Nota alla seconda edizione. Platea. XII Prefazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nota alla seconda edizione. Platea. XII Prefazione"

Transcript

1 Prefazione Un data warehouse è un contenitore di dati storici integrati e consistenti, dotato di strumenti che consentono alla direzione aziendale di estrarre facilmente informazioni attendibili di supporto al processo decisionale. Con il termine data warehousing si intende l intero processo che estrae dal sistema informativo aziendale i dati di interesse, li trasforma, li integra e li ripulisce da errori e inconsistenze, li inserisce nel data warehouse per poi utilizzarli al fine di rispondere alle complesse interrogazioni di analisi e previsione formulate dagli utenti finali. I sistemi di data warehousing sono ormai una realtà consolidata in molte organizzazioni di dimensioni medio-grandi, e il ruolo strategico che essi rivestono nel garantire un facile accesso a informazioni chiave altrimenti difficilmente reperibili è ampiamente riconosciuto. Come spesso succede il mondo accademico ha inizialmente ignorato il fenomeno, attribuendogli una valenza principalmente tecnologica, finché non ne ha compreso l elevata complessità e l implicita sfida. Il tema data warehousing ha così fatto il suo ingresso di diritto nelle conferenze internazionali di più alto livello scientifico nell ambito delle basi di dati, e numerosi sono stati i convegni e workshop dedicati esclusivamente alle sue specificità. Dopo più di un decennio speso nell insegnamento della progettazione delle basi di dati, gli autori si sono affacciati alla ricerca nel settore del data warehousing con l intento di comprendere se le tecniche di progettazione sviluppate e sperimentate con riferimento ai sistemi relazionali dovessero essere gettate alle ortiche, o se invece qualche loro aspetto potesse rivelarsi utile anche nella progettazione di un data warehouse. È così immediatamente emerso che, mentre pagine e pagine erano già state scritte da eminenti ricercatori sui temi legati all ottimizzazione delle prestazioni, che certamente rivestono un ruolo basilare in un data warehouse, gli aspetti fondamentali relativi alla modellazione concettuale dei requisiti utente erano stati completamente trascurati. Convinti fautori dell importanza della fase di analisi nella realizzazione di un sistema software di qualunque natura, e in particolar modo della necessità di un accurata modellazione concettuale per lo sviluppo di una base di dati, gli autori si sono immediatamente dedicati all elaborazione di un modello concettuale che fosse da un lato in grado di cogliere al meglio le specifiche caratteristiche proprie delle applicazioni di data warehousing, dall altro mantenesse una semplicità di formalismo e d uso tale da renderlo effettivamente appetibile ai progettisti.

2 XII Prefazione Questo testo intende rispondere a due diverse esigenze. La più immediata è quella di individuare un ampio repertorio di tecniche di progettazione, integrandole in un quadro metodologico organico e completo che funga da riferimento costante per il progettista. La seconda, non meno pressante, è quella di colmare una lacuna dovuta al fatto che, mentre in diversi atenei italiani stanno nascendo corsi di cui un ampia parte è dedicata al data warehousing, al momento i testi specializzati sull argomento sono tutti in lingua inglese e poco adatti alla fruizione da parte degli studenti. Nasce così un testo che raccoglie i principali risultati di ricerca conseguiti negli ultimi anni sul tema della progettazione di data warehouse e contemporaneamente riassume ciò che gli autori hanno appreso dall incontro (e dallo scontro) con le più disparate realtà aziendali durante la sperimentazione delle tecniche di progettazione. La formazione accademica e l esperienza professionale degli autori sono messe a frutto per garantire un efficace compromesso tra approccio pragmatico e approccio formale oltre che per assicurare la conoscenza sia delle applicazioni in ambito aziendale sia dei risultati di punta della ricerca. Al fine di massimizzare l impatto didattico, il libro è corredato da un vasto insieme di esempi e da un caso di studio reale. Inoltre, al libro è associato un CD- ROM contenente WAND, uno strumento CASE (Computer Aided Software Engineering) sviluppato dagli stessi autori che implementa la metodologia proposta e ne favorisce la sperimentazione e l apprendimento. Nonostante l impegno profuso nel tentativo di rendere il testo chiaro ed esaustivo, inevitabile sarà la presenza di inesattezze e dimenticanze: gli autori se ne scusano fin d ora. All indirizzo è attivo un sito che conterrà l errata corrige, a cui i lettori potranno cortesemente contribuire, ed eventuali aggiornamenti allo strumento WAND. Nota alla seconda edizione L incoraggiante riscontro ottenuto dalla prima edizione del testo ha motivato gli autori, a tre anni di distanza, a una revisione completa del materiale, volta ad arricchirlo e completarlo. D altro canto, la crescente diffusione della metodologia proposta in contesti aziendali italiani e il conseguente scambio di idee con i progettisti hanno delineato nuove, più specifiche sfide progettuali. Questa seconda edizione racchiude ulteriori approfondimenti di particolare interesse per il progettista: essi riguardano da un lato soluzioni avanzate per specifici problemi progettuali, quali la gestione di gerarchie incomplete e ricorsive, dall altro la presentazione di scenari progettuali di massima differenti da quello, guidato dai dati, adottato nella prima edizione. Inoltre, a fronte delle recenti evoluzioni del settore business intelligence, è stato inserito un nuovo capitolo dedicato a riassumerne le applicazioni ritenute più promettenti e interessanti per l immediato futuro. Platea Il volume si rivolge ai progettisti di database, alle aziende e agli enti che intendono accostarsi fattivamente al mondo dei sistemi di supporto alle decisioni e agli studenti dei corsi avanzati di sistemi informativi e basi di dati. Per trarre il massimo profitto dai concetti esposti, è auspicabile che il lettore possegga una sufficiente conoscenza del modello rela-

3 Prefazione XIII zionale e del modello Entity/Relationship, oltre ai concetti di base legati ai sistemi informativi e alla loro progettazione. Organizzazione del testo Il testo si apre con un capitolo introduttivo che introduce le definizioni di base nel settore, discute le differenti architetture funzionali adottabili ed esamina alcuni aspetti critici per la comprensione dell intero processo: l alimentazione del data warehouse dalle sorgenti dati, il modello multidimensionale su cui il data warehouse si fonda e le principali modalità di fruizione del suo contenuto informativo da parte degli utenti. Vengono brevemente introdotti i due principali approcci all implementazione: quello fondato sul modello relazionale e quello che impiega tecniche multidimensionali proprietarie. Data la ben più ampia diffusione del primo approccio rispetto al secondo, il resto della trattazione si concentra prevalentemente su di esso. Il Capitolo 2 riguarda il ciclo di vita dei sistemi di data warehousing e propone il quadro metodologico di progettazione che fungerà da riferimento per l intero testo. Vengono individuate sette fasi, a ciascuna delle quali viene dedicato uno dei capitoli successivi. In particolare, viene riproposta in ambito data warehouse la suddivisione della progettazione nelle tre fasi, concettuale, logica e fisica, che guidano da anni con successo lo sviluppo dei sistemi informativi tradizionali. Vista l eterogeneità dei contesti aziendali che si possono incontrare nella pratica, e con l obiettivo di aumentare la duttilità della metodologia proposta, vengono poi delineati tre differenti scenari di progettazione: uno guidato dai dati, uno guidato dai requisiti, uno misto. Il Capitolo 3 descrive la fase di analisi e riconciliazione delle fonti dati che alimenteranno il data warehouse, di primaria importanza per assicurare un elevato livello di qualità delle informazioni ottenute. Viene descritta in modo particolarmente approfondito la fase di integrazione tra differenti sorgenti dati eterogenee. Il Capitolo 4 è incentrato sulla fase di analisi dei requisiti, la cui accurata esecuzione è basilare per garantire che gli utenti finali siano pienamente soddisfatti del sistema in via di realizzazione. Vengono proposti due differenti approcci: il primo, più informale, basato su semplici glossari; il secondo, di tipo formale, da utilizzarsi nel contesto di progettazione guidata dai requisiti oppure mista. Il Capitolo 5 propone il modello concettuale DFM, intorno a cui ruota la metodologia proposta. I diversi costrutti vengono introdotti gradualmente, per consentire al lettore di muoversi agevolmente dai rudimenti di modellazione verso le più fini sfumature di rappresentazione necessarie nei casi reali. Il Capitolo 6 è dedicato alla fase di progettazione concettuale, e mostra come uno schema concettuale per il data warehouse può essere ricavato a partire dalla documentazione raccolta sulle sorgenti dati e dai requisiti formulati dagli utenti. Il Capitolo 7 descrive la fase che porta all espressione del carico di lavoro sullo schema concettuale, che verrà impiegato durante le successive fasi di progettazione logicofisica per guidare il progettista verso l ottimizzazione delle prestazioni. Inoltre, il capitolo affronta i principali aspetti legati alla determinazione del volume dati. Il Capitolo 8 presenta i più diffusi approcci alla modellazione logica di data warehouse in ambito relazionale. Particolare accento viene posto sulla descrizione del noto schema a stella e sull utilizzo di viste ridondanti per migliorarne le prestazioni.

4 XIV Prefazione Il Capitolo 9 tratta la progettazione logica da schemi concettuali ed elenca le tecniche di ottimizzazione di cui il progettista dispone a livello logico, prima tra tutte la materializzazione di viste. Per ogni costrutto del DFM vengono illustrate le possibili soluzioni di implementazione su schemi relazionali. Il Capitolo 10 illustra la fase di progettazione dell alimentazione: l estrazione dei dati dalle sorgenti, la loro trasformazione e ripulitura, le tecniche per l alimentazione del data warehouse. Il Capitolo 11 elenca e analizza le principali categorie di indici utilizzabili nei sistemi di data warehousing e i principali algoritmi di join. Il Capitolo 12 affronta il tema della progettazione fisica: si discute innanzitutto il problema della scelta ottimale degli indici, ma si trattano anche altri aspetti di dimensionamento e allocazione propri del livello fisico. Il Capitolo 13 mostra come sia possibile redigere un utile ed esauriente documentazione di progetto che funga da riferimento e guida per le manutenzioni future del sistema. Il Capitolo 14 propone un caso di studio derivato dall esperienza reale e lo risolve ricalcando i passi metodologici essenziali descritti nei precedenti capitoli. L intero caso di studio è memorizzato sul CD-ROM abbinato al testo ed è utilizzabile come banco di prova per lo strumento WAND. Infine, il Capitolo 15 introduce il lettore al più ampio mondo della business intelligence, che pur affondando le sue radici in sistemi di data warehousing, li estende con soluzioni e architetture sofisticate al fine di meglio rispondere alle nuove esigenze degli attori aziendali. Percorsi di lettura Per facilitare la fruizione del libro a una platea più ampia possibile si propongono tre specifici percorsi corrispondenti ad altrettante categorie di lettori. Ai neofiti del settore il libro offre una panoramica completa degli aspetti salienti legati alle attività di progettazione, trattati nei seguenti paragrafi: Capitolo 1: tutto Capitolo 2: Paragrafi 2.1, 2.3 Capitolo 3: Introduzione Capitolo 4: Introduzione Capitolo 5: Paragrafi 5.1, 5.2.1, 5.2.4, 5.2.6, Capitolo 6: Introduzione Capitolo 7: Paragrafi 7.1.1, Capitolo 8: Paragrafi 8.1, 8.2, 8.3 Capitolo 9: Introduzione Capitolo 10: Introduzione Capitolo 12: Paragrafi 12.2 Capitolo 13: tutto Capitolo 15: tutto

5 Prefazione XV I progettisti di sistemi per il supporto alle decisioni possono utilizzare il testo come manuale metodologico per la progettazione di data warehouse e come riferimento per la ricerca di soluzioni dettagliate a problemi specifici: Capitolo 1: tutto Capitolo 2: tutto Capitolo 3: tutto Capitolo 4: tutto Capitolo 5: Paragrafi 5.1, 5.2 Capitolo 6: Paragrafi 6.1, 6.2, 6.4, 6.5 Capitolo 7: Paragrafi 7.1.1, 7.1.3, 7.1.5, 7.1.6, 7.2 Capitolo 8: tutto Capitolo 9: Paragrafi 9.1, 9.2.1, 9.3 Capitolo 10: tutto Capitolo 11: Paragrafi 11.1, , 11.4, 11.6 Capitolo 12: tutto Capitolo 13: tutto Capitolo 14: tutto Infine, agli studenti dei corsi di sistemi informativi avanzati il libro offre un organica copertura sia per gli aspetti teorici sia per quelli applicativi, rispondendo alle esigenze di esercitazione tipiche dei corsi universitari: Capitolo 1: tutto Capitolo 2: Paragrafo 2.3, 2.4 Capitolo 3: tutto Capitolo 5: tutto Capitolo 6: tutto Capitolo 7: tutto Capitolo 8: tutto Capitolo 9: tutto Capitolo 11: tutto Capitolo 12: Paragrafi 12.1, 12.2 Capitolo 14: tutto Capitolo 15: tutto Ringraziamenti È con grande piacere che ringraziamo tutti coloro che hanno contribuito, direttamente o indirettamente, alla gestazione di questo libro. Innanzitutto Antonio Albano, che ha coraggiosamente acconsentito a leggere versioni preliminari di alcuni capitoli permettendoci così di migliorarne l impostazione e la chiarezza. Un affettuoso ringraziamento va a Dario Maio, che nel 1997 ha intrapreso con noi l avventura del data warehousing. Grazie a Paolo Ciaccia che ha discusso con noi gli aspetti legati alla modellazione concettuale, a Federica Mandreoli che ci ha aiutato ad approfondire il tema dell integrazione di sorgenti eterogenee e a Boris Vrdoljak che con noi ha sviluppato l algoritmo per la progettazione concet-

6 XVI Prefazione tuale da sorgenti XML. Grazie a Paolo Giorgini e Maddalena Garzetti per aver collaborato al paragrafo sulla metodologia Tropos, e a Iuris Cella per aver condiviso con noi il punto di vista aziendale sulla business intelligence. Per il caso di studio siamo debitori nei confronti di Gruppo Sistema s.r.l. e in particolare di Daniele Frisoni e Erika Prati. Grazie ad Andrea Delvò di Microstrategy Italia per averci autorizzato a catturare alcune immagini da un vero strumento di analisi multidimensionale. Grazie a Raffaele Cappelli e Ettore Saltarelli che hanno collaborato allo sviluppo dello strumento CASE incluso nel CD-ROM. È d obbligo menzionare i numerosi laureandi che negli ultimi anni hanno svolto la loro tesi di laurea sul data warehousing in collaborazione con aziende, introducendoci alle specifiche tematiche di progetto riscontrabili nei più disparati domini applicativi. Altrettanto importante è stato il contributo delle aziende con cui in questi anni abbiamo collaborato, che hanno portato alla nostra attenzione problemi reali di cui, altrimenti, un ricercatore universitario difficilmente potrebbe essere cosciente. Infine, grazie a familiari e amici che hanno pazientemente tollerato la nostra quasi totale assenza durante gli ultimi due mesi di stesura del testo. Gli autori Profilo degli autori Stefano Rizzi è professore straordinario presso il Corso di Laurea in Scienze dell Informazione dell Università di Bologna, dove insegna sistemi informativi avanzati e ingegneria del software. Ha pubblicato più di 70 articoli riguardanti i sistemi informativi, gli agenti robotici mobili e il pattern recognition su riviste internazionali e atti di convegni; è coautore di un testo sulla progettazione e realizzazione di basi di dati relazionali e di un testo sull ingegneria dei sistemi informativi. Ha partecipato a numerosi progetti di ricerca, molti dei quali sul tema del data warehousing, e a convenzioni tra università e aziende. Dal 2002 è supervisore scientifico del progetto Data Warehouse di Ateneo intrapreso dall Università di Bologna in collaborazione con CINECA di Bologna. Matteo Golfarelli è professore associato, ed è docente di sistemi informativi presso i Corsi di Laurea in Scienze dell Informazione e in Economia di Internet dell Università di Bologna. Prima di dedicarsi a tempo pieno al settore del data warehousing ha svolto attività di ricerca nei settori della robotica e del pattern recognition, completando la propria formazione presso la Brown University di Providence (USA). È coautore di oltre 40 articoli su riviste internazionali e atti di convegni e di un testo sull ingegneria dei sistemi informativi. Ha partecipato a numerosi progetti di ricerca e convenzioni sul tema del data warehousing. Entrambi svolgono attività di ricerca sui temi del data warehousing dal Hanno tenuto corsi e seminari sul data warehousing presso diverse aziende ed enti. Inoltre hanno organizzato, nel 1998 e nel 2002, due Giornate di studio sulla progettazione di data warehouse presso l università di Bologna, rivolte ad analisti e progettisti aziendali. Hanno tenuto un tutorial sul data warehousing nell ambito della 17th International Conference on Database Engineering a Heidelberg. Nel 2004 sono stati invitati al Perspective Seminar Data Warehousing at the Crossroads (Dagstuhl, Germania), con l obiettivo di contribuire all individuazione delle nuove linee di ricerca nel settore del data warehousing per il successivo triennio.

Organizzazione del testo

Organizzazione del testo Questo testo è un introduzione allo standard CORBA (Common Object Request Broker Architecture) e all architettura di riferimento OMA (Object Management Architecture), per lo sviluppo di sistemi software

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

Data Mining a.a. 2010-2011

Data Mining a.a. 2010-2011 Data Mining a.a. 2010-2011 Docente: mario.guarracino@cnr.it tel. 081 6139519 http://www.na.icar.cnr.it/~mariog Informazioni logistiche Orario delle lezioni A partire dall 19.10.2010, Martedì h: 09.50 16.00

Dettagli

SEMINARI FORMATIVI SU BUSINESS INTELLIGENCE E CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT: CREARE VALORE DAI DATI

SEMINARI FORMATIVI SU BUSINESS INTELLIGENCE E CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT: CREARE VALORE DAI DATI ICT 4 VALUE Ciclo di eventi di sensibilizzazione, informazione e formazione sull applicazione delle tecnologie ICT in azienda SEMINARI FORMATIVI BUSINESS INTELLIGENCE E CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT:

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Prefazione. Contenuti

Prefazione. Contenuti Prefazione Il sistema operativo costituisce uno dei componenti fondamentali di ogni sistema di elaborazione, in particolare è quello con cui l utente entra direttamente in contatto quando accede al sistema,

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE

Dettagli

Data Warehouse Architettura e Progettazione

Data Warehouse Architettura e Progettazione Introduzione Data Warehouse Architettura! Nei seguenti lucidi verrà fornita una panoramica del mondo dei Data Warehouse.! Verranno riportate diverse definizioni per identificare i molteplici aspetti che

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MDT Master in Diritto tributario dell impresa XII Edizione 2013-2014 MDT Master in Diritto tributario dell impresa Il diritto tributario è un tema spesso

Dettagli

DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE

DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Dipartimento di Ingegneria di Enzo Ferrari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica (270/04) DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE Relatore

Dettagli

GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV]

GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV] corso triennale GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA [GCV] Progetto: Flavia Pellegrini Comunicazione e informazione sono oggi presenze generalizzate e pervasive che caratterizzano ogni aspetto della quotidianità.

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

INDICE. Introduzione di Elisabetta Jafrancesco p. 7. 1. Il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue p. 13 di Massimo Maggini

INDICE. Introduzione di Elisabetta Jafrancesco p. 7. 1. Il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue p. 13 di Massimo Maggini INDICE Introduzione di Elisabetta Jafrancesco p. 7 1. Il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue p. 13 di Massimo Maggini 2. Oltre il Quadro comune europeo di riferimento per le lingue p. 23

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

Introduzione. Perché è stato scritto questo libro

Introduzione. Perché è stato scritto questo libro Introduzione Perché è stato scritto questo libro Sul mercato sono presenti molti libri introduttivi a Visual C# 2005, tuttavia l autore ha deciso di scrivere il presente volume perché è convinto che possa

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Università degli Studi di Salerno Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Università degli Studi di Salerno Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Base Di Dati II Anno accademico 2011/2012 Progettazione di un Data mart per l'analisi dei servizi bibliotecari universitari

Dettagli

Studio dei casi Scuole medie superiori

Studio dei casi Scuole medie superiori Valutazione dei progetti: Valutazione formativa Studio dei casi Scuole medie superiori Allegorie in una classe di quinto superiore Gli studenti del quinto superiore nella classe della professoressa Marta

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

Curriculum vitae. Informazioni personali. Titoli di studio e professionali ed esperienze lavorative Titoli di studio

Curriculum vitae. Informazioni personali. Titoli di studio e professionali ed esperienze lavorative Titoli di studio Curriculum vitae Informazioni personali Nome Montanaro Raffaele Data di nascita 31/12/1973 Nazionalità Italiana Titoli di studio e professionali ed esperienze lavorative Titoli di studio 1992 Diploma di

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

Rassegna sui principi e sui sistemi di Data Warehousing

Rassegna sui principi e sui sistemi di Data Warehousing Università degli studi di Bologna FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Rassegna sui principi e sui sistemi di Data Warehousing Tesi di laurea di: Emanuela Scionti Relatore: Chiar.mo Prof.Montesi

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti,

Dettagli

DOL Modular Formazione online per insegnanti della scuola italiana Offerta didattica

DOL Modular Formazione online per insegnanti della scuola italiana Offerta didattica DOL Modular Formazione online per insegnanti della scuola italiana Offerta didattica A cura dello staff DOL Formazione online per insegnanti della scuola italiana si rivolge a docenti di qualsiasi livello

Dettagli

ECDL Junior la patente europea per la Scuola Media

ECDL Junior la patente europea per la Scuola Media ECDL Junior la patente europea per la Scuola Media Speaker: Andrea Zavanella Responsabile Network Formatica Giornata di Presentazione della Nuova Patente Europea Milano 21 Novembre 2008 I primi passi con

Dettagli

DOMENICO CLERICI LUIGI PETRUZZELLI

DOMENICO CLERICI LUIGI PETRUZZELLI DOMENICO CLERICI LUIGI PETRUZZELLI 2006-10-31 TICLE Srl - www.ticle.it Pag. 1/9 Dalla IV di copertina... Knowledge Based Project Management - Presentazione Questo libro nasce da un esperienza ventennale

Dettagli

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007

Data warehousing Mario Guarracino Laboratorio di Sistemi Informativi Aziendali a.a. 2006/2007 Data warehousing Introduzione A partire dalla metà degli anni novanta è risultato chiaro che i database per i DSS e le analisi di business intelligence vanno separati da quelli operazionali. In questa

Dettagli

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi Presentazione Di anno in anno, alle aziende nonprofit si richiede di assistere sempre più persone, di offrire servizi sempre più completi, di essere sempre più coerenti e affidabili. Molte aziende nonprofit

Dettagli

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 Emanuela Maria Torre STRATEGIE DI RICERCA VALUTATIVA

Dettagli

METODI E STRUMENTI PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLA QUALITÀ NELL EROGAZIONE DI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ: IL CASO METRONAPOLI

METODI E STRUMENTI PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DELLA QUALITÀ NELL EROGAZIONE DI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ: IL CASO METRONAPOLI Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Gestionale Abstract di tesi di laurea in GESTIONE AZIENDALE METODI E STRUMENTI PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA

PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA Anno Scolastico 2015/16 PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA CLASSE VB INFORMATICA Docenti: D Antico Maria Samantha Civardi Mauro Ore settimanali: 6 Ore annuali (previste in data 07/05/2016) : 196 FINALITA'

Dettagli

Il software didattico ELSE e il suo ruolo nella riabilitazione di studenti affetti da disturbi specifici dell apprendimento

Il software didattico ELSE e il suo ruolo nella riabilitazione di studenti affetti da disturbi specifici dell apprendimento 1 Erika Firpo Il software didattico ELSE e il suo ruolo nella riabilitazione di studenti affetti da disturbi specifici dell apprendimento INTRODUZIONE I software sono i veri protagonisti degli interventi

Dettagli

La Cultura del Diritto d'autore

La Cultura del Diritto d'autore La Cultura del Diritto d'autore Realizzazione portale web per la comunità accademica (docenti e studenti) focalizzato al rispetto del diritto d autore SOGGETTO CAPOFILA: Università degli Studi di Padova

Dettagli

LICEO TECNOLOGICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE

LICEO TECNOLOGICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE LICEO TECNOLOGICO INFORMATICO E COMUNICAZIONE Liceo Tecnologico - Quadro orario (Secondo lo schema del 4 maggio 2005) Primo biennio Discipline 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno 5 Anno Religione/ Attività Alternative

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

Data warehouse Introduzione

Data warehouse Introduzione Database and data mining group, Data warehouse Introduzione INTRODUZIONE - 1 Pag. 1 Database and data mining group, Supporto alle decisioni aziendali La maggior parte delle aziende dispone di enormi basi

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto IL MODELLO ER PER LA PROGETTAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

FACOLTÀ SCIENZE DELLA FORMAZIONE

FACOLTÀ SCIENZE DELLA FORMAZIONE MODELLO D SCHEDA DI TRASPARENZA Da compilare, stampare e allegare alla richiesta di affidamento. In caso di affidamento deliberato dal Consiglio di Facoltà, il docente è tenuto a compilare la scheda online

Dettagli

SCHEDA CORSO BASE DI DFMA - Design for Manufacture and Assembly Progettazione per la fabbricazione e l assemblaggio. Docente: Fabio Giudice

SCHEDA CORSO BASE DI DFMA - Design for Manufacture and Assembly Progettazione per la fabbricazione e l assemblaggio. Docente: Fabio Giudice Docente: Fabio Giudice Introduzione al corso Progettare i singoli componenti e l intero prodotto in modo da renderne più efficiente e agevole la fabbricazione e l assemblaggio finale consente di contenere

Dettagli

Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I. Laboratorio

Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I. Laboratorio A01 Paolo Di Sia Elementi di Didattica della matematica I Laboratorio Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

DOCENTI Docenti universitari provenienti da università Statali e Pontificie; professionisti, ricercatori, esperti del settore italiani e stranieri.

DOCENTI Docenti universitari provenienti da università Statali e Pontificie; professionisti, ricercatori, esperti del settore italiani e stranieri. OBIETTIVI FORMATIVI Scopo del Master è di consentire l approfondimento delle tematiche della progettazione, dell adeguamento e del recupero degli Edifici per il culto. DOCENTI Docenti universitari provenienti

Dettagli

Presentazione del Corso

Presentazione del Corso Presentazione del Corso Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 335636806 Università degli studi di Tor Vergata

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4^ ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico Scienze Applicate Docente Disciplina

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA Dr. Andrea Bertucci Psicologo e Dottore di Ricerca in Scienze Cognitive E mail: andrea.bertucci@yahoo.com

Dettagli

VERSO UNA NUOVA FIGURA PROFESSIONALE

VERSO UNA NUOVA FIGURA PROFESSIONALE Economia aziendale VERSO UNA NUOVA FIGURA PROFESSIONALE I corsi di Economia aziendale di Mondadori Education per il triennio degli Istituti tecnici del settore economico Il futuro è la nostra materia.

Dettagli

IL SISTEMA DEI DESCRITTORI EUROPEI PER LE LAUREE E LE LAUREE MAGISTRALI

IL SISTEMA DEI DESCRITTORI EUROPEI PER LE LAUREE E LE LAUREE MAGISTRALI IL SISTEMA DEI DESCRITTORI EUROPEI PER LE LAUREE E LE LAUREE MAGISTRALI Osservatorio di Ateneo sulla Didattica Università di Siena Servizio Management Didattico Siena, 21 novembre 2006 D.M. sulla disciplina

Dettagli

LE ESPERIENZE ALUMNI MABA LE ESPERIENZE ALUMNI MABA

LE ESPERIENZE ALUMNI MABA LE ESPERIENZE ALUMNI MABA Penso che l obiettivo di un Master debba essere quello di saper coniugare al meglio la fase teorica con quella pratica, introducendo lo studente al mondo del lavoro. Il Master MABA riesce in questo e aiuta

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MARK WEB ANALYTICS E BUSINESS INTELLIGENCE ESTENDERE LA BI PER SUPPORTARE IL MARKETING ONLINE E LA CUSTOMER ANALYSIS

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MARK WEB ANALYTICS E BUSINESS INTELLIGENCE ESTENDERE LA BI PER SUPPORTARE IL MARKETING ONLINE E LA CUSTOMER ANALYSIS LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MARK MADSEN SOCIAL MEDIA, WEB ANALYTICS E BUSINESS INTELLIGENCE ESTENDERE LA BI PER SUPPORTARE IL MARKETING ONLINE E LA CUSTOMER ANALYSIS ROMA 12-13 MAGGIO 2011 VISCONTI

Dettagli

Normativa di riferimento. Contesto attuale

Normativa di riferimento. Contesto attuale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SILVANO FEDI Via Panconi, 39-51100 - PISTOIA (ITALIA) Tel. +39 0573 37211 FAX.+39 0573 372121 Web: www.itisfedi.pt.it E-Mail :mailto:posta@itisfedi.pt.it Progetto di

Dettagli

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni SCHEDA PROGETTO LIM Dati dell istituzione scolastica Codice VETF04000T Denominazione I.T.I.S. CARLO ZUCCANTE Indirizzo TF45 - PROGETTO ABACUS -INFORMATICA Titolo di progetto Classi coinvolte Docenti conduttori

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Organizzare un azienda sotto il profilo dei processi è oramai diventata una disciplina a cavallo tra la competenza aziendalistica ed informatica.

Dettagli

Alberto De Toni Guido Nassimbeni Stefano Tonchia I SISTEMI DI SUPPORTO ALLE DECISIONI: OFFERTA, DOMANDA, APPLICAZIONI

Alberto De Toni Guido Nassimbeni Stefano Tonchia I SISTEMI DI SUPPORTO ALLE DECISIONI: OFFERTA, DOMANDA, APPLICAZIONI Alberto De Toni Guido Nassimbeni Stefano Tonchia I SISTEMI DI SUPPORTO ALLE DECISIONI: OFFERTA, DOMANDA, APPLICAZIONI umi.mlsslont t.uropu t-ondo *-i.li~ t.uiujn!v ls1ltuto Universitario Architettura Venezia

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

La corte della miniera. Classe Trepuntozero. Sai la novità? Si può copiare.

La corte della miniera. Classe Trepuntozero. Sai la novità? Si può copiare. La corte della miniera Classe Trepuntozero Sai la novità? Si può copiare. Premessa La scuola non sta cambiando in relazione ai cambiamenti che velocemente la circondano. Questo dato di fatto si relaziona

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Eccellenza in Business Process Management edizione 2010 Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

REPORT SECONDO LABORATORIO DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA SCENARIO WORKSHOP: VALORIZZAZIONE SITI PILOTA

REPORT SECONDO LABORATORIO DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA SCENARIO WORKSHOP: VALORIZZAZIONE SITI PILOTA MED-PHARES Strategie di gestione integrate per la valorizzazione del patrimonio dei fari e delle stazioni semaforiche del Mediterraneo REPORT SECONDO LABORATORIO DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA SCENARIO WORKSHOP:

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

Disegno di Macchine. Lezione n 1 Introduzione al Corso. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing.

Disegno di Macchine. Lezione n 1 Introduzione al Corso. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 1 Introduzione al Corso Ruolo del Disegno Nell ambito dell ingegneria industriale ed in particolar

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea in Fisioterapia

Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea in Fisioterapia 5 a Conferenza Nazionale GIMBE Dall'Evidence-based Practice alla Clinical Governance Bologna, 5 febbraio 2010 Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea

Dettagli

TRAINING ON INNOVATION 2007

TRAINING ON INNOVATION 2007 TRAINING ON INNOVATION 2007 23-24-25-30 novembre e 1-2 dicembre 2007 Hotel Holiday Inn - Cosenza Consiglio Nazionale Ingegneri Regione Calabria Dipartimento Presidenza 1 Abstract: Un percorso di tipo progettuale

Dettagli

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli)

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni Articolazione: Informatica INFORMATICA: Analisi Disciplinare FINALITÀ GENERALI DELL INDIRIZZO E DELL ARTICOLAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

corso triennale HABITAT DESIGN [HD]

corso triennale HABITAT DESIGN [HD] corso triennale HABITAT DESIGN [HD] Progetto: Valerio Calamari, Valentina Ciocci, Devil D Angelo, Giulia Lombardi, Jessica Pizzuto, Alessio Rubini L habitat è il complesso delle strutture fisiche, naturali

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. XI Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. XI Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture XI Edizione 2014-2015 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive

Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive Storia dell opera, arti e mestieri del teatro, educazione al canto, laboratori di drammaturgia, arti visive Edizione 2010 L edizione 2010 del progetto Magia dell Opera Il progetto didattico Magia dell

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione.

RAPPORTO DI RICERCA CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI. Cooperazione. CO-OPERANDO FRA AREE RURALI: I PROGETTI LEADER ED EXTRA-LEADER DEI GRUPPI DI AZIONE LOCALE ITALIANI RAPPORTO DI RICERCA Cooperazione tra aree rurali Cooperation day Cooperazione tra aree rurali Cooperazione

Dettagli

Verso queste finalità sono indirizzati i tre moduli didattici tematici che compongono l insegnamento di Scienza della Rappresentazione 1:

Verso queste finalità sono indirizzati i tre moduli didattici tematici che compongono l insegnamento di Scienza della Rappresentazione 1: Università degli Studi "G. d'annunzio" Chieti. Facoltà di Architettura di Pescara Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico in Architettura DSSARR - Dipartimento di Scienze, Storia dell'architettura,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI MACRO AREA SCIENZE DELLA VITA E DELLA SALUTE AREA DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI MACRO AREA SCIENZE DELLA VITA E DELLA SALUTE AREA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN REVISIONI SISTEMATICHE METANALISI PER LA PRODUZIONE DI LINEE GUIDA EVIDENCE- BASED IN AMBITO SANITARIO METODO COCHRANE A.A. 013/14 CFU Lingua Italiano - Inglese Percentuale

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corpus del corso, di durata triennale, è costituito da sapere e saper fare legati al mondo del web, delle nuove tecnologie e alla gestione di quelle che definiamo esperienze

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane

Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane Bando Giovani Ricercatori Progetto di ricerca Nuovi approcci per lo studio e la misurazione della povertà e dell esclusione sociale nelle regioni italiane di Manuela Stranges Dipartimento di Economia e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

Intervento del Sottosegretario Giuseppe Pizza CONVEGNO SULLA COOPERAZIONE UNIVERSITARIA TRA ITALIA E AMERICA LATINA

Intervento del Sottosegretario Giuseppe Pizza CONVEGNO SULLA COOPERAZIONE UNIVERSITARIA TRA ITALIA E AMERICA LATINA Intervento del Sottosegretario Giuseppe Pizza CONVEGNO SULLA COOPERAZIONE UNIVERSITARIA TRA ITALIA E AMERICA LATINA Ministero degli Affari Esteri, Roma Sala C. Nigra Martedì 4 ottobre 2011 Consentitemi

Dettagli

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE Master Gestione e controllo degli interventi di assetto e riqualificazione delle aree urbane nei PVS Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Via Antonio Gramsci, 53-00197 Roma ANNO ACCADEMICO 2002

Dettagli

PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione

PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

CentroStudi 30 Capitolo 2 Francesco Muzzarelli è esperto di formazione e corporate training consulting, autore di numerosi saggi sulle tematiche della formazione rivolta

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

Data Warehousing e Data Mining

Data Warehousing e Data Mining Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Sistemi e Informatica A.A. 2011-2012 I primi passi Data Warehousing e Data Mining Parte 2 Docente: Alessandro Gori a.gori@unifi.it OLTP vs. OLAP OLTP vs.

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli