INFANZIA Il Diritto di Crescere. ASSISTENTE TURISTICO PER DISABILI Aiutarli a Viaggiare ci Aiuta a Capire Noi Stessi ANZIANI IMPRESA SOCIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFANZIA Il Diritto di Crescere. ASSISTENTE TURISTICO PER DISABILI Aiutarli a Viaggiare ci Aiuta a Capire Noi Stessi ANZIANI IMPRESA SOCIALE"

Transcript

1 Europa news n.5 INFANZIA Il Diritto di Crescere ASSISTENTE TURISTICO PER DISABILI Aiutarli a Viaggiare ci Aiuta a Capire Noi Stessi ANZIANI Legami Senza Età IMPRESA SOCIALE Buoni Frutti D Autunno MULTICUL TICULTURALITA Exracomunitari, Portatori di Nuove Culture REPORT Nasce L Amministratore di Sostegno DIPENDENZ ENDENZA Per Ricominciare a Vivere DISABILI Disabili, Diversi ma Complementari EUROPANEWS n. 5 del 16/01/2006 anno XVI - Organo ufficiale dell associazione L INCONTRO - Bisettimanale di informazione, politica e attualità. - Editrice Direzione Redazione: Mopak s.r.l. - I strada Padova Direttore resposabile: ALBERTO ZUCCATO - Autorizzazione del Tribunale di Padova n del 12/05/90 Spedizione in E

2 Lavoro o e società, un altro o passo avanti Ripensando all'antico indovinello dell'uovo e della gallina viene alle volte da chiedersi: è nato prima il lavoro o la società? Un dilemma che, nonostante l'esordio scherzoso, non è davvero facile da risolvere. In effetti è difficile per chiunque di noi, ma anche per gli studiosi che si sono impegnati sul tema, immaginarsi una società dove non esista alcuna forma di attività lavorativa altrettanto quanto un lavoro che non vada in qualche modo a soddisfare una qualsiasi esigenza della società. Da queste considerazioni dobbiamo quindi trarre la conclusione che società e lavoro sono due fra gli aspetti "necessari" a garantire la vita dell'uomo sulla terra, quasi come l'aria che respiriamo, l'acqua che beviamo e il cibo di cui ci nutriamo. Fattori primari della storia dell'umanità, l'attività lavorativa e l'organizzazione sociale non sono due realtà statiche, anzi, da sempre esprimono lo stesso, vivace dinamismo, mutano dimensioni e prospettive, crescono e si adattano alle nuove condizioni di vita dell'uomo, nel continuo intrecciarsi delle rispettive evoluzioni, in uno stretto rapporto di simbiosi e di reciproco scambio. Proprio in questo quadro si inserisce la ricerca di chi provvede alla formazione di nuove professionalità adeguate a meglio interagire con le nuove esigenze della società. Valutare la cornice entro la quale si va a intervenire, soppesare le richieste di innovative forme di prestazione, aggiungere il tassello giusto al momento giusto, con attenzione e sensibilità, è quasi una forma d'arte, un lavoro costante e accurato, finalizzato a comporre un'opera sempre più equilibrata e completa. In questo numero, ad esempio, presentiamo un nuovo corso messo a punto dall'istituto Cortivo per la formazione di un'inedita competenza, quella dell'amministratore di sostegno. Una figura concepita per andare oltre il classico ruolo dell'operatore che, con volontà, entusiasmo e preparazione, va a prestare la sua opera affinché le strutture di assistenza possano garantire il massimo agli assistiti. L'amministratore di sostegno, infatti, si occupa direttamente dei diritti di chi è in stato di bisogno, non tanto per gestire al meglio una situazione data, ma per migliorarla, per incentivare l'informazione e l'accesso dei più deboli a una legislazione che spesso è tanto abbondante quanto difficile da conoscere e utilizzare. La nostra società ha partorito una quantità di leggi per la protezione delle persone disagiate? Ed ecco che l'istituto Cortivo ha creato l'amministratore di sostegno perché queste leggi siano realmente applicate. Così progredisce il nostro mondo l'eterna vicenda della società e del lavoro ha fatto un altro passo avanti. La redazione Corsi di formazione per Operatori Socio Assistenziali nel campo dell assistenza a: Multiculturalità - Infanzia - Dipendenze Anziani - Disabili - Assistente Turistico Disabili - Amministratore di Sostegno Istituto Cortivo Via Padre Ramin, Padova 2

3 IL DIRITTO DI CRESCERE E' dell'unicità di ogni incontro che Stefania Montani parla in queste poche righe. Tirocinante la scorsa primavera in una comunità assistenziale per l'infanzia attiva in Emilia Romagna, ci racconta con parole toccanti la sua esperienza con i ragazzi disagiati. "Era stato da poco inserito nel centro diurno su richiesta dell'assistente sociale del servizio competente. Era agitato, assumeva spesso un atteggiamento provocatorio di fronte ai coetanei e aveva evidenti difficoltà in ambito scolastico. Il linguaggio era aggressivo, nei suoi discorsi comparivano spesso riferimenti alla violenza e alla vendetta. La madre era separata dal marito da cui aveva subito violenze e conviveva con un secondo uomo con il quale aveva avuto altri due figli. In seguito ad alcuni gravi episodi e visto il forte degrado culturale e scolastico del ragazzo, gli operatori del centro diurno avevano deciso un programma individualizzato di recupero scolastico e stimolazione alla socializzazione. In seguito, su loro esplicita richiesta, Agostino e il fratello gemello chiesero di essere inseriti nel semiconvitto con pernottamento nella struttura. Agostino dimostrò subito una grande difficoltà ad accettare le regole e i suoi atteggiamenti continuavano ad essere provocatori. Aveva bisogno di figure molto autorevoli, capaci di far rispettare le norme e di non farsi manipolare dalle bugie e dagli antagonismi con il gemello. La scelta di fargli fare sport e di impegnare le sue energie nel calcio si è dimostrata vincente. Nel tempo è migliorato, si è reso emotivamente più indipendente dal gemello e ha iniziato a interiorizzare le regole sociali. Questo gli ha permesso di integrarsi meglio nel gruppo e di poter rinunciare a quell'aria da bulletto dietro la quale nascondeva le sue insicurezze". "Agostino, tredici anni, era poco più che un bambino, il viso tondo, gli occhi sfacciatamente curiosi e inaspettatamente dolci. Mentre mi guardava furtivo giocava nervosamente con il bordo della maglietta blu". Come operatori dell'infanzia, ma anche semplicemente come adulti responsabili, abbiamo il dovere di andare oltre al nostro egoistico desiderio di realizzazione professionale e personale per guardare con occhi realmente aperti e liberi, con obiettività e rispetto, il mondo dei bambini e degli adolescenti. Quello stesso mondo che abbiamo vissuto, sepolto e dimenticato, presi dalla quotidianità e dalle nostre illusorie certezze. INFANZIA

4 "Nel reparto di pediatria ho conosciuto la vita, la storia e la speranza di tante persone, bambini, genitori, operatori. Una realtà non facile, dove mi sono trovata a svolgere, e con un certo successo, il ruolo della ragazza dei giochi". Era bellissimo, biondo e ricciuto. Accompagnai la signora al bar e ascoltai la sua storia. Ex tossicodipendente, era scappata lontano dal convivente, un pregiudicato violento e senza scrupoli. Era venuta in Sicilia a chiedere aiuto alla famiglia d'origine ma era stata allontanata. Da giorni vivevano in strada sino a quando, una notte, la polizia l'aveva accompagnata in ospedale. Al risveglio il bambino si dimostrò molto aggressivo e incapace di accettare qualsiasi regola. Adottai il mio metodo infallibile, ridiventai bambina e iniziai a rapportarmi con lui alla pari. Giocammo molto, costruimmo torri altissime e diventammo amici. Nonostante fosse un vero discolo, era un bambino decisamente precoce, molto evoluto sul piano del linguaggio. Instaurai con lui un ottimo rapporto e, grazie alla mia opera di mediazione, fu possibile gestire la sua presenza in un reparto che certo non poteva assolvere ai compiti specifici di un centro d'assistenza. Alcuni giorni dopo fu trovata per loro una sistemazione più adeguata ed io, assieme a tutta l'èquipe, tirammo un sospiro di sollievo. Finalmente erano al sicuro. Con la collaborazione di alcuni volontari raccolsi per loro abiti puliti e oggetti di prima necessità. Quando li salutai colsi nei loro occhi una luce diversa, piena di speranza per la loro vita futura. 4 Anna Maria Salerno ha svolto la seconda parte del tirocinio nel reparto di pediatria di un ospedale siciliano. Tra i suoi compiti anche quello di assistere casi di particolare disagio. "Un pomeriggio venni chiamata in ospedale per aiutare una signora con il suo bambino di quattro anni. Si trattava di un caso veramente problematico. Quando incontrai la donna mi si strinse il cuore: il volto segnato dalla sofferenza e da rughe profonde, i lunghi capelli grigi sciolti sulle spalle, gli abiti ridotti in stracci dietro il suo aspetto si intuiva un'esistenza difficile che l'aveva precocemente invecchiata. Voleva abbandonare il bambino dai nonni e andarsene. Mentre parlavamo guardai il bambino: dormiva tranquillo nel lettino dell'ospedale, finalmente in pace.. I bambini hanno delle priorità, prima fra tutte quella di crescere in una "nicchia evolutiva sana". Crescere per strada con un genitore inadeguato può portare a danni irreversibili. Non è giusto. Dobbiamo assicurare loro dignità e rispetto.

5 "Nella comunità in cui ho svolto il tirocinio si riproponeva il clima familiare senza simulare la famiglia. L'obiettivo era di proporre ai ragazzi esperienze di autonomia e condivisione in una struttura capace di sostenere affettivamente e materialmente il loro percorso di crescita. Erano bambini allontanati dalle famiglie per ordine del Tribunale dei Minori, un allontanamento definitivo o provvisorio causato da grave trascuratezza, abuso o maltrattamento". senso di vuoto e di inutilità, reagiva con atteggiamenti aggressivi che la moderna sociologia definisce bullismo. Durante i miei incontri con il ragazzo, ho cercato di canalizzare la sua aggressività in attività non distruttive, come lo skateboard. Insieme abbiamo anche fatto ricerche su internet per conoscere tutto di questo sport. Il condividere un interesse ha permesso di instaurare tra noi una buona relazione. Luigi ha capito che poteva fidarsi di me, che ero in grado di ascoltarlo e aiutarlo. Un piccolo passo avanti nello sviluppo di una sana fiducia nei confronti degli adulti e delle proprie potenzialità". Un tema sempre scottante quello della violenza intrafamiliare. Ce ne parla Alessandra Leo, tirocinante presso una comunità per minori in affido nella provincia di Lecce. "Sono tanti, troppi, i bambini vittime di abuso sessuale, fisico e psicologico. Spesso i colpevoli sono i genitori stessi. Le prime volte che mi sono trovata ad ascoltare le storie dei bambini in affido presso la comunità ho pensato di non riuscire a sostenere un simile carico di sofferenza. Poi ha vinto il desiderio di aiutarli, di instaurare con loro una relazione empatica, di sviluppare una capacità comunicativa e linguistica adeguata, rispettosa delle modalità e dei tempi dei bambini. Ho fatto così anche con Luigi, un ragazzino privato sin da piccolissimo del suo diritto fondamentale: vivere in una famiglia normale con mamma e papà. Abbandonato dalla madre a 8 mesi, è stato affidato a una famiglia che lo ha a sua volta abbandonato. Nessuno se ne voleva prendere cura Si è ritrovato a vivere con il padre, un uomo assolutamente non all'altezza del suo ruolo. Alcolizzato e depresso, ha scaricato sul bambino tutte le sue tensioni, maltrattandolo fisicamente e psicologicamente. Quando l'ho conosciuto, Luigi era un tredicenne dolcissimo, un po' confuso, che tradiva il suo bisogno di contatto corporeo con il succhiare continuamente il pollice. Le esperienze dolorose e le carenze affettive hanno ostacolato in lui un sano sviluppo dell'io. Luigi esprimeva una grande instabilità interiore con frequenti crisi d'identità, mancanza di autostima, difficoltà ad amare e a dipendere dagli altri. Eternamente insoddisfatto, attraversato da un 5

6 INTERVISTA A A MARIUCCIA MONETTI allieva dell Istituto Cortivo 6 Quando le mamme decidono di darsi una mano non c'è ostacolo che possa fermarle. Ed è proprio la determinazione di un gruppo di mamme che ha fatto nascere l'associazione Primi Incontri, una realtà giovane e dinamica che ha come obiettivo l'assistenza ai bambini dai 6 mesi ai 14 anni. Primo progetto realizzato dall'associazione è il Centro Infanzia, inaugurato il 18 dicembre 2005 a Galta di Vigonovo, in provincia di Venezia. "Una grande festa, piena di gioia e di calore. - racconta Mariuccia Monetti, una delle mamme fondatrici di Primi Incontri - C'era tutto il paese e anche Susanna Mazzocco dell'istituto Cortivo, che ci è sempre stata vicina e ci ha sostenuto con la sua esperienza". Cosa vi ha spinto a dare vita all'associazione? "L'emergenza. Nel nostro Comune è sorto negli ultimi anni un nuovo quartiere residenziale che ha raddoppiato il numero degli abitanti. Uno sviluppo rapido al quale non è seguito un altrettanto veloce adeguamento dei servizi. La scuola materna parrocchiale, l'unica in paese, non riesce a soddisfare i bisogni delle famiglie. E di mamme che lavorano ce ne sono tante, anche perché siamo nella zona dei calzaturifici dove gli assunti sono in gran parte donne". Il solito problema: a chi lascio il bambino? "Proprio così. Anch'io facevo l'operaia e conosco le difficoltà delle mamme lavoratrici. Sono state alcune di loro a coinvolgermi nel progetto di un micronido. Nel 2004 mi ero presa, per così dire, un anno sabbatico e l'idea di fare qualcosa per i bambini mi piaceva. A darci una mano è stato Don Francesco, che ci ha permesso di utilizzare alcuni ambienti di proprietà della parrocchia. Agli inizi sembrava facile, poi, pian piano, abbiamo capito che per realizzare i nostri sogni dovevamo agire con maggior piglio imprenditoriale ". Puoi spiegarti meglio? "Aprire un centro per l'infanzia non è uno scherzo. Bisogna avere competenze amministrative, conoscere la burocrazia, le pratiche dell'accesso al credito Per fortuna mi ero appena iscritta al Cortivo ed è stata proprio Claudia Filippi, responsabile dei seminari organizzati dall'istituto, ad informarmi dei corsi Baby Planet sull'impresa sociale. Sono stati utilissimi". Raccontaci del Centro. "Abbiamo iniziato a gennaio di quest'anno con 10 bambini. L'orario è dalle 7.30 alle 18.00, con qualche concessione alla flessibilità ma non troppe. Non vogliamo diventare un parcheggio per bambini, desideriamo dare loro una continuità, offrire opportunità educative di crescita e sviluppo. Siamo coordinate da Francesca, anche lei ex allieva Cortivo e direttrice della scuola materna. Il centro è bellissimo, caldo ed accogliente, colorato Abbiamo potuto ristrutturarlo grazie anche al contributo finanziario del Comune e al volontariato dei papà, che hanno veramente impiegato molto del loro tempo libero per realizzare il sogno. La cosa meravigliosa di Primi Incontri è la partecipazione fattiva ed entusiasta di tanti abitanti di Galta. Mai come in questa circostanza ho sentito di far parte di una comunità". Progetti per il futuro? "Una cosa che vogliamo fare, e che sicuramente sarà realizzata, sono i centri estivi. Ma il progetto che mi sta più a cuore riguarda gli adolescenti. Molti rimangono a casa da soli tutti i pomeriggi oppure crescono sulla strada mentre i genitori sono al lavoro. Non è giusto abbandonarli a loro stessi. Come adulti responsabili dobbiamo offrire loro di più: luoghi d'incontro dove stare insieme, confrontarsi, trovare adulti sensibili e capaci di ascoltarli".

7 AIUTARLI A VIAGGIARE CI AIUTA A CAPIRE NOI STESSI Così Valentina Ruggiero descrive nel suo diario il suo esordio nel mondo della disabilità. Per quanto si fosse preparata coscienziosamente durante gli anni di studio, l'incontro dal vivo con gli assistiti le provocava viva preoccupazione e imbarazzo: sarò capace, si chiedeva "Mi sembrava di non ricordare niente di ciò che avevo studiato e, di conseguenza, pensavo di non essere in grado di mettere in pratica alcunché. Mi dicevo stai calma, cerca di osservare quello che fanno gli altri operatori e impara. Ma la mia paura più grande era che, una volta messa alla prova, avrei potuto scoprire di non essere portata per questa professione, di aver perso tempo ed energie, di non riuscire a nascondere agli altri i miei problemi e le mie incertezze". Emozioni, difficoltà, sentimenti contrastanti si accumulavano nella mente di Valentina. Pensieri che però si sono dissolti come nuvole al vento quando è avvenuto il contatto e dalla fantasia è passata ai fatti. "Anche se mi ricordo bene di queste ansie, oggi sono lontane dal mio cuore, mi sembra di non averle mai provate. Nel corso del tirocinio, e sin dai primi giorni, ho avuto modo di far emergere le mie qualità e di dimostrare, soprattutto a me stessa, le mie capacità. Ho superato ogni dubbio sulla mia predisposizione a svolgere il ruolo di Operatore soprattutto grazie agli utenti, i diversamente abili che hanno saputo accogliermi e arricchirmi, sul piano umano e professionale. Ho potuto verificare di persona quanto sia valida la frase del libro 'Nati due volte' di Giuseppe Pontiggia: 'quando diciamo che l'esperienza ci aiuta a capire l'handicap, omettiamo la parte più importante, e cioè che l'handicap ci aiuta a capire noi stessi '. Molti disabili costituiscono un esempio per la loro capacità di affrontare la vita, di mantenere intatta, nonostante i deficit e le sofferenze, la voglia di vivere e di stare con gli altri, in particolare in occasione delle gite, vacanze, iniziative sportive e di intrattenimento che il C.I.S. promuoveva. Ho scoperto così di essere una brava compagna di viaggio, di essere in grado di offrire assistenza e sostegno, di saper collaborare alle attività di socializzazione, gestire i momenti di tempo libero, comprendere bisogni ed esigenze dei vari tipi di disabilità, fisicomotoria, mentale, sensoriale e comunicativa". "Oggi è il mio primo giorno di tirocinio. Sto andando al C.I.S., il Centro di Integrazione Sociale in provincia di Roma dove ho trovato la possibilità di svolgere la parte pratica del mio corso di assistente turistico per disabili, e sono piena solo di paure e incertezze. Quella di sbagliare, anzitutto, di trattare gli utenti come dei diversi, sino al punto di bloccarmi". ATD 7

8 ANZIANI "Quando, dopo una lunga riflessione, decisi di i- scrivermi a un corso per operatori socio assistenziali, non sapevo esattamente cosa mi aspettava, le difficoltà e le situazioni che avrei dovuto affrontare. Dopo un bel po di esami era venuto il momento del tirocinio, dell'incontro vivo e reale con il mondo degli anziani. Ma il salto dalla teoria alla pratica è sempre impegnativo. Dopo una ricerca sul territorio per valutare le varie strutture dove venivano ospitate persone della terza età, decisi per una casa di riposo che mi era sembrata bella ed accogliente sin dal primo momento". LEGAMI SENZA ETA Dallo studio all'impegno pratico. Anche per Cinzia Di Bartolomeo, tirocinante presso una struttura per anziani della provincia di Salerno, non è stato un passaggio facile "Non dimenticherò mai il mio ingresso nella casa di riposo. In me albergavano ansia e sconforto. Quei visi, quegli occhi, quelle voci, quelle mani Mi erano estranei, sentivo una distanza enorme tra me e loro.. quasi un rifiuto verso ciò che un giorno anch'io, pensavo, dovrò essere. Mi sentivo sola in mezzo a quella gente. Li guardavo a uno a uno per scorgere in qualcuno di loro un qualche segno che allontanasse da me quella voglia di scappare e di non tornare mai più in quel luogo triste, delle perdute speranze. Per i primi giorni ho avuto sempre dentro di me questa sensazione di vuoto". Ed è proprio quando sembra che niente vada per il verso giusto che dentro di noi si accende una fiammella, una luce fatta di cuore e ragione, una forza nuova che non si sapeva di avere comincia a farsi strada, emerge a livello cosciente, ci rassicura e ci fa continuare, con più fiducia, con più energia. "Dopo qualche giorno ho sentito che stava cambiando qualcosa. La mia anima non era più pervasa dall'angoscia che mi aveva accompagnata per alcuni giorni. Iniziavo a sentirmi serena in quel luogo tranquillo e quegli occhi e quei visi mi apparivano ormai familiari. Ho iniziato a parlare con loro, mi piaceva stare ad ascoltarli. Purtroppo non tutti erano in grado di dialogare ma con alcuni si è creato ben presto un bel rapporto. Carmela, soprattutto, la persona a cui mi sono più legata. Mi raccontava della sua vita, cantava canzoni, era sempre allegra. Un'unica volta l'ho vista triste. Era l'ultimo giorno del mio tirocinio, e lei lo sapeva. Quella mattina si è voluta mettere il suo vestito più elegante. Era bella nonostante l'età e la malattia che l'ha resa pallida e stanca. Mi ha abbracciato forte e mi ha detto 'vieni a trovarmi spesso, amore mio'. I suoi abbracci, le sue carezze, non posso dimenticarmene. Mi chiamava sempre 'fiorellino' ed io le volevo bene, anzi le voglio bene e non vedo l'ora di poterla rivedere, di guardare i suoi occhi blu e perdermi nella loro immensità". 8

9 I primi gialli e rossi di un autunno appena iniziato mi danno il benvenuto quando varco il cancello di Villa Ottoboni. C'è una bella atmosfera, silenziosa e raccolta, vivificata da un tiepido sole, ideale per concentrarsi e dare il meglio di se stessi. Un'impressione che mi viene confermata non appena salgo le scale ed entro nella sala dove è in pieno svolgimento il Corso Impresa Sociale Cortivo Planet, rivolto a studenti ed ex studenti interessati a qualsiasi titolo alle tematiche dell'imprenditoria sociale. L'insegnante e i partecipanti, una quarantina, tutti attenti e impegnati, mi degnano appena di uno sguardo e continuano la lezione in quel momento dedicata alle diverse tipologie dei servizi per l'infanzia. Spiegazioni, domande e risposte si susseguono lungo un itinerario di apprendimento che evidentemente ancora coinvolge e interessa nonostante il seminario sia giunto al terzo giorno. "I primi due giorni - mi spiegherà poi Claudia Filippi di Cooperativa Now, una delle responsabili del corso - sono stati dedicati ad altri argomenti. Nel pomeriggio di mercoledì abbiamo attivato prima un gioco di gruppo utile non solo a favorire la reciproca conoscenza in un'atmosfera informale ma anche a mettere a punto alcuni elementi teorici sulla comunicazione interpersonale. E` seguito poi un incontro sul marketing sociale e il fund raising, elementi di economia aziendale molto importanti per chi è intenzionato ad intraprendere un percorso imprenditoriale. Giovedì è stata invece una giornata piena, rivolta ad analizzare le forme giuridiche più adatte alle imprese di servizi alla persona, ad approfondire gli aspetti economici e finanziari, a fornire elementi per la progettazione di un servizio e, dulcis in fundo, all'esercitazione pratica che, in questa occasione, riguardava la simulazione di un progetto per l'apertura di una ludoteca, di un centro anziani e di un asilo nido.oggi pomeriggio c'è ancora una lezione sulle tipologie dei servizi per gli anziani e poi via, un bell'arrivederci e tutti a casa a cercare di mettere in pratica quanto imparato". 9

10 obiettivi anche perché il passaparola sta funzionando alla grande " Questo primo contatto rimane vivo nel tempo? "Fino a ieri le avrei genericamente risposto che certamente è possibile restare in contatto, ci si può scrivere, telefonare, spedire . Oggi, invece, posso dirle di più: che i partecipanti a tutti i Corsi Impresa Sociale hanno addirittura un luogo riservato dove conoscersi e confrontarsi. Si tratta di un Forum, una piazza virtuale aperta sul sito Cortivo per incentivare ogni possibile forma di scambio di informazioni e di collaborazione fra i neo imprenditori, lo stesso Istituto Cortivo e la nostra Cooperativa Now". Una bella novità della quale certamente tutti approfitteranno al massimo, penso. Ma non c'è tempo per le riflessioni, i partecipanti al corso incalzano per raccontarmi cosa li ha portati qui a Padova, delle loro speranze e dei loro progetti La prima è Chiara Munaro, ventiquattrenne, da Piombino Dese, cittadina della provincia padovana. "Da un anno sono socia di un'associazione, la Casa degli Angeli, attiva a Fratte, un paesino non lontano da dove abito. Sto facendo questo corso perché voglio sondare le possibilità di trasformare l'associazione in una cooperativa. Credo che il fatto di cambiare la forma giuridica ci possa dare maggiore indipendenza e consentirci una migliore gestione, più regolamentata, con un più facile accesso ai contributi. E' una realtà molto familiare, aperta a bambini da zero a tre anni, siamo in tre e qui ho scoperto che possiamo costituire una piccola cooperativa. Abbiamo già dei programmi per il futuro, vorremmo ad esempio accogliere dodici bambini e non solo nove come adesso. Le famiglie sono molto contente e noi vogliamo crescere, contiamo di raggiungere presto i nostri "Anch'io sono venuta per dei motivi molto precisi. Mi chiamo Grazia Giurdanella, ho ventidue anni e vivo a Ragusa. Sono OSA per l'infanzia e vorrei mettere in piedi un doposcuola ludoteca. Nella mia zona ci sono già delle ludoteche ma purtroppo non sono molto valide. Credo che per diventare adulti capaci i bambini abbiano bisogno di giochi adatti alla loro età, come quelli che già conoscevo e quelli nuovi che ho imparato qui in questi giorni. Il corso mi è stato utile, mi ha dato input e le giuste spinte. Ora si tratta di iniziare a fare sul serio. Mi sento pronta". Antonio Scioscia, trentacinque anni, viene invece da Udine. "Faccio parte della Cooperativa Nuova Terra, attiva in agricoltura secondo la filosofia steineriana del pieno rispetto della natura. Siamo un'azienda pilota nell'applicazione delle tecniche biodinamiche e in particolare del metodo omeodinamico creato e divulgato dall'albero della Vita. La domenica spesso organizziamo feste in azienda e, in quelle occasioni, teniamo lezioni secondo la pedagogia Waldorf a bambini dai tre ai sei anni. Ma tutto questo ha relativamente a che fare con il fatto che oggi sono venuto qui. Il vero motivo è invece che sono tirocinante presso una casa di riposo per anziani ed ho tutta l'intenzione di aprire e gestire un centro diurno per la terza età. E` la mia coscienza a dirmi che devo fare di più per soddisfare le necessità di attenzione degli anziani. Mi piace occuparmi del prossimo e le esperienze che ho fatto mi hanno insegnato che più degli altri sono i nostri nonni ad avere bisogno di un aiuto attento e capace. Interagendo con loro ho scoperto che è possibile toglierli dalla televisione e, tramite attività, ginnastiche, laboratori di pittura e teatro, risvegliare abilità nascoste o sopite. Sono soddisfazioni davvero impagabili ". Da Cosenza giunge Fabrizia Dragone, ventisette anni, laureata in sociologia e prossima OSA per l'infanzia. "Ho un lavoro all'università di Arcavacata ma vorrei tanto lanciare un mio progetto. Si tratta di un asilo nido aziendale che penso di poter aprire ai sensi della Legge 448/2002. Potrebbe accogliere i figli dei tecnici, degli amministrativi e dei docenti dell'università 10

11 ma potrebbe essere aperto anche ad altre realtà. Per il momento siamo in due, vorremmo costituire una piccola cooperativa e partire con un'esperienza pilota. Vede, oggi lavoro nel campo delle pari opportunità, un ambito che ha accresciuto molto la mia sensibilità nei confronti delle donne alle prese con l'eterno problema fra famiglia e professione. Proprio per questo credo che una buona struttura per l'accoglienza dei bambini possa aiutare moltissimo le donne che lavorano e perciò sono fermamente intenzionata a crearla". "Io vengo dalla Puglia, esattamente da Maruggio in provincia di Taranto. Mi chiamo Flora Parco, ho ventiquattro anni e sono allieva Cortivo per l'infanzia. Ho rapporti stupendi con i bambini. Ho svolto per varie associazioni diverse attività, anche la clownterapia, con piccoli videolesi, audiolesi e diversamente abili. Sono venuta qui a Villa Ottoboni per acquisire nuove conoscenze, per vedere se e come mettere in piedi una struttura. Adesso almeno una cosa mi è chiara: che per avviare qualcosa di serio è necessario molto lavoro. Ma ciò di certo non mi scoraggia, anzi!". "Sono Vittorina Cardini, ho trent'anni e vivo a Terrassa Padovana. Sto facendo il corso OSA per l'infanzia motivata dal mio grande amore per i bambini, in particolare per quelli più sfortunati. Ho lavorato nella moda ma oggi sono felice di crescere nella conoscenza del mondo dell'infanzia. Mi piacerebbe tanto aprire con altre ragazze un asilo nido per bimbi da 0 a 3 anni. In paese c'è già un asilo parrocchiale ma a mio parere non è adeguato alle esigenze, soprattutto perché non dispone di personale specializzato nel trattamento di bambini disagiati o portatori di handicap". Ed ecco infine Stefano Airaghi, ventitré anni, da Trecate in provincia di Novara. "Ho scelto di iscrivermi al corso Cortivo per l'infanzia perché, dall'autunno 2004, gestisco assieme a mia sorella un negozio di giochi educativi per bambini e ragazzi dagli otto ai quindici anni e sentivo la necessità di incrementare il mio bagaglio di esperienze nei rapporti con i più piccoli per garantire un servizio di migliore qualità ai miei mini clienti e ai loro genitori. Oggi sono qui al Corso Impresa Sociale perché gli stessi ragazzi che frequentano il negozio mi hanno chiesto di aprire una ludoteca quando ci siamo trovati benissimo insieme ad allestire una rappresentazione del musical Grease. L'ho fatto e funziona: abbiamo giochi in legno, giochi di società ma anche quelli più complessi, di ruolo e di ambientazione. Ed abbiamo soprattutto voglia di crescere, di aprire un vero e proprio centro multifunzionale con il supporto di amici psicologi e psicomotricisti. Vorremmo avviare laboratori di musica e teatro aperti anche ai disabili. Siamo in cerca di una struttura e di finanziamenti qui ho trovato moltissimo di buono, informazioni e nozioni giuridiche e progettuali. Mi sa che possiamo farcela". Il prossimo Corso di Impresa Sociale, organizzato dall Istituto Cortivo, avrà luogo a Villa Ottoboni a Padova nei giorni 19, 20, 21 APRILE Il Corso è riservato ad Allievi ed ex Allievi ed è gratuito 11

12 MULTICULTURALITA "Emigrazione e mondializzazione delle esperienze. Concetti complessi che sono però sempre più parte della nostra vita quotidiana. Come anche l'integrazione, che va accompagnata a uno sforzo in favore del mantenimento delle identità culturali di origine, e il relativismo, ovvero l'accettazione da parte di ogni cultura di essere una tra le altre e la conseguente comprensione delle differenze e delle reciproche compatibilità. L'operatore multiculturale deve quindi escludere dal suo orizzonte progetti di assimilazione,detti anche di 'antropofagia culturale', e privilegiare invece, sia nella cultura che accoglie sia in quella che è accolta, tutti gli aspetti che possano promuovere e favorire una maggiore conoscenza e il massimo rispetto dell'altro". EXTRACOMUNITARI, PORTATORI DI NUOVE CULTURE Seguendo queste idee guida Ornela Radovicka si era ben preparata durante il corso di studi per Operatore Multiculturale. Anni di formazione ai quali è seguito il periodo di tirocinio presso un centro polivalente per extracomunitari in provincia di Avellino, mesi durante i quali ha avuto l'occasione per mettere in pratica ciò che aveva appreso. "Non era la mia prima esperienza di lavoro, anzi. Ho una laurea in lingua e letteratura albanese e ho insegnato in Albania per nove anni. Durante la guerra in Kossovo ho abbandonato il lavoro per andare volontaria ad aiutare i miei fratelli kossovari. Poi sono venuta in Italia e qui ho trovato l'istituto Cortivo. Ho cercato di fare del mio meglio per essere una brava allieva, mi sono impegnata molto negli esami teorici perché sapevo che la teoria mi sarebbe poi servita nel lavoro quotidiano. Per questo, quando durante il tirocinio gli altri dell'équipe mi facevano i complimenti per la mia professionalità pensando che era dovuta alle mie precedenti esperienze, io invece sapevo che se riuscivo a gestire i bambini stranieri non era merito del lavoro che avevo fatto ma invece della formazione ricevuta dal Cortivo, che mi aveva insegnato le competenze tecniche e gli atteggiamenti da tenere nei rapporti con i piccoli di tutto il mondo. Il resto ce l'ho messo io. Mi sono documentata sulla cultura russa e su quella musulmana e, soprattutto, mi sono molto dedicata al contatto diretto con i bambini che dovevo seguire. Ho ascoltato e ho messo in campo tutte le risorse disponibili: ho mostrato fotografie dei loro paesi e ho appreso le tecniche etnografiche per avere la mente più aperta e flessibile, per rinunciare al pregiudizio e rispettare invece tutte le altre religioni e le altre culture"

13 Un modo di porsi nei confronti dell'altro veramente ammirevole, questo di Ornela, che continua il suo racconto presentandoci alcuni dei bambini con i quali ha avuto a che fare nel periodo del tirocinio. "Mi sono resa immediatamente conto del fatto che la lingua è davvero il primo e più importante ostacolo in un percorso di vera integrazione. Le minoranze etniche sono spesso deprivate di una piena parità sociale, economica e politica e ciò può provocare, soprattutto nei bambini, un senso di inferiorità che si traduce facilmente in disadattamento o scarso rendimento scolastico. Ricerche in questo senso hanno dimostrato che l'uso della lingua madre può essere un aiuto significativo per la sicurezza degli alunni e per la loro autostima. Per questo è importante attivarsi per promuovere spazi di incontro e dialogo fra diverse identità dove, in un clima di accoglienza e rispetto, venga riconosciuta l'importanza del viaggio e degli avi e dei genitori che vengono da lontano, in modo da poter offrire a tutti i bambini l'autenticità delle voci e delle storie. Obiettivo è ricercare una memoria condivisa, individuale e comunicabile, un progetto sul quale lavorare assieme. E proprio a questa filosofia mi ispirai per creare il primo contatto con Lamia, una bambina africana. Sapevo che molti genitori di bambini africani o arabi conoscono il Warri. E' uno dei giochi più antichi del mondo ed è praticato in tutta l'africa, nei Caraibi, in Guiana e in Brasile. Consiste in un piano con 12 buchini nei quali, secondo certe regole, vanno messi dei sassolini o dei semi. E' semplice, ma richiede molta intelligenza e capacità matematica. Quando chiesi a Lamia se conosceva il gioco mi disse di sì ma che gli altri compagni non lo conoscevano. Allora, con l'aiuto dell'insegnante, abbiamo acquistato un cd-rom interattivo per giocare al Warri e vi assicuro che la socializzazione e l'inserimento di Lamia nella classe fece con questo semplice stratagemma un notevole passo avanti. Un'altra esperienza molto interessante è stata quella con Nadja, una ragazza russa per la quale provai subito una profonda empatia. Ritenevo che per lei potesse essere utile capire che anche qui in Italia si poteva amare la cultura del suo paese. Così, nel corso di una festa organizzata dall'èquipe del centro invitando anche bambini italiani della città, abbiamo letto favole di autori russi che sono state molto apprezzate dal pubblico. Nadja si è riconosciuta, ha sentito valorizzata la sua cultura ed ha cominciato a sciogliersi, a pronunciare parole e nomi nella sua lingua davanti a un uditorio di ragazzi sempre più incuriositi. Era orgogliosa, e da quel giorno è diventata un'altra, più sicura e socievole". Non dobbiamo imporre la nostra cultura, ma imparare assieme ai bambini di altri paesi ad apprezzare i valori della nostra e delle altrui culture. Solo così si possono formare nuove comunità di nuovi uomini, ricchi di una conoscenza che viene dai quattro angoli del mondo. 13

14 Una voce autorevole presenta il nuovo corso per Amministratore di Sostegno. Nato a Matera e residente a Padova, quattro lauree, avvocato e revisore dei conti, con esperienze di insegnamento presso Università ed Enti della Pubblica Amministrazione e una lunga carriera nell'amministrazione pubblica, il dott. Antonio Licciardello è oggi il coordinatore del nuovo corso Cortivo per Amministratore di Sostegno. 14 La prima domanda dell'intervista che mi ha gentilmente concesso è inevitabile: "Come mai un professionista del suo livello, che potrebbe tranquillamente sedere nel consiglio di amministrazione di una grossa azienda, ha deciso invece di offrire le sue grandi competenze a una realtà attiva nel sociale come il Cortivo?". "Ho due risposte. La prima riguarda me stesso e la mia indole, da sempre rivolta ad aiutare chi è in stato di bisogno. Ho dedicato ogni momento libero ai più deboli e mi sono sempre impegnato nell'associazionismo per il sociale. La seconda riguarda invece l'istituto Cortivo, che personalmente ritengo una delle strutture più interessanti in Italia per quanto riguarda l'importante attività di formazione di operatori specializzati nei servizi di assistenza. E' un'organizzazione con vent'anni di esperienza, sedi in tutta Italia, certificata per la qualità e per l'etica, capace di coniugare l'efficienza con i valori umani. No, la mia non è stata una scelta al ribasso, anzi, è stata una L ISTITUTO CORTIVO SEMPRE PIU LEADER NELLE NUOVE PROFESSIONI L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

15 scelta sulla quale ho molto riflettuto, con il cuore e con la mente, e oggi sono pronto a dare il massimo per fare in modo che il Cortivo si affermi sempre più in una società in cui le nuove realtà etiche si stanno meritatamente guadagnando uno spazio sempre più largo e riconosciuto". Da dove è partita l'idea del corso per Amministratore di Sostegno? "Anzitutto dal positivo incontro con Paolo Nalon, Presidente dell'istituto Cortivo, del quale ho apprezzato lo stile e le realizzazioni. A partire da questo buon rapporto personale abbiamo messo a punto un progetto che interessava entrambi, ovvero la pubblicazione di una serie di guide monotematiche dedicate ai problemi dei disabili e delle fasce deboli della popolazione. Volevano essere dei librettini di facile consultazione, finalizzati a presentare i servizi disponibili e i diritti riservati a chi vive situazioni di disagio sociale... avevamo già pensato di realizzarne uno sui temi della fiscalità, un'altro sulla mobilità, ecc. Era una buona idea, ma come spesso succede con le buone idee, ce ne ha fatte venire in mente altre e poi molte altre ancora. E a un certo punto ci siamo resi conto che i librettini, seppur utili, non erano sufficienti. Soprattutto nelle verifiche e negli incontri che intrattenevamo con Enti Pubblici e privati, Case di Riposo e altre strutture attive nel sociale, emergeva sempre più chiaramente una crescente esigenza di professionalità non soddisfatta. Serviva qualcosa di più per garantire i diritti dei più deboli: un amico solidale, un aiuto efficiente, una persona esperta capace di dare un aiuto pratico e concreto. Poi, la nuova legge del 2004 sull'amministrazione di Sostegno ci ha dato lo stimolo finale: il nostro Amministratore di Sostegno era il soggetto ideale per dare attuazione al principio legislativo. Così, da un'idea e dal riscontro diretto della necessità di un nuovo professionista specializzato, è nato il corso che attualmente sono orgoglioso di coordinare". 15

16 Dove potrà trovare collocazione l'amministratore di Sostegno? "Negli ambiti più diversi. Presso strutture pubbliche degli enti territoriali regionali e comunali, nei servizi sociali e nella pubblica assistenza, negli uffici per le relazioni con il pubblico, nei presidi sanitari e nelle strutture sanitarie e ospedaliere pubbliche e convenzionate, nelle case di riposo e comunità alloggio, nei centri diurni, riabilitativi e occupazionali, nelle associazioni di volontariato e cooperative sociali, nelle onlus e negli enti no profit. La professione potrà essere adeguatamente svolta anche in forma di lavoro autonomo, come consulenti di enti o di singoli utenti". 16 Ci può presentare in sintesi questa nuova figura? "E' un ruolo innovativo, quello dell'amministratore di Sostegno, proiettato verso ampie opportunità di impiego. Durante il corso, in parte basato su testi che sono proprio le guide monotematiche delle quali parlavo prima, l'allievo Cortivo apprende vari elementi di cultura generale e specialistica e, nella parte specifica, approfondite nozioni sulla legislazione vigente, sui contributi statali e regionali, sulle agevolazioni fiscali, sugli interventi a favore della mobilità dei disabili, sui servizi pubblici per la riduzione dell'handicap, sulle prassi amministrative. Tutto questo, aggiunto al periodo di formazione sul campo attraverso il tirocinio, va a comporre una figura professionale di tutto rilievo, rivolta non solo ad amministrare l'esistente ma a garantire un supporto dinamico, teso al miglioramento della qualità della vita dell'assistito".

17 Chi è il soggetto ideale per diventare Amministratore di Sostegno? "Direi anzitutto una persona dotata di entusiasmo ma anche della consapevolezza di avere davanti a sé un futuro professionale al cui centro ci sarà sempre una persona in difficoltà, da aiutare con attenzione e calore. Poi deve essere naturalmente pronto a seguire con dedizione il corso e il tirocinio, a prepararsi al meglio e ad acquisire tutte le competenze necessarie. Da parte nostra saremo sempre al suo fianco, durante gli studi ma anche successivamente, nella fase di inserimento lavorativo come nell'aggiornamento continuo attraverso seminari e tramite il nostro sito Internet, nel quale inseriremo tempestivamente informazioni e consigli sulle innovazioni legislative e sulle nuove opportunità professionali". 17

18 DIPENDENZA "Ho scelto di fare il tirocinio in una comunità di recupero per tossicodipendenti che, oltre a offrire strutture e servizi di prima accoglienza, garantiva anche percorsi di riabilitazione e inserimento socio-lavorativo. Durante il mio praticantato i ragazzi presenti in comunità erano quindici". PER RICOMINCIARE A VIVERE Consapevole dell'emergenza droga nel nostro Paese, Maria Giorgio ha scelto la specializzazione nell'ambito delle tossicodipendenze. Il suo tirocinio si è svolto in una Comunità di recupero attiva in territorio lucano. "Quattro di loro erano ricoverati nel reparto di prima accoglienza mentre i restanti, finita la terapia con metadone, avevano iniziato il processo di riabilitazione basato sul supporto psicologico e sulla verifica. Tra i casi che ho seguito ricordo G., un giovane uomo di 35 anni dei quali molti trascorsi tra droga e carcere. Alla radice del suo malessere le 'amicizie sbagliate' e i piccoli crimini causati dal bisogno di procurarsi la 'roba'. G. è un tipo allegro, molto timido, soprattutto con le ragazze. Probabilmente la droga lo aiutava a disinibirsi, a essere più disinvolto nelle relazioni. In uno dei momenti più difficili della sua vita, quando era in carcere, G. ha anche tentato il suicidio. Al termine dei suoi 13 anni di reclusione, ha deciso di 'svoltare' ed è entrato spontaneamente in Comunità. Di lui mi hanno colpito la straordinaria forza di carattere, fondamentale per uscire definitivamente dall'incubo della tossicodipendenza". "Nella famiglia di Enrico la droga è stata una costante. I suoi genitori erano stati tossicodipendenti e lo stesso fratello maggiore si 'faceva' di eroina. La cosa incredibile è che Enrico era un ragazzo di successo, amante dello sport e del karate. I suoi genitori lo adoravano. Poi successe la tragedia ". 18 Moira Cavalli ha frequentato come tirocinante un centro di riabilitazione per tossicodipendenti in Lombardia. Qui ha conosciuto Enrico ed è rimasta molto colpita dalla sua storia. Vediamo cosa ci racconta "Mentre Enrico era impegnato in un torneo di karate lontano da casa, una sua carissima amica ebbe un terribile incidente e morì dopo pochi giorni di coma. Enrico, che venne a sapere dell'incidente dell'amica solo dopo la sua morte, ne rimase traumatizzato e decise di abbandonare gli impegni sportivi. Cadde in depressione e si lasciò coinvolgere dal fratello che lo iniziò allo sniffo di eroina. Quando i genitori si accorsero del problema, Enrico era già passato al buco. Ci vollero anni perché il ragazzo si rendesse conto di aver fatto soffrire in modo indicibile i suoi genitori, le persone che più amava al mondo. Decise così di entrare in Comunità. Da allora è trascorso più di un anno e, grazie al serio lavoro riabilitativo messo a punto per lui dall'èquipe, Enrico ha finalmente la possibilità di ricominciare, di credere nuovamente in se stesso, di scommettere ancora sul suo futuro".

19 La mattina dell'8 ottobre, ultima giornata del Seminario di Studio organizzato dall'istituto Cortivo per gli allievi ed ex allievi interessati ai temi dell'assistenza agli anziani e alla disabilità, entro nella sala dove si tengono le lezioni, al primo piano di Villa Ottoboni, mentre il dott. Matteo Altavilla, responsabile de La Rosa Blu, sta tenendo la sua lezione sulle vacanze dei diversamente abili davanti a una platea di interessatissimi partecipanti. "La nostra organizzazione - dice - è nata nel 1994 per occuparsi dell'organizzazione delle vacanze per disabili. Dalla nostra ultradecennale esperienza abbiamo imparato che il portatore di handicap percepisce questi periodi di uscita dalla quotidianità proprio come tutti noi: una vacanza è una vacanza e non un ulteriore momento di cura. Desidera soltanto socializzare, divertirsi e conoscere gente nuova. E noi facciamo il massimo per dargliene opportunità, naturalmente in alberghi e strutture adeguate e con l'assistenza di operatori specializzati nell'accompagnamento turistico". 19

20 Conclusa la lezione, segue un momento di pausa del quale approfitto per scambiare due parole con Claudia Filippi della Cooperativa Now, incaricata della supervisione del seminario. "Il tema di questo incontro, organizzato dalla mia collega Enrica Banzato, è il tempo degli anziani e dei disabili dentro e fuori le strutture di assistenza. Dopo il primo pomeriggio dedicato alla comunicazione e alle capacità di relazione, verbale e non, con gli utenti, le famiglie, gli altri membri dell'èquipe e le istituzioni, ieri mattina abbiamo invece lavorato sul tempo degli anziani e sulle possibili azioni positive attivabili in due diverse case di riposo, una per non autosufficienti e l'altra per autosufficienti. Nel pomeriggio abbiamo messo in pratica le nozioni attraverso tre laboratori a diversi livelli di manualità dedicati alla creazione di quadri con la carta e alla confezione di biglietti d'auguri completi di profumazioni ed effetti speciali. Oggi, come ha già potuto sentire, parliamo infine del tempo dei disabili, sia dal punto di vista della terapia occupazionale sia da quello del vero e proprio tempo libero, dei viaggi e delle vacanze. Oggi pomeriggio Maura Buffa terrà un laboratorio tematico sull'espressione corporea che sottolineerà l'importanza del tempo dedicato alle attività di riabilitazione". Ed ecco giunto il momento di dare la parola ai partecipanti. "Mi chiamo Bruno Madella. Sono pensionato e vengo da Savona. Mi interessava molto il tema perché ho avuto che fare con i miei anziani genitori. Mio padre purtroppo se ne è andato di recente, a 92 anni, ma mia madre ne ha 90 con tutti i problemi che può immaginare. Mi sono servite queste giornate perché ho capito meglio come devo comportarmi con lei. Dopo le soddisfazioni che mi ha regalato durante il corso, con questo seminario l'istituto Cortivo mi ha dato un ulteriore stimolo a migliorarmi ancora. Sto seriamente pensando di iscrivermi all'università". "Sono Anna Salerno, vivo a Enna e ho 39 anni. Avevo già il diploma magistrale ma volevo specializzarmi nell'infanzia. Per questo ho seguito il corso Cortivo, che mi ha dato la possibilità di approfondire, di focalizzare il mio vero desiderio: aiutare i bambini disagiati. Ho iniziato a lavorare come Assistente Volontaria in ospedale nel reparto pediatria e lì ho capito che il seme stava germogliando. Ho tralasciato gli altri impegni e ho trovato la mia strada. Oggi lavoro per l'associazione di promozione sociale Il Giardino dei Gelsi che fornisce servizi alle persone e supporti ai bambini. Gestiamo laboratori artigianali, cineforum e iniziative di musica, giochi e pittura aperti ai bimbi di un quartiere a rischio di emarginazione. Recentemente si è aperta la possibilità di aprire nel paese dove ho lavorato in una scuola materna un baby parking con ludoteca. La sede c'è, ora si tratta di trovare i finanziamenti devo darmi da fare". "Avevo un buon lavoro nel campo informatico - esordisce Francesca Tafuro, leccese di 26 anni - ma a questo impegno professionale abbinavo sempre attività di volontariato. Poi mi sono avvicinata al Cortivo e sto seguendo il corso di assistente turistica per disabili. Spero di poter fare il tirocinio con La Rosa Blu. Sono potuta venire al seminario solo oggi. Mi dispiace di aver perso gli altri giorni, mi hanno detto che sono stati molto interessanti". Viene invece dal Guatemala Sara Noemi Bassotto, diciannovenne residente a Verona: "Ho finito il corso Cortivo per assistente multiculturale, bellissimo è stato il tirocinio 20

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno

Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno Parrocchia di S. Gregorio Magno Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno via Boccaccio, 91-35128 Padova, P. IVA 03386430288, C.F. 80041130289 Tel.e Fax 049-8071565, E mail: scuolamaterna@sangregoriomagnopadova.it,

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA C è una giovane speranza dell Università di Catania, Lucia Gionfriddo. C era, anzi. Perché un male incurabile l ha trascinata via in una manciata di giorni. Pensa. Era un

Dettagli

Con il patrocino. Ludoteca L albero segnante anno 2015 - VII edizione -

Con il patrocino. Ludoteca L albero segnante anno 2015 - VII edizione - Con il patrocino Ludoteca L albero segnante anno 2015 - VII edizione - Il servizio di ludoteca L'albero Segnante, nato nel 2008, ha raggiunto nel 2015 la sua settima edizione grazie alla collaborazione

Dettagli

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!!

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!! Il è parte dell Area Rimettere le Ali del Borgo Ragazzi Don Bosco, insieme alla Casa Famiglia, al Centro diurno, al Centro di ascolto psico-educativo SOS Ascolto Giovani. Dal 2002 si occupa di sensibilizzare,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ Casa dei Bambini Scuola Montessori Coop Sociale Onlus SCUOLA DELL INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA PARITARIE via Arosio 3-20148 Milano - tel/fax 02.4045694 arosiomontessori@tin.it PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

RISCHIO PSICOPATOLOGICO

RISCHIO PSICOPATOLOGICO LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (SECONDA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE -------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

..parlattare tra genitori

..parlattare tra genitori 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE..parlattare tra genitori Cari amici e care amiche, vi presentiamo una chiacchierata che abbiamo avuto il piacere di raccogliere dai genitori che partecipano a Parlattando

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA PRIMI RISULTATI DELL ANALISI QUALITATIVA a cura

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Operatore Socio Assistenziale (D.lgs. 870/09)

Operatore Socio Assistenziale (D.lgs. 870/09) Corso OSA Operatore Socio Assistenziale (D.lgs. 870/09) Corso OSA e diversi ambiti di specializzazione: Operatori sociali per l'infanzia Corso OSA per Anziani Operatore per Disabili Operatore per le Dipendenze

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico

DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico DA GRANDE ITALIA A IL MONDO IN SCALA WORKSHOP STUDENTI di Micol Metzinger e Antonella Panico il primo giorno era un po strano tra noi ragazzi c era molto silenzio poi la situazione è migliorata penso che

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

-Ma come la Scuola dell Infanzia si inserisce in un discorso così complesso dalle varie sfaccettature pedagogiche, sociali, politiche?...

-Ma come la Scuola dell Infanzia si inserisce in un discorso così complesso dalle varie sfaccettature pedagogiche, sociali, politiche?... RELAZIONE : Ispettrice LUCILLA D ANTONIO. LA PRECOCITA DELL INTERVENTO A PARTIRE DALLA SCUOLA DELL INFANZIA. L attività educativa nei confronti dei bambini in difficoltà è talmente articolata che affrontarla

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Le scuole multietnica e multiculturali

Le scuole multietnica e multiculturali Le scuole multietnica e multiculturali Una scuola multietnica e multiculturale Ma non hanno mai visto un bambino albanese? Viki che voleva andare a scuola Viki, accompagnato dalla sua mamma, vide per la

Dettagli

Relazione sullo stage di osservazione Le capacità relazionali nel servizio sociale Studente: Fantini Lidia

Relazione sullo stage di osservazione Le capacità relazionali nel servizio sociale Studente: Fantini Lidia Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Servizio Sociale Torino A.A. 2005/2006 Relazione sullo stage di osservazione Le capacità relazionali nel servizio sociale

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere

La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere La Formica la pedagogia dell'accoglienza e del ben-essere i bambini Essere nella mente, nello sguardo e nel cuore dell'educatore è la condizione attraverso la quale il bambino può sentirsi accolto e dalla

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA 1 Il suddetto progetto consiste in una serie di proposte atte a promuovere un graduale inserimento alla Scuola dell Infanzia

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO Osservazione e primo approccio L accompagnamento e il distacco tra una madre e il suo bambino comportano per entrambi un grosso sforzo di AMBIENTAMENTO alla nuova situazione

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono .Leggere fiabe, ascoltare, assaporare il suono delle parole che scorrono Il progetto Andar per fiabe nasce dal desiderio di noi insegnanti di avvicinare i bambini alle realtà che vivono quotidianamente

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION PROGETTO N. 360714-4.6-DE-2011-R1 PERIODO APRILE 2012 A MAGGIO 2013 RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION AMU - ASSOCIAZIONE AZIONE PER UN MONDO UNITO A SCUOLA DI CITTADINANZA GLOBALE Questa attività ha

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Victoria sesso: f Data di nascita 08/06/1974 Paese di provenienza

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

1. Adolescenza e consapevolezza

1. Adolescenza e consapevolezza 1. Adolescenza e consapevolezza Riflessione E-ducazione (portar fuori) ed evoluzione La consapevolezza: conoscersi per autoeducarsi Il distacco dalle sicurezze dell infanzia Individuarsi: le mie attese,

Dettagli