COMUNE PONTECAGNANO FAIANO Provincia di Salerno REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER SOGGETTI DISABILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE PONTECAGNANO FAIANO Provincia di Salerno REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER SOGGETTI DISABILI"

Transcript

1 COMUNE PONTECAGNANO FAIANO Provincia di Salerno REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER SOGGETTI DISABILI Art.1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa e dello Statuto comunale, l attività di assistenza domiciliare per soggetti disabili. Art.2 Finalità Il S(ervizio) di A(ssistenza) D(omiciliare) persegue il fine di: a) consentire al cittadino di conservare l autonomia di vita nella propria abitazione e nel proprio ambiente familiare e sociale nel caso in cui venga a trovarsi nell impossibilità di provvedere completamente a sé stesso, senza poter contare sull aiuto adeguato di familiari e/o parenti o venga a trovarsi in uno stato di necessità che comprometta la continuazione normale della propria vita familiare; b) favorire le dimissioni da ospedali e/o istituti; c) evitare ricoveri in istituti e/o spedalizzazioni, qualora non siano strettamente indispensabili; d) promuovere l autonomia delle famiglie a rischio di emarginazione e/o situazioni problematiche; e) favorire l integrazione ed il collegamento fra i servizi socio-sanitari in grado di concorrere all autonomia della persona. Art.3 Principi Il servizio di assistenza domiciliare è rivolto alle famiglie al cui interno vi è un membro in condizioni di dipendenza ed alle persone sole in condizioni di autonomia ridotta o compromessa per motivi legati all età, alla malattia, a condizioni sociali difficili. Il servizio è finalizzato al mantenimento della persona in difficoltà nel suo naturale ambiente di vita e di relazione in condizioni di massima autonomia e benessere possibili, nel rispetto delle diversità e delle caratteristiche individuali. In questo senso va inteso come un servizio di sostegno alla persona ed alla famiglia che attraversa orizzontalmente tutte le fasce di età e categorie di bisogno, riconoscendo un maggior peso ai cittadini disabili, minori ed adulti, che a causa dell insorgere della condizione di dipendenza risultino a rischio di ricovero. La necessità di tale definizione e formulazione emerge principalmente da due constatazioni: a) il servizio è istituzionalmente preposto ad assistere un utenza diversificata per tipologie e bisogni. La domanda indica una prevalenza di situazioni caratterizzate dalla gravità delle problematiche espresse da minori ed adulti portatori di handicaps; b) occorre considerare le famiglie, la rete parentale allargata, come risorse che, a determinate condizioni, possono essere aiutate a mantenere al proprio interno la persona che si trova in condizioni di bisogno. L indice di non autosufficienza o comunque l indice di dipendenza deve venir rapportato all individuo, alla sua famiglia e/o al suo contesto ambientale comprendendo in quest ultimo il volontariato, il vicinato,. Il concetto di non autosufficienza individuale può essere correttamente utilizzato solo considerandone la correlazione con quello di dipendenza dall ambiente complessivamente inteso. Una dipendenza che si carica spesso di valenze negative ove non siano assicurati i necessari interventi di supporto.

2 In tal senso il Servizio di assistenza domiciliare si pone come uno strumento importante fra gli altri compongono la rete di opportunità offerte dalla comunità locale allargata se assume su di sé non solo il compito di erogare prestazioni specifiche, ma anche il collegamento e la promozione delle risorse. Per svolgere questa basilare funzione il servizio deve avere caratteristiche di elasticità, flessibilità, tempestività, non deve essere rigidamente codificato ma efficacemente e funzionalmente diversificato, la struttura deve essere in grado di rispondere adeguatamente e con sollecitudine alle situazioni che presentano caratteristiche di urgenza. Integrazione all art.3 redatta dalla 1^ Commissione consiliare: Secondo la Commissione nella categoria dei disabili vi sono anche persone (minori e/o adulti) che con patologie gravi (malattie tumorali) vengono a trovarsi agli inizi della propria malattia a non avere un sostegno economico (indennità di accompagnamento pensione di invalidità). Pertanto queste persone dovranno avere precedenza assoluta sin quando non sarà corrisposto dagli Enti assistenziali la loro indennità. Visto che vi sono nel nostro Comune persone con malattie in fase terminale. Art.4 Destinatari del Servizio Possono usufruire del S.A.D. tutti i cittadini residenti che si trovano nelle condizioni di cui agli articoli precedenti indipendentemente dalle cause che le hanno determinate ed, in particolare, coloro che: a) si trovano in stato di malattia o invalidità, che comporti la necessità di aiuto da parte di altre persone, per un periodo più o meno lungo; b) non dispongano di sufficiente assistenza familiare; c) vivano in famiglia ma con grave situazione di disagio; d) si trovino in particolari condizioni di bisogno temporaneo, tali da non richiedere inserimenti presso comunità alloggio o case albergo. Integrazione all art.4 lettera a) - redatta dalla 1^ Commissione consiliare: Secondo la Commissione nella categoria dei disabili vi sono anche persone (minori e/o adulti) che con patologie gravi (malattie tumorali) vengono a trovarsi agli inizi della propria malattia a non avere un sostegno economico (indennità di accompagnamento pensione di invalidità). Pertanto queste persone dovranno avere precedenza assoluta sin quando non sarà corrisposto dagli Enti assistenziali la loro indennità. Visto che vi sono nel nostro Comune persone con malattie in fase terminale. Art.5 Beneficiari Ogni persona o nucleo familiare al cui interno vi è un componente bisognoso di assistenza al domicilio ha diritto, indipendentemente dal reddito, di presentare domanda di assistenza al fine di richiedere l aiuto necessario. I parametri a cui si fa riferimento sono dati dalla dipendenza fisica, psichica, relazionale, economica e ambientale che, analizzati in correlazione, definiscono l indice di dipendenza dal contesto di origine. Il prescindere dalla variabile reddito per il diritto di accesso non significa gratuità del servizio per tutti. All utenza viene infatti richiesto di contribuire al costo del servizio in misura proporzionale al reddito del nucleo familiare richiedente secondo parametri che vengono definiti nel presente Regolamento. In ogni caso il Servizio viene assicurato prioritariamente alle situazioni caratterizzate dalla gravità delle problematiche espresse da minori ed adulti portatori di handicaps - accertati dalla competente Commissione medica -. Un ulteriore criterio è rappresentato dalla data di presentazione della istanza e relativo numero di protocollo (criterio cronologico). Nella graduatoria degli ammessi al Servizio è data priorità ai soggetti che non percepiscono indennità di accompagnamento: detta graduatoria infatti è divisa in due parti, nella 1^ parte sono riportati i soggetti richiedenti, ordinati secondo il criterio della percentuale di invalidità accertata e sul criterio cronologico di presentazione della domanda; nella seconda parte sono riportati i soggetti richiedenti che percepiscono indennità di accompagnamento, ordinati sempre secondo il criterio cronologico. Pertanto, solo quando la prima parte della succitata graduatoria degli ammessi risulta esaurita, sarà possibile ammettere al Servizio i soggetti riportati nella seconda parte della stessa (graduatoria). Le persone richiedenti ed ammessi al Servizio devono necessariamente essere residenti nel Comune di Pontecagnano Faiano. Integrazione all art.5 redatta dalla 1^ Commissione consiliare:

3 I malati terminali possono presentare la domanda in qualsiasi momento in cui sono venuti a conoscenza della gravità della patologia ed avranno priorità nella erogazione del servizio assistenziale se non percepiscono indennità di accompagnamento. Art.6 Organizzazione del S(ervizio) A(ssistenza) D(omiciliare) L organizzazione del Servizio è di competenza del Settore Servizi Sociali, si articola e si sviluppa attraverso i suoi uffici e si avvale di personale: - tecnico, per l organizzazione ed il coordinamento; - amministrativo, per lo svolgimento delle procedure burocratiche; - ausiliario, proprio o in convenzione, per lo svolgimento delle specifiche mansioni di assistenza domiciliare. Art.7 Procedure per l accesso al Servizio Il Settore Servizi Sociali predispone ed aggiorna l elenco nominativo delle istanze tese ad ottenere il Servizio Domiciliare sulla base dell ordine cronologico di presentazione. La graduatoria viene aggiornata semestralmente ed approvata con determinazione del Responsabile dell Ufficio Servizi Sociali. L erogazione delle prestazioni deve avvenire nel rispetto della graduatoria formata come sopra indicato. Eventuali deroghe alla graduatoria possono essere possibili solo sulla base del motivato parere attestante l urgenza e la gravità del caso, espresso con relazione dell Assistente Sociale di base. La concessione del Servizio sarà subordinata alla gravità della situazione evidenziata, tenuto conto anche dell ordine cronologico delle richieste e delle condizioni economiche dell utente, assicurando una scala di priorità per le fasce più deboli che non potrebbero accedere a servizi alternativi privati. L erogazione del Servizio deve essere comunque concordata con l utente ed il suo nucleo familiare, cui verranno illustrate le finalità ed i limiti del Servizio stesso, mediante la consegna del mansionario e di uno stralcio di regolamento attinente ai doveri ed ai diritti dell utenza. Art.8 Accesso al servizio Gli uffici comunali (Servizi Sociali, U,.R.P., ) preposti forniscono, nei giorni e negli orari di apertura al pubblico, ogni informazione sul servizio di assistenza domiciliare provvedendo inoltre a consegnare ai cittadini interessati i moduli per la richiesta del Servizio e l elenco della documentazione da allegare alla domanda: - copia conforme del verbale di accertamento dell invalidità della/e persona/e che necessitano di assistenza; - documentazione relativa alla situazione reddituale complessiva del singolo/nucleo richiedente dichiarazione sostitutiva di atto notorio (D. L.vo n.109/98); - documentazione relativa alle spese complessivamente sostenute per l abitazione/utenze. Viene assicurata la possibilità di conferire con l assistente sociale con la quale eventualmente approfondire l esame delle situazioni di bisogno allo scopo di individuare gli interventi più appropriati nei giorni e negli orari di apertura al pubblico dell Ufficio. Le domande compilate sui moduli forniti e corredate dalla documentazione richiesta devono pervenire all Ufficio Protocollo dell Ente (a cura dei richiedenti o tramite l Ufficio). L assistente sociale referente provvede entro 10 giorni dalla ricezione della documentazione completa a fissare un appuntamento con la/le persone richiedenti il Servizio, effettua la visita domiciliare, verifica anche attraverso l esame della documentazione presentata la sussistenza delle condizioni che danno diritto al servizio, concorda con l utente e la sua famiglia il progetto individualizzato in collaborazione con il responsabile del personale tecnico/ausiliario che cura direttamente il programma attuativo degli interventi di assistenza al domicilio. Il progetto individualizzato viene sinteticamente descritto nel protocollo di intervento nel quale vengono inoltre indicate le attività da svolgere al domicilio, il monte ore settimanale e mensile previsto, la periodicità degli interventi e la quota di contribuzione al costo del servizio posta a carico dell utente. Il protocollo viene sottoscritto da tutti i contraenti: assistente sociale, il responsabile del personale tecnico/ausiliario, l utente/suo familiare.

4 Art.9 Caratteri generali del Servizio Il Servizio di assistenza domiciliare deve integrare le attività della persona assistita e/o dei suoi familiari. Il Servizio non deve mai porsi nell ottica della sostituzione. Le prestazioni del Servizio devono essere caratterizzate dalla temporaneità, complementarità e sussidiarietà. Esse devono essere erogate per il tempo, nel tipo e nella misura in cui l utente e/o i suoi familiari non siano in grado di soddisfare autonomamente i bisogni relativi. Art.10 Carattere delle prestazioni. Si ribadisce che le prestazioni del S.A.D. devono essere caratterizzate dalla temporaneità, complementarietà e specificità. L intervento, inteso come tipologia delle prestazioni, durata delle stesse e frequenza, dovrà soddisfare le necessità del richiedente per il tempo indispensabile a superare le condizioni che hanno determinato lo stato di bisogno. L intervento è previsto anche nel caso di presenza di familiari, parenti e/o collaborazioni private al fine di concorrere al raggiungimento di un grado soddisfacente di autonomia della persona. L esercizio delle attività assistenziali deve tendere alla massima attivazione delle capacità potenziali residue della persona assistita o del nucleo, evitando che le prestazioni si sostituiscano ad attività che gli interessati, sia pur con un certo sforzo, siano in grado di svolgere direttamente o con l aiuto dei familiari. Le prestazioni del Servizio, con il concorso di eventuali interventi di altri servizi, tendono ad evitare ricoveri non strettamente necessari in ospedali e/o strutture residenziali di altro tipo, o sono integrative in caso di permanenze temporanee dell utenza in strutture protette. Art.11 Durata delle prestazioni Le prestazioni del S.A.D. vengono erogate per una durata determinata in relazione alle esigenze ed alle necessità dell utente. Art.12 Motivi di non ammissione al S.A.D. Non sono ammessi al godimento del S.A.D.: - coloro che rifiutino la proposta formulata secondo il piano di lavoro predisposto dall assistente sociale; - coloro i cui figli e/o genitori e/o familiari, anche non conviventi ma in grado di provvedere al loro mantenimento, rifiutino la proposta formulata secondo il piano di lavoro predisposto dall assistente sociale. Art.13 Caratteristiche e modalità di erogazione del Servizio Il Servizio prevede, come riportati precisamente nella normativa, i seguenti interventi: - la cura e l igiene della persona, - la pulizia, il governo ed il riordino della casa; - lo svolgimento di pratiche amministrative; - l accompagnamento, con idoneo mezzo di trasporto, a presidi e/o servizi territoriali; - l effettuazione della spesa; - la tenuta dei contatti con il medico di base, gli operatori sanitari, i parenti,. Più in generale gli interventi sono caratterizzati dall adozione di una metodologia finalizzata al mantenimento ed allo sviluppo dell autonomia personale e della vita di relazione. Ogni intervento deve essere personalizzato al fine di rispettare le diverse caratteristiche di ogni utente e, pertanto, per ogni situazione viene predisposto uno specifico progetto nel quale devono essere coinvolti la famiglia, la rete parentale, il vicinato, il volontariato, Il progetto può prevedere anche lo svolgimento dei seguenti interventi a domicilio dell utente: - pulizie straordinarie da effettuarsi anche con l uso di macchinari;

5 - servizio di lavanderia e stireria. Il Servizio si effettua di norma nell arco di 6 (sei) o di 7 (sette) giorni settimanali compresi i prefestivi, dalle ore 8.00 alle ore Per situazioni che presentino esigenze particolari l Ufficio Servizi Sociali si riserva di richiedere l effettuazione degli interventi anche in orari diversi ed in giorni festivi. L individuazione e l ammissione degli utenti al Servizio di assistenza domiciliare è stabilita dall Ufficio Servizi Sociali coerentemente con le priorità ed i criteri di accesso esplicitati nel presente Regolamento. Il responsabile del personale tecnico/ausiliario provvede a presentare l operatore all utente ed ai parenti, se coinvolti. La gestione del programma attuativo dell intervento previsto dal progetto individuale è affidata in toto al/alla responsabile del personale tecnico/ausiliario il/la quale segnala all assistente sociale referente ogni ulteriore bisogno rilevato nelle situazioni seguite per l attivazione degli altri interventi integrativi che si rendessero necessari o per la modifica del programma stesso. Agli utenti/parenti viene richiesto di firmare il prospetto giornaliero delle ore prestate dagli operatori ed effettivamente fruite. Detti prospetti vengono consegnati mensilmente, all assistente sociale referente, all Ufficio Servizi Sociali, che provvede alla verifica. L Ufficio trasmette mensilmente all utente/familiare individuato un bollettino precompilato per il versamento della eventuale quota di contribuzione - riferita al Servizio da fruire nel mese posta a carico del beneficiario. Dopo il versamento della quota di compartecipazione, all utente/familiare individuato viene consegnato il ticket per usufruire di ore di prestazioni socio-assistenziali domiciliari. Non è consentito agli operatori socio-assistenziali domiciliari modificare, di propria iniziativa, il progetto di intervento se non a seguito di preventiva revisione dei protocolli di intervento concordati. La modifica, sospensione, chiusura dell intervento è disposta dall assistente sociale referente, dopo valutazione congiunta con il/la responsabile del personale tecnico/amministrativo, raccolti tutti gli elementi utili e previa verifica diretta presso l utente. Art.14 Costo del Servizio Il Servizio può essere erogato gratuitamente o prevedere una quota di compartecipazione alle spese da parte dell utente secondo classi di reddito. Contestualmente all ammissione al Servizio o/e anche successivamente qualora emergano circostanze o fatti nuovi il Settore Servizi Sociali determina la quota di spesa da porre a carico dell utente in rapporto alle condizioni economiche dello stesso. I limiti e le modalità della partecipazione alle spese, mediante il pagamento di quote differenziate in rapporto alle condizioni economiche, sono stabilite dalla Giunta comunale, annualmente, con apposito atto deliberativo. Con scadenza annuale il Settore Servizi Sociali verifica le condizioni reddituali degli utenti, acquisendo a tal fine tutta la documentazione necessaria per la determinazione della partecipazione alla spesa. Il concorso nella spesa può essere richiesto, oltre che all utente, anche ai familiari obbligati agli alimenti, ai sensi dell art.433 del codice civile. Art.15 Costo orario Il costo orario è determinato dal prezzo dell eventuale appalto oppure dalla quota del costo orario del personale dipendente. Art.16 Criteri per la determinazione delle quote di contribuzione Le tariffe orarie per la quota di compartecipazione alle spese del S.A.D. - debbono essere rapportate al reddito complessivo imponibile IRPEF del nucleo familiare, come definito dal D. Lgs. n.109/1998 e s.m.i. Sono esenti dal pagamento della quota di contribuzione oraria i nuclei familiari il cui I.S.E.E. (Indicatore della Situazione Economica Equivalente), determinato con i criteri di cui al predetto D. Lgs. n.109/1998 e s.m.i., sia pari o inferiore alla pensione minima I.N.P.S., riferita all anno precedente alla richiesta della prestazione di S.A.D..

6 I richiedenti il Servizio possono altresì dichiarare senza nessun altro onere di certificazione reddituale/patrimoniale e conseguente verifica da parte dell Ufficio Servizi Sociali la propria disponibilità a versare l intera quota di compartecipazione alle spese del Servizio stesso. In caso di dubbio o mancata presentazione di documentazione relativa ai redditi, l Amministrazione comunale potrà comunque avvalersi della collaborazione dei competenti uffici tributari o potrà disporre qualsiasi altro accertamento consentito dalla legge al fine di verificare l effettivo tenore di vita. Art.17 Funzioni del personale L Assistente Sociale svolge i seguenti compiti: a) esprime parere obbligatorio ai fini dell ammissione al Servizio, sulla base dell esame della documentazione idonea a comprovare le condizioni effettive della persone e/o del nucleo familiare, ivi comprese le condizioni socio-ambientali ed abitative; b) previa visita domiciliare, individua le modalità di intervento per ogni caso concordando con l assistente domiciliare, l utente, gli eventuali familiari e/o altre figure di supporto (educatore, volontari, ecc.) il programma di intervento (modi, tempi e tipologie delle prestazioni, ruolo e compiti delle eventuali figure professionali appartenenti ad altri servizi); c) effettua periodiche visite al domicilio per la verifica del programma di intervento; d) coordina gli interventi degli assistenti domiciliari per garantire lo svolgimento e la continuità del Servizio; e) indice periodiche riunioni mensili del personale per l analisi e la verifica degli interventi attuati e da attuare e promuove occasioni di aggiornamento; f) accerta il regolare svolgimento del Servizio, tiene i registri, gli archivi e la documentazione relativa ed esprime parere sulle richieste di ferie, permessi, ecc. del personale addetto all assistenza domiciliare, valutate le esigenze del Servizio; g) sottopone al Responsabile dell Ufficio Servizi Sociali le proposte utili al funzionamento del Servizio e riferisce periodicamente sull andamento generale; h) tiene i rapporti con i servizi sanitari, assistenziali ed educativi sollecitandone eventualmente gli interventi in azioni complementari al servizio domiciliare; i) indica al Settore Servizi Sociali le opportune modalità per la realizzazione di forme di aggiornamento del personale impegnato nel Servizio. L Assistente Domiciliare è un operatore dell area socio-assistenziale che, in base ad una specifica formazione professionale, è preposto a livello domiciliare allo svolgimento di una serie di attività integrate che si qualificano come: a) aiuto diretto alla persona; b) governo della casa; c) segretariato; d) igiene e cura personale nonché interventi infermieristici semplici (cfr. Allegato A); e) collaborazione con l ambiente esterno per la vita di relazione della persona; f) supporto con valenza educativa, in sostituzione temporanea (per ospedalizzazione, allontanamento, ) di componenti del nucleo familiare, in presenza di minori; al fine di favorire l autonomia dell utente e/o del nucleo nel proprio ambiente di vita, nel rispetto della sua autodeterminazione ed al fine di ridurre i rischi di isolamento e di emarginazione. L Amministrazione comunale, di norma, assicura il rapporto di un assistente domiciliare ogni 8/10 utenti, o di un operatore ogni 1.500/2.000 abitanti. L Educatore professionale, ove previsto, assicura l assistenza domiciliare, nelle forme più qualificate afferenti la sfera educativa ed interrelazionale, ai soggetti disabili e può essere impiegato anche in attività di animazione. Il personale amministrativo provvede all esame dei documenti per l accertamento del reddito curando l iter burocratico connesso alla determinazione della tariffa oraria, sua applicazione, fatturazione e ogni altro compito contabile ed amministrativo collegato all organizzazione del Servizio.

7 Art.18 Rapporti tra il personale ed i destinatari del Servizio I rapporti tra il personale ed i destinatari del Servizio devono essere improntati al reciproco rispetto, esprimersi nelle forme di un comportamento corretto e dignitoso e svolgersi in un clima di serena e cordiale collaborazione. Art.19 Diritti e Doveri dell utenza Per un migliore svolgimento del Servizio l utente deve attenersi a quanto segue: a) confermare le prestazioni che gli vengono erogate, firmando sull apposito modulo; b) avvertire l assistente sociale referente e, in caso di sua assenza, l assistente domiciliare nei casi di temporanea assenza dal proprio domicilio; c) non chiedere al personale prestazioni fuori orario, né prestazioni non previste nel protocollo sottoscritto. L utente nulla deve al Servizio ed al personale ad esso preposto se non il pagamento della quota di compartecipazione alla spesa, se dovuta. Eventuali reclami inerenti al Servizio ed al personale addetto devono essere presentati per iscritto ed indirizzati all Ufficio Servizi Sociali. Nel caso in cui i rapporti tra utente ed assistente domiciliare siano particolarmente difficili potrà essere richiesta la sostituzione dell operatore. La richiesta motivata, accompagnata dal parere dell assistente sociale referente, sarà esaminata e vagliata per le opportune determinazioni dall Ufficio Servizi Sociali. Art.20 Personale Si puntualizza che le prestazioni del S.A.D. vengono erogate da operatori domiciliari addetti all assistenza in possesso del diploma di scuola media inferiore e dell attestato di qualificazione, ai sensi della legislazione regionale, o a titolo analogo, ai sensi della normativa nazionale. Art.21 Diritti e Doveri dell assistente domiciliare L assistente domiciliare deve attenersi a quanto segue: a) tenere con cura i fogli-presenza, compilarli, firmarli e farli controfirmare di volta in volta dall utente per le prestazioni ricevute; b) avvertire l assistente sociale referente dell assenza dell utente, anche per adeguare prontamente il calendario giornaliero di lavoro; c) non trasportare l utente con il proprio mezzo né in forma gratuita né a pagamento salvo che i rischi per le persone trasportate siano coperti da apposita polizza assicurativa e l operatore sia debitamente autorizzato dall Amministrazione comunale; d) non apportare modifiche né all orario di lavoro né al calendario assegnato; variazioni di calendario saranno possibili in situazioni di emergenza che verranno comunicate tempestivamente all assistente sociale referente; e) non fornire agli utenti recapiti privati; f) mantenere il segreto d ufficio nonché quello professionale (si intende il non divulgare informazioni riservate acquisite nell esercizio della propria professione); g) partecipare alle riunioni periodiche di servizio per la programmazione e la verifica del lavoro svolto. Art.22 Cessazione, sospensione o riduzione del Servizio di Assistenza Domiciliare Il Servizio domiciliare può cessare in caso di: a) richiesta scritta dell utente; b) decesso dell utente; c) ricovero definitivo presso strutture di accoglienza, qualora i familiari restanti non necessitino ulteriormente del Servizio stesso; d) qualora venga meno il rispetto nei confronti del personale di servizio (molestie; aggressioni, anche verbali; minacce; ) in forma scritta;

8 e) qualora l utente si assenti più volte nell orario del Servizio senza aver preventivamente avvertito l assistente sociale o l assistente domiciliare; f) in caso di assenza prolungata (per oltre un mese) dell utente, esclusi i ricoveri ospedalieri; g) rifiuto della proposta formulata secondo il piano di lavoro predisposto dall assistente sociale referente. Il Servizio può essere sospeso in caso di: h) ricovero ospedaliero; i) partecipazione a soggiorni climatici e terapeutici; j) soggiorno da parenti; k) qualora l utente non corrisponda il pagamento della quota di compartecipazione alla spesa a suo carico. Il Servizio può essere ridotto o ampliato, negli accessi, nel numero delle ore e delle prestazioni, in relazione alle variazioni delle necessità degli utenti. L Ufficio potrà modificare l erogazione del Servizio in funzione della domanda da soddisfare e delle risorse a propria disposizione. Art.23 Rapporti con altri Enti ed Istituzioni Il Servizio di Assistenza Domiciliare opera con l obiettivo di integrarsi con gli altri servizi del territorio, con gruppi di volontariato e con operatori di altri enti. Nel caso in cui l utente del Servizio di Assistenza Domiciliare abbisogni contemporaneamente di prestazioni assistenziali e sanitarie è da prevedere la formulazione di un piano di lavoro comune dei servizi/operatori coinvolti, nel rispetto delle specificità, del ruolo e delle responsabilità di ciascun ente/operatore. Il Servizio di Assistenza Domiciliare opera, infatti, con l obiettivo della realizzazione di una piena integrazione programmatica ed operativa tra servizi sanitari e socio-assistenziali. Art.24 Personale dipendente da cooperative Il presente regolamento ed il mansionario allo stesso allegato devono essere rispettati anche dal personale dipendente da Cooperative convenzionate con l Amministrazione comunale. Art.25 Requisiti professionali e formazione permanente Si richiede al personale assunto una preparazione ed una formazione specifica relativa al lavoro da svolgere. L Amministrazione comunale ai sensi della normativa in vigore ed, in considerazione della complessità del ruolo che viene chiamato a svolgere, è tenuta a disporre di personale adeguatamente preparato. A tal fine è tenuta a riqualificare il personale in servizio con corsi di formazione, organizzati dalla Regione o direttamente. Norme di salvaguardia Si precisa che la indennità di accompagnamento, se percepita, non viene considerata nella determinazione del reddito dell utente, al quale viene richiesto però di documentarne l utilizzo per le finalità per le quali viene erogata. Qualora la stessa risulti non utilizzata, in tutto o in parte, se ne terrà conto nella determinazione del contributo al costo del Servizio da porre a carico dell utente.

9 Nei casi in cui il tenore di vita complessivo del/dei richiedenti che gli Uffici si riservano di accertare nei modi consentiti dalla normativa vigente risulti elevato è possibile prevedere una maggiorazione concordata del contributo da porre a carico dell utente. ALLEGATO A MANSIONARIO I compiti di seguito individuati devono essere finalizzati al recupero, al mantenimento ed allo sviluppo del livello di autonomia dell utente nel suo contesto di vita e nel rispetto della sua autodeterminazione. PRESTAZIONI RELATIVE AI BISOGNI DELLA PERSONA DISABILE 1. AIUTO PER IL GOVERNO DELLA CASA - riordino del letto e della stanza; - pulizia dei servizi e dei vani dell alloggio ad uso dell utente e dallo stesso utilizzati, curando l areazione e l illuminazione dell ambiente; - cambio della biancheria; - lavaggio e stiratura della biancheria e del vestiario dell utente ed eventuale utilizzo del servizio di lavanderia; - piccoli lavori di rammendo e di cucito; - spesa e rifornimenti; - preparazione dei pasti ed eventuale pulizia delle stoviglie; - attivazione di risorse per i problemi riguardanti la manutenzione dell alloggio. 2. AIUTI ATTI A FAVORIRE E/O MANTENERE L AUTOSUFFICIENZA NELL ATTIVITA GIORNALIERA - alzare l utente dal letto; - curare l igiene della persona (aiuto per il bagno e pulizie personali); - vestizione; - nutrizione e/o aiuto nell assunzione dei pasti; - aiuto per una corretta deambulazione; - aiuto nel movimento di arti invalidi e nell utilizzo di ausili sanitari; - accorgimenti per una giusta posizione degli arti invalidi in condizioni di riposo; - aiuto nell uso di accorgimenti o attrezzi per lavarsi, vestirsi, mangiare da soli, camminare, ecc.; - mobilizzazione delle persone costrette a letto e simili. 3. PRESTAZIONI IGIENICHE-SANITARIE DI SEMPLICE ATTUAZIONE - assistenza per la corretta esecuzione delle prescrizioni farmacologiche, su disposizione del medico curante; - frizioni e massaggi per la prevenzione delle piaghe da decubito; - prelievo della temperatura; - effettuazioni di piccole medicazioni su indicazione e prescrizione da parte del medico curante; - segnalazione al medico curante di qualsiasi anormalità nelle condizioni dell utente. 4. PRESTAZIONI DI SEGRETARIATO SOCIALE - informazioni su diritti, pratiche e servizi e svolgimento di piccole commissioni; - collegamento e collaborazione con associazioni di volontariato, per la creazione di supporti al disabile (pasti caldi, telesoccorso, ); - accompagnamento dell utente per visite mediche o altre necessità quando questi non sia in grado di recarvisi da solo e non vi siano altre risorse (familiari e di volontariato).

10 5. INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE LA VITA DI RELAZIONE (INSIEME AD ALTRI OPERATORI) - coinvolgimento di parenti e vicini; - partecipazione agli interventi di socializzazione e/o di recupero a favore della persona; - rapporti con strutture sociali, sanitarie, ricreative del territorio. 6. CONTRIBUTO ALLA PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE E TUTELARE ED AL PIANO DI INTERVENTO NEI CONFRONTI DEL SINGOLO UTENTE (CON ALTRI OPERATORI) - partecipazione alla elaborazione/stesura dei piani di intervento sui singoli utenti; - partecipazione ad iniziative per una conoscenza dei bisogni e delle risorse degli utenti, ai fini della programmazione e verifica delle attività e del piano del Servizio; - segnalazione di problemi evidenziati nel corso della propria attività che comportano interventi e programmi esterni. PER L ATTIVITA DI RISCONTRO E CONTROLLO delle prestazioni del Servizio di Assistenza Domiciliare a) Segretariato sociale Occorre verificare se l utente è informato e messo in collegamento dagli operatori del Servizio domiciliare con le iniziative promosse dal servizio di segretariato sociale, con le iniziative relative allo svolgimento di tutte le pratiche per l utilizzazione di benefici, provvidenze ed in generale per l accesso ai servizi sociali e sanitari, nonché per inserire il soggetto all interno della rete dei servizi. Gli interventi da considerare riguardano la frequenza, la sollecitudine e la tempestività con cui, durante l anno, viene creato e mantenuto attivo il collegamento con le svolgende iniziative. b) Aiuti domestici Questa prestazione comprende tutte le attività finalizzate a mantenere l ambiente abitativo decoroso, igienicamente garantito e sicuro. Le attività da prendere in considerazione sono costituite, nel dettaglio, da - arieggiare gli ambienti, - rifare il letto, - riordinare la biancheria e gli indumenti, - pulire e spolverare, - raccogliere rifiuti da eliminare, - l uso di materiali e strumenti tecnici per la pulizia e la sanificazione, - la pulizia dei pavimenti, dei mobili, dei vetri, dei tendaggi, - la pulizia e sanificazione dei servizi igienici, - la verifica dell ordine nella biancheria, nel vestiario e negli armadi. c) Cura della persona Gli interventi che si prendono in considerazione per questa prestazione riguardano tutto ciò che si fa per garantire alla persona l igiene (con esclusione del bagno assistito, preso in considerazione a parte) e un aspetto decoroso. Più precisamente questi interventi consistono nella pulizia del viso, mani, piedi, capelli, nel fare il bidet, nell uso di sussidi per l incontinenza. Oltre a ciò la cura della persona comprende la verifica dello stato dell epidermide e la cura dell aspetto generale della persona (pettinatura, vestiti). Perciò si considera l aiuto fornito per indossare, calzare, la premura a verificare durante la giornata lo stato dei vestiti ed a conservare in ordine gli indumenti della persona interessata. d) Fornitura dei pasti

11 Si considerano gli interventi con i quali si provvede agli acquisti e con i quali si conservano adeguatamente le provviste e la cura di menu adeguati e di diete particolari. Oltre a ciò si prende in considerazione la preparazione dei pasti in senso stretto. la preparazione del tavolo e la cottura adeguata del cibo. e) Cambio della biancheria e servizio di lavanderia Gli interventi che si prendono in considerazione riguardano ciò che viene fatto per garantire alla persona interessata il cambio ed il lavaggio dei propri indumenti e degli effetti personali. Si prendono in considerazione sia le attività di lavanderia effettuate a casa dell interessato, sia quelle effettuate ricorrendo a servizi, aziende, interventi esterni. Va considerata la frequenza con cui si effettua il cambio, assieme al modo in cui si effettua il ritiro, la consegna degli indumenti lavati, la qualità del lavaggio effettuato, la frequenza e la tempestività degli interventi. Questa prestazione si considera completa quando comprende anche gli interventi di stiratura. f) Trasporti In questa prestazione si considerano gli interventi effettuati per trasportare ed accompagnare la persona interessata a visite mediche, a visite a parenti oppure per altre necessità personali e l impegno messo per risolvere i problemi del soggetto interessato. La prestazione comprende la programmazione dell accompagnamento, con la verifica eventuale degli orari di accesso, l uso di mezzi di trasporto pubblici o privati. Si devono considerare inoltre nelle attività di accompagnamento: la cura per la prestazione di informazioni o di documentazioni inerenti il bisogno della persona interessata, la chiarificazione delle indicazioni e prescrizioni ricevute, il riaccompagnamento al domicilio. g) Alzare dal letto Questa prestazione comprende gli interventi effettuati per consentire alle persone in parte o totalmente impedite di alzarsi dal letto. Si tratta di valutare la frequenza con cui ciò viene effettuato e anche di valutare la correttezza dei sistemi adoperati, in riferimento alle tecniche impiegate. Oltre a ciò si prendono in considerazione gli interventi effettuati per aiutare nella deambulazione le persone la cui perdita di autonomia consente comunque una qualche possibilità di camminare. Si valuta quindi se vengono fatti interventi per stimolare la persona interessata al movimento possibile, se viene prestato il sostegno richiesto, gli interventi effettuati per rimuovere piccoli ostacoli o vere e proprie barriere, l interessamento presso personale specializzato per apprendere le tecniche opportune di aiuto e la tempestività nel segnalare eventuali problemi che si determinassero. h) Bagno assistito La prestazione che viene presa in considerazione riguarda l effettuazione del bagno completo (o della doccia) alla persona che è in perdita di autonomia. Si tratta di valutare la frequenza e le modalità secondo cui viene effettuato il bagno assistito, secondo requisiti di igiene personale, nel rispetto degli accorgimenti fisiokinesiterapici, eventualmente con il ricorso ad attrezzature specifiche, così da garantire un servizio igienicamente sicuro, senza rischio di provocare danni alla persona. i) Aiuto assunzione pasti La prestazione da prendere in considerazione riguarda in pratica ciò che deve essere fatto perché una persona riesca a mangiare. Si considera se il cibo viene preparato, più o meno laboriosamente, in modo che la persona lo possa ingoiare, soprattutto si considera se e come si imbocca la persona, garantendo una corretta assunzione di cibi e bevande, nonché segnalando con tempestività al servizio sanitario i problemi che si presentano. j) Posture corrette e movimento di arti invalidi La prestazione da prendere in considerazione è costituita da una serie di interventi molto specifici fatti nell arco della giornata e che riguardano: tenersi informati dalle disposizioni date

12 dal personale sanitario e di riabilitazione, effettuare le movimentazioni secondo le norme, riferire con tempestività e con precisione al personale sanitario i problemi che si determinano, promuovere un atteggiamento attivo da parte della persona assistita. Inoltre si considera se e come si posizionano gli arti invalidi e si compiono verifiche nel corso della giornata sulle posizioni che gli arti assumono. k) Uso di protesi e sussidi Si tratta di vedere se, per consentire alla persona interessata di muoversi, si procurano protesi e sussidi vari (dai bastoni alla carrozzina) e se si aiuta la persona ad usarli. La prestazione prevede di interpellare il personale sanitario per stabilire quali protesi e quali sussidi adoperare e come usarli. Si deve poi verificare se le modalità d impiego siano corrette, se ci sono persone che vigilano su questo uso e che tempestivamente il personale dei servizi socio-sanitari venga informato dei problemi che si manifestassero. Oltre a ciò, si verifica se le persone che intervengano si tengono aggiornate sulle innovazioni tecniche che riguardano protesi e sussidi utili per la persona in perdita di autonomia che venga seguita. l) Frizioni antidecubito La prestazione che si prende in considerazione riguarda precisamente l esecuzione di massaggi e frizioni sulla pelle al fine di prevenire la formazione di piaghe da decubito. La prestazione consiste nel tenersi costantemente in contatto col personale sanitario, nell applicare prodotti specifici nelle zone interessate, nel frizionare e massaggiare in modo corretto, nell esercitare una sorveglianza assidua sullo strato dell epidermide e nel riferire con tempestività e precisione al personale sanitario le situazioni che si manifestano. m) Assistenza assunzione farmaci Questa prestazione riguarda l assistenza che viene fornita perché la persona interessata esegua in modo corretto le prescrizioni farmacologiche. Gli elementi della prestazione da considerare sono: un esatta presa visione delle prescrizioni farmacologiche, gli interventi per spiegare e ricordare alla persona interessata tempi e modalità di assunzione, la verifica in vari momenti della giornata che le prescrizioni siano rispettate, la verifica dello stato di conservazione e scadenza dei farmaci e del materiale sanitario in possesso della persona interessata, la tempestività nel procurare i farmaci prescritti e nel segnalare al personale sanitario eventuali problemi che si determinassero. Si possono ancora considerare le capacità di effettuare un pronto soccorso in caso di necessità. In tal senso assume una rilevanza particolare l attività per tenersi aggiornati sulle disposizioni del personale sanitario, l abilità nell osservare n) Attività di socializzazione La prestazione riguarda gli interventi effettuati per conservare alla persona interessata, compatibilmente con il suo livello di autonomia, le relazioni interpersonali e sociali con il contesto in cui vive, facendole superare stati di passività e di rinuncia. Gli interventi da considerare comprendono il fatto di tenersi aggiornati sul calendario di eventuali attività di animazione del tempo libero (comprese quelle organizzate dal servizio sociale territoriale), le iniziative intraprese per consigliare la persona interessata a partecipare e per facilitarle la partecipazione, gli sforzi per coinvolgere familiari, parenti e vicinato, le iniziative attuate per raccogliere dalla persona interessata segnalazioni di problemi, suggerimenti, lamentele sui vari servizi e sulle varie iniziative, anche legate al tempo libero.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. Approvato con deliberazione

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA SOGGIORNI A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2015 in favore dei figli o orfani ed equiparati - dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli