SETTORE ASSISTENZA. Mai soli, progetto di assistenza e accompagnamento per disabili e anziani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SETTORE ASSISTENZA. Mai soli, progetto di assistenza e accompagnamento per disabili e anziani"

Transcript

1 SETTORE ASSISTENZA Mai soli, progetto di assistenza e accompagnamento per disabili e anziani 1) Descrizione del contesto territoriale e/o settoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili: Il territorio dei Comuni del Valdarno Inferiore (San Miniato, Castelfranco di Sotto, Fucecchio, Montopoli in Val d Arno e Santa Croce sull Arno) si estende per circa 266 kmq con una popolazione complessiva di abitanti al 31/12/2006. I cinque comuni sono direttamente coinvolti nella programmazione del piano integrato di salute, che comprende gli interventi sociali finanziati in coerenza con la programmazione nazionale e regionale, al cui interno sono previsti servizi e attività a favore della popolazione anziana e della popolazione disabile. Da un punto di vista gestionale, dal 2005 i comuni di Castelfranco di Sotto, Montopoli in Valdarno, San Miniato e Santa Croce S/A, hanno dato vita ad un Ufficio Comune per la gestione dei Servizi sociali in forma associata, mentre il comune di Fucecchio ha mantenuto autonoma la propria struttura organizzativa. Tuttavia sono previsti ambiti di coordinamento gestionale che assicurano l unitarietà dell andamento dei progetti, sia in termini di obiettivi, che di monitoraggio degli stessi. AREA ANZIANI Le linee principali di articolazione della programmazione nella area anziani hanno come necessaria premessa il sistema di bisogni, criticità e rischi che questa realtà territoriale presenta e che sono essenzialmente collegate al progressivo invecchiamento della popolazione. Su una popolazione totale di persone gli anziani > 65 sono e di questi gli > 75 sono Fra questi ultimi quelli che vivono soli o in coppia sono circa È proprio nella fascia di età data dagli >75 che l età avanzata e la solitudine sono indicatori certi di fragilità e rischio soprattutto se consideriamo che in questa fascia di età si registra, secondo le stime della ASL 11 Valdarno Inferiore, un aumento dell incidenza di patologie correlate a disabilità e non autosufficienza ( malattie del sistema circolatorio e traumi ). Negli ultimi anni si è infatti verificato un aumento progressivo del numero di anziani riconosciuti Non autosufficienti dalla competente Unità di Valutazione Territoriale della Asl 11 e per i quali è stato necessario predisporre ed attuare un progetto integrato (sociale e sanitario) individualizzato. Al primo semestre 2007 sono complessivamente 520 gli anziani in carico al servizio sociale dei quattro comuni e per i quali è stato elaborato ed attivato specifico progetto individualizzato di aiuto, finalizzato al sostegno personale. (Fra tutti questi progetti ci interessa in particolare evidenziare il numero e la tipologia di interventi riconducibili all ambito dei servizi di domiciliarità, proprio perché la Domiciliarità è il contesto progettuale di riferimento all interno del quale collocare il presente progetto per l impiego di volontari di servizio civile. Del numero complessivo di anziani in carico ai servizi, precedentemente indicato, n. 79 sono seguiti con interventi di Ass. Domiciliare diretta, - n. 65 con contributi economici finalizzati alla Ass. Domiciliare indiretta, 1

2 - n. 84 con interventi di sorveglianza attiva durante il periodo estivo, - n. 106 con interventi di accompagnamento e trasporto individuale, - n. 54 con interventi di assistenza domiciliare leggera, - n. 19 con servizio di telesoccorso. Tutti questi interventi stanno dentro una prospettiva generale di sviluppo della domiciliarità intesa come idea e strategia di base delle politiche di sviluppo dei servizi a favore della popolazione anziana. L idea della domiciliarità ha come assunti fondamentali : - Il diritto dell anziano a mantenere i propri spazi, le proprie abitudini, i propri oggetti, la propria casa, la rete del vicinato e la consuetudine degli incontri e delle relazioni - La necessità che nella comunità, nel territorio, si diffondano i principi della comunicazione, della compartecipazione, dell ascolto e dello scambio. Per queste ragioni gli interventi di domiciliarità di seguito descritti possono essere attivati distintamente ma più spesso vengono attivati contestualmente su una stessa situazione secondo una logica di messa in rete delle risorse intorno al bisogno per dare una risposta più efficace e completa. I volontari di Servizio civile interessati da questo progetto saranno una risorsa aggiuntiva che andrà ad integrare la rete già esistente aumentando potenzialmente il numero degli utenti raggiunti dai servizi e il numero delle prestazioni. Descrizione della tipologia di interventi di Domiciliarità e indicazione dei soggetti istituzionali e del terzo settore che collaborano con i Comuni del Valdarno alla loro attuazione. Assistenza domiciliare diretta Il Servizio di titolarità dei Comuni è programmato e gestito dai servizi sociali professionali dei comuni e attuato con gli operatori socio assistenziali del Consorzio di cooperative Co & So a cui il servizio è appaltato. Gli interventi di assistenza domiciliare vengono attivati nell ambito di specifici progetti di aiuto individuale, elaborati dal Servizio Sociale professionale del comune in eventuale integrazione con gli operatori sanitari della competente ASL in casi di non autosufficienza. La tipologia delle prestazioni sinteticamente si riassume in: - igiene della persona e degli ambienti, - acquisto alimenti, preparazione e somministrazione dei pasti, - monitoraggio della corretta assunzione dei farmaci, cura dei rapporti con i familiari, con i medici curanti e con gli altri operatori sociosanitari coinvolti nell attuazione del progetto individuale di aiuto. Assistenza domiciliare leggera Il Servizio ha come obiettivo l'attivazione di interventi assistenziali a carattere "leggero", che cioè non comportano specifiche competenze professionali e si connotano come alternativi o integrativi di percorsi assistenziali specifici e specializzati attivati dai Servizi sociali e sanitari. Per questa ragione gli interventi di assistenza domiciliare leggera rappresentano l ambito ideale per valorizzare il ruolo attivo della comunità locale e del suo tessuto associazionistico alla costruzione e attuazione di una rete di servizi territoriali. Nella nostra realtà si è infatti sviluppata negli ultimi anni una forte collaborazione con la Associazione Auser, associazione con struttura 2

3 radicata nel territorio dei quattro comuni, che con i propri volontari attua, nell ambito dei progetti individuali di aiuto elaborati, coordinati e supervisionati dal Servizio Sociale Professionale, interventi di assistenza domiciliare leggera. La tipologia delle prestazioni sinteticamente si riassume in: - Integrazione e supporto all assistenza domiciliare istituzionale attuata con gli operatori delle Cooperative - Piccoli aiuti nella gestione domestica, - Recapito pasti caldi a domicilio, consegna e ritiro indumenti in lavanderia - Consegna farmaci e spesa a domicilio, - Accompagnamento per visite sanitarie ed altro - Espletamento pratiche burocratiche, - Interventi al domicilio degli utenti su chiamata della Centrale operativa del Telesoccorso o della Sorveglianza Attiva. Sorveglianza attiva Il Servizio di sorveglianza attiva, che si attiva durante il periodo estivo ( dal mese di giugno alla fine di settembre ) ha come obiettivo essenziale il monitoraggio costante di situazioni di anziani >75, soli o in coppia, individuati dai competenti servizi sociosanitari (ASL e Comuni) come in particolare condizione di rischio e fragilità. Il servizio, nato dalla cooprogettazione e partecipazione attiva dei Comuni, della ASL, della Associazione Pubblica Assistenza di zona e dell Auser di zona, si basa sulla azione integrata di tutti questi soggetti. Gli interventi di monitoraggio sono i seguenti : - Servizio di Monitoraggio telefonico su soggetti fragili individuati dai servizi socio-sanitari nell ambito di progetti individualizzati tramite telefonate di controllo effettuate da una centrale telefonica dedicata, gestita dalla Pubblica Assistenza. Le telefonate seguono modalità e tempi definiti nell ambito dei progetti stessi. - Servizio di Counseling telefonico per informazioni e per raccogliere segnalazioni su situazioni di bisogno/difficoltà: h. 8,00-20,00, festivi compresi. - Visite domiciliari di controllo e verifica su progetto individuale e/o su attivazione Centrale telefonica effettuate dai volontari Auser. - Servizio di assistenza domiciliare leggera tramite piccole azioni di aiuto alla vita quotidiana nell ambito di progetti individualizzati elaborati dai servizi socio-sanitari o su attivazione urgente da parte della centrale telefonica, effettuati dai volontari Auser. Assistenza domiciliare indiretta L assistenza domiciliare indiretta si realizza tramite erogazione di contribuzioni economiche trasferite in genere ai familiari degli anziani con significative necessità assistenziali: il contributo è finalizzato ad integrare le risorse personali o familiari dell anziano destinate al pagamento di una assistenza privata. Anche in questo caso l intervento si colloca all interno di un progetto assistenziale elaborato dai servizi sociali e sanitari competenti che dovrebbe essere supervisionato e monitorato. In realtà, data l assenza di un servizio strutturato il monitoraggio, difficilmente ha carattere di continuità ed è più difficile per i Servizi mantenere un contatto costante con la situazione di bisogno. Trasporti sociali Sono interventi effettuati tramite i diversi soggetti del Terzo settore disponibili 3

4 sul territorio (Misericordie, Pubbliche Assistenze, Auser, ecc..) e finalizzati a sostenere l autonomia della persona anziana e la sua possibilità di muoversi in un territorio dove è poco capillare la rete dei servizi pubblici. Nella maggior parte dei casi gli interventi sono finalizzati all accompagnamento a strutture sanitarie per visite, esami diagnostici ecc Telesoccorso Il servizio di telesoccorso, attivo da diversi anni nel territorio, si realizza tramite l attività di una centrale telefonica attiva 24 ore, gestita per conto dei quattro comuni, da un soggetto privato di vigilanza nell ambito di specifica convenzione. La centrale è collegata telefonicamente (24 ore) con specifici apparecchi vivavoce disposti al domicilio di anziani (per i quali è stato predisposto specifico progetto dai servizi sociosanitari) e che presentano particolari condizioni di rischio anche sanitario. La Centrale del Telesoccorso è collegato operativamente (secondo specifico protocollo) con il 118 della competente Asl per la attivazione di interventi di urgenza sanitaria. AREA DISABILITA I progetti inseriti nella programmazione degli interventi a favore della popolazione disabile nel Valdarno Inferiore hanno le loro basi fondamentali nell integrazione tra servizi sociali e servizi sanitari e nel coinvolgimento delle famiglie, del volontariato, delle associazioni, dei singoli. Si tratta di un sistema di lavoro a rete che ha l obiettivo primario di favorire l autonomia personale e l integrazione scolastica, sociale, lavorativa della persona disabile. Per avere una chiara visione di ciò che comporta l integrazione, si elencano sinteticamente i luoghi dove questa avviene, ovvero i luoghi nei quali l operatore del servizio sociale co-progetta unitamente ad altri soggetti: o GOM minori: servizio sociale (ASL e Comuni), Salute Mentale Infanzia Adolescenza (SMIA), e altri specialisti quando necessari; o GOM adulti: servizio sociale (ASL e Comuni), psicologia, medico di base e altri specialisti quando necessari; o UVM: servizio sociale (ASL e Comuni), medico del distretto, infermiere, medico di base e altri specialisti quando necessari; o PEI: servizio sociale (attualmente ASL), SMIA, operatori scolastici o Raccordo con la Salute Mentale Adulti È evidente come in questo ambito si deve essere capaci di seguire la persona in tutto il suo percorso vitale: dalla nascita fino alla soglia della anzianità, cercando di favorire il suo inserimento in tutti i contesti (sociali, educativi, scolastici, lavorativi) propri delle diverse tappe evolutive e mediando l inserimento con gli handicaps che le diversificate tipologie di disabilità comportano. I bisogni che si evidenziano e che guidano la programmazione riguardano principalmente: o Bisogni legati all accesso all informazione, e quindi ai diritti, e alla o semplificazione per la fruizione dei servizi. Ottimizzazione e maggiore raccordo sul versante della integrazione sociosanitaria e su quello della collaborazione con il privato sociale. o Ampliamento dell offerta di opportunità per la problematica legata all handicap nei minori e nei giovani al di fuori della logica degli interventi individuali. o Bisogni legati alla integrazione della persona nei vari contesti, 4

5 o fisiologicamente alla età evolutiva, come affermazione della fruizione dei diritti soggettivi. Bisogni legati alla mobilità, alla fruizione dei trasporti pubblici, alla realizzazione e ottimizzazione di trasporti sociali quale condizione essenziale allo svolgimento di progetti individuali e di comunità. La lettura trasversale dei bisogni sopra elencati evidenzia la necessità di incrementare e differenziare i progetti e le azioni utilizzando e coinvolgendo al massimo e al meglio le risorse umane (formali e informali) presenti sul territorio. Una analisi della composizione della popolazione disabile nel Valdarno Inferiore mette infatti in evidenza una diversificata tipologia di handicap: o 541 sono le persone disabili che risiedono nel territorio dei 4 comuni interessati; o I bambini disabili in età 0-5 inseriti negli Asili Nido e Scuole Materne del territorio sono 19 mentre 122 sono gli alunni disabili che frequentano la Scuola dell obbligo. Una ulteriore lettura relativa alla tipologia di disabilità evidenzia che su 541 persone disabili il: o 33,82% sono le persone con disabilità mentale; o 19,73% con handicap di tipo fisico; o 6,55% disabili motori; o 39,84% le persone con plurihandicap. È ovvio che tale fotografia obbliga l ente pubblico ad uno sforzo di differenziazione dei servizi/azioni poiché alla diversificazione delle caratteristiche di disabilità deve corrispondere una strutturazione differenziata della progettazione. L analisi dei progetti e dei servizi attivi nell ambito della disabilità nel territorio del Valdarno Inferiore vede la maggior parte delle risorse economiche destinate alla residenzialità e semiresidenzialità (Centri Diurni e strutture): sono circa 95 le persone che utilizzano i centri e le comunità alloggio. Un altro importante intervento riguarda l erogazione della assistenza specialistica scolastica, a garanzia del diritto/qualità dell inserimento a scuola dei bambini e ragazzi disabili, assicurata ad oltre 50 di loro. Particolare rilevanza rivestono gli interventi di domiciliarità finalizzati a favorire la permanenza in famiglia della persona disabile e a favorire l autonomia personale e l integrazione nel tessuto sociale. È necessario incrementare la domiciliarità in senso sia quantitativo, andando ad incrementare il numero di interventi attivati, sia qualitativo, aumentando la loro differenziazione. Si distinguono infatti: - l assistenza domiciliare: generalmente è svolta da personale in possesso di idonea qualifica e finalizzata al supporto alla famiglia o alla persona disabile nelle routine della vita quotidiana - l assistenza domiciliare leggera: generalmente svolta da operatori espressi da associazioni di volontariato caratterizzati da motivazione e sensibilità e non in possesso di specifiche competenze professionali. Tali volontari si integrano, potenziandoli e arricchendoli, in percorsi assistenziali individualizzati più complessi che vedono la presenza di più operatori sia di tipo sociale che sanitario. Essi svolgono compiti di compagnia, di 5

6 accompagnamento all esterno, recapitano la spesa e i farmaci, si occupano del disbrigo di eventuali pratiche burocratiche e supportano la persona attraverso interventi non impegnativi di economia domestica. Rappresentano quindi un nodo fondamentale nella rete di solidarietà che la comunità territoriale può esprimere nei confronti delle persone disabili. - Interventi socio-educativi: generalmente rivolti a bambini e a giovani, finalizzati a favorire l autonomia personale, l integrazione e la socializzazione nel gruppo dei pari, a sollecitare l espressione delle capacità individuali e ad affrontare/superare difficoltà e ostacoli nella dimensione intra e interpersonale. Attualmente sono circa 105 gli interventi di domiciliarità attivati nel territorio del Valdarno. Un altro importante tassello nella progettualità dell ambito della disabilità riguarda gli inserimenti socio-occupazionali e socio-terapeutici orientati a favorire l esperienza dell inserimento della persona disabile nella realtà occupazionale/lavorativa attraverso un modulo personalizzato guidato e protetto. Anche questa importante linea progettuale ha potenzialità di ampliamento dato il suo alto valore di integrazione e crescita nel percorso di vita della persona. Si contano circa 33 inserimenti attivi. A completamento della progettualità nell ambito della disabilità si situano i progetti di comunità realizzati attraverso la dimensione del gruppo. Tra questi si elencano: o Progetto Disabilità e Tempo Libero che caratterizza le proprie attività attraverso la realizzazione: - di attività teatrale con l obiettivo finale della produzione di uno spettacolo i cui attori sono ragazzi sia disabili che normodotati; - uscite nel fine settimana; i ragazzi partecipanti sono circa 12. o Progetto Elicriso: gruppo di aggregazione/socializzazione frequentato da circa 10 persone prevalentemente residenti nel territorio del Comune di San Miniato o Progetto Canto Anch io realizzato da associazioni di volontariato e di promozione sociale in partenariato con i Comuni del LODE Valdarno finalizzato a realizzare dei laboratori di canto, quale attività espressiva indicata e richiesta da molti ragazzi disabili psichici e psico-organici; il progetto coinvolge circa 14 ragazzi di età compresa tra i 16 e i 25 anni. o Progetto Splash: esperienze di acquaticità coprogettate con la Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia Adolescenza e attualmente frequentate da circa 20 bambini di età compresa tra i 4 e i 12 anni. o Progetti attività estive rivolti ai bambini e agli adolescenti disabili generalmente inseriti nei progetti educativi realizzati in ambito educativo durante il periodo di chiusura delle scuola. 6

7 2) Obiettivi del progetto: Il progetto, condividendo lo spirito e le indicazioni della Legge 64/2001 istitutiva del Servizio civile, si propone di promuovere la solidarietà sociale e di contribuire alla formazione civica, culturale e professionale dei volontari in servizio, finalità peraltro realizzate nell annualità di attuazione del precedente progetto. AREA ANZIANI Obiettivi generali AREA DISABILI A)Mantenimento dell anziano, per quanto possibile, nel proprio ambiente di vita e prevenzione dell insorgenza della non autosufficienza. Obiettivi specifici Indicatori di risultato Risultati attesi A) Consolidare e sviluppare, grazie ai volontari, i servizi di domiciliarità aumentando il numero degli anziani seguiti nei quattro comuni. -Fornire in un maggior numero di casi il supporto a livello domiciliare finalizzato al mantenimento della autonomia e alla relazione. -Fornire aiuto negli spostamenti e accompagnare all esterno promovendo le relazioni e lo socializzazione. - Numero aggiuntivo di anziani seguiti complessivamente grazie all apporto dato dai volontari ai servizi di domiciliarità, - numero di anziani seguiti dai volontari, con funzioni di assistenza domiciliare leggera, in integrazione di interventi di Assistenza domiciliare diretta o in alternativa ad essa, - numero di anziani seguiti dai volontari con interventi di trasporto e accompagnamento. n. 75 n. 32 n. 30/35 B)Implementare la rete di sostegno e supporto alla persona anziana e alla sua famiglia; B)- Integrare l azione dei volontari nella rete già attiva dei servizi di domiciliarità e inserirli nei gruppi di lavoro già esistenti -utilizzo per i volontari del metodo di lavoro basato sul gruppo, sulla progettazione degli interventi, verifica e monitoraggio B) inserimento dei volontari nei progetti di AD leggera e di Sorveglianza attiva e di Assistenza domiciliare diretta Loro partecipazione attiva ai gruppi di lavoro - definizione di un programma mensile di attività con calendarizzazione dei momenti di verifica degli interventi n. 10 incontri a volontario (con cadenza almeno mensile) per partecipazione a gruppi di lavoro e verifica n. 1 relazione finale prodotta dal singolo volontario - Produzione di una relazione finale dell attività svolta, C)Sostenere le famiglie interessate dal progressivo aumento dei carichi assistenziali e di cura nei confronti degli anziani. C) Con la presenza del volontario si intende fornire un supporto concreto che ha come obiettvi specifici quelli di -dare alle famiglie la possibilità di un tempo da poter dedicare ad altro sollevandosi dal peso di una responsabilità assistenziale continua, -un supporto relazionale riconducibile alla presenza di un volontario di Servizio Civile come persona disponibile all ascolto e al confronto, - favorire il raccordo tra i servizi sociali e le famiglie. C)- Numero aggiuntivo di famiglie che usufruiscono di sollievo nel carico assistenziale, - maggior numero di situazioni monitorate costantemente dai servizi sociali anche in assenza di servizi strutturati. n. 14 famiglie, n. 14 situazioni con progetto di indiretta monitorate. 7

8 Obiettivi generali Favorire e migliorare la permanenza della persona disabile all interno del nucleo familiare contribuendo al sollievo dei carichi psico/assistenziali della famiglia e cercando di favorire la vita indipendente. Favorire l integrazione del bambino e studente disabile all interno dell ambiente scolastico ed educativo (Asili Nido, CIAF, Attività estive). Favorire l integrazione delle persone disabili con i normodotati nelle attività di svago, gioco, socializzazione. Obiettivi specifici Indicatori di risultato Risultati attesi A) Incrementare la gamma e la quantità dei servizi di tipo domiciliare. B) Favorire, attraverso il volontario del servizio civile, l integrazione della persona disabile nel tessuto sociale attraverso la presenza di un operatore che sappia porsi come facilitatore nel superamento delle barriere estesamente intese. A) Implementare, attraverso la presenza dei volontari del servizio civile, una rete qualitativa di supporto alla integrazione scolastica/educativa B) Incrementare, attraverso la presenza dei volontari, l inserimento dei minori disabili nelle attività socio-educative estive Integrare l azione dei volontari del servizio civile nei progetti socioeducativi di comunità attivati sul territorio favorendo uno scambio di esperienze valido sia per i ragazzi disabili che per i volontari. A1) Aumento complessivo del numero di soggetti/famiglie disabili seguiti a livello domiciliare. A2) Aumento del numero di persone che si avvalgono del servizio di assistenza domiciliare leggera. B) Incremento delle persone disabili che usufruiscono dei servizi di trasporto e accompagnamento. A1) Obiettivo qualitativo: aumentare i nodi della rete supportiva all inserimento del bambino/ragazzo in ambito scolastico ed educativo: numero di GOM o PEI o Verifiche (Gruppi operativi) che coinvolgono anche l operatore del servizio civile A2) Obiettivo quantitativo: numero di assistenze scolastiche con operatore del servizio civile in aggiunta ad altro personale B) Numero di minori inseriti nelle attività estive 1) Numero di progetti nei quali inserire i volontari del servizio civile. 2) Incremento della recettività all interno dei progetti. A1 e A2) Aumento di n. 6 interventi. B) Aumento di 15 interventi. A1) Minimo 6 eventi. A2) 3 interventi. B) Aumento di 3 1) Minimo 2 3) Aumento di 5. 3) Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo le modalità di impiego delle risorse umane con particolare riferimento al ruolo dei volontari in servizio civile: 8

9 3.1 Piani di attuazione previsti per il raggiungimento degli obiettivi Il presente progetto si colloca dentro la prospettiva generale, sopra già richiamata, di consolidamento della domiciliarità, assunta come idea e strategia di base delle politiche di sviluppo dei servizi a favore della popolazione anziana, intesa come insieme di servizi ed occasioni finalizzati a contrastare l isolamento e la solitudine, a prevenire l insorgenza o la cronicizzazione di fattori visti come causa o concausa della non autosufficienza, finalizzati ad evitare l istituzionalizzazione e a favorire la permanenza dell anziano nella propria abitazione e nel proprio ambiente. Il progetto tende inoltre ad incrementare la cultura dell integrazione dell handicap a favorire progetti in rete con il terzo settore volti al miglioramento del benessere e all'integrazione sociale della persona disabile in molti percorsi di vita. Le azioni saranno progettate con la consapevolezza che queste possono rappresentare occasione di scambio e crescita sia per coloro i quali beneficeranno degli interventi sia per i volontari del servizio civile. Si intende quindi promuovere e potenziare la cultura della solidarietà considerando la diversità della persona disabile e dell anziano non come ostacolo ma come risorsa di socialità. Il target di riferimento del progetto è dato dagli anziani >75 in condizioni di fragilità e dalle famiglie di anziani non autosufficienti con un elevato carico assistenziale, e persone disabili sia in età evolutiva che giovani-adulti. I volontari di Servizio civile interessati da questo progetto saranno una risorsa aggiuntiva che andrà ad integrare la rete già esistente aumentando potenzialmente il numero degli utenti raggiunti dai servizi e il numero delle prestazioni, qualificando la capacità del territorio e della comunità di appartenenza di prendersi cura dei propri soggetti più deboli. Le sedi di impiego saranno quelle dei Comuni di Castelfranco di Sotto, Fucecchio, Montopoli in Val d Arno, San Miniato e Santa Croce sull Arno, nei servizi di domiciliarità che confluiscono nella area anziani e nei progetti dell area disabilità. La strategia fondamentale è quella di inserire il volontario nei gruppi di lavoro già attivi quale risorsa aggiuntiva in affiancamento del personale impiegato. L integrazione tra competenze e professionalità diverse è infatti condizione fondante della progettualità in questo ambito e l equipe è la dimensione lavorativa privilegiata. Il livello di coordinamento si collocherà nell Area Anziani e nell Area Disabilità dell Ufficio Comune con particolare riferimento al piano generale di impiego dei volontari e alla loro formazione specifica. Il piano di attuazione del progetto si articola nelle seguenti fasi: Fase 1 ) Avviamento del progetto (I mese): o presentazione dei volontari ai Responsabili e agli operatori dell Ufficio comune servizi sociali associati del Valdarno Inferiore; o prima parte della formazione generale di 32 ore; o conoscenza del territorio e dei servizi esistenti attraverso documentazione e visite nelle sedi attuative del progetto, curata dagli olp e dai servizi sociali comunali; o formazione specifica di 27 ore (residenziale) sulle dinamiche relazionali, sul lavoro di gruppo, su conflitti e comunicazione; o formazione specifica di base sull organizzazione del servizio pubblico, sulle 9

10 o normative specifiche dei progetti, in particolare la legge sulla privacy (7 ore in 1 giornata formativa); individuazione dei progetti nei quali saranno inseriti i volontari tenendo conto delle caratteristiche personali dei singoli; Fase 2) Introduzione all operatività e attivazione progetti (II al III mese) o seconda parte della formazione generale di 10 ore e-learning (entro il II mese). o Accompagnamento e inserimento dei volontari nei gruppi di lavoro progettuali; introduzione alla metodologia di lavoro e alla tipologia di intervento attraverso l affiancamento agli operatori e ai volontari già attivi per sperimentare concretamente le relazioni con anziani e disabili e con i nuclei familiari di appartenenza e l operatività sul campo; o Partecipazione dei singoli volontari agli incontri periodici di equipe finalizzati alla verifica dei progetti e alla supervisione con particolare attenzione alle dinamiche relazionali; o Formazione specifica seconda trance di 24 ore in 4 giornate formative(ii-iii mese); o Prima sessione di monitoraggio; Fase 3) Operatività e completamento formazione specifica (IV-VI mese) o I volontari vengono attivati sugli interventi assistenziali dove operano in autonomia e partecipano ai momenti programmati di supervisione e verifica; o formazione specifica terza trance di 14 ore in 3 giornate (V-VI mese); o seconda sessione di monitoraggio. Fase 4) Operatività fino alla conclusione del periodo di servizio civile volontario (VII XII mese) e verifica finale del percorso effettuato e dei risultati raggiunti dal progetto in termini quantitativi e qualitativi (XI XII mese) o o o I volontari proseguono nell attività prevista dal progetto a cui sono assegnati, mantenendo uno stretto contatto con gli olp, ma sviluppando progressivamente maggiore autonomia nella gestione dei propri compiti; In seguito all esame della documentazione prodotta dagli olp durante gli incontri di equipe di progetto, dalle relazioni di servizio dei volontari e dai report provenienti dal monitoraggio, si verificherà l efficacia dei progetti dal punto di vista dell utenza, dei volontari, e dei servizi; Valutazione delle conoscenze acquisite, attraverso le relazioni di servizio, report degli olp e prove specifiche di verifica. Pur non essendo obbligatoria per la classe di accreditamento sarà presente la figura di un tutor a disposizione dei volontari durante l anno di svolgimento del servizio. L attività di tutoraggio si svolgerà parallelamente al monitoraggio, e sarà disponibile su specifica richiesta del volontario e dell'olp per supportarli nello svolgimento del servizio, sostenerli nella soluzione di possibili difficoltà relative al progetto, all organizzazione o alle relazioni interpersonali. 3.2 Complesso delle attività previste per la realizzazione dei piani di attuazione. 1

11 Individuazione da parte dei Servizi Sociali dei comuni degli anziani >75 soli o in coppia, in condizione di fragilità, in condizione di bisogno assistenziale e potenzialmente interessati ai servizi di domiciliarità. Individuazione di nuclei familiari di anziani non autosufficienti con elevato carico assistenziale potenzialmente interessati ai servizi di domiciliarità; Individuazione in sede GOM (Gruppo Operativo Multiprofessionale) delle persone disabili che possono essere affiancate dai volontari del servizio civile all interno dei progetti sopra indicati. Assegnazione dei volontari sui singoli progetti tenuto conto delle loro caratteristiche personali e, ove possibile, delle loro preferenze espresse. Verifica da parte dei Servizi Sociali dei comuni del bisogno assistenziale e stesura di progetti individualizzati di aiuto che prevedano l impiego dei volontari in rete con gli altri servizi. I Servizi Sociali dettaglieranno il quadro operativo settimanale e mensile, con specifica delle funzioni e compiti degli operatori e dei volontari di servizio civile, e dei momenti dedicati alla pianificazione e programmazione degli interventi, condivisione degli obiettivi, supervisione e verifica dell andamento degli intereventi stessi (solitamente riconducibili alle riunioni del Gruppo degli operatori ). I volontari al loro arrivo avranno delle prime occasioni di conoscenza del territorio e dei servizi esistenti attraverso documentazione e presentazione dei servizi e delle strutture curata dai Servizi Sociali Comunali, in questa prima fase si collocherà anche la prima trance della formazione specifica curata dalle Responsabili di Area e di loro collaboratori. Nella fase di introduzione all operatività vi saranno i primi momenti di incontro con i gruppi degli operatori e dei volontari dei servizi di domiciliarità e di interventi socio-educativi e successivamente si procederà al loro affiancamento iniziale in servizi già attivi per sperimentare concretamente relazioni con anziani, con disabili e con nuclei familiari di appartenenza, e per conoscere sul campo l operatività dei servizi. In questa fase continuerà il percorso di formazione espressamente dedicata all approfondimento di tematiche relative ai bisogni assistenziali, di supporto, e educativi nella popolazione target, puntando in maniera particolare all importanza della relazione e alla metodologia del lavoro di gruppo. La fase di attivazione degli interventi presuppone la conoscenza diretta delle persone che usufruiranno dei progetti di aiuto e conoscenza del piano di intervento e la condivisione degli obiettivi. Il volontario avrà sempre come riferimento l operatore locale di progetto e l assistente sociale referente sul caso ove questo non sia coincidente. Si articolerà in momenti distinti di incontro con l Assistente Sociale referente dell intervento, con l equipe di lavoro, per la presentazione della situazione e del progetto individualizzato, con la definizione precisa di compiti e funzioni di ogni operatore coinvolto, ivi comprese le funzioni che andrà a svolgere il volontario. Individuazione di momenti precisi di verifica del progetto assistenziale. Alla conclusione del progetto sarà dedicata apposita riflessione al fine di coglierne i risultati qualitativi e quantitativi e per conoscere i vissuti e la portata esperienziale del volontario del servizio civile. 3.3 Risorse umane complessive necessarie per l espletamento delle attività previste, specificando se volontari o dipendenti a qualunque titolo dell ente. I 5 Comuni mettono a disposizione per l espletamento delle attività previste dal progetto: 1

12 o n. 1 Responsabile Servizi Area Anziani per i 4 comuni della provincia di Pisa o 1 Responsabile Area Interventi di sostegno ai cittadini con disabilità e salute mentale per i quattro comuni, della provincia di Pisa; o n. 1 Responsabile dei Servizi Sociali Area Anziani ed Handicap per il comune di Fucecchio o n. 1 Assistente Sociale Area Anziani e Area Handicap per ogni ambito Comunale, o n. 4 volontari della Associazione Auser per ogni ambito Comunale, o n. 2 volontari della Associazione Pubblica Assistenza che gestisce la centrale operativa della Sorveglianza attiva; o n. 3 Operatori Socio-assistenziali della Cooperativa che gestisce gli interventi di Assistenza domiciliare per ogni ambito comunale, o n. 1 collaboratore socio-assistenziale dipendente del Comune di Fucecchio. o 1 Assistente Sociale Area anziani che collabora con la Responsabile di area al coordinamento del presente progetto e alla formazione specifica; o 1 Assistente Sociale Area Disabilità che collabora con la Responsabile di Area al coordinamento del presente progetto e alla formazione specifica; o 4 educatori appartenenti al terzo settore (cooperative sociali e associazioni di promozione sociale) che gestisce gli interventi socio-educativi e di assistenza specialistica scolastica; o 1 educatore + 1 tecnico di teatro + uno specialista in canto espressi dal terzo settore che gestisce i progetti di comunità o È attivo a livello zonale, presso il Centro Risorse educative e Didattiche, un punto di supporto per le questioni amministrative relative allo svolgimento del Servizio civile che darà informazioni ai volontari e agli Olp, per permettere il corretto svolgimento del Servizio e il corretto adempimento delle pratiche amministrative da parte dei volontari. 3.4 Ruolo ed attività previste per i volontari nell ambito del progetto. La assegnazione dei volontari alle finalità individuate dal presente progetto all interno degli ambiti comunali può essere la seguente: Castelfranco di Sotto: n 2 volontario per 30 h medie settimanali sulle due aree Fucecchio: n. 1 volontario per 30 Montopoli in V/A: n 1 volontario per 30 San Miniato: n 3 volontario per 30 Santa Croce S/A: n 2 volontario per 30 Non si richiedono competenze professionali ma motivazione e attitudine alla relazione. Sarà compito degli operatori dell ente aiutare il volontario a sviluppare tali attitudini nel compimento di questa esperienza che ci auguriamo rappresenti per lui/lei una occasione di crescita personale. In maggior dettaglio le attività riguardano: Progetto assistenza domiciliare leggera: o Piccoli aiuti nella gestione domestica o Recapito pasti caldi a domicilio, consegna e ritiro indumenti in lavanderia o Consegna farmaci e spesa a domicilio o Accompagnamento per visite sanitarie ed altro 1

13 o o o o Espletamento pratiche burocratiche Compagnia Facilitazione dei rapporti fra la persona anziana e/o disabile e le loro famiglie con i Servizi Sociali Realizzazioni di trasporti sociali funzionali al raggiungimento di presidi sanitari, centri diurni, o più genericamente luoghi previsti nei progetti individualizzati. Interventi socio-educativi o Accompagnamento all esterno finalizzato alla realizzazione di esperienze di socializzazione e integrazione in gruppi formali e informali o Supporto nello svolgimento di attività didattica laddove la famiglia non possegga le necessarie capacità o Supporto alla famiglia nella strategia educativa del minore Progetti di comunità comprese le attività estive o Partecipazione del volontario alle attività previste nei vari progetti in affiancamento ed integrazione al personale già attivo: presenza e integrazione del volontario durante l attività di laboratorio teatrale presenza e integrazione del volontario durante le uscite nel fine settimana. Si esemplifica tramite alcune uscite già realizzate: Gita a Livorno, Concerto di Biagio Antonacci, Mercatino di Natale a Firenze, Pizza a Vinci etc. presenza e integrazione del volontario nelle attività educative dei CIAF (comprese le attività estive) con la funzione di facilitare l inserimento del bambino/ragazzo disabile nel gruppo dei pari normodotati o disabili 4) Numero dei volontari da impiegare nel progetto: 9 5) Numero posti con vitto e alloggio: 6) Numero posti senza vitto e alloggio: 9 7) Numero posti con solo vitto: 8) Numero ore di servizio settimanali dei volontari, ovvero monte ore annuo: ) Giorni di servizio a settimana dei volontari:5 10) Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio: Rispetto della privacy delle persone assistite e riservatezza delle informazioni assunte nello svolgimento del servizio; Rispetto delle indicazioni operative ricevute dai responsabili dei progetti individualizzati di intervento, e raccordo con gli stessi ; Disponibilità alla flessibilità oraria nell arco dei sei giorni lavorativi e di apertura dei servizi; Disponibilità a svolgere le attività di formazione nei giorni di sabato. 1

14 CARATTERISTICHE DELLE CONOSCENZE ACQUISIBILI 1) Eventuali crediti formativi riconosciuti: Il Corso di Laurea in Scienze Sociali Della Facoltà di Scienze Politiche dell Università di Pisa, riconosce fino ad un massimo di 8 CFU ai volontari che abbiano svolto servizio civile nei progetti in ambito sociale del Comune di San Miniato. (vedi delibera allegata) 2) Eventuali tirocini riconosciuti : Sulla base della delibera richiamata, il Corso di Laurea in Scienze Sociali Della Facoltà di Scienze Politiche dell Università di Pisa, riconosce la validità dei crediti formativi sopra richiamati in sostituzione del tirocinio per il medesimo percorso di studi, ai volontari che abbiano svolto servizio civile nei progetti in ambito sociale del Comune di San Miniato. (vedi dichiarazione allegata del Coordinatore didattico). 3) Competenze e professionalità acquisibili dai volontari durante l espletamento del servizio, certificabili e validi ai fini del curriculum vitae: Al termine dell esperienza al volontario saranno certificate e riconosciute le competenze acquisite e l esperienza professionale svolta all interno del progetto da parte del Comune di San Miniato (in allegato delibera e piano di verifica) e da Parte dell Agenzia Formativa Fo.Ri.Um, (in allegato accordi sottoscritti) dettagliando tutte le competenze sviluppate durante l anno di servizio. Tale certificazione potrà essere inserita nel curricolo professionale e formativo e utilizzata dal volontario in future collaborazioni professionali negli ambiti attinenti al servizio prestato, con particolare riferimento alle imprese che lavorano in campo educativo. INDICAZIONE DELLE CONOSCENZE E COMPETENZE ACQUISIBILI o Conoscenza dei servizi alla persona nel l ambito della normativa di riferimento Nazionale e Regionale, o Conoscenza della organizzazione e strutturazione dei servizi alla persona nella zona nell ambito del territorio dei cinque comuni del Valdarno inferiore. o Procedure amministrative per l accesso ai servizi e per la gestione degli stessi da parte degli enti pubblici; o Competenze connesse alla professioni sociali, con particolare riferimento a funzioni di assistenza domiciliare leggera per anziani e a interventi socioeducativi rivolti a popolazione disabile, nell ambito delle mansioni svolte durante il servizio, con particolare attenzione alle competenze relazionali; o Acquisizione di competenze in ordine alla programmazione e organizzazione degli interventi individuali e di comunità in relazione alla popolazione anziana e ai cittadini diversamente abili; o Acquisizione di competenze in ordine alla gestione di attività di cura, sostegno e assistenza verso persone parzialmente non autosufficienti;

15 o Sperimentazione e potenziamento delle proprie competenze individuali in particolare: nel lavoro di gruppo, nella comunicazione, nella assunzione di responsabilità, nella condivisione di obiettivi. 4) Sede di realizzazione: Formazione generale dei volontari La formazione generale dei volontari viene effettuata direttamente da Arci Servizio Civile Nazionale, attraverso il proprio staff nazionale di formazione, con svolgimento nel territorio di realizzazione del progetto. Presso: Centro di Ricerca e Documentazione La Bottega di Geppetto 5) Modalità di attuazione: In proprio presso l ente con formatori dello staff nazionale con mobilità sull intero territorio nazionale con esperienza pluriennale dichiarata all atto dell accreditamento attraverso i modelli: - Mod. FORM - Mod. S/FORM 6) Tecniche e metodologie di realizzazione previste: I corsi di formazione tenuti dalla nostra associazione prevedono: - lezioni frontali, letture, proiezione video e schede informative; - formazione a distanza - dinamiche non formali: incontri interattivi con coinvolgimento diretto dei partecipanti, training, giochi di ruolo, di cooperazione e di simulazione, giochi di conoscenza e di valutazione. La metodologia didattica utilizzata è sempre finalizzata al coinvolgimento attivo dei partecipanti attraverso l utilizzazione di tecniche di simulazione comportamentale. La formazione dei volontari ha come obiettivi il raggiungimento delle finalità di cui all art. 1 della legge 64/2001: la formazione civica, sociale culturale e professionale dei volontari. Essa intende fornire ai partecipanti strumenti idonei all interpretazione dei fenomeni storici e sociali al fine di costruire percorsi di cittadinanza attiva e responsabile. Attraverso i corsi di formazione si intende altresì fornire ai volontari competenze operative di gestione di attività in ambito no-profit.

16 7) Contenuti della formazione: La formazione dei volontari ha come obiettivi il raggiungimento delle finalità di cui all art. 1 della legge 64/2001: la formazione civica, sociale culturale e professionale dei volontari. Essa intende fornire ai partecipanti strumenti idonei all interpretazione dei fenomeni storici e sociali al fine di costruire percorsi di cittadinanza attiva e responsabile. Attraverso i corsi di formazione si intende altresì fornire ai volontari competenze operative di gestione di attività in ambito no-profit. I contenuti della formazione generale, in coerenza con le Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale, (determina Direttore UNSC del 4 aprile 2006) prevedono: Identità e finalità del SCN la storia dell obiezione di coscienza; dal servizio civile alternativo al servizio militare al SCN; identità del SCN. SCN e promozione della Pace la nozione di difesa della Patria secondo la nostra Costituzione e la giurisprudenza costituzionale in materia di difesa della Patria e di SCN; la difesa civile non armata e nonviolenta; mediazione e gestione nonviolenta dei conflitti; la nonviolenza; l educazione alla pace. La solidarietà e le forme di cittadinanza il SCN, terzo settore e sussidiarietà; il volontariato e l associazionismo; democrazia possibile e partecipata; disagio e diversità; meccanismi di marginalizzazione e identità attribuite. La protezione civile prevenzione, conoscenza e difesa del territorio. La legge 64/01 e le normative di attuazione normativa vigente e carta di impegno etico; diritti e doveri del volontario e dell ente accreditato; presentazione dell ente accreditato; lavoro per progetti.

17 Identità del gruppo - le relazioni di gruppo e nel gruppo; - la comunicazione violenta e la comunicazione ecologica; - la cooperazione nei gruppi. Ai fini della rendicontazione, richiesta dalle citate linee guida, verranno tenute 32 ore di formazione attraverso metodologie frontali e dinamiche non formali e ulteriori 10 ore attraverso formazione a distanza. 8) Durata: La durata complessiva della formazione generale è di 42 ore, questa è parte integrante dei progetti ed è conteggiata a tutti gli effetti ai fini del monte ore. Formazione specifica (relativa al singolo progetto) dei volontari 9) Sede di realizzazione: Sede dell Ufficio Comune Servizi Sociali Associati presso Comune di San Miniato. 10) Modalità di attuazione: La formazione specifica verrà effettuata in proprio con personale qualificato dell ente e con formatori qualificati in materie sociali, ed esperienza nell organizzazione di attività di integrazione, educazione e animazione rivolta a disabili e anziani. 11) Tecniche e metodologie di realizzazione previste: Formazione iniziale in stage residenziale teorico-pratico (vitto e alloggio a carico dell Ente) secondo lo schema: - preparazione attività,

18 - attività individuale e di gruppo, - rielaborazione contenuti esperienziali. lezioni frontali di carattere prevalentemente didascalico, concernenti l organizzazione dei servizi e le pratiche da mettere in atto per la gestione dei compiti previsti, seguiti da circle-time di approfondimento; training pratici ed esercitazioni attraverso l utilizzo di strumentazione adeguata e tecniche partecipative, apprendimento in affiancamento del personale dell ente nelle attività previste; giochi di simulazione, di conoscenza, di valutazione: sperimentazione diretta di metodologie da utilizzare durante il servizio. lavoro teorico-pratico di ricerca e studio in gruppo, attraverso: - la compilazione di schede di documentazione, - la realizzazione di composizioni scritte, e multimediali (slide, filmati, foto, etc). - il confronto sui temi affrontati attraverso focus group. Proiezioni video e analisi del contenuto di materiale multimediale relativo ad attività educative. 12) Contenuti della formazione: Gli obiettivi formativi del presente progetto si possono distinguere in: conoscenze strumentali allo svolgimento delle mansioni previste nel servizio, conoscenze teoriche relativamente a normative, forme organizzative e modalità di intervento, acquisizione di competenze personali nella relazione educativa, di sostegno e di aiuto. Questo prevede la preparazione dei volontari alla gestione delle situazioni di difficoltà più frequenti che possono incontrare sia nei rapporti con le famiglie, che con gli anziani e i disabili ai quali sono rivolti i servizi e le attività. La formazione specifica prevede l individuazione di quattro fasi così articolate: Prima fase. Nel primo mese verrà svolto un primo incontro di formazione personale e di gruppo, riguardante la capacità di e di gestire le dinamiche relazionali, al metodo di lavoro di gruppo, alla conduzione di lavoro in gruppi. Il raggiungimento degli obiettivi del percorso formativo prevede un lavoro teorico pratico su: - gli aspetti motivazionali, - le dinamiche relazionali, - il lavoro di gruppo, - la capacità di gestire situazioni di difficoltà, - la gestione e la risoluzione di conflitti interpersonali nell ambito lavorativo. Per complessive 27 ore distribuite in 3 giorni di stage residenziale.

19 Seconda fase: 3 giornate per complessive 23 ore su: - Normativa nazionale e regionale in materia di servizi sociali; - Le cure domiciliari; - Concetti generali riguardo menomazione, disabilità, handicap, I livelli di ritardo mentale ed il sistema di classificazione delle malattie (DSM4) e delle conseguenze di malattie e menomazioni; - Disabilità: tipologie e classificazione. La disabilità in età evolutiva. La disabilità tra deficit e risorsa. - La fragilità e la non autosufficienza; - Prevenzione e stili di vita - Il bisogno della mobilità e la movimentazione nei disabili non autosufficienti; Terza fase: 3 giornate per 22 ore complessive su: - Il progetto individuale di assistenza - Il lavoro di gruppo e il lavoro sul caso - Il contesto sociale territoriale degli interventi - la rete dei servizi e i soggetti utenti; 13) Durata: 72 ore, con incontri distribuiti nell arco dell anno (dei primi 6 mesi) di svolgimento del servizio.

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI

ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE. Albo nazionale. PASS (Pubbliche Assistenze per i Servizi Sociali) GARANZIA GIOVANI CARATTERISTICHE PROGETTO ENTE Ente proponente il progetto: ANPAS ASSOCIAZIONE NAZIONALE PUBBLICHE ASSISTENZE Codice di accreditamento: NZ 01704 Albo e classe di iscrizione: Albo nazionale 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI CORATO 2) Codice di accreditamento: NZ01262 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Io ci sono conta su di me!!

Io ci sono conta su di me!! SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto:

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale

Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale Premessa La fase sperimentale delle Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale, elaborate

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Soc. Coop. Istituto Ulisse per lo sviluppo della cultura al lavoro ISVIL 2) Codice

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli