PROVINCIA DI BARLETTA - ANDRIA - TRANI Piazza San Pio X, Andria - 9 Settore Cultura Sport Turismo - Politiche Sociali REPORT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI BARLETTA - ANDRIA - TRANI Piazza San Pio X, 9 76123 Andria - 9 Settore Cultura Sport Turismo - Politiche Sociali REPORT"

Transcript

1 PROVINCIA DI BARLETTA - ANDRIA - TRANI Piazza San Pio X, Andria - 9 Settore Cultura Sport Turismo - Politiche Sociali REPORT SERVIZIO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA SOCIO-EDUCATIVA PER ALUNNI CON DISABILITA RESIDENTI NELLA PROVINCIA BARLETTA-ANDRIA-TRANI E FREQUENTANTI LE SCUOLE SECONDARIE SUPERIORI DI II GRADO - a.s. 2012/2013 Dirigente 9 Settore:dr.ssa Lisa Pietropaolo Realizzato da: Assistente Sociale Pamela Giotta Assistente Sociale Domenica Montaruli Hanno partecipato alla realizzazione: dr. Domenico Catania dr.ssa Maria Elena Ricco dr.ssa Angela Valerio Mariapia Sciascia

2 REPORT SERVIZIO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA SOCIO-EDUCATIVA PER ALUNNI CON DISABILITA RESIDENTI NELLA PROVINCIA BARLETTA- ANDRIA-TRANI E FREQUENTANTI LE SCUOLE SECONDARIE SUPERIORI DI II GRADO - a.s. 2012/2013 INDICE I. Introduzione II. Valutazione del Servizio di Assistenza Specialistica socio-educativa per alunni con disabilità. Questionari compilati dai Dirigenti Scolastici o Referenti H Scuole Secondarie di 2 Grado della Provincia Barletta Andria Trani III. Valutazione del servizio di assistenza specialistica socio-educativa per alunni con disabilità. Questionari compilati dai genitori degli alunni che hanno usufruito del servizio IV. Conclusioni 1

3 I. INTRODUZIONE Questo Ente opera al fine di realizzare in maniera integrata gli interventi atti a tutelare l interesse dei soggetti disabili, garantendone il diritto alla frequenza, all'educazione e all'istruzione, qualificando sempre più gli interventi d'integrazione scolastica, sociale e sanitaria, mediante la promozione dei potenziali individuali e delle opportunità d'inclusione sociale ed attraverso l'elaborazione di un progetto di vita autonomo, partecipato e positivo per le alunne e gli alunni disabili incrementando lo sviluppo di tutti i potenziali individuali e delle opportunità d inclusione sociale mediante una condivisione di iniziative che realizzino un integrazione tra Famiglia, Scuola, Società, Servizi socio-sanitari e Servizi socio-educativi. È intendimento dell'ente Provincia promuovere percorsi efficaci di autonomia volti al miglioramento della qualità della vita dell alunno disabile nel tempo scolastico e nel tempo extrascolastico. A tal proposito, per gli anni scolastici 2010/ / /13, questa Provincia, nell'ambito dei servizi sociali atti a garantire il diritto allo studio della persone con disabilità, ha provveduto a sostenere regolarmente, pur in un contesto di progressiva riduzione dei trasferimenti regionali, l erogazione dei Servizi di competenza. Il Servizio di Assistenza Specialistica socio-educativa per l'integrazione scolastica ed extrascolastica degli alunni con disabilità e il servizio assistente alla comunicazione (L.I.S.), avviato dal 15/10/2012 sino al 01/06/2013, è stato erogato in favore di n. 213 alunni con disabilità. Il costo medio per anno scolastico del Servizio è di circa ,00/ ,00 (parzialmente finanziato dalla Regione Puglia). Il numero delle istanze è in costante aumento, come si evince nell'elenco di seguito riportato: SERVIZIO DI ASSISTENZA SOCIO- EDUCATIVA PER ALUNNI CON DISABILITA FREQUENTANTI SCUOLE SECONDARIE SUPERIORI DI SECONDO GRADO Costo del Servizio n. 157 alunni con disabilità beneficiari 140 Educatori/Assistenti alla Comunicazione n. 190 alunni con disabilità beneficiari 150 Educatori/Assistenti alla Comunicazione n. 213 alunni con disabilità beneficiari 143 Educatori/Assistenti alla Comunicazione n. 235 istanze pervenute , , ,41 ( In corso) Le attività degli educatori incaricati vengono svolte con un rapporto operatore/alunno di 1/1 o in alternativa 1/2, in relazione agli effettivi bisogni degli alunni beneficiari rilevati dal Dirigente Scolastico ed alla relativa progettualità socio-educativa. Tale modalità è volta a garantire lo sviluppo di progetti mirati alla promozione dell autonomia sociale, personale e relazionale degli alunni con disabilità, - 2

4 all interno dei quali ogni educatore svolge la propria attività con 1 o 2 alunni in un ottica di interconnessione professionale delle figure coinvolte a livello operativo all Interno dell Istituzione scolastica. Il Dirigente Scolastico provvede ad individuare per ciascun Educatore/Assistente alla Comunicazione L.I.S. l /gli alunno/i in modo che vengano garantite n. 9 ore settimanali di assistenza per ciascun alunno. Per validi e comprovati motivi viene prevista la possibilità di assegnare il rapporto 1/3, previo accordi con il servizio Politiche Sociali Provinciale. L assegnazione di 1 o 2 alunni ( e n. 3 alunni in casi eccezionali) viene formalizzata tramite il Progetto Socio Educativo Individualizzato (denominato P.S.E.I.), elaborato congiuntamente dal professionista e dal Dirigente Scolastico e condiviso con il docente di sostegno. Lo P.S.E.I., oltre alla definizione delle attività progettuali, contiene l orario di lavoro e i nominativi dell alunno/ degli alunni con disabilità assegnati a ciascun educatore. Il servizio in questione è oggetto di monitoraggio, valutazione e rideterminazione costante da parte dell Ufficio competente, anche al fine di ottimizzare l'utilizzo delle sempre più esigue risorse economiche trasferite. Si è proceduto, pertanto, ad una costante riorganizzazione del Servizio, in accordo con la rete dei soggetti interessati, al fine di renderlo sempre più efficace e rispondente alle reali esigenze dei ragazzi. A tal proposito sono stati somministrati dei questionari di Valutazione alle Scuole ed ai genitori dei ragazzi che hanno usufruito del Servizio. Si riporta di seguito l elaborazione dei questionari pervenuti al fine di una valutazione del servizio che consenta di analizzare i punti di forza e di criticità dello stesso. Riferimenti Normativi: - L art. 13 della Legge n. 104/1992 sancisce il diritto alla integrazione scolastica delle persone diversamente abili nelle sezioni e nelle classi di ogni ordine e grado; - L art. 139 del d. Lgs 31 marzo 1998 n. 112 (Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni e agli Enti Locali, in attuazione del capo I della Legge 15 marzo 1997, n. 59), attribuisce alle Province i compiti e le funzioni concernenti i servizi di supporto organizzativo del Servizio di istruzione per alunni con handicap o in situazioni di svantaggio ; - La Regione Puglia, all art. 17 della L.R. n. 19/ , attribuisce alla Provincia gli interventi in materia di assistenza scolastica e istruzione, con specifico riferimento agli interventi per audiolesi e videolesi e, altresì, specifica all art. 92 del reg. reg. n. 4/2007 che tra le prestazioni del Servizio di Integrazione Scolastica rientra il sostegno socio-educativo dei diversamente abili in ambiente scolastico ed extrascolastico; 3

5 II. VALUTAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA SOCIO-EDUCATIVA PER ALUNNI CON DISABILITÀ. Questionari compilati dai Dirigenti Scolastici o Referenti H Scuole Secondarie di 2 Grado della Provincia Barletta Andria Trani Sono stati compilati dai Dirigenti degli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore complessivamente n. 24 questionari.. Dall analisi e dall elaborazione dei questionari è emerso quanto segue. 1) La qualità della comunicazione con gli uffici provinciali è stata valutata positivamente, in quanto il 29,16% dei docenti e dei Dirigenti reputano ottima la comunicazione con gli impiegati del 9 Settore Cultura, Sport, Turismo e Politiche Sociali; è reputata buona dal 50%, mentre il 20,84% la reputa sufficiente. (TAB.1) TAB.1 Qualità della comunicazione tra Uffici Provinciali e Scuole 29,16,% 50,00% Sufficiente 20,84% DATI ) La percezione della frequenza della comunicazione tra Uffici Provinciali e Scuole risulta essere contrastante, in quanto il 50% ha espresso giudizio negativo, mentre la restante metà giudizio positivo. Analizzando i dati rilevati nell anno precedente si può notare un miglioramento, visto che solo il 3.84 % aveva espresso parere positivo. E utile, comunque, non trascurare il dato emerso al fine di strutturare 4

6 azioni atte a stimolare una maggiore qualità della comunicazione. Una possibile soluzione potrebbe essere, per esempio, quella di definire con le Scuole ed i referenti H incontri periodici al fine di promuovere una comunicazione diretta e frequente. (TAB.2) 60% TAB.2 Frequenza della comunicazione tra Scuole e Uffici Provinciali 50% 40% 30% 20% 50,00% 45,84% DATI 10% 0% Mai Raramente Spesso 4,16% Sempre 3) In merito alla comprensione inerente la distinzione del ruolo e delle competenze dell Educatore rispetto a quelle dell Insegnante di sostegno appare chiara nel 75 % dei casi. (TAB.3) TAB.3 Ritiene che sia sufficentemente chiara la distinzione del ruolo dell' insegnante di sostengno rispetto al ruolo dell'educatore 4,16% 4,16% 4,16% 12,52% Si, esclusivamente al personale docente ed agli stessi educatori ma non alle famiglie Si, a tutti 75% No, non è ben chiaro al personale docente 4) Il grado di Integrazione dell intervento educativo con la programmazione didattica è stato valutato positivamente. Questo rappresenta un punto di forza per il Servizio realizzato dalla Provincia Barletta- Andria- Trani. Si è registrato un miglioramento rispetto al giudizio espresso nell anno scolastico precedente, in quanto non sono presenti valutazioni negative, sintomo questo di un consolidamento e potenziamento organizzativo degli interventi socio-educativi. (TAB.4) 5

7 TAB.4 Giudizio complessivo sul grado di Integrazione dell'intervente educativo con la programmazione didattica 70% 60% 50% 40% DATI 62,50% 30% 20% 25% 10% 12,50% 0% 0% Sufficiente 5) Il rapporto tra il personale del servizio sociosocio educativo e il personale docente e non docente della scuola è stato valutato dai Dirigenti come prevalentemente sereno e collaborativo. (TAB.5) TAB.5 Il rapporto tra il personale del servizio sociosocio educativo e il personale docente e non docente della scuola è sereno e collaborativo? 80% 70,84% 60% 40% 29,16% 20% DATI 0% Mai Raramente Spesso 6) Il giudizio sugli operatori del servizio e sulla loro professionalità circa le esigenze degli alunni diversamente abili è prevalentemente buono, nonostante si rilevi che nel 20,84% dei casi l operatore l oper non è stato valutato come adeguatamente preparato. preparato (TAB.6) Sempre 6

8 TAB.6 Ritiene che gli operatori del servizio siano professionalmente preparati per rispondere alle esigenze degli alunni diversamente abili ai quali sono stati affiancati? 100% 50% 0% si no non tutti gli operatori sono qualificati n.r. 7) Nella predisposizione dell orario di lavoro, la collaborazione tra il personale docente e gli educatori/assistenti alla comunicazione è valutata positivamente, indice questo di un clima collaborativo tra le diverse figure professionali, come si può desumere altresì analizzando i dati emersi dalle domande n 5 e n 12. (TAB.7) TAB.7 Ritenete che vi sia collaborazione tra il personale docente e gli educatori/assistenti alla comunicazione, nella predisposizione dell'orario di lavoro? Sempre 50% Spesso 50% Raramente DATI Mai 0% 10% 20% 30% 40% 50% 8) Gli operatori del servizio, nella quasi totalità dei casi, risultano rispettare gli orari di lavoro. (TAB.8) 7

9 TAB.8 Gli operatori del servizio rispettano gli orari? 100% 80% 60% 40% 20% 37,50% 62,50% Gli operatori del servizio rispettano gli orari? 0% Mai Raramente Spesso Sempre 9) Nel caso di assistenza extrascolastica gli orari di lavoro dell operatore vengono concordati con la Scuola, oltre che con i genitori. Solo nell 8,33% dei casi emerge che ciò non avviene. Il 20,84% non ha risposto, probabilmente, in quanto non tutti gli alunni usufruiscono di assistenza specialistica in orario extrascolastico. (TAB.9) TAB.9 Nel caso di assistenza extrascolastica gli orari di lavoro dell'operatore vengono comunque concordati con la Scuola, oltre che con i genitori? 8,33% 4,16% 20,84% 20,84% Mai Raramente Spesso Sempre N.R. 45,83% 8

10 10) Il giudizio dei Dirigenti sulla disponibilità degli operatori al dialogo ed al confronto è prevalentemente positivo. (TAB.10) TAB.10 Ritiene che gli operatori del servizio siano disponibili al dialogo ed al confronto? 58,34% 41,66% Mai Raramente Spesso Sempre 11) Gli educatori/assistenti alla comunicazione sono stati coinvolti nella elaborazione e realizzazione dei progetti educativi attuati per gli alunni ai quali sono stati assegnati nella maggior parte dei casi. Emerge, però, che ciò non è avvenuto nel 16,67% dei casi. (TAB.11) TAB.11 Gli educatori/assistenti alla comunicazione sono stati coinvolti nella elaborazione e realizzazione di progetti educativi attuati per gli alunni ai quali sono stati assegnati? 4% 16,67% 79,17% Si, sin dall'inizio del progetto Si, solo per le attività extra-scolastiche no 9

11 12) Si reputa utile la partecipazione degli educatori/assistenti alla comunicazione agli incontri dei gruppi H. Tali attività sono incentivate dalla Scuola e dagli stessi operatori. (TAB.12) TAB.12 Ritiene utile che gli educatori/assistenti alla comunicazione partecipino agli incontri del gruppo H? No Dati Si 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 120% 13) Di seguito emerge il giudizio dei docenti sulla qualità dell intervento posto in essere e sul grado di incidenza degli interventi rispetto all integrazione degli alunni con disabilità nelle capacità di comunicare con gli altri (TAB.13A), nell integrazione scolastica(tab.13b), nella integrazione sociale e relazionale (TAB.13C), nell autonomia personale(tab.13d) e nelle relazioni familiari(tab.13e) (TAB.13E). TAB.13A Nella capacità di comunicare con gli altri 16,68% 4,16% 12,52% 66,64% Sufficiente N.r. 10

12 TAB.13B Nell'integrazione scolastica 29,16% 12,50% 58,34% Sufficiente TAB.13C Nell'integrazione sociale e relazionale 25% 8,33% 29,17% Sufficiente 37,50% N.r. TAB.13D Nell'autonomia personale 4,16% 20,84% 16,66% Sufficiente 58,34% N.r. 11

13 TAB.13E Nelle relazioni familiari 20,84% 8,33% 25% Sufficiente 45,83% N.r. 14) Tra gli aspetti più apprezzati del Servizio sono emersi principalmente i seguenti elementi: Diligenza negli interventi; Relazioni positive con i familiari; Collaborazione nell organizzazione di iniziative per gli alunni diversamente abili; Continuità degli assistenti/educatori con gli alunni; Disponibilità, puntualità tempestiva e competenza professionale degli educatori; Dialogo continuo e costruttivo con gli Uffici Provinciali e con le assistenti provinciali. 15) Pochi Dirigenti hanno segnalato episodi negativi sul servizio. Tra coloro che hanno segnalato delle criticità è emersa una difficoltà nel gestire le assenze degli operatori e, in alcuni casi, una superficialità nell espletamento del servizio e rigidità dell orario di intervento. (TAB.14) TAB.14 Ci sono episodi/interventi negativi da segnalare riguardanti educatori/assistenti alla comunicazione? N.r. No Si 8,34% 0,00% 10,00% 45,83% 45,83% 20,00% 30,00% 40,00% Ci sono episodi/interventi negativi da segnalare riguardanti educatori/assistenti alla comunicazione? 50,00% 12

14 16) La valutazione complessiva del servizio offerto è positiva. (TAB.15) TAB.15 Valutazione complessiva del servizio 0,7 0,6 0,5 0,4 0,3 66,67% Dati 0,2 0,1 0 29,17% 4,16% Sufficiente 17) Un terzo dei Dirigenti scolastici ha espresso suggerimenti per il miglioramento del Servizio. (TAB.16) TAB.16 Quanti hanno espresso suggerimenti per il miglioramento del Servizio N. r. 58,34% No 4,16% Dati Si 37,50% 0,00% 10,00% 20,00% 30,00% 40,00% 50,00% 60,00% Principalmente sono emersi le seguenti indicazioni: Predisporre un modello comune di progetto socio-educativo, istituendo la figura del Coordinatore centralizzato del servizio che svolga monitoraggio sul campo; Corsi di aggiornamento per gli educatori; Maggiore continuità del personale; Potenziamento delle ore. 13

15 III. VALUTAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA SPECIALISTICA SOCIO-EDUCATIVA PER ALUNNI CON DISABILITÀ. Questionari compilati dai genitori degli alunni che hanno usufruito del servizio Sono stati compilati dai Genitori complessivamente n.190 questionari.. Dall analisi e dall elaborazione dei questionari è emerso quanto segue. 1) La maggioranza dei genitori (91.58 %) è venuta a conoscenza del Servizio di Assistenza Specialistica Socio- educativa tramite informazioni fornite dalla stessa Scuola. Pochi genitori hanno, invece, conosciuto ciuto il Servizio mediante il proprio Comune, gli Uffici Provinciali e il Terzo Settore. (TAB.17) TAB.17 Modalità di conoscenza del Servizio di Assistenza socio-educativa 2,63% 4,73% 0,52% 0,52% 91,58% Tramite la Scuola Tramite gli operatori del Comune Tramite gli Uffici Provinciali Tramite Associazioni Altro 14

16 2) La fascia oraria in cui si usufruisce prevalentemente di tale Servizio è quella scolastica. Solamente il % dei casi ha richiesto il Servizio anche in orario extra-scolastico. (TAB.18) TAB.18 Fascia oraria del Servizio di Assistenza socio-educativa Entrambi 15,79% Orario extra-scolastico 9,48% Dati Orario scolastico 74,73% 0,00% 10,00% 20,00% 30,00% 40,00% 50,00% 60,00% 70,00% 80,00% 3) Dal grafico emerge che, per quanto concerne coloro che usufruiscono del Servizio in questione in orario extra-scolastico, gli orari di lavoro vengono concordati tra educatore e genitori. Si precisa che, la percentuale pari al % corrisponde ai genitori degli alunni che non usufruiscono del Servizio di Assistenza Specialistica in orario extra-scolastico. (TAB.19) TAB.19 Nel caso di Assistenza extra-scolastica, gli orari di lavoro dell'operatore presso la famiglia sono stati concordati 60% 50% 40% 30% 55,27% 20% 10% 0% Si 30% 14,73% No N.r. 15

17 4) L elaborazione e la realizzazione del Progetto Educativo Individualizzato vengono quasi sempre effettuate con il coinvolgimento dei genitori. Dal grafico, infatti, emerge che l % dei genitori viene attivamente coinvolto dalle Istituzioni nell elaborazione del progetto di vita del ragazzo. (TAB.20) TAB.20 Coinvolgimento dei genitori nella elaborazione e realizzazione del progetto educativo 3,68% 2,63% 10% Si, sin dall'inizio del progetto 83,69% Si, solo per le attività extrascolastiche No N. r. 5) Dal questionario è emerso (98.42 %) che vi è corrispondenza tra il Servizio offerto e le aspettative del genitore inerenti le necessità del proprio figlio. (TAB.21) TAB.21 Corrispondenza del Servizio richiesto rispetto alle esigenze dell'alunno No 1,58% Si 0,00% 20,00% 40,00% 60,00% 80,00% 100,00% 98,42% 16

18 6) I genitori ritengono utile confermare il Servizio anche per il successivo anno scolastico. Ciò implica un giudizio positivo su tale Servizio nel percorso di integrazione scolastica e sociale degli alunni con disabilità. (TAB.22) TAB.22 Numero di genitori che intendono avvalersi nuovamente del Servizio anche per il prossimo anno scolastico 2,63% 5,27% Si No N. r. 92,10% 7) e 8) Gli educatori che si occupano del Servizio risultano, per la maggior parte dei genitori, preparati professionalmente (TAB.23A), disponibili al dialogo ed al confronto sulle problematiche relative all alunno (TAB.23B). TAB.23A Ai genitori è stato chiesto se ritengono che l'educatore del Servizio sia professionalmente preparato per rispondere alle esigenze del figlio 97,90% 100,00% 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% Si 1,57% 0,53% No N. r. 17

19 TAB.23B Percezione dei genitori della disponibilità al dialogo ed al confronto dell'educatore su eventuali problematiche che riguardano l'alunno Sempre Spesso Raramente 3,16% 17,37% 79,47% Mai 0 0,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 0,8 9) I genitori degli alunni beneficiari del Servizio ritengono che gli educatori professionali incaricati dalla Provincia rispettino gli orari concordati. (TAB.24) TAB.24 Percezione genitore relativa al rispetto degli orari concordati con l'educatore 1,05% 1,58% 7,90% 89,47% Mai Raramente Spesso Sempre N. r. 18

20 10) I genitori hanno ben chiaro, all interno dell equipe preposta alla elaborazione e realizzazione del Progetto Educativo Individualizzato del proprio figlio, quale sia il ruolo ricoperto dall educatore professionale nell ambito del Servizio di Assistenza Specialistica Socio-educativa. (TAB.25) TAB.25 E' stato chiesto ai genitori se vi è chiarezza sul ruolo ricoperto dall'educatore/assistente alla comunicazione sia nello svolgimento della attività scolastiche che extra-scolastiche 100,00% 98,42% 50,00% 0,00% 1,05% 0,53% Si No N. r. 11) Nel complesso, per i genitori, il Servizio di Assistenza Specialistica Socio-educativa ha favorito una buona integrazione scolastica del proprio figlio nella capacità di comunicare con gli altri (TAB.26A), nell integrazione scolastica (TAB.26B), nell integrazione sociale e relazionale (TAB.26C), nell autonomia personale (TAB.26D) e nelle relazioni familiari (TAB.26E). TAB.26A Nella capacità di comunicare con gli altri 1,58% 28,95% 20% 49,47% Sufficiente TAB.26B Nell'integrazione scolastica 0,53% 1,58% 30,52% 17,37% 50% Sufficiente N.r. 19

21 TAB.26C Nella integrazione sociale e relazionale 1,58% 26,84% 16,84% 54,74% Sufficiente 26,32% TAB.26D Nell'autonomia personale 2,10% 1,58% 19,47% 50,53% Sufficiente N.r. TAB.26E Nelle relazioni familiari 2,10% 0,53% 28,95% 17,37% 51,05% Sufficiente N.r. 20

22 12) Il Servizio di Assistenza Specialistica socio-educativa erogato dalla Provincia è stato valutato positivamente dalla quasi totalità dei genitori, i quali risultano essere soddisfatti nel % dei casi. Infatti gli operatori risultano, per la maggior parte dei genitori, preparati professionalmente, disponibili al dialogo ed al confronto sulle problematiche relative all alunno come risulta, altresì, dall analisi delle domande n 7 e n 8. (TAB.27) TAB.27 E' stato chiesto ai genitori se vi sia o meno soddisfazione sul servizo erogato dall'educatore/assistente alla comunicazione 100,00% 80,00% 60,00% 96,84% Dati 40,00% 20,00% 2,64% 0,52% 0,00% Si No N.r. 13) Il Servizio erogato dalla Provincia BAT risulta aver soddisfatto le aspettative dei genitori e, come è emerso dai precedenti grafici, vi è corrispondenza tra il Servizio offerto e le loro attese inerenti le necessità del proprio figlio (domanda 5), dato avvallato dall'espressa intenzione di avvalersi del Servizio anche per gli anni scolastici successivi (domanda 6). La valutazione complessiva è ottima nel % dei casi e buona nel % dei casi. Il Servizio appare, pertanto, un utile supporto, secondo l'opinione delle famiglie, per un efficace perseguimento dell integrazione sociale, scolastica ed extra-scolastica degli alunni con disabilità. (TAB.28) TAB.28 Valutazione complessiva dei genitori inerente il Servizio erogato dalla Provincia BAT 41,58% 48,42% Sufficiente 9,48% 0,52% 0,00% 10,00% 20,00% 30,00% 40,00% 50,00% Dati 21

23 14) Gli aspetti che i genitori hanno più apprezzato del Servizio sono prevalentemente: Disponibilità, competenza, cordialità degli educatori; Continuità educatori; Collaborazione, puntualità, sensibilità e supporto; Comunicazione con le famiglie. 15) Scarsi sono gli episodi negativi inerenti il Servizio di Assistenza Specialistica segnalati dai genitori mediante i questionari somministratigli (TAB.29).. Tra gli episodi negativi segnalati abbiamo: in rarissimi casi assenza degli educatori senza preavviso; scarso coinvolgimento nelle attività extrascolastiche; episodi di difficile integrazione all'interno della classe. TAB.29 Episodi/interventi negativi da segnalare riguardanti l'educatore/assistente alla comunicazione 4,21% 5,26% 90,53% Si No N.r. 16) Il % dei genitori ha ritenuto utile esprimere dei suggerimenti per il miglioramento della qualità del Servizio. (TAB.30) TAB.30 Suggerimenti dei genitori per migliorare la qualità del Servizio 5,79% 26,31% 67,90% Si No N.r. I suggerimenti espressi sono i seguenti: Facilitare la continuità dello stesso operatore abbinato al proprio figlio nell'ambito delle attività di Assistenza Specialistica; Disponibilità di più ore del Servizio; Più attività extra-scolastica operatore/alunno. 22

24 IV. Conclusioni Dall analisi dei questionari compilati dai Dirigenti o Referenti H delle Scuole Secondarie di II Grado, ciò che è emerso è un dato relativamente positivo circa la qualità e la frequenza della comunicazione tra Scuole ed Uffici Provinciali. E stata evidenziata una buona integrazione tra gli interventi educativi di Assistenza Specialistica e la programmazione didattica. E emerso, inoltre, un giudizio positivo sulla qualità degli interventi, in quanto ritenuti validi per facilitare l integrazione degli alunni, in particolar modo nell'area della comunicazione scolastica, sociale e relazionale e nell'ambito dell autonomia personale e nelle relazioni familiari. È stato espresso un giudizio complessivamente positivo sull'operato degli educatori/assistenti alla comunicazione, in quanto sono state evidenziate caratteristiche quali: la disponibilità al dialogo ed al confronto e la professionalità nella elaborazione concertata e realizzazione dei progetti educativi. Scarsi sono stati gli episodi negativi segnalati nei questionari compilati dai Dirigenti e dagli stessi genitori. Uno degli elementi che sarà sicuramente oggetto di riflessione nell'ambito della programmazione del Servizio per i prossimi anni scolastici è inerente la criticità emersa circa la difficoltà dei Dirigenti Scolastici nel gestire le assenze degli operatori e, in alcuni casi, la scarsa flessibilità dei professionisti ad adeguare il loro orario di lavoro alle esigenze degli alunni. Tra i suggerimenti proposti nei questionari appare utile quello di potenziare l'attività di monitoraggio presso le Scuole al fine di analizzare meglio gli elementi di criticità e promuovere una maggiore qualità del Servizio. Inoltre, è emersa la necessità di corsi di aggiornamento per gli educatori, oltre ad un incremento delle ore di servizio in favore degli alunni beneficiari del Servizio. Tra gli aspetti valutati qualitativamente positivi vi è l'instaurarsi di relazioni positive con i familiari e la propositiva collaborazione degli educatori nell organizzazione di iniziative per gli alunni con disabilità, nonché la disponibilità, puntualità tempestiva e competenza professionale dei professionisti in servizio. Dai questionari compilati dai genitori degli alunni con disabilità frequentanti le scuole secondarie di II grado e beneficiari del Servizio è emerso un giudizio positivo circa la professionalità degli educatori, ritenuti disponibili al dialogo ed al confronto sulle problematiche relative all alunno. Il Servizio di Assistenza Specialistica socio-educativa, secondo quanto indicato dai genitori, ha favorito una buona integrazione scolastica del proprio figlio nell integrazione scolastica, sociale e relazionale, nell autonomia personale e nelle relazioni familiari. La valutazione complessiva del Servizio erogato dalla Provincia Barletta -Andria -Trani risulta aver soddisfatto le aspettative dei genitori, rivelandosi un utile e valido supporto nell'ambito del Progetto di vita degli alunni con disabilità. 23

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02.

tm \, ~. 'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,...  COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. d6::l DEL,Il - 02. tm \, ~. "'K,', :, ~;-.,-,.,.,..y,... " COMUNE DI AGRIGENTO SETTORE III Servizi Sociali - r:..,... i f,p.:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012

ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 ANALISI QUALITATIVA RISULTATI PROVE SNV INVALSI 2011/2012 Nella restituzione dei dati delle prove INVALSI 2011 12 ci sono state alcune significative novità, tra cui la possibilità per ogni team docenti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P.

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Roma Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma sito: http:/www.lazio.istruzione.it/csa/csa_roma.shtml

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero:

Il tempo che dedico alla valutazione delle prove di apprendimento lo considero: Progetto LLP-LDV-TOI-9-IT-8 8 ValeRIA Valutare la relazione tra insegnamenti e apprendimenti Autoriflessione del formatore sulla valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori di cui 98

Dettagli