Operatore socioassistenziale Operatrice socioassistenziale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Operatore socioassistenziale Operatrice socioassistenziale"

Transcript

1 UOSP Ufficio dell Orientamento Scolastico e Professionale Operatore socioassistenziale Operatrice socioassistenziale Bambini o persone disabili hanno bisogno di essere seguiti nella loro quotidianità. Ti piacerebbe occuparti di loro in modo professionale? Formandoti come operatore o operatrice socioassistenziale (OSA) potrai lavorare in strutture per l infanzia o istituti per persone handicappate.

2 Chi sono gli operatori socioassistenziali (OSA)? Sono figure professionali qualificate del settore sociale che accompagnano bambini o persone con handicap nell acquisizione, nella crescita e nel mantenimento della loro autonomia. Assistere bambini da 0 a 12 anni fuori dal contesto familiare? Oppure sostenere disabili con handicap di tipo fisico o mentale lieve o grave? La scelta si pone già durante la formazione. In queste pagine si possono trovare utili informazioni sulle specificità di questa professione e dei campi di attività sociali. Incontriamo i futuri operatori socioassistenziali sul posto di lavoro e a scuola. Ci svelano le caratteristiche della formazione, le loro aspettative e le loro sensazioni mentre si addentrano progressivamente nella realtà della professione: socievoli, responsabili nella relazione con l utente, aperti al contatto umano, creativi nello sviluppo di attività ricreative, affidabili nel lavoro di équipe, giovanissimi e adulti molto flessibili ma soprattutto motivati. La formazione di operatore o operatrice socioassistenziale, è regolata da un apposita ordinanza sulla formazione professionale (del 16 giugno 2005) e permette di conseguire un Attestato federale di capacità (AFC). E proposta in quattro indirizzi: assistenza agli handicappati, assistenza agli anziani, assistenza all infanzia, formazione generica. Il cantone Ticino, valutati i bisogni sociali del territorio, ha optato per proporre solo due indirizzi: l assistenza all infanzia e l assistenza agli handicappati. E possibile accedere alla formazione quale OSA in due momenti: dopo la scuola dell obbligo, frequentando la formazione a tempo pieno alla Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali (SSPSS) a Lugano-Canobbio; oppure nell età adulta - come prima formazione di base o come opportunità di riqualificazione - svolgendo un tirocinio presso una struttura per bambini o per disabili e frequentando i corsi alla Scuola cantonale per operatori sociali (SCOS) a Mendrisio e i corsi interaziendali dell associazione Formas. Servizio documentazione, Ufficio dell orientamento scolastico e professionale (UOSP), Bellinzona, marzo 2007 Concetto e realizzazione editoriale Beatrice Tognola Giudicetti, Servizio documentazione, Ufficio dell orientamento scolastico e professionale (UOSP) Bellinzona Redazione Servizio documentazione UOSP L. Hofmann, B.Tognola Fotografie Mauro Cassina, Manno Frederic Meyer, Zurigo André Melchior, Zurigo Marco Canonico, Sorengo Asilo Nido Comunità dei bambini, Mendrisio B.Tognola, UOSP Bellinzona Grafica Theredbox, Lugano Stampa Tipografia Poncioni, Losone Edizione e diffusione CSFO (Centro svizzero di servizio Formazione professionale / Orientamento professionale, universitario e di carriera) Realizzato grazie al contributo della Confederazione (UFFT)

3 Lavorare con i bambini Asili nido, mense scolastiche, dopo-scuola: questi servizi per le famiglie e per l infanzia oggi rispondono principalmente alla necessità di affidare i bimbi a persone professionalmente preparate durante il tempo di lavoro dei genitori. La comunità dei bambini ora Asilo Nido comunale di Mendrisio è uno dei primi asili nido nato quasi trent anni fa in Ticino con lo scopo di mettere a disposizione uno spazio educativo accogliente, allegro e professionale, un servizio a sostegno della famiglia, dove i bambini possono trascorrere più ore al giorno e più giorni sull arco della settimana mentre i genitori sono al lavoro. Vogliamo offrire un luogo di vita sereno e familiare - dice Elda Pianezzi, responsabile dell asilo nido dove il bambino possa sentirsi capito, ascoltato, rispettato nei suoi bisogni e aiutato a crescere. Abbiniamo professionalità e concretezza nel sostegno quotidiano ai nostri ospiti e alle loro famiglie. Gli operatori socioassistenziali si inseriscono molto bene nell asilo nido. Svolgono un lavoro pratico, educativo e assistenziale che portano avanti con attenzione alla relazione e allo sviluppo del bambino, in collaborazione con un équipe pluridisciplinare. Si occupano dell educazione e della cura dei bambini, conoscono le fasi dello sviluppo, seguono i principi di un alimentazione sana e corretta preparano e danno biberon, pappe, pasti e merende. Sanno riconoscere i sintomi di malattie infantili, sono preparati per affrontare i disagi, per accompagnare e sostenere gli ospiti nelle situazioni difficili, per esempio quando ci sono problemi fisici o di comportamento. L OSA è una figura professionale preziosa spiega Elda Pianezzi assicura un lavoro concreto e competente a favore del benessere dei nostri piccoli ospiti, è ben integrata in seno all équipe, sa affiancare gli educatori dell infanzia nella gestione quotidiana della struttura, nella cura dei bambini e della casa. Per stare con i bambini ci vuole passione ed entusiasmo, senso della responsabilità e della praticità, pazienza, creatività, empatia e molta energia. Un lavoro da fare con il cuore Alla Comunità dei bambini incontriamo Tamara, 24 anni, al secondo anno di tirocinio. Nelle prime ore del pomeriggio i bambini dormono; ne approfittiamo per parlare con lei. Ho cominciato da ragazzina a rendermi utile nelle associazioni per attività del tempo libero con bambini, la società nuoto, la danza... per la vita vorrei un lavoro da fare con il cuore. Tamara, nella pratica (sul lavoro) e nella teoria (alla scuola cantonale per operatori sociali e ai corsi interaziendali di Formas) impara le basi della puericultura e della pedagogia della prima infanzia. Occuparsi di un gruppo di bambini durante una giornata intera può essere pesante se non senti dentro il piacere di dedicarti a loro. Ma non è il suo caso, le sue aspettative sono realizzate: E un lavoro che ti arricchisce e ti dà soddisfazione: lo vedi sul sorriso di un neonato, lo senti da come un bimbo ti abbraccia, da come ti corre incontro, incerto nei suoi primi passi. Tamara è già ben integrata nell équipe e nel lavoro di accoglienza e cura dei bambini. Mi occupo di un gruppo di bimbi da 3 a 18 mesi, bambini piccoli con bisogni molto diversi. Con l équipe ogni mattina accoglie i piccoli ospiti, si preoccupa di rendere il distacco dal genitore il più sereno possibile, con modalità di separazione rassicuranti per i bambini e per i genitori. Poi, l introduzione nel gruppo, la socializzazione, l animazione, i bisogni individuali. Organizzata in tutti i suoi momenti, la giornata trascorre tenendo conto dei ritmi e delle necessità di ogni bimbo: colazione, giochi, alimentazione, igiene, cambio di pannolini, nanna, risveglio, coccole quando qualcosa non va, e sostegno quando insorge una paura o un dolore. Il lavoro di équipe richiede partecipazione attiva e condivisione dei compiti: i ruoli sono ripartiti secondo competenze specifiche. Tamara si occupa anche della cura della casa, degli spazi dove i bimbi mangiano, dormono, giocano; pulisce, riordina, rende allegro l ambiente, prepara semplici animazioni. Una professione femminile? Niente affatto! Lavorare con i bambini sembra essere una scelta spesso e ancora scontata per le ragazze. Una professione coniugata solo al femminile? No, assolutamente, dice convinta Elda Pianezzi, responsabile dell asilo nido di Mendrisio, pure impegnata nella formazione professionale alla SSPSS e ispettrice di tirocinio OSA indirizzo infanzia. La presenza della figura maschile all interno del Nido e nell équipe è importante, per riprodurre il modello famigliare, per permettere al bambino di confrontarsi più realmente con giochi e relazioni che non sono solo femminili. Ci sono diversi apprendisti OSA di sesso maschile - conferma Emanuela Guastalli di Formas che soprattutto scelgono di frequentare l opzione per l assistenza alle persone disabili. I pregiudizi si possono superare se vi sono motivazioni solide. Infatti, Lucio, allievo della SSPSS, non si è lasciato condizionare: Mi piacciono tantissimo i bambini e ho scelto consapevolmente di seguire la formazione di operatore socioassistenziale. Perché credo che un bambino abbia bisogno di avere anche delle figure maschili di riferimento nell accoglienza fuori dalla famiglia, soprattutto negli istituti sociali per l infanzia con difficoltà familiari.anche per Cetin, apprendista all OTAF, il problema non si pone: Per me non fa differenza essere uomo o donna in questa professione: aiutare gli altri, farlo con competenza e motivazione, è quello che conta. Una formazione per la vita Stessa scelta professionale ma con un altro percorso scolastico per gli allievi OSA della Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali a Lugano-Canobbio. Anita, Cristina, Deborah e Lucio frequentano la scuola a tempo pieno perché darà loro l attestato federale di capacità (AFC) e pure la maturità professionale sanitaria e sociale, un passaporto per altri traguardi di studio. Una formazione solida è importante per la vita osserva Deborah la maturità ci dà la possibilità di continuare gli studi ma anche di avere un diploma che ci apra le porte del mercato del lavoro. La scuola richiede molto impegno fa notare Anita ma ne vale la pena. Possiamo contare su un buon sostegno da parte dei nostri docenti aggiunge Cristina e della responsabile di formazione.tutti confermano: sì, si sentono ben accompagnati in questo percorso teorico e pratico. Si avvicinano alla realtà operativa della professione attraverso i corsi interaziendali proposti dalla scuola e gli stage, dapprima brevi e di osservazione, poi più lunghi e di vero confronto con il mondo del lavoro. Lucio, per esempio, ha partecipato a una colonia estiva e ha accompagnato una classe di scuola elementare durante una settimana di scuola montana. Gli OSA non sono baby-sitter Ragazzi e ragazze, a volte, immaginano la figura dell OSA come una brava baby-sitter. Diventare OSA è ben diverso dal sorvegliare di tanto in tanto un neonato, per guadagnare qualcosa, o portare al parco giochi quell amore di bambina della vicina di casa. Diventare OSA è molto di più: la formazione prepara a un ruolo professionale qualificato nel settore sociale. L accoglienza di bambini da 0 a 12 anni ha risposto progressivamente negli ultimi decenni a nuovi bisogni della nostra società, in particolare a quello di affidare i bambini a qualcuno durante il tempo di lavoro. A qualcuno, ma a chi? La nonna? La vicina di casa? Non sempre la famiglia può contare sulla solidarietà e quindi ricorre ad un affidamento di tipo professionale. Ad ogni età del bambino il bisogno è diverso, ad ogni età la sua struttura: gli asili nido per i bambini fino a 3 anni, gli asili a tempo prolungato, le mense scolastiche e i dopo-scuola per i bambini della scuola dell infanzia e della scuola elementare. Gli addetti ai lavori parlano di accoglienza extra-familiare e extra-scolastica, in altre parole un offerta complementare alla famiglia e alla scuola. E questo il contesto occupazionale degli OSA, un contesto recente e in evoluzione.

4 Assistere i disabili Matteo è un bambino handicappato, non parla, ha imparato a comunicare con gli occhi. Liliana ha avuto un grave incidente dalle conseguenze irreversibili: è in carrozzella per sempre. Raffaele e Eleonora, quarantenni, presentano un handicap mentale grave sin dalla nascita. Nella Svizzera italiana vi sono parecchie strutture e servizi di tipo sociale istituti, laboratori protetti, foyer, centri diurni, ecc. che accolgono persone adulte o minorenni con handicap fisici o mentali, con problemi comportamentali o difficoltà di adattamento sociale. Con loro e per loro lavorano operatori socioassistenziali, educatori sociali, pedagogisti, logopedisti, ergoterapisti, fisioterapisti, personale sanitario e medico. Ogni équipe pluridisciplinare condivide gli obiettivi in base ai bisogni degli utenti: assistenza, integrazione e miglioramento dell autonomia costituiscono i punti forti. La Fondazione OTAF a Sorengo accoglie circa 300 utenti, di età e disabilità diverse, e si avvale delle prestazioni di 290 collaboratori. Fra questi anche gli operatori socioassitenziali. Nel settore della disabilità abbiamo sentito il bisogno di una figura professionale con un approccio pratico e nel contempo competente dice Roberto Panzeri, direttore di OTAF una persona da affiancare agli educatori sociali e ai pedagogisti, formata per accompagnare le persone disabili nella quotidianità. Tutti i nostri operatori sono qualificati, a diversi livelli di formazione, ma l aspetto assistenziale non rientra nelle loro competenze. E i disabili hanno bisogno anche di essere assistiti: spostare una persona dalla carrozzina al letto o viceversa, aiutarla nelle cure personali, ecc.. Sono atti che vanno compiuti con modalità adeguate, necessitano di competenze specifiche che si avvicinano a quelle sanitarie, ma non lo sono propriamente. Comunicare con le sensazioni Cetin, 21 anni, è apprendista OSA all OTAF. Prima, faceva il venditore. Aiutare persone in difficoltà è stata una scelta consapevole: gli procura una felicità vera. Tra scuola e lavoro, teoria e pratica, c è una relazione intensa sto imparando molte cose per essere d aiuto agli altri, ma anche per me stesso. Cetin è al secondo anno di tirocinio, inserito nell area dei bambini disabili. La sua giornata comincia alle ore 7 in punto. L équipe incontra il vegliatore per sapere come gli ospiti hanno passato la notte, poi prepariamo la colazione. Sveglio il bambino che mi viene affidato, dolcemente, gli auguro buona giornata, lo incoraggio e lo assisto nell alzarsi e nel lavarsi. Poi i bambini fanno colazione - in genere li devi aiutare - e successivamente vengono accompagnati al settore asilo o scuola speciale. Cetin annota le sue osservazioni nell apposito diario di ogni utente, uno strumento che consente a tutta l équipe di accedere alle informazioni in ogni momento. Poco dopo le ore 9, Cetin conclude il suo primo turno di lavoro. Riprende alle 16 quando i bambini rientrano al foyer. È il momento dell animazione individuale o di gruppo, dei giochi, dei canti, della musica. Poi, i preparativi per la cena e per la notte. Sono le ore 21, la giornata si conclude bene. Nessuna difficoltà? La relazione con disabili, bambini o adulti, è gratificante. Certo non è facile imparare a capire i loro bisogni se non si esprimono ammette Cetin per esempio, quando fai la doccia a un bambino che non parla non ti può dire se l acqua è fredda o troppo calda. Ma si impara...è bello!. Trasmettere gioia di vivere Per lavorare in una realtà così differenziata come quella della disabilità quale attitudini sono richieste? Roberto Panzeri e Augusto Sciolli, pedagogista curativo e responsabile degli apprendisti OSA, hanno molta esperienza per dirlo: grande capacità di ascolto, di comunicazione emotiva e non verbale, disponibilità ad imparare, ad adattarsi agli altri, a lavorare in équipe, essere positivi e provare gioia di vivere da trasmettere agli altri. Sono d accordo con Cetin: l importante è sentire dentro di sé la volontà di aiutare ed essere pronti a crescere umanamente e professionalmente. La formazione, l accompagnamento del responsabile di formazione e l inserimento nell équipe consentono di tradurre queste attitudini in competenze, di passare dalla teoria alla pratica. Gli apprendisti sono coinvolti e introdotti gradualmente, fanno esperienze nei diversi settori spiega Augusto Sciolli - imparano ad affrontare anche i momenti più delicati, nella relazione emotiva ed umana come nelle cure personali, a convivere con persone disturbate mentalmente. Nella quotidianità dell assistenza e dell accompagnamento, gli operatori socioassistenziali devono saper riconoscere e rispettare la sfera di vita, le preferenze e i bisogni individuali, agire conformemente ai principi etici e deontologici. Qui accogliamo l handicappato e la sua sofferenza, espressa e non espressa, ci occupiamo dei suoi bisogni e di quelli della sua famiglia se cerchiamo il positivo nella persona, se stimoliamo le sue potenzialità, permetteremo a queste potenzialità di manifestarsi. Dal volontariato alla scelta professionale Scegliere di lavorare nell ambito dell assistenza agli handicappati non avviene per caso; in genere esperienze di volontariato e di lavoro estivo con gruppi di persone portatrici di handicap porta a maturare questa scelta. E stato così anche per Jessica e Ylenia, allieve del terzo anno alla Scuola specializzata per le professioni sanitarie (SSPSS). La formazione a tempo pieno, basata sulla progressiva acquisizione di competenze professionali teoriche e pratiche, rafforzata da materie di cultura generale, è apparsa loro come la miglior via per tradurre il volontariato in professionalità. Ylenia è convinta di aver fatto la scelta giusta: potrò cercare un posto di lavoro in un istituto o in un foyer per handicappati oppure continuare la formazione. Intanto, si impegnano molto a scuola e nello studio individuale. Il programma di studio comprende molte materie, tutte utili. Attraverso gli stage e i corsi interaziendali della scuola, Ylenia e Jessica si avvicinano alla pratica: Possiamo mettere alla prova quanto imparato a scuola commenta Jessica - sviluppare la capacità di relazionare con la persona disabile. E l aspetto più difficile aggiunge Ylenia devi guadagnarti la fiducia della persona, adottare nei rapporti umani la debita vicinanza o distanza, saper riconoscere e rispettare la sfera privata. Capire l altro, le sue emozioni ma anche i suoi limiti. Ylenia e Jessica, partite con un approccio spontaneo e solidale di volontariato, si preparano per un lavoro ad alto valore sociale. Un lavoro gratificante e arricchente Rossano è attivo al Foyer La Fonte a Lugano: un appartamento nel quale vivono 6 ospiti adulti con handicap fisico, 5 dei quali in carrozzina, seguiti giornalmente da due operatori. Oggi il suo turno inizia alle 7.30 con la consegna: l operatore che ha vegliato la notte lo informa su quanto accaduto. Pian piano il foyer si risveglia, Rossano e la sua collega aiutano gli ospiti ad alzarsi, per uno con l ausilio del sollevatore, li assistono nell igiene: doccia o toilette a letto, e li aiutano a vestirsi e a prepararsi per la giornata; l attività può essere pesante e stancante fisicamente Ma a scuola abbiamo imparato ad affrontare gli sforzi e a proteggere la schiena -ci dice Rossano- poi ci sono le apparecchiature che ci aiutano. Sono momenti delicati, che toccano la sfera intima della persona e comportano un contatto fisico ravvicinato: l atteggiamento degli operatori è fondamentale Dobbiamo essere ben disposti, sereni e discreti. Qui siamo solo per loro, tutti i nostri problemi personali li lasciamo fuori. Poi c è la preparazione della colazione: caffellatte, cereali, frutta, pane burro e marmellata gustati insieme nella grande cucina. Parte degli ospiti verso le 9 lascia la struttura per il lavoro esterno o per le terapie. Rossano approfitta di queste ore per lavare le stoviglie e riassettare la cucina e i locali comuni. Per le pulizie principali ci aiuta una signora per due ore, ma il resto lo facciamo tutto noi: bucato, stiro, acquisti e preparazione dei pasti, come in una normale economia domestica. Verso le in compagnia di un ospite esce per la spesa, al rientro prepara il pranzo. Alle 12 sono tutti a tavola e gustano il pranzo, seguito dal caffè e da un momento di relax Ci scambiamo impressioni, discutiamo, qualcuno si sfoga e si confida. A volte nascono discussioni e piccoli conflitti che dobbiamo saper gestire e mediare. Rossano è molto soddisfatto del suo lavoro che ritiene gratificante hai l impressione netta di fare qualcosa di utile per gli altri ma anche per te, perché ogni giorno si esce dal lavoro arricchiti. Naturalmente bisogna essere capaci di non farsi coinvolgere troppo emotivamente, sarebbe una sofferenza costante. A scuola ci insegnano a gestire le situazioni e a comportarci di conseguenza. Alla conclusione del turno Rossano fa la consegna ai colleghi che riprendono il lavoro.

5 Utilizza mezzi per stimolare e animare la vita quotidiana, invoglia a svolgere attività creative e ricreative, stimola e sostiene la creatività delle persone assistite. L OSA accoglie i bambini, rispettando il rituale di separazione dai genitori, li introdurce nel gruppo tenendo conto dell età e dello sviluppo favorendo la socializzazione. Accompagna la persona disabile nella quotidianità, occupandosi delle attività di tutti i giorni: igiene del corpo, vestirsi, svestirsi, prepararsi ad uscire Si occupa delle cure quotidiane dei bambini, in particolare dei più piccoli. Organizza escursioni, visite e passeggiate all esterno della struttura così da favorire il mantenimento del contatto con la realtà e le relazioni sociali. Nell attività di tutti i giorni utilizza, in gruppo e individualmente, giochi e rituali per promuovere l evoluzione e l autonomia dei piccoli ospiti. La consegna, lo scambio di informazioni: come è trascorsa la giornata, quali problemi ci sono stati, quali gli appuntamenti stabiliti. Tutte le osservazioni sono poi annotate nell apposito diario così che tutta l équipe possa accedere alle informazioni. Presta particolare attenzione ad un alimentazione sana e corretta. Prepara ed assiste i bambini durante i pasti e gli spuntini.

6 Formazione Scuola a tempo pieno: 4 anni Frequenza della Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali (SSPSS) a Canobbio. Scelta dell indirizzo al momento dell iscrizione. La formazione si svolge a tempo pieno, con maturità professionale federale sanitaria e sociale integrata. Oltre ai corsi teorici gli allievi svolgono brevi stage di osservazione nel 1 e 2 anno, stage di formazione pratica di 5 mesi nel 3 e 4 anno (rientro a scuola 1 giorno alla settimana) e stage estivi di 2 settimane; i corsi interaziendali sono integrati al programma di formazione della scuola. Le condizioni di ammissione alla scuola sono quelle per l accesso alla maturità professionale; inoltre sono richieste la partecipazione obbligatoria a un incontro informativo e a un colloquio. Posti limitati; eventuale accesso secondo graduatoria. Tirocinio: 3 anni Formazione professionale di base (tirocinio) per persone adulte. Formazione professionale pratica in una struttura autorizzata di accoglienza per l infanzia o in un istituto per disabili e formazione scolastica alla Scuola cantonale per operatori sociali (SCOS) a Mendrisio. Frequenza dei corsi interaziendali organizzati dall Associazione professionale (Formas) a Giubiasco. Per essere ammessi alla formazione occorre avere compiuto 18 anni entro l anno, aver assolto l obbligatorietà scolastica e avere un contratto di tirocinio con un istituzione socioassistenziale. Titolo di studio: attestato federale di capacità (AFC) di Operatore socioassistenziale/ Operatrice socioassistenziale indirizzo assistenza agli handicappati oppure indirizzo assistenza all infanzia. Gli allievi della SSPSS conseguono anche l attestato federale di maturità professionale sanitaria e sociale. Continuare la formazione Gli OSA hanno la possibilità di proseguire la formazione in una scuola specializzata superiore (SSS) del settore sociale; con la maturità professionale, possono accedere a una scuola universitaria professionale (SUP) nel campo sociale e educativo oppure al Corso passerella (1 anno) per l ammissione all Università o all Alta scuola pedagogica. Condizioni di lavoro La professione di OSA può essere esercitata a tempo pieno o a tempo parziale. Le condizioni di lavoro dipendono dal tipo di struttura: orari regolari oppure lavoro a turni, ma soprattutto inserimento in un équipe con altre figure professionali specializzate.

7 Attitudini richieste Senso di responsabilità.agire con consapevolezza e professionalità per essere di sostegno agli altri. Discrezione. Operare con tatto e delicatezza, rispetto ed equilibrio. Empatia. Capire l altro, le sue emozioni ma anche i suoi limiti. Condividere i momenti belli e brutti, con pazienza e disponibilità. Apprendimento continuo. Interessarsi all evoluzione della professione e del settore sociale, aggiornarsi, crescere con le esperienze. Capacità di comunicazione. Farsi capire nelle situazioni più diverse, avere facilità nel contatto umano. Capacità di gestire i conflitti.affrontare in modo eticamente corretto ed equilibrato le relazioni personali con utenti e colleghi. Capacità di lavorare in gruppo. Accettare la divisione dei compiti e contribuire costruttivamente al lavoro del team. Comportamento adeguato alla situazione. Star bene con sé stessi per trasmettere benessere agli altri. Capacità di lavorare sotto pressione. Nei momenti intensi non perdere la calma. Indirizzi utili Ufficio dell orientamento scolastico e professionale Servizio documentazione Stabile Torretta 6500 Bellinzona tel fax Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali (SSPSS) Via Trevano Canobbio tel fax: Inoltre consultare il sito dell orientamento scolastico e professionale svizzero. Borsa dei posti di tirocinio, descrizione delle professioni e delle formazioni. per consultare le ordinanze e i regolamenti di formazione. Scuola cantonale degli operatori sociali (SCOS) Via A. Maspoli 6850 Mendrisio tel fax Formas Associazione per la formazione nelle strutture sanitarie e negli istituti sociali del Cantone Ticino via Ferriere Giubiasco tel fax

8 I corsi interaziendali Formas, l Associazione per la formazione nelle strutture sanitarie e negli istituti sociali del Cantone Ticino, in collaborazione con la Scuola cantonale per operatori sociali (SCOS), organizza i corsi interaziendali per gli apprendisti OSA. La sede è a Giubiasco, con aule appositamente strutturate per riprodurre la realtà di un asilo nido e per consentire l esercizio dell assistenza alle persone nei vari momenti della vita quotidiana. Questi corsi spiega Emanuela Guastalli, docente responsabile dei corsi interaziendali OSA permettono di unire in modo coerente scuola e lavoro, di consolidare la formazione. Nelle nostre aule - veri e propri laboratori di pratica professionale simuliamo e sperimentiamo. Per esempio: prima si impara a mettere e sostituire il pannolino al bambolotto, poi lo si cambia al neonato, con la supervisione della docente. Si creano così delle situazioni di cura vicine alla realtà professionale e si affrontano nel passaggio dalla teoria alla pratica. L intento è di provare, acquisire sicurezza, rafforzare le competenze teorico-pratiche; ed è proprio la riflessione sull esperienza che vorremmo incentivare e promuovere concretamente negli apprendisti, a partire dalle loro esperienze vissute. Il programma delle giornate interaziendali suddivise sull arco dei 3 anni di formazione ha una parte comune ai due indirizzi professionali e parti specifiche per le due diverse opzioni. Punta sulla conoscenza del contesto di assistenza e cure di base, per l infanzia e per la disablità, sull approccio educativo e psico-educativo precisa Emanuela Guastalli - e tratta del ruolo individuale e in équipe dell OSA. Gli apprendisti lavorano in strutture diverse e la loro esperienza pratica, a volte, non riesce ad essere completa. I corsi interaziendali colmano eventuali lacune e integrano altre conoscenze complementari, per esempio l uso di strumenti espressivi per l animazione (musica, danza, teatro, gioco espressivo,ecc.). Per gli allievi della SSPSS, i corsi interaziendali perseguono gli stessi obiettivi, ma sono integrati nella formazione scolastica e distribuiti sull arco dei 4 anni.

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli