COMUNE DI NERVIANO PIANO SOCIO ASSISTENZIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI NERVIANO PIANO SOCIO ASSISTENZIALE"

Transcript

1 COMUNE DI NERVIANO PIANO SOCIO ASSISTENZIALE Novembre 2013 / Ottobre 2014

2 Indice Introduzione degli Assessori. pag. 4 Introduzione della Responsabile, delle Assistenti Sociali e della Pedagogista del Servizio Sociale pag. 6 PARTE PRIMA: DESCRIZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ AREA PRIMA INFANZIA Asilo Nido pag. 9 Centro Prima Infanzia Mondo Bambino. pag. 10 Piano Triennale per la Prima Infanzia.. pag. 11 AREA MINORI Servizio di tutela minori pag. 11 Servizio Penale Minorile.. pag. 12 Servizio di Educativa Domiciliare (S.E.D.)..pag. 13 Servizio minori disabili pag. 13 Servizio di sostegno handicap per minori inseriti nelle scuole.. pag 14 Sostegno scolastico per disabili sensoriali pag. 15 Servizio di prevenzione al disagio minorile. pag. 15 Servizio Non sono Gianburrasca. pag. 16 Servizio di mediazione linguistica e culturale. pag. 16 Servizio di consulenza pedagogica nelle scuole.pag. 17 AREA DISABILI Centri diurni per disabili: C.S.E. e S.F.A.. pag. 17 Servizio Inserimenti Lavorativi (S.I.L.). pag. 18 Servizio orientamento disabili e lavoratori fragili pag. 19 Servizio di Aiuto alla Vita Indipendente (S.A.V.I. Leggi 104/92 e 162/98). pag. 19 Comunità di accoglienza residenziale, comunità socio-sanitarie e residenze sanitarie per disabili adulti. pag. 20 Progetto Dopo di Noi. pag. 21 Erogazione contributi per l eliminazione delle barriere architettoniche. pag. 21 Amministrazione di sostegno per persone in condizione di fragilità..pag. 22 AREA ANZIANI Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) pag. 23 Servizio consegna pasti a domicilio.. pag. 24 Servizio di Teleassistenza. pag. 25 Orti comunali pag. 25 Soggiorni per la terza età. pag. 26 Assistenza continuativa a favore di anziani non autosufficienti.. pag. 26 Servizio di trasporto sociale pag. 26 Centri Diurni Integrati (C.D.I.) pag. 28 Residenze sanitarie assistenziali per anziani (R.S.A.) pag. 28 AREA FAMIGLIE E INTEGRAZIONE SOCIALE Assegnazione alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (E.R.P.).. pag. 29 Interventi di housing sociale.. pag. 29 2

3 Fondo regionale per il sostegno all affitto pag. 30 Bonus energia elettrica e gas... pag. 31 Assistenza economica. pag. 31 Sportello stranieri Consulenza. pag. 33 Rilascio attestazioni di idoneità abitativa e alloggiativa. pag. 34 Progetto di housing sociale e casa per l emergenza abitativa pag. 35 Contributi solidali.. pag. 36 Buono famiglie numerose del Piano di Zona..pag. 37 PARTE SECONDA: OBIETTIVI AREA PRIMA INFANZIA. pag. 39 AREA MINORI pag. 40 AREA DISABILI.. pag. 44 AREA ANZIANI pag. 47 AREA FAMIGLIE E INTEGRAZIONE SOCIALE pag. 50 PARTE TERZA: PROSPETTO ECONOMICO AREA PRIMA INFANZIA..pag. 54 AREA MINORI pag. 55 AREA DISABILI.. pag. 56 AREA ANZIANI... pag. 57 AREA FAMIGLIE E INTEGRAZIONE SOCIALE... pag. 58 TABELLA RIASSUNTIVA... pag. 59 3

4 Scrivere un introduzione ad un Piano Socio Assistenziale significa esprimere in poche righe le intenzioni ed i pensieri che hanno mosso al mantenimento e alla realizzazione di tutta una serie di interventi sociali volti a sostenere e ad accompagnare la popolazione Nervianese; una popolazione in grande mutamento, in continua evoluzione, ma per certi aspetti che vive situazioni quotidiane tutt altro che moderne e all avanguardia. Lo scenario che abbiamo davanti agli occhi mostra persone che si scontrano ogni giorno con la piaga della disoccupazione, che si trovano a fare i conti sulla spesa e a scegliere se comprare un etto di prosciutto, che basta per una sera, o tre kg di pasta, che possono sfamare il nucleo familiare per più settimane; che a fatica riescono, e spesso non riescono, a pagare le utenze di luce e gas, rischiando di rimanere al freddo e al buio. A fianco a queste persone esiste invece tutta un altra tipologia di situazioni, che per circostanze diverse, è toccata meno dalla crisi o quantomeno, riesce ad avere un reddito medio che gli permette di sopravvivere dignitosamente e che spesso gli consente di donare all altro parte di quello che ha, che paradossalmente, nonostante abbia guadagnato e meritato con anni di lavoro, a fronte di tanta disdetta e difficoltà viene percepito come una gran fortuna!!! Grazie proprio a queste persone che il Comune di Nerviano e il Servizio Sociale, ha potuto far fronte a molte problematiche, attraverso il volontariato, la solidarietà della gente e la disponibilità di molti di sostenere e accogliere in differenti maniere le fasce della popolazione Nervianese più fragile ed in difficoltà; dai minori agli anziani, dai disabili alle persone con problematiche psichiatriche. L Amministrazione Comunale deve a queste persone un immenso Grazie e deve sottolineare in maniera forte come il loro intervento sia fondamentale per alleggerire e accompagnare l azione sociale di un Servizio Comunale sempre più oberato di situazioni al limite. La situazione sociale che si presenta al Servizio fa emergere, nostro malgrado, un incrementarsi delle situazioni di emergenza lavorativa, che conseguentemente sfocia in emergenza abitativa ed alimentare. L amministrazione, non ha alcuna possibilità di risolvere il problema disoccupazione ma sicuramente ha l obbligo di intervenire e sostenere tutte quelle situazioni di difficoltà create dalla crisi. Ciò diventa sempre più difficile e complesso in quanto al moltiplicarsi delle condizioni critiche e di difficoltà corrispondono una continua riduzione dei fondi che enti al di sopra di un Comune, quali Regione, Provincia e Stato dovrebbero erogare per le fasce deboli della popolazione. Citeremo un dato per tutti: i fondi regionali dal 2010 al 2013 si sono ridotti quasi del 50% passando da introiti pari a circa euro a A tali condizioni risulta difficile e faticoso intervenire in maniera efficace, in quanto sostenere i cittadini di Nerviano, significa chiedere aiuto. per una buona fetta delle spese a carico del comune, solo ai cittadini di Nerviano! La nostra politica continua, comunque, nonostante l indifferenza generale, a sostenere chi non può e ad andare a coprire i buchi, le mancate entrate che anno dopo anno la Regione e la Provincia hanno lasciato nei nostri bilanci, tutto ciò poiché crediamo nel valore della persona, forse più di quello dei numeri, e pensiamo che Nerviano siano sostanzialmente gli esseri umani che la vivono prima che gli edifici, le strade o i parchi giochi e quotidianamente scegliamo di investire nel materiale umano che ci circonda, che ha differenti problematiche, che ha tante risorse, che deve essere accompagnato e sostenuto quando non ce la fa per imparare di nuovo a procedere in maniera autonoma. 4

5 Il nostro Piano Socio Assistenziale si pone l obiettivo di non abbandonare nessuno dai propri interventi e di avere imparziale considerazione di ogni fascia di soggetti di cui la comunità è composta; sia in un ottica generale, dove ad ogni fase del ciclo di vita collimano una serie di interventi specifici e particolareggiati legati alle necessità che le persone hanno rispetto a quel particolare problema; sia in un ottica specifica, dove ogni nucleo familiare ha delle caratteristiche proprie che vanno esaminate, contestualizzate e corrette per raggiungere stadi di miglior benessere per tutti. Ci piace sottolineare anche questa volta come un grande punto di forza del Nostro Servizio Sociale sia quello di poter contare su personale qualificato e specializzato permette da un alto di compiere un lavoro diretto e tempestivo verso una particolare fascia di popolazione, agendo così in maniera sempre più specifica, puntuale e finalizzata sul caso, e dall altro, attraverso l equipe e la rete tra operatori, permette di fare un controllo continuo e costante delle situazione nella loro globalità per organizzare interventi che coinvolgano più membri e permettano interventi preventivi e azioni di rinforzo e sostegno. L Assessore alla Pubblica Istruzione e ai Servizi Educativi per l'infanzia e l'adolescenza Dott.ssa Maria Carolina Re Depaolini L Assessore ai Servizi alla Persona Dott.ssa Maria Chiara Cozzi 5

6 In questa nostra introduzione vorremmo provare a riassumere delle osservazioni empiriche fatte dagli operatori sociali che lavorano presso il servizio. Il nostro osservatorio non ha la pretesa di essere scientifico, né di fare la fotografia alle problematiche che ci sono a Nerviano oggi. Vorremmo invece offrire la sintesi delle problematiche emergenti che sono arrivate ai nostri sportelli e quali sono alcune modalità che abbiamo provato a mettere in atto per affrontare queste difficoltà. Tutte noi sappiamo che i problemi che ci vengono riferiti non possono trovare soluzioni a livello locale ma richiedono rinnovate politiche di Welfare delle quali non è nostro compito trattare in questa sede. Alla prima trattazione generale seguirà la descrizione dell esperienza degli operatori delle varie aree. La più importante emergenza che abbiamo incontrato è il lavoro; il bisogno di lavoro stabile è fortissimo, soprattutto per padri e madri di famiglia. Alcuni capi-famiglia extracomunitari hanno rimandato moglie e figli nel paese d origine interrompendo il progetto migratorio col quale avevano sperato in una vita migliore per sé e per i propri figli. Pochissimi sono i disoccupati noti al servizio che hanno ritrovato lavori stabili; la quasi totalità di quelli che ritrovano lavoro si accontenta di lavori saltuari, a chiamata, a tempo determinato. Chi ha impegni familiari deve ricorrere all aiuto di genitori e parenti. Molti anziani infatti cercano di aiutare i figli disoccupati attingendo a modeste pensioni. La perdita della stabilità del lavoro non causa solo impoverimento economico o in molti caso l avvio di un processo di indebitamento che potrebbe diventare irreversibile. Alcune famiglie si stanno lasciando andare perché non hanno risorse per andare avanti. Alcuni padri di famiglia si deprimono (la depressione post perdita di lavoro è descritta nei nuovi casi di ricorso ai servizi psichiatrici territoriali), le madri accumulano trascuratezze sia nella gestione della casa che nell educazione dei figli. Lo scoramento e l impoverimento diventano quindi fonte di nuove problematiche innescando pericolosi circoli viziosi quali il gioco d azzardo. Per la prima volta dal dopoguerra si è tornato a parlare di emergenza alimentare termine moderno per dire FAME o quasi. I giornali sono pieni di notizie e di fotografie di anziani e non in coda per i servizi mensa delle Caritas o che frugano alla ricerca di frutta e verdura dopo il mercato rionale. Anche a Nerviano sono 128 le famiglie censite da Caritas e S. Vincenzo che vengono aiutate con pacchi alimentari. Molti anziani hanno ridotto o eliminato dalla propria dieta carne, frutta e verdura. Possiamo sperare di poter scrivere che a Nerviano non si soffre ancora la fame ma il regime alimentare si è fatto più povero e meno vario di alimenti freschi. Sono state incentivate tutte le forme di raccolta di alimenti, coinvolgendo le associazioni e i cittadini privati (anche con la raccolta presso il municipio) ottenendo il coinvolgimento di molti, che hanno dato aiuti una tantum. D altro canto è già certo che la CEE non fornirà più alle realtà caritative gli aiuti in alimenti secchi, tanto preziosi per i pacchi spesa, pertanto da gennaio 2014 si dovrà far conto dell assenza degli aiuti comunitari. Tra i bambini iscritti alla mensa scolastica ben 153 su circa 1200 vivono in famiglie con reddito al di sotto del minimo vitale, a cui manca il necessario per una vita minimamente dignitosa. Per tutti questi bambini il pranzo della mensa costituisce molto probabilmente l unico pasto completo della giornata. L altra novità con la quale il Servizio Sociale si è rapportata è l interruzione della fornitura di energia elettrica. Negli anni passati erano state interrotte parecchie utenze di gas metano 6

7 ma mai come in questi primi 9 mesi del 2013 alle famiglie è stata tagliata la luce. Dal nostro parziale osservatorio riteniamo che nessuna famiglia si faccia tagliare la luce se ha a disposizione delle risorse economiche, dato che le bollette non sono solitamente molto elevate. Ma nel 2013 si è dovuto intervenire sia per riattivare la fornitura, pagando i costi del riallaccio, che per evitare l interruzione quando l ente gestore aveva già provveduto alla diminuzione dell erogazione. In questo oscuro quadro ci sono alcune piccole novità che abbiamo provato a sperimentare. Nel mese di Ottobre il Comune inizierà a sperimentare il Voucher lavoro per i disoccupati, consentendo ad alcuni di essi di guadagnare qualcosa attraverso attività saltuarie ed accessorie e di portare a casa denaro frutto di lavoro e non di ammortizzatori sociali, che già hanno perso, o di un contributo economico a fondo perduto che diversi di loro già ricevono. Le Associazioni e privati cittadini hanno ben risposto alla richiesta del Comune di raccogliere generi alimentari da destinare ai pacchi/spesa di Caritas e San Vincenzo, dimostrando sensibilità e voglia di aiutare i più deboli anche lasciando alimenti nelle ceste presso il Municipio. La Casa per emergenza abitativa aprirà tra poco le sue porte a chi non ha più un tetto dato che in questi giorni si sta pubblicando la nuova gara di appalto per la sua gestione e per selezionare un progetto di housing sociale e politiche abitative da realizzare nel Comune di Nerviano. Quello che abbiamo davanti sarà un anno impegnativo. Il personale dei Servizi Sociali ne è consapevole ed è pronto ad aiutare i cittadini più in difficoltà. La Responsabile dei Servizi Sociali Ivana Vignati Le Assistenti Sociali Annamaria Dell Università Alice Gallinaro Silvia Rimoldi Francesca Sala La pedagogista Maria Celestina Fratangelo 7

8 PARTE PRIMA Descrizione dei servizi e delle attività 8

9 Area Prima Infanzia ASILO NIDO Scopo del servizio Lo scopo del servizio è offrire alle famiglie uno spazio di accudimento protetto e idoneo ad un affido prolungato, che consenta un graduale distacco dalla figura materna e un progresso dell'autonomia dei bambini e delle bambine, dando ai gruppi di coetanei la possibilità di sperimentare nuove attività creative con il supporto di educatrici professionali, che restino a disposizione anche per le esigenze comunicative delle famiglie. Descrizione del servizio E' un servizio creato per le bambine e i bambini da 6 mesi a 3 anni che offre degli spazi adeguati alle prime esperienze educative di gioco e socializzazione, consentendo alle figure adulte di riferimento di avere incontri di confronto con operatori esperti. Accesso al servizio E possibile presentare la domanda di iscrizione, dopo la nascita del bambino/a, durante tutto l anno. Tutte le domande presentate entro il 30 aprile di ogni anno concorrono alla graduatoria degli inserimenti a partire da settembre dell anno educativo successivo. La graduatoria viene pubblicata entro il 15 maggio. I bambini non ammessi e gli iscritti dopo il 30 aprile faranno parte delle liste di attesa e verranno chiamati in caso di rinuncia degli aventi diritto. Documentazione per accedere al servizio Presso la Segreteria dei Servizi Sociali o sul sito internet del Comune è possibile reperire il modulo di iscrizione da consegnare compilato all Ufficio Protocollo del Comune. Tempi L'asilo nido è aperto da Settembre a Luglio, dal lunedì al venerdì. Sono previste diverse fasce di frequenza: TEMPO PIENO: l'ingresso è consentito dalle ore 7.30 alle ore 9.15; l'uscita dalle ore alle ore 16.30; TEMPO PROLUNGATO (solo per genitori con comprovate esigenze lavorative): l'ingresso è consentito dalle 7.30 alle 9.15; l'uscita dalle alle 18.00; TEMPO PARZIALE MATTINA: l'ingresso è consentito dalle 7.30 alle 9.15; l'uscita dalle alle 13.00; TEMPO PARZIALE POMERIGGIO: l'ingresso è consentito dalle alle 13.00; l'uscita dalle alle Per garantire le 47 settimane di apertura del servizio, ai sensi della normativa regionale vigente e secondo il calendario annuale, l Asilo Nido può rimanere aperto anche la prima settimana di Agosto per i bambini i cui genitori dichiarano di voler usufruire del servizio. Costi Le tariffe mensili per la frequenza all Asilo Nido per i bambini residenti sono le seguenti: - TEMPO PIENO (pasto compreso). Max 430,00 Min 43,00; - TEMPO PROLUNGATO (pasto compreso)..max 462,00 Min 46,00; - PART-TIME MATTINA (pasto compreso) Max 330,00 Min 33,00; - PART-TIME POMERIGGIO (pasto escluso).max 231,00 Min 23,00. 9

10 CENTRO PRIMA INFANZIA MONDO BAMBINO La gestione del Centro Prima Infanzia Mondobambino è affidata in concessione per il periodo alla Cooperativa Sociale Stripes di Rho. Scopo del servizio Offrire alle famiglie un sostegno nella gestione quotidiana dei più piccoli e consentire opportunità educative, di socializzazione e di gioco con altri bambini, nonché una progressiva autonomia e le prime esperienze di distacco e differenziazione dalla figura materna. Descrizione del servizio Un luogo sereno e stimolante, un luogo di cura ed educazione, confronto e collaborazione tra genitori e personale educativo. Il Centro ospita bambini dai 6 mesi ai 3 anni, dando loro la possibilità di fare esperienze di alto valore educativo per poter crescere e rapportarsi con i coetanei, tutto ciò accompagnati da un educatrice di riferimento che li segue giorno dopo giorno. Accoglie infatti, in modo non continuativo, i bambini senza la presenza dei genitori e/o adulti di riferimento. Offre quindi una possibilità di sostegno nella gestione quotidiana dei più piccoli integrando e ampliando l azione dei nidi. La flessibilità è una caratteristica dell assetto organizzativo: la possibilità, per ciascun bambino, di frequentare in giornate diverse. Accesso al servizio Le modalità di accesso al servizio sono curate e pubblicizzate dalla cooperativa Documentazione per accedere al servizio Nessuna documentazione è richiesta per l accesso al servizio. Tempi Il servizio è aperto da Ottobre a Luglio, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore presso la sede di Mondobambino, situato all interno del Polo Sociale in Via Vittorio Veneto n. 12. Costi Il costo del servizio è di 5,00 all ora. SERVIZI INTEGRATIVI CENTRO PRIMA INFANZIA MONDO BAMBINO Come lo scorso anno, è facoltà della Cooperativa Stripes, che ha in concessione il Centro, attivare altri servizi integrativi per bambini 0/6 anni e per le loro famiglie secondo quanto proposto nel Progetto contenuto nell Offerta Tecnica. Descriviamo di seguito i possibili servizi integrativi: TEMPO PER LE FAMIGLIE (SO-STARE INSIEME: 6 BAM. 2 V. LA SETT. DALLE 16 ALLE 18) Il servizio promuove occasioni di benessere relazionale tra genitori e figli e tra famiglie. Si rivolge a famiglie con bambini da 0 a 3 anni non iscritti al nido. E un opportunità di incontro e socializzazione. La presenza costante delle educatrici introduce l adulto in uno spazio accogliente di ascolto dove superare la percezione di sentirsi soli e aprirsi al confronto. Contemporaneamente i bambini hanno modo di incontrare ed osservare coetanei ed adulti aumentando e diversificando i riferimenti in uno spazio pensato per loro. LUDOTECA E SPAZI LABORATORIO (POMELIE : 2 POM. AL MESE PER BAMBINI DAI 6 M. AI 3 ANNI) Il servizio è rivolto a bambini dai 6 mesi ai 6 anni, ai loro genitori e famigliari. Il servizio ha una finalità educativa e di promozione del benessere che si esprime tramite lo svolgimento di attività e laboratori. La ludoteca si pone come luogo accogliente in cui gli adulti e i bambini possono sperimentare la pratica dell autoeducazione, dell ascolto, del radicamento sul territorio favorendo la maturazione di una comunità consapevole e promuovendo la cultura del gioco inteso come esperienza formativa, sperimentale e socializzante. CENTRO RICREATIVO ESTIVO E FERIALE Si realizza durante i periodi di vacanza (estiva, natalizia, pasquale), risultando così un servizio innovativo rispetto alla normale attività dei servizi per l infanzia attivati durante l anno. Si rivolge sia ai bambini che frequentano i servizi per l infanzia, sia ai bambini che frequentano la scuola dell infanzia. 10

11 PROPOSTE PER IL FINE SETTIMANA Sono attività della durata di 6/8 moduli bimestrali, rivolte tendenzialmente alla coppia adulto/bambino. Le proposte: - lo sportello genitori Il posto delle parole su appuntamento - Arte-terapia - Musica in culla - Massaggio Infantile - Garden in Arte - Aperitivo con l ospite PIANO TRIENNALE PER LA PRIMA INFANZIA Il piano zonale per la prima infanzia, come strumento programmatico introdotto dalla Regione Lombardia con la DGR n. VIII/11152 per la realizzazione di un piano straordinario per lo sviluppo integrato dei servizi socio-educativi, ha tratto origine dall intesa Governo-Regioni-Province Autonome e ha previsto l acquisto da parte del sistema pubblico di posti in asili nido già autorizzati nel sistema privato grazie anche ai fondi stanziati dalla Regione e ripartiti ai Comuni della zona dell Ambito di Legnano. Tale Piano, che doveva concludersi a luglio 2013, è stato prorogato per un anno educativo (settembre 2013 luglio 2014) al fine di poter esaurire i fondi già stanziati. Scopo Gli interventi programmati hanno gli obiettivi di produrre maggior equità sociale, di scelta dei genitori e di sostegno delle capacità di spesa delle famiglie, promuovendo così una riduzione delle liste di attesa negli asili nido pubblici e una equiparazione dei costi a carico delle famiglie offrendo l accesso ad un nido privato allo stesso costo del servizio pubblico (con applicazione riduzioni ISEE se richieste). Il Comune di Nerviano ha così stipulato due convenzioni, a partire dall estate 2011, con i nidi privati del territorio: l asilo nido integrato alla Scuola Materna di Nerviano e l asilo nido parrocchiale S. Anna. I posti a disposizione sono 6. Descrizione A 6 famiglie di bambini che risultano iscritti nelle liste di attesa dell asilo comunale Il nido di Pimpa, viene offerta la possibilità di accedere ad un posto in uno dei due asili nido convenzionati pagando una retta che viene calcolata con le stesse modalità utilizzate per il nido comunale. Area Minori SERVIZIO DI TUTELA MINORI Scopo del servizio Lo scopo del Servizio di Tutela Minori è quello di tutelare i bambini e i ragazzi in condizione di pregiudizio ai sensi degli art e segg. del codice civile. Il Servizio Tutela Minori si occupa delle famiglie sottoposte ai provvedimenti dell Autorità Giudiziaria (Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni e/o presso il Tribunale Ordinario, Tribunale per i Minorenni, Tribunale Ordinario) al fine di sostenere i genitori nel loro ruolo genitoriale e garantire protezione ai minori, che in caso di grave pregiudizio possono essere allontanati da casa e inseriti in progetti di accoglienza. Il Servizio svolge, su mandato dell Autorità Giudiziaria, indagini psico-sociali sul nucleo familiare, sulle condizioni di vita dei minori e sulle capacità genitoriali, inoltre monitora e sostiene la famiglia per lo svolgimento delle prescrizioni emesse dall autorità giudiziaria competente, anche prevedendo l inserimento dei minori presso comunità educative, progetti di avvio all autonomia o in famiglie affidatarie. Descrizione del servizio Proprio per le particolari responsabilità legate a questo Servizio, sono obbligatoriamente presenti sia la figura dell Assistente Sociale che quella dello Psicologo che impostano il progetto di indagine psico- 11

12 sociale, l intervento di sostegno e il monitoraggio a favore del minore e della sua famiglia. Gli operatori collaborano con tutte le agenzie del territorio (scuole, pediatri, Neuropsichiatria Infantile, consultori familiari, servizi specialistici quali Servizio per le tossicodipendenze (sert), Nucleo Operativo Alcoldipendenze (NOA) Centro Psico-Sociale (CPS), ecc.) per sostenere i genitori nel loro ruolo. Inoltre, l Assistente Sociale mantiene regolari contatti con le comunità, il Servizio Affidi e il Servizio Adozioni. Attivazione al servizio Il Servizio è attivato su mandato dell Autorità Giudiziaria a seguito dei provvedimenti emessi dalla Autorità Giudiziaria (Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni, dal Tribunale per i Minorenni, Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario e Tribunale Ordinario, in particolare dalla Sez. IX civile del Tribunale Ordinario. Documentazione per attivazione del servizio Prescrizioni dell Autorità Giudiziaria. Per adempiere alle prescrizioni dell Autorità Giudiziaria, l Assistente Sociale può richiedere alla famiglia e/o ai servizi territoriali relazioni e certificazioni di vario genere. Tempi L Assistente Sociale del Servizio contatta le famiglie al ricevimento del mandato dell Autorità Giudiziaria competente. SERVIZIO PENALE MINORILE Scopo del servizio Lo scopo del Servizio Penale Minorile è fornire assistenza al minore autore di reato sottoposto a provvedimento dell Autorità Giudiziaria in tutto il periodo del processo, ai sensi del DPR 448/98 Approvazione delle disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni. Il Servizio, inoltre, è competente del fornire assistenza al minore nel caso di sospensione del processo e di prescrizione di Messa alla Prova. Descrizione del servizio Il Servizio svolge un indagine psico-sociale sul minore e, se del caso, sulla famiglia al fine di raccogliere elementi circa le condizioni e le risorse personali, familiari, sociali e ambientali del minorenne e ne redige una relazione. Lo scritto è parte degli elementi che verranno utilizzati dal Pubblico Ministero e dal Giudice per la valutazione della situazione al fine di accertarne l imputabilità e il grado di responsabilità, valutare la rilevanza sociale del fatto, allo scopo di disporre le adeguate misure penali e adottare gli eventuali provvedimenti civili. Nel caso di sospensione del processo e di prescrizione di messa alla prova il Servizio affianca il minore nelle prescrizioni indicate dal Tribunale per i Minorenni fino alla conclusione del processo. La messa alla prova è un procedimento specifico previsto nel processo penale minorile che prevede la sospensione del processo per un tempo determinato, l affido del minore ai Servizi Sociali per l attivazione di specifiche attività di cura e di sostegno che possono prevedere anche attività socialmente utili. Al termine del periodo, il Tribunale valuta l esito della messa alla prova e conclude il processo con una condanna in caso di esito negativo o con una dichiarazione di estinzione di reato nel caso di esito positivo. Poiché l ente locale è competente solo per i minori a piede libero, il Servizio si svolge in collaborazione con l Ufficio Servizio Sociale Minorile del Ministero di Giustizia, competente per i minorenni autori di reato e sottoposto a prescrizioni limitative della libertà. Attivazione del servizio Il Servizio è attivato su mandato dell Autorità Giudiziaria a seguito dei provvedimenti emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni o dal Tribunale per i Minorenni ai sensi del DPR 448/98 Approvazione delle disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni. Documentazione per attivazione del servizio Prescrizioni dell Autorità Giudiziaria. Per adempiere alle prescrizioni dell Autorità Giudiziaria, l Assistente Sociale può richiedere alla famiglia e/o ai servizi territoriali relazioni e certificazioni di vario genere. 12

13 Tempi L Assistente Sociale del Servizio contatta le famiglie al ricevimento del mandato dell Autorità Giudiziaria competente. SERVIZIO DI EDUCATIVA DOMICILIARE (S.E.D.) Scopo del servizio Lo scopo del Servizio di Educativa Domiciliare è favorire il benessere e la tutela di bambini e adolescenti, a rischio di devianza, in condizioni di disagio socio-familiare e/o con difficoltà scolastiche tramite interventi domiciliari di educatori professionali. Il SED comunale viene utilizzato principalmente nelle situazioni in cui è previsto l intervento a seguito di provvedimenti del Tribunale per i Minorenni e il Tribunale Ordinario. Il Servizio viene utilizzato anche nelle situazioni dove è evidenziato un disagio che può essere contenuto e/o risolto prima dell intervento del Tribunale per i Minorenni; si configura quindi come servizio di prevenzione secondaria, finalizzato a ridurre il rischio per i minori. Il Servizio di Educativa Domiciliare viene erogato anche attraverso fondi del Piano di Zona con lo strumento del Voucher. Il SED voucherizzato viene utilizzato principalmente nelle situazioni in cui il minore ha una certificazione di disabilità, è seguito dalla Neuropsichiatria Infantile o ha un certificato di diagnosi funzionale, allo scopo di consentire un supporto al suo adeguato sviluppo psico-fisico e alle sue relazioni familiari. Descrizione del servizio L educatore professionale si reca al domicilio del minore o nei luoghi di aggregazione per sostenere e favorire l educazione, la socializzazione, l apprendimento di regole sociali finalizzate al benessere del bambino/ragazzo. L educatore professionale può svolgere un importante ruolo di osservazione e/o monitoraggio delle relazioni parentali e genitoriali e fornire importanti elementi osservativi per le valutazioni psico-sociali e delle capacità genitoriali richieste dal Tribunale per i Minorenni o dal Tribunale Ordinario (per le separazioni dei coniugi). Inoltre può sostenere, mediare, agevolare le relazioni tra fratelli o tra minore e genitore. Accesso al servizio Al Servizio si può accedere liberamente chiedendo appuntamento all Assistente Sociale dell Area Minori o all Assistente Sociale dell Area Famiglie quando i genitori si accorgono della presenza di difficoltà educative e/o di disagio sociale. Il Servizio può essere erogato anche su mandato dell Autorità Giudiziaria quando esso è previsto nelle prescrizioni dei provvedimenti del Tribunale per i Minorenni e/o della Sez. IX civile del Tribunale Ordinario. Documentazione per accedere al servizio Non è prevista alcuna documentazione specifica. L Assistente Sociale può richiedere alla famiglia la documentazione necessaria per il progetto di intervento. Per l avvio del progetto di ADM il servizio predispone un progetto individualizzato Tempi Il Servizio viene erogato dopo l elaborazione del Progetto individualizzato di intervento predisposto in collaborazione con la famiglia e i servizi i territoriali che hanno in carico il minore. Costi Il servizio di assistenza domiciliare è gratuito per le famiglie. SERVIZIO MINORI DISABILI Scopo del servizio Lo scopo del Servizio Minori Disabili è quello di favorire il benessere dei minori che esprimono difficoltà comportamentali, scolastiche e di inserimento sociale a causa di patologie invalidanti. Il Servizio ha l obiettivo di individuare precocemente segnali di difficoltà e di inviare la famiglia al servizio specialistico per una valutazione approfondita, utile per il più celere intervento e sostegno allo sviluppo psico fisico dei minori. Inoltre si pone come punto di riferimento per le famiglie nel periodo dell obbligo scolastico. 13

14 Descrizione del servizio L Assistente Sociale, la Scuola e il servizio di Neuropsichiatria Infantile predispongono progetti individualizzati di sostegno alla famiglia anche accompagnandola nel percorso di certificazione dell invalidità civile per i loro figli. La presa in carico di nuovi bambini e il monitoraggio delle situazioni nel corso dell anno scolastico è garantito da un Assistente Sociale e da una pedagogista della Coop. Stripes e dalla Pedagogista comunale presente nelle scuole dell infanzia. Accesso al servizio Al Servizio si può accedere liberamente chiedendo appuntamento con l Assistente Sociale che si occupa dei minori disabili o su invio dei servizi specialistici e scolastici territoriali. Documentazione per accedere al servizio Non è prevista alcuna documentazione specifica. L Assistente Sociale può richiedere la documentazione necessaria per il progetto di sostegno. Tempi Il servizio viene attivato a seguito del primo colloquio con l Assistente Sociale e della valutazione del caso. SERVIZIO DI SOSTEGNO HANDICAP PER MINORI INSERITI NELLE SCUOLE Scopo del servizio Lo scopo del Servizio di Sostegno Handicap è favorire il benessere e la piena integrazione dei bambini e adolescenti inseriti nelle strutture scolastiche che, a causa di una patologia invalidante, sono in condizione svantaggiata. L Assistente Sociale e le pedagogiste, si occupano dei minori disabili inserite presso tutte le scuole del territorio. Le pedagogiste e l Assistente Sociale, in collaborazione con la coordinatrice dei servizi scolastici della Coop. Stripes, appaltatrice del servizio, perseguono il lavoro di messa in rete degli interventi, al fine di predisporre per ogni minore una presa in carico globale che meglio possa rispondere ai suoi bisogni. A seguito dell elaborazione del P.E.I. (Progetto Educativo Individualizzato), si attiva il sostegno di un educatore professionale che affianca gli insegnanti di classe e l insegnante di sostegno fornito dalla Scuola. Si tratta pertanto di un monte ore aggiuntivo a quello offerto dalla Scuola affinché i bambini disabili possano godere di ore maggiori di co-presenza. Tale servizio garantisce l inserimento a scuola anche dei minori con handicap grave che necessitano di rapporto 1:1 (1 educatore per un bambino) nelle attività principali della giornata. Descrizione del servizio L educatore professionale si reca nel gruppo classe del minore disabile e affianca le insegnanti di classe per offrire maggiore attenzione e metodologie adeguate per favorire l apprendimento. Se necessario il rapporto 1:1 può proporre attività specifiche e/o garantire assistenza per i bisogni legati agli atti quotidiani della vita offrendo occasioni di apprendimento anche riguardo alle autonomie indispensabili alla vita di relazione. Gli educatori partecipano alla predisposizione del Progetto Educativo Individualizzato e al monitoraggio della sua realizzazione con i genitori, le insegnanti, la pedagogista, la Neuropsichiatria Infantile e l Assistente Sociale. Sono coordinati da personale specializzato della Coop. Stripes, appaltatrice comunale. La coordinatrice Stripes mantiene stretto collegamento con l équipe minori del Comune e in particolare con l Assistente Sociale Area Minori. Accesso al servizio Al servizio si può accedere liberamente chiedendo appuntamento all Assistente Sociale che si occupa di minori e di famiglia. Il servizio viene attivato in collaborazione con la Neuropsichiatria Infantile che procede con una valutazione per l individuazione del progetto più adeguato ai bisogni dei minori disabili. Documentazione per accedere al servizio 14

15 L Assistente Sociale richiede la documentazione necessaria per il progetto di intervento, quali diagnosi funzionali, certificazione di Handicap, ecc. anche direttamente ai servizi neuropsichiatrici territoriali, in accordo con la famiglia. Tempi Il servizio viene erogato per tutto l anno scolastico. SOSTEGNO SCOLASTICO PER DISABILI SENSORIALI Scopo del servizio Lo scopo del sostegno scolastico per i disabili sensoriali è favorire il benessere e la piena integrazione dei bambini e adolescenti inseriti nelle strutture scolastiche che, a causa di una patologia invalidante di tipo sensoriale, sono in condizione svantaggiata. Questo servizio permette l affiancamento scolastico di un assistente alla comunicazione ai bambini certificati con disabilità sensoriale (uditiva e visiva). Dall anno scolastico 2011/2012 tale servizio è stato delegato al Piano di Zona, per questo motivo ogni Comune eroga ore-voucher utili alla presenza di un assistente alla comunicazione per i minori con disabilità sensoriale. Il Comune di Nerviano ha tuttavia garantito la continuità dell educatore che precedentemente affiancava il minore. Descrizione del servizio L assistente alla comunicazione aiuta il disabile a comprendere le nozioni didattiche, a comunicare con gli insegnanti e i compagni, a migliorare le modalità di espressione e ad instaurare relazioni positive con l esterno. Beneficiari del supporto sono: - i non vedenti o ipovedenti, con visus non superiore ai 2/10 in ciascun occhio, pur corretto da lenti - i non udenti o ipoacusici, con perdita uditiva superiore a 60 decibel, pur compensata da protesi. Accesso al servizio Al servizio si può accedere liberamente chiedendo appuntamento all Assistente Sociale della Coop Stripes per i minori inseriti in tutte le scuole fino alla Secondaria di primo grado e all operatrice dell Area disabili per gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado. Il servizio viene attivato in collaborazione con la Neuropsichiatria Infantile, la Provincia di Milano, il Piano di Zona e le cooperative accreditate che forniscono l assistente alla comunicazione. Documentazione per accedere al servizio L Assistente Sociale richiede la documentazione necessaria per il progetto di intervento, quali diagnosi funzionali, certificazione di Handicap ecc. anche direttamente ai servizi neuropsichiatrici territoriali, in accordo con la famiglia. Tempi Il servizio viene erogato per tutto l anno scolastico. Costi Per le famiglie il servizio è gratuito. SERVIZIO DI PREVENZIONE AL DISAGIO MINORILE Scopo del servizio Lo scopo del Servizio Prevenzione al Disagio Minorile è quello di individuare le situazioni di disagio sociale, familiare e ambientale e intervenire precocemente per favorire la rapida risoluzione dei problemi. Il Servizio di Prevenzione al Disagio Minorile si occupa di analizzare il bisogno dei minori presenti sul territorio e studiare progetti finalizzati alla loro crescita serena ed armoniosa all interno della propria famiglia. In particolare si collabora con le scuole per favorire l adempimento dell obbligo scolastico. Descrizione del servizio La peculiarità e la delicatezza delle situazioni gestite rendono necessaria la presa in carico del nucleo familiare attraverso interventi multiprofessionali sia all interno del servizio comunale, sia attraverso una puntuale collaborazione con la rete dei servizi specialistici territoriali, quali Consultorio Familiare, 15

16 Scuola, Neuropsichiatria Infantile, Centro Psico Sociale, Nucleo Alcolisti, Servizio per le Tossicodipendenze, ecc Altrettanto preziosa la collaborazione con la rete del terzo settore e con i referenti dei servizi appaltati. Con le scuole si è attivata una fitta collaborazione al fine di agevolare i ragazzi e le loro famiglie per l adempimento dell obbligo scolastico attraverso una segnalazione tempestiva delle assenze. Accesso al servizio Al servizio si può accedere liberamente chiedendo appuntamento con l Assistente Sociale dell Area Minori e dell Area Famiglie. Documentazione per accedere al servizio Non è prevista nessuna documentazione specifica. L Assistente Sociale può richiedere la documentazione necessaria per il progetto di intervento. Tempi Il servizio viene attivato a seguito del primo colloquio con l Assistente Sociale e della valutazione del caso. Costi Il servizio è gratuito. SERVIZIO NON SONO GIANBURRASCA Scopo del servizio Il centro ricreativo diurno Non Sono Gianburrasca si inserisce nelle attività del servizio di prevenzione al disagio minorile. E uno spazio pensato e strutturato per le attività didattiche e ludico-ricreative dedicate ai ragazzi delle scuole medie. Descrizione del servizio Il Servizio Non Sono Gianburrasca è aperto da Ottobre a Giugno di ogni anno, dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore per lo svolgimento dei compiti e dalle alle ore per i laboratori ludico- ricreativi. Nel mese di Giugno da alcuni anni i ragazzi frequentanti la 3 classe della scuola secondaria di primo grado vengono aiutati in piccolo gruppo nella preparazione dell Esame di Stato. Nell anno scolastico 2013/2014 il servizio è aperto per un pomeriggio alla settimana, dalle 16,30 alle ai ragazzi frequentanti il 4 e 5 anno della scuola primaria, in alternativa ai ragazzi della scuola secondaria. Per una sera alla settimana in orario 18,30-21,30 è prevista l apertura per gli adolescenti dei primi 3 anni della scuola secondaria di secondo grado. Accesso al servizio Il Servizio Non Sono Gianburrasca è a numero chiuso. Il centro accoglie un massimo di 30/35 ragazzi ogni giorno. I genitori devono compilare la scheda di iscrizione e consegnarla all Ufficio Protocollo del Comune. L Assistente Sociale Area Minori e la coordinatrice della cooperativa appaltatrice valutano le richieste e ne compongono il gruppo. Documentazione per accedere al servizio Domanda di iscrizione. Tempi Nel mese di Settembre si raccolgono le domande e ad Ottobre iniziano le attività. Non Sono Gianburrasca segue l apertura del calendario scolastico. Costi Il servizio è gratuito. SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE Scopo del servizio Il Servizio di Mediazione Linguistica e culturale è rivolto ai minori stranieri immigrati negli ultimi 2 anni presenti nelle nostre scuole dell obbligo allo scopo di garantire un adeguato inserimento attraverso il sostegno di una mediatrice linguistica. 16

17 Descrizione del servizio e accesso All inizio di ogni anno scolastico i dirigenti informano l Assistente Sociale comunale dell elenco dei minori stranieri presenti nella scuola che necessitano di un sostegno linguistico-culturale. Nel primo mese di frequenza la mediatrice organizza momenti di osservazione e di confronto con le insegnanti per la valutazione del bisogno, successivamente l Assistente Sociale e la mediatrice pianificano il monte ore a disposizione. La mediatrice, durante l orario scolastico organizza momenti di sostegno con rapporto 1:1 con gli alunni selezionati o lavora in piccoli gruppi. Tempi Il servizio viene erogato subito dopo l osservazione dei minori. Costi Il servizio è gratuito. SERVIZIO DI CONSULENZA PEDAGOGICA NELLE SCUOLE Scopo del servizio Il Servizio di consulenza pedagogica ha lo scopo di integrare, facilitare e promuovere la co-costuzione di interventi efficaci sul piano educativo, didattico, formativo e relazionale a favore degli alunni. Il pedagogista ha il compito di mettere in rete i servizi sociali, sanitari ed educativi per meglio definire i progetti individualizzati per i minori e le loro famiglie. E stato attivato a Settembre 2013 in quanto questo servizio è stato inserito nell appalto dei servizi educativi e scolastici aggiudicato alla Coop. Stripes. Descrizione del servizio e accesso La pedagogista della Coop. Stripes, si occupa dei ragazzi inseriti presso la Scuola Primaria e Secondaria di primo grado mentre la pedagogista comunale si occupa dei bambini inseriti nell Asilo Nido e nelle Scuole dell Infanzia. Le pedagogiste si confrontano e danno suggerimenti agli insegnanti e agli operatori scolastici affinchè possano occuparsi degli alunni più fragili e con bisogni educativi speciali, attivando le metodologie più opportune. Possono dare indicazioni ai genitori che lo richiedono e fare osservazioni dei bambini nei gruppi classe. Collaborano con l équipe minori del Comune al fine di affrontare in maniera integrata le problematiche e le difficoltà dei minori. Le pedagogiste operano presso le scuole e gli insegnanti possono chiedere la loro consulenza. Area Disabili CENTRI DIURNI PER DISABILI: Centri Socio-Educativi (CSE) e Servizi di Formazione all Autonomia (SFA) Descrizione del servizio I Centri Diurni offrono un servizio semiresidenziale con lo scopo di garantire assistenza socioeducativa a disabili, sia adulti che minori. - CENTRI SOCIO EDUCATIVI (CSE): servizio diurno rivolto a soggetti la cui fragilità non richieda interventi di natura sanitaria. Propone interventi socio-educativi o socio-animativi finalizzati all autonomia personale, alla socializzazione, all acquisizione e al mantenimento del livello culturale. E possibile inserire anche disabili minori di età quando, su indicazione del Servizio di Neuropsichiatria Infantile, non è possibile inserirli a tempo pieno nelle scuole. Nel Progetto Educativo Individualizzato elaborato dagli insegnanti, insieme ai genitori, alla Neuropsichiatria Infantile e all Assistente Sociale, si può prevedere un inserimento presso i Centri Diurni in alcuni orari o giorni della settimana. 17

18 - SERVIZIO FORMAZIONE ALL AUTONOMIA (SFA): è finalizzato a favorire l inclusione sociale e l acquisizione di autonomie utili all inserimento professionale. Si rivolge a disabili (fra 16 e 35 anni - over 35 con esiti da trauma) che non necessitano di servizi ad alta protezione, ma interventi di sviluppo di abilità (consapevolezza, autodeterminazione) e autonomie spendibili nel contesto familiare, sociale e professionale. Accesso al servizio Si può chiedere appuntamento all Assistente Sociale che si occupa di disabili adulti o minori disabili. Documentazione per accedere al servizio L Assistente Sociale richiede la documentazione necessaria per il progetto di intervento, quali diagnosi funzionali, certificazione di Handicap ecc. Tempi I Centri Diurni Disabili funzionano da lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 16.30/18 circa da settembre a luglio. Costi Il servizio educativo e il trasporto al Centro sono gratuiti. Alle famiglie viene richiesto attualmente il pagamento del buono pasto per ogni giorno di presenza. I minori in età compresa tra i 6 e i 14 anni, che frequentano i Centri Diurni pagano il pasto con le stesse modalità della mensa scolastica, quindi possono accedere alle riduzioni ai sensi della certificazione ISEE. SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL) Scopo del servizio Il Servizio Inserimenti Lavorativi (S.I.L.) è finalizzato all'attivazione di percorsi di inserimento lavorativo mirato, grazie all'analisi delle capacità della persona e delle caratteristiche del posto di lavoro. Si rivolge a persone con certificazione di invalidità civile (superiore al 46%) e iscritte nelle liste del collocamento obbligatorio, che vogliono trovare una postazione lavoro adatta alle proprie capacità. Descrizione del servizio Rivolgendosi al Servizio si ha la possibilità di studiare un progetto di avvicinamento o ingresso nel mondo del lavoro, attraverso esperienze di tirocinio e/o borsa lavoro, in collaborazione con gli uffici del Collocamento Obbligatorio. L operatrice del Servizio Inserimenti Lavorativi, dopo aver ben conosciuta la situazione, elabora un progetto individualizzato di inserimento lavorativo, da realizzarsi attraverso l utilizzo di strumenti propedeutici all avviamento al lavoro quali borse lavoro e tirocini lavorativi. Nel 2012 è stata definita l intesa con il Centro per l Impiego di Legnano, ente accreditato per la richiesta di Doti Lavoro provinciali. Grazie a tale accordo, alla riapertura dei bandi EMERGO (sistema di finanziamento) il SIL può segnalare i nominativi degli utenti aventi le caratteristiche specifiche richieste dal bando stesso, affinchè il Centro per l Impiego tenti la prenotazione della Dote, che essendo in numero limitato vengono esaurite nel giro di poche ore. Accesso al servizio Presso la Segreteria dei Servizi Sociali è possibile fissare un appuntamento con l operatrice del Servizio Inserimenti Lavorativi. Documentazione per accedere al servizio Essere in possesso di certificazione di invalidità civile rilasciata dall apposita Commissione Medica per l accertamento dell invalidità civile della ASL Milano1. Inoltre è opportuno presentare: 1. documentazione medica; 2. iscrizione all'ufficio di collocamento obbligatorio e/o ordinario; 3. documentazione scolastica e/o professionale; 4. documentazione di precedenti esperienze lavorative. Costi Il servizio è gratuito. 18

19 SERVIZIO ORIENTAMENTO DISABILI E LAVORATORI FRAGILI Scopo del servizio Il Servizio è finalizzato all identificazione di un percorso personalizzato relativo alle scelte formative e occupazionali. Il servizio è rivolto in modo particolare ai cittadini con limitazioni fisiche, psichiche o sensoriali, certificate o meno, nelle seguenti fasi: - giovani che abbiano assolto l obbligo scolastico, - lavoratori che abbiano subìto un significativo peggioramento delle proprie condizioni psicofisiche a causa di patologia o trauma che rende difficile/impossibile la prosecuzione dell attività lavorativa in corso. Descrizione del servizio L attività di orientamento fornisce un supporto concreto e specifico, che si diversifica in base ai bisogni e alla situazione di ciascuno: PER chi ha ottenuto riconoscimento di invalidità: informazioni sulle diverse opportunità formative (Corsi di Formazione Professionale- Corsi finanziati Dote lavoro), stesura del curriculum professionale e preparazione al colloquio di lavoro, - indicazioni relative ai diversi canali di avvicinamento al mercato del lavoro (Centri per l impiego, agenzie di selezione, bollettini lavoro, ricerca postazioni tramite internet, ecc.); PER chi presenta difficoltà psicofisiche non certificate: - valutazione dell opportunità di accedere al Collocamento Obbligatorio e conseguente supporto nell iter burocratico (istanza per invalidità civile ecc). PER soggetti disoccupati particolarmente fragili dal punto di vista psichico e sociale: colloqui di orientamento, stesura curriculum vitae, al fine di attivare nuove e più efficaci strategie di ricerca lavoro. In queste situazioni di maggiore fragilità, in cui manca anche qualsiasi fonte di sostentamento economico, l Amministrazione Comunale ha avviato delle Borse Lavoro Socializzanti, inserendo il lavoratore fragile presso Cooperative e Associazioni in postazioni lavoro facilitate, garantendo l erogazione della Borsa Lavoro nelle stesse misure e modalità utilizzate per i lavoratori disabili: Questa misura consente il mantenimento delle autonomie lavorative e quindi un auspicabile rientro nel mercato del lavoro a crisi conclusa e un minimo di reddito necessario per il soddisfacimento dei bisogni essenziali. Tale intervento, a volte, è integrato da un piccolo contributo economico a fondo perduto in quanto il compenso derivante dalla Borsa Lavoro è di molto inferiore al Minimo Vitale. Accesso al servizio Presso la Segreteria dei Servizi Sociali è possibile fissare appuntamento con l operatrice del Servizio Inserimenti Lavorativi. Documentazione per accedere al servizio Documentazione sanitaria che attesti la limitazione fisica, psichica o sensoriale. Costi Il Servizio è gratuito. SERVIZIO DI AIUTO ALLA VITA INDIPENDENTE (SAVI) Leggi 104/92 e 162/98 Scopo del servizio Il Servizio di Aiuto alla Vita Indipendente ha lo scopo di permettere alla persona affetta da handicap grave, con gravi compromissioni motorie ma con capacità di autodeterminare le proprie scelte, di continuare a vivere nella propria casa e nel proprio ambiente di vita attraverso l offerta di prestazioni socio-assistenziali ed educative. Ha l obiettivo di facilitare la vita indipendente di disabili gravi finanziando progetti rivolti a persone affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali, che comportano una riduzione dell autonomia personale, correlata all età, che rende necessario un 19

20 intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella relazionale. Descrizione del servizio Il Servizio finanzia iniziative di sostegno e accompagnamento alla persona disabile e al nucleo familiare attraverso progetti personalizzati che prevedano prestazioni integrative degli interventi realizzati dagli Enti Locali. Le tipologie di intervento per le quali sono predisposti i progetti personalizzati sono: A. attività di sostegno alla persona disabile e alla sua famiglia mediante interventi di servizio di assistenza domiciliare specifici, realizzati sia presso la dimora familiare sia in alloggi protetti; B. interventi per lo sviluppo di progetti alla vita indipendente in una prospettiva di distacco dal nucleo familiare da realizzare attraverso l utilizzo di strutture residenziali e/o comunitarie; questi percorsi possono riguardare anche persone disabili che vivono già autonomamente e che hanno come obiettivo la propria e totale indipendenza; C. interventi di sollievo alle famiglie di persone disabili, realizzati attraverso l accoglienza della persona presso strutture residenziali o diurne esistenti (fino ad un massimo di 60 giorni); D. prestazioni assistenziali aggiuntive rese all interno della comunità di riferimento finalizzate al miglioramento della qualità della vita. Accesso al servizio Presso la Segreteria dei Servizi Sociali è possibile fissare un appuntamento con l Assistente Sociale Area Disabili. Documentazione per accedere al servizio L Assistente Sociale richiede tutta la documentazione necessaria per elaborare il Progetto individualizzato di intervento. Per poter ricevere il finanziamento del Piano di Zona, a partire dal 2009 è stato introdotto il criterio dell ISEE, che anche per l anno 2013 è fissato in ,00=. Per l anno 2013 non è stata ancora resa nota la data di apertura del bando. Tempi Per accedere l finanziamento degli interventi l Assistente Sociale predispone un progetto individualizzato, con allegata la documentazione necessaria, che presenta al Piano di Zona entro la data stabilita. Costi Il tetto massimo di spesa ammissibile per ogni persona è pari a ,00=. Il contributo viene concesso nella misura massima dell 80% per gli ambiti di intervento di cui ai punti A e B e del 50% per gli ambiti di intervento di cui ai punti C e D. COMUNITA DI ACCOGLIENZA RESIDENZIALE, COMUNITA SOCIO- SANITARIE E RESIDENZE SANITARIE PER DISABILI ADULTI Scopo del servizio Le Comunità di accoglienza, le comunità socio-sanitarie e le Residenze sanitarie disabili hanno lo scopo di garantire accoglienza continuativa e servizi socio-assistenziali, educativi e sanitari a disabili adulti con diverso grado di fragilità impossibilitati a vivere al proprio domicilio. Le Comunità di accoglienza residenziale: accolgono disabili che hanno bisogno di interventi continuativi di tipo assistenziale con un ottica principalmente educativa, Le Comunità Socio-Sanitarie (CSS): accolgono disabili con la necessità di interventi infermieristici e terapeutici, oltre che di tipo assistenziale ed educativo, Le Residenze Sanitarie Disabili (RSD): accolgono persone la cui fragilità richieda interventi continuativi ad elevato carico assistenziale e sanitario. Gli Istituti per disabili si configurano come RSD. Accesso al servizio Presso la Segreteria dei Servizi Sociali è possibile fissare un appuntamento con l'assistente Sociale Area Disabili adulti. Documentazione per accedere al servizio 20

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA INDICE GENERALE SEZIONE I CARATTERISTICHE DEL SISTEMA LOCALE PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO ART. 1 PRINCIPI DI RIFERIMENTO ART. 2 FINALITA GENERALI

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI

AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI All ente erogatore dell assistenza educativa del CRE di DOMANDA DI ASSISTENTE EDUCATORE PER LA FREQUENZA CENTRO RICREATIVO ESTIVO (in attuazione della Decreto Regionale n.1961 del 6 marzo 2013) (modulo

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli