Il Business Plan. Note introduttive Un esempio pratico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Business Plan. Note introduttive Un esempio pratico"

Transcript

1 Il Business Plan Note introduttive Un esempio pratico 1

2 Il Business Plan note introduttive Le possibili finalità: da strumento di valutazione di un investimento a documento strategico operativo supporto alle decisioni strategiche strumento per reperire risorse finanziarie strumento per promuovere rapporti con nuovi partner industriali strumenti base per la ricerca di un acquirente strumento per superare una crisi Le diverse terminologie Piano strategico Piano industriale Contingency Plan Piano di ristrutturazione/di risanamento 2

3 Il Business Plan note introduttive Le fasi: la situazione attuale l analisi dello scenario macro e dell ambiente competitivo il sistema di prodotto e il posizionamento strategico la struttura e la situazione d impresa la diagnosi sulla situazione attuale le ipotesi sottostanti il piano il piano d azioni lo sviluppo economico finanziario l orizzonte temporale Riscontri e simulazione di scenari alternativi ed effetto economico-finanziario l analisi di sensitività al variare di.. 3

4 LA FORMULA IMPRENDITORIALE: MODELLO DI RIFERIMENTO PER L ANALISI STRATEGICA Sistema competitivo Sistema dei soggetti interessati a Impresa Alfa Prodotti e servizi offerti Struttura Proposta progettuale Sistema competitivo: i concorrenti e il sistema di norme, regole e del contesto ambientale che regola la competizione, caratteristiche dei clienti e dei fornitori di Impresa Alfa Prodotti e servizi offerti da: sono le varie tipologie di offerte, promozioni, assortimento, servizi aggiuntivi, assistenza nella vendita Struttura: struttura organizzativa, sistema informativo, sistema di controllo, sistema premiante, struttura economico e finanziaria di Impresa Alfa (combinazione tra risorse umane, finanziarie e tecniche e loro caratteristiche) Soggetti interessati a Impresa Alfa: azionisti, dipendenti, fornitori, clienti, banche Proposta progettuale: linee strategiche su cui si richiede una convergenza (anche solo implicita) di consensi (da parte di clienti, fornitori, collaboratori e dipendenti chiave ) 4

5 LA FORMULA IMPRENDITORIALE: MODELLO DI RIFERIMENTO PER L ANALISI STRATEGICA CARATTERI DISTINTIVI DELLA FORMULA IMPRENDITORIALE NELLE IMPRESE DI SUCCESSO Sistema competitivo Sistema dei soggetti interessati a Impresa Alfa fattori critici di successo aspettative di fondo Prodotti e servizi offerti da Impresa Alfa Struttura di Impresa Alfa Proposta progettuale di Impresa Alfa vantaggi concorrenziali -di prezzo -da differenziazione competenze distintive (rispetto a quelle dei concorrenti) cultura aziendale forte vantaggi differenziali percepiti dai soggetti interessati a Impresa Alfa continuità autonomia economicità coesione fiducia soddisfazione 5

6 IL CIRCUITO VIRTUOSO DELLE IMPRESE ORIENTATE ALL ECCELLENZA SOVENTE OCCORRE FARE LEVA SU: Profitto Posizione competitiva forte Coesione dei soggetti interessati Vantaggio concorrenziale difendibile Competenze e caratteri distintivi di Alfa spa rispetto agli altri Proposte attrattive 6

7 LE VARIABILI ORGANIZZATIVE da esaminare STRUTTURA ORGANIZZATIVA (organigramma, macroattività, pesi % dei tempi) CHI FA, CHE COSA, A CHI RIPORTA ORGANIZZAZIONE AZIENDALE MECCANISMI OPERATIVI (flussi di lavoro, sistema informativo, sistema di controllo e di valutazione, sistema motivazionale) COME SI FA, COME SI CONTROLLA CLIMA DI LAVORO (rapporti interpersonali, interfunzionali, comportamenti, stili di direzione) 7

8 La situazione attuale esempio tratto da azienda alberghiera PRODOTTO/SERVIZIO VENDITE ASA 1: 45% occupazione nel 2006 con Olimpiadi invernali ASA 2: 40% occupazione nel 2006 con Olimpiadi invernali Ricavi per camera in crescita: ASA ; ASA ASA1: offerta alberghiera di tipo familiare standard però non conforme al 4 stelle ASA 2: offerta da 4 stelle potenzialmente valida ma attualmente basica e senza anima Nota: ASA: area strategica d affari:qui corrispondono a 2 hotel MARKETING Presenza di un sito sufficiente Materiale promozionale minimo Manca una strategia di marketing Non c è attività di PR e di comunicazione STRUTTURA ALBERGHIERA ASA 1 Struttura datata Camere piccole Carenza camere a due letti Zona congressi sottodimensionata Cucina mal ubicata Sala pranzo piccola Necessità di interventi di ristrutturazione ASA 2 Struttura moderna Centro congressi notevole Sala ristorante sotto terra Location in area in via di riqualificazione Hard discount inserito nel contesto Possibilità di ulteriori valorizzazioni GESTIONE Il ruolo di imprenditorialità alberghiera non è svolto L approccio è di progressivo spegnimento dell attività Non c è fiducia nel futuro SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA Situazione finanziaria e patrimoniale solida Cash flow generati soddisfacenti Elevate perdite Pesante carico di leasing, affitti e ammortamenti del Fortino ORGANIZZAZIONE Mancanza di un commerciale dedicato Struttura all osso I due Direttori demotivati Manca il Budget e il reporting alla Proprietà Il personale operativo nelle due strutture fa squadra 8 8

9 La diagnosi PRODOTTO/SERVIZIO VENDITE MARKETING GESTIONE STRUTTURA ALBERGHIERA ASA1 ASA 2 ORGANIZZAZIONE punti di forza punti deboli punti molto deboli SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 9 9

10 Il business plan per gestire la crisi rif.: art 67 c.3 lett d LF; art.33 c.1 DL n.83 Piani di risanamento Art. 182 bis LF Accordi di ristrutturazione Art. 186 bis LF Piano di concordato preventivo in continuità NEI 3 CASI E RICHIESTO IL PIANO ASSEVERATO L attestato del piano ex art 67 LF da parte del professionista incaricato dal debitore: Il professionista deve esprimersi non più sulla mera ragionevolezza del piano, ma sulla veridicità dei dati aziendali e sulla fattibilità del piano (DL n83) 10

11 Le condizioni perché un piano sia credibile stanno nelle COERENZE tra le sue diverse componenti l approccio system dynamics è uno strumento logico/informativo di grande aiuto per dare RIGORE e COERENZA al piano 11

12 COS E IL SYSTEM DYNAMICS Senza entrare qui nella disamina dettagliata dell argomento, si può dire cheilsystemdynamicsmetteinrelazionelevariabilidiunsistema,in modo «circolare», evidenziando i circuiti di retroazione in modo sia qualitativo che quantitativo. VARIABILE X VARIABILE Y VARIABILE X VARIABILE Y RELAZIONE STATICA LINEARE CAUSA-EFFETTO Un semplice esempio: + ORDINI CLIENTI + INVESTIMENTI IN R&S RICAVI RELAZIONE DINAMICA CIRCOLARE CAUSA-EFFETTO + UTILI + Fornisce quindi una visione sistemica e dinamica dell impresa e permette di ottenere molteplici simulazioni quantitative, lungo qualunque orizzonte temporale, tenendo conto di tutte le variabili interrelate in modo dinamico. 12

13 STEP 1 LA COSTRUZIONE DEL SISTEMA Il primo passo consiste nell analisi di tutte le variabili del sistema e le possibili relazioni qualitative tra di esse. 13

14 STEP 2 LA DEFINIZIONE DELLE FORMULE MATEMATICHE CHE LEGANO LE VARIABILI Il secondo passo consiste nel definire le relazioni mediante formule matematiche: In questo modo è possibile ottenere una visione anche quantitativa, potendo simulare diversi scenari e vedendo graficamente nel tempo l effetto di tali simulazioni (dimensione dinamica). 14

15 SINTETIZZANDO RISULTA QUINDI UN MODELLO con forte impatto visivo/ dinamico - DI ANALISI/GUIDA STRATEGICA (al servizio dell impresa, pur mediato da un professionista): - PER SUPPORTARE LE DECISIONI DELL IMPRENDITORE, - PER DARE MAGGIORE RIGORE/LOGICA AL BUSINESS PLAN LA SUA FORZA STA NEL FATTO CHE NON SI LIMITA A DISEGNARE LA SITUAZIONE «AS IS» DAL PUNTO DI VISTA QUALITATIVO O AD EFFETTUARE SIMULAZIONI QUANTITATIVE WHAT-IF STATICHE, MA PERMETTE, ANCHE E SOPRATTUTTO: SIMULAZIONI QUANTITATIVE DINAMICHE (sull asse temporale). 15

16 ESEMPIO DI BUSINESS PLAN Il caso della impresa FC 16

17 SOMMARIO 1. Caratteristiche del business 2. Scenario competitivo 3. Fattori critici di successo 4. La posizione competitiva di F C - la sua evoluzione - l attuale rete di vendita - le azioni marketing e sulla struttura 5. Linee strategiche di sviluppo e piano degli investimenti Consuntivo Piano economico-finanziario con proiezione al

18 1. Caratteristiche del business Settore della distribuzione organizzata con focus sui beni di consumo per animali domestici: Tutto per i tuoi animali da compagnia Varietà di cibi e diete specializzate per ogni tipo di animale da compagnia, accessori per la loro salute Self service per i prodotti di mantenimento dell animale combinato con assistenza alla clientela per esigenze particolari che vanno dalla salute, all igiene e all estetica dell animale 18

19 2. I concorrenti di F C Area alto milanese e provincia di Varese (dove opera F C) Concorrenti diretti rappresentati da numerosi negozi singoli con gestione familiare Altri concorrenti (però non focalizzati solo nel settore specifico e con un offerta/gamma molto più limitata): reparti petfoods di supermercati, consorzi agrari, gardencenter La dimensione dei negozi nel settore va da 100 a 1000 mq 19

20 2. I concorrenti di F C - segue Altre aree geografiche in Italia Sono presenti anche catene distributive specializzate nel business per animali da compagnia con più punti vendita (mediamente da 5 a 10). In particolare si distinguono: due grandi operatori in Italia sempre nel settore specifico, entrambi in fase di espansione: Agrifarma SpA - controllata da Credem Venture Capital: opera con marchio Arcaplanet in Liguria, Emilia e Toscana con circa 25 punti vendita di proprietà, 70 dipendenti e circa 12 mln di euro di fatturato; DMO SpA: opera con marchio L Isola dei Tesori nel Triveneto ed Emilia Romagna con 30 punti vendita di proprietà e 18 affiliati 20

21 3. Fattori critici di successo Localizzazione dei punti vendita in zone di grande passaggio con possibilità di ampio parcheggio Dimensione del giro d affari dell impresa, fare massa critica : sconti significativi sugli acquisti di merci - legati ai volumi: catena di punti vendita con marchio proprio Pubblicità mirata (affissioni, camion vela ) Sistema informatico per la gestione e il controllo efficiente 21

22 3. Fattori critici di successo - segue Punti chiave per differenziarsi anche dai concorrenti non specializzati nel settore (supermercati, garden center.) Personale di vendita ben addestrato con competenze tecniche per dare assistenza alla clientela Ampia gamma di prodotti Vendita acquari e pesci tropicali e assistenza specialistica nella vendita (è un segmento di mercato a margini elevati) Esposizione e vendita piccoli animali domestici (piccoli roditori, uccellini ): è uno strumento di promozione per la vendita dei prodotti base Punti vendita in franchising con acquisti gestiti per conto degli affiliati: permette maggiori volumi di acquisti con ricadute sui prezzi di acquisto delle merci per i punti vendita di proprietà, oltre a interessanti royalties da affiliati Sito internet 22

23 4. La posizione competitiva di F C F C STA GIA FACENDO LEVA SU TUTTI I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO EVIDENZIATI 23

24 4. La posizione competitiva di F C F C E IL PRIMO GRUPPO NEL SETTORE IN LOMBARDIA CON 6 PUNTI VENDITA DI PROPRIETA E 4 AFFILIATI CON UN TOTALE DI 35 DIPENDENTI E RICAVI NEL 2006 PARI A 5,9 MILIONI ( 6,8 MILIONI QUANDO TUTTI GLI ATTUALI P.V. SARANNO A REGIME) 24

25 4. La posizione competitiva di F C L evoluzione di F C Sul mercato dal 1999 con acquisizione di due punti vendita anno 2000: acquisizione di terzo punto vendita anno 2001: acquisizione quarto punto vendita anno 2003: apertura quinto punto vendita anno 2005: avvio del progetto franchising con 3 affiliati anno 2006: apertura del sesto punto vendita di proprietà e del quarto affiliato la superficie dei punti vendita va da 300 a 800 mq 25

26 4. La posizione competitiva di F C - segue L attuale rete di vendita Punti vendita di proprietà con locali in affitto RICAVI 2006 (000) euro N PERSONE (36) Busto Arsizio Gallarate Vergiate Gerenzano San Vittore Olona Varese (aperto nel luglio 2006) Punti vendita affiliati - franchising Abbiategrasso Casacco (Udine) Mesenzano Saronno (aperto nel 2006) Sede (Busto Arsizio) (amministratore unico) 26

27 PIANO SINTESI ECONOMICA con proiezione al 2011 Migliaia di EURO - nuovi punti vendita di proprietà nuovi punti vendita affiliati gestione delle consegne a domicilio spese incrementali della struttura comune EBITDA incrementale generato dalle iniziative di piano gestione corrente (EBITDA del 2006) negozi preesistenti e ancora in fase di sviluppo affiliati preesistenti ancora in fase di sviluppo Margine operativo lordo totale - EBITDA A Totale investimenti B Totale cash flow annuo A - B Totale fabbisogno finanziario cumulato Ricavi nuovi punti vendita Ricavi punti vendita preesistenti Incremento ricavi punti vendita preesistenti TOTALE RICAVI PUNTI VENDITA DI PROPRIETA' Ricavi consegne a domicilio Ricavi nuovi punti vendita affiliati Ricavi preesistenti punti vendita affiliati TOTALE RICAVI PUNTI VENDITA AFFILIATI TOTALE RICAVI

28 5. Linee strategiche di sviluppo e piano degli investimenti Il progetto strategico ACCELERARE IL PROCESSO DI SVILUPPO ATTRAVERSO TRE DIRETTRICI: Incremento dei punti vendita di proprietà Sviluppo della rete di franchising Organizzazione, avvio e sviluppo della vendita a domicilio 28

29 5. Linee strategiche di sviluppo e piano degli investimenti - segue Incremento dei punti vendita di proprietà mediante: - apertura di punti vendita nuovi e - acquisizioni di punti vendita sul mercato Sviluppo della rete di franchising per aumentare i volumi di acquisto e spuntare sempre più vantaggiose condizioni dai fornitori; contratto con società di consulenza per la ricerca e lo sviluppo di nuovi affiliati Organizzazione e avvio della vendita a domicilio partendo dall attuale area di influenza, con lo sviluppo di una flotta aziendale di automezzi di proprietà che esporranno il logo aziendale, al fine di dare maggiore visibilità/notorietà all azienda nelle zone dove transiteranno 29

30 5. Linee strategiche di sviluppo e piano degli investimenti Le azioni in corso di realizzazione nel 2007 sono in linea con il progetto strategico: Apertura di 2 nuovi punti vendita di proprietà a Milano e di 2 nuovi punti vendita affiliati in provincia di Udine Introduzione della fidelity card Organizzazione delle vendite a domicilio Nuova sede e rafforzamento della struttura direzionale e di controllo 30

31 5. Linee strategiche di sviluppo e piano degli investimenti : apertura di 3 punti vendita di proprietà e 3 affiliati 2009: apertura di 5 punti vendita di proprietà e 5 affiliati Ciascun punto vendita di proprietà (superficie media 500 mq) comporterà un investimento iniziale di (per allestimento, prima fornitura e pubblicità), ricavi attesi per il primo anno, il secondo, il terzo, margine di intermediazione pari al 40% dei ricavi e spese di gestione (personale del punto vendita, affitto e varie di gestione) per I punti vendita affiliati (per i quali F C gestisce gli acquisti di merci, acquistandole e rivendendole al costo agli affiliati) non comportano investimenti ma solo proventi da royalties (8% sui ricavi) e premi incrementali da fornitori su acquisti merci tra i 10 e i euro all anno. 31

32 5. Linee strategiche di sviluppo e piano degli investimenti Progetto consegna a domicilio: si stimano spese annue di gestione di circa per personale (5 addetti alle vendite e 2 alle consegne), pubblicità, affitto magazzino di 1000 mq, noleggio di 5 furgoni, spese carburante e varie di gestione; i ricavi attesi sono stimati per il primo anno in /mese per furgone, il secondo anno in /mese e il terzo in /mese per raggiungere il livello di regime il quinto anno con /mese per furgone. 32

33 5. Linee strategiche di sviluppo e piano degli investimenti Adeguamento della struttura comune: a supporto dei nuovi negozi di proprietà, si prevede nel periodo un incremento graduale di personale fino a un totale di 4 addetti per punto vendita e l inserimento di un capo area a supporto della gestione acquisti dei nuovi punti vendita affiliati si prevede l assunzione di 1 addetto ogni nuovi 5 affiliati 33

34 5. Linee strategiche di sviluppo e piano degli investimenti Piano In sintesi lo sviluppo economico-finanziario del piano proiettato fino al 2011 comporta nell insieme dei 4 anni ( ) a fine 2010: investimenti complessivi per ca. perdite operative (EBITDA) generate dalle nuove iniziative pari a ca. margine operativo (EBITDA) risultante da iniziative già in corso a fine 2006 pari ca. investimenti netti da finanziare nel periodo con una punta di ca. a fine

35 5. Linee strategiche di sviluppo e piano degli investimenti F C PIANO SINTESI ECONOMICA con proiezione al 2011 Migliaia di EURO - nuovi punti vendita di proprietà nuovi punti vendita affiliati gestione delle consegne a domicilio spese incrementali della struttura comune EBITDA incrementale generato dalle iniziative di piano gestione corrente (EBITDA del 2006) negozi preesistenti e ancora in fase di sviluppo affiliati preesistenti ancora in fase di sviluppo Margine operativo lordo totale - EBITDA A Totale investimenti B Totale cash flow annuo Totale fabbisogno finanziario A - B Ricavi nuovi punti vendita Ricavi punti vendita preesistenti Incremento ricavi punti vendita preesistenti TOTALE RICAVI PUNTI VENDITA DI PROPRIETA' Ricavi consegne a domicilio Ricavi nuovi punti vendita affiliati Ricavi preesistenti punti vendita affiliati TOTALE RICAVI PUNTI VENDITA AFFILIATI TOTALE RICAVI

36 5. Linee strategiche di sviluppo e piano degli investimenti Piano (ipotesi senza sviluppo consegne a domicilio) In sintesi lo sviluppo economico - finanziario del piano proiettato fino al 2011 comporta nell insieme dei 4 anni ( ) a fine 2010: investimenti complessivi per ca. perdite operative (EBITDA) generate dalle nuove iniziative pressochè nulle margine operativo (EBITDA) risultante da iniziative già in corso a fine 2006 pari ca. investimenti netti da finanziare nel periodo con una punta di ca. a fine

37 F C - IPOTESI SENZA CONSEGNE A DOMICILIO PIANO SINTESI ECONOMICA con proiezione al 2011 Migliaia di EURO - nuovi punti vendita di proprietà nuovi punti vendita affiliati spese incrementali della struttura comune EBITDA generato dalle iniziative di piano gestione corrente (EBITDA del 2006) negozi preesistenti e ancora in fase di sviluppo affiliati preesistenti ancora in fase di sviluppo Margine operativo lordo totale - EBITDA A Totale investimenti B Totale cash flow annuo Totale fabbisogno finanziario A - B Ricavi nuovi punti vendita Ricavi punti vendita preesistenti Incremento ricavi punti vendita preesistenti TOTALE RICAVI PUNTI VENDITA DI PROPRIETA' Ricavi nuovi punti vendita affiliati Ricavi preesistenti punti vendita affiliati TOTALE RICAVI PUNTI VENDITA AFFILIATI TOTALE RICAVI

MODELLI OPERATIVI PER LE DECISIONI ECONOMICHE NELLE PMI: ALCUNE APPLICAZIONI PRATICHE SU FOGLIO ELETTRONICO

MODELLI OPERATIVI PER LE DECISIONI ECONOMICHE NELLE PMI: ALCUNE APPLICAZIONI PRATICHE SU FOGLIO ELETTRONICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL CONTROLLO DI GESTIONE NELLE PMI: MODELLI E SOLUZIONI MODELLI OPERATIVI PER LE DECISIONI ECONOMICHE NELLE PMI: ALCUNE APPLICAZIONI PRATICHE SU FOGLIO ELETTRONICO

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA 1. STUDIO DI FATTIBILITÀ 1.1. Finalità pag. 5 1.2. L approccio adottato pag. 5 2. LA FATTIBILITÀ DI MARKETING 2.1. Definizione dell area strategica di affari pag. 11 2.2. La

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Innovazione e sviluppo commerciale

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Innovazione e sviluppo commerciale Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Innovazione e sviluppo commerciale Antonio Catalani Indice l innovazione di prodotto vendere l innovazione di prodotto: gli argomenti di

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA 1. STUDIO DI FATTIBILITÀ 1.1. Finalità pag. 5 1.2. L approccio adottato pag. 5 2. LA FATTIBILITÀ DI MARKETING 2.1. Definizione dell area strategica di affari pag. 11 2.2. La

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona

I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale. Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona I piani economico-finanziari per il risanamento aziendale Andrea Lionzo Professore Associato Economia aziendale Università degli Studi di Verona 1. 2. 3. 4. 5. La logica e i contenuti del Piano Le assumptions

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

LOCAL BUSINESS MANAGER

LOCAL BUSINESS MANAGER Da venti anni promozione e sviluppo d impresa LOCAL BUSINESS MANAGER IL BUSINESS DEL PROMUOVERE BUSINESS E SVILUPPO LOCALE Aiutare gli aspiranti imprenditori a creare una nuova attività, supportare gli

Dettagli

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. CRISI D IMPRESA 1.1. Crisi e risanamento pag. 5 1.2. Le cause della crisi pag. 7 1.3. Gli indicatori della crisi pag. 12 1.4. Gli eventi scatenanti pag. 18 1.5. I modelli di intervento

Dettagli

Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali

Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali LE COMBINAZIONI ECONOMICHE Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali Che rappresentano le operazioni economiche

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

DALLA RISTRUTTURAZIONE AL RILANCIO COMPETITIVO RUOLO DELLE PREVISIONI ECONOMICHE E FINANZIARIE: IL PIANO INDUSTRIALE DI RISANAMENTO. Dott.

DALLA RISTRUTTURAZIONE AL RILANCIO COMPETITIVO RUOLO DELLE PREVISIONI ECONOMICHE E FINANZIARIE: IL PIANO INDUSTRIALE DI RISANAMENTO. Dott. DALLA RISTRUTTURAZIONE AL RILANCIO COMPETITIVO RUOLO DELLE PREVISIONI ECONOMICHE E FINANZIARIE: IL PIANO INDUSTRIALE DI RISANAMENTO Dott. Ivan Losio LA STRATEGIA DI RISANAMENTO La strategia per uscire

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

CASE HISTORY PIANI DI RISTRUTTURAZIONE AZIENDALE

CASE HISTORY PIANI DI RISTRUTTURAZIONE AZIENDALE CASE HISTORY PIANI DI RISTRUTTURAZIONE AZIENDALE DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI Nell ambito delle attività connesse con la redazione di piani di ristrutturazione aziendale Mpartners si propone in qualità

Dettagli

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA

PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA PARTE PRIMA GUIDA STRATEGICA 1. STUDIO DI FATTIBILITÀ 1.1. Finalità pag. 5 1.2. L approccio adottato pag. 5 2. LA FATTIBILITÀ DI MARKETING 2.1. Definizione dell area strategica di affari pag. 11 2.2. La

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Il Business Plan per l Internazionalizzazione delle PMI

Il Business Plan per l Internazionalizzazione delle PMI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Business Plan per l Internazionalizzazione delle PMI RICCARDO CODA WWW STUDIORICCARDOCODA.COM 5 dicembre 2014 Milano - Il Business Plan strumento di analisi

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

Un piano per il risanamento aziendale: il caso Moto Mix

Un piano per il risanamento aziendale: il caso Moto Mix Un piano per il risanamento aziendale: il caso Moto Mix di Antonio Ferrandina (*) Nel presente articolo viene presentata un esemplificazione di business plan per il risanamento. Verrano quindi descritte

Dettagli

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª C l a s s e 5 ª Costruiamo insieme un Business plan di Stefano Fontana Seconda e ultima tappa del nostro viaggio alla scoperta di come è fatto un Business plan. Dopo aver illustrato le competenze necessarie

Dettagli

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. IL BINOMIO CRISI E RISANAMENTO D IMPRESA 1.1. Il binomio crisi e risanamento pag. 5 1.2. Cause della crisi e ruolo del management pag. 7 1.3. Indicatori di performance e previsione della

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali

Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali LE COMBINAZIONI ECONOMICHE Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali Che rappresentano le operazioni economiche

Dettagli

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE Dott.ssa Giovanna Castelli 1 Quanti si pongono queste domande: Quali sono i miei obiettivi di vendita? Li sto raggiungendo? Quali margini conseguo? I costi

Dettagli

9 RAPPORTO SOCIALE DI CONAD CENTRO NORD

9 RAPPORTO SOCIALE DI CONAD CENTRO NORD 9 RAPPORTO SOCIALE DI CENTRO NORD Il Rapporto Sociale è la sintesi del Bilancio Sociale di Conad Centro Nord Società cooperativa. Sono entrambi strumenti che vogliono documentare la Responsabilità Sociale

Dettagli

Consulenza e formazione nel Turismo e nella Ristorazione

Consulenza e formazione nel Turismo e nella Ristorazione Consulenza e formazione nel Turismo e nella Ristorazione GP.Studios è attiva nel settore del Turismo e della Ristorazione realizzando soluzioni per i propri clienti. Le soluzioni si raggiungono attraverso

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 COMUNICATO STAMPA Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 Milano, 6 agosto 2009 Il Consiglio di Amministrazione di Nova Re S.p.A., riunitosi in data odierna, ha approvato

Dettagli

LEZIONE V PIANI STRATEGICI BUSINESS PLAN VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI FINANZIAMENTO DEL CAPITALE INVESTITO

LEZIONE V PIANI STRATEGICI BUSINESS PLAN VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI FINANZIAMENTO DEL CAPITALE INVESTITO LEZIONE V PIANI STRATEGICI BUSINESS PLAN VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI FINANZIAMENTO DEL CAPITALE INVESTITO APPENDICE Alcune formule di matematica finanziaria 1. I PROCESSI DECISIONALI I processi decisionali

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

Il mondo dell Impresa e il fenomeno mafioso. Il ruolo dei dirigenti nell'azione di prevenzione, contrasto e recupero alla legalità.

Il mondo dell Impresa e il fenomeno mafioso. Il ruolo dei dirigenti nell'azione di prevenzione, contrasto e recupero alla legalità. Testimonianza Il mondo dell Impresa e il fenomeno mafioso. Il ruolo dei dirigenti nell'azione di prevenzione, contrasto e recupero alla legalità. Il contributo di un approccio manageriale per lo sviluppo

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

SCOPRI LA PROSSIMA APERTURA UNA. LA TUA.

SCOPRI LA PROSSIMA APERTURA UNA. LA TUA. UNA FRANCHISING SCOPRI LA PROSSIMA APERTURA UNA. LA TUA. FORMULA UNA Hotels & Resorts e UNAWAY Hotels sono marchi che contraddistinguono una catena alberghiera di proprietà completamente italiana che per

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: tecnico dei servizi turistici TEMA DI ECONOMIA E TECNICA DELL AZIENDA TURISTICA 2008 In base

Dettagli

Il Concordato preventivo

Il Concordato preventivo Mini Master di diritto Fallimentare Bergamo, Rotonda dei Mille 1 Sede ODCEC di Bergamo 21-25-28 novembre 2-5 dicembre 2011 Il Concordato preventivo con ristrutturazione Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012

L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CARISMI CONVEGNI L impresa recuperata La soluzione delle crisi di impresa dopo il Decreto Sviluppo 2012 CENTRO STUDI I CAPPUCCINI 28 Marzo 2013 LA SOLUZIONE DELLE CRISI DI IMPRESA DOPO IL DECRETO SVILUPPO

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

Corso di Strategie d impresa

Corso di Strategie d impresa Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani CASO J- BasicNet strategy Un sistema innovativo basato su tecnologia e stile A cura di: Sara Barone e Alessandra

Dettagli

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE Prof. Massimo Saita Direttore Istituto Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Università degli Studi di Milano Bicocca Professore ordinario

Dettagli

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, 20-21-22 Maggio 2008 Agenda Gli

Dettagli

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia MARKETING La gestione dei canali distributivi Che cosa è un canale distributivo? E un insieme di imprese il cui compito è trasferire un bene fisico o un servizio dal produttore al consumatore, generando

Dettagli

LA REDDITTIVITA DEGLI INVESTIMENTI NEL MARKETING

LA REDDITTIVITA DEGLI INVESTIMENTI NEL MARKETING LA REDDITTIVITA DEGLI INVESTIMENTI NEL MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero 1 I PROBLEMI DA AFFRONTARE 1. A quali finalità deve essere indirizzata l attività di marketing? 2. I risultati vanno misurati in

Dettagli

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE CONSIGLI PRATICI E TAPPE FONDAMENTALI L imprenditrice è colei che ha una visione che riesce a trasformare in realtà. L attività imprenditoriale è: 1) un sogno che mira a valorizzare

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

DETTAGLI AFFILIAZIONE APE WWW.APE1.IT 1

DETTAGLI AFFILIAZIONE APE WWW.APE1.IT 1 DETTAGLI AFFILIAZIONE APE WWW.APE1.IT 1 Introduzione APE è un Marchio che contraddistingue una catena di agenzie in affiliazione, che si occupano di servizi per la ristrutturazione e la manutenzione di

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico. Presentazione Franchising. www.sargreen.com info@sargreen.

Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico. Presentazione Franchising. www.sargreen.com info@sargreen. Soluzioni innovative per la mobilità sostenibile e per il risparmio energetico Presentazione Franchising www.sargreen.com info@sargreen.com 1 Sommario Il Franchising... 2 Mission Franchising... 2 Il settore

Dettagli

L enorme esperienza consente oggi di operare con una organizzazione ottimale che ne garantisce la massima redittività.

L enorme esperienza consente oggi di operare con una organizzazione ottimale che ne garantisce la massima redittività. CHI SIAMO Con la propria struttura opera nel settore delle onoranze funebri da decenni. Rappresenta una realtà imprenditoriale affermata ed in espansione. L alta professionalità ed onesta ha conferito

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico

L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico 03. L analisi degli investimenti in uno studio odontoiatrico Franco Cellino - Lessicom srl Abstract La nota vuole fornire alcune linee guida che il dentista imprenditore dovrebbe seguire per valutare la

Dettagli

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo 1 La marketing scorecard Elementi da stimare ex ante e misurare ex post (esempi) Prospettiva

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 D.G.R. 11/2016 Regione Emilia Romagna PARMA 25/02/2016 COS È IL POR FESR 2014 2020 STRUMENTO OPERATIVO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

AMMINISTRAZIONE MARKETING

AMMINISTRAZIONE MARKETING IL BUSINESS PLAN AMMINISTRAZIONE MARKETING PERSONALE PRODUZIONE QUALITÀ IL BUSINESS PLAN AMMINISTRAZIONE MARKETING PERSONALE PRODUZIONE QUALITÀ A COSA SERVE IL BUSINESS PLAN? IL BUSINESS PLAN È IL PROGETTO

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO Distribuzione Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Case Study

Dettagli

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti concretizza le potenzialità dei tuoi progetti BusinessPlanCenter è un centro di servizi specializzato, che assiste e supporta professionalmente manager, imprenditori e aspiranti imprenditori nella pianificazione/valutazione

Dettagli

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a.

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. Corso di Economia e gestione delle imprese II Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. dott. Matteo Rossi Benevento, 04 febbraio 008 Il business plan E un esercizio che rappresenta

Dettagli

STRUTTURA PIANO AGRICOLO AZIENDALE ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO. Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN)

STRUTTURA PIANO AGRICOLO AZIENDALE ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO. Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN) STRUTTURA PIANO AGRICOLO AZIENDALE ALLEGATO F ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO Via Peschiera 30a 60020 SIROLO (AN) TEL. 071.9331161 FAX. 071.9330376 Ufficio Urbanistico e Territoriale e-mail: urbanistica@parcodelconero.eu

Dettagli

IL BUSINESS PLANNING ALCUNE NOZIONI DI BASE

IL BUSINESS PLANNING ALCUNE NOZIONI DI BASE ALCUNE NOZIONI DI BASE Alcune nozioni di base Prima di affrontare l argomento principale del corso è bene che tutti abbiano familiarità con alcune nozioni necessarie per riuscire a seguire con profitto

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche

Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche Allegato 2 Provincia di Viterbo Assessorato Formazione Professionale e Politiche per il lavoro Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche BUSINESS PLAN Denominazione Impresa: Data 1 Indice 1 La società

Dettagli