S.S.D. DISABILITA. Coordinatori Centri Diurni: Ivan Luca Moro, Sergio Moresco, Fabrizio Farronato, Doppio Marco, Rigoni Stefano.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S.S.D. DISABILITA. Coordinatori Centri Diurni: Ivan Luca Moro, Sergio Moresco, Fabrizio Farronato, Doppio Marco, Rigoni Stefano."

Transcript

1 S.S.D. DISABILITA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura realizza attività ed interventi nell Area della Disabilità individuando percorsi riabilitativi finalizzati al raggiungimento delle autonomie, all inclusione sociale e alla partecipazione attiva del soggetto al suo contesto di vita. Sostiene in particolare Servizi e interventi Semiresidenziali e Residenziali. Definisce e realizza Progetti Assistenziali Individualizzati, attraverso l Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale (U.V.M.D.) tenendo conto del personale Progetto di Vita, che accompagna la persona disabile nelle diverse fasi della crescita. La SSD si occupa inoltre, per i servizi relativi all Area, della stesura di protocolli e modalità operative allo scopo di omogeneizzare le azioni e diffondere le pratiche migliori. Promuove lo sviluppo della rete dei servizi in favore della persona con disabilità offerti dall Azienda Sanitaria e dal privato sociale consolidando il rapporto di collaborazione con le cooperative sociali, il mondo del lavoro, le diverse strutture scolastiche, socio sanitarie, riabilitative e di volontariato. Gli interventi realizzati sono riferiti sia alla persona disabile sia alla sua famiglia. comprende Servizio Sociale Professionale e Sportello Informahandicap Servizio Psicologico Centri Diurni Residenzialità EQUIPE Responsabile: dott.ssa Annalisa Menegolo Segreteria Carmela Purgato Assistenti Sociali Dott.ssa Graziella Baron Dott.ssa Cristina Morelli Dott.ssa Roberta Rigoni Psicologo: dott.ssa Donatella De Rizzo Coordinatori Centri Diurni: Ivan Luca Moro, Sergio Moresco, Fabrizio Farronato, Doppio Marco, Rigoni Stefano. Coordinatori Strutture Residenziali: Monica Bergozza, Luisa Scaggiari, Daniele Benetazzo, Anna Polimeni, Rosalba Di Franco, Marco Doppio. Inoltre la struttura si avvale di Educatori professionali e Operatori Socio Sanitari. SEDE Direzione e Segreteria Centro Socio Sanitario Monsignor Negrin Palazzina F Bassano del Grappa (VI). Si possono chiedere informazioni telefoniche e/o fissare un appuntamento: dal lunedì al venerdì, al numero

2 SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE e SPORTELLO INFORMAHANDICAP Il Servizio Sociale Professionale svolge una funzione di accompagnamento della famiglia e della persona disabile nel suo Progetto di vita, valorizzando le risorse le competenze e le aspirazioni individuali, compatibilmente con i diversi livelli di autonomia. Gli assistenti sociali forniscono inoltre le informazioni sui Servizi, sulle attività esistenti nel territorio e sulle pratiche necessarie per l ottenimento dei benefici previsti in favore delle persone con disabilità. Il Servizio offre assistenza nella raccolta delle domande e nell avvio della relativa istruttoria per l accesso ai Servizi di accoglienza diurna e residenziale, nonché la concessione dei diversi contributi economici previsti a livello regionale e gestiti dall Azienda Sanitaria Ulss n. 3. L Informahandicap è un punto informativo dell Azienda Sanitaria che ha lo scopo di fornire indicazioni sui servizi e sulle opportunità per le persone con disabilità, con particolare riferimento a quelli erogati dall Azienda ULSS e dai Comuni, facilitando l accesso ai servizi sociali e sanitari presenti sul territorio. SEDI Servizio Sociale Professionale Gli Assistenti Sociali ricevono previo appuntamento, presso le seguenti sedi: Centro Socio Sanitario Mons. E. Negrin, palazzina F- Tel ROSA Via Lepanto, 1 - Tel MAROSTICA Via Panica, 17 - Tel ASIAGO Via Monte Sisemol, 2 Tel Sportello Handicap Via Carducci, 2 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore (preferibilmente su appuntamento) Tel ASIAGO Via Monte Sisemol, 2 Tel su appuntamento OFFERTA DI PRESTAZIONI L Assistente Sociale Analizza i bisogni della persona con disabilità e della sua famiglia Realizza progetti di inserimento presso servizi diurni e residenziali Verifica e sviluppa progetti di cura domiciliare Organizza Gruppi di Auto Aiuto per i familiari della persona con disabilità Promuove la collaborazione con le associazioni di volontariato Presso lo sportello Informahandicap, gli operatori raccolgono, documentano e diffondono informazioni su: normativa nazionale e regionale; provvidenze economiche; aiuti per il sollievo alle famiglie; impegnative di cura domiciliare; permessi lavorativi; esenzioni e agevolazioni fiscali e tributarie; esenzione ticket; ausili e protesica; barriere architettoniche; mobilità e trasporti;

3 diritto allo studio e al lavoro; tempo libero, turismo e vacanze; associazioni e gruppi di volontariato. SERVIZIO PSICOLOGICO Il Servizio Psicologico è rivolto a persone adulte con disabilità intellettiva, autismo o patologie neuromotorie e prevede: SEDI Possono accedere al Servizio Psicologico le persone già in carico al Servizio di Assistenza Sociale (vedi indicazioni Servizio Sociale). Centro Socio Sanitario Mons. E. Negrin, palazzina F dal martedì al giovedì ASIAGO Via Monte Sisemol, 2, il martedì OFFERTA DI PRESTAZIONI Verifica psicologica individuale per utenti o loro familiari Cicli brevi di sostegno Formazione per familiari e gruppi di auto aiuto Orientamento post scolastico Consulenza e supervisione progetti individuali Valutazione per invio a servizi specialistici I CENTRI DIURNI I Centri Diurni sono strutture di accoglienza diurna per le persone adulte in condizione di disabilità grave e gravissima che, assolto l obbligo scolastico, non sono in grado di accedere al mondo del lavoro o ad altre forme di integrazione sociale. Offrono un importante supporto alla famiglia nel quotidiano compito di assistere la persona disabile. L accoglienza si articola in diverse strutture dislocate nel territorio dell Azienda Sanitaria. Ciascuna struttura si presenta con caratteristiche diverse per rispondere in maniera differenziata alle specifiche situazioni di disabilità. I Centri hanno lo scopo di mantenere e sviluppare le autonomie personali degli ospiti, favorendo la crescita delle relazioni interpersonali e sociali, attraverso attività occupazionali, animative, culturali e sportive. I Centri Diurni sono dotati di strutture prive di barriere architettoniche con materiali e attrezzature specifiche per l assistenza personale. Sono inoltre dotati di spazi esterni attrezzati. Nell ambito del territorio dell Azienda Sanitaria, è presente un servizio di trasporto per consentire agli ospiti la frequenza al Servizio. L attività si svolge con orario giornaliero dal lunedì al venerdì, pranzo compreso. L équipe operativa è composta da: un Coordinatore, Educatori Professionali e Operatori Socio Sanitari in rapporto al numero e alla gravità degli ospiti presenti. Sono inoltre messi a disposizione dall Azienda Sanitaria lo Psicologo, l Assistente Sociale, e l Infermiere Professionale. Il personale del Centro concorre con la famiglia alla stesura e verifica del Progetto Personalizzato. SEDI Bassano del Grappa Centro Diurno Ancore Via Rosmini, 40

4 tel Centro Diurno La Persona al Centro Via Rosmini, 40 tel Centro Diurno Noi e gli Altri Via Rosmini, 40 tel Centro Diurno Sperimentale Attività Guidate Via Carducci, 2 tel Marostica Centro Diurno Il Raggio Verde Via Panica, 17 tel Nove Centro Diurno Anffas Via Nodari, 33 tel Asiago Centro Diurno San Matteo e San Luigi Piazza della Reggenza, 5 tel OFFERTA DI ACCOGLIENZA TIPOLOGIA DI DISABILITA fisico-motorio prevalente DESCRIZIONE Persona con grave/gravissima disabilità psico-fisica con bisogno di assistenza globale e rapporto 1:2 in struttura dotata di particolari attrezzature per l assistenza CENTRI DIURNI CHE ACCOLGONO Ancore, fisico-motorio prevalente Persona con grave disabilità psico-fisica con bisogno di assistenza globale e rapporto 1:2 Ancore, Il Raggio Verde, Anffas, Persona con disabilità intellettiva grave/gravissima, con necessità di costante supervisione in rapporto 1:2 Ancore, Anffas, Persona con disabilità intellettiva media/grave, con autonomie di base sufficienti (alimentazione, servizi igienici, orientamento in luoghi conosciuti ) e capacità di svolgere semplici attività occupazionali; rapporto di 1:4 / 1:5 La Persona al Centro, Noi e gli Altri, Il Raggio Verde, Anffas, Persona con disabilità intellettiva, buone autonomie motorie e comportamentali, autosufficiente nella autonomie di base. Può essere inserito in piccoli gruppi di 5 utenti con un operatore Attività Guidate

5 con comportamenti problema Persona con disturbo del comportamento medio/grave che abbisogna di un rapporto di 1:2 / 1:3, della strutturazione dell ambiente e di un livello di stimolazione misurato La Persona al Centro, Noi e gli Altri, Anffas con gravi comportamenti problema Persona con disturbo del comportamento grave con possibilità di agiti etero aggressivi e che abbisogna di un rapporto di 1:1 / 1:2 e di un ambiente strutturato e a basso livello di stimolazione Progetti Specifici OFFERTA DI PRESTAZIONI OFFERTA ANCORE IL RAGGIO VERDE LA PERSONA AL CENTRO CENTRI DIURNI NOI E GLI ALTRI ATTIVIT A GUIDAT E ANFFAS S. MATTEO E S. LUIGI Motricità dolce X X X X X X X Acquaticità X X X X X Laboratori occupazionali Laboratori artigianali Attività a Computer Attività Orto e Giardinaggio Laboratori di cucina Att. Ass. Animali (Pet Therapy) X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Musicoterapia X X Diete Speciali X X X X X X X Trekking X X X X X Autonomie Sociali Progetti con scuola/territorio X X X X X X X X X X X X X Turismo culturale X X X X X X X Animazione X X X X X X X Progetti con il Volontariato Azioni rilevanza sanitaria X X X X X Ambulatori Territoriali Ambulatori Ospedalieri Cure Odontoiatrich ANCORE IL RAGGIO VERDE SUPPORTO ALL ACCESSO AI SERVIZI SANITARI LA PERSONA AL CENTRO NOI E GLI ALTRI ATTIVIT A GUIDAT E ANFFAS S. MATTEO E S. LUIGI X X X X X X X X X X X X X X X X X

6 e Servizio Dietistico Orient/Sosteg no familiare X X X X X X X X X X X X MODALITÀ DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI Per presentare la domanda di accoglienza presso un Centro Diurno è necessario rivolgersi all Assistente Sociale della SSD Disabilità. (vedi indicazioni Servizio Sociale Professionale). La domanda di accoglienza presentata dalla persona interessata o dal suo tutore deve essere dalla seguente documentazione: 1. Certificato di invalidità civile. 2. Certificato dello stato di gravità (L.104/92). 3. Consenso al trattamento dei dati personali da parte dell ospite o del tutore legale. corredata L accoglienza della persona con disabilità al Centro avviene secondo apposita graduatoria, stabilita con Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale, tenendo conto delle autonomie, dei bisogni e della situazione familiare. ATTIVITA ALTERNATIVE AI CENTRI DIURNI PROGETTO LE BOTTEGHE: LABORATORI ARTIGIANALI DI INCLUSIONE SOCIALE Il progetto Le botteghe realizza una modalità di attività diurna per persone con disabilità innovativa, flessibile e integrata nella comunità locale. Il progetto è rivolto a persone in età post scolare in possesso di capacità manuali, relazionali e comportamentali adeguate al contesto. Gli utenti devono possedere certificato di invalidità civile e certificato di stato di handicap (L.104/92). Nel laboratorio della Bottega del Mastro intervengono, oltre al personale previsto, anche dei Mastri artigiani (ceramisti, sarti, falegnami, ) che mettono volontariamente a disposizione le loro competenze professionali. La bottega Filo Filò è invece un laboratorio di tessitura artigianale nel quale, con il supporto degli operatori e l aiuto di alcuni volontari chiamati Amici del Filo, le persone disabili utilizzano alcuni antichi telai a pedali in legno con navetta a vento, per la realizzazione di arazzi, tendaggi, tappeti, selle da tavola, ecc SEDE via Campo Marzio, 16 e 18 Filo Filò e Bottega del Mastro tel dal martedì al venerdì: ore PROGETTO FATTORIA SOCIALE Il progetto Fattoria Sociale intende promuovere l agricoltura sociale quale aspetto innovativo, sia per ampliare e consolidare la gamma di opportunità di occupazione e di reddito, sia per aumentare l offerta dei servizi finalizzati all inclusione sociale di soggetti svantaggiati. Infatti, la fattoria si caratterizza come ambiente in grado di offrire un efficace risposta alternativa ai tradizionali sistemi di accoglienza diurna consentendo molteplici risultati quali: l inclusione sociale di persone con disabilità, percorsi di abilitazione e riabilitazione, la realizzazione di attività educative, assistenziali e formative nonché un valido supporto alle famiglie. SEDE

7 Associazione Conca d Oro via Rivoltella Bassa, 4 tel Dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore MODALITÀ DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI Per presentare la domanda di accoglienza ai progetti alternativi è necessario rivolgersi all Assistente Sociale della SSD Disabilità. (vedi indicazioni Servizio Sociale Professionale). La domanda di accoglienza presentata dalla persona interessata o dal suo tutore deve essere dalla seguente documentazione: 1. Certificato di invalidità civile. 2. Certificato dello stato di gravità (L.104/92). 3. Consenso al trattamento dei dati personali da parte dell ospite o del tutore legale. corredata RESIDENZIALITA I Servizi Residenziali accolgono le persone con disabilità, per le quali il sostegno della famiglia non è più sufficiente. L accoglienza presso le strutture residenziali può avere carattere definitivo o temporaneo (per improvvise situazione di emergenza, o per fornire un sollievo). Le strutture rispondono al bisogno di garantire la migliore qualità di vita possibile attraverso il mantenimento e lo sviluppo dell autonomia e dell autosufficienza della persona, salvaguardando, per quanto possibile, le relazioni sociali con il proprio contesto di appartenenza. Nel territorio dell Azienda Sanitaria sono presenti: Residenze Sanitarie Assistenziali - strutture con maggiore intensità di assistenza sanitaria Comunità Alloggio strutture alternative alla famiglia con attività di sostegno alle autonomie personali. OFFERTA DI ACCOGLIENZA TIPOLOGIA DI DISABILITA fisico-motorio prevalente con comportamenti problema con gravi comportamenti problema DESCRIZIONE Persona con grave/gravissima disabilità psico-fisica con bisogno di assistenza globale in struttura dotata di particolari attrezzature per l assistenza e di personale infermieristico Persona con disabilità intellettiva grave/gravissima, con necessità di costante supervisione Persona con disabilità intellettiva medio/grave, con autonomie di base sufficienti (alimentazione, servizi igienici, orientamento in luoghi conosciuti ) e capacità di svolgere semplici attività occupazionali Persona con disabilità intellettiva, buone autonomie motorie e comportamentali, autosufficiente nella autonomie di base. Può essere inserito in piccoli gruppi Persona con disturbo del comportamento grave con possibilità di agiti etero aggressivi e che abbisogna di un ambiente strutturato e a basso livello di stimolazione Persona con disturbo del comportamento medio/grave che abbisogna della strutturazione dell ambiente e di un livello di stimolazione misurato STRUTTURA RESIDENZIALE RSA Ist. Palazzolo RSA Ist. Palazzolo C.A. Casa dei Pini C.A. Anffas C.A. Casa dei Pini C.A. Anffas C.A. Conca d Oro Ist. Palazzolo RSA Ist. Palazzolo SEDI

8 Comunità Alloggio ANFFAS Via Campo Marzio, 16 tel Comunità Alloggio CONCA D ORO Via Rivoltella Bassa, 4 tel MAROSTICA RSA Disabili Via Panica, 17 tel ROSA Istituto Palazzolo Via Capitano Alessio, 9 tel FONTANELLE DI CONCO Comunità Alloggio CASA DEI PINI Via Bete, 11 tel CESUNA DI ROANA Comunità Alloggio NICO FRIGO - BRUNI ALTI Via Bruni Alti, TEL MODALITÀ DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI Per presentare la domanda di accoglienza presso una struttura residenziale è necessario rivolgersi all Assistente Sociale della SSD Disabilità. (vedi indicazioni Servizio Sociale Professionale). La domanda di accoglienza presentata dalla persona interessata o dal suo tutore deve essere dalla seguente documentazione: 1. Certificato di invalidità civile. 2. Certificato dello stato di gravità (L.104/92). 3. Consenso al trattamento dei dati personali da parte dell ospite o del tutore legale. corredata L accoglienza residenziale della persona con disabilità avviene secondo apposita graduatoria, stabilita con Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale, tenendo conto delle autonomie, dei bisogni e della situazione familiare. MODALITÀ DI RECLAMO Gli utenti possono sporgere reclamo o segnalazione per disservizi o comportamenti che abbiano negato o limitato la fruibilità delle prestazioni. Queste segnalazioni dovranno essere presentate o inviate a: Ufficio per le Relazioni con il Pubblico Ospedale di Bassano del Grappa Via dei Lotti, Bassano del Grappa (VI) Tel Aggiornamento: dicembre 2014

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER PERSONE CON DISABILITÀ LA CASA DELLE ROSE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER PERSONE CON DISABILITÀ LA CASA DELLE ROSE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PER PERSONE CON DISABILITÀ LA CASA DELLE ROSE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Residenza Sanitaria Assistita per le persone con disabilità si connota come una risposta

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012 allegato alla deliberazione n. 211 del 21.3.2012 1 INDICE PREMESSA...4 1. ASSEGNO DI CURA...5 1.1 DESTINATARI...5

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA Presentazione L organizzazione dei Servizi Sociali a favore

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI

CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La mission del Centro Diurno è quella di garantire il benessere psicofisico degli ospiti, in un ambiente idoneo, volto a

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo FONDAZIONE OPERA IMMACOLATA CONCEZIONE ONLUS CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO INTEGRATO LA SPERANZA Il servizio consiste nell ospitare ed assistere 15 persone dei Comuni di Bozzolo e limitrofi, dalle 8.00

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

Famiglia e solidarietà sociale

Famiglia e solidarietà sociale 20 21 Famiglia e solidarietà sociale e dei prezzi in vigore. Le RSA sono diffuse su tutto il territorio regionale. Sul sito www.famiglia.regione.lombardia.it si può accedere a un area nella quale vengono

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia Regolamento per l accesso e la gestione del Progetto Sociale Gruppo Appartamento Approvato con delibera C.C. n. 66 del 30.11.2010 - esecutivo INDICE Art. 1

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI CLINICA NEUROLOGICA DI PADOVA CENTRO SPECIALIZZATO PER LE MALATTIE NEUROMUSCOLARI E PER LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA È un Centro specializzato

Dettagli

INFORMATIVA AI CITTADINI

INFORMATIVA AI CITTADINI INFORMATIVA AI CITTADINI per le persone fragili Regione Lombardia ha definito modalità e strumenti di intervento, in particolare a favore di: - persone in condizione di dipendenza vitale - persone portatrici

Dettagli

La nonna ci viene spesso a trovare, specialmente quando la mamma deve andare via.

La nonna ci viene spesso a trovare, specialmente quando la mamma deve andare via. La nonna ci viene spesso a trovare, specialmente quando la mamma deve andare via. Quando sta con noi mi diverto, perché mi racconta sempre cosa ha fatto quando era giovane, che cosa faceva quando lavorava

Dettagli

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU FINALITA ED

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA Comune di Castel Maggiore (Provincia di Bologna) CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA INDICE - I servizi di aiuto e sostegno alla persona nel sistema locale dei servizi sociali a rete - I

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli Cooperativa SoCiale i percorsi è importante costruire ponti, reti, sinergie, lavorare per la creazione di comunità locali nelle quali mettere sempre più al centro la persona, svantaggiata o meno, nuova

Dettagli

COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona

COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona Centro socio-educativo riabilitativo diurno per disabili Arcobaleno PREFAZIONE La Carta dei Servizi del Centro socio-educativo riabilitativo diurno per disabili

Dettagli

Centri Diurni. G. Cristofori A. Forti Verona

Centri Diurni. G. Cristofori A. Forti Verona Centri Diurni G. Cristofori A. Forti Verona Presentazione Il Centro Diurno eroga servizi rivolti a persone con deficit psicofisico e con compromissioni da demenza di tipo Alzheimer. Il Centro Diurno è

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

ASL DI BASSANO D. GRAPPA ASL DI BASSANO D. GRAPPA

ASL DI BASSANO D. GRAPPA ASL DI BASSANO D. GRAPPA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Menegolo Annalisa Data di nascita 20/09/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI BASSANO D. GRAPPA Responsabile - U.O.S.I.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI BASE

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI BASE CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI BASE IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Il medico di medicina generale è il tutore della salute dei suoi assistiti. Egli opera all interno del Sistema Sanitario Nazionale

Dettagli

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PREMESSA 1. Normativa di riferimento La legge n. 328/00 enuncia all art. 14 le disposizioni per la realizzazione

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA DESTINATARI DEL SERVIZIO: Il Centro Diurno per Disturbi Cognitivi è una struttura che eroga servizi in sinergia con la Residenza Sanitaria Assistenziale posta in

Dettagli

Centro diurno GINEVRA

Centro diurno GINEVRA 2013 Centro diurno GINEVRA presso la Casa di Riposo G.Gasparini CARTA DEI SERVIZI Loc. Pieve Dugliara 68/a Rivergaro (PC) Tel. 0523 958232 FAX 0523 957760 E- mail info@cdrgasparini.it sito www.cdrgasparini.it

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE MEDICINA LEGALE DELL ASSISTENZA SOCIALE

SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE MEDICINA LEGALE DELL ASSISTENZA SOCIALE SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE Art. 38 Costituzione Comma I e III Comma II Comma V Assistenza Sociale -Invalidità civile -Ciechi civili -Sordi -Portatori di handicap Assicurazioni Sociali -INAIL -INPS (invalidità,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA TESSERE ATC AGEVOLATE

SERVIZIO ASSISTENZA TESSERE ATC AGEVOLATE SERVIZIO ASSISTENZA TESSERE ATC AGEVOLATE Una volta all anno, nel periodo e con le modalità previste dall ATC, vengono rilasciate le tessere di abbonamento per persone anziane e disabili. L Ufficio Assistenza

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005 Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona A.I.A.S. Ferrara Associazione di Volontariato Associazione Centro H In collaborazione con: - Azienda USL Ferrara - Centro Servizi alla Persona

Dettagli

MISURA B1 - PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIMA

MISURA B1 - PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIMA Piano operativo per l attuazione degli interventi in materia di gravi e gravissime disabilità o anziani non autosufficienti previsti dalla DGR n. 740/2013 Regione Lombardia con DGR n. 740 del 27/09/2013

Dettagli

CONTRATTO E REGOLAMENTO CENTRO DIURNO COOP. SOC. CAVA

CONTRATTO E REGOLAMENTO CENTRO DIURNO COOP. SOC. CAVA CONTRATTO E REGOLAMENTO CENTRO DIURNO COOP. SOC. CAVA Art. 1 Finalità Il Centro Diurno della Cooperativa sociale Cava è una struttura socio-sanitaria d accoglienza diurna destinata a persone anziane in

Dettagli

ASL RMH Comune di Anzio Comune di Nettuno PIANO DI ZONA 2011 PROGETTO 4 - L. 162/98 ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA PER DISABILI GRAVI PROSECUZIONE

ASL RMH Comune di Anzio Comune di Nettuno PIANO DI ZONA 2011 PROGETTO 4 - L. 162/98 ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA PER DISABILI GRAVI PROSECUZIONE ASL RMH Comune di Anzio Comune di Nettuno PIANO DI ZONA 2011 PROGETTO 4 - L. 162/98 ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA PER DISABILI GRAVI PROSECUZIONE OTTOBRE 2011 1. Titolo del progetto Assistenza domiciliare

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia con particolare riguardo all alimentazione, al vestiario,

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

LaRegioneVeneto conglianziani. perglianziani. I ServiziSocio-Assistenziali REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA

LaRegioneVeneto conglianziani. perglianziani. I ServiziSocio-Assistenziali REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA Le tendenze demografiche mostrano un progressivo invecchiamento della popolazione italiana, sia in senso assoluto, per la diminuzione della mortalità e l aumento della speranza di vita, sia in senso relativo,

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE DISTRETTO SOCIO SANITARIO APRILIA/CISTERNA REGOLAMENTO CASA FAMIGLIA PER DISABILI LA CASA DEI LILLA Allegato alla delibera di CC n.33 dell

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

LA COMPLESSITA' DELL'AGIRE PROFESSIONALE NEI SERVIZI PER ADULTI E ANZIANI. Thiene, 2 aprile 2014

LA COMPLESSITA' DELL'AGIRE PROFESSIONALE NEI SERVIZI PER ADULTI E ANZIANI. Thiene, 2 aprile 2014 LA COMPLESSITA' DELL'AGIRE PROFESSIONALE NEI SERVIZI PER ADULTI E ANZIANI Thiene, 2 aprile 2014 IL COMUNE Elisa Fontana ADULTI e ANZIANI domanda di intervento sociale Assistente Sociale Distretto (DSS)

Dettagli

Il progetto d innovazione CASA RUSCONI

Il progetto d innovazione CASA RUSCONI Il progetto d innovazione CASA RUSCONI 1 Cos era la CASA RUSCONI: La casa Rusconi nasce come Comunità Alloggio nella prima metà degli anni 80 Grazie al lascito del dott. Ingegnere-architetto Antonino RUSCONI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia Settore Servizi alla Popolazione Ufficio Servizi Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20 del

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Guida all'accesso ai servizi

Guida all'accesso ai servizi Residenza Sanitaria Assistenziale /Residenza Protetta G. Borea e Z. Massa Sanremo CARTA DEI SERVIZI Guida all'accesso ai servizi Periodo di riferimento 2012/2013 1 SOMMARIO INTRODUZIONE. 1.COS E LA RESIDENZA

Dettagli

PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIME IN CONDIZIONE DI DIPENDENZA VITALE

PERSONE CON DISABILITA GRAVISSIME IN CONDIZIONE DI DIPENDENZA VITALE Piano operativo territoriale per l attuazione integrata degli interventi in favore di persone in condizione di dipendenza vitale, con gravi disabilità o anziani non autosufficienti, e di sostegno della

Dettagli

L UTILIZZO DELLA BINA-FAR DA PARTE DELLE CASE RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DEI CENTRI DIURNI PER ANZIANI

L UTILIZZO DELLA BINA-FAR DA PARTE DELLE CASE RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DEI CENTRI DIURNI PER ANZIANI L UTILIZZO DELLA BINA-FAR DA PARTE DELLE CASE RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DEI CENTRI DIURNI PER ANZIANI (servizi accreditati e convenzionati) Prima parte per UVG ed incontri preparatori

Dettagli

CRA VASSALLI REMONDINI. Casa Residenza Anziani VASSALLI - REMONDINI

CRA VASSALLI REMONDINI. Casa Residenza Anziani VASSALLI - REMONDINI Casa Residenza Anziani VASSALLI - REMONDINI C.S. Panegano n 3 29014 Castell Arquato (PC) Tel. 0523 891588 Fax 0523 891232 Email: info@consorzioarda.it CARTA DEI SERVIZI 1 Indice Premessa pag. 3 Carta dei

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI ASSISTENZA DOMICILIARE A.D.A. Che cos è? L assistenza domiciliare è un servizio di Ambito del Piano Sociale di Zona che punta ad aiutare le persone anziane e quelle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

VIVERE INSIEME Soc. Coop. Sociale Cod. Fisc. 03307050876. Via Oliveto Scammacca, 16 Catania Tel. 095/444246 Fax 095/431057 CARTA DEI SERVIZI

VIVERE INSIEME Soc. Coop. Sociale Cod. Fisc. 03307050876. Via Oliveto Scammacca, 16 Catania Tel. 095/444246 Fax 095/431057 CARTA DEI SERVIZI VIVERE INSIEME Soc. Coop. Sociale Cod. Fisc. 03307050876 Via Oliveto Scammacca, 16 Catania Tel. 095/444246 Fax 095/431057 CARTA DEI SERVIZI Edizione 2012 1 Sommario PREMESSA... 3 PRESENTAZIONE... 3 PRINCIPI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO 1 INDICE 1. Introduzione p.3 2. Gli obiettivi di fondo della Carta dei servizi p.3 3. Le finalità della RSA Azzurra (mission) p.4

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Anno 2014

CARTA DEI SERVIZI Anno 2014 CENTRO DIURNO DISABILI di Reinserimento e Riabilitazione Sociale per persone con GRAVI CEREBROPATIE ACQUISITE CARTA DEI SERVIZI Anno 2014 Progettazione Cooperativa Sociale ONLUS Via Moroni, 6-24 066 Pedrengo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

ALZHEIMER. Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari

ALZHEIMER. Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari PROGETTO ALZHEIMER Interventi a sostegno delle persone affette da malattia di Alzheimer e dei loro familiari L ALZHEIMER E IL PROGETTO DI VERONA L assistenza agli anziani affetti da demenza tipo Alzheimer

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZI SOCIALI Presentazione I Servizi Sociali sono impegnati ad assicurare alle persone ed alle famiglie interventi che consentano di godere di un adeguata qualità della vita.

Dettagli

Servizio accoglienza studenti con disabilità Carta dei Servizi (Approvata dal Consiglio di Amministrazione Adunanza Ordinaria Del 22 luglio 2011)

Servizio accoglienza studenti con disabilità Carta dei Servizi (Approvata dal Consiglio di Amministrazione Adunanza Ordinaria Del 22 luglio 2011) Servizio accoglienza studenti con disabilità Carta dei Servizi (Approvata dal Consiglio di Amministrazione Adunanza Ordinaria Del 22 luglio 2011) Art. 1 Principi generali Il Servizio Accoglienza Studenti

Dettagli

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione COMUNE di FORMIA Provincia di Latina REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Art. 1) Definizione Il Centro Diurno Socio-educativo-riabilitativo (di seguito

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI. Il sostegno ai minori in difficoltà

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI. Il sostegno ai minori in difficoltà Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI Il sostegno ai minori in difficoltà Edizione maggio 2002 1 LA MISSION ED I VALORI LA MISSION Ciascuna persona è titolare di diritti, ad ognuno deve essere

Dettagli

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Raffaele Fabrizio Luigi Mazza SERVIZIO INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA E POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

2. MODALITA DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

2. MODALITA DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZI SOCIALI I Servizi Sociali del comune di Pontoglio riuniscono una serie articolata di servizi ed interventi, coordinati tra loro, rivolti ai cittadini residenti, di ogni età, con particolare riferimento

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome RILEI TIZIANO Indirizzo Telefono 059 7705260 Fax 059 7705200 E-mail VIA F. PETRARCA, 284-41058 VIGNOLA (MO)

Dettagli

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5. AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5.1. Analisi dei problemi e definizione degli obiettivi Problemi e fabbisogni dell Ambito Costa sud 2 nell area Disabilità : Bisogno di supporto per le famiglie

Dettagli

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI)

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma)

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) (Allegato all atto consiliare n. 12/2005) REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI AI PORTATORI DI HANDICAP, AI MINORI A RISCHIO DI DEVIANZE.

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Centri diurni Alzheimer e Integrato

Centri diurni Alzheimer e Integrato Best practice e innovazione nelle RSA: esperienze a confronto Giovedì 10 maggio 2012 Castellanza Centri diurni Alzheimer e Integrato A cura di PAOLA GARBELLA Direttore Generale Opera Pia A. E. Cerino Zegna

Dettagli

A.P.S.P. "S. Spirito - Fondazione Montel"

A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel La tutela della non autosufficienza in provincia di Trento Quadro normativo di riferimento: L.P. 12/07/1991 n. 14 L.P. 28/05/1998 n. 6 L.P. 24/07/2012 n. 15 Direttive Provinciali in materia di R.S.A. Contenuti:

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (SOC/02/24740) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Viste: - la legge 5 febbraio 1992, n.104 Legge - quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate ;

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Giovanni Chiabà San Giorgio di Nogaro CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON Gentile Utente, PREMESSA il presente documento Carta

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Principi Generali Finalità del servizio Il Servizio di

Dettagli