V CONFERENZA NAZIONALE DI STATISTICA Innovazione tecnologica e informazione statistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V CONFERENZA NAZIONALE DI STATISTICA Innovazione tecnologica e informazione statistica"

Transcript

1 V CONFERENZA NAZIONALE DI STATISTICA Innovazione tecnologica e informazione statistica Il datawarehouse statistico come fonte per la diffusione dell informazione e il controllo di qualità Enrico Giovannini 1, Alberto Sorce 2 Istituto Nazionale di Statistica ISTAT 1. Introduzione L organizzazione e le attività degli Istituti nazionali di statistica stanno cambiando rapidamente per differenti fattori, quali l adozione dei nuovi regolamenti europei nel campo delle statistiche, la crescita e la diversificazione del fabbisogno informativo da parte degli utilizzatori, la necessità di ridurre il carico statistico sui rispondenti e la continua innovazione nel campo delle tecnologie informatiche. Ciò implica rilevanti modificazioni nell'organizzazione degli Istituti e nelle metodologie adottate. Non esistono soluzioni organizzative e metodologiche immediate atte a soddisfare tutte le necessità. Gli sforzi volti a definire modelli organizzativi generali restano spesso esercizi teorici, di difficile realizzazione pratica. D'altra parte, molti lavori affrontano la problematica esclusivamente dal punto di vista dell'information technology, trascurando aspetti che rendono i sistemi informativi statistici nettamente più complessi di altre tipologie di sistemi (ad esempio, la necessità di compilazione dei metadati, al fine di consentire un adeguata valutazione della qualità delle informazioni statistiche). Questo lavoro concentra la propria attenzione sullo sviluppo di SISSIEI, il Sistema Informativo Statistico Sulle Imprese e le Istituzioni realizzato dal DIpartimento delle Statistiche Economiche (DISE) dell'istat, il quale rappresenta una struttura multidimensionale dedicata a ricondurre in un quadro organico tutte le statistiche prodotte del Dipartimento con riferimento alle aziende agricole, alle imprese ed alle istituzioni pubbliche e private. Il Sistema è stato disegnato come un elemento unificante delle attività statistiche sulle imprese e le istituzioni, al fine di produrre in modo più efficiente le informazioni statistiche, ad accrescerne le qualità ed a razionalizzare i flussi informativi raccolti presso le unità statistiche. Esso implica un vero e proprio "cambiamento culturale" nella realizzazione delle rilevazioni: infatti, come per il sistema dei conti nazionali, SISSIEI intende rappresentare la struttura nella quale tutti i singoli processi statistici tendono ad essere inseriti, codificati ed integrati. 2. I regolamenti dell'unione europea e l'organizzazione degli Istituti di statistica I regolamenti comunitari emanati negli ultimi anni in campo statistico, in particolare nel campo delle statistiche economiche, possono essere pensati come singoli "mattoni" volti alla costruzione di un complesso sistema informativo statistico. I regolamenti che riguardano le unità statistiche, le classificazioni delle attività economiche, i registri delle unità, le statistiche strutturali, le statistiche congiunturali, i conti nazionali e specifici settori (il turismo, i trasporti, ecc.) sono stati basati su 1 Direttore del Dipartimento delle statistiche economiche dell'istat 2 Responsabile del coordinamento del sistema informativo statistico su istituzioni e imprese dell'istat 1

2 concetti, definizioni e classificazioni coerenti tra loro ed hanno via via imposto agli Stati membri notevoli cambiamenti nelle organizzazioni e nelle metodologie adottate fino all'inizio degli anni novanta. Allo stesso tempo, i sistemi statistici nazionali hanno dovuto perseguire un sempre più elevato livello di efficienza, soprattutto in dipendenza della riduzione delle risorse loro assegnate in termini reali, della necessità di accrescere la gamma delle informazioni fornite alla collettività e di ridurre il carico statistico su rispondenti. In Italia, l'introduzione dei regolamenti statistici è stata accolta come un'opportunità di sviluppo del sistema delle statistiche economiche, attraverso la quale si è cercato di coniugare insieme aspetti di carattere organizzativo, metodologico, istituzionale e tecnologico, quali: l ampia utilizzazione di informazioni amministrative per scopi statistici, favorita dalla legislazione nazionale che consente all'istat l'accesso a tutti i dati di questa natura; lo sviluppo di sistemi di metadati coerenti; l'adozione coordinata di nuove metodologie statistiche in differenti fasi delle indagini; l'adozione di nuovi sistemi informatici, con il passaggio dal mainframe a sistemi distribuiti; il coinvolgimento degli utenti nella definizione di prodotti e dei rispondenti nella definizione di strategie per la raccolta efficiente dei dati. Lo sviluppo di un disegno sistemico ha condotto, nel 1997, ad una riorganizzazione del Dipartimento delle statistiche economiche (all'epoca denominato "Direzione centrale per le statistiche sulle imprese e le istituzioni") basata su una suddivisione degli uffici volta ad unificare processi produttivi analoghi, indipendentemente dal settore di interesse delle rilevazioni. L'adozione di un approccio per processo" (e non per "settore"), completata con la recente creazione della Direzione per le statistiche strutturali, la Direzione per le statistiche congiunturali, la Direzione per i censimenti e gli archivi, ha favorito l attenzione al miglioramento delle diverse fasi delle indagini, consentendo un uso più efficace delle risorse umane ed un guadagno di efficienza e di qualità. Questa modalità organizzativa si è andata affermando negli ultimi anni anche in altri Istituti di statistica e all'interno dell'eurostat stesso. Ciò ha favorito i rapporti internazionali e il coordinamento tra strutture omogenee all'interno dei diversi Stati membri dell'unione, tra le quali sono cresciuti notevolmente i rapporti bilaterali e gli scambi di esperienze. Naturalmente, un approccio organizzativo che privilegia i processi rischi di perdere coerenza in termini di prodotti. Le statistiche su un settore (ad esempio l'industria) vengono infatti realizzate in unità operative diverse e, così facendo, si corre il rischio di fornire informazioni incoerenti o contraddittorie, perdendo altresì quelle importanti conoscenze tematiche che rappresentano un fondamentale strumento di controllo della qualità dell'informazione. D'altra parte, gli utenti chiedono sempre più frequentemente informazioni integrate (si pensi al caso del mercato del lavoro) e queste ultime possono essere fornite solamente attraverso una lettura globale dei dati congiunturali e strutturali. Di conseguenza, è indispensabile che i singoli processi produttivi siano inseriti in un quadro più ampio, di carattere sistemico, nel quale ritrovare quelle coerenze di presentazione e di analisi assolutamente indispensabili dal punto di vista dell'utente. Ciò implica che un'organizzazione basata sui processi sia accompagnata dallo sviluppo di tools che permettano la lettura e la diffusione integrata dei dati disponibili. La costruzione di SISSIEI risponde esattamente a queste esigenze, assicurando l'interdipendenza tra le strutture responsabili della produzione dei diversi dati, consentendo una piena integrazione delle informazioni prodotte, addirittura a livello di microdato. Alla base di SISSIEI c'è una particolare "visione" del processo produttivo, basata sul concetto di corporate datawarehouse, le cui caratteristiche principali sono descritte nel successivo paragrafo. 3. Il sistema informativo statistico sulle imprese ed istituzioni (SISSIEI): un modello basato sul corporate datawarehouse Tradizionalmente, le attività di un istituto di statistica sono state orientate verso la conduzione 2

3 delle rilevazioni e la produzione dei relativi risultati. E' evidente che, con la crescita della domanda d'informazione e soprattutto con la crescente esigenza dell'utenza di disporre di quadri informativi complessi, diviene sempre più difficoltoso il controllo ed il coordinamento di indagini tra loro collegate. Esiste quindi la necessità di costruire, nell ambito di un organizzazione statistica, una funzione d integrazione delle indagini che soddisfi le necessità degli utilizzatori e che accresca l'efficienza dell'attività statistica complessivamente considerata, anche in termini di riduzione del carico statistico sui rispondenti. La risposta a tale esigenza è stata trovata nello sviluppo di sistemi informativi statistici. Un sistema informativo statistico è tipicamente composto di sottosistemi che permettono la raccolta, il trattamento, la memorizzazione, l analisi e la diffusione dei dati statistici (Egidi e Giovannini, 1999). I processi statistici usano e producono dati statistici, i cui componenti elementari sono i microdati, i macrodati ed i metadati. Naturalmente, ogni particolare organizzazione statistica può dare più enfasi a certi tipi di processi statistici e definire in modo differente i microdati o i macrodati: ad esempio, i macrodati riferenti alla popolazione di persone ed imprese, registrati dagli uffici nazionali di statistica, possono essere visti da organizzazioni internazionali come microdati di un sistema informativo statistico sovranazionale. Un sistema informativo statistico, oltre ad essere costruito per produrre prodotti statistici, può avere scopi più generali, come ad esempio quello di fornire, attraverso la messa a disposizione di database di riferimento, un servizio ad utenti interni ed esterni (ad esempio, per l'estrazione di campioni da archivi delle unità statistiche). In questo senso, il sistema informativo diventa una infrastruttura comune a più processi, nella quale differenti tipi di sottosistemi informativi svolgono uno specifico compito e interagiscono tra di loro. Di conseguenza, il sistema informativo di un organizzazione deve essere coerente con l architettura dell organizzazione stessa, così da identificare i compiti delle diverse strutture elementari e le loro responsabilità: l'aumento dell'integrazione tra strutture, infatti, rende ciascuna di queste maggiormente dipendente dalle altre, riducendo gli spazi di manovra dei singoli, ma aumentando l'efficienza complessiva dell'organizzazione. Grazie agli sviluppi tecnologici degli ultimi anni, è possibile sviluppare un unico ambiente di integrazione, il quale colleghi processi e basi di dati sviluppati localmente, anche con architetture diverse tra di loro. Di conseguenza, la funzione d integrazione deve essere molto flessibile e poter essere utilizzata direttamente da molti utenti, attraverso strumenti user friendly. D'altra parte, per permettere agli utilizzatori di navigare nei dati provenienti da differenti indagini in modo pienamente avveduto, la funzione di integrazione deve consentire di associare i valori assunti dalle diverse variabili con le relative definizioni (metadati). Una possibile "visione" di un sistema informativo integrato è quella contenuta nella figura 1, tratta da ONU (1999), basata sullo sviluppo di un corporate datawarehouse, articolato in diverse aree, con il quale le singole unità produttive (analytical processing systems) interagiscono mediante software generalizzati per acquisire dati, elaborarli e restituirli al sistema, dal quale si estraggono poi gli "ipercubi" che sono utilizzati per la definizione dei prodotti per l'utenza. Benché, sempre più spesso, anche i singoli processi produttivi tendano a farsi più complessi, operando integrazioni tra fonti diverse (ad esempio, tra dati statistici e dati amministrativi), in genere esiste una funzione centralizzata di integrazione. Tale unicità si può ritrovare a livello dipartimentale (come nel caso dell'istat) o addirittura a livello d'istituto (come nel caso dell'istituto statistico olandese), ma essa è sempre svolta separatamente dai singoli processi produttivi. Naturalmente, deve esistere una buona collaborazione tra le strutture centralizzate e decentrate, nonché procedure di comunicazione e responsabilità ben definite, in modo da evitare ridondanze e duplicazioni. La struttura di integrazione in un organizzazione statistica deve facilitare lo scambio dei dati (e dei metadati) tra le strutture che sovrintendono alla creazione dei registri delle unità e quelle che svolgono le rilevazioni, tra queste ultime e quelle che realizzano prodotti complessi, ecc. Il concetto di "rete" è assolutamente cruciale in tale organizzazione ed è per questo che, in molti casi, la sua concreta realizzazione impone un "salto culturale": passare da un'organizzazione frammentata, nella quale però l'autonomia della singola unità è sostanzialmente salvaguardata, ad un'organizzazione integrata, in cui ognuno dipende dagli altri, richiede ai singoli un importante modificazione del proprio 3

4 Figura 1. Un'architettura di sistema informativo per organizzazioni statistiche modo di operare ed al management dell'organizzazione un impegno continuo per assicurare l'efficienza e la funzionalità di tutte le parti del Sistema. Il Sistema Informativo Statistico sulle Imprese e le Istituzioni SISSIEI adotta pienamente la visione ora descritta, tendendo ad integrare tutte le diverse operazioni svolte all'interno del DISE. Rinviando ad altri lavori per la descrizione del Sistema (Giovannini e Sorce, 2000; Calzaroni, Giovannini e Sorce, 2000), in questa sede è opportuno sottolineare come SISSIEI sia basato su diversi navigatori per esplorare la basi di dati statistici e su un dizionario dei dati, il quale consente di collegare tra di loro le variabili provenienti dalle diverse indagini. Il Sistema permette l'accesso on-line a microdati e usa comandi SQL. Ad esempio, attraverso un processo OLAP (On-line Analitical Process) è possibile ottenere, in una sola videata, tutti i microdati provenienti da diverse rilevazioni riferiti ad un'unica impresa, perfettamente referenziata sul piano anagrafico (indirizzo, forma giuridica, ecc.) e statistico (settore di attività, numero di addetti, ecc.). Nella figura 2 sono riportate le aree principali in cui è articolato il Sistema. Esso è articolato in due aree: la prima, relativa alle aziende agricole e alle imprese industriali e dei servizi; la seconda, riferita alle istituzioni pubbliche e private. Ciascun sottosistema poggia sui relativi archivi delle unità giuridico-economiche, secondo quanto previsto dal regolamento comunitario n. 2186/93. In particolare, nel caso del sistema sulle imprese, si hanno l Archivio statistico delle aziende e delle imprese agricole (ASAIA, oltre soggetti) e quello relativo alle unità operanti nei settori industriali e del terziario (ASIA, circa imprese); nel caso delle istituzioni, l Archivio statistico delle istituzioni pubbliche (ASIP1, circa soggetti) è affiancato da quello riferito alle istituzioni private (ASIP2, circa unità). Naturalmente, vista la dimensione di SISSIEI non esiste un'unica base di dati, ma una rete di database integrati e navigabili con strumenti generalizzati. Inoltre, nel sistema sono disponibili alcuni tools generalizzati per l'estrazione di liste, di campioni, ecc. Quando sono disponibili i dati validati, SISSIEI serve come base per la costruzione di data warehouse (DW) per la diffusione. In particolare, nel 1998 l Istat ha prodotto ed esposto su Internet il suo primo DW per la diffusione dei risultati del censimento intermedio sulle imprese industriali e dei servizi riferito all anno Il successo di questo nuovo strumento è stato estesamente riconosciuto 4

5 Figura 2: Struttura generale di SISSIEI Sistema informativo statistico sulle imprese e le istituzioni SISSIEI Sistema informativo statistico sulle imprese SISSI Sistema informativo statistico sulle istituzioni SISSIS Sottosistema informativo dell'agricoltura Sottosistema informativo sulle imprese industriali e dei servizi Sottosistema informativo sulle istituzioni pubbliche SISPA Sottosistema informativo sulle istituzioni private Archivio statistico delle aziende agricole Archivio statistico delle imprese attive Archivio statistico delle istituzioni pubbliche Archivio statistico delle istituzioni private ASAIA ASIA ASIP1 ASIP2 tratte dalle rilevazioni congiunturali e strutturali sul settore agricolo tratte dalle rilevazioni strutturali e congiunturali sulle imprese tratte dalle rilevazioni sulle istituzioni pubbliche tratte dalle rilevazioni sulle istituzioni private tratte dalle rilevazioni strutturali sulle imprese tratte dalle rilevazioni congiunturali tratte dalle rilevazioni sul commercio estero dagli utenti: il database è stato reso disponibile gratuitamente su Internet (http://cens.istat.it), e da questo, nel corso del solo 1999, oltre utenti hanno eseguito oltre estrazioni di tavole statistiche, a partire da circa un milione di possibili combinazioni. Inoltre, dallo stesso database sono stati rapidamente prodotti dall'istat oltre 20 cd-rom e 120 volumi cartacei, senza alcun intervento supplementare di carattere editoriale. Per la progettazione e la realizzazione della base dati sono stati necessari circa sei mesi di attività ed i prodotti utilizzati sono stati: SAS/Warehouse Administrator, per la costruzione del Data Warehouse, SAS/Desktop Application Builder, per la scelta delle aggregazioni e la costruzione dell applicazione per la navigazione. Lo spazio disco occupato del DW è complessivamente di circa 25 GB, in quanto esso contiene non solo i risultati del censimento intermedio del 1996, ma anche quelli derivanti dai censimenti generali del 1971, 1981 e Sono stati realizzati oltre 100 programmi per complessivi circa righe di codice 3. 3 Più in dettaglio, mentre i dati dei censimenti del 1971, 1981 e 1991 (relativo alle sole imprese) sono stati memorizzati in tre file distinti, uno per ogni anno, per il 1996 i dati sono stati memorizzati in due file, uno per le imprese e uno per le unità locali. Per operare l omogeneizzazione dei dati sono state eseguite le seguenti operazioni: la riclassificazione delle attività economiche rapportandole alla classificazione attuale; la riclassificazione territoriale: o per i comuni variati nel corso del tempo (modifiche a livello di provincia e comune); o per i comuni caratteristici (comune capoluogo, grande comune); o per l'introduzione di nuove aggregazioni territoriali extra amministrative (sistema locale del lavoro, distretto industriale); la riclassificazione della forma giuridica utilizzata nel passato rapportandola alla classificazione attuale; l armonizzazione della codifica del carattere artigiano, la cui definizione e decodifica è variata da un censimento all altro; l armonizzazione della codifica del campo diffusione (unità locale sede di impresa unilocalizzata o plurilocalizzata o non sede); attribuzione delle variabili diffusione territoriale dell impresa (comunale, provinciale, regionale, nazionale), diffusione sede (posizione territoriale delle unità locali di un impresa rispetto alla sede) e classe di addetti per il 1996, effettuata in base a regole predefinite. 5

6 Nel corso del 2000 sono stati poi sviluppati due nuovi DW, la cui esposizione su Internet è prevista nelle prossime settimane: il primo è riferito ai risultati delle rilevazioni annuali di carattere strutturale sulle imprese industriali e dei servizi; il secondo contiene i risultati delle rilevazioni sul commercio estero. Il DW sulle statistiche strutturali è destinato ad accogliere inizialmente i risultati delle rilevazioni sui conti delle imprese di piccole, medie e grandi dimensioni, nonché i risultati della seconda fase del censimento intermedio (long-form). Successivamente, esso ospiterà i dati provenienti dalle altre rilevazioni annuali, quali quelle sulla struttura del costo del lavoro, sull'innovazione tecnologica, sulla ricerca scientifica, ecc.. La complessità del progetto risiede nel fatto che le variabili da pubblicare sono tratte da rilevazioni diverse, sono molto numerose ed utilizzano chiavi di aggregazione piuttosto differenti, quali il territorio, la classe dimensionale, il settore di attività economica, ecc. Inoltre, questi dati, a differenza di quelli relativi ai caratteri identificativi delle unità censite con riferimento al 1996, sono soggetti alle norme sul segreto statistico, cosicché si sono dovuti adottare particolari accorgimenti volti ad evitare la violazione della riservatezza. Il DW realizzato dall Istat con riferimento alle statistiche sul commercio con l estero rappresenta, al contrario di quelli visti in precedenza, un caso nel quale esso è pienamente inserito nel processo produttivo dei dati statistici. In effetti, esso è stato inizialmente costruito per la realizzazione di circa tavole contenute nell'annuario "commercio estero ed attività internazionali delle imprese", realizzato per la prima volta nel luglio del 1999 dall Istat e dall Istituto del Commercio Estero (ICE). Di conseguenza, ci si è inizialmente concentrati sulla progettazione e creazione dei data mart e degli info mart necessari, nonché sulla realizzazione delle diverse tipologie di tipo inquiring e reporting on-line tramite la tecnologia web. Successivamente, il progetto è stato ampliato, da un lato, per integrare il data warehouse all interno del processo produttivo dei dati mensili del commercio con l estero e, dall altro, per offrire all utenza esterna una modalità rapida ed efficiente di accesso ai dati aggregati. In questo modo, a partire dall'inizio del 2000, un utente abilitato, attraverso la rete intranet dell istituto, può: accedere ad alcuni dati statici su Web Server, tra cui anche le tavole dell Annuario on-line; accedere ai data mart SAS su Application Server per richieste di dati aggregati (secondo formati predefiniti); accedere alle fact table ed ai microdati memorizzati nel dbms Oracle per richieste ancor più dettagliate. Attualmente, il data warehouse contiene microdati mensili riferiti al periodo , per oltre gruppi di prodotti, ciascuno dei quali classificato per 250 paesi, 103 province di origine o destinazione dei beni. Il volume di dati è quantificabile in circa 80 Gb, il che caratterizza questo DW come un VLDB. A partire da questo DW, un database più limitato sarà reso accessibile in Internet, così da consentire agli utenti l'estrazione di tavole dettagliate per prodotto ed area geografica. 4. Strategie e accorgimenti per la costruzione di data warehouse a fini statistici Come descritto precedentemente, lo sviluppo di un corporate data warehouse è un elemento chiave della nuova visione" della produzione statistica. Il DW è un sistema informativo dove i dati sono organizzati e strutturati per un facile accesso da parte dell'utente e per supportare i processi della decisione. I seguenti sistemi sono abilitati dal DW: DSS (Decisional Support System) EIS (Executive/Enterprise Information System). Il primo è usato per risolvere specifici problemi, mentre il secondo è utilizzato per soddisfare una circolazione continua dei dati, indipendentemente da specifici problemi. Il DW è un sistema OLAP che differisce dai sistemi OLTP (On Line Transaction Processing), sebbene i dati provengano dal secondo. I sistemi OLAP sono sistemi subject-oriented, sono integrati, 6

7 storici e permanenti, non comprendono dati analitici e statici come i sistemi OLTP. Un DW è sempre diviso dal suo ambiente operativo e può comprendere anche tutti i dati dell'ambiente operativo. I dati nel DW non vengono mai cambiati; sono memorizzati all'inizio, messi a disposizione e non sono aggiornati come nei sistemi OLTP. Prima che siano memorizzati nel DW, i dati sono integrati seguendo differenti strategie, come ad esempio, per nome, per unità di misura delle variabili, per attributi, ecc.. Due sono i principali approcci per sviluppare un ambiente di DW. Il primo è basato sulla creazione di un DW centrale, usando dati dal sistema principale e da altre fonti. Questo DW centrale può essere usato poi per creare/aggiornare DW dipartimentali o data mart locali. Il secondo approccio è basato sulla creazione di data mart indipendenti, ognuno dei quali è memorizzato direttamente dal sistema centrale o da altre fonti di dati. L'approccio teso a sviluppare un DW centrale può iniziare da un semplice DW, crescere nel tempo per soddisfare utenti caratterizzati da richieste diversificate e diventare un ambiente che contiene sistemi di DW fra loro collegati. In un semplice ambiente di DW, tre sono le aree che hanno necessità di essere monitorate: l'estrazione e la trasformazione dei dati dai sistemi centralizzati; la base dei dati del DW; i tools per l esplorazione dei dati. Di solito, esistono tre luoghi dove depositare i dati (repository): uno per descrivere la struttura dei dati, per la loro trasformazione e per la loro estrazione; uno per il database del DW; uno per gli strumenti di navigazione. Questi repository, ovviamente, hanno bisogno di continua manutenzione, così come i dati residenti nel database. La complessità della manutenzione dipende molto dal database scelto e comprende copie di backup, recovery, riorganizzazioni, archiviazioni, operazioni di monitoraggio e tuning. Per migliorare la performance delle consultazioni da parte dell utente, è possibile creare subset di dati a livello dipartimentale o locale riducendo così la dipendenza del DW centrale. Questo livello supplementare di frammentazione dei dati aumenta la complessità della gestione, aggiunge un altro livello di metadati e potenzialmente un altro repository, richiedendo un controllo ed una gestione della distribuzione dei dati dei data mart. A meno che l amministrazione dei data mart sia completamente demandata a livello locale, esso richiede anche la gestione di dati del database dei data mart. La situazione diventa ancora più difficile se l'ambiente evolve ulteriormente con la creazione di DW multipli di grande dimensione. Nell approccio di data mart indipendenti, la creazione di un solo data mart orientato a risolvere un particolare problema rappresenta una semplice soluzione. L'amministrazione di tale ambiente è relativamente facile. Le tre aree da amministrare sono: l'estrazione dei dati dalle fonti e la trasformazione nelle strutture dei dati per il database del data mart; il database del data mart stesso; i tools di sfruttamento dei dati. Questo tipo di DW è maneggevole in quanto, di solito, non contiene grandi volumi di dati. Nel caso si adotti una tale soluzione, il compito dell'amministratore del DW sarebbe relativamente facile. D altra parte, l attività di successiva riconduzione di un elevato numero di data mart separati a un solo ambiente di DW è molto difficile. In questo caso, infatti, ogni data mart è sviluppato individualmente e ciò può porre il problema di avere discordanze nella definizione dei dati. Può accadere poi che il DW contenga volumi molto grandi di dati, non sempre di natura omogenea. Lavorare con questi volumi di dati non correlati può portare alla costruzione di un sistema poco efficiente e richiedere molto tempo per la fase di elaborazione dei dati. Se ciò dovesse accadere, è più conveniente suddividere il DW in aree specifiche. Inoltre molti tools creati per lo sfruttamento dei dati utilizzano ambienti proprietari, ognuno dei quali ha il proprio repository. Tale repository contiene le informazioni necessarie all esplorazione dei dati. Se il DW è amministrato centralmente, tutti gli ambienti che lo compongono devono essere gestiti centralmente, ma anche dove la responsabilità dell amministrazione dei tools di sfruttamento dei dati è 7

8 distribuito a livello dell'utente locale, è richiesto un collegamento tra il sistema di amministrazione centrale del DW e gli ambienti distribuiti. Senza i metadati è naturalmente impossibile un uso corretto del DW, specialmente quando l ammontare di informazioni contenuto nel sistema è di grandi dimensioni. La gestione dell'interscambio di informazioni tra i repository di metadati in un ambiente di DW non è solo un requisito, ma impone anche una gestione del metadato come parte del DW. Tipicamente il DW può contenere dati che hanno vecchie strutture e che hanno probabilmente subito dei cambiamenti nel tempo. Inevitabilmente, quando un utente accede alle informazioni, incorre nelle seguenti domande: che informazioni sono disponibili nel DW? qual è il significato della definizione di quella variabile? sono aggiornati ed affidabili i dati? Se mancano le risposte a tali domande, l utente tenderà ad utilizzare strumenti diversi per acquisire le informazioni e l intera impalcatura sistemica perde il suo significato. Peraltro, il ruolo del metadato diventa sempre più importante con la crescita delle informazioni e della diversificazione delle richieste degli utenti, ambedue tendenze ormai chiaramente in fase di accelerazione. Bibliografia Calzaroni M., Giovannini E., Sorce A. (2000) Il Sistema Informativo Statistico Sulle Imprese dell Istat: problematiche e potenzialità, lavoro presentato alla XL Conferenza della Società Italiana di Statistica, Firenze, Aprile Giovannini E. e Egidi V. (1999) Sistemi informativi integrati per l analisi di fenomeni complessi e multidimensionali, Atti della Quarta conferenza nazionale di statistica, Istat, Roma. Giovannini E. e Sorce A. (2000) The Statistical Information System on Enterprises and Institutions of Italian Statistical Institute: a Datawarehouse Approach, lavoro presentato al 9 th CEIES Seminar on Innovations in Provision and Production of Statistics: the Importance of New Technologies, Helsinki, January ONU (1999) 8

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Obiettivi. Presentare l evoluzione dei sistemi informativi: da supporto alla operatività a supporto al momento decisionale Definire

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

Data warehouse Introduzione

Data warehouse Introduzione Database and data mining group, Data warehouse Introduzione INTRODUZIONE - 1 Pag. 1 Database and data mining group, Supporto alle decisioni aziendali La maggior parte delle aziende dispone di enormi basi

Dettagli

Progetto di modernizzazione dell Istat

Progetto di modernizzazione dell Istat Progetto di modernizzazione dell Istat Presentazione dell Interim Report Comitato di Presidenza allargato 5 Dicembre 2014 Outline Ragioni del cambiamento Progetto di modernizzazione Metodo di lavoro Alcune

Dettagli

Data Warehousing e Data Mining

Data Warehousing e Data Mining Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Sistemi e Informatica A.A. 2011-2012 I primi passi Data Warehousing e Data Mining Parte 2 Docente: Alessandro Gori a.gori@unifi.it OLTP vs. OLAP OLTP vs.

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Il sistema informativo della RICA italiana

Il sistema informativo della RICA italiana Gestione Aziendale delle Imprese Agricole La presentazione del nuovo software INEA per la gestione economica dell azienda agricola Milano, 11 Settembre 2008 Carmela De Vivo Istituto Nazionale di Economia

Dettagli

Introduzione data warehose. Gian Luigi Ferrari Dipartimento di Informatica Università di Pisa. Data Warehouse

Introduzione data warehose. Gian Luigi Ferrari Dipartimento di Informatica Università di Pisa. Data Warehouse Introduzione data warehose Gian Luigi Ferrari Dipartimento di Informatica Università di Pisa Data Warehouse Che cosa e un data warehouse? Quali sono i modelli dei dati per data warehouse Come si progetta

Dettagli

L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità. Il nuovo paradigma dei servizi

L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità. Il nuovo paradigma dei servizi L evoluzione del Sistema Informativo della fiscalità Il nuovo paradigma dei servizi Ing. Giuseppe Lacerenza Roma, 21 maggio 2007 Il nuovo paradigma dei servizi Indice Sogei e il Sistema informativo della

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing)

Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing) Introduzione ad OLAP (On-Line Analytical Processing) Metodi e Modelli per il Supporto alle Decisioni 2002 Dipartimento di Informatica Sistemistica e Telematica (Dist) Il termine OLAP e l acronimo di On-Line

Dettagli

Archivi amministrativi e uso statistico: verso un sistema integrato di microdati

Archivi amministrativi e uso statistico: verso un sistema integrato di microdati Archivi amministrativi e uso statistico: verso un sistema integrato di microdati Seminario «La standardizzazione delle banche dati regionali» Regione Veneto Struttura dei legami a tela di ragno Archivio

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistemi informazionali La crescente diffusione dei

Dettagli

Linee guida per lo sviluppo e la gestione di un sito Web

Linee guida per lo sviluppo e la gestione di un sito Web Linee guida per lo sviluppo e la gestione di un sito Web Paolo Atzeni Università Roma Tre Dipartimento di Informatica e Automazione atzeni@dia.uniroma3.it http://www.dia.uniroma3.it/ atzeni/ Roma, 25 settembre

Dettagli

Cosa è un data warehouse?

Cosa è un data warehouse? Argomenti della lezione Data Warehousing Parte I Introduzione al warehousing cosa è un data warehouse classificazione dei processi aziendali sistemi di supporto alle decisioni elaborazione OLTP e OLAP

Dettagli

http://www.istat.it/servizi/studenti/valoredati/

http://www.istat.it/servizi/studenti/valoredati/ Il processo di produzione dell'informazione statistica si conclude con la diffusione dei dati, mettendo a disposizione dei cittadini, delle imprese e delle istituzioni i risultati delle rilevazioni. Tutti

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Gli elementi chiave del db

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Ciclo di vita dimensionale

Ciclo di vita dimensionale aprile 2012 1 Il ciclo di vita dimensionale Business Dimensional Lifecycle, chiamato anche Kimball Lifecycle descrive il framework complessivo che lega le diverse attività dello sviluppo di un sistema

Dettagli

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale VERSIONE PROVVISORIA Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Manlio

Dettagli

Data warehouse. Architettura complessiva con OLTP e OLAP OLTP. Sistemi di supporto alle decisioni

Data warehouse. Architettura complessiva con OLTP e OLAP OLTP. Sistemi di supporto alle decisioni Data warehouse Data warehouse La crescita dell importanza dell analisi dei dati ha portato ad una separazione architetturale dell ambiente transazionale (OLTP on-line transaction processing) da quello

Dettagli

SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling. Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business

SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling. Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business CA ERwin Modeling fornisce una visione centralizzata delle definizioni dei dati chiave per consentire

Dettagli

Un approccio mixed-mode sequenziale all acquisizione dati

Un approccio mixed-mode sequenziale all acquisizione dati Un approccio mixed-mode sequenziale all acquisizione dati Stefano De Santis 17/02/2015 Indice 1. Il processo di indagine 2. Il questionario on line 3. Tracciato record 4. Il questionario off line 5. L

Dettagli

Introduzione alle basi di dati (prima parte)

Introduzione alle basi di dati (prima parte) Introduzione alle basi di dati (prima parte) Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 2007/2008

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

ARCHIVI CLASSICI. Concetti di base

ARCHIVI CLASSICI. Concetti di base ARCHIVI CLASSICI Concetti di base Per svolgere una qualsiasi attività gestionale, amministrativa, o statistica è necessario utilizzare grandi quantità di dati e scegliere per essi una opportuna organizzazione,

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGIE WEB PER IL TURISMO - 1 a.a. 2012/2013 Section 1 Introduzione Introduzione ai sistemi

Dettagli

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail

E-Mail. Scheduling. Modalità d invio. E-Mail BI BI Terranova, azienda leader in Italia per le soluzioni Software rivolte al mercato delle Utilities, propone la soluzione Software di Business Intelligence RETIBI, sviluppata per offrire un maggiore

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi

II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi II Modulo Organizzazione dei Sistemi Informativi DA CHE COSA E COMPOSTO COME SI ACCEDE CHI LO USA A CHE COSA SERVE Risorse hardware e software: - Server - LAN (router, HUB Firewall,..) - Storage - pacchetti

Dettagli

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico Introduzione ai sistemi informativi Cosa è un Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione delle informazioni aziendali è essenziale per il funzionamento

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi Obiettivi La struttura di un sistema informativo di una organizzazione, negli aspetti che permettono di comprenderne la relazione

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA La misurazione delle prestazioni (cd. performance) associate ad un qualsiasi processo o azione manageriale si può realizzare attraverso un sistema di indicatori predefiniti

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Base di dati e sistemi informativi

Base di dati e sistemi informativi Base di dati e sistemi informativi Una base di dati è un insieme organizzato di dati opportunamente strutturato per lo svolgimento di determinate attività La base di dati è un elemento fondamentale per

Dettagli

Data Warehouse Architettura e Progettazione

Data Warehouse Architettura e Progettazione Introduzione Data Warehouse Architettura! Nei seguenti lucidi verrà fornita una panoramica del mondo dei Data Warehouse.! Verranno riportate diverse definizioni per identificare i molteplici aspetti che

Dettagli

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011).

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011). ALLEGATO A (costituito da n. 8 pagine complessive) Linee guida concernenti modalità e termini di comunicazione, per via telematica - tramite il Portale del Turismo e del Made in Lazio www.ilmiolazio.it

Dettagli

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO http://www.sinedi.com ARTICOLO 63 LUGLIO/AGOSTO 2013 GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO La letteratura dedicata al controllo di gestione è estremamente ampia e si è sviluppata largamente

Dettagli

FORUM P.A. 2005. Scenari di knowledge management nella P. A.: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza

FORUM P.A. 2005. Scenari di knowledge management nella P. A.: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza FORUM P.A. 2005 Scenari di knowledge management nella P. A.: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza Master PA mercoledì 11/05/05 L esperienza di Sviluppo Italia per l automazione

Dettagli

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese)

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) Approvate con delibera della Giunta Comunale n.30 del 18.05.2015 Linee guida per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati (open data) Redatte ai sensi

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor. Primo servizio del Portale del SIL. A cura di Grazia Strano

Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor. Primo servizio del Portale del SIL. A cura di Grazia Strano Il servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro E-labor Primo servizio del Portale del SIL A cura di Grazia Strano Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale delle Reti

Dettagli

La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio del territorio

La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio del territorio La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio dei Comuni e del territorio 28 aprile 2015 1 Legge 56/2014 Del Rio 85. Le province di cui ai commi da 51 a 53, quali enti con funzioni di area

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

Per capire meglio l ambito di applicazione di un DWhouse consideriamo la piramide di Anthony, L. Direzionale. L. Manageriale. L.

Per capire meglio l ambito di applicazione di un DWhouse consideriamo la piramide di Anthony, L. Direzionale. L. Manageriale. L. DATA WAREHOUSE Un Dataware House può essere definito come una base di dati di database. In molte aziende ad esempio ci potrebbero essere molti DB, per effettuare ricerche di diverso tipo, in funzione del

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano

Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano Portale Iniziative Culturali e di Solidarietà (ICS) della Associazione Nazionale Alpini (ANA) - Sezione di Milano 1. Scopo del documento. 2. Il Portale ICS: utenti, caratteristiche e obiettivi. 3. Il progetto.

Dettagli

ESIGENZE INFORMATIVE E STATISTICHE PER IL GOVERNO DEI SISTEMI LOCALI

ESIGENZE INFORMATIVE E STATISTICHE PER IL GOVERNO DEI SISTEMI LOCALI Impresa, sviluppo, territorio Il ruolo della statistica locale Modena, 4-5 giugno 2008 ESIGENZE INFORMATIVE E STATISTICHE PER IL GOVERNO DEI SISTEMI LOCALI Carlo Filippucci Dipartimento di Scienze Statistiche-Università

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

STORAGE SU IP I VANTAGGI DELLE SOLUZIONI DI STORAGE SU IP PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Powered by

STORAGE SU IP I VANTAGGI DELLE SOLUZIONI DI STORAGE SU IP PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Powered by STORAGE SU IP I VANTAGGI DELLE SOLUZIONI DI STORAGE SU IP PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Powered by STORAGE SU IP: I VANTAGGI DELLE SOLUZIONI DI STORAGE SU IP PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Introduzione

Dettagli

Il Sistema Bibliotecario di Ateneo (SBA) www.biblio.polimi.it

Il Sistema Bibliotecario di Ateneo (SBA) www.biblio.polimi.it , Centro Sistema IT Seminario CNBA L integrazione delle risorse eterogenee distribuite: problemi, strumenti e prospettive, Roma 27 ottobre 2004 Il (SBA) www.biblio.polimi.it 2 L'Area (SBA) é la struttura

Dettagli

Introduzione ai database I concetti fondamentali Database e DBMS Per comprendere appieno cos'è un Database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, soprattutto nel settore gestionale, è necessario

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

PROGETTAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN DATAWAREHOUSE

PROGETTAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN DATAWAREHOUSE Tesi in: ARCHITETTURA DEI SISTEMI INFORMATIVI PROGETTAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN DATAWAREHOUSE IN UN AMBIENTE DI DISTRIBUZIONE FARMACEUTICA RELATORE: Prof. Crescenzio Gallo LAUREANDO: Alessandro Balducci

Dettagli

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO DEL PERSONALE IN TURNAZIONE Di cosa si tratta? La Suite Archimede è uno strumento scalabile, pratico ed efficiente, per la pianificazione e la gestione strategica

Dettagli

Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella

Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella Atti Progetto AQUATER, Bari, 31 ottobre 2007, 9-14 LA BANCA DATI DEI PROGETTI DI RICERCA E L ARCHIVIO DOCUMENTALE DEL CRA Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella Consiglio per la Ricerca e

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

Lezione 8. Motori di Ricerca

Lezione 8. Motori di Ricerca Lezione 8 Motori di Ricerca Basi di dati Un campo prevalente dell applicazione informatica è quello costituito dall archiviazione e dalla gestione dei dati (basi di dati). Sistema Informativo. Un sistema

Dettagli

Unità di misura. Definizione e sviluppo dei documenti di programmazione, controllo e valutazione

Unità di misura. Definizione e sviluppo dei documenti di programmazione, controllo e valutazione Allegato 1 - INDICATORI DI PERFORMANCE ORGANIZZATIVA GRADO DI ATTUAZIONE A FINE 2012 DELLA STRATEGIA PER IL TRIENNIO 2012-2014 N. Definizione e sviluppo dei documenti di programmazione, controllo e valutazione

Dettagli

I VANTAGGI. Flessibilità

I VANTAGGI. Flessibilità E-LEARNING E-LEARNING La proposta E-Learning della suite Agorà di Dedagroup A CHI SI RIVOLGE L OFFERTA fornisce al cliente un sistema complementare di formazione a distanza sui prodotti della suite Agorà

Dettagli

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 ISTITUTO PROFESSIONALE per i SERVIZI ALBERGHIERI e della RISTORAZIONE Gestione della documentazione del Sistema Qualità PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 Documento preparato da Responsabile Sistema

Dettagli

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI Archivio: - insieme di registrazioni (record), ciascuna costituita da un insieme prefissato di informazioni elementari dette attributi (campi) - insieme di informazioni relative

Dettagli

Base Dati Introduzione

Base Dati Introduzione Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Modulo di Alfabetizzazione Informatica Base Dati Introduzione Si ringrazia l ing. Francesco Colace dell Università di Salerno Gli archivi costituiscono una memoria

Dettagli

Progettazione concettuale

Progettazione concettuale Progettazione concettuale Strategie top-down A partire da uno schema che descrive le specifiche mediante pochi concetti molto astratti, si produce uno schema concettuale mediante raffinamenti successivi

Dettagli

Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni

Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni Piero Leone Terna Spa Direzione Pianificazione e Sviluppo Rete - Statistiche email:piero.leone@terna.it (versione provvisoria) Sintesi: Fra i primi in

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

Istituto Nazionale di Statistica Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici

Istituto Nazionale di Statistica Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici Circolare n. 1/SCU Protocollo n. Al Dirigente scolastico Indirizzo email Roma, Oggetto: 9 Censimento generale dell industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit. Rilevazione sulle istituzioni

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO

MASTER UNIVERSITARIO MASTER UNIVERSITARIO Analisi Dati per la Business Intelligence In collaborazione con II edizione 2013/2014 Dipartimento di Culture, Politica e Società Dipartimento di Informatica gestito da aggiornato

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015 BASE DI DATI: introduzione Informatica 5BSA Febbraio 2015 Di cosa parleremo? Base di dati relazionali, modelli e linguaggi: verranno presentate le caratteristiche fondamentali della basi di dati. In particolare

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 FAQ TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/04-01-2013 RTI : HP Enterprise Services Italia S.r.l. Selex ES S.p.A.

Dettagli

THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS DISTRETTO MULTIPLO 108 I.T.A.L.Y. Piazza Buenos Aires, 5 00187 ROMA CF: 96218900585

THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS DISTRETTO MULTIPLO 108 I.T.A.L.Y. Piazza Buenos Aires, 5 00187 ROMA CF: 96218900585 THE INTERNATIONAL ASSOCIATION OF LIONS CLUBS DISTRETTO MULTIPLO 108 I.T.A.L.Y. Piazza Buenos Aires, 5 00187 ROMA CF: 96218900585 Gruppo di lavoro per le problematiche giuridico fiscali CENSIMENTO ISTAT

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI

INDICAZIONI GENERALI INDICAZIONI GENERALI PER LA VALUTAZIONE, L ACQUISTO O LA REALIZZAZIONE IN PROPRIO DI SOFTWARE GESTIONALI PER LE SOCIETA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE, LE SOCIETA DI RICERCA DIRETTA E LE DIREZIONI

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007 Data warehousing Introduzione A partire dalla metà degli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa

Dettagli

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 LEZIONE LA FORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE DOTT.SSA MARIA ANTONIETTA DE LUCA Indice 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 1.1.

Dettagli

Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI

Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI Oil & Gas Business Application Suite Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI Il progetto Il bando Nell

Dettagli

Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 7 I siti web delle scuole dopo il D. Lgs. n. 33/2013 1 of 20 Nel corso degli anni i siti web

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia

COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) INDICE Pagina TITOLO I Disposizioni Generali

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere:

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: Modello OAIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Prof.ssa E. Gentile Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali 1 Modello di riferimento Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: le componenti

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Facoltà di Ingegneria Corso di Marketing Industriale Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it Le ricerche di mercato I Mktg-L21 Il

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO. Analisi Dati per la Business Intelligence e Data Science. IV edizione 2015/2016

MASTER UNIVERSITARIO. Analisi Dati per la Business Intelligence e Data Science. IV edizione 2015/2016 MASTER UNIVERSITARIO Analisi Dati per la Business Intelligence e Data Science In collaborazione con IV edizione 2015/2016 Dipartimento di Culture, Politica e Società Dipartimento di Informatica Dipartimento

Dettagli

WebBi S.r.l offre consulenza e soluzioni per le seguenti aree: Data Warehousing. Business Intelligence. Disegno di architetture integrate

WebBi S.r.l offre consulenza e soluzioni per le seguenti aree: Data Warehousing. Business Intelligence. Disegno di architetture integrate Migliorare l organizzazione per migliorare la qualità delle decisioni. Migliorare la qualità dei collaboratori per migliorare il servizio alla clientela. WebBi S.r.l offre consulenza e soluzioni per le

Dettagli

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica della soluzione La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica La crescente importanza dei ruoli assunti da tecnologie come cloud, mobilità, social

Dettagli

Il software sviluppato Dyrecta per il controllo dell AntiRiciclaggio. a norma del D.M. 143 del 03/02/2006

Il software sviluppato Dyrecta per il controllo dell AntiRiciclaggio. a norma del D.M. 143 del 03/02/2006 Il software sviluppato Dyrecta per il controllo dell AntiRiciclaggio a norma del D.M. 143 del 03/02/2006 PREMESSA Il Decreto D.M. 143 del 03/02/2006 sancisce l obbligo all identificazione, conservazione

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Introduzione al Data Warehousing

Introduzione al Data Warehousing Il problema - dati IPERVENDO Via Vai 111 P.I.11223344 Vendite II Trim. (Milioni!) Introduzione al Data Warehousing tecnologia abilitante per il data mining ACQUA MIN 0.40 LATTE INTERO 1.23 SPAZZ.DENTI

Dettagli