Studio di fattibilità per la realizzazione del sistema informativo-statistico della regione lazio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio di fattibilità per la realizzazione del sistema informativo-statistico della regione lazio"

Transcript

1 REGIONE LAZIO Assessorato Personale, Demanio Patrimonio ed Informatica Studio di fattibilità per la realizzazione del sistema informativo-statistico della regione lazio Rapporto finale Schede di informazione statistica luglio 2002 SISTEMA STATISTICO REGIONALE

2 Regione Lazio Direttore del progetto: Roberto De Vecchis Sistema Statistico Regionale Archivio banche dati: Laura Baldini Sistema Statistico Regionale Paolo Risso e-government Ruggero Trenna Dip.to Interventi socio-sanitari, educativi e per la qualita della vita Università di Roma La Sapienza Prof. Alberto Marchetti-Spaccamela, Prof. Silvio Salza, Prof. Giuseppe Santucci Dip.to di Informatica e Sistemistica Paolo Giulio Franciosa Dip.to di Statistica, Probabilità e Statistiche Applicate

3 Introduzione L organizzazione di un moderno sistema informativo ha come presupposto una struttura organizzativa scientifica con l obiettivo di sistematizzare la conoscenza depositata nei diversi uffici che attuano i processi operativi sia della regione che degli altri enti pubblici e privati che svolgono attività a favore del cittadino. Questa informazione, preziosa per un governo che sia caratterizzato da massima efficienza, efficacia, ed economicità, è infatti diluito in molti e diffusi ambiti che spesso risultano di difficile reperimento e comunque tra loro scoordinati. Spesso questo clima di separazione comporta di fatto l impossibilità di usufruire di preziose informazioni da parte degli operatori. Così allo stesso modo risulta difficoltoso, in mancanza di cruscotti informativi, orientare i decisori pubblici verso forme di valutazione delle decisioni di investimento e nella verifica degli effetti da queste ottenute. La direzione della Giunta regionale ne risulta spesso menomata, cosicché diviene necessario ricorrere a faticose e anche costose ricerche, per ottenere le necessarie conoscenze. Il progetto di studiare un moderno strumento che offra un cruscotto informativo diviene una necessità, nella misura in cui si voglia consentire un governo che utilizzi le stesse metodologie che da anni ormai adottano gli imprenditori nel governo delle loro imprese. La stessa regione si è dotata di strumenti di controllo strategico e di controllo gestionale, per la verifica degli interventi operativi, strumenti che si ritrovano e sono mutuati nelle conduzioni aziendali private. Ciò consentirebbe di conoscere la soddisfazione degli utenti, come ulteriore verifica della bontà delle azioni intraprese dalle diverse aree di intervento pubblico, al pari del controllo che effettuano gli imprenditori sulla soddisfazione riscontrata nei loro prodotti. Queste esigenze, di cui la Regione Lazio si rende interprete, devono essere estese anche a tutti gli altri enti pubblici che operano a favore del cittadino, su risorse pubbliche. Per divenire concrete devono basarsi su due paradigmi: da un lato una moderna struttura di rete informatica e dall altro una corretta struttura informativo-statistica. La rete di e-government, attualmente in fase organizzativa, si estende in ambito comunale, provinciale, regionale, nazionale. Questa deve assicurare concretezza operativa alla necessità del riordino della enorme mole di archivi esistenti, giacenti in modo spesso disordinato nelle diverse strutture pubbliche regionali e/o degli altri enti locali e nazionali. iv

4 Questa ricchezza informativa deve quindi trovare un contenitore unico in grado di offrire un valore aggiunto alla attività faticosa di chi desidera governare avendo in mente i comportamenti virtuosi degli investitori privati. L obiettivo di questo studio condotto dall Assessorato Personale, Informatica e Statistica, attraverso il Sistema Statistico Regionale, si inquadra quindi nell ottica di recupero e valorizzazione delle diverse fonti informative esistenti per creare un pannello di governo che possa facilitare scelte strategiche e consentire gestioni oculate e moderne delle risorse disponibili a favore, sia dei cittadini, che dello sviluppo economico. Rilevo che una Pubblica Amministrazione moderna costituisce un anello fondamentale dell intero sviluppo socio-economico del territorio. Una struttura pubblica all altezza delle aspettative quale fornitore di servizio nel moderno processo produttivo, diviene punto di forza essenziale per lo sviluppo e l elevazione del benessere generale. Questo non solo dà certezza di aver bene operato, ma costituisce di per sé l orgoglio civico di chi come noi sente tutta intera la responsabilità di dover contribuire al bene delle popolazioni amministrate. On. Francesco Storace v

5 Presentazione Il presente studio è realizzato nel piano operativo di ammodernamento dell attività amministrativa della Regione Lazio attraverso una duplice strategia: prendere atto dello stato di arretratezza in cui versava il sistema informativo, ed operare con rapidità a colmare un gap ormai sempre più profondo tra la società amministrata e l arretratezza degli strumenti pubblici per rispondere alle sfide dello sviluppo. Sul versante della costruzione di una rete di e-government l obiettivo è legare in un unico e solidale schema di trasmissione informativa tutti gli enti pubblici della Regione Lazio così da migliorare attraverso lo strumento informatico la potenzialità operativa e aumentando in tale modo la produttività pubblica, non solo regionale, ma dell intero sistema delle autonomie locali. Infatti il piano di e-government, oggi in fase di avanzata realizzazione, può costituire una valida risposta al ritardo accumulato in questi anni di mancata introduzione delle tecnologie informatiche nella Pubblica Amministrazione. Questi strumenti devono essere anche al servizio del sistema statistico regionale per la diffusione dell informazione. Il piano di lavoro nella costruzione di sistemi informativi si identifica in due diverse fasi: 1. la prima fase della realizzazione di rete di e-government, consente di offrire all utente cittadino fin da subito, di accedere a servizi (on line) in modo da facilitare il suo rapporto con la P.A. in termini di certificazione, ecc.; 2. la seconda, di medio periodo, permette l interconnessione tra tutte le amministrazioni e la condivisione informativa anche con altri soggetti quali famiglie ed imprese, attraverso la realizzazione di un portale unico (one-stop shops). Questa seconda fase coincide con la rivoluzione culturale che dovrà investire l operatività pubblica attraverso una struttura organizzativa che ne migliori l efficacia nell intervento pubblico a favore del miglioramento della vita del cittadino e dell aumento di competitività del sistema Paese. Sotto questo profilo la statistica rappresenta una funzione strategica, per lo sviluppo della seconda fase di e-government, attraverso la possibilità dello scambio delle informazioni tra i diversi soggetti coinvolti e non di semplici scambi di dati. Le informazioni infatti provengono da una corretta organizzazione dei dati e metadati. La statistica che per definizione costituisce la scienza dello Stato consente attraverso gli strumenti metodologici che le sono propri, di avere attraverso una base di flussi informativi, realizzata secondo un criterio organizzativo a rete nei sistemi statistici nazionali e locali, la conoscenza dei fenomeni socio-economici. Inoltre una buona organizzazione statistica consente vi

6 l adozione di linguaggi standard per lo scambio tra tutti i soggetti interessati di polis di governo, effettuate su dati (e metadati), così da assicurare l adozione di politiche più adeguate in termini di efficacia, efficienza ed economicità, e la loro verifica, attraverso la misura della soddisfazione dell utente (customer). La Regione Lazio ha quindi attraverso il SISTAR-Lazio attuato la funzione operativa del Federalismo Statistico così da consentire la partecipazione delle strutture statistiche provinciali e comunali, identificando attraverso il Piano Statistico Regionale gli strumenti più adeguati per l uso di indicatori appropriati e condivisi da applicare alle metodologie di programmazione pubblica. Allo stato si osserva che nel quadro dell organizzazione statistica esistente si evidenziano due grandi aggregati informativi: le informazioni derivanti da indagini campionarie o dai censimenti e quelle derivanti dall attività amministrativa (giacimenti informativi amministrativi). Questi giacimenti costituiscono un grande serbatoio di dati che possono soddisfare esigenze informative a più basso costo rispetto ai primi, solo se questi sono organizzati con criteri metodologici adeguati. Legare le informazione dei censimenti con gli archivi amministrativi consente di abbassare i costi di produzione informativa, di ottenere informazioni dinamiche territorializzate (Geographich Information System - G.I.S.) consente inoltre di aggiornare e verificare lo stato degli archivi esistenti. Sul versante della organizzazione statistica per l e-government si è preso atto che a fronte di giacimenti informativi di grande consistenza distribuiti in ogni ufficio operativo pubblico l informazione statistica ricavabile è a causa di una generale disattenzione di politica dell informazione pressoché nulla; essa cioè, non fornisce alcun contributo alle esigenze conoscitive per le scelte dell intera pubblica amministrazione. Ciò induce spesso a ricorrere a commissionare ricerche esterne, facendo lievitare i costi di produzione informativa, per colmare i deficit informativi, che si generano a causa di questo non intervento organizzativo nella struttura archivistica degli uffici operativi. Una ricerca condotta dal Sistema Statistico Regionale aveva evidenziato già all inizio del 2001 che giacimenti informativi esistenti in soli quattro assessorati della Regione Lazio erano risultati oltre 400. Questi sono mal organizzati e le informazioni da essi ricavabili sono pressoché nulle, né queste possono essere confrontabili e/o integrabili con quelle esistenti in campo nazionale individuate nel Piano Statistico Nazionale. Preso atto che questa realtà produce di fatto la perdita assoluta delle informazioni necessarie, per consentire un miglioramento operativo, già all inizio del 2001 si è avviata una riflessione approfondita al fine di realizzare un nuovo modello operativo nella organizzazione statistica della Regione. vii

7 A questo scopo con l ausilio del dipartimento informatica e sistemistica e del dipartimento di statistica, dell università la Sapienza il SISTAR-Lazio ha avviato lo studio sperimentale per organizzare le potenzialità informative esprimibili attraverso gli archivi interni e il loro collegamento con le altre strutture informative giacenti nel più generale sistema statistico nazionale. Il risultato dello studio che offriamo alla conoscenza di quanti sono interessati alla nostra produzione statistica costituisce un patrimonio scientifico di altissimo interesse poiché per la prima volta si è posto in modo concreto l avvio di un vero processo di costruzione di quelle banche dati (data warehouse) che pur espresse come obiettivi operativi in numerose leggi di produzione nazionale e regionale rimanevano solo desideri comportamentali senza alcun contributo che consentisse di tradurre quelle normative in azioni concrete. La presente pubblicazione ha il pregio di segnalare i criteri che si dovranno adottare per gestire dati di business e dei relativi livelli architetturali di Datawarehouse (DW). E questo lo stadio necessario per affrontare con minori spese possibili l introduzione di un moderno sistema operativo che correlato al programma di e-government potrà realizzare quella rivoluzione copernicana tanto attesa da una società civile che vive una realtà tecnologica in forte evoluzione innovativa. Il progetto di DW applicato ad un solo settore operativo quello del settore sociale, che realizzeremo nell attuazione del piano statistico regionale sarà la sfida verso il completamento del più generale disegno di una moderna amministrazione che vuole porsi alla guida dello sviluppo e del benessere della popolazione amministrata. Ing. Giulio Gargano Assessore al Personale, Informatica e Statistica. viii

8 Sommario Introduzione dell On.Francesco Storace Prefazione dell Assessore Ing.Giulio Gargano 1 Sintesi...ix 1.1 Introduzione...x 1.2 Descrizione del progetto...xi 1.3 Il Data warehouse...xiii 1.4 Metadati...xiii 1.5 Il cruscotto informativo...xiv 1.6 Data mining...xiv 1.7 Il piano di lavoro...xv 1.8 La struttura organizzativa e di supporto decisionale...xv 2 Introduzione Motivazioni e finalità Organizzazione in fasi dello studio Lo studio di fattibilità La realizzazione pilota Progetto e realizzazione del sistema Contenuti della relazione Il Data Warehouse Problematiche generali Dati gestiti da un data warehouse Dati di Business Metadati Livelli architetturali di un DW Architettura ad un livello Architettura a due livelli Architettura a tre livelli Accesso ai dati di un DW Interfaccia utente Funzionalità di navigazione e metadati...14

9 4 Il sistema informativo statistico della Regione Lazio Architettura generale proposta per il sistema Utenti e livelli di accesso Dati e metadati Gli studi pilota e la loro attuazione Lo studio pilota L'assessorato delle politiche sociali Tipologia delle fonti informative L'analisi delle fonti informative Classificazione delle fonti Organizzazione dello schema dei metadati Criteri di classificazione delle fonti Tabelle descrittive delle Entità e delle Relazioni Descrizione delle Entità Descrizione delle Relazioni Il prototipo Descrizione del prototipo Ristrutturazione dello schema E-R Schema relazionale Manuale utente Prerequisiti per l utilizzo dell applicazione Avvio, navigazione, gestione dei dati e ricerche Sezione Catalogo Sorgenti Sezione Gestione del Thesaurus Sezione Ricerche Proposta operativa Fase 1: Realizzazione del data warehouse di primo livello Attività Analisi Attività Progettazione (dati e metadati) Attività 1.3 Realizzazione (metadati) Attività 1.4 Realizzazione (dati) Attività 1.5 Sperimentazione Fase 2: Realizzazione del data warehouse di secondo livello Attività 2.1 Estensione dei requisiti Attività 2.2 Individuazione delle nuove tematiche di interesse...74 ii

10 8.2.3 Attività 2.3 Progettazione Attività 2.4 Realizzazione (dati, metadati e data mart) Fase 3: Estensione del data warehouse di secondo livello Riepilogo delle attività Gantt Elenco dei deliverable Gruppo di lavoro Appendice A: Elenco delle fonti informative analizzate Allegato A : Il prototipo "Catalogo Sorgenti" iii

11 2 Introduzione Il presente documento costituisce la relazione finale dell'attività svolta dal Dipartimento di Informatica e Sistemistica dell'università di Roma "La Sapienza" (DIS nel seguito) nell'ambito dello Studio di fattibilità commissionato dalla Regione Lazio. 2.1 Motivazioni e finalità La L.R n.14/99 sul decentramento amministrativo nel Lazio all art.32 promuove l attivazione del Sistema Informativo-Statistico sia regionale che delle Amministrazioni locali in essa operanti (SIARL). In particolare la L.R. n.14/99 afferma che la Regione Lazio dovrà utilizzare tale sistema al fine di verificare e misurare l efficacia delle proprie attività. Tale sistema dovrà da un lato essere integrato con sorgenti informative preesistenti, dall altro servire da supporto per l attività di enti esterni autorizzati ad accedere alle informazioni raccolte. Il Sistema Informativo-Statistico Regionale si profila, quindi, come un vero e proprio data warehouse, in cui dovranno confluire informazioni che rappresentano le grandezze di interesse per le attività dei vari uffici della regione Lazio legate al territorio amministrato. Si può realisticamente assumere che una grossa quantità di informazioni utili al conseguimento degli obbietivi imposti dalla L.R. 14/99 siano detenute, sotto varie forme, nei sistemi informativi di numerosi soggetti, sia pubblici che privati, distribuiti sul territorio regionale. Il progetto è molto ambizioso e di notevole complessità, e presenta caratteristiche fortemente innovative a livello nazionale. In tal senso si osserva che non si hanno attualmente nella Pubblica Amministrazione esempi significativi di integrazione di sorgenti di dati così numerose ed eterogenee. Inoltre, si profilano una serie di problemi per quanto riguarda la proprietà dei dati, essendo le singole amministrazioni tipicamente riluttanti a cederli e a condividerne l uso. Questo tipo di difficoltà potrebbe tuttavia essere risolto in un contesto di reciprocità, cioè concedendo a tali amministrazioni la possibilità di accedere al Sistema Informativo-Statistico Regionale, ed anche a prelevare da esso dati integrati. Tutti questi motivi suggeriscono una strategia di realizzazione graduale nel tempo del progetto. Ciò consentirà di valutare in modo appropriato le scelte tecniche e i vantaggi per l amministrazione e per ridurre i costi complessivi di realizzazione, e di raffinare le strategie e le tecniche in sede di realizzazione definitiva. Più precisamente si propone un articolazione in tre fasi, descritte in dettaglio nella prossima sezione:?? studio di fattibilità,?? realizzazione pilota,?? progettazione e realizzazione del sistema.

12 2.2 Organizzazione in fasi dello studio Lo studio di fattibilità Questa fase ha come obbiettivi l analisi del problema, l'analisi dello stato dell'arte, la determinazione della strategia complessiva e la definizione dettagliata delle specifiche della seconda fase. In particolare si intende individuare un settore delimitato su cui avviare, nella seconda fase, una realizzazione pilota. Gli ostacoli più rilevanti alla fruizione di informazioni distribuite in archivi di diversi enti risiedono, oltre che nella semplice conoscenza dell esistenza delle varie sorgenti informative, nella accuratezza della descrizione del contenuto informativo delle sorgenti, sia dal punto di vista semantico che dal punto di vista più strettamente tecnico. Queste difficoltà possono essere superate solo attraverso la messa a punto di una metodologia per la descrizione formale delle sorgenti informative, metodologia che, unitamente alla individuazione di un' architettura di riferimento, costituisce l'obbiettivo principale dello studio di fattibilità. Per raggiungere tale risultato sarà necessario procedere ad un censimento delle sorgenti informative, censimento che evidenzierà le inevitabili differenze nelle caratteristiche delle varie fonti. Tali differenze riguardano sia le tipologie di sorgenti, sia le caratteristiche dei dati contenuti. La metodologia così individuata permetterà di raccogliere le caratteristiche delle sorgenti informative necessarie per una loro classificazione. Tali caratteristiche saranno memorizzate in una base di metadati, sulla quale verranno definite opportune interfacce di interrogazione e navigazione. I risultati di questa prima fase rappresentano il primo passo per la definizione dell input da fornire alle procedure automatiche di popolamento del data warehouse, da realizzare nella terza fase del progetto. Le metodologie descritte e le specifiche dell interfaccia di navigazione verranno sperimentate sul settore pilota durante la seconda fase La realizzazione pilota Come specificato sopra, lo studio di fattibilità non prevede al suo interno un attività di prototipazione, ma piuttosto la sua specifica. Il prototipo sarà invece realizzato nella seconda fase. La realizzazione pilota ha dunque come obbiettivo la convalida delle metodologie definite nella prima fase e del corretto soddisfacimento dei requisiti utente. A tal fine, sarà necessario individuare uno specifico settore di interesse. Tale settore deve godere di due caratteristiche: 2

13 significatività e rappresentatività. Con la prima intendiamo che in tale settore ricadano meccanismi decisionali ed ambiti di azione politica che siano percepiti come significativi per l Amministrazione Regionale. La realizzazione pilota in tale settore deve pertanto poter consentire una piena valutazione dell efficacia, in termini di benefici pere l Amministrazione, dell azione proposta. Con rappresentatività intendiamo invece la garanzia che nel processo di realizzazione pilota siano effettivamente toccate tutte le problematiche che lo studio di fattibilità ha individuato come centrali e critiche per la realizzazione definitiva del sistema, quali ad esempio la varietà nella tipologia delle sorgenti informative e la ricchezza nella struttura dei metadati Progetto e realizzazione del sistema Questa terza ed ultima fase è ovviamente anche la più cospicua ed impegnativa, ed è articolata su tre interventi:?? ingegnerizzazione del sistema pilota (interrogazione e navigazione nella base dei metadati);?? popolamento della base dei metadati su tutti i settori di interesse per la Regione Lazio;?? costruzione del data warehouse, con la realizzazione degli opportuni moduli di raccolta e riconciliazione dei dati dalle sorgenti informative di interesse. La realizzazione di questi tre interventi dovrà essere demandata a soggetti industriali, i quali agiranno nell ambito delle metodologie individuate e definite con dettaglio a livello di studio di fattibilità. Grazie ai risultati delle due fasi precedenti, ed all esperienza in esse maturata, dovrebbero esistere tutti i presupposti per una stima dei relativi costi e per una pianificazione e programmazione di massima. 2.3 Contenuti della relazione L'attività di ricerca condotta dal DIS ha portato al completamento delle due prime fasi, ovvero lo studio di fattibilità e la implementazione del caso di studio pilota relativo alle politiche per il Sociale. Inoltre, è stata effettuata una stima dei tempi e dei costi necessari alla realizzazione del sistema informativo statistico relativo al settore Sociale. La presente relazione descrive i risultati ottenuti, così esposti nel seguito:?? la sezione 2 contiene una introduzione alle problematiche relative ai Data Warehouse ed alle relative possibili scelte architetturali; 3

14 ?? la sezione 3 descrive la proposta metologica per la realizzazione del Sistema Informativo Statistico della regione Lazio, descrivendo l'architettura prescelta per la sua attuazione, la pianificazione delle attività previste e le specifiche per lo studio pilota;?? la sezione 4 descrive lo studio pilota, mostrando le problematiche del settore Sociale e la tipologia delle fonti informative coinvolte; l'elenco puntuale delle fonti informativecensite è mostrato, invece, in appendice A;?? la sezione 5 mostra la struttura utilizzata per la classificazione delle fonti, descrivendo nel dettaglio lo schema di una base di metadati, contenente tutte le informazioni necessarie alla individuazione ed al reperimento dei dati di interesse;?? la sezione 6 descrive il prototipo realizzato per il caso pilota, fornendo un manuale di utilizzo dello stesso;?? la sezione 7 mostra la stima dei tempi e dei costi previsti per la realizzazione del Sistema Informativo Statistico relativo al settore Sociale. 4

15 3 Il Data Warehouse 3.1 Problematiche generali Il data warehouse è la risposta più efficace all esigenza di comprendere ed analizzare i fattori chiave delle proprie attività produttive, siano esse di tipo imprenditoriale o di tipo amministrativo. L obbiettivo ultimo del data warehouse è, difatti, quello di ricavare un vantaggio strategico dalle proprie informazioni, per poter valutare le scelte fatte in passato e pianificare quelle future. Il data warehouse è quindi orientato al supporto alle decisioni, ed è basato sul principio che i dati presenti nei sistemi informativi di supporto alle attività di base della organizzazione debbono essere profondamente trasformati per essere efficacemente utilizzati. Come si vede, quindi l idea di base di un data warehouse è molto semplice, e consiste sostanzialmente nell osservare come le esigenze dei processi decisionali siano profondamente diverse dal semplice processo di gestione dei dati, e che sia quindi sbagliato tentare di soddisfarle tutte con un unico ambiente. I processi legati alla semplice gestione dei dati sono tipicamente transazionali e richiedono lettura e/o modifica di pochi dati alla volta con tempi di risposta strettissimi. I processi decisionali invece richiedono l accesso a quantità di dati anche molto grandi per produrre risultati sintetici e possono accettare tempi di risposta meno stretti (purchè ragionevoli). Inoltre, mentre le attività legate alla gestione dei dati sono altamente ripetibili, le richieste dei processi decisionali variano di volta in volta in funzione delle esigenze. Una soluzione basata sul concetto di data warehouse affronta il problema in maniera radicale: visto che i due tipi di processi hanno esigenze così diverse, conviene separare gli ambienti che li supportano. Un data warehouse è, quindi, un ambiente separato in cui far convergere (prelevandoli dagli ambienti di produzione) tutte le informazioni utili ai processi decisionali e su cui costruire tutte le funzioni a supporto di tali processi. 3.2 Dati gestiti da un data warehouse Per comprendere le possibili architetture concettuali utilizzate nella progettazione di un data warehouse; risulta necessario premettere un'analisi delle tipologie di dati gestiti da un DW. Ci sono molti tipi di dati memorizzati nei sistemi informatici. Alcuni sono particolarmente appropriati per essere gestiti in un data warehouse, altri no. In questa sezione, dopo una generale caratterizzazione dei dati, verrà identificato il tipico campo di azione di un DW. 5

16 Le coordinate utili per la classificazione dei dati sono tre: 1. Significato. I dati possono avere significato intrinseco o possono rappresentare qualche altra cosa che, a sua volta, ha un suo proprio significato. Un esempio della prima tipologia può essere un libro in formato elettronico, un esempio della seconda può essere una tabella contenente, provincia per provincia, l'investimento complessivo effettuato in un certo anno per il settore Sociale. I dati presenti nei sistemi informativi di una impresa o di un ente amministrativo (business data) cadono quasi sempre nella seconda categoria. Un caso particolare della prima categoria sono i metadati, che rappresentano il significato dei dati stessi. Per la valenza particolare che quest'ultimo tipo di dati riveste, tratteremo questo caso particolare come una terza tipologia di dati. 2. Struttura. I dati possono essere strutturati, essendo definiti in termini di campi collegati o record e/o aggregati, oppure non strutturati, quando la struttura interna non è ben definita. 3. Campo di Azione. I dati possono essere personali, o pubblici. Un corretto campo di azione di un data warehouse dovrebbe comprendere allora dati di business e metadati nella maggior parte pubblici, sia strutturati che non come mostrato in Figura 1. Figura 1 Dati gestiti da un data warehouse Dati di Business I dati di business sono necessari alla gestione dell'organizzazione stessa. Essi rappresentano sia le attività che sono svolte dall organizzazione sia gli oggetti del mondo reale con i quali l organizzazione è solita trattare. È possibile classificare i dati di business in tre distinte categorie: 6

17 1. Real-Time Data. Rappresentano lo stato corrente delle attività svolte dall'organizzazione, e ne consentono lo svolgimento. Sono i dati al più basso livello di dettaglio nell organizzazione e sono creati, manipolati e acceduti quasi esclusivamente da sistemi operazionali o personali. Tali dati vengono gestiti tramite Data Base Management System (DBMS), e sono oggetto delle usuali operazioni di inserimento, ricerca, modifica e/o cancellazione. 2. Dati Derivati (Derived Data). Sono dati ottenuti dai dati real-time tramite un processo di trasformazione. Possono esistere sia ad un elevato livello di dettaglio sia in forma aggregata e, per la loro natura, rappresentano o informazioni puntuali raccolte in un certo istante temporale o di tipo periodico, fornendo una visione storica dell' attività di interesse. I dati derivati vengono acceduti esclusivamente in lettura da applicazioni di supporto alle decisioni (DSS). 3. Dati Riconciliati (Reconcilied Data). Sono dati generati da un processo di razionalizzazione ed integrazione dei dati real-time provenienti da molteplici sorgenti dati. Sono, di fatto, un particolare caso di dati derivati, dove il processo di manipolazione è più di tipo sintattico (risoluzione di omonimie, sinonimie, formato di memorizzazione, ecc.) che di tipo semantico anche se la loro produzione, ha come effetto collaterale la creazione ed il mantenimento di un insieme di dati storici. Nei sistemi di supporto alle decisioni raramente i dati riconciliati sono esplicitamente definiti, e dove esistono raramente sono fisicamente memorizzati. Il più delle volte, infatti, sono soltanto il risultato logico di operazioni eseguite sui dati real-time. Come si vedrà in seguito la costruzione di un livello di riconciliazione dei dati è il passo fondamentale nella costruzione di un data warehouse proprio perchè l importanza di tali dati è stata per lungo tempo trascurata dalle imprese portando alla proliferazione di inconsistenze tra dati operativi. Relativamente alla struttura, appare evidente che la maggior parte dei dati di business è di tipo strutturato; eventuali eccezioni, tipo diagrammi, documenti strategici, ecc., meritano di essere considerati all'interno di un data warehose, ma solo a valle di una completa gestione dei dati strutturati Metadati Con l aumentare della varietà dei dati usati e memorizzati in una impresa, e con l aumentare dei diversi usi che di tali dati è possibile fare, nasce la necessità di formalizzarne la descrizione e l uso, per assicurare che vengano utilizzati in maniera completa e consistente. I metadati, ovvero dati sui dati, soddisfano questa esigenza. 7

18 Come si può facilmente immaginare, i metadati giocano un ruolo fondamentale anche nel campo del data warehousing. Infatti, affinchè un data warehouse sia acceduto e mantenuto in maniera efficiente è necessario conoscere quali dati sono disponibili dove sono collocati, quali procedure di trasformazione sono state effettuate, etc. Una classificazione porta ad individuare tre tipologie di metadati: 1. Metadati di servizio, per la costruzione del sistema informativo, ovvero metadati utilizzati per la creazione e gestione dei dati operazionali. L'origine di questi metadati è antecedente alla creazione del data warehouse ma il loro ruolo in tale contesto è essenziale in quanto contengono tutte le informazioni necessarie per l'integrazione e riconciliazione dei dati; 2. Metadati di controllo, utilizzati dal DW per gestire il funzionamento del data warehouse stesso. Questa tipologia di metadati realizza il collegamento tra i dati operazionali e la struttura del DW; 3. Metadati per l'utente finale, pensati per aiutare l'utente del DW nella ricerca delle informazioni di interesse attraverso l enorme mole di dati disponibili. Alcuni di questi metadati sono derivabili dai metadati di cui al punto 1 e 2, altri devono essere raccolti ad-hoc. Da un punto di vista utente i metadati dovrebbero contenere: a. l origine dei dati (ricavabili dai metadati di servizio), in quanto l utente del data warehouse ha necessità di conoscere da quale sistema provengano i dati da lui richiesti; b. le sequenze di trasformazioni, poichè è fondamentale per un utente conoscere quale trasformazione è stata applicata ai dati nel passaggio dall ambiente operativo al data warehouse; c. i livelli di accesso, contenenti informazioni relative ai permessi di accesso disponibili all utente e a come sia possibile ottenere informazioni al momento non disponibili; d. informazioni temporali, che forniscono la data e l ora dell ultimo aggiornamento effettuato e/o del periodo temporale coperto dai dati stessi; Appare quindi evidente che i metadati rivestono un ruolo fondamentale nel successo di un progetto di data warehouse. 3.3 Livelli architetturali di un DW Le architetture concettuali di un DW si possono classificare in base al grado di disaccoppiamento tra ambiente operazionale ed ambiente decisionale e, di conseguenza, in base al livello di duplicazione dei dati. 8

19 3.3.1 Architettura ad un livello In questo caso non è prevista alcuna ridondanza dei dati. I sistemi decisionali accedono all unica copia dei dati in concorrenza con i sistemi operazionali, con conseguente degradazione delle prestazioni di entrambi (vedi Figura 2). Il vantaggio è dato dalla minimizzazione del volume dei dati e dall eliminazione dei problemi di consistenza causati dalla duplicazione. L assenza di qualsiasi trasformazione dei dati operazionali ed in particolare l assenza di aggregazioni precalcolate contrasta in modo evidente con le esigenze dell analisi decisionale. Operational systems Informational systems Dati Operazionali Figura 2 Architettura concettuale ad un livello I DW con architettura ad un livello sono anche detti data warehouse virtuali, poichè il disaccoppiamento dall ambiente operazionale è gestito direttamente dalle applicazioni decisionali senza il supporto di dati fisicamente organizzati secondo le esigenze dell ambiente informativo. I DW virtuali hanno avuto un iniziale successo dovuto alla rapidità dei tempi di sviluppo. Allo stato attuale vengono però privilegiate architetture più complesse che forniscono una risposta più adeguata ai problemi dell analisi decisionale. L'unico contesto in cui tale approccio ha ancora una notevole validità è quello in cui la mole dei dati operazionali sia tale da scoraggiare qualunque forma di duplicazione Architettura a due livelli. In questo caso il disaccoppiamento del DW dai sistemi operazionali è realizzato tramite l aggiunta di un livello intermedio di dati replicati (vedi Figura 3). L'architettura prevede quindi due livelli separati: 1. un livello di dati real-time, cui accedono i sistemi operazionali in lettura e scrittura; 9

20 2. un livello di dati derivati, cui accedono i sistemi decisionali tipicamente in lettura; in tale livello sono presenti sia dati di dettaglio che dati aggregati, relativi a finestre temporali di differenti dimensioni. I dati derivati sono periodicamente arricchiti tramite processi di estrazione dai dati real-time. L integrazione di questi dati avviene contestualmente all estrazione. La replicazione dei dati elimina il problema della concorrenza tra sistemi decisionali e sistemi operazionali; il prezzo pagato è il notevole aumento dello spazio di memorizzazione necessario. Operational systems Informational systems Derived Data Real-time data Figura 3 Architettura concettuale a due livelli Il buon grado di separazione tra ambiente decisionale e ambiente operazionale, uniti alla semplicità architetturale, hanno determinato un ampia diffusione di questa soluzione, soprattutto nei casi in cui il processo di derivazione e di integrazione è meno complesso, cioè in quelle organizzazioni caratterizzate dall omogeneità dei sistemi operazionali e da un numero limitato di piattaforme hardware e software. Una grossa controindicazione a tale approccio è legata al fatto, non sempre compreso, che il legame esistente tra dati real-time e dati derivati non è affatto lineare: ognuno dei due livelli è, difatti, composto dall'unione di differenti insiemi di dati parzialmente sovrapposti e, tipicamente, gli insiemi di dati presenti nei dati derivati provengono da più d'uno degli insiemi presenti nei dati real-time (vedi Figura 4). Tutto questo produce una notevole complicazione nel livello di gestione ed aggiornamento dei dati derivati, rendendone difficile la manutenzione. 10

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Data Warehouse Architettura e Progettazione

Data Warehouse Architettura e Progettazione Introduzione Data Warehouse Architettura! Nei seguenti lucidi verrà fornita una panoramica del mondo dei Data Warehouse.! Verranno riportate diverse definizioni per identificare i molteplici aspetti che

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Obiettivi. Presentare l evoluzione dei sistemi informativi: da supporto alla operatività a supporto al momento decisionale Definire

Dettagli

Data warehouse. Architettura complessiva con OLTP e OLAP OLTP. Sistemi di supporto alle decisioni

Data warehouse. Architettura complessiva con OLTP e OLAP OLTP. Sistemi di supporto alle decisioni Data warehouse Data warehouse La crescita dell importanza dell analisi dei dati ha portato ad una separazione architetturale dell ambiente transazionale (OLTP on-line transaction processing) da quello

Dettagli

SOLUZIONE Web.Orders online

SOLUZIONE Web.Orders online SOLUZIONE Web.Orders online Gennaio 2005 1 INDICE SOLUZIONE Web.Orders online Introduzione Pag. 3 Obiettivi generali Pag. 4 Modulo di gestione sistema Pag. 5 Modulo di navigazione prodotti Pag. 7 Modulo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Data Warehousing e Data Mining

Data Warehousing e Data Mining Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Sistemi e Informatica A.A. 2011-2012 I primi passi Data Warehousing e Data Mining Parte 2 Docente: Alessandro Gori a.gori@unifi.it OLTP vs. OLAP OLTP vs.

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo

Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi. Introduzione ai sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informativo Ingegneria del Software - applicazioni: Introduzione ai Sistemi Informativi Obiettivi La struttura di un sistema informativo di una organizzazione, negli aspetti che permettono di comprenderne la relazione

Dettagli

I N F I N I T Y P R O J E C T PRESENZE WEB

I N F I N I T Y P R O J E C T PRESENZE WEB I N F I N I T Y P R O J E C T PRESENZE WEB PRESENZE WEB Presenze Web èlasoluzione ideale per l azienda che vuole automatizzare i processi di rilevazione, controllo e gestione dei dati di presenza del personale.

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa KNOWLEDGE MANAGEMENT Pasquale Lops Giovanni Semeraro Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa 1/23 Knowledge Management La complessità crescente della società, l esubero di informazioni

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011

Data warehousing Mario Guarracino Data Mining a.a. 2010/2011 Data warehousing Introduzione A partire dagli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa lezione vedremo

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistemi informazionali La crescente diffusione dei

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI

PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Area Amministrazioni centrali PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI

Dettagli

DATA MINING E DATA WAREHOUSE

DATA MINING E DATA WAREHOUSE Reti e sistemi informativi DATA MINING E DATA WAREHOUSE Marco Gottardo FONTI Wikipedia Cineca Università di Udine, Dipartimento di fisica, il data mining scientifico thepcweb.com DATA MINING 1/2 Il Data

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I PRESENZE WEB

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I PRESENZE WEB I N F I N I T Y Z U C C H E T T I PRESENZE WEB PRESENZE WEB Presenze Web è la soluzione ideale per l azienda che vuole automatizzare i processi di rilevazione, controllo e gestione dei dati di presenza

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007 Data warehousing Introduzione A partire dalla metà degli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa

Dettagli

Analisi funzionale della Business Intelligence

Analisi funzionale della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste PROGRAMMAZIONE MODULARE Indirizzo: INFORMATICA SIRIO Disciplina: INFORMATICA Classe: QUINTA Ore previste: 16 di cui 66 ore di teoria e 99 ore di laboratorio. N. modulo Titolo Modulo Titolo unità didattiche

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

Gestire il ciclo di vita dei documenti: realizzare una gestione documentale in accordo con le norme ISO 9001

Gestire il ciclo di vita dei documenti: realizzare una gestione documentale in accordo con le norme ISO 9001 Gestire il ciclo di vita dei documenti: realizzare una gestione documentale in accordo con le norme ISO 9001 INTRODUZIONE Gran parte del patrimonio informativo di una organizzazione risiede in insiemi

Dettagli

Software NEWAGRI Guida rapida all utilizzo

Software NEWAGRI Guida rapida all utilizzo Software NEWAGRI Guida rapida all utilizzo Versione: 1 Autore: Andrea Bondi Data: 10/11/2009 1 Sommario Sommario... 2 1. Introduzione... 3 2. Caratteristiche tecniche ed architettura del sistema... 3 3.

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management)

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management) Thea PDM Il PDM (Product Data Management) Nell'industria manifatturiera il PDM è un software per la raccolta ed organizzazione dei file nelle divere fasi di ideazione, progettazione, produzione ed obsolescenza

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

Introduzione data warehose. Gian Luigi Ferrari Dipartimento di Informatica Università di Pisa. Data Warehouse

Introduzione data warehose. Gian Luigi Ferrari Dipartimento di Informatica Università di Pisa. Data Warehouse Introduzione data warehose Gian Luigi Ferrari Dipartimento di Informatica Università di Pisa Data Warehouse Che cosa e un data warehouse? Quali sono i modelli dei dati per data warehouse Come si progetta

Dettagli

Organizzazione degli archivi

Organizzazione degli archivi COSA E UN DATA-BASE (DB)? è l insieme di dati relativo ad un sistema informativo COSA CARATTERIZZA UN DB? la struttura dei dati le relazioni fra i dati I REQUISITI DI UN DB SONO: la ridondanza minima i

Dettagli

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico Introduzione ai sistemi informativi Cosa è un Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione delle informazioni aziendali è essenziale per il funzionamento

Dettagli

Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici

Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici 1 Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici 2 Laboratorio di Progettazione e Sviluppo di Sistemi Informatici Parte del corso intersettoriale "Laboratorio di Progettazione e Sviluppo

Dettagli

Sistemi informativi aziendali

Sistemi informativi aziendali Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGIE WEB PER IL TURISMO - 1 a.a. 2012/2013 Section 1 Introduzione Introduzione ai sistemi

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) L IMPATTO SULLA GESTIONE LA MISURAZIONE DELL IMPATTO IL SUPPORTO ALLA CREAZIONE DEL VALORE L INTEGRAZIONE ESIGENZE DEL BUSINESS

Dettagli

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML Introduzione L applicazione EXPLOit gestisce i contenuti dei documenti strutturati in SGML o XML, utilizzando il prodotto Adobe FrameMaker per

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

in questo numero: A proposito di Granaio n. 43/2011 novembre CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA

in questo numero: A proposito di Granaio n. 43/2011 novembre CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA n. 43/2011 novembre in questo numero: A proposito di Granaio CONSORZIO AGRARIO DEL PIEMONTE ORIENTALE CONSORZIO AGRARIO DELLA MAREMMA TOSCANA Regioni coinvolte: Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia

Dettagli

Database e Microsoft Access. Ing. Antonio Guadagno

Database e Microsoft Access. Ing. Antonio Guadagno Database e Microsoft Access Ing. Antonio Guadagno Database e Microsoft Access Un Database non è altro che un insieme di contenitori e di strumenti informatici che ci permette di gestire grossi quantitativi

Dettagli

BUSINESS FILE OGNI DOCUMENTO AL SUO POSTO

BUSINESS FILE OGNI DOCUMENTO AL SUO POSTO BUSINESS FILE OGNI DOCUMENTO AL SUO POSTO I MODULI DI BUSINESS FILE Nella versione Net di BUSINESS FILE sono disponibili i seguenti moduli: > BF_K Software development kit > BF01 Archiviazione, visualizzazione,

Dettagli

Stefania Marrara - Esercitazioni di Tecnologie dei Sistemi Informativi. Integrazione di dati di sorgenti diverse

Stefania Marrara - Esercitazioni di Tecnologie dei Sistemi Informativi. Integrazione di dati di sorgenti diverse Politecnico di Milano View integration 1 Integrazione di dati di sorgenti diverse Al giorno d oggi d la mole di informazioni che viene gestita in molti contesti applicativi è enorme. In alcuni casi le

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

ARCHIVI CLASSICI. Concetti di base

ARCHIVI CLASSICI. Concetti di base ARCHIVI CLASSICI Concetti di base Per svolgere una qualsiasi attività gestionale, amministrativa, o statistica è necessario utilizzare grandi quantità di dati e scegliere per essi una opportuna organizzazione,

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

Caratteristiche principali. Contesti di utilizzo

Caratteristiche principali. Contesti di utilizzo Dalle basi di dati distribuite alle BASI DI DATI FEDERATE Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Università di Roma La Sapienza Anno Accademico 2006/2007 http://www.dis.uniroma1.it/

Dettagli

piemonte Direzione Tributi PROGETTO DI ANAGRAFE TRIBUTARIA DEL PIEMONTE

piemonte Direzione Tributi PROGETTO DI ANAGRAFE TRIBUTARIA DEL PIEMONTE CSI piemonte Direzione Tributi PROGETTO DI ANAGRAFE TRIBUTARIA DEL PIEMONTE INDICE SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE.... 3 RIFERIMENTI... 3 OBIETTIVI DELL ATP... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE

DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Dipartimento di Ingegneria di Enzo Ferrari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica (270/04) DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE Relatore

Dettagli

SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling. Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business

SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling. Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business SOLUTION BRIEF CA ERwin Modeling Come gestire la complessità dei dati e aumentare l'agilità del business CA ERwin Modeling fornisce una visione centralizzata delle definizioni dei dati chiave per consentire

Dettagli

disponibili nel pacchetto software.

disponibili nel pacchetto software. Modulo syllabus 4 00 000 00 0 000 000 0 Modulo syllabus 4 DATABASE 00 000 00 0 000 000 0 Richiede che il candidato dimostri di possedere la conoscenza relativa ad alcuni concetti fondamentali sui database

Dettagli

Breve descrizione del prodotto

Breve descrizione del prodotto Breve descrizione del prodotto 1. Il software AquaBrowser Library...2 1.1 Le funzioni di Search Discover Refine...3 1.2 Search: la funzione di ricerca e di presentazione dei risultati...3 1.2.1 La configurazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER: TECNICO DELLE ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB

CORSO DI FORMAZIONE PER: TECNICO DELLE ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB Avviso Pubblico PROV-BR 02/2013 PO FSE 2007/2013 ASSE II OCCUPABILITA' Formazione per Inserimento-Reinserimento Lavorativo Approvato con D.D. n.85 del 24/01/2014, pubblicata sul BURP n. 17 del 06/02/2014

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Archivi e database. Lezione n. 7

Archivi e database. Lezione n. 7 Archivi e database Lezione n. 7 Dagli archivi ai database (1) I dati non sempre sono stati considerati dall informatica oggetto separato di studio e di analisi Nei primi tempi i dati erano parte integrante

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

Basi di Dati Complementi Esercitazione su Data Warehouse

Basi di Dati Complementi Esercitazione su Data Warehouse Sommario Basi di Dati Complementi Esercitazione su Data Warehouse 1. Riassunto concetti principali dalle slide della lezione di teoria 2.Studio di caso : progettazione di un Data Warehouse di una catena

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

Lo strumento. di Business Intelligence alla portata di tutti

Lo strumento. di Business Intelligence alla portata di tutti B USINESS I NTELLIGENCE Lo strumento di Business Intelligence alla portata di tutti Modulo INFOREADER INFOREADER è il modulo di INFOBUSINESS che consente di abilitare la postazione di lavoro alla visualizzazione

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015)

Dettagli

Base di dati e sistemi informativi

Base di dati e sistemi informativi Base di dati e sistemi informativi Una base di dati è un insieme organizzato di dati opportunamente strutturato per lo svolgimento di determinate attività La base di dati è un elemento fondamentale per

Dettagli

Data warehouse Introduzione

Data warehouse Introduzione Database and data mining group, Data warehouse Introduzione INTRODUZIONE - 1 Pag. 1 Database and data mining group, Supporto alle decisioni aziendali La maggior parte delle aziende dispone di enormi basi

Dettagli

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Basi di dati: Microsoft Access INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Database e DBMS Il termine database (banca dati, base di dati) indica un archivio, strutturato in modo tale

Dettagli

Object-Relational Mapping

Object-Relational Mapping Object-Relational Mapping Versione Preliminare Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi

Dettagli

Big Data e Customer Engagement

Big Data e Customer Engagement 2013 Big Data e Customer Engagement Una Ricerca di: Novembre 2013 SOMMARIO PRINCIPALI RISULTATI DELLO STUDIO 2 INTRODUZIONE 5 COSA SONO I BIG DATA 5 PERCHÉ I BIG DATA SONO DIVENTATI IMPORTANTI 6 ADOZIONE

Dettagli

L ottimizzazione dei processi con Microsoft Office System: come generare e misurare il valore per le aziende

L ottimizzazione dei processi con Microsoft Office System: come generare e misurare il valore per le aziende MICROSOFT BUSINESS DESKTOP MICROSOFT ENTERPRISE CLUB Disponibile anche sul sito: www.microsoft.com/italy/eclub/ L ottimizzazione dei processi con Microsoft Office System: come generare e misurare il valore

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica Applicata 2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli