I l m e r c a t o d e i s i s t e m i d i p a g a m e n t o : s t r a t e g i e d i s v i l u p p o e m o d e l l i d i i m p r e s a.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I l m e r c a t o d e i s i s t e m i d i p a g a m e n t o : s t r a t e g i e d i s v i l u p p o e m o d e l l i d i i m p r e s a."

Transcript

1 I l m e r c a t o d e i s i s t e m i d i p a g a m e n t o : s t r a t e g i e d i s v i l u p p o e m o d e l l i d i i m p r e s a. Devid Jegerson Contattatemi tramite se desiderate avere la copia completa di questo ebook. me to if you desire the complete version of this ebook.

2 INDICE INTRODUZIONE CAPITOLO 1: DEFINIZIONE E STORIA DEI SISTEMI DI PAGAMENTO Premessa I sistemi di pagamento Gli strumenti di pagamento CAPITOLO 2: ANALISI DELL AMBIENTE ESTERNO Scenario Analisi del contesto regolamentare La SEPA La Payment Service Directive e le Payment Institutions La moneta elettronica Evoluzione dei circuiti di pagamento Dematerializzazione dei documenti e tracciabilità Le leggi antiriciclaggio MVNO (Mobile Virtual Network Operator) Analisi degli aspetti economici Analisi delle tecnologie EMV RFid- Contactless Mobile payments Internet e il mondo ecommerce Fatturazione elettronica Analisi dei comportamenti sociali Principali economics del settore Volumi Evoluzione del settore Costi e ricavi nel sistema dei pagamenti Impatto economico di SEPA L arena competitiva Modelli di funzionamento Analisi di settore I concorrenti La differenziazione del prodotto Potenziali entranti La concorrenza dei prodotti sostitutivi Il potere contrattuale degli acquirenti Il potere contrattuale dei fornitori Fattori critici di successo CAPITOLO 3: ANALISI DELL AMBIENTE INTERNO La catena del valore Strutture organizzative Risorse e competenze Risorse tangibili Risorse intangili Risorse umane Benchmarking CAPITOLO 4: SWOT ANALYSIS E VANTAGGIO COMPETITIVO Analisi swot Vantaggio competitivo CAPITOLO 5. SCENARI EVOLUTIVI E OPZIONI STRATEGICHE

3 5.1 Segmenti a maggiore crescita Scenari futuri e opzioni strategiche Le opzioni strategiche per l operatore bancario Le opzioni strategiche per l IMEL Le opzioni strategiche per l operatore non finanziario Nuove value proposition per il mercato CAPITOLO 6. VALUTAZIONI PER LA COSTITUZIONE DI UNA PAYMENT INSTITUTION Conclusioni Bibliografia

4 INDICE DELLE FIGURE Figura 1: Componenti e relazioni fra attori nel sistema dei pagamenti. Fonte: elaborazione dell autore Figura 2: Topologia degli strumenti di pagamento di base e innovativi (e-payments). Fonte: elaborazione dell'autore su ricerca Oliver Wyman Figura 3: Situazione attuale del mercato europeo dei pagamenti Fonte: elaborazione personale da dati PwC.26 Figura 4: Scenario di mercato, le forze in campo. Fonte: elaborazione dell autore da dati PwC Figura 5: Interazione tra i vari operatori europei nel mercato dei pagamenti. Fonte: The European scenario of digital payment system and smart card, FTI Figura 6: impianto normativo della SEPA. Fonte: elaborazione dell autore da intervento del Dott. Ugo Bechis, Membro Plenary Board EPC in occasione dell evento Planet Card Figura 7: Applicazione di SEPA nei paesi europei. Fonte: elaborazione dell'autore su dati PwC Figura 8: Piano di implementazione SEPA in Europa. Fonte: elaborazione dell autore da dati ECB e PwC Figura 9: Calendario di adozione delle varie normative SEPA. Fonte: elaborazione dell'autore su dati PwC Figura 10: Struttura Organizzativa del Comitato Nazionale. Fonte sito ABI 36 Figura 11: Piano di implementazione SEPA in Italia (MasterPlan ABI). Fonte: elaborazione dell autore da dati A.B.I Figura 12: Impatti di SEPA sui vari componenti (Standard, Infrastruttura). Fonte: elaborazione dell autore da dati PwC Figura 13: Connessioni necessarie tra i diversi protocolli di comunicazione. Fonte: elaborazione dell autore da dati PwC Figura 14: Connessioni necessarie tra i diversi protocolli di comunicazione con l'introduzione dello standard ISO Fonte: elaborazione dell autore da dati PwC Figura 15: Componenti nella gestione dei pagamenti. Fonte: elaborazione dell autore su schema A.B.I. e dati PwC Figura 16: Confronto tra gli eventi economico-politici più importanti degli ultimi anni. Fonte: elaborazione dell'autore su dati PwC Figura 17: Ampiezza di adozione della direttiva PSD rispetto alla normativa SEPA. Fonte: elaborazione dell'autore su dati PwC Figura 18: Classificazione degli strumenti di moneta elettronica. Fonte: elaborazione dell autore Figura 19: Modelli verticali di utilizzo delle carte prepagate. Fonte: elaborazione dell'autore su dati SIA-SSB (Gianluigi Rocca, "Prepaid solution now open for business ") Figura 20: Distribuzione di carte di credito e debito per tipologia di carta. Fonte: Banca d'italia e Osservatorio e- Commitee A.B.I Figura 21: Le tre diverse opzioni per il circuito di pagamenti di debito Italiano. Fonte: A.B.I Figura 22: Il mercato di riferimento e la quota di acquiring. Fonte: ECB Blu Book Dicembre 2006, documenti di progetto EAPS, analisi A.T. Kearney Figura 23: Il mercato di riferimento e la quota di acquiring. Fonte: ECB Blu Book Dicembre 2006, documenti di progetto EAPS, analisi A.T. Kearney Figura 24: I diversi attori nel mercato radiomobile. Fonte: Delibera n. 544/00/CONS. Condizioni regolamentari relative all'ingresso di nuovi operatori nel mercato dei sistemi radiomobili Figura 25: Andamento del PIL nell'area euro e dei consumi (dati in percentuale). Fonte: Banca d'italia, Relazione annuale Figura 26: Previsione della spesa delle famiglie italiane e dell'andamento dei prezzi. Fonte: elaborazione dell'autore da dati Prometeia Figura 27: Confronto tra i prezzo dei prodotti di pagamento Europei e resto del mondo. Fonte: Capgemini, World Retail Payment Report / 11

5 Figura 28: Ammontare totale delle rimesse nel mondo (dati in milioni di dollari). Fonte: World Bank, Revisions to Remittance Trends Figura 29: Primi 10 paesi con il maggior volume di denaro ricevuto (dati in milioni di dollari). Fonte: World Bank, Revisions to Remittance Trends Figura 30: Fattori chiave di cambiamento nell'ambito economico. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 31: Architettura del progetto PosteTouch per l'utilizzo della tecnologia NFC tramite i telefoni cellulari Nokia. Fonte: Prof. Carlo Maria Medaglia, "La tecnologia NFC", Sistemi e Tecnologie della Comunicazione, Università La Sapienza di Roma Figura 32: Confronto navigatori web e compratori online in UK, Francia e Italia. Fonte: Politecnico di Milano, Osservatorio ecommerce Figura 33: Il 50 per cento delle transazioni di pagamento con carta prepagata sono effettuate online. Fonte: elaborazione dell autore da report Banca d'italia Figura 34: Elaborazione da schema Eni-Sofid, "Come Sofid si prepara a CBI2 e SEPA", Milano, 20/10/2006 (pag.6) Figura 35: Elementi frenanti lo sviluppo della fatturazione elettronica. Fonte: "La fatturazione elettronica: benefici non solo sulla carta" POLITENICO di Milano Figura 36: Motivi di non acquisto su internet (risposta multipla).fonte: elaborazione dell autore da dati di ricerca NIELSEN ("SMART CARD: LE NUOVE OPPORTUNITA DI MERCATO", Marco Dell Acqua, 2004) Figura 37: Suddivisione dei conti Dispositivi e Informativi sui vari canali di accesso. Fonte: Osservatorio e- commitee A.B.I., rilevazione al 31 Dicembre Figura 38: Utilizzo dell'internet banking da parte delle famiglie nei principali paesi europei a fine Fonte: A.B.I. Rapporto 2007 sul mercato del lavoro nell industria finanziaria Figura 39: Fattori chiave di cambiamento nell'ambito socio-comportamentale. Fonte: elaborazione dell'autore.101 Figura 40: Volumi dei pagamenti (numero transazioni) non in contante dei principali paesi europei. Fonte: elaborazione dell autore su dati Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu) Figura 41: Valore dei pagamenti non in contante dei principali paesi europei. Fonte: elaborazione dell autore su dati Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu) Figura 42: Andamento dei volumi totali di pagamenti non in contante in Europa dal 2000 al Fonte: elaborazione dell autore su Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu) Figura 43: Evoluzione dei volumi dei pagamenti in Europa nel Fonte: elaborazione dell autore su dati Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu) Figura 44: Tasso di crescita per strumento di pagamento sul numero di transazioni eseguite (eurozona, dati in miliardi). Fonte: elaborazione dell autore su Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu) Figura 45: Tasso di crescita per strumento di pagamento sul valore delle transazioni eseguite (eurozona, dati in miliardi). Fonte: elaborazione dell autore su dati Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu) Figura 46: Modifica dell utilizzo degli strumenti di pagamento (eurozona, dati in miliardi). Fonte: elaborazione dell autore su Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu) Figura 47: Suddivisione del mercato delle carte di pagamento per i principali circuiti internazionali. Fonte: elaborazione dell'autore da dati Nilson report Figura 48: Alcuni indicatori di utilizzo delle carte di pagamento in Italia. Fonte: elaborazione dell'autore da dati banca d'italia Figura 49: Ranking dei principali istituti emittenti di carte di credito e debito. Fonte: elaborazione dell'autore da dati Nilson report Figura 50: Confronto tra grado di accettazione delle carte di pagamento e indice di utilizzo dei POS. Fonte A.B.I Figura 51: Numero e tassi di crescita delle operazioni di pagamento eseguite su POS. Fonte: Massimo Doria, Banca d Italia, intervento all evento Planet Card Figura 52: Payment mix per abitante. Fonte: elaborazione dell autore su dati da Rapporto Banca d Italia 2008 (Tavola a18.2, Diffusione degli strumenti di pagamento diversi dal contante: confronti internazionali relativi al 2006) e Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu) / 11

6 Figura 53: Origini delle commissioni bancarie attive in Europa. Fonte: elaborazione dell autore su dati World Retail Banking report 2008, Capgemini Figura 54: Crescita del numero delle pagamenti diversi dal contante per abitante (dato 2007 stimato). Fonte: elaborazione dell autore su dati Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu) Figura 55: Percentuali di utilizzo del denaro contante nelle transazioni di pagamento. Fonte: elaborazione dell'autore da dati McKinsey European Payment Profit Pool Analysis: Casting Light in Murky Waters, Figura 56: Confronto delle percentuali di crescita tra utilizzo del denaro diverso dal contante e denaro contante in circolazone. Fonte: elaborazione dell'autore da dati Capgemini "World Payment Report 2008" Figura 57: Crescita del mercato dei pagamenti elettronici nei principali paesi europei. Fonte: elaborazione dell'autore da dati Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu) e Bank of International Settlement (BIS).118 Figura 58: Storia dei sistemi di pagamento avanzati, successi ed insuccessi. Fonte: Oliver Wyman report Figura 59: Ciclo di vita della moneta elettronica nei principali paesi europei. Fonte: elaborazione dell'autore da dati Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu) Figura 60: I quattro scenari di adozione SEPA. Fonte: elaborazione dell autore su schema Capgemini report 2008 in SEPA ABI BlueBook n Figura 61: Incremento delle revenues in caso di non applicazione della SEPA in Europa. Fonte: Capgemini, EC SEPA Impact Study, Figura 62: Evoluzione delle commissioni per i pagamenti nei quattro scenari di applicazione SEPA. Fonte: Capgemini, EC SEPA Impact Study, Figura 63: evoluzione delle revenues in Italia (dati in miliardi) in base al grado di adozione della SEPA. Fonte: elaborazione dell autore su dati Capgemini e Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu) Figura 64: Evoluzione dei costi operativi per gli operatori dei pagamenti in base al grado di attuazione SEPA. Fonte: Capgemini, EC SEPA Impact Study, Figura 65: evoluzione delle costi per transazione in Italia (dati in miliardi) in base al grado di adozione della SEPA. Fonte: elaborazione dell autore su dati Capgemini e Statistical Data Warehouse (http://sdw.ecb.europa.eu).129 Figura 66: Schema delle operazioni di pagamento con evidenziazione delle commissioni di ricavo e costo per i vari operatori. Fonte: elaborazione dell autore su dati PwC Figura 67: Schema delle operazioni di pagamento con strumento diverso da carta di credito. Fonte: elaborazione dell autore su dati PwC Figura 68: Modello delle cinque forze di Porter. Fonte: elaborazione dell autore Figura 69: Schema dei futuri attori operanti nel mercato dei sistemi di pagamento europei. Fonte: elaborazione dell'autore da dati FTI (Forum della tecnologia e dell'informazione) e ARCA research Figura 70: Convergenza di alcuni mercati verso il settore dei pagamenti. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 71: Modello delle cinque forze di Porter applicato al mercato dei pagamenti. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 72: Gruppi strategici nel mercato dei pagamenti. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 73: Grado di concentrazione del sistema bancario italiano, Fonte: elaborazione dell autore su dati Banca d'italia, Relazione annuale Figura 74: Struttura del sistema finanziario italiano. Fonte: Banca d'italia, relazione Figura 75: Raccolta diretta su conti correnti e depositi dei principali gruppi bancari italiani nell anno Fonte: elaborazione dell'autore su dati di bilancio dei gruppi bancari e rapporto banca d'italia Figura 76: Commissioni attive dei servizi di incasso e pagamento dei principali gruppi bancari italiani (voci 40 e 50 del bilancio, dati in milioni). Fonte: elaborazione dell'autore su dati di bilancio dei gruppi bancari e rapporto banca d'italia Figura 77: Strumenti di moneta elettronica emessi. Fonte: elaborazione dell'autore da dati di bilancio 2007 e da presentazioni ufficiali degli operatori Figura 78: Market share per speso su carta dei principali operatori issuer italiani. Fonte: elaborazione dell'autore da dati di bilancio degli operatori, AGCM / 11

7 Figura 79: Market share per intermediato su POS dei principali operatori acquirer italiani. Fonte: elaborazione dell'autore da dati di bilancio degli operatori, provvedimenti AGCM 2007 e dati comunicati in presentazioni ufficiali degli operatori nel corso dell anno Figura 80: confronto delle Merchant fees richiesta da diversi operatori acquirer per l'utilizzo del proprio sistema di accettazione dei pagamenti. Fonte: elaborazione dell'autore da dati ufficiali e ricerche di mercato Figura 81: Raggruppamento degli operatori per dimensione di fatturato. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 82: Processo di consolidamento europeo del mercato del processing. Fonte: elaborazione dell'autore su dati McKinsey Figura 83: Market share dei processor italiani in Italia (2007). Fonte: elaborazione dell'autore su dati Banca d'italia Figura 84: Fattori critici di successo per i consumatori di strumenti di pagamento. Fonte: presentazione dell autore in occasione di NETCOMM Figura 85: Fattori critici di successo per i riceventi del pagamento. Fonte: presentazione dell autore in occasione di NETCOMM Figura 86: Risultati della ricerca sui possessori di carte di debito sugli incentivi ad usare la propria carta. Fonte: MasterCard, PlanetCard Figura 87: Catena del valore two-side market nei trasferimento di fondi. Fonte: Elaborazione dell autore Figura 88: Catena del valore two-side market nei sistemi di pagamento delle carte di credito. Fonte: Elaborazione dell autore Figura 89: Interdipendenze tra i diversi attori del sistema dei pagamenti. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 90: Dettaglio delle operazioni durante il pagamento. Fonte: elaborazione dell autore su dati PwC Figura 91: Dettaglio delle attitivà svolte per l'invio e la ricezione del pagamento. Fonte: elaborazione dell autore.196 Figura 92: Rappresentazione della catena del valore di una banca per la gestione dei pagamenti elettronici. Fonte: elaborazione dell autore su dati PwC Figura 93: potenziale rengineering della catena del valore attuata dalla moneta elettronica e dagli operatori telefonici. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 94: Modello di rilevazione dell'incertezza ambientale. Fonte: elaborazione dell autore da Robert B. Duncan, "Characteristics of Perceived Environments and Perceived Environmental uncertainly" Figura 95: percorsi di crescita organizzativa per le banche retail. Fonte: Capgemini, World retail banking report Figura 96: Struttura organizativa di PosteMobile. Fonte: 205 Figura 97: Fattori di successo per il prodotto PayPal. Fonte: intervento di Giulio Montemagno, Country Manager di PayPal in Italia, al Planet Card Figura 98: Capitalizzazione di mercato dei primi 20 gruppi bancari europei. Fonte: A.B.I., rapporto 2008 sul settore bancario Figura 99: Return of equity delle principali banche europee. Fonte: A.B.I., rapporto 2008 sul settore bancario. 219 Figura 100: Famiglie di servizi di pagamento offerti dalle banche italiane e volumi di utilizzo. Fonte: A.B.I Figura 101: I 100 migliori marchi globali. Fonte: BrandZ Top 100 Most Powerful Brands 2008, Figura 102: analisi sul grado di personalizzazione dell'offerta bancaria tra alcuni competitor europei e extraeuropei. Fonte: Intervento di Capitalia alla Libera Università Maria Ss. Assunta, 18 Aprile Figura 103: valutazione delle risorse e delle capacità delle banche. Fonte: elaborazione dell autore Figura 104: Schema grafico di confronto (key values canvas) tra i prodotti di pagamento online (confronto prodotti bancari e IMEL). Fonte: elaborazione dell'autore su dati pubblici dei prodotti analizzati Figura 105: valutazione delle risorse e delle capacità delle IMEL confrontati con quelli bancari. Fonte: elaborazione dell autore Figura 106: Valutazione delle risorse e delle capacità di un acquirer italiano. Fonte: elaborazione dell autore Figura 107: valutazione delle risorse e delle capacità degli operatori banca, IMEL e acquirer. Fonte: elaborazione dell autore / 11

8 Figura 108: Valutazione delle risorse e delle capacità di una primo operatore MVNO italiano che opera nel settore dei pagamenti. Fonte: elaborazione dell autore Figura 109: Valutazione degli scarti sui punti di forza relativi per i vari operatori misurati nel benchmarking. Fonte: elaborazione dell autore Figura 110: Valutazione delle risorse e delle capacità di tutti gli operatori misurati. Fonte: elaborazione dell autore Figura 111: SWOT Analysis del mercato per l operatore bancario. Fonte: elaborazione dell autore Figura 112: SWOT Analysis del mercato per l operatore IMEL. Fonte: elaborazione dell autore Figura 113: SWOT Analysis del mercato per l operatore acquirer. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 114: Schema punti di forza e debolezza per l'operatore MVNO. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 115: Schema di SWOT analysis per il settore dei pagamenti. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 116: Elenco delle risorse e competenze della banca e della loro unicità. Fonte: Elaborazione dell autore.247 Figura 117: Elenco delle risorse e competenze di un soggetto IMEL e della loro unicità. Fonte: Elaborazione dell autore Figura 118: Elenco delle risorse e competenze di un soggetto acquirer e della loro unicità. Fonte: Elaborazione dell autore Figura 119: Elenco delle risorse e competenze di un soggetto MVNO e della loro unicità. Fonte: Elaborazione dell autore Figura 120: Conti PayPal in Italia. Fonte: presentazione PayPal al Planet Card Figura 121: Le linee attive e Numero di utenti di telefonia mobile in Italia ( ). fonte: elaborazione dell'autore da dati Assinform / NetConsulting Figura 122: Matrice BCG dei mercati e prodotti di pagamento. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 123: Forze di posizionamento e scenari evolutivi del mercato dei pagamenti. Fonte: elaborazione dell autore Figura 124: Evoluzione degli operatori europei. Fonte: elaborazione dell autore Figura 125: Matrice delle direzioni strategiche di Ansoff. Fonte: elaborazione dell'autore sullo schema originario di H. Ansoff, Corporate Strategy, Penguin, Figura 126: Schema delle opzioni strategiche a disposizione dell'operatore bancario. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 127: Scelte possibili per l'entrata l'operatore bancario nell'ambito dell'mvno. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 128: Schema delle opzioni strategiche a disposizione dell'operatore IMEL. Fonte: elaborazione dell'autore.268 Figura 129: Schema delle opzioni strategiche a disposizione dell'operatore non finanziario. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 130: Scelte possibili per l'entrata nel mercato dei pagamenti per lo specifico operatore telefonico. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 131: Ambiti e proposizione di valore dei nuovi strumenti di pagamento. Fonte: elaborazione dell'autore da dati A.B.I Figura 132: Catena del valore di una ipotetica payment institution. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 133: Schema organizzativo di una ipotetica payment institution. Fonte: elaborazione dell'autore Figura 134: approccio progettuali di valutazione e costituzione di una nuova payment institution. Fonte: elaborazione dell'autore su dati PwC / 11

9 INTRODUZIONE Numerose forze esogene ed endogene stanno comportando mutamenti al mercato dei sistemi di pagamento alla sua struttura e ai suoi livelli competitivi. Le modifiche alla regolamentazione bancaria e dei sistemi di pagamento, l accelerazione verso il consolidamento del mercato unico europeo in termini di abbattimento delle barriere geografiche e le enormi innovazioni in ambito tecnologico concorrono all aumento della turbolenza di questo mercato. La modifica della struttura del mercato dei pagamenti sta causando un aumento della pressione competitiva spingendo gli attuali operatori a gestire il cambiamento per cercare nuovi vantaggi competitivi. La creazione di un area unica a livello europeo per la gestione dei pagamenti costituisce una tappa fondamentale del processo di attuazione di tali cambiamenti. L area unificata prende il nome di SEPA (Single Euro Payments Area) e ha l obiettivo di integrare i sistemi di pagamento in Europa unificando e uniformando il mercato a livello tariffario per diminuire i costi ed aumentare la trasparenza per gli utilizzatori. La SEPA ha diversi impatti sugli operatori del settore dei pagamenti da diversi punti di vista: business, processi, strutture organizzative e sistemi informatici inducendo significativi cambiamenti sui modelli industriali e commerciali dei sistemi di pagamento generando opportunità e rischi di carattere commerciale e operativo. Con la SEPA, le banche centrali, la comunità bancaria, le associazioni di consumatori insieme alle imprese sono ora impegnati nella creazione di un sistema integrato di circolazione monetaria creando l occasione per ogni comunità nazionale di rivedere le procedure esistenti e dare nuovo impulso all innovazione nel campo dei pagamenti. L impegno profuso dai paesi nell implementazione della SEPA è volto soprattutto ad aumentare l utilizzo di strumenti elettronici di pagamento da parte degli utilizzatori a scapito del contante, c.d. War on Cash, strumento inefficiente che non consente un adeguato controllo sull intero sistema monetario. L utilizzo del contante, infatti, è ancora molto diffuso, specialmente nel nostro paese. Il reale sfruttamento di tali opportunità create dalla SEPA implica la capacità da parte degli operatori europei del settore di trasformare il proprio modello di business e produrre benefici in termini di recupero dell efficienza organizzativa e abbattimento dei costi operativi. L applicazione delle direttive SEPA consentirà a nuovi operatori di affacciarsi al mercato dei sistemi di pagamento componendo la propria offerta e modello di business in DEVID JEGERSON 9 / 11

10 modo da sfruttare al massimo le efficienze e avendo il vantaggio di poter creare modelli completamente nuovi in competizione a quelli esistenti. Questa ricerca si è posta quindi l obiettivo di analizzare il mercato dei sistemi di pagamento a livello europeo, con un focus sulla situazione italiana, evidenziando l evoluzione del settore, gli stimoli, minacce, vincoli e opportunità per i singoli operatori. L analisi è stata condotta in modo da porre in evidenza il rapporto impresa-ambiente al fine di formulare e mettere a disposizione degli operatori delle opzioni strategiche che siano coerenti non solo con le opportunità e le minacce che provengono dall ambiente esterno (coerenza esterna) ma anche con gli obiettivi e le risorse disponibili ai singoli operatori del mercato (coerenza interna). La ricerca si snoda nei seguenti capitoli: - Capitolo 1 Definizione ed evoluzione dei sistemi di pagamento. In questo capitolo, descrivendo brevemente la storia e l evoluzione dei sistemi di pagamento fino ai giorni nostri, si desidera fornire una descrizione identificativa e funzionale degli strumenti di pagamento ponendo le basi per la comprensione degli approfondimenti successivi. - Capitolo 2 Analisi dell ambiente esterno. In questa sezione si intende analizzare l ambiente esterno in cui agiscono i vari operatori concorrenti evidenziando quali sono le forze ambientali e i conseguenti condizionamenti di tipo normativo, economico, sociale e tecnologico. Si cerca, inoltre, di dimensionare il settore dei sistemi di pagamento, indicando la sua dimensione attuale e quella futura, rappresentando l arena competitiva attraverso il paradigma delle cinque forze di Porter. - Capitolo 3 Analisi dell ambiente interno. Lo scopo di questa sezione è quello di addentrarsi all interno dei singoli operatori al fine di far luce sugli elementi interni degli stessi per rilevare le risorse e le competenze che concorrono alla definizione dei fattori critici di successo per competere sul mercato. - Capitolo 4 Swot analysis e vantaggio competitivo. Dopo aver esplicitato il confronto tra le minacce e le opportunità dell ambiente esterno coniugate con i punti di forza e debolezza dei singoli operatori, in questa sezione la ricerca rileva quali sono gli elementi alla base del vantaggio competitivo espresso dagli operatori e i fattori critici di successo necessari per esprimere il proprio vantaggio competitivo all interno del settore. DEVID JEGERSON 10 / 11

11 - Capitolo 5 Scenari evolutivi e opzioni strategiche. La ricerca evidenzia i probabili scenari evolutivi del settore dei pagamenti indicando le possibili opzioni strategiche a disposizione degli operatori del mercato. - Capitolo 6 Valutazioni per la costituzione di una payment institution. In questo ultimo capitolo la ricerca intende proporre una valutazione delle modalità, caratteristiche e vincoli per una costituzione di una ipotetica società Payment Institution. DEVID JEGERSON 11 / 11

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

SIA GROUP. WELCOME TO INNOVATION. Soluzioni a misura d azienda e del suo core-business

SIA GROUP. WELCOME TO INNOVATION. Soluzioni a misura d azienda e del suo core-business SIA GROUP. WELCOME TO INNOVATION. Soluzioni a misura d azienda e del suo core-business SIA GROUP. WELCOME TO INNOVATION. Soluzioni a misura d azienda e del suo core-business L evoluzione dei sistemi di

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

Rischi e Opportunità nella gestione della sicurezza ecommerce

Rischi e Opportunità nella gestione della sicurezza ecommerce Rischi e Opportunità nella gestione della sicurezza ecommerce Andrea Gambelli Head of Functional Analysis, Fraud, Test and Client Service Management Financial Services Division Roma, 3 Novembre 2011 AGENDA

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI ex articolo 5, comma 4 del decreto legislativo 7 marzo 2005. n. 82 e

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E SERVIZI BANCARI FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E SERVIZI BANCARI (istruzioni di vigilanza della Banca d Italia) SERVIZI DI ACQUIRING/POS Banca Sella S.p.A.- Poste

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA NELLA sua riunione di Consiglio del 1 luglio 2010; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249,

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Chi siamo. SIA Milano, 11 Giugno 2015 2

Chi siamo. SIA Milano, 11 Giugno 2015 2 Prevenzione dei rischi software in ambito finanziario. L esperienza del Gruppo SIA Armando Bolzoni, direttore Software Factory SIA SpA SIA Chi siamo SIA è leader europeo nella progettazione, realizzazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli