Discorso dell Ambasciatore Reinhard Schäfers

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Discorso dell Ambasciatore Reinhard Schäfers"

Transcript

1 Discorso dell Ambasciatore Reinhard Schäfers Il Presidente Federale ha deciso di conferirle, Professor Magris, la Commenda dell Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania. Questa decisione è per noi tutti talmente chiara e ovvia che a questa frase non dovrei aggiungere nient altro. Tale riconoscimento appare addirittura così ovvio che il Suo editore tedesco, oggi purtroppo impossibilitato a venire a Roma, ci ha scritto di avere in realtà sempre creduto che Lei lo avesse ricevuto già da tempo. Sono pertanto molto lieto che Lei oggi sia qui da noi nella Residenza, caro Professor Magris, proprio per tale motivo. Ancorché sappiamo di non farle un vero piacere con questo invito. Lei stesso infatti una volta descrisse la situazione di oggi con queste parole: Uno scrittore celebrato e festeggiato, quando viene sollecitato a parlare di sé, ha spesso un desiderio di fuggire. Il riconoscimento e l onore che vengono tributati a un individuo sono un ora di gioia ma soprattutto di malinconia, perché costringono a fare un bilancio della propria vita... Lo posso ben capire! Una mia difficoltà oggi è dovuta al fatto che così tante donne e uomini importanti hanno cantato le Sue lodi che si corre il rischio di ripetere quanto è ormai fin troppo noto. In particolare Karl Schlögel, nella laudatio pronunciata nel 2009 in occasione del conferimento del Premio per la Pace degli Editori e Librai tedeschi a Francoforte sul Meno, descrisse in modo ineguagliabile il Suo ruolo di scopritore e geografo dell altra Europa, dell Europa centrale e orientale. Le Sue produzioni letterarie, dalla tesi di laurea sul mito asburgico nella letteratura austriaca

2 4 al Suo libro su Trieste e alla Sua grande opera sul Danubio, per citarne soltanto alcune, sono celebri e non è necessario ripeterle in questa sede. Oggi tuttavia, a seguito della crisi di fiducia e orientamento che sta attraversando l Unione europea, queste opere, divenute ormai da tempo dei classici, acquistano un importanza nuova e attuale. La storia di Trieste è una lezione sulle modalità di una convivenza riuscita in Europa. Se osserviamo, guidati da Claudio Magris, come a Trieste tedeschi, sloveni, austriaci e croati, cattolici ed ebrei nonché tutti gli altri abbiano vissuto insieme o fianco a fianco, se osserviamo come il tentativo di una delle parti di avere il predominio e di emarginare le altre abbia condotto sempre ad un impoverimento sia intellettuale che economico, se osserviamo come proprio la realizzazione di determinate aspirazioni nazionali abbia portato rapidamente al disincanto e come le vittorie abbiano solitamente spinto il vincitore nell isolamento, possiamo trarre alcune conclusioni per la nostra situazione odierna: 1. L Europa esiste da molto tempo, anche se a lungo non ha avuto istituzioni e trattati europei. Non dobbiamo pertanto volerla reinventare di continuo. Non dobbiamo nemmeno andare freneticamente alla ricerca di un identità. Una ricerca di identità troppo ansiosa porta troppo facilmente al mito e alla fossilizzazione, come dimostra il Professor Magris. 2. In Europa siamo diversi e possiamo anche continuare ad esserlo. È proprio la convivenza di culture diverse che sembra aver fatto un

3 5 tempo di Trieste una delle capitali letterarie della Mitteleuropa. Il consiglio del Professor Magris è di aprirsi all Altro senza perdere se stessi. 3. Sono proprio gli sviluppi più importanti che evidentemente ci sfuggono di mano: così come a Trieste le sedimentazioni del passato asburgico costituirono il terreno fertile che un tempo alimentò la letteratura triestina, anche dalle crisi dei nostri tempi può svilupparsi inaspettatamente qualcosa di nuovo. Lo stesso accade nella medicina: la crisi è il presupposto per la guarigione. Oltre al grande letterato, oggi onoriamo anche il commentatore politico Claudio Magris. Sono vastissime le tematiche e le occasioni in cui interviene. Tratta di pedagogia, di coraggio civile, di lotta contro l ipocrisia e ripetutamente del rapporto con la stupidità del male, con l idiozia della violenza che non ha scuse e che non può assolutamente indurre ad una reazione esagerata, se ad esempio è in gioco la dignità umana del criminale. Il tono di fondo che permea gli articoli di Magris è quello che noi tedeschi definiamo il gesunder Menschenverstand (il buon senso): Magris ci mostra quello che già sappiamo, quello che è giusto e sbagliato, buono e cattivo. Egli rifiuta ogni tipo di esagerazione, proprio anche quelle a fin di bene. Un saggio consiglio, così mi sembra, a tutti i commentatori di ogni provenienza in questa situazione di crisi europea. Claudio Magris è di un epoca, se mi è concesso dirlo, als das Lesen noch geholfen hat, ( in cui leggere ancora serviva ). Le sue asserzioni attingono sempre a conoscenze derivanti dalle sue letture e l intera letteratura mondiale è a sua dispo-

4 6 sizione come riferimento alle tematiche più attuali. Leggere serve a sopravvivere: Un libro ci aiuta a non essere soli col disordine che ci consuma E - per questo noi tedeschi gli siamo particolarmente grati - molto molto spesso, di fatto sempre, sono proprio gli spunti tratti dalla letteratura, dalla storia e dalla filosofia tedesca a costituire il punto di partenza, di arrivo o il momento di tensione delle sue riflessioni. Il lavoro di spiegare e mediare tra le culture e le lingue è tornato oggi a rivestire un importanza di primo piano. Mi chiedo: in fondo che cosa sappiamo veramente in Europa gli uni degli altri a sessant anni dal Piano Schuman? Io stesso, essendomi recentemente trasferito da Parigi a Roma, ho potuto constatare di persona come la mia immagine dell Italia, fatta di preconcetti, cliché e vecchie esperienze, ora stia cambiando quotidianamente e acquistando spessore. Ma quanta sensibilità linguistica, quanto impegno e tempo sono necessari per addentrarsi nella vita intellettuale di un altro Paese, di un altro popolo, affinché si possa parlare anche solo di un principio di comprensione! Claudio Magris per noi tedeschi rappresenta un doppio colpo di fortuna: i suoi scritti e saggi spiegano la Germania ai suoi lettori italiani, il che è già abbastanza difficile, ma d altra parte anche noi tedeschi ci rispecchiamo e riconosciamo in essi. Abbiamo la sensazione che Magris ci conosca meglio di noi stessi. Nell occhio dell Altro riconosciamo ciò che siamo. Professore Claudio Magris, alla fine del Suo saggio su La Politica Non Pop di Angela Merkel, in cui Lei loda come virtù la sobrietà e la razionalità tedesche ( più formica che cicala ), azzarda perfino una

5 7 sorprendente dichiarazione d amore in forma interrogativa, con tutte le cautele, le critiche e le riserve del caso, chiedendosi se si può forse tornare a dire la Germania che amiamo (richiamandosi alle parole di Benedetto Croce all indomani della seconda guerra mondiale la Germania che abbiamo amata ). Penso che i cinquant anni di lavoro da Lei dedicati alla Germania possiamo ben definirli utilizzando la grande parola amore, tuttavia: un amore critico, una passione che come ogni vera passione rende più acuto e più severo lo sguardo nei confronti di ciò che si ama. Con queste parole nel 1981 Lei descrisse l atteggiamento di Theodor Fontane nei confronti della Prussia. E benché ora siamo giunti senza accorgercene dagli Asburgo alla Prussia credo che con queste parole su Fontane Lei descriva anche se stesso. Illustre Professor Magris, spero di essermi espresso in modo comprensibile: noi Le siamo grati di cuore per la passione verso il nostro Paese e la nostra letteratura che ha pervaso tutta la Sua vita. Che Lei non possa fare a meno di esternare questa Sua passione ci rende ancora più felici. Oggi in Italia non abbiamo un miglior conoscitore del nostro Paese, della nostra lingua e cultura di Lei, un amico migliore di Lei è impensabile. Caro Professor Magris, alle parole voglio ora far seguire i fatti e procedo quindi alla lettura del diploma di conferimento.

6

7 Discorso del Professore Claudio Magris Questo riconoscimento mi tocca in modo particolare così come le parole generose con cui mi è stato consegnato mi hanno toccato profondamente, perché hanno colto con vera affinità elettiva di sentire alcune mie corde essenziali perché è il riconoscimento di un Paese che da una parte non è il mio, dato che sono italiano, e che quindi ha tutto il fascino insito nell attenzione che ci arriva dall altro, ma da un Paese che, in un certo senso, è anche quasi il mio. Non spetta a me dire se lo merito o no, ma certamente viene da un Paese in cui mi sento a casa, che non è semplicemente uno degli altri Paesi non certo meno degni dell Italia o della Germania ma è un Paese che fa parte della mia vita, che mi ha fatto crescere, in cui ho anche le mie o almeno molte delle mie radici culturali. Me ne accorgo anche da piccole cose. Quando scrivo un libro, chiaramente sono contento se le reazioni sono positive, ma quelle che provengono dalla Germania mi toccano più da vicino, mi allietano o mi feriscono di più, a seconda dei casi. Ricordo che nel 1956 io avevo diciassette anni giravo a piedi per l Abruzzo e una volta in un paesino allora si vedevano pochi forestieri in quei paesini di montagna si era formato un capannello di persone incuriosite, che volevano sapere chi fosse quel giovanotto arrivato. Ho sentito qualcuno che diceva: Deve essere un tedesco dell alta Italia. Chissà, forse in fondo non aveva tutti i torti. Da dove viene questo mio legame con la Germania, tutto quello che ho avuto e ricevuto fino a questa giornata di oggi, per me così significativa? Certamente, come è stato ricordato dall Ambasciatore, molto è dovuto alla mia appartenenza triestina. Io ho avuto la grande fortuna di conoscere alcuni dei sopravvissuti di quella grande generazione triestina precedente alla Prima guerra mondiale, alcuni di quei grandi irredentisti che spesso, come Slataper, avevano nomi non italiani. Sono stato molto amico di Marin, di Devescovi, che

8 10 erano imbevuti di una profonda cultura tedesca. Non austriaca, tedesca. Penso a Guido Devescovi, autore di uno dei primi saggi sul Doktor Faustus, che piacque tanto a Thomas Mann. In qualche modo mi colpiva una cultura che, in loro, si mescolava con la vita, con le contraddizioni e le passioni della vita. Si trattava di un interesse che non nasceva in modo scolastico, ma per ragioni vitali. Poi c erano anche alcuni pochi compagni di scuola, nella cui biblioteca di casa c erano altri classici, non italiani ma tedeschi. E dunque mi arrivavano, come da piccoli rivoli, molti elementi della cultura tedesca e della sua letteratura. Ciò non vuol dire che la letteratura tedesca mi affascinasse più di quella russa o di quella francese o italiana, ma in qualche modo la letteratura tedesca era insieme altra e molto vicina. Poi c è stata l importante esperienza della lingua. Ho cominciato a studiare tedesco quando avevo undici anni e ho avuto la fortuna di avere uno straordinario professore di tedesco, per certi versi criticabile ma bizzarro, geniale, cui molti di noi devono molto. Chi nasce o cresce monolingue identifica il mondo con la realtà: un bicchiere è un bicchiere, strano che altri lo possano chiamare in modo diverso, si pensa. Poi ci si accorge che le cose possono avere diversi nomi, che dicono la stessa cosa ma non proprio la stessa, perché la rendono in qualche modo diversa. E a poco a poco soprattutto grazie anche alla lirica, che questo esigente professore ci faceva leggere ecco che, ad esempio, per me da allora gli occhi azzurri non sono tanto azzurri quanto piuttosto blau; si impara o meglio si assorbe - anche inconsciamente - che le parole sono anche, in certi casi soprattutto, musica. Inoltre dovevamo - non si dimentichi che avevamo dodicitredici anni leggere dei giornali, ad esempio la Zeit, che ci raccontavano della realtà tedesca, anche quella di ogni giorno. E poi naturalmente c era la grande letteratura con cui venivamo confrontati e che non comprendeva solo classici come Goethe o Schiller ma anche altri autori. Ad esempio, a quattordici anni

9 11 quel professore ci ha fatto leggere le lettere di Lutero in cui definisce Enrico VIII in termini che qui non potrei certo riferire. Così imparavo a conoscere, a respirare quel mondo che Thomas Mann chiamava disperatamente tedesco quei grovigli di interiorità, di passione per l ordine, di vocazione al disordine che avrei incontrato più tardi in tanta grande letteratura. Poi c è stata, in questo cammino verso la Germania, l Università di Torino con un grande maestro di germanistica come Vincenti, che aveva vissuto tanti anni in Germania. Anche la frequentazione, dopo la laurea, in casa sua; sua moglie, la quale faceva parte di quella grande borghesia intellettuale ebraico-tedesca che era stata un spina dorsale della Germania e che era sopravissuta alla Shoah, aveva frequentato il George-Kreis, il circolo di Stefan George, uno dei grandi poeti del secolo; aveva conosciuto von Stauffenberg. Era sopravissuta alla Shoah, a quel culmine delle barbarie che è stata, fra le altre cose, anche un suicidio della Germania. Attraverso di lei ho conosciuto una delle componenti essenziali della grande civiltà tedesca ossia la simbiosi ebraico-tedesca, poi finita come sappiamo, che aveva costituito il nerbo della grande cultura tedesca. Ad esempio mi raccontava della passione patriottica della sua famiglia. Quando suo fratello, più anziano di lei, che era andato in guerra nel primo conflitto mondiale, nel 18 era tornato a casa in licenza, aveva detto al padre che la partita era persa e che la Germania avrebbe perso presto la guerra. Il padre, indignato, gli rispose: Come puoi credere che Hindenburg possa essere battuto? e per qualche giorno non volle parlare con lui, accusandolo di disfattismo. Anche qui, si trattava di respirare non solo un atmosfera culturale, ma anche un atmosfera umana in generale e di conoscere dunque non solo la letteratura tedesca, ma la Germania. Certamente è necessario leggere Stefan George,

10 12 e io l ho fatto con passione, ma conoscere persone che avevano frequentato gli ambienti in cui egli era vissuto, apprendere le storie del suo mondo, insomma accostarsi alla vita quotidiana legata a quelle grandi opere era un modo, una chiave per entrare nella cultura e nella realtà tedesca. E per questo che ho con la letteratura tedesca un rapporto che non ho con le altre grandi letterature, le quali certamente non sono meno grandi e non significano meno nella mia formazione, ma che non vivo in questo loro rapporto diretto con la realtà in cui sono nate. Un grande germanista e filosofo triestino, Carlo Antoni, parlava del pathos che c è nella parola Kultur ; pathos di una cultura intesa come tentativo di cogliere le categorie fondamentali per capire la storia e soprattutto per capire la vita vera e le possibilità di vita vera. C è un genere letterario tipicamente tedesco che mi ha segnato profondamente ed è il Bildungsroman, il romanzo di formazione, un genere nato nell età di Goethe e di Hegel e che affronta uno dei problemi fondamentali della civiltà moderna e contemporanea, essenziali ancora oggi, ossia la domanda se - in un mondo che stava già allora diventando sempre più complesso e sempre più difficile da vivere direttamente per il singolo individuo, processo che nei decenni successivi si è accentuato e sta ancora accentuandosi l individuo può inserirsi attivamente nel suo meccanismo, divenendo un utile componente di tale meccanismo (della prosa del mondo, come diceva Hegel) conservando la propria personalità, i propri valori, la propria individualità, oppure invece se egli, per diventare un elemento positivo in questo grande ingranaggio deve amputarsi di una buona parte della sua individualità, di molti suoi sentimenti e passioni, dei sogni che ha nel cuore. Questa domanda continuerà a suonare nei decenni successivi riemerge, ad esempio, anche se in forma semplificata, nell uomo a una dimensione di Marcuse.

11 13 Sono stato profondamente influenzato da tanti aspetti delle letteratura tedesca, che qui non posso nemmeno elencare, e che vanno dalla lirica romantica al grande romanzo novecentesco, dai grandi autori teatrali alla grande saggistica. Un profondo influsso, sul mio modo di pensare e di sentire, l ha avuto quella grande cultura tedesca tra fine 800 e inizi 900 (penso a Max Weber, a Simmel e ad altri) che, analizzando anche problemi sociologici (la burocrazia, il denaro), si è cimentata con le domande ultime sul senso della vita e dell uomo, sulla possibilità o meno di vivere una vita vera, una vita autentica. Si tratta di problemi centrali della modernità che la cultura tedesca non è certo stata l unica ad affrontare ma ha vissuto con particolare intensità, nel suo nesso strettissimo tra filosofia (intesa come domande sul senso del vivere) e letteratura (intesa come capacità di calare queste domande nella vita concreta dell individuo). Nel mio noviziato ci sono stati anche altri momenti, a parte il Goethe- Institut, di cui frequentavo ogni anno l ultimo corso, la Oberstufe 2, quando frequentavo l Università di Torino. Ero un po il beniamino dell istituto e molto spesso ricevevo piccole borse di studio che mi permettevano soggiorni in Germania. Varie città tedesche sono diventate così città della mia vita. Tübingen, ad esempio, dove ho anche recitato avevo ventun anni - in Mittelhochdeutsch (medio alto tedesco), in un dramma di Hans Sachs, nel quale facevo la parte di un contadino sciocco a cui i ladri rubano tutto e che poi regala ai ladri anche il suo cavallo. A dire il vero ho recitato perché nella compagnia di studenti c era anche una bellissima ragazza danese e io speravo, in questo modo, di avere qualche chance maggiore, ma purtroppo le cose non sono andate così. Parecchi anni dopo lei si è pentita, ma era troppo tardi A dire il vero, questa esperienza non ha nulla a che fare con la passione per il teatro che ho avuto in seguito e che mi ha portato anche a tradurre molti grandi testi teatrali tedeschi, di Kleist, Büchner, Grillparzer ed altri.

12 14 Nei confronti della Germania c è soprattutto c era anni fa, anche fra i germanisti - una sorta di complesso, una riserva aprioristica nei confronti della Germania, quasi un mettere le mani avanti a scusarsi di occuparsi di un paese sul quale era doveroso avere molte riserve. Non ho mai condiviso questo atteggiamento e non perché non abbia voluto condividerlo, ma semplicemente perché non ho avuto questo sentimento. Certamente è giusto avere delle riserve verso ogni paese, a cominciare dal proprio, e certamente nella storia tedesca vi sono anche pagine orribili, come la pagina forse più infame della storia del mondo scritta con la Shoah, sulla quale il giudizio deve essere, ovviamente, durissimo e sempre vigile. Ma tutto ciò non giustifica altri pregiudizi che pesano sulla Germania, così come pregiudizi d altro genere pesano su altri Paesi e altre culture. Si pensi ad esempio all iniqua e ingiusta pace cartaginese, come l ha definita Massimo Salvadori, imposta alla Germania con il trattato di Versailles, attribuendo alla Germania la responsabilità della Prima guerra mondiale, cosa assolutamente falsa, perché di questa inutile strage e di questo suicidio d Europa, come allora Benedetto XV aveva definito la Prima guerra mondiale, sono stati egualmente colpevoli tutti e la Germania non era né migliore né peggiore dell Inghilterra o della Francia. Probabilmente, rispetto all Inghilterra, era ad esempio un po meno avanzata sul piano del liberalismo parlamentare, ma certamente più avanzata sul piano della tutela sociale. Come ogni male, anche questa ingiustizia della pace di Versailles è stata stupida, perché ha contribuito all ascesa dell efferata tirannide nazista. Poi ci sono state molte altre tappe, molte altre dimore della mia vita tedesca. Anzitutto Freiburg in Breisgau, nella Foresta Nera, dove ho passato, grazie a una borsa di studio, tre semestri indimenticabili. Sia perché l Università di Freiburg era estremamente viva e culturalmente ricca, c erano molti maestri di cui seguivo le lezioni, ad esempio ma è uno solo fra i tanti Walter Rehm sia

13 15 perché c era tutto un ambiente culturale assai vivo. Poco lontano, nella Foresta Nera, c era la famosa Hütte, che evoca i nomi di Heidegger, Celan, cui era vicino un altro professore che seguivo all università, Gerhard Baumann. Ma soprattutto c era la locanda dove ho abitato, il Goldener Anker, gestito da tre generazione femminili, la nonna, la Omali, la madre, Pauline, e la figlia Angelika, col fratello Friedrich. Normalmente, era solo una locanda dove si andava a mangiare e a bere, non un albergo, ma c era un unica stanza, che in genere non affittavano, ma a me sì. Ho abitato per quasi due anni, e, a parte lo studio, sono entrato nella vera e propria vita tedesca. Non era un luogo per turisti; era frequentato soprattutto dalla gente del quartiere Uhlandstrasse 13 in genere artigiani, con i quali la sera chiacchieravo e giocavo a carte. Ogni tanto, quando nel quartiere c era un matrimonio, mi si chiedeva di fare da testimone, evidentemente avere un testimone proveniente da un altro paese dava un aura di prestigio alle nozze del rione. Il Goldener Anker è stato per me una vera Alma Mater, come le Università di Torino e di Trieste; quella famiglia la considero un po mia. Quando sono ritornato in Italia, ho portato con me la chiave del locale e, almeno una volta all anno, capitavo d improvviso, magari a mezzanotte, entravo nel locale, se la famiglia dormiva andavo in cucina, mi tagliavo una fetta di Speck; in genere a sentirmi era la nonna che mi diceva, vedendomi: Biste wieder da?. Quando, dopo qualche anno, mi dissero che avevano deciso di vendere il locale mi sentii spaesato, un po senzatetto, tanto che telefonai subito a Trieste, a mia moglie, dicendole: Non ci sarà più il Goldener Anker, non abbiamo più casa!. Poi ci sono state le altre città: la Berlino divisa, Francoforte, soprattutto Monaco, dove ho più volte insegnato, dove ho la mia casa editrice, Hanser. E tante altre cose ancora, per non parlare delle città, cittadine e paesi lungo le rive del Danubio. C è un altro aspetto della cultura tedesca che oggi potrebbe offrire un buon esempio da imitare, nei modi appropriati e adeguati alla situazione del

14 16 momento, nel corso della crisi economica che tutta l Europa sta vivendo. Sto parlando della tradizione del capitalismo renano o tedesco rispetto al capitalismo anglosassone. Su questo tema c è un bel libro di Michel Albert Capitalismo contro capitalismo. Il capitalismo renano è una tradizione tedesca, all interno del capitalismo, che punta a valorizzare il risparmio, a porre l accento più sulla produzione che sulla speculazione, più sulla Banca che sulla Borsa. A porre l accento piuttosto sulla durata durata e continuità di ragionevoli profitti piuttosto che avventure gigantesche e brevi, durata di rapporti fra imprese e proprietà e di rapporti fra clientela e impresa. È uno stile di vita diverso dalla corsa al profitto immediato, all instabilità dell azzardo, corsa che è anche geniale e avventurosa ma in sé, come la realtà di oggi sta dimostrando, qualcosa di pericoloso. Anche l idea dello Stato, che fin dai tempi di Bismarck non interviene in senso statalista sull economia, ma garantisce il rispetto di alcune regole fondamentali. Questo capitalismo renano è un capitalismo che ama più le regole che la deregulation. Esso implica anche l idea che correggere le disuguaglianze non sia soltanto un fatto morale, un esigenza etica di correggere l ingiustizia, ma anche garantisca una vita ordinata e un benessere generale. Una tradizione che privilegia la solidità; una mentalità in cui esiste non solo la commodity ma anche la community e in cui tra i beni c è naturalmente il lavoro, ma vi sono anche le condizioni di lavoro, le quali sono un bene, come lo stipendio che si percepisce. Come ha sottolineato efficacemente Albert, questo capitalismo renano può apparire meno affascinante - meno sexy, egli scrive - di quello anglosassone con la sua idolatria dell effimero, con la sua febbre di successo che brucia, con la sua atmosfera hollywoodiana in cui danaro ed eros trascolorano l uno nell altro. Nel suo libro, Albert paragona la rassicurante corposità del cancelliere Erhard, artefice del miracolo

15 17 economico, col suo amabile sigaro e la sua rispettabile pancia, e il fascino trasgressivo di Michael Milken, detto The King, il re americano del gioco in borsa e della speculazione finito peraltro in galera con la condanna di dieci anni. E interessante notare come, da molto tempo e per molto tempo, la cultura politica o meglio politico-filosofico italiana abbia sempre trovato i suoi riferimenti nella cultura tedesca. Il liberalismo crociano, a lungo egemone in Italia, aveva i suoi punti di riferimento nell idealismo tedesco; il marxismo così rilevante in Italia dopo la Seconda guerra mondiale si è riferito a modelli teorici tedeschi, basti pensare al grande influsso di Lukács soprattutto per quel che riguarda il profondo intreccio tra politica e letteratura. Quando la sinistra italiana è passata dal modello classico lukacsiano a modelli più sperimentali avanguardistici, ancora una volta il punto di riferimento sono stati i tedeschi, basti pensare a Brecht. Anche il pensiero contestativo, l anima della protesta sessantottesca ha avuto la sua origine in modelli culturali tedeschi, nella Scuola di Francoforte. E, ancora, la riscoperta di Nietzsche in chiave libertaria, che ha caratterizzato e continua a caratterizzare una parte della sinistra, ha trovato il proprio grande modello nella cultura tedesca. Sono infine molto grato all Ambasciatore per il suo accenno a quel mio piccolo articolo in cui tessevo le lodi del costume politico tedesco. La politica tedesca al di là delle singole prese di posizione dell uno o dell altro governo, sulle quali si può essere d accordo o in disaccordo ha mantenuto uno stile meno inquinato da quella politica pop che mescola indecentemente pubblico e privato; una politica pop che ha caratterizzato e continua a caratterizzare l Italia ed ha inquinato pure altri paesi, ad esempio la Francia, in parte la Spagna. Questo deriva forse dalla generale decadenza della borghesia. Io ho inventato una parola che purtroppo diventa sempre più valida, in Italia come in altri paesi,

16 18 anche se forse, almeno per ora, in Germania un po meno. La parola è Lumpenbourgeoisie. Marx parlava di Lumpenproletariat, proletariato pezzente, riferendosi a un sottoproletariato talmente oppresso e incapace di svilupparsi intellettualmente, culturalmente e politicamente, incapace di assumere una coscienza di sé, da essere disponibile per ogni avventura politica regressiva, per il populismo e il fascismo. Questa parola, Lump, pezzente nel senso che ho ricordato, ha una forte valenza nella tradizione socialista. Ricordo che, dopo uno dei primi delitti delle Brigate Rosse, Pertini parlò di questi pezzenti che disonorano un colore per noi sacro ; non intendeva certo riferirsi alle condizioni economiche dei terroristi, fra l altro spesso tutt altro che misere, bensì a quella degradazione mentale e ideologica. Oggi abbiamo una Lumpenbourgeoisie, una borghesia culturalmente, intellettualmente e moralmente pezzente che ha perso le grandi qualità che ne avevano fatto una vera classe dirigente, una spina dorsale del Paese. Vorrei concludere con una delle tante testimonianze di amore per la Germania, in questo caso particolarmente significativa per la persona da cui proviene, il fratello di Gershom Scholem, uno dei più grandi rappresentanti della cultura ebraica, magistrale studioso di mistica ebraica. Questo suo fratello era un patriota tedesco e, anzi, da studente era stato membro delle associazioni studentesche tinte di nazionalismo; era profondamente convinto del primato culturale e spirituale della Germania in Europa. Riuscì a sopravvivere alla Shoah e si trasferì in Israele. Un giorno, durante una conferenza stampa, un giornalista gli chiese se, dopo tutto ciò che era accaduto, dopo la spaventosa atrocità dello sterminio, era sempre convinto che alla Germania spettasse quel primato culturale in Europa. Al che egli rispose: Certo! Non penserà che basti un Hitler qualunque per farmi cambiare idee e sentimenti.

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

Narrativa Aracne 140

Narrativa Aracne 140 Narrativa Aracne 140 Monica Blesi Un imprevedibile estate Si consiglia ai teenager e ai loro genitori Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha Libertà. Per capire il significato di questa parola, bisogna conoscere il significato della parola opposta: prigionia. Questo termine significa essere prigionieri, schiavi, servitori di un padrone. Non

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa Banchese Focus 1 Introduzione 2 Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa (si rimanda, in particolare, ai numeri 35 e 36 relativi ai alle imprese è un argomento ancora

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Il cammino di Santiago

Il cammino di Santiago Il cammino di Santiago Le statistiche e le motivazioni Copyright itineraria www.itineraria.eu Pag. 1 Arrivi di pellegrini a Santiago 300.000 250.000 200.000 150.000 100.000 50.000-1986 1987 1988 1989 1990

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION PROGETTO N. 360714-4.6-DE-2011-R1 PERIODO APRILE 2012 A MAGGIO 2013 RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION AMU - ASSOCIAZIONE AZIONE PER UN MONDO UNITO A SCUOLA DI CITTADINANZA GLOBALE Questa attività ha

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite secondo il ritmo e la logica di un altra lingua, quella

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

di Marie-Claire Hoock-Demarle

di Marie-Claire Hoock-Demarle ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ERASMO da ROTTERDAM Linguistico Scienze Sociali Viale Italia, 409 20099 Sesto San Giovanni (MI) tel. 022428129 - fax 0226224369 - sito web www.erasmosesto.eu - email: mipm070008@istruzione.it

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE

ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE ECCO LA MIA ESPERIENZA COME HO VISSUTO LO SPORT DA DISABILE Ciao a tutti, io sono Andrea referente locale Ferrara-Bologna per Aismac. Sono affetto da una Siringomielia traumatica dorsale e da una amputazione

Dettagli

Poesia pronuncio questa parola e mi rivedo bambina, nei caldi pomeriggi estivi,

Poesia pronuncio questa parola e mi rivedo bambina, nei caldi pomeriggi estivi, Poesia pronuncio questa parola e mi rivedo bambina, nei caldi pomeriggi estivi, impiegare il mio tempo (durante la pennichella di mamma) a sporcare di versi infantili fogli strappati dai quaderni di scuola.

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Il benessere educativo che i figli ci chiedono

Il benessere educativo che i figli ci chiedono Il benessere educativo che i figli ci chiedono Maristella Meli IL BENESSERE EDUCATIVO CHE I FIGLI CI CHIEDONO affetto e disciplina nella genitorialità www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maristella

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015

La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 La XXIV giornata mondiale della salute mentale: il 10 Ottobre 2015 Evento Flashmob Pensieri raccolti nel gruppo: Sabato ci siamo trovati al Centro e dopo aver indossato le magliette siamo andati tutti

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE

IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE Padre Livio: Vediamo ora tre incontri di Ivan con tre gruppi di pellegrini. Sono in gran parte dei giovani. E possiamo ben dire che gli incontri con

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Newsletter Ufficio Programmi Internazionali

Newsletter Ufficio Programmi Internazionali Newsletter Ufficio Programmi Internazionali Università degli Studi di Bergamo 01/06/2015 Bimestrale, Numero 4 Prepararsi alla partenza. Pronti? Via!!! Aspettative vs realtà Ogni partenza porta con sé,

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE

Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE Illusione reale Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE manuale www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Daniele Tuzi Tutti i diritti riservati Dedicato a coloro che sanno come camminare nell Inferno di questi giorni

Dettagli

Solo le montagne non s incontrano mai

Solo le montagne non s incontrano mai Laura Boldrini Solo le montagne non s incontrano mai Storia di Murayo e dei suoi due padri Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06364-7 Prima edizione: marzo

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto

Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Stelio Mattioni Lo scrittore perduto Intervista a Maria Mattioni Oblique Studio 2010 Stelio Mattioni. Lo scrittore perduto. Intervista a Maria Mattioni di Annalisa Bizzarri Oblique Studio 2010 La signora

Dettagli

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project

BAOBAB ACADEMY An Amicus Onlus Project TWUM-ANTWI KWUKU Età: 29 anni Ho finito la scuola superiore 5 anni fa nella regione Ashanti con un buon punteggio ma, per mancanza di denaro, non ho potuto continuare a studiare. Ho deciso quindi di lavorare

Dettagli