NOTE METODOLOGICO-STATISTICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTE METODOLOGICO-STATISTICHE"

Transcript

1 NOTE METODOLOGICO-STATISTICHE Cassa integrazione guadagni e retribuzioni... 2 Imprese... 2 Il sistema informativo SMAIL della Camera di Commercio di Ferrara... 3 Infortuni sul lavoro... 4 La costruzione del data warehouse avviamenti-cessazioni L'indagine «Occupazione e disoccupazione» condotta dal Comune di Ferrara... 8 Indagine Istat sulle forze di lavoro Sistema Informativo Excelsior Scuola media superiore Università

2 Cassa integrazione guadagni e retribuzioni La cassa integrazione guadagni prevede, attualmente, tre tipi d'intervento: ordinari, straordinari e, da alcuni anni, in deroga. Gli interventi ordinari sono quelli concessi in favore delle aziende in temporanea difficoltà, mentre gli interventi straordinari sono quelli richiesti dalle aziende che, versando in situazione di crisi, effettuano ristrutturazioni per acquistare competitività sui mercati ed anche in salvaguardia dei livelli occupazionali in seno alle aziende stesse. Gli ammortizzatori sociali e, in particolar modo, la cassa integrazione guadagni ordinaria, pur soffrendo come indicatori statistici delle discontinuità e dei ritardi dei processi decisionali, offrono un «segnale» comunque utile per l'analista. Una diminuzione decisa, ad esempio, del ricorso agli ammortizzatori sociali può in generale essere interpretato come un sintomo positivo di ripresa, anche se in passato non sono mancate fasi di crescita accompagnate da un «generoso» ricorso alla cassa integrazione guadagni ordinaria. La cassa integrazione guadagni in deroga è un intervento di integrazione salariale a sostegno di imprese o lavoratori non destinatari della normativa sulla cassa integrazione guadagni. Spetta a tutti i lavoratori subordinati, compresi apprendisti, lavoratori con contratto di somministrazione e lavoranti a domicilio, dipendenti da aziende che operino in determinati settori produttivi o specifiche aree regionali, individuate in specifici accordi governativi. La fonte statistica dei dati relativa alla cassa integrazione guadagni è l'inps di Ferrara: i dati di base sono stati desunti dai modelli SCGRS01 e si riferiscono agli anni 2005/10. Nell Appendice statistica sono inclusi anche i dati, sempre di fonte Inps, sulla struttura retributiva trimestrale degli anni 2007/10, suddivisi per macro settore e profili professionali, nonché per contratti part-time e full-time e le tipologie di voucher venduti per regione/provincia e settore di attività nel biennio 2009/10. Imprese Si è ricostruita per il periodo 2000/10 la serie storica relativa ai dati della demografia delle imprese in provincia di Ferrara, desunta dal Registro imprese (archivio Infocamere-Stockview). Riportiamo di seguito alcune definizioni utili per la corretta interpretazione dei dati: - impresa registrata - ai fini di Movimprese si definisce registrata una impresa presente in archivio (e non cessata), indipendentemente dallo stato di attività (attiva, inattiva, sospesa, in liquidazione, fallita); - impresa attiva - impresa iscritta al Registro delle imprese che esercita l'attività e non risulta avere procedure concorsuali in atto; - iscrizioni (variabile di flusso) - il numero di iscrizioni nell'arco dell'anno si riferisce al conteggio di tutte le operazioni di iscrizione effettuate nel periodo considerato; - cessazioni (variabile flusso) - il numero di cessazioni (imprese cessate) nell'arco dell'anno si riferisce a tutte le posizioni che nel periodo considerato hanno cessato l'attività, tenendo presente che da un punto di vista logico si considera cessata una impresa anche se risulta presente una sola delle seguenti segnalazioni: 1) causale di cessazione; 2) data denuncia di cessazione; 3) data cessazione («data effetto») 1 ; - indice di natalità = iscrizioni nell'anno di riferimento / stock delle imprese registrate al 31 dicembre dell'anno precedente x100; - indice di mortalità = cessazioni nell'anno di riferimento / stock delle imprese registrate al 31 dicembre dell'anno precedente x100; - saldo = indice di natalità - indice di mortalità. 1 Pertanto il conteggio delle cessazioni in un determinato periodo può non coincidere con la data effettiva di cessazione: una impresa può rientrare fra le cessate dell'anno anche se presenta una data cessazione che non appartiene al periodo in esame. 2

3 Il sistema informativo SMAIL 2 della Camera di Commercio di Ferrara Il campo di osservazione di SMAIL è rappresentato dalle imprese iscritte al Registro imprese della Camera di Commercio di Ferrara al 30 giugno e a1 31 dicembre dell'anno di riferimento; ne rimane pertanto escluso tutto il settore pubblico, le istituzioni private non iscritte alla Camera di Commercio (generalmente operanti nei settori della sanità, dell'assistenza e dell'istruzione privata), nonché le attività libero professionali che non sono costituite in forma di impresa 3. Le unità di rilevazione di SMAIL sono l'impresa e le sue unità locali, purché effettivamente attive; sono dunque escluse posizioni che risultano iscritte nei registri camerali ma che non svolgono una reale attività economica, o che l'abbiano svolta solo in passato. La definizione di impresa attiva si riferisce a qualunque impresa (o altro soggetto iscritto) operante nel territorio provinciale con almeno un addetto: essa ricomprende pertanto, per fare un esempio, i dati di una banca con sede a Bologna e sportelli in provincia di Ferrara (limitatamente agli addetti impiegati a livello locale). Inoltre, i dati relativi agli addetti di imprese plurilocalizzate si riferiscono solo a quelli operanti nella provincia di Ferrara. Dal computo delle imprese attive sono poi escluse sia tutte le cariche non strettamente imprenditoriali (in particolare i sindaci ed i revisori dei conti), sia tutte le società costituite a scopi puramente formali, senza una effettiva significatività economica: per esempio, le società immobiliari che si limitano a gestire un immobile di proprietà, oppure le imprese finanziarie costituite solo per detenere quote di partecipazione in un'altra società. È opportuno quindi, sulla base di tali definizioni, sottolineare le differenze tra le rilevazioni di SMAIL ed altre fonti di indagine: nel Censimento Istat sono rilevati i dati relativi alle unità locali presenti sul territorio provinciale (analogamente a SMAIL), mentre sul versante delle imprese si considerano solo quelle aventi sede legale in provincia. Analogamente, nelle elaborazioni derivate dal Registro imprese si prendono in esame le "sedi di impresa", considerando la localizzazione della loro sede legale. Va infine precisato che, in SMAIL, i dati relativi agli addetti comprendono gli imprenditori e il personale dipendente, mentre sono esclusi e sono considerati separatamente - i lavoratori con contratto di somministrazione. Negli ultimi anni, SMAIL si è esteso ad altre tematiche, realizzando nuovi moduli informativi relativi ai collaboratori coordinati e continuativi e a progetto e al fenomeno del pendolarismo (approfondimento svolto nel corso del 2010). Nel corso del 2011 è stato poi realizzato un primo approfondimento di carattere settoriale, dedicato al settore del turismo. Nell ambito di questo specifico modulo sono state utilizzate alcune informazioni aggiuntive reperibili negli archivi INPS, quali le forme contrattuali (contratti a tempo indeterminato o determinato, part-time, full-time; le giornate lavorate nel mese). 2 Sistema Monitoraggio Annuale Imprese e Lavoro 3 Sono inoltre escluse alcune imprese non iscritte alla Camera di Commercio di Ferrara, ma che operano in provincia: - Imprese iscritte in altre Camere di Commercio che hanno dipendenti che lavorano in provincia di Ferrara non all interno di unità operative costituite dall'impresa madre, ma presso altre imprese o in cantieri temporanei (es. imprese di dimensioni rilevanti che operano nel settore della pulizia, della ristorazione collettiva e nelle costruzioni); - La Banca d'italia. Per maggiori approfondimenti rimandiamo alle "Avvertenze e note metodologiche" riportate nella sezione SMAIL del sito della Camera di Commercio di Ferrara, 3

4 Infortuni sul lavoro Le norme legislative sull'assicurazione obbligatoria degli infortuni sul lavoro e le malattie professionali prevedono che debbano essere denunciati all'inail gli infortuni sul lavoro da cui siano colpiti i lavoratori (dipendenti ed autonomi) e che siano stati prognosticati non guaribili entro tre giorni, indipendentemente da ogni valutazione circa la ricorrenza degli estremi di legge per l'indennizzabilità. La denuncia, corredata da certificato medico, viene fatta utilizzando i moduli predisposti dall'inail nei quali sono riportate informazioni significative ai fini dell'analisi del fenomeno infortunistico per fini previdenziali. Per ciascun infortunio di cui viene a conoscenza l'inail viene aperta una pratica che, dal punto di vista amministrativo, può chiudersi con l'erogazione all'infortunato o ai suoi eredi di una prestazione (indennizzo) ovvero senza alcun esborso da parte dell'inail (caso non indennizzato). Ovviamente la prestazione varia a seconda delle conseguenze dell'infortunio. In particolare le principali prestazioni previste dall'art. 66 del Testo Unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124) e dalle recenti disposizioni stabilite dall'art. 13 del d.lgs. 38/2000, sono: a) un'indennità giornaliera per tutta la durata della «inabilità temporanea» assoluta (a partire dal quarto giorno successivo a quello dell'infortunio); b) una rendita nel caso in cui sia accertato che l'infortunio abbia avuto come conseguenza una «inabilità permanente» di grado superiore al 10% per gli infortuni avvenuti prima del 25 luglio 2000; c) un indennizzo in capitale o in rendita nel caso in cui sia accertato che l'infortunio abbia avuto come conseguenza una «menomazione permanente» di grado superiore al 5% per gli infortuni avvenuti a partire dal 25 luglio 2000 (data di entrata in vigore della disciplina del «Danno biologico» di cui all'art. 13 del d.lgs. 38/2000); d) una rendita ai superstiti aventi diritto nel caso in cui la conseguenza sia stata la «morte» dell'infortunato. Per la menomazione permanente di grado compreso tra 6% e 15% è prevista l'erogazione di un capitale per l'indennizzo del «danno biologico». Per la menomazione permanente di grado pari o superiore al 16% è prevista l'erogazione di una rendita per l'indennizzo del danno biologico e del danno patrimoniale presunto per legge. Nelle tavole della sezione statistica, tra i casi mortali indennizzati sono compresi anche quelli per i quali, non essendoci superstiti aventi diritto, non viene corrisposta alcuna rendita. In tutte le tavole il numero degli infortuni avvenuti e indennizzati è ripartito per tipologia di conseguenza-indennizzo (temporanei, permanenti e per decesso). Le statistiche nelle tavole non includono i pochi infortuni relativi ai dipendenti in conto Stato. 4

5 La costruzione del data warehouse avviamenti-cessazioni La realizzazione del data warehouse dei movimenti di flusso in entrata ed in uscita presenti nell archivio dei Centri per l Impiego della Provincia di Ferrara avviene, da ormai sei anni, attraverso l utilizzo del sistema informativo Siler (Sistema Informativo Regione Emilia-Romagna). Le procedure di controllo delle informazioni, ormai standardizzate e affinate, e la successiva fase di costruzione del data warehouse, si sono basate sulla verifica della coerenza formale e logica di ogni singolo movimento e sulle caratteristiche proprie dei lavoratori e delle aziende/datori di lavoro. Nello specifico, sono state verificare le informazioni anagrafiche dei lavoratori genere, data e luogo di nascita, cittadinanza - l età del lavoratore al momento dell avviamento/cessazione, la data di avviamento, l esistenza di una data di licenziamento (nel caso fosse presente solo il motivo della cessazione), la durata del rapporto di lavoro, la tipologia della comunicazione di avviamento, il rapporto di lavoro, il motivo di licenziamento (nell eventualità in cui fosse presente solo la data di licenziamento), la qualifica, il C.c.n.l., il settore di attività dell azienda, la presenza di registrazioni doppie identificate da uno stesso codice fiscale, partita Iva, data di avviamento/cessazione e codice di comunicazione). L architettura del Siler suddivide i movimenti in quattro tipologie: AVV (Avviamento), CES (Cessazione), PRO (Proroga) e TRA (Trasformazione); questa distinzione rende sicuramente più agevole la successiva fase di analisi nella quale sono considerati, in primo luogo, i flussi in entrata (assunzioni) ed uscita (licenziamenti) nel mercato del lavoro. Come avvenuto l anno passato nella realizzazione del Rapporto OML , la metodologia di elaborazione dei dati è cambiata rispetto alle edizioni precedenti, in quanto sono considerati solo gli Avviamenti e le Cessazioni, riservandosi in futuro di procedere ad uno studio mirato sia delle Proroghe, sia delle diverse tipologie di Trasformazione. Operativamente le informazioni necessarie alla creazione del data warehouse sono presenti negli archivi: AN_LAVORATORE AN_LAV_STORIA_INF PR_STUDIO AM_MOVIMENTO AN_AZIENDA AN_UNITA_AZIENDA. I primi tre contenitori racchiudono le informazioni relative al lavoratore, il quarto l insieme delle comunicazioni aziendali, gli ultimi due le caratteristiche dell azienda e delle singole unità locali. Sono inoltre state utilizzate, sia per finalità interpretative che operative, alcune tabelle di decodifica: DE_COMUNE DE_PROVINCIA DE_CPI DE_TITOLO DE_TIPO_CONTRATTO DE_CONTRATTO_COLLETTIVO DE_ORARIO DE_MV_CESSAZIONE DE_ATTIVITA DE_MANSIONE. 4 La stessa procedura è stata utilizzata nell estrazione delle informazioni relative al primo semestre Vedere nota metodologica Rapporto OML

6 Il filtro temporale per individuare i movimenti in entrata ed in uscita attivati e conclusi nel corso dell anno è posto sulla variabile DATINIZIOMOV, mentre per le cessazioni relative ai movimenti che hanno origine in un anno precedente a quello in esame, la variabile indicativa è DATFINEMOVEFFETTIVA (sono entrambe variabili presenti nell archivio AM_MOVIMENTO). Un altro filtro è stato posto sullo stato dell atto (comunicazione) che deve essere protocollato (PR): non sono considerati, quindi, le comunicazioni annullate o rettificate, mentre per quanto riguarda l ambito territoriale sono considerate solo le aziende con unità locali situate in provincia di Ferrara (codprovincia = 38 ). Si è quindi provveduto, successivamente, ad integrare il data warehouse, aggiungendo l informazione, ove presente, relativa al più elevato titolo di studio acquisito dal lavoratore. Il passaggio successivo è stato quello di distinguere tra i movimenti in entrata ed in uscita. Nel primo caso sono stati considerati solo gli Avviamenti per i quali la DATINIZIOMOV è compresa tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 6. Più complesso è stato, invece, identificare i movimenti in uscita, dato che il sistema non genera automaticamente un movimento di Cessazione nel caso in cui un rapporto di lavoro sia a tempo determinato, limitandosi a rendere effettiva la data prevista al momento dell instaurazione del rapporto di lavoro (DATFINEMOVEFFETTIVA). Occorre quindi recuperare tale informazione associandola successivamente ai movimenti conclusi (Cessazioni) per i quali la DATINIZIOMOV è compresa tra il 1 gennaio e il 31 dicembre. E utile ricordare, anche in queste circostanza, che la Legge Finanziaria 2007 (L. 296/2006 art. 1 comma dal 1180 al 1185) ha esteso, dal 1 gennaio 2007, anche ai soggetti pubblici economici e alla Pubblica amministrazione l obbligo di comunicazione ai Centri per l Impiego dei movimenti ad essi imputabili. La legge ha previsto, inoltre, l obbligo di comunicazione anche per alcune tipologie di lavoro, nello specifico: i contratti di lavoro a progetto, definiti nelle loro caratteristiche essenziali (autonomia, coordinamento e compenso legato al risultato), dall art. 61, comma 1, del D. L.vo n. 276/2003; i contratti di agenzia e rappresentanza commerciale, se caratterizzati da prestazione coordinata e continuativa prevalentemente personale; le collaborazioni coordinate e continuative presso le Pubbliche Amministrazioni; gli associati in partecipazione con apporto lavorativo; i tirocini di formazione e di orientamento e ogni altro tipo di esperienza lavorativa ad essi assimilata (ad esclusione dei tirocini promossi da soggetti ed istituzioni formative a favore dei propri studenti ed allievi frequentanti, per realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro); le collaborazioni occasionali nelle quali, pur essendo carente la continuità, sussiste il coordinamento con il committente (le c.d. mini co.co.co, fino a 30 giorni nell anno solare o a euro di compenso); le prestazioni sportive previste dall art. 3 della legge n. 89/1981 se svolte in forma di collaborazione coordinata e continuativa e quelle rese a società sportive dilettantistiche affiliate a federazioni facenti capo al CONI; le prestazioni rientranti nel settore dello spettacolo, ai sensi dell art. 1 della legge n. 8/1979, per le quali vige l obbligo di assicurazione ENPALS. Le comunicazioni trasmesse dalla Pubblica Amministrazione, così come le collaborazioni coordinate e continuative, il lavoro a progetto e l associazione in partecipazione 7, sono quindi parte integrante, ormai da alcuni anni, dell universo analizzato. Tale opportunità ha inoltre reso possibile un confronto omogeneo e coerente tra i flussi di entrata e di uscita, nel corso del biennio 2009/10, relativi sia alla Pubblica Amministrazione, sia al lavoro autonomo. Occorre brevemente illustrare, infine, la metodologia utilizzata per correggere le informazione sul tipo di contratto. 6 Ibidem nota 1. 7 Queste tre differenti tipologie contrattuali sono state considerate unitariamente come rapporti di lavoro autonomo. 6

7 L introduzione nel Siler 8, avvenuta nel 2008, della variabile [Codtipocontratto] ha permesso di individuare immediatamente la tipologia contrattuale per ogni singolo movimento. Tale innovazione non ha però evitato, in alcuni casi, sempre minori con il passare del tempo e limitati esclusivamente alle Cessazioni. un conflitto informativo con la variabile Codmonotempo, che indica se il rapporto di lavoro è a tempo determinato [D] o indeterminato [I]. Questa informazione, come tutte le altre presenti nel sistema, sono acquisite dall operatore al momento della validazione del movimento 9. Al fine di correggere questa incoerenza si è provveduto a ricodificare il Codtipocontratto presente nel movimento in base al rispettivo Codmonotempo. Il data warehouse così ottenuto, oltre ad essere esente da illogicità interne (derivanti dal mancato rispetto della coerenza logico temporale degli eventi), da duplicazioni e/o da errate chiusure di movimenti (dovute a difformità presenti nel SARe e/o da imprecisioni operative), è stato quindi trasformato in un data set processabile attraverso appositi strumenti statistici, essendo costituito esclusivamente da variabili che a loro volta contengono informazioni lineari e funzionali all analisi del mercato del lavoro provinciale. 8 Fino al settembre 2008 era presente nel sistema informativo una relazione predefinita tra due variabili, [Codtipoass] e [Codcontratto], che rendeva necessaria l adozione di un apposita procedura per rendere corrette le informazione sul contratto. 9 Il Decreto Ministeriale del 30 ottobre 2007 ha previsto che, a partire dal 1 marzo 2008, tutte le comunicazioni obbligatorie siano trasmesse on line, sia da parte dei datori di lavoro pubblici, sia da quelli privati. 7

8 L'indagine «Occupazione e disoccupazione» condotta dal Comune di Ferrara L'andamento del mercato del lavoro è un fenomeno di grande interesse nelle valutazioni della situazione socio-economica di un territorio. L'indagine Istat sulle forze di lavoro, condotta a cadenza trimestrale a partire dal 1959 e a carattere continuativo a partire dal 2004, costituisce la principale fonte statistica sul mercato del lavoro italiano. Poiché la numerosità campionaria determinata dall'istat per tale indagine, consentiva inizialmente di ottenere informazioni sul lavoro solo a livello regionale, la Regione Emilia Romagna ha finanziato fino al 1990 un allargamento del campione Istat, al fine di ottenere stime attendibili disaggregate a livello provinciale; secondo questo disegno campionario, nel Comune di Ferrara venivano intervistate complessivamente 772 famiglie per ogni rilevazione. Considerato che non vi era comunque un ritorno informativo sulla situazione occupazionale a livello comunale, né da parte dell'istat, né da parte della Regione Emilia Romagna, il Comune di Ferrara, valutando che tale numerosità campionaria produceva stime attendibili a livello locale per i principali aggregati (errore massimo di stima del 2,5% al 95% di probabilità), fin dal 1985 ha provveduto ad elaborare autonomamente le informazioni contenute nei questionari compilati relativamente alle famiglie intervistate sul proprio territorio, in occasione delle indagini trimestrali sulle forze di lavoro. Dall'anno 1991 la Regione Emilia Romagna non ha più finanziato l'allargamento del campione Istat; per questo motivo la numerosità campionaria, scesa a sole 152 unità nel campione Istat, non consentiva più al Comune di Ferrara di eseguire elaborazioni autonome attendibili a livello locale. Considerata però l'importanza di mantenere la disponibilità di informazioni sul mercato del lavoro a livello comunale - che era assicurata dalla precedente dimensione del campione (772 interviste) - l'amministrazione Comunale ha provveduto, dal 1991 fino ad oggi, a finanziare una rilevazione parallela all'indagine sulle forze di lavoro dell'istat, denominata "Occupazione e disoccupazione". Il Comune di Ferrara disponeva fino al 2003 delle 152 interviste effettuate trimestralmente per conto dell'istat, dato che la rilevazione veniva effettuata da rilevatori incaricati dal Comune: per questo motivo, al fine di raggiungere la numerosità campionaria prefissata come obiettivo (772 interviste), le famiglie rilevate trimestralmente con onere a carico dell'amministrazione comunale ammontavano fino a quella data a 620. Dal 2004 l'indagine Istat sulle forze di lavoro è diventata continuativa e viene gestita direttamente dall'istat tramite una propria rete di rilevazione: ciò ha però comportato l'impossibilità per il Comune di Ferrara di fruire di tali informazioni, rendendo necessario per quest'ultimo finanziare la totalità del campione e, precisamente, 772 interviste. Come per l'indagine Istat, l'universo di riferimento della rilevazione comunale "Occupazione e disoccupazione", è costituito da tutti i componenti delle famiglie residenti (con l'esclusione dei membri permanenti delle convivenze) e l'unità di rilevazione è la famiglia "di fatto". Entrambe le indagini fino al 2003, sono state condotte trimestralmente nei mesi di gennaio, aprile, luglio ed ottobre; dal 2004 l'indagine Istat sulle forze di lavoro è diventata continuativa, mentre la rilevazione "Occupazione e disoccupazione" effettuata autonomamente dal Comune di Ferrara ha conservato fino al 2005 la stessa periodicità trimestrale e la stessa numerosità campionaria. L'estrazione del campione delle famiglie da intervistare nel Comune, è sempre stata effettuata con la metodologia adottata dall'istat e precisamente con cadenza annuale in coincidenza con l'indagine di aprile; il numero delle famiglie estratte era tale da garantire la formazione del campione per l'intero ciclo di interviste annuali, ed era comprensivo di un elenco di famiglie "di riserva" per le eventuali sostituzioni. Tale estrazione avveniva in modo casuale dall'anagrafe: stabilita la numerosità campionaria e determinato il passo di estrazione, dall'anagrafe ordinata per ripartizione territoriale (come primo livello gerarchico di ordinamento) e per ordine alfabetico di via (al secondo livello), si procedeva all'estrazione di due distinti elenchi: quello delle famiglie "di base" e quello delle famiglie "sostitutive". Il campione rispettava uno schema di rotazione caratterizzato da una struttura longitudinale del tipo 2-2-2: ogni famiglia veniva intervistata per due indagini successive, usciva 8

9 temporaneamente dal campione per due rilevazioni ed infine rientrava nel campione per le ultime due indagini, prima di abbandonarlo definitivamente. Nel questionario dell'indagine comunale "Occupazione e disoccupazione" sono presenti i quesiti fondamentali del modello Istat "Forze di lavoro": ciò consente di stimare i principali aggregati secondo le medesime definizioni adottate dall'istat (operando la tripartizione della popolazione in occupati, persone in cerca di occupazione e non forze di lavoro, analizzando lo stock degli occupati per settore di attività economica, per genere e classi di età, ecc.). Tale questionario, come quello Istat, è stato oggetto di varie modifiche nel corso degli anni in concomitanza con le trasformazioni metodologiche imposte al paradigma di riferimento Istat dalle nuove esigenze conoscitive e dalla necessità di rendere maggiormente comparabili le statistiche internazionali sul mercato del lavoro. Rammentiamo gli aggiornamenti più significativi: - nel 1986 è stata adottata una definizione più restrittiva per le persone in cerca di occupazione, escludendo da tale aggregato chi dichiara di non aver ancora iniziato la ricerca di lavoro; - nell'ottobre 1992 vengono introdotte una serie di modifiche rilevanti: nuove definizioni per la popolazione in età lavorativa (con l'esclusione da questo aggregato dei quattordicenni) e per le persone in cerca di lavoro (con l'eliminazione dall'aggregato di coloro che non hanno effettuato concrete azioni di lavoro nei 30 giorni che precedono l'intervista); - nel gennaio 2003 l'istat inizia la sperimentazione della nuova rilevazione continua sulle forze di lavoro, che viene condotta in parallelo, fino a gennaio 2004, alla tradizionale indagine trimestrale. - nel 2004 la nuova indagine continua sostituisce definitivamente quella trimestrale e vengono introdotte nuove condizioni relativamente alla classificazione delle persone in possesso di lavoro ma assenti dal lavoro e precisamente: se l'intervistato è un lavoratore dipendente che non ha effettuato ore di lavoro nella settimana di riferimento, è considerato "occupato" solo se dichiara di riprendere il lavoro dopo l'assenza, che la durata dell'astensione dal lavoro non supera i 3 mesi o, qualora tale durata superasse i 3 mesi, che la sua retribuzione in tale periodo è almeno pari al 50% di quella antecedente il periodo di assenza; per il lavoratore autonomo è sufficiente che l'attività venga mantenuta. Le modifiche antecedenti il 2003 non hanno comportato - a parte quello della confrontabilità dei dati - particolari problemi relativamente all'adeguamento dell'indagine comunale "Occupazione e disoccupazione" alle nuove definizioni, mentre un discorso a parte va fatto con l'introduzione della nuova indagine continua, che rappresenta il più radicale rinnovamento nella storia della rilevazione campionaria sulle forze di lavoro. A tale rivoluzione metodologica, il Comune di Ferrara ha cercato quanto più possibile di uniformarsi; nel 2004 sono state inizialmente avviate 2 indagini parallele: la prima a carattere trimestrale con la vecchia metodologia e il vecchio questionario, la seconda a carattere mensile con un questionario modificato secondo le nuove definizioni e criteri classificativi della nuova indagine Istat e con interviste effettuate con metodo Cati. Quest'ultima indagine non ha fornito risultati soddisfacenti, a causa dell'elevata percentuale di sostituzioni a cui i rilevatori erano costretti a ricorrere; dopo 6 mesi di sperimentazione tale indagine è stata abbandonata e l'indagine 2004 è stata portata a termine utilizzando solo la collaudata metodologia della rilevazione trimestrale. Valutata la sperimentazione effettuata nell'anno precedente, per l'edizione 2005 dell'indagine "Occupazione e disoccupazione" comunale è stata adottata la seguente metodologia: - rilevazione a cadenza trimestrale, come negli anni precedenti; - campionamento a rotazione, come negli anni precedenti, con la stessa numerosità; - questionario modificato secondo le nuove definizioni e i nuovi criteri di classificazione della nuova indagine continua ISTAT; 9

10 - interviste effettuate a domicilio con modello cartaceo al primo contatto con la famiglia e successive interviste telefoniche. I dati campionari vengono riportati all'universo utilizzando coefficienti di ponderazione per genere e per le seguenti classi di età: 0-14, 15-29, 30-64, 65 e oltre (in tutto 8 celle di classificazione). Questi coefficienti vengono calcolati rapportando la popolazione residente (depurata dai membri permanenti delle convivenze), misurata nello stesso mese della rilevazione, alla numerosità campionaria relativa ad ognuna delle 8 specifiche celle di classificazione, in modo da consentire il calcolo di aggregati coerenti con la consistenza complessiva della popolazione per genere e nelle classi di età sopra considerate. L'indagine così strutturata è conforme a quella continua ISTAT per quanto riguarda il questionario utilizzato e le definizioni adottate, mentre si discosta per la periodicità e la tecnica di intervista, nonché per la metodologia di elaborazione delle stime che, in campo nazionale, prevede criteri e metodi di ponderazione più complessi e maggiormente condizionati dalla minore disponibilità di dati demografici aggiornati e dettagliati. Dall'anno 2006, per contenere maggiormente i costi di rilevazione, ulteriori modifiche sono state apportate all'indagine "Occupazione e disoccupazione": invece delle quattro rilevazioni effettuate negli anni precedenti, con campionamento a rotazione, ne vengono realizzate due con distinti campioni casuali. Le famiglie sono intervistate telefonicamente ove vi sia la disponibilità della famiglia stessa (circa il 40%), oppure a domicilio in caso contrario. Per ogni indagine vengono intervistate 800 famiglie. Il questionario e la metodologia di stima restano invariati rispetto all'anno Indagine Istat sulle forze di lavoro La principale fonte di informazione sul mercato del lavoro, uniformata a livello europeo e comparabile, in termini di definizioni e classificazioni, non solo a livello nazionale ma anche a livello internazionale, è la Rilevazione Continua delle Forze di Lavoro (RCFL) realizzata dall Istat. Questa rilevazione, fra le principali condotte dall Istituto Nazionale di Statistica (Istat) viene condotta a cadenza mensile (da cui il nome continua ); le cadenze di rilascio dei dati sono: - a livello nazionale: mensile (per le principali grandezze), trimestrale e annuale; - a livello regionale: trimestrale e annuale; - a livello provinciale: annuale. Il dettaglio delle informazioni è progressivamente decrescente passando dal livello nazionale a quello provinciale. Trattandosi di un indagine campionaria i risultati presentano un errore statistico sistematico, tanto maggiore quanto minore è il sotto-universo di popolazione cui si riferiscono. Tale errore, tra un periodo e l altro può essere anche superiore (in negativo o in positivo) alla variazione che ciascuna grandezza può presentare; la lettura e l interpretazione dei dati, devono quindi essere svolte molto prudenzialmente, soprattutto quanto più si scende nel dettaglio. Il periodo cui si fa riferimento inizia con l anno 2004, quando, anche su indicazioni Eurostat a valere per tutti i paesi dell Unione Europea, è stata avviata una nuova serie della rilevazione; rispetto alla precedente (con cui non è più confrontabile) la nuova serie ha rivisto il riporto all universo (sulla base dei risultati censuari del 2001) e l indagine, come si è detto, è passata da trimestrale a mensile, con una rotazione e distribuzione delle famiglie da intervistare lungo le quattro settimane di ciascun mese 10. L indagine viene effettuata sulle famiglie residenti sul territorio, rilevandone la posizione di tutti i componenti rispetto al mercato del lavoro; essa quindi stima, ad esempio, gli occupati residenti di un dato territorio, indipendentemente dalla località in cui lavorano, che può essere un altra provincia o un altra regione. Il concetto di occupato è quindi diverso da quello di addetto presente nelle unità locali di un dato territorio, potendo anche risiedere 10 I dati relativi al 2010 sono stati resi pubblici il 22 aprile

11 al di fuori dello stesso. Della stessa indagine sono stati oggetto di elaborazione i micro-dati, vale a dire i dati elementari dei singoli questionari, per analizzare, in un successivo capitolo, alcune caratteristiche strutturali delle forze di lavoro provinciali. Per una corretta lettura dei i della Rilevazione delle Forze di Lavoro dell Istat occorre ricordare che: sono intervistati gli individui residenti sul territorio, su un campione di famiglie estratte con casualità statistica dalle anagrafi comunali; la rilevazione chiede direttamente all intervistato la propria situazione; il concetto di persona in cerca di impiego è determinata a posteriori incrociando diverse informazioni; gli occupati comprendono le persone di 15 anni e più che nella settimana di riferimento: - hanno svolto almeno un ora di lavoro in una qualsiasi attività che preveda un corrispettivo monetario o in natura; - hanno svolto almeno un ora di lavoro non retribuito nella ditta di un familiare nella quale collaborano abitualmente; - sono assenti dal lavoro (ad esempio, per ferie o malattia). I dipendenti assenti dal lavoro sono considerati occupati se l assenza non supera tre mesi, oppure se durante l assenza continuano a percepire almeno il 50% della retribuzione. Gli indipendenti assenti dal lavoro, ad eccezione dei coadiuvanti familiari, sono considerati occupati se, durante il periodo di assenza, mantengono l attività. I coadiuvanti familiari sono considerati occupati se l assenza non supera tre mesi; le persone in cerca di occupazione comprendono quelle tra 15 e 74 anni che non sono occupati e che: - hanno effettuato almeno un azione attiva di ricerca di lavoro nei trenta giorni che precedono l intervista e sono disponibili a lavorare (o ad avviare un attività autonoma) entro le due settimane successive all intervista; - oppure inizieranno un lavoro entro tre mesi dalla data dell intervista e sono disponibili a lavorare (o ad avviare un attività autonoma) entro le due settimane successive all intervista, qualora fosse possibile anticipare l inizio del lavoro; le forze di lavoro sono la somma degli occupati e delle persone in cerca di occupazione; gli inattivi comprendono le persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle non classificate come occupate od in cerca di occupazione; il tasso di attività è il rapporto tra le persone appartenenti alle forze di lavoro e la corrispondente popolazione di riferimento; il tasso di occupazione è il rapporto tra gli occupati e la corrispondente popolazione di riferimento; tassi di attività e tassi di occupazione nel complesso fanno riferimento alla classe d età anni; il tasso di disoccupazione è il rapporto tra le persone in cerca di occupazione e le corrispondenti forze di lavoro. 11 A motivo dell innalzamento dell età dell obbligo scolastico (legge 296/2006), intervenuto a partire dagli ultimi mesi del 2007, dal primo trimestre 2008 i dati sugli individui con 15 anni di età non contengono né occupati né disoccupati. Nei tassi di occupazione si continua a fare riferimento alla popolazione in età lavorativa di anni a causa del regolamento europeo e degli obiettivi per il 2010 fissati a Lisbona nell ambito della Strategia europea per l occupazione. Il numero di quindicenni occupati o in cerca di occupazione è tradizionalmente del tutto trascurabile. Il cambiamento normativo non comporta quindi alcuna interruzione delle serie storiche degli indicatori sulla popolazione anni. 11

12 Sistema Informativo Excelsior Il Sistema Informativo Excelsior, promosso e realizzato da Unioncamere in accordo con il Ministero del Lavoro e l'unione Europea, si colloca stabilmente a partire dal 1997 tra le maggiori fonti informative disponibili in Italia sui temi del mercato del lavoro e della formazione ed è inserito tra le indagini con obbligo di risposta previste dal Programma Statistico Nazionale. I dati raccolti su un campione di circa 100mila imprese italiane con dipendenti, aggiornati con cadenza annuale, mettono a disposizione degli utenti una serie di informazioni sulla domanda di lavoro delle imprese in Italia e sulle principali caratteristiche (età, livello di istruzione, esperienza, difficoltà di reperimento, necessità di ulteriore formazione ecc.) delle figure professionali richieste. Attraverso il Sistema Informativo Excelsior è possibile quantificare in modo puntuale il fabbisogno occupazionale e di professionalità per il breve e medio periodo distinto per ogni provincia italiana e disaggregato per classe dimensionale e per attività economica di impresa. L'ampiezza e la ricchezza dei dati raccolti direttamente presso le imprese costituisce in tal modo, un utile patrimonio informativo utile per coloro che devono orientare e facilitare l'incontro diretto tra l'offerta di lavoro e la domanda da parte delle imprese; per i decisori istituzionali in materia di politiche della formazione scolastica e professionale; nonché per gli operatori della formazione a tutti i livelli. Il campo di osservazione relativo alla dodicesima rilevazione di Excelsior è rimasto immutato rispetto alle precedenti edizioni dell'indagine ed é rappresentato dall'universo delle imprese private iscritte al Registro delle Imprese delle Camere di Commercio che alla data del avevano almeno un dipendente, con l'esclusione: - delle unità operative della pubblica amministrazione; - delle aziende pubbliche del settore sanitario (aziende ospedaliere, ASL, ecc.); - delle unità scolastiche dell'obbligo e delle medie superiori pubbliche; - delle unità universitarie pubbliche; - delle organizzazioni associative. Da tale insieme sono state escluse le imprese nel frattempo cessate e nel contempo sono state inserite le imprese nate dopo il , con particolare attenzione a quelle di grande dimensione o potenzialmente tali, suscettibili cioè di esprimere quote rilevanti di nuova occupazione. Per le imprese con almeno 100 dipendenti è stato, inoltre, aggiornato l'universo di riferimento con le informazioni più recenti ricavate da diverse fonti informative (bilanci depositati presso le Camere di commercio, articoli tratti dalla stampa, siti internet, ecc.). Pur non essendo tenute all'iscrizione nel Registro Imprese, sono state considerate ai fini dell'indagine anche le attività professionali per le quali esiste l'obbligo di iscrizione in Albi tenuti da Ordini o Collegi professionali. In genere si tratta di "studi professionali", considerati nell'universo di riferimento se viene rilevata la presenza di almeno un dipendente. Nel campo di osservazione del Progetto Excelsior rientrano, peraltro solo con significatività statistica a livello nazionale e regionale (pubblicate in uno specifico volume) anche le attività agricolo - zootecniche, che occupino almeno un dipendente. Analogamente alle scorse edizioni, le unità di rilevazione e analisi considerate sono l'impresa e l'unità locale provinciale; quest'ultima, in realtà una variabile convenzionale, è definita come l'insieme delle unità locali della stessa impresa operanti in una provincia. I relativi addetti corrispondono alla somma degli addetti operanti nella provincia. Per identificare le imprese che si potevano considerare attive e quelle che, avendo almeno un addetto dipendente, erano comprese nel campo di osservazione, nonché per completare ed eventualmente correggere le informazioni sulle variabili di stratificazione, si é proceduto al confronto puntuale tra le posizioni del Registro e quelle di altre fonti amministrative (INPS, 12

13 INAIL e Anagrafe Tributaria) i cui dati confluiscono nel REA, Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative, di fonte al Registro delle Imprese, e tenuto presso ciascuna Camera di Commercio. Le previsioni riferite alle entrate riguardano le assunzioni previste di lavoratori dipendenti compresi i contratti a termine ed i lavoratori stagionali, ma sono esclusi gli interinali, i collaboratori a progetto e gli stage, che le imprese intervistate hanno previsto in entrata nel corso del Le uscite corrispondono al numero di lavoratori dipendenti compresi i contratti a termine ed esclusi i lavoratori stagionali, gli interinali, i collaboratori a progetto e gli stage che le imprese intervistate hanno previsto lasceranno il proprio posto di lavoro all'interno dell'azienda nel corso del Tali previsioni sono state formulate dalle imprese nel periodo compreso fra febbraio e giugno I saldi occupazionali sono determinati dalla differenza algebrica tra le entrate e le uscite di personale dipendente previste per il Il Sistema informativo Excelsior non tiene conto, invece, dei flussi occupazionali relativi alle imprese che inizieranno o cesseranno la propria attività nel 2011, né dei passaggi di livello di inquadramento del personale già precedentemente occupato in azienda. I dati qui presentati si basano sull'ultima indagine che, nel territorio ferrarese, deriva da 798 interviste a imprese, suddivise tra 357 nell industria e nelle costruzioni e 441 nei servizi. Scuola media superiore In allegato sono presentate le statistiche relative agli iscritti e ai diplomati della scuola media superiore in provincia di Ferrara, suddivisi per indirizzo di studio, basati sui dati del Ministero della Pubblica Istruzione, fino all anno scolastico 2007/08, e sull Anagrafe Regionale Studenti dall anno scolastico 2008/09 che sono state successivamente elaborate dal Servizio Pubblica Istruzione della Provincia di Ferrara. Università Le statistiche presenti nell allegato statistico, relative agli immatricolati, iscritti complessivi e ai laureati dell'università degli Studi di Ferrara, suddivisi per facoltà, luogo di origine, cittadinanza, titolo di studio, sono basate su dati la cui fonte è l'università degli Studi di Ferrara. In due contributi del Rapporto, segnatamente il 2.8 e il 2.9, sono stati inoltre utilizzatati dati di fonte MIUR. 13

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE Altre forme giuridiche (A.F.) Tipologia che raccoglie tutte le imprese aventi forma giuridica diversa da quelle che rientrano nei seguenti raggruppamenti:

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA

LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA DOCUMENTI 12 RAPPORTO LA CONTRATTAZIONE AZIENDALE NEL SETTORE PRIVATO DELL ECONOMIA ROMA, GENNAIO 2002 Il Rapporto è stato curato dall Ufficio per l Informazione con la collaborazione di Monitor Lavoro.

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli