Valutazione del benessere dei bovini IBA INDICE DI BENESSERE DELL ALLEVAMENTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione del benessere dei bovini IBA INDICE DI BENESSERE DELL ALLEVAMENTO"

Transcript

1 Valutazione del benessere dei bovini IBA INDICE DI BENESSERE DELL ALLEVAMENTO Il benessere degli animali è argomento di grande attualità; definito da Hughes (1976) come quello stato di completa salute mentale e fisica nel quale l animale è in armonia con il proprio ambiente, esso viene reclamato non solo per ragioni etiche, ma soprattutto per ottenere animali più sani in grado di fornire alimenti più salubri. Numerosi riscontri sperimentali, infatti, hanno dimostrato che ad un migliore stato di benessere corrispondono migliori prestazioni produttive. Esiste una vasta letteratura che rapporta il livello di benessere a manifestazioni comportamentali (atteggiamenti aggressivi, stereotipie, modifiche nell assunzione del cibo), all integrità fisica degli animali (presenza di lesioni, localizzazione delle lesioni), all assetto fisiologico (presenza di determinati ormoni nel sangue) e alle stesse performance produttive (accrescimenti, indici di conversione alimentare, fecondità, prolificità, ecc.). Parlando di benessere animale non si può non affrontare il problema della sua valutazione. Fra i sistemi messi a punto fino ad oggi, risultano particolarmente interessanti quelli a indice aziendale, che puntano a stimare la potenzialità dei metodi e delle strutture d allevamento a fornire un certo livello di benessere agli animali; si ricordano i noti ANI Animal Needs Index o, nella versione originale in lingua tedesca, TGI Tier-Gerechtheits-Index. Questi sistemi tralasciano volutamente gli aspetti riguardanti l alimentazione (razionamento, qualità degli alimenti), in quanto considerano che il fornire un alimentazione adeguata agli animali sia condizione sine qua non per il reddito aziendale, prima ancora che per il benessere. Il presente opuscolo descrive le principali caratteristiche del sistema di valutazione del benessere animale definito IBA, evidenziandone gli aspetti innovativi e analizzando le diverse tappe che portano alla classificazione delle aziende. Benessere animale e ambiente d allevamento Sistemi di valutazione a indice aziendale Il sistema di valutazione IBA Tipologie di quesiti e attribuzione di punteggi Punteggio IBA Classificazione delle aziende Sistema IBA e PSR dell Emilia-Romagna BENESSERE ANIMALE E AMBIENTE D ALLEVAMENTO Il tema del benessere animale può essere affrontato da diversi punti di vista e con diverse finalità, e la vasta ed eterogenea letteratura sull argomento disponibile oggi in Europa lo sta a dimostrare. Si riscontrano posizioni del tutto differenti fra gli studiosi e gli addetti ai lavori, da quelle oltranziste a difesa degli animali, che applicano criteri di valutazione del benessere sovrapponibili a quelli considerati per l uomo (visione antropomorfa, che enfatizza i concetti sentimentali quali soddisfazione e felicità), a quelle opposte che ritengono la questione del benessere secondaria rispetto al ritorno economico dell attività d allevamento e che quindi vedono nell animale allevato uno strumento come tanti a servizio dell uomo (visione antropocentrica ). Benessere animale Grande opportunità per gli allevatori per migliorare le tecniche e le strutture di allevamento. Come spesso accade, le posizioni che si collocano a metà strada fra due estremi risultano essere le più ragionevoli e le più condivisibili; ecco perché si ritiene che il benessere animale sia una questione di grande rilevanza, dalla quale oggi non si può prescindere, ma che richiede un approccio consapevole e pragmatico, basato sulle conoscenze scientifiche così come su quelle tecnico-economiche che guidano l attività d allevamento, al fine di rendere accettabili i vincoli che le norme impongono agli imprenditori zootecnici. Ma si può andare oltre: il benessere animale deve essere visto dagli addetti ai lavori, e dagli allevatori in particolare, come una grande opportunità per migliorare le tecniche e le strutture di allevamento, al fine di ottenere un miglioramento delle prestazioni produttive, una riduzione dei problemi sanitari e un valore aggiunto alle produzioni dell azienda zootecnica. Un benessere animale a servizio dell allevatore, quindi, e non contro la zootecnia. AMBIENTE D ALLEVAMENTO Uno degli aspetti di maggiore rilevanza per il benessere e la salute degli animali è l ambiente d allevamento, ovvero l insieme degli elementi esterni all animale che ne condiziona la vita e il comportamento. A tale proposito si possono ricordare: il sistema d allevamento (in regime stallino, all aperto, al pascolo) e la tipologia di stabulazione (singola o collettiva, fissa o libera); la conformazione e la distribuzione delle superfici d allevamento (area di riposo, area di alimentazione, zona di defecazione, zona di esercizio); lo spazio vitale attribuito ad ogni capo (superficie libera disponibile); il tipo di pavimento (pieno, fessurato, con lettiera, in piano, in pendenza); il sistema di alimentazione (tipo di alimentazione, dimensione e forma delle attrezzature per la somministrazione dell alimento, collocamento dei punti di alimentazione) e il sistema di distribuzione dell acqua di bevanda; il microclima (temperatura, umidità, velocità dell aria), la concentrazione di gas e polveri e il rumore; le condizioni igieniche e l ambiente microbico.

2 Per la valutazione degli aspetti sopra richiamati è necessaria una specifica preparazione sulle tematiche afferenti all edilizia zootecnica, con particolare riguardo ai sistemi di allevamento e stabulazione, alle strutture, alle attrezzature e agli impianti zootecnici e al controllo ambientale dei ricoveri. L ambiente d allevamento, di fatto, è il principale tema su cui si concentrano le attenzioni delle norme europee generali e specifiche sul benessere degli animali negli allevamenti e di molti sistemi di valutazione del benessere animale fino ad oggi messi a punto. SISTEMI DI VALUTAZIONE A INDICE AZIENDALE I sistemi di valutazione possono essere suddivisi nelle seguenti categorie: sistemi basati su test funzionali di attrezzature e impianti zootecnici, con lo scopo di verificarne le prestazione e le correlazioni con il benessere animale, quali i rapporti di controllo della DLG (Deutsche Landwirtschafts-Gesellschaft - Società Tedesca per l Agricoltura); sistemi diagnostici basati su indicatori di benessere rilevati su singoli animali, quali, per esempio, i parametri produttivi o gli aspetti comportamentali, sanitari e fisiologici; sistemi a indice aziendale (on-farm index systems), che stimano la potenzialità dei metodi e delle strutture d allevamento a fornire un certo livello di benessere agli animali. Allo stato attuale non vi sono ancora dei sistemi di valutazione del benessere animale a livello aziendale universalmente riconosciuti, anche se nell ambito del progetto europeo di ricerca Welfare Quality, che vede coinvolte alcune delle più autorevoli strutture di ricerca europee, fra le quali il CRPA, si sta cercando di lavorare in questa direzione. Non è quindi possibile fornire agli allevatori indicazioni certe e univoche, anche perché vi sono numerosi aspetti ancora poco studiati, quali ad esempio i rapporti fra tecniche d allevamento a maggiore benessere e costi di produzione, o gli effetti dell applicazione di talune norme per il benessere sul management d allevamento e sul funzionamento di alcune tecniche di gestione (sistemi di pulizia e rimozione degli effluenti, sistemi di alimentazione, ecc.). I sistemi di valutazione a indice aziendale, basati sull impiego di una checklist (lista di controllo), sono caratterizzati dai seguenti criteri di base: individuazione delle più gravi carenze del sistema e delle strutture d allevamento; valorizzazione degli aspetti più qualificanti nei confronti del benessere degli animali allevati; rapidità della valutazione e della formazione dei valutatori, con conseguenti bassi costi del servizio; elevata ripetibilità del punteggio relativo a parametri oggettivi e misurabili (nel caso di valutazione ripetuta in tempi diversi o da differenti valutatori). Tali sistemi di valutazione si affidano per lo più a parametri tecnici consolidati messi a punto dalla ricerca, dalla sperimentazione e dall esperienza di allevatori e tecnici, oltreché, ovviamente, alla legislazione corrente. Per quest ultimo aspetto fanno testo le normative emanate in materia nell Unione Europea e nel nostro Paese che, per quanto riguarda i bovini, sono: la normativa generale riguardante la protezione degli animali negli allevamenti (direttiva 98/58/CE attuata con decreto legislativo n. 146 del 26 marzo 2001); la normativa specifica per la protezione dei vitelli (direttiva 91/629/CEE, direttiva 97/2/CE e decisione 97/182/CE, attuate con decreto legislativo n. 533 del 30 dicembre 1992 e con decreto legislativo n. 331 del 1 settembre 1998). Il principale limite dei sistemi di valutazione a indice aziendale è quello di non potersi affidare a taluni criteri testati scientificamente, come ad esempio test da eseguirsi sugli animali o analisi di laboratorio, perché questi comporterebbero costi e tempi non compatibili con la metodologia di questo tipo d indagine. Un ulteriore possibile criticità della valutazione è l epoca della visita aziendale; da questo punto di vista si prefe-

3 risce, di norma, non inserire o non dare troppo peso a parametri di valutazione che possano variare in modo considerevole a seconda della stagione. Un sistema di valutazione a indice aziendale prevede, in genere, le seguenti azioni in successione: 1. allestimento della checklist e sua validazione; 2. compilazione della checklist in azienda; 3. input dei dati raccolti su apposito software; 4. controllo e validazione dei dati inseriti; 5. attribuzione dei punteggi e determinazione dei vincoli per la classificazione finale dell azienda. IL SISTEMA DI VALUTAZIONE IBA Il sistema di valutazione del benessere dei bovini in allevamento, denominato Indice di Benessere dell Allevamento (IBA), è stato messo a punto da un gruppo di ricercatori del CRPA, del DIPROVAL dell Università di Bologna e del DIAF dell Università di Firenze, all interno delle attività svolte in un progetto biennale, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, dal titolo Valutazione del benessere animale nel comparto bovino. Questo sistema è stato testato dal CRPA e dall ARA Emilia-Romagna su un campione di 638 aziende bovine emiliano-romagnole, di cui 526 da latte (grafico 1) e le rimanenti da carne (grafico 2). Grafico 1 - Bovini da latte: distribuzione percentuale delle aziende per classe IBA Grafico 2 - Bovini da carne: distribuzione percentuale delle aziende per classe IBA Il sistema IBA è basato su una checklist che permette l attribuzione di punteggi di merito relativi al benessere, partendo da un certo numero di parametri oggettivi e facilmente misurabili durante il sopralluogo aziendale. Solo in limitati casi sono richieste valutazioni di tipo soggettivo da parte del rilevatore, come ad esempio nell esame delle condizioni delle superfici interne della stalla o dello stato di pulizia degli abbeveratoi; tali aspetti, infatti, richiederebbero tempo e specifiche dotazioni per essere valutati in modo strumentale. Bisogna peraltro sottolineare che a livello europeo vi è la convinzione unanime che la valutazione del benessere animale non può essere completamente oggettiva.

4 LA CHECKLIST IBA La checklist è utilizzabile, nelle sue diverse varianti, in ogni tipologia d allevamento bovino in regime stallino (allevamento praticato all interno di stalle di varia tipologia); solo per l allevamento da carne è stata prevista anche la possibilità dell allevamento al pascolo, da valutarsi con una versione modificata e ridotta della checklist. Peraltro, bisogna considerare che l allevamento in regime stallino ha un peso preponderante nella zootecnia IBA per i suini Il CRPA, in collaborazione con il DIAF dell Università di Firenze, completerà la messa a punto della metodologia IBA per il comparto suino alla fine del 2008 I parametri previsti dalla checklist fanno riferimento alle seguenti tematiche principali: sistemi di allevamento e strutture di stabulazione; strutture per il parto e l isolamento; strutture per la mungitura (soltanto per i bovini da latte); controllo ambientale; alimentazione e acqua di bevanda; igiene, sanità e comportamento degli animali; controllo degli animali e degli impianti; personale di stalla. italiana e che per esso gli aspetti del benessere giocano un ruolo decisamente più importante, proprio perché più facilmente le condizioni d allevamento possono limitare il benessere degli animali. Una vacca al pascolo in una verde valle alpina, invece, è un immagine che difficilmente può essere associata a condizioni d allevamento non rispettose del benessere animale. La checklist per l attribuzione dell IBA è suddivisa in diverse schede di valutazione (tabella 1), il cui numero e tipo variano in base alla tipologia d allevamento. Proprio in considerazione della notevole variabilità dell organizzazione produttiva degli allevamenti bovini, in particolare di quelli da carne, è stato scelto un approccio per tipologia d allevamento codificata, puntando all allestimento di checklist specifiche, come di seguito riportato: checklist BL, per tutti gli allevamenti da latte in regime stallino, che può prevedere le schede A, B, C, CC, D, E, F, G e H; checklist BC-RS1, per allevamenti bovini da carne in regime stallino con linea vacca-vitello a ciclo chiuso (l allevamento produce solo bovini da ingrasso) o a ciclo misto (l allevamento produce sia bovini da ingrasso, sia bovini da ristallo), che può prevedere le schede AA, B, L, LL, D, E, G, H, M e N; checklist BC-RS2, per allevamenti bovini da carne in regime stallino con linea vacca-vitello a ciclo aperto (l allevamento produce solo bovini da ristallo), che può prevedere le schede AA, B, L, LL, D, E, G e H; checklist BC-RS3, per allevamenti bovini da carne in regime stallino con ingrasso di vitelli e/o vitelloni (l allevamento non ha fattrici), che può prevedere le schede AA, B, M e N; checklist BC-PA, per allevamenti bovini da carne che adottano il pascolo per almeno 7 mesi/anno e per almeno il 60% degli animali mediamente allevati all anno. Questa checklist semplificata è costituita dalla sola scheda AA; la ragione di tale semplificazione è evidente: mancano, o sono poco rilevanti, gli edifici per la stabulazione degli animali e quindi vengono a mancare tutte le domande relative a strutture, attrezzature e impianti per l allevamento in regime stallino. Ogni tipo di checklist, essendo costituito da un diverso assortimento di schede, prevede una diversa distribuzione dei punteggi; la classificazione finale, invece, è stata mantenuta uguale per tutte le tipologie d allevamento, con riferimento, ovviamente, a intervalli di punteggio differenti. L intera checklist, con la sola esclusione della scheda A, può essere compilata dal solo rilevatore mediante osservazione, misurazione e valutazione. Gli unici strumenti in dotazione al rilevatore sono una bussola, un flessometro da 8 m e un distanziometro laser. Si riporta un esempio allo scopo di chiarire il meccanismo della scelta e dell assemblaggio della checklist. Un allevamento di bovini da latte richiede la compilazione della checklist BL, che sarà costituita dalla scheda generale (A), da una scheda edificio (B) per ogni ricovero zootecnico presente e da una scheda specifica per ogni categoria bovina stabulata all interno di un singolo edificio. Nel caso di un azienda di bovini da latte con una stalla libera che ospita vacche in lattazione e bovini da rimonta e una seconda stalla libera che ospita vacche in asciutta, bovini da rimonta e vitelli pre-svezzamento, dovranno essere compilate le seguenti schede: 1 scheda A Parte generale; 2 schede B Edificio; 1 scheda C Settore vacche in lattazione in stalla libera; 1 scheda D Settore vacche in asciutta; 2 schede E Settore rimonta; 1 scheda F Settore vitelli pre-svezzamento. 4

5 Tabella 1 Elenco delle schede di valutazione previste dal sistema IBA Codice Titolo Note A Parte generale Bovini da latte Solo per allevamenti bovini da latte AA Parte generale Bovini da carne Solo per allevamenti bovini da carne B Edificio C Vacche in lattazione Stabulazione libera Solo per vacche da latte in stabulazione libera CC Vacche in lattazione Stabulazione fissa Solo per vacche da latte in stabulazione fissa D Vacche in asciutta E Bovini da rimonta Bovini da rimonta oltre 6 mesi d età e fino al parto F Vitelli pre-svezzamento Bovini dalla nascita allo svezzamento G Vitelli post-svezzamento Bovini dallo svezzamento all età di 6 mesi H Tori da riproduzione Solo per bovini maschi adibiti alla riproduzione L Vacche allattanti Stabulazione libera Solo per vacche da carne in stabulazione libera LL Vacche allattanti Stabulazione fissa Solo per vacche da carne in stabulazione fissa M Vitelli da ingrasso Bovini da ingrasso fino all età di 6 mesi N Vitelloni da ingrasso Bovini da ingrasso con età alla macellazione > di 6 mesi TIPOLOGIE DI QUESITI E ATTRIBUZIONE DI PUNTEGGI TIPOLOGIE DI QUESITI Le tipologie di quesiti posti dalla checklist IBA sono sostanzialmente quattro: 1. con risposta libera o descrittiva; 2. con risposta sì/no; 3. con risposta codificata; 4. con risposta numerica. Alcune domande del tipo 1 non prevedono l attribuzione di punteggi e hanno il solo scopo di caratterizzare in modo più preciso l allevamento e di consentire eventuali verifiche incrociate su altre tipologie di quesiti. Il carattere delle domande varia in base al tipo di scheda. Così, nella scheda A sono concentrati tutti i dati generali dell azienda e dell allevamento, oltre agli aspetti riguardanti la gestione degli animali, il controllo degli impianti, il personale, le strutture per il parto e l isolamento, l igiene e la sanità. Inoltre, per semplificare le operazioni di compilazione, tutte le domande che necessitano della risposta del conduttore dell azienda sono state inserite nella scheda A. Nella scheda B vengono definite le caratteristiche essenziali del ricovero, anche con riferimento al controllo ambientale, al livello di pulizia e allo stato di conservazione delle superfici interne e delle attrezzature di stalla. Le schede per le diverse categorie bovine (dalla C in poi), pur con alcune diversità, anche marcate, nel numero di quesiti, hanno sostanzialmente un impostazione analoga, che punta a raccogliere informazioni circa il tipo di stabulazione, le caratteristiche delle diverse aree funzionali (alimentazione, riposo, esercizio, abbeverata), l igiene, la sanità e il comportamento degli animali. ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI Uno degli aspetti di maggiore complessità nella definizione di un metodo di valutazione del benessere è certamente l attribuzione dei punteggi alle singole domande e ai gruppi di quesiti affini per tipologia. È infatti necessario pesare attentamente i diversi parametri in gioco, al fine di realizzare una griglia di classificazione attendibile e sufficientemente oggettiva, che risponda all obiettivo di valutare il benessere animale nell allevamento. L attribuzione dei punteggi deve essere diversificata in base all importanza relativa che si ritiene abbiano le singole domande; è infatti di scarso interesse utilizzare punteggi sempre uguali (ad esempio da 0 a 3 punti, oppure da -1 a +1), perché si attribuisce la medesima importanza relativa ad aspetti che possono avere un effetto molto diverso sul benessere degli animali. 5

6 Un elemento che assume grande rilevanza è il peso relativo di alcuni punteggi rispetto a entità numeriche quali il numero di capi allevati; si deve infatti evitare che punteggi molto buoni riferiti a parametri che interessano pochi capi (tori o vitelli) facciano migliorare il punteggio complessivo di un azienda che invece è carente nei punteggi attribuiti, ad esempio, alle vacche da latte, ben più rilevanti e in numero molto maggiore. Nella definizione del sistema di classificazione sono stati rispettati i seguenti criteri di base: allestimento di una scheda di valutazione più complessa (maggior numero di domande su un maggior numero di temi) per le categorie bovine più rilevanti (vacche in lattazione) e semplificazione della scheda per le altre categorie, in modo da diversificare in partenza i punteggi massimi teoricamente raggiungibili; attribuzione di un punteggio massimo più elevato e di un punteggio minimo negativo agli aspetti di maggiore rilevanza e di più facile valutazione, come ad esempio il tipo di stabulazione o le superfici d allevamento; attribuzione di un punteggio massimo più basso agli aspetti di dettaglio o comunque meno rilevanti e ai parametri a valutazione più incerta, come quelli che richiedono una valutazione soggettiva da parte del rilevatore; impostazione di un adeguato programma di calcolo dei punteggi, che tenga conto delle tipologie di domande e della loro interazione e contempli le diverse possibilità in termini di numero di schede da compilare. PUNTEGGIO IBA Il punteggio IBA di un azienda è costituito dalla sommatoria di 3 punteggi parziali relativi ad altrettante macroaree: GENE, punteggio relativo ai dati generali dell azienda; EDIF, punteggio relativo gli edifici significativi per l allevamento dei bovini; CATE, punteggio relativo alle diverse categorie bovine. Il punteggio EDIF si ottiene dalla media ponderata sul peso vivo totale presente dei singoli punteggi di ogni edificio. Il punteggio CATE, invece, deriva dalla sommatoria dei punteggi medi ponderati attribuiti alle diverse categorie bovine. I valori minimi e massimi del punteggio totale e dei punteggi parziali per macroarea variano in base al tipo di checklist; per la checklist BL, ad esempio, i valori sono evidenziati in tabella 2. Tali punteggi, è bene precisarlo, sono assolutamente teorici, nel senso che di fatto non sono realmente raggiungibili da nessuna azienda, ma sono semplicemente le sommatorie dei punteggi rispettivamente più alti e più bassi per tutti i quesiti posti. Nella realtà dei fatti, un azienda è sempre un mix di aspetti positivi e di aspetti negativi, che incidono in modo differente da caso a caso, ma che in parte si compensano; i valori effettivi registrati in un campione di 526 allevamenti di bovini da latte emilianoromagnoli sono variati da un minimo di 9,3 a un massimo di 144,2 punti, per una media di 75,8 punti. Tabella 2 Punteggi minimi e massimi teorici della checklist BL Codice Titolo Punteggio minimo Punteggio massimo A Parte generale B Edifici C-CC Settore vacche in lattazione ,5 D Settore vacche in asciutta E Settore rimonta F-G Settore vitelli H Settore tori da riproduzione 0 9,5 GENE Punteggio generale EDIF Punteggio edifici CATE Punteggio categorie bovine IBA Indice di benessere dell allevamento

7 CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE Il sistema di valutazione IBA attribuisce un indice di benessere a ciascuna azienda valutata; il valore dell indice posiziona l azienda in uno dei 6 livelli prestabiliti (classi). La classificazione può essere però condizionata dalla presenza di non conformità accertate per il settore vitelli, con riferimento alle disposizioni della normativa sulla protezione di questi soggetti. Le non conformità per i vitelli sono state suddivise in due gruppi, il secondo dei quali prevede non conformità gravi, che determinano la modifica dell IBA, indipendentemente dal punteggio ottenuto. Le non conformità gravi sono le seguenti: vitello legato; vitello in box individuale dopo le 8 settimane di vita; dimensioni del box individuale non adeguate; superficie unitaria nel box collettivo non adeguata; assenza di sistemi automatici di emergenza e di allarme in presenza di ventilazione artificiale. Sono state valutate non gravi quelle non conformità che, in base a quanto specificato dalla norma, lasciano maggiori dubbi di interpretazione o che sono più difficili da verificare durante il sopralluogo aziendale. Ad ogni azienda vengono attribuite due classi IBA: IBAP (IBA potenziale) dipendente dai soli punteggi parziali e totali e dai vincoli posti dalla metodologia di calcolo IBAR (IBA reale) che considera l eventuale presenza di non conformità gravi per i vitelli Se non sono stati riscontrati problemi per i vitelli, la classe IBAR risulta uguale alla classe IBAP; in caso contrario, l azienda viene automaticamente declassata alla classe IBAR 1. Gli elementi discriminanti per l assegnazione della classe IBAP possono variare in base al tipo d allevamento e, quindi, al tipo di checklist utilizzata. Per l allevamento bovino da latte, ad esempio, gli elementi di base per la classificazione sono il punteggio totale IBA, il punteggio parziale della scheda C-CC (vacche in lattazione) e la presenza di punteggi negativi in una o più macroaree. In tabella 3 viene riportato lo schema di classificazione per gli allevamenti bovini da latte. L attribuzione dell IBA è accompagnata da una breve scheda tecnica che elenca le più gravi carenze riscontrate, al fine di consentire alle aziende di apportare quelle modifiche mirate che possono migliorare il livello di benessere dei propri animali. Tabella 3 Schema di classificazione IBA per gli allevamenti bovini da latte Classe IBA Descrizione Criteri 1 Non conforme ai requisiti minimi di benessere a) Azienda con punteggio IBA uguale o minore di 0 b) Azienda con punteggio IBA superiore a 0, ma con non conformità gravi per i vitelli 2 Livello scarso di benessere a) Azienda con punteggio IBA da 0,1 a 55 b) Azienda con punteggio IBA superiore a 55, ma con punteggio negativo in una o più macroaree (GENE, EDIF e CATE) o nella scheda C-CC 3 Livello sufficiente di benessere Azienda con punteggio IBA da 55,1 a 80 4 Livello discreto di benessere Azienda con punteggio IBA da 80,1 a 100 e con punteggio della scheda C- CC superiore a 15 5 Livello buono di benessere Azienda con punteggio IBA da 100,1 a 120 e con punteggio della scheda C superiore a 23 (la scheda CC non può raggiungere questo punteggio) 6 Livello ottimo di benessere Azienda con punteggio IBA superiore a 120 e con punteggio della scheda C superiore a 30. In questa classe non sono ammessi punteggi negativi nelle singole schede della checklist; quindi, la presenza anche di una sola scheda a punteggio negativo declassa l azienda alla classe 5 7

8 SISTEMA IBA E PSR DELL EMILIA-ROMAGNA Il regolamento (Ce) n.1698/2005 sullo sviluppo rurale nel periodo ha introdotto la possibilità di sostenere, da parte degli stati membri, interventi finalizzati al miglioramento del benessere animale in produzione zootecnica. Sviluppo dell IBA Il gruppo di ricerca IBA ha da tempo identificato due linee di lavoro future per approfondire e sviluppare ulteriormente questo sistema di valutazione: - analisi sperimentale delle correlazioni fra parametri produttivi, sanitari e comportamentali e punteggio IBA in campioni omogenei di aziende; - riscontri sperimentali fra livello di benessere misurato con l IBA e costi di produzione. La misura è finalizzata alla realizzazione e alla convalida di sistemi o pratiche di produzione che applicano standard di benessere animale più elevati rispetto ai requisiti minimi previsti dalla legislazione vigente. La Regione Emilia-Romagna ha introdotto nel Programma di Sviluppo Rurale la Misura 215 relativa ai pagamenti per il benessere animale. All interno di questa Misura la metodologia IBA deve essere utilizzata come sistema di valutazione dello stato di fatto degli allevamenti bovini che fanno richiesta di finanziamento sulla misura in questione. L azienda che soddisfa i requisiti minimi per accedere ai finanziamenti è quella che si posiziona almeno nella classe IBA 3 (azienda con livello sufficiente di benessere). Il miglioramento del benessere animale potrà essere realizzato attraverso specifici interventi aziendali che permettono di elevare, singolarmente o congiuntamente, il livello ordinario di questo parametro rispetto alle normali buone pratiche zootecniche (BPZ). Le Buone Pratiche Zootecniche sono state suddivise in 5 macroaree, ognuna delle quali riguarda una delle tematiche o aspetti più rilevanti per il benessere degli animali negli allevamenti: management aziendale e personale, sistemi di allevamento e di stabulazione, controllo ambientale, alimentazione e acqua di bevanda, igiene, sanità e aspetti comportamentali. Il presente lavoro è stato realizzato nell ambito delle attività di divulgazione previste dal Piano Stralcio per la ricerca e la sperimentazione della Regione Emilia-Romagna. C.R.P.A. notizie Direttore Responsabile Adelfo Magnavacchi. Testi di Paolo Rossi, Alessandro Gastaldo. Revisione testi di Magda C. Schiff. Stampa Tecnograf - Reggio Emilia. Ogni riproduzione, integrale o parziale, deve essere autorizzata dal CRPA 8

I sistemi di valutazione a indice aziendale

I sistemi di valutazione a indice aziendale BENEERE ANIMALE METODO IBA, INDICE DI BENEERE DELL ALLEVAMENTO Misurare il benessere aiuta gestione e produzione Determinare il benessere in stalla mediante un sistema di valutazione consente di rilevare

Dettagli

L innovazione tecnologica in suinicoltura. Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona. Paolo Rossi. Workshop

L innovazione tecnologica in suinicoltura. Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona. Paolo Rossi. Workshop L innovazione tecnologica in Workshop Area Forum Italpig Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona Venerdì 30 ottobre 2015 Ore 15:45 Paolo Rossi C.R.P.A. S.p.A. di Reggio Emilia Centro Ricerche Produzioni

Dettagli

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali

Indagine in allevamento e impostazione prove sperimentali Seminario Pavimentazioni innovative nelle stalle per vacche da latte Aspetti tecnici, sanitari ed economici e confronto con soluzioni tradizionali e impostazione prove Alessandro Gastaldo, CRPA - Reggio

Dettagli

Un metodo innovativo per valutare il benessere animale negli allevamenti

Un metodo innovativo per valutare il benessere animale negli allevamenti Riassunto Il Crpa in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria agraria e forestale (Diaf) dell Università di Firenze ha messo a punto un sistema di valutazione del benessere dei suini in allevamento

Dettagli

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma IN AZIENDE CON VACCHE DA LATTE LOMBARDE STRUTTURE DI STALLA Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma Delle oltre 2.000 aziende esaminate il 4,7% utilizza pavimenti in gomma. Impiegato principalmente

Dettagli

Valutazione del benessere animale: il sistema IBA per i bovini

Valutazione del benessere animale: il sistema IBA per i bovini BENESSERE DEI BOVINI Sistema di valutazione e sostegno della Regione Emilia-Romagna Reggio Emilia, 28 novembre 2007 Valutazione del benessere animale: il sistema IBA per i bovini Paolo Rossi, Alessandro

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Pavimentazioni delle stalle

Pavimentazioni delle stalle STALLE A CUCCETTA PER VACCHE DA LATTE Istituto Tecnico Agrario Zanelli Reggio Emilia, 30 maggio 2007 Pavimentazioni delle stalle Dott. Agr. Paolo Ferrari Ufficio Edilizia I pavimenti devono fornire un

Dettagli

Alberto Menghi, Paolo Rossi

Alberto Menghi, Paolo Rossi 81 a Fiera Agricola Zootecnica Italiana BENESSERE ANIMALE: LA VACCA DA LATTE dalle parole ai fatti Montichiari, 15 febbraio 2009 ANALISI ECONOMICA DI ALCUNI CASI CONCRETI Alberto Menghi, Paolo Rossi Centro

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro INDICE Premessa 3 1. La valutazione permanente e la disciplina delle

Dettagli

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE

Punto cruciale: le zoppie. Tipologie di pavimento. Analisi economica. 38/2009 supplemento a L Informatore Agrario STRUTTURE STALLE Quanto costa il pavimento giusto Per valutare il costo di un pavimento, oltre all investimento iniziale, vengono calcolate le lesioni podali e le conseguenti perdite di ricavo per manodopera e minori performance

Dettagli

Il metodo IBA - Indice di Benessere dell Allevamento

Il metodo IBA - Indice di Benessere dell Allevamento Il metodo IBA - Indice di Benessere dell Allevamento Valutazione del benessere dei bovini in Emilia-Romagna, Alessandro Gastaldo - Settore Edilizia del C.R.P.A. spa - SANA Salone Internazionale del Naturale

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni Bovine Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 Reg. (CE) 1698/2005 Regione Toscana Bando Misura 121 Ammodernamento aziende agricole All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Settore Zootecnico: Carni

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

Prof. Matteo Barbari Direttore Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale Università degli Studi di Firenze

Prof. Matteo Barbari Direttore Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale Università degli Studi di Firenze Prof. Matteo Barbari Direttore Dipartimento di Ingegneria Agraria e Forestale Università degli Studi di Firenze BENESSERE DEI BOVINI Sistema di valutazione e sostegno della Regione Emilia Romagna Reggio

Dettagli

DISCIPLINARE MARCHIO QUALITA YES!

DISCIPLINARE MARCHIO QUALITA YES! DISCIPLINARE MARCHIO QUALITA YES! AZIENDE ALBERGHIERE 1.0 PREMESSA Il marchio Yes! è un marchio di qualità ad adesione volontaria e gratuita attribuito dal 2004 dalla Camera di commercio di Torino alle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Allevamento e Salute Animale. Classe di laurea n.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Allevamento e Salute Animale. Classe di laurea n. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea in Allevamento e Salute Animale Classe di laurea n. L-38 DM 270/2004, art. 12 R.D.A. art. 5 RIDD 1 Art. 1 Finalità

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO AGGIORNAMENTO ANNO 2012 L art. 28, comma 1, del D. Lgs. 81/08 prevede che la valutazione dei rischi coinvolga tutti i rischi per la sicurezza

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla Organismi di Certificazione [ ] ORGANISMI D I CERTIFICAZIONE O C IL SISTEMA DI CONTROLLO L agricoltura biologica rappresenta uno dei primi esempi di certificazione di filiera : ogni fase del processo produttivo

Dettagli

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SERVIZIO AMBIENTE Maso Smalz via Ghiaie n. 58 Tel. 0461/884935 884936 Fax 884940 E-mail: servizio_ambiente@comune.trento.it dicembre 2005 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Dettagli

BS OHSAS 18001:2007 OHSAS 18001. Revisione 00. 22 marzo 2012. Sara Zullo (Firma) Preparato da

BS OHSAS 18001:2007 OHSAS 18001. Revisione 00. 22 marzo 2012. Sara Zullo (Firma) Preparato da 22 marzo 2012 OHSAS 18001 BS OHSAS 18001:2007 Revisione 00 Preparato da Sara Zullo (Firma) Altea S.p.A. Strada Cavalli 42, 28831 Feriolo di Baveno (VB) T +39 0323 280811 F +39 0323 2808110 www.alteanet.it

Dettagli

106 13.1.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2. Allegato A

106 13.1.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2. Allegato A 106 13.1.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 Allegato A LINEE DI INDIRIZZO PER IL CONTROLLO UFFICIALE DELLE IMPRESE ALIMENTARI SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO EMANATO

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

SCHEDA TECNICA N. 1. Porcilaia di gestazione

SCHEDA TECNICA N. 1. Porcilaia di gestazione SCHEDA TECNICA N. 1 relativa al progetto di Porcilaia di gestazione Descrizione generale Stabulazione Principali caratteristiche costruttive Pavimento del box Capienza massima Porcilaia per la fase di

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine Descrizione Generale del Sito L allevamento è situato in zona a destinazione agricola (vedere classificazione

Dettagli

GAIA Note metodologiche

GAIA Note metodologiche GAIA Note metodologiche Questo documento tecnico, disponibile solo in formato elettronico sul sito internet di GAIA, è stato redatto A. Giampaolo sulla base di un documento di analisi di G. Seroglia 2008

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con atto G.C. n. 492 del 07.12.2011 1

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

L organizzazione del lavoro all interno della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha subito negli ultimi anni una modifica, sia per rispondere a

L organizzazione del lavoro all interno della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha subito negli ultimi anni una modifica, sia per rispondere a Ordinamento Professionale L organizzazione del lavoro all interno della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha subito negli ultimi anni una modifica, sia per rispondere a nuovi compiti istituzionali

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Indagine di mercato sui pavimenti in gomma nella stalle di bovini da latte Descrizione estesa del risultato Già da alcuni anni, allevatori, tecnici, veterinari e ricercatori

Dettagli

TTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini

TTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2008/120/CE (Dlgs 122/2011) norme minime per la protezione dei suini Esperienze sul territorio dell Azienda USL di Modena Dott.ssa Giovanna Trambajolo Dott Luca Ferri Dott.ssa

Dettagli

Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011

Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011 Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011 OGGETTO: D.P.R. 4 aprile 2001, n.235, Regolamento recante semplificazione del procedimento per il rilascio dell autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande

Dettagli

Metodologia di indagine

Metodologia di indagine Istituto di Ingegneria Agraria Benessere e produttività delle bovine da latte: il ruolo della stalla Risultati di uno studio in Lombardia Elisabetta Riva Istituto di Ingegneria Agraria Scopo del progetto

Dettagli

Certificazione acustica degli edifici

Certificazione acustica degli edifici ANIT - Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Certificazione acustica degli edifici PREMESSA Il comfort acustico abitativo è uno dei requisiti che caratterizza la qualità ed il valore

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Tavola rotonda INNOVAZIONE E PATTO DI FILIERA sabato 21 ottobre 2006 INNOVAZIONE E PATTO DI FILIERA

Tavola rotonda INNOVAZIONE E PATTO DI FILIERA sabato 21 ottobre 2006 INNOVAZIONE E PATTO DI FILIERA Tavola rotonda INNOVAZIONE E PATTO DI FILIERA sabato 21 ottobre 2006 Intervento del Presidente AIA dr. Nino Andena al 6 Forum Internazionale dell Agricoltura e dell Alimentazione Villa d Este di Cernobbio

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459)

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI SIENA. CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) Direzione Generale

COMUNE DI SIENA. CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) Direzione Generale COMUNE DI SIENA Direzione Generale CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) 1) Natura e finalità della valutazione La valutazione del merito consiste in un

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

Il risultato atteso è quello di attivare forme di virtuosa cooperazione e sinergia tra le diverse anime scientifiche del Paese per mettere a punto

Il risultato atteso è quello di attivare forme di virtuosa cooperazione e sinergia tra le diverse anime scientifiche del Paese per mettere a punto Documento d intesa tra SIMLII, SItI e AIDII per l'elaborazione di strumenti scientifici, normativi e applicativi per la tutela e la promozione della salute e la sicurezza e qualità negli ambienti di lavoro

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIPARTIMENTO AGRICOLTURA POLITICHE REGIONALI DI SVILUPPO RURALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : APPROVAZIONE DEI BANDI PER LA RACCOLTA DELLE DOMANDE DI ADESIONE

Dettagli

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Obiettivi del corso Iniziamo, con questa prima lezione, il nostro corso dal titolo addetto alla contabilità. Si tratta di un corso base che

Dettagli

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 5 1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO (rif. punto 4.2 BS OHSAS 18001:2007) 1.1 SCOPO La dichiarazione di politica per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro,

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07).

Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). Norma nazionale per la produzione, preparazione, commercializzazione ed etichettatura del coniglio biologico (art. 42 del Reg. (CE) n. 834/07). 1. Generalità 1.1 Premessa L operatore che intende allevare

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CONSULENZA

RELAZIONE TECNICA DI CONSULENZA RELAZIONE TECNICA DI CONSULENZA PSR TOSCANA 2007/2013 Regolamento CE 1698/05 MISURA 114 Utilizzo servizi di consulenza Provincia di... Organismo prestatore del servizio:. Beneficiario :..... Tipologia

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE 1) PRINCIPI I principi, cui si ispira il sistema di valutazione, riguardano la trasparenza dei criteri e dei risultati, l adeguata informazione e la partecipazione

Dettagli

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Regime di perequazione specifica aziendale per le imprese di distribuzione elettrica con meno di 5.000 punti di prelievo, ai sensi dell articolo 38, comma

Dettagli

CARTA DEGLI IMPEGNI E DELLA QUALITÀ DELLE FATTORIE DIDATTICHE TICHE DELLA REGIONE PIEMONTE

CARTA DEGLI IMPEGNI E DELLA QUALITÀ DELLE FATTORIE DIDATTICHE TICHE DELLA REGIONE PIEMONTE Carta degli Impegni e della Qualità Versione approvata anno 2015 Pagina 1 di 5 CARTA DEGLI IMPEGNI E DELLA QUALITÀ DELLE FATTORIE DIDATTICHE TICHE DELLA REGIONE PIEMONTE Viene istituito l Elenco delle

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

Gli. approfondimenti. di Publika LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA

Gli. approfondimenti. di Publika LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA Gli approfondimenti di Publika LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA di Gianluca Bertagna

Dettagli

VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole

VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole 1 VSQ Progetto sperimentale per un sistema di

Dettagli

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni

Carni bovine Regolamento CE 1760/2000 identificazione e registrazione dei bovini etichettatura delle carni bovine disposizioni comuni Carni bovine Le carni bovine, a seconda della modalità con cui vengono vendute, possono essere sottoposte sia alle norme di carattere generale sull etichettatura dei prodotti alimentari sia a quelle specifiche

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

6.1 Le schede operative per la gestione degli animali

6.1 Le schede operative per la gestione degli animali 6schede per la gestione in sicurezza degli animali in condizioni di emergenza 6.1 Le schede operative per la gestione degli animali Le seguenti schede suggeriscono i comportamenti più adeguati che le diverse

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici Con la pubblicazione della IV edizione della Norma CEI 11-27: Lavori su impianti elettrici sono state introdotte alcune sostanziali modifiche rispetto alla precedente edizione che non è più applicabile

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO BRUCELLOSI BOVINA/BUFALINA SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI IN UN FOCOLAIO La scheda debitamente compilata deve essere consegnata all'osservatorio

Dettagli

Emissioni in atmosfera

Emissioni in atmosfera Seminario Il Testo Unico Ambientale D. Lgs n. 152/06 alla luce delle modifiche apportate dai recenti correttivi D. Lgs n. 128/10, D. Lgs n. 205/10, D. Lgs n. 219/10 Emissioni in atmosfera La parte V del

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PER L UTILIZZO DEGLI EFFLUENTI ZOOTECNICI IN AGRICOLTURA A chi deve essere inviata la comunicazione 1. La comunicazione deve essere inviata: a) al Comune

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi Regolamento 183/2005 Applicazione sul territorio regionale L applicazione

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO

PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO a cura di Giuseppe Montante VALUTAZIONE DEL MODELLO VIGENTE DI CARRIERA MOTIVAZIONI Da circa 16 anni è stato introdotto per la

Dettagli

IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO ALLEVAMENTI 18 bis del D.P.R. 600/73

IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO ALLEVAMENTI 18 bis del D.P.R. 600/73 IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO ALLEVAMENTI 18 bis del D.P.R. 600/73 Note operative ed Esempi Documento a cura di SEDI Srl - RIPRODUZIONE VIETATA 1 L articolo 18 bis del D.P.R. 600/73 prevede l obbligo

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051 Audizione Confindustria Disegno di legge n. 1051 Delega al Governo su Informazione e Consultazione lavoratori e definizione misure su Democrazia economica XI Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Dettagli

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI PIANI DI CONTROLLO E PER L ASSEGNAZIONE DELLA QUALIFICA SANITARIA DEGLI ALLEVAMENTI NEI CONFRONTI DELLA PARATUBERCOLOSI BOVINA 1. Definizioni Ai sensi delle presenti linee

Dettagli

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia Università della Tuscia Dip. di Produzioni Animali Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne Amici Andrea Amici Consumi di carne in Italia Riduzione

Dettagli

Registro classif: Allegati: 1 VIA FAX. OGGETTO: Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA)

Registro classif: Allegati: 1 VIA FAX. OGGETTO: Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA) Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO VETERINARIO Ufficio VI Benessere

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

Necessità della formazione efficace delle figure professionali nel campo della sicurezza negli ambienti di lavoro

Necessità della formazione efficace delle figure professionali nel campo della sicurezza negli ambienti di lavoro Necessità della formazione efficace delle figure professionali nel campo della sicurezza negli ambienti di lavoro Mario ALVINO Formazione efficace : perché? è una misura di sicurezza, infatti svolge una

Dettagli

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata:

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata: 10 CRITERI TECNICI DELLE PRIORITÀ L elenco dei siti con gli indici di priorità contenuti nel presente piano, dovrà essere rivisto ed aggiornato alla luce delle risultanze emergenti dai piani di caratterizzazione.

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività Bilancio di Sostenibilità 2012 dipendenti azionisti e investitori ambiente clienti e collettività fornitori istituzioni e comunità Sicurezza e salute dei lavoratori Per il gruppo A2A la prevenzione degli

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELLA FEBBRE CATARRALE DEGLI OVINI NEI CENTRI GENETICI E DI FECONDAZIONE ARTIFICIALE SSOMMARIO 1 GENERALITÀ...2 2 REQUISITI E CRITERI GENERALI DI CONTROLLO DELLE STRUTTURE...2

Dettagli

VSQ. Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole

VSQ. Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole 1 VSQ Progetto sperimentale per un sistema di

Dettagli