Il blog nell era del WEB 2.0

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il blog nell era del WEB 2.0"

Transcript

1 Il blog nell era del WEB 2.0 Il caso aziendale di ClassicaViva di

2 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria e Economia Corso di Laurea Specialistica Interfacoltà in Management e Tecnologie dell'e-business L UTILIZZO DEL BLOG NELL ERA DEL WEB 2.0 CASO AZIENDALE CLASSICAVIVA Tesi di laurea di: Pietro Emanuele Danesini Anno Accademico 2006/2007 ClassicaViva pag. 2

3 INTRODUZIONE IL WEB LA NASCITA DEL WORLD WIDE WEB L ERA DEL WEB LE DIFFERENZE TRA WEB 1.0 E WEB IL MARKETING NEL WEB SOCIAL MEDIA MARKETING LE REALTA PIU SIGNIFICATIVE DEL WEB GOOGLE DEL.ICIO.US DIGG FLICKR YOUTUBE PANDORA E LAST.FM WIKIPEDIA E YAHOO!ANSWERS MYSPACE E LINKEDIN SECOND LIFE IL WEB MARKETING LA TEORIA DELLA CODA LUNGA LA NUOVA COMUNICAZIONE D AZIENDA L USO DEL BLOG IN AZIENDA IL BLOG COME STRUMENTO DI COMUNICAZIONE LA BLOGOSFERA LO SPAMMING NEI BLOG IL CORPORATE BLOG LA NATURA DEI BLOG AZIENDALI GLI AMBITI DI APPLICAZIONE E I POSSIBILI UTILIZZI DEL BUSINESS BLOG IL MARKETING VIRALE E I CLIENTI EVANGELISTI I BLOG DEI MANAGER E DEI DIPENDENTI ClassicaViva pag. 3

4 3.5.3 LE PRINCIPALI MODALITA DI UTILIZZO LE BARRIERE FUD RETURN ON BLOG CASO AZIENDALE: CLASSICAVIVA.COM L ATTIVITA DI CLASSICA VIVA CLASSICA VIVA E LA TEORIA DELLA CODA LUNGA IL CORPORATE BLOG DI CLASSICA VIVA Conclusione Bibliografia Sitografia ClassicaViva pag. 4

5 INDICE DELLE FIGURE: Figura 1: la classifica delle API più utilizzate nei Mash-up...27 Figura 2: esempio di tag cloud in Flickr...29 Figura 3: La mappa mentale del Web 2.0 più utilizzata in Internet...35 Figura 4: l homepage, recentemente rinnovata, la prima volta che ci si collega all indirizzo Figura 5: l home page di Figura 6: l home page di flickr...57 Figura 7: l home page di YouTube...60 Figura 8: esempio di condivisione del video su youtube Figura 9: esempio di pagina per caricare video su YouTube...63 Figura 10: l home page di pandora...66 Figura 11: l home page di Last.fm...67 Figura 12: la home page di myspace nella versione italiana...73 Figura 13: The long tail Figura 14: Funzionamento del Trackback Figura 15: Blog partecipativo Figura 16: Il blog chiuso Figura 17: Il blog conduttore Figura 18: Lingue utilizzate nei blog e nei post Figura 19: Il funzionamento di Akismet Figura 20: Grafico indicante il confronto tra commenti autentici e spam Figura 21: esempio di distorsioni del testo usate in CAPTCHA Figura 22 esempio di recaptcha Figura 23: il logo e il marchio registrato di ClassicaViva Figura 24: Il Blog di Classica Viva Figura 25: La pubblicità in Italia Figura 26: Investimenti pubblicitari in migliaia di euro in Italia ClassicaViva pag. 5

6 INDICE DELLE TABELLE Tabella 1: Differenze tra Web 1.0 e Web Tabella 2: le differenze che possiamo riscontrare tra la vecchia scuola del marketing e il neo marketing ClassicaViva pag. 6

7 INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è vista la diffusione di un nuovo termine associato ad Internet: il Web 2.0. Senza molto clamore questo nuovo termine è entrato nelle vita di moltissime persone e senza che ce ne accorgessimo ha segnato le abitudini quotidiane e il modo di cercare e condividere informazioni di molti di noi. Inoltre, in maniera sempre più significativa, si è affermato, tra le pratiche di comunicazione, l uso del Blog. Milioni sono oggi le persone che scrivono, leggono e si documentano sui blog partecipando ad una conversazione in grado di diffondere conoscenze, opinioni, notizie e testimonianze. La nuova comunicazione parte quindi dal presupposto che i mercati sono conversazioni, ecco allora che le aziende iniziano a muoversi verso l adozione di strumenti comunicativi che possano migliorare la relazione con i clienti, ovvero con gli utenti che partecipano a questa conversazione collettiva, aprendo un blog e iniziando a dialogare direttamente con i navigatori. Il lavoro analizza il Blog come strumento di comunicazione e marketing, e in tal senso si parla di Corporate Blog. L obiettivo è approfondire la tematica del blog aziendale, della logica su cui si basa questo strumento, definendo le principali implicazioni del suo utilizzo. Per farlo sarà necessario analizzare l ambiente in cui l impresa opera attraverso l uso di questo mezzo innovativo, il Web 2.0 per l appunto. Il primo capitolo è destinato quindi a contestualizzare l ambiente di Internet, il modo in cui si è evoluto e cambiato, e un analisi delle differenze socio-tecniche che sussistono tra la versione 1.0 e quella 2.0 del Web. Cambiamenti tecnici accompagnati da quelli sociali, filosofici, logici: ovvero dal nuovo modo di usare e percepire la rete da parte degli utenti, che non sono più meri utilizzatori del Web, ma fautori e sviluppatori delle applicazioni che vi si incontrano. Il secondo capitolo verterà principalmente sul marketing dell azienda nel Web 2.0, come l azienda comunica nell era del nuovo Web, come si è evoluto il modo di approcciarsi ad un nuovo tipo di utente in un ambiente principalmente formato da ClassicaViva pag. 7

8 Social Network, e come si sia trasformata la comunicazione da tradizionale a condivisione ed ascolto. È fondamentale capire come il modo di relazionarsi con il cliente è cambiato, e come il posizionamento delle imprese nel Web 2.0 si debba affiancare a un corretto uso del blog. Il suo utilizzo non produrrebbe lo stesso effetto se non fosse accompagnato da alcune operazioni, tecniche e tattiche extra blog che presuppongono un ottima conoscenza dell ambiente informatico che circonda l azienda. Ad esempio essere presente nelle varie reti sociali del Web come brand/marchio è una tecnica aziendale che sempre più imprese adottano; queste azioni, se ben implementate, possono aiutare a generare traffico e creare conversazione sul Blog dell azienda o intorno ad essa. Ecco perché vengono descritte le principali applicazioni 2.0 presenti nel Web, le loro caratteristiche e le possibilità che i servizi danno agli utenti. Per qualsiasi impresa è necessario capire un concetto fondamentale: in un contesto così articolato è necessario porsi allo stesso livello dell utente e comunicare in maniera informale. La terza parte descriverà quindi l uso del blog in azienda: dopo una descrizione dello strumento in termini generali e della blogosfera si analizzeranno gli ambiti di applicazione e le modalità di utilizzo, i vantaggi e le barriere che l impresa potrebbe incontrare nell utilizzo di questo innovativo mezzo di comunicazione. Di seguito si continuerà con l analisi di un esperienza di recente costituzione. Il caso oggetto di approfondimento riguarda un business molto innovativo: si tratta di una piccola impresa locale, con sede nella provincia di Pavia, la Casa Editrice musicale ClassicaViva, che, con un approccio di business etico-culturale molto creativo, ha dato vita ad un attività unica nel suo genere. Il business verte su prodotti musicali, artistici, editoriali e culturali, tutti accompagnati dall innovazione e dall informatica. Questo business, e come esso si sia fatto conoscere ed apprezzare sul Web grazie al proprio network, supportato da un uso esemplare del blog, vuole essere la dimostrazione di come questo nuovo mezzo di comunicazione possa dare ad ClassicaViva pag. 8

9 imprese di piccole-medie dimensioni, che agiscono in un mercato di nicchia, la possibilità trovare il proprio spazio sul Web e di concorrere con le grandi aziende, almeno dal punto di vista della visibilità. ClassicaViva pag. 9

10 1. IL WEB 2.0 I media dipingono il web come un meraviglioso luogo interattivo in cui abbiamo una scelta illimitata, dal momento che non dobbiamo sorbirci quello che il produttore televisivo ha deciso di propinarci. Tuttavia la mia definizione di interattivo non comprende solo la possibilità di scegliere, ma anche quella di creare. Non solo di interagire con gli altri, ma di creare con gli altri. L'intercreatività vuol dire fare insieme cose o risolvere insieme problemi. Se l'interattività non significa soltanto stare seduti passivamente davanti a uno schermo, allora l'intercreatività non significa solo starsene seduti di fronte a qualcosa di interattivo. Con queste parole Tim Berners Lee 1, l'inventore del World Wide Web, spiega il pensiero che ha guidato il suo lavoro durante l'ideazione e la realizzazione della rete delle reti. 1.1 LA NASCITA DEL WORLD WIDE WEB È opinione di molti che la storia di Internet 2 cominci nel 1957, data del lancio dello Sputnik da parte dell ex Unione Sovietica, quando i russi risultarono vincitori nella guerra allo spazio. Il presidente degli Stati Uniti Dwight D. Eisenhower decise dunque di fondare l'arpa 3, un agenzia per i progetti di ricerca più avanzati, che riuniva le migliori menti del paese e che, in soli 18 mesi, riuscì a realizzare il primo satellite americano, per poi dedicarsi allo studio delle tecnologie di comunicazione e reti telematiche. Così Internet cominciò sostanzialmente ad esistere quando, durante la guerra fredda, fu creato un sistema di passaggio di messaggi da salvare dal fallimento, che si basava sull'idea della divisione dei messaggi in "pacchetti". Idea che si fondava su di un semplice concetto: ipotizzando di inviare un messaggio da 1 Berners Lee T., L'architettura del nuovo web. Dall'inventore della rete il progetto di una comunicazione democratica, interattiva e intercreativa,2001, Milano, InterZone Feltrinelli, pp. 148, Dario Bonacina, Internet, dalle origini al terzo millennio, 3 Advanced Research Project Agency. ClassicaViva pag. 10

11 un luogo ad un altro, il suddetto messaggio viene diviso in piccoli pacchetti, ad esempio di 10 lettere ciascuno. Inserito il nome, l indirizzo e un numero, la sequenza, i pacchetti vengono spediti in diverse direzioni: essi vanno in tutte queste direzioni per poi ricongiungersi e riallinearsi nel luogo di destinazione. Nel caso del mancato arrivo di un pacchetto, esso potrebbe essere rispedito. In un periodo come quello delle guerra fredda, in cui si temevano spionaggi internazionali e pericoli di guerre nucleari imminenti, questo sembrò il modo più sicuro di invio di messaggi, che ne garantiva l integrità, l impossibilità di essere distrutto completamente e difficoltà nell essere intercettato. Nel 1969, dopo aver trasferito i contratti ARPA dal settore privato a quello della ricerca universitaria, l'allora direttore per la ricerca, J.C.R.Liclider, sostenne che spesso la soluzione di un problema risiedesse nelle mani di più persone, e che per raggiungere l'obiettivo finale, fosse necessario che queste persone comunichino fra loro, ponendo così le basi per la costruzione della rete ARPANET, che già nel 1969 contava quattro nodi: un computer IMP a UCLA (University of California at Los Angeles), altri due circuiti simili presso UCSB (University of California at Santa Barbara) e presso SRI (Stanford Research Institute), a sua volta collegato con l'università dello Utah a Salt Lake City. Nell'ottobre del 1971 Ray Tomlinson 4 inventò un programma per la posta elettronica, che perfezionò per ARPANET l'anno successivo, decidendo di utilizzare il per il suo significato di at (ovvero al costo unitario di ma anche presso ). Tra il 1973 e il 1976 gli avvenimenti si susseguirono velocemente: avvenne il primo collegamento internazionale con l'university College di Londra, vennero delineati i protocolli Ethernet, Tcp (che in seguito verrà sdoppiato in TCP/IP) e UUCP 5. Ma era necessario anche che i vari ricercatori avessero anche un luogo di discussione per i loro progetti, così nel 1979 nacque la rete USENET (ancora utilizzata per i gruppi di discussione o newsgroup). Agli inizi degli anni '80 si assistette a una svolta nella 4 Programmatore che implementò l system, 5 Protocolli, procedure informatiche che vengono utilizzate per la trasmissione dei dati. ClassicaViva pag. 11

12 storia della rete delle reti, caratterizzata da una forte accelerazione tecnologica, che porterà Internet ad assumere la sua fisionomia attuale. Nel 1980 Tim BernersLee entrò al CERN 6 di Ginevra come programmatore a contratto: questa istituzione si occupava di studiare le proprietà della materia, servendosi di uno dei più grandi acceleratori di particelle esistenti al mondo. In quel periodo, tecnici e scienziati venivano da tutte le parti del mondo per partecipare a questa ricerca, così impegnativa dal punto di vista finanziario da richiedere la collaborazione di diverse nazioni: il CERN, dunque, appariva come una comunità allargata di ricercatori, ognuno con i propri programmi e procedure, che lavoravano insieme a questo progetto. Quasi nessuno di questi scienziati possedeva un proprio terminale, e quindi, per poter sviluppare un programma, dovevano recarsi personalmente nella sala centrale di controllo. Naturalmente, sussistevano una serie di problemi di non facile risoluzione: in primo luogo, le informazioni relative ai vari segmenti progettuali molto spesso non venivano messe su carta, ma rimanevano solo nella testa delle persone; in secondo luogo, la struttura a ragnatela del CERN rendeva ancora più difficoltoso ricollegare i progetti ai rispettivi autori, visto che persone lavoravano allora ai laboratori. In questo panorama, estremamente creativo ma estremamente disorganizzato, BernersLee creò un programma di appunti, Enquire, che permise di impostare dei collegamenti tra nodi, ognuno dei quali possedeva un titolo, un tipo e una lista di collegamenti bidirezionali. In pratica Enquire cercava di seguire le strutture organizzative della mente umana, senza matrici e alberi gerarchici, ma sfruttando le associazioni casuali: il programma disponeva di due tipi di collegamenti, uno interno, multidirezionale, da una pagina all'altra nello stesso file, e uno esterno, unidirezionale, che consentiva di passare da un file a un altro. In questo modo, attraverso un database 7, si aveva a disposizione un elenco di documenti classificati per nome e per tipo, all'interno dei quali era possibile navigare da un punto all'altro o da un file a un altro, attraverso un browser 8, battezzato World Wide Web. 6 Conseil Européen pour la Recherche Nucléaire. 7 Archivio. 8 Navigatore. ClassicaViva pag. 12

13 Ovviamente, la navigazione, la creazione di ipertesti e di collegamenti, la loro conservazione e comunicazione, necessitavano di nuovi strumenti. Così, nel 1990, BernersLee ideò un editor per creare dei testi, il linguaggio per trasformarli in ipertesti, l'html 9, lo schema di indirizzo per i vari documenti, URI 10, il linguaggio che i computer avrebbero usato per comunicare su Internet, l'http 11, e alla fine, anche il primo server Web, un software che conservava le pagine web in una parte del computer, consentendone l'accesso ad altri. Non solo: per rendere veramente universale questo spazio, era necessario che la rete mettesse in comunicazione e rendesse disponibili le notizie e i newsgroup, per i quali fu ideato il protocollo FTP 12, attraverso il quale gli articoli in Internet e i messaggi dei gruppi di discussione diventavano immediatamente disponibili sotto forma di ipertesti. In questo modo si erano fissate delle regole, che l'autore paragona a quelle dell'economia di mercato, rispettando le quali è possibile lo scambio di informazioni. Naturalmente, perché questo scambio si realizzi, sono fondamentali due condizioni: l'informazione deve essere accessibile a tutti, con qualunque computer, in qualsiasi parte del mondo, e deve anche contenere dei rimandi che consentano agli altri di trovare l'informazione richiesta; è necessario produrre informazioni e autorizzarne l'accesso a tutti, il che implica che non può esistere un controllo centrale delle informazioni. Il Web, fin dalla sua nascita, si basa dunque su tre caratteristiche fondamentali: nessuno lo possiede; tutti lo possono usare; tutti lo possono migliorare. 9 Hypertext Markup Language. 10 Universal Resource Identifier. 11 Hypertext transfer Protocol. 12 File Transfer Protocol. ClassicaViva pag. 13

Introduzione a Internet e al World Wide Web

Introduzione a Internet e al World Wide Web Introduzione a Internet e al World Wide Web Una rete è costituita da due o più computer, o altri dispositivi, collegati tra loro per comunicare l uno con l altro. La più grande rete esistente al mondo,

Dettagli

Storia di Internet e del World Wide Web

Storia di Internet e del World Wide Web Storia di Internet e del World Wide Web Ornella Nicotra A.A.1999-2000 Modulo europeo Action Jean Monnet Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari Universita degli studi di Roma La Sapienza Storia di

Dettagli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli INTERNET Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli PARTE 1 INTERNET: LA RETE DELLE RETI 2 È ALQUANTO DIFFICILE RIUSCIRE A DARE UNA DEFINIZIONE ESAUSTIVA E CHIARA DI INTERNET IN POCHE PAROLE

Dettagli

Sistemi Informativi di relazione - Internet

Sistemi Informativi di relazione - Internet Sistemi Informativi di relazione - Internet Obiettivi. Presentare i concetti base di Internet. Illustrare l evoluzione storica di Internet. Familiarizzare con gli elementi fondamentali di Internet: Il

Dettagli

Introduzione ai Calcolatori Elettronici

Introduzione ai Calcolatori Elettronici Introduzione ai Calcolatori Elettronici Introduzione al Web Internet A.A. 2013/2014 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Introduzione al Web : Internet >> Sommario Sommario n Internet

Dettagli

Internet Terminologia essenziale

Internet Terminologia essenziale Internet Terminologia essenziale Che cos è Internet? Internet = grande insieme di reti di computer collegate tra loro. Rete di calcolatori = insieme di computer collegati tra loro, tramite cavo UTP cavo

Dettagli

Cercare è per metà trovare

Cercare è per metà trovare Introduzione Cercare è per metà trovare Cercare su Internet Un Web nella Rete Struttura del libro I n t r o d u z i o n e La prima edizione del libro che avete tra le mani nasceva nel 2005. Si trattava

Dettagli

Concetti di base delle tecnologie ICT

Concetti di base delle tecnologie ICT Concetti di base delle tecnologie ICT Parte 2 Reti Informatiche Servono a collegare in modo remoto, i terminali ai sistemi di elaborazione e alle banche dati Per dialogare fra loro (terminali e sistemi)

Dettagli

Colloquio di informatica (5 crediti)

Colloquio di informatica (5 crediti) Università degli studi della Tuscia Dipartimento di Scienze Ecologiche e Biologiche Corso di laurea in Scienze Ambientali A.A. 2013-2014 - II semestre Colloquio di informatica (5 crediti) Prof. Pier Giorgio

Dettagli

Prof. Maristella Agosti, Ing. Marco Dussin

Prof. Maristella Agosti, Ing. Marco Dussin Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Progettazione di siti web (ING-INF/05) LMSGC, mutuato da LMLIN e Sc. Stat. a.a. 2010-11 Indice: Prof. Maristella Agosti, Ing. Marco Dussin

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Rete Internet Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Che cos è Internet? Il punto

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Docente. Il Corso. Obiettivi PROGRAMMAZIONE PER IL WEB. Alessandro Bianchi. Presentazione del Corso per l a.a. 2014-15. Sviluppare

Docente. Il Corso. Obiettivi PROGRAMMAZIONE PER IL WEB. Alessandro Bianchi. Presentazione del Corso per l a.a. 2014-15. Sviluppare Docente PROGRAMMAZIONE PER IL WEB Presentazione del Corso per l a.a. 2014-15 Alessandro Bianchi Dipartimento di Informatica V piano Tel. 080 544 2283 E-mail alessandro.bianchi@uniba.it Orario di ricevimento:

Dettagli

prof. Mario Dalessandro

prof. Mario Dalessandro INTERNET Internet in pratica è una rete vastissima, costituita dall interconnessione di migliaia di reti pubbliche e private, utilizzata per scopi differenti, ma comunque volta a creare e diffondere informazioni.

Dettagli

Essere presenti on line: le regole di base per utilizzare al meglio sito web e e-commerce

Essere presenti on line: le regole di base per utilizzare al meglio sito web e e-commerce Essere presenti on line: le regole di base per utilizzare al meglio sito web e e-commerce pag. 1 E COMMERCE: ALCUNI DATI IMPORTANTI (ITALIA) - Osservatorio B2C del Politecnico di Milano CRESCITA SUL 2013:

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

LE ORIGINI DI INTERNET

LE ORIGINI DI INTERNET LE ORIGINI DI INTERNET Il 4 ottobre del 1957, si verificò un evento che avrebbe cambiato il mondo; l'unione Sovietica lanciò con successo nell'orbita terrestre il primo satellite chiamato Sputinik 1, che

Dettagli

SERVIZI OFFERTI DA INTERNET INTERNET POSTA ELETTRONICA

SERVIZI OFFERTI DA INTERNET INTERNET POSTA ELETTRONICA Reti Informatiche SERVIZI OFFERTI DA INTERNET INTERNET POSTA ELETTRONICA INTERNET Il prototipo della grande rete si chiamava ARPAnet ed alla fine del 1960 collegava i computer dell UCLA, dello Stanford

Dettagli

Nascita ed evoluzione di internet

Nascita ed evoluzione di internet Reale e virtuale: la verità ai tempi di internet, Messina 20 maggio 2011 Nascita ed evoluzione di internet Daniele Fioretto Presidente di Samizdatonline Testi e dati tratti principalmente da: -Il profumo

Dettagli

SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA II MODULO PROF.SSA ELISA GIOMI

SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA II MODULO PROF.SSA ELISA GIOMI SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA II MODULO PROF.SSA ELISA GIOMI 30 MARZO 2015 SITO DEL CORSO: WWW.MEDIASTUDIES.IT INTERNET & I MEDIA DIGITALI In questa lezione: Ø Nascita e evoluzione di Internet

Dettagli

Modulo 7: RETI INFORMATICHE

Modulo 7: RETI INFORMATICHE Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 7: RETI INFORMATICHE Il modulo 7 della Patente europea del computer si divide in due parti:

Dettagli

Progetto per la realizzazione di un corso professionalizzante dedicato al web

Progetto per la realizzazione di un corso professionalizzante dedicato al web Progetto per la realizzazione di un corso professionalizzante dedicato al web Imparare a realizzare siti web professionali e campagne di promozione attraverso il web L idea del corso Il web, nella sua

Dettagli

Ipertesti e Internet. Ipertesto. Ipertesto. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Ipertesti e Internet. Ipertesto. Ipertesto. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Ipertesti e Internet Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Ipertesto Qualsiasi forma di testualità parole, immagini,

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa http://www.w3c.it/education/2012/upra/basicinternet/#(1) 1 of 16 Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa Master in Comunicazione

Dettagli

INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE

INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE Università del Tempo Libero Caravaggio INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE Prof. Roberto Foglia roberto.fogl@tiscali.it 21 gennaio 2016 COS È INTERNET È una rete di composta da migliaia di reti di computer

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

Storia di Internet. sulla Luna, Missione. Fu il solo evento importante? Nascita di Internet

Storia di Internet. sulla Luna, Missione. Fu il solo evento importante? Nascita di Internet Storia di Internet Se si studiassero le cose svolgersi dall origine, anche qui come altrove se ne avrebbe una visione quanto mai chiara Aristotele, Politica I, 2, 1255a Dott.ssa Teresa Mallardo Cosa accadde

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Capitolo 16 I servizi Internet

Capitolo 16 I servizi Internet Capitolo 16 I servizi Internet Storia di Internet Il protocollo TCP/IP Indirizzi IP Intranet e indirizzi privati Nomi di dominio World Wide Web Ipertesti URL e HTTP Motori di ricerca Posta elettronica

Dettagli

Introduzione all uso di Internet. Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it

Introduzione all uso di Internet. Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it Introduzione all uso di Internet Ing. Alfredo Garro garro@si.deis.unical.it TIPI DI RETI ( dal punto di vista della loro estensione) Rete locale (LAN - Local Area Network): collega due o piu computer in

Dettagli

Syllabus versione 1.0 NUOVA ECDL MODULO 1-1. Computer Essentials (concetti di base del computer) sez.2 I FILE I FILE I FILE.

Syllabus versione 1.0 NUOVA ECDL MODULO 1-1. Computer Essentials (concetti di base del computer) sez.2 I FILE I FILE I FILE. Syllabus versione 1.0 NUOVA ECDL MODULO 1-1 Computer Essentials (concetti di base del computer) sez.2.2-4 Prof. Luca Basteris Prof.ssa Maria Cristina Daperno Sezioni del Syllabus: 1.Computer e dispositivi

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni Reti di Calcolatori Il Livello delle Applicazioni Il DNS Gli indirizzi IP sono in formato numerico: sono difficili da ricordare; Ricordare delle stringhe di testo è sicuramente molto più semplice; Il Domain

Dettagli

Applicazioni delle reti. Dalla posta elettronica al telelavoro

Applicazioni delle reti. Dalla posta elettronica al telelavoro Applicazioni delle reti Dalla posta elettronica al telelavoro Servizi su Internet La presenza di una infrastruttura tecnologica che permette la comunicazione tra computer a distanze geografiche, ha fatto

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE

L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE PRESENTAZIONE N #2 L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE 30 novembre 2015 SOMMARIO #1. LO SCENARIO NELL ERA DIGITALE #2. DALLA RECLAME ALLA WEB REPUTATION #3. DALL OUTBOUND MARKETING ALL

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina - Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica III anno Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO Sommario

ISTRUZIONI PER L USO Sommario ISTRUZIONI PER L USO Sommario PRESENTAZIONE... 2 DESCRIZIONE... 3 PROFILO UTENTE... 5 PAGINA AZIENDA... 6 PAGINA ASSOCIAZIONE... 9 DISCUSSIONI...12 GESTIONE AZIENDALE...13 DOMANDE...14 MERCATO DEL LAVORO...15

Dettagli

La rete Internet. Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin

La rete Internet. Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin La rete Internet Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Che

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Corso Creare Siti WEB

Corso Creare Siti WEB Corso Creare Siti WEB INTERNET e IL WEB Funzionamento Servizi di base HTML CMS JOOMLA Installazione Aspetto Grafico Template Contenuto Articoli Immagini Menu Estensioni Sito di esempio: Associazione LaMiassociazione

Dettagli

Manuale Employee Branding

Manuale Employee Branding Manuale Employee Branding Come coinvolgere i colleghi, per una azione di successo sui social media Luglio 2014 1 Indice 1. A COSA SERVE QUESTO MANUALE... 3 2. INSIEME SUI SOCIAL MEDIA... 3 3. INIZIAMO

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Internet e World Wide Web

Internet e World Wide Web Alfonso Miola Internet e World Wide Web Dispensa C-02 Settembre 2005 1 Nota bene Il presente materiale didattico è derivato dalla dispensa prodotta da Luca Cabibbo Dip. Informatica e Automazione Università

Dettagli

Un po di storia: la rete

Un po di storia: la rete Gabriella Pasi Università degli Studi di Milano Bicocca Il Web e i Motori di ricerca Un po di storia: la rete Metà degli anni 60: nasce ARPANET Fine anni 60: standardizzazione dei protocolli Anni 70: la

Dettagli

Comprendere cosa è Internet e sapere quali sono i suoi principali impieghi. 25/09/2011 prof. Antonio Santoro

Comprendere cosa è Internet e sapere quali sono i suoi principali impieghi. 25/09/2011 prof. Antonio Santoro Comprendere cosa è Internet e sapere quali sono i suoi principali impieghi. 1 Internet è una rete che collega centinaia di milioni di computer in tutto il mondo 2 Le connessioni sono dei tipi più disparati;

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

SOCIAL NETWORK MANUALE OPERATIVO

SOCIAL NETWORK MANUALE OPERATIVO SOCIAL NETWORK MANUALE OPERATIVO 1 INTRODUZIONE I social media sono diventati uno strumento essenziale di comunicazione e marketing e vengono utilizzati da utenti di ogni fascia di età: dai teenager agli

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 1

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 1 Reti di Calcolatori Sommario Un pò di storia Arpanet Da Arpanet al WWW Internet Aspetti generali di Internet Hardware di rete Software di rete Sezione 1 Un pò di storia ARPANET 1958 1969 il Dipartimento

Dettagli

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it MODELLO CLIENT/SERVER Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it POSSIBILI STRUTTURE DEL SISTEMA INFORMATIVO La struttura di un sistema informativo

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

- Corso di computer -

- Corso di computer - - Corso di computer - @ Cantiere Sociale K100-Fuegos Laboratorio organizzato da T-hoster.com www.t-hoster.com info@t-hoster.com Internet: Oggi internet è entrata nella vita quotidiana della maggior parte

Dettagli

WWW.MEDPERVOI.NET. Nome del gruppo: GEM CHIODI GLORIA CONTI ELEONORA VITALI MELISSA

WWW.MEDPERVOI.NET. Nome del gruppo: GEM CHIODI GLORIA CONTI ELEONORA VITALI MELISSA WWW.MEDPERVOI.NET Nome del gruppo: GEM CHIODI GLORIA CONTI ELEONORA VITALI MELISSA INDICE PRESENTAZIONE INTRODUZIONE COME REALIZZARE UN SITO CON IL CMS: cos è un cms ; COME REALIZZARE IL BLOG: Cos è un

Dettagli

Reti Informatiche ed Internet

Reti Informatiche ed Internet Reti Informatiche ed Internet Bari, 21-02-2011-1 - Internet Internet è, per definizione, l insieme dei collegamenti, fra le reti di trasmissione dati esistenti. Alcuni parlano di rete delle reti. cioè

Dettagli

MONIWEB Analisi dell immagine in Web 2.0

MONIWEB Analisi dell immagine in Web 2.0 MONIWEB Analisi dell immagine in Web 2.0 Eikon Strategic Consulting. Nessuna parte di questo documento puo essere usato o riprodotto senza permesso scritto INDICE Cos è il Web 2.0? Web 2.0 e la sua influenza

Dettagli

Capitolo 3. Il funzionamento delle reti

Capitolo 3. Il funzionamento delle reti Capitolo 3 Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

GESTIRE I SOCIAL MEDIA

GESTIRE I SOCIAL MEDIA - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION GESTIRE

Dettagli

LE RETI: STRUMENTO AZIENDALE

LE RETI: STRUMENTO AZIENDALE LE RETI: STRUMENTO AZIENDALE INDICE -Introduzione -La rete e i principali tipi di rete -La rete delle reti: Internet -Evoluzione tecnologica di internet: cloud computing -Vantaggi della cloud all interno

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Internet e il World Wide Web

Internet e il World Wide Web Internet e il World Wide Web 20 novembre 2006 Rete Informatica Supporto tecnologico su cui si basano servizi per la diffusione, gestione e controllo dell informazione Posta elettronica (e-mail) World Wide

Dettagli

Angelo Iacubino, Roberto Marmo Creare applicazioni per Facebook Editore FAG, Edizione 2009, Prezzo 19.90 euro, Pagine 224 ISBN 978-88-8233-814-5

Angelo Iacubino, Roberto Marmo Creare applicazioni per Facebook Editore FAG, Edizione 2009, Prezzo 19.90 euro, Pagine 224 ISBN 978-88-8233-814-5 Angelo Iacubino, Roberto Marmo Creare applicazioni per Facebook Editore FAG, Edizione 2009, Prezzo 19.90 euro, Pagine 224 ISBN 978-88-8233-814-5 RACCOLTA DI SITI INTERNET UTILI DA CONSULTARE AGGIORNATA

Dettagli

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web In questo capitolo Impostare l obiettivo Mantenere le pagine libere e pulite Non travolgere i visitatori con i colori Usare meno di quattro tipi di carattere Essere coerenti Semplificare Essere rapidi

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 1. Introduzione a Internet e al WWW Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica

Dettagli

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità Ipertesto Reti e Web Ipertestualità e multimedialità Ipertesto: documento elettronico costituito da diverse parti: nodi parti collegate tra loro: collegamenti Navigazione: percorso tra diversi blocchi

Dettagli

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Informazione ICT, prima di tutto Webnews è il giornale on line che racconta quotidianamente l attualità tecnologica. Originale. Credibile. Puntuale.

Dettagli

Introduzione alle Reti Informatiche

Introduzione alle Reti Informatiche WWW.ICTIME.ORG Introduzione alle Reti Informatiche Cimini Simonelli - Testa Sommario Breve storia delle reti... 3 Internet... 3 Gli standard... 4 Il modello ISO/OSI... 4 I sette livelli del modello ISO/OSI...

Dettagli

HTML SITI WEB. FEQUENZA OBBLIGATORIA 80% ESERCITAZIONI (laboratorio) RICONOSCIMENTO 3 CFU. infolab@uniroma3.it host.uniroma3.it/laboratori/infolab

HTML SITI WEB. FEQUENZA OBBLIGATORIA 80% ESERCITAZIONI (laboratorio) RICONOSCIMENTO 3 CFU. infolab@uniroma3.it host.uniroma3.it/laboratori/infolab HTML SITI WEB FEQUENZA OBBLIGATORIA 80% ESERCITAZIONI (laboratorio) RICONOSCIMENTO 3 CFU infolab@uniroma3.it host.uniroma3.it/laboratori/infolab INTERNET Generalmente Internet è definita la rete delle

Dettagli

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete Storia:

Dettagli

Storia e evoluzione dei sistemi di calcolo

Storia e evoluzione dei sistemi di calcolo Fondamenti di informatica Oggetti e Java Storia e evoluzione dei sistemi di calcolo Capitolo 1bis ottobre 2015 1 Storia ed evoluzione dei sistemi di calcolo L architettura di Von Neumann è una descrizione,

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web CORSO EDA Informatica di base Introduzione alle reti informatiche Internet e Web Rete di computer Una rete informatica è un insieme di computer e dispositivi periferici collegati tra di loro. Il collegamento

Dettagli

Gestione della conoscenza

Gestione della conoscenza Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A10_1 V1.1 Gestione della conoscenza Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Internet. La rete di computer che copre l intero pianeta. FASE 1 (1969-1982)

Internet. La rete di computer che copre l intero pianeta. FASE 1 (1969-1982) Internet La rete di computer che copre l intero pianeta. FASE 1 (1969-1982) ARPAnet: Advanced Research Project Agency Network Creata per i militari ma usata dai ricercatori. Fase 1 300 250 200 150 100

Dettagli

Unitre Pavia a.a. 2015-2016

Unitre Pavia a.a. 2015-2016 Navigare in Internet (Storia e introduzione generale) (Prima lezione) Unitre Pavia a.a. 2015-2016 Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto ci vuole un computer. (Legge di Murphy - Quinta legge dell'inattendibilità)

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

Internet e Storia. Internet. INTERNET, uno strumento per la didattica della storia

Internet e Storia. Internet. INTERNET, uno strumento per la didattica della storia INTERNET, uno strumento per la didattica della storia Internet e Storia Internet Internet è come la più grande rete mondiale ed anche detta rete delle reti che collega centinaia di milioni di computer.

Dettagli

INTERNET FACTS: DEMOGRAFIA, CRONOLOGIA, GLOSSARIO

INTERNET FACTS: DEMOGRAFIA, CRONOLOGIA, GLOSSARIO INTERNET FACTS: DEMOGRAFIA, CRONOLOGIA, GLOSSARIO Laboratorio di Informatica filosofica Corso di Laurea in Filosofia - Università degli Studi di Verona A.A. 2014/2015 - A cura di Luca Morisi DEMOGRAFIA

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente lo strumento di riferimento

Dettagli

HTML il linguaggio per creare le pagine per il web

HTML il linguaggio per creare le pagine per il web HTML il linguaggio per creare le pagine per il web Parte I: elementi di base World Wide Web Si basa sul protocollo HTTP ed è la vera novità degli anni 90 Sviluppato presso il CERN di Ginevra è il più potente

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

LABORATORIO DI TELEMATICA

LABORATORIO DI TELEMATICA LABORATORIO DI TELEMATICA COGNOME: Ronchi NOME: Valerio NUMERO MATRICOLA: 41210 CORSO DI LAUREA: Ingegneria Informatica TEMA: Analisi del protocollo FTP File Transfer Protocol File Transfer Protocol (FTP)

Dettagli

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente

Dettagli

Scheda di approfondimento cartone animato I social network

Scheda di approfondimento cartone animato I social network Scheda di approfondimento cartone animato I social network Da qualche hanno i social network sono diventati un vero e proprio fenomeno sociologico. Ne esistono vari con diverse finalità, anche di tipo

Dettagli

Internet: struttura. Internet

Internet: struttura. Internet Operatore Informatico Giuridico Informatica Giuridica di Base A.A 2003/2004 I Semestre Internet: struttura Lezione 6 prof. Monica Palmirani Internet Internet è la connessione di reti locali distribuite

Dettagli

INTERNET: DEFINIZIONI Internet: E l insieme mondiale di tutte le reti di computer interconnesse mediante il protocollo TCP/IP. WWW (World Wide Web): Sinonimo di Internet, è l insieme dei server e delle

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

Internet: architettura e servizi

Internet: architettura e servizi Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Corso di Informatica - II anno Prof. Crescenzio Gallo Internet: architettura e servizi c.gallo@unifg.it Internet: argomenti n Modalità di collegamento

Dettagli

Risorse per la didattica

Risorse per la didattica Risorse per la didattica Presentazione di cd-rom e ipertesti Spunti per la ricerca di materiali e documentazione in rete Amelia Goffi, Luca Gazzola - Febbraio 2008 CD-Rom e Ipertesti I cd-rom allegati

Dettagli

Internet e le reti locali

Internet e le reti locali Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGIE WEB PER IL TURISMO - 1 a.a. 2012/2013 Section 1 Preliminari Calcolare e comunicare

Dettagli

Internet ed i servizi di posta elettronica

Internet ed i servizi di posta elettronica Corso di introduzione all informatica Sommario Internet ed i servizi di posta elettronica Gaetano D Aquila La posta elettronica ed Outlook Express Sito internet del corso Prenotazione esami 2 Un po di

Dettagli

Internet: architettura e servizi

Internet: architettura e servizi Facoltà di Medicina Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica - III anno Prof. Crescenzio Gallo Internet: architettura e servizi c.gallo@unifg.it Internet: argomenti Modalità di collegamento alla

Dettagli

Pubblica Amministrazione e social media. /100 1 di 39

Pubblica Amministrazione e social media. /100 1 di 39 /100 1 di 39 Di cosa parleremo Valutazione degli utenti sulla qualità dei servizi on line Partecipazione e web 2.0 Indici di qualità e benchmarking /100 2 di 39 Metodi per la rilevazione e il confronto

Dettagli

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione.

Verso una Coop 2.0. Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione. Verso una Coop 2.0 Media e comunicazione nelle imprese cooperative: tecnologie comunicative, pratiche e partecipazione Agata Meneghelli Obiettivi ricerca Che potenzialità hanno i nuovi media digitali per

Dettagli

www.costruireholding.it/ corrispondente alla pagina iniziale del sito ufficiale della Costruire Holding S.r.l.

www.costruireholding.it/ corrispondente alla pagina iniziale del sito ufficiale della Costruire Holding S.r.l. PRIVACY POLICY In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un informativa che è resa anche

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI La privacy policy di questo sito INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Perché questo avviso? In questa pagina si descrivono le modalità

Dettagli