DISCIPLINA ATTUATIVA PER LA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA DISABILI (DGR 1122/02)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISCIPLINA ATTUATIVA PER LA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA DISABILI (DGR 1122/02)"

Transcript

1 DISCIPLINA ATTUATIVA PER LA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA DISABILI (DGR 1122/02)

2

3 INDICE Art.1 Oggetto Art.2 Finalità dell intervento Art.3 Destinatari Art.4 Modalità di segnalazione Art.5 Entità dell assegno - Limiti di reddito per l accesso Verifica della condizione economica Art.6 Modalità di valutazione e presa in carico Art.7 Concessione, liquidazione, sospensione e revoca dell assegno Art.8 Contratto per l assegno di cura Art.9 Contributo aggiuntivo 160 Euro per l emersione e regolarizzazione del lavoro di cura Art. 10 Monitoraggio e debito informativo Art. 11 Reclami e ricorsi Art. 12 Trattamento dei dati

4

5 Disciplina attuativa per la gestione dell assegno di cura e di sostegno a disabili D.G.R. 1122/2002 Art.1 Oggetto Il presente regolamento disciplina l intervento dell assegno di cura e sostegno rivolto a persone disabili istituito dalla Regione con DGR 1122/2002 e s.m.e i. Art.2 Finalità dell intervento 1. Finalità dell intervento è quella di sostenere la domiciliarità, potenziando le opportunità di permanenza nel proprio contesto di vita dei cittadini disabili in situazione di gravità, riconoscendo un apporto economico a sostegno del lavoro di cura e assistenza svolto dalle famiglie o da altri care givers anche al fine di evitare o posticipare il più a lungo possibile il ricorso ai servizi residenziali. Altresì è finalità dell intervento sostenere il progetto di vita indipendente del disabile stesso. 2. L assegno di cura integra, non sostituisce, e non preclude l accesso alle altre opportunità della rete dei servizi disponibili sul territorio ed è erogato a riconoscimento dell impegno per le attività socio-assistenziali richieste per il mantenimento nel proprio contesto di vita di persone con disabilità. Art.3 Destinatari 1. I destinatari dell assegno di cura e di sostegno sono cittadini adulti (18/64 anni) residenti nel territorio dell Unione come di seguito definiti dalla DGR 1122/02: a. il cittadino disabile non autosufficiente ma autonomo il quale, pur non essendo capace di svolgere da solo le normali attività quotidiane, è comunque capace di auto determinare la propria esistenza e di costruire un proprio progetto di vita; Oppure, quando il disabile stesso non è in grado di compiere scelte autonome o esprime il proprio volere in tal senso: b. la famiglia del disabile stesso o altra famiglia che si rende disponibile ad accogliere nel proprio ambito la persona disabile rimasta sola; c. altri soggetti, anche non appartenenti al nucleo familiare, che avendo consolidati e verificabili rapporti di assistenza con la persona disabile si rendono disponibili alla convivenza presso il domicilio del disabile, ovvero ad ospitarlo presso il proprio domicilio, ovvero a garantire una presenza a casa del disabile in relazione alle sue necessità, così come definito nel programma assistenziale personalizzato. Art.4 Modalità di segnalazione 1. Sono preposti alla rilevazione del bisogno l Assistente sociale e il Medico di Medicina Generale che a diverso titolo conoscono il disabile e il suo contesto e valutano l opportunità di un progetto di intervento al domicilio. 2. Le segnalazioni di bisogni assistenziali, che possono provenire da operatori diversi e da soggetti non istituzionali, sono ricondotte all Assistente affinché possa dare attuazione al percorso in tutte le sue fasi. 3. L Assistente sociale, attraverso apposita scheda di proposta, inoltrerà la presentazione della situazione per l eventuale assegno di cura e di sostegno all Equipe (UVM) Multi Professionale di cui all art.6.

6 4. Di norma viene approvata una graduatoria annuale, come da art. 7; nel caso in cui però, durante l anno, si presentino situazioni nuove e urgenti, per le quali la proposta dell assegno di cura si configura come necessario supporto alla domiciliarità (a titolo di esempio situazioni di dimissione dopo incidenti o eventi patologici che abbiano prodotto una disabilità non presente prima), l Assistente sociale del territorio di residenza potrà proporre l attivazione dell assegno al presentarsi della necessità, seguendo lo stesso percorso delineato dalla presente disciplina. Art.5 Entità dell assegno - Limiti di reddito per l accesso Verifica della condizione economica 1. Le condizioni di reddito per l accesso all assegno e i livelli dello stesso sono definiti con provvedimenti regionali. 2. Al fine di accertare la condizione economica del nucleo familiare del disabile viene utilizzata la certificazione ISEE in corso di validità secondo la normativa vigente. Art.6 Modalità di valutazione e presa in carico 1. L assegno di cura e di sostegno non è un servizio erogato a seguito di domanda individuale, ma una delle possibili risposte della rete dei servizi socio-assistenziali integrati, e si inserisce nell'ambito di un progetto personalizzato a favore del disabile. 2. L Assistente sociale del territorio di residenza del disabile, di norma responsabile del caso, mediante apposita scheda raccoglie tutte le informazioni, verifica il rispetto del limite di accesso reddituale attraverso la scheda ISEE e sottopone all Unità di Valutazione Multi professionale la proposta dell assegno di cura, controfirmata anche dallo stesso disabile o dal familiare referente assistenziale. La scheda deve essere accompagnata da: - certificazione Isee in corso di validità - documentazione relativa alla situazione sanitaria del disabile. 3. La valutazione globale della persona disabile e la predisposizione del relativo Progetto di vita e di cure, è compito dell Unità di Valutazione multi professionale, la quale utilizzerà allo scopo appositi strumenti tecnici-valutativi allegati alla presente disciplina unitamente alla scheda integrativa di cui al successivo art L equipe multi professionale è costituita da: Referente Area Disabili dell Ufficio di Piano, o suo delegato Medico dell Area Fragili AUSL Distretto di Sassuolo Assistente sociale del territorio di residenza Infermiera professionale A.usl L Unità di valutazione multi professionale si potrà avvalere al bisogno delle consulenze medico- specialistiche necessarie. Art.7 Concessione, liquidazione, sospensione e revoca dell assegno 1. La scheda integrativa, compilata e sottoscritta dall UVM, sintetizza i punteggi delle diverse schede ottenuti nella valutazione e determina quindi il punteggio complessivo della singola situazione; i punteggi in ordine decrescente danno origine ad una graduatoria generale con validità annuale, che viene validata all interno del Coordinamento Area Disabili composto da: - Referente Area Disabili dell Ufficio di Piano - Responsabile Area Fragili dell Ausl - Assistenti sociali dei Poli dell Unione. 2. Annualmente, all interno della programmazione del Fondo Regionale Non Autosufficienza, viene stabilita la quota a carico dello stesso Fondo o di Fondi nazionali e la eventuale quota a carico dei Comuni per l intervento dell assegno di cura.

7 I beneficiari dell assegno saranno individuati all interno della graduatoria di cui al punto 1 sino a concorrenza della disponibilità economica programmata; la liquidazione dell assegno sarà a carico dell Unione del Distretto Ceramico. 3. La posizione di graduatoria sarà comunicata agli interessati indicando l accesso o l esclusione al beneficio economico tramite posta ordinaria. 4. L assegno, quando sussistono le condizioni per la sua concessione, decorre dal giorno della valutazione da parte dell equipe multiprofessionale; l assegno ha di norma una durata annuale, comunque non inferiore a 6 mesi, salvo la definizione motivata di un termine diverso. La durata dell assegno è comunque condizionata al mantenimento dei requisiti previsti dal presente Regolamento e alla disponibilità dei fondi previsti. 5. La liquidazione dell assegno viene effettuata a cadenza quadrimestrale posticipata, nei mesi di maggio, settembre, gennaio. 6. L assegno di cura viene sospeso per tutta la durata di eventuali ricoveri, anche temporanei, in strutture residenziali per disabili. 7. In caso di cambio di residenza, o di decesso o di altri elementi che determinino il venir meno del diritto all assegno, gli stessi debbono essere comunicati da parte dell interessato o dal famigliare con immediatezza all'assistente sociale responsabile del caso che trasmetterà le informazioni all Area Disabili dell Ufficio di Piano. L Unione provvederà alla sospensione dell assegno a far data dall evento. Nel caso siano avvenute erogazioni in difformità a quanto previsto, l Unione procederà al recupero delle somme indebitamente percepite. 8. Il responsabile del caso manterrà il monitoraggio sul progetto e in caso di evidente e ripetuto mancato rispetto degli impegni assistenziali o nel riscontro di una sostanziale modifica delle condizioni che hanno dato luogo all assegno, è tenuto a segnalarle all Unità di Valutazione Multi professionale che provvederà agli adempimenti necessari (rivalutazione del caso e/o eventuale sospensione o revoca dell'assegno). Art.8 Contratto per l assegno di cura 1. L Assistente sociale responsabile del caso presenta le proposte per l erogazione degli assegni di cura attraverso uno specifico modulo sottoscritto in forma congiunta anche dal familiare referente assistenziale. Nel caso di concessione dell assegno il modulo di proposta fungerà da contratto attestante i reciproci impegni assunti all interno del progetto di cura. Copia del contratto è consegnata al disabile o al familiare. 2. L Assistente sociale responsabile del caso: - in previsione della scadenza del contratto, avvalendosi, qualora lo ritenga opportuno, dell UVM, può rinnovare la proposta dell assegno; - in caso di necessità o nelle situazioni più complesse effettua una rivalutazione con conseguente ridefinizione del programma assistenziale 3. In ogni caso sono adottate modalità affinché sia assicurata una verifica almeno annuale da parte del responsabile del caso, di norma al domicilio, che riferisce all UVM per ogni ulteriore provvedimento. In particolare è compito del responsabile del caso la valutazione dei risultati ottenuti in riferimento al programma assistenziale concordato e l eventuale aggiornamento delle condizioni relative al contesto familiare ed assistenziale utilizzando la scheda integrativa per la parte di competenza. 4. In caso si evidenzino aggravamenti della situazione, il disabile stesso o il famigliare referente potrà rivolgersi all Assistente sociale referente per segnalare e descrivere le condizioni di aggravamento. L Assistente sociale potrà disporre, tramite visita domiciliare e/o tramite attivazione dell UVM, l eventuale riesame e relativo aggiornamento- del caso. In caso di peggioramento della condizione clinico-sanitaria, il disabile stesso o il famigliare

8 referente potrà produrre documentazione medica attestante la tipologia dell aggravamento. Art.9 Contributo aggiuntivo 160 Euro per l emersione e regolarizzazione del lavoro di cura 1. In applicazione alla DGR 1230/2008 e DGR 1206/07, il contributo è rivolto ai disabili che percepiscono l assegno di cura, indipendentemente dal livello dello stesso, in presenza di due requisiti: - un reddito ISEE (estratto del solo beneficiario) il cui importo è stabilito dalla Regione; - documentazione attestante la regolare contrattualizzazione del rapporto di lavoro dell assistente familiare 2. I contributi aggiuntivi 160 saranno liquidati con cadenza quadrimestrale insieme al relativo assegno di cura, previa presentazione di copia dei bollettini postali attestanti l avvenuto versamento dei contributi a favore dell assistente familiare o altra documentazione attestante la regolarità contrattuale. Art. 10 Monitoraggio e debito informativo E assicurata la trasmissione semestrale alla Regione Emilia Romagna dei dati relativi all assegno di cura mediante inserimento degli stessi nel sistema informativo regionale SMAC. Art. 11 Reclami e ricorsi Eventuali segnalazioni e/o reclami potranno essere presentati, in forma scritta ed inviati a mezzo posta ordinaria, all Unione dei Comuni del Distretto Ceramico all attenzione del suo Dirigente che, dopo aver provveduto a compiere le necessarie e dovute analisi e verifiche della situazione segnalata, provvederà a dare risposta scritta entro il termine di 30 giorni dalla data di ricevimento. Art. 12 Trattamento dei dati Il trattamento dei dati viene avviene secondo le modalità e nel rispetto della legislazione vigente in materia.

9 Allegati

10

11 Allegato A SPMSQ (Pfeiffer E. A short portable mental status questionnaire for the assessment of organic brain deficit in elderly patients. JAMA 1975, vol 23, n.10, ) Scolarità Cognome Nome data di nascita(gg/mm/aaaa) 1) Qual è la data di oggi (giorno, mese, anno)? Sì No 2) Che giorno della settimana? Sì No 3) Qual è il nome di questo posto? Sì No 4) Qual è il suo numero di telefono? (4a. Qual è il suo indirizzo?)* Sì No (Chiedere la domanda 4a solo se il paziente non ha il telefono) 5) Quanti anni ha? Sì No 6) Quando è nato? Sì No 7) Chi è il Presidente della Repubblica? Sì No 8) Chi era il Presidente della Repubblica precedentemente? Sì No 9) Qual era il cognome di sua madre da ragazza? Sì No 10) Sottragga 3 da 20 e da ogni numero fino in fondo ( )* Sì No Chiedere le domande da 1 a 10 e registrare le risposte. NUMERO TOTALE DI ERRORI (Risposte No ) PUNTEGGIO CORRETTO** Punteggio Grezzo: Punteggio Corretto: Registrare il numero totale di errori basato sulle 10 domande Sottrarre 1 errore se il soggetto ha frequentato le scuole elementari; Aggiungere 1 errore se il soggetto ha frequentato scuole oltre le medie superiori. Legenda: da 0 a 2 errori assenza di deterioramento da 3 a 4 errori deterioramento lieve da 5 a 7 errori deterioramento moderato da 8 a 10 errori deterioramento grave Osservazioni

12 Allegato B ADL Nominativo e data di compilazione Attività della Vita Quotidiane (Katz, 1970) Indipendenti Dipendenti 1. Fare il bagno 2. Vestirsi 3. Uso servizi 4. Mobilità 5. Continenza 6. Alimentazione E' autonomo (nessuna assistenza per lavarsi) Prende i vestiti e li indossa senza assistenza Si alimenta senza assistenza Necessita di assistenza soltanto per la pulizia di una parte del corpo (schiena, gambe) Prende i vestiti e li indossa ma necessita di assistenza per allacciarsi le scarpe Va in bagno, si pulisce e si riveste autonomamente, eventualmente usando supporti (bastone, stampelle); è in grado di usare e svuotare padella Si sposta dentro e fuori dal letto ed in poltrona senza assistenza, eventualmente usando supporti Controlla completamente feci e urine Necessita di assistenza solo per alcune operazioni (tagliare la carne) Necessita di assistenza totale Necessita di assistenza per prendere o indossare i vestiti, o rimane parzialmente svestito Necessita di assistenza per recarsi in bagno e per le funzioni successive Non si reca in bagno per i bisogni corporali Compie le suddette operazioni se assistito Non si alza dal letto Saltuaria incontinenza Necessita di assistenza per alimentarsi; viene alimentato parzialmente o completamente per via enterale o parenterale Valutazione Classe (numero di classe dipendenti ) (I late-loss ADL (4-5-6) implicano un carico assistenziale maggiore) Indipendente in tutte le funzioni. A B C D E F Altro Indipendente in tutte le funzioni eccetto una. Indipendente in tutte le funzioni eccetto che nel fare il bagno (1) ed in un'altra funzione (x). Indipendente in tutte le funzioni eccetto che nel fare il bagno (1), nel vestirsi (2) ed in un'altra funzione (x). Necessita di sorveglianza, usa il catetere o è incontinente Indipendente in tutte le funzioni eccetto che nel fare il bagno (1), nel vestirsi (2), nell'uso dei servizi (3), nella mobilità (4) ed in un altra funzione (x) Dipendente in tutte le sue funzioni. Dipendente in almeno due funzioni ma non classificabile come C, D, E o F Osservazioni Il Medico

13 Allegato C Nome e Cognome Data di compilazione SEGNALAZIONE DI PROBLEMI FISICI O DI COMPORTAMENTO DI PARTICOLARE GRAVITA (SCHEDA COMPORTAMENTO) LA PERSONA MANIFESTA PROBLEMI FISICI E COMPORTAMENTALI PARTICOLARMENTE FREQUENTI O IMPREVEDIBILI E DI PERICOLOSITA TALE DA RICHIEDERE INTERVENTI PSICO-EDUCATIVI E STANDARD DI PERSONALE SUPERIORI? No Sì ma tali da non richiedere interventi o standard speciali Sì ma tali da richiedere interventi o standard speciali Sezione 1 Autolesionismo Aggressività e comportamenti distruttivi verso persone e oggetti Comportamenti stereotipati pericolosi per sé o per gli altri Imprevedibilità Altro (specificare).. Sezione Necessità di sorveglianza continua, anche per l incapacità di chiedere aiuto Necessità di assistenza particolare per funzioni quali alimentazione, respirazione, evacuazione Altro (specificare) TOTALI

14 SCHEDA USO SERVIZI Allegato D NOME E COGNOME DATA DI COMPILAZIONE Centro diurno Altri Servizi a valenza Socio educativa Riabilitativo (anche ergo terapia) Servizi Pubblici Volontariato organizzato e privato sociale Sommare tutti i punteggi relativi ai servizi usufruiti QUALORA USUFRUISCA DI PIU SERVIZI LA SOMMA MASSIMA DI PENALITA E Tempo pieno Tempo parziale Tempo parziale meno di 3 gg. la settimana Tempo pieno Tempo parziale Tempo parziale meno di 3 gg. la settimana -10 TOTALE Non usufruisce di alcun servizio 0

15 Legenda ad uso degli operatori preposti alla compilazione SCHEDA USO SERVIZI: La scheda USO SERVIZI è una scheda che somma punteggi con valore di penalità da riportare sulla SCHEDA INTEGRATIVA. La scheda SERVIZI ha lo scopo di evidenzia la fruizione di servizi /opportunità di assistenza socio educativa riabilitativa giornaliera a favore del disabile siano essi gestiti da Enti pubblici o privati sociale o volontariato associazionistico. Enti Pubblici (Servizio Sociale): Sezione Vengono assegnati punti (di penalità ) pari a -100 = qualora si usufruisca di accoglienza presso Centri Socio Riabilitativi Semiresidenziali (Strutture Pubbliche) con frequenza a Tempo Pieno (fascia oraria ) per tutta la settimana (5/5). Sezione Vengono assegnati punti (di penalità ) pari a -50 = qualora si usufruisca di accoglienza presso Centri Socio Riabilitativi Semiresidenziale (Strutture Pubbliche ) con frequenza a Tempo parziale (dalle ore 8/12 oppure dalle ore 12/16) giornaliere o per alcuni giorni sett/li (Tempo parziale verticale) o per tutta la settimana (tempo parziale orizzontale ). E considerato ai fini della scheda tempo parziale anche la frequenza giornaliera (dalle ore 8/14) solo per alcuni giorni settimanali. Sezione Vengono assegnati punti (di penalità ) pari a -25= qualora si usufruisca di accoglienza presso Centri Socio Riabilitativi Semiresidenziali ( Strutture Pubbliche) con frequenza a tempo parziale ( verticale o orizzontale) per meno di 3 gg la settimana. Enti Privati ( Volontariato organizzato e privato sociale): Sezione Vengono assegnati punti (di penalità ) pari a -50 = qualora si usufruisca di servizi a valenza socio educativa riabilitativa (anche ergo terapia) svolta presso spazi gestiti da Associazioni di Volontariato sociale o da soggetti privati (coop.ve) con frequenza a Tempo Pieno cioè a totale copertura dell orario di funzionamento giornaliero e per tutta la settimana.( verticale + orizzontale) Sezione Vengono assegnati punti (di penalità ) pari a -25= qualora si usufruisca di servizi a valenza socio educativa riabilitativa (anche ergo terapia) svolta presso spazi gestiti da Associazioni di Volontariato sociale o da soggetti privati (coop.ve) con frequenza a tempo parziale cioè a metà tempo cioè solo mattina o solo pomeriggio sia per tutta la settimana (5/5) o per alcuni giorni settimanali. Sezione Vengono assegnati punti (di penalità ) pari a -10 = qualora si usufruisca di servizi a valenza socio educativa riabilitativa (anche ergo terapia) svolta presso spazi gestiti da Associazioni di Volontariato sociale o da soggetti privati (coop.ve) con frequenza a tempo parziale cioè a metà tempo per meno di 3 gg la settimana. Qualora il disabile usufruisca di più servizi/interventi (pubblici o volontariato organizzato o privato sociale) occorre riportare tutti i punteggi (penalità) corrispondenti e riportare il totale delle penalità nella SCHEDA INTEGRATIVA ( in detrazione). Qualora il disabile non usufruisca di nessun servizio il totale è pari a 0.

16 SCHEDA SOCIO FAMILIARE ED ABITATIVA Allegato E NOME E COGNOME DATA DI COMPILAZIONE CONDIZIONE ABITATIVA Punteggio massimo 6 NUCLEO FAMILIARE ANAGRAFICO Punteggio massimo 18 RETE ASSISTENZIALE non convivente Punteggio massimo 36 ULTERIORI PROBLEMATICHE Punteggio massimo 40 Abitazione idonea, servizi esterni fondamentali fruibili 0 Solo due componenti 3 Assistente famigliare (badante) contratto in regola a tempo pieno 18 Disagio economico 10 Abitazione idonea, ma presenta barriere esterne (scale e/o scalini) 3 Uno o più componenti over 65 e/o presenza di minori 6 Assistente famigliare (badante) contratto in regola a tempo parziale Il disabile necessita di cure e terapia 5 9 E impedita la fruibilità completa dei servizi interni all abitazione (per es scale interne o scalini; servizi igienici non fruibili) 5 più componenti nel nucleo famigliare 0 Un solo caregiver ultra 65 disposto all assistenza 18 Altre necessità assistenziali 15 Totale inadeguatezza dell abitazione e/o assenza di servizi esterni fondamentali fruibili 6 Disabile vive solo Piu caregivers disposti all assistenza 18 Altre necessità gravi su segnalazione dell equipe UVM distrettuale 10 0 Totale Totale massimale 100

17 Legenda ad uso degli operatori preposti alla compilazione. SCHEDA SOCIO FAMIGLIARE ABITATIVA: NUCLEO FAMIGLIARE (ANAGRAFICO) punteggio massimo 18 Sezione : Solo due componenti punti 3 = S intende il disabile + altro componente (escluso badante ) costituenti il Nucleo Famigliare. Sezione :Uno o più componenti over 65 e/o presenza di minori punti 6 = s intende nucleo composto anche dalla presenza di persone anziane e/o presenza di minori. Sezione Più componenti nel nucleo famigliare punti 0 = s intende nucleo composto da diversi componenti (adulti) Sezione 1 solo componente ( disabile solo) punti 18 = s intende il solo disabile Come assegnare i punti Possono essere sommati i diversi punteggi fra loro qualora ad esempio: il nucleo sia composto da 2 persone ( disabile + altra) e l altra sia o minore o over 65 (punti 3+6=9); oppure se il nucleo è composto da più componenti e fra questi ci sia la presenza di minori e/o over 65 (6+0=6) ; infine può essere assegnato il solo punteggio di 18 quando il disabile vive solo. RETE ASSISTENZIALE punteggio massimo 36 Sezione Assistente famigliare (badante) con contratto in regola a tempo pieno punti 18 = s intende la presenza di assistente famigliare assunta con contratto regolare con monte ore settimanale full time. E fatto d obbligo la presentazione della copia del contratto di servizio, la compilazione del modulo di richiesta di concessione del contributo aggiuntivo badante in uso presso i servizi preposti e la presentazione di copia dei cedolini trimestrali dei contributi pagati. Sezione Assistente famigliare (badante) con contratto in regola a tempo parziale punti 9 = s intende la presenza di assistente famigliare assunta con contratto regolare con monte ore settimanale almeno di 20 h. E fatto d obbligo la presentazione della copia del contratto di servizio, la compilazione del modulo di richiesta di concessione del contributo aggiuntivo badante in uso presso i servizi preposti e la presentazione di copia dei cedolini trimestrali dei contributi pagati. Sezione Un solo caregiver ultra 65 disposto all assistenza punti 18 = s intende la presenza, nella rete assistenziale, di 1 sola persona over 65 che assolve alle necessità di cura e assistenza a favore del disabile. Sezione Più caregivers disposti al assistenza punti 0 = s intende la presenza, nella rete assistenziale, di più persone disposte alla cura e all assistenza del disabile. Come assegnare i punti Possono essere sommati i diversi punteggi fra loro qualora ad esempio: le persone disposte all assistenza siano sia l assistente famigliare ( a tempo pieno) + altra persona che sia over 65 (punti 18+18=36); oppure qualora l assistenza sia assolta da assistente

18 famigliare a part time + altra 1 persona che sia over 65 (punti 9+18=27) ;oppure le persone disposte all assistenza siano sia l assistente famigliare ( a tempo pieno) + 1 rete famigliare composta da più componenti disposti all assistenza (18+0=18); oppure badante a part time + rete famigliare di piu persone disposte all assistenza (9+0=9); oppure quando l assistenza è assolta da 1 sola persona over 65 (punti 18) ; oppure infine la rete assistenziale sia assolta da più persone adulte (punti 0). ULTERIORI PROBLEMATICHE Punteggio massimo 40 Sezione Disagio economico punti 10 = Si considera condizione di Disagio Economico qualora il nucleo familiare abbia usufruito di interventi economici erogati da enti pubblici Sezione Il disabile necessita di cure e terapia punti 5 = Si fa riferimento a cure e terapie a pagamento che assumono carattere di cronicità, ripetitività nel tempo con durata di almeno 3 mesi nell anno e che comportino fruizione di servizi esterni con spese private (es. trasposto, specialisti riabilitativi acquisto di ausili ). Si escludono le terapie farmacologiche e/o riabilitative effettuate al domicilio fornite gratuitamente. E d obbligo la presentazione della prescrizione sanitarie ed evidenza del relativo pagamento. Sezione Altre necessità assistenziali punti 15 = per esempio situazioni pluri complesse inerenti il nucleo del disabile fra queste l eventuale presenza nel nucleo di altri componenti quali ad esempio: disabili, e/o persone con invalidità superiore ai 2/3, e/o anziani non autosufficienti, e/o dipendenze patologiche, disagio mentale, altre malattie croniche ed invalidanti. Per questa rilevazione l assegnazione dei 15 punti è a discrezione dell equipe multi professionale sulla base di bisogni particolari o disagi specifici di cui è a conoscenza l operatore referente del caso contestualizzate al solo periodo in questione ( anno solare) è fatto d obbligo documentare la copresenza problematicità rientranti nella specifica di altre necessità assistenziali con la presentazione di documentazione aggiuntiva, nel caso di patologie o invalidità documentazione sanitarie e verbali di invalidità. Sezione Altre necessità di gravità su segnalazione dell equipe UVM distrettuale punti 10 = s intende la presenza di necessità legate a criticità o di bisogni particolari valutabili dalla equipe multi professionale anche sulla base del verbale UVM Distrettuale (esempio SITUAZIONE FRAGILE DEL NUCLEO ) Come assegnare i punti Possono essere sommati i vari punti fra loro qualora siano copresenti le diverse situazioni per un massimo di punti 40.

19 Allegato F ASSEGNO DI CURA E DI SOSTEGNO DISABILI SCHEDA PUNTI ISEE (INDICATORE SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) Nome Cognome Data di compilazione Si assegna n.1 punto ogni 1000 euro di differenza fra il tetto massimo ( ,00) e l ISEE dichiarato. Tetto massimo ,00 - ISEE dichiarato. / = Differenza matematica. / Arrotondamento Per eccesso o in difetto alle / uguale a PUNTI Assegnazione MAX 34 PUNTI

20 Allegato G Assegno di Cura e Sostegno Disabili DRG1122/02 SCHEDA INTEGRATIVA Luogo e data Nome Cognome VALORE SPMSQ (cognitiva) PUNTEGGIO ADL (funzionale) Scheda COMPORTAMENTO Scheda USO SERVIZI Valore da sottrarre - Scheda SOCIO ABITATIVA Scheda ISEE TOTALE SCHEDE Componenti U.V.M Medico Usl Sassuolo Responsabile Area Disabili dell Unione dei Comuni del Distretto Ceramico Assistente Sociale Infermiera professionale

21 Allegato H MODULO DI RICHIESTA PER LA CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO ECONOMICO INTEGRATIVO DI 160,00 EURO MENSILI A FAVORE DI SOGGETTI BENEFICIARI DELL ASSEGNO DI CURA CHE UTILIZZANO ASSISTENTI FAMILIARI CON REGOLARE CONTRATTO DI LAVORO E CON ISEE ESTRATTO INFERIORE A EURO (rif. D.G.R. 1206/07 Allegato 3, punto 3) Io sottoscritto....nato/a a... il, residente a.. in via n.. Codice Fiscale recapito telefonico n..... Titolare del contratto per l erogazione dell Assegno di cura del/la Sig./ra. Residente nel Comune di RICHIEDO Il contributo aggiuntivo di euro mensili a decorrere dal. DICHIARO di essere in possesso dei requisiti previsti per poter beneficiare del contributo aggiuntivo; che l assistenza è svolta a favore del/la beneficiario/a dell Assegno di Cura e presso il domicilio dello/a ed è garantita da un monte ore settimanale pari a 24 ore su 24 ore (non inferiore a 20) che l assistenza è fornita da : ( se prestata da assistente familiare) Nome e cognome dell assistente familiare nata a..il.... residente/domiciliata a..in via n. ( se prestata da cooperativa o ditta) Denominazione cooperativa /ditta. con sede a.via.n. codice fiscale/partita iva rec. telefonico n. che il datore di lavoro è il/la Sig./ra.nato/a.. il residente a.via.n codice fiscale.rec. telefonico n... MI IMPEGNO A informare, entro 10 giorni dalla comunicazione obbligatoria inviata al Centro per l impiego, l Assistente Sociale del Comune di Residenza del beneficiario dell Assegno di Cura in caso di: - cessazione del rapporto di lavoro con l assistente familiare - cambio di cooperativa/ ditta di assistenza - modifica dell orario di lavoro e/o del rapporto di lavoro

22 inviare al Servizio Area Disabili dell Unione dei Comuni del Distretto Ceramico entro il 15 del mese di ogni trimestre precedente ( in caso di assistenza prestata da assistente familiare ) copia della ricevuta del bollettino postale attestante l avvenuto versamento dei contributi per l assistente familiare ( in caso di assistenza prestata da personale di cooperativa o ditta) copia della ricevuta o fattura emessa dalla cooperativa/ditta che fornisce il personale di assistenza consentire ai Servizi competenti lo svolgimento di controlli periodici ed ordinari per verificare il permanere del rapporto di lavoro e le condizioni della sua realizzazione restituire le eventuali somme indebitamente percepite Autorizzo inoltre l Unione dei Comuni del Distretto Ceramico ed il Comune di residenza al trattamento dei dati personali dichiarati nel presente modulo (Decreto legislativo 196/03 Codice Privacy ). il.. in fede Il contributo viene concesso in data. (il responsabile del caso) NB. ALLEGARE ALLA PRESENTE RICHIESTA IL CONTRATTO DI LAVORO STIPULATO CON L ASSISTENTE FAMILIARE.

DISCIPLINA PER LA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE

DISCIPLINA PER LA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE DISCIPLINA PER LA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE 1 INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Finalità dell intervento Art. 3 Caratteristiche

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DELL ASSEGNO DI CURA A PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI

AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DELL ASSEGNO DI CURA A PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI PIANO SOCIALE DI ZONA Ambito Territoriale Alto Tavoliere Capofila: Comune di San Severo Apricena - Chieuti - Lesina - Poggio Imperiale San Paolo di Civitate - Serracapriola - Torremaggiore AVVISO PUBBLICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 APPROVATO CON DELIB. C.C. 77 DEL 16.04.2003 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Approvato dal Comitato di Distretto nella seduta del 28.01.2011 Modificato dal

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE ASSEGNI DI CURA ALLE FAMIGLIE PER ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (G5)

MODALITA ATTUATIVE ASSEGNI DI CURA ALLE FAMIGLIE PER ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (G5) MODALITA ATTUATIVE ASSEGNI DI CURA ALLE FAMIGLIE PER ASSISTENZA AGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (G5) INDICE ART. 1 OGGETTO 2 ART. 2 FINALITÁ 2 ART. 3 DESTINATARI 2 ART. 4 IMPORTO DELL ASSEGNO DI CURA

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (SOC/02/24740) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Viste: - la legge 5 febbraio 1992, n.104 Legge - quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate ;

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n. 83/15 del 08.07.2008 e modificato con atto del Commissario Straordinario

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI Provincia di Caltanissetta Ripartizione Servizi Sociali tel/fax 0933/881310

COMUNE DI NISCEMI Provincia di Caltanissetta Ripartizione Servizi Sociali tel/fax 0933/881310 COMUNE DI NISCEMI Provincia di Caltanissetta Ripartizione Servizi Sociali tel/fax 933/883 SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE (ADA) IN FAVORE DI ANZIANI ULTR65ENNI NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

Regolamento tipo per la gestione dell assegno di cura L.R. 5/94 Aggiornamento all 1/10/2007

Regolamento tipo per la gestione dell assegno di cura L.R. 5/94 Aggiornamento all 1/10/2007 Allegato alla Decisione n... del.. Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena Distretto di.. Servizio Assistenza Anziani Regolamento tipo per la gestione dell assegno di cura L.R. 5/94 Aggiornamento all

Dettagli

Modulo per la richiesta di contributo economico ex DGR 740/2013 Misura B2

Modulo per la richiesta di contributo economico ex DGR 740/2013 Misura B2 Modulo per la richiesta di contributo economico ex DGR 740/2013 Misura B2 Buono / Voucher per il mantenimento in famiglia di persone non autosufficienti IL RICHIEDENTE Sig./a sesso M F Cod. Fiscale nato/a

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

FONDO NON AUTOSUFFICIENZA DGR 740/2013 AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI A SOSTEGNO DI DISABILI GRAVI E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

FONDO NON AUTOSUFFICIENZA DGR 740/2013 AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI A SOSTEGNO DI DISABILI GRAVI E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA DGR 740/2013 AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI A SOSTEGNO DI DISABILI GRAVI E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI PREMESSA Vista la quota del Fondo Nazionale per le Non

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

Unione Tresinaro Secchia

Unione Tresinaro Secchia Unione Tresinaro Secchia Provincia di Reggio Emilia L.R. 5/94 Approvato con deliberazione di Consiglio Unione nr. 6 del 11 marzo 2013 1 L.R. 5/94 Premessa Negli ultimi anni si è consolidata e ampliata

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 1 ALLEGATO C Comune di ASUR AREA VASTA Unità Multidisciplinare per l età DICHIARAZIONE DI IMPEGNO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA AL DISABILE IN SITUAZIONE DI PARTICOLARE GRAVITA Io sottoscritto

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona

Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile BUONO SOCIALE A SOSTEGNO DI FAMIGLIE/RETI DI SOLIDARIETA CHE SI PRENDONO CURA, NEL CONTESTO DOMICILIARE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA ) FINALITA DELL INTERVENTO L assegno di cura è finalizzato a sostenere le famiglie che mantengono nel proprio contesto l anziano non autosufficiente o l

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI 1 Art. 1 - Finalità La finalità

Dettagli

REGOLAMENTO C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse

REGOLAMENTO C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI ASSEGNI DI SERVIZIO A FAVORE DI PERSONE DISABILI DEL DISTRETTO N. 2 DELL A.S.L.

Dettagli

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI)

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI Allegato alla Delibera N. 9 del 27/05/2011 NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI CAPO I - CRITERI OMOGENEI DI ACCESSO ALL INTERVENTO Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D3 COMUNE DI RAVANUSA (Provincia di Agrigento) Assistenza domiciliare anziani e disabili

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D3 COMUNE DI RAVANUSA (Provincia di Agrigento) Assistenza domiciliare anziani e disabili DISTRETTO SOCIO SANITARIO D3 COMUNE DI RAVANUSA (Provincia di Agrigento) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALLA PERSONA Uffici Servizi Sociali Si avvisa la cittadinanza che sarà avviato il Progetto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

All Ufficio di Piano Ambito Territoriale Sociale di Nardò. tramite il Segretariato Sociale- PUA del Comune di

All Ufficio di Piano Ambito Territoriale Sociale di Nardò. tramite il Segretariato Sociale- PUA del Comune di DOMANDA PER L AMMISSIONE AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E/O AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA IN FAVORE DI PERSONA ANZIANA NON AUTOSUFFICIENTE E PERSONE CON DISABILITA E LORO FAMIGLIE

Dettagli

Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) nato/a il. residente a prov c.a.p. via n. recapito telefonico cell. e-mail

Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) nato/a il. residente a prov c.a.p. via n. recapito telefonico cell. e-mail Allegato 1.A DOMANDA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI IN FAVORE DI PERSONE CON GRAVE DISABILITA' E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ATTIVATI DAL PIANO DI ZONA DI CORTEOLONA ai sensi della D.G.R. Lombardia n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA DEGLI ANZIANI (C.E.D.)

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA DEGLI ANZIANI (C.E.D.) REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA DEGLI ANZIANI (C.E.D.) Art. 1 - Oggetto 1 - Il CISSA intende disciplinare l erogazione di un contributo denominato contributo

Dettagli

Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo

Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo ENTE CAPOFILA del DISTRETTO SOCIO-SANITARIO VT/1 [Comuni di Acquapendente, Bagnoregio, Bolsena, Capodimonte, Castiglione in Teverina, Civitella d Agliano, Farnese,

Dettagli

BUONO VOUCHER SOCIO-ASSISTENZIALE

BUONO VOUCHER SOCIO-ASSISTENZIALE UFFICIO DI PIANO AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 7 Ente Capofila: Comune di Rozzano AL COMUNE DI. SERVIZIO SOCIALE DOMANDA DI ASSEGNAZIONE BUONO VOUCHER SOCIO-ASSISTENZIALE RICHIEDENTE (beneficiario o parente)

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DI POTENZIAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Richiamati: PERIODO

Dettagli

REGOLAMENTO DETERMINANTE I CRITERI PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTEGRAZIONE RETTA NELLE CASE PROTETTE PUBBLICHE E/O PRIVATE CONVENZIONATE

REGOLAMENTO DETERMINANTE I CRITERI PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTEGRAZIONE RETTA NELLE CASE PROTETTE PUBBLICHE E/O PRIVATE CONVENZIONATE REGOLAMENTO DETERMINANTE I CRITERI PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTEGRAZIONE RETTA NELLE CASE PROTETTE PUBBLICHE E/O PRIVATE CONVENZIONATE Approvato con deliberazione C.C. 180/04.09.2002 Pagina 1

Dettagli

L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA

L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA REGIONE ABRUZZO L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA Art. 1 - Obiettivi e finalità 1. Per "vita indipendente", nell'ambito delle presenti linee-guida, si intende

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO CARTA DEI SERVIZI: SCHEDA INFORMATIVA DEL SERVIZIO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO Pagina 1 di 10 Rev.0- maggio 2014 Il servizio di assistenza domiciliare del Comune di BIBBIANO

Dettagli

MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE Piano di zona dei Comuni dell Abbiatense per il sistema integrato di interventi e servizi sociali Legge 328/2000 MODALITA SPERIMENTALI PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. DEL ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento disciplina il servizio

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012 allegato alla deliberazione n. 211 del 21.3.2012 1 INDICE PREMESSA...4 1. ASSEGNO DI CURA...5 1.1 DESTINATARI...5

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INDICE ART. 1...1 ART. 2...2 ART. 3...2 ART. 4...3 ART. 5...4 ART. 6...4 ART. 7...4 ART. 8...5 ART. 9...5 ART. 10...5 ART.

Dettagli

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. 02/03/2005 n. 376. LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. 02/03/2005 n. 376. LA GIUNTA REGIONALE REGIONE UMBRIA OGGETTO: ATTUAZIONE DELL'ART.3 L.24/2004 'ASSEGNO DI CURA PER L'ASSISTENZA A DOMICILIO DI ANZIANI GRAVEMENTE NON AUTOSUFFICIENTI. APPROVAZIONE REQUISITI DI ACCESSO, MODALITA' DI EROGAZIONE

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO FAMIGLIE - APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

DIRETTORE SOCIETA' DELLA SALUTE PISTOIESE

DIRETTORE SOCIETA' DELLA SALUTE PISTOIESE DIRETTORE SOCIETA' DELLA SALUTE PISTOIESE Bando per l'erogazione di contributi economici per l'assistenza domiciliare indiretta (tramite assistenti familiari) a favore di anziani non autosufficienti periodo

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE

COMUNE DI CASALGRANDE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Cap 42013 Piazza Martiri della Libertà, 1 tel: 0522 998511 fax: 0522 841039 Cod. fisc. e P. IVA 00284720356 Regolamento distrettuale determinante i

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05. REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.2015 - INDICE Pag. ART. 1 OBIETTIVO. 3 ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI IL CAPO DELL AREA AMMINISTRATIVA DEL COMUNE DI MUSSOMELI CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO SANITARIO In attuazione del Piano di Azione e Coesione

Dettagli

Cosa cambia con la Casa della Salute Il sociale e il sanitario insieme nella Casa della Salute. Claretta Zambelli, Nadia Bergonzini

Cosa cambia con la Casa della Salute Il sociale e il sanitario insieme nella Casa della Salute. Claretta Zambelli, Nadia Bergonzini Cosa cambia con la Casa della Salute Il sociale e il sanitario insieme nella Casa della Salute Claretta Zambelli, Nadia Bergonzini ACCESSO AL SERVIZIO SOCIALE Sportello sociale Equipe di Coordinamento

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N 109 DEL 11/12/14 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE.. ART. 2 OBIETTIVI

Dettagli

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DI POTENZIAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Richiamati: PERIODO

Dettagli

Delibera di Giunta Regionale n. 1377/1999. Prot. n. (SOC/99/27528) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Visti:

Delibera di Giunta Regionale n. 1377/1999. Prot. n. (SOC/99/27528) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Visti: Delibera di Giunta Regionale n. 1377/1999 Prot. n. (SOC/99/27528) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: l'art. 30 della Legge 27/12/1983, n. 730 che pone a carico del Fondo sanitario gli oneri

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 30 Marzo

Dettagli

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. DEL 21 )J2O1a REGOLAMENTO INERENTE DOMICILIARE (S.A.D.) IL SERVIZIO DI ASSISTENZA (Provincia di Sondrio) COMUNE DI MORBEGNO Art. 3 Finalità Art, 2

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE

MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITÀ NEL RHODENSE INDICE assegno di cura per anziani non autosufficienti... 3 assegno di cura per disabili non autosufficienti... 4 voucher sociale... 5 servizio assistenza

Dettagli

CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA

CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA ALLEGATO A) ISTITUZIONE DEL CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ NON AUTOSUFFICIENTI DI ETA INFERIORE A 65 ANNI. La Regione Piemonte

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI ART. 1 DEFINIZIONE DEI SERVIZI OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Servizio di

Dettagli

Regolamento Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12.

Regolamento Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12. Regolamento Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12.2014) 1. FINALITA Il presente regolamento è lo strumento di

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI BUONO SOCIALE PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DISABILI GRAVI

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI BUONO SOCIALE PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DISABILI GRAVI CAT. VII/12/26 UFFICIO DI PIANO AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 7 Ente Capofila: Comune di Rozzano Al Comune di ROZZANO Servizi Sociali DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI BUONO SOCIALE PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL BUONO SOCIALE MIRATO AL SOSTEGNO DEL LAVORO DI CURA PRESTATO DA ASSISTENTI FAMILIARI

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL BUONO SOCIALE MIRATO AL SOSTEGNO DEL LAVORO DI CURA PRESTATO DA ASSISTENTI FAMILIARI UFFICIO DI PIANO Piano di Zona per i Servizi Sociali Distretti di Casalpusterlengo Lodi Sant Angelo Lodigiano Tel.: 0371 409332 Fax: 0371 409453 E-mail:ufficiodipiano@comune.lodi.it DOMANDA DI ASSEGNAZIONE

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI

COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI Via Roma 103-02019 POSTA (RI) - Tel 0746/ 951402-Fax 0746/ 951403-C.F. 80018100570-Web: www.velino.it - info@velino.it info@pec.velino.it A V V I

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6 ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI DI ARTENA, CARPINETO ROMANO, COLLEFERRO, GAVIGNANO, GORGA, LABICO, MONTELANICO, SEGNI, VALMONTONE, XVIII COMUNITA' MONTANA DEI MONTI LEPINI-AREA

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

MODULO PER LA RICHIESTA DI BUONO SOCIALE 2010 A FAVORE DI PERSONE DISABILI

MODULO PER LA RICHIESTA DI BUONO SOCIALE 2010 A FAVORE DI PERSONE DISABILI Ufficio di Coordinamento del Piano di Zona Distretto socio-sanitario di Como MODULO PER LA RICHIESTA DI BUONO SOCIALE 2010 A FAVORE DI PERSONE DISABILI AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI (tramite l Ufficio

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma)

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) (Allegato all atto consiliare n. 12/2005) REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI AI PORTATORI DI HANDICAP, AI MINORI A RISCHIO DI DEVIANZE.

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO RELATIVO ALL AMMISSIONE DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI E ALL ATTUAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASSEGNI DI CURA A FAVORE DI ANZIANI ED ADULTI AD ESSI ASSIMILABILI

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASSEGNI DI CURA A FAVORE DI ANZIANI ED ADULTI AD ESSI ASSIMILABILI COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASSEGNI DI CURA A FAVORE DI ANZIANI ED ADULTI AD ESSI ASSIMILABILI approvato con atto del Commissario Straordinario n. 113/2011 del

Dettagli

ALLEGATO A - DOMANDA DI ASSEGNAZIONE BUONO SOCIALE CAREGIVER FAMILIARE FAMILIARI CHE ASSISTONO

ALLEGATO A - DOMANDA DI ASSEGNAZIONE BUONO SOCIALE CAREGIVER FAMILIARE FAMILIARI CHE ASSISTONO ALLEGATO A - DOMANDA DI ASSEGNAZIONE BUONO SOCIALE CAREGIVER FAMILIARE FAMILIARI CHE ASSISTONO 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA In relazione a quanto disposto dall art. 47 D.P.R. n 445

Dettagli

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA Considerazioni preliminari La raccolta di dati si riferisce alle persone non autosufficienti, cioè a coloro che subiscono una perdita permanente,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia Settore Servizi alla Popolazione Ufficio Servizi Sociali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 20 del

Dettagli

AZIENDA SOCIALE COMUNI INSIEME

AZIENDA SOCIALE COMUNI INSIEME AZIENDA SOCIALE COMUNI INSIEME Comuni di Bregnano, Cadorago, Carbonate, Casnate con Bernate, Cassina Rizzardi, Cirimido, Fenegrò, Fino Mornasco, Grandate, Limido Comasco, Locate Varesino, Lomazzo, Luisago,

Dettagli

DOMANDA DI ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNO 2009 (Delibera di Giunta Regionale n. 985 del 15 giugno 2009)

DOMANDA DI ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNO 2009 (Delibera di Giunta Regionale n. 985 del 15 giugno 2009) Timbro di arrivo al protocollo dell Ente Allegato 1 All Ente capofila dell ATS n.17 Comunità Montana V. Mazzini n. 29 62027 San Severino M. (MC) DOMANDA DI ACCESSO ALL ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

1-PREMESSA... 2 2-DEFINIZIONE E PRINCIPI... 2 3-DESTINATARI... 2 4-MODALITA DI GESTIONE DEL SERVIZIO... 2 5-FINALITÀ ED OBIETTIVI...

1-PREMESSA... 2 2-DEFINIZIONE E PRINCIPI... 2 3-DESTINATARI... 2 4-MODALITA DI GESTIONE DEL SERVIZIO... 2 5-FINALITÀ ED OBIETTIVI... R E G O L A M E N T O D E L S E R V I Z I O A S S O C I A T O D I S T R E T T U A L E D I A S S I S T E N Z A D O M I C I L I A R E P E R A N Z I A N I ( S A D ) E D I S A B I L I ( S A DH) SOMMARIO 1-PREMESSA...

Dettagli

Progetto VOUCHER FRIENDLY

Progetto VOUCHER FRIENDLY Progetto VOUCHER FRIENDLY AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DI VOUCHER DI SERVIZIO PER LA CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E DI LAVORO. 1. OBIETTIVI E FINALITÀ L obiettivo prioritario dell

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE DISTRETTO SOCIO SANITARIO APRILIA/CISTERNA REGOLAMENTO CASA FAMIGLIA PER DISABILI LA CASA DEI LILLA Allegato alla delibera di CC n.33 dell

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Nuoro Ente Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza AVVISO PUBBLICO IL SINDACO rende noto che, ai sensi e per effetto della Delibera di Giunta Comunale n. d Ord. 63

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO Adottato con deliberazione consiliare N.48 dd. 29.11.2004 Premessa

Dettagli

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI CRITERI E MODALITÀ DI AMMISSIONE A TEMPO PROLUNGATO SUI POSTI DI CASA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Premessa L'Amministrazione Comunale di Pianoro, nell'ambito della rete dei servizi socioassistenziali (a favore della popolazione residente : non

Dettagli