Progetti sperimentali Legge 162/1998. Servizio per l inclusione sociale e lavorativa (SISL) Contributi all associazionismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetti sperimentali Legge 162/1998. Servizio per l inclusione sociale e lavorativa (SISL) Contributi all associazionismo"

Transcript

1

2 .

3 Integrazione scolastica Assistenza domiciliare Progetti sperimentali Legge 162/1998 Servizio per l inclusione sociale e lavorativa (SISL) Centri socio-riabilitativi Trasporto speciale Assistenza al trasporto scolastico Trasporto e assistenza per le attività riabilitative e presso i centri Soggiorni di vacanza Sussidi SIM Contributi all associazionismo Centro per l autonomia Servizi di residenzialità

4 Politiche e riferimenti generali Il Piano di zona dell Ambito Territoriale 10 ha identificato l area dell integrazione socio-sanitaria come uno dei settori-chiave e degli assi strategici del processo di riorganizzazione del sistema locale dei servizi alla persona. L Ufficio di Piano ha pertanto deciso di focalizzare il proprio lavoro su questo ambito prioritario, indicando anche un metodo di lavoro per procedere secondo una logica di cooperazione e omogeneità, in particolare tra i Comuni e l ASL. L area della disabilità è uno dei settori di maggiore rilievo nel panorama zonale dei servizi alla persona e si caratterizza per i seguenti principi fondamentali: Globalita e unitarieta dell intervento È necessario rispondere con un offerta unitaria, sia in ambito sanitario che sociale, in quanto la globalità e l unicità della persona rendono impossibile separare i contenuti di cura, riabilitazione e recupero sociale dalla prevenzione e dalla promozione. La distinzione convenzionale di bisogni fisici, psichici, relazionali e socio-ambientali, finalizzata a saper meglio leggere e analizzare le necessità, non può portare alla frammentarietà delle risposte, né si può pensare che il garante della sintesi di queste possa essere l utente o l individuazione di un unico ente erogatore e responsabile. L unitarietà delle prestazioni, la continuità e il coordinamento degli interventi devono essere garantiti da una seria e condivisa metodologia di coprogettazione e corresponsabilità, che sposta il livello della sintesi sul versante tecnico-istituzionale e organizzativo, dove il progetto individualizzato concretizza operativamente l integrazione tra educativo, sociale e sanitario. Partecipazione e responsabilita La partecipazione va considerata e analizzata a più livelli, diversificata e coniugata sempre con le specificità e le potenzialità di ciascuno, letta sia sul piano programmatico e gestionale che sul piano della compartecipazione economica e operativa degli utenti e dei sistemi familiari e sociali coinvolti. Le politiche e le metodologie d intervento devono agevolare e favorire tale partecipazione, individuando nella condivisione degli obiettivi e quindi nella definizione dei progetti d intervento un elemento di forza e una garanzia di rispondenza adeguata ai bisogni. Domiciliarita e autonomia L assistenza domiciliare sicuramente qualifica l intervento socio-sanitario e deve restare uno degli assi portanti dei percorsi di sostegno e di supporto alla disabilità, in quanto riconosce nella casa e nella famiglia una risorsa insostituibile per la qualità della vita di ciascuno. Tale intervento può essere declinato in diversi tipi di prestazione e finalità, dall aiuto diretto nelle attività fondamentali e quotidiane della vita della persona disabile a interventi di sollievo per le famiglie, a interventi con più estesi obiettivi socio-educativi-relazionali. Questo sviluppo ed estensione del servizio, che vede tempi, luoghi e modalità di erogazione differenziati, deve sempre tenere presente l autonomia, l integrazione totale e la vita indipendente. Queste parole chiave devono sottendere processi sostanziali e concreti percorsi di cambiamento che, a seconda della specificità dell handicap della persona, mirino a recuperare e valorizzare le potenzialità e le capacità residue, a produrre e garantire sinergie, a riattivare circuiti comunicativi relazionali e sociali interrotti. Attualmente i servizi a favore dei disabili e delle loro famiglie si articolano in varie tipologie: Centri socio-riabilitativi diurni (competenza ASL e compartecipazione Comune), Assistenza domiciliare, ausiliaria, socio-educativa e riabilitativa (competenza Comune e ASL), Assistenza scolastica (competenza Comune) e Borse lavoro (competenza Comune). La complessità dell intervento e i cambiamenti dei bisogni mettono in evidenza la necessità di ampliare le tipologie dei servizi, sia da un punto di vista quantitativo che operativo, ma soprattutto di sistematizzare l intero progetto, superando la frammentarietà degli interventi e realizzando una maggiore integrazione tra i servizi coinvolti e gli Enti gestori. Dalla lettura e dal confronto su questa tematica con i soggetti coinvolti, emerge infatti che la difficoltà più evidente è la mancanza di un progetto complessivo orientato a produrre un miglioramento della qualità della vita delle persone prese in carico. 104

5 È quindi opportuno un servizio che si configuri come un punto di raccordo per la raccolta dei dati e delle informazioni sui soggetti in carico, delle tipologie degli interventi messi in atto con l indicazione dei relativi tempi, degli obiettivi e delle metodologie attivate, dei servizi e degli operatori coinvolti. L obiettivo è quello di formulare un Progetto individualizzato che abbia alla base il principio dell unicità e della globalità della persona, in modo da permettere un coordinamento e un integrazione delle varie attività in una logica di continuità e omogeneità, assicurata dalla funzione di case-manager. È evidente che prerequisito del progetto individualizzato debba essere la diagnosi funzionale che compete ai servizi specialistici e deve essere elaborata per tutti i casi segnalati e diventare elemento decisivo per l eventuale presa in carico. La finalità ultima resta comunque quella di pervenire a un Piano locale sulla disabilità che tenga conto dei molteplici aspetti riguardanti la vita quotidiana delle persone disabili: dall accessibilità senza barriere architettoniche alla mobilità urbana, dall integrazione dei servizi socio-sanitari alla promozione di progetti per la vita indipendente. A tale riguardo c è da dire che l Ambito Territoriale 10 è stato individuato dal Forum europeo sulla Disabilità come realtà le cui condizioni si presentano particolarmente favorevoli alla sperimentazione di modalità innovative in coerenza con i principi delle 22 Regole Standard delle Nazioni Unite sull uguaglianza di opportunità delle persone con disabilità. È nato così nella nostra zona il Progetto Agenda 22 che prevede l utilizzo di tali regole nello sviluppo e nell applicazione delle politiche locali a sostegno della disabilità. Principio fondamentale di questa metodologia è quello di creare un Tavolo di lavoro paritetico tra gli Enti Pubblici e le Organizzazioni delle persone con disabilità allo scopo di avviare un monitoraggio costante e una verifica in itinere delle politiche e delle azioni concrete ispirate alle Regole-Standard. Da tale attività dovranno scaturire le priorità di un piano condiviso sulle politiche locali a sostegno della disabilità. Sono state individuate due aree specifiche di interesse per le politiche del nostro territorio: i servizi alla persona e il settore dell accessibilità/mobilità. I primi risultati della sperimentazione locale (a quali si rimanda per l approfondimento) sono stati presentati a Terni in un Seminario Internazionale svoltosi nei giorni giugno Nella stessa sezione presentiamo anche i servizi per la Salute mentale, i cui principi fondamentali vanno nel senso dell adozione dello strumento metodologico dei Patti Tematici nel campo della Salute Mentale attraverso l attivazione del Patto per la promozione del benessere e della salute mentale. Tale strumento costituisce un dispositivo coerente con la logica di programmazione integrata che connota il Piano sociale di zona con il suo orientamento a generare capitale sociale diffuso e reticoli sociali in grado di accompagnare i soggetti verso percorsi di autonomia e cittadinanza inclusiva, nella sua configurazione complessa di progetto globale che affronta il problema della Salute Mentale sui tre versanti della: protezione (rete protettiva a bassa e ad alta intensità assistenziale); promozione territoriale; prevenzione precoce del disagio mentale. Il Patto è il tentativo di dare una cornice comune e condivisibile ad alcune esperienze già avviate e ad altre ancora da costruire insieme con altri soggetti (cooperative, familiari, Scuola, Comuni, centri di formazione, ecc), con l obiettivo di dare visibilità a quello che già si sta facendo e di guidare, in modo coordinato e condiviso, il lavoro riabilitativo. 105

6 INTEGRAZIONE SCOLASTICA È un intervento di carattere socio-educativo rivolto agli alunni disabili, o con bisogni educativi particolari, dei diversi gradi scolastici, che concorre a garantire il diritto all educazione, all istruzione e all integrazione scolastica. È realizzato da operatori qualificati delle cooperative sociali Actl, Alba, Casaligha e Cultura e Lavoro, che integrano il lavoro degli insegnanti sulla base di un progetto educativo individualizzato. Si privilegiano progetti di tipo laboratoriale che si rivolgono a gruppi di alunni e che superano la logica dell assistenza individuale. L obiettivo verso il quale si tende è quello di individuare l assistenza scolastica come opportunità d integrazione per l intera scuola indicando annualmente una risorsa complessiva assegnata a ciascuna istituzione scolastica in base al numero di alunni con handicap e alla complessità del disagio manifestato. Tale risorsa potrà essere annualmente utilizzata per realizzare progetti e attività concordate tra tecnici dell ASL e dirigenti scolastici. ACQUASPARTA , ,00 ARRONE , ,21 FERENTILLO ,00 SAN GEMINI , ,00 STRONCONE , , , ,00 TOTALE AMBITO , ,21 ASSISTENZA DOMICILIARE È un intervento rivolto alle persone disabili e alle loro famiglie per sostenerle nella responsabilità di cura e nella gestione delle esigenze della vita quotidiana. Offre supporto strumentale per l organizzazione e il governo della casa, sostegno alle competenze e alle responsabilità genitoriali e parentali e al mantenimento della vita di relazione della persona disabile, favorendo l accesso ai servizi del tempo libero, culturali, sportivi e ricreativi. È gestito dalla ASL o dai Comuni attraverso operatori qualificati delle cooperative sociali. PRESTAZIONE ACQUASPARTA , ,00 MONTEFRANCO , ,92 SAN GEMINI , , , ,36 CONTRIBUTI ECONOMICI SAN GEMINI , ,00 STRONCONE , , , ,00 TOTALE AMBITO , ,28 PROGETTI SPERIMENTALI Legge 162/98 Sono interventi di sostegno a favore di persone con handicap grave, previsti dalle modifiche apportate alla legge quadro 104/92 per L assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. I progetti sperimentali, costruiti sulla specificità dei bisogni della singola persona, promuovono nuovi modelli d intervento per garantire il diritto alla vita indipendente delle persone disabili e il sostegno alla famiglia; la sperimentazione può essere inerente a forme di assistenza domiciliare e di aiuto personale, alla promozione di iniziative innovative nella pratica di attività sportive, turistiche e ricreative e a modalità innovative di mobilità. È gestito dalla ASL o dai Comuni attraverso operatori qualificati delle cooperative sociali. 106

7 ACQUASPARTA , ,00 ARRONE , ,83 FERENTILLO , ,00 STRONCONE , , , ,00 TOTALE AMBITO , ,83 SERVIZIO PER L INCLUSIONE SOCIALE E LAVORATIVA (SISL) È un servizio che promuove l inserimento sociale attivo e l integrazione al lavoro delle persone disabili o con problemi psichiatrici, completando l intervento del Servizio socio-sanitario e specialistico territoriale sul versante dell inclusione socio-lavorativa. L accesso al Servizio avviene solo attraverso l invio da parte del competente servizio di base. Il SISL propone e costruisce insieme alla Persona, al Servizio inviante, ai contesti ospitanti (aziende o associazioni del privato sociale) due tipologie di percorso: il progetto personalizzato d inserimento sociale, con lo svolgimento di attività socialmente utili in contesti lavorativi non produttivi (Progetto di borsa socio-assistenziale) e il progetto personalizzato per l integrazione al lavoro, con lo svolgimento di attività lavorative in situazione, aventi una spiccata finalità formativa, in contesti lavorativi produttivi (Progetto di borsa lavoro). I percorsi d inserimento lavorativo sono realizzati in collegamento con il centro per l impiego, secondo quanto disposto dalla normativa di settore (L. 68/99 e atti collegati). Il SISL attiva, pertanto, dei percorsi integrati che facilitano l inclusione socio-lavorativa svolgendo un azione complessa di accompagnamento, dove hanno un peso significativo la valutazione sul campo delle competenze possedute, la formazione in situazione e, dove possibile, l inserimento lavorativo in senso stretto. Il Servizio si rivolge pertanto sia alle persone che ai soggetti partner per la realizzazione delle differenti esperienze di lavoro, supportando tali soggetti con azioni di sensibilizzazione e tutoraggio e valorizzando la loro collaborazione. Questo Servizio è gestito dall Azienda ASL NUMERO AZIENDE SPESA SERVIZIO contributi utenti personale ACQUASPARTA ,00 ARRONE 3 aziende private 0 * operatore FERENTILLO mediazione cooperative MONTEFRANCO ,00 6 POLINO 0 associazioni 0 operatori di SAN GEMINI ,00 supporto aziende/enti STRONCONE 3 pubblici** 4.764, , scuole ,00 TOTALE AMBITO , ,00 * A carico dell ASL ** (Per complessive 19 postazioni di lavoro c/o varie Direzioni e Circoscrizioni) SPESA SERVIZIO 2005 NUMERO AZIENDE contributi utenti personale ACQUASPARTA ,00 22 ARRONE 0 aziende private 0 9 * operatore FERENTILLO 0 0 cooperative mediazione MONTEFRANCO ,00 POLINO 0 associazioni 0 operatori di 6 supporto SAN GEMINI ,00 aziende/enti pubblici** ,00 STRONCONE , scuole ,00 TOTALE AMBITO , ,00 ** (Per complessive 16 postazioni di lavoro c/o varie Direzioni e Circoscrizioni) 107

8 CENTRI SOCIO-RIABILITATIVI Sono servizi di accoglienza diurna per persone disabili in età giovane e adulta. Offrono opportunità di socializzazione e sostegno al raggiungimento di un buon grado di autonomia attraverso prestazioni socio-assistenziali, riabilitative, educative e ludiche, in base a un progetto personalizzato che ne valorizza capacità e abilità. Questi servizi sono gestiti dall ASL, che si avvale di operatori delle cooperative sociali. I Comuni compartecipano alle spese relative ad affitti, utenze, materiali e pasti CENTRO Centro Spazio insieme Centro Girasole Centro Macondo ,00 Centro Arcobaleno Centro Agorà ACQUASPARTA vedi voce Trasporto Centro La Cometa 15 SAN GEMINI e assistenza STRONCONE Struttura diurna e residenziale Vascigliano ,00 TOTALE AMBITO ,00 ACQUASPARTA SAN GEMINI STRONCONE 2005 CENTRO Centro Spazio insieme Centro Girasole Centro Macondo Centro Arcobaleno Centro Agorà Centro La Cometa 16 Struttura diurna e residenziale Vascigliano ,00 vedi voce Trasporto e assistenza ,00 TOTALE AMBITO ,00 Tra i Centri sopraelencati, una notazione particolare va fatta per la Struttura residenziale e diurna di Vascigliano (Stroncone), rivolta a persone con disagio mentale in età compresa tra i 30 e i 40 anni, che coniuga l intervento di cura con la sperimentazione di percorsi di autonomia e di inclusione lavorativa attraverso la realizzazione di una piccola azienda agricola, affermando così un nuovo modello di riabilitazione e di cittadinanza. Con il contributo di fondi regionali destinati all Ambito per la sperimentazione di progetti d innovazione sociale, è stato avviato fin dal 2001 il progetto per l adeguamento della struttura,degli impianti, la realizzazione delle serre, l acquisto delle attrezzature agricole e delle strutture per il ricovero degli animali, per la coltivazione di prodotti ortofrutticoli biologici e l allevamento di animali da cortile. Con la collaborazione di un agronomo sono state sviluppate coltivazioni di ortaggi, frutta, fiori; si sono diversificate le produzioni per avere raccolti diversi durante tutto l anno; sono state poi avviate le prime esperienze di vendita dei prodotti nei mercati locali e i contatti con catene di distribuzione più importanti per ampliare le opportunità di vendita dei raccolti stagionali. L obiettivo è quello di sviluppare attività produttive sufficienti a raggiungere la piena autonomia dell azienda; l evoluzione di questo progetto è rappresentato dalla costituzione di una Cooperativa di tipo B e dal pieno inserimento nel mercato produttivo. Il progetto è gestito dalla Cooperativa Sociale La Speranza in stretta collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale della ASL-4 che co-finanzia la gestione della struttura relativamente al personale e al percorso riabilitativo. 108

9 TRASPORTO SPECIALE Assistenza al trasporto scolastico: È un intervento rivolto ad alunni disabili organizzato in stretta collaborazione con l ASL e personale di assistenza delle cooperative sociali. ACQUASPARTA , ,00 ARRONE , , , ,00 TOTALE AMBITO , ,00 Trasporto e assistenza per le attivita riabilitative e presso i centri: È un intervento rivolto alle persone disabili per favorirne l accesso ai centri diurni socio-riabilitativi e alle strutture per la riabilitazione motoria. ACQUASPARTA , ,00 ARRONE , ,08 MONTEFRANCO ,00 0 POLINO , ,00 SAN GEMINI , , , ,00 TOTALE AMBITO , ,08 SOGGIORNI DI VACANZA Il servizio, gestito dalla ASL-4, offre la possibilità alle persone disabili di trascorrere soggiorni quindicinali al mare o in montagna, con la presenza di operatori delle cooperative sociali. Oltre ad essere occasioni di socializzazione e di apprendimento che contribuiscono a migliorare la qualità della vita delle persone disabili, spesso rappresentano l opportunità di integrare il lavoro riabilitativo svolto all interno dei Centri con esperienze di autonomia e separazione dal contesto familiare. Il Comune contribuisce per le spese alberghiere. n.d. n.d , ,00 SUSSIDI SIM ACQUASPARTA , ,00 STRONCONE , , , ,00 TOTALE AMBITO , ,00 CONTRIBUTI ALL ASSOCIAZIONISMO Sono contributi a sostegno delle associazioni che operano nell area della disabilità. NUMERO ASSOCIAZIONI SAN GEMINI , , ,80 TOTALE AMBITO , ,00 109

10 CENTRO PER L AUTONOMIA È un servizio complesso che nasce per offrire servizi e realizzare interventi personalizzati volti all Integrazione Totale e alla Vita Indipendente delle persone con disabilità fisica grave o gravissima. Sostenuto dall Ambito con risorse del Fondo Sociale Regionale per i progetti d innovazione sociale, il Centro sta diventando un punto di riferimento imprescindibile per tutto il territorio per le politiche a favore della disabilità. Il Centro è collocato nella struttura appositamente realizzata dall ATER nel territorio della terza circoscrizione; è stato inaugurato nel settembre 2003 ed è gestito dall Associazione Paratetraplegici della provincia di Terni in convenzione con la Cooperativa Sociale Mosaic in seguito all accordo operativo stipulato con il Comune di Terni. Alla realizzazione del progetto collaborano, inoltre, diversi soggetti Istituzionali pubblici e del Terzo Settore. Prevede l attivazione scaglionata di una molteplicità di servizi, integrati tra loro: accoglienza e consulenza alla pari; consulenza medica, psicologica e sociale; consulenza legale e fiscale; servizi ad efficacia riabilitativa; progettazione per l accessibilità; informazione on-line; centro di documentazione; da realizzare con l intervento e la collaborazione di diverse figure professionali e l acquisizione di apposita strumentazione tecnica. L attività della prima fase del Centro si è incentrata sulla realizzazione del servizio CpA on-line (sito internet all interno della rete civica): con la collaborazione del Centro Multimediale è stato avviato il Centro di Documentazione con il reperimento del materiale e del software necessario, e si è predisposto un progetto più strutturato con la Biblioteca Comunale di Terni e la collaborazione di un esperto documentarista per aderire alla rete Nephila di centri di documentazione handicap di livello nazionale per lo sviluppo del servizio consulenziale. Nel 2004 è stata attrezzata l officina con il simulatore di guida (VCR) della FIAT Autonomy per l attivazione del Centro di Mobilità Umbro che permette iniziative di educazione stradale per le scuole e e i giovani e interventi di istruzione per la facilitazione della guida delle persone disabili. L Associazione ha aderito inoltre al progetto di formazione Empowernet per la divulgazione e lo sviluppo dei diritti delle persone con disabilità promosso dalla FISH, dall AISM e dall AIPD per il personale del centro e i collaboratori del terzo settore. Nei primi mesi del 2005 è stato avviato il Contact Center per l attività di orientamento sui servizi offerti dal Distretto 1 della ASL-4 e per offrire, in modo più ampio, informazioni integrate di tipo sanitario, sociale e fiscale alle persone interessate, utilizzando anche la posta elettronica.grande impegno è stato rivolto alle problematiche dell Accessibilità cittadina, sia dei mezzi di trasporto che dei luoghi pubblici, inclusi gli edifici e i percorsi urbani alternativi; nell ambito del progetto Agenda 22 - Pianificazione delle politiche sulla disabilità sono stati organizzati incontri e seminari su Mobilità e Accessibilità con la partecipazione di rappresentanti della rete associativa e degli Enti Pubblici. Le attività previste nel progetto Vita Indipendente per migliorare la qualità della vita in casa con l uso di ausili adatti alle diverse necessità individuali sono invece subordinate al completamento dei lavori, a cura dell ATER, per la realizzazione di due mini-appartamenti con dispositivi domotici , ,00 110

11 SERVIZI DI RESIDENZIALITA Dopo di noi È un servizio rivolto alle persone disabili prive dell assistenza dei familiari, per garantire loro l accoglienza, la sicurezza, la risposta a bisogni assistenziali, relazionali ed educativi in un contesto di tipo familiare. Il progetto per la realizzazione del Dopo di Noi nell Ambito Territoriale 10 è stato presentato da cooperative sociali e associazioni di familiari del territorio, con contributi regionali e con la collaborazione del Comune di Terni che ha messo a disposizione un immobile situato nel quartiere Polymer da adibire alla residenzialità per le persone disabili. La residenza, una volta ultimati i lavori di ristrutturazione, sarà gestita da un ATI composta dalle cooperative sociali ACTL, Cultura e Lavoro, Casaligha, Oasi Sport e dall Associazione di Familiari AFAD, in convenzione con la ASL-4 e con la compartecipazione economica dei Comuni. La struttura, che potrà accogliere 6 persone e avrà 2 posti per le emergenze, prevede anche attività riabilitative, educative, di socializzazione e laboratori gestiti da personale qualificato. Progetto Delfino Azzurro È un progetto che prevede il sostegno a persone con gravi disabilità all interno di una comunità alloggio che adotta l approccio della microresidenzialità come soluzione in grado di coniugare al meglio le necessità di cura e di riabilitazione con la dignità e l individualità delle persone. La comunità prevede anche il sostegno alle persone disabili prive dell assistenza dei familiari, come nel servizio Dopo di noi. Il progetto è realizzato dalla Cooperativa sociale ACTL e prevede la compartecipazione per il 50% delle spese a carico del Fondo Sociale dei Comuni. È in fase di definizione il protocollo operativo con la ASL

12 APPENDICE Tabella riepilogativa dei PROGETTI DI INNOVAZIONE SOCIALE sostenuti e finanziati dall Ambito Territoriale 10 dall avvio del piano di zona DENOMINAZIONE del PROGETTO TIPOLOGIA di WELFARE AREA COMUNE sul quale INSISTE il PROGETTO Centro per l autonomia COMUNITARIO DISABILI/SALUTE MENTALE AMBITO n.10 Strutture residenziale e diurna di Vascigliano RESIDENZIALE DISABILI/SALUTE MENTALE AMBITO n.10 Centro anziani Valnerina COMUNITARIO ANZIANI ARRONE FERENTILLO MONTEFRANCO Andiamo al B.A.R. (biblioteca animata ragazzi) COMUNITARIO GIOVANI ARRONE FERENTILLO MONTEFRANCO POLINO Affido familiare DOMICILIARE e di SUPPORTO FAMILIARE INFANZIA AMBITO n.10 Accompagnamento detenuti SOSTEGNO all EMERGENZA IMMIGRATI Centro intergenerazionale Matteucci COMUNITARIO ANZIANI/GIOVANI POLINO Lavori in corso COMUNITARIO PERSONE SVANTAGGIATE Ufficio della Cittadinanza LEGGERO SERVIZI SOCIALI di BASE ACQUASPARTA e SAN GEMINI ACQUASPARTA e SAN GEMINI Casa di quartiere COMUNITARIO ANZIANI Residenze disabili RESIDENZIALE DISABILI Coordinamento CAG COMUNITARIO GIOVANI Centro Sociale Buonacquisto COMUNITARIO ANZIANI BUONACQUISTO ARRONE Giovani in volo* RESIDENZIALE GIOVANI Azioni civiche a sostegno degli anziani* COMUNITARIO ANZIANI SAN GEMINI * Questi progetti ricadono nell annualità 2006 e non sono oggetto del presente Bilancio Sociale. 112

13 APPENDICE Tabella riepilogativa dei PROGETTI e dei SERVIZI DI AMBITO DENOMINAZIONE Sistema SAL servizi di accompagnamento al lavoro TIPOLOGIA di WELFARE COMUNITARIO AREA FAMIGLIA/ADULTI GIOVANI DISABILI Centro per le famiglie DOMICILIARE e di SUPPORTO FAMILIARE FAMIGLIA/ADULTI Centro pronta accoglienza SOSTEGNO all EMERGENZA INFANZIA Centro per l autonomia COMUNITARIO DISABILI Servizio per il contrasto al maltrattamento di donne e minori Servizio affido familiare Servizio per le adozioni nazionali e internazionali Struttura residenziale e diurna Vascigliano SOSTEGNO all EMERGENZA DOMICILIARE e di SUPPORTO FAMILIARE DOMICILIARE e di SUPPORTO FAMILIARE RESIDENZIALE FAMIGLIA/ADULTI INFANZIA INFANZIA INFANZIA DISABILI/SALUTE MENTALE Casa dei colori COMUNITARIO IMMIGRATI 113

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

Io ci sono conta su di me!!

Io ci sono conta su di me!! SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto:

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo della Commissione europea, in occasione del 2007 - Anno europeo delle

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Sono Rosalba, socio-volontaria

Sono Rosalba, socio-volontaria PRIMAVERA 86 E PROGETTO CSERDI Rosalba Mancinelli Socia fondatrice e consigliere di amministrazione dell Organizzazione di volontariato Primavera 86. Pedagogista e insegnante Sono Rosalba, socio-volontaria

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE

Mod B (art. 2 c. 6) SCHEDA ILLUSTRATIVA FINANZIARIA Esercizio finanziario 2015. Progetto/attività A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 31.551,42 01 Non vincolato 30.426,92 02 Vincolato 1.124,50 02 Finanziamenti dello Stato 52.872,58

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli