Progetto Data Warehouse. Esposito Andrea Nardi Giacomo Pezzella Lorenzo /06/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Data Warehouse. Esposito Andrea - 4705670 Nardi Giacomo - 4713792 Pezzella Lorenzo - 4705303 17/06/2011"

Transcript

1 Progetto Data Warehouse Esposito Andrea Nardi Giacomo Pezzella Lorenzo /06/2011 1/27

2 Indice generale Premessa...3 Obiettivi...3 Modello Concettuale...3 Glossario...4 Attori e casi d'uso...6 Descrizione Fonti...8 Analisi delle fonti e riconciliazione...9 Premessa...9 SDO...9 SPA...10 Riconciliazione SDO e SPA...12 Caritas...12 Generico Centro Comunitario...13 Tesserino STP...13 Riconciliazione Centri Comunitari e Tesserino STP...13 Schema Concettuale, Schema Logico e ETL...15 Schema Concettuale (Di Fatto)...15 SnowFlake Schema...17 ETL...20 Alimentazione...26 Conclusioni /27

3 Premessa Con la legge del 30 luglio 2012, n.189 sono stabilite le disposizioni in materia di immigrazione. La legge 189 definisce sia le diverse categorie in cui lo straniero può essere presente sul territorio che il sistema dei diritti-doveri. In applicazioni a tale legge vengono applicate numerose procedure che generano fonti amministrative gestite ed aggiornate da diversi attori del sistema quali servizi sanitari, ministero dell'interno, tribunale dei minori, ecc... Obiettivi Il nostro compito è quello di fornire le informazioni riguardo al costo e al numero di prestazioni sanitarie consumate dagli stranieri non regolari. Il presente lavoro non si preoccuperà al singolo profilo sanitario e ai suoi costi ma effettuerà delle analisi volumetriche. Inoltre si forniranno delle informazioni per quanto riguarda lo straniero non regolare sul tipo di prestazioni erogate e sulla zone dell'erogazione. Modello Concettuale Lo schema concettuale creato deriva dal analisi degli articoli 34,35 della legge Bossi Fini. La parte di nostro interesse è quella evidenziata in rosso e riportata qua sotto. 3/27

4 Come si può vedere dallo schema, e come già detto negli obiettivi, ci occupiamo della parte sanitaria relativa ai clandestini. Dallo schema si può notare che determinati servizi sanitari vengono garantiti al clandestino. Riassumendo lo schema un clandestino è assicurato per: Cure Ambulatorie ed ospedaliere urgenti Tutela del minore Tutela della Gravidanza e della Maternità Vaccinazioni Diagnosi e cura malattie infettive Interventi di profilassi internazionale. Glossario Territorio: Area definita o delimitata che include porzioni di terreno o di acque, considerata nel nostro caso come possedimento o zona d'interesse di una determinata entità. (Wikipedia) Clandestino: Sono clandestini gli stranieri che sono entrati in Italia senza regolare visto di ingresso. ( Ministero dell'interno) Malattia: Qualsiasi stato patologico o alterazione dell'organismo o di un suo organo dal punto di vista anatomico o funzionale. (Wikipedia) Prestazione sanitaria: Un qualsiasi servizio di tipo sanitario (quindi riguardante la cura di malattie) erogato da una struttura sanitaria. Day Hospital: È una modalità organizzativa di assistenza ospedaliera nella quale il paziente rimane nella struttura solo il tempo necessario per accertamenti, esami o terapie e poi ritorna al proprio domicilio senza occupare un posto letto. (Wikipedia) Interventi profilassi internazionale: L'insieme delle attività e degli interventi amministrativi, anche a contenuto tecnico, messi in atto su persone, beni e mezzi che attraversano il confine nazionale, al fine di assicurare: la tutela della salute pubblica e del singolo dall'esposizione a fattori di rischio biologici o chimici o fisici; la salvaguardia della salute individuale e pubblica, anche legata ai problemi emergenti con i fenomeni migratori; ogni altro adempimento di rilevanza sanitaria anche in attuazione di impegni internazionali. (Ministero della Salute) Diagnosi: Identificazione della malattia, affezione o lesione, della sua sede e della sua natura. (Corriere) Cure: Assistenza prestata da un medico a un paziente. (Dizionario) Ricoveri: Degenza ospedaliera /sistemazione in un centro di cura. Il ricovero può essere di due tipi: Ordinario o Day Hospital. (Dizionario) 4/27

5 SDO: La scheda di dimissione ospedaliera (SDO) è lo strumento di raccolta delle informazioni relative ad ogni paziente dimesso dagli istituti di ricovero pubblici e privati in tutto il territorio nazionale. (Ministero della Salute) STP: Stranieri temporaneamente presenti. Consente agli stranieri non in regola con le norme relative all ingresso e al soggiorno di usufruire delle cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti e comunque essenziali, anche se continuative, per malattia ed infortunio. (Immigrazione regione toscana) Interruzione spontanea Gravidanza: L'intervento operativo da parte di uno specialista che va a rimuovere il prodotto del concepimento e dei suoi annessi, interrompendo il periodo di gravidanza. L'Ivg deve avvenire sotto precisa volontà della donna ed entro i primi 90 giorni dal concepimento nel caso in cui la prosecuzione della gravidanza, il parto o la maternità comporterebbe serio pericolo per la salute fisica o psichica della donna. L'Ivg può avvenire inoltre per motivi di ordine terapeutico dopo i primi 90 giorni quando la gravidanza o il parto comportino un grave pericolo per la vita della donna o in presenza di rilevanti anomalie o malformazioni del nascituro che determinino un grave pericolo per la salute fisica o psichica della donna. (Istat) Paziente: Persona che si rivolge ad un medico o ad una struttura di assistenza sanitaria per accertamenti o problemi di salute. (Wikipedia) Aborto Spontaneo: L'interruzione involontaria della gravidanza provocata da cause patologiche; in particolare, ogni espulsione o morte del feto o dell'embrione che si verifichi entro il 180 giorno compiuto di gestazione (25 settimane e 5 giorni compiuti). (Istat) Centro comunitario: Un centro comunitario è un'associazione che si occupa di prestare assistenza alle persone più bisognose. Sono anche dette associazioni di volontariato. Un edificio in cui opera un centro è detto "struttura". Maternità: Il diventare e l'essere madre. (Corriere) Ambulatorio: Complesso di medicina curativa che non prevede degenza. (Wikipedia) Pronto soccorso: Il pronto soccorso è un'unità operativa dell'ospedale dedicata ai casi di emergenza e con spazi dedicati alla breve osservazione. Qui vengono prestate le prime cure in tutti i casi di urgenza ed emergenza (traumi, infarti,...) e si accede quindi in modalità di "ricovero urgente". (Wikipedia) Prestazioni urgenti: Si definiscono urgenti quelle prestazioni la cui prescrizione è caratterizzata dalla dicitura urgente e che devono essere erogate entro 72 ore a partire dalla data di contatto. (Normativa sanitaria toscana) Prestazioni d'emergenza: Si definiscono d'emergenza quelle prestazioni la cui prescrizione è caratterizzata dalla dicitura d'emergenza, come tali sono da intendersi come "in pericolo di vita", e che devono essere erogate il prima possibile dalla data di contatto. Caritas italiana: La Caritas Italiana è l'organismo pastorale della Cei (Conferenza Episcopale Italiana) per la promozione della carità. E' dotata di un Ufficio Immigrazione dove vengono stabilite le strategie operative sulle 5/27

6 principali questioni concernenti il fenomeno migratorio in Italia. (http://s2ew.caritasitaliana.it ). La Caritas italiana rientra nella nostra definizione di Centri comunitari. Ogni qualvolta nel testo facciamo riferimento a Caritas intendiamo Carita Italiana. Area Vasta : Area geografica formata dall'insieme di più provincie e comuni. Attori e casi d'uso Gli attori che entrano in gioco sono : Amministratore Ospedale Centri comunitari Straniero non regolare Con Amministratore intendiamo colui che ha responsabilità della gestione di una determinata area e che può essere interessato quindi a sapere la situazione sanitaria dei clandestini nel proprio territorio. Ministro, regione, provincia, comune definiscono la granularità dell'amministratore rispetto ad area di gestione. Con Ospedale intendiamo le strutture sanitarie che, oltre a fornire informazioni sulle prestazioni attuate su stranieri non residenti, possono essere interessati alle informazioni sanitarie dei clandestini nella loro area di esercizio. Con centri comunitari intendiamo quei luoghi dove i clandestini vengono assistiti da volontari (ad esempio caritas). Con straniero non regolare (da ora in poi clandestino) intendiamo una persona immigrata nel nostro paese che non possiede permesso di soggiorno. 6/27

7 Come si può osservare dallo schema soprastante gli attori che vanno ad alimentare il nostro sistema sono : i centri comunitari : i quali forniscono informazioni (non ufficiali) riguardanti i clandestini che vengo assistiti nella struttura. gli ospedali: i quali forniscono informazioni riguardanti le prestazioni sanitarie esercitate sui clandestini. Gli attori che utilizzano il sistema (e che quindi effettuano le interrogazioni) sono : Amministratore : il quale è interessato ai soldi spesi per assistere sanitariamente i clandestini nella propria area. Esso andrà ad effettuare interrogazioni del tipo: Quanto mi sono costati i clandestini nella mia area di competenza durante la mia carica(tempo)? Ospedali : i quali sono interessati a capire quanto i clandestini influiscono sul carico dei servizi forniti dall'ospedale. Esempi di domande che tale attore potrebbe porre al sistema: Quante prestazioni di una certa tipologia sono state erogate nella mia struttura a clandestini di una certa etnia durante un certo periodo? 7/27

8 Descrizione Fonti Scheda Nosologica (SDO): Questo documento contiene la struttura delle informazioni riguardanti il ricovero dei pazienti trattati negli istituti di ricovero presenti in Toscana. Il documento ci permette di reperire varie informazioni utili riguardo al paziente (sia al riguardo della persona che della tipologia di ricovero). Di nostro interesse saranno sopratutto le informazioni riguardante le SDO compilate al riguardo di sevizi forniti a clandestini ottenibili ad esempio sfruttando il codice STP o il campo indicante utente anonimo. Documentazione reperita Flussi Doc Toscana Certificato Assistenza Al Parto(CAP): Questo documento è collegato agli SDO e permette di entrare in dettaglio per quanto riguarda le informazioni relative ai parti (la tutela sociale della gravidanza e della maternità sono garantite ai clandestini). E' possibile ricollegarsi alle SDO della madre e del neonato tramite i campi SDO madre e SDO neonato. Documentazione reperita Flussi Doc Toscana Aborto Spontaneo: Documento collegato alle SDO che entra in dettaglio per quanto riguarda le situazione di ricoveri per aborti spontanei. Questo documento, fornisce informazioni ad un livello di dettaglio superiore a cui siamo interessati, pertanto non ne faremo uso. È possibile risalire a esse tramite il documento SDO, permettendo così una possibile estensione del nostro progetto a dati più specialistici. Documentazione reperita Flussi Doc Toscana Interruzione spontanea Gravidanza: Documento collegato alle SDO che entra in dettaglio per quanto riguarda le situazione di ricoveri per interruzioni spontanee di gravidanza. Questo documento, fornisce informazioni ad un livello di dettaglio superiore a cui siamo interessati, pertanto non ne faremo uso. È possibile risalire a esse tramite il documento SDO, permettendo così una possibile estensione del nostro progetto a dati più specialistici. Documentazione reperita Flussi Doc Toscana Prestazioni Ambulatoriali: Il documento mostra come sono raccolte le informazioni riguardanti i prodotti somministrati il cui costo non rientra nel tariffario della prestazione, le prestazioni specialistiche e le diagnostiche ambulatoriali. Questo documento ci è utile per individuare le prestazioni ambulatoriali urgenti le quali, dalla legge, sono assicurate agli immigrati non in regola. Esso sarà inoltre in collegamento con il ICD 9 CM 2002 e con il tariffario DRG per individuare il tipo di prestazione e il costo. Documentazione reperita Flussi Doc Toscana Prestazioni/azioni Consultoriali: Tale documento mostra come sono raccoltele informazioni relative alle prestazioni/azioni erogate dai consultori familiari, adolescenti ed extracomunitari. Questo documento dettaglia sulla prestazione sanitaria ma non entra in dettaglio su nessun dato finanziario, quindi non sarà oggetto di nostro interesse. Ad ogni modo un suo riassunto è contenuto nel documento SPA. Documentazione reperita Flussi Doc Toscana Tariffario Prestazioni Ospedaliere: I documenti ci forniscono i dati riguardanti i costi delle prestazioni ospedaliere della regione toscana. A causa di un errore sono nel secondo documento sono riportate i valori corretti di alcune prestazioni. I valori in questo documento sono in collegamento con le SDO ospedaliere per ricavarne il costo delle prestazioni. Documentazione reperita DRG 8/27

9 ICD 9 CM 2002: Il documento, o per meglio dire una database, fornisce il collegamento fra malattia e il codice riportato nelle schede nosologiche per identificare univocamente la malattia. Documentazione reperita: Ministero della Salute Tesserino/Modulo STP: Modulo da compilare per ottenere il tesserino STP. Il tesserino STP consente l'accesso alle prestazioni sanitarie a tutti gli stranieri non regolari. Oltre ad indicarci con certezza che la persona che ha compilato il modulo è un clandestino ci fornisce anche utili informazioni riguardo alla persona stessa come la nazionalità, l'età e il sesso. Analisi delle fonti e riconciliazione Premessa Le fonti che utilizzeremo saranno principalmente le SDO, le SPA e i moduli dei centri comunitari. Sia nelle SDO che nelle SPA è presente il campo "opera" che rappresenta il tipo di operazione da svolgere con la scheda e che può essere di tipo invio, sostituzione, eliminazione. Assumiamo che tale campo sia utilizzato solo per la gestione del database e che quindi con ad esempio un operazione di eliminazione si vada a cancellare il record indicato già presente nel database. Assumiamo quindi che i record nel database siano tutti aggiornati. Assumiamo anche che un tesserino STP venga attribuito ad una sola persona (quindi non può essere usato su un familiare, come se non sia lui il possessore). In Toscana sono riconosciute 3 aree vaste (suddivise in province) area vasta metropolitana: Firenze, Prato e Pistoia area vasta nord occidentale: Massa-Carrara, Lucca, Pisa e Livorno area vasta centro meridionale: Arezzo, Siena e Grosseto Per mezzo dei codici di provincia ci è possibile quindi entrare nel dettaglio delle aree vaste. Le vaccinazioni sono ricavate dal ICD 9 CM SDO Filtraggio: Come già detto le informazioni che ci interessano sono quelle relative alle prestazioni effettuate sui clandestini. Una persona sicuramente clandestina è una persona che utilizza un tesserino STP. Il campo 10 (Codice Fiscale dell'utente) contiene, nel caso di schede riguardanti clandestini, il codice STP del clandestino (il quale inizia con le lettere STP e quindi è facilmente riconoscibile). Tramite un filtraggio su questo campo possiamo ottenere un sottoinsieme delle SDO che riguarda sicuramente i clandestini. Un altro sotto-insieme lo andiamo a selezionare utilizziamo il campo 75 ( Anonimo ) che indica la scheda appartenente ad una persona di cui non si conosce l'identità. Quest'ultimo sotto-insieme non è detto sia costituito unicamente da persone clandestine. Un ulteriore filtraggio, per avvicinare l'insieme degli anonimi a quello dei clandestini, è quello di utilizzare il campo 18 (tipo ricovero) prendendo solo le schede con tale campo a 2 o a 3 cioè i ricoveri urgenti e i ricoveri per trattamento sanitario obbligatorio i quali sono garantiti ai clandestini. Rimane da trattare ciò che riguarda la maternità ed il minore. Utilizzando il CAP è possibile collegare la SDO della madre al CAP della madre utilizzando i campi 5 (numero SDO della madre) del CAP e il campo 3 (numero pratica della SDO). E' possibile collegare tramite il CAP anche la madre al figlio (usando il campo 6 numero SDO figlio). In questo modo possiamo ottenere sia le SDO che riguardano gravidanze che le SDO riguardante i neonati clandestini. 9/27

10 Ulteriore sottoinsieme di selezione è quello riguardante gli anonimi al di sotto dei 18 visto che le prestazioni sanitarie sono garantite ai minori (anche quelle non gravi). Tale sottoinsieme è reperibile sfruttando il campo 5 (data di nascita). Costo: Il costo di ogni ricovero è ricavabile analizzando il campo 55 che rappresenta il codice DRG collegabile al tariffario ospedaliero. Tempo: Per ottenere la collocazione temporale del ricovero è necessario trattare in modo diverso i ricoveri ordinari dai ricoveri Day-Hospital (informazione reperibile dal campo 13 "regime di ricovero"). In caso di ricoveri ordinari (campo 13 ad 1) i campi 14 e 29 (data ricovero e data di dimissione) sono sufficienti per la collocazione temporale. In caso di ricoveri Day-Hospital (campo 13 a 2) è possibile che il paziente effettui cicli di ricovero. In questo caso i campi 14 e 29 contengo la data del primo e dell'ultimo ciclo e quindi non sono sufficienti per determinare quando realmente il paziente è ricoverato. Il campo 56 contiene il numero dei giorni che il paziente ha realmente passato in ricovero (quindi la somma di ogni giorno speso per ogni ciclo). Tramite questo campo ci è possibile effettuare una stima sulla "densità" di frequenza del ricovero e quindi approssimare la collocazione temporale del ricovero. In poche parole data un determinato giorno i ricoveri Day-Hospital relativi a tale giorno non saranno certi ma saranno determinati probabilisticamente. Spazio: Per quanto riguarda la collocazione spaziale è reperibile dal campo 1 (codosp) contenente un codice che rappresenta univocamente l'ospedale. Tramite tale codice ci è possibile ottenere informazioni riguardanti l'ospedale (come provincia, comune, ecc). Nel caso non esista un database contenente tali informazioni esse sono reperibili, in forma non relazionale, in internet (http://www.informatorefarmaceutico.it/ospedali %20toscana.htm ) in tal caso dovrà essere fatto un lavoro per renderle utilizzabili. Informazioni sulla diagnosi: Tramite i campi da 32 a 37 (diadim, dia1,dia2,dia3,dia4,dia5) è possibile collegarsi al ICD 9 CM 2002 ricavando le varie diagnosi (principali e secondarie) del paziente. Dati della persona assistita: Sesso: Il campo 4 (sexu) ci fornisce il sesso della persona assistita. Data di nascita: Attraverso il campo 5 (Datanasc) è possibile ricavare data di nascita del paziente. Nazionalità: Il campo 9 (cittu) ci restituisce, se il paziente è straniero, il codice dello Stato Estero definito dal Ministero dell interno, ovvero il codice ISTAT. Se il paziente è un STP è possibile assumere con più precisione età e provenienza. SPA Filtraggio: I dati che ci interessano sono quelli relativi alle prestazioni ai clandestini. Per ottenere questo sottoinsieme di informazioni viene eseguito un filtraggio, controllando i campi tipoindu per individuare le persone clandestine e codindu per ottenere il codice del tesserino STP (Colonne della tabella SPA-1). Più precisamente saranno prese le prestazioni aventi il campo tipoindu con i seguenti valori: 3=soggetto straniero temporaneamente presente in Italia (STP) 4 = Anonimo 6= altra tipologia di identificazione per soggetti non appartenenti alle categorie sopra individuate (oltre ai soggetti 3 e 4, non fanno parte di questa sezione le persone in possesso di codice fiscale e i cittadini con tessera sanitaria europea). Poiché ai clandestini sono assicurate solo le prestazioni urgenti o di emergenza, sono eliminate tutte quelle prestazioni che non rientrano in tali categorie. In particolare sono prese le prestazioni aventi il campo priorità 10/27

11 (presente nella tabella SPA-2) con questi valori: 1 = prestazione urgente 2 = prestazione di emergenza Inoltre non saranno trattate le prestazioni ambulatoriali che richiedono l'iscrizione al SSN o con un ricettario simile; ovvero nel caso in cui il campo Accesso (della tabella SPA-1) assume i valori: 03 = Accesso diretto in senso proprio cioè senza prescrizione sul ricettario SSN 04 = Pronto Soccorso a cui non consegue il ricovero senza prescrizione su ricettario SSN 05 = Pre - Ricovero 07 = Post - Ricovero 09 = Richiesta di altre Aziende/Enti 10= pronto soccorso a cui non consegue il ricovero con prescrizione sul ricettario SSN Nel caso in cui sono presenti una o più operazioni con emergenza minore e proveniente comunque dal pronto soccorso allora, nel caso anonimato, possiamo eliminarli poiché non appartengono alle prestazioni che possiamo effettuare nei confronti dei clandestini. Ulteriore sottoinsieme di selezione è quello riguardante gli anonimi al di sotto dei 18 visto che le prestazioni sanitarie sono garantite ai minori (anche quelle non gravi). Tale sottoinsieme è reperibile sfruttando il campo 7 (data di nascita). Tempo: Per ottenere la collocazione temporale della prestazione è necessario trattare in modo diverso le prestazioni singole da quelle cicliche. Tale distinzione può essere verificata controllando il campo 18 (tipopr) della tabella SPA-2: 1 = Prestazione specialistica ambulatoriale 2 = Prestazione specialistica ambulatoriale aggiuntiva non prevista su ricetta SSN 4 = Emocomponenti 5 = Prestazione per la medicina dello sport 8 = Prestazione specialistica ambulatoriale non compresa nel nomenclatore regionale Nei casi 1, 2, 5 e 8 abbiamo una prestazione singola, mentre nel caso 4 abbiamo una prestazione ciclica. In caso di prestazioni singole i campi 14 e 15 della tabella SPA-2 (data inizio prestazione e data fine prestazione) ci permettono di collocare temporalmente la prestazione. In caso di prestazioni cicliche i campi 14 e 15 indicheranno il primo giorno in cui si è presentato il soggetto per la prestazione e l'ultimo giorno nel quale si è presentato il soggetto per la prestazione. Il campo 21 (numacc) della tabella SPA-2 contiene il numero di giorni effettivo che si è presentato il paziente per essere sottoposto alla prestazione. Tramite questo campo, come nel caso del Day-Hospital, è possibile effettuare una stima e quindi approssimare la collocazione temporale della prestazione ciclica.; ovvero i giorni delle prestazioni ambulatoriali relative a un ciclo sono determinati probabilisticamente. Costo: Per ricavare il costo complessivo di una prestazione ambulatoriale bisogna eseguire la somma dei campi 28 (imptick), 29 (Quoric) e 30 (quotacps) (della tabella SPA-1). Il campo 28 è presente in ogni prestazione mentre il campo 29 e 30 possono essere anche vuoti. Spazio: Il campo 25 della tabella SPA-1 (Azienda) ci identifica l'asl da cui è stata erogata la prestazione. Questo campo sarà messo in relazione col database delle asl italiane per ricavare il codice comune, e di conseguenza la provincia e l'area vasta. Informazioni sulla diagnosi: Tramite i campi 16, 17 (patpres, ICD 9) della tabella SPA-2 è possibile collegarsi al ICD 9 CM 2002 ricavando la diagnosi presunta e quella accertata del paziente. Dati della persona assistita: Sesso: Il campo 6 (sexu) ci fornisce il sesso della persona assistita. 11/27

12 Data di nascita: Attraverso il campo 7 (Datanasc) è possibile ricavare data di nascita del paziente. Nazionalità: Il campo 8 (cittu) ci restituisce, se il paziente è straniero, il codice ISTAT dello stato di appartenenza dell'individuo. Se il paziente è un STP è possibile assumere con più precisione età e provenienza. Riconciliazione SDO e SPA I DB della SDO e della SPA, poiché provengono da fonti normalizzate non presentano dati ridondanti. Qui di seguito è riportata una schematizzazione di come saranno riconciliati i dati. Come si nota sono solo presenti delle eterogeneità semantiche (tipo Sinonimi); i campi hanno lo stesso dominio e stessa lunghezza. Campi SDO SPA Priorità Campo 18 (tiporico) Campo 13 SPA-2 (priorità) ICD CM 9 Campo 32 (diadim) Campo 17 SPA-2 (ICD9) Data Immissione Campo 14 (datingr) Campo 14(dataini) Data Dimissione Campo 29 (datadim) Campo 15 SPA-2 (datafine) N giorni ciclo Campo 56 (ndh) Campo 21 SPA-2 (numacc) Tipo (ciclo o ordinaria) Campo 13 (regimric) Campo 18 SPA-2 (tipopr) Costo Campo 55 (drgazie) Campi SPA (imptick, Quoric,quotAcPS ) Sesso Campo 4 (sexu) Campo 6 (sexu) Nazionalità Campo 9 (cittu) Campo 8 (cittu) Data di nascita Campo 5 (Datanasc) Campo 7 (Datanasc) Caritas Filtraggio: La caritas è un'associazione che sostiene le persone più bisognose. Poiché non accoglie solo le persone straniere, è necessario eseguire prima un'operazione di filtraggio per ottenere le informazioni sui clandestini. Per fare cioè sono prese solo le persone straniere (viene controllata la nazionalità) che non posseggono il permesso di soggiorno, che non possiedono la carta di soggiorno e che non hanno fatto richiesta per il rinnovo del permesso di soggiorno. Altre informazioni: I soggetti presenti nel database sono registrati in modo univoco. Inoltre il database è unico per tutte le associazioni sul territorio. Del soggetto presente nel database della caritas possiamo conoscere varie informazioni (la persona può anche non dichiarare i suoi dati); di queste a noi interessa solo le seguenti: il nominativo (solo per usi tecnici, non verrà fornito al pubblico) età Nazione di provenienza sesso titolo di studio condizioni salutari se possiede persone a carico Data primo contatto Data fine contatto Codice scheda (per usi tecnici per l'alimentazione futura) 12/27

13 Generico Centro Comunitario Filtraggio: Di questa associazione si hanno poche informazioni sulle persone assistite. Di queste non sappiamo nulla sulla loro regolarità. L'unica cosa che possiamo fare è controllare la loro nazionalità e prendere solo quelli al di fuori dell'ue. Inoltre nello stesso documento si effettua la registrazione e/o individuazione della persona e la prestazione fornitogli. Altre informazioni: I soggetti presenti nel database sono registrati in modo univoco. Del soggetto ci interessano le seguenti informazioni: il nominativo (solo per usi tecnici, non verrà fornito al pubblico) età codice identificativo (per usi tecnici per l'alimentazione futura) Nazione di provenienza sesso titolo di studio condizioni salutari Il numero di persone a carico la data di prestazione Tesserino STP Filtraggio: I cittadini stranieri non comunitari presenti sul territorio nazionale non in regola con le norme relative all ingresso e al soggiorno, compresi i clandestini e tutti coloro che non abbiano richiesto il permesso di soggiorno entro il termine perentorio di otto giorni dall ingresso regolare in Italia possono accedere alle prestazioni sanitarie tramite il codice STP o il tesserino. Quindi non sono necessarie operazioni di filtraggio di questo database. Altre informazioni: I soggetti presenti nel database sono registrati in modo univoco. Del soggetto ci interessano le seguenti informazioni: il nominativo età codice STP Nazione di provenienza sesso la data di primo incontro Riconciliazione Centri Comunitari e Tesserino STP Le informazioni presenti nel db che raccoglie le persone con i tesserini STP sono dello stesso tipo e dimensione dei dati presenti nel db della caritas. Si possono pertanto vedere come un sotto-insieme delle informazioni della caritas dove i campi non presenti sono lasciati vuoti. Per quanto riguarda Caritas/STP e centro Comunitario è necessario effettuare dei mapping: Nominativo: in entrambi i database è composto dai campi nome e cognome (hanno stesso tipo e stessa 13/27

14 dimensione) Sesso: Sarà codificato con un campo che assumerà valori M o F. (la funzione di codifica è unica in quanto in entrambi è espresso nel solito modo) Età: nella db della caritas è presente la data mentre nel db del secondo centro Comunitario vi è solo l'età. Si mette una data di nascita fittizia per gli immigrati provenienti dal database dell'altro centro di Comunitario. Nazionalità: Nella Caritas è presente il campo Nazione di provenienza, mentre nel centro comunitario è presente il campo nazionalità. Viene eseguita un mapping fra questi nazione e nazionalità con lo standard ISO 3166 che fornisce i codici per in nomi dei paesi (ISO 3166). Titolo di Studio: Si prevede di diminuire la granularità usando i valori del secondo centro Comunitario. I valori presenti nel titolo di studio della caritas saranno codificati come segue: Laurea e dottorato specialistico saranno codificati in laurea Nessuno e analfabeta saranno codificati in nessuno Prevediamo che se è presente il valore non specificato significhi che l'individuo sia in possesso di un attestato di pari livello a quello di un diploma Licenza media inferiore, licenza media superiore e diploma specialistico saranno mappati in diploma licenza elementare sarà mappato in elementare Problemi sanitari: Nel db del centro comunitario sono presenti alcuni flags per indicare se l'individuo possiede o meno quella malattia (AIDS, Tumore, Diabete, Anemia, Polmonite, allergia), mentre nel db della caritas sono presenti una più ampia vasta di flags per indicare le patologie che possiede lo straniero. I flags del db del centro comunitario saranno mappati in quello della caritas nel seguente modo: I campi AIDS, tumore, allergia e diabete saranno mappati con i rispettivi campi del db della caritas, mentre polmonite sarà mappato in disturbi respiratori ed anemia sarà mappato nel campo altro. Situazione familiare: Dal db della caritas possiamo ottenere i nominativi della moglie e dei figli mentre nel db del centro Comunitario conosciamo solo il numero di persone a carico. Per mancanza di informazioni saranno mappati in un flags che dice se ci sono persone a carico oppure no: Nella db della caritas il flag viene settato positivamente se il soggetto è sposato, se è divorziato, se è separato o se possiede figli, mentre, per quanto riguarda il soggetto del centro comunitario, viene settato positivamente nel caso il numero di persone a carico sia maggiore di 0. Data primo contatto: Solo nel db della caritas è presente questa informazione. Nel db del centro comunitario viene presa la data della prestazione più vecchia (se presente). Nel caso un soggetto sia presente in entrambi i db viene scelta la data più vecchia come data di primo contatto. Data Ultimo contatto: Solo nel db della caritas è presente questa informazione. Nel db del centro comunitario viene presa la data della prestazione più recente (se presente). Nel caso un soggetto sia presente in entrambi i db viene scelta la data più recente come data di ultimo contatto. Da notare che il campo assume validità solo passato un valore di soglia della data attuale in quanto, esso sarà riempito solo quando lo straniero lascerà la nazione o non rientra più nel caso di straniero non regolare. Codice: sono codici diversi e non riconciliabili, ma con entrambi lunghezza inferiore a N. Questi valori sono usati per filtrare i dati su cui poi sarà effettuata un'estrazione. 14/27

15 Schema Concettuale, Schema Logico e ETL In questa sezione illustriamo lo schema concettuale/logico che costituirà il datawarehouse, la politica di creazione e di alimentazione. L'architettura del nostro datawarehouse è a due livelli, in cui sono presenti due universi indipendenti che corrispondono a: documenti sanitari/finanziari e popolazione clandestino. La costruzione di questo datawarehouse è effettuata in modo tale da poter essere un contenitore unico per ogni soggetto d'interesse che vi può accedere: si prevede quindi la creazione di viste (materializzate o meno) per ogni specifico soggetto. Lo schema logico che adotteremo sarà ROLAP in particolare lo Snowflake Schema in quanto optiamo per una quasi completa denormalizzazione a favore della velocità di risposta ma per quanto riguarda lo spazio e il tempo decidiamo per mantenerli normalizzati poiché, sopratutto per le prestazioni, ci saranno ogni giorno in tutti i luoghi dei record da registrare e pertanto l'esplosione di date e luoghi è preannunciabile. Assumiamo che il datawarehouse venga utilizzato per effettuare analisi su grandi numeri di dati e la sua alimentazione sia a cadenza lunga (6 mesi o 1 anno) pertanto optiamo ad un maggior tempo di calcolo per questa fase in favore di maggior velocità di risposta durante l'uso. La politica per la creazione non ha previsto un database relazionale di appoggio ma si è proceduto ad effettuare operazioni ETL direttamente dai database operazionali. Questa scelta è stata fatta in virtù dei flussi doc che sono già riconciliati e le relazioni nel nostro sistema sono molto ristrette pertanto la creazione di un relazionale di appoggio non fornisce vantaggi. Per quanto riguarda la riconciliazione della popolazione clandestina invece si è proceduto a creare delle basi dati intermedie locali ad ogni centro per poter ovviare alla forte eterogeneità che li caratterizzano. Schema Concettuale (Di Fatto) 15/27

16 Fatto : Servizio. Misure: Le misure con cui andiamo a misurare il fatto sono il costo, il numero dei servizi erogati (quantità) e una stima del numero dei clandestini. Entrambe le misure saranno delle stime visto l'impossibilità di ottenere informazioni certe riguardante i clandestini. Dimensioni: Prestazione: questa dimensione riguarda l'aspetto sanitario del servizio e permette di individuare servizi in base a : Tipologia prestazione : il tipo di prestazione che viene eseguita sul paziente. Codice urgenza: codice che viene assegnato al paziente e che determina l'urgenza con cui il paziente deve essere trattato. Costo : il costo della prestazione. Data immissione : data in cui il paziente è stato ricoverato. Data dimissione : data in cui il paziente è stato dimesso. Ospedale: il codice dell'ospedale in cui è stata eseguita la prestazione Ambulatorio: il codice dell'ambulatorio in cui è stata eseguita la prestazione Da notare che, nonostante gli attributi Ospedale e Ambulatorio siano opzionali, almeno uno dei due deve sempre essere presente. Clandestino: questa dimensione permette di individuare servizi in base ad informazioni riguardante il clandestino in particolare: Etnia: l'etnia del clandestino. Data di nascita :la data di nascita del clandestino Sesso: il sesso del clandestino. Titolo di Studio: Il titolo di studi del clandestino Data primo contatto: la data in cui il clandestino è entrato in contatto con i centri comunitari la prima volta. Data ultimo contatto: data riguardante l'ultima volta che il clandestino è stato presente in un centro sociale. Problemi sanitari: malattie che il clandestino ha dichiarato di avere ai centri comunitari. Situazione familiare: indica se il clandestino ha o no familiari a carico. Residenza: la residenza del clandestino (la quale potrebbe non essere esatta) Gli attributi temporali hanno le seguenti granularità: Giorno Mese Anno mentre per gli attributi spaziali abbiamo: Provincia. Area vasta. Comune. Ospedale. Ambulatorio. 16/27

17 SnowFlake Schema Il seguente SnowFlake Schema deriva dal precedente schema di fatto. 17/27

18 Servizio: quantitàtotaleprestazioni, misura il numero totale delle prestazioni relative a determinate coordinate; costototaleprestazioni, misura il costo totale delle prestazioni relative a determinate coordinate; stimatotaleclandestini, misura la quantità stimata delle prestazioni effettuate sul totale dei clandestini secondo le dimensioni date; stimaspecificaclandestini, misura la quantità di clandestini data una etnia specifica. StimaPercentualeClandestini, misura la stima percentuale dei clandestini(basandosi sui valori sopra) quantitàpercentualeprestazioni, percentuale indicante il numero di prestazioni eseguite riguardante il sottoinsieme clandestini selezionato; costopercentualeprestazioni, percentuale indicante il costo di prestazioni eseguite riguardante il sottoinsieme clandestini selezionato; Prestazione tipologiaprestazione, indica la diagnosi e relativa prestazione effettuata; codtempodataimmissione, chiave esterna alla dimensione Tempo; codtempodatadimissione, chiave esterna alla dimensione Tempo; densitàciclo, campo necessario per stimare durante un ciclo la frequenza con cui si erogano prestazioni; codtempodatanascita, chiave esterna alla dimensione Tempo; sesso, sesso dell'assistito; costo, costo sostenuto per effettuare la prestazione; codiceurgenza, codice di urgenza con cui si è presentato l'assistito; codambulatorio, codice dell'ambulatorio dove è stata effettuata la prestazione; codospedale, codice dell'ospedale dove è stata effettuata la prestazione; codspazio, chiave esterna alla dimensione Spazio. Clandestino: Nome, nome del clandestino; Cognome, cognome del clandestino; codnazionenumericoiso3166, chiave numerica dello standard ISO 3166 per le nazioni; codtempodatanascita, chiave esterna alla dimensione Tempo; flagsesso, sesso del clandestino; titolostudio, titolo di studio del clandestino; codtempodataprimocontatto, data in cui il clandestino è venuto per la prima volta a contatto con un centro (è emerso), chiave esterna alla dimensione Tempo; codtempodataultimocontatto, ultima data in cui il clandestino ha usufruito dei servizi di un centro comunitario, chiave esterna alla dimensione Tempo; codtempodatafineclandestino, data oltre la quale consideriamo il clandestino come non più tale, chiave esterna alla dimensione Tempo; codspazioresidenza, chiave esterna alla dimensione Spazio; codtemporesidenzada, chiave esterna alla dimensione Tempo; codtemporesidenzaa, chiave esterna alla dimensione Tempo; problemasanitario, un problema sanitario del clandestino; codtempoproblemasanitarioda, chiave esterna alla dimensione Tempo; codtempoproblemasanitarioa, chiave esterna alla dimensione Tempo; flagsituazionefamiliare, flag indicante se il clandestino ha familiari a carico o meno; codtempofamiliaricaricoda, chiave esterna alla dimensione Tempo; 18/27

19 codtempofamiliaricaricoa, chiave esterna alla dimensione Tempo; chiavemaster, chiave unica per ogni clandestino utile per registrare le modifiche dei campi che mutano nel tempo. Spazio: chiave auto-incrementante; comune; provincia; area vasta. Tempo: chiave auto-incrementante; giorno; mese; anno. 19/27

20 ETL I database da cui attingeremo forniranno informazioni di due tipi: sanitari/finanziari e la popolazione clandestina. Per ogni tipo si effettua una serie di operazioni ad hoc. I dati sanitari/finanziari li preleviamo dai flussi doc effettuando come prima cosa un'estrazione e trasformazione dei documenti excel e pdf contenenti rispettivamente i tariffari DRG e l'elenco delle diagnosi ICM. Successivamente si provvede a estrarre le informazioni complete (senza chiavi esterne) riguardo ai documenti SDO e SPA1 (e relativi SPA2) e per quest'ultimi, si provvede ad effettuare un'opera di denormalizzazione; cioè si provvede a duplicare i record SPA1 affiancando quelli di SPA2 mantenendo il campo costo totale di SPA1 che sarà un valore di controllo per assicurarci dell'integrità dei dati (la somma dei prezzi di tutte le SPA2 di una SPA1 deve essere tale valore). In questa fase di estrazione si effettua però un filtraggio in cui si scartano i documenti che non sono sicuramente riguardanti i clandestini. Infine si uniscono i due documenti in una unica struttura denormalizzata inserendo i riferimenti alle dimensioni dello spazio e del tempo. Riportiamo di seguito uno schema riassuntivo: 20/27

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel SJ. '. :! I. l i,... ". ' ~i"ne 'Cumj'oniu f/$eddén&e Prot. D.3Wledel /.;j.,/!1f l.9-,ç; Ai Commissari Straordinari delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Curare (non) è permesso

Curare (non) è permesso Curare (non) è permesso Indagine sull accesso alle cure per i cittadini stranieri irregolari negli ospedali milanesi A cura di Naga Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria e per i Diritti

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Regolamento per la formazione continua professionale

Regolamento per la formazione continua professionale Regolamento per la formazione continua professionale Approvato dal comitato dell Associazione Cranio Suisse il 18 agosto 2011 Regolamento per la formazione continua professionale 1. Norme Generali I terapeuti

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'ASSISTENZA SANITARIA DEI CITTADINI NON ITALIANI PRESENTI IN TOSCANA

LINEE GUIDA REGIONALI PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'ASSISTENZA SANITARIA DEI CITTADINI NON ITALIANI PRESENTI IN TOSCANA Allegato A) ASSESSORATO ALLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE LINEE GUIDA REGIONALI PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'ASSISTENZA SANITARIA DEI CITTADINI NON ITALIANI

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Legislazione italiana ed europea a confronto

Legislazione italiana ed europea a confronto Legislazione italiana ed europea a confronto NATI INDESIDERATI Riconoscimento del nato e parto anonimo di Graziana Campanato 1 Filiazione legittima e naturale La nostra legislazione distingue la filiazione

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE 2013 0 La Guida ai servizi territoriali del Distretto Socio-sanitario n. 20 : come e

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

AGGIORNAMENTO MEDICO OBBLIGATORIO DEI

AGGIORNAMENTO MEDICO OBBLIGATORIO DEI REGIONE ABRUZZO AGGIORNAMENTO MEDICO OBBLIGATORIO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ANNO 2013/2014 ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI A cura di: S. Di Marco, M. Di Paolantonio, G. Salvio 1 INDICE Obiettivi

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA DOCUMENTI ISTAT La stima di indicatori per domini sub-regionali con i dati dell indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli