NOTE METODOLOGICO-STATISTICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTE METODOLOGICO-STATISTICHE"

Transcript

1 NOTE METODOLOGICO-STATISTICHE Cassa integrazione guadagni e retribuzioni... 2 Imprese... 2 Il sistema informativo SMAIL della Camera di Commercio di Ferrara... 3 Infortuni sul lavoro... 4 La costruzione del data warehouse avviamenti-cessazioni L'indagine «Occupazione e disoccupazione» condotta dal Comune di Ferrara... 8 Indagine Istat sulle forze di lavoro Sistema Informativo Excelsior Scuola media superiore Università

2 Cassa integrazione guadagni e retribuzioni La cassa integrazione guadagni prevede, attualmente, tre tipi d'intervento: ordinari, straordinari e, da alcuni anni, in deroga. Gli interventi ordinari sono quelli concessi in favore delle aziende in temporanea difficoltà, mentre gli interventi straordinari sono quelli richiesti dalle aziende che, versando in situazione di crisi, effettuano ristrutturazioni per acquistare competitività sui mercati ed anche in salvaguardia dei livelli occupazionali in seno alle aziende stesse. Gli ammortizzatori sociali e, in particolar modo, la cassa integrazione guadagni ordinaria, pur soffrendo come indicatori statistici delle discontinuità e dei ritardi dei processi decisionali, offrono un «segnale» comunque utile per l'analista. Una diminuzione decisa, ad esempio, del ricorso agli ammortizzatori sociali può in generale essere interpretato come un sintomo positivo di ripresa, anche se in passato non sono mancate fasi di crescita accompagnate da un «generoso» ricorso alla cassa integrazione guadagni ordinaria. La cassa integrazione guadagni in deroga è un intervento di integrazione salariale a sostegno di imprese o lavoratori non destinatari della normativa sulla cassa integrazione guadagni. Spetta a tutti i lavoratori subordinati, compresi apprendisti, lavoratori con contratto di somministrazione e lavoranti a domicilio, dipendenti da aziende che operino in determinati settori produttivi o specifiche aree regionali, individuate in specifici accordi governativi. La fonte statistica dei dati relativa alla cassa integrazione guadagni è l'inps di Ferrara: i dati di base sono stati desunti dai modelli SCGRS01 e si riferiscono agli anni 2005/10. Nell Appendice statistica sono inclusi anche i dati, sempre di fonte Inps, sulla struttura retributiva trimestrale degli anni 2007/10, suddivisi per macro settore e profili professionali, nonché per contratti part-time e full-time e le tipologie di voucher venduti per regione/provincia e settore di attività nel biennio 2009/10. Imprese Si è ricostruita per il periodo 2000/10 la serie storica relativa ai dati della demografia delle imprese in provincia di Ferrara, desunta dal Registro imprese (archivio Infocamere-Stockview). Riportiamo di seguito alcune definizioni utili per la corretta interpretazione dei dati: - impresa registrata - ai fini di Movimprese si definisce registrata una impresa presente in archivio (e non cessata), indipendentemente dallo stato di attività (attiva, inattiva, sospesa, in liquidazione, fallita); - impresa attiva - impresa iscritta al Registro delle imprese che esercita l'attività e non risulta avere procedure concorsuali in atto; - iscrizioni (variabile di flusso) - il numero di iscrizioni nell'arco dell'anno si riferisce al conteggio di tutte le operazioni di iscrizione effettuate nel periodo considerato; - cessazioni (variabile flusso) - il numero di cessazioni (imprese cessate) nell'arco dell'anno si riferisce a tutte le posizioni che nel periodo considerato hanno cessato l'attività, tenendo presente che da un punto di vista logico si considera cessata una impresa anche se risulta presente una sola delle seguenti segnalazioni: 1) causale di cessazione; 2) data denuncia di cessazione; 3) data cessazione («data effetto») 1 ; - indice di natalità = iscrizioni nell'anno di riferimento / stock delle imprese registrate al 31 dicembre dell'anno precedente x100; - indice di mortalità = cessazioni nell'anno di riferimento / stock delle imprese registrate al 31 dicembre dell'anno precedente x100; - saldo = indice di natalità - indice di mortalità. 1 Pertanto il conteggio delle cessazioni in un determinato periodo può non coincidere con la data effettiva di cessazione: una impresa può rientrare fra le cessate dell'anno anche se presenta una data cessazione che non appartiene al periodo in esame. 2

3 Il sistema informativo SMAIL 2 della Camera di Commercio di Ferrara Il campo di osservazione di SMAIL è rappresentato dalle imprese iscritte al Registro imprese della Camera di Commercio di Ferrara al 30 giugno e a1 31 dicembre dell'anno di riferimento; ne rimane pertanto escluso tutto il settore pubblico, le istituzioni private non iscritte alla Camera di Commercio (generalmente operanti nei settori della sanità, dell'assistenza e dell'istruzione privata), nonché le attività libero professionali che non sono costituite in forma di impresa 3. Le unità di rilevazione di SMAIL sono l'impresa e le sue unità locali, purché effettivamente attive; sono dunque escluse posizioni che risultano iscritte nei registri camerali ma che non svolgono una reale attività economica, o che l'abbiano svolta solo in passato. La definizione di impresa attiva si riferisce a qualunque impresa (o altro soggetto iscritto) operante nel territorio provinciale con almeno un addetto: essa ricomprende pertanto, per fare un esempio, i dati di una banca con sede a Bologna e sportelli in provincia di Ferrara (limitatamente agli addetti impiegati a livello locale). Inoltre, i dati relativi agli addetti di imprese plurilocalizzate si riferiscono solo a quelli operanti nella provincia di Ferrara. Dal computo delle imprese attive sono poi escluse sia tutte le cariche non strettamente imprenditoriali (in particolare i sindaci ed i revisori dei conti), sia tutte le società costituite a scopi puramente formali, senza una effettiva significatività economica: per esempio, le società immobiliari che si limitano a gestire un immobile di proprietà, oppure le imprese finanziarie costituite solo per detenere quote di partecipazione in un'altra società. È opportuno quindi, sulla base di tali definizioni, sottolineare le differenze tra le rilevazioni di SMAIL ed altre fonti di indagine: nel Censimento Istat sono rilevati i dati relativi alle unità locali presenti sul territorio provinciale (analogamente a SMAIL), mentre sul versante delle imprese si considerano solo quelle aventi sede legale in provincia. Analogamente, nelle elaborazioni derivate dal Registro imprese si prendono in esame le "sedi di impresa", considerando la localizzazione della loro sede legale. Va infine precisato che, in SMAIL, i dati relativi agli addetti comprendono gli imprenditori e il personale dipendente, mentre sono esclusi e sono considerati separatamente - i lavoratori con contratto di somministrazione. Negli ultimi anni, SMAIL si è esteso ad altre tematiche, realizzando nuovi moduli informativi relativi ai collaboratori coordinati e continuativi e a progetto e al fenomeno del pendolarismo (approfondimento svolto nel corso del 2010). Nel corso del 2011 è stato poi realizzato un primo approfondimento di carattere settoriale, dedicato al settore del turismo. Nell ambito di questo specifico modulo sono state utilizzate alcune informazioni aggiuntive reperibili negli archivi INPS, quali le forme contrattuali (contratti a tempo indeterminato o determinato, part-time, full-time; le giornate lavorate nel mese). 2 Sistema Monitoraggio Annuale Imprese e Lavoro 3 Sono inoltre escluse alcune imprese non iscritte alla Camera di Commercio di Ferrara, ma che operano in provincia: - Imprese iscritte in altre Camere di Commercio che hanno dipendenti che lavorano in provincia di Ferrara non all interno di unità operative costituite dall'impresa madre, ma presso altre imprese o in cantieri temporanei (es. imprese di dimensioni rilevanti che operano nel settore della pulizia, della ristorazione collettiva e nelle costruzioni); - La Banca d'italia. Per maggiori approfondimenti rimandiamo alle "Avvertenze e note metodologiche" riportate nella sezione SMAIL del sito della Camera di Commercio di Ferrara, 3

4 Infortuni sul lavoro Le norme legislative sull'assicurazione obbligatoria degli infortuni sul lavoro e le malattie professionali prevedono che debbano essere denunciati all'inail gli infortuni sul lavoro da cui siano colpiti i lavoratori (dipendenti ed autonomi) e che siano stati prognosticati non guaribili entro tre giorni, indipendentemente da ogni valutazione circa la ricorrenza degli estremi di legge per l'indennizzabilità. La denuncia, corredata da certificato medico, viene fatta utilizzando i moduli predisposti dall'inail nei quali sono riportate informazioni significative ai fini dell'analisi del fenomeno infortunistico per fini previdenziali. Per ciascun infortunio di cui viene a conoscenza l'inail viene aperta una pratica che, dal punto di vista amministrativo, può chiudersi con l'erogazione all'infortunato o ai suoi eredi di una prestazione (indennizzo) ovvero senza alcun esborso da parte dell'inail (caso non indennizzato). Ovviamente la prestazione varia a seconda delle conseguenze dell'infortunio. In particolare le principali prestazioni previste dall'art. 66 del Testo Unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124) e dalle recenti disposizioni stabilite dall'art. 13 del d.lgs. 38/2000, sono: a) un'indennità giornaliera per tutta la durata della «inabilità temporanea» assoluta (a partire dal quarto giorno successivo a quello dell'infortunio); b) una rendita nel caso in cui sia accertato che l'infortunio abbia avuto come conseguenza una «inabilità permanente» di grado superiore al 10% per gli infortuni avvenuti prima del 25 luglio 2000; c) un indennizzo in capitale o in rendita nel caso in cui sia accertato che l'infortunio abbia avuto come conseguenza una «menomazione permanente» di grado superiore al 5% per gli infortuni avvenuti a partire dal 25 luglio 2000 (data di entrata in vigore della disciplina del «Danno biologico» di cui all'art. 13 del d.lgs. 38/2000); d) una rendita ai superstiti aventi diritto nel caso in cui la conseguenza sia stata la «morte» dell'infortunato. Per la menomazione permanente di grado compreso tra 6% e 15% è prevista l'erogazione di un capitale per l'indennizzo del «danno biologico». Per la menomazione permanente di grado pari o superiore al 16% è prevista l'erogazione di una rendita per l'indennizzo del danno biologico e del danno patrimoniale presunto per legge. Nelle tavole della sezione statistica, tra i casi mortali indennizzati sono compresi anche quelli per i quali, non essendoci superstiti aventi diritto, non viene corrisposta alcuna rendita. In tutte le tavole il numero degli infortuni avvenuti e indennizzati è ripartito per tipologia di conseguenza-indennizzo (temporanei, permanenti e per decesso). Le statistiche nelle tavole non includono i pochi infortuni relativi ai dipendenti in conto Stato. 4

5 La costruzione del data warehouse avviamenti-cessazioni La realizzazione del data warehouse dei movimenti di flusso in entrata ed in uscita presenti nell archivio dei Centri per l Impiego della Provincia di Ferrara avviene, da ormai sei anni, attraverso l utilizzo del sistema informativo Siler (Sistema Informativo Regione Emilia-Romagna). Le procedure di controllo delle informazioni, ormai standardizzate e affinate, e la successiva fase di costruzione del data warehouse, si sono basate sulla verifica della coerenza formale e logica di ogni singolo movimento e sulle caratteristiche proprie dei lavoratori e delle aziende/datori di lavoro. Nello specifico, sono state verificare le informazioni anagrafiche dei lavoratori genere, data e luogo di nascita, cittadinanza - l età del lavoratore al momento dell avviamento/cessazione, la data di avviamento, l esistenza di una data di licenziamento (nel caso fosse presente solo il motivo della cessazione), la durata del rapporto di lavoro, la tipologia della comunicazione di avviamento, il rapporto di lavoro, il motivo di licenziamento (nell eventualità in cui fosse presente solo la data di licenziamento), la qualifica, il C.c.n.l., il settore di attività dell azienda, la presenza di registrazioni doppie identificate da uno stesso codice fiscale, partita Iva, data di avviamento/cessazione e codice di comunicazione). L architettura del Siler suddivide i movimenti in quattro tipologie: AVV (Avviamento), CES (Cessazione), PRO (Proroga) e TRA (Trasformazione); questa distinzione rende sicuramente più agevole la successiva fase di analisi nella quale sono considerati, in primo luogo, i flussi in entrata (assunzioni) ed uscita (licenziamenti) nel mercato del lavoro. Come avvenuto l anno passato nella realizzazione del Rapporto OML , la metodologia di elaborazione dei dati è cambiata rispetto alle edizioni precedenti, in quanto sono considerati solo gli Avviamenti e le Cessazioni, riservandosi in futuro di procedere ad uno studio mirato sia delle Proroghe, sia delle diverse tipologie di Trasformazione. Operativamente le informazioni necessarie alla creazione del data warehouse sono presenti negli archivi: AN_LAVORATORE AN_LAV_STORIA_INF PR_STUDIO AM_MOVIMENTO AN_AZIENDA AN_UNITA_AZIENDA. I primi tre contenitori racchiudono le informazioni relative al lavoratore, il quarto l insieme delle comunicazioni aziendali, gli ultimi due le caratteristiche dell azienda e delle singole unità locali. Sono inoltre state utilizzate, sia per finalità interpretative che operative, alcune tabelle di decodifica: DE_COMUNE DE_PROVINCIA DE_CPI DE_TITOLO DE_TIPO_CONTRATTO DE_CONTRATTO_COLLETTIVO DE_ORARIO DE_MV_CESSAZIONE DE_ATTIVITA DE_MANSIONE. 4 La stessa procedura è stata utilizzata nell estrazione delle informazioni relative al primo semestre Vedere nota metodologica Rapporto OML

6 Il filtro temporale per individuare i movimenti in entrata ed in uscita attivati e conclusi nel corso dell anno è posto sulla variabile DATINIZIOMOV, mentre per le cessazioni relative ai movimenti che hanno origine in un anno precedente a quello in esame, la variabile indicativa è DATFINEMOVEFFETTIVA (sono entrambe variabili presenti nell archivio AM_MOVIMENTO). Un altro filtro è stato posto sullo stato dell atto (comunicazione) che deve essere protocollato (PR): non sono considerati, quindi, le comunicazioni annullate o rettificate, mentre per quanto riguarda l ambito territoriale sono considerate solo le aziende con unità locali situate in provincia di Ferrara (codprovincia = 38 ). Si è quindi provveduto, successivamente, ad integrare il data warehouse, aggiungendo l informazione, ove presente, relativa al più elevato titolo di studio acquisito dal lavoratore. Il passaggio successivo è stato quello di distinguere tra i movimenti in entrata ed in uscita. Nel primo caso sono stati considerati solo gli Avviamenti per i quali la DATINIZIOMOV è compresa tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 6. Più complesso è stato, invece, identificare i movimenti in uscita, dato che il sistema non genera automaticamente un movimento di Cessazione nel caso in cui un rapporto di lavoro sia a tempo determinato, limitandosi a rendere effettiva la data prevista al momento dell instaurazione del rapporto di lavoro (DATFINEMOVEFFETTIVA). Occorre quindi recuperare tale informazione associandola successivamente ai movimenti conclusi (Cessazioni) per i quali la DATINIZIOMOV è compresa tra il 1 gennaio e il 31 dicembre. E utile ricordare, anche in queste circostanza, che la Legge Finanziaria 2007 (L. 296/2006 art. 1 comma dal 1180 al 1185) ha esteso, dal 1 gennaio 2007, anche ai soggetti pubblici economici e alla Pubblica amministrazione l obbligo di comunicazione ai Centri per l Impiego dei movimenti ad essi imputabili. La legge ha previsto, inoltre, l obbligo di comunicazione anche per alcune tipologie di lavoro, nello specifico: i contratti di lavoro a progetto, definiti nelle loro caratteristiche essenziali (autonomia, coordinamento e compenso legato al risultato), dall art. 61, comma 1, del D. L.vo n. 276/2003; i contratti di agenzia e rappresentanza commerciale, se caratterizzati da prestazione coordinata e continuativa prevalentemente personale; le collaborazioni coordinate e continuative presso le Pubbliche Amministrazioni; gli associati in partecipazione con apporto lavorativo; i tirocini di formazione e di orientamento e ogni altro tipo di esperienza lavorativa ad essi assimilata (ad esclusione dei tirocini promossi da soggetti ed istituzioni formative a favore dei propri studenti ed allievi frequentanti, per realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro); le collaborazioni occasionali nelle quali, pur essendo carente la continuità, sussiste il coordinamento con il committente (le c.d. mini co.co.co, fino a 30 giorni nell anno solare o a euro di compenso); le prestazioni sportive previste dall art. 3 della legge n. 89/1981 se svolte in forma di collaborazione coordinata e continuativa e quelle rese a società sportive dilettantistiche affiliate a federazioni facenti capo al CONI; le prestazioni rientranti nel settore dello spettacolo, ai sensi dell art. 1 della legge n. 8/1979, per le quali vige l obbligo di assicurazione ENPALS. Le comunicazioni trasmesse dalla Pubblica Amministrazione, così come le collaborazioni coordinate e continuative, il lavoro a progetto e l associazione in partecipazione 7, sono quindi parte integrante, ormai da alcuni anni, dell universo analizzato. Tale opportunità ha inoltre reso possibile un confronto omogeneo e coerente tra i flussi di entrata e di uscita, nel corso del biennio 2009/10, relativi sia alla Pubblica Amministrazione, sia al lavoro autonomo. Occorre brevemente illustrare, infine, la metodologia utilizzata per correggere le informazione sul tipo di contratto. 6 Ibidem nota 1. 7 Queste tre differenti tipologie contrattuali sono state considerate unitariamente come rapporti di lavoro autonomo. 6

7 L introduzione nel Siler 8, avvenuta nel 2008, della variabile [Codtipocontratto] ha permesso di individuare immediatamente la tipologia contrattuale per ogni singolo movimento. Tale innovazione non ha però evitato, in alcuni casi, sempre minori con il passare del tempo e limitati esclusivamente alle Cessazioni. un conflitto informativo con la variabile Codmonotempo, che indica se il rapporto di lavoro è a tempo determinato [D] o indeterminato [I]. Questa informazione, come tutte le altre presenti nel sistema, sono acquisite dall operatore al momento della validazione del movimento 9. Al fine di correggere questa incoerenza si è provveduto a ricodificare il Codtipocontratto presente nel movimento in base al rispettivo Codmonotempo. Il data warehouse così ottenuto, oltre ad essere esente da illogicità interne (derivanti dal mancato rispetto della coerenza logico temporale degli eventi), da duplicazioni e/o da errate chiusure di movimenti (dovute a difformità presenti nel SARe e/o da imprecisioni operative), è stato quindi trasformato in un data set processabile attraverso appositi strumenti statistici, essendo costituito esclusivamente da variabili che a loro volta contengono informazioni lineari e funzionali all analisi del mercato del lavoro provinciale. 8 Fino al settembre 2008 era presente nel sistema informativo una relazione predefinita tra due variabili, [Codtipoass] e [Codcontratto], che rendeva necessaria l adozione di un apposita procedura per rendere corrette le informazione sul contratto. 9 Il Decreto Ministeriale del 30 ottobre 2007 ha previsto che, a partire dal 1 marzo 2008, tutte le comunicazioni obbligatorie siano trasmesse on line, sia da parte dei datori di lavoro pubblici, sia da quelli privati. 7

8 L'indagine «Occupazione e disoccupazione» condotta dal Comune di Ferrara L'andamento del mercato del lavoro è un fenomeno di grande interesse nelle valutazioni della situazione socio-economica di un territorio. L'indagine Istat sulle forze di lavoro, condotta a cadenza trimestrale a partire dal 1959 e a carattere continuativo a partire dal 2004, costituisce la principale fonte statistica sul mercato del lavoro italiano. Poiché la numerosità campionaria determinata dall'istat per tale indagine, consentiva inizialmente di ottenere informazioni sul lavoro solo a livello regionale, la Regione Emilia Romagna ha finanziato fino al 1990 un allargamento del campione Istat, al fine di ottenere stime attendibili disaggregate a livello provinciale; secondo questo disegno campionario, nel Comune di Ferrara venivano intervistate complessivamente 772 famiglie per ogni rilevazione. Considerato che non vi era comunque un ritorno informativo sulla situazione occupazionale a livello comunale, né da parte dell'istat, né da parte della Regione Emilia Romagna, il Comune di Ferrara, valutando che tale numerosità campionaria produceva stime attendibili a livello locale per i principali aggregati (errore massimo di stima del 2,5% al 95% di probabilità), fin dal 1985 ha provveduto ad elaborare autonomamente le informazioni contenute nei questionari compilati relativamente alle famiglie intervistate sul proprio territorio, in occasione delle indagini trimestrali sulle forze di lavoro. Dall'anno 1991 la Regione Emilia Romagna non ha più finanziato l'allargamento del campione Istat; per questo motivo la numerosità campionaria, scesa a sole 152 unità nel campione Istat, non consentiva più al Comune di Ferrara di eseguire elaborazioni autonome attendibili a livello locale. Considerata però l'importanza di mantenere la disponibilità di informazioni sul mercato del lavoro a livello comunale - che era assicurata dalla precedente dimensione del campione (772 interviste) - l'amministrazione Comunale ha provveduto, dal 1991 fino ad oggi, a finanziare una rilevazione parallela all'indagine sulle forze di lavoro dell'istat, denominata "Occupazione e disoccupazione". Il Comune di Ferrara disponeva fino al 2003 delle 152 interviste effettuate trimestralmente per conto dell'istat, dato che la rilevazione veniva effettuata da rilevatori incaricati dal Comune: per questo motivo, al fine di raggiungere la numerosità campionaria prefissata come obiettivo (772 interviste), le famiglie rilevate trimestralmente con onere a carico dell'amministrazione comunale ammontavano fino a quella data a 620. Dal 2004 l'indagine Istat sulle forze di lavoro è diventata continuativa e viene gestita direttamente dall'istat tramite una propria rete di rilevazione: ciò ha però comportato l'impossibilità per il Comune di Ferrara di fruire di tali informazioni, rendendo necessario per quest'ultimo finanziare la totalità del campione e, precisamente, 772 interviste. Come per l'indagine Istat, l'universo di riferimento della rilevazione comunale "Occupazione e disoccupazione", è costituito da tutti i componenti delle famiglie residenti (con l'esclusione dei membri permanenti delle convivenze) e l'unità di rilevazione è la famiglia "di fatto". Entrambe le indagini fino al 2003, sono state condotte trimestralmente nei mesi di gennaio, aprile, luglio ed ottobre; dal 2004 l'indagine Istat sulle forze di lavoro è diventata continuativa, mentre la rilevazione "Occupazione e disoccupazione" effettuata autonomamente dal Comune di Ferrara ha conservato fino al 2005 la stessa periodicità trimestrale e la stessa numerosità campionaria. L'estrazione del campione delle famiglie da intervistare nel Comune, è sempre stata effettuata con la metodologia adottata dall'istat e precisamente con cadenza annuale in coincidenza con l'indagine di aprile; il numero delle famiglie estratte era tale da garantire la formazione del campione per l'intero ciclo di interviste annuali, ed era comprensivo di un elenco di famiglie "di riserva" per le eventuali sostituzioni. Tale estrazione avveniva in modo casuale dall'anagrafe: stabilita la numerosità campionaria e determinato il passo di estrazione, dall'anagrafe ordinata per ripartizione territoriale (come primo livello gerarchico di ordinamento) e per ordine alfabetico di via (al secondo livello), si procedeva all'estrazione di due distinti elenchi: quello delle famiglie "di base" e quello delle famiglie "sostitutive". Il campione rispettava uno schema di rotazione caratterizzato da una struttura longitudinale del tipo 2-2-2: ogni famiglia veniva intervistata per due indagini successive, usciva 8

9 temporaneamente dal campione per due rilevazioni ed infine rientrava nel campione per le ultime due indagini, prima di abbandonarlo definitivamente. Nel questionario dell'indagine comunale "Occupazione e disoccupazione" sono presenti i quesiti fondamentali del modello Istat "Forze di lavoro": ciò consente di stimare i principali aggregati secondo le medesime definizioni adottate dall'istat (operando la tripartizione della popolazione in occupati, persone in cerca di occupazione e non forze di lavoro, analizzando lo stock degli occupati per settore di attività economica, per genere e classi di età, ecc.). Tale questionario, come quello Istat, è stato oggetto di varie modifiche nel corso degli anni in concomitanza con le trasformazioni metodologiche imposte al paradigma di riferimento Istat dalle nuove esigenze conoscitive e dalla necessità di rendere maggiormente comparabili le statistiche internazionali sul mercato del lavoro. Rammentiamo gli aggiornamenti più significativi: - nel 1986 è stata adottata una definizione più restrittiva per le persone in cerca di occupazione, escludendo da tale aggregato chi dichiara di non aver ancora iniziato la ricerca di lavoro; - nell'ottobre 1992 vengono introdotte una serie di modifiche rilevanti: nuove definizioni per la popolazione in età lavorativa (con l'esclusione da questo aggregato dei quattordicenni) e per le persone in cerca di lavoro (con l'eliminazione dall'aggregato di coloro che non hanno effettuato concrete azioni di lavoro nei 30 giorni che precedono l'intervista); - nel gennaio 2003 l'istat inizia la sperimentazione della nuova rilevazione continua sulle forze di lavoro, che viene condotta in parallelo, fino a gennaio 2004, alla tradizionale indagine trimestrale. - nel 2004 la nuova indagine continua sostituisce definitivamente quella trimestrale e vengono introdotte nuove condizioni relativamente alla classificazione delle persone in possesso di lavoro ma assenti dal lavoro e precisamente: se l'intervistato è un lavoratore dipendente che non ha effettuato ore di lavoro nella settimana di riferimento, è considerato "occupato" solo se dichiara di riprendere il lavoro dopo l'assenza, che la durata dell'astensione dal lavoro non supera i 3 mesi o, qualora tale durata superasse i 3 mesi, che la sua retribuzione in tale periodo è almeno pari al 50% di quella antecedente il periodo di assenza; per il lavoratore autonomo è sufficiente che l'attività venga mantenuta. Le modifiche antecedenti il 2003 non hanno comportato - a parte quello della confrontabilità dei dati - particolari problemi relativamente all'adeguamento dell'indagine comunale "Occupazione e disoccupazione" alle nuove definizioni, mentre un discorso a parte va fatto con l'introduzione della nuova indagine continua, che rappresenta il più radicale rinnovamento nella storia della rilevazione campionaria sulle forze di lavoro. A tale rivoluzione metodologica, il Comune di Ferrara ha cercato quanto più possibile di uniformarsi; nel 2004 sono state inizialmente avviate 2 indagini parallele: la prima a carattere trimestrale con la vecchia metodologia e il vecchio questionario, la seconda a carattere mensile con un questionario modificato secondo le nuove definizioni e criteri classificativi della nuova indagine Istat e con interviste effettuate con metodo Cati. Quest'ultima indagine non ha fornito risultati soddisfacenti, a causa dell'elevata percentuale di sostituzioni a cui i rilevatori erano costretti a ricorrere; dopo 6 mesi di sperimentazione tale indagine è stata abbandonata e l'indagine 2004 è stata portata a termine utilizzando solo la collaudata metodologia della rilevazione trimestrale. Valutata la sperimentazione effettuata nell'anno precedente, per l'edizione 2005 dell'indagine "Occupazione e disoccupazione" comunale è stata adottata la seguente metodologia: - rilevazione a cadenza trimestrale, come negli anni precedenti; - campionamento a rotazione, come negli anni precedenti, con la stessa numerosità; - questionario modificato secondo le nuove definizioni e i nuovi criteri di classificazione della nuova indagine continua ISTAT; 9

10 - interviste effettuate a domicilio con modello cartaceo al primo contatto con la famiglia e successive interviste telefoniche. I dati campionari vengono riportati all'universo utilizzando coefficienti di ponderazione per genere e per le seguenti classi di età: 0-14, 15-29, 30-64, 65 e oltre (in tutto 8 celle di classificazione). Questi coefficienti vengono calcolati rapportando la popolazione residente (depurata dai membri permanenti delle convivenze), misurata nello stesso mese della rilevazione, alla numerosità campionaria relativa ad ognuna delle 8 specifiche celle di classificazione, in modo da consentire il calcolo di aggregati coerenti con la consistenza complessiva della popolazione per genere e nelle classi di età sopra considerate. L'indagine così strutturata è conforme a quella continua ISTAT per quanto riguarda il questionario utilizzato e le definizioni adottate, mentre si discosta per la periodicità e la tecnica di intervista, nonché per la metodologia di elaborazione delle stime che, in campo nazionale, prevede criteri e metodi di ponderazione più complessi e maggiormente condizionati dalla minore disponibilità di dati demografici aggiornati e dettagliati. Dall'anno 2006, per contenere maggiormente i costi di rilevazione, ulteriori modifiche sono state apportate all'indagine "Occupazione e disoccupazione": invece delle quattro rilevazioni effettuate negli anni precedenti, con campionamento a rotazione, ne vengono realizzate due con distinti campioni casuali. Le famiglie sono intervistate telefonicamente ove vi sia la disponibilità della famiglia stessa (circa il 40%), oppure a domicilio in caso contrario. Per ogni indagine vengono intervistate 800 famiglie. Il questionario e la metodologia di stima restano invariati rispetto all'anno Indagine Istat sulle forze di lavoro La principale fonte di informazione sul mercato del lavoro, uniformata a livello europeo e comparabile, in termini di definizioni e classificazioni, non solo a livello nazionale ma anche a livello internazionale, è la Rilevazione Continua delle Forze di Lavoro (RCFL) realizzata dall Istat. Questa rilevazione, fra le principali condotte dall Istituto Nazionale di Statistica (Istat) viene condotta a cadenza mensile (da cui il nome continua ); le cadenze di rilascio dei dati sono: - a livello nazionale: mensile (per le principali grandezze), trimestrale e annuale; - a livello regionale: trimestrale e annuale; - a livello provinciale: annuale. Il dettaglio delle informazioni è progressivamente decrescente passando dal livello nazionale a quello provinciale. Trattandosi di un indagine campionaria i risultati presentano un errore statistico sistematico, tanto maggiore quanto minore è il sotto-universo di popolazione cui si riferiscono. Tale errore, tra un periodo e l altro può essere anche superiore (in negativo o in positivo) alla variazione che ciascuna grandezza può presentare; la lettura e l interpretazione dei dati, devono quindi essere svolte molto prudenzialmente, soprattutto quanto più si scende nel dettaglio. Il periodo cui si fa riferimento inizia con l anno 2004, quando, anche su indicazioni Eurostat a valere per tutti i paesi dell Unione Europea, è stata avviata una nuova serie della rilevazione; rispetto alla precedente (con cui non è più confrontabile) la nuova serie ha rivisto il riporto all universo (sulla base dei risultati censuari del 2001) e l indagine, come si è detto, è passata da trimestrale a mensile, con una rotazione e distribuzione delle famiglie da intervistare lungo le quattro settimane di ciascun mese 10. L indagine viene effettuata sulle famiglie residenti sul territorio, rilevandone la posizione di tutti i componenti rispetto al mercato del lavoro; essa quindi stima, ad esempio, gli occupati residenti di un dato territorio, indipendentemente dalla località in cui lavorano, che può essere un altra provincia o un altra regione. Il concetto di occupato è quindi diverso da quello di addetto presente nelle unità locali di un dato territorio, potendo anche risiedere 10 I dati relativi al 2010 sono stati resi pubblici il 22 aprile

11 al di fuori dello stesso. Della stessa indagine sono stati oggetto di elaborazione i micro-dati, vale a dire i dati elementari dei singoli questionari, per analizzare, in un successivo capitolo, alcune caratteristiche strutturali delle forze di lavoro provinciali. Per una corretta lettura dei i della Rilevazione delle Forze di Lavoro dell Istat occorre ricordare che: sono intervistati gli individui residenti sul territorio, su un campione di famiglie estratte con casualità statistica dalle anagrafi comunali; la rilevazione chiede direttamente all intervistato la propria situazione; il concetto di persona in cerca di impiego è determinata a posteriori incrociando diverse informazioni; gli occupati comprendono le persone di 15 anni e più che nella settimana di riferimento: - hanno svolto almeno un ora di lavoro in una qualsiasi attività che preveda un corrispettivo monetario o in natura; - hanno svolto almeno un ora di lavoro non retribuito nella ditta di un familiare nella quale collaborano abitualmente; - sono assenti dal lavoro (ad esempio, per ferie o malattia). I dipendenti assenti dal lavoro sono considerati occupati se l assenza non supera tre mesi, oppure se durante l assenza continuano a percepire almeno il 50% della retribuzione. Gli indipendenti assenti dal lavoro, ad eccezione dei coadiuvanti familiari, sono considerati occupati se, durante il periodo di assenza, mantengono l attività. I coadiuvanti familiari sono considerati occupati se l assenza non supera tre mesi; le persone in cerca di occupazione comprendono quelle tra 15 e 74 anni che non sono occupati e che: - hanno effettuato almeno un azione attiva di ricerca di lavoro nei trenta giorni che precedono l intervista e sono disponibili a lavorare (o ad avviare un attività autonoma) entro le due settimane successive all intervista; - oppure inizieranno un lavoro entro tre mesi dalla data dell intervista e sono disponibili a lavorare (o ad avviare un attività autonoma) entro le due settimane successive all intervista, qualora fosse possibile anticipare l inizio del lavoro; le forze di lavoro sono la somma degli occupati e delle persone in cerca di occupazione; gli inattivi comprendono le persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle non classificate come occupate od in cerca di occupazione; il tasso di attività è il rapporto tra le persone appartenenti alle forze di lavoro e la corrispondente popolazione di riferimento; il tasso di occupazione è il rapporto tra gli occupati e la corrispondente popolazione di riferimento; tassi di attività e tassi di occupazione nel complesso fanno riferimento alla classe d età anni; il tasso di disoccupazione è il rapporto tra le persone in cerca di occupazione e le corrispondenti forze di lavoro. 11 A motivo dell innalzamento dell età dell obbligo scolastico (legge 296/2006), intervenuto a partire dagli ultimi mesi del 2007, dal primo trimestre 2008 i dati sugli individui con 15 anni di età non contengono né occupati né disoccupati. Nei tassi di occupazione si continua a fare riferimento alla popolazione in età lavorativa di anni a causa del regolamento europeo e degli obiettivi per il 2010 fissati a Lisbona nell ambito della Strategia europea per l occupazione. Il numero di quindicenni occupati o in cerca di occupazione è tradizionalmente del tutto trascurabile. Il cambiamento normativo non comporta quindi alcuna interruzione delle serie storiche degli indicatori sulla popolazione anni. 11

12 Sistema Informativo Excelsior Il Sistema Informativo Excelsior, promosso e realizzato da Unioncamere in accordo con il Ministero del Lavoro e l'unione Europea, si colloca stabilmente a partire dal 1997 tra le maggiori fonti informative disponibili in Italia sui temi del mercato del lavoro e della formazione ed è inserito tra le indagini con obbligo di risposta previste dal Programma Statistico Nazionale. I dati raccolti su un campione di circa 100mila imprese italiane con dipendenti, aggiornati con cadenza annuale, mettono a disposizione degli utenti una serie di informazioni sulla domanda di lavoro delle imprese in Italia e sulle principali caratteristiche (età, livello di istruzione, esperienza, difficoltà di reperimento, necessità di ulteriore formazione ecc.) delle figure professionali richieste. Attraverso il Sistema Informativo Excelsior è possibile quantificare in modo puntuale il fabbisogno occupazionale e di professionalità per il breve e medio periodo distinto per ogni provincia italiana e disaggregato per classe dimensionale e per attività economica di impresa. L'ampiezza e la ricchezza dei dati raccolti direttamente presso le imprese costituisce in tal modo, un utile patrimonio informativo utile per coloro che devono orientare e facilitare l'incontro diretto tra l'offerta di lavoro e la domanda da parte delle imprese; per i decisori istituzionali in materia di politiche della formazione scolastica e professionale; nonché per gli operatori della formazione a tutti i livelli. Il campo di osservazione relativo alla dodicesima rilevazione di Excelsior è rimasto immutato rispetto alle precedenti edizioni dell'indagine ed é rappresentato dall'universo delle imprese private iscritte al Registro delle Imprese delle Camere di Commercio che alla data del avevano almeno un dipendente, con l'esclusione: - delle unità operative della pubblica amministrazione; - delle aziende pubbliche del settore sanitario (aziende ospedaliere, ASL, ecc.); - delle unità scolastiche dell'obbligo e delle medie superiori pubbliche; - delle unità universitarie pubbliche; - delle organizzazioni associative. Da tale insieme sono state escluse le imprese nel frattempo cessate e nel contempo sono state inserite le imprese nate dopo il , con particolare attenzione a quelle di grande dimensione o potenzialmente tali, suscettibili cioè di esprimere quote rilevanti di nuova occupazione. Per le imprese con almeno 100 dipendenti è stato, inoltre, aggiornato l'universo di riferimento con le informazioni più recenti ricavate da diverse fonti informative (bilanci depositati presso le Camere di commercio, articoli tratti dalla stampa, siti internet, ecc.). Pur non essendo tenute all'iscrizione nel Registro Imprese, sono state considerate ai fini dell'indagine anche le attività professionali per le quali esiste l'obbligo di iscrizione in Albi tenuti da Ordini o Collegi professionali. In genere si tratta di "studi professionali", considerati nell'universo di riferimento se viene rilevata la presenza di almeno un dipendente. Nel campo di osservazione del Progetto Excelsior rientrano, peraltro solo con significatività statistica a livello nazionale e regionale (pubblicate in uno specifico volume) anche le attività agricolo - zootecniche, che occupino almeno un dipendente. Analogamente alle scorse edizioni, le unità di rilevazione e analisi considerate sono l'impresa e l'unità locale provinciale; quest'ultima, in realtà una variabile convenzionale, è definita come l'insieme delle unità locali della stessa impresa operanti in una provincia. I relativi addetti corrispondono alla somma degli addetti operanti nella provincia. Per identificare le imprese che si potevano considerare attive e quelle che, avendo almeno un addetto dipendente, erano comprese nel campo di osservazione, nonché per completare ed eventualmente correggere le informazioni sulle variabili di stratificazione, si é proceduto al confronto puntuale tra le posizioni del Registro e quelle di altre fonti amministrative (INPS, 12

13 INAIL e Anagrafe Tributaria) i cui dati confluiscono nel REA, Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative, di fonte al Registro delle Imprese, e tenuto presso ciascuna Camera di Commercio. Le previsioni riferite alle entrate riguardano le assunzioni previste di lavoratori dipendenti compresi i contratti a termine ed i lavoratori stagionali, ma sono esclusi gli interinali, i collaboratori a progetto e gli stage, che le imprese intervistate hanno previsto in entrata nel corso del Le uscite corrispondono al numero di lavoratori dipendenti compresi i contratti a termine ed esclusi i lavoratori stagionali, gli interinali, i collaboratori a progetto e gli stage che le imprese intervistate hanno previsto lasceranno il proprio posto di lavoro all'interno dell'azienda nel corso del Tali previsioni sono state formulate dalle imprese nel periodo compreso fra febbraio e giugno I saldi occupazionali sono determinati dalla differenza algebrica tra le entrate e le uscite di personale dipendente previste per il Il Sistema informativo Excelsior non tiene conto, invece, dei flussi occupazionali relativi alle imprese che inizieranno o cesseranno la propria attività nel 2011, né dei passaggi di livello di inquadramento del personale già precedentemente occupato in azienda. I dati qui presentati si basano sull'ultima indagine che, nel territorio ferrarese, deriva da 798 interviste a imprese, suddivise tra 357 nell industria e nelle costruzioni e 441 nei servizi. Scuola media superiore In allegato sono presentate le statistiche relative agli iscritti e ai diplomati della scuola media superiore in provincia di Ferrara, suddivisi per indirizzo di studio, basati sui dati del Ministero della Pubblica Istruzione, fino all anno scolastico 2007/08, e sull Anagrafe Regionale Studenti dall anno scolastico 2008/09 che sono state successivamente elaborate dal Servizio Pubblica Istruzione della Provincia di Ferrara. Università Le statistiche presenti nell allegato statistico, relative agli immatricolati, iscritti complessivi e ai laureati dell'università degli Studi di Ferrara, suddivisi per facoltà, luogo di origine, cittadinanza, titolo di studio, sono basate su dati la cui fonte è l'università degli Studi di Ferrara. In due contributi del Rapporto, segnatamente il 2.8 e il 2.9, sono stati inoltre utilizzatati dati di fonte MIUR. 13

I contenuti informativi

I contenuti informativi I contenuti informativi La rilevazione sulle forze di lavoro riveste un ruolo di primo piano nella documentazione statistica sul mercato del lavoro. Oltre a misurare l occupazione e la disoccupazione,

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Provincia di Cremona 1 2015 Nel primo 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare quasi 210.000 nuovi contratti di

Dettagli

NOTA METODOLOGICA. Premessa

NOTA METODOLOGICA. Premessa NOTA METODOLOGICA Premessa Il Sistema Informativo Excelsior, promosso e realizzato da Unioncamere in accordo con il Ministero del Lavoro e l Unione Europea, si colloca stabilmente, a partire dal 1997,

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE Il questionario deve essere compilato con i dati relativi all intera impresa indicata nella Sezione

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Ecomia, Università Roma Tre La rilevazione delle ha come obiettivo la produzione delle stime ufficiali sugli occupati e sulle persone

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Provincia di Piacenza 1 2015 Nel primo 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare quasi 210.000 nuovi contratti di

Dettagli

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 Le previsioni occupazionali delle cooperative e delle imprese sociali nella Provincia di Bologna. Dati di consuntivo 2013 A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Presentazione e nota metodologica a cura del NETWORK SECO Presentazione Con l attivazione, dal marzo 2008, dell inoltro per

Dettagli

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA NUMERO 14 DATI 2009 E PRIMO TRIMESTRE 2010 Modena, 22 Giugno 2010 1 LA DOMANDA DI LAVORO: GLI ADDETTI ALLE UNITA LOCALI DELL INDUSTRIA E SERVIZI

Dettagli

Abbreviazioni utilizzate

Abbreviazioni utilizzate Abbreviazioni utilizzate cfl contratto di formazione e lavoro cig cassa integrazione guadagni cigo cassa integrazione guadagni ordinaria cigs cassa integrazione guadagni straordinaria co.co.co collaborazione

Dettagli

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT)

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) La Banca dati Conti Pubblici Territoriali (Ministero dell Economia e delle Finanze DPS) ricostruisce

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA - D.LGS. N. 148/2015 - RIORDINO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI - MESSAGGIO INPS N. 5919/2015

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA - D.LGS. N. 148/2015 - RIORDINO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI - MESSAGGIO INPS N. 5919/2015 LAVORO Circolare n. 48 del 29/09/2015: trasmessa per posta elettronica riportata sul sito www.ancebrescia.it riportata sul prossimo notiziario stampata e spedita per posta CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel corso del rapporto lavorativo può accadere che il datore di lavoro si trovi impossibilitato, soprattutto per oggettivi motivi economici e di mancanza di lavoro, a ricevere

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Campania 2 2015 Tra aprile e giugno 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare 282.000 nuovi contratti di lavoro,

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Cassa integrazione guadagni ordinaria. Enzo Mologni 01-10-2013

Cassa integrazione guadagni ordinaria. Enzo Mologni 01-10-2013 Cassa integrazione guadagni ordinaria Enzo Mologni 01-10-2013 CIG legge 164/1975 Il datore di lavoro può sospendere i lavoratori e ricorrere alla CIG per fronteggiare situazioni di crisi caratterizzate

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI Coltivatori diretti e Iap (Imprenditori agricoli professionali) pagano i contributi previdenziali in base alla fascia di reddito agrario in cui è inquadrata l

Dettagli

Modello di Comunicazione (MOD8530r01) Istruzioni per la compilazione

Modello di Comunicazione (MOD8530r01) Istruzioni per la compilazione Modello di Comunicazione (MOD8530r01) Istruzioni per la compilazione La comunicazione va trasmessa entro 5 giorni al Centro per l Impiego nel cui ambito territoriale è ubicata la sede di lavoro; le agenzie

Dettagli

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Errata Corrige : All articolo 6, punto 3 è stato aggiunto il riferimento al trattamento di mobilità

Dettagli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli I trimestre 2001 IV trimestre 2004 27 aprile 2005 Ufficio della comunicazione tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro

Dettagli

IL CAPO DELLA DIREZIONE V DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO

IL CAPO DELLA DIREZIONE V DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 29 marzo 2011 (GU n. 73 del 30-3-2011 ) Rilevazione dei tassi effettivi globali medi per il periodo: 1 ottobre-31 dicembre 2010. Applicazione dal 1 aprile

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Ufficio Legislativo Entrate Organizzazione Sistemi Informativi e Tecnologici Bilanci e Servizi fiscali Roma, 24 Marzo 2009 Circolare n. 44 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DEL TESORO

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DEL TESORO MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DEL TESORO DECRETO 19 settembre 2003 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. Periodo ottobre/dicembre 2003. Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V

DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in materia di usura e, in particolare, l articolo 2, comma 1, in base al quale il Ministro del Tesoro, sentiti

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE. DECRETO 24 giugno 2009

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE. DECRETO 24 giugno 2009 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 24 giugno 2009 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. Periodo rilevazione: 1 gennaio-31 marzo 2009. Applicazione dal 1 luglio fino al 30 settembre

Dettagli

L assicurazione contro gli infortuni in Italia

L assicurazione contro gli infortuni in Italia INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI L assicurazione contro gli infortuni in Italia L obbligo dell assicurazione contro gli infortuni sul lavoro nasce con la legge 80/1898 come forma di tutela per i rischi

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 27 10.02.2014 Contributi: gli effetti per il 2014 Riepilogate le disposizioni aventi riflesso sulla contribuzione dovuta dai

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Limiti retributivi per il calcolo Inail per l anno 2012

Il punto di pratica professionale. Limiti retributivi per il calcolo Inail per l anno 2012 Il punto di pratica professionale Limiti retributivi per il calcolo Inail per l anno 2012 a cura di Monica Livella Funzionario Inail * Il premio Inail viene calcolato dal datore di lavoro facendo riferimento

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze

Ministero dell'economia e delle Finanze Ministero dell'economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DEL TESORO DIREZIONE V Vista la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in materia di usura e, in particolare, l articolo 2, comma 1, in base

Dettagli

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA. Nota metodologica

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA. Nota metodologica RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA Nota metodologica La legge 7 marzo 1996, n. 108, volta a contrastare il fenomeno dell usura, prevede che siano resi

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua)

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NON BANCARI,

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO L indagine sugli esiti occupazionali dei corsi di formazione ha preso in considerazione i corsi Nof del biennio 2002/2003 e i post-diploma del 2003, analizzando

Dettagli

Nota 2 marzo 2012, n. 1599. Elenchi trimestrali facchini - Ulteriori indicazioni operative.

Nota 2 marzo 2012, n. 1599. Elenchi trimestrali facchini - Ulteriori indicazioni operative. Nota 2 marzo 2012, n. 1599 Elenchi trimestrali facchini - Ulteriori indicazioni operative. Si fa seguito alla nota del 30 gennaio 2012 protocollo 655, riguardante il rilascio del nuovo servizio telematico

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre L Indagine sui bilanci delle famiglie italiane è un indagine campionaria condotta (ogni due anni)

Dettagli

2 InformaImpresa Venerdì 25 gennaio 2013 SOMMARIO

2 InformaImpresa Venerdì 25 gennaio 2013 SOMMARIO 2 InformaImpresa Venerdì 25 gennaio 2013 SOMMARIO 1 - Appuntamento entro il 18 febbraio e il 18 marzo 2013 (perché il 16 cade di sabato) 2 - Riduzione Premi Speciali Unitari per il settore dell Autotrasporto

Dettagli

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione di assegni per il nucleo familiare al personale dipendente

Dettagli

Leggere le migrazioni: analisi delle fonti statistiche

Leggere le migrazioni: analisi delle fonti statistiche Leggere le migrazioni: analisi delle fonti statistiche Deborah Erminio Synesis Ricerca sociale, monitoraggio e valutazione E-mail: synesis@fastwebnet.it I migranti: chi dovremmo contare? Come conteggiamo

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

Ivrea, 15 aprile 2014

Ivrea, 15 aprile 2014 Ivrea, 15 aprile 2014 Il Decreto Legge 34/2014 ha apportato alcune importanti modifiche alla legge 368/2001: Eliminazione della causalità. Introduzione del tetto massimo all utilizzo del contratto a termine.

Dettagli

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte.

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte. Nota informativa Negri-Clementi Studio Legale Associato Milano, 20 settembre 2013 LE NOVITÀ INTRODOTTE DAL DECRETO LAVORO Il D.L. 28 giugno 2013 n. 76 (c.d. Decreto lavoro ) recante Primi interventi urgenti

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

INAIL Direzione Regionale Lombardia. Le prestazioni INAIL

INAIL Direzione Regionale Lombardia. Le prestazioni INAIL INAIL Direzione Regionale Lombardia Le prestazioni INAIL 1 LE PRESTAZIONI ASSICURATIVE A FRONTE DEL PAGAMENTO DEL PREMIO ASSICURATIVO QUANDO SI VERIFICA UN EVENTO INDENNIZZABILE L INAIL EROGA DUE TIPI

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

Generalmente le colf possono instaurare con il proprio datore di lavoro tre tipi di contratto a seconda dell impegno richiesto.

Generalmente le colf possono instaurare con il proprio datore di lavoro tre tipi di contratto a seconda dell impegno richiesto. Le categorie dei lavoratori domestici includono non solo le tradizionali "colf", ma tutti quei lavoratori che "prestano a qualsiasi titolo la loro opera per il funzionamento della vita familiare". Pertanto

Dettagli

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008

PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 PIP - ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2008 Definizioni - PIP: piani individuali pensionistici di tipo assicurativo attuati mediante contratti di assicurazione sulla vita;

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

Decreta: Roma, 22 settembre 2015

Decreta: Roma, 22 settembre 2015 nale, nonché al capitolo 2216 (unità di voto parlamentare 26.1) dello stato di previsione per l anno finanziario 2017 per l importo pari alla somma delle differenze positive fra l ammontare nominale e

Dettagli

80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it

80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Centro Studi Cafasso 80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 1/2006 Napoli, 7 aprile 2006 A tutte le Aziende assistite Loro

Dettagli

5. IL MERCATO DEL LAVORO

5. IL MERCATO DEL LAVORO 5. IL MERCATO DEL LAVORO 5.1 LA STRUTTURA DELL OFFERTA Le forze di lavoro per titolo di studio nel 2007 I dati delle forze di lavoro (15-64 anni) disaggregati per titolo di studio mostrano come il livello

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

Sezione 1 Le assunzioni previste nel 2006: dati sintetici

Sezione 1 Le assunzioni previste nel 2006: dati sintetici Sezione 1 Le assunzioni previste nel 2006: dati sintetici Tavola 1 - Imprese che prevedono assunzioni nel 2006, imprese che non prevedono assunzioni e motivi di non assunzione: quote percentuali e confronti

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

SCADENZE NOVEMBRE 2014

SCADENZE NOVEMBRE 2014 SCADENZE NOVEMBRE 2014 LUNEDì 17 NOVEMBRE RAVVEDIMENTO OPEROSO BREVE Scade il termine per regolarizzare gli adempimenti (omessi, tardivi o insufficienti versamenti di imposte o ritenute) non effettuati

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

IL CAPO DELLA DIREZIONE V

IL CAPO DELLA DIREZIONE V DECRETO 20 Dicembre 2007: Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. Periodo rilevazione: 1 luglio - 30 settembre 2007. Applicazione dal 1 gennaio fino al 31 marzo 2008 (legge 7 marzo 1996, n. 108).

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 15 Gennaio 2007 Circolare n. 14 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2

Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2 Indagine sulle imprese industriali e dei servizi BIRD Bank of Italy Remote access to micro Data Disegno campionario e metodi utilizzati Versione 3.2 novembre 2014 Indice Indice... 2 Disegno campionario

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI BREVI CENNI NORMATIVI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI BREVI CENNI NORMATIVI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI BREVI CENNI NORMATIVI LA CIGO È una prestazione economica erogata dall'inps con la funzione di integrare o sostituire la retribuzione dei lavoratori che vengono a trovarsi

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA MOBILITÀ COLLETTIVA E' un ammortizzatore sociale per l'accompagnamento dei lavoratori licenziati per: riduzione di attività o lavoro trasformazione di attività cessazione

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 30 luglio 2008 Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla sua dodicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 17 Febbraio 2009 Circolare n. 20 Allegati 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Il pagamento della malattia da parte del datore di lavoro: schema di riepilogo

Il punto di pratica professionale. Il pagamento della malattia da parte del datore di lavoro: schema di riepilogo Il punto di pratica professionale Il pagamento della malattia da parte del datore di lavoro: schema di riepilogo a cura di Elena Martina Funzionario Inps in Torino L indennizzo della malattia, conseguente

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE Modelli e regole 1 Indice 1 Note generali...4 1.1 Il servizio informatico delle comunicazioni obbligatorie...4 1.2 Obbligo di

Dettagli

Corso su : Jobs Act. Ovvero le Riforme del Lavoro

Corso su : Jobs Act. Ovvero le Riforme del Lavoro Corso su : Jobs Act Ovvero le Riforme del Lavoro 1 Introduzione al Corso Jobs Act 2 Presentazione del Corso Il termine Jobs Act e' stato preso in prestito da una proposta di legge del 2011 formulata dal

Dettagli

QUANTO MI COSTA LA COLF

QUANTO MI COSTA LA COLF Quanto mi costa la colf? NEWS QUANTO MI COSTA LA COLF Chi decide di assumere una colf (o una badante) deve sostenere una serie di costi, che vanno dal corrispettivo della prestazione (con eventuali indennità

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli

I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE

I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE 17 giugno 2015 I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE A partire dalla data odierna l Istat arricchisce gli indicatori del lavoro nelle imprese con la diffusione degli indici, generale e settoriali,

Dettagli

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ART. 1 - LE PRESTAZIONI In base a quanto previsto dall art. 30 e dagli allegati 3 e 4 del CPL operai agricoli e florovivaisti della provincia

Dettagli

Le previsioni occupazionali nella Provincia di Bologna

Le previsioni occupazionali nella Provincia di Bologna PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2009 Le previsioni occupazionali nella Provincia di Bologna A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093445 Fax 051/6093467

Dettagli

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA PROTOCOLLO 23 LUGLIO 2007 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE PRESENTAZIONE Il protocollo concordato tra Governo e Parti Sociali il 23 luglio 2007 è stato approvato con alcune modifiche

Dettagli

Ne consegue che gli elementi che integrano lo stato di disoccupazione sono:

Ne consegue che gli elementi che integrano lo stato di disoccupazione sono: L art.1, comma 2, lett. C del Decreto legislativo come modificato ed integrato dal Decreto legislativo 297/2002 definisce lo stato disoccupazione come la condizione del soggetto privo,che sia immediatamente

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

FONDI PENSIONE APERTI. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2014

FONDI PENSIONE APERTI. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2014 FONDI PENSIONE APERTI. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO INTEGRATIVO PER L ANNO 2014 Rispetto all anno precedente, il modulo integrativo per l anno 2014 è stato integrato con una tavola di raccordo

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI Sono quei lavoratori che prestano la loro attività esclusivamente per le necessità familiari del datore di lavoro e del suo nucleo familiare. Rientrano in questa categoria:

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 74 15.04.2013 Voucher: i chiarimenti dell INPS Per instaurare un rapporto occasionale accessorio è necessario effettuare la

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

DECRETO 20 dicembre 2002 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. (Periodo gennaio-marzo 2003). IL CAPO DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO - DIREZIONE V

DECRETO 20 dicembre 2002 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. (Periodo gennaio-marzo 2003). IL CAPO DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO - DIREZIONE V DECRETO 20 dicembre 2002 Rilevazione dei tassi effettivi globali medi. (Periodo gennaio-marzo 2003). IL CAPO DEL DIPARTIMENTO DEL TESORO - DIREZIONE V VISTA la legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni

Dettagli

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori:

Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Gli ammortizzatori sociali in pillole Quali sono le misure a sostegno del reddito dei lavoratori: Assegno per il nucleo familiare A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze USR Emilia Romagna)

Dettagli

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Enrico Giovannini presso la Commissione Programmazione

Dettagli