Progetti sperimentali Legge 162/1998. Servizio per l inclusione sociale e lavorativa (SISL) Contributi all associazionismo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetti sperimentali Legge 162/1998. Servizio per l inclusione sociale e lavorativa (SISL) Contributi all associazionismo"

Transcript

1

2 .

3 Integrazione scolastica Assistenza domiciliare Progetti sperimentali Legge 162/1998 Servizio per l inclusione sociale e lavorativa (SISL) Centri socio-riabilitativi Trasporto speciale Assistenza al trasporto scolastico Trasporto e assistenza per le attività riabilitative e presso i centri Soggiorni di vacanza Sussidi SIM Contributi all associazionismo Centro per l autonomia Servizi di residenzialità

4 Politiche e riferimenti generali Il Piano di zona dell Ambito Territoriale 10 ha identificato l area dell integrazione socio-sanitaria come uno dei settori-chiave e degli assi strategici del processo di riorganizzazione del sistema locale dei servizi alla persona. L Ufficio di Piano ha pertanto deciso di focalizzare il proprio lavoro su questo ambito prioritario, indicando anche un metodo di lavoro per procedere secondo una logica di cooperazione e omogeneità, in particolare tra i Comuni e l ASL. L area della disabilità è uno dei settori di maggiore rilievo nel panorama zonale dei servizi alla persona e si caratterizza per i seguenti principi fondamentali: Globalita e unitarieta dell intervento È necessario rispondere con un offerta unitaria, sia in ambito sanitario che sociale, in quanto la globalità e l unicità della persona rendono impossibile separare i contenuti di cura, riabilitazione e recupero sociale dalla prevenzione e dalla promozione. La distinzione convenzionale di bisogni fisici, psichici, relazionali e socio-ambientali, finalizzata a saper meglio leggere e analizzare le necessità, non può portare alla frammentarietà delle risposte, né si può pensare che il garante della sintesi di queste possa essere l utente o l individuazione di un unico ente erogatore e responsabile. L unitarietà delle prestazioni, la continuità e il coordinamento degli interventi devono essere garantiti da una seria e condivisa metodologia di coprogettazione e corresponsabilità, che sposta il livello della sintesi sul versante tecnico-istituzionale e organizzativo, dove il progetto individualizzato concretizza operativamente l integrazione tra educativo, sociale e sanitario. Partecipazione e responsabilita La partecipazione va considerata e analizzata a più livelli, diversificata e coniugata sempre con le specificità e le potenzialità di ciascuno, letta sia sul piano programmatico e gestionale che sul piano della compartecipazione economica e operativa degli utenti e dei sistemi familiari e sociali coinvolti. Le politiche e le metodologie d intervento devono agevolare e favorire tale partecipazione, individuando nella condivisione degli obiettivi e quindi nella definizione dei progetti d intervento un elemento di forza e una garanzia di rispondenza adeguata ai bisogni. Domiciliarita e autonomia L assistenza domiciliare sicuramente qualifica l intervento socio-sanitario e deve restare uno degli assi portanti dei percorsi di sostegno e di supporto alla disabilità, in quanto riconosce nella casa e nella famiglia una risorsa insostituibile per la qualità della vita di ciascuno. Tale intervento può essere declinato in diversi tipi di prestazione e finalità, dall aiuto diretto nelle attività fondamentali e quotidiane della vita della persona disabile a interventi di sollievo per le famiglie, a interventi con più estesi obiettivi socio-educativi-relazionali. Questo sviluppo ed estensione del servizio, che vede tempi, luoghi e modalità di erogazione differenziati, deve sempre tenere presente l autonomia, l integrazione totale e la vita indipendente. Queste parole chiave devono sottendere processi sostanziali e concreti percorsi di cambiamento che, a seconda della specificità dell handicap della persona, mirino a recuperare e valorizzare le potenzialità e le capacità residue, a produrre e garantire sinergie, a riattivare circuiti comunicativi relazionali e sociali interrotti. Attualmente i servizi a favore dei disabili e delle loro famiglie si articolano in varie tipologie: Centri socio-riabilitativi diurni (competenza ASL e compartecipazione Comune), Assistenza domiciliare, ausiliaria, socio-educativa e riabilitativa (competenza Comune e ASL), Assistenza scolastica (competenza Comune) e Borse lavoro (competenza Comune). La complessità dell intervento e i cambiamenti dei bisogni mettono in evidenza la necessità di ampliare le tipologie dei servizi, sia da un punto di vista quantitativo che operativo, ma soprattutto di sistematizzare l intero progetto, superando la frammentarietà degli interventi e realizzando una maggiore integrazione tra i servizi coinvolti e gli Enti gestori. Dalla lettura e dal confronto su questa tematica con i soggetti coinvolti, emerge infatti che la difficoltà più evidente è la mancanza di un progetto complessivo orientato a produrre un miglioramento della qualità della vita delle persone prese in carico. 104

5 È quindi opportuno un servizio che si configuri come un punto di raccordo per la raccolta dei dati e delle informazioni sui soggetti in carico, delle tipologie degli interventi messi in atto con l indicazione dei relativi tempi, degli obiettivi e delle metodologie attivate, dei servizi e degli operatori coinvolti. L obiettivo è quello di formulare un Progetto individualizzato che abbia alla base il principio dell unicità e della globalità della persona, in modo da permettere un coordinamento e un integrazione delle varie attività in una logica di continuità e omogeneità, assicurata dalla funzione di case-manager. È evidente che prerequisito del progetto individualizzato debba essere la diagnosi funzionale che compete ai servizi specialistici e deve essere elaborata per tutti i casi segnalati e diventare elemento decisivo per l eventuale presa in carico. La finalità ultima resta comunque quella di pervenire a un Piano locale sulla disabilità che tenga conto dei molteplici aspetti riguardanti la vita quotidiana delle persone disabili: dall accessibilità senza barriere architettoniche alla mobilità urbana, dall integrazione dei servizi socio-sanitari alla promozione di progetti per la vita indipendente. A tale riguardo c è da dire che l Ambito Territoriale 10 è stato individuato dal Forum europeo sulla Disabilità come realtà le cui condizioni si presentano particolarmente favorevoli alla sperimentazione di modalità innovative in coerenza con i principi delle 22 Regole Standard delle Nazioni Unite sull uguaglianza di opportunità delle persone con disabilità. È nato così nella nostra zona il Progetto Agenda 22 che prevede l utilizzo di tali regole nello sviluppo e nell applicazione delle politiche locali a sostegno della disabilità. Principio fondamentale di questa metodologia è quello di creare un Tavolo di lavoro paritetico tra gli Enti Pubblici e le Organizzazioni delle persone con disabilità allo scopo di avviare un monitoraggio costante e una verifica in itinere delle politiche e delle azioni concrete ispirate alle Regole-Standard. Da tale attività dovranno scaturire le priorità di un piano condiviso sulle politiche locali a sostegno della disabilità. Sono state individuate due aree specifiche di interesse per le politiche del nostro territorio: i servizi alla persona e il settore dell accessibilità/mobilità. I primi risultati della sperimentazione locale (a quali si rimanda per l approfondimento) sono stati presentati a Terni in un Seminario Internazionale svoltosi nei giorni giugno Nella stessa sezione presentiamo anche i servizi per la Salute mentale, i cui principi fondamentali vanno nel senso dell adozione dello strumento metodologico dei Patti Tematici nel campo della Salute Mentale attraverso l attivazione del Patto per la promozione del benessere e della salute mentale. Tale strumento costituisce un dispositivo coerente con la logica di programmazione integrata che connota il Piano sociale di zona con il suo orientamento a generare capitale sociale diffuso e reticoli sociali in grado di accompagnare i soggetti verso percorsi di autonomia e cittadinanza inclusiva, nella sua configurazione complessa di progetto globale che affronta il problema della Salute Mentale sui tre versanti della: protezione (rete protettiva a bassa e ad alta intensità assistenziale); promozione territoriale; prevenzione precoce del disagio mentale. Il Patto è il tentativo di dare una cornice comune e condivisibile ad alcune esperienze già avviate e ad altre ancora da costruire insieme con altri soggetti (cooperative, familiari, Scuola, Comuni, centri di formazione, ecc), con l obiettivo di dare visibilità a quello che già si sta facendo e di guidare, in modo coordinato e condiviso, il lavoro riabilitativo. 105

6 INTEGRAZIONE SCOLASTICA È un intervento di carattere socio-educativo rivolto agli alunni disabili, o con bisogni educativi particolari, dei diversi gradi scolastici, che concorre a garantire il diritto all educazione, all istruzione e all integrazione scolastica. È realizzato da operatori qualificati delle cooperative sociali Actl, Alba, Casaligha e Cultura e Lavoro, che integrano il lavoro degli insegnanti sulla base di un progetto educativo individualizzato. Si privilegiano progetti di tipo laboratoriale che si rivolgono a gruppi di alunni e che superano la logica dell assistenza individuale. L obiettivo verso il quale si tende è quello di individuare l assistenza scolastica come opportunità d integrazione per l intera scuola indicando annualmente una risorsa complessiva assegnata a ciascuna istituzione scolastica in base al numero di alunni con handicap e alla complessità del disagio manifestato. Tale risorsa potrà essere annualmente utilizzata per realizzare progetti e attività concordate tra tecnici dell ASL e dirigenti scolastici. ACQUASPARTA , ,00 ARRONE , ,21 FERENTILLO ,00 SAN GEMINI , ,00 STRONCONE , , , ,00 TOTALE AMBITO , ,21 ASSISTENZA DOMICILIARE È un intervento rivolto alle persone disabili e alle loro famiglie per sostenerle nella responsabilità di cura e nella gestione delle esigenze della vita quotidiana. Offre supporto strumentale per l organizzazione e il governo della casa, sostegno alle competenze e alle responsabilità genitoriali e parentali e al mantenimento della vita di relazione della persona disabile, favorendo l accesso ai servizi del tempo libero, culturali, sportivi e ricreativi. È gestito dalla ASL o dai Comuni attraverso operatori qualificati delle cooperative sociali. PRESTAZIONE ACQUASPARTA , ,00 MONTEFRANCO , ,92 SAN GEMINI , , , ,36 CONTRIBUTI ECONOMICI SAN GEMINI , ,00 STRONCONE , , , ,00 TOTALE AMBITO , ,28 PROGETTI SPERIMENTALI Legge 162/98 Sono interventi di sostegno a favore di persone con handicap grave, previsti dalle modifiche apportate alla legge quadro 104/92 per L assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. I progetti sperimentali, costruiti sulla specificità dei bisogni della singola persona, promuovono nuovi modelli d intervento per garantire il diritto alla vita indipendente delle persone disabili e il sostegno alla famiglia; la sperimentazione può essere inerente a forme di assistenza domiciliare e di aiuto personale, alla promozione di iniziative innovative nella pratica di attività sportive, turistiche e ricreative e a modalità innovative di mobilità. È gestito dalla ASL o dai Comuni attraverso operatori qualificati delle cooperative sociali. 106

7 ACQUASPARTA , ,00 ARRONE , ,83 FERENTILLO , ,00 STRONCONE , , , ,00 TOTALE AMBITO , ,83 SERVIZIO PER L INCLUSIONE SOCIALE E LAVORATIVA (SISL) È un servizio che promuove l inserimento sociale attivo e l integrazione al lavoro delle persone disabili o con problemi psichiatrici, completando l intervento del Servizio socio-sanitario e specialistico territoriale sul versante dell inclusione socio-lavorativa. L accesso al Servizio avviene solo attraverso l invio da parte del competente servizio di base. Il SISL propone e costruisce insieme alla Persona, al Servizio inviante, ai contesti ospitanti (aziende o associazioni del privato sociale) due tipologie di percorso: il progetto personalizzato d inserimento sociale, con lo svolgimento di attività socialmente utili in contesti lavorativi non produttivi (Progetto di borsa socio-assistenziale) e il progetto personalizzato per l integrazione al lavoro, con lo svolgimento di attività lavorative in situazione, aventi una spiccata finalità formativa, in contesti lavorativi produttivi (Progetto di borsa lavoro). I percorsi d inserimento lavorativo sono realizzati in collegamento con il centro per l impiego, secondo quanto disposto dalla normativa di settore (L. 68/99 e atti collegati). Il SISL attiva, pertanto, dei percorsi integrati che facilitano l inclusione socio-lavorativa svolgendo un azione complessa di accompagnamento, dove hanno un peso significativo la valutazione sul campo delle competenze possedute, la formazione in situazione e, dove possibile, l inserimento lavorativo in senso stretto. Il Servizio si rivolge pertanto sia alle persone che ai soggetti partner per la realizzazione delle differenti esperienze di lavoro, supportando tali soggetti con azioni di sensibilizzazione e tutoraggio e valorizzando la loro collaborazione. Questo Servizio è gestito dall Azienda ASL NUMERO AZIENDE SPESA SERVIZIO contributi utenti personale ACQUASPARTA ,00 ARRONE 3 aziende private 0 * operatore FERENTILLO mediazione cooperative MONTEFRANCO ,00 6 POLINO 0 associazioni 0 operatori di SAN GEMINI ,00 supporto aziende/enti STRONCONE 3 pubblici** 4.764, , scuole ,00 TOTALE AMBITO , ,00 * A carico dell ASL ** (Per complessive 19 postazioni di lavoro c/o varie Direzioni e Circoscrizioni) SPESA SERVIZIO 2005 NUMERO AZIENDE contributi utenti personale ACQUASPARTA ,00 22 ARRONE 0 aziende private 0 9 * operatore FERENTILLO 0 0 cooperative mediazione MONTEFRANCO ,00 POLINO 0 associazioni 0 operatori di 6 supporto SAN GEMINI ,00 aziende/enti pubblici** ,00 STRONCONE , scuole ,00 TOTALE AMBITO , ,00 ** (Per complessive 16 postazioni di lavoro c/o varie Direzioni e Circoscrizioni) 107

8 CENTRI SOCIO-RIABILITATIVI Sono servizi di accoglienza diurna per persone disabili in età giovane e adulta. Offrono opportunità di socializzazione e sostegno al raggiungimento di un buon grado di autonomia attraverso prestazioni socio-assistenziali, riabilitative, educative e ludiche, in base a un progetto personalizzato che ne valorizza capacità e abilità. Questi servizi sono gestiti dall ASL, che si avvale di operatori delle cooperative sociali. I Comuni compartecipano alle spese relative ad affitti, utenze, materiali e pasti CENTRO Centro Spazio insieme Centro Girasole Centro Macondo ,00 Centro Arcobaleno Centro Agorà ACQUASPARTA vedi voce Trasporto Centro La Cometa 15 SAN GEMINI e assistenza STRONCONE Struttura diurna e residenziale Vascigliano ,00 TOTALE AMBITO ,00 ACQUASPARTA SAN GEMINI STRONCONE 2005 CENTRO Centro Spazio insieme Centro Girasole Centro Macondo Centro Arcobaleno Centro Agorà Centro La Cometa 16 Struttura diurna e residenziale Vascigliano ,00 vedi voce Trasporto e assistenza ,00 TOTALE AMBITO ,00 Tra i Centri sopraelencati, una notazione particolare va fatta per la Struttura residenziale e diurna di Vascigliano (Stroncone), rivolta a persone con disagio mentale in età compresa tra i 30 e i 40 anni, che coniuga l intervento di cura con la sperimentazione di percorsi di autonomia e di inclusione lavorativa attraverso la realizzazione di una piccola azienda agricola, affermando così un nuovo modello di riabilitazione e di cittadinanza. Con il contributo di fondi regionali destinati all Ambito per la sperimentazione di progetti d innovazione sociale, è stato avviato fin dal 2001 il progetto per l adeguamento della struttura,degli impianti, la realizzazione delle serre, l acquisto delle attrezzature agricole e delle strutture per il ricovero degli animali, per la coltivazione di prodotti ortofrutticoli biologici e l allevamento di animali da cortile. Con la collaborazione di un agronomo sono state sviluppate coltivazioni di ortaggi, frutta, fiori; si sono diversificate le produzioni per avere raccolti diversi durante tutto l anno; sono state poi avviate le prime esperienze di vendita dei prodotti nei mercati locali e i contatti con catene di distribuzione più importanti per ampliare le opportunità di vendita dei raccolti stagionali. L obiettivo è quello di sviluppare attività produttive sufficienti a raggiungere la piena autonomia dell azienda; l evoluzione di questo progetto è rappresentato dalla costituzione di una Cooperativa di tipo B e dal pieno inserimento nel mercato produttivo. Il progetto è gestito dalla Cooperativa Sociale La Speranza in stretta collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale della ASL-4 che co-finanzia la gestione della struttura relativamente al personale e al percorso riabilitativo. 108

9 TRASPORTO SPECIALE Assistenza al trasporto scolastico: È un intervento rivolto ad alunni disabili organizzato in stretta collaborazione con l ASL e personale di assistenza delle cooperative sociali. ACQUASPARTA , ,00 ARRONE , , , ,00 TOTALE AMBITO , ,00 Trasporto e assistenza per le attivita riabilitative e presso i centri: È un intervento rivolto alle persone disabili per favorirne l accesso ai centri diurni socio-riabilitativi e alle strutture per la riabilitazione motoria. ACQUASPARTA , ,00 ARRONE , ,08 MONTEFRANCO ,00 0 POLINO , ,00 SAN GEMINI , , , ,00 TOTALE AMBITO , ,08 SOGGIORNI DI VACANZA Il servizio, gestito dalla ASL-4, offre la possibilità alle persone disabili di trascorrere soggiorni quindicinali al mare o in montagna, con la presenza di operatori delle cooperative sociali. Oltre ad essere occasioni di socializzazione e di apprendimento che contribuiscono a migliorare la qualità della vita delle persone disabili, spesso rappresentano l opportunità di integrare il lavoro riabilitativo svolto all interno dei Centri con esperienze di autonomia e separazione dal contesto familiare. Il Comune contribuisce per le spese alberghiere. n.d. n.d , ,00 SUSSIDI SIM ACQUASPARTA , ,00 STRONCONE , , , ,00 TOTALE AMBITO , ,00 CONTRIBUTI ALL ASSOCIAZIONISMO Sono contributi a sostegno delle associazioni che operano nell area della disabilità. NUMERO ASSOCIAZIONI SAN GEMINI , , ,80 TOTALE AMBITO , ,00 109

10 CENTRO PER L AUTONOMIA È un servizio complesso che nasce per offrire servizi e realizzare interventi personalizzati volti all Integrazione Totale e alla Vita Indipendente delle persone con disabilità fisica grave o gravissima. Sostenuto dall Ambito con risorse del Fondo Sociale Regionale per i progetti d innovazione sociale, il Centro sta diventando un punto di riferimento imprescindibile per tutto il territorio per le politiche a favore della disabilità. Il Centro è collocato nella struttura appositamente realizzata dall ATER nel territorio della terza circoscrizione; è stato inaugurato nel settembre 2003 ed è gestito dall Associazione Paratetraplegici della provincia di Terni in convenzione con la Cooperativa Sociale Mosaic in seguito all accordo operativo stipulato con il Comune di Terni. Alla realizzazione del progetto collaborano, inoltre, diversi soggetti Istituzionali pubblici e del Terzo Settore. Prevede l attivazione scaglionata di una molteplicità di servizi, integrati tra loro: accoglienza e consulenza alla pari; consulenza medica, psicologica e sociale; consulenza legale e fiscale; servizi ad efficacia riabilitativa; progettazione per l accessibilità; informazione on-line; centro di documentazione; da realizzare con l intervento e la collaborazione di diverse figure professionali e l acquisizione di apposita strumentazione tecnica. L attività della prima fase del Centro si è incentrata sulla realizzazione del servizio CpA on-line (sito internet all interno della rete civica): con la collaborazione del Centro Multimediale è stato avviato il Centro di Documentazione con il reperimento del materiale e del software necessario, e si è predisposto un progetto più strutturato con la Biblioteca Comunale di Terni e la collaborazione di un esperto documentarista per aderire alla rete Nephila di centri di documentazione handicap di livello nazionale per lo sviluppo del servizio consulenziale. Nel 2004 è stata attrezzata l officina con il simulatore di guida (VCR) della FIAT Autonomy per l attivazione del Centro di Mobilità Umbro che permette iniziative di educazione stradale per le scuole e e i giovani e interventi di istruzione per la facilitazione della guida delle persone disabili. L Associazione ha aderito inoltre al progetto di formazione Empowernet per la divulgazione e lo sviluppo dei diritti delle persone con disabilità promosso dalla FISH, dall AISM e dall AIPD per il personale del centro e i collaboratori del terzo settore. Nei primi mesi del 2005 è stato avviato il Contact Center per l attività di orientamento sui servizi offerti dal Distretto 1 della ASL-4 e per offrire, in modo più ampio, informazioni integrate di tipo sanitario, sociale e fiscale alle persone interessate, utilizzando anche la posta elettronica.grande impegno è stato rivolto alle problematiche dell Accessibilità cittadina, sia dei mezzi di trasporto che dei luoghi pubblici, inclusi gli edifici e i percorsi urbani alternativi; nell ambito del progetto Agenda 22 - Pianificazione delle politiche sulla disabilità sono stati organizzati incontri e seminari su Mobilità e Accessibilità con la partecipazione di rappresentanti della rete associativa e degli Enti Pubblici. Le attività previste nel progetto Vita Indipendente per migliorare la qualità della vita in casa con l uso di ausili adatti alle diverse necessità individuali sono invece subordinate al completamento dei lavori, a cura dell ATER, per la realizzazione di due mini-appartamenti con dispositivi domotici , ,00 110

11 SERVIZI DI RESIDENZIALITA Dopo di noi È un servizio rivolto alle persone disabili prive dell assistenza dei familiari, per garantire loro l accoglienza, la sicurezza, la risposta a bisogni assistenziali, relazionali ed educativi in un contesto di tipo familiare. Il progetto per la realizzazione del Dopo di Noi nell Ambito Territoriale 10 è stato presentato da cooperative sociali e associazioni di familiari del territorio, con contributi regionali e con la collaborazione del Comune di Terni che ha messo a disposizione un immobile situato nel quartiere Polymer da adibire alla residenzialità per le persone disabili. La residenza, una volta ultimati i lavori di ristrutturazione, sarà gestita da un ATI composta dalle cooperative sociali ACTL, Cultura e Lavoro, Casaligha, Oasi Sport e dall Associazione di Familiari AFAD, in convenzione con la ASL-4 e con la compartecipazione economica dei Comuni. La struttura, che potrà accogliere 6 persone e avrà 2 posti per le emergenze, prevede anche attività riabilitative, educative, di socializzazione e laboratori gestiti da personale qualificato. Progetto Delfino Azzurro È un progetto che prevede il sostegno a persone con gravi disabilità all interno di una comunità alloggio che adotta l approccio della microresidenzialità come soluzione in grado di coniugare al meglio le necessità di cura e di riabilitazione con la dignità e l individualità delle persone. La comunità prevede anche il sostegno alle persone disabili prive dell assistenza dei familiari, come nel servizio Dopo di noi. Il progetto è realizzato dalla Cooperativa sociale ACTL e prevede la compartecipazione per il 50% delle spese a carico del Fondo Sociale dei Comuni. È in fase di definizione il protocollo operativo con la ASL

12 APPENDICE Tabella riepilogativa dei PROGETTI DI INNOVAZIONE SOCIALE sostenuti e finanziati dall Ambito Territoriale 10 dall avvio del piano di zona DENOMINAZIONE del PROGETTO TIPOLOGIA di WELFARE AREA COMUNE sul quale INSISTE il PROGETTO Centro per l autonomia COMUNITARIO DISABILI/SALUTE MENTALE AMBITO n.10 Strutture residenziale e diurna di Vascigliano RESIDENZIALE DISABILI/SALUTE MENTALE AMBITO n.10 Centro anziani Valnerina COMUNITARIO ANZIANI ARRONE FERENTILLO MONTEFRANCO Andiamo al B.A.R. (biblioteca animata ragazzi) COMUNITARIO GIOVANI ARRONE FERENTILLO MONTEFRANCO POLINO Affido familiare DOMICILIARE e di SUPPORTO FAMILIARE INFANZIA AMBITO n.10 Accompagnamento detenuti SOSTEGNO all EMERGENZA IMMIGRATI Centro intergenerazionale Matteucci COMUNITARIO ANZIANI/GIOVANI POLINO Lavori in corso COMUNITARIO PERSONE SVANTAGGIATE Ufficio della Cittadinanza LEGGERO SERVIZI SOCIALI di BASE ACQUASPARTA e SAN GEMINI ACQUASPARTA e SAN GEMINI Casa di quartiere COMUNITARIO ANZIANI Residenze disabili RESIDENZIALE DISABILI Coordinamento CAG COMUNITARIO GIOVANI Centro Sociale Buonacquisto COMUNITARIO ANZIANI BUONACQUISTO ARRONE Giovani in volo* RESIDENZIALE GIOVANI Azioni civiche a sostegno degli anziani* COMUNITARIO ANZIANI SAN GEMINI * Questi progetti ricadono nell annualità 2006 e non sono oggetto del presente Bilancio Sociale. 112

13 APPENDICE Tabella riepilogativa dei PROGETTI e dei SERVIZI DI AMBITO DENOMINAZIONE Sistema SAL servizi di accompagnamento al lavoro TIPOLOGIA di WELFARE COMUNITARIO AREA FAMIGLIA/ADULTI GIOVANI DISABILI Centro per le famiglie DOMICILIARE e di SUPPORTO FAMILIARE FAMIGLIA/ADULTI Centro pronta accoglienza SOSTEGNO all EMERGENZA INFANZIA Centro per l autonomia COMUNITARIO DISABILI Servizio per il contrasto al maltrattamento di donne e minori Servizio affido familiare Servizio per le adozioni nazionali e internazionali Struttura residenziale e diurna Vascigliano SOSTEGNO all EMERGENZA DOMICILIARE e di SUPPORTO FAMILIARE DOMICILIARE e di SUPPORTO FAMILIARE RESIDENZIALE FAMIGLIA/ADULTI INFANZIA INFANZIA INFANZIA DISABILI/SALUTE MENTALE Casa dei colori COMUNITARIO IMMIGRATI 113

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Annualità: II ann. X Progetto di durata triennale AMBITO COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA 1.1

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

Ambito Distrettuale 6.1

Ambito Distrettuale 6.1 Ambito Distrettuale 6.1 Piano di Zona 2013-2015 AREE DI INTERVENTO: OBIETTIVI STRATEGICI, PRIORITA DEL PDZ, AZIONI, TEMPI E RISORSE 4.2 AREA DISABILITA PREMESSA. Negli ultimi anni l azione progettuale

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA

LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA Consegnate alla Commissione agricoltura della Camera dei deputati il 26 aprile 2012 1. Il Forum per una legge nazionale Il Forum

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

IL LAVORO IN RETE NEI SERVIZI EDUCATIVI SPECIALISTICI

IL LAVORO IN RETE NEI SERVIZI EDUCATIVI SPECIALISTICI CI SONO ANGELI IN CITTA Tutte le Aree dell Autismo IL LAVORO IN RETE NEI SERVIZI EDUCATIVI SPECIALISTICI San Salvo 25-05-2013 PALMA MONICA AREA DISABILITA L. 104/92 Legge Quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Allegato A C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax 0558451414 - e-mail: sds.mugello@asf.toscana.it Indirizzi per la ripartizione dei finanziamenti,

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso)

(INDICARE ASSE, Obiettivo Specifico e Azione, come declinati in allegato all avviso) SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Accompagnamento Operatori Reti d aiuto 02 Acronimo: AgORA 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Protocollo - Punto in Comune

Protocollo - Punto in Comune AVVISO PUBBLICO PER ESPLORAZIONE DI INTERESSE A REALIZZARE SUL TERRITORIO COMUNALE UN POLO FORMAZIONE PER DISABILI SPERIMENTALE. RICHIESTA MANIFESTAZIONE D INTERESSE E SUCCESSIVE OFFERTE TECNICO-GESTIONALI

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

un servizio residenziale rivolto a minori Sino ad un massimo di nove minori interventi educativi I progetti individualizzati fondati

un servizio residenziale rivolto a minori Sino ad un massimo di nove minori interventi educativi I progetti individualizzati fondati un servizio residenziale rivolto a minori che rivelano il bisogno di un progetto individualizzato, a carattere residenziale, per tutelare il loro sviluppo psicologico e sociale. Anche attraverso brevi

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali la normativa

Bisogni Educativi Speciali la normativa Bisogni Educativi Speciali la normativa 27 DICEMBRE 2012 DIRETTIVA MINISTERIALE «Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica»

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali

Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali Istituto di formazione politica PEDRO ARRUPE Centro Studi Sociali Palermo 31 maggio 2013 Rita Costanzo LIVEAS Il concetto di livelli essenziali di assistenza è stato introdotto dalla legge n. 328/2000,

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

Direzione Politiche Sociali

Direzione Politiche Sociali Direzione Politiche Sociali Commissione Consiliare 13 luglio 2015 1 Assistenza Domiciliare Handicappati Gravi: Servizio di assistenza e sostegno per persone con disabilità dai 18 ai 64 anni per consentire

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

Il progetto di vita: qualità oltre la scuola

Il progetto di vita: qualità oltre la scuola Il progetto di vita: qualità oltre la scuola Maria Grosso Associazione Italiana Persone Down 30 anni di cambiamenti nell integrazione! Dalla istituzionalizzazione/separazione all inclusione ( all inclusione

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE Art. 1 - Finalità e oggetto. 1. La Regione del Veneto promuove l agricoltura sociale quale aspetto della multifunzionalità delle attività agricole, per ampliare

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO (Scuola Infanzia - Primaria- Secondaria 1 Grado) Via A. BARTOLI, 53-03013 FERENTINO

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi

Fondazione Opera Madonna del Lavoro. Bilancio di missione 2013. sintesi Fondazione Opera Madonna del Lavoro Bilancio di missione 2013 sintesi Missione FOMAL è un Ente Diocesano che opera senza finalità di lucro per la promozione della persona nella società, realizzando attività

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art.

Dettagli

- LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SOCIALE

- LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SOCIALE Allegato B - LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SOCIALE - LINEE GUIDA SULLA FORMAZIONE RIVOLTA A PERSONE DISABILI- PRELAVORATIVO e FORMAZIONE AL LAVORO (con indirizzo) NOTA BENE: per l accesso ai corsi lo stato

Dettagli

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 0/44 Allegato B) Dgr n. del 4444 Pagine Unità di offerta che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della Regione

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO NELLA VITA DI RELAZIONE

TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO NELLA VITA DI RELAZIONE Regolamento per l erogazione agli invalidi del lavoro di dispositivi tecnici e di interventi di sostegno per il reinserimento nella vita di relazione TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli