Università degli Studi di Verona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Verona"

Transcript

1 Al piano terra, nell atrio del Palazzo di Lettere e Filosofia (Chiostro S. Francesco), in via S. Francesco 22 (37129 Verona). Siamo aperti: tutte le mattine, dal lunedì al venerdì (ore 10,00-13,00) CENTRO SERVIZI PER STUDENTI DISABILI tel. 045/ fax 045/ DELEGATO DEL RETTORE PER LA DISABILITÀ Prof. Franco Larocca tel. 045/ Università di Verona - Ufficio Comunicazione - Chiara Antonioli Ti aspettiamo! Università degli Studi di Verona Carta dei servizi del C entro S ervizi per Studenti Disabili

2 Carta dei Servizi Il Centro Servizi per Studenti Disabili dell Università di Verona è attivo dall anno Ha abbracciato sin dall inizio le disposizioni legislative in materia di integrazione universitaria e le Linee guida della Conferenza Nazionale dei Delegati dei Rettori per la Disabilità. Nei primi otto anni di vita ha raggiunto un elevato livello di autonomia, efficienza, specificità dei servizi e del personale, allo scopo di supportare le necessità didattiche degli studenti disabili che, al pari di tutti gli altri studenti, rivendicano il diritto di accesso al mondo accademico quale occasione privilegiata di formazione culturale ed umana. L Università di Verona accoglie tali esigenze, riconoscendo l importanza dell autonomia dei giovani come valore formativo e non solo strumentale, e la profonda rilevanza educativa del processo di socializzazione dell individuo attraverso l ampliamento delle esperienze e delle occasioni di incontro e relazione degli individui, soprattutto di quelli svantaggiati. Dalla metà degli anni 90 l Ateneo scaligero ha delegato le funzioni di coordinamento, supervisione e monitoraggio delle attività e dei servizi a favore degli studenti disabili al Prof. Franco Larocca, docente di Pedagogia Speciale per l handicap nonchè delegato del Rettore per le problematiche connesse all handicap, che opera in sinergia con i docenti referenti di Facoltà degli studenti disabili in seno alla Commissione Disabilità. La Carta dei Servizi, di seguito illustrata, è il vademecum degli studenti disabili dell Università di Verona per l accesso ai servizi loro riservati. Ne descrive la tipologia e le modalità di richiesta, alle quali si chiede di attenersi per poter garantire a tutti servizi individualizzati, efficienti e tempestivi. Un sincero ringraziamento all attuale Rettore, Prof. Alessandro Mazzucco, e al Direttore Amministrativo, Dott. Antonio Salvini, che hanno voluto e saputo rispondere alle esigenze della minoranza degli studenti disabili, superando i vincoli imposti dal principio di soddisfazione dei bisogni della maggioranza, nel credo condiviso di una humanitas che riconosce nella diversità una ricchezza.

3 Tutti i servizi descritti sono erogati compatibilmente con le risorse umane e finanziarie annualmente assegnate al centro servizi per studenti disabili Art.1 Finalità e Principi Generali Il Centro Servizi per Studenti Disabili dell Università degli Studi di Verona, nasce nel 2000 per assicurare l accesso e l integrazione nell università di tutti gli studenti con disabilità. I servizi offerti si uniformano alle disposizioni della legge 104/92 Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate e della successiva integrazione L. 17/1999 di cui si riportano i punti essenziali: predisposizione di sussidi tecnici e didattici specifici, realizzati anche attraverso convenzioni con enti esterni; supporto didattico mediante appositi servizi di tutorato specializzato, istituiti dalle università nei limiti del proprio bilancio e delle risorse disponibili; trattamento individualizzato per il superamento degli esami universitari, previa intesa con il docente della materia e con l ausilio del servizio di tutorato; impiego di specifici mezzi tecnici in relazione alla tipologia di handicap; possibilità di svolgere prove equipollenti su proposta del servizio di tutorato specializzato e in accordo con i docenti; istituzione di un servizio di consulenza pedagogica specifico. 2 3 Art.2 Calendario e orario Il Centro Servizi per Studenti Disabili è aperto al pubblico tutto l anno dal lunedì al venerdì, dalle ore alle ore 13.00, salvo diverse disposizioni comunicate tempestivamente sulla pagina web del Centro, via mail e attraverso affissione di avvisi nelle bacheche adiacenti al Centro. Per ricevimenti di carattere personale si consiglia di fissare un appuntamento. L Aula Studio annessa al Centro è aperta continuativamente dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore 19.30, il sabato su prenotazione dalle ore alle ore Art.3 Utenti dei servizi L insieme dei soggetti al quale è riconosciuto il diritto di usufruire dei servizi erogati dal Centro Servizi per Studenti Disabili è costituito da tutti gli studenti regolarmente iscritti presso l Università di Verona (Corsi di Laurea di primo e secondo livello, Corsi di laurea a ciclo unico previsti dal DL. n.509/99, Master, Dottorati di ricerca, Scuole di Specializzazione), aventi un accertata invalidità permanente in conseguenza della quale sia ad essi totalmente o parzialmente impossibile partecipare alla vita universitaria in modo autonomo. La priorità nell elargizione dei servizi viene data agli studenti con percentuale di invalidità superiore al 66%. Possono fare riferimento al Centro anche studenti affetti da una invalidità temporanea. Le loro richieste verranno valutate in ordine di priorità e accolte solo nel caso in cui vi siano risorse disponili. Possono inoltre rivolgersi alla struttura anche gli studenti stranieri diversamente abili iscritti a programmi di mobilità internazionale (SOCRATES-ERASMUS) svolti presso l Università di Verona. La loro idoneità alla fruizione dei servizi verrà valutata dagli operatori del Centro Servizi per Studenti Disabili, in collaborazione con le strutture paritarie presenti presso gli atenei di provenienza. Per gli studenti con disabilità iscritti in sedi decentrate i servizi saranno forniti compatibilmente con la possibilità di reperimento di personale e strutture in loco. Nel caso di situazioni particolari, come ad esempio periodi lunghi di ricovero ospedaliero o disabilità temporanee, tali da pregiudicare il regolare svolgimento della carriera accademica, si provvederà alla valutazione dei singoli casi.

4 Art. 4 Lo staff Il personale di ruolo della struttura è costituito da: Delegato del Rettore per le problematiche connesse all handicap; Commissione Disabilità (un docente referente per ogni Facoltà; i nominativi sono presenti sul sito dell Università, nella sezione Centro Servizi per studenti disabili); Responsabile amministrativo; Assistente amministrativo; Responsabile tecnico. La struttura si avvale anche di risorse mediante assegnazione annuale: Studenti a contratto; Volontari; Tirocinanti provenenti da tutte le Facoltà dell ateneo; Tutor specializzati; Operatori del Servizio Civile Nazionale. Art. 5 Servizi erogati Tutti i servizi sono erogati in base alla tipologia della disabilità, se coerenti con i piani di studio e solo ed esclusivamente per attività istituzionali riconducibili all ambito della didattica. Accompagnamento a lezione, agli esami, ai colloqui con i docenti, nei luoghi in cui si svolge la vita universitaria; accompagnamento al bagno mediante Operatori Socio Sanitari; servizio di interpretariato con LIS per studenti non udenti; tutorato specializzato per il supporto allo studio universitario; aiuto nel contatto con i docenti per personalizzare le modalità di esame; assistenza durante l espletamento delle prove d esame in ingresso e in itinere; aiuto nell espletamento di attività burocratiche all ingresso e in itinere; trattamento del materiale didattico; reperimento di materiali didattici, contatto coi docenti per gli studenti in sede e fuori sede; mobilità internazionale degli studenti disabili e partecipazione con tutor ai corsi estivi intensivi; attrezzature tecniche e informatiche specifiche (sintesi vocali, videoingranditori, barra braille, etc.); selezione e personalizzazione di stage e tirocini formativi; programmazione di percorsi formativi mirati all utilizzo di strumenti o ausili, rivolti a studenti con specifiche necessità; 4 5 aiuto nell inserimento lavorativo dei laureati disabili; consultazione e prestito di materiali sulla disabilità; sportello Help Ascolto; badge per il parcheggio interno; percorsi di continuità con le scuole superiori; Universamente, la voce degli studenti disabili nell ambito del portale FUORI AULA degli studenti dell Università di Verona. Art. 6 Modalità di richiesta e di erogazione dei servizi Tutti i servizi devono essere richiesti su iniziativa specifica degli aventi diritto, utilizzando preferibilmente i moduli disponibili sul sito alla voce Studenti/Centro servizi per studenti disabili e facendoli pervenire al Centro Servizi per Studenti Disabili a mano, mediante mail, fax o tramite terza persona (in questo caso con delega redatta in forma scritta, accompagnata dalla fotocopia del documento di identità del delegante e del delegato). I servizi sono erogati compatibilmente con le risorse umane e finanziarie assegnate annualmente. Lo studente disabile, la cui richiesta di accompagnamento o di assistenza viene accolta, è tenuto a utilizzare il servizio che gli viene fornito. La mancata fruizione del servizio per tre volte, senza giustificato motivo, ne comporterà la sospensione immediata. Accompagnamento La richiesta deve essere inoltrata con almeno una settimana di anticipo rispetto all inizio di ogni semestre, trimestre o quadrimestre di lezione. Sarà compito del Centro definire gli accompagnamenti con mezzi pubblici, attrezzati o a piedi a seconda della tipologia di disabilità e della percentuale di invalidità. Per l accompagnamento degli studenti con disabilità è utilizzato personale individuato fra gli studenti 150 ore, gli operatori del Servizio Civile Nazionale, i volontari e i tirocinanti. Trasporto Il servizio è rivolto a studenti con disabilità motoria, attraverso l uso di mezzi attrezzati e di studenti con deficit visivo. Di seguito la scaletta di priorità relativa alla motivazione della richiesta di trasporto: esami (vedi anche le voci Aiuto nel contatto con i docenti per personalizzazione delle modalità di esame e Assistenza durante l espletamento delle prove d esame ); lezioni, laboratori, seminari; accompagnamento a colloqui e ricevimento docenti; accompagnamento per pratiche burocratiche nelle strutture dell Ateneo.

5 Il Centro Servizi per Studenti Disabili accoglie solamente le richieste di trasporto implicanti spostamenti interni al Comune di Verona, da e verso i luoghi qui indicati: strutture universitarie; luoghi di stazionamento dei mezzi pubblici di trasporto; mense e strutture aventi funzioni equiparabili; alloggi degli studenti. Gli operatori del Centro valuteranno la possibilità di soddisfare eventuali richieste con percorrenza extra-urbana, sulla base di criteri stabiliti a loro totale discrezionalità. Il servizio deve essere richiesto con almeno 15 giorni di anticipo rispetto all inizio della lezioni. In caso di particolare e giustificata urgenza (giudicata con totale discrezionalità dagli operatori del Centro) allo studente potrà essere accordato il servizio in convenzione con l Unione Radiotaxi di Verona, richiedendolo anche il giorno stesso. Accompagnamento al bagno È un servizio realizzato in collaborazione con l ASL 20 di Verona. Consiste nell assegnazione, previa richiesta, di un Operatore/trice Socio Sanitario per l accompagnamento al bagno. Il servizio va richiesto all inizio di ogni semestre con almeno due settimane di anticipo. Servizio di Interpretariato per studenti non udenti Il servizio di Interpretariato per studenti non udenti è erogato per le seguenti finalità: frequenza delle lezioni; espletamento delle prove d esame; colloqui con i docenti, seminari, conferenze ed ogni attività inerenti la partecipazione alla vita universitaria. In caso di mancato utilizzo dell interprete senza preavviso, per un numero superiore a 3 lezioni all interno del calendario del corso, il servizio viene momentaneamente sospeso. La scelta del personale deputato al servizio, assunto a contratto, è effettuata dal responsabile del Centro Servizi per Studenti Disabili, previa valutazione delle necessità degli studenti richiedenti. Il servizio va richiesto direttamente al Centro Servizi per Studenti Disabili all inizio dell anno accademico. Tutorato specializzato per l integrazione allo studio universitario Per favorire il diritto allo studio degli studenti disabili si è ritenuto opportuno attivare iniziative di tutorato specifico, finalizzate prevalentemente a sostenere la fase iniziale 6 7 del percorso di studio con modalità di supporto individualizzate. Il tutorato viene assegnato previa valutazione da parte del Delegato del Rettore le problematiche connesse all handicap. Le modalità di erogazione prevedono che le attività di tutorato specializzato: siano erogate su richiesta individuale di ciascuno studente disabile e in seguito a un incontro con il Delegato del Rettore per la disabilità; siano orientate al superamento di esami che presentino effettive difficoltà o per la preparazione della tesi di laurea; siano prevalentemente fornite agli studenti iscritti al primo anno. Le condizioni di erogazione prevedono la realizzazione di un programma di studio semestrale relativo ai corsi e agli esami da sostenere e da concordare con il Centro Servizi per Studenti Disabili, sulla base del piano di studi statutario o comunque del piano di studi presentato presso la segreteria del Corso di Laurea prescelto. Il servizio di tutorato è svolto con l ausilio di studenti senior appositamente selezionati e formati, con competenze disciplinari specifiche nelle materie richieste dagli studenti disabili, o mediante contratti con esperti esterni di provata competenza e affidabilità. Aiuto nel contatto con i docenti per personalizzazione delle modalità di esame Nel caso di disabilità che precludano il normale svolgimento delle prove d esame e qualora lo studente con disabilità lo richieda, è compito del personale del Centro Servizi per Studenti Disabili supportare il contatto con il docente interessato, allo scopo di concordare i possibili provvedimenti da adottare (ad esempio: tutor che scriva sotto dettatura, tempi aggiuntivi, ausili informatici, definizione del programma d esame, etc.). La richiesta di intervento deve pervenire al Centro almeno due settimane prima della data fissata per l esame. Assistenza durante l espletamento delle prove d esame in ingresso e in itinere Qualora lo studente con disabilità lo richieda, è compito del Centro Servizi per Studenti Disabili fornire il personale e/o la strumentazione necessaria a supporto dell espletamento delle prove di esame. La richiesta di intervento deve pervenire al Centro almeno due settimane prima della data fissata per l esame.

6 Aiuto nell espletamento di attività burocratiche all ingresso e in itinere Qualora lo studente con disabilità non sia in grado di recarsi autonomamente presso gli uffici amministrativi dell Ateneo, sarà cura del Centro Servizi per Studenti Disabili fornire assistenza e accompagnamento, senza peraltro sostituirsi al medesimo. Trattamento materiale didattico Presso il Centro Servizi per Studenti Disabili è stato istituito un servizio destinato al trattamento del materiale didattico. I servizi messi a disposizione sono: conversione dei testi in formato elettronico; produzione di testi in braille; registrazione e sbobinatura audiocassette; fotocopie ingrandite; fornitura dei testi delle lezioni in formato elettronico, prodotti attraverso l impiego della stenotipia. Si precisa che, generalmente, il tempo di attesa per la realizzazione del materiale in formato alternativo è di circa un mese (variabile in relazione anche al numero di pagine, al contenuto e al formato richiesto). Tale materiale può essere trattato autonomamente (presso le strutture del Centro) o mediante convenzioni con centri specializzati. Reperimento di materiali didattici, contatto coi docenti per gli studenti in sede e a distanza Qualora lo studente con disabilità abbia difficoltà nel reperire gli appunti di lezione, sarà cura del personale del Centro Servizi per Studenti Disabili chiedere la collaborazione dei compagni di corso, ricorrendo, se necessario, all intermediazione del docente. Mobilità internazionale degli studenti disabili e partecipazione con tutor ai corsi estivi intensivi Gli studenti con disabilità che desiderano partecipare ai programmi di mobilità internazionale (SOCRATES-ERASMUS) possono fruire dell assistenza del personale del Centro Servizi per Studenti Disabili, che lavora in sinergia con l Ufficio Relazioni Internazionali. La partecipazione è subordinata comunque alla selezione prevista per la totalità degli studenti, come indicato dal bando di concorso a valenza annuale. L assistenza offerta per la partecipazione ai corsi estivi intensivi presso la sede di Canazei è esclusivamente di natura didattica. Non è contemplato alcun servizio di assistenza alla persona, demandato alle ULSS locali o svolto da persone di fiducia dello studente. 8 9 Attrezzature tecniche e informatiche specifiche Presso il Centro Servizi per Studenti Disabili è stata allestita un aula informatica attrezzata per le diverse tipologie di disabilità. Sono anche presenti alcuni ausili informatici e tecnologici a disposizione degli studenti che ne facciano richiesta. In casi particolari è possibile usufruire di tali ausili mediante forme di prestito temporaneo, previa compilazione dell apposita scheda fornita dal personale del Centro. Selezione e personalizzazione di stage e tirocini formativi Il Centro Servizi per Studenti Disabili svolge anche funzioni di orientamento al tirocinio e di selezione degli enti idonei all inserimento di persone con disabilità, in collaborazione con l Ufficio Stage e tirocini di Ateneo. Programmazione di percorsi formativi mirati all utilizzo di strumenti o ausili L autonomia della persona con disabilità si realizza anche attraverso l autonomia nel reperimento delle informazioni, soprattutto mediante i motori di ricerca e le risorse on line. A tale scopo il Centro Servizi per Studenti Disabili promuove corsi di alfabetizzazione informatica per studenti con deficit visivo, oltre a predisporre momenti di formazione all uso di apparecchi e ausili di altra natura. Inoltre realizza corsi di addestramento all uso delle risorse bibliografiche rivolti alla totalità degli studenti diversamente abili. Aiuto nell inserimento lavorativo dei laureati disabili Gli studenti con disabilità che lo desiderano possono usufruire dell assistenza del personale specifico presente presso il Centro Servizi per Studenti Disabili, per orientarsi nel mondo del lavoro. Ciò si realizza attraverso la collaborazione con il Servizio Collocamento Mirato della Provincia di Verona, i SIL (Servizio Integrazione Lavoro) delle ULSS della Provincia di Verona, i contatti con istituiti e aziende del territorio e con altre strutture dell Ateneo. Consultazione e prestito di materiali sulla disabilità Il Centro Servizi per Studenti Disabili raccoglie materiali di varia natura inerenti alla disabilità e li mette a disposizione dell utenza. Le tesi sono solo consultabili, mentre le monografie e i periodici possono essere presi a prestito per 20 giorni, eventualmente rinnovabili.

7 Sportello Help Ascolto È gestito da un esperto con competenze psico-pedagogiche e offre: ascolto e orientamento specialistico; riflessione sul proprio metodo di studio, suggerimenti utili a renderlo più efficiente; conoscenza di sé, delle proprie attitudini e riconoscimento dei propri limiti; incontri di gruppo; promozione dell autonomia. Gli incontri individuali devono essere prenotati presso il Centro Servizi per Studenti Disabili. Badge parcheggio Su richiesta è possibile ottenere in prestito per la durata di un anno accademico un badge per l accesso ai parcheggi riservati al personale universitario (Polo Zanotto, Chiostro di S. Maria delle Vittorie, Borgo Roma), dove sono allestiti alcuni spazi riservati alle persone con handicap, da utilizzarsi esclusivamente per lo svolgimento di attività in ambito universitario. In caso di uso non corretto il badge sarà ritirato. Essendo i badge disponibili in quantità limitata, la richiesta sarà valutata dagli operatori del Centro Servizi per Studenti Disabili e soddisfatta sino al loro esaurimento. Se non se ne prevede un uso continuativo, è comunque possibile accedere a tale servizio anche in occasioni contingenti, previa inoltro della richiesta con almeno una settimana di anticipo. Continuità con le scuole superiori In collaborazione con l Ufficio Orientamento di Ateneo nel mese di maggio il Centro Servizi per Studenti Disabili incontra gli studenti disabili del V anno delle Scuole superiori per illustrare i propri servizi. L iniziativa prevede: visita alle strutture universitarie; confronto con un esperto per conoscere in modo approfondito l offerta didattica; confronto con studenti disabili iscritti ad anni successivi; consegna di materiale informativo sull offerta formativa, i servizi dell Ateneo e nello specifico del Centro Servizi per Studenti Disabili Art. 7 Diritti degli studenti con disabilità La fruizione dei servizi è riservata agli studenti con disabilità secondo i parametri seguenti: iscritti ai corsi di laurea attivati in base agli ordinamenti precedenti il DM. N.509/99 (vecchi ordinamenti), iscritti ai corsi di laurea attivati ai sensi del DL. N.509/99 (laurea di primo livello), iscritti ai corsi di laurea specialistica attivati ai sensi del DL. N.509/99, iscritti ai corsi di laurea specialistica a ciclo unico, per la durata della carriera universitaria; iscritti a Master di primo e secondo livello, per la durata del corso; titolari di Dottorati di Ricerca, per la durata del Dottorato; iscritti a Scuole di Specializzazione, per la durata del corso; studenti stranieri (programma SOCRATES-ERASMUS), per la durata della borsa di studio. Art. 8 Obblighi degli studenti con disabilità Qualora uno studente con disabilità desideri fruire di benefici e servizi deve fornire la documentazione necessaria (certificato di invalidità rilasciato da apposita commissione dell ULSS di appartenenza) al Centro Servizi per Studenti Disabili. Successivamente deve: contribuire all organizzazione razionale degli accompagnamenti e dei trasporti comunicando i bisogni secondo quanto stabilito dall articolo 5 del presente documento; comunicare al Centro Servizi per Studenti Disabili eventuali speciali esigenze (non di tipo infermieristico o para-infermieristico o di assistenza alla persona, perché non sono di competenza dell Ateneo) al momento dell immatricolazione o almeno due settimane prima dell inizio dei corsi; rispettare le modalità e i tempi di erogazione dei servizi, impegnandosi a comunicare entro le 24 ore antecedenti l eventuale rinuncia.

8 Art. 9 Compiti del Centro Servizi per Studenti Disabili Gli operatori del Centro Servizi per studenti disabili di Ateneo si impegnano a: fornire i servizi previsti, secondo i parametri già descritti, per favorire l inclusione dello studente disabile in tutte le attività organizzate dall Ateneo per la totalità degli studenti; fornire allo studente con disabilità le informazioni in formato accessibile; conservare e mantenere la privacy sui dati forniti dallo studente con disabilità. Art. 10 Contatti con il Centro Servizi per Studenti Disabili Si trova in Via S. Francesco Verona. Per contattare gli operatori della struttura utilizzare i seguenti recapiti: telefono oppure fax mail: Per informazioni relative alle attività e ai progetti avviati consultare la pagina web / Studenti / Centro servizi per studenti disabili Attenzione Tutti i servizi che non sono esplicitamente citati nel presente documento non sono di competenza del Centro Servizi per Studenti Disabili e pertanto non sono erogati dallo stesso Tempi di richiesta dei servizi TIPOLOGIA DI SERVIZI Tempi di richiesta dei servizi in giorni Tempi di attesa Orientamento all ingresso e in itinere / / Prove individualizzate per esami e test di 15 giorni / ammissione Assistenza burocratica nella compilazione 7 giorni 7 giorni di pratiche per borse di studio, esonero tasse, alloggi, pratiche legate alla carriera universitaria Mobilità internazionale: / Variabili avviamento di tutte le pratiche, in collaborazione con l Ufficio Relazioni Internazionali, per i soggiorni di studio all estero degli studenti disabili; idem per la partecipazione ai corsi estivi/ invernali intensivi a Canazei Stage e tirocini: / Variabili contatti con Ufficio Stage e Tirocini; contatti con referenti SIL Attivazione contratti di tutorato specializzato / 60 giorni

9 TIPOLOGIA DI SERVIZI Tempi di richiesta Tempi di attesa Trattamento dei materiali didattici: / 30 giorni per studenti non vedenti (in formato elettronico, in braille); per studenti non udenti (stenotipia, sbobinatura audiocassette, trascrizione appunti in formato elettronico, fotocopie ingrandite) Assistenza tecnica agli studenti disabili 15 giorni nell utilizzo delle attrezzature speciali Organizzazione di corsi di formazione Variabili all uso delle attrezzature speciali Lezioni in Video conferenza Inizio semestre 30 giorni Segnalazione relative delle barriere / / architettoniche Accompagnamenti a lezione 7 giorni / Accompagnamenti al bagno 15 giorni / Accompagnamento agli esami 7 giorni / Trasporto 15 giorni / Interpretariato LIS Inizio semestre / Stenotipia Inizio semestre 15 giorni Appuntamenti Sportello Help Ascolto 7 giorni / Affissione materiale informativo nelle / / bacheche Badge parcheggio Inizio semestre / Prestito libri / / Sommario pag. 2 - Finalità e Principi Generali pag. 3 - Calendario e orario pag. 3 - Utenti dei servizi pag. 4 - Lo staff pag. 4 - Servizi erogati pag. 5 - Modalità di richiesta e di erogazione dei servizi pag Diritti degli studenti con disabilità pag Obblighi degli studenti con disabilità pag Compiti del Centro Servizi per Studenti Disabili pag Contatti con il Centro Servizi per Studenti Disabili pag Tempi di richiesta dei servizi

10 Note

11 Al piano terra, nell atrio del Palazzo di Lettere e Filosofia (Chiostro S. Francesco), in via S. Francesco 22 (37129 Verona). Siamo aperti: tutte le mattine, dal lunedì al venerdì (ore 10,00-13,00) CENTRO SERVIZI PER STUDENTI DISABILI tel. 045/ fax 045/ DELEGATO DEL RETTORE PER LA DISABILITÀ Prof. Franco Larocca tel. 045/ Università di Verona - Ufficio Comunicazione - Chiara Antonioli Ti aspettiamo! Università degli Studi di Verona Carta dei servizi del C entro S ervizi per Studenti Disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

..DOMANDA DI ISCRIZIONE ANNI SUCCESSIVI..

..DOMANDA DI ISCRIZIONE ANNI SUCCESSIVI.. Corso di laurea.... C.L. specialistica/magistrale... Curriculum/Indirizzo... Matricola.. Marca da bollo da 16,00 se non assolta in modo virtuale AL MAGNIFICO RETTORE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE PER GLI STUDENTI Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE VALIDE PER I CORSI ATTIVATI AI SENSI DEL D.M. 270/04 Immatricolazione

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Art. 1. (Indizione concorso)

Art. 1. (Indizione concorso) Allegato 1 al Provvedimento del Direttore dell Istituto TeCIP n. 66 del 10/02/2015 Concorso per l attribuzione di due Borse di studio per attività di ricerca della durata di 12 mesi ciascuna presso l Istituto

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Campo di applicazione) 1. Il presente Contratto

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con delibera del Senato Accademico del 19 luglio 2011) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione

Dettagli