Capitolo settimo. La filosofia Data Warehouse

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo settimo. La filosofia Data Warehouse"

Transcript

1

2 7.1. Introduzione Il mercato di riferimento geografico di un'azienda non è più il paese o il continente, ma l insieme dei grandi paesi industrializzati 1. Si parla, dunque, di globalizzazione dei mercati, intendendo con questo termine il fatto che i mercati locali, essendo fra loro interdipendenti, diventano un tutt uno. Tutto ciò determina per le imprese, sia nuove opportunità, sia un aumento della pressione competitiva. La pressione competitiva aumenta anche a causa della deregolamentazione e liberalizzazione di tutti i settori. Linee aeree, ferrovie, telecomunicazioni, servizi di fornitura d'energia ed acqua hanno tutti assistito alla fine del supporto governativo delle posizioni monopolistiche permettendo a nuovi fornitori di entrare nei mercati e di scegliersi gli utenti. Le imprese, nell ambito delle strategie di Business 2, devono affrontare la competizione attraverso nuovi, più veloci, più attraenti modi che conquistarsi gli acquirenti 3. La forza della competizione è legata all efficienza del mercato. L'efficienza del mercato dipende dalla facilità d'accesso dello stesso da parte dell utente e dalla quantità d'informazioni disponibili al consumatore su tutti i prodotti del mercato. Le nuove tecnologie ampliano sia l accessibilità del mercato, sia la conoscenza dei prodotti da parte dell utente, avvicinandolo sempre più all accesso perfetto e alla perfetta informazione. In una situazione di questo tipo la competizione tende ad essere più dura 4. 1 J.J. Lambin : Marketing, McGraw-Hill. 2 La redditività di una impresa dipende da due fattori :la redditività del settore in cui opera e la capacità dell impresa di stabilire un vantaggio competitivo rispetto ai suoi rivali. La scelta del settore o dei settori riguarda la strategia a livello corporate. Stabilire un vantaggio entro un particolare settore è ciò che si propone di stabilire la strategia a livello di business. R.M. Grant : L analisi strategica nella gestione aziendale. 3 Si possono portare alcuni esempi : assistenza diretta via telefono, home-banking e shopping via cavo o tramite Internet.. The second Age of Computing Data Warehousing with Oracle. R. Stewart. 4 Un esempio : Un giocatore di golf residente a N.Y. prenderà in considerazione (e quindi è limitato) per il suo equipaggiamento da golf solo i fornitori di N.Y.. Al contrario con un PC ed un equipaggiamento internet, una carta di credito il nostro giocatore di golf può velocemente acquistare da qualsiasi fornitore nel mondo che effettui pubblicità sulla rete. 297

3 Per avere un vantaggio competitivo in un ambiente caratterizzato dall industria globale, innovativa, deregolamentata, sempre più aggressiva, le imprese devono migliorare la loro comprensione del business, dei loro clienti, dei loro mercati. Devono conoscere con esattezza chi sono i clienti, come fare a mantenerli, come e quando spendono il loro denaro, quali beni e servizi saranno acquisiti, da chi e così via. Le imprese devono focalizzare le loro energie su questi elementi in modo tale da poter sfruttare al massimo le diverse e mutevoli opportunità che si presentano. Se ciò non avverrà, i clienti andranno altrove. Nella produzione di massa ha sempre più importanza la cosiddetta personalizzazione del prodotto. Oggi non è più sufficiente per un'azienda portare un qualsiasi prodotto di massa o servizio sul mercato maturo ed aspettarsi di venderlo abbastanza bene per un certo periodo di tempo. Il cliente chiede un prodotto più personalizzato, che soddisfi meglio i suoi bisogni. Per sopravvivere in questi mercati le imprese avranno bisogno di identificare in modo più adeguato i bisogni dei consumatori, segmentando il mercato stesso, per offrire prodotti che si avvicinino il più possibile alle richieste di questo o di quel segmento. Anche se il prodotto in se stesso non può essere Questo fatto rende la vita dei fornitori di attrezzature di golf di N.K. più difficile. The second Age of Computing Data Warehousing with Oracle. R. Stewart. 4 Caratteristiche dello scenario Industriale :? Maggiore concorrenza? Diffusione/Omogeneizzazione della Tecnologia? Incertezza economica? Ritmo di crescita più basso? Minore prevedibilità dei clienti? Riduzione del Time-to Market? Re-engineering dei processi Aziendali? Aggiornamento dell offerta? Valorizzazione della base dei Clienti Esistenti Fonte :Data Warehouse, metodologia, Architettura e prodotti. Presentazione Datamat per il gruppo FIAT. 298

4 personalizzato, il modo di fornirlo e con cui si effettua il pagamento può esserlo. Questa situazione genera una maggiore richiesta di informazioni per conoscere meglio i clienti, i mercati, la concorrenza. Le fonti di queste informazioni si trovano all esterno ma innanzi tutto all interno dell impresa. La tecnologia dei computer è stata applicata fin dai primi anni di attuazione ai processi operativi di un'impresa (sistemi di fatturazione, emissione di ricevuta, prenotazioni, gestione degli ordini di vendita, controllo del magazzino, finanza, ecc..). Attraverso i sistemi operazionali attualmente in uso, una grande quantità di dati viene raccolta e conservata. Questi dati descrivono con molta precisione, e spesso implicitamente, gli aspetti critici del business : clienti, mercati, prodotti, vendita e le relazioni che intercorrono tra questi. Tali informazioni devono essere rese disponibili a coloro che ci lavorano sopra : direttori, lo staff di marketing, gli analisti di business e di prodotti, ecc.. Così come sono prodotti, questi dati operazionali non riescono a soddisfare le esigenze di chi deve lavorare con l informazione attraverso particolari applicazioni DSS, MIS o altro. Questi dati, così come sono raccolti, sono destinati a servire i sistemi operazionali per i quali sono stati creati. E non potrebbe essere altrimenti ; in altre parole non si potrebbe riconfigurare la raccolta di questi dati, che devono servire particolari operazioni per accogliere le esigenze informative, poiché verrebbe meno quello che è il loro scopo originario che deve essere senz altro soddisfatto. Una soluzione è quella di duplicare i dati liberandoli dai confini dei diversi sistemi per integrarli ed arricchirli con informazioni di provenienza esterna (ricerche di mercato, analisi industriali, notizie da agenzie, reti mondiali ed altro). Devono, inoltre, essere predisposti dei Tools (strumenti) che mettano in grado i vari utenti di analizzare le informazioni a loro disposizione. Il Data Warehouse si occupa proprio di questo. 299

5 In un'interpretazione più limitata un Data Warehouse è semplicemente il database o i database in cui i dati rilevanti dei sistemi operativi sono copiati e resi disponibili agli utilizzatori di informazioni attraverso strumenti analitici di indagine. In un senso più ampio rappresenta l intera struttura di estrazione di dati grezzi dai sistemi operativi, di trasformazione in informazioni affidabili, di trasporto in apposito ambiente per l utente delle informazioni e la fornitura degli strumenti on-line per analizzare questi dati (OLAP Tools, data mining, ecc..) al fine di fornire conoscenza alla Direzione del business Evoluzione dei sistemi di raccolta dati Le aziende hanno sempre cercato di raccogliere dati. In passato ciò era possibile solo tramite mezzi cartacei. Successivamente si è avuto l avvento di mezzi meccanici ed elettronici che hanno facilitato questa attività. In un primo momento (anni 60) venivano create solo applicazioni con dati legati alle applicazioni stesse. Questo faceva si che per ogni applicazione si aveva un archivio, creando così evidenti problemi di ridondanza dei dati. 5. The second Age of Computing Data Warehousing with Oracle. R. Stewart. il Data Warehouse è un processo, non un prodotto. Questa rappresenta una particolare tecnica per assemblare e gestire dati provenienti da varie sorgenti per realizzare una singola, dettagliata vista di una parte o di tutto il business. White paper di NCR Corporation : Data Warehousing :Clearing the Confusion. Il D/W nasce dalla costituzione di un ambiente, fisicamente separato dal database operazionale, ottimizzato per le interrogazioni e il supporto alle decisioni. C è, quindi, una netta distinzione tra sistema operazionale e sistema decisionale...sono differenti anche gli utenti dei due sistemi : nel primo caso è lo staff operazionale dell azienda (contabili, addetti agli sportelli..), mentre nel secondo sarà il top il middle manager a servirsi dei dati del D/W per l analisi, l accesso e la produzione di report. P. Lombardi : Nuovi strumenti per cercare i dati, Zerouno 3/1995 B. Cortona nell articolo di Zerouno del 4/1995 afferma : La nascita del concetto di warehouse (magazzino) risale alla metà degli anni 80 ma solo dai primi anni 90 ha iniziato a trovare la piena attuazione. L idea che sta alla base è molto semplice : estrarre dai database operazionali i dati significativi, compattarli e metterli infine a disposizione degli strumenti desktop, che effettuano le proprie interrogazioni sul warehouse e non più sui database operazionali. D. Sandri nell articolo :La soluzione del SAS Insititute di Zerouno del 4/1995 afferma : Il Data Warehouse è in sostanza una soluzione tecnologica con la quale i dati vengono archiviati secondo un bes determinato formato che ne facilita l accesso e la consultazione da parte degli utenti. In genere interessa non tutti gli utenti di una azienda, ma per lo più i decision maker, quelle persone che nell ambito dell impresa hanno bisogno di dati di sintesi provenienti dalle varie unità aziendali, sui quali operare ulteriori elaborazioni e grazie ai quali simulare scenari e prendere infine decisioni. 300

6 Verso gli anni 70 cominciano a diffondersi i primi gestori di basi dati in cui si realizza una separazione fra le applicazioni e gli archivi dati. Allo stesso modo si diffondono nuovi supporti fisici per la registrazione (dischi magnetici). Una singola base di dati può servire più applicazioni. Verso gli anni 80 prendono il via le tecnologie distribuite, per cui le applicazioni che erano dirette ai decisori potevano essere spostate più vicino ad essi (attraverso l uso dei PC). Si comincia a pensare di poter utilizzare i dati di questi database, costruiti però per servire specificatamente le transazioni, per sistemi MIS o DSS. Ma le difficoltà per realizzare questi sistemi erano molte. Sempre negli anni 80 si sono creati dei programmi capaci di estrarre i dati da una base di dati, secondo vari criteri, per trasferirli altrove. Questi dati a loro volta possono essere trasferiti ancora in altri database creando la possibilità di avere schemi come quelli in figura. Software per estrarre i dati Figura 7.1. Legacy system Questa ragnatela viene chiamata legacy system. 301

7 7.3. Problemi con la naturale evoluzione della architettura. L evoluzione di questa architettura pone alcuni problemi per l utilizzo diretto di applicazioni DSS, EIS ed analisi 6. I principali problemi sono :? la credibilità dei dati? la produttività? l incapacità di trasformare i dati in informazioni. Mancanza di credibilità dei dati. Il primo di questi problemi è quello della mancanza di credibilità dei dati. Inmon porta il caso di due dipartimenti che realizzano due report sullo stesso tema con i dati del legacy ottenendo due risultati differenti. Di fronte a queste incongruità il management non sa bene cosa fare. Ci sono alcune ragioni che possono causare questa incongruità :? i report non si sono effettuati nello stesso tempo? scelta di parametri differenti per l analisi dei di dati? problemi con i dati esterni? utilizzo di fonti diverse Realizzare i report in istanti di tempo differenti può portare a dei risultati diversi poiché nel tempo trascorso si sono verificate delle transazioni che possono aver mutato i dati. La scelta di parametri differenti per l analisi dei di dati può allo stesso modo produrre risultati differenti qualora, ad esempio, si decida di prendere in considerazione tutte le polizze vita o solo quelle più vecchie. I dati esterni che spesso vengono utilizzati nei report non sono coordinati fra di loro e non c è neppure coordinamento con i dati interni utilizzati. Ad esempio, per realizzare un report possono essere stati utilizzati dati del Wall Street Journal mentre in un altro i dati di Business Week. I dati dei due giornali, anche se riguardano lo stesso argomento, possono essere 6...Convinti delle promesse dei produttori che il loro sistema di gestione dati sarebbe stato in grado di soddisfare sia le necessità di produzione (l OLTP) che di supporto alle decisioni, gli EDP aziendali hanno per qualche tempo scelto di far accedere gli utenti direttamente ai database operazionali. In breve hanno dovuto fare marcia indietro dopo aver constatato che le operazioni sui dati tipiche dell analisi per il supporto decisionale sono molto diverse da quelle tipiche dell OLTP e pesanti nell esecuzione. B. Cortona :Come accedere ai patrimoni di dati, Zerouno 4/

8 diversi Più in generale poi, ci possono essere delle discrepanze nei risultati dovuti alla scelta di fonti diverse per realizzare lo stesso report. Il problema della produttività Un altro problema è quello relativo alla produttività, ovvero alla efficienza dovuta alla naturale evoluzione di questa struttura. Per realizzare i report occorrerà localizzare i dati che sono sparsi nel legacy, estrarli e realizzare programmi di analisi dei dati. I dati che servono in un report sono sparsi nel legacy. Questi si sono stratificati nel tempo senza pensare che un giorno si sarebbero dovuti integrare. Per cui, stessi dati potranno avere nomi diversi come dati diversi potranno avere lo stesso nome. Quindi, localizzare i dati è un processo difficile e noioso. Una volta localizzati, i dati devono essere estratti. Per ogni fonte di dati si dovrà realizzare un programma per l estrazione. Infine, si dovrà realizzare il report. Tutte queste attività occupano tempo, ed un eccessivo impiego dello stesso può portare a realizzare dei report che non hanno nessun valore perché non sono più attuali. Dai dati all informazione Un altro limite della architettura legacy è quello relativo alla capacità di fornire informazioni. I decisori hanno bisogno di informazioni di carattere complesso derivanti dall aggregazione di più fonti. Spesso questa integrazione è difficile poiché i dati vengono estratti da database che non sono stati progettati per servire questi scopi, ma per supportare delle transazioni. Inoltre, un altro limite è rappresentato dall orizzonte temporale dei dati. Mentre i decisori hanno bisogno di informazioni storiche che mostrino gli andamenti passati e le previsioni sul futuro, ai database operazionali interessa solo mantenere aggiornati i dati e, quindi, tendono ad avere la memoria più corta (perché si tengono in linea solo i dati correnti). 303

9 7.4. Il magazzino dei dati Per superare l empasse dei problemi visti fino ad ora si è trovata la soluzione Data Warehouse. Il cuore di questa architettura si basa su due tipi di dato. Quello primitivo residente nel legacy e quello derivato residente nel Warehouse. I dati derivati sono ricavati in tutto o in parte da quelli primitivi e posti nel Warehouse (o repository), vale a dire un grande database. Il Data Warehouse è di sola lettura e periodicamente viene aggiornato. Quindi, fra un aggiornamento e l altro i dati sono sempre gli stessi, al contrario dei database operazionali che sono soggetti ad un continuo mutamento. Si possono distinguere nel Data Warehouse quattro livelli. Il primo è il livello operazionale composto di dati primitivi del legacy ed eventualmente di altre fonti esterne. Il secondo è quello del Warehouse (o repository) in cui i dati, dopo una attività di acquisizione vengono inseriti a livello atomico. I dati non vengono letti direttamente da qui ma verranno ulteriormente estratti o sintetizzati nei Datamart (terzo livello, o livello dipartimentale) 7, che rappresentano database destinati a servire particolari funzioni richieste dall utente finale (analista DSS, data mining, ecc..). Il quarto livello è quello individuale, ovvero quello dell analista o del decisore che con il suo PC utilizza delle applicazioni che vanno a pescare dati dal Datamart per effettuare l attività di analisi. Se la struttura logica di un Data Warehouse si dispone su questi quattro livelli, la struttura fisica, o meglio hardware, è un Client Server. Infatti, l analista opera con le sue applicazioni da PC mentre i vari database risiedono su server. Quindi, l ambiente è quello di una rete con elaborazione distribuita 8. 7 Un Datamart rappresenta uno speciale subset di dati estratti da una unità centrale e tali dati vengono selezionati per servire una particolare funzione o applicazione. White Paper di NCR corporation : Data Warehousing :Clearing the Confusion 8 L architettura C/S può essere a due o atre livelli. I sistemi a due livelli sono piuttosto semplici. Il client spesso definito Fat client perché svolge la maggior parte della elaborazione, comunica al server le richieste di accesso al database mediante SQL o attraverso una interfaccia come ODBC. Nei sistemi a tre livelli, l elaborazione viene in buona parte affidata ad un application server distinto. In questo modo l interfaccia utente, l aspetto elaborativo e la gestione del database vengono separati. A. Dickman Zerouno 2/1996 (trasduzione da InformationWeek) 304

10 Figura 7.2. Livelli del Data Warehouse 7.5. Il costo del Data Warehouse La valutazione dell investimento in strutture Data Warehouse non può essere fatta tramite tecniche classiche come, ad esempio, il ROI. E impossibile pianificare e verificare quali siano i reali costi e benefici che questo tipo di architettura determina 9. Fortunatamente il Data Warehouse è una architettura incrementale, per cui si può costruire un primo Data Warehouse con un 9 Realizzare una soluzione di Data Warehousing ben dimensionata sulle esigenze aziendali comporta tutta una serie di difficoltà da superare ; non soltanto nei criteri e nei metodi di implementazione ma anche nella capacità dell azienda di supportare nel tempo questa scelta a fronte di una chiara valutazione dei costi diretti (software, hardware, reti) e soprattutto quelli indiretti, quali la definizione e il mantenimento della organizzazione preposta al ruolo di gestore del Data Warehouse (con figure professionali dedicate), con tutte le complesse problematiche relative all aggiornamento periodico dei dati estratti dai data base operazionali e inseriti nel Data Warehouse in funzione delle differenti esigenze di supporto decisionale sparse nell azienda S. Uberti Foppa :Quando serve un D/W, Zerouno 4/1995 Inmon in una intervista rilasciata a Giorgio Marras di Zerouno del giugno 1996 affermava che per ogni dollaro speso per soddisfare le esigenze dell executive community se ne spendono almeno 9 per acquisire dati dalle applicazioni legacy e trasferirli all ambiente EIS. Questo in assenza di un ambiente Data Warehouse. Attraverso il D/W questa componente di costo tende a scendere. 305

11 modesto impiego si denaro. Una volta che la prima porzione di D/W è stata costruita l analista può esplorarne le possibilità 10. Comunque una società di ricerche, Metrica, ha realizzato una indagine su 117 aziende Europee (non ci sono aziende italiane) al fine di valutare quale fossero i vantaggi economici e commerciali del D/W legati a sistemi DSS. Il 55% del campione ha già inserito sistemi di Data Warehouse e il 30% ha deciso di realizzarlo nei prossimi due anni. Solo 31 delle 64 aziende che hanno implementato sistemi DSS e D/W hanno potuto o saputo quantificare in termini economici il vantaggio portato dalla scelta effettuata. Le altre non sono state capaci di definire i criteri di valutazione economica o di misura dei risultati. Queste 31 aziende hanno valutato in media un guadagno attribuito all uso di un DSS basato su D/W pari a 5,4 milioni di dollari. Il settore delle telecomunicazioni mostra un guadagno maggiore (10,1 milioni), seguito dalla distribuzione (8,6 milioni), dalla finanza (7,8 milioni) e dagli altri (3,2 milioni). Il guadagno che un DSS può portare Milioni di $ Finanza Distrib Telecom Altri 10 W.H. Inmon : Building The Data Warehouse 306

12 Figura 7.3. Guadagno che un Dss può portare (fonte Zerouno) Più visibili dei benefici economici sono i vantaggi commerciali. Il miglioramento del servizio al cliente rappresenta uno dei risultati maggiori, seguito dall aumento dell efficienza operativa, dal miglioramento della redditività del cliente dalla migliore comprensione del mercato tramite segmentazione. Ovviamente le ricadute sul business variano da comparto a comparto. Le aree di maggiore applicazione del D/W sono oggi quelle delle vendite e marketing e (nelle società finanziarie) della gestione dei rischi e redditività. Una delle principali sfide che si presenta, ad esempio, alle banche per lo sviluppo delle attività a livello regionale è quella di garantire un servizio al giusto prezzo alle persone giuste e nel giusto modo, vale a dire in termini redditizi. L unica via per raggiungere questo scopo è possedere informazioni su ogni cliente e saperle utilizzare al momento opportuno. Utilizzi di Data Warehouse Dati totali 55% 30% Giallo :non previsto Azzurro :previsto entro due anni Granata :Dispone di un DSS 15% 307

13 Finanza Dati per settore Distribuzione 21% 33% 62% 17% 67% 0% Telecomunicazioni Altri 36% 40% 56% 33% 24% 11% Giallo : Dispone di un DSS Granata : Non previsto Azzurro :previsto entro 2 anni Figura 7.4. Data Warehouse attuali o pianificati nelle aziende europee (Fonte : METRICA) 7.6. L ambiente Data Warehouse Il vero cuore dell ambiente architetturale Data Warehouse è il warehouse o repository. Questo rappresenta una singola integrata sorgente di dati destinata a fornire materiale utile per il DSS processing. Un Data Warehouse è una collezione di dati che supporta le decisioni del management ed è orientato al soggetto, integrato, non instabile e a tempo differente 11. Orientato al Soggetto 11 W.H. Inmon Building of the Data Warehouse 308

14 Si può portare come esempio di orientamento al soggetto 12 quello di una compagnia assicuratrice. Le classiche operazioni di sistema sono organizzate intorno alle applicazioni della compagnia. Per una compagnia assicuratrice le applicazioni possono essere auto, vita, danni, ecc.. Invece le grandi aree soggetto della compagnia possono essere cliente, polizze, premi e richieste. Ambiente operazionale Auto Vita Salute Danni Applicazioni Ambiente Data Warehouse Clienti polizze premi richieste Soggetti Figura 7.5. Un esempio di orientamento al soggetto In generale il Data Warehouse è orientato su quelli che sono i grandi soggetti della organizzazione, i quali sono stati definiti nel modello dei dati. I soggetti tipici sono :? cliente? prodotto? transazione o attività? ecc.. Le tabelle presenti nella base dei dati sono strutturate sui soggetti dell azienda come si vede nell esempio in figura. 12 Sicuramente il Data Warehouse contiene solo tipi di informazioni utili al processo decisionale ; ad esempio i dati non sono organizzati per applicazione (come acquisti, spedizioni, ecc..) bensì per soggetto (per nome del cliente, piuttosto che per vendite dei maglioni in una determinata area, oppure per richieste di indennizzi, ecc..). Inoltre, i dati devono essere memorizzati in base a regole definite. Non è un problema da poco se si considera che i data base operazionali da cui provengono i dati, sono strutturati secondo 309

15 Base dei dati del Base dei dati del Attività del cliente cliente cliente Cliente ID Cliente ID Cliente ID dalla data dalla data mese Alla data Alla data Numero di transazioni nome nome medie nel mese indirizzo valutazione del Numero di transazioni telefono credito più elevate per mese sesso Impiego Numero di transazioni... indirizzo più basse per mese telefono sesso Figura 7.6. Esempio di organizzazione del D/W per soggetto cliente (Building the D/W) Un aspetto fondamentale delle tabelle riguardanti il soggetto è che queste sono tutte collegate da una chiave comune (in questo esempio Cliente ID) in modo tale da realizzare una correlazione fra tutti i dati riguardanti un cliente. Un altro aspetto fondamentale è che i dati relativi al soggetto possono risiedere anche su differenti mezzi di memorizzazione. Cliente Dati del cliente Dati del cliente Attività del cliente Attività del cliente dettagli Attività del cliente dettagli Figura 7.7. Il soggetto può essere tenuto in differenti mezzi di memorizzazione convenzioni (codici di identificazione clienti, merci) e modelli (gerarchici, relazionali, flat file). S. Umberti Foppa : Quando serve un D/W, Zerouno 4/

16 I dati che hanno una maggiore probabilità di accesso e un basso volume di immagazzinamento, risiederanno su mezzi che possono garantire un accesso più veloce e che sono relativamente più cari. Invece i dati che hanno una bassa probabilità di accesso e che sono di volume considerevole risiederanno su di un mezzo più economico e meno veloce. Un elemento importante è che esiste nel D/W un livello di sintesi ed un livello di dettaglio per gli stessi dati (granularità). Saranno, quindi, i dati dettagliati, i quali sono più voluminosi e con minore probabilità di accesso ad essere registrati su mezzi più economici, come i nastri magnetici ad esempio, mentre i dati di sintesi meno voluminosi e con maggiore probabilità di acceso saranno registrati invece su dischi fissi. Altro elemento fondamentale che deve essere sempre presente nelle tabelle è il tempo. Integrato I dati che derivano dalle varie fonti aziendali presentano delle caratteristiche differenti. Questi dati devono per questo essere integrati e resi uniformi nel D/W che li andrà ad accogliere. Integrazione Operazionale Data Warehouse Codice Applic. A Applic. B Applic. C Applic. D m,f, 1,0 x,y Maschio, femmina m,f Attributi di misura Applic. A Applic. B Applic. C Applic. D cm, pollici yards mcf cm sorgenti multiple 311

17 Applic. A Applic. B Applic. C Applic. D descrizione descrizione descrizione descrizione? Descrizione conflitti di chiavi Applic. A Key char (12) Applic. B Key dec fixed (9,2) Applic. C pic Applic. D Key char (10) Key char (12) Figura 7.8. Esempi di integrazione Non instabile L ambiente operazionale è soggetto ad una regolare attività di accesso e manipolazione. Si effettua un continuo aggiornamento dei dati nell ambiente operazionale. Invece nel D/W i dati vengono tutti caricati (solitamente in massa) nel Warehouse, e poi una volta caricati si accede ad esso. Ma l aggiornamento dei dati (in senso lato) non viene effettuato nell ambiente D/W. Tempo differente L ultima caratteristica rilevante è quella della differenza di tempo rispetto all ambiente operazionale. La differenza di tempo si può verificare in diversi modi :? L orizzonte temporale del D/W solitamente è molto più lungo di quello operazionale. Ad esempio, l orizzonte temporale di un ambiente operazionale può essere dai 60 ai 90 giorni mentre quello D/W può essere dai 5 ai 10 anni.? I database operazionali contengono solo valori correnti i quali possono essere in ogni momento acceduti e modificati, mentre il D/W rappresenta niente altro che una sofisticata serie di istantanee prese in un dato istante di tempo. 312

18 ? La struttura delle chiavi nell ambiente operazionale può avere come non avere alcuni elementi di tempo (giorno, mese, anno) mentre nell ambiente D/W la struttura della chiave deve sempre contenere un elemento temporale Il Data Warehouse come evoluzione Inmon afferma che il Data Warehouse non è una rivoluzione ma bensì una evoluzione nel tempo. Quindi, il D/W si costruisce gradualmente. Questo permette di poter realizzare delle modifiche in corsa e di poter verificare qual è l utilità nelle varie parti per le quali è stato creato. Questo può spingere l azienda ad estendere la positiva esperienza anche ad altre parti della stessa. In un primo momento il popolamento del Warehouse sarà limitato ad una sola area soggetto. In momenti successivi anche i dati riguardanti le altre aree soggetto identificate dall azienda popoleranno il Warehouse (detto anche repository). Una volta popolato il repository, si collegheranno ad esso alcuni Datamart i quali estrarranno dal repository stesso i dati necessari alle specifiche analisi DSS e saranno sistemati in una forma (modello) più consono al tipo di funzione che si dovrà svolgere. L esperienza positiva a livello dipartimentale potrà a questo punto essere ripetuta per altre parti dell azienda realizzando altri Datamart per finalità differenti. Tutto questo processo si svolgerà in un arco di tempo che può essere molto lungo che di norma si aggira intorno a qualche anno Due elementi concettuali del Data Warehouse I due elementi concettuali di maggior peso in un Data Warehouse sono la granularità dei dati e la partizione dei dati. Con la granularità dei dati ci si riferisce ai diversi livelli di dettaglio che caratterizzano il D/W, mentre con partizione dei dati ci si riferisce invece ad 313

19 una separazione dei dati in diverse unità fisiche e che possono essere maneggiati in maniera indipendente La granularità In una architettura D/W esistono solitamente diversi livelli di dettaglio dei dati. Questo, ovviamente, riflette gli usi che si dovrà fare di quei dati. In questo ambito si possono stabilire solo una serie di indicazioni riguardo le scelte del livello di dettaglio da realizzare nel D/W ma ogni caso fa storia a se. Un esempio di diversi livelli di dettaglio può essere dato dalla figura sottostante. In questo caso viene mostrata una struttura D/W in cui a livello più basso si trovano i dettagli relativi alle vendite di un certo periodo molto indietro nel tempo. A livello più elevato si pone il repository, cioè il nostro Warehouse, in cui si trova quello che, in questo caso, viene detto livello di dettaglio corrente delle vendite. Da questo magazzino dei dati saranno poi estratti e portati al livello più elevato di Datamart dei dati che verranno ulteriormente sintetizzati (vendite di un particolare prodotto per mese o per settimana) ed utilizzati per le varie ricerche DSS o DataMining. M E T A D A T A Dati sintetici (Datamart) ES : vendite mensili per linea di prodotto Dati sintetici (Datamart) ES : vendite settimanali per linea di prodotto Dettaglio corrente ES : vendite W.H. Inmon : Building of the Data warehouse 314

20 Vecchio dettaglio ES : vendite Figura 7.9. Esempio di struttura del Data Warehouse Questo rappresenta solo uno dei tanti esempi di struttura D/W il quale non deve però essere minimamente considerato come regola. Diversa all interno dei livelli esaminati può essere l articolazione del dettaglio, come può essere diverso anche il tipo di informazioni residenti, ad esempio, nei mezzi di registrazione più economici. Possono essere inserite non solo delle informazioni di dettaglio più vecchie ma anche informazioni di minor importanza che vengono tenute per motivi ad esempio legali, oppure hanno un grado di dettaglio maggiore che nel repository e costituiscono quello che viene chiamato true archival. L importanza della granularità (cioè del livello di sintesi dei dati) si pone in rapporto all uso che si deve effettuare dei dati nelle analisi DSS, MIS o altro. Ad esempio, cercare delle informazioni ad un livello di dettaglio più basso può essere più laborioso che cercare le stesse informazioni ad un livello di dettaglio meno elevato poiché si dovrà ricercarle in un minor numero di record i quali, inoltre, occuperanno anche un minore spazio in memoria. Granularità Basso livello di dettaglio Alto livello di dettaglio ESEMPIO : ESEMPIO : dettaglio delle chiamate sintesi delle chiamate telefoniche per mese dei telefoniche per mese dei clienti clienti bytes per mese 200 records per mese 200 bytes 1 record per mese Figura Esempio di diversi livelli di sintesi 315

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007 Data warehousing Introduzione A partire dalla metà degli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

Data Warehousing e Data Mining

Data Warehousing e Data Mining Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Sistemi e Informatica A.A. 2011-2012 I primi passi Data Warehousing e Data Mining Parte 2 Docente: Alessandro Gori a.gori@unifi.it OLTP vs. OLAP OLTP vs.

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistemi informazionali La crescente diffusione dei

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Data warehousing Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Data warehousing Introduzione A partire dagli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa lezione vedremo

Dettagli

Data warehouse Introduzione

Data warehouse Introduzione Database and data mining group, Data warehouse Introduzione INTRODUZIONE - 1 Pag. 1 Database and data mining group, Supporto alle decisioni aziendali La maggior parte delle aziende dispone di enormi basi

Dettagli

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Obiettivi. Presentare l evoluzione dei sistemi informativi: da supporto alla operatività a supporto al momento decisionale Definire

Dettagli

Data Warehouse Architettura e Progettazione

Data Warehouse Architettura e Progettazione Introduzione Data Warehouse Architettura! Nei seguenti lucidi verrà fornita una panoramica del mondo dei Data Warehouse.! Verranno riportate diverse definizioni per identificare i molteplici aspetti che

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing

Database Commerciali/ Marketing. Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Indice: 1. Gli elementi chiave del db commerciale/ marketing 2. Come si costruisce un db commerciale/ marketing Database Commerciali/ Marketing Gli elementi chiave del db

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Architettura dei sistemi di database

Architettura dei sistemi di database 2 Architettura dei sistemi di database 1 Introduzione Come si potrà ben capire, l architettura perfetta non esiste, così come non è sensato credere che esista una sola architettura in grado di risolvere

Dettagli

Rassegna sui principi e sui sistemi di Data Warehousing

Rassegna sui principi e sui sistemi di Data Warehousing Università degli studi di Bologna FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Rassegna sui principi e sui sistemi di Data Warehousing Tesi di laurea di: Emanuela Scionti Relatore: Chiar.mo Prof.Montesi

Dettagli

Data warehouse. Architettura complessiva con OLTP e OLAP OLTP. Sistemi di supporto alle decisioni

Data warehouse. Architettura complessiva con OLTP e OLAP OLTP. Sistemi di supporto alle decisioni Data warehouse Data warehouse La crescita dell importanza dell analisi dei dati ha portato ad una separazione architetturale dell ambiente transazionale (OLTP on-line transaction processing) da quello

Dettagli

Introduzione ai database I concetti fondamentali Database e DBMS Per comprendere appieno cos'è un Database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, soprattutto nel settore gestionale, è necessario

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Introduzione data warehose. Gian Luigi Ferrari Dipartimento di Informatica Università di Pisa. Data Warehouse

Introduzione data warehose. Gian Luigi Ferrari Dipartimento di Informatica Università di Pisa. Data Warehouse Introduzione data warehose Gian Luigi Ferrari Dipartimento di Informatica Università di Pisa Data Warehouse Che cosa e un data warehouse? Quali sono i modelli dei dati per data warehouse Come si progetta

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Archivi e database. Lezione n. 7

Archivi e database. Lezione n. 7 Archivi e database Lezione n. 7 Dagli archivi ai database (1) I dati non sempre sono stati considerati dall informatica oggetto separato di studio e di analisi Nei primi tempi i dati erano parte integrante

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Le Basi di Dati. Le Basi di Dati

Le Basi di Dati. Le Basi di Dati Le Basi di Dati 20/05/02 Prof. Carlo Blundo 1 Le Basi di Dati Le Base di Dati (database) sono un insieme di tabelle di dati strutturate in maniera da favorire la ricerca di informazioni specializzate per

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma tel 06.52244040 - fax 06.52244427 - info@alfagroup.it La filosofia di Pitagora Fornire gli strumenti che permettono di misurare

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE

DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Dipartimento di Ingegneria di Enzo Ferrari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica (270/04) DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE Relatore

Dettagli

Data Warehousing (DW)

Data Warehousing (DW) Data Warehousing (DW) Il Data Warehousing è un processo per estrarre e integrare dati storici da sistemi transazionali (OLTP) diversi e disomogenei, e da usare come supporto al sistema di decisione aziendale

Dettagli

Introduzione alle basi di dati (prima parte)

Introduzione alle basi di dati (prima parte) Introduzione alle basi di dati (prima parte) Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 2007/2008

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

CREA VALORE DALLE RELAZIONI CON I TUOI CLIENTI

CREA VALORE DALLE RELAZIONI CON I TUOI CLIENTI Ideale anche per la tua azienda CREA VALORE DALLE RELAZIONI CON I TUOI CLIENTI La soluzione CRM semplice e flessibile MarketForce CRM è una soluzione di Customer Relationship Management (CRM) affidabile,

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

Per capire meglio l ambito di applicazione di un DWhouse consideriamo la piramide di Anthony, L. Direzionale. L. Manageriale. L.

Per capire meglio l ambito di applicazione di un DWhouse consideriamo la piramide di Anthony, L. Direzionale. L. Manageriale. L. DATA WAREHOUSE Un Dataware House può essere definito come una base di dati di database. In molte aziende ad esempio ci potrebbero essere molti DB, per effettuare ricerche di diverso tipo, in funzione del

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL prof Carmine Napoli Introduzione Database: Si definisce Database un insieme di dati, di solito di notevoli dimensioni, raccolti, memorizzati ed organizzai in modo

Dettagli

Turbodoc. Archiviazione Ottica Integrata

Turbodoc. Archiviazione Ottica Integrata Turbodoc Archiviazione Ottica Integrata Archiviazione Ottica... 3 Un nuovo modo di archiviare documenti, dei e immagini... 3 I moduli di TURBODOC... 4 Creazione dell armadio virtuale... 5 Creazione della

Dettagli

Ciclo di vita dimensionale

Ciclo di vita dimensionale aprile 2012 1 Il ciclo di vita dimensionale Business Dimensional Lifecycle, chiamato anche Kimball Lifecycle descrive il framework complessivo che lega le diverse attività dello sviluppo di un sistema

Dettagli

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico Introduzione ai sistemi informativi Cosa è un Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione delle informazioni aziendali è essenziale per il funzionamento

Dettagli

OneClick Staffware Process RM Prodotto da SELT-INFORM e personalizzato da SUED. la soluzione completa per il Customer Relationship Management

OneClick Staffware Process RM Prodotto da SELT-INFORM e personalizzato da SUED. la soluzione completa per il Customer Relationship Management OneClick Staffware Process RM Prodotto da SELT-INFORM e personalizzato da SUED la soluzione completa per il Customer Relationship Management OneClick è una soluzione di Customer Relationship Management

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 Customer Relationship Management Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. gli elementi fondamentali e strutturali di una strategia di

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

WHITE PAPER CRM Novembre 2003

WHITE PAPER CRM Novembre 2003 WHIT E PAPER Novembre 2003 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Parlare di CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT significa parlare di come l Azienda gestisce il suo business. Se vogliamo dare una definizione di

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

Data Warehousing: concetti base e metodologie

Data Warehousing: concetti base e metodologie Data Warehousing: concetti base e metodologie Paolo Atzeni (con la collaborazione di Luca Cabibbo e Riccardo Torlone) Università di Roma Tre Dipartimento di Informatica e Automazione atzeni@dia.uniroma3.it

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

Requisiti di riferimento per il successo

Requisiti di riferimento per il successo Requisiti di riferimento per il successo In questa seconda parte della nostra newsletter in cui si parla del recente report di Aberdeen sui fattori chiave di successo per la logistica di magazzino, si

Dettagli

Database. Francesco Tapparo Informatica e Bioinformatica 2013-14 1/16

Database. Francesco Tapparo Informatica e Bioinformatica 2013-14 1/16 Database Francesco Tapparo Informatica e Bioinformatica 2013-14 1/16 Trend attuali CPU sempre più potenti Memorie di massa di dimensioni sempre maggiori Eniac: 180m 2 Memoria: 20 numeri di 10 cifre, meno

Dettagli

InfoTecna ITCube Web

InfoTecna ITCube Web InfoTecna ITCubeWeb ITCubeWeb è un software avanzato per la consultazione tramite interfaccia Web di dati analitici organizzati in forma multidimensionale. L analisi multidimensionale è il sistema più

Dettagli

Una storia di successo: Alpitel

Una storia di successo: Alpitel Una storia di successo: Alpitel La suite applicativa People Talent conquista l'azienda italiana, leader nello sviluppo e nella realizzazione di reti ed impianti per le telecomunicazioni. L esigenza La

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS CONTENT MANAGMENT SYSTEMS ESTRATTO DA: Ileana D'Incecco, Progettare la comunicazione web per organizzazioni non-profit con strumenti open source: ideazione e realizzazione del sito web della Casa delle

Dettagli

Sistema Informatico per l Elaborazione dei Ruoli e la Gestione Integrata degli Avvisi

Sistema Informatico per l Elaborazione dei Ruoli e la Gestione Integrata degli Avvisi S.IN.E.R.G.I.A. Sistema Informatico per l Elaborazione dei Ruoli e la Gestione Integrata degli Avvisi Manuale Operativo SINERGIA Manuale Operativo S.IN.E.R.G.I.A. 2.5 Pagina 1 di 26 SOMMARIO PRESENTAZIONE...

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI Archivio: - insieme di registrazioni (record), ciascuna costituita da un insieme prefissato di informazioni elementari dette attributi (campi) - insieme di informazioni relative

Dettagli

Breve introduzione ai data warehouse (per gli allievi che non hanno seguito BD2)

Breve introduzione ai data warehouse (per gli allievi che non hanno seguito BD2) Tecnologie per i sistemi informativi Breve introduzione ai data warehouse (per gli allievi che non hanno seguito BD2) Letizia Tanca lucidi tratti dal libro: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Introduzione

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Cosa è un data warehouse?

Cosa è un data warehouse? Argomenti della lezione Data Warehousing Parte I Introduzione al warehousing cosa è un data warehouse classificazione dei processi aziendali sistemi di supporto alle decisioni elaborazione OLTP e OLAP

Dettagli

Big Data e Customer Engagement

Big Data e Customer Engagement 2013 Big Data e Customer Engagement Una Ricerca di: Novembre 2013 SOMMARIO PRINCIPALI RISULTATI DELLO STUDIO 2 INTRODUZIONE 5 COSA SONO I BIG DATA 5 PERCHÉ I BIG DATA SONO DIVENTATI IMPORTANTI 6 ADOZIONE

Dettagli

Governo Digitale a.a. 2011/12

Governo Digitale a.a. 2011/12 Governo Digitale a.a. 2011/12 I sistemi di supporto alle decisioni ed il Data Warehouse Emiliano Casalicchio Agenda Introduzione i sistemi di supporto alle decisioni Data warehouse proprietà architettura

Dettagli

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E

L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E L E I N F O R M A Z I O N I P E R F A R E C E N T R O Con InfoBusiness avrai Vuoi DATI CERTI per prendere giuste DECISIONI? Cerchi CONFERME per le tue INTUIZIONI? Vuoi RISPOSTE IMMEDIATE? SPRECHI TEMPO

Dettagli

Il Sistema Informativo

Il Sistema Informativo Il Sistema Informativo Un insieme di attività che regolano la condivisione e la distribuzione dell informazione e l immagazzinamento dei dati rilevanti per la gestione dei dati. Un Sistema Informatico

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Evasione. Evasione. Vendite. Magazzini Immagini

Evasione. Evasione. Vendite. Magazzini Immagini Schema di funzionamento del Carico da Ordini Ordine Archivio di Transito Univoco Evasione Codifica Controllo Articoli Generico Evasione Movimenti Documenti Giacenze Testata Scadenze Vendite Dettaglio Ingrosso

Dettagli

Data Mining a.a. 2010-2011

Data Mining a.a. 2010-2011 Data Mining a.a. 2010-2011 Docente: mario.guarracino@cnr.it tel. 081 6139519 http://www.na.icar.cnr.it/~mariog Informazioni logistiche Orario delle lezioni A partire dall 19.10.2010, Martedì h: 09.50 16.00

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA

COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA COME ARCELORMITTAL AUMENTA LA PRODUTTIVITA UNA TECNOLOGIA SOLIDA COME L ACCIAIO GRAZIE A M-SOFT Yvo van Werde non avrebbe mai immaginato che il sistema pioneristico che aveva contribuito a sviluppare 19

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

in questo numero: A proposito di Granaio n. 43/2011 novembre CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA

in questo numero: A proposito di Granaio n. 43/2011 novembre CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA n. 43/2011 novembre in questo numero: A proposito di Granaio CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA Regioni coinvolte: Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia

Dettagli

GOW GESTIONE ORDINI WEB

GOW GESTIONE ORDINI WEB OW GOW GESTIONE ORDINI WEB OWUn'azienda moderna necessita di strumenti informatici efficienti ed efficaci, in GESTIONE CLIENTI, ORDINI E STATISTICHE TRAMITE BROWSER WEB grado di fornire architetture informative

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Basi di dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Anno Accademico 2008/2009 Introduzione alle basi di dati Docente Pierangelo

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLO STUDIO PROFESSIONALE E CONTROLLO DI GESTIONE 10 / 04 / 2012 Relatore: Dott. Alberto Manzo

ORGANIZZAZIONE DELLO STUDIO PROFESSIONALE E CONTROLLO DI GESTIONE 10 / 04 / 2012 Relatore: Dott. Alberto Manzo ORGANIZZAZIONE DELLO STUDIO PROFESSIONALE E CONTROLLO DI GESTIONE 10 / 04 / 2012 Relatore: Dott. Alberto Manzo ORGANIZZAZIONE DELLO STUDIO PROFESSIONALE COSA VUOLE DIRE ORGANIZZARE? SI PUO ORGANIZZARE

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven *

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Dal Brand Management al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Emilio Zito ** Abstract Le imprese più competitive, operanti nei mercati globali di massa (automotive, high-tech, largo

Dettagli

M46 GDS documentazione Verticale R0

M46 GDS documentazione Verticale R0 1. Introduzione 2. Soluzione proposta 1. Inserimento e/o modifica dei contratti 2. Inserimento e/o modifica dati anagrafici degli articoli 3. Avanzamento flusso documentale ordine di acquisto 3. Personalizzazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli