Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali"

Transcript

1 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali Il lavoro nel settore dei servizi sociali e le professioni sociali Rapporto a cura del FORMEZ Febbraio 2009 Direzione Generale per la gestione del Fondo Nazionale per le Politiche Sociali e monitoraggio della spesa sociale 1

2 Indice EXECUTIVE SUMMARY 4 PARTE I - IL SISTEMA DI REGOLAZIONE DEL LAVORO E DELLE PROFESSIONI SOCIALI 5 1. LE PROFESSIONI SOCIALI NELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE Metodologia Le professioni sociali nei provvedimenti normativi nazionali Le professioni sociali nella normativa regionale Il riordino dei profili professionali: lo stato dell arte nelle diverse regioni Le schede di sintesi dei profili di riferimento LE PROFESSIONI SOCIALI NELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA Analisi di alcuni applicati alle professioni sociali IL SISTEMA DI REGOLAZIONE DEL LAVORO E DELLE PROFESSIONI SOCIALI IN INGHILTERRA, SPAGNA E GERMANIA Il sistema di regolazione in Germania Il quadro di regolazione in materia di servizi sociali La riforma dei servizi per la non autosufficienza Il quadro di regolazione del sistema educativo e della formazione professionale Il quadro di regolazione del sistema delle professioni Catalogo delle professioni nei servizi sociali Quadro dei rapporti contrattuali nel settore dei servizi sociali Il sistema di regolazione in Inghilterra Quadro normativo e contrattuale delle professioni: Sistema e strumenti di regolazione caratteristiche generali Evoluzione delle politiche in materia di servizi sociali in Inghilterra Il quadro di regolazione delle competenze istituzionali Gli strumenti di regolazione dei servizi e delle professioni sociali Regolazione delle professioni sociali Dimensioni del lavoro nei servizi sociali: la forza lavoro del settore sociale Le tipologie di servizi e di utenti Il sistema di regolazione in Spagna Il sistema di regolazione e competenze istituzionali del sistema dei servizi sociali I servizi e le politiche per la non autosufficienza in Spagna La regolazione del sistema dei servizi sociali in Catalogna Il sistema della formazione professionale e di catalogazione delle professioni 115 Bibliografia, fonti e documenti 122

3 PARTE II IL LAVORO E LE PROFESSIONI SOCIALI ANALISI SUL CAMPO 126 Premessa 126 Lo strumento di rilevazione IL CASO DEL DISTRETTO DEL PLUS 21- (SARDEGNA) La scelta del caso studio e la metodologia di analisi seguita Il sistema locale dei servizi sociali: istituzioni, soggetti, attività Il sistema dei servizi sociali nella Regione Sardegna Il sistema dei servizi sociali nell Ambito del PLUS L offerta sociale Il lavoro nei servizi sociali Analisi quantitativa, occupati, tipologia, profili professionali La spesa per la retribuzione del personale Aspetti qualitativi e criticità del lavoro nei servizi sociali Aspetti qualitativi, criticità del sistema locale dei servizi sociali e conclusioni 164 Bibliografia, fonti e documenti IL CASO DEL DISTRETTO DI TRIGGIANO (PUGLIA) La scelta del caso studio e la metodologia di analisi seguita Il sistema locale dei servizi sociali: istituzioni, soggetti, attività Il sistema dei servizi sociali nella Regione Puglia Il sistema dei servizi sociali nell Ambito Territoriale di Triggiano L offerta sociale Il lavoro nei servizi sociali Analisi quantitativa, occupati e tipologia, profili professionali La spesa per la retribuzione del personale Aspetti qualitativi e criticità del lavoro nei servizi sociali Aspetti qualitativi, criticità del sistema locale dei servizi sociali e conclusioni 209 Bibliografia, fonti e documenti ALLEGATI 216 Allegati al Capitolo I 216 Allegati al Capitolo II 246 Allegati al Capitolo III 277 Allegati al Capitolo IV 302 Allegati al Capitolo V 324 3

4 EXECUTIVE SUMMARY Il documento presenta i risultati del Progetto Il lavoro nel settore dei servizi sociali e le professioni sociali commissionato dal Ministero della Solidarietà Sociale e realizzato dal Formez nel corso del 2008 Il Progetto prevedeva la realizzazione di un attività di ricerca finalizzata a fornire un quadro conoscitivo e un impianto metodologico funzionali al percorso di riordino delle professioni sociali previsto dalla legge quadro di riforma del welfare locale L. 328/2000. La parte I del documento illustra i risultati della prima linea di attività del Progetto nell ambito della quale è stato ricostruito il quadro dei principali provvedimenti normativi nazionali e regionali che regolano le figure professionali che operano nel campo dei servizi alla persona e sono stati analizzati i principali contratti collettivi nazionali applicati. Viene inoltre riportato un quadro delle modalità di regolazione del lavoro e delle professioni sociali in tre paese europei: Inghilterra, Germania e Spagna. Nella II parte vengono presentati i risultati di un approfondimento sul campo, condotto nell Ambito Sociale del PLUS 21 della Regione Sardegna e nell Ambito di Triggiano della Regione Puglia, finalizzato a ricostruire le principali dimensioni e caratteristiche qualiquantitative del lavoro sociale nella rete dei servizi, con riferimento sia al settore pubblico che a quello privato. La ricerca è stata possibile solo grazie all'interesse e alla collaborazione degli amministratori locali, funzionari pubblici e responsabili di cooperative sociali e organizzazioni no profit che hanno accettato di rispondere ai nostri questionari e condividere le loro valutazioni sui problemi al centro dell'indagine. Li ringraziamo tutti per la loro disponibilità e collaborazione. La ricerca è stata realizzata da un Gruppo di lavoro che ha integrato competenze diverse. L'impostazione e il coordinamento del lavoro sono state curate da Clara Poddighe, responsabile del Progetto per il Formez, che con la collaborazione di Rita Loi ha curato la stesura definitiva del rapporto. Hanno fatto parte del gruppo di lavoro: per l attività di analisi normativa Stefania Baghino, Jessica Contieri, Cristina Defalchi, Carla Fonzo, Rita Loi, Emilia Presutti, Anna Maria Tanda e Mariangela Vuolo; per l analisi della contrattazione collettiva Enzo Veneziano; per lo studio dei casi europei Alfredo Amodeo, Timo Lutz e Anna Paola Usai; per l analisi sul campo nel Distretto del PLUS 21 Cristina Defalchi, Carla Fonzo e Rita Loi; per l analisi sul campo nel Distretto di Triggiano Anna Pina Cuccurullo, Giuseppe Chiapperino e Giulia Sannolla. 4

5 PARTE I - IL SISTEMA DI REGOLAZIONE DEL LAVORO E DELLE PROFESSIONI SOCIALI 1. LE PROFESSIONI SOCIALI NELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE 1.1. Metodologia Metodologia di raccolta e analisi degli atti normativi La rilevazione della normativa nazionale e regionale (leggi e atti secondari) che regolamenta le professioni sociali è stata operata attraverso l utilizzo di diverse fonti: Il Sistema di informazione giuridica Dejure Edizioni Giuffrè aggiornato al 2008 (http://dejure.giuffre.it) le banche dati degli atti normativi regionali disponibili online sui siti internet istituzionali delle diverse Regioni la Banca dati della normativa nazionale e regionale dal 1971 ad oggi consultabile on line sul sito della Camera dei Deputati (http://camera.ancitel.it/lrec/) Sono stati inoltre consultati alcuni servizi disponibili su portali tematici regionali 1. A completamento è stato utilizzato il motore di ricerca generico (www.google.it), che rimanda a vari siti a tema quali quello degli ordini professionali degli psicologi o degli assistenti sociali. Lo spoglio delle raccolte normative è stato condotto, oltre che per area tematica (Beneficenza e Opere Pie -Assistenza Sociale-; Sanità e Igiene 2 ) per parole chiave, a partire da una prima lista predisposta dal team di ricerca 3, progressivamente incrementata/implementata nel corso dell analisi e costantemente condivisa all interno del gruppo di lavoro al fine di garantire l utilizzo di criteri di ricerca omogenei per tutte le Regioni. Questo approccio metodologico ha consentito: di estendere l esame anche a singoli articoli e commi contenuti in leggi trasversali (esempio leggi finanziare) e non direttamente riconducibili, sulla base della loro intitolazione e della loro classificazione tematica all interno delle banche dati, alla materia oggetto di analisi; di analizzare e catalogare anche quelle norme che solo menzionavano uno o più figure (per esempio elencando le figure professionali operanti o da prevedere come dotazione minima all interno di uno specifico servizio/struttura) pur non prevedendone una vera e propria regolamentazione con riferimento ai campi di indagine individuati dal team di ricerca (funzioni, competenze, requisiti di accesso, formazione, struttura). 1 Tra questi citiamo a titolo esemplificativo: 2 Sono stati riportati a titolo esemplificativo alcune delle aree tematiche/canali tematici di ricerca utilizzabili nella Banca Dati Dejure ) 3 La lista delle parole chiave conteneva la denominazione delle più diffuse professioni sociali (es. assistente sociale, animatore, psicologo) e di alcuni servizi/strutture (es. assistenza domiciliare, centro di aggregazione, asilo nido; le principali aree di intervento sociale (es. dipendenze, disabilità). 5

6 È stato inoltre possibile catalogare tutte quelle norme che, pur non facendo riferimento a specifici profili o figure professionali, contenevano delle disposizioni applicabili in via generale al complesso delle figure professionali operanti nel settore dei servizi sociali (dichiarazioni di principio sulla necessità della formazione; indicazioni sulle modalità di programmazione ed organizzazione della formazione; proposte di riordino delle professioni sociali). L analisi e l inventario normativo ha riguardato anche i Piani sociali regionali; normalmente è stato esaminato l ultimo Piano approvato e/o la proposta di Piano al momento in fase di approvazione 4. Va precisato che diversi atti potenzialmente rilevanti ai fini dell analisi, non sono stati reperiti attraverso le fonti utilizzate per la ricerca (trattasi prevalentemente di Deliberazioni di Giunta o di Consiglio regionale richiamate, con estremi e intitolazione, in altri atti normativi o sintetizzate in altri documenti di settore analizzati). La catalogazione delle norme ha tenuto conto in via generale delle abrogazioni esplicite di leggi e regolamenti e delle abrogazioni implicite 5. La rilevazione di queste ultime, che denuncia un ineliminabile grado di discrezionalità da parte dell interprete, presuppone un lavoro minuzioso di comparazione dei testi normativi che è stato parzialmente avviato e di cui si è tenuto traccia attraverso l inserimento di note esplicative nel database utilizzato per la catalogazione degli atti 6. Un ulteriore aspetto che necessiterebbe di maggiori approfondimenti attiene alle modalità con le quali nelle diverse Regioni continuano a trovare applicazione regolamenti e deliberazioni che formalmente avrebbero dovuto cessare di produrre effetto in ragione dell abrogazione degli atti primari che li hanno generati (è il caso di piani sociali o regolamenti attuativi che regolamentavano aspetti specifici che non sono stati oggetto di nuova disciplina). La normativa raccolta è stata sistematizzata per l analisi in un database (DB_ProfessioniSociali) in formato access. Sono state esaminate nel complesso le norme di tutte le Regioni, comprese le due Province Autonome di Trento e Bolzano. Nell ambito delle attività di coordinamento dei gruppi di lavoro coinvolti nella realizzazione delle indagini sull occupazione e le professioni nel settore sociale, si è avuta l opportunità di sottoporre alle 12 Regioni 7 che aderiscono al Protocollo d Intesa, sottoscritto tra il Ministero della Solidarietà Sociale e la Regione Veneto, il risultato della ricerca. Ai referenti regionali è stata richiesta la verifica dello stato di vigenza degli atti rilevati per la 4 Ad esempio per la Regione Marche è stata esaminata la bozza di Piano sociale regionale ; per la Sardegna il Piano socio-assistenziale per il triennio e la bozza del nuovo Piano regionale in attesa di approvazione da parte del Consiglio Regionale. 5 Ci si riferisce a quelle abrogazioni determinate dalla incompatibilità del significato normativo di una disposizione precedente rispetto a quello dettato da una norma dello stesso grado successiva 6 In Regione Puglia ad esempio la Legge regionale n. 19/2006 e il relativo regolamento attuativo n. 4/2006 hanno ridisciplinato in maniera complessiva il sistema dei servizi alla persona prevedendo, tra l altro, il progressivo adeguamento alle proprie disposizioni delle diverse leggi di settore esistenti. Analogo discorso può essere fatto in Regione Marche per ciò che concerne la legge regionale n. 20/2002 e i relativi regolamenti di attuazione in materia di autorizzazione delle strutture e dei servizi sociali a ciclo residenziale e semiresidenziale. Il lavoro di comparazione dei testi normativi per l individuazione di eventuali abrogazioni implicite è stato avviato, sono state inserite delle note a commento di quegli atti normativi potenzialmente oggetto di abrogazioni implicite. 7 Friuli Venezia Giulia; Emilia Romagna; Toscana; Umbria; Marche; Puglia; Piemonte; Liguria; Basilicata; Calabria; Molise 6

7 Regione di appartenenza e l indicazione di eventuali ulteriori norme significative rispetto agli obiettivi della ricerca, anche emanate in data successiva a quella di chiusura della rilevazione (giugno 2008). Sei Regioni (Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Toscana, Umbria e Veneto) hanno fatto pervenire al gruppo di ricerca i risultati della propria validazione, alla luce dei quali si è provveduto ad integrare e aggiornare i contenuti del Database della normativa e le relative elaborazioni. 7

8 Il DB_Professioni sociali Il DB_ProfessioniSociali è articolato in due maschere. La prima denominata Dati generali consente di inserire gli estremi dell atto normativo inventariato (anno, numero, fonte sulla produzione, titolo, soggetto emanatore, area di contenuto 8 ) oltre a contenere un campo di testo libero che è stato utilizzato per riportare annotazioni/osservazioni e commenti relative a specifici elementi di contenuto del medesimo testo normativo che, pur non facendo riferimento a specifiche figure professionali, sono stati valutati rilevanti ai fini della ricerca. La seconda, denominata Figure professionali, consente di associare all atto normativo schedato nella prima maschera le diverse figure/professioni dallo stesso regolamentati. Per ciascuna è possibile compilare, secondo criteri che terranno conto degli elementi più significativi emersi dall analisi della normativa, un record/scheda distinto articolato nei seguenti campi d indagine: denominazione; competenze, funzioni, formazione, requisiti d accesso, servizi/struttura presso cui opera, livello/area di contenuto professionale, area di welfare, settore di riferimento (sociale, sanitario o socio-sanitario). È inoltre previsto un campo di testo libero per eventuali annotazioni/ commenti aggiuntivi relativi a elementi regolamentati e non classificabili nei campi predefiniti. Sono state predisposte una serie di interrogazioni per la produzione di alcuni schemi di sintesi ed elaborazione dei dati inseriti (ad esempio è possibile richiedere la produzione di un report che riporta la Distribuzione delle figure rilevate per Regione; la Distribuzione delle norme intervenute sulle figure per tipologia di atto etc.) 8 Gli atti sono stati classificati in 3 aree di contenuto: Programmazione e indirizzo, Istituzione e Standard di funzionamento di servizi e Regolazione profili. 8

9 FIGURA DB MASCHERA SULLA NORMATIVA FIGURA DB MASCHERA SULLE FIGURE PROFESSIONALI 9

10 1.2. Le professioni sociali nei provvedimenti normativi nazionali La natura degli interventi in relazione alle fonti. Sono stati esaminati 45 provvedimenti nazionali, che intervengono sulla disciplina in esame e che si ritengono notevoli: TAB PROVVEDIMENTI NAZIONALI ESAMINATI Primarie Secondarie Fonti Tipologia di provvedimento Dati Totali Leggi (comprese legge di conversione di D.L.) Decreti Legislativi 5 DM(sono coinvolti i Ministeri della Sanità, dell Istruzione, della Giustizia) DPR 6 DPCM 2 Accordi tra ministeri 2 Intesa Conferenza Stato-Regioni e Province autonome. Totale complessivo 45 Le fonti primarie disciplinano le professioni sociali principalmente attraverso interventi organici relativi: a. alla materia dei servizi sociali considerata in termini generali o con riferimento a specifiche tipologie di bisogno; b. alle singole figure professionali (assistenti sociali, psicologo, OSS e educatori). Nel dettaglio è possibile rilevare che gli interventi relativi alle singole professioni sono in gran parte riferibili a due sottomaterie i requisiti d accesso e la formazione, quest ultima peraltro disciplinata solo per principi. Tale osservazione conduce immediatamente all esame della normativa secondaria, concentrandosi la medesima proprio sul dettagliare la disciplina per principi contenuta in quella primaria. Gli aspetti in essa regolamentati attengono: a. nel 66% circa dei casi ai percorsi formativi e di accesso a specifiche professioni (Corsi universitari e/o corsi per l acquisizione di qualifiche professionali; equipollenza dei titoli; disciplina degli esami di Stato; istituzione di albi professionali). b. nel 15% alla definizione di requisiti minimi (a garanzia della prestazione minima essenziale) per l autorizzazione al funzionamento di alcuni servizi e/o strutture, ivi compresi quelli relativi alla dotazione del personale c. nel 19% alla definizione di linee strategiche di intervento in risposta a specifici fenomeni sociali o socio-sanitari (alcol dipendenza, immigrazione). Tra gli atti analizzati rilevano in particolare le intese raggiunte in sede di Conferenza Stato- Regioni e Province autonome relative all individuazione della figura professionale dell Operatore socio-sanitario (OSS) con la quale si realizza, dal punto di vista delle professionalità, l integrazione socio sanitaria resa necessaria dall impossibilità di separare interventi di cura da interventi di prevenzione, riabilitazione e recupero sociale della persona. Rileva in particolare l Accordo del 22 febbraio del 2001 che istituisce il profilo

11 definendone competenze e ambiti di operatività e disciplinando l ordinamento didattico dei corsi di formazione. Il provvedimento de quo si segnala per l essere paradigmatico rispetto al tipo di intervento normativo che la legislazione nazionale in genere si riserva e per il rappresentare un precedente destinato a imporsi in questa materia dove la concorrenza delle fonti statali e regionali è obbligatoria. Quanto al primo aspetto ci si occupa della ripartizione di competenze tra Stato e Regioni nella materia della formazione del profilo professionale con affidamento alle seconde di una funzione di programmazione e adeguamento al territorio dei principi dettati dal primo. A ciò segue l indicazione dei requisiti d accesso e dei principi cui devono attenersi i corsi di formazione. Quanto al secondo aspetto la sede in cui si realizza l intesa dà ragione dell esigenza di un accordo necessario volto a garantire, in una materia in cui è essenziale, un minimo di uniformità delle prestazioni. TAB FIGURE PROFESSIONALI RILEVATE NELLA NORMATIVA NAZIONALE Profilo di riferimento Figure professionali Fonti primarie Fonti secondarie Totale Animatore 1 1 Assistente sociale Assistente sociale Assistente sociale 2 2 specialista Educatore Educatore professionale 7 7 Educatore per adulti 1 1 Operatore psicopedagogico Pedagogista 1 1 Figura educativa 1 1 Educatore d infanzia Assistente all infanzia 1 1 Educatore di comunità 1 1 Puericultrice Vigilatrice d infanzia Figure tecniche Responsabile della 1 1 struttura Mediatore Mediatore culturale Operatore Operatore d assistenza 1 1 d assistenza Operatore sociosanitario Operatore socio-sanitario (OSS) (OSS) Psicologo Psicologo Sociologo Sociologo 1 1 Dall analisi dello schema emerge una netta prevalenza degli interventi della normativa secondaria con riferimento alla materia delle singole professioni sociali. Solo alcune di queste possono vantare un riconoscimento legislativo più o meno importante. Rilevano in particolare l assistente sociale per ragioni numeriche in quanto ben quattro dei tredici provvedimenti che lo riguardano sono fonti primarie, l Educatore Professionale definito tra l altro solo per il comparto sanitario, mentre manca un profilo unico per chi lavora nella sanità, nel sociale e nelle strutture penitenziarie e l operatore socio-sanitario per la configurazione recente del profilo professionale. Appare significativo, rispetto all oggetto della ricerca, la presenza di un progetto di legge mai trasformatosi in legge che risale al 1996 relativo all istituzione dell albo professionale degli assistenti domiciliari, figura che ha un ampia diffusione e che risulta regolata in diverse regioni. 11

12 1.3. Le professioni sociali nella normativa regionale Metodologia di analisi dei dati selezionati L analisi dei documenti normativi che direttamente e/o indirettamente incidono sulle professionalità sociali si è avvalsa di un approccio di tipo prevalentemente qualitativo. La scelta del metodo, condizionata dalla forte diversificazione dell oggetto d indagine, è apparsa l unica in grado di restituire un quadro analitico sulle connessioni tra figure professionali e ambiti di intervento degli atti di regolamentazione. La complessità della materia, che ricordiamo contempla atti normativi che generalmente incidono solo su singoli aspetti delle figure professionali sociali, ha richiesto l assunzione di un quadro interpretativo in grado di semplificare, salvaguardando le caratteristiche analitiche, la pluralità delle informazioni rilevate. Il percorso di elaborazione è stato scandito da una prima fase di classificazione delle diverse figure rilevate in gruppi omogenei, denominati profili di riferimento, definiti come l insieme delle figure professionali che hanno in comune un corpus di conoscenze e processi lavorativi, cioè un campo di lavoro dove esercitare le competenze. L identificazione si è basata in prima istanza, sulla nomenclatura presente nel documento normativo; in secondo luogo, sono state attribuiti al medesimo profilo anche figure con denominazioni diverse, ma con qualifiche professionali, competenze e funzioni affini. Successivamente, l approfondimento delle informazioni rilevate attraverso alcune variabili discriminanti, come per esempio criteri d accesso, funzioni, competenze, contesto operativo, hanno consentito l elaborazione e la definizione di tre aree di contenuto professionale, all interno delle quali sono state ricondotte tutte le figure censite. L elaborazione e la descrizione delle aree di contenuto professionale si basano su astrazioni concettuali e strumenti interpretativi dell insieme di competenze che qualificano il sistema di welfare; criterio sicuramente soggettivo e discutibile, ma che ha evidenziato la sua efficacia in quei contesti regionali che hanno avviato il processo di riordino delle professioni sociali, quale metodo di lettura e organizzazione delle qualifiche rilasciate dal sistema formativo. Infine, attraverso l analisi delle tipologie di servizi e degli ambiti di intervento descritti dai singoli atti normativi è stato possibile individuare e descrivere i diversi livelli di welfare (liveas) in cui le figure professionali svolgono il proprio ruolo. Descrizione delle aree di contenuto professionale Professioni che operano nell ambito dell assistenza sociale di base In questo primo gruppo sono state inserite tutte quelle figure che si occupano direttamente della cura e dell assistenza materiale di persone in perdita di autonomia fisica o che comunque hanno difficoltà nell espletamento delle attività di vita quotidiana; funzioni che richiedono attitudini nell agevolazione dei rapporti interpersonali, costanza nella routine, capacità di reagire alle emergenze, competenze relazionali. Di seguito, si citano le principali figure collocate in questa area: addetto all assistenza di base, operatore socioassistenziale, Adest, assistente familiare, assistente domiciliare ecc. Professioni tecnico/specialistiche Questo gruppo include tutte quelle figure professionali che con diversi livelli di conoscenze nelle discipline socio-educative e psico-pedagogiche e con specifiche competenze nel campo della comunicazione e della mediazione contribuiscono a rilevare e valutare la domanda sociale nella sua complessità, a prevenire comportamenti a rischio, a 12

13 promuovere l integrazione sociale nei territori, i diritti di cittadinanza sociale, la costruzione di reti solidali, nonché lo sviluppo equilibrato delle singole personalità nelle diverse fasi della vita. A titolo esplicativo si riportano alcune figure inserite in questa area: Animatore (in tutte le sue declinazioni per es. animatore di comunità, sociale, socio-culturale ecc). Educatore con le diverse specializzazioni di contesto (educatore di strada, di infanzia, domiciliare ecc). Operatore (educativo, di strada, specializzato, ecc), Sociologo, Pedagogista, Comunicatore sociale, Orientatore, Mediatore (culturale, familiare, linguistico ecc). Professioni manageriali Questo gruppo include tutte quelle figure a cui gli atti di regolamentazione attribuiscono ruoli e funzioni di tipo gestionale e manageriale: coordinamento di progetti e servizi; responsabilità nell organizzazione delle strutture residenziali; promozione di attività di riqualificazione del personale; coordinamento degli ambiti socio-sanitari; direzione dei processi di programmazione e monitoraggio delle politiche sociali; promozione dei processi di costruzione dei sistemi di qualità sociale ecc. Descrizione dei livelli di welfare Welfare d accesso Rientrano in quest area tutti gli interventi rivolti all intera comunità che hanno la caratteristica di essere orientati a fornire una vasta gamma di informazioni, in grado di assicurare la lettura e la decodifica della domanda e di accompagnare i cittadini verso l elaborazione di programmi specifici. In un ottica di costruzione di un sistema integrato di interventi e servizi, il welfare d accesso è l elemento di connessione che garantisce la presa in carico tempestiva dell utente e la predisposizione di progetti/programmi individualizzati. La complessità e la varietà di funzioni attribuite al welfare d accesso, vedono la presenza di figure e qualifiche differenti ovvero da un lato, qualifiche intermedie, a cui si accede dopo il 2 ciclo dell istruzione, che agiscono nel così detto welfare di cittadinanza per informare, orientare, accompagnare nell utilizzo delle opportunità sociali presenti nel territorio; dall altro qualifiche rilasciate dopo un percorso di studio universitario, quindi, figure istituzionalmente preposte alla costruzione di percorsi individualizzati ed alla presa in carico dell utente. Welfare domiciliare Rientrano in quest area tutti gli interventi e servizi rivolti all ambito primario della vita delle persone, basati sull attenzione ai luoghi e ai soggetti protagonisti della cura. I servizi domiciliari, nell ambito degli interventi per la domiciliarità e, più complessivamente, del sistema locale dei servizi sociali a rete, sono volti ad assicurare il sostegno ai progetti di vita delle persone e delle famiglie nel loro ambiente relazionale. Nei confronti delle persone che non riescono a provvedere autonomamente alle proprie esigenze di vita quotidiana, i servizi domiciliari si pongono l obiettivo di potenziarne e mantenerne l autonomia e il benessere valorizzando capacità di autodeterminazione e di vita indipendente. Nei confronti delle famiglie in situazione di difficoltà, i servizi domiciliari si pongono l obiettivo di supportare e accompagnare la famiglia nell assunzione delle responsabilità genitoriali e degli impegni di cura. Innanzitutto, va rilevato che, la realtà dell assistenza domiciliare (servizi di cura e assistenza materiale) è caratterizzata dalla cospicua presenza di figure come l assistente familiare, che alcune regioni hanno già regolamentato attraverso la costruzione di un percorso ad hoc di formazione breve e di certificazione delle competenze acquisite nelle esperienze lavorative pregresse; 13

14 In quest area, inoltre prevale la qualifica di Operatore Socio Sanitario (OSS), nonché l operatore socio assistenziale (OSA) ed altre figure similari (ADEST, OTA ecc..) che molte Regioni hanno già deciso di ricondurre all OSS, pur nella consapevolezza delle problematiche connesse alla definizione di questa figura e, soprattutto, di quanto anche da essa dipenda l integrazione socio-sanitaria, percorso fondamentale ma ancora tutto da costruire su gran parte del territorio nazionale. Per quanto riguarda le funzioni di sostegno alla genitorialità e di promozione delle capacità individuali di ciascuna persona sono svolte da figure quali l assistente sociale, l educatore professionale, lo psicologo, il pedagogista, individuabili a seconda delle caratteristiche e delle problematicità dell utente. Welfare comunitario Rientrano in quest area tutti gli interventi rivolti a rafforzare le responsabilità diffuse e i legami familiari, comunitari e di vicinato, come espressione di cittadinanza attiva e prevenzione del disagio e dell insicurezza sociale. I servizi comunitari mirano a promuovere l uscita dalla spirale dell emarginazione e dell assistenzialismo, rafforzando le capacità e le risorse delle persone attraverso azioni di promozione, prevenzione, socializzazione e accompagnamento sociale in percorsi di inserimento nel contesto sociale, lavorativo, abitativo, economico. Un area estremamente ampia, nella quale si collocano sia le figure professionali dedite all educazione, alla socializzazione e all inserimento sociale di bambini, ragazzi, giovani, adulti, disabili, anziani; sia le figure che operano nel campo della mediazione(interculturale, familiare, finalizzata all inserimento lavorativo) che richiede competenze di tipo psico-pedagogico. Welfare residenziale e semiresidenziale E l area costituita dall insieme delle strutture residenziali e semi-residenziali destinate ad accogliere, in modo temporaneo o stabile, adulti non autosufficienti o parzialmente non autosufficienti, persone fragili o vittime di violenza, soggetti in età minore che necessitano di cura e assistenza tutelare le cui esigenze di vita non possono trovare soluzione adeguata con gli altri interventi previsti dalla rete dei servizi essenziali. Nel welfare residenziale sono riconducibili non solo le professioni che operano nell ambito dell assistenza sociale di base, ma trattandosi di organizzazioni complesse, assumano valore fondante il lavoro specialistico all interno delle équipe multiprofessionali e le competenze gestionali necessarie al funzionamento della struttura. Azioni di sistema Rientrano in quest area l insieme di interventi e di azioni che non intervengono su singoli servizi o su target specifici, ma che incidono sul sistema di welfare nel suo complesso. Si tratta di iniziative che prevedono il coinvolgimento e la sinergia di più attori e/o soggetti diversi; per esempio la costruzione del sistema di qualità sociale; l implementazione del sistema informativo sociale; la realizzazione di percorsi di integrazione socio-sanitaria, la promozione dell integrazione con le altre aree di policy (lavoro-formazione- edilizia Pubblica ecc); la programmazione di corsi di aggiornamento e formazione degli operatori sociali. 14

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ

BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ PREMESSA BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ La SALUTE è uno stato di pieno ben-essere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattia o di infermità.il godimento

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Apprendistato di mestiere: appuntamento mancato con la semplificazione

Apprendistato di mestiere: appuntamento mancato con la semplificazione Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Apprendistato

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli