Esenzione Ticket dei Medicinali e Canone Telefonico Agevolato ili alla popolazione residente Esenzione Ticket isa Canone telefonico agevolato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esenzione Ticket dei Medicinali e Canone Telefonico Agevolato ili alla popolazione residente Esenzione Ticket isa Canone telefonico agevolato"

Transcript

1 anziani anziani e disabili

2 Assistenza Domiciliare 01 È un servizio di assistenza effettuato a domicilio in orario diurno. Tale servizio ha come scopo quello di sostenere la persona anziana, non più totalmente autonoma negli atti della vita quotidiana, per permetterle di rimanere presso la propria abitazione evitando così il ricovero in istituto e supportando la famiglia in questo compito di assistenza. Vengono offerti interventi socio-assistenziali diretti a prevenire e risolvere situazioni di disagio, di bisogno o di emarginazione mediante un complesso di servizi sociali coordinati e integrati anche con i servizi sanitari. Il servizio è rivolto ai cittadini con età minima di 65 anni, residenti e/o domiciliati presso il Comune; soli o in coppia; non autosufficienti o parzialmente autosufficienti. Tale servizio è destinato in primo luogo alla popolazione anziana ma le prestazioni di assistenza domiciliare vengono erogate anche in favore di soggetti portatori di handicap, di minori o nuclei familiari in particolare difficoltà. MODALITÀ D ACCESSO Per accedere al servizio occorre presentare una domanda all Assistente Sociale territorialmente competente compilando un apposito modulo. I moduli sono disponibili sul sito internet del Comune. La richiesta verrà poi valutata dall Assistente sociale in seguito a visita domiciliare. Nel caso in cui venisse riscontrato un bisogno reale, la priorità e il criterio con cui verrà stabilito l ammontare delle ore di assistenza dell operatore saranno valutati dall Assistente Sociale all interno di un progetto individualizzato in base alla situazione socio-economica dell utente. Il servizio è svolto da operatori addetti all assistenza qualificati dall ULSS che hanno come compito principale salvaguardare l autonomia e il benessere dell anziano supportandolo in vari campi: igiene personale pulizia degli ambienti sostegno alle relazioni familiari e sociali animazione accompagnamento all ospedale o ad ambulatori per terapie Il servizio è coordinato dall Assistente Sociale e rientra all interno di un progetto individualizzato di intervento che valuta i precisi impegni assunti dalla persona e dal nucleo familiare.

3 Assistente Sociale - Area anziani Tel: Il servizio è a pagamento, la tariffa viene commisurata in base alla situazione socio-economica dell utente e del nucleo familiare. È previsto l esonero totale per: soggetti in carico ai centri di salute mentale soggetti in carico al servizio per le tossicodipendenze minorenni interessati da gravi patologie o soggetti a tutela del tribunale dei minorenni; persone disabili al di sotto dei 65 anni con riconoscimento della gravità ai sensi L. 104/92 persone in regime ADIMED Disponibilità garantita Ricevimento al pubblico almeno un giorno al settimana da parte dell Assistente Sociale. Tempi di attesa Possibilità di ricevimento su appuntamento entro 7 giorni dalla presentazione della richiesta; attivazione del servizio entro 7 giorni dalla valutazione dell Assistente Sociale. Prestazioni minime Elaborazione di progetti individualizzati anche in collaborazione con i servizi specialistici di riferimento; garanzia di continuità nella presa in carico da parte del Servizio; visita domiciliare dell assistente sociale per valutazione dell intervento; assistenza domiciliare per un minimo di 1 ora settimanale; gli operatori hanno una formazione specifica ed una qualifica riconosciuta. anziani e disabili

4 Pasti a Domicilio 02 Si tratta di un servizio di consegna a domicilio di un pasto giornaliero confezionato dalla Casa di Riposo G.A.Campostrini convenzionata con il Comune. Il servizio copre tutto il territorio comunale. Il servizio è rivolto ai cittadini con età minima di 65 anni, residenti e/o domiciliati presso il Comune; soli o in coppia; parzialmente autosufficienti. La richiesta per accedere a tale servizio va presentata all Assistente Sociale. Per accedere al servizio occorre presentare una domanda all Assistente Sociale territorialmente competente compilando un apposito modulo. I moduli sono disponibili sul sito internet del Comune. La richiesta verrà poi valutata dall Assistente sociale in seguito a visita domiciliare. I pasti vengono ritirati dalla mensa della Casa di Riposo e consegnati dai volontari del Servizio Civile e/o dal personale del Comune (autista o operatori addetti all assistenza). Il servizio è inserito nel contesto dell assistenza domiciliare al fine di mantenere l anziano o la coppia di anziani parzialmente autosufficienti nel proprio contesto familiare e di vita quotidiana sollevandoli dall incombenza di dover preparare da mangiare. Il servizio di preparazione e fornitura pasti è previsto dal lunedì al sabato compreso. Si precisa che, per gli utenti che ne facciano richiesta, il sabato potrà essere preparato e fornito anche il pasto per la domenica. Il servizio si svolge per l intero arco dell anno, con esclusione dei giorni festivi. Assistente Sociale - Area anziani Tel: Agli utenti viene chiesta una compartecipazione minima alla spesa per il pasto. Disponibilità garantita Ricevimento al pubblico almeno un giorno al settimana da parte dell Assistente Sociale. Tempi di attesa Ricevimento su appuntamento entro 7 giorni dalla presentazione della richiesta; attivazione del servizio entro 7 giorni dalla valutazione. Prestazioni minime Garanzia di continuità nella presa in carico da parte del Servizio; visita domiciliare dell Assistente Sociale per valutazione dell intervento; consegna dei pasti dal lunedì al sabato per tutto l anno.

5 Assegno di Cura 03 L assegno di cura è un contributo economico regionale destinato alle persone non autosufficienti di qualsiasi età che vivono a casa propria. Tale contributo nasce dall unione di 3 contributi regionali (L.R.28/91, Badanti, L.R.5/01 Alzheimer ) ed è volto a sostenere la famiglia nella cura della persona non autonoma che sceglie di rimanere nel proprio contesto di vita e affetti. Il contributo è destinato alle persone non autosufficienti di qualsiasi età che vivono a casa propria e che risiedono nel territorio comunale. I requisiti fondamentali per accedere al servizio sono: che la persona non sia autosufficiente e sia adeguatamente assistita (su verifica del medico curante o dell Assistente Sociale con apposita scheda regionale); che la situazione economica della famiglia sia contenuta entro certi limiti (il valore massimo ISEE viene aggiornato annualmente in base all indice Istat). Viene data priorità, sia per l entità della somma assegnata che per la precedenza rispetto ai fondi disponibili, ai seguenti casi: situazione di maggior carico assistenziale; famiglie che assistono persone affette da demenza (di tipo Alzheimer o altro) e da gravi disturbi comportamentali; famiglie che si avvalgono a titolo oneroso di Assistenti Familiari ( Badanti ). L entità dell assegno di cura varia pertanto in base al carico di cura, alla situazione familiare e all assistenza fornita. L assegno sarà erogato ogni 6 mesi. La domanda può essere presentata in qualsiasi momento presso l Ufficio Servizi Sociali ed è valida anche per gli anni successivi. Alcune informazioni vanno aggiornate periodicamente (l ISEE ha validità annuale). Tale servizio si pone come obiettivi: promuovere e tutelare la salute e la qualità della vita dei cittadini più fragili, in particolare delle persone che rischiano l esclusione da un contesto familiare; sostenere le persone non autosufficienti e le loro famiglie con un insieme di interventi; supportare la domiciliarità, intesa come possibilità per le persone non autosufficienti di essere assistite nella loro casa. Assistente Sociale - Area anziani Tel: Disponibilità garantita Il Comune svolge funzioni amministrative delegate dalla Regione Veneto per cui è tenuto a pubblicizzare l iniziativa e fare l istruttoria. anziani e disabili

6 Integrazione delle Rette in Casa di Riposo 04 Il Comune di Sommacampagna collabora con le Case di Riposo per l inserimento degli ospiti e per l integrazione della retta e/o per un sostegno alle spese personali, tramite un contributo economico. La figura dell Assistente Sociale contribuisce alla compilazione della scheda necessaria per l attribuzione del punteggio per la graduatoria dell ULSS. Il Comune inoltre si pone l obiettivo promuovere il servizio di Centro Diurno della Casa di Riposo G. A. Campostrini e sostenere l attività di animazione all interno della casa di riposo anche attraverso l impiego di risorse umane comunali (volontari del SCN, animatrice anziani ). Possono accedere al servizio persone anziane totalmente o parzialmente autosufficienti prive di un adeguata capacità economica. Occorre presentare una domanda all Assistente Sociale territorialmente competente il quale si riserverà di attivare il servizio previa valutazione. Criteri per l integrazione delle rette: assenza di tenuti agli alimenti; insufficienza di entrate proprie dell anziano (pensioni, assegno di accompagnamento, rendite mobiliari e immobiliari, patrimoni mobiliari e immobiliari) senza tenuti agli alimenti in grado di pagare la retta intera; presenza di tenuti agli alimenti che per la loro condizione socio-economica rilevata attraverso la dichiarazione ISEE non sono in grado di integrare parzialmente o totalmente la retta del congiunto. I limiti ISEE vengono stabiliti dalla Giunta. Il Comune rileva le situazioni di emergenza sociale date dall assenza di una rete familiare in grado di garantire le cure e l assistenza di cui necessità la persona anziana spesso priva di un reddito che possa consentire di provvedere autonomamente alle spese per il sostegno che si rende indispensabile per la condizione di cronicità. In seguito all accertamento della capacità economica dell ospite e dei tenuti agli alimenti il Comune provvederà, se necessario, all integrazione della retta e ad un sostegno per le spese personali. Assistente Sociale - Area anziani Tel: Disponibilità garantita Ricevimento al pubblico almeno un giorno al settimana da parte dell Assistente Sociale. Tempi di attesa Ricevimento su appuntamento entro 7 giorni dalla presentazione della richiesta; attivazione del servizio entro 30 giorni dalla valutazione. Prestazioni minime L Assistente Sociale garantisce la presa in carico del richiedente, seguendo la fase istruttoria volta all accertamento della capacità economica dell ospite e dei tenuti agli alimenti.

7 Inserimento in Casa di Riposo (Centri di Servizio Residenziale) 05 Il Comune collabora con le Case di Riposo (Centri di Servizio Residenziale per Anziani) attraverso la figura dell Assistente Sociale-Area Anziani il quale si occupa di valutare le situazioni di disagio ed eventualmente avviare la procedura per l inserimento dell anziano in una struttura residenziale. Possono accedere al servizio i cittadini residenti nel territorio del Comune, previa valutazione dell Assistente Sociale competente. La persona richiedente o i familiari possono contattare l Assistente Sociale territorialmente competente il quale verificherà i bisogni e le eventuali alternative al ricovero. I familiari del richiedente sono tenuti a compilare un modulo in cui dichiarano di impegnarsi a rimborsare le spese di ricovero dell anziano. Il servizio è gratuito. Assistente Sociale - Area anziani Disponibilità garantita Gli Assistenti Sociali garantiscono il ricevimento almeno un giorno a settimana; l Assistente Sociale garantisce la presa in carico del richiedente e l elaborazione di un progetto individualizzato. Tempi di Attesa Possibilità di ricevimento su appuntamento entro 7 giorni dalla presentazione della richiesta; l inserimento in Casa di Riposo verrà effettuato in base alla graduatoria stilata a livello di Ulss. Prestazioni minime Assistenza socio-sanitaria continuativa secondo gli standard regionali in CSR. anziani e disabili

8 Edilizia Popolare per Anziani 06 Il Comune di Sommacampagna mette a disposizione 20 appartamenti di varie metrature in un edificio comunale di via Gidino. Tali appartamenti sono destinati a nuclei di anziani ultrasessantenni. Il condominio è gestito in convenzione con l ATER. Anziani ultrasessantenni residenti e privi di un abitazione propria. I criteri per accedere al servizio sono: età superiore ai 60 anni e cittadinanza italiana (o permesso di soggiorno o carta di soggiorno almeno biennale); residenza o attività lavorativa esclusiva o principale presso il Comune; non essere titolari di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su alloggio/i per il quale i 6% del valore catastale complessivo sia superiore al 50% di una pensione minima INPS annua, ubicato in qualsiasi Comune del territorio nazionale; assenza di precedenti assegnazioni; reddito convenzionale annuo complessivo del nucleo familiare rientrante nei limiti stabiliti (per nucleo familiare superiore a due componenti); non aver ceduto in tutto o in parte, fuori dai casi previsti dalla legge, l alloggio di edilizia residenziale pubblica eventualmente assegnato in precedenza. Per accedere al servizio è necessario compilare un modulo prestampato da ritirare e consegnare presso l ufficio Servizi Sociali. La domanda va presentata, ogni due anni, entro la fine di Ottobre. I moduli sono disponibili sul sito internet del Comune. Ogni due anni viene riproposto il bando per l assegnazione degli alloggi sfitti. Il servizio si pone come obiettivo principale di offrire a nuclei di anziani ancora autosufficienti o parzialmente autosufficienti, privi di abitazione di proprietà, alloggi di piccole dimensioni rispondenti alle loro esigenze, in un contesto di inserimento sociale e di vicinanza dei servizi socio-sanitari. Ufficio Servizi Sociali Disponibilità garantita Assistenza nella compilazione della domanda da parte di un operatore amministrativo qualificato. Tempi di Attesa Le graduatorie verranno rese definitive entro l anno successivo alla presentazione della domanda. Prestazioni minime Assegnazione tempestiva tramite graduatoria di eventuali appartamenti rimasti sfitti (tempo massimo due mesi).

9 Soggiorni per Autosufficienti e Parzialmente Autosufficienti Il servizio organizza soggiorni climatici per anziani autosufficienti. Ogni anno vengono selezionate località differenti proposte dal Comune e dal Consorzio Intercomunale Soggiorni Climatici a cui il Comune aderisce. Con un numero minimo di richieste il servizio offre inoltre soggiorni per anziani parzialmente autosufficienti o/e non autosufficienti. Il servizio è rivolto ad anziani con età superiore ai 60 anni e residenti nel Comune. Nell eventualità che le domande siano superiori ai posti disponibili verrà data la precedenza alle persone più anziane di età e residenti nel Comune. 07 MODALITÀ DI ACCESSO Per accedere al servizio è necessario presentare: la domanda di partecipazione, compilata possibilmente il giorno stesso dell iscrizione la Scheda socio-sanitaria, in cui vanno specificate, con precisione, le condizioni di salute e l eventuale presenza di disturbi o malattie particolarmente gravi. Agli utenti che hanno partecipato ai soggiorni negli anni precedenti verrà recapitata una lettera a casa con i termini per le iscrizioni e le proposte selezionate. Le iscrizioni vengono raccolte entro fine Marzo. I criteri per accedere al servizio sono: età superiore ai 60 anni (in caso di coniugi almeno uno deve aver raggiunto l età richiesta) residenza nel Comune autosufficienza. Per eventuali richieste di partecipazione di persone non autosufficienti o parzialmente autosufficienti, si dovrà contattare l Ufficio dei Servizi Sociali. Nel caso in cui le richieste non raggiungessero il limite massimo di partecipanti verranno prese in considerazione anche le richieste provenienti da utenti non residenti che però dovranno versare una quota supplementare. Gli utenti possono scegliere una delle mete proposte e presentare la domanda d iscrizione. Le quote di partecipazione comprensive di albergo, spese organizzative, assicurazione, trasporto, accompagnatori, rimborsi della quota in caso di ritiro, vengono decise dal Consorzio. La caparra viene rimborsata al 50% solo dietro presentazione di certificato medico. Per eventuali richieste di partecipazione di persone non autosufficienti o parzialmente autosufficienti, si dovranno contattare i Servizi Sociali del Comune, che in caso di un numero idoneo di richieste potrà valutare l opportunità di organizzare un soggiorno idoneo con strutture alberghiere dotate di stanze attrezzate e prive di barriere architettoniche. anziani e disabili

10 Le quote di partecipazione comprensive di albergo, spese organizzative, assicurazione, trasporto, accompagnatori, rimborsi della quota in caso di ritiro, vengono decise dal Consorzio. Ai non residenti nel Comune verrà applicato un supplemento. Assistente Sociale - Area anziani Tel: Per iscriversi ed avere ulteriori informazioni è necessario rivolgersi al Comune esclusivamente nei giorni specificati di anno in anno nelle seguenti sedi: Custoza Centro di lettura in via Lugo,3 Caselle Centro sociale di via Scuole Sommacampagna Centro anziani di Sommacampagna. I moduli necessari all iscrizione vengono forniti nei suddetti uffici direttamente al momento dell iscrizione. Disponibilità garantita Durante i soggiorni è garantita la presenza di almeno un accompagnatore qualificato. Tempi di attesa Dal giorno di chiusura della raccolta iscrizioni l Ufficio comunicherà in massimo di 10 giorni l eventuale inserimento nel soggiorno richiesto. Prestazioni minime Viene garantita la presenza di un accompagnatore qualificato; viene garantita la possibilità di organizzare un soggiorno per persone parzialmente e totalmente non autosufficienti qualora fosse raggiunto un numero sufficiente di richieste (10 iscritti); tale soggiorno prevede la scelta di località e strutture alberghiere attrezzate e prive di barriere architettoniche; sono garantiti un minimo di 120 posti.

11 Gruppi di Auto-Aiuto per Famiglie con Anziani in Casa 08 L Assessorato alle Politiche Sociali ha avviato dal 2002 un progetto di sostegno psico-sociale e mutuo-aiuto rivolto a quanti assistono a domicilio un parente anziano o disabile. È stato quindi creato un gruppo di auto-aiuto, con la supervisione di uno psicologo, rivolto a persone che si prendono cura di familiari con forti disagi dovuti a malattie croniche e/o in condizioni di termine vita. Il servizio nasce dalla consapevolezza che l accudimento di un anziano, soprattutto se parente prossimo, rappresenta un esperienza che si carica sia della faticosa organizzazione quotidiana dell assistenza, e, soprattutto, del peso emozionale e del coinvolgimento psicologico, aspetti questi ultimi per i quali si rimane spesso privi di adeguato supporto. Il servizio è rivolto a coloro che assistono a domicilio un parente anziano o disabile, sino al raggiungimento di un numero massimo di 15 persone. Il gruppo si incontra una volta alla settimana presso la sala riunioni degli Impianti sportivi di Sommacampagna. Sono previsti dieci incontri all anno. I principali obiettivi che si pone il percorso di sostegno sono: offrire a chi si prende cura di familiari con malattie croniche o che si avvicinano a concludere il loro ciclo di vita, un luogo di accoglienza, ascolto e condivisione delle loro difficoltà nell assolvere questo complesso e complicato ruolo di cura; promuovere uno spazio di confronto, guidato da un esperto, attraverso il quale ritrovare se stesse e imparare efficaci strategie legate alla quotidianità che permettano di prendersi cura delle persone care senza dover rinunciare alla propria qualità di vita; far ritrovare una dimensione altra facendo riemergere un orizzonte di possibilità personali e relazionali al di fuori del prendersi cura operativo. Il servizio è promosso dal Comune in collaborazione con la Cooperativa Sociale Azalea. Il servizio è gratuito. Assistente Sociale - Area anziani Disponibilità garantita Lo psicologo garantisce la presenza, in qualità di supervisore del gruppo, una volta al mese in occasione dell incontro programmato il 1 venerdì di ogni mese, eccetto nei mesi di luglio e agosto. Prestazioni minime Vengono garantiti 10 incontri all anno e la supervisione dello psicologo. anziani e disabili

12 Servizio Ausiliario Sociale 09 Il Servizio Ausiliario Sociale integra i Servizi Sociali supportandoli nei trasporti e nell assistenza ad anziani, disabili, minori disabili, persone in condizioni di disagio economico. L obiettivo principale è: mantenere l anziano non autosufficiente, parzialmente autosufficiente o il disabile nel proprio contesto familiare evitando così il ricovero in istituto e supportando la famiglia in questo compito di assistenza; favorire l integrazione di minori disabili attraverso un trasporto scolastico personalizzato. Il servizio è rivolto ad anziani, disabili, minori, adulti in condizioni di disagio economico. Per accedere al servizio occorre presentare una domanda all Assistente Sociale territorialmente competente compilando un apposito modulo. I moduli sono disponibili sul sito internet del Comune. La richiesta verrà poi valutata dall Assistente Sociale in seguito a visita domiciliare. Il servizio prevede: il trasporto di persone anziane o disabili per accertamenti sanitari, visite mediche, analisi; il trasporto di minori disabili con pulmino attrezzato, di minori o adulti in condizioni di disagio economico; consegna dei pasti a domicilio. Assistente Sociale di riferimento. Disponibilità garantita Ricevimento al pubblico almeno un giorno al settimana da parte dell Assistente Sociale; svolgimento del servizio da parte di un operatore qualificato. Tempi di attesa Ricevimento su appuntamento entro 7 giorni dalla presentazione della richiesta; attivazione del servizio entro 7 giorni dalla valutazione. Prestazioni minime Elaborazione di progetti individualizzati anche in collaborazione con i servizi specialistici di riferimento; garanzia di continuità nella presa in carico da parte del Servizio; visita domiciliare dell assistente sociale per valutazione dell intervento

13 Telesoccorso e Telecontrollo 10 È un servizio telefonico regionale di pronto intervento e di controllo presso il domicilio dell anziano, attraverso un apparecchio portatile collegato con una centrale di assistenza operativa tutti i giorni dell anno 24 ore su 24. Il servizio è rivolto ai cittadini residenti, che abbiano compiuto 65 anni o abbiano una certificazione di rischio comprovata, e che si trovino almeno in una delle seguenti condizioni, attestate da certificazione del medico di famiglia: vivere da soli; essere dichiarato a rischio dai sanitari; essere stato ricoverato, negli ultimi tre anni, in presidio ospedaliero aver fatto richiesta di essere ospitato in struttura socio-sanitaria: aver richiesto le dimissioni da una struttura socio-sanitaria per essere assistito presso il proprio domicilio dal Servizio Domiciliare. Il servizio viene attivato su richiesta dell anziano e ha lo scopo di garantire la sua sicurezza all interno della propria abitazione attraverso un supporto tecnico che permette un rapido intervento dei familiari o dei mezzi di soccorso in caso di emergenza. La domanda di iscrizione va presentata su apposito modulo presso l Ufficio Servizi Sociali del Comune. I moduli sono disponibili sul sito internet del Comune. Il servizio è gratuito. Assistente Sociale - Area anziani Tel: Disponibilità garantita Operatori professionali che verificano periodicamente le condizioni dell assistito. Tempi di Attesa L attivazione del servizio viene garantita dalla società appaltatrice a livello regionale del servizio, entro un massimo di 60 giorni dalla richiesta. Prestazioni minime È garantita almeno una telefonata di controllo settimanale da parte della società che eroga il servizio, in orario concordato con l utente. anziani e disabili

14 Progetto Lirica e Prosa 11 È un iniziativa volta a favorire la partecipazione da parte degli anziani a spettacoli artistici e culturali. Il servizio è rivolto alla popolazione di età superiore ai 60 anni, residente nel Capoluogo e frazioni. Per accedere al servizio è necessario effettuare l iscrizione nei rispettivi centri, esclusivamente nei giorni stabiliti di anno in anno, presso: Sommacampagna Centro anziani Caselle Centro Anziani Custoza Centro Sociale Ogni anno, in collaborazione con il Circolo Anziani di Sommacampagna, vengono organizzati alcuni gruppi di anziani a cui viene data la possibilità di assistere alle opere liriche in arena e alle rappresentazioni al Teatro Romano. L obiettivo principale è di favorire la partecipazione a spettacoli artistici e culturali e coinvolgere in particolare anziani soli e che hanno poche occasioni di socializzazione. Il servizio prevede la raccolta delle iscrizioni, il noleggio di pullman e l accompagnamento dei gruppi. Il costo del servizio varia a seconda dello spettacolo. Include trasporto, assicurazione e accompagnamento. Per maggiori informazioni rivolgersi all Animatrice Anziani. Disponibilità garantita L animatrice garantisce la sua reperibilità per iscrizioni, ritiri, variazioni. Tempi di attesa Non sono previsti tempi d attesa in quanto le iscrizioni vengono accettate fino ad esaurimento posti. Prestazioni minime Il servizio garantisce il trasporto, l assicurazione e l accompagnamento del gruppo.

15 Progetto Filo d Oro Manualità per Anziani Il progetto prevede un incontro settimanale di circa due ore in cui, un gruppo di anziani ha la possibilità di incontrarsi e realizzare manualmente dei lavoretti utilizzando materiali vari (perline, gesso, carta, lana ). I lavori vengono poi venduti a scopo solidaristico. Il servizio è rivolto alla popolazione anziana (oltre i 60 anni) residente a Caselle di Sommacampagna o a Custoza. Il servizio è aperto e non necessita di iscrizione. Per richiedere il trasporto è necessario contattare l animatrice. 12 L attività si svolge presso il Centro Anziani di Caselle e il Centro Sociale di Custoza e dura tutto l anno fatta eccezione per l estate. L obiettivo principale del servizio è di favorire la socializzazione di signore anziane sole attraverso una attività manuale con un risvolto solidaristico legato al sostegno di associazioni umanitarie locali. Il Comune fornisce i materiali per i lavoretti; offre il coordinamento degli incontri e l eventuale trasporto delle partecipanti. Il servizio è coordinato dall educatore che si occupa dell animazione per anziani. Il servizio è gratuito. Per maggiori informazioni rivolgersi all Animatrice Anziani. Disponibilità garantita L animatrice garantisce il coordinamento e la promozione dell attività. Tempi di attesa Non sono previsti tempi d attesa. Prestazioni minime Trasporto degli anziani su richiesta, salvo disponibilità dei posti; materiale necessario all esecuzione delle attività; coordinamento e promozione dell attività; un incontro settimanale per tutto l anno esclusi i mesi estivi. anziani e disabili

16 Servizi per Disabili dell ULSS n L azienda ULSS n. 22 garantisce alcuni servizi volti a favorire il reinserimento di persone disabili in un contesto sociale favorevole. Servizio di Integrazione Scolastica (SIS): assistenza alla cura e all apprendimento della persona disabile da parte di operatori socio-sanitari. Servizio Centri Diurni (CEOD) e Residenziali (RES) per Disabili: strutture preposte allo svolgimento di attività con obiettivi educativi e di socializzazione. Servizio Psicologico Disabili Adulti ( SPDA): servizio di consulenza psicologica per persone disabili adulte. Servizio Interventi Individualizzati (SII): Il servizio offre interventi individualizzati, con progetti e programmi di attività specifiche e diversificate, per adulti con diversi livelli di disabilita. Programma di assistenza personale per la Vita Indipendente. Può accedere ai servizi dell Ulss n. 22 tutta la popolazione residente nel Comune di Sommacampagna avente disabilità certificata. I Servizi sono gratuiti salvo partecipazione alle rette richieste dall Ulss in base all ISEE. Per accedere ai servizi è necessario rivolgersi all Assistente Sociale del Comune Assistente Sociale Area Disabili Disponibilità garantita L Assistente Sociale del Comune garantisce il ricevimento al pubblico due giorni a settimana. Prestazioni minime Per informazioni riguardanti gli standard di qualità dei servizi fare riferimento alla carta dei servizi del ulss 22 (www.ulss22.ven.it).

17 Soggiorni per Disabili 14 Il servizio organizza soggiorni climatici e attività estive varie per disabili residenti nel Comune di Sommacampagna. Ogni anno vengono indicate località proposte dal Consorzio Intercomunale Soggiorni Climatici a cui il Comune aderisce. Il servizio è rivolto a tutti i residenti con disabilità più o meno grave. Le domande d iscrizione, sia per l utente che per l accompagnatore, devono essere presentate su apposito modulo entro fine aprile, allegando la scheda sanitaria compilata e la ricevuta del versamento della caparra. La modulistica deve essere consegnata presso l ufficio Servizi Sociali. I moduli sono disponibili sul sito internet del Comune. I disabili vengono seguiti durante il soggiorno dai propri parenti o accompagnatori supportati dagli animatori del Consorzio. Il servizio è a pagamento sia per l utente disabile che per l accompagnatore. La Giunta applica un contributo pari al 50% della quota del disabile, salvo verifica dell ISEE e delle certificazioni di disabilità. Le quote di partecipazione sono comprensive di albergo, spese organizzative, assicurazione, trasporto, rimborsi della quota in caso di ritiro e vengono decise dalla Giunta con apposita deliberazione. Ufficio Servizi Sociali Disponibilità garantita Durante i soggiorni è garantita la presenza di almeno un operatore qualificato. Tempi di Attesa Dal giorno di chiusura della raccolta iscrizioni l Ufficio comunicherà in un tempo massimo di 10 giorni l eventuale inserimento nel soggiorno. anziani e disabili Prestazioni minime Presenza di accompagnatori qualificati; sono garantiti un minimo di 10 posti.

18 SID Servizio Integrazione Disabili 15 Il servizio prevede l assegnazione di operatori addetti all assistenza per minori disabili al fine di permettere loro di partecipare ad attività extrascolastiche (Spazio Ragazzi, inserimento sociale ecc.). Possono accedere al servizio i minori disabili residenti che necessitano di un supporto extrascolastico, previa valutazione dell Assistente Sociale. Un operatore della cooperativa affidataria del servizio segue il minore disabile nelle attività extrascolastiche presso il domicilio o la sede delle attività a cui prende parte. Il servizio si pone come obiettivo principale quello di raggiungere il massimo livello di autonomia in soggetti disabili che hanno potenzialità residue da sviluppare attraverso un opportuno supporto assistenziale e formativo. Il servizio viene attivato dall Assistente Sociale di riferimento che valuta la situazione del minore all interno di un progetto educativo individualizzato. Il servizio è a carico del Comune, salvo una compartecipazione minima richiesta alla famiglia. Per accedere ai servizi è necessario rivolgersi all Assistente Sociale del Comune Assistente Sociale Area Disabili Disponibilità garantita Ricevimento al pubblico due giorni a settimana da parte dell Assistente Sociale; sostituzione entro 48 ore dell operatore. Tempi di Attesa Attivazione del servizio entro 20 giorni dalla valutazione dell Assistente Sociale. Prestazioni minime Elaborazione di progetti individualizzati anche in collaborazione con i servizi specialistici di riferimento; garanzia di continuità nella presa in carico da parte del Servizio; l operatore addetto all assistenza possiede un adeguata qualifica professionale.

19 Contributo per l Abbattimento delle Barriere Architettoniche 16 Si tratta di un contributo finanziato dalla Regione Veneto volto a favorire l abbattimento delle barriere architettoniche e l adattamento dei mezzi di guida per permettere alla persona diversamente abile di accedere più facilmente in tutti i luoghi della vita quotidiana e raggiungere un maggior grado di autonomia. Il contributo è destinato a persone disabili parzialmente o totalmente non autosufficienti e al nucleo familiare che li assiste, purchè residenti e in possesso del certificato di disabilità. La domanda deve essere presentata all Ufficio Servizi Sociali del Comune di Sommacampagna all apertura del bando stabilita annualmente dalla Regione Veneto. Si precisa che le domande devono essere presentate prima di iniziare i lavori e quindi alle stesse devono essere allegati i preventivi di spesa (fatta eccezione per le domande presentate per l adattamento di mezzi di locomozione per le quali è richiesta la fattura). In base alla DGR n. 737/2007 sono ammessi a contributo: gli interventi per l abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici privati (edifici adibiti a luogo di lavoro ed edifici di edilizia residenziale); gli interventi per ausili e attrezzature (dispositivi finalizzati a favorire l accessibilità e la mobilità negli edifici); l adattamento di mezzi di locomozione privati (motoveicoli ed autoveicoli in funzione delle minorazioni anatomiche e funzionali). L Assistente Sociale si riserva di valutare la condizione sociale e familiare del richiedente. Il servizio è gratuito. Per maggiori informazioni rivolgersi all Assistente Sociale del territorio. Assistente Sociale - Area disabili anziani e disabili

20 Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) 17 Si tratta di un contributo finanziato dalla Regione Veneto volto a permettere a persone con gravi disabilità di rimanere nel proprio contesto familiare e raggiungere il massimo livello di autonomia attraverso un opportuno supporto assistenziale e formativo. Il servizio rientra all interno di un progetto individualizzato elaborato dall Assistente Sociale territorialmente competente in collaborazione con il richiedente e il proprio nucleo familiare. Il contributo è destinato a persone disabili e al nucleo familiare che li assiste, purchè residenti. La domanda dell utente o della famiglia (a secondo del tipo di progetto) deve essere presentata entro il 31 dicembre di ogni anno all Assistente Sociale che opera nel Comune di residenza. Tale richiesta dovrà essere corredata dalla certificazione di stato di handicap grave (art. 4 L. 104/1992), dal progetto che la persona disabile o la sua famiglia intende attuare e da documentazione attestante i redditi personali del disabile stesso. L attestazione dei redditi potrà essere presentata attraverso una autocertificazione del disabile o della famiglia, anziché con dichiarazione ISE Prestazione, come deciso con la DGR 2824/03. L Assistente Sociale territorialmente competente si riserverà di attivare il servizio previa valutazione della condizione economica e sociale del richiedente e del proprio nucleo familiare. I progetti vengono presentati attraverso l ULSS alla Regione e successivamente finanziati totalmente o in parte. Il servizio è gratuito. Per accedere ai servizi è necessario rivolgersi all Assistente Sociale del Comune Assistente Sociale Area Disabili

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA INDICE GENERALE SEZIONE I CARATTERISTICHE DEL SISTEMA LOCALE PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO ART. 1 PRINCIPI DI RIFERIMENTO ART. 2 FINALITA GENERALI

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere BANDO DI CONCORSO Soggiorni e Itinerari Ben-Essere 2015 Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali per i pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, i loro coniugi e figli conviventi

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA SOGGIORNI A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2015 in favore dei figli o orfani ed equiparati - dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli