la Deliberazione n del 27 giugno 2011, con cui la Giunta Regionale:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la Deliberazione n. 31-2276 del 27 giugno 2011, con cui la Giunta Regionale:"

Transcript

1 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Codice DB1612 D.D. 7 agosto 2013, n. 343 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs". Approvazione Bando "Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi" e relativa modulistica. Richiamate: la Deliberazione n del 27 giugno 2011, con cui la Giunta Regionale: - ha autorizzato Finpiemonte S.p.A., ai sensi dell art. 2364, comma 1, n. 5 c.c. e dell art. 11 comma 3 lettera b) del suo Statuto Sociale, a sottoscrivere il Contratto di Prestito di euro ,00 con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs, destinato al finanziamento a medio/lungo termine di investimenti realizzati da piccole e medie imprese operanti nel territorio della Regione Piemonte; - ha dato mandato alla Direzione Attività Produttive di approvare, con successivi provvedimenti amministrativi, tutti gli atti connessi, accessori e strumentali all attuazione del Contratto, ed in particolare quanto segue: gli atti di indirizzo, in conformità alle finalità del Contratto, per l utilizzo e la destinazione delle risorse BEI a favore delle PMI piemontesi rispetto ai programmi regionali indicati nel Contratto stesso, e precisamente: a) Piano straordinario per l occupazione. Asse IV. Misura IV.1 - Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle PMI mediante prestiti partecipativi; b) Incentivazione alla razionalizzazione dei consumi energetici e all uso di fonti di energia rinnovabile negli insediamenti produttivi - POR Asse II, Attività II.1.1. e Attività 1.3. Misura 1; c) Agevolazioni per le PMI a sostegno di progetti ed investimenti per l innovazione, la sostenibilità ambientale e la sicurezza nei luoghi di lavoro - POR Asse I Attività I.1.3. e Attività I.2.2.; d) programmi regionali diversi dai programmi indicati ai precedenti punti, previa approvazione scritta di BEI; il contratto di affidamento a Finpiemonte S.p.A. per la gestione di tutte le attività connesse ai programmi regionali in essere e futuri finanziati con provvista BEI, nell ambito del Contratto; la Deliberazione n del 23/07/2012 con la Giunta regionale: - ha destinato: la prima tranche di fondi BEI, di importo pari a 25 milioni di euro, al finanziamento, nell ambito della Misura IV.1 del Piano Straordinario per l Occupazione - Prestiti Partecipativi, delle imprese in lista d attesa per mancanza di fondi regionali, confermando, inoltre, l innalzamento della quota di intervento pubblico fino all 80% dell importo dei prestiti erogati;

2 la seconda tranche di fondi BEI, di importo pari a 25 milioni di euro, al finanziamento della Misura II.3 del Piano Straordinario per l Occupazione Più Sviluppo (20 milioni di euro) e del fondo per lo sviluppo e la promozione della cooperazione di cui alla L.R. 23/04 e s.m.i. (5 milioni di euro); - ha fornito indicazioni di massima circa la destinazione delle successive tranche di fondi BEI ad ulteriori Misure/Linee di intervento incluse nei Programmi Regionali; - si è riservata di individuare sulla base dell andamento della varie misure, nonché dello stato dell economia regionale nuove linee di intervento da mettere a punto, ovvero di ricorrere a misure già in essere in aggiunta o in sostituzione di quelle sopra richiamate, decidendo, altresì, gli importi da destinare a ciascuna misura; la Deliberazione n del 29/06/2010 con la quale la Giunta regionale ha disposto gli indirizzi in ordine all utilizzo delle risorse finanziarie residuate alla chiusura del Docup 2000/2006 cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale a titolo dell obiettivo 2. la Deliberazione n del 02/08/2013 con la quale la Giunta regionale ha approvato la scheda tecnica di una Misura finalizzata a sostenere interventi di patrimonializzazione, trasferimenti societari e sostegno all attivo circolante delle piccole e medie imprese piemontesi, con dotazione finanziaria a valere sulle risorse Bei di cui al contratto indicato in oggetto. Considerato che: si rende ora necessario approvare il bando, contenente, fra le altre, le disposizioni in ordine alle modalità di presentazione delle domande, all iter di valutazione delle stesse, alle tipologie di spese ammissibili, alla forma ed entità dei contributi concedibili. Viste: La L.R. n. 34 del 22 novembre 2004 la D.G.R. n del 27 giugno 2011 la D.G.R. n del 23/07/2012 la D.G.R. n del 29/06/2010 la D.G.R. n del 02/08/2013 IL DIRETTORE determina - di approvare - quale allegato A parte integrante della presente determinazione - il Bando Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi, e la relativa modulistica, finalizzato a sostenere interventi di patrimonializzazione, trasferimenti societari e sostegno all attivo circolante delle piccole e medie imprese piemontesi; - di dare atto che le domande potranno essere presentate a partire dal giorno 24 settembre e fino al giorno 8 novembre mediante accesso al sito di Finpiemonte Spa;

3 - di stabilire che la dotazione finanziaria iniziale della suddetta Misura è pari a , a valere sulle risorse BEI derivanti dal Contratto di prestito Regione Piemonte Loan for SME s ; - di stabilire che se la suddetta dotazione finanziaria potrà essere integrata mediante provvedimento della Direzione Attività Produttive - con ulteriori risorse che dovessero rendersi disponibili nell ambito delle altre misure regionali finanziate con risorse BEI; - di costituire un fondo di riserva pari a (incrementabile, mediante apposito provvedimento della Direzione Attività Produttive, in modo proporzionale all eventuale aumento della suddetta dotazione finanziaria secondo le modalità sopra indicate) a valere su risorse residuate dalla programmazione dei Fondi Strutturali Docup e dedicato alla copertura di eventuali insolvenze in capo alle PMI finanziate con provvista BEI e di eventuali disallineamenti contabili tra i piani di rientro delle PMI finanziate e il piano di rientro di Finpiemonte S.p.A. nei confronti di BEI, autorizzando a tal fine Finpiemonte S.p.A. all utilizzo dei fondi stessi, nonché al pagamento dei corrispettivi dovuti a Finpiemonte S.p.A. per la gestione della Misura, fermo restando quanto previsto dalla vigente Convenzione Quadro secondo cui alle spese per la gestione occorre fare fronte prioritariamente con gli interessi maturati sulle suddette economie e, solo laddove tali interessi non fossero sufficienti, con la dotazione stessa del Fondo; Avverso la presente determinazione è ammesso ricorso giurisdizionale avanti al TAR entro 60 giorni dalla data di comunicazione o piena conoscenza dell atto, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato, entro 120 giorni dalla suddetta data, ovvero l azione innanzi al Giudice Ordinario, per tutelare un diritto soggettivo, entro il termine di prescrizione previsto dal Codice Civile. La presente determinazione sarà pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte ai sensi dell art. 61 dello Statuto e dell art. 5 della L.R. 22/2010 Il Direttore Giuseppe Benedetto Allegato

4 BANDO DI FINANZIAMENTO SUPPORTO A PROGETTI DI INVESTIMENTO E SVILUPPO DELLE PMI PIEMONTESI MEDIANTE L UTILIZZO DI FONDI BEI (CONTRATTO REGIONE PIEMONTE LOAN FOR SME S ) Allegato alla Determinazione Dirigenziale n. 343 del 07/08/2013

5 INDICE 1. FINALITA E RISORSE pag RIFERIMENTI NORMATIVI E COMPATIBILITA CON LA NORMATIVA COMUNITARIA pag CONTENUTI DEL BANDO 3.1. Beneficiari pag Iniziative ammissibili pag Ambiti di premialità pag Costi ammissibili pag Forma ed entità dell agevolazione pag PROCEDURE 4.1. Come presentare la domanda pag Come viene valutata la domanda e comunicato l esito pag Come viene erogata l agevolazione pag Come rendicontare le spese e concludere il progetto pag Variazioni del progetto e proroghe pag Documenti obbligatori pag Scadenze da rispettare pag OBBLIGHI DEI BENEFICIARI, CONTROLLI E REVOCHE 5.1. Obblighi dei beneficiari pag Ispezioni e controlli pag Cause di revoca delle agevolazioni pag Rinuncia all agevolazione pag TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI pag RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO pag INFORMAZIONI E CONTATTI pag. 15 APPENDICE 1 pag. 16 APPENDICE 2 pag. 19 2

6 1. FINALITA E RISORSE L obiettivo del Bando è supportare piccole e medie imprese, attive e produttive nel territorio regionale, nella realizzazione di progetti di investimento e sviluppo, sostenendo nel contempo il fabbisogno di capitale circolante connesso all espansione commerciale e premiando quelle iniziative che prevedano anche la patrimonializzazione dell impresa e/o l incremento/mantenimento dell occupazione e/o l efficientamento energetico. I progetti di investimento proposti devono avere una coerenza rispetto agli obiettivi della politica di sviluppo regionale, contribuendo ad affrontare le criticità del sistema produttivo regionale e valorizzandone le potenzialità. I progetti devono inoltre rispettare le linee guida di intervento della Banca Europea degli Investimenti (BEI) contenute all interno del Contratto di prestito con Finpiemonte S.p.A. Regione Piemonte Loan for SME s. La dotazione finanziaria iniziale è pari a Le risorse sono messe a disposizione da Banca Europea degli Investimenti (BEI) in forza del Contratto di prestito Regione Piemonte Loan for SME s stipulato tra Finpiemonte S.p.A. e BEI. La dotazione potrà essere incrementata con successivo provvedimento della Direzione Regionale Attività Produttive sulla base dell andamento delle altre misure di intervento regionali finanziate con fondi BEI. 2. RIFERIMENTI NORMATIVI E COMPATIBILITA CON LA NORMATIVA COMUNITARIA a) Deliberazione di Giunta Regionale n del 02 agosto 2013 Approvazione della Scheda di Misura b) Deliberazione di Giunta Regionale n del 27 giugno 2011 Approvazione del Contratto di prestito tra Finpiemonte S.p.A. e BEI Regione Piemonte Loan for SME s c) Deliberazione di Giunta Regionale n del 23 luglio 2012 Interventi straordinari per favorire l'accesso al credito e sostenere gli investimenti delle PMI mediante l'utilizzo coordinato di fondi BEI, Cassa Depositi e Prestiti e strumenti regionali d) Deliberazione di Giunta Regionale n del 29 giugno 2010 utilizzo delle risorse finanziarie residuate alla chiusura del Docup 2000/2006 e) L.R. n. 34 del 22 novembre 2004 Interventi per lo sviluppo delle attività produttive L agevolazione non costituisce aiuto di stato. 3. CONTENUTI DEL BANDO 3.1. Beneficiari Possono presentare istanza di partecipazione al Bando le piccole e medie imprese 1 cooperative, che al momento della presentazione della domanda: (PMI), comprese le 1 La definizione di PMI è contenuta nell allegato 1 al Regolamento (CE) n. 800/08 3

7 a) siano iscritte al Registro delle Imprese b) abbiano un codice ATECO primario attivo compreso tra quelli ammissibili in appendice al Bando c) abbiano almeno un unità locale produttiva attiva e localizzata in Piemonte d) non siano classificabili come imprese in difficoltà secondo la normativa comunitaria 2 Il possesso dei requisiti di PMI deve essere verificato anche al momento della sottoscrizione del contratto di finanziamento con la banca cofinanziatrice Iniziative ammissibili Il Bando finanzia investimenti di importo di almeno Con riferimento al successivo punto 3.2.1, l eventuale fabbisogno di capitale circolante è, pertanto, da intendersi aggiuntivo rispetto a tale importo. Sono previste due linee di intervento, ciascuna con propria dotazione specifica di risorse (plafond). La Direzione regionale Attività Produttive potrà modificare le percentuali di ripartizione dei fondi tra le due linee in ragione dell andamento delle domande Linea A) plafond iniziale di pari all 80% della dotazione del Bando Finanzia progetti riguardanti: a) investimenti produttivi (almeno il 40% dell importo totale delle spese ammissibili) b) investimenti immobiliari c) capitale circolante connesso all espansione commerciale (con un limite del 20% dell importo totale delle spese ammissibili) (Esempio: con riferimento alle voci di spesa indicate al successivo paragrafo 3.4, un progetto ritenuto ammissibile per un importo di può comprendere una quota non superiore a di fabbisogno di circolante e deve in ogni caso contenere spese per investimenti produttivi, voce a), per un importo almeno pari a Un progetto composto dalla sola voce a) deve essere di importo minimo pari a Un progetto composto dalle sole voci a) e b) deve essere di importo minimo pari a e la voce a) deve essere almeno pari a Un progetto che comprenda anche la voce c) deve raggiungere l importo minimo di con le voci a) e b), secondo quanto sopra indicato; il valore riconosciuto per il circolante è determinato, in aggiunta a tale valore minimo, nel rispetto della percentuale massima del 20% rispetto a tali due voci) Linea B) plafond iniziale di pari al 20% della dotazione del Bando Finanzia progetti riguardanti: a) necessariamente: acquisizione 3 e trasferimento di azienda o di ramo di azienda. La semplice acquisizione di azioni di un impresa non è considerata ammissibile all agevolazione. 2 La definizione di impresa in difficoltà presa in considerazione è quella dell art. 1, paragrafo 7 del Regolamento (CE) n. 800/08 4

8 b) eventualmente: tutte le iniziative previste dalla linea A) 3.3. Ambiti di premialità Il Bando prevede tre ambiti di premialità che garantiscono un intensità maggiore di intervento di fondi BEI (si veda il successivo paragrafo 3.5): 1) Ambito occupazionale: viene assegnato alle iniziative che, oltre al progetto principale, prevedono un incremento occupazionale e/o la trasformazione di contratti di lavoro a tempo determinato o di contratti atipici in contratti a tempo indeterminato. Per determinare l assegnazione dell ambito valgono le seguenti regole: a) la ricaduta occupazionale viene conteggiata confrontando le Unità Lavorative Annue (ULA) al momento della presentazione della domanda (di seguito: ULA iniziali) con le ULA nell anno a regime dell investimento finanziato, quindi nei 12 mesi successivi alla data di rendicontazione del progetto (di seguito: ULA finali); b) per il calcolo delle ULA iniziali deve essere considerato il totale dei dipendenti dell azienda, compresi quindi quelli impiegati fuori dal territorio regionale; c) il numero degli occupati è determinato sulla base dei dati rilevati alla fine di ciascun mese, con riferimento ai dipendenti a tempo determinato ed indeterminato iscritti nel Libro Unico del Lavoro ; d) per giovani si intendono i soggetti che non abbiano compiuto il 36esimo anno di età alla data di assunzione o trasformazione del contratto e) le nuove assunzioni e i contratti da trasformare devono riguardare soggetti: residenti o domiciliati in Piemonte che si trovano, alla data di presentazione della domanda, in una delle seguenti categorie: disoccupati o inoccupati (anche in stato di mobilità) occupati con impiego non regolarmente retribuito occupati con contratti di durata temporanea, di apprendistato o di somministrazione che vengono impiegati dall impresa beneficiaria nel territorio piemontese e nell ambito del progetto oggetto di finanziamento f) la trasformazione di contratti a tempo determinato o di contratti atipici in contratti a tempo indeterminato deve riguardare esclusivamente soggetti giovani Il numero di nuove assunzioni o contratti da trasformare varia in funzione delle ULA iniziali e dell età dei soggetti, ed è dettagliato nell appendice 2 al Bando. 3 intesa come acquisto degli attivi patrimoniali direttamente connessi all attività 5

9 2) Ambito patrimoniale: viene assegnato alle iniziative che, oltre al progetto principale, prevedono un aumento del capitale sociale dell impresa beneficiaria almeno pari al 25% dell importo dell agevolazione concessa. L aumento di capitale deve essere deliberato dall assemblea dell impresa richiedente e sottoscritto per intero fino a 6 mesi prima della presentazione della domanda. L operazione deve essere perfezionata con le seguenti modalità: a) mediante apporto di denaro e/o accantonamenti a riserva di utili realizzati a partire dall esercizio in corso alla data di presentazione della domanda; b) i versamenti devono essere successivi alla data di presentazione della domanda e concludersi entro i 24 mesi successivi alla data di concessione del finanziamento. Non sono considerati ammissibili: gli aumenti di capitale eseguiti con conferimenti di beni in natura o di crediti e gli aumenti di capitale eseguiti mediante passaggio di riserve a capitale sociale (articoli 2440 e 2442 del Codice Civile) o qualsiasi altra forma non prevista espressamente dal Bando. altre tipologie di aumento del patrimonio aziendale (es. costituzione o ampliamento di riserve). 3) Ambito energetico: assegnato alle iniziative che, oltre al progetto principale, prevedono ricadute oggettivamente misurabili e dimostrabili in termini di incremento di efficienza energetica dell unità locale oggetto dell intervento. Nello specifico: installazione di impianti di cogenerazione ad elevato rendimento 4 per la produzione simultanea di energia termica e di energia elettrica e/o meccanica destinate al soddisfacimento, in tutto o in parte, del fabbisogno energetico del processo produttivo o per la climatizzazione degli edifici dell unità locale oggetto di investimento. Gli impianti di cogenerazione possono essere alimentati da fonte fossile e/o biomassa e devono rispettare i requisiti minimi di cui alla D.G.R. 5 maggio 2008, n , come modificata dalla D.G.R. 23 febbraio 2009, n e della D.G.R. 4 agosto 2009, n , se applicabili; interventi finalizzati all incremento dell efficienza energetica nei processi produttivi; per questa tipologia di interventi, è richiesto un risparmio annuo di energia primaria almeno pari a 1,2 kwh per euro investito in costi ammissibili per l intervento stesso; interventi finalizzati all aumento dell efficienza energetica degli edifici nell unità locale piemontese oggetto dell investimento, realizzati sull involucro edilizio o sugli impianti 5 a servizio 4 Si tratta di impianti conformi ai criteri indicati nell allegato III del Decreto Legislativo 8 febbraio 2007, n.20 "Attuazione della direttiva 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione basata su una domanda di calore utile nel mercato interno dell'energia, nonché modifica alla direttiva 92/42/CEE", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 54 del 6 febbraio 2007 e modificato dal D.M. 4 agosto 2011, e ai valori di rendimento di riferimento armonizzati definiti dalla decisione 2007/74/CE della Commissione (pubblicata sulla GUUE L 32 del , pag. 183). 5 Per impianti si intendono gli impianti tecnologici destinati alla climatizzazione degli ambienti, all illuminazione interna e, se presenti, per la preparazione di acqua calda per usi igienici sanitari. 6

10 degli edifici. Tali interventi devono conseguire il rispetto dei requisiti minimi di cui alla D.G.R. 4 agosto 2009, n Costi ammissibili Sono considerati ammissibili i costi, al netto di IVA, relativi a: Linea A): 1. macchinari, impianti, linee di produzione, attrezzature; 2. hardware, software e programmi informatici specifici e dedicati all attività d impresa; 3. acquisto o costruzione di immobili da destinare all attività primaria svolta dall impresa richiedente; 4. opere murarie e assimilate (escluse le bonifiche); 5. capitale circolante connesso all espansione commerciale; 6. costi di revamping 7 se inseriti a cespiti. Sulle voci di costo si applicano i seguenti vincoli: a) Le voci 1, 2 e 6 devono rappresentare almeno il 40% del progetto ammissibile. b) La voce 5 non può essere superiore al 20% del progetto ammissibile. c) I macchinari, gli impianti e le linee di produzione possono essere acquistati anche usati, dietro presentazione di perizia redatta da professionista abilitato che ne attesti il valore. La perizia è obbligatoria anche in caso di acquisto di immobili non di nuova costruzione. Il costo di tali perizie può essere riconosciuto, all interno della voce 1), nel limite massimo di euro d) In relazione alle voci 1, 2, 3, 4 e 6, sono ammissibili spese sostenute fino a 6 mesi antecedenti la data di presentazione della domanda, nel limite massimo del 30% dell importo del progetto ammissibile. Per spese sostenute si intendono spese fatturate (quietanzate o meno). e) Riguardo alla voce 5, l importo non può essere superiore al 20% delle spese totali ammissibili e deve riguardare ordini accettati o contratti di fornitura di beni e/o servizi. Se uno o più di tali ordini/contratti ha importo superiore al limite del 20%, potranno essere comunque inseriti in domanda, fermo restando che verrà ammessa all agevolazione solo la quota che consentirà di rispettare il limite in oggetto. I singoli ordini accettati o i singoli contratti di fornitura devono essere: antecedenti massimo 6 mesi alla data di presentazione della domanda. Ai fini della verifica del presente requisito farà fede la data di accettazione, contestuale o mediante lettera di accettazione, dell ordine o di sottoscrizione del contratto di fornitura. inevasi, quindi la data prevista per la consegna dell ultimo dei beni o per la prestazione dell ultimo dei servizi deve essere successiva alla data di presentazione della domanda e l integrale consegna dei beni o l'integrale prestazione dei servizi non deve ancora essere intervenuta alla data di presentazione della domanda. 6 In particolare, nel caso di interventi sugli elementi dell involucro edilizio, gli stessi devono garantire il conseguimento dei valori di trasmittanza termica dei singoli componenti di cui all all. 3, lettera b), 2 livello della D.G.R. 4 agosto 2009, n Revamping: revisione e ristrutturazione straordinaria degli impianti e macchinari usati 7

11 regolari, quindi devono avere l'indicazione della data di accettazione o sottoscrizione, della data prevista di consegna dei beni e/o di prestazione dei servizi, dell'oggetto della fornitura, del committente, dell impresa fornitrice beneficiaria che richiede il finanziamento e dell'ammontare della fornitura. Linea B): 1. costo di acquisizione o trasferimento di azienda o di ramo di azienda; 2. costo di affitto di azienda o di ramo di azienda (canoni di locazione), esclusivamente se in conto acquisto e se finalizzato alla successiva acquisizione (entro 24 mesi dalla data di concessione del finanziamento); 3. eventuali costi per nuovi investimenti o per il fabbisogno di circolante, nel rispetto delle voci e delle regole previste per la Linea A). Sulle voci 1 e 2 si applicano i seguenti vincoli: a) non sono ammissibili acquisizioni avvenute prima della presentazione della domanda di finanziamento (a tal proposito fa fede l atto notarile di acquisto); b) sono invece ammissibili offerte vincolanti di acquisto fino a 6 mesi antecedenti la presentazione della domanda di finanziamento; c) i costi derivanti dall acquisto di azienda o di ramo di azienda, sono ammissibili se asseverati da perizia giurata, redatta da professionista abilitato che ne attesti il valore. Il costo della perizia può essere riconosciuto, all interno della voce 1), come ammissibile, nel limite massimo di 3.000; d) i beneficiari non devono avere alcuna relazione di partecipazione patrimoniale con l impresa che si intende acquisire o che cede il ramo d azienda. Verranno puntualmente valutati, ai fini dell ammissibilità, i casi eventuali di imprese beneficiarie i cui soci o amministratori siano o siano stati soci o amministratori dell impresa che si intende acquisire. Sulla voce 3 si applicano i vincoli previsti per la Linea A) Su entrambe le linee sono invece considerati inammissibili: le spese di consulenza di qualsiasi genere (ad eccezione del costo per le perizie), i beni acquisiti in leasing, i beni pagati per compensazione, in economia e in contanti Forma ed entità del finanziamento L intervento pubblico consiste in un finanziamento a copertura del 100% dei costi ritenuti ammissibili. Il finanziamento ha le seguenti caratteristiche: a) è composto una quota di fondi BEI e da una quota di fondi bancari. La ripartizione viene determinata sulla base della presenza o meno degli ambiti di premialità secondo lo schema seguente: 8

12 Ambito di premialità presente 1 occupazionale 2 patrimoniale 3 energetico % fondi BEI % fondi Banca 50% 50% presente 70% 30% presente 70% 30% presente 60% 40% presente presente 70% 30% presente presente 85% 15% presente presente 85% 15% presente presente presente 85% 15% b) i fondi BEI sono erogati ad un tasso di interesse fisso annuo che riflette il costo provvista riconosciuto da BEI a Finpiemonte nell ambito del relativo contratto di prestito indicato al paragrafo 1 8. I fondi bancari sono erogati alle condizioni previste da apposita convenzione stipulata con le banche interessate; c) ha durata massima di 6 anni e ammortamento a rate trimestrali; d) la quota massima finanziabile con fondi BEI è pari a ; e) con riferimento agli interventi a valere sulla Linea B), per le spese riconducibili all acquisto/affitto di azienda o di ramo di azienda (voci di costo 1 e 2), l intervento dei fondi BEI è limitato a Tale limite non si applica agli eventuali ulteriori costi presenti nel progetto ascrivibili alla voce PROCEDURE 4.1 Come presentare la domanda Le domande devono essere inviate via Internet, dalle ore 9.00 del 24 settembre 2013 e fino alle ore del 8 novembre 2013, compilando il modulo telematico presente sul sito Il file di testo della domanda, messo a disposizione dal sistema a conclusione della compilazione, deve essere stampato, firmato e spedito (applicando una marca da bollo da 16 ogni 4 pagine) entro 5 giorni lavorativi dall invio telematico tramite raccomandata A/R o corriere espresso a: Finpiemonte S.p.A. 8 Con riferimento alle quotazioni di giugno 2013, tale tasso è stimabile intorno al 2%. 9 In caso di mancato completo utilizzo della dotazione finale della Misura, è demandata alla Direzione regionale alle Attività Produttive la facoltà di prevedere un massimale di intervento più elevato. 9

13 Galleria San Federico, Torino Non sono giudicate ricevibili e di conseguenza verranno respinte senza possibilità di recupero: le domande non accompagnate da tutti gli allegati obbligatori indicati al punto le domande per le quali l impresa non abbia spedito la copia cartacea tramite raccomandata A/R o corriere espresso entro 5 giorni dall invio telematico le domande cartacee precedentemente non inviate per via telematica le domande per le quali la copia cartacea non sia stata firmata in originale (4 firme) dal legale rappresentante dell impresa 4.2 Come viene valutata la domanda e comunicato l esito Il procedimento di istruttoria è di tipo valutativo a sportello. Finpiemonte esamina le domande in ordine cronologico di presentazione, valutando: la ricevibilità invio nei termini previsti dal Bando completezza della documentazione inviata l ammissibilità possesso da parte dell impresa dei requisiti soggettivi richiesti dal Bando (in particolare quelli previsti al punto 3.1 del Bando) il merito idoneità/qualità del soggetto proponente per la realizzazione del progetto/investimento congruità e pertinenza dei costi indicati per la realizzazione del progetto/investimento Per l esame di merito, Finpiemonte si avvale di un Comitato Tecnico di Valutazione 10, che fornisce un parere vincolante. Al termine dell istruttoria Finpiemonte comunica al richiedente l esito in forma scritta e, in caso di respingimento della domanda, l impresa beneficiaria ha 10 giorni di tempo per presentare le proprie controdeduzioni. 4.3 Come viene erogata l agevolazione A seguito della positiva conclusione dell istruttoria e del ricevimento, da parte di Finpiemonte, delle attestazioni/certificazioni elencate al paragrafo del Bando, Finpiemonte concede formalmente il finanziamento all impresa beneficiaria e autorizza la banca co finanziatrice ad erogare in un unica soluzione il finanziamento stesso. 4.4 Come rendicontare le spese e concludere il progetto 10 Composto da rappresentanti di Finpiemonte e da rappresentanti delle competenti Direzioni Regionali 10

14 Il progetto finanziato deve essere concluso entro 24 mesi dalla data di concessione dell agevolazione, salvo proroghe eccezionali debitamente argomentate, che in ogni caso non possono determinare una durata maggiore a 36 mesi. Entro 30 giorni dalla conclusione del progetto, i beneficiari devono presentare la rendicontazione finale delle spese, inviando i documenti indicati al paragrafo del Bando. Finpiemonte esamina la rendicontazione finale entro 90 giorni dal ricevimento della documentazione, e comunica al beneficiario l esito dell esame in forma scritta. 4.5 Variazioni del progetto e proroghe Le imprese possono posticipare la conclusione del progetto oltre i 24 mesi previsti o apportare variazioni (tecniche, economiche, relative alla titolarità dell intervento ecc.) all intervento finanziato a condizione di aver chiesto e ottenuto la preventiva approvazione di Finpiemonte e comunque a condizione che l intervento rimanga compatibile con le finalità e le disposizioni del Bando. 4.6 Documenti obbligatori Documenti obbligatori da allegare alla domanda 1) per tutte le domande: a) copia del documento d identità in corso di validità del legale rappresentante; b) relazione tecnica del progetto, secondo lo schema pubblicato sul sito di presentazione della domanda c) delibera della banca cofinanziatrice, secondo lo schema pubblicato sul sito finanza agevolata area banche 11

15 2) per le domande Linea A (e per le domande linea B solo se contengono gli investimenti previsti dalla Linea A): copia di preventivi, fatture, ordini firmati per accettazione, contratti di fornitura, perizie, con riferimento alle voci di costo del progetto 3) per le domande Linea B: proposta o offerta di acquisizione di azienda o ramo di azienda e relative perizie 4) per le domande con richiesta di premialità: a) ambito occupazionale: modulo (dichiarazione sostitutiva di atto notorio) relativo all incremento occupazionale, pubblicato sul sito b) ambito patrimoniale: copia della delibera dell assemblea dei soci relativa all aumento di capitale (con eventuale sottoscrizione soci se antecedente fino a 6 mesi la presentazione domanda); dichiarazione sostitutiva di atto notorio inerente l impegno al versamento dell aumento di capitale, pubblicata sul sito c) ambito energetico: relazione tecnica sull efficientamento energetico del progetto, pubblicata sul sito dichiarazione sostitutiva di atto notorio inerente l incremento di efficienza energetica, pubblicata sul sito Documenti obbligatori per ottenere la concessione dell agevolazione 1) modulo antiriciclaggio, pubblicato sul sito finanza agevolata modulistica generale 2) modulistica per il rilascio dell Informativa antimafia, pubblicata sul sito finanza agevolata modulistica generale (solo se il la quota di finanziamento BEI è superiore a ) 12

16 Importante: per velocizzare l iter di concessione dell agevolazione, è auspicabile e opportuno inviare i documenti sopraelencati al momento della presentazione della domanda Documenti da inviare per la rendicontazione finale delle spese La rendicontazione è divisa in due parti, composte dai documenti indicati di seguito: a) una parte tecnica (descrizione delle componenti dell investimento realizzate, dimostrazione delle eventuali priorità conseguite, documentazione illustrativa, ecc.) b) una parte economica (prospetto costi sostenuti, distinta fatture, ecc.). Le linee guida e la modulistica per la rendicontazione dei costi e per la dimostrazione delle priorità saranno pubblicate sul sito finanza agevolata, nella pagina dedicata all agevolazione. 4.7 Scadenze da rispettare Attività Soggetto che ha in carico l attività Scadenza Possibilità di proroga Invio domanda cartacea Impresa richiedente 5 giorni dall invio telematico No No Valutazione della domanda e comunicazione dell esito Finpiemonte 60 giorni dal ricevimento della domanda (il termine si interrompe se Finpiemonte richiede documenti integrativi, per il tempo impiegato dall impresa a inviarli) Invio documenti integrativi alla domanda richiesti da Finpiemonte Impresa richiedente 15 giorni dalla richiesta di Finpiemonte Sì, se adeguatamente motivata Erogazione del finanziamento Banca Termine indicato in convenzione bancaria No Conclusione dell intervento Impresa richiedente 24 mesi dalla data di concessione dell agevolazione Sì, se adeguatamente motivata (ma non oltre 36 mesi) 13

17 Rendicontazione finale delle spese Impresa richiedente 30 giorni dalla conclusione del progetto Sì, se adeguatamente motivate No Valutazione rendicontazione finale delle spese Finpiemonte 90 giorni dal ricevimento della rendicontazione (il termine si interrompe se Finpiemonte richiede documenti integrativi, per il tempo impiegato dall impresa a inviarli) 5. OBBLIGHI DEI BENEFICIARI, CONTROLLI E REVOCHE 5.1 Obblighi dei beneficiari La concessione del finanziamento genera per i beneficiari i seguenti obblighi: a. concludere il progetto e presentare la rendicontazione nei tempi e nei modi previsti dal Bando; b. consentire i controlli previsti al successivo punto 5.2 del Bando; c. fornire le informazioni necessarie per il monitoraggio finanziario, fisico e procedurale periodico e per la sorveglianza delle iniziative finanziate anche ai sensi del Contratto BEI; d. mantenere la localizzazione in Piemonte per almeno 7 anni dalla concessione del finanziamento, salvo eventi specifici indipendenti dalla volontà dell azienda che dovranno essere opportunamente argomentati e valutati; e. mantenere la proprietà dei beni acquistati (fatta salva la facoltà di sostituzione di impianti o attrezzature divenuti obsoleti a causa dell evoluzione tecnologica) e le evidenze che hanno determinato l eventuale priorità, per almeno 5 anni dalla concessione del finanziamento, salvo eventi specifici indipendenti dalla volontà dell azienda che dovranno essere opportunamente argomentati e valutati; f. rispettare le condizioni previste da BEI per l erogazione delle proprie risorse, che saranno notificate all atto della concessione del finanziamento. 5.2 Ispezioni e controlli Finpiemonte effettua controlli, anche presso i beneficiari, allo scopo di verificare: il rispetto degli obblighi, dei vincoli e delle prescrizioni derivanti dalla normativa vigente, dal Bando e dal contratto di prestito con BEI la sussistenza dei requisiti di accesso al finanziamento, la veridicità delle dichiarazioni e informazioni prodotte dal beneficiario, la regolarità delle spese rendicontate. 14

18 Finpiemonte, con l ausilio delle banche cofinanziatrici, effettua dei monitoraggi periodici sull avanzamento fisico, procedurale e finanziario della Misura, nel rispetto di quanto previsto dal contratto di prestito con BEI. 5.3 Cause di revoca delle agevolazioni Finpiemonte può revocare totalmente il finanziamento concesso nei seguenti casi: - se il beneficiario non rispetta gli obblighi indicati al precedente punto 5.1 del Bando; - se il beneficiario destina il finanziamento a scopi diversi rispetto a quanto previsto nel progetto ammesso o a scopi non ammissibili dal Bando e dalla BEI; - nel caso in cui il finanziamento sia stato concesso sulla base di dati, notizie o dichiarazioni inesatte; - se il luogo di realizzazione dell investimento è diverso da quello indicato nel progetto e non rientra tra quelli compresi nel territorio regionale; - se vengono rendicontate spese ammissibili per un importo inferiore a ; - se il progetto non viene concluso nei 24 mesi dalla data di concessione del finanziamento o, inderogabilmente, entro 36 mesi da tale data. Finpiemonte può revocare parzialmente il finanziamento concesso nei seguenti casi: - se vengono rendicontate spese ammissibili per un importo inferiore a quello del finanziamento erogato; - in caso di perdita o di mancata realizzazione e/o mantenimento della o delle priorità che hanno determinato l erogazione di una quota di fondi BEI maggiore del 50% del finanziamento complessivo. In caso di revoca, totale o parziale, il beneficiario dovrà restituire anticipatamente, per il tramite della banca co finanziatrice, la quota di finanziamento BEI percepita indebitamente, maggiorata di un tasso di interesse calcolato dalla data di erogazione del finanziamento a quella del provvedimento di revoca, pari al differenziale tra il tasso applicato alla quota bancaria all atto della concessione e il tasso BEI. 5.4 Rinuncia all agevolazione Nel caso in cui il beneficiario intenda rinunciare all agevolazione, dovrà comunicarlo a Finpiemonte, a mezzo raccomandata A/R o a mezzo posta elettronica certificata all indirizzo: 6. TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), si informano: 15

19 le imprese che presentano domanda in risposta al presente bando; gli amministratori ed i rappresentanti legali delle imprese/degli enti sopra indicati; i soggetti aventi un rapporto di dipendenza o di prestazione nei confronti delle imprese/degli enti sopra indicati che siano coinvolti nella realizzazione dei progetti/investimenti proposti a finanziamento nell ambito del presente Bando che il trattamento dei dati personali forniti dalle imprese per tutti gli adempimenti previsti dal presente Bando ed acquisiti da Finpiemonte S.p.A. (soggetto responsabile del trattamento) mediante le proprie strutture Finanza agevolata, Controlli di primo livello, Ufficio Relazioni con il Pubblico, sarà effettuato esclusivamente per le seguenti finalità: istruttoria, mediante verifica dei requisiti di ricevibilità e di ammissibilità e mediante valutazione di merito, ai fini della concessione del finanziamento; verifica della sussistenza, pertinenza e congruità delle spese rendicontate ai fini dell erogazione dei finanziamenti concessi, controllo della veridicità delle dichiarazioni sostitutive dell atto di notorietà e delle autocertificazioni rese nell ambito del procedimento; monitoraggio e valutazione delle operazioni ammesse a finanziamento; comunicazione e diffusione, obbligatorie per legge ai fini di trasparenza e di informativa al pubblico dei seguenti dati: estremi identificativi del soggetto beneficiario del finanziamento, sua localizzazione, denominazione dell investimento/progetto finanziato, ammontare del finanziamento concesso ed erogato. L eventuale trattamento di dati giudiziari sarà effettuato per adempiere agli obblighi previsti dal Decreto del Presidente della Repubblica 03/06/1998 n. 252 (Regolamento recante norme per la semplificazione dei procedimenti di rilascio delle comunicazioni e delle informazioni antimafia). Il conferimento ed il trattamento dei dati personali risulta pertanto necessario ai fini dell ammissione a finanziamento delle domande presentate in risposta al presente Bando, ai fini dell erogazione dei predetti finanziamenti; il trattamento dei dati verrà effettuato secondo criteri di pertinenza,non eccedenza ed indispensabilità. Tale trattamento avverrà con l utilizzo di procedure anche informatizzate a cura del personale dipendente di Finpiemonte, nei modi e nei limiti necessari per perseguire le predette finalità, anche in caso di comunicazioni a terzi. I soggetti che presentano domanda in risposta al presente bando, i cui dati personali sono oggetto di trattamento, sono titolari dei diritti di cui all art. 7 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196 ed, in particolare, del diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne (se ritenuti incompleti,erronei o raccolti in violazione di norme di legge) la rettifica, l aggiornamento o la cancellazione nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi e prevalenti o comunque compatibili rispetto alle esigenze di trattamento più sopra specificate; la richiesta di rettifica, aggiornamento, cancellazione o l opposizione al trattamento dei dati deve essere inviata a : Finpiemonte S.p.A. Galleria S. Federico 54, Torino c.a.: Direttore generale fax: mail: Il legale rappresentante dell impresa che presenta domanda di finanziamento in risposta al presente Bando è tenuto a comunicare la presente informativa: 16

20 agli amministratori dell impresa predetta; ai soggetti aventi rapporto di dipendenza o di prestazione con tale impresa che siano coinvolti nella realizzazione delle operazioni proposte a finanziamento nell ambito del presente Bando. 7. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Ai sensi della L.R. n. 7/2005 e della L. n. 241/1990 il responsabile del procedimento è: per la Regione Piemonte il responsabile pro tempore della Direzione Attività Produttive per Finpiemonte il responsabile pro tempore del Settore Finanza Agevolata (procedimento di concessione) e del Settore Controlli di primo livello (procedimento di controllo e procedimento di revoca) 8. INFORMAZIONI E CONTATTI Informazioni e chiarimenti sui contenuti del bando e le modalità di presentazione delle domande potranno essere richiesti a Finpiemonte tramite il form di richiesta presente all indirizzo web chiamando il numero 011/ dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 12:00. 17

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

1.1 Come si presenta una domanda?... 1. 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 1. 2.1 Chi può presentare domanda?...

1.1 Come si presenta una domanda?... 1. 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 1. 2.1 Chi può presentare domanda?... INDICE 1. COME PRESENTARE DOMANDA 1.1 Come si presenta una domanda?... 1 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 1 2. CHI PUO PRESENTARE DOMANDA E PROGETTI AMMISSIBILI 2.1 Chi

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU28 16/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 15 giugno 2015, n. 23-1569 Specificazioni in merito all'utilizzo delle risorse finanziarie residuate alla chiusura del Docup 2000/2006

Dettagli

Programma Attività Produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs.

Programma Attività Produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs. Programma Attività Produttive Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs. Misura Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi

Dettagli

Programma Attività produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) (Contratto Regione Piemonte Loan for SME S ).

Programma Attività produttive. Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) (Contratto Regione Piemonte Loan for SME S ). Programma Attività produttive Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) (Contratto Regione Piemonte Loan for SME S ). Misura Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

Il meccanismo degli aiuti alle imprese

Il meccanismo degli aiuti alle imprese Il meccanismo degli aiuti alle imprese Gestione gestiti delle da Finpiemonte Agevolazioni Torino, 25 gennaio 2012 Premessa Gli aiuti alle imprese gestiti da Finpiemonte sono istituiti sotto forma di regime

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU40 08/10/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 21 settembre 2015, n. 15-2120 D.G.R. n. 36-2237 del 22.6.2011 e s.m.i. - Programma Pluriennale 2011-2015 per le Attivita' Produttive

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 NELL AMBITO DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI CON I FONDI DI ROTAZIONE e DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DEI FONDI DI GARANZIA E LA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R.

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. 34/04 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE 2011-2015 Misura 1.3 Innovazione

Dettagli

con Deliberazione n. 2-487 del 28/10/2014 la Giunta regionale ha tra l altro:

con Deliberazione n. 2-487 del 28/10/2014 la Giunta regionale ha tra l altro: REGIONE PIEMONTE BU45S1 12/11/2015 Codice A1907A D.D. 9 novembre 2015, n. 759 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs". Approvazione

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 Codice DB1512 D.D. 5 agosto 2014, n. 531 Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34, articolo 42, comma 6. Affidamento a Finpiemonte S.p.A. delle funzioni e delle attivita'

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Agevolazioni agli investimenti innovativi delle piccole e medie imprese per impianti di proiezione cinematografica digitale

Agevolazioni agli investimenti innovativi delle piccole e medie imprese per impianti di proiezione cinematografica digitale ALLEGATO A FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse I Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione

Dettagli

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 20 novembre 2014 L.R. 1/09 - Artigianato 1 FINALITA E RISORSE Sostegno agli investimenti finalizzati allo sviluppo e alla qualificazione

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

1.1 Come si presenta una domanda?... 3. 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3

1.1 Come si presenta una domanda?... 3. 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3 INDICE 1. COME PRESENTARE DOMANDA... 3 1.1 Come si presenta una domanda?... 3 1.2 E previsto un termine per la presentazione delle domande?... 3 1.3 Quali sono i documenti obbligatori da allegare alla

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi (Micro e piccole imprese) Domande frequenti

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi (Micro e piccole imprese) Domande frequenti POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi (Micro e piccole imprese) Domande frequenti 1. COME PRESENTARE DOMANDA 1.1. Come si presenta una domanda?... 4 1.2. E previsto un termine per la presentazione

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese. Domande frequenti

L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese. Domande frequenti L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese Domande frequenti 1. COME PRESENTARE DOMANDA 1.1. Come si presenta una domanda?.....3 1.2. E previsto un termine per la presentazione delle domande?...3

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU40 08/10/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 21 settembre 2015, n. 15-2120 D.G.R. n. 36-2237 del 22.6.2011 e s.m.i. - Programma Pluriennale 2011-2015 per le Attivita' Produttive

Dettagli

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it

5. PROCEDURE. PEC innovazione-ricerca@cert.regione.piemonte.it 5. PROCEDURE Le gestione del bando, che comprende le attività di ricezione e istruttoria delle domande, concessione e revoca delle agevolazioni, controllo degli interventi realizzati, è affidata alla Direzione

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI 2 ALLEGATO A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI NULE PROVINCIA DI SASSARI LR 37/98 ART. 19 INIZIATIVE PER LO SVILUPPO E L OCCUPAZIONE ANNUALITA 2006 OGGETTO CONCESSIONE CONTRIBUTI, NELLA FORMA DEL DE MINIMIS, PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE.

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare 1 Gli attori Le Banche olesocietà di leasing, erogano il finanziamento per acquisto o acquisizione in leasing di «beni strumentali» a condizioni di

Dettagli

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015

MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 Allegato 1 MODULO PER LA DOMANDA DELLE AGEVOLAZIONI A VALERE SULLE RISORSE PREVISTE DAL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 24 APRILE 2015 1. DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA RICHIEDENTE C.F

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA

STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA ALLEGATO A STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda per le agevolazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana

Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana Presentazione dell agevolazione Il presente documento illustrativo ha natura meramente descrittiva e non esaustiva dei contenuti dell avviso

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

.LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30

.LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 .LEGGE REGIONALE 18 MAGGIO 2004, N. 12 Articolo 8 sostituito dall articolo 33 della legge regionale 4 dicembre 2009, n. 30 FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

Dettagli

Poi ENERGIA Bando Efficienza Energetica 2015

Poi ENERGIA Bando Efficienza Energetica 2015 Poi ENERGIA Bando Efficienza Energetica 2015 CHECK LIST per l'istruttoria della domanda A. Modalità di presentazione delle domande di agevolazione Le imprese sono tenute a presentare la seguente documentazione:

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE (PIA) INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI AI SENSI DELLA D.G.R. n. 39/3 del 10.11.2010.

PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE (PIA) INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI AI SENSI DELLA D.G.R. n. 39/3 del 10.11.2010. UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE PACCHETTI INTEGRATI DI

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO DELLA CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO PIANO STRAORDINARIO PER L OCCUPAZIONE

ACCORDO INTEGRATIVO DELLA CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO PIANO STRAORDINARIO PER L OCCUPAZIONE ACCORDO INTEGRATIVO DELLA CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO PIANO STRAORDINARIO PER L OCCUPAZIONE ASSE IV Misura IV.1 Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole

Dettagli

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE SEMINARIO LE IMPRESE E L AMBIENTE Come le imprese partecipano oggi alla tutela dell ambiente? 15 Aprile 2011 OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE Bando

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 ASSESSORATO DELL INDUSTRIA SERVIZIO ENERGIA BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE Art. 24, L.R. 29 maggio 2007, n. 2 (LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale

ANNO 2011. Legge regionale n. 12 del 23 maggio 2008 Art. 20 Cooperazione sanitaria internazionale Gabinetto della Presidenza della Giunta regionale Settore Affari Internazionali e Comunitari Direzione Sanità Settore Programmazione Sanitaria BANDO Per il personale sanitario dipendente delle strutture

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 Allegato A REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA: FONDO UNICO ROTATIVO per PRESTITI POR CReO FESR 2007-2013 ( FURP ) Linea di intervento

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Visto l articolo 14 della legge 17 febbraio 1982, n. 46 e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto

Dettagli

Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E.

Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E. Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E. 1. Premesse In attuazione del Piano nazionale di edilizia abitativa di

Dettagli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli

Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Microimpresa Pensare in grande, da piccoli Invitalia, l Agenzia nazionale per

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

REGIONE LAZIO BANDO PUBBLICO

REGIONE LAZIO BANDO PUBBLICO Allegato A REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO DIREZIONE TURISMO Piano Turistico Regionale 2011-2013 Deliberazione del Consiglio Regionale n. 2 del 17 novembre 2010 Linee di Azione II.2.1.B

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 9 GIUGN0 1994, N. 18 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI

LEGGE REGIONALE 9 GIUGN0 1994, N. 18 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI MODULO B LEGGE REGIONALE 9 GIUGN0 1994, N. 18 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI DOMANDA PER INVESTIMENTI IMMOBILIARI/IMPIANTI TECNICI/TITOLO CONCESSIONI DI SERVIZIO Punto 4 lettere b), d) del Programma

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 1. OBIETTIVI E BENEFICIARI 1. I criteri e le modalità che seguono si riferiscono

Dettagli

b) finanziamento condizionato ad aumento di capitale sociale di importo almeno equivalente

b) finanziamento condizionato ad aumento di capitale sociale di importo almeno equivalente DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI GARANZIA PER IL RISCHIO DI INSOLVENZA SU FINANZIAMENTI Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI Domanda presentata a Istituto Finanziatore

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU9 03/03/2011

REGIONE PIEMONTE BU9 03/03/2011 REGIONE PIEMONTE BU9 03/03/2011 Codice DB1505 D.D. 27 gennaio 2011, n. 18 Legge regionale del 18 maggio 2004, n. 12, articolo 8, come sostituito dall'articolo 33 della legge regionale del 04 dicembre 2009,

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

31.10.2015 ORE 12:00

31.10.2015 ORE 12:00 AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI CORRELATI ALLE IMPOSTE LOCALI PAGATE con riferimento al periodo 01/01/2015-31/10/2015 importo stanziato: 10.000 euro PREMESSO che: - con la deliberazione

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia MicroPrestito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

Bando a favore delle PMI piemontesi per lo smobilizzo dei crediti verso gli Enti locali del Piemonte

Bando a favore delle PMI piemontesi per lo smobilizzo dei crediti verso gli Enti locali del Piemonte P.O.R. 2007 2013 Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività F.E.S.R. 2007/2013 I.4.1 Accesso al credito delle PMI Bando a favore

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE ALLEGATO A FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE 1. FINALITA` E OBIETTIVI L iniziativa prevede l utilizzo del

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Nell ambito del Fondo per il sostegno all accesso al credito delle imprese del Lazio (art. 20 LR 9/2005)

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 15/2014 DOMANDA PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI (SABATINI-BIS)

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 15/2014 DOMANDA PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI (SABATINI-BIS) Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 27 febbraio 2014

Dettagli

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

ALLEGATO A Atto di indirizzo

ALLEGATO A Atto di indirizzo ALLEGATO A Atto di indirizzo Programma di finanziamento degli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo degli immobili destinati ad asilo nido e/o micro-nido comunali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Decreto Direttoriale 11.03.2014 Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 29 luglio

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione.

Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. CITTA DI OMEGNA PROVINCIA DEL VERBANO-CUSIO-OSSOLA Regolamento Comunale per l istituzione e la gestione del Fondo Speciale destinato alla creazione di nuove imprese e di nuova occupazione. (approvato con

Dettagli

( L.R. 7 ottobre 2002, n. 23 e successive modificazioni ed integrazioni) PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE dal 1 marzo 2007

( L.R. 7 ottobre 2002, n. 23 e successive modificazioni ed integrazioni) PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE dal 1 marzo 2007 BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSE PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA ( L.R. 7 ottobre 2002,

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Lavoro autonomo. Soli, ma ben accompagnati Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Soli, ma ben accompagnati Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce

Dettagli

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il

- In data 12 maggio 2015, il Ministero per la Sviluppo Economico - Direzione generale per il REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 ottobre 2015, n. 15-2314 Programma regionale di cofinanziamento a favore dell'efficienza energetica nei cicli e delle strutture

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI IN IMMOBILI RESIDENZIALI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI IN IMMOBILI RESIDENZIALI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI Area IV - Gestione del territorio Servizio Politiche Ambientali Via A. Costa n. 12 40062 Molinella (Bo) Tel. 051/690.68.62-77 Fax 051/690.03.46 ambiente@comune.molinella.bo.it Indice ART. 1 (FINALITÀ)..........

Dettagli

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa

Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA. Microimpresa Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa, agisce su mandato del Governo

Dettagli

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Obiettivo DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Il Bando in attuazione della Legge Regionale 30 maggio 2014, n. 13 Disciplina dei distretti industriali,

Dettagli

Regione Veneto Agevolazioni per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale

Regione Veneto Agevolazioni per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale Regione Veneto Agevolazioni per la Ricerca Industriale e lo Sviluppo Sperimentale Fondo di Rotazione ex LR 5/2001 (Sezione C) Contributi ex LR 9/2007!1 RIEPILOGO NORMATIVA Requisiti soggetto proponente

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del 29/09/2008

Dettagli

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni

SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni Le Guide professionalità quotidiana SABATINI BIS come chiedere le agevolazioni a cura di Bruno Pagamici Soggetti beneficiari Investimenti e spese finanziabili Contributo in conto interessi Domanda di agevolazione

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 REGIONE VENETO Direzione Regionale Mobilità Bando pubblico per la concessione di finanziamenti agevolati per il settore

Dettagli

A relazione degli Assessori Giordano, Quaglia:

A relazione degli Assessori Giordano, Quaglia: REGIONE PIEMONTE BU22 31/05/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 16 maggio 2012, n. 2-3872 Progetto Regione Piemonte Loan for SMEs - Contratto di Prestito tra Finpiemonte S.p.A. e la Banca Europea

Dettagli

Finanza agevolata Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte

Finanza agevolata Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Finanza agevolata Opportunità e meccanismo di accesso ai fondi gestiti da Finpiemonte Torino, 30 ottobre 2013 L.R. 23/02 Riqualificazione energetica di edifici esistenti Bando 2013 L.R. 23/02 Riqualificazione

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO

ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 1 REGIONE ABRUZZO BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER LA DIFFUSIONE DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE DOMICILIARI ED IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI URBANI L.R.52/00 e s.m.i. 1. FINALITA In esecuzione

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1. L.R. 34/08 Art. 42, commi 1, 4, 5 e 6 MISURE A FAVORE DELL AUTOIMPIEGO E DELLA CREAZIONE D IMPRESA

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1. L.R. 34/08 Art. 42, commi 1, 4, 5 e 6 MISURE A FAVORE DELL AUTOIMPIEGO E DELLA CREAZIONE D IMPRESA SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 NELL AMBITO DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI CON I FONDI DI ROTAZIONE e DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DEI FONDI DI GARANZIA E LA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli