M. per attività partigiana R E G O L A M E N T O SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORPO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI COMACCHIO

REGOLAMENTO DEL CORPO POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI COMACCHIO REGOLAMENTO DEL CORPO POLIZIA MUNICIPALE (approvato con deliberazione G.C. n. 92 del 15.05.2007 modificato con deliberazione G.C. n. 87 del 20.03.2013) COMUNE DI COMACCHIO REGOLAMENTO DEL CORPO POLIZIA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE ARCI PESCA FISA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ED AMBIENTE FEDERATA ARCI CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE APPROVATO DAL CONSIGLIO NAZIONALE ARCI PESCA FISA IN DATA 16/17 GIUGNO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale 4.12.2002 n. 1198/45243 P.G. Modificato con deliberazione della Giunta Comunale 29.1.2003

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 58/2010 INDICE ART. 1 - ART. 2 - ART. 3 - ART. 4 - ART. 5- ART. 6 - ART.

Dettagli

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE COMUNE DI MUSILE DI PIAVE PROVINCIA DI VENEZIA Piazza XVII Giugno, 1-30024 Musile di Piave tel. 0421/5921 fax 0421/52385 MUSILE di PIAVE STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in giurisprudenza che intenda iscriversi al Registro Speciale dei praticanti

Dettagli