NUMISMATICA -O-NLINIE. Materiali Il ~ MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO BOLLETTINO DI. Granducato di Toscana ( )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUMISMATICA -O-NLINIE. Materiali Il ~ MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO BOLLETTINO DI. Granducato di Toscana (1824-1859)"

Transcript

1 ~ MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO BOLLETTINO DI NUMISMATICA -O-NLINIE COLLEZIONE DI VITTORIO EMANUELE III ( ) Materiali Il

2 SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA MUSEO NAZIONALE ROMANO Medagliere LA COLLEZIONE DI VITTORIO EMANUELE III collana on line a cura di Silvana BalBi de Caro GaBriella angeli Bufalini

3 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA CULTURALI E DEL TURISMO - DIREZIONE GENERALE PER LE ANTICHITA... BOLLETTINO DI NUMISMATICA ON-LINE MATERIALI Numero 11 Novembre 2013 ROMA, MUSEO NAZIONALE ROMANO LA COLLEZIONE DI VITTORIO EMANUELE III Granducato di toscana Leopoldo II di Lorena ( ) di Sommario GranduCato di toscana. Leopoldo II di Lorena ( ) La monetazione di Leopoldo II ( )... p. 5 Le monete di Leopoldo II nella Collezione Reale....» 9 Note...» 10 Catalogo...» 11 Abbreviazioni bibliografiche...» 167 Indici....» 169

4 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO DIREZIONE GENERALE PER LE ANTICHITÀ Direttore Generale Luigi Malnati Direttore del Servizio III Jeannette Papadopoulos BOLLETTINO DI NUMISMATICA Via di San Michele Roma tel fax Direttore Silvana BalBi de Caro Capo redattore e coordinatore di redazione: GaBriella angeli Bufalini Redazione fabiana lanna, GiuSeppina pisani Sartorio Segreteria di redazione olimpia de Caro Responsabile settore grafico Stefano ferrante Rapporti con la stampa maria fernanda Bruno tel Comitato tecnico-scientifico Ermanno A. Arslan, Renata Cantilena, Emanuela Ercolani Cocchi, Salvatore Garraffo, Giovanni Gorini, Andrea Saccocci, Aldo Siciliano, Rosa Maria Villani

5 Granducato di toscana Leopoldo II di Lorena ( ) di La monetazione di Leopoldo II ( ) Il 18 giugno 1824 scomparve prematuramente Ferdinando III; fu suo figlio Leopoldo a prenderne il posto e a mettersi alla guida del granducato. Il 30 luglio dello stesso anno fu approvata la sostituzione dei vecchi conî con quelli di Leopoldo II: All Ill.mo sig. Luigi di Poirot direttore della zecca di partecipo a V.S. Ill.ma che resta ella autorizzata far sostituire nei nuovi coni delle monete d oro e di rame il Nome di S. A. I e Reale attualmente regnante a quelle del defunto granduca. Si darà cura V.S. Ill.ma di suggerire le sue idee sul conio delle nuove monete d argento nelle quali sarà impressa l effige di I. e R. A. Sua Leopoldo II 1. Il 30 agosto furono battuti per la prima volta i nuovi zecchini (3200 pezzi) 2. Carlo Siries fu incaricato di eseguire il ritratto da incidere sulle monete d argento: Adi 20 7bre 1824 furono da me passate all incisore Carlo Siries le istruzioni in conseguenza ho da lui ricevuto la qui acclusa tassella contenente i disegni delle sette monete delle quali crederei che bastasse per ora d ordinare i nuovi conj 3. Questi sette conî che dovevano essere realizzati comprendevano anche il testone da due lire che era ormai dai tempi di Cosimo III che non veniva battuto 4 ; negli anni precedenti difatti suppliva la mancanza di questo nominale il testone di Clemente XII battuto nella zecca di Roma: questo testone oltre all essere in oggi assai consunto per il lungo uso, va inesorabilmente a mancare 5 ; nonostante ne fosse stato preparato il disegno, questo nominale non venne mai battuto 6. In definitiva, vediamo come nel secondo semestre del 1824 vennero battuti, oltre agli zecchini, solo i rusponi 7, la moneta da un soldo 8 e un emissione di paoli cinque 9 con i vecchi conî del defunto granduca Ferdinando III e a suo nome. Nel dicembre 1824 venne a mancare il direttore della zecca Luigi Poirot e, con un decreto del 4 marzo 1825, venne eletto il suo successore, il marchese Cosimo Ridolfi. Egli, da subito, dette vita a un progetto che mirava a trasformare la monetazione in un sistema totalmente decimale. A tal proposito, formulò tre proposte al regnante il quale ne accettò parzialmente solo una; difatti si rifiutò di eliminare alcune monete che da molti anni erano ben accette e di uso comune in Toscana 10. S. A. I. e R. il Granduca Nostro Signore, riassunte in esame le varie proposizioni che V.S. Ill.ma in rapporto all introduzione di un nuovo piano monetario e ai miglioramenti da portarsi nella forma e nel conjo delle monete autorizza a far battere il nuovo fiorino d argento del valore di venti crazie avente sul dritto la R. Effige e sul rovescio un giglio con la leggenda Fiorino o Quattrini Cento, come pure a far coniare le altre monete submultiple di quelle nella serie indicata nel piano medesimo a forma dei disegni contenuti nella tavola A e B annesse alla di Lei memoria dè 12 aprile 1825 con la leggenda indicativa l attual nome di ciascheduna moneta ed insieme il numero dei quattrini che essa contiene 11. Il fiorino, proposto come unità di misura della nuova monetazione ( moneta nuova da 20 crazie o 100 quattrini), venne battuto a partire dal ma non ebbe il gradimento atteso mentre, i suoi sotto multipli, ovvero il mezzo e il quarto di fiorino, vennero coniati solo nel Il piano A 13 del Ridolfi prevedeva la battitura della dena e della mezza dena con l effige del sovrano: in rapporto alla dena e mezza dena sono adatti per la dimensione e per la forma delle Armi i disegni respettivamente contenuti nelle tavole che sopra, con incidere sul contorno il respettivo valore col nome loro attuale e con la corrispondenza del medesimo all unità del Fiorino 14. Anche la dena e la mezza dena vennero battute rispettivamente nel 1825 e nel 1826, ma utilizzando il vecchio conio di Carlo Ludovico e Maria Luisa, contraddistinto dalla data Sig. Direttore Co 5

6 simo Ridolfi adì 9 Xbre Ieri l altro ricevei un suo pregiatissimo foglio col quale m invitava a riparare all inaspettata rottura del conjo dell Arme per l impressione delle Dene. Fortunatamente del nuovo paro di conj, che per detta lavorazione sta facendo il Nannucci quello dell Arme non mancava che della tempera e della pulitura. Mi affrettai portando a mandare subito a temperare il suddetto conjo, del quale adesso che sono le ore nove e mezzo della mattina, essendo ultima la pulitura, ho l onore di accompagnarlo colla presente a V.S. Ill.ma. Carlo Siries 15. La mezza dena venne coniata solo nel 1826, mentre, le battiture della dena furono così numerose che nell anno 1843 oltre pezzi uscirono dalla zecca 16. In quel tempo, il primo e unico incisore era Carlo Siries, ma i suoi problemi di salute e l incarico che ricopriva come direttore delle gallerie granducali, impedivano alla zecca di far fronte alle esigenze relative la disponibilità dei nuovi conî per la monetazione. Pertanto, si dovette ricorrere all aiuto di un altro incisore per la preparazione dei nuovi conî; in seguito a un concorso bandito dalla zecca, venne incaricato Pietro Cinganelli. Nel 1826, quest ultimo eseguì i bei conî del fiorino e del paoli dieci che siano ritenuti le date sin qui respettivamente attribuite a ciascuna specie di moneta assegnando quella di al nuovo Fiorino e ritenendo la leggenda latina, come si è finora esistito, adottando l I. e R.A. Sua per le leggende della nuova moneta Susceptor Noster Deus 17. Con la parziale approvazione da parte del sovrano del nuovo sistema e il mantenimento del vecchio, si venne a creare una notevole confusione in campo monetario; basti ricordare che oltre 22 tipi di monete, di diversa bontà, circolavano legalmente nel granducato e, se a essi si aggiungono i residui delle monete medicee che mai erano state proibite, erano necessarie delle notevoli qualità matematiche per poter acquistare e spendere senza cadere in errore! Figlia della nuova monetazione fu anche la moneta d oro da ottanta fiorini che sia autorizzata la zecca a battere la nuova moneta d oro alla bontà di Karati 24 del valore di paoli dugento o fiorini ottanta portando sul dritto lo stemma di S.A.I. e R. contornato dall Augusto di Lui Nome, e sul rovescio un giglio con le leggende espressive del di lei valore 18. Essa venne battuta a partire dal 1827 ma, come giustamente ricorda Giovanni Baldasseroni, la maggior parte dei pochi pezzi battuti passò subito all estero, gli altri sparirono subito come articoli di curiosità o come facili a rappresentare, in piccol numero, un buon peculio, ne vennero mai in circolazione 19. Nel 1828, a fronte di una richiesta fatta da alcuni commercianti, si procedette alla coniazione del tallero con l effige di Maria Teresa e già battuto dal predecessore Ferdinando III: adì 14 novembre 1828 S.A.I. e R.si è degnata, colla veduta di secondare la speculazione privata di alcuni mercanti, d autorizzare V.S. Ill.ma ad intraprendere la monetazione del tallero alla consueta bontà e peso legale per il valore nominale di non ostante che in tutte le lavorazioni intraprese in altri tempi colle istesse mire, questo prezzo fosse fissato a lire Questo tallero venne battuto solo nel 1828, 1829, 1832, 1833 e nel 1857 fino all ultima battitura dell anno 1858, in una quantità pari a oltre pezzi 21. Le altre monete d argento, alla bontà di once 11 d argento fine per libbra, battute durante il regno di Leopoldo II, furono: le sopramenzionate monete da paoli dieci e fiorino, il paoli cinque (battuto dal 1827 al 1834), il paolo (dal 1831 al 1858) e paolo mezzo (dal 1832 al 1857). Più numerose furono le monete di mistura che vennero coniate in questo periodo ed esattamente i quattrini dieci alla bontà di once 3,15 d argento alla libbra ( , e ), i quattrini cinque ( e ) 22, i soldi due (battuti solo nel 1826 a nome di Ferdinando III), il soldo o tre quattrini (battuti dal 1824 al 1856 ad eccezione di qualche anno) alla bontà di denari 16 d argento alla libbra e infine il quattrino alla bontà di denari 6 d argento alla libbra, battuto ininterrottamente, salvo nell anno 1839, dal 1825 al La varietà dei conî battuti e il numero di incisori che si cimentarono nella loro realizzazione fanno della monetazione di Leopoldo II una tra le più interessanti di tutto il periodo lorenese, seconda solo, a mio parere, alla monetazione di Pietro Leopoldo. 6

7 Monete d oro 80 Fiorini Ruspone Zecchino

8 Monete d argento e mistura Paoli 10 Paoli 5 Lire 10 Lire 5 Tallero Fiorino 1/2 Fiorino Paolo 1/4 Fiorino 1/2 Paolo Quattrini 10 Quattrini 5 Soldi 2 Quattrini Quattrino note I paoli dieci battuti nel 1825 presentano l effige di Ferdinando III. I paoli cinque battuti nel 1825 e 1826 presentano l effige di Ferdinando III. Le lire dieci battute durante il governo di Leopoldo II presentano l effige di Maria Luisa e Carlo Ludovico, con data Le lire cinque battute nel 1826 presentano l effige di Maria Luisa e Carlo Ludovico, con date 1803 e I talleri battuti durante il governo di Leopoldo II presentano l effige di Maria Teresa, con conio datato I soldi due vennero battuti con i conii di Ferdinando III. Le date riportate sui conii delle monete non sempre corrispondono all effettivo anno di coniazione. 8

9 Le monete di Leopoldo II nella Collezione Reale Il numero totale di monete di Leopoldo II presenti nella Collezione Reale ammonta a 156 unità. Rispetto a quanto pubblicato nel volume XII del Corpus, sono pochi gli esemplari di circolazione di nuova acquisizione; si tratta peraltro di pezzi di scarsissimo significato (quattro comuni monete da quattrini uno e una moneta da quattrini dieci). Troviamo invece un discreto numero di prove di zecca registrate come falsi e anch esse acquisite dopo la pubblicazione del Corpus. Oltre a esse, nella collezione si trova il progetto di una medaglia, risalente agli anni successivi il 1847, realizzata in onore di Maria Luisa, sorella del granduca scomparsa in quell anno 23. Quasi tutti i pezzi di circolazione presenti nella collezione vennero acquisiti dalla fine del 1800 agli inizi del 1900, essendo piuttosto facili da reperire nel mercato numismatico. Il contributo che fornì l acquisizione della raccolta Marignoli al completamento del nucleo relativo alle emissioni di Leopoldo II è di 14 monete, un numero in proporzione inferiore rispetto a quello dei periodi precedenti. Sulla base delle attuali conoscenze, le emissioni di Leopoldo II risultano tutte presenti in Collezione Reale ad eccezione del raro zecchino datato 1826 e di una serie di spiccioli 24, alcuni dei quali apparsi sul mercato solo in tempi recenti e sconosciuti anche al Galeotti 25. Al tempo della catalogazione e relativa pubblicazione del Corpus anche per le monete di Leopoldo II vennero commessi alcuni errori, dovuti sia alla cattiva conservazione di alcuni pezzi che alla lettura errata: per esempio, troviamo un paoli cinque (CNI XII, p. 465 n. 1), la cui data riportata in leggenda venne letta come 1822, mentre si tratta in realtà del 1829: l errata interpretazione è dovuta ad una sbavatura del conio in prossimità della data. Lo stato di conservazione delle monete è mediamente buono, specialmente per i nominali d argento e per quelli d oro. Per quanto concerne gli spiccioli, invece, si osservano sia esemplari fior di conio che pezzi di cattiva conservazione e non mancano esemplari curiosi come monete con ribattiture e falsi d epoca. * Per l amministrazione, i direttori e gli incisori della zecca di in epoca lorenese, v. a. pucci, La collezione di Vittorio Emanuele III.. Francesco Stefano di Lorena, in Bollettino di Numismatica on line, Materiali 1 (gennaio 2013), pp **Per l esatta raffigurazione grafica dei segni di abbreviazione e interpunzione delle leggende si rimanda alle immagini delle monete presenti in ciascuna scheda. *** L acquisizione in digitale delle immagini é stata effettuata da Gianfranco Boscarino, Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, Medagliere. 9

10 NOTE 1 ASF, inv. 89, filze ; pucci 2007 d, p pucci 2007 a, p. 75: le battiture degli zecchini risalgono al periodo sebbene le quantità non superino mai gli pezzi l anno. 3 ASF, inv. 89, filze ; pucci 2007 d, p pucci 2008, p. 17; i testoni vennero battuti per l ultima volta dalla zecca di nel La legge del 19 aprile 1796 consentiva al testone di Clemente XII di essere accettato ufficialmente nel granducato. 6 pucci 2007 a, p In verità, nel 1849, due anni dopo l annessione di Lucca al dominio granducale, venne battuta a la moneta da lire due usando lo stesso conio con l effige di Carlo Ludovico; questa moneta fu coniata alla bontà di once 8 d argento fine alla libbra e in pezzi. 7 pucci 2007 d, p. 75: il ruspone fu battuto quasi ininterrottamente dal 1824 al 1859 ma, esclusa la grande emissione del 1825 pari a oltre esemplari, dal 1827 in poi le battiture annuali non superarono mai i pezzi. 8 pucci 2007 a, p. 112: la battitura del soldo del 1824 venne eseguita con il vecchio tipo di conio, simile a quello di Ferdinando III, mentre dal 1826 in poi ne verrà usato uno nuovo, di maggior diametro e di minore spessore, seppur della stessa bontà. 9 pucci 2007 d, p. 75: le battiture del paoli cinque del 1825 e 1826 vennero realizzate usando il vecchio conio di Ferdinando III. 10 ASF, inv. 89, filza 333; pucci 2007 a, p ASF, inv. 89, filza 333; pucci 2007 d, p pucci 2007 a, p. 112: il fiorino venne battuto, in quantità non particolarmente importanti, fino al Leopoldo II aveva all inizio scartato la proposta prevista nel piano A del Ridolfi, salvo poi estrapolarne certi contenuti. 14 Vedi nota ASF, inv. 89, filza 333; pucci 2007 d, p pucci 2007 d, p Il 4 luglio 1825 il direttore Ridolfi scrisse al granduca per spiegare i dettagli relativi all eventuale battitura della moneta da ottanta fiorini richiamando il mio piano di monetazione rimesso a V.A.I e R. fino al dì 12 aprile 1825, sarei di ossequioso parere che ove il paolo o quarantino fosse per divenire il tipo del nostro sistema monetario, si aprisse la fabbricazione di un nuovo pezzo d oro del valore di quarantini 200 e crederei vantaggioso emettere un duplo e triplo ruspone perché sarebbero tali monete anelli ben chiusi della catena decimale e perché nella nuova moneta giova d allontanare appunto il nome di zecchino o ruspone. Questa moneta dovrebbe riuscire di elegantissima forma e forse potrebbe in lei rinnovarsi l andata usanza di esprimere su di una faccia il Giglio dell antica repubblica e sull altra lo stemma di V.A.I. e R.. Intorno a questa figurerebbe l Augusto Suo Nome, intorno a quello si esprimerebbe il valore della nuova moneta. Cosimo Ridolfi (ASF, inv. 89, filza 333; pucci 2007 d, p. 72). 18 ASF, inv. 89, filza 333; pucci 2007 d, p BALDASSERONI 1871, p. 612 e ss.; Giovanni Baldasseroni fu presidente del consiglio dei ministri negli ultimi anni di Leopoldo II. 20 ASF, inv. 89, filza 333; pucci 2007 d, p. 73. La valuta del tallero, che era stata stabilita nella prima battitura del 1814, era di lire 6 e soldi pucci 2007 d, p Le monete da quattrini cinque battute dopo il 1830 vennero realizzate senza aggiornarne la data; pertanto tutte quelle battute dopo tale data riportano il millesimo La medaglia è priva dell effige della principessa; non risulta che questo progetto sia stato in seguito realizzato con la battitura della medaglia; che si tratti di un progetto relativo alla sorella del granduca è peraltro certo in quanto lo stemma del rovescio è identico a quello che si trova nei paoli dieci di Leopoldo II. 24 Quattrino 1830, 1831 e 1842 oltre al quattrini cinque 1828 (di dubbia esistenza). 25 Quattrini tre datati

11 1. Ruspone, 1824 Oro K 24 g 10,47 mm 27,53 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II. D.G.A.A.M.D. ETR. (stella) Giglio di ; sotto, S. R/ S.IOANNES (croce stilizzata) BAPTISTA. / 1824 San Giovanni Battista seduto su zolla erbosa con croce astile nella d. Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Stella Direttore di Zecca: Luigi Poirot Incisore dei conî: Carlo Siries Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 465 n. 2 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2005, p. 105 n. 197 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 11

12 2. Zecchino, 1824 Oro K 24 g 3,48 mm 21,39 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II. D.G.A.A.M.D. ETR. (stella) Giglio di ; sotto, S. R/ S.IOANNES BAPTISTA. / 1824 San Giovanni Battista seduto su zolla erbosa tiene nella mano sinistra una croce astile e ha la mano destra alzata in atto di predicare Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Stella Direttore di Zecca: Luigi Poirot Incisore dei conî: Carlo Siries Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 465 n. 3 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2005, p. 105 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

13 3. Soldo, 1824 Mistura mill. ag. g 2,46 mm 17,98 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND.DI.TOSC. (stella) Scudo Lorena di forma circolare coronato; sotto, S. R/ UN VENTESIMO DI LIRA. / 1824 Nel campo, SOLDO Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Stella Direttore di Zecca: Luigi Poirot Incisore dei conî: Carlo Siries Annotazioni d'epoca: [Rodolfo] Ratto, 1897 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 465 n. 4 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 121 n. 45 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 13

14 4. Ruspone, 1825 Oro K 24 g 10,46 mm 27,8 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II. D.G.A.A.M.D. ETR. (monti araldici) Giglio di ; sotto, S. R/ S.IOANNES (croce stilizzata) BAPTISTA. / 1825 San Giovanni Battista seduto su zolla erbosa con croce astile nella d. Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Incisore dei conî: Carlo Siries Annotazioni d'epoca: Raccolta Marignoli, 1900 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 466 n. 5 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2005, p. 106 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

15 5. Paoli dieci, 1826 Argento 916 mill. g 27,32 mm 41,6 inv. SSBAR D/.LEOPOLDVS II.D.G.P.I.A.P.R.H.ET B.A.A.MAGN.DVX ETR. (monti araldici) Testa del granduca a d.; sotto, P.C. R/ SVSCEPTOR NOSTER DEVS / PISIS Scudo Lorena di forma ovale, coronato e drappeggiato, circondato dal Collare dell'annunziata da cui pende il toson d'oro, sormontato da scudetto granducale coronato Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Incisore dei conî: Pietro Cinganelli Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 466 n. 6 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 d, p. 76 n. 1 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 15

16 6. Fiorino, 1826 Argento 916 mill. g 6,87 mm 24,21 inv. SSBAR D/ LEOPOLDO II.A.D'A.GRANDUCA DI TOSCANA. (monti araldici) Testa del granduca a d.; sotto, P.C. R/ QUATTRINI CENTO Giglio di ; sotto, FIORINO Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Incisore dei conî: Pietro Cinganelli Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 466 n. 8 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 113 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

17 7. Fiorino, 1826 Argento 916 mill. g 6,86 mm 24,57 inv. SSBAR D/.LEOPOLDO II.A.D'A.GRANDUCA DI TOSCANA. (monti araldici) Testa del granduca a d.; sotto, P.C. R/ QUATTRINI CENTO Giglio di ; sotto, FIORINO Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Incisore dei conî: Pietro Cinganelli Annotazioni d'epoca: Dalle mie serie BiBlioGrafia: CNI XII, p. 466 n. 9 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 113 n. 1 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 17

18 8. Quattrini dieci, 1826 Mistura 312 mill. ag. g 2,04 mm 21,31 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND.DI.TOSC. (monti araldici) Scudo granducale rotondo, coronato, su croce di Santo Stefano; sotto, N. R/ Su tre righe, 10 / QUATTRINI / 1826 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 466 n. 10 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 119 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

19 9. Quattrini cinque, 1826 Mistura mill. ag. g 3,28 mm 23,54 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND.DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 5 / QUATTRINI / 1826 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 466 n. 11 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 120 n. 40 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 19

20 10. Quattrini tre, 1826 Mistura mill. ag. g 2,13 mm 21,14 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND.DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 3 / QUATTRINI / 1826 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: Raccolta Marignoli, 1900 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 467 n. 12 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 121 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

21 11. Fiorini ottanta, 1827 Oro K 24 g 32,61 mm 31,51 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II.D.G.P.I.A.P.R.H.ET B.A.A.MAGN.DVX ETR. (monti araldici) Giglio di ; sotto, N. R/ SVSCEPTOR NOSTER DEVS / Ki Scudo granducale a cuore, coronato, circondato dal Collare dell'annunziata da cui pende il toson d'oro, su croce di Santo Stefano Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 467 n. 13 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2005, p. 107 n. 202 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 21

22 12. Paoli cinque (prova), 1827 Lega g 9,67 mm 30,76 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II.D.G.P.I.A.P.R.H.ET B.A.A.MAGN.DVX ETR. (monti araldici) Testa del granduca a d.; sotto, P.C. R/ SVSCEPTOR NOSTER DEVS / PISIS Scudo granducale a cuore, coronato, circondato dal Collare dell'annunziata da cui pende il toson d'oro, su croce di Santo Stefano Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Incisore dei conî: Pietro Cinganelli Annotazioni d'epoca: Falso. Gucci, 1939 BiBlioGrafia: note: Prova. 22 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

23 13. Paoli cinque, 1827 Argento 916 mill. g 13,64 mm 31,58 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II.D.G.P.I.A.P.R.H.ET B.A.A.MAGN.DVX ETR. (monti araldici) Testa del granduca a d.; sotto, P.C. R/ SVSCEPTOR NOSTER DEVS / PISIS Scudo granducale a cuore, coronato, circondato dal Collare dell'annunziata da cui pende il toson d'oro, su croce di Santo Stefano Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Incisore dei conî: Pietro Cinganelli Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 467 n. 14 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 d, p. 81 n. 20 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 23

24 14. Fiorino, mezzo, 1827 Argento 916 mill. g 3,4 mm 21,53 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND. DI TOSC. (monti araldici) Scudo a cuore di Toscana coronato su croce di Santo Stefano; sotto, N. R/ QUATTRINI 50 / 1827 Nel campo, su due righe, ½ / FIORINO Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 467 n. 15 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 115 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

25 15. Fiorino, mezzo, 1827 Argento 916 mill. g 3,43 mm 21,79 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND. DI TOSC. (monti araldici) Scudo a cuore di Toscana coronato su croce di Santo Stefano; sotto, N. R/ QUATTRINI 50 / 1827 Nel campo, su due righe, ½ / FIORINO Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: [Eugenia] Majorana, 1930 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 467 n. 15 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 115 n. 17 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 25

26 16. Fiorino, quarto di, 1827 Argento 916 mill. g 1,69 mm 16,43 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND. DI TOSC. (monti araldici) Scudo a cuore di Toscana coronato su croce di Santo Stefano; sotto, N. R/ QUATTRINI 25 / 1827 Nel campo, su due righe, ¼ / DI FIORINO Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 467 n. 16 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 117 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

27 17. Fiorino, quarto di, 1827 Argento 916 mill. g 1,68 mm 16,99 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND. DI TOSC. (monti araldici) Scudo a cuore di Toscana coronato su croce di Santo Stefano; sotto, N. R/ QUATTRINI 25 / 1827 Nel campo, su due righe, ¼ / DI FIORINO Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: - BiBlioGrafia: cfr. CNI XII, p. 467 n. 16 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 117 n. 28 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 27

28 18. Quattrini dieci, 1827 Mistura 312 mill. ag. g 1,38 mm 21,11 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND. DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale rotondo, coronato, su croce di Santo Stefano; sotto, N. R/ Su tre righe, 10 / QUATTRINI / 1827 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: [Rodolfo] Ratto, 1897 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 467 n. 17 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 119 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

29 19. Quattrini tre, 1827 Mistura mill. ag. g 2,11 mm 21,33 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND. DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 3 / QUATTRINI / 1827 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: Raccolta Marignoli, 1900 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 18 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 121 n. 47 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 29

30 20. Quattrino, 1827 Mistura mill. ag. g 0,91 mm 16,07 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND. DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 1 / QUATTRINO / 1827 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: Raccolta Marignoli, 1900 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 19 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 124 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

31 21. Quattrino, 1827 Mistura mill. ag. g 0,95 mm 16,2 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND. DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 1 / QUATTRINO / 1827 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: Reale raccolta privata, 1901 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 19 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 124 n. 65 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 31

32 22. Fiorini ottanta, 1828 Oro K 24 g 32,6 mm 31,28 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II.D.G.P.I.A.P.R.H.ET B.A.A.MAGN.DVX.ETR. (monti araldici) Giglio di ; sotto, N. R/ SVSCEPTOR NOSTER DEVS / Ki Scudo granducale a cuore, coronato, circondato dal Collare dell'annunziata da cui pende il toson d'oro, su croce di Santo Stefano Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 20 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2005, p. 107 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

33 23. Paoli cinque (prova), 1828 Lega g 11,55 mm 30,78 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II.D.G.P.I.A.P.R.H.ET B.A.A.MAGN.DVX ETR. (monti araldici) Testa del granduca a d.; sotto, P.C. R/ SVSCEPTOR NOSTER DEVS / PISIS Scudo granducale a cuore, coronato, circondato dal Collare dell'annunziata da cui pende il toson d'oro, su croce di Santo Stefano Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Incisore dei conî: Pietro Cinganelli Annotazioni d'epoca: Falso. [Tullio] Cavagnaro, 1939 BiBlioGrafia: note: Prova. Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 33

34 24. Paoli cinque, 1828 Argento 916 mill. g 13,65 mm 31,62 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II.D.G.P.I.A.P.R.H.ET B.A.A.MAGN.DVX ETR. (monti araldici) Testa del granduca a d.; sotto, P.C. R/ SVSCEPTOR NOSTER DEVS / PISIS Scudo granducale a cuore, coronato, circondato dal Collare dell'annunziata da cui pende il toson d'oro, su croce di Santo Stefano Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 21 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 d, p. 81 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

35 25. Fiorino, 1828 Argento 916 mill. g 6,76 mm 24,28 inv. SSBAR D/ LEOPOLDO II.A.D'A.GRANDUCA DI TOSCANA. (monti araldici) Testa del granduca a d.; sotto, P.C. R/ QUATTRINI CENTO Giglio di ; sotto, FIORINO Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Incisore dei conî: Pietro Cinganelli Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 22 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 113 n. 22 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 35

36 26. Quattrini tre, 1828 Mistura mill. ag. g 2,01 mm 21,23 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND. DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 3 / QUATTRINI / 1828 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: Raccolta Marignoli, 1900 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 24 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 121 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

37 27. Quattrino, 1828 Mistura mill. ag. g 0,91 mm 16,03 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND. DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 1 / QUATTRINO / 1828 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 25 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 124 n. 66 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 37

38 28. Ruspone, 1829 Oro K 24 g 10,47 mm 27,17 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II. D.G.A.A.M.D.ETR. N. (monti araldici) Giglio di ; sotto, N. R/ S.IOANNES (croce stilizzata) BAPTISTA. / 1829 San Giovanni Battista seduto su zolla erbosa con croce astile nella d. Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 26 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2005, p. 108 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

39 29. Zecchino, 1829 Oro K 24 g 3,49 mm 21,33 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II. D.G.A.A.M.D.ETR. (monti araldici) Giglio di ; sotto, N. R/ S.IOANNES BAPTISTA. / 1829 San Giovanni Battista seduto su zolla erbosa tiene nella mano sinistra una croce astile e ha la mano destra alzata in atto di predicare Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 27 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2005, p. 108 n. 205 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 39

40 30. Paoli cinque, 1829 Argento 916 mill. g 13,68 mm 31,54 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II.D.G.P.I.A.P.R.H.ET B.A.A.MAGN.DVX ETR. (monti araldici) Testa del granduca a d.; sotto, P.C. R/ SVSCEPTOR NOSTER DEVS / PISIS Scudo granducale a cuore, coronato, circondato dal Collare dell'annunziata da cui pende il toson d'oro, su croce di Santo Stefano Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Incisore dei conî: Pietro Cinganelli Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 28 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 d, p. 81 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

41 31. Paoli cinque, 1829 Argento 916 mill. g 13,67 mm 31,63 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II.D.G.P.I.A.P.R.H.ET B.A.A.MAGN.DVX ETR. (monti araldici) Testa del granduca a d.; sotto, P.C. R/ SVSCEPTOR NOSTER DEVS / PISIS Scudo granducale a cuore, coronato, circondato dal Collare dell'annunziata da cui pende il toson d'oro, su croce di Santo Stefano Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Incisore dei conî: Pietro Cinganelli Annotazioni d'epoca: Spink, 1919 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 465 n. 1 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 d, p. 81 n. 22 note: CNI lettura errata: la data riportata al rovescio è 1829 e non Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 41

42 32. Quattrini cinque, 1829 Mistura mill. ag. g 3,69 mm 24,08 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A.GRAND.DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 5 / QUATTRINI / 1829 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 29 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 120 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

43 33. Quattrino, 1829 Mistura mill. ag. g 0,98 mm 16,06 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND. DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 1 / QUATTRINO / 1829 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 468 n. 30 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 124 n. 67 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 43

44 34. Quattrino, 1829 Mistura mill. ag. g 0,87 mm 16,01 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND. DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 1 / QUATTRINO / 1829 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: On.le Mazzini, 1936 BiBlioGrafia: cfr. CNI XII, p. 468 n. 30 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 124 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

45 35. Paoli dieci, 1830 Argento 916 mill. g 27,28 mm 40,98 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II.D.G.P.I.A.P.R.H.ET B.A.A.MAGN.DVX ETRVRIAE (fiasca) Testa del granduca a d.; sotto il taglio del collo, A. FABRIS R/ SVSCEPTOR NOSTER DEVS / PISIS 1830 Scudo Lorena di forma sannitica, coronato, circondato dal Collare dell'annunziata da cui pende il toson d'oro, sormontato da scudetto granducale coronato, su croce di Santo Stefano Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Incisore dei conî: Antonio Fabris Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 469 n. 31 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 d, p. 76 n. 2 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 45

46 36. Fiorino, 1830 Argento 916 mill. g 6,83 mm 24,22 inv. SSBAR D/ LEOPOLDO II.A.D'A.GRANDUCA DI TOSCANA. (monti araldici) Testa del granduca a d.; sotto, P.C. R/ QUATTRINI CENTO Giglio di ; sotto, FIORINO Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Incisore dei conî: Pietro Cinganelli Annotazioni d'epoca: [Rodolfo] Ratto, 1897 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 469 n. 32 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 113 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

47 37. Quattrini cinque, 1830 Mistura mill. ag. g 3,53 mm 23,93 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND.DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 5 / QUATTRINI / 1830 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 469 n. 33 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 120 n. 44 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 47

48 38. Quattrini cinque, 1830 Mistura mill. ag. g 3,75 mm 23,89 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND.DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 5 / QUATTRINI / 1830 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: Dalle mie serie, 1904 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 469 n. 33 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 120 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

49 39. Quattrini cinque, 1830 Mistura mill. ag. g 3,97 mm 23,22 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND.DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 5 / QUATTRINI / 1830 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: Falsa. Franciolini, 1897 BiBlioGrafia: cfr. CNI XII, p. 469 n. 33 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 120 n. 44 note: Ribattuto sia al dritto che al rovescio. Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 49

50 40. Quattrini tre, 1830 Mistura mill. ag. g 1,63 mm 21,61 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND.DI TOSC. (monti araldici) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 3 / QUATTRINI / 1830 Sigla/Simbolo del Maestro di Zecca: Monti araldici Direttore di Zecca: Cosimo Ridolfi Annotazioni d'epoca: Raccolta del Duca di Cumberland [Conservatore Ed. Fiala] 1913 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 469 n. 34 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 122 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

51 41. Paolo, 1831 Argento 916 mill. g 2,6 mm 24,19 inv. SSBAR D/ LEOP.II.D.G.P.R.H.ET B.A.A.M.D.ETR. (fiasca) Testa del granduca a d.; sotto, G.N. R/ SVSCEPTOR NOST. DEVS / 1831 Scudo Lorena ovale, coronato e circondato dal collare dell'annunziata, da cui pende il toson d'oro, su croce di Santo Stefano Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 469 n. 35 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 116 n. 18 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 51

52 42. Zecchino, 1832 Oro K 24 g 3,49 mm 21,31 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II. D.G.A.A.M.D.ETR. (fiasca) Giglio di ; sotto, N. R/ S.IOANNES BAPTISTA. / 1832 San Giovanni Battista seduto su zolla erbosa tiene nella mano sinistra una croce astile e ha la mano destra alzata in atto di predicare Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 469 n. 37 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2005, p. 109 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

53 43. Paolo, 1832 Argento 916 mill. g 2,71 mm 23,98 inv. SSBAR D/ LEOP.II.D.G.P.R.H.ET B.A.A.M.D.ETR. (fiasca) Testa del granduca a d.; sotto, G.N. R/ SVSCEPTOR NOST. DEVS / 1832 Scudo Lorena ovale, coronato e circondato dal collare dell'annunziata, da cui pende il toson d'oro, su croce di Santo Stefano Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 469 n. 38 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 116 n. 19 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 53

54 44. Paolo, mezzo, 1832 Argento 916 mill. g 1,36 mm 17,83 inv. SSBAR D/ LEOP.II.D.G.P.R.H.ET B.A.A.M.D.ETR. (fiasca) Testa del granduca a d.; sotto, G.N. R/ SVSCEPTOR NOST. DEVS / 1832 Scudo Lorena ovale, coronato e circondato dal collare dell'annunziata, da cui pende il toson d'oro, su croce di Santo Stefano Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 470 n. 39 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 118 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

55 45. Quattrini tre, 1832 Mistura mill. ag. g 2,07 mm 21,4 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND.DI TOSC. (fiasca) Scudo granducale di forma sannitica, coronato; sotto, N. R/ Su tre righe, 3 / QUATTRINI / 1832 Annotazioni d'epoca: 1896 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 470 n. 40 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 122 n. 51 Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 55

56 46. Quattrino, 1832 Mistura mill. ag. g 0,79 mm 16,01 inv. SSBAR D/ LEOP.II.A.D'A. GRAND.DI TOSC. [(fiasca)] Scudo granducale di forma sannitica, coronato; [sotto, N.] R/ Su tre righe, 1 / QUATTRINO / 1832 Annotazioni d'epoca: Raccolta Marignoli, 1900 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 470 n. 41 BiBlioGrafia di Confronto: Pucci 2007 a, p. 124 n Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright.

57 47. Paoli dieci (prova), 1833 Metallo Bianco g 29,16 mm 40,74 inv. SSBAR D/ LEOPOLDVS II.D.G.P.I.A.P.R.H.ET B.A.A.MAGN.DVX.ETR. (fiasca) Testa del granduca a d.; sotto il taglio del collo, PICHLER R/ SVSCEPTOR NOSTER DEVS / PISIS 1833 Scudo Lorena di forma sannitica, coronato, circondato dal Collare dell'annunziata da cui pende il toson d'oro, sormontato da scudetto granducale coronato, su croce di Santo Stefano Incisore dei conî: Luigi Pichler Annotazioni d'epoca: Spink, 1902 BiBlioGrafia: CNI XII, p. 470 n. 43 note: Prova. Le immagini sono di proprietà della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma e protette dalle leggi italiane ed internazionali sul copyright. 57

NUMISMATICA -O-NLINE. Materiali ~ MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO BOLLETTINO DI. La zecca di Firenze (1537-1557, I sem.

NUMISMATICA -O-NLINE. Materiali ~ MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO BOLLETTINO DI. La zecca di Firenze (1537-1557, I sem. ~ MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO BOLLETTINO DI NUMISMATICA -O-NLINE COLLEZIONE DI VITTORIO EMANUELE III La zecca di (1537-1557, I sem.) Materiali 14 SOPRINTENDENZA SPECIALE

Dettagli

Il Cinquecento a Napoli

Il Cinquecento a Napoli SEZIONE IV Il Cinquecento a Napoli 14 15 16 VETRINE 14 Napoli tra Francia e Spagna 15 L età di Carlo V 16 L età di Filippo II Sala B 95 VETRINA 14 Napoli tra Francia e Spagna Zecche presenti in vetrina

Dettagli

COSIMO II (fine) - FERDINANDO II DE MEDICI (1621-1670)

COSIMO II (fine) - FERDINANDO II DE MEDICI (1621-1670) COSIMO II (fine) - FERDINANDO II DE MEDICI (1621-1670) 143 143 PISA. Tallero 1619. Busto a d. corazzato con corona radiata; tiene nella d. appoggiato ad una spalla lo scettro gigliato; all esergo, data..

Dettagli

BOLLETTINO DI NUMISMATICA COLLEZIONE DI VITTORIO EMANUELE III

BOLLETTINO DI NUMISMATICA COLLEZIONE DI VITTORIO EMANUELE III ~ MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO BOLLETTINO DI NUMISMATICA ~NLINE COLLEZIONE DI VITTORIO EMANUELE III (1790-1801, 1814-1824), Regno d'etruria (1801-1807), Occupazione francese

Dettagli

GRANDUCATO DI TOSCANA

GRANDUCATO DI TOSCANA GRANDUCATO DI TOSCANA DEPOSITERIA DI SUA ALTEZZA REALE Al fine di promuovere la circolazione della cartamoneta nella Toscana, nel 1776 il Granduca Pietro Leopoldo emanò una disposizione per invogliare

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 21.12.2004 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 373/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 2182/2004 DEL CONSIGLIO del 6 dicembre 2004 relativo

Dettagli

Al momento dell emissione dei primi francobolli, il Ducato di Modena era governato dal Duca Francesco V d Austria-Este. Il Ducato comprendeva i

Al momento dell emissione dei primi francobolli, il Ducato di Modena era governato dal Duca Francesco V d Austria-Este. Il Ducato comprendeva i Ducato di Modena Al momento dell emissione dei primi francobolli, il Ducato di Modena era governato dal Duca Francesco V d Austria-Este. Il Ducato comprendeva i territori di Modena (la citta di Modena

Dettagli

Alcune esperienze di coordinamento internazionale

Alcune esperienze di coordinamento internazionale SEZIONE IX Alcune esperienze di coordinamento internazionale 34 33 32 VETRINE 32 L Unione Monetaria Latina: Francia e Belgio 33 L Unione Monetaria Latina: Italia, Svizzera e Grecia 34 Alcune trattative

Dettagli

BIGLIETTI DI STATO, a cura di Giovanni RIZZI, novembre 2014

BIGLIETTI DI STATO, a cura di Giovanni RIZZI, novembre 2014 BIGLIETTI DI STATO, a cura di Giovanni RIZZI, novembre 2014 Il Circolo Numismatico Patavino propone una serie di banconote riferentesi alla categoria dei BIGLIETTI DI STATO che di seguito sono elencate

Dettagli

venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria Il Soprintendente per i Beni Archeologici della Calabria Simonetta Bonomi presenterà venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

Dettagli

Monete della zecca di Piacenza - catalogo di una collezione privata Parte seconda : da Ottavio a Ranuccio I Farnese (1556-1622)

Monete della zecca di Piacenza - catalogo di una collezione privata Parte seconda : da Ottavio a Ranuccio I Farnese (1556-1622) Monete della zecca di Piacenza - catalogo di una collezione privata Parte seconda : da Ottavio a Ranuccio I Farnese (1556-1622) di Giorgio Fusconi 2010 dell autore - Distribuito in formato digitale da

Dettagli

PIANO DELLA COLLEZIONE

PIANO DELLA COLLEZIONE STATO PONTIFICIO LA RACCOMANDAZIONE E L ASSICURAZIONE DELLA CORRISPONDENZA INTERNA NEL PERIODO DI VALIDITA DEI FRANCOBOLLI IN BAJOCCHI 1 gennaio 1852 20 settembre 1867 Secondo il tariffario Tosti del 1844,

Dettagli

MODENA 1852-1860. Ducato (1852-1859) Governo Provvisorio (1859-1860)

MODENA 1852-1860. Ducato (1852-1859) Governo Provvisorio (1859-1860) Album professionale storico e descrittivo per la collezione dei francobolli degli ANTICHI STATI ITALIANI MODENA 1852-1860 Ducato (1852-1859) Governo Provvisorio (1859-1860) La numerazione in alto a sinistra

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

LE MEDAGLIE NAPOLETANE DI GIOACCHINO MURAT TRA ORIGINALI E POSTUME

LE MEDAGLIE NAPOLETANE DI GIOACCHINO MURAT TRA ORIGINALI E POSTUME LE MEDAGLIE NAPOLETANE DI GIOACCHINO MURAT SONO TRA LE MIGLIORI DEL- L OTTOCENTO ITALIANO MA PER I COLLEZIONISTI C E ANCHE IL PROBLEMA DEI RICONI. FRANCESCO DI RAUSO CI AIUTA AD INDIVIDUARLI. LE MEDAGLIE

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

ex 3115 3118 10 Lire 1936 XIV Impero - Pag. 700; Gig. 64 AG assieme a 5 Lire 1936 Fecondità Lotto di due monete qfdc 160

ex 3115 3118 10 Lire 1936 XIV Impero - Pag. 700; Gig. 64 AG assieme a 5 Lire 1936 Fecondità Lotto di due monete qfdc 160 3098 3099 3100 3103 3104 3105 3106 ex 3115 3107 3108 3116 3117 3098 Vittorio Emanuele III (1900-1943) 20 Lire 1927 A VI Littore - Pag. 672; Gig. 36 AG BB+ 150 3099 20 Lire 1927 A VI Littore - Pag. 672;

Dettagli

LA COLLEZIONE DI VITTORIO EMANUELE III

LA COLLEZIONE DI VITTORIO EMANUELE III SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA MUSEO NAZIONALE ROMANO Medagliere LA COLLEZIONE DI VITTORIO EMANUELE III collana on line a cura di Silvana BalBi de Caro GaBriella angeli Bufalini

Dettagli

Il Grosso Veneziano Una trattazione semi-definitiva su tipologie e rappresentazioni

Il Grosso Veneziano Una trattazione semi-definitiva su tipologie e rappresentazioni Il Grosso Veneziano Una trattazione semi-definitiva su tipologie e rappresentazioni A cura di Massimiliano Carrara www.maxcarrara.it numismatica@maxcarrara.it Indice Breve Storia...2 Iconografia e tipologie...3

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

NUMISMATICA ~-NLINE. Materiali ~ MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI BOLLETTINO DI. Granducato di Toscana (1783-1790)

NUMISMATICA ~-NLINE. Materiali ~ MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI BOLLETTINO DI. Granducato di Toscana (1783-1790) ~ MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI BOLLETTINO DI NUMISMATICA ~-NLINE COLLEZIONE DI VITTORIO EMANUELE III (1783-1790) Materiali 3 o Q 'LL ~. 4.,

Dettagli

587 Maria Luigia (1815-1847) 40 Lire 1815 - Pag. 1; Gig. 1 AU Minimi segnetti al D/ SPL+/qFDC 450

587 Maria Luigia (1815-1847) 40 Lire 1815 - Pag. 1; Gig. 1 AU Minimi segnetti al D/ SPL+/qFDC 450 585 586 585 PARMA - Alessandro Farnese (1586-1591) Testone - ALEX FAR PAR ET PL DVX III ET C; busto a s. - R/ S R E CONF PERPETVVS; stemma coronato - CNI manca; Rav. 16 (var. al R/) (AG g. 7,4) RRRRR Questo

Dettagli

MISURE LINEARI UTILIZZATE SINO ALL ADOZIONE DEL SISTEMA METRICO DECIMALE

MISURE LINEARI UTILIZZATE SINO ALL ADOZIONE DEL SISTEMA METRICO DECIMALE TAVOLA DI RAGGUAGLIO DELLE MISURE,DEI PESI E DELLE MONETE, GIA IN USO NEL TERRITORIO COMUNALE DI APOLLOSA, SINO ALL ADOZIONE DEL SISTEMA METRICO DECIMALE La differenza tra i pesi e le misure che vigevano

Dettagli

Gli usi della De La Rue

Gli usi della De La Rue Gli usi della De La Rue Lorenzo Carra FRPSL, AIFSP Nel 1861 fu proclamata l Unità d Italia, nel 1862 fu fatta una legge postale unitaria, nel 1863 fu emessa una serie di francobolli validi in tutto il

Dettagli

BLASONE IN SICILIA RACCOLTA ARALDICA. -Q^^ft^-^- V. PALIZZOLO GRAVINA OSSIA. BAf^ONE. Editori DI RAGIONE

BLASONE IN SICILIA RACCOLTA ARALDICA. -Q^^ft^-^- V. PALIZZOLO GRAVINA OSSIA. BAf^ONE. Editori DI RAGIONE BLASONE IN SICILIA OSSIA RACCOLTA ARALDICA V. PALIZZOLO GRAVINA j I BAf^ONE DI RAGIONE -Q^^ft^-^- Editori 29 San Gregorio Magno. Ordine Pontificio; instituito il 1 settembre 1831 dal Papa Gregorio XVI

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2010 Categoria Ecolier Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2010 Categoria Ecolier Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria Testi_10Mat.qxp 15-02-2010 7:17 Pagina 5 Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2010 Categoria Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria I quesiti dal N. 1 al N. 8 valgono 3 punti ciascuno 1. Nella

Dettagli

Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino

Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino -E BIANCA MARIA? -E BIANCA SFORZA? -E UN ALTRA PERSONA? -E OPERA DI LEONARDO? -E OPERA

Dettagli

FRANCOBOLLI PER GIORNALI

FRANCOBOLLI PER GIORNALI FRANCOBOLLI PER GIORNALI 1851 (1 gennaio) - 1856 TESTA DI MERCURIO Soggetto: testa di Mercurio senza indicazione del valore Stampa: tipografica Fogli: 100 x 4, normalmente distribuiti in fogli di 100.

Dettagli

Napoli tra Sette e Ottocento: un epoca di grandi trasformazioni

Napoli tra Sette e Ottocento: un epoca di grandi trasformazioni SEZIONE VI Napoli tra Sette e Ottocento: un epoca di grandi trasformazioni 25 24 23 22 21 VETRINE 21 I Borboni a Napoli 22 I Borboni a Napoli 23 L età napoleonica 24 La Restaurazione a Napoli 25 Napoli

Dettagli

Sistemi monetari a base metallica (1)

Sistemi monetari a base metallica (1) La moneta La moneta Sistemi monetari a base metallica (1) La moneta è qualunque merce che serve da intermediario negli scambi o come deposito di valore Numerose merci sono servite come moneta nelle società

Dettagli

TESSERE. 813 ITALIA CENTRALE - (Sec.XIII-XIV) TESSERA - D/Chiavi decussate con cordoni e 2 rosette ai lati R/Il leone di San Marco -Ae BB 6 0

TESSERE. 813 ITALIA CENTRALE - (Sec.XIII-XIV) TESSERA - D/Chiavi decussate con cordoni e 2 rosette ai lati R/Il leone di San Marco -Ae BB 6 0 TESSERE 812 813 814 ITALIA 812 TESSERA - D/Croce con tre globi all estremità e tre nei quarti R/Al centro cerchio perlinato, croce che va oltre il cerchio con globi e rosette. - Ae qspl 80 813 ITALIA CENTRALE

Dettagli

FRANCESCO II (III) DI LORENA (II periodo: )

FRANCESCO II (III) DI LORENA (II periodo: ) FRANCESCO II (III) DI LORENA (II periodo: 1745-1765) 245 245 Francescone MDCCXLVIII. Busto a d. laureato. R/ Aquila bicipite coronata caricata di stemma di Lorena e Toscana. MIR. 363. Gal. XV, 2. CNI.

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 22 marzo 2011 Categoria Ecolier Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria

Kangourou Italia Gara del 22 marzo 2011 Categoria Ecolier Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria Testi_11Mat.qxp 19-05-2011 21:20 Pagina 5 Kangourou Italia Gara del 22 marzo 2011 Categoria Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria I quesiti dal N. 1 al N. 8 valgono 3 punti ciascuno 1.

Dettagli

Valori e disvalori simbolici delle monete

Valori e disvalori simbolici delle monete Valori e disvalori simbolici delle monete I Trenta denari di Giuda a cura di Lucia Travaini redazione editoriale di Francesca Ceci Edizioni Quasar Sommario Grado Giovanni Merlo, Lucia Travaini, Premessa...

Dettagli

MONETE NAPOLETANE INEDITE O POCO NOTE DA FILIPPO III DI SPAGNA A FERDINANDO II DI BORBONE

MONETE NAPOLETANE INEDITE O POCO NOTE DA FILIPPO III DI SPAGNA A FERDINANDO II DI BORBONE LA MONETAZIONE NAPOLETANA SPESSO OFFRE AGLI APPASSIONATI INTERES- SANTI SPUNTI SU CURIOSITA E VARIANTI SCONOSCIUTE. ECCONE UN NUTRITO ELENCO. MONETE NAPOLETANE INEDITE O POCO NOTE DA FILIPPO III DI SPAGNA

Dettagli

UN ENIGMATICO 4 SOLDI DELL ULTIMO PAPA RE

UN ENIGMATICO 4 SOLDI DELL ULTIMO PAPA RE L INDAGINE SU UNA VARIANTE DELLA MONETA DA 4 SOLDI RISALENTE AL 1868 SI ARRICCHISCE DI UN NUOVO ESEMPLARE. L IPOTESI CHE SI TRATTI DI UNA MONETA PRODOTTA IN ZECCA VIENE ORA RAFFORZATA. UN ENIGMATICO 4

Dettagli

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le In queste pagine ci sono alcuni miei lavori di correzione e revisione bozze. Non si tratta di una raccolta di refusi, perché sistemare gli errori di battitura e la grammatica non è altro che il lavoro

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI COLLOQUIO DI SELEZIONE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Qual è lo scopo del colloquio di selezione? Lo scopo del colloquio di selezione è: CAPIRE L INVESTIMENTO CHE DOVREMO FARE SULLA PERSONA IN

Dettagli

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE

1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE 1796-1809: Arezzo Giochi di carte nel Casino dei Nobili Franco Pratesi 27.09.2014 INTRODUZIONE Il fondo Casino dei Nobili dell Archivio di Stato di Arezzo, ASAR, (1) contiene tutti i documenti rimasti

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A Doc. IV-bis n. 10 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE IN GIUDIZIO A I S E N S I D E L L A R T I C O L O 9 6 D E L L A C O S T I

Dettagli

Il cannocchiale di Galileo

Il cannocchiale di Galileo Il cannocchiale di Galileo Test Qui di seguito è stato raccolto il materiale relativo ai Test di verifica dei contenuti presenti nelle sezioni Storia e Simula dell applicazione. I testi sono a cura dell

Dettagli

N. CXXVIII Legge sulla frode e contraffazione delle banconote e monete in euro. 30 dicembre 2010

N. CXXVIII Legge sulla frode e contraffazione delle banconote e monete in euro. 30 dicembre 2010 N. CXXVIII Legge sulla frode e contraffazione delle banconote e monete in euro. 30 dicembre 2010 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO - Visto il Trattato del Laterano, sottoscritto

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO Martedì, 1 marzo siamo andati a Palazzo Cisterna di Torino. Questo palazzo, tanti anni fa, era di proprietà di Amedeo I di Savoia, duca d Aosta, re di Spagna e sua moglie

Dettagli

LA MONETA. identifica l insieme dei mezzi di pagamento comunemente accettati

LA MONETA. identifica l insieme dei mezzi di pagamento comunemente accettati LA MONETA identifica l insieme dei mezzi di pagamento comunemente accettati DAL BARATTO ALLA MONETA Prima dell avvento della moneta gli scambi avvenivano attraverso il baratto: scambio di beni con beni

Dettagli

Regno d Italia. Vittorio Emanuele II (1861-1878)

Regno d Italia. Vittorio Emanuele II (1861-1878) Regno d Italia Vittorio Emanuele II (1861-1878) La crisi economica creatasi con la costituzione del Regno d Italia, provoca una rarefazione nella circolazione di monete metalliche, determinando una crisi

Dettagli

Regno d Italia Vittorio Emanuele III

Regno d Italia Vittorio Emanuele III Regno d Italia Vittorio Emanuele III (1900-1943) Figlio di Umberto I e di Margherita di Savoia assunse il titolo di Re d Italia il 29 luglio 1900. Nel 1936 divenne Imperatore d Etiopia e nel 1939 Re d

Dettagli

Lo stemma della Real Casa di Borbone delle Due Sicilie è composto da uno scudo centrale ovale, diviso in 19 parti (17 armi e 2 scudetti) cimato dalla Corona Reale, circondato dai collari di sei ordini

Dettagli

Aldo Messina. Il Comune e l Istituto Comprensivo Saveria Profeta di Ustica aderiscono alla Giornata del Tricolore.

Aldo Messina. Il Comune e l Istituto Comprensivo Saveria Profeta di Ustica aderiscono alla Giornata del Tricolore. La Giornata Nazionale della Bandiera( Festa del Tricolore)èstata istituita dalla legge n. 671 del 31 dicembre 1996, intendendo celebrare il bicentenario della nascita a Reggio Emilia del tricolore italiano,

Dettagli

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390 ELENCO OPERE VIENNA ALBERTINA 1. Francesco Borromini Schizzo con le misure di S. Pietro, 1631 Mm. 263 x 394 2. Gian Lorenzo Bernini Studi per il coronamento del Baldacchino, 1631 3. Francesco Borromini

Dettagli

Archivio del sito. http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore. Fausto Arconi. (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi)

Archivio del sito. http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore. Fausto Arconi. (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi) Archivio del sito http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore Fausto Arconi (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi) Il nostro collaboratore Paolo Piccardo era da lungo tempo alla ricerca

Dettagli

Società Numismatica Italiana

Società Numismatica Italiana Società Numismatica Italiana La Monetazione Augustea per le Provincie Nord-Africane: dall'egitto alla Mauretania Nel corso dell ultimo secolo a.c. i Romani conquistarono quasi tutta l Africa settentrionale

Dettagli

I quaderni del Giardino dei Ciliegi

I quaderni del Giardino dei Ciliegi I quaderni del Giardino dei Ciliegi Come fare un bo Introduzione Quello che è raccolto in queste poche pagine è il frutto di un lavoro spontaneo, nato da diverse passioni che coltivo da diversi anni. Volevo

Dettagli

SCHEDA n 3. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico?

SCHEDA n 3. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico? SCHEDA n 3 3) Costruzione di un grafico temporale individuale con le quattro generazioni a confronto. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico? Possiamo costruire

Dettagli

1 novembre 1858 SECONDA EMISSIONE I TIPO

1 novembre 1858 SECONDA EMISSIONE I TIPO 1 novembre 1858 SECONDA EMISSIONE I TIPO Soggetto: effigie di Francesco Giuseppe Stampa: rilievografica per l effigie, tipografica per il contorno Fogli: 240 es. in 4 gruppi di 60 (8 x 8) con 4 Croci di

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Cadet Per studenti di terza della scuola secondaria di primo grado e prima della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti

Dettagli

I FRANCOBOLLI DELLA SERIE IMPERIALE NEL PERIODO DELLA LUOGOTENENZA

I FRANCOBOLLI DELLA SERIE IMPERIALE NEL PERIODO DELLA LUOGOTENENZA I FRANCOBOLLI DELLA SERIE IMPERIALE NEL PERIODO DELLA LUOGOTENENZA di Giuseppe Cannata Quaderno 6 1/2006 Nota introduttiva Le emissioni che vado a trattare in questo argomento hanno poca importanza commerciale,

Dettagli

Progetto Banca d Italia

Progetto Banca d Italia Progetto Banca d Italia Educazione finanziaria nelle scuole MODULO 1 MONETA E STRUMENTI DI PAGAMENTO - Le funzioni della moneta. La storia della moneta, dalle origini all euro. Moneta bancaria: conto corrente;

Dettagli

SANTA. LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S.

SANTA. LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S. SANTA LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S. BIOGRAFIA Luisa nacque il 12 agosto 1591 a Parigi, da Luigi de Marillac, Signore di Ferrières, imparentato con la migliore nobiltà di Francia e da madre ignota,

Dettagli

Firenze, 25 marzo 2013.

Firenze, 25 marzo 2013. Firenze, 25 marzo 2013. Con lettera del Presidente del Consiglio Regionale datata 13.03.2013, è stata sottoposta a questo Collegio di Garanzia Statutaria, ai sensi dell art. 14 bis della L.R. n. 24/2008,

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune.

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. Città di Nardò Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. - 1 - Capo I CONTENUTO DEL REGOLAMENTO Art.1

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

Antichi pesi e misure

Antichi pesi e misure Antichi pesi e misure Questo glossario ha lo scopo di chiarire il significato di alcuni termini ormai desueti, documentando il lettore sulle misure (di lunghezza, superficie, volume, capacità, peso e valore)

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Emissioni in tempo di guerra

Emissioni in tempo di guerra Emissioni in tempo di guerra Prima guerra mondiale Campo di concentramento dell Asinara I biglietti creati per la circolazione dei campi di prigionia ripetono le caratteristiche della carta moneta a corso

Dettagli

UN INVITO PER I 120 ANNI DELLA MATHESIS. Gabriele Lucchini 1

UN INVITO PER I 120 ANNI DELLA MATHESIS. Gabriele Lucchini 1 Lettera al Presidente della Mathesis UN INVITO PER I 120 ANNI DELLA MATHESIS Gabriele Lucchini 1 I 120 anni della Mathesis sono una occasione di festa e di soddisfazione per Dirigenti, Iscritti, Amici

Dettagli

MONETE RUSSE DEI SECOLI XIV E XV

MONETE RUSSE DEI SECOLI XIV E XV NUMEROSI FURONO I CENTRI DI CONIAZIONE IN RUSSIA PRIMA DELLA RIFORMA MONETARIA DEL XVIII SECOLO VOLUTA DA PIETRO I. LA MONETA COMUNE A OGNI GRANDUCATO ERA IL DENGA D ARGENTO CHE, PERO, NON AVEVA PESO UNIFORME.

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Emendato ed approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 25/02/2009 1

Dettagli

ORIENTAMENTO CONSAPEVOLE

ORIENTAMENTO CONSAPEVOLE ORIENTAMENTO CONSAPEVOLE DISAG 16 MARZO 2016 Lunedì 16 marzo 2015 Prof.ssa Federica Miglietta AGENDA La nascita delle Borse Valori I titoli azionari Gli indici azionari La crisi finanziaria Lo spread Federica

Dettagli

Rapporto sul debito 2000-2005

Rapporto sul debito 2000-2005 L Iniziativa italiana Impegni di Giustizia. Rapporto sul debito 2000-2005 Maggio 2005 L Italia paese Creditore L ITALIA E UNO DEI MAGGIORI CREDITORI MONDIALI, COME GLI ALTRI MEMBRI DEL G7 I CREDITI DELL

Dettagli

II.f. Altre attività sull euro

II.f. Altre attività sull euro Altre attività sull euro II.f È consigliabile costruire modelli in carta o cartoncino di monete e banconote, e farli usare ai bambini in varie attività di classe fin dal primo o al più dal secondo anno.

Dettagli

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 gennaio 2013 Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Fogli Bis e autovalutazione finale

Fogli Bis e autovalutazione finale Laboratori di matematica di 2a elementare Fogli Bis e autovalutazione finale Informazioni e annotazioni per l insegnante Quest anno, oltre ai fogli Bis, così com erano previsti e proposti nei mini laboratori

Dettagli

Carlo Crippa e i figli Silvana e Paolo in occasione dei. 50 anni. di CRIPPA NUMISMATICA. annunciano la prossima uscita del libro

Carlo Crippa e i figli Silvana e Paolo in occasione dei. 50 anni. di CRIPPA NUMISMATICA. annunciano la prossima uscita del libro Carlo Crippa e i figli Silvana e Paolo in occasione dei 50 anni di CRIPPA NUMISMATICA annunciano la prossima uscita del libro LE MONETE DI MILANO da Desiderio re dei Longobardi a Ludovico V di Baviera

Dettagli

Vittorio Emanuele III

Vittorio Emanuele III Indice 1 Vittorio Emanuele III 3 1.1 Albania................................. 40 1.2 Eritrea.................................. 46 1.3 Somalia Italiana............................. 46 1.4 Gettoni e Medaglie...........................

Dettagli

DIRETTIVE SULL UTILIZZO DEI SEGNI DISTINTIVI DELLA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO

DIRETTIVE SULL UTILIZZO DEI SEGNI DISTINTIVI DELLA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO DIRETTIVE SULL UTILIZZO DEI SEGNI DISTINTIVI DELLA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO Premessa I segni distintivi della Federazione Italiana Canottaggio rappresentano visivamente e simbolicamente il movimento

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Carlo Scataglini LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Il mio quaderno degli esercizi SERIE BLU Prime letture: fino a 1000 parole Erickson Indice 7 Introduzione 11 PRIMA SEZIONE Ecco i personaggi della storia 15

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Corte dei conti. formata dai Magistrati: Simonetta ROSA; Gemma TRAMONTE; Ermanno

Corte dei conti. formata dai Magistrati: Simonetta ROSA; Gemma TRAMONTE; Ermanno Deliberazione n. SCCLEG/14/2014/PREV REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti Sezione centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni pubbliche presieduta dal Presidente

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

Renato Carcatella AVEVO ALTRO A CUI PENSARE. renatocarcatella@sangiorgioweb.it

Renato Carcatella AVEVO ALTRO A CUI PENSARE. renatocarcatella@sangiorgioweb.it Renato Carcatella AVEVO ALTRO A CUI PENSARE renatocarcatella@sangiorgioweb.it 2 I proventi della vendita destinati all'autore saranno interamente devoluti all ABA (Associazione senza fini di lucro impegnata

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI. MISSIONE IN CASERTA 13 maggio 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 12.35.

SERVIZIO RESOCONTI. MISSIONE IN CASERTA 13 maggio 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 12.35. 1/7 MISSIONE IN CASERTA 13 maggio 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 12.35. PRESIDENTE. Buongiorno, avvocato. Lei è stato Presidente del Consorzio CE/3. FRANCESCO CUNDARI,

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Regno di Sardegna. La Carta Postale Bollata (di Marino Enrietto)

Regno di Sardegna. La Carta Postale Bollata (di Marino Enrietto) Regno di Sardegna La Carta Postale Bollata (di Marino Enrietto) Il monopolio postale negli Stati di Terraferma del Regno di Sardegna era molto rigido. L EDITTO del 12 agosto 1818 al capitolo Del servizio

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA Anno 2010 Delibera N. 1 Seduta del 28 Ottobre 2010

UNIVERSITA DI PISA Anno 2010 Delibera N. 1 Seduta del 28 Ottobre 2010 UNIVERSITA DI PISA Anno 2010 Delibera N. 1 PROCESSO VERBALE DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO DI BIBLIOTECA DELLA FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA L anno 2010, il giorno 28 del mese di Ottobre alle ore 12,00,

Dettagli