la Deliberazione n del 27 giugno 2011, con cui la Giunta Regionale:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la Deliberazione n. 31-2276 del 27 giugno 2011, con cui la Giunta Regionale:"

Transcript

1 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Codice DB1612 D.D. 7 agosto 2013, n. 343 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs". Approvazione Bando "Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi" e relativa modulistica. Richiamate: la Deliberazione n del 27 giugno 2011, con cui la Giunta Regionale: - ha autorizzato Finpiemonte S.p.A., ai sensi dell art. 2364, comma 1, n. 5 c.c. e dell art. 11 comma 3 lettera b) del suo Statuto Sociale, a sottoscrivere il Contratto di Prestito di euro ,00 con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) Prestito Regione Piemonte Loan for SMEs, destinato al finanziamento a medio/lungo termine di investimenti realizzati da piccole e medie imprese operanti nel territorio della Regione Piemonte; - ha dato mandato alla Direzione Attività Produttive di approvare, con successivi provvedimenti amministrativi, tutti gli atti connessi, accessori e strumentali all attuazione del Contratto, ed in particolare quanto segue: gli atti di indirizzo, in conformità alle finalità del Contratto, per l utilizzo e la destinazione delle risorse BEI a favore delle PMI piemontesi rispetto ai programmi regionali indicati nel Contratto stesso, e precisamente: a) Piano straordinario per l occupazione. Asse IV. Misura IV.1 - Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle PMI mediante prestiti partecipativi; b) Incentivazione alla razionalizzazione dei consumi energetici e all uso di fonti di energia rinnovabile negli insediamenti produttivi - POR Asse II, Attività II.1.1. e Attività 1.3. Misura 1; c) Agevolazioni per le PMI a sostegno di progetti ed investimenti per l innovazione, la sostenibilità ambientale e la sicurezza nei luoghi di lavoro - POR Asse I Attività I.1.3. e Attività I.2.2.; d) programmi regionali diversi dai programmi indicati ai precedenti punti, previa approvazione scritta di BEI; il contratto di affidamento a Finpiemonte S.p.A. per la gestione di tutte le attività connesse ai programmi regionali in essere e futuri finanziati con provvista BEI, nell ambito del Contratto; la Deliberazione n del 23/07/2012 con la Giunta regionale: - ha destinato: la prima tranche di fondi BEI, di importo pari a 25 milioni di euro, al finanziamento, nell ambito della Misura IV.1 del Piano Straordinario per l Occupazione - Prestiti Partecipativi, delle imprese in lista d attesa per mancanza di fondi regionali, confermando, inoltre, l innalzamento della quota di intervento pubblico fino all 80% dell importo dei prestiti erogati;

2 la seconda tranche di fondi BEI, di importo pari a 25 milioni di euro, al finanziamento della Misura II.3 del Piano Straordinario per l Occupazione Più Sviluppo (20 milioni di euro) e del fondo per lo sviluppo e la promozione della cooperazione di cui alla L.R. 23/04 e s.m.i. (5 milioni di euro); - ha fornito indicazioni di massima circa la destinazione delle successive tranche di fondi BEI ad ulteriori Misure/Linee di intervento incluse nei Programmi Regionali; - si è riservata di individuare sulla base dell andamento della varie misure, nonché dello stato dell economia regionale nuove linee di intervento da mettere a punto, ovvero di ricorrere a misure già in essere in aggiunta o in sostituzione di quelle sopra richiamate, decidendo, altresì, gli importi da destinare a ciascuna misura; la Deliberazione n del 29/06/2010 con la quale la Giunta regionale ha disposto gli indirizzi in ordine all utilizzo delle risorse finanziarie residuate alla chiusura del Docup 2000/2006 cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale a titolo dell obiettivo 2. la Deliberazione n del 02/08/2013 con la quale la Giunta regionale ha approvato la scheda tecnica di una Misura finalizzata a sostenere interventi di patrimonializzazione, trasferimenti societari e sostegno all attivo circolante delle piccole e medie imprese piemontesi, con dotazione finanziaria a valere sulle risorse Bei di cui al contratto indicato in oggetto. Considerato che: si rende ora necessario approvare il bando, contenente, fra le altre, le disposizioni in ordine alle modalità di presentazione delle domande, all iter di valutazione delle stesse, alle tipologie di spese ammissibili, alla forma ed entità dei contributi concedibili. Viste: La L.R. n. 34 del 22 novembre 2004 la D.G.R. n del 27 giugno 2011 la D.G.R. n del 23/07/2012 la D.G.R. n del 29/06/2010 la D.G.R. n del 02/08/2013 IL DIRETTORE determina - di approvare - quale allegato A parte integrante della presente determinazione - il Bando Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle PMI piemontesi, e la relativa modulistica, finalizzato a sostenere interventi di patrimonializzazione, trasferimenti societari e sostegno all attivo circolante delle piccole e medie imprese piemontesi; - di dare atto che le domande potranno essere presentate a partire dal giorno 24 settembre e fino al giorno 8 novembre mediante accesso al sito di Finpiemonte Spa;

3 - di stabilire che la dotazione finanziaria iniziale della suddetta Misura è pari a , a valere sulle risorse BEI derivanti dal Contratto di prestito Regione Piemonte Loan for SME s ; - di stabilire che se la suddetta dotazione finanziaria potrà essere integrata mediante provvedimento della Direzione Attività Produttive - con ulteriori risorse che dovessero rendersi disponibili nell ambito delle altre misure regionali finanziate con risorse BEI; - di costituire un fondo di riserva pari a (incrementabile, mediante apposito provvedimento della Direzione Attività Produttive, in modo proporzionale all eventuale aumento della suddetta dotazione finanziaria secondo le modalità sopra indicate) a valere su risorse residuate dalla programmazione dei Fondi Strutturali Docup e dedicato alla copertura di eventuali insolvenze in capo alle PMI finanziate con provvista BEI e di eventuali disallineamenti contabili tra i piani di rientro delle PMI finanziate e il piano di rientro di Finpiemonte S.p.A. nei confronti di BEI, autorizzando a tal fine Finpiemonte S.p.A. all utilizzo dei fondi stessi, nonché al pagamento dei corrispettivi dovuti a Finpiemonte S.p.A. per la gestione della Misura, fermo restando quanto previsto dalla vigente Convenzione Quadro secondo cui alle spese per la gestione occorre fare fronte prioritariamente con gli interessi maturati sulle suddette economie e, solo laddove tali interessi non fossero sufficienti, con la dotazione stessa del Fondo; Avverso la presente determinazione è ammesso ricorso giurisdizionale avanti al TAR entro 60 giorni dalla data di comunicazione o piena conoscenza dell atto, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato, entro 120 giorni dalla suddetta data, ovvero l azione innanzi al Giudice Ordinario, per tutelare un diritto soggettivo, entro il termine di prescrizione previsto dal Codice Civile. La presente determinazione sarà pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte ai sensi dell art. 61 dello Statuto e dell art. 5 della L.R. 22/2010 Il Direttore Giuseppe Benedetto Allegato

4 BANDO DI FINANZIAMENTO SUPPORTO A PROGETTI DI INVESTIMENTO E SVILUPPO DELLE PMI PIEMONTESI MEDIANTE L UTILIZZO DI FONDI BEI (CONTRATTO REGIONE PIEMONTE LOAN FOR SME S ) Allegato alla Determinazione Dirigenziale n. 343 del 07/08/2013

5 INDICE 1. FINALITA E RISORSE pag RIFERIMENTI NORMATIVI E COMPATIBILITA CON LA NORMATIVA COMUNITARIA pag CONTENUTI DEL BANDO 3.1. Beneficiari pag Iniziative ammissibili pag Ambiti di premialità pag Costi ammissibili pag Forma ed entità dell agevolazione pag PROCEDURE 4.1. Come presentare la domanda pag Come viene valutata la domanda e comunicato l esito pag Come viene erogata l agevolazione pag Come rendicontare le spese e concludere il progetto pag Variazioni del progetto e proroghe pag Documenti obbligatori pag Scadenze da rispettare pag OBBLIGHI DEI BENEFICIARI, CONTROLLI E REVOCHE 5.1. Obblighi dei beneficiari pag Ispezioni e controlli pag Cause di revoca delle agevolazioni pag Rinuncia all agevolazione pag TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI pag RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO pag INFORMAZIONI E CONTATTI pag. 15 APPENDICE 1 pag. 16 APPENDICE 2 pag. 19 2

6 1. FINALITA E RISORSE L obiettivo del Bando è supportare piccole e medie imprese, attive e produttive nel territorio regionale, nella realizzazione di progetti di investimento e sviluppo, sostenendo nel contempo il fabbisogno di capitale circolante connesso all espansione commerciale e premiando quelle iniziative che prevedano anche la patrimonializzazione dell impresa e/o l incremento/mantenimento dell occupazione e/o l efficientamento energetico. I progetti di investimento proposti devono avere una coerenza rispetto agli obiettivi della politica di sviluppo regionale, contribuendo ad affrontare le criticità del sistema produttivo regionale e valorizzandone le potenzialità. I progetti devono inoltre rispettare le linee guida di intervento della Banca Europea degli Investimenti (BEI) contenute all interno del Contratto di prestito con Finpiemonte S.p.A. Regione Piemonte Loan for SME s. La dotazione finanziaria iniziale è pari a Le risorse sono messe a disposizione da Banca Europea degli Investimenti (BEI) in forza del Contratto di prestito Regione Piemonte Loan for SME s stipulato tra Finpiemonte S.p.A. e BEI. La dotazione potrà essere incrementata con successivo provvedimento della Direzione Regionale Attività Produttive sulla base dell andamento delle altre misure di intervento regionali finanziate con fondi BEI. 2. RIFERIMENTI NORMATIVI E COMPATIBILITA CON LA NORMATIVA COMUNITARIA a) Deliberazione di Giunta Regionale n del 02 agosto 2013 Approvazione della Scheda di Misura b) Deliberazione di Giunta Regionale n del 27 giugno 2011 Approvazione del Contratto di prestito tra Finpiemonte S.p.A. e BEI Regione Piemonte Loan for SME s c) Deliberazione di Giunta Regionale n del 23 luglio 2012 Interventi straordinari per favorire l'accesso al credito e sostenere gli investimenti delle PMI mediante l'utilizzo coordinato di fondi BEI, Cassa Depositi e Prestiti e strumenti regionali d) Deliberazione di Giunta Regionale n del 29 giugno 2010 utilizzo delle risorse finanziarie residuate alla chiusura del Docup 2000/2006 e) L.R. n. 34 del 22 novembre 2004 Interventi per lo sviluppo delle attività produttive L agevolazione non costituisce aiuto di stato. 3. CONTENUTI DEL BANDO 3.1. Beneficiari Possono presentare istanza di partecipazione al Bando le piccole e medie imprese 1 cooperative, che al momento della presentazione della domanda: (PMI), comprese le 1 La definizione di PMI è contenuta nell allegato 1 al Regolamento (CE) n. 800/08 3

7 a) siano iscritte al Registro delle Imprese b) abbiano un codice ATECO primario attivo compreso tra quelli ammissibili in appendice al Bando c) abbiano almeno un unità locale produttiva attiva e localizzata in Piemonte d) non siano classificabili come imprese in difficoltà secondo la normativa comunitaria 2 Il possesso dei requisiti di PMI deve essere verificato anche al momento della sottoscrizione del contratto di finanziamento con la banca cofinanziatrice Iniziative ammissibili Il Bando finanzia investimenti di importo di almeno Con riferimento al successivo punto 3.2.1, l eventuale fabbisogno di capitale circolante è, pertanto, da intendersi aggiuntivo rispetto a tale importo. Sono previste due linee di intervento, ciascuna con propria dotazione specifica di risorse (plafond). La Direzione regionale Attività Produttive potrà modificare le percentuali di ripartizione dei fondi tra le due linee in ragione dell andamento delle domande Linea A) plafond iniziale di pari all 80% della dotazione del Bando Finanzia progetti riguardanti: a) investimenti produttivi (almeno il 40% dell importo totale delle spese ammissibili) b) investimenti immobiliari c) capitale circolante connesso all espansione commerciale (con un limite del 20% dell importo totale delle spese ammissibili) (Esempio: con riferimento alle voci di spesa indicate al successivo paragrafo 3.4, un progetto ritenuto ammissibile per un importo di può comprendere una quota non superiore a di fabbisogno di circolante e deve in ogni caso contenere spese per investimenti produttivi, voce a), per un importo almeno pari a Un progetto composto dalla sola voce a) deve essere di importo minimo pari a Un progetto composto dalle sole voci a) e b) deve essere di importo minimo pari a e la voce a) deve essere almeno pari a Un progetto che comprenda anche la voce c) deve raggiungere l importo minimo di con le voci a) e b), secondo quanto sopra indicato; il valore riconosciuto per il circolante è determinato, in aggiunta a tale valore minimo, nel rispetto della percentuale massima del 20% rispetto a tali due voci) Linea B) plafond iniziale di pari al 20% della dotazione del Bando Finanzia progetti riguardanti: a) necessariamente: acquisizione 3 e trasferimento di azienda o di ramo di azienda. La semplice acquisizione di azioni di un impresa non è considerata ammissibile all agevolazione. 2 La definizione di impresa in difficoltà presa in considerazione è quella dell art. 1, paragrafo 7 del Regolamento (CE) n. 800/08 4

8 b) eventualmente: tutte le iniziative previste dalla linea A) 3.3. Ambiti di premialità Il Bando prevede tre ambiti di premialità che garantiscono un intensità maggiore di intervento di fondi BEI (si veda il successivo paragrafo 3.5): 1) Ambito occupazionale: viene assegnato alle iniziative che, oltre al progetto principale, prevedono un incremento occupazionale e/o la trasformazione di contratti di lavoro a tempo determinato o di contratti atipici in contratti a tempo indeterminato. Per determinare l assegnazione dell ambito valgono le seguenti regole: a) la ricaduta occupazionale viene conteggiata confrontando le Unità Lavorative Annue (ULA) al momento della presentazione della domanda (di seguito: ULA iniziali) con le ULA nell anno a regime dell investimento finanziato, quindi nei 12 mesi successivi alla data di rendicontazione del progetto (di seguito: ULA finali); b) per il calcolo delle ULA iniziali deve essere considerato il totale dei dipendenti dell azienda, compresi quindi quelli impiegati fuori dal territorio regionale; c) il numero degli occupati è determinato sulla base dei dati rilevati alla fine di ciascun mese, con riferimento ai dipendenti a tempo determinato ed indeterminato iscritti nel Libro Unico del Lavoro ; d) per giovani si intendono i soggetti che non abbiano compiuto il 36esimo anno di età alla data di assunzione o trasformazione del contratto e) le nuove assunzioni e i contratti da trasformare devono riguardare soggetti: residenti o domiciliati in Piemonte che si trovano, alla data di presentazione della domanda, in una delle seguenti categorie: disoccupati o inoccupati (anche in stato di mobilità) occupati con impiego non regolarmente retribuito occupati con contratti di durata temporanea, di apprendistato o di somministrazione che vengono impiegati dall impresa beneficiaria nel territorio piemontese e nell ambito del progetto oggetto di finanziamento f) la trasformazione di contratti a tempo determinato o di contratti atipici in contratti a tempo indeterminato deve riguardare esclusivamente soggetti giovani Il numero di nuove assunzioni o contratti da trasformare varia in funzione delle ULA iniziali e dell età dei soggetti, ed è dettagliato nell appendice 2 al Bando. 3 intesa come acquisto degli attivi patrimoniali direttamente connessi all attività 5

9 2) Ambito patrimoniale: viene assegnato alle iniziative che, oltre al progetto principale, prevedono un aumento del capitale sociale dell impresa beneficiaria almeno pari al 25% dell importo dell agevolazione concessa. L aumento di capitale deve essere deliberato dall assemblea dell impresa richiedente e sottoscritto per intero fino a 6 mesi prima della presentazione della domanda. L operazione deve essere perfezionata con le seguenti modalità: a) mediante apporto di denaro e/o accantonamenti a riserva di utili realizzati a partire dall esercizio in corso alla data di presentazione della domanda; b) i versamenti devono essere successivi alla data di presentazione della domanda e concludersi entro i 24 mesi successivi alla data di concessione del finanziamento. Non sono considerati ammissibili: gli aumenti di capitale eseguiti con conferimenti di beni in natura o di crediti e gli aumenti di capitale eseguiti mediante passaggio di riserve a capitale sociale (articoli 2440 e 2442 del Codice Civile) o qualsiasi altra forma non prevista espressamente dal Bando. altre tipologie di aumento del patrimonio aziendale (es. costituzione o ampliamento di riserve). 3) Ambito energetico: assegnato alle iniziative che, oltre al progetto principale, prevedono ricadute oggettivamente misurabili e dimostrabili in termini di incremento di efficienza energetica dell unità locale oggetto dell intervento. Nello specifico: installazione di impianti di cogenerazione ad elevato rendimento 4 per la produzione simultanea di energia termica e di energia elettrica e/o meccanica destinate al soddisfacimento, in tutto o in parte, del fabbisogno energetico del processo produttivo o per la climatizzazione degli edifici dell unità locale oggetto di investimento. Gli impianti di cogenerazione possono essere alimentati da fonte fossile e/o biomassa e devono rispettare i requisiti minimi di cui alla D.G.R. 5 maggio 2008, n , come modificata dalla D.G.R. 23 febbraio 2009, n e della D.G.R. 4 agosto 2009, n , se applicabili; interventi finalizzati all incremento dell efficienza energetica nei processi produttivi; per questa tipologia di interventi, è richiesto un risparmio annuo di energia primaria almeno pari a 1,2 kwh per euro investito in costi ammissibili per l intervento stesso; interventi finalizzati all aumento dell efficienza energetica degli edifici nell unità locale piemontese oggetto dell investimento, realizzati sull involucro edilizio o sugli impianti 5 a servizio 4 Si tratta di impianti conformi ai criteri indicati nell allegato III del Decreto Legislativo 8 febbraio 2007, n.20 "Attuazione della direttiva 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione basata su una domanda di calore utile nel mercato interno dell'energia, nonché modifica alla direttiva 92/42/CEE", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 54 del 6 febbraio 2007 e modificato dal D.M. 4 agosto 2011, e ai valori di rendimento di riferimento armonizzati definiti dalla decisione 2007/74/CE della Commissione (pubblicata sulla GUUE L 32 del , pag. 183). 5 Per impianti si intendono gli impianti tecnologici destinati alla climatizzazione degli ambienti, all illuminazione interna e, se presenti, per la preparazione di acqua calda per usi igienici sanitari. 6

10 degli edifici. Tali interventi devono conseguire il rispetto dei requisiti minimi di cui alla D.G.R. 4 agosto 2009, n Costi ammissibili Sono considerati ammissibili i costi, al netto di IVA, relativi a: Linea A): 1. macchinari, impianti, linee di produzione, attrezzature; 2. hardware, software e programmi informatici specifici e dedicati all attività d impresa; 3. acquisto o costruzione di immobili da destinare all attività primaria svolta dall impresa richiedente; 4. opere murarie e assimilate (escluse le bonifiche); 5. capitale circolante connesso all espansione commerciale; 6. costi di revamping 7 se inseriti a cespiti. Sulle voci di costo si applicano i seguenti vincoli: a) Le voci 1, 2 e 6 devono rappresentare almeno il 40% del progetto ammissibile. b) La voce 5 non può essere superiore al 20% del progetto ammissibile. c) I macchinari, gli impianti e le linee di produzione possono essere acquistati anche usati, dietro presentazione di perizia redatta da professionista abilitato che ne attesti il valore. La perizia è obbligatoria anche in caso di acquisto di immobili non di nuova costruzione. Il costo di tali perizie può essere riconosciuto, all interno della voce 1), nel limite massimo di euro d) In relazione alle voci 1, 2, 3, 4 e 6, sono ammissibili spese sostenute fino a 6 mesi antecedenti la data di presentazione della domanda, nel limite massimo del 30% dell importo del progetto ammissibile. Per spese sostenute si intendono spese fatturate (quietanzate o meno). e) Riguardo alla voce 5, l importo non può essere superiore al 20% delle spese totali ammissibili e deve riguardare ordini accettati o contratti di fornitura di beni e/o servizi. Se uno o più di tali ordini/contratti ha importo superiore al limite del 20%, potranno essere comunque inseriti in domanda, fermo restando che verrà ammessa all agevolazione solo la quota che consentirà di rispettare il limite in oggetto. I singoli ordini accettati o i singoli contratti di fornitura devono essere: antecedenti massimo 6 mesi alla data di presentazione della domanda. Ai fini della verifica del presente requisito farà fede la data di accettazione, contestuale o mediante lettera di accettazione, dell ordine o di sottoscrizione del contratto di fornitura. inevasi, quindi la data prevista per la consegna dell ultimo dei beni o per la prestazione dell ultimo dei servizi deve essere successiva alla data di presentazione della domanda e l integrale consegna dei beni o l'integrale prestazione dei servizi non deve ancora essere intervenuta alla data di presentazione della domanda. 6 In particolare, nel caso di interventi sugli elementi dell involucro edilizio, gli stessi devono garantire il conseguimento dei valori di trasmittanza termica dei singoli componenti di cui all all. 3, lettera b), 2 livello della D.G.R. 4 agosto 2009, n Revamping: revisione e ristrutturazione straordinaria degli impianti e macchinari usati 7

11 regolari, quindi devono avere l'indicazione della data di accettazione o sottoscrizione, della data prevista di consegna dei beni e/o di prestazione dei servizi, dell'oggetto della fornitura, del committente, dell impresa fornitrice beneficiaria che richiede il finanziamento e dell'ammontare della fornitura. Linea B): 1. costo di acquisizione o trasferimento di azienda o di ramo di azienda; 2. costo di affitto di azienda o di ramo di azienda (canoni di locazione), esclusivamente se in conto acquisto e se finalizzato alla successiva acquisizione (entro 24 mesi dalla data di concessione del finanziamento); 3. eventuali costi per nuovi investimenti o per il fabbisogno di circolante, nel rispetto delle voci e delle regole previste per la Linea A). Sulle voci 1 e 2 si applicano i seguenti vincoli: a) non sono ammissibili acquisizioni avvenute prima della presentazione della domanda di finanziamento (a tal proposito fa fede l atto notarile di acquisto); b) sono invece ammissibili offerte vincolanti di acquisto fino a 6 mesi antecedenti la presentazione della domanda di finanziamento; c) i costi derivanti dall acquisto di azienda o di ramo di azienda, sono ammissibili se asseverati da perizia giurata, redatta da professionista abilitato che ne attesti il valore. Il costo della perizia può essere riconosciuto, all interno della voce 1), come ammissibile, nel limite massimo di 3.000; d) i beneficiari non devono avere alcuna relazione di partecipazione patrimoniale con l impresa che si intende acquisire o che cede il ramo d azienda. Verranno puntualmente valutati, ai fini dell ammissibilità, i casi eventuali di imprese beneficiarie i cui soci o amministratori siano o siano stati soci o amministratori dell impresa che si intende acquisire. Sulla voce 3 si applicano i vincoli previsti per la Linea A) Su entrambe le linee sono invece considerati inammissibili: le spese di consulenza di qualsiasi genere (ad eccezione del costo per le perizie), i beni acquisiti in leasing, i beni pagati per compensazione, in economia e in contanti Forma ed entità del finanziamento L intervento pubblico consiste in un finanziamento a copertura del 100% dei costi ritenuti ammissibili. Il finanziamento ha le seguenti caratteristiche: a) è composto una quota di fondi BEI e da una quota di fondi bancari. La ripartizione viene determinata sulla base della presenza o meno degli ambiti di premialità secondo lo schema seguente: 8

12 Ambito di premialità presente 1 occupazionale 2 patrimoniale 3 energetico % fondi BEI % fondi Banca 50% 50% presente 70% 30% presente 70% 30% presente 60% 40% presente presente 70% 30% presente presente 85% 15% presente presente 85% 15% presente presente presente 85% 15% b) i fondi BEI sono erogati ad un tasso di interesse fisso annuo che riflette il costo provvista riconosciuto da BEI a Finpiemonte nell ambito del relativo contratto di prestito indicato al paragrafo 1 8. I fondi bancari sono erogati alle condizioni previste da apposita convenzione stipulata con le banche interessate; c) ha durata massima di 6 anni e ammortamento a rate trimestrali; d) la quota massima finanziabile con fondi BEI è pari a ; e) con riferimento agli interventi a valere sulla Linea B), per le spese riconducibili all acquisto/affitto di azienda o di ramo di azienda (voci di costo 1 e 2), l intervento dei fondi BEI è limitato a Tale limite non si applica agli eventuali ulteriori costi presenti nel progetto ascrivibili alla voce PROCEDURE 4.1 Come presentare la domanda Le domande devono essere inviate via Internet, dalle ore 9.00 del 24 settembre 2013 e fino alle ore del 8 novembre 2013, compilando il modulo telematico presente sul sito Il file di testo della domanda, messo a disposizione dal sistema a conclusione della compilazione, deve essere stampato, firmato e spedito (applicando una marca da bollo da 16 ogni 4 pagine) entro 5 giorni lavorativi dall invio telematico tramite raccomandata A/R o corriere espresso a: Finpiemonte S.p.A. 8 Con riferimento alle quotazioni di giugno 2013, tale tasso è stimabile intorno al 2%. 9 In caso di mancato completo utilizzo della dotazione finale della Misura, è demandata alla Direzione regionale alle Attività Produttive la facoltà di prevedere un massimale di intervento più elevato. 9

13 Galleria San Federico, Torino Non sono giudicate ricevibili e di conseguenza verranno respinte senza possibilità di recupero: le domande non accompagnate da tutti gli allegati obbligatori indicati al punto le domande per le quali l impresa non abbia spedito la copia cartacea tramite raccomandata A/R o corriere espresso entro 5 giorni dall invio telematico le domande cartacee precedentemente non inviate per via telematica le domande per le quali la copia cartacea non sia stata firmata in originale (4 firme) dal legale rappresentante dell impresa 4.2 Come viene valutata la domanda e comunicato l esito Il procedimento di istruttoria è di tipo valutativo a sportello. Finpiemonte esamina le domande in ordine cronologico di presentazione, valutando: la ricevibilità invio nei termini previsti dal Bando completezza della documentazione inviata l ammissibilità possesso da parte dell impresa dei requisiti soggettivi richiesti dal Bando (in particolare quelli previsti al punto 3.1 del Bando) il merito idoneità/qualità del soggetto proponente per la realizzazione del progetto/investimento congruità e pertinenza dei costi indicati per la realizzazione del progetto/investimento Per l esame di merito, Finpiemonte si avvale di un Comitato Tecnico di Valutazione 10, che fornisce un parere vincolante. Al termine dell istruttoria Finpiemonte comunica al richiedente l esito in forma scritta e, in caso di respingimento della domanda, l impresa beneficiaria ha 10 giorni di tempo per presentare le proprie controdeduzioni. 4.3 Come viene erogata l agevolazione A seguito della positiva conclusione dell istruttoria e del ricevimento, da parte di Finpiemonte, delle attestazioni/certificazioni elencate al paragrafo del Bando, Finpiemonte concede formalmente il finanziamento all impresa beneficiaria e autorizza la banca co finanziatrice ad erogare in un unica soluzione il finanziamento stesso. 4.4 Come rendicontare le spese e concludere il progetto 10 Composto da rappresentanti di Finpiemonte e da rappresentanti delle competenti Direzioni Regionali 10

14 Il progetto finanziato deve essere concluso entro 24 mesi dalla data di concessione dell agevolazione, salvo proroghe eccezionali debitamente argomentate, che in ogni caso non possono determinare una durata maggiore a 36 mesi. Entro 30 giorni dalla conclusione del progetto, i beneficiari devono presentare la rendicontazione finale delle spese, inviando i documenti indicati al paragrafo del Bando. Finpiemonte esamina la rendicontazione finale entro 90 giorni dal ricevimento della documentazione, e comunica al beneficiario l esito dell esame in forma scritta. 4.5 Variazioni del progetto e proroghe Le imprese possono posticipare la conclusione del progetto oltre i 24 mesi previsti o apportare variazioni (tecniche, economiche, relative alla titolarità dell intervento ecc.) all intervento finanziato a condizione di aver chiesto e ottenuto la preventiva approvazione di Finpiemonte e comunque a condizione che l intervento rimanga compatibile con le finalità e le disposizioni del Bando. 4.6 Documenti obbligatori Documenti obbligatori da allegare alla domanda 1) per tutte le domande: a) copia del documento d identità in corso di validità del legale rappresentante; b) relazione tecnica del progetto, secondo lo schema pubblicato sul sito di presentazione della domanda c) delibera della banca cofinanziatrice, secondo lo schema pubblicato sul sito finanza agevolata area banche 11

15 2) per le domande Linea A (e per le domande linea B solo se contengono gli investimenti previsti dalla Linea A): copia di preventivi, fatture, ordini firmati per accettazione, contratti di fornitura, perizie, con riferimento alle voci di costo del progetto 3) per le domande Linea B: proposta o offerta di acquisizione di azienda o ramo di azienda e relative perizie 4) per le domande con richiesta di premialità: a) ambito occupazionale: modulo (dichiarazione sostitutiva di atto notorio) relativo all incremento occupazionale, pubblicato sul sito b) ambito patrimoniale: copia della delibera dell assemblea dei soci relativa all aumento di capitale (con eventuale sottoscrizione soci se antecedente fino a 6 mesi la presentazione domanda); dichiarazione sostitutiva di atto notorio inerente l impegno al versamento dell aumento di capitale, pubblicata sul sito c) ambito energetico: relazione tecnica sull efficientamento energetico del progetto, pubblicata sul sito dichiarazione sostitutiva di atto notorio inerente l incremento di efficienza energetica, pubblicata sul sito Documenti obbligatori per ottenere la concessione dell agevolazione 1) modulo antiriciclaggio, pubblicato sul sito finanza agevolata modulistica generale 2) modulistica per il rilascio dell Informativa antimafia, pubblicata sul sito finanza agevolata modulistica generale (solo se il la quota di finanziamento BEI è superiore a ) 12

16 Importante: per velocizzare l iter di concessione dell agevolazione, è auspicabile e opportuno inviare i documenti sopraelencati al momento della presentazione della domanda Documenti da inviare per la rendicontazione finale delle spese La rendicontazione è divisa in due parti, composte dai documenti indicati di seguito: a) una parte tecnica (descrizione delle componenti dell investimento realizzate, dimostrazione delle eventuali priorità conseguite, documentazione illustrativa, ecc.) b) una parte economica (prospetto costi sostenuti, distinta fatture, ecc.). Le linee guida e la modulistica per la rendicontazione dei costi e per la dimostrazione delle priorità saranno pubblicate sul sito finanza agevolata, nella pagina dedicata all agevolazione. 4.7 Scadenze da rispettare Attività Soggetto che ha in carico l attività Scadenza Possibilità di proroga Invio domanda cartacea Impresa richiedente 5 giorni dall invio telematico No No Valutazione della domanda e comunicazione dell esito Finpiemonte 60 giorni dal ricevimento della domanda (il termine si interrompe se Finpiemonte richiede documenti integrativi, per il tempo impiegato dall impresa a inviarli) Invio documenti integrativi alla domanda richiesti da Finpiemonte Impresa richiedente 15 giorni dalla richiesta di Finpiemonte Sì, se adeguatamente motivata Erogazione del finanziamento Banca Termine indicato in convenzione bancaria No Conclusione dell intervento Impresa richiedente 24 mesi dalla data di concessione dell agevolazione Sì, se adeguatamente motivata (ma non oltre 36 mesi) 13

17 Rendicontazione finale delle spese Impresa richiedente 30 giorni dalla conclusione del progetto Sì, se adeguatamente motivate No Valutazione rendicontazione finale delle spese Finpiemonte 90 giorni dal ricevimento della rendicontazione (il termine si interrompe se Finpiemonte richiede documenti integrativi, per il tempo impiegato dall impresa a inviarli) 5. OBBLIGHI DEI BENEFICIARI, CONTROLLI E REVOCHE 5.1 Obblighi dei beneficiari La concessione del finanziamento genera per i beneficiari i seguenti obblighi: a. concludere il progetto e presentare la rendicontazione nei tempi e nei modi previsti dal Bando; b. consentire i controlli previsti al successivo punto 5.2 del Bando; c. fornire le informazioni necessarie per il monitoraggio finanziario, fisico e procedurale periodico e per la sorveglianza delle iniziative finanziate anche ai sensi del Contratto BEI; d. mantenere la localizzazione in Piemonte per almeno 7 anni dalla concessione del finanziamento, salvo eventi specifici indipendenti dalla volontà dell azienda che dovranno essere opportunamente argomentati e valutati; e. mantenere la proprietà dei beni acquistati (fatta salva la facoltà di sostituzione di impianti o attrezzature divenuti obsoleti a causa dell evoluzione tecnologica) e le evidenze che hanno determinato l eventuale priorità, per almeno 5 anni dalla concessione del finanziamento, salvo eventi specifici indipendenti dalla volontà dell azienda che dovranno essere opportunamente argomentati e valutati; f. rispettare le condizioni previste da BEI per l erogazione delle proprie risorse, che saranno notificate all atto della concessione del finanziamento. 5.2 Ispezioni e controlli Finpiemonte effettua controlli, anche presso i beneficiari, allo scopo di verificare: il rispetto degli obblighi, dei vincoli e delle prescrizioni derivanti dalla normativa vigente, dal Bando e dal contratto di prestito con BEI la sussistenza dei requisiti di accesso al finanziamento, la veridicità delle dichiarazioni e informazioni prodotte dal beneficiario, la regolarità delle spese rendicontate. 14

18 Finpiemonte, con l ausilio delle banche cofinanziatrici, effettua dei monitoraggi periodici sull avanzamento fisico, procedurale e finanziario della Misura, nel rispetto di quanto previsto dal contratto di prestito con BEI. 5.3 Cause di revoca delle agevolazioni Finpiemonte può revocare totalmente il finanziamento concesso nei seguenti casi: - se il beneficiario non rispetta gli obblighi indicati al precedente punto 5.1 del Bando; - se il beneficiario destina il finanziamento a scopi diversi rispetto a quanto previsto nel progetto ammesso o a scopi non ammissibili dal Bando e dalla BEI; - nel caso in cui il finanziamento sia stato concesso sulla base di dati, notizie o dichiarazioni inesatte; - se il luogo di realizzazione dell investimento è diverso da quello indicato nel progetto e non rientra tra quelli compresi nel territorio regionale; - se vengono rendicontate spese ammissibili per un importo inferiore a ; - se il progetto non viene concluso nei 24 mesi dalla data di concessione del finanziamento o, inderogabilmente, entro 36 mesi da tale data. Finpiemonte può revocare parzialmente il finanziamento concesso nei seguenti casi: - se vengono rendicontate spese ammissibili per un importo inferiore a quello del finanziamento erogato; - in caso di perdita o di mancata realizzazione e/o mantenimento della o delle priorità che hanno determinato l erogazione di una quota di fondi BEI maggiore del 50% del finanziamento complessivo. In caso di revoca, totale o parziale, il beneficiario dovrà restituire anticipatamente, per il tramite della banca co finanziatrice, la quota di finanziamento BEI percepita indebitamente, maggiorata di un tasso di interesse calcolato dalla data di erogazione del finanziamento a quella del provvedimento di revoca, pari al differenziale tra il tasso applicato alla quota bancaria all atto della concessione e il tasso BEI. 5.4 Rinuncia all agevolazione Nel caso in cui il beneficiario intenda rinunciare all agevolazione, dovrà comunicarlo a Finpiemonte, a mezzo raccomandata A/R o a mezzo posta elettronica certificata all indirizzo: 6. TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), si informano: 15

19 le imprese che presentano domanda in risposta al presente bando; gli amministratori ed i rappresentanti legali delle imprese/degli enti sopra indicati; i soggetti aventi un rapporto di dipendenza o di prestazione nei confronti delle imprese/degli enti sopra indicati che siano coinvolti nella realizzazione dei progetti/investimenti proposti a finanziamento nell ambito del presente Bando che il trattamento dei dati personali forniti dalle imprese per tutti gli adempimenti previsti dal presente Bando ed acquisiti da Finpiemonte S.p.A. (soggetto responsabile del trattamento) mediante le proprie strutture Finanza agevolata, Controlli di primo livello, Ufficio Relazioni con il Pubblico, sarà effettuato esclusivamente per le seguenti finalità: istruttoria, mediante verifica dei requisiti di ricevibilità e di ammissibilità e mediante valutazione di merito, ai fini della concessione del finanziamento; verifica della sussistenza, pertinenza e congruità delle spese rendicontate ai fini dell erogazione dei finanziamenti concessi, controllo della veridicità delle dichiarazioni sostitutive dell atto di notorietà e delle autocertificazioni rese nell ambito del procedimento; monitoraggio e valutazione delle operazioni ammesse a finanziamento; comunicazione e diffusione, obbligatorie per legge ai fini di trasparenza e di informativa al pubblico dei seguenti dati: estremi identificativi del soggetto beneficiario del finanziamento, sua localizzazione, denominazione dell investimento/progetto finanziato, ammontare del finanziamento concesso ed erogato. L eventuale trattamento di dati giudiziari sarà effettuato per adempiere agli obblighi previsti dal Decreto del Presidente della Repubblica 03/06/1998 n. 252 (Regolamento recante norme per la semplificazione dei procedimenti di rilascio delle comunicazioni e delle informazioni antimafia). Il conferimento ed il trattamento dei dati personali risulta pertanto necessario ai fini dell ammissione a finanziamento delle domande presentate in risposta al presente Bando, ai fini dell erogazione dei predetti finanziamenti; il trattamento dei dati verrà effettuato secondo criteri di pertinenza,non eccedenza ed indispensabilità. Tale trattamento avverrà con l utilizzo di procedure anche informatizzate a cura del personale dipendente di Finpiemonte, nei modi e nei limiti necessari per perseguire le predette finalità, anche in caso di comunicazioni a terzi. I soggetti che presentano domanda in risposta al presente bando, i cui dati personali sono oggetto di trattamento, sono titolari dei diritti di cui all art. 7 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196 ed, in particolare, del diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne (se ritenuti incompleti,erronei o raccolti in violazione di norme di legge) la rettifica, l aggiornamento o la cancellazione nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi e prevalenti o comunque compatibili rispetto alle esigenze di trattamento più sopra specificate; la richiesta di rettifica, aggiornamento, cancellazione o l opposizione al trattamento dei dati deve essere inviata a : Finpiemonte S.p.A. Galleria S. Federico 54, Torino c.a.: Direttore generale fax: mail: Il legale rappresentante dell impresa che presenta domanda di finanziamento in risposta al presente Bando è tenuto a comunicare la presente informativa: 16

20 agli amministratori dell impresa predetta; ai soggetti aventi rapporto di dipendenza o di prestazione con tale impresa che siano coinvolti nella realizzazione delle operazioni proposte a finanziamento nell ambito del presente Bando. 7. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Ai sensi della L.R. n. 7/2005 e della L. n. 241/1990 il responsabile del procedimento è: per la Regione Piemonte il responsabile pro tempore della Direzione Attività Produttive per Finpiemonte il responsabile pro tempore del Settore Finanza Agevolata (procedimento di concessione) e del Settore Controlli di primo livello (procedimento di controllo e procedimento di revoca) 8. INFORMAZIONI E CONTATTI Informazioni e chiarimenti sui contenuti del bando e le modalità di presentazione delle domande potranno essere richiesti a Finpiemonte tramite il form di richiesta presente all indirizzo web chiamando il numero 011/ dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 12:00. 17

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche REGIONE ABRUZZO DIREZIONE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Servizio Investimenti Pubblici Politiche Turistiche POR FESR ABRUZZO 2007 2013 BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

IL DIRIGENTE. Premesso che:

IL DIRIGENTE. Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014 Codice DB1614 D.D. 26 novembre 2014, n. 814 D.G.R. n. 20-587 del 18/11/2014. Programmazione 2014-15. Misura 5: sostegno ai Comuni per la realizzazione di "Programmi di

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT, E MECCANICA AVANZATA

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT, E MECCANICA AVANZATA PAR FAS 2007-2013 Azione 1.2.1 (ex linea 1.1 P.I.R. 1.1.B) PROMOZIONE DELLA RICERCA INDUSTRIALE, DEL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO, DELLO SVILUPPO PRECOMPETITIVO; VALORIZZAZIONE DELLA RICERCA E INNOVAZIONE

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 20 febbraio 2015. Regolamento recante disposizioni operative del Fondo di garanzia per le agevolazioni

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni Decreto ministeriale 20 ottobre 1995, n. 527 - Regolamento recante le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle attività produttive nelle aree depresse

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli