PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili"

Transcript

1 PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007

2 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione: A.C.A.T. dell Alto, Medio e Basso Polesine Associazione Solidarietà Delta di Porto Tolle Azienda Ulss n.18 di Rovigo Azienda Ulss n.19 di Adria Centro Solidarietà Antidroghe di Castelmassa Comando Provinciale dei Carabinieri di Rovigo Comunità Incontro Regione Veneto Servizio Prevenzione delle Devianze Ufficio territoriale del Governo di Rovigo Il rapporto contiene: Tossicodipendenza: - L UTENZA DEI SER.T. DELL AZIENDA U.L.S.S. N. 18 pag. 1 - L UTENZA DEI SER.T. DELL AZIENDA U.L.S.S. N. 19 pag. 5 Uso problematico dell alcol: - L UTENZA DEI SER.T. DELL AZIENDA U.L.S.S. N. 18 pag. 8 - L UTENZA DEI SER.T. DELL AZIENDA U.L.S.S. N. 19 pag. 10 Associazioni di assistenza a persone con problemi di tossicodipendenza pag. 12 Associazioni dei Club degli alcolisti anonimi pag. 14 Dati Prefettura e Arma dei Carabinieri pag. 16 Dati Regione Veneto pag. 18 Le Nuove Utenze dei Ser.T. pag. 20 Elaborazione dati e grafica: Ufficio Statistica della Provincia di Rovigo Via L.Ricchieri (detto Celio),10 Rovigo Tel /261; fax Posta elettronica:

3 TOSSICODIPENDENZA L UTENZA DEI SER.T DELL AZIENDA U.L.S.S. N. 18 Tab. 1 - Utenti in carico presso i Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 18, per sesso e tassi per abitanti (valori assoluti e percentuali - anni ) ANNO 2003 Rovigo , , tassi x ,6 0,9 2,7 Lendinara ,7 10 7, tassi x ,1 0,2 1,6 Totale Ulss , , tassi x ,9 0,6 2,2 ANNO 2004 Rovigo , , tassi x ,6 1,0 2,7 Lendinara ,8 12 9, tassi x ,9 0,3 1,6 Totale Ulss , , tassi x ,8 0,6 2,2 ANNO 2005 Rovigo , , tassi x ,5 1,0 2,7 Lendinara , , tassi x ,9 0,4 1,6 Totale Ulss , , tassi x ,7 0,7 2,2 ANNO 2006 Rovigo , , tassi x ,2 0,8 2,4 Lendinara , , tassi x ,0 0,3 1,7 Totale Ulss , , tassi x ,6 0,6 2,1 ANNO 2007 Rovigo , , tassi x ,8 1,1 2,9 Lendinara , , tassi x ,2 0,5 1,8 Totale Ulss , , tassi x ,0 0,8 2,4 Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 18 I dati rilevati per l anno 2007 presso l Azienda U.L.S.S. n.18 evidenziano che vi è stato un aumento complessivo delle utenze rispetto al 2006 (+13,3%). L incremento si è verificato in entrambi i Ser.T. e ha interessato sia la componente maschile che quella femminile. Anche l incidenza sulla popolazione (tassi per abitanti) ha registrato un aumento sia 1

4 per quanto riguarda il Medio che l Alto Polesine, portandosi a livelli leggermente superiori di quelli calcolati a partire dal Graf. 1 - Serie storica degli utenti in carico presso i Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 18 per sesso e totale (valori assoluti - anni ) Maschi Femmine Totale Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 18 Per quanto riguarda l età degli utenti tossicodipendenti dei Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n.18, la classe con frequenza percentuale più elevata è quella anni in entrambi i sessi. Da sottolineare che, nel caso delle femmine, la percentuale di persone con età inferiore o uguale a 19 anni ha una frequenza relativa più alta rispetto alla stessa classe di sesso maschile. Graf. 2 - Utenti in carico presso i Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 18, per sesso e fascia d età (valori percentuali - anno 2007) Maschi tot.= 330 Femmine tot.= 71 >= 40 26,7% <= 19 5,5% >= 40 28,2% <= 19 11,3% ,8% ,4% ,1% ,2% Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 18 2

5 Tab. 2 - Utenti in carico presso i Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 18, per sostanza di abuso primaria (valori assoluti e percentuali - anni ) ANNO 2003 Eroina Cocaina Cannabinoidi Ecstasy Altro Totale Rovigo % sul totale 89,5 5,5 3,0 0,8 1,3 100 Lendinara % sul totale 70,1 5,1 21,9 0,0 2,9 100 Totale Ulss % sul totale 82,4 5,3 9,9 0,5 1,9 100 ANNO 2004 Eroina Cocaina Cannabinoidi Ecstasy Altro Totale Rovigo % sul totale 79,2 7,9 9,2 2,5 1,3 100 Lendinara % sul totale 65,4 8,5 22,3 1,5 2,3 100 Totale Ulss % sul totale 74,3 8,1 13,8 2,2 1,6 100 ANNO 2005 Eroina Cocaina Cannabinoidi Ecstasy Altro Totale Rovigo % sul totale 84,3 5,5 8,9 0,4 0,8 100 Lendinara % sul totale 68,9 8,1 21,5 1,5 0,0 100 Totale Ulss % sul totale 78,7 6,5 13,5 0,8 0,5 100 ANNO 2006 Eroina Cocaina Cannabinoidi Ecstasy Altro Totale Rovigo % sul totale 64,7 9,3 10,2 1,4 14,4 100 Lendinara % sul totale 64,0 13,7 22,3 0,0 0,0 100 Totale Ulss % sul totale 64,4 11,0 15,0 0,8 8,8 100,0 ANNO 2007 Eroina Cocaina Cannabinoidi Ecstasy Altro Totale Rovigo % sul totale 63,0 11,4 12,6 1,6 11,4 100 Lendinara % sul totale 53,5 16,1 30,3 0,0 0,0 100 Totale Ulss % sul totale 59,4 13,2 19,5 1,0 7,0 100 Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 18 Tra le droghe, l eroina, che ha registrato un aumento di 10 unità rispetto all anno precedente, risulta ancora la sostanza di abuso primario più utilizzata (59,4%). Anche i dati sulle altre sostanze hanno evidenziato un aumento rispetto all anno precedente, ad esclusione di quelle non specificate (Altro= -10% rispetto al 2006). Se si osserva la distribuzione percentuale suddivisa per sesso delle sostanze di abuso primario è evidente la preponderanza dell eroina nei maschi e, soprattutto, nelle femmine (quasi il 70%). 3

6 Graf. 3 - Utenti in carico presso i Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 18, per sesso e sostanza di abuso primaria (valori percentuali - anno 2007) Ecstasy 1,2% Cannabinoidi 21,2% Altro 7,3% Maschi tot.= 330 Ecstasy 0,0% Cannabinoidi 11,3% Altro 5,6% Femmine tot.= 71 Eroina 57,3% Cocaina 14,1% Cocaina 13,0% Eroina 69,0% Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 18 4

7 L UTENZA DEL SER.T DELL AZIENDA U.L.S.S. N. 19 Tab. 3 - Utenti in carico presso il Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 19, per sesso e tassi per abitanti (valori assoluti e percentuali - anni ) ANNO 2003 Totale Ulss , , Tassi x ,8 0,6 2,7 ANNO 2004 Totale Ulss , , Tassi x ,7 0,7 3,2 ANNO 2005 Totale Ulss , , Tassi x ,6 0,7 2,6 ANNO 2006 Totale Ulss , , Tassi x ,0 0,6 2,2 ANNO 2007 Totale Ulss , , Tassi x ,3 0,5 2,4 Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 19 Anche per quanto riguarda gli utenti del Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n.19 si è registrato, nel 2007, un aumento rispetto agli anni precedenti che risultavano in diminuzione dal Come per l utenza dei Ser.T. dell U.L.S.S. 18, anche in questo caso, è evidente il peso della componente maschile sul totale degli assistiti, proporzione che è rimasta sostanzialmente invariata per tutto il periodo in esame (circa l 88% per i maschi e il 12% per le femmine). Graf. 4 - Serie storica degli utenti in carico presso il Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 19 (valori assoluti - anni dal ) Maschi Femmine Totale Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 19 5

8 Osservando la composizione per fascia d età degli utenti divisi per sesso si nota come, nel caso dei maschi, quasi il 50% abbia meno di 30 anni (classi 19 e 20-29) mentre nelle femmine la percentuale più elevata (40%) risulta essere quella delle ultra quarantenni. Graf. 5 - Utenti in carico presso il Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 19, per sesso e fascia d età (valori percentuali - anno 2007) Maschi tot.= 159 Femmine tot.= 20 >= 40 24,5% <= 19 6,9% <= 19 10,0% >= 40 40,0% ,1% ,0% ,4% ,0% Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 19 Nel 2007 le sostanze di abuso primario hanno registrato una variazione nella distribuzione percentuale per tipologia. Infatti, rispetto all anno precedente, è aumentato il peso della cocaina (da 7,7% a 12,3%). Inoltre è da notare la preponderanza dell eroina e dei cannabinoidi che sommati raggiungono il 70% nelle femmine e l 86% nei maschi. Graf. 6 - Utenti in carico presso il Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 19, per sesso e sostanza di abuso primaria (valori percentuali - anno 2007) Maschi tot.= 159 Femmine tot.= 20 Ecstasy 1,3% Altro 0,0% Altro 20,0% Eroina 30,0% Cannabinoidi 38,4% Eroina 47,8% Ecstasy 5,0% Cocaina 10,0% Cocaina 12,6% Cannabinoidi 35,0% Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 19 6

9 Tab. 4 - Utenti in carico presso il Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 19, per sostanza di abuso primaria (valori assoluti e percentuali - anni ) ANNO 2003 Eroina Cocaina Cannabinoidi Ecstasy Altro Totale Totale Ulss % sul totale 53,3 14,6 27,6 2,0 2,5 100 ANNO 2004 Eroina Cocaina Cannabinoidi Ecstasy Altro Totale Totale Ulss % sul totale 44,5 12,2 40,8 0,4 2,1 100 ANNO 2005 Eroina Cocaina Cannabinoidi Ecstasy Altro Totale Totale Ulss % sul totale 48,4 5,2 42,2 3,1 1,0 100 ANNO 2006 Eroina Cocaina Cannabinoidi Ecstasy Altro Totale Totale Ulss % sul totale 47,6 7,7 35,7 1,2 7,7 100 ANNO 2007 Eroina Cocaina Cannabinoidi Ecstasy Altro Totale Totale Ulss % sul totale 45,8 12,3 38,0 1,7 2,2 100 Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 19 7

10 USO PROBLEMATICO DELL ALCOL L UTENZA DEI SER.T DELL AZIENDA U.L.S.S. N. 18 Tab. 5 - Utenti in carico presso i Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 18, per sesso e tassi per abitanti (valori assoluti e percentuali - anni ) ANNO 2003 Rovigo , , tassi x ,1 1,7 5,2 Lendinara , , tassi x ,8 0,9 3,2 Totale Ulss , , tassi x ,5 1,3 4,3 ANNO 2004 Rovigo , , tassi x ,9 1,7 6,1 Lendinara , , tassi x ,7 1,1 4,8 Totale Ulss , , tassi x ,8 1,4 5,5 ANNO 2005 Rovigo , , tassi x ,6 2,0 7,1 Lendinara , , tassi x ,0 1,2 5,9 Totale Ulss , , tassi x ,8 1,6 6,5 ANNO 2006 Rovigo , , tassi x ,5 1,7 5,9 Lendinara , , tassi x ,3 1,2 6,1 Totale Ulss , , tassi x ,9 1,5 6,0 ANNO 2007 Rovigo , , tassi x ,7 1,8 6,6 Lendinara ,3 46 9, tassi x ,4 1,1 5,6 Totale Ulss , , tassi x ,1 1,4 6,1 Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 18 Per quanto riguarda l uso problematico dell alcol, nel 2007 il numero di utenze complessivo è rimasto invariato (1.037 unità). Se si osserva l andamento diviso per sesso di nota che, a fronte di un continuo calo delle utenze femminili vi è stato un lieve aumento di quelle maschili, che comunque si mantengono sotto il valore massimo registrato nel 8

11 2005. Rispetto al 2006 la distribuzione percentuale tra maschi e femmine resta pressoché invariata, rispettivamente 88% e 12%. Graf. 7 - Serie storica degli utenti in carico presso il Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 18 (valori assoluti - anni ) Maschi Femmine Totale Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 18 Nella distribuzione percentuale delle utenze per classe d età nei due sessi, si osserva che nei maschi la classe più rappresentata è quella dei anni (48%). Nel caso delle femmine la quota più elevata di utenze è rappresentata dalla classe anni (47%). Graf. 8 - Utenti in carico presso i Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 18, per sesso e fascia d età (valori percentuali - anno 2007) Maschi tot.= 910 Femmine tot.= 127 >= 60 11,2% <= 19 0,3% >= 60 17,3% <= 19 1,6% ,7% ,6% ,8% ,5% Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 18 9

12 L UTENZA DEL SER.T DELL AZIENDA U.L.S.S. N. 19 Tab. 6 - Utenti in carico presso il Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 19, per sesso e tassi per abitanti (valori assoluti e percentuali - anni ) ANNO 2003 Totale Ulss , , Tassi x ,6 1,1 3,8 ANNO 2004 Totale Ulss , , Tassi x ,1 1,2 4,6 ANNO 2005 Totale Ulss , , Tassi x ,4 1,3 5,3 ANNO 2006 Totale Ulss , , Tassi x ,1 1,4 5,7 ANNO 2007 Totale Ulss , , Tassi x ,1 1,4 5,7 Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S. 19 Gli utenti in carico presso il Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 19 per uso problematico dell alcol, anche nell ultimo anno hanno registrato un lieve aumento. Sono infatti passati da 423 unità nel 2006 a 425 nel La quota percentuale di maschi (87%) e di femmine (13%) è rimasta pressoché invariata. Graf. 9 - Serie storica degli utenti in carico presso il Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 19 (valori assoluti - anni ) Maschi Femmine Totale Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S

13 Osservando la distribuzione percentuale per classi d età nei due sessi si nota che, in entrambi i casi, la classe più numerosa è la anni. Da sottolineare il fatto che la classe dei più giovani (età minore o uguale a 19 anni) è rappresenta solo nelle utenze maschili. Graf Utenti in carico presso il Ser.T. dell Azienda U.L.S.S. n. 19, per sesso e fascia d età (valori percentuali - anno 2007) Maschi tot.= 371 Femmine tot.= 54 >= 60 12,4% <= 19 1,1% >= 60 13,0% <= 19 0,0% ,7% ,3% ,8% ,7% Fonte: elaborazione U.S. Provincia di Rovigo su dati Azienda U.L.S.S

14 ASSOCIAZIONI POLESANE DI ASSISTENZA A PERSONE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA Comunità Incontro Fondata da Don Gelmini nel 1963, ma nata ufficialmente nel 1979 con Sede Centrale ad Amelia (Terni), è presente nel Polesine con due centri: a Runzi dal 1995 con il centro dedicato a Massimo Nalin e a Grignano Polesine che, dopo un periodo di chiusura, ha riaperto all inizio del Nel corso del 2007 la comunità ha ospitato 8 persone, quasi tutte tra i 20 e i 35 anni. Associazione Solidarietà Delta di Porto Tolle Tab. 7 - Persone ospitate nella Casa di Pronta Accoglienza per sesso (valori assoluti - anni ) Anno Maschi Femmine Totale Tab. 8 - Persone ospitate nella Casa di Pronta Accoglienza per classe di età (valori assoluti - anni ) Anno\Fascia di età Totale Comitato Solidarietà Antidroghe Castelmassa Tab. 9 - Presenze nella casa, per sesso (valori assoluti - anni ) Anno Maschi Femmine Totale

15 Tab Presenze nella casa, per classi di età (valori assoluti - anni ) Anno\Fascia di età Totale NOTA BENE: l associazione è chiusa da Aprile

16 ASSOCIAZIONI DEI CLUB DEGLI ALCOLISTI IN TRATTAMENTO A.C.A.T. Alto Polesine Tab Persone aderenti all associazione con problemi alcol-correlati, per sesso (valori assoluti - anni ) Anno Maschi Femmine Totale 2002 n.d. n.d n.d. n.d n.d. n.d Tab Persone aderenti all associazione con problemi alcol-correlati, per classi d età (valori assoluti - anni ) Anno\Fascia di età Totale A.C.A.T. Medio Polesine Fino al 2006, i dati relativi al numero di aderenti all associazione dei Club degli Alcolisti Anonimi nel territorio del Medio Polesine, coincideva con il servizio del Ser.T. di Rovigo in materia di uso problematico dell alcol. Quest anno il dato viene fornito separatamente. Tab Persone aderenti all associazione con problemi alcol-correlati, per classi d età (valori assoluti - anno 2007) Anno\Fascia di età Totale Graf Persone aderenti all associazione con problemi alcol-correlati, per sesso (valori percentuali - anno 2007) Femmine 22,4% Maschi 77,6% 14

17 A.C.A.T. Basso Polesine Tab Persone aderenti all associazione con problemi alcol-correlati, per sesso (valori assoluti - anni ) Anno Maschi Femmine Totale Tab Persone aderenti all associazione con problemi alcol-correlati, per classi d età (valori assoluti - anni ) Anno\Fascia di età Totale

18 PERSONE FERMATE PER POSSESSO DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PATENTI SOSPESE Ufficio Territoriale del Governo di Rovigo (Prefettura) Tab Patenti sospese per motivo della sospensione e per sesso e variazione percentuale totale (anni ) Motivo della sospensione maschi femmine Totale maschi femmine totale variazione % 06/07 Droga ,8 Alcol ,9 Entrambe le violazioni ,7 Totale patenti sospese ,9 Tab. 16 ANNO 2007 Presunte violazioni amministrative per possesso di sostanze stupefacenti, divise per sesso e fascia d'età Fascia d'età maschi femmine totale > TOTALE N.B.: Nello specifico, tra le segnalazioni di cui sopra, quelle che di seguito si riportano sono CERTE in quanto sono già state effettuate le analisi e vi è la certezza dell'art.75 Tab ANNO 2007 Violazione amministrativa art.75 per possesso di sostanze stupefacenti in quantità inferiore a quella prevista dalle tabelle allegate al D.P.R.309/90 divise per sesso e fascia d'età Fascia d'età maschi femmine totale > TOTALE

19 Comando Provinciale dei Carabinieri di Rovigo Graf. 12 Persone fermate in provincia per possesso di sostanze stupefacenti per sesso (valori percentuali - anno 2007) Femmine 6% anno 2007 Maschi 94% Tab. 18 Persone fermate in provincia per possesso di sostanze stupefacenti per tipo di sostanza (valori assoluti anni ) Sostanze leggere Sostanze pesanti Graf. 13 Persone fermate in provincia per possesso di sostanze stupefacenti per classe d età (valori percentuali - anno 2007) Totale fermati= 116 fino a 17 anni 9% oltre 30 anni 33% % % 17

20 REGIONE VENETO: Ufficio Dipendenze Direzione per i Servizi Sociali Servizio Prevenzione dalle Devianze Graf. 14 Serie storica delle utenze per TOSSICODIPENDENZA dal 2001 al 2006 in carico alle Aziende U.L.S.S. del Veneto per provincia. (valori assoluti - anni ) Belluno Vicenza Treviso Venezia Padova Rovigo Verona Tab Gli utenti TOSSICODIPENDENTI in carico alle Az.Ulss del Veneto, incremento percentuale del numero di utenti dal 2001 al 2006 e rapporto tra numero di utenti e popolazione di anni residente nell Az.Ulss al 31/12/2004 (prevalenza) (anni ) Aziende Ulss variazione % (2001/2006) Tasso di prevalenza x (15-44 anni)!" #$! % % &'() " ' )( *&' #! % % +, "", & ' % % % % % % -+ $. # % % % % % % /"" " REGIONE VENETO ,73 18

21 Graf. 15 Serie storica delle utenze per ALCOLDIPENDENZA dal 2001 al 2006 in carico alle Aziende U.L.S.S. del Veneto per provincia. (valori percentuali - anno 2006) Belluno Vicenza Treviso Venezia Padova Rovigo Verona Tab Gli utenti ALCOLDIPENDENTI in carico alle Az.Ulss del Veneto, incremento percentuale del numero di utenti dal 2001 al 2006 e rapporto tra numero di utenti e popolazione di anni residente nell Az.Ulss al 31/12/2004 (prevalenza) (anni ) Aziende Ulss variazione % (2001/2006) Tasso di prevalenza x (15-44 anni)!" #$! &'() " ' )( *&' #! +, "", & ' % -+ $. # /"" " REGIONE VENETO ,18 19

22 LE NUOVE UTENZE: dati sui nuovi utenti dei Ser.T. - anno 2007 Ser.T. Ulss 18: nuovi utenti tossicodipendenti per sesso e classi d età Totale utenze= ,6 nuovi utenti 37% 76,4 femmine maschi nuove utenze totale utenze NOTA BENE nuove utenze rispetto al 2006: +43,7% <= >=40 Ser.T. Ulss 18: nuovi utenti con problemi alcol-correlati per sesso e classi d età Totale utenze= ,5 nuovi utenti 27% 89,5 femmine maschi nuove utenze totale utenze NOTA BENE nuove utenze rispetto al 2006: +10,4% <= >=60 20

23 Ser.T. Ulss 19: nuovi utenti tossicodipendenti per sesso e classi d età Totale utenze= 179 9,7 nuovi utenti 35% 90,3 femmine maschi nuovi utenti totale utenze NOTA BENE nuove utenze rispetto al 2006: +34,8% <= >=40 Ser.T. Ulss 19: nuovi utenti con problemi alcol-correlati per sesso e classi d età Totale utenze= ,4 nuovi utenti 26% 86,6 femmine maschi nuovi utenti totale utenze NOTA BENE nuove utenze rispetto al 2006: +4,7% <= >=60 21

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2008 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2010 Luglio 2011 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese

Dettagli

TOSSICODIPENDENZA E USO PROBLEMATICO DELL ALCOL

TOSSICODIPENDENZA E USO PROBLEMATICO DELL ALCOL PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni TOSSICODIPENDENZA E USO PROBLEMATICO DELL ALCOL Aggiornamento dei dati - Anno 2009 Maggio

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia 11. SANITÀ E SOCIALE 11.1. Mortalità e cause di morte L alto indice di vecchiaia che caratterizza la popolazione della provincia di Rovigo si riflette sul tasso di mortalità, i cui valori, nel periodo

Dettagli

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007 U.O. Ser.T. - Servizio Tossicodipendenze U.O.S. Osservatorio Socio- Epidemiologico Dipendenze Sistema Informativo Vico Gramsci n.1-75100 MATERA Tel. 0835 / 253704 253718 Fax 0835 / 253704 e-mail: asl4.sert@rete.basilicata.it

Dettagli

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 -

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 - OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 213-1 - Dipendenza da sostanze illegali: monitoraggio epidemiologico 23-213 pag. 3 Dipendenza

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

Utenti tossicodipendenti per Azienda ULSS. Numeri indice (base=2005). Anni

Utenti tossicodipendenti per Azienda ULSS. Numeri indice (base=2005). Anni tossicodipendenti assistiti per Azienda ULSS, provincia di Vicenza e Veneto. Anni 2005 2009. 2005 2006 ULSS 3 Bassano 383 368 406 457 486 ULSS 4 Thiene 513 537 588 635 629 ULSS 5 Arzignano 382 411 389

Dettagli

AZIENDE REGIONE VENETO Comunicazioni Quota Campagna 2014/2015 Suddivisione per Provincia

AZIENDE REGIONE VENETO Comunicazioni Quota Campagna 2014/2015 Suddivisione per Provincia Comunicazioni Quota Campagna 2014/2015 Nr. Aziende % (Q.li) % MEDIA Belluno 276 8,0 551.784 5,1 76 38,2 24.293 22,2 352 9,6 576.077 5,3 1.637 Treviso 631 18,2 1.607.478 15,0 26 13,1 20.341 18,6 657 17,9

Dettagli

valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute)

valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute) valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute) 2 Giovanni Serpelloni Introduzione L analisi qui presentata

Dettagli

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata L obiettivo della presente analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

Casi di morte sul lavoro per Provincia Veneto n casi % sul totale in Triveneto % sul totale nella Regione Belluno 2,7% Padova 4 7,4% Rovigo 0 Treviso 2,7% Venezia 4,% Verona,0% Vicenza 2,7% Friuli Venezia

Dettagli

Le aziende e le superfici

Le aziende e le superfici Dirigente Regionale Direzione Sistema Statistico Regionale Le aziende agricole e la Superficie Agricola Utilizzata Le aziende agricole La SAU Numero aziende Var.% SAU (ha) Veneto 120.735-32,3 Veneto 806.320

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 1 Tavolo Tecnico Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze Gruppo di lavoro per la stesura del Rapporto Regione Basilicata Rocco Libutti

Dettagli

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Premessa Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Il presente opuscolo riporta i dati emersi dal primo anno di sperimentazione del Progetto

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DEL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE CIVILE E PER LE RISORSE STRUMENTALI E FINANZIARIE DIREZIONE CENTRALE PER LA DOCUMENTAZIONE E LA STATISTICA TOSSICODIPENDENTI

Dettagli

POPOLAZIONE RESIDENTE NELLA REGIONE VENETO** Aggiornato al 01/01/2007

POPOLAZIONE RESIDENTE NELLA REGIONE VENETO** Aggiornato al 01/01/2007 POPOLAZIONE RESIDENTE NELLA REGIONE VENETO** TOT. MASCHI 2.338.057 TOT. FEMMINE 2.435.497 TOT. POPOLAZIONE 4.773.554 TOT. MASCHI E PARZIALI 2.943 (35%)* TOT. FEMMINE CIECHE ASSOLUTE E PARZIALI 5.409 (65%)*

Dettagli

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Introduzione In questo capitolo viene presentata la mortalità per malattie epatiche. Si è scelto di aggregare patologie classificate in diverse parti della

Dettagli

4. VALUTAZIONI ECONOMICHE E ANALISI DEL SISTEMA TARIFFARIO

4. VALUTAZIONI ECONOMICHE E ANALISI DEL SISTEMA TARIFFARIO 4. VALUTAZIONI ECONOMICHE E ANALISI DEL SISTEMA TARIFFARIO 4.1. Costi totali In Veneto il costo 2 medio pro capite per il servizio di gestione dei rifiuti urbani nel 21 è pari a 127,91. Rispetto ai 124,71

Dettagli

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure Allegati Tabella dei dati relativi alle Figure Indice delle Tabelle PARTE PRIMA: DIMENSIONE DEL FENOMENO I.1. CONSUMO DI DROGA Tabella I.1.1:Consumo di eroina nella popolazione generale 15-64 anni. Anni

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

Totale

Totale FONTE INPS REGIONE: Veneto Ordinaria Straordinaria ANNO 2009 MESE Gennaio 432.928 31.995 464.923 Febbraio 841.733 53.450 895.183 Marzo 1.198.729 155.248 1.353.977 Aprile 2.213.711 308.222 2.521.933 Maggio

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato. Tab.5.15: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato per classi di età

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato. Tab.5.15: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato per classi di età Tab.5.14: Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T di Prato Nuovi utenti 72 48 44 51 106 133 Proporzione di maschi (nuovi utenti) 93% 92% 86% 78% 84%

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Contesto demografico Ambito distrettuale

Dettagli

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015

Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/07/2015 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 01: aggiornamento al 31/0/01 a cura dell Osservatorio Sicurezza sul Lavoro di Vega

Dettagli

L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE. Dati per Ambito Territoriali

L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE. Dati per Ambito Territoriali 2 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE Dati per Ambito Territoriali Anno 2014 N. 05/2015 1 Indice Premessa 4 PARTE 1 - ANALISI DELL UTENZA COMPLESSIVA 1 L

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DIPENDENZE Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Due donne INDICE Interventi di accesso, consulenza e presa in

Dettagli

Rapporto sullo stato delle dipendenze patologiche. Il quadro epidemiologico

Rapporto sullo stato delle dipendenze patologiche. Il quadro epidemiologico Azienda USL di Ferrara Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Rapporto sullo stato delle dipendenze patologiche. Il quadro epidemiologico Gabriella Antolini Biostatistica Ferrara, 13 Marzo

Dettagli

La fotografia dell occupazione

La fotografia dell occupazione La fotografia dell occupazione La dimensione aziendale Come osservato precedentemente in Veneto il 97,3% delle imprese ha un numero di addetti inferiore a 19 e raccoglie il 60,5% del totale degli occupati

Dettagli

Settore Programmazione Controllo e Statistica Popolazione anziana a Padova Anno 2014

Settore Programmazione Controllo e Statistica Popolazione anziana a Padova Anno 2014 Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Popolazione anziana a Padova Anno 2014 Comune di Padova - Settore Programmazione Controllo e Statistica - Via Tommaseo, 60 - Segreteria Tel.

Dettagli

L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le

L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le Tossicodipendenze nel corso dell anno 2009. Si è dunque

Dettagli

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI PARTE 9 RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9.1 Reinserimento sociale 9.1.1 Casa 9.1.2 Istruzione e formazione 9.1.3 Occupazione 9.1.4 Assistenza sociale di base 9.2 Modalità di esecuzione

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

Alcuni dati sull attività svolta dal. Dipartimento delle Dipendenze. nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino. Anno 2013

Alcuni dati sull attività svolta dal. Dipartimento delle Dipendenze. nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino. Anno 2013 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Alcuni dati sull attività svolta dal Dipartimento delle Dipendenze nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino Anno 2013 Anno 2014 Alcuni dati sull attività svolta dal Dipartimento

Dettagli

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara 13 marzo 2007 Cristina Sorio Responsabile Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Azienda USL di Ferrara LIVELLO

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Belluno 6.571 7.214 8.022 8.772 9.230 9.409 9.989 12.028 12.080. Rovigo 2.412 2.792 4.270 4.807 5.002 5.473 5.940 8.051 9.384

Belluno 6.571 7.214 8.022 8.772 9.230 9.409 9.989 12.028 12.080. Rovigo 2.412 2.792 4.270 4.807 5.002 5.473 5.940 8.051 9.384 Dossier Statistico ti ti Immigrazione 2009 Focus: i lavoratori stranieri in Veneto 28 ottobre 2009 Assicurati nati all'estero 2008 per provincia INAIL serie storica occupati netti PROVINCIA 2000 2001 2002

Dettagli

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia 1 luglio 2015 #lavoro Rassegna Stampa Messaggero Veneto2lug2015 Il Piccolo 2lug2015 TG3 RAI FVG 1lug2015 I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia Anche in Friuli Venezia Giulia il mercato del lavoro

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

I bolognesi e il mutuo sulla prima casa

I bolognesi e il mutuo sulla prima casa I bolognesi e il mutuo sulla prima casa Il profilo dei cittadini che hanno dichiarato oneri deducibili per un mutuo contratto per l acquisto dell abitazione principale nell anno d imposta 2011 Settembre

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERT DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. Anno 2014

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERT DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. Anno 2014 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERT DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Anno 2014 N. 04/2015 2 Indice Premessa 1 L utenza afferita ai SerT della provincia di Bergamo: Analisi per sostanza primaria o

Dettagli

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna 2008 Regione Autonoma della Sardegna Realizzazione a cura dell Assessorato dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale via Roma

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Fisiologia Clinica Sezione di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari

Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Fisiologia Clinica Sezione di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Fisiologia Clinica Sezione di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari PROGETTO REGIONALE: STIMA DI PREVALENZA ED INCIDENZA DELL USO ED ABUSO DI ALCOL

Dettagli

DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I

DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I DISAGIO SOCIALE E POVERTA' NELLA CITTA' DI BOLOGNA I soggetti contatti dai servizi di prima necessità del comune di Bologna dal 2000 al 2004: Caratteristiche, contatti e percorsi attraverso i servizi A

Dettagli

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna

Le donne e il mondo del lavoro. Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a Bologna Le donne e il mondo del lavoro Dati sulle forze di lavoro disaggregati per genere e sull imprenditoria femminile a 15 marzo 2013 Le forze di lavoro La popolazione attiva In provincia di su 100 individui

Dettagli

Le scuole paritarie in Veneto

Le scuole paritarie in Veneto Le scuole paritarie in Veneto anno scolastico 2009/10 www.istruzioneveneto.it Alunni frequentanti le scuole paritarie del Veneto, a.s. 2009/10 Alunni frequentanti Differenza con l'a.s. 2008/09 Provincia

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio

Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio D EP Lazio Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale - Regione Lazio Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio SISTEMA SANITARIO REGIONALE ASL ROMA E Relazione

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Valeria Crespi. Laboratorio di Tossicologia, Medicina del Lavoro, Ospedale di Circolo, Varese

Valeria Crespi. Laboratorio di Tossicologia, Medicina del Lavoro, Ospedale di Circolo, Varese Provvedimento 18/09/2008 - accertamenti per assenza di tossicodipendenza in ambito di lavoro: quali evidenze e quali prospettive a due anni dall entrata in vigore del disposto legislativo? Valeria Crespi

Dettagli

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8.1 Reati droga-correlati produzione, traffico e vendita di sostanze illegali e di associazione finalizzata alla produzione e al traffico (art. 73 e art. 74) 8.2 Reati

Dettagli

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto Luglio 2011 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Analisi dell'incidenza dei tumori nell' di Treviso: periodo 2003-2005. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S,

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE. Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE. Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive I consumi di sostanze psicoattive e altri comportamenti a rischio di dipendenza: alcune informazioni inerenti l Ambito Territoriale

Dettagli

Valeria Crespi. Laboratorio di Tossicologia, Medicina del Lavoro, Ospedale di Circolo, Varese

Valeria Crespi. Laboratorio di Tossicologia, Medicina del Lavoro, Ospedale di Circolo, Varese Provvedimento 18/09/2008 - accertamenti per assenza di tossicodipendenza d in ambito di lavoro: quali evidenze e quali prospettive a due anni dall entrata in vigore del disposto legislativo? Valeria Crespi

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA

LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA LA VALUTAZIONE NEL LUNGO PERIODO DELL'ANDAMENTO DEI CONSUMI DI SOSTANZE STUPEFACENTI IN ITALIA una riflessione complessiva dell'impatto degli interventi In Italia sono le singole Regioni e provincie autonome

Dettagli

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE Anno 2014 Parma, giugno 2015 A cura di OSSERVATORIO ECONOMICO UFFICIO STUDI Introduzione La prima edizione dell indagine sull occupazione condotta dell Unione Parmense degli

Dettagli

VENETO. Spesa del pubblico per Territorio 220.000.000 44.497.191 9.000.000. 0 km 20 40 60 80 100

VENETO. Spesa del pubblico per Territorio 220.000.000 44.497.191 9.000.000. 0 km 20 40 60 80 100 Spesa del pubblico per Territorio 220.000.000 VENETO 44.497.191 9.000.000 539 0 km 20 40 60 80 100 10 a 99 Belluno Provincia di Belluno - Attività cinematografica 540 0 km 20 40 60 Belluno Provincia di

Dettagli

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale L REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.69/20 DEL 10.12.2008 PIANI PERSONALIZZATI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale 1. ORIENTAMENTI

Dettagli

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Quadro epidemiologico Caratteristiche tossicodipendenti, alcolisti e giocatori d azzardo patologici Attività dei servizi A cura di Raimondo

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Allegato alle Condizioni generali di contratto di Valore Pensione ed. 07/07 DOCUMENTO SULL EROGAZIONE

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio I luoghi di consumo La discoteca non è l unico luogo in cui si assumono droghe ricreazionali. Le percentuali

Dettagli

Attività fisica. Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni. Confronto Marche Italia Anni 1995-1997.

Attività fisica. Fig 10 Pratica sportiva in soggetti di età >3 anni. Confronto Marche Italia Anni 1995-1997. Attività fisica Il Piano Sanitario Nazionale propone di perseguire l obiettivo di aumentare in media del 10% la prevalenza di individui (giovani ed adulti) che praticano regolarmente (almeno una volta

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2010

RAPPORTO ANNUALE 2010 QUADERNI DELL OSSERVATORIO N 10 RAPPORTO ANNUALE 2010 Lodi, Settembre 2011 Indice Cap. 1 Il consumo di sostanze e di alcol in Italia e in Lombardia Cap. 2 Utenti tossicodipendenti afferenti al Ser.T. dell

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO

CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO CAPITOLO III.3. INTERVENTI DI PREVENZIONE E CONTRASTO III.3.1. Interventi delle Forze dell Ordine III.3.1.1 Detenzione per uso personale di sostanze illecite III.3.1.2 Deferiti alle Autorità Giudiziarie

Dettagli

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE

SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE SERVIZI E INTERVENTI SOCIALI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE Rapporto sui dati delle Zone sociosanitarie/società della salute della Regione Toscana Anni 2007-2009 GENNAIO 2011 INDICE Nota metodologica

Dettagli

ALCOL E GUIDA L ESPERIENZA DELLA C.M.L. DELLA ASL DI FIRENZE

ALCOL E GUIDA L ESPERIENZA DELLA C.M.L. DELLA ASL DI FIRENZE ALCOL E GUIDA L ESPERIENZA DELLA C.M.L. DELLA ASL DI FIRENZE Lucia Malavolti commissione.patenti@asf.toscana.it Villa Fiorita Villa Fiorita Via di S.Salvi 12 Firenze Simulatore di guida Pista RIFERIMENTI

Dettagli

1. Roma e le altre metropoli europee: la popolazione residente

1. Roma e le altre metropoli europee: la popolazione residente 1. e le altre metropoli europee: la popolazione residente Dal confronto tra le principali città europee - classificate secondo una tassonomia che distingue le metropoli globali dalle capitali politico-aministrative

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO REGIONALE SULLE DIPENDENZE (ORED) - 15 Guido Gay Milano, 15 ottobre 15 Struttura della presentazione Opinioni sul gioco d azzardo nei social media

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

La biblioteca civica G. Gambirasio: il patrimonio bibliotecario 1

La biblioteca civica G. Gambirasio: il patrimonio bibliotecario 1 CAPITOLO 9 CULTURA COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 La biblioteca civica G. Gambirasio: il patrimonio bibliotecario 1 Al 31 dicembre 2007 la consistenza del patrimonio bibliotecario

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2014 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.214 Settembre 215 Capo Area Programmazione Controlli e Statistica: Gianluigi Bovini Dirigente U.I. Ufficio Comunale di Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Provincia di Trieste Area Servizi

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO. a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali

RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO. a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali 11 Novembre 2010 Andamento della popolazione residente

Dettagli

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA In vista dell avvio della nuova ASL provinciale di Monza e Brianza, con l auspicio che possa essere

Dettagli

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI S. Rossi, C. Mortali, R. Spoletini, D. Mattioli, P. Zuccaro Dipartimento del Farmaco - ISS Dal rapporto annuale sulla droga dell ONU (2005), risulta

Dettagli

Comitato Alcol e Territorio Saronno

Comitato Alcol e Territorio Saronno Dipartimento delle Dipendenze (Direttore Dr. Vincenzo Marino) U.O. Territoriale Dipendenze Provincia Sud Sede Ser.T. di Saronno Comitato Alcol e Territorio Saronno N 15 INFORMAZIONE E PREVENZIONE ALCOLOGICA

Dettagli

2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 2.1. La raccolta secco-umido La raccolta separata della frazione organica è effettuata nel 92 dei comuni veneti e rappresenta una realtà oramai consolidata in

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria UNA PANORAMICA DEL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN LIGURIA Quali sono le ragioni dell esistenza di un Osservatorio Epidemiologico Regionale delle Tossicodipendenze

Dettagli

BAMBINI E RAGAZZI IN AFFIDAMENTO ETEFOFAMILIARE E PARENTALE SEGUITI DAI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO 2011

BAMBINI E RAGAZZI IN AFFIDAMENTO ETEFOFAMILIARE E PARENTALE SEGUITI DAI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO 2011 Osservatorio per l'infanzia e l'adolescenza Regione Emilia-Romagna BAMBINI E RAGAZZI IN AFFIDAMENTO ETEFOFAMILIARE E PARENTALE SEGUITI DAI SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ANNO

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO DIPARTIMENTO DIPENDENZE Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Maggio 2009 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1:

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1: Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dei Trasporti Centro Ricerche Economiche e Mobilità Università degli Studi di Cagliari PROVINCIA DI ISTANO SETTE PIANIFIZIONE TERRITIALE, PITICHE COMUNITARIE,

Dettagli