RESTITUZIONE del PERCORSO di COMMUNITY LAB QUALI FACCE HA LA PRECARIETÀ?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESTITUZIONE del PERCORSO di COMMUNITY LAB QUALI FACCE HA LA PRECARIETÀ?"

Transcript

1 Comune di Ferrara Community Lab RESTITUZIONE del PERCORSO di COMMUNITY LAB QUALI FACCE HA LA PRECARIETÀ? Materiale rielaborato dal gruppo di lavoro sulla base di: - interviste realizzate a Ferrara nel corso del laboratori di idee del 22 maggio e 30 settembre laboratorio FUTURE LAB del 15 NOVEMBRE 2014 Guida alla lettura Pagina 2 : Premessa, con considerazioni di carattere sociale sulla precarietà e le tipologie di persone che hanno partecipato alle discussioni sul tema Pagina 3 : Descrizione del percorso concreto ipotizzato Pagina 6 : Sintesi delle principali proposte attuabili emerse nel Future Lab (15 novembre) Pagina 8 : Schede/Verbali originali elaborate dai facilitatori di ogni gruppo Pagina 21 : Storia di un percorso partecipato Pagina 23: Brevi pezzi dalle interviste effettuate durante il percorso Video Documentario del percorso: Pagina facebook (con foto, video, informazioni): https://www.facebook.com/futurelabferrara 1

2 IPOTESI PROGETTUALE SUGLI ESITI DEL FUTURE LAB QUALI FACCE HA LA PRECARIETA? 1. PREMESSA Il percorso 1 Quali facce ha la precarietà, attraverso le interviste realizzate, i laboratori aperti alla cittadinanza ed il Future Lab il laboratorio del futuro che si è svolto 15 novembre 2014 ci ha restituito un nuova dimensione di vulnerabilità dei giovani 2. L immobilità di moltissimi giovani laureati, laureandi, professionisti con famiglia, che trovano difficoltà nell inserimento in una comunità in crisi, deve essere affrontata nella multidimensionalità dei diversi determinanti sociali e negli effetti sullo stato di salute e sul benessere sociale, andando oltre una visione tradizionale e univoca delle Istituzioni. Il lavoro sta cambiando completamente forma. Molti studiosi affermano che la condizione lavorativa dei giovani atipici di oggi ci chiama a ripensare completamente la questione: il lavoro informale e la multi-occupazione non sarebbero condizioni anomale e transitorie verso un lavoro stabile, ma elementi costitutivi di una nuova condizione di cittadinanza. La novità principale starebbe nel fatto che ciascuno non solo dovrà cambiare molti lavori ma anche e soprattutto inventarsi il lavoro successivo: è la così detta condizione di self-employment, nella quale il lavoro non preesiste al lavoratore, ma lui stesso deve indurne la richiesta (deve convincere gli altri della utilità della sua funzione). Parallelamente, il sistema formativo non sarebbe più agganciato ai veloci cambiamenti del mercato, e ciascuno deve inventarsi costantemente forme di rispecializzazione (Rifkin,1995; Beck, 2000; Revelli, 2001). Tanto il self-employement che la formazione permanente, infine, comporterebbero lunghi periodi lavorativi non retribuiti; per esemplificare, il tempo dell auto-promozione e del bricolage formativo (composizione di diversi frammenti di specializzazione, riaggiornamento, ecc.) aumenterebbero incessantemente, e il tempo lavorativo non sarebbe più necessariamente tempo retribuito. 3 Nel percorso Future Lab molti raccontavano dell angoscia legata alla precarietà lavorativa. Essi si soffermavano non tanto sulla dimensione economica il non sapere sino a quando si verrà pagati, i lunghi intervalli di lavoro impegnativo e non retribuito, la negazione dell'accesso ai mutui, ecc. quanto sull impossibilità di condividere con altri precari la propria storia: ciascuno di loro si connotava per percorsi unici, solitari e frammentari. Anche chi si era laureato nello stesso ambito disciplinare, si era poi addentrato in vie di specializzazione differenti (master, perfezionamenti, viaggi ecc.). Alla fine, nessuno condivideva il proprio profilo professionale con altri. Nessuno sapeva né poteva fare della propria esperienza individuale un esperienza collettiva: i giovani sono e si sentono portatori di esperienze differenziate, composte e ricomposte continuamente e individualmente e, proprio a causa della loro continua ricomposizione, non riescono a cumularsi, cioè a darsi come esperienze comuni e condivise tra molti. Inoltre, considerando i molti immigrati presenti alcuni dei quali di seconda generazione è 1 Nascita di un percorso partecipato. Cfr. allegato pagina Per giovani si vuole intendere l'ampia fascia d'età che va dai 22 ai 40 anni. Essa include persone che stanno intraprendendo/concludendo gli studi, ma anche i nuovi vulnerabili, i cosiddetti precari cognitivi, cioè professionisti con una buona formazione intellettuale, sempre più numerosi, ma sempre meno richiesti nel mercato del lavoro; tra questi vi sono persone che hanno già formato una famiglia e hanno figli a carico. 3 Vincenza Pellegrino, I giovani e la vita democratica: come e perché cambiano le forme della partecipazione nell Europa contemporanea, La Costituzione, Vincenza Pellegrino Professoressa di Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'università di Parma, formatrice del Community Lab, percorso di formazione dell'agenzia Sanitaria e Sociale della Regione Emilia Romagna sulla programmazione locale partecipata nell'ambito dei Piano per la Salute e benessere sociale ha seguito l'intero percorso del Comunity Lab nel Comune di Ferrara, fino al Future Lab del 15 novembre

3 emersa una minore distanza tra un giovane immigrato e un giovane autoctono rispetto a quella esistente tra loro e i propri genitori: la dimensione globale dei loro spazi comunicativi e il continuo riferimento a tali spazi fanno di loro le prime generazioni che si auto-posizionano potenzialmente ovunque nel mondo. E, se ci si può immaginare potenzialmente ovunque là-fuori, questo cambia profondamente il modo in cui ci si colloca qui-dentro: la risposta ai propri desideri non sta tanto nelle interazioni quotidiane e nei luoghi in cui si cammina realmente, ma soprattutto in quegli spazi più vasti e appetibili che si potrebbe raggiungere. Non si deve più semplicemente alludere alla redistribuzione tra chi lavora e chi no, operando così una differenziazione implicita tra potenziali donatori di aiuto e potenziali ricettori di aiuto all interno di uno schema unidirezionale di dono (come spesso si fa per invitare i giovani al volontariato). Lo scambio tra giovani e volontariato oggi, così come tra giovani e istituzioni, potrà avvenire solo se gli adulti muoveranno gradualmente verso un diverso paradigma dell invito, esplicitando appunto il loro invito come frutto della doppia mancanza, dichiarando ai giovani la loro stessa fragilità e insicurezza nei confronti di un mondo nuovo che essi conoscono ancora meno. Dovrebbe essere l'invito ad uno scambio tra fragili, intesi nel senso di spaesati davanti al mondo-fattosi-troppo-grande, che colloca nella condizione del dare-e-ricevere contemporaneamente la compatibilità tra vita adulta (visione e condizione moderna) e vita giovane (visione e condizione postmoderna) 4. Fase 1. Breve periodo (6-12 mesi) 2. IDEE PER INTRAPRENDERE UN NUOVO PERCORSO Creare una Rete delle Rosorse della Comunità ovvero una mappa dei talenti del proprio territorio. L'obbiettivo è una piattaforma digitale e fisica in cui si possa realizzare l'incontro tra la domanda e l'offerta di IDEE ( vorrei capire come / io penso che ) e di ABILITA' ( ho bisogno di qualcuno che / io so fare ). 5 Per farlo occorre: 1. Mappare i bisogni del territorio: quali capacità vengono richieste; quali settori hanno più bisogno di innovare i propri sistemi di reclutamento della forza lavoro; quali competenze e abilità sono radicate nel territorio, ma rischiano tuttavia di scomparire; quali sfide (bisogni di aziende, problemi da risolvere, ecc.) possono essere l origine di nuovi posti di lavoro; 2. Identificare i bacini ideativi del territorio: Università, scuole superiori, centri di formazione, collettori di impresa (SIPRO,...); 3. Informare i giovani nelle scuole e nelle Università rispetto alle domande del territorio; formare i giovani rispetto ad una maggiore consapevolezza di sé, delle proprie abilità e della propria capacità di risposta alle domande del territorio; 6 4. Realizzare una piattaforma che renda attiva e costante la comunicazione tra territorio e persone (collettore-connettitore). La Rete delle Risorse sarebbe un collettore tra opportunità di vita, lavoro e profili personali. Funzionando come una banca-dati, raccoglierebbe le informazioni sulle opportunità di vita e lavoro e i profili personalizzati delle risorse professionali e delle esperienze presenti nel territorio. 4 Ibidem. 5 Questa piattaforma non si sostituisce ai centri per l impiego (incontro domanda e offerta di POSTI DI LAVORO), ma mette in rete i BISOGNI (la domanda delle aziende) e le IDEE (le proposte di giovani, professionisti, artigiani, ecc.). 6 Vedi il tema "orientamento giovanile alla definizione di un proprio profilo/set di competenze, p

4 Tale connettore, oltre a collegare le persone in cerca di opportunità (lavorative, formative) con le imprese (privato e privato sociale), gradualmente potrebbe diventare anche uno strumento per le persone che lo utilizzano per collaborare e connettersi tra loro, in un'ottica simile al funzionamento delle banche del tempo. La rete, dunque, favorirebbe non solo il rapporto azienda-persona, ma anche quello persona-persona. Altro possibile step è il collegamento tra persone che offrono competenze e le P.A., dove lo scambio non sarebbe il denaro, ma i servizi (sociali, culturali, ecc.). Ad esempio, un asilo o un reparto ospedaliero che avessero bisogno di ridipingere le pareti, prima di fare una gara d'appalto o un acquisto, potrebbero verificare la disponibilità di risorse presenti nella rete. Il connettore è, dunque, un luogo dove condividere buone prassi, esperienze, consigli, un laboratorio in cui si gioca e sperimenta il saper-fare. Infine, la Rete delle risorse della comunità dovrebbe collegarsi a tutti quei progetti e servizi che operano sullo stesso tema (altre banche-dati, banche del tempo, ecc.). Fase 2. Medio-lungo periodo (12-24 mesi): Messa a sistema; I soggetti del territorio; Programmazione, pianificazione e co -progettazione partecipata In questa fase la Rete delle Rosorse della Comunità in forma di portale web nella prima fase sperimenta anche le funzioni di banca del tempo accennate sopra. a) Le finalità del progetto sono molteplici: - accorciare la distanza tra i giovani e il mondo del lavoro; - accorciare la distanza tra i giovani e le altre generazioni; 7 - accorciare le distanze tra i giovani e la pubblica amministrazione. b) Le azioni da intraprendere sono: - Avviare nel territorio ferrarese la costruzione di reti di soggetti attivi che possano fare squadra sul tema lavoro-giovani, in particolare tra i luoghi della formazione, i luoghi del lavoro e dell innovazione, della cultura, le pubbliche amministrazioni, i luoghi della salute. - Avvicinare gli interlocutori della fascia anni (giovani Neet 8 e neo/laureati) alle imprese del territorio, alle start-up innovative, alle P.A., ecc., stimolandoli a riflettere sulle proprie attitudini e a proporre modelli e progetti innovativi all interno delle aziende stesse, creando così valore aggiunto sia per se stessi che per il territorio. c) Chi? Per individuare i soggetti protagonisti, il progetto intende coinvolgere necessariamente: - le istituzioni, i servizi, i luoghi e gli altri progetti che già lavorano su questa tematica (i diversi Assessorati del Comune e i progetti specifici: da Neet di Area Giovani-Informagiovani alla Città del Ragazzo, ma anche il progetto del Centro Studi Università con l Emporio solidale, ecc ); - i luoghi della formazione (scuole superiori, centri per la formazione, Università); - i luoghi del lavoro e dell innovazione (aziende locali, cooperative sociali, start-up e nuova imprenditorialità); - i luoghi dell informazione e dell avviamento al lavoro (Informagiovani, Centri per l impiego, Job 7 Vedi il tema alleanza tra le diverse generazioni nella tabella del gruppo 1, p NEET è l'acronimo inglese di "Not (engaged) in Education, Employment or Training", in italiano anche néné, utilizzato in economia e in sociologia del lavoro per indicare individui che non sono impegnati nel ricevere un'istruzione o una formazione, non hanno un impiego né lo cercano, e non sono impegnati in altre attività assimilabili, quali ad esempio tirocini o lavori domestici. 4

5 Centre). d) Come? Attraverso la creazione di un modello partecipato di co-progettazione tra istituzioni, enti di formazione, cooperative, associazioni giovanili, imprenditori e giovani, seguendo 3 fasi: - attivazione dei giovani beneficiari; - tavoli di lavoro misti pubblico-privato; - co-progettazione: si tratta di stimolare i giovani a lavorare su di sé per fare emergere competenze e attitudini; - innovazione delle metodologie di comunicazione tra imprese del territorio e giovani. Tutte le fasi saranno effettuate attraverso il coinvolgimento attivo all interno di un percorso partecipato chiamato Community Lab: Il Community Lab 9 è una modalità di chiamata e di coinvolgimento all interno di un percorso partecipato che fa emergere le attitudini dei partecipanti e le loro competenze, intese come capacità di proporre soluzioni innovative allo sviluppo del territorio, ovvero come capacità di selfemployment. 10 Le modalità partecipative utilizzate mirano maggiormente al senso di auto-consapevolezza (comprendere la propria collocazione rispetto al problema) e di ascolto attivante (dare spessore alla condizione o posizione altrui). In particolare, si fa qui riferimento a un processo partecipativo basato sull intelligenza emotiva di gruppo, sulla capacità di ascolto profondo, di risonanza, di ripensamento radicale delle proprie cornici di senso, prima di entrare nell argomentazione di tipo conflittuale). In questa serie di tecniche partecipative già utilizzate, ad esempio, nel Future Lab del 15 novembre 2014 abbiamo applicato in particolare specifiche tecniche teatrali volte al coinvolgimento della comunità, formazione creativa rivolta ai facilitatori dei processi, laboratori narrativi e forme della narrazione. Con questi strumenti, si curano maggiormente i passaggi del processo partecipativo che insistono sulle capacità progettuali precedentemente consolidate dai singoli o dai gruppi, quando vi siano forme di conoscenza diffusa rispetto ai problemi e tentativi di riproporre nuove e impensate soluzioni. Sono metodi che strutturando lo stesso incontro in diverse fasi alternano momenti evocativi ed emotivi a passaggi di sintesi razionale e progettuale. In queste pratiche di pensiero collettivo possiamo includere: metodo Future Lab, Open Space Technology, Focus Group, World Cafè. e) Dove? È importante svolgere queste fasi in luoghi che presentino determinate caratteristiche, che siano altresì ad accesso gratuito, agorà sociali multiuso, creando momenti di confronto e ascolto dedicati alla creatività di gruppo con il supporto delle istituzioni (esempio: Future Lab). Perché siano momenti di concreta progettazione di nuovi servizi e di reale risposta a nuovi bisogni, è necessario che il confronto e l ascolto siano liberi e spontanei. Il connettore della fase 1 non può essere solo virtuale: per recuperare le relazioni oggi sempre più carenti tra le persone, esso deve necessariamente corrispondere anche ad un luogo o a più luoghi fisici Il self-employment è un concetto secondo il quale il lavoro non preesiste al lavoratore; è bensì quest'ultimo a doverne indurre la richiesta, convincendo dell utilità della propria funzione. Per approfondimenti sul tema, cfr. Vincenza Pellegrino, I giovani e la vita democratica: come e perché cambiano le forme della partecipazione nell Europa contemporanea, op. cit.. 5

6 QUALI FACCE HA LA PRECARIETÀ? - Ferrara 15 novembre 2014 Sintesi delle principali proposte attuabili Sono emersi molti punti in comune tra i 7 gruppi che hanno condiviso e cercato di concretizzare le visioni del Future Lab svoltosi il 15 novembre, presso lo spazio Wunderkammer di Ferrara. Questi i principali: 1) È importante svolgere questo tipo di progetti in LUOGHI che presentino determinate caratteristiche, che siano altresì agorà sociali multiuso ed AD ACCESSO GRATUITO, creando momenti di confronto e ascolto dedicati alla creatività di gruppo con il supporto delle istituzioni. Perché siano momenti di concreta progettazione di nuovi servizi e di reale risposta a nuovi bisogni, è necessario che il confronto e l ascolto siano liberi e spontanei (si pensa, ad esempio, a nuovi servizi sulla domiciliarità, per evitare il rischio di eccessiva istituzionalizzazione del processo). È auspicabile la creazione di un ufficio libero, una sorta di bottega dove veicolare saperi diversi e scambiare con la P.A. alcuni dei suoi servizi. Ad esempio, un asilo o un reparto ospedaliero che avessero bisogno di ridipingere le pareti, prima di fare una gara d'appalto o un acquisto, potrebbero verificare le risorse presenti nella Bottega dei Mestieri, un luogo dove condividere buone prassi, esperienze, consigli, laboratorio in cui si sperimenta il saper-fare, l'accompagnamento e la formazione, dove si favoriscono i passaggi di consegne, l'affiancamento al lavoro e la ricerca del lavoro. In questo caso, uno degli obiettivi specifici è la CONDIVISIONE TRA GENERAZIONI. Per l'individuazione di uno o più spazi comuni di lavoro utili in termini di risparmio e sinergia si è pensato a canoni agevolati per locali sfitti da tempo e ad una connessione internet con libero accesso per agevolare il telelavoro. Temi da approfondire al riguardo: filiere lunghe, P. IVA, ecc. 2) E' necessaria la creazione di una BANCA DELLE RISORSE DELLA COMUNITA', ovvero una MAPPATURA DEI TALENTI del territorio: la pubblica amministrazione deve poter guardare i propri cittadini non solo come utenti che presentano continue istanze o richieste, ma anche come persone competenti, dotate di un loro saper-fare. Bisogna far circolare le risorse di questa banca dei talenti, che deve diventare dinamica, circolare e flessibile. In questa Rete delle creatività o bottega dei mestieri, tutti possiamo essere creativi; essa da spazio a chi ha voglia di mettersi in gioco, proporre qualcosa da scambiare, a chi possiede un'abilità e una competenza da mettere a disposizione della comunità. A questo proposito si auspica la creazione di una piattaforma digitale, per orientare i giovani alla definizione del proprio profilo/set di competenze (non alla definizione di una sola professione specifica), durante (non dopo) la formazione. Come portale web, la piattaforma svolgerebbe anche le funzioni di banca del tempo, collegando opportunità di vita e lavoro con i profili personali: un data-base della conoscenza che valorizzi, oltre le competenze, ciò che piace alle persone. È inoltre emerso il bisogno di una riformulazione dei curriculum, perché non siano più meri elenchi di titoli, ma degli strumenti in grado di dare uguale spazio e uguale importanza alle attitudini e alle preferenze dei soggetti. 3) È emersa l'urgenza di promuovere PERCORSI DI FORMAZIONE PIU' PRATICI: non si impara solo sui libri, ma soprattutto facendo. Ciò si può tradurre in un'università meno teorica, in grado di creare dei ponti concreti con il mercato del lavoro, grazie a stage e tirocini sostanziali, non formali; nel rinnovamento dei meccanismi di offerta e innovazione in ambito lavorativo: quali capacità vengono richieste, quali settori hanno più bisogno di innovare i propri sistemi di reclutamento della forza lavoro, quali competenze e abilità sono radicate nel territorio ma rischiano di scomparire? Allo stesso tempo è necessario conoscere quali persone escono dalle scuole e dalle Facoltà Universitarie locali: quali competenze e talenti sono in circolazione, quali bisogni vengono manifestati da parte di chi sta uscendo dall ambito formativo e sta per entrare nel mondo del lavoro? 6

7 Il bisogno di questa mappatura prende le mosse dagli esiti del Future Lab, che ha evidenziato quale sia la nuova vulnerabilità: una precarietà diffusa in tutti i livelli di istruzione. È, dunque, importante conoscere quali sono i soggetti portatori di questa nuova vulnerabilità. Per farvi fronte, è emersa la volontà di sperimentare modalità ibride tra formazione e lavoro, individuando luoghi e occasioni per costruire un ponte tra i due mondi, formativo e lavorativo: ad esempio, è stata avanzata la proposta di sperimentare un progetto su tesi di laurea legate al territorio. 7

8 FUTURE LAB QUALI FACCE HA LA PRECARIETA? COMMUNITY LAB - Ferrara, 15 novembre 2014 GRUPPO 1: ACCOMPAGNARE COLLETTIVAMENTE LA CONDIZIONE DEL PRECARIATO Al gruppo hanno partecipato: Alice, Davide, Chiara, Marina, Paola, Patrizia, Stefano, Gian Luca e Margherita (la sottoscritta) Facilitatrice: Margherita Dall Olio; Visionaria: Paola Castagnotto A partire dal tema proposto e il successivo brain-storming catartico tra le visioni del futuro proposte, quella affrontata dal GRUPPO 1 è stata: ALLEANZA TRA LE DIVERSE GENERAZIONI (proposta da Paola): "passare ai giovani la propria competenza, la propria professionalità Discussione: Alice: i miei genitori non ascoltano... ORDINANO! Davide:... ascolto e passaggio di consegne tra generazioni??? Ma il mondo corre e le parole dell'adulto non trovano più il consenso; il TUO (tu adulto!) mondo non è più quello attuale. Paola:... l'esperienza delle persone che sono o stanno per andare in pensione potrebbe essere messa a frutto, diventare substrato per chi subentra. I tutor, i mentori possono aiutare di più i giovani anziché i genitori stessi. Il dialogo fra generazioni è un dialogo fra ADULTI. Un ascolto guidato, aiutato, libera la mente per la costruzione di nuove idee! Patrizia: manca un patto educativo fra generazioni. Davide:... non può essere invece che siano i giovani a dare competenze ai più anziani? Stefano: Deve esserci la consapevolezza che dopo un tot di anni il lavoratore dipendente è tutor o mentore... ma non è più stipendiato, deve lasciare libero il posto di lavoro! Patrizia: sono un'insegnante di scuola promaria, per me è evidente il gap tra me e i miei alunni! Stefano: io propongo di dividere lo stipendio tra un dipendente anziano e uno giovane! Davide: io propongo che chi ha un posto sicuro si licenzi e provi a vivere quello che stiamo vivendo! LICENZIATEVI! Gianluca: sì, bisogna prendere iniziative anche DIROMPENTI. Davide: io non l'avrò... la pensione! Paola: certo... bisogna quindi trovare NUOVI MECCANISMI. Chiara: io ho 30 anni, lavoro per una grande azienda: non possiamo essere tutti precari... per essere Vicini come generazione! Paola: Allora QUALE ALLEANZA E' POSSIBILE RISPETTO A NON RICONOSCERE LE RESPONSABILITA' DELLE GENERAZIONI PRECEDENTI? Noi (60 anni) siamo stati immersi in un sistema produttivo capitalistico. Oggi il sistema non è governato dall'economia, è determinato dalla finanza. Se vogliamo fondare un nuovo sistema è necessario CONDIVIDERE COME COSTRUIRE IL FUTURO. Servono nuovi posti di lavoro che rappresentino l'alleanza tra le nuove e le vecchie generazioni......, ecc. La discussione procede ancora sugli stessi binari, ma si raggiunge una condivisione riportando gli elementi fondamentali nel cartellone e la visione per il futuro che il cartellone descrive; da tali temi viene scelto il primo per rappresentarlo attraverso un tableau vivant. 8

9 CARTELLONE AVERE LUOGHI DI CONDIVISIONE TRA GENERAZIONI (come quello in cui si è discusso) PROMUOVERE CONTRATTI DI AFFIANCAMENTO TRA CHI ENTRA E CHI ESCE DAL LAVORO STABILIRE TETTI (MASSIMI *) SEVERI SULLE PENSIONI CREARE COLLABORAZIONI PER NUOVI POSTI DI LAVORO, MA INNOVATIVI DEFINIRE ALLEANZE TRA LAVORATORI PER SUPERARE IL LAVORO NERO * Vincenza Pellegrino ha chiesto al gruppo Qual è il tetto massimo per voi? e lo ha stimolato a dirlo a voce alta Il report è stato redatto dalla facilitatirice: Margherita Dall'Olio Responsabile Servizio Famiglia e minori Unione Bassa Romagna 0545/ /

10 GRUPPO 2: SALARIO CREATIVO Al gruppo hanno partecipato: Cecilia Dall'Ara, Elena Maioli, Paola Castagnotto, Raffaella Ferrari, Serena Maioli, Stefano Sandalo, Carla Golfieri Facilitatrice: Vanessa Vivoli; Visionaria: Elena Maioli "IO CONSUMO IO VOGLIO IO HO IO DO IO SCAMBIO IO CAMBIO... NOI CAMBIAMO" Il salario creativo come nuovo METODO di scambio, ma anche come ESPRESSIONE di una NUOVA CULTURA. Il salario creativo, un LABORATORIO di SCAMBIO DI SERVIZI che può diventare occasione non solo di AGEVOLAZIONI, ma anche modalità di UTILIZZARE il TEMPO e proposta di EDUCARE AL MENO (meno consumi e più servizi). Ma come si fa? Prima di tutto è necessario MAPPARE I TALENTI del proprio territorio. La Pubblica Amministrazione deve imparare a guadare i propri cittadini non solo come utenti che presentano continue istanze o richieste, li deve vedere anche come PERSONE COMPETENTI in grado di "fare delle cose". Bisogna creare una BANCA DELLE RISORSE DELLA COMUNITA'. Bisogna far circolare le risorse di questa Banca dei talenti, deve diventare DINAMICA, CIRCOLARE, FLESSIBILE. Una RETE di CREATIVI. Bisogna creare una BOTTEGA DEI MESTIERI. Ma chi sono i creativi? Tutti possiamo essere creativi. Chi ha voglia di mettersi in gioco e proporre qualcosa da scambiare. Chi ha un'abilità e una competenza da mettere a disposizione. Chi mette passione, motivazione e divertimento in quello che fa. Essere creativi è uno stato d'animo. Essere creativi è contagioso. In questo modo la RETE di CREATIVI si può allagare (possiamo visualizzarla come una serie di cerchi concentrici che mano a mano diventa sempre più grande). 10

11 Come si può rendere concreta questa idea? Innanzitutto è fondamentale una premessa: ci vuole un CAMBIO DI PARADIGMA CULTURALE. Da un consumo di oggetti di massa ad un idea di CONSUMO SOSTENIBILE, dove si dà più valore ai servizi e alle prestazioni. Bisogna partire dai bambini ed insegnare loro un' IDEA DIVERSA DI CONSUMO. Si potrebbe proporre alle scuole (materna o primaria) dei giochi educativi dove i bambini si scambiano tra loro i talenti (competenze) che possiedono e si insegni loro che per essere felice non è sempre necessario possedere oggetti; si lavori sulla loro CREATIVITA' e si propongano giochi che stimolino lo SCAMBIO di FANTASIA. Ci vuole uno spazio fisico per organizzare la BOTTEGA. Ci vuole, però, un ufficio libero dai vincoli burocratici tipici della pubblica amministrazione. La pubblica amministrazione deve sostenere e supportare il progetto ma non governarlo. Ad esempio potrebbe dare un SUPPORTO LOGISTICO: uno spazio fisico ed eventualmente alcuni allestimenti per cominciare a rendere concreto il progetto. Inoltre la PUBBLICA AMMINISTRAZIONE potrebbe essere un ACQUIRENTE della bottega e scambiare alcuni dei suoi SERVIZI. Ad esempio, se si vuole ridipingere le pareti di un asilo o di un reparto ospedaliero, prima di fare una gara o un acquisto, potrebbe verificare se nella Bottega dei Mestieri c'è qualcuno dei suoi cittadini che offre questa prestazione. Ma come avviene concretamente lo scambio? Ogni talento deve essere tradotto in termini di servizio/prestazione e "pesato" in termini di quantità di lavoro e impegno. Ogni prestazione si può scambiare con altre prestazioni o con denaro, oppure parte in prestazioni e parte della quota in denaro. Quindi anche la Pubblica Amministrazione, qualora diventasse un acquirente potrebbe decidere se remunerare in denaro o con servizi. 11

12 GRUPPO 3: NO CONFINI TRA I PRECARI, ELABORARE UN LINGUAGGIO COMUNE Al gruppo hanno partecipato: Elona, Sara Ilheam, Doretta Insegnante, Hassan, Federico, Francesca, Tommaso Facilitatore: Tommaso; Visionario: Federico Quale Utopia? Il gruppo è partito dal concetto di Globalizzazione: è possibile viverla con una modalità differente rispetto agli ultimi 20 anni? Nel nostro mondo utopico si supera e si chiude la fase attuale dello sfruttamento fino al limite delle risorse della terra e del consumismo eccessivo. Ci chiediamo: è possibile influire, anche minimamente, per tenerci solo gli aspetti positivi del mondo globale? La contaminazione tra le diverse culture, la condivisione delle informazioni attraverso la diffusione esponenziale delle capacità di comunicazione di internet... Immaginiamo una società utopica dove al centro non ci sono più i beni materiali e il dominio del denaro, ma troviamo gli esseri umani con i loro bisogni, le diverse qualità, la dignità della persona, le relazioni tra perone e l ambiente che le circonda. Come valorizzare diverse culture esistenti nella società, promuovere lo scambio dei saperi, favorire il circolo delle attività e superare la staticità attuale? Si pensa ai Neet, ai disoccupati, ma anche a chi fa lo stesso lavoro da anni ed è immobile, insoddisfatto e sente che le sue capacità sono inespresse. Elementi utopici concreti La società utopica che emerge è caratterizzata da una dimensione di oltre confine : Mobilità all estero possibile per tutti, attraverso politiche a sostegno della mobilità internazionale, un servizio internazionale capillare, agevolato dalla diminuzione della burocrazia per accedervi, servizi di accoglienza per i beneficiari (mobilità sostenuta con la disponibilità di alloggi e servizi a favore delle persone che escono dal proprio stato, con tutor e/o volontari che aiutano), trasporto gratuito: tutto ciò al fine di favorire esperienze lavorative, formative, di volontariato e ricreative (attraverso un sistema di convenzioni condivise tra enti locali comuni, regioni, stati enti di formazione, scuole e Università, aziende private, terzo settore). Questa esperienza dovrebbe avere un riconoscimento formale e sostanziale, in termini sociali, di servizi e opportunità, un arricchimento completo della persona, ricollocamento valorizzato nella società (ad esempio, chi fa volontariato o compie studi all estero dovrebbe avere un giusto riconoscimento certificato e l'opportunità per accedere a servizi pubblici: cohousing, emporio alimentare, cultura, per gli studenti un riconoscimento in termini di crediti formativi e curriculari delle esperienze vissute al fine di riconoscere esperienze concrete e pratiche e non solo teoriche; per i precari o i disoccupati, l accesso ad una rete di servizi e opportunità che favorisca una collocazione sociale; per chi lavora forme di tutela per garantire il posto di lavoro lasciato vacante o comunque forme innovative di ricollocazione. In questo sistema mobile è fondamentale garantire una forte tutela della persona :tutela dei diritti umani, civili e sociali. La mobilità deve essere promossa in tutte le fasi delle diverse età: dagli anni delle scuole secondarie e non deve basarsi sui meriti scolastici (pagelle) indipendentemente dal rendimento scolastico, senza discriminazione di merito, ma essere un opportunità uguale per tutti), per le fasce di età studenti universitari per chi ha concluso il periodo di studi e ha bisogno di sperimentarsi in attività pratiche, chi lavora ma sente il bisogno di sperimentarsi in attività diverse o in contesti sociali diversi. Al centro di questa visione vi è l utilizzo di un sito web, un portale Wikisocial un collettoreconnettitore (con funzioni anche di banca del tempo) tra opportunità di vita e lavoro in Italia e all estero e profili personali, un data-base con banca dati della conoscenza (che faciliti lo scambio tra diverse opportunità, personalizzate e diversificate in base ai profili), per inserire le esperienze 12

13 personali, professionali. Non solo un sito, ma anche un luogo di aggregazione, una sorta di agorà sociale, un Wiki cafè dove condividere buone prassi, esperienze, consigli, laboratori in cui si gioca, si sperimenta il saper fare di ognuno. Ovviamente l accesso è gratuito, per tradurre in realtà la virtualità del web, insomma una sorta di via di mezzo-misto tra centro di aggregazione e coworking. Il gestore non dovrebbe essere unico, ma disponibile e accessibile, modificabile da tutti, occorrono giuste tutele e sistemi di protezione della privacy. Nello specifico ambito scolastico, principale riforma utopica è l omogeneizzazione ed il riconoscimento globale dei titoli di studio ottenuti nei diversi stati del mondo. Altra proposta è fornire una maggiore scelta per l apprendimento delle lingue, oltre i soliti inglese, francese, spagnolo e tedesco. Inoltre nella visione del futuro possibile, 2 lingue madri comuni tra gli stati. Inoltre in un'ottica di offerta formativa universale, si dovrebbe insegnare educazione interculturale, una sorta di filosofia etica morale (oltre ogni singola religione di stato). 13

14 GRUPPO 4: VISIONE: ASCOLTO TRA PERSONE, SPAZI DI CREATIVITA Facilitatrice: Fabrizia Paltrinieri Visione Il mondo del lavoro del futuro dovrebbe essere finalmente libero da ogni forma di discriminazione; stessi diritti per cittadini comunitari; no discrimazioni, ad esempio, per l' accesso ai concorsi pubblici L'inserimento nel mondo del lavoro dovrebbe valutare di più le competenze che i titoli Dovrebbe essere garantito un maggior spazio ai giovani rispetto agli over 65, non allungando l età pensionabile e favorire l accesso al mercato del lavoro dei giovani Favorire il trasferimento di competenze ed esperienze dagli anziani più esperti ai giovani neofiti senza esperienza Lasciare spazio alla creatività individuale: funziona soltanto se è libera e spontanea, evitare forme di imbrigliamento della creatività Trovare modo per esprimere un maggior grado di umanità nel mondo del lavoro, magari mettendo a disposizione tempo dedicato agli altri, all ascolto, al confronto Vorremo un mondo del lavoro in cui si lasci spazio all ascolto e all empatia nelle relazioni Azioni, piste di lavoro, dispositivi, politiche possibili Creare luoghi/momenti di confronto e ascolto dedicati alla creatività con il supporto delle istituzioni (es: Future Lab). È importante che il confronto e l ascolto siano liberi e spontanei e allora questi momenti serviranno realmente a progettare nuovi servizi che rispondono a nuovi bisogni (ad esempio, nuovi servizi sulla domiciliarità per evitare istituzionalizzazione) le istituzioni dovrebbero supportare forme di avvio all impresa creativa, una sorta di start up della creatività banche del tempo rinnovate interscambiabilità dei lavori: soprattutto nei lavori di cura che richiedono energie sempre nuove, prevedere forme di scambio tra professioni in modo da garantire la motivazione degli operatori permettere una messa alla prova delle competenze. Non colloqui e selezioni su cv, ma guardando le competenze, permettendo alle persone di mostrare ciò che sanno fare prevedere forme di sostegno alle imprese che riconoscono le competenze in modo più aperto e disponibile, più attento alle persone 14

15 GRUPPO 5: CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI Visionaria: Elisa; Facilitatrice: Francesca Tamascelli Titolo: IO NON SONO IL MIO LAVORO. Tutta la vita davanti per cambiare. Interrogativi. Nella nostra società c è la possibilità di cambiare, ma in senso soprattutto verticale: si sale di livello, c è la promozione di carriera, e questo significa più soldi e più responsabilità. Ma è possibile cambiare anche in senso orizzontale? È possibile ampliare la propria professionalità in altre direzioni, magari passando la propria professionalità ad altri? Problema attuale: io non mi vedo a fare la stessa cosa per 40 anni. Nella nostra società, paradossalmente, si può essere fissi anche da precari! Ci sono persone che, seppure contrattualmente precarie, fanno la stessa cosa per tutta la vita! L utopia che abbiamo immaginato nasce quindi dal bisogno di evitare la distopia del marcire per 40 anni dietro la stessa scrivania a fare le stesse cose, come ben descritto dal video di Steve Cutts visualizzabile al link https://www.youtube.com/watch?v=lscclmm7lha. DEFINIZIONE DELL UTOPIA Immaginiamo un mondo del lavoro in cui ci sia la reale (e strutturale) possibilità di cambiamento nel corso della vita, di modo che le persone non debbano restare agganciate per sempre alla stessa mansione. Il cambiamento può avvenire in diverse forme: Mantenendo lo stesso ruolo (o un ruolo simile) ma sperimentando diversi ambienti di lavoro (ad esempio, una persona che svolge la professione infermieristica, ma cambia nell arco della vita ospedali, cliniche, reparti, in modo da entrare in contatto con realtà differenti, nuovi colleghi, nuovi stimoli, ecc.). Sperimentando, all interno della stessa azienda (o anche di diverse aziende) ruoli lavorativi differenti. Immaginiamo, ad esempio, che un azienda possa assumere un team eterogeneo per competenze, esperienze e attitudini e che faccia nel tempo circolare questo team attraverso i ruoli. Il grande problema che ci siamo trovati a dover affrontare nella definizione della nostra utopia è la questione delle garanzie e delle tutele per proteggere il lavoratore nelle fasi di cambiamento. Difatti siamo partiti dal presupposto che nulla vieta, anche ai giorni nostri, di cambiare mestiere ma a rischio e pericolo del singolo lavoratore che, nel passaggio tra un lavoro e l altro, potrebbe trovarsi disoccupato per troppo tempo. Benché nella nostra società nulla vieti la possibilità di cambiamento, spesso e volentieri le persone rimangono legate al lavoro che hanno per non rischiare una disoccupazione che non possono permettersi. Ovviamente non esistono solo i salti nel vuoto: capita anche di poter lasciare un lavoro perché se ne è già trovato un altro. A quel punto, il problema potrebbe essere la condizione contrattuale: potrei cambiare lavoro, ma le condizioni di quello nuovo (che magari mi piace di più) sono troppo sfavorevoli rispetto a quello che già ho, e non posso permettermi di fare passi indietro sulle tutele. Occorre quindi una qualche forma di stabilità retributiva e di continuità a livello di tutele contrattuali. Per queste ragioni, nella nostra utopia il lavoratore si trova nel mondo del lavoro con un DOPPIO CONTRATTO. Il primo è un contratto stabile con lo stato, un contratto unico che vale per tutta la vita lavorativa e che, in un certo senso, attesta l ingresso nel mondo del lavoro e garantisce diritti, tutele e una sorta di continuità retributiva. Il secondo tipo di contratto è quello che, di volta in volta, il lavoratore firma con il datore di lavoro di turno. Tale contratto stabilisce le condizioni lavorative specifiche che regolano i rapporti tra il datore e il lavoratore (durata del contratto, prestazione da offrire, ecc ). Nella nostra visione utopica, esiste una cassa comune, gestita da un ente statale: le aziende non retribuiscono singolarmente i propri lavoratori, bensì versano una quota annuale nella cassa comune, sulla base della quantità di lavoratori e del tipo di prestazioni di cui necessitano. I lavoratori vengono retribuiti da questa cassa comune. Ciò non significa equiparazione degli stipendi: la quantità di denaro che ogni lavoratore percepisce dipende dal tipo di lavoro svolto e dalla quantità di ore impiegate. L ente che gestisce la cassa comune è anche l ente redistributore, 15

16 ovvero si occupa della mobilità e redistribuzione dei lavoratori, fungendo da mediatore tra lavoratori e aziende. Tale ente non deve però essere esclusivamente un tramite, ma un raccoglitore e catalizzatore di competenze. Per agevolare tali processi di mobilità, pensiamo sia necessario rivedere anche il sistema formativo: è necessario che vi sia un sistema di certificazione delle competenze, equiparato almeno a livello europeo, che valuti per ogni persona le singole competenze (anche eterogenee, non per forza coincidenti con un titolo di laurea) acquisite nel corso della formazione e del lavoro. LA NOSTRA PROPOSTA (QUALI PASSI?) 1) RINNOVAMENTO DEL SISTEMA FORMATIVO. Serve una formazione lavorativa, affinché la connessione tra formazione e mondo del lavoro sia più semplice e sensata rispetto alle necessità reali e concrete della società. Al momento c è un gap tra formazione e lavoro: prima si studia, poi si lavora e in mezzo c è un salto da fare. Nella nostra idea, la formazione è molto più pratica: non si impara (solo) sui libri ma (soprattutto) facendo. Per questa ragione, le esperienze di lavoro devono essere già previste nel corso della formazione come parte integrante e massiccia, non solo come sporadici tirocini di un centinaio di ore. L idea è sostanzialmente quella di potenziare la presenza dei tirocini nel percorso formativo, assicurandosi però che il tirocinio sia veramente, nei fatti, un esperienza di lavoro e apprendimento completa e non un modo per l azienda di occupare gratuitamente qualcuno, in posizioni spesso non rispondenti alle esigenze formative dello studente. I tirocini gratuiti, inoltre, dovrebbero essere vietati dopo il termine del percorso di studio, per evitare il prolungamento infinito della formazione. Adesso, ad esempio, prima ci si laurea, poi si fanno esperienze di lavoro non retribuito, promosse dalle aziende come imperdibili opportunità di fare curriculum. La direzione in cui vogliamo andare è quella di includere tali esperienze, importantissime, all interno del percorso formativo, per poi arrivare alla laurea con un bagaglio di esperienza già apprezzabile e poter subito iniziare percorsi di lavoro retribuito. 2) BANCA DATI EUROPEA. Un luogo anche fisico, ma soprattutto virtuale. Raccoglierebbe le schede dei lavoratori non sulla base di specifici profili professionali, individuati attraverso categorie professionali definite, ma sulla base delle competenze e abilità sviluppate. Vanno svincolate le competenze dalle mansioni/professioni. Questo anche in considerazione di un mondo del lavoro in costante mutazione ed evoluzione, per cui è sempre più difficile individuare professioni prestabilite: la velocità con cui cambia il mondo del lavoro rende necessario individuare man mano professionalità nuove e figure ibride che possano stimolare l innovazione. Di conseguenza è spesso più conveniente individuare abilità e competenze puntuali benché eterogenee di un lavoratore. 3) ENTE CERTIFICATORE DI COMPETENZE, A LIVELLO EUROPEO. Per uniformare, oltre i confini territoriali, la certificazione formativo/professionale. Sulla base di quanto espresso al punto precedente, bisognerà certificare le competenze in senso ampio e in senso lato, piuttosto che certificare un titolo. 4) RIFLESSIONI VOLANTI. Nell ambito del pubblico impiego vi è una fissità quasi marmorea. Cambiare il sistema delle assunzioni nel pubblico, rendendolo più simile al sistema delle aziende private. Nelle aziende deve essere presente uno psicologo facilitatore che aiuti le persone nei momenti di transizione e cambiamento. Una sorta di facilitatore del rischio! In una fase iniziale serve anche, verso la cittadinanza, una progetto di comunicazione sul cambiamento: bisogna stimolare la voglia e il bisogno di cambiare nel corso della propria vita lavorativa! 16

17 GRUPPO 6: SCELTA, CONCILIAZIONE: PAROLE Composizione del gruppo: 12 ragazze di un Istituto Professionale, 3 ragazze di trent anni e un giovane di ventiquattro. Facilitatrice: Lidia. In un primo momento il gruppo si è chiesto quale fosse la conciliazione più significativa per ciascun componente. Dal confronto è emerso quanto riportato nei grafici 1 e 2. lavoro e famiglia lavoro e passione lavoro e studio conciliazione fra... quello che sono ora e quello che vorrei diventare autonomia vs rinuncia quello che studio vs quello che farò o che faccio Guadagno e realizzazione non tanto quanto guadagno, ma per quanto aspetto positivo della giusto studiare tanti anni per poi fare un lavoro che non mi appartiene? CON PRECARIETA LA precarietà: si possono mettere in discussione le etichette. E il momento giusto per fare ciò che ci piace. Grafico 1 conciliazion e come... unione fra mondo del lavoro e studio accompagnamento nel mondo reale autorealizzazione sia nel mercato del lavoro, sia al di fuori 17

18 Grafico 2 Per i componenti del gruppo il tema della conciliazione è strettamente connesso a quello della scelta. Abbiamo quindi ragionato anche su questa parola. Per molti, attualmente, la scelta è qualcosa di negativo e obbligato, che implica sempre una rinuncia a qualcosa ( apro una porta, ma una rimane sempre chiusa ); altri si sentono impossibilitati a fare una scelta, soprattutto di lungo periodo. Per queste ragioni, da subito, i soggetti hanno ipotizzato un futuro utopico in relazione al tema della scelta, riportato nel grafico 3. ORA FUTURO UTOPICO Scelta solo nel presente Scelta Impossibilità di scegliere obbligata come libertà in cui progetto il mio futuro come piacere e opportunit sacrificio opportunità Grafico 3 Infine, il gruppo ha lavorato sulla definizione di un futuro utopico, condiviso dai componenti, e sull individuazione di una proposta concreta per avvicinarsi a quest ultimo. FUTURO UTOPICO: Futuro nel quale ci siano finestre costanti e reali fra il mondo del lavoro e quello scolastico e nel quale ci sia una maggiore accoglienza dei giovani visti come risorse nei luoghi di lavoro. PROPOSTA (per arrivare al futuro utopico): rendere l Università più pratica che teorica, in grado di creare dei ponti concreti con il mercato del lavoro, grazie a stage e tirocini sostanziali (non formali). valorizzare ciò che piace alle persone, oltre che la loro competenza, attraverso una riformulazione dei curriculum, che non siano più meri elenchi di titoli, come una lista della spesa, ma dei profili nei quali sia dato uguale spazio e uguale importanza alle attitudini e alle preferenze dei soggetti. 18

19 GRUPPO 7: "LAVORARE TUTTI, LAVORARE MENO" NUOVI STILI DI CONSUMO Facilitatrice: Silvia Zoli SINTESI DEI TEMI DISCUSSI: In realtà il problema contemporaneo è che si lavora molto di più di un tempo, ma si guadagna meno!!! (es: i nuovi professionisti con la Partita IVA che "rincorrono" ogni lavoro possibile) Aumenta lo stress ma non il guadagno, tutti corrono corrono... Se si diffondesse la cultura del lavoro "da remoto" si risparmierebbe tempo, spese, energie... Ognuno dovrebbe cercare di ottimizzare il tempo speso Anche le energie per il tempo libero, per gli interessi, la cultura, ecc. sono "utili" Ci devono essere pari opportunità tra italiani e stranieri La possibilità di avere una vita dignitosa devo essere alla portata di tutti I singoli dovrebbero essere pronti a rinunciare a quella parte di lavoro che "non serve" Le persone dovrebbero essere incentivate ad andare in pensione prima, non solo per cedere il proprio posto, ma per fare un passaggio di consegne e di saperi Collettivamente si dovrebbe fare una riflessione su molti stili di vita. Servono, ad esempio, le aperture domenicali dei negozi? Forme di reddito integrativo e servizi a prezzo agevolato per chi sceglie contratti di solidarietà Maggior controllo negli appalti pubblici Meno intermediari Canoni agevolati per i locali sfitti da tempo Connessione internet con libero accesso per agevolare il telelavoro Spazi comuni di lavoro (risparmio e sinergia) Temi da approfondire: filiere lunghe, P. IVA, ecc. Bisognerebbe educare sin da piccoli i bambini al minor possesso di beni, a SCEGLIERE di avere il giusto, l'utile Si dovrebbero promuovere reti di famiglie e di singoli per vivere la convivialità in modo più sobrio Serve una cultura del consumo per consumare tutti meglio Promozione di gruppi di acquisto Incentivazione all'utilizzo di prodotti a chilometro zero Autoproduzione Sensibilizzazione nelle scuole Laboratori di "economia domestica" e attività pratiche manuali Orti su terreni pubblici per le famiglie Forme pubblicizzate di prestito e noleggio per gli oggetti Baratto/banche del tempo 19

20 PRESENTAZIONE SINTETICA IN PLENARIA LAVORARE TUTTI, LAVORARE MENO PER VIVERE MEGLIO IN COMUNITÀ. DARE VALORE AL TEMPO LIBERO CHE NON E' VUOTO. NON SOLO CONSUMARE MENO, MA DIVERSAMENTE Cultura e sensibilizzazione Connesioni libere in città per favorire il telelavoro Strumenti/agevolazioni fiscali per favorire il part-ti Occasioni e spazi per favorire il lavoro (co-working) Pensionamenti come passaggi di consegne Orari di lavoro rimodulati Educazione al consumo e ai saperi pratici Chilometro zero e gruppi di acquisto di beni Prestiti, noleggio, scambio di cose ma ance di tempo Orti Convivialità sobria 20

21 Storia di un percorso partecipato Il Community Lab, nell'ambito territoriale della Provincia di Ferrara, inizia nel 2013 e vede principlamente attive due città: Ferrara e Comacchio. In quell'anno, la Provincia di Ferrara insieme all'azienda Usl presentano all'agenzia Sanitaria e Sociale della Regione Emilia Romagna la candidatura di per attivare un percorso Community Lab 11 sulla salute e il benessere delle donne, in particolare sul disagio e la sofferenza legati al lavoro o all'assenza di lavoro. Sono stati realizzati diversi incontri 12 di focus group ed eventi pubblici, tra Comacchio e Ferrara, con la finalità di condividere il percorso con diversi soggetti: personale del pubblico impiego (Comuni, Provincie, Azienda Usl e ASP), organizzazioni del terzo settore attive sul tema delle politiche di genere, e persone che gradualemente sono state coinvolte nelle varie fasi del percorso partecipato. L obbiettivo generale di un Community Lab è la costruzione di una nuova rappresentanza di esperienze e saperi solitamente non rappresentati ed il conivolgimento di chi non ha spazi pubblici di parola, perché resa/o invisibile dalla precarietà o dall'esclusione (economica, sociale, culturale). Nella Provincia di Ferrara, in particolare, il Community Lab ha avuto come obiettivo quello di essere un Tavolo di pensiero e di proposta sulla salute e il benessere delle donne e di ricerca di nuove risorse informali comunitarie, non visibili nella relazione tradizionale con le istituzioni. Nei focus group del territorio di Comacchio, ogni partecipante prendeva l impegno di invitare gruppi informali di cittadini o singole persone con attenzione particolare verso le donne che solitamente non partecipano agli incontri istituzionali o ad eventi pubblici, ma potenzialmente interessate a questo percorso. La finalità era raggiungere persone che potessero arricchire gli incontri con punti di vista innovativi, scardinando automatismi nel dialogo tra cittadini e istituzioni. La 2ª fase del percorso è stata proporre alle partecipanti delle video-interviste, nelle quali sono state invitate a raccontarsi. Le domande che abbiamo rivolto loro riguardavano il lavoro, o l'assenza di lavoro (quindi il vissuto legato al non lavoro), la conciliazione dei tempi tra famiglia, figli e lavoro, la vita quotidiana rispetto al territorio, quali servizi desiderassero per la loro città e quale avrebbe potuto essere il loro ruolo in questi servizi. Ad ogni focus group, alcune di queste interviste sono state condivise: questo ha fatto sì che altre donne abbiano trovato il coraggio di parlare, di raccontarsi e affrontare tematiche sociali che riguardano anche situazioni di disagio. Le interviste 11 L obiettivo di fondo del Community Lab è quello di estrapolare dallo studio di casi (esperienze in atto a livello regionale) indicazioni operative su come si potrà realizzare la programmazione locale (Piani di zona per la salute e il benessere sociale) in senso partecipativo, considerando i diversi livelli in cui si articola il processo decisionale. Il Community Lab è un modello di elaborazione partecipata, metodologicamente fondato sulla convinzione che lo studio di contesti "micro" offra le chiavi di lettura per comprendere il livello "macro": le relazioni interindividuali generano risorsa per la comunità, i conflitti concreti svelano distanze nuove; queste concrete dinamiche locali possono svelare nuove forme del disagio sociale, ma anche indicare le risorse disponibili in termini di partecipazione, e valutare il tipo di partecipazione adatta a sostenere nuove forme di welfare. 12 Ferrara Focus Group ( , , , , , , ). Laboratori Partecipati ( e in media paretecipanti 30 ad incontro). Interviste a singole persone: 20 partecipanti. Evento Pubblico: 15 novembre Future Lab "Quali facce ha la precarietà?" (partecipanti 125 persone). Comacchio Focus Group (05/06/2014, , , , , , ) Interviste a singole persone realizzate: 40. Eventi Pubblici: "Andar per storie: la sofferenza delle donne nel mondo del lavoro" (partecipanti: 80 persone). Laboratori di teatro sociale: 14, 21, 28 e 31 maggio (media partecipanti : 30 persone ad incontro) "La Parola delle donne a Comacchio", spettacolo di Teatro Sociale delle donne partecipanti al percoso (partecipanti: 100 persone). 21

22 fatte alle donne partecipanti sono state effettuate nei loro luoghi di ritrovo o in luoghi associativi, per favorire l intimità e l apertura (ad esempio presso il Centro Italiano Femminile, il Centro per le Famiglie, un asilo, una cooperativa sociale, oppure ascoltando i racconti di precarietà, partecipando ad alcune manifestazioni di lavoratrici minacciate dalla perdita del lavoro). Le interviste sono poi servite decisamente alle partecipanti dei focus group, per costruire la metodologia di lavoro successiva, ovvero la restituzione alla comunità del lavoro svolto. E' stato scelto di organizzare un evento pubblico attraverso il teatro sociale, proponendo dei laboratori teatrali per costruire uno spettacolo. Le donne partecipanti hanno reso visibile all intera comunità di Comacchio con una metodologia leggera, ma forse più coinvolgente e diretta rispetto ai classici seminari, report, dati statistici le problematiche sociali, i desideri ed i bisogni di una parte della comunità stessa: Ad oggi, grazie anche alle interviste realizzate, il Comune di Comacchio ha messo a disposizione uno spazio pubblico verde per tutte le famiglie, al fine di condividere momenti di socialità e solidarietà. Inoltre, attraverso l'entusiasmo e l'attiviazione delle donne partecipanti al percorso Community Lab, a Comacchio è attivo un gruppo di persone (donne e uomini, bambini ed anziani) che si riuniscono per condividere le tematiche sociali attraverso il Teatro Sociale Comunitario. Il Comune di Ferrara, attraverso la sua cabina di regia, ha fatto una scelta diversa riguardo al focus dell oggetto di lavoro, anche in considerazione della differenza tra il territorio comacchiese e quello ferrarese. Le persone partecipanti hanno condiviso una visione della precarietà che parte da tante diverse esperienze, raccontate direttamente da chi le vive, nel lavoro, nella relazioni, nel modo di vivere la città. Anche in questo caso, con la stessa modalità di coinvolgimento delle persone utilizzata a Comacchio (focus group, interviste, laboratori partecipati) è stato possibile raccolgiere molto materiale. L'evento pubblico di restituzione è stato il Future Lab13, un laboratorio partecipato di co-progettazzione. Si tratta di un processo partecipativo: si ascoltano le persone, si riflette sulle difficoltà del presente e su come si possa affrontarle in una chiave di visione futura, con lo scopo di individuare risorse già vive e presenti nella comunità, un vero e proprio esperimento di cittadinanza attiva. Il Future Lab è anche un processo deliberativo: difatti, alcune proposte progettuali emerse da questa giornata saranno inserite nella programmazione del nuovo piano socio-sanitario. 13 La metodologia del Future Lab, ideata dal tedesco Robert Jungk, viene utilizzata nei Paesi del Nord-Europa per la pianificazione e il miglioramento dei servizi al cittadino. In Emilia-Romagna, questo metodo è stato sperimentato a livello regionale dall Agenzia Socio-Sanitaria su molte tipologie di partecipanti (cittadini adulti, anziani, portatori di handicap, ragazzi) sempre considerati degli esperti in grado di migliorare e arrichire la qualità sia dei processi partecipativi, sia dei servizi che questi processi sono chiamati a far nascere. Il Future Lab si propone come nuovo setting politico, vale a dire una nuova forma di elaborazione politica, focalizzata su linguaggi espressivi, narrativi, teatrali e sulla cura dei gruppi, a partire dalle modalità di invito e convocazione delle persone, sino all'elaborazione di forme di convivialità in grado di favorire ulteriormente la pratica della visione e della navigazione simbolica nel futuro, sostendo la produzione di aspirazioni al cambiamento. Nel Future Lab, la progettualità viene coltivata per 3 fasi: una prima fase di confronto sulla quotidianità dolente (l evocazione delle fatiche quotidiane e l esplorazione della domanda «cosa accadrebbe se continuassimo così?»); si passa poi ad una seconda fase, centrata sulla possibilità di emancipazione dalla visione negativa («cosa accadrebbe se modificassimo quegli aspetti?» o, meglio, «quale quotidianità futura vivremmo?»). La terza fase di lavoro ha l obiettivo di dare corpo e concretezza alla seconda fase: dall utopia alla realtà, ovvero «quali azioni bisognerebbe mettere in pratica al fine di realizzare la nostra utopia?». 22

23 Documentazione diffusa ai partecipanti del percorso Quali facce ha la precarietà QUALI FACCE HA LA PRECARIETÀ? Pezzi di vita precaria 14 Estratti dai laboratori di idee realizzati a Ferrara (22 maggio e 30 settembre), dalle interviste 15 effettuate a Comacchio e Ferrara nel 2013 nell ambito del progetto provinciale Community lab il lavoro e la sofferenza delle donne, brevi post dalla pagina 16 facebook future lab Ferrara e dalla pagina twitter. "Si sta come D'autunno Sugli alberi Le foglie" Giuseppe Ungaretti Dai 20 ai 30 anni Ci dicono che la precarietà è scrematura di talenti ma fino a che punto? Cosa so fare io? Chi ci guadagna dal mio lavoro? Secondo me le reti sociali sono importantissime per orientarti nella vita. Sono laureata in architettura. Penso che in Italia ci sia una buona formazione universitaria, c'è una grande qualità dell'insegnamento. Però non ti preparano ad affrontare il mercato del lavoro. Sei chiuso in una bolla, senza nessuna possibilità di fare esperienza, dopo la laurea la cosa migliore che ti può capitare è di venire sfruttato all'interno di uno studio di architetti. Io ho sempre cercato di non pesare troppo sulla mia famiglia. Ho mandato curriculum ovunque, a raggi sempre più ampi: in città, in provincia, in regione, in tutto il territorio nazionale, nel mondo intero! La mia utopia è poter lavorare senza avere per forza un contratto di lavoro subordinato, per poter fare le attività che mi appassionano ed essere riconosciuta e apprezzata per questo. Il posto fisso mi spaventa ma io voglio un lavoro!! Basta con la formazione infinita. Ho voglia di 14 La grafica del Future lab Ferrara e la realizzazione del Totem Informativo sono a cura di Serena Maioli 15 Interviste realizzate da Tommaso Gradi e Natasha Czertok 16 Pagina facebook e twitter a cura di Francesca Tamascelli 23

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

5 fondata sul lavoro

5 fondata sul lavoro 5 fondata sul lavoro In Italia abbiamo 700 mila disoccupati tra i 15-24enni, e 4 milioni 355 mila ragazzi che non studiano, non lavorano, non sono in formazione (c.d. NEET), in grossa parte alimentati

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Micro.Stat Workshop laboratori

Micro.Stat Workshop laboratori Promozione e diffusione della cultura statistica Micro.Stat Workshop laboratori I numeri raccontano storie a chi li sa leggere. Le statistiche parlano di ciò che siamo e della società in cui viviamo. Chi

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli