Utenza fragile: Persone Disabili. Dipartimento ASSI - U.O. Disabilità. ASL di Brescia - Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, Brescia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Utenza fragile: Persone Disabili. Dipartimento ASSI - U.O. Disabilità. ASL di Brescia - Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15-25124 Brescia"

Transcript

1 Utenza fragile: Persone Disabili Dipartimento ASSI - U.O. Disabilità ASL di Brescia - Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, Brescia

2 a cura di: Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI Dott.ssa Mariarosaria Venturini Responsabile U.O. Disabilità Viale Duca degli Abruzzi, 15 - edificio 4 Telefono fax Mail: 2

3 Introduzione Si è ritenuto utile riassumere in un unico documento, le informazioni più indicative relative ai servizi per disabili, seppur già rintracciabili sia sul sito dell ASL sia nella Carta dei Servizi. L auspicio è quello di renderle di ancor più facile consultazione per gli addetti ai lavori che, parte della rete, assumono anche il ruolo di segnalatori di bisogni e di partecipanti dell approccio multidimensionale. I servizi per i disabili sono organizzati in stretto collegamento tra loro, in modo da offrire la risposta più adeguata ai bisogni specifici di ogni persona. L obiettivo è di permettere alle persone disabili di rimanere il più possibile con la propria famiglia, garantendo loro una dignitosa qualità di vita. L'ASL di Brescia ha compiti specifici sia nell'area sanitaria che nell'ambito sociosanitario. Compete all'asl il riconoscimento delle diverse condizioni connesse alla disabilità; così pure la concessione dei benefici relativi, protesici ed economici. Attraverso l U.O. Disabilità l'asl individua e coordina specifiche azioni rivolte alle persone con disabilità a partire dalla nascita. Infatti attraverso la condivisione di progetti che vanno dalla diagnosi e valutazione funzionale, all'integrazione con altri soggetti istituzionali e non, per la promozione delle possibili potenzialità nella scuola e nella comunità, vengono promossi da un lato progetti personalizzati, dall'altro reti di interventi e servizi differenziati. 3

4 SIGLARIO DGD - Direzioni Gestionali Distrettuali UOI - Unità Operativa Integrata EOH - Equipe Operativa Handicap NSH - Nucleo Servizi Handicap ADI - Assistenza Domiciliare Integrata - Centri Diurni per persone con Disabilità CSS - Comunità alloggio Socio-Sanitarie per persone con disabilità RSD - Residenze Sanitario-Assistenziali per Disabili CAH - Comunità Alloggio Handicap CSE - Centri Socio-Educativi SFA - Servizi di Formazione all'autonomia SAD - Servizi di Assistenza Domiciliare 4

5 COMUNI AFFERENTI ALLE D.G.D. D.G.D. Distretto Comuni N. 1 N. 2 N. 3 N. 4 N. 5 N. 6 N. 1 BRESCIA CITTA N. 2 BRESCIA OVEST N. 3 BRESCIA EST N.4 VALLETROMPIA N. 5 SEBINO N. 6 MONTE ORFANO N. 7 OGLIO OVEST N. 8 BASSA BRESCIA OCCIDENTALE N. 9 BASSA BRESCIANA CENTRALE N. 10 BASSA BRESCIANA ORIENTALE N. 11 GARDA N.12 VALLESABBIA BRESCIA-COLLEBEATO BERLINGO - CASTEGNATO - CASTELMELLA - CELLATICA - GUSSAGO - OME - OSPITALETTO - RODENGO SAIANO - RONCADELLE - TORBOLE CASAGLIA - TRAVAGLIATO AZZANO MELLA - BORGOSATOLLO - BOTTICINO - CAPRIANO DEL COLLE - CASTENEDOLO - FLERO - MAZZANO - MONTIRONE - NUVOLENTO - NUVOLERA - PONCARALE - REZZATO - S. ZENO NAVIGLIO BOVEGNO - BOVEZZO - BRIONE - CAINO - COLLIO - CONCESIO - GARDONE V.T. - IRMA - LODRINO - LUMEZZANE - MARCHENO - MARMENTINO - NAVE - PEZZAZE - POLAVENO - SAREZZO - TAVERNOLE S.M. - VILLA CARCINA CORTE FRANCA - ISEO - MARONE - MONTEISOLA - MONTICELLI BRUSATI - PADERNO F.C. - PARATICO - PASSIRANO - PROVAGLIO D ISEO - SALE MARASINO - SULZANO - ZONE ADRO - CAPRIOLO - COLOGNE - ERBUSCO - PALAZZOLO S/O - PONTOGLIO CASTELCOVATI - CASTREZZATO - CAZZAGO S.M. - CHIARI - COCCAGLIO - COMEZZANO - CIZZAGO - ROCCAFRANCA - ROVATO - RUDIANO - TRENZANO - URAGO D OGLIO BARBARIGA - BORGO S. GIACOMO - BRANDICO - CORZANO - DELLO - LOGRATO - LONGHENA - MACLODIO - MAIRANO - ORZINUOVI - ORZIVECCHI - POMPIANO - QUINZANO D OGLIO - S. PAOLO - VILLA CHIARA ALFIANELLO - BAGNOLO MELLA - BASSANO BRESCIANO - CIGOLE - FIESSE - GAMBARA - GHEDI - GOTTOLENGO - ISORELLA - LENO - MANERBIO - MILZANO - OFFLAGA - PAVONE MELLA - PONTEVICO- PRALBOINO - S. GERVASIO - SENIGA - VEROLANUOVA -VEROLAVECCHIA ACQUAFREDDA - CALCINATO - CALVISANO - CARPENEDOLO - MONTICHIARI - REMEDELLO - VISANO BEDIZZOLE - CALVAGESE - DESENZANO D/G - GARDONE RIVIERA - GARGNANO - LIMONE S.G. - LONATO - MAGASA - MANERBA D.G. - MONIGA D.G. - PADENGHE - PUEGNAGO - POLPENAZZE - POZZOLENGO - SALO - S. FELICE DEL BENACO - SIRMIONE - SOIANO DEL LAGO - TIGNALE - TOSCOLANO MADERNO - TREMOSINE - VALVESTINO AGNOSINE - ANFO - BAGOLINO - BARGHE - BIONE - CAPOVALLE - CASTO - GAVARDO - IDRO - LAVENONE - MURA MUSCOLINE - ODOLO - PROVAGLIO V.S. - PAITONE - PERTICA ALTA - PERTICA BASSA - PRESEGLIE - PREVALLE - ROE VOLCIANO - SABBIO CHIESE - SERLE - TREVISO BRESCIANO - VALLIO TERME VESTONE VILLANUOVA S/C - VOBARNO 5

6 EOH - Equipe Operativa Handicap Il principio guida dell U.O. Disabilità in questi anni è stato il passaggio dal curare al prendersi cura, facendo emergere la necessità di interrelazione dei servizi e delle prestazioni di carattere sanitario, socio sanitario e assistenziale nell ottica della realizzazione del progetto di vita. In passato quando si parlava di disabilità ci si riferiva in particolare all età evolutiva, oggi parliamo di persone con disabilità da 0 a 65 anni. Questo in parte per il prolungarsi della vita della persona disabile grazie anche ai progressi della medicina, in parte perché sono sempre di più le persone adulte che diventano disabili a seguito di incidenti o gravi traumi. L U.O. Disabilità del Dipartimento ASSI dell ASL promuove interventi basati sulla presa in carico della persona con disabilità e della sua famiglia, avvalendosi, a livello distrettuale, delle Equipe Operative Handicap (E.O.H.), coordinate in ogni Direzione Gestionale Distrettuale (DGD) da uno psicologo, Responsabile dell Unità Operativa Integrata Area Disabilità. L E.O.H. si avvale di figure professionali quali lo Psicologo e l'assistente Sociale ed offre un servizio gratuito. Le persone con disabilità o i loro familiari, possono rivolgersi alle Equipe Operative Handicap per accedere alle seguenti prestazioni: - diagnosi e valutazione funzionale; - accompagnamento nella formulazione e realizzazione del progetto individuale; - affiancamento nei rapporti con la scuola ed altri servizi ed istituzioni; - consulenza sulla rete dei servizi dell area; - consulenza su problematiche relative alla disabilità; - informazione su leggi, normative e benefici in favore delle persone disabili. L'interessato può rivolgersi all'equipe Operativa Handicap del proprio Distretto di residenza, con accesso diretto negli orari di ufficio o su appuntamento in altri orari. 6

7 Distretto n. 1 - BRESCIA CITTA Responsabile U.O.I.: Dott.ssa Maria Lina Lo Russo Telefono: Sede: Brescia - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Viale Duca degli Abruzzi 15 Telefono: segreteria Assistenti Sociali: / / Psicologi: / / Fax: Distretto n. 2 - BRESCIA OVEST Responsabile U.O.I.: Dott.ssa Rosalia Rosso Telefono: Sede: Travagliato - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Via Rose 1 Telefono: Fax: Distretto n. 3 - BRESCIA EST Responsabile U.O.I.: Dott.ssa Rosalia Rosso Telefono: Sede: Castenedolo - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Via Matteotti 10 Telefono: Fax: Distretto n. 4 - VALLETROMPIA Responsabile U.O.I.: Dott.ssa Marilena Frizza Telefono: Sede: Gardone Val Trompia - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Via Zanardelli, 350 Telefono: Fax: Sede: Lumezzane - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Via Cavaliere U. Gnutti, 4 Telefono: Fax: Sede: Sarezzo - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Piazzale Europa, 16 Telefono: Fax:

8 Distretto n. 5 - SEBINO Responsabile U.O.I.: Dott.ssa Elvira Paderno Telefono: / Sede: Iseo - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Via Pusterla 14/d Telefono: Fax: Distretto n. 6 - MONTE ORFANO Responsabile U.O.I.: Dott.ssa Elvira Paderno Telefono: / Sede: Palazzolo sull'oglio - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Via Lungo Oglio Cesare Battisti 17 Telefono: Fax: Distretto n. 7: OGLIO OVEST Responsabile U.O.I.: Dott.ssa Elvira Paderno Telefono: / Sede: Chiari - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: P.zza Martiri della Libertà, 25 Telefono: Fax: Sede: Rovato - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Via Lombardia, 33/A Telefono: Fax: Distretto n. 8 - BASSA BRESCIANA OCCIDENTALE Responsabile U.O.I.: Dott.ssa Giuseppina Prandi Telefono: Sede: Orzinuovi - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Via Marconi, 27 Telefono: Fax: Distretto n. 9 - BASSA BRESCIANA CENTRALE Responsabile U.O.I.: Dott.ssa Giuseppina Prandi Telefono: Sede: Leno - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: P.zza Donatori di Sangue 1 Telefono: Fax:

9 Distretto n BASSA BRESCIANA ORIENTALE Referente U.O.I.: Dott.ssa Marisa Turganti Telefono: Sede: Montichiari - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Via Falcone, 18 Telefono: Fax: Distretto n GARDA Responsabile U.O.I.: Dott.ssa Daniela Cornado Telefono: Sede: Desenzano del Garda - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Complesso Polifunzionale Le Vele Edificio n. 5, Via Adua, 4 Telefono: (assistente sociale) -722 (psicologo) Fax: Sede: Salò - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Via Fantoni, 93 Telefono: /15/16 - Fax: Distretto n VALLESABBIA Responsabile U.O.I.: Dott.ssa Daniela Cornado Telefono: Sede: Gavardo - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Via Gosa, 83 Telefono: Fax: Sede: Nozza di Vestone - Equipe Operativa Handicap Indirizzo: Via Reverberi, 2 Telefono: Fax:

10 Sportelli informativi disabilità A livello centrale, nella U.O. Disabilità (Viale Duca degli Abruzzi 15, Brescia tel. 030/ /-45) è attivo un coordinamento degli sportelli informativi che ha compiti di raccolta e aggiornamento della normativa nazionale e internazionale, di materiale divulgativo e documentativo sulle diverse tematiche della disabilità, per una costante diffusione delle informazioni tra gli operatori delle Equipe Operative Handicap (EOH) del territorio. Inoltre sono operativi sportelli territoriali in ognuna delle 6 Direzioni Gestionali Distrettuali, con la presenza di un operatore sociale, finalizzati a dare informazioni sulle problematiche relative alla disabilità, con particolare riferimento ai temi dell autonomia e della vita indipendente. Gli sportelli garantiscono le seguenti funzioni: informare sulle normative, sui diritti, sui vari benefici, sui servizi presenti sul territorio; orientare la persona nella rete delle unità d'offerta; mantenere il raccordo con i servizi del territorio; raccogliere e mettere a disposizione documentazione; attivare operatori/equipe su richieste particolari. Attraverso l'utilizzo di posta elettronica e recapito telefonico dedicato (vedasi elenco), lo sportello si pone l'obiettivo di accogliere le richieste dei cittadini e orientare le diverse istanze attraverso informazioni mirate, avvalendosi di una rete di relazioni con diverse istituzioni pubbliche e private, aziende ospedaliere e terzo settore. Si tratta di un servizio gratuito. L'utente può contattare lo Sportello Informativo Disabilità tramite telefono, posta elettronica o recandosi direttamente presso lo sportello del proprio distretto di residenza. 10

11 Sportello Disabilità Direzione Gestionale Distrettuale n. 1 Sede: Brescia, Viale Duca degli Abruzzi 15 Orari: dal lunedì al venerdì dalle alle Telefono: 030/ All'attenzione Area Disabilità Sportello Disabilità Direzione Gestionale Distrettuale n. 2 Sede: Castenedolo, Via Matteotti 9 Orari: lunedì, giovedì e venerdì dalle alle martedì dalle alle mercoledì dalle alle Telefono: 030/ Sede: Travagliato, Via Rose 1 Orari: lunedì dalle 9.00 alle 10.00, mercoledì dalle alle martedì, giovedì e venerdì dalle 9.00 alle Telefono: 030/ Sportello Disabilità Direzione Gestionale Distrettuale n. 3 Sede: Sarezzo, P.le Europa 16 Orari: lunedì, martedì e venerdì dalle alle Telefono: 030/ Sede: Gardone Val Trompia, Via Zanardelli 350 Orari: giovedì dalle alle Telefono: 030/ Sede: Lumezzane, Villaggio Gnutti Orari: 1 e 3 mercoledì del mese dalle ore alle Telefono: 030/ Sportello Disabilità Direzione Gestionale Distrettuale n. 4 Sede: Rovato, Via Lombardia 33 Orari: lunedì dalle alle venerdì dalle 9.00 alle (dedicato alle Istituzioni Scolastiche del Territorio) Telefono: 030/ Sede: Palazzolo sull'oglio, Via Lungo Oglio C. Battisti 17 Orari: martedì Telefono: 030/ Sede: Chiari, P.zza Martiri Libertà 25 Orari: mercoledì dalle alle Telefono: 030/ Sede: Iseo, Via Pusterla 14/D Orari: lunedì dalle alle 15.15, giovedì dalle alle Telefono: 030/ All'attenzione della Responsabile Unità Operativa 11

12 Sportello Disabilità Direzione Gestionale Distrettuale n. 5 Sede: Montichiari, Via Falcone 18 Orari: martedì dalle 8.30 alle Telefono: 030/ Sede: Leno c/o Ospedale P.zza Donatori di Sangue 1 Orari: lunedì, mercoledì e giovedì dalle alle Telefono: 030/ Sede: Orzinuovi, Viale Marconi 27 Orari: venerdì dalle alle Telefono: 030/ Sportello Disabilità Direzione Gestionale Distrettuale n. 6 Sede: Salò, Via Fantoni 93 Orari: lunedì dalle alle venerdì dalle Telefono: 0365/ Sede: Desenzano del Garda, Complesso Polifunzionale Le Vele Edificio 5 Via Adua n. 4 Orari: lunedì dalle alle mercoledì dalle 9.00 alle Telefono: 030/ Sede: Gavardo, Via Gosa 83 Orari: lunedì e giovedì dalle 9.00 alle mercoledì dalle alle Telefono: 0365/ Sede: Nozza di Vestone, Via General Reverberi 2 Orari: martedì dalle alle giovedì dalle 9.00 alle Telefono: 0365/

13 Accertamento dell'alunno disabile per l'integrazione scolastica In base a quanto previsto dalla Legge finanziaria del 2002 n.289 art. 35 comma 7 e dal decreto applicativo n. 185 del 2006, l individuazione dell alunno disabile per l integrazione scolastica non avviene più tramite semplice certificazione del singolo specialista, ma attraverso l accertamento da parte di un Collegio istituito dall ASL. Di questo fanno parte un Neuropsichiatria dell Azienda Ospedaliera, uno Psicologo e un Assistente Sociale dell ASL. L ASL di Brescia ha istituito 6 Collegi di accertamento per l individuazione dell alunno con handicap, uno per ogni Direzione Gestionale Distrettuale. Il genitore/tutore potrà consegnare la domanda, corredata di certificato medico e relazione clinica redatta da uno specialista, presso la sede della Direzione Gestionale Distrettuale o presso il proprio Distretto di residenza, che provvederà ad inoltrarla al Collegio territorialmente competente. L Organismo di riesame, per la valutazione di eventuali ricorsi, è unico per tutta l ASL ed è composto dalle medesime figure professionali ma con operatori diversi da quelli facenti parte dei Collegi. Si riunisce qualora pervengano dalle famiglie richieste di riesame del verbale prodotto dal collegio di accertamento. Si tratta di un servizio gratuito. A seguito dell accertamento da parte del Collegio la documentazione è rilasciata direttamente al genitore/tutore, che la consegnerà alla scuola. Il tempo massimo per la produzione del verbale di accertamento è il 15 luglio di ogni anno per consentire alla scuola di definire l organico degli insegnanti di sostegno e i posti in deroga. L attività di valutazione clinica/funzionale rimane invece in capo agli operatori di riferimento, neuropsichiatria, psicologo o altro specialista. Gli stessi operatori seguono il percorso di integrazione scolastica della persona con disabilità. La relazione clinica, da allegare alla domanda di accertamento, deve evidenziare lo stato di gravità della disabilità, il quadro funzionale sintetico del minore e descrivere le maggiori problematiche nelle aree: cognitiva e neuropsicologica, sensoriale, motorio-prassica, affettivo-relazionale e comportamentale, comunicativa e linguistica, delle autonomie personali e sociali. Successivamente all accertamento gli operatori predispongono la diagnosi funzionale, consegnata alla scuola da parte del genitore/tutore, perché possa essere avviato il percorso ed attivati gli interventi necessari per consentire l integrazione scolastica dell alunno. 13

14 Collegio di Accertamento Direzione Gestionale Distrettuale n. 1 Distretto Brescia Città Sede: Brescia - Viale Duca degli Abruzzi 13 Telefono: Orari: dal lunedì al venerdì Collegio di Accertamento Direzione Gestionale Distrettuale n. 2 Distretti n. 2 Brescia Ovest e n. 3 Brescia Est Sede: Rezzato - Via F.lli Kennedy 115 Telefono: Orari: dal lunedì al venerdì , Collegio di Accertamento Direzione Gestionale Distrettuale n. 3 Distretto n. 4 Valletrompia Sede: Sarezzo - Piazzale Europa n. 16 Telefono: Orari: dal lunedì al venerdì Collegio di Accertamento Direzione Gestionale Distrettuale n. 4 Distretti n. 5 Sebino n. 6 Monte Orfano n. 7 Oglio Ovest Sede: Chiari - P.zza Martiri della Libertà 25 Telefono: Orari: dal lunedì al venerdì Collegio di Accertamento Direzione Gestionale Distrettuale n. 5 Distretti n. 8 Bassa Bresciana Occidentale n. 9 Bassa Bresciana Centrale n. 10 Bassa Bresciana Orientale Sede: Leno - P.zza Donatori di Sangue 1 Telefono: Orari: dal lunedì al venerdì , Collegio di Accertamento Direzione Gestionale Distrettuale n. 6 Distretti n. 11 Garda n. 12 Vallesabbia Sede: Salò - Via Fantoni 93 Telefono: Orari: dal lunedì al venerdì ORGANISMO DI RIESAME Unico per l A.S.L. presso la U.O. Disabilità Sede: Brescia - Viale Duca degli Abruzzi n Edificio n. 4 Telefono:

15 Accesso alla rete dei servizi La riforma dei servizi dell area della disabilità avvenuta negli ultimi anni, ha contribuito alla costruzione di un sistema articolato di servizi per la persona disabile, sia diurni che residenziali, appartenenti alla rete socio sanitaria che afferisce all ASL e alla rete socio assistenziale che afferisce agli Uffici di Piano/Comuni. Per l accesso ai servizi la persona con disabilità o la sua famiglia può rivolgersi alla Equipe Operativa Handicap del proprio Distretto Socio Sanitario o al proprio Comune di Residenza che attiverà il percorso per l individuazione del servizio più idoneo e l inserimento. Il Nucleo Servizi Handicap (NSH), oltre ad offrire consulenza alle unità di offerta socio-sanitarie per il loro funzionamento tecnico, organizzativo e qualitativo, supporta le Equipe Operative Handicap per l orientamento delle persone disabili alle unità d offerta sociosanitarie nel rispetto della libera scelta del cittadino. Il processo istituzionale di inserimento in un servizio diurno o residenziale dell area può essere sintetizzato nelle seguenti fasi: Fase di definizione dell Unità d offerta specifica: su richiesta della famiglia l EOH, congiuntamente con il servizio sociale del Comune di residenza della persona e con gli operatori del NSH (Assistente sociale o educatore) dell ASL e all operatore di riferimento per l Ufficio di Piano, verificano, sulla base della condizione clinica e sociale della persona, il servizio più adatto e viene espresso il parere di idoneità all inserimento. Fase di accompagnamento della famiglia al servizio e di inserimento: individuata l Unità di offerta più idonea, l operatore di riferimento dell E.O.H. o del servizio sociale del Comune, progetta e gestisce la fase di preinserimento presentando la persona e la sua famiglia al Responsabile del servizio scelto e concordando le modalità e i tempi per l inserimento. Gli operatori dell unità d offerta, dopo un periodo di osservazione, predispongono un progetto personalizzato e l équipe del distretto e/o il servizio sociale del Comune, rimane disponibile per verifiche nel tempo. I servizi presenti sul territorio si caratterizzano in modo peculiare rispetto alle prestazioni erogate e, pertanto, si rivolgono sempre più ad un utenza con caratteristiche specifiche. Per tale motivo, di seguito, si descrivono i servizi residenziali e semiresidenziali, con dettaglio delle prestazioni erogate, delle attività svolte, delle caratteristiche dell utenza a cui questi si rivolgono. 15

16 Rete dei Servizi Socio-Sanitari Nell ASL di Brescia alla rete dei servizi sociosanitari afferiscono: - tra i servizi diurni n. 29 Centri Diurni per persone con Disabilità (); - tra i servizi residenziali n. 20 Comunità alloggio Socio Sanitarie (CSS) e 6 Residenze Sanitarie assistenziali per Disabili (RSD); Il costo giornaliero, per la parte sanitaria, è a carico del Servizio Sanitario Regionale e per la parte alberghiera, definito dalla singola struttura, a carico dell'utente. Sono inoltre presenti n. 4 strutture riabilitative della rete socio-sanitaria. Centri Diurni per persone con Disabilità (). Il è un servizio sociosanitario semiresidenziale per disabili gravi, rivolto all accoglienza di persone disabili di età superiore a 18 anni e, di norma, sino ai 65 anni, la cui fragilità è compresa nelle cinque classi della scheda individuale disabile (S.I.Di). Si configura come struttura d appoggio alla vita familiare, con l obiettivo di aiutare la famiglia e di permetterle di mantenere al proprio interno la persona disabile. In via eccezionale, può accogliere persone minorenni. In questo caso devono coesistere le tre condizioni seguenti: - una specifica richiesta del genitore / tutore; - una valutazione della necessità di interventi di lungoassistenza da parte dell ASL di residenza e dell U.O. di Neuropsichiatria Infantile di riferimento o dello specialista di neuropsichiatria infantile dell Istituto di riabilitazione extra ospedaliera accreditato; - disponibilità dell Ente Gestore della struttura ad adeguare i propri interventi al minore. Il fornisce assistenza continua ed interventi socio-sanitari-educativi-riabilitativi ad alto grado di integrazione, mirati e personalizzati, tesi a favorire la cura personale, la qualità della vita e l integrazione sociale degli ospiti sia nel sia nel territorio di appartenenza. Il funziona per un minimo di 47 settimane annue, per almeno 35 ore settimanali. 16

17 DGD 1 Elenco Ente Gestore Denominazione Indirizzo Comune TEL accreditati Coop. La Mongolfiera Coop. La Mongolfiera Fo.B.A.P. Coop. Nikolajewka La Zebra a Pois La Mongolfiera Italo e Beatrice Gnutti 1 Italo e Beatrice Gnutti 2 Italo e Beatrice Gnutti 3 Italo e Beatrice Gnutti 4 Q.re Leonessa, 1 Brescia 030/ Villaggio Sereno Trav.XII, 166 Via Michelangelo, 405 Via Michelangelo, 405 Via Michelangelo, 405 Via Michelangelo, 405 Brescia 030/ Brescia 030/ Brescia 030/ Brescia 030/ Brescia 030/ Nikolajewka Via Nikolajewka, 15 Brescia 030/ Via Nikolajewka, 15 Brescia 030/ Padre Pifferetti DGD 2 Ente Gestore Denominazione Indirizzo Comune TEL Coop. Il Vomere Azienda Speciale Evaristo Almici Il Vomere Natale Elli accreditati Via dell'industria, 7 Travagliato 030/ Via Caduti di Piazza Loggia, 7/B Rezzato 030/ DGD 3 Ente Gestore Denominazione Indirizzo Comune TEL accreditati Coop. L Aquilone Coop. C.V.L. Coop. Futura V. Lombardi Il Cammino Futura Via Verdi, 28 Gardone V.T. 030/ Via S. Filippo Neri, 158 Via Scuole 13 Loc. Cortine Lumezzane 030/ Nave 030/

18 DGD 4 Ente Gestore Denominazione Indirizzo Comune TEL Coop. Il Germoglio Coop. La Nuvola di Marone di Paratico di Provaglio d'iseo di Palazzolo s/oglio di Rudiano Via Borgonuovo, 3 Via Tengattini 44 Via Caduto Bonetti, 14 Loc. Fantecolo Via Roncaglie 2/A Via XXV Aprile 12 accreditati Marone 030/ Paratico 030/ Provaglio d'iseo Palazzolo s/oglio 030/ / Rudiano 030/ DGD 5 Ente Gestore Denominazione Indirizzo Comune TEL Coop. L Oasi Coop. Sergio Lana Coop. Collaboriamo Coop. Il Gabbiano Coop. La Sorgente Oasi Sergio Lana Collaboriamo Il Gabbiano di Montichiari di Ponte S. Marco Via Ciocca 4 Via Marconi, 6/8 Via Calvisano 17 Via Abate Cremonesini 6/8 Via Matteotti, 21/B Via Romanelli 12 - Ponte S. Marco Quinzano d'oglio accreditati 030/ Ghedi 030/ Leno 030/ Pontevico 030/ Montichiari 030/ Calcinato 030/ DGD 6 Ente Gestore Denominazione Indirizzo Comune TEL accreditati ANFFAS Desenzano Fo.B.A.P. Comunità Montana Valle Sabbia 1 2 Villa Dalla Rosa di Idro di Villanuova s/clisi Via Durighello, 1 Rivoltella Via Durighello, 1 Rivoltella Via Roma 61 Desenzano del Garda Desenzano del Garda Toscolano Maderno 030/ / / Via S. Michele Idro 0365/ Via XXIV Maggio Villanuova s/clisi 0365/

19 Comunità alloggio Socio-Sanitarie per persone con disabilità (CSS). La Comunità alloggio Socio Sanitaria, struttura accreditata, accoglie persone adulte con grave disabilità prive di sostegno familiare e può essere scelta dall utente come sua dimora abituale. Le persone accolte nelle CSS usufruiscono di un voucher mensile di lungoassistenza per l acquisto delle prestazioni socio sanitarie garantite dalla Comunità, diversificato in tre livelli per complessità di intervento ed in base al grado di fragilità dell ospite. L assegnazione del voucher socio-sanitario di lungoassistenza rende comunque possibile, per il beneficiario, l accesso ad altre unità d offerta semiresidenziali del sistema socio-sanitario () o del sistema sociale (Centro Socio Educativo Servizio di Formazione all Autonomia). In caso di necessità assistenziali contingenti e riconducibili al sistema delle cure domiciliari (ADI, estemporanea etc.), inoltre, pur in presenza di voucher di lungoassistenza, può essere valutata dall ASL la possibilità di una contemporanea erogazione di tali prestazioni. L assegnazione del voucher, infatti, non comporta la cancellazione dei beneficiari dal SSR. Questi, pertanto, continueranno a ricevere tramite il SSR le prestazioni di medico di medicina generale, l assistenza farmaceutica, protesica e specialistica, ivi compresa la riabilitazione funzionale. Per ogni persona disabile inserita nella CSS, il Responsabile della Comunità con l Equipe Operativa Handicap, in collaborazione con il medico di medicina generale dell utente, visto il livello di fragilità della persona disabile, predispone il progetto individualizzato, nel quale vengono definite le tipologie di prestazioni da garantire (assistenza diretta alla persona, infermieristiche, riabilitative, socio-riabilitative) e la loro frequenza di erogazione. L organizzazione del servizio valorizza la quotidianità, per la valenza educativa che essa assume in un servizio residenziale per soggetti con autonomia ridotta. E nella quotidianità, pertanto, che si realizzano le attività con gli ospiti, finalizzate al raggiungimento degli obiettivi previsti in ogni progetto individualizzato. Le attività più significative sono: - attività educative volte al mantenimento e al potenziamento delle autonomie personali; - attività socio-relazionali; - attività integranti, animative e di tempo libero. 19

20 DGD 1 Elenco CSS Ente Gestore Denominazione Indirizzo Comune TEL accreditati Fo.B.A.P. CSS Casa Famiglia Boninsegna Via Divisione Acqui, 99 Brescia 030/ Associazione Comunità Mamré CSS Hebron Via Riccardi, 14 Brescia 030/ (+ 1 autorizzato) CSS Sichem Via Arici, 9 Brescia 030/ Coop. La Mongolfiera CSS La Mongolfiera Villaggio Sereno Trav.XII, 164 Brescia 030/ DGD 2 Ente Gestore Denominazione Indirizzo Comune TEL accreditati CSS Marco e Paolo Dioni Via Sale, 4 Gussago 030/ Fo.B.A.P. CSS Cavaliere Michele Salerno Via Sale, 4 Gussago 030/ Coop. La Rondine CSS Itaca Via Mazzini, 87 Mazzano 030/

21 DGD 3 Ente Gestore Denominazione Indirizzo Comune TEL accreditati Coop. C.V.L. CSS Memorial Dr. Felice Saleri "B" CSS Memorial Dr. Felice Saleri "A" Via S. Filippo Neri, 158/A Via S. Filippo Neri, 158/A Lumezzane 030/ Lumezzane 030/ Associazione Comunità Mamré CSS Sin Piazza Caduti, 19 Villa Carcina 030/ DGD 4 Ente Gestore Denominazione Indirizzo Comune TEL accreditati Associazione Comunità Mamré CSS Siloe Via Risorgimento Trav.VII, 1 Clusane Iseo 030/ Fondazione Bertinotti Formenti CSS Bertinotti Formenti Via A. De Gasperi, 15 Chiari 030/ DGD 5 Ente Gestore Denominazione Indirizzo Comune TEL accreditati Fondazione Enrico Nolli CSS Enrico e Laura Nolli Via Secondo Martinelli, 5/B Orzinuovi 030/ Coop. Il Gabbiano CSS Antigua Via Zanardelli, 4 Pontevico 030/ Coop. Collaboriamo CSS Monica Crescini Via Cotichetta, 7 Leno 030/

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ORGANICO RELIGIONE CATTOLICA INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ORGANICO RELIGIONE CATTOLICA INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ORGANICO RELIGIONE CATTOLICA INFANZIA E PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Comuni Istituzioni scolastiche Docenti a ruolo Abbinamenti formazione cattedra Docenti a incarico Completamento catterda BRESCIA

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007)

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007) I SUPPORTO ALLA FAMIGLIA - PRIMA INFANZIA (AS- NI 502/92 maternoinfantile con strutture a ciclo diurno ALO NIO Servizi sociali e strutture sociali, a ciclo residenziale e semiresidenziale, a gestione pubblica

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 1 Gruppo di Lavoro Ambiti 5 Iseo Sebino e 13 Vallecamonica Hanno prestato il proprio contributo per questa giornata: Bottichio Federica Calvetti Sara

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Regolamento di Adesione e Gestione

Regolamento di Adesione e Gestione Direzione Centrale Credito e Welfare Regolamento di Adesione e Gestione Home Care Premium 2014 Home Care Premium 2014 Un Modello innovativo e sperimentale di assistenza alla disabilità e alla non autosufficienza

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. Approvato con deliberazione

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli