Facoltà di scienze economiche. Programma dei corsi Anno accademico 2015/2016

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Facoltà di scienze economiche. Programma dei corsi 3-5-8. Anno accademico 2015/2016"

Transcript

1 Facoltà di scienze economiche Programma dei corsi Anno accademico 2015/2016

2

3 Indice Indice Calendario accademico 5 La Facoltà di scienze economiche 9 Premessa del decano 21 Bachelor Bachelor 23 Primo anno 29 Secondo anno 47 Terzo anno 69 Master 95 Dottorato / PhD 117 Executive Master 125 Profili dei docenti 133 Servizi USI e delle Facoltà di Lugano 162

4

5 Calendario accademico

6

7 Calendario accademico Calendario accademico I corsi sono articolati su 2 semestri di 14 settimane ciascuno Semestre autunnale 2015 Immatricolazioni 7-30 settembre 2015 Inizio dei corsi 14 settembre 2015 Fine dei corsi 18 dicembre 2015 Sospensione dei corsi 8 dicembre 2015 (Immacolata concezione) Esami, sessione invernale 18 gennaio 6 febbraio 2016 Semestre primaverile 2016 Inizio corsi 22 febbraio 2016 Fine dei corsi 3 giugno 2016 Sospensione dei corsi 5 maggio (Ascensione) 16 maggio (Pentecoste) 26 maggio (Corpus Domini) Vacanze Pasquali 25 marzo 1 aprile 2016 Esami, sessione estiva 13 giugno 2 luglio 2016 Esami, sessione autunnale 5 17 settembre

8

9 La Facoltà di scienze economiche

10

11 La Facoltà La Facoltà di scienze economiche 1 Gli Organi della Facoltà Decano Prof. Patrick Gagliardini Telefono Fax Vice-Decani Prof. Mario Padula Prof. Filippo Carlo Wezel Segretaria del Decanato Gisèle Nodiroli Telefono Fax Comitato Esecutivo Il Decano (presidente) e i Vice-Decani Delegato per gli esami e Responsabile Commissione didattica Prof. Alvaro Cencini Telefono Fax Segretario del Delegato per gli esami Dr. Edoardo Beretta Telefono Fax Segreteria esami Sara Lurati-Bernasconi Telefono Fax

12 La Facoltà La Facoltà interagisce con tutti i servizi dell USI, in particolare si avvale della collaborazione del servizio Relazioni internazionali per i programmi di mobilità e il Career Service per gli stage, per il placement e i progetti con le aziende. Il Consiglio di Facoltà è composto da professori ordinari, professori straordinari, professori assistenti, professori titolari, professori aggregati. Sono membri anche i rappresentanti del corpo intermedio, del corpo degli studenti e dei docenti a contratto. 2 Il corpo accademico Professori ordinari e straordinari Giovanni Barone-Adesi Nikolaus Beck Marco Borghi Gianluca Carnabuci Alvaro Cencini Gianluca Colombo François Degeorge Massimo Filippini Francesco Franzoni Patricia Funk Patrick Gagliardini (Decano) Paulo Gonçalves Mario Jametti Erik Larsen Alessandro Lomi Rico Maggi Antonio Mele Marco Meneguzzo Antonietta Mira Eric Nowak Mario Padula Paul Schneider Fabio Trojani Filippo Wezel 12

13 La Facoltà Professori Assistenti Dirk Martignoni Fabrizio Mazzonna Raphaël Parchet Alberto Plazzi Matteo Prato Massimiliano Vatiero Professore emerito Mauro Baranzini Professore titolare Luca Crivelli Maître Assistant Federica De Rossa Gisimundo Docenti di lingua Simona Cain Professori a contratto Patrick Behr Pietro Beritelli Marco Bigelli Stefano Calciolari Gianluca Cassese Francesco Chirico Francesco Ciabuschi Marco Clementi Daniela Cristofoli Ettore Croci Robert Davidson Paul de Sury Clelia Di Serio Vincenzo Galasso Carmine Garzia Aditya Kaul Giovanni Immordino Christian Lässer 13

14 La Facoltà Augustin Landier Marco LiCalzi Marco Lossani Andreina Mandelli Gianmaria Martini Kandarpkumar Mehta Giulia Miniero Edoardo Mollona John Morecroft Giovanni Pica Pierluigi Porta Silvia Rigamonti Jean-François Savard Patrizia Tettamanzi Docenti a contratto Ferdinando Bruno Giovanni Camponovo Nicola Carcano Cécile Emery Roberto Ferretti Peter Gruber Peter Keller Elena Marchiori Giuliano Masiero Natasha Vijay Munshi Peter Odgers Claudio Ortelli Loredana Padurean Andrea Pedroli Sara Rubinelli Luca Soncini Pooya Tavakoly Paolo Tenconi Antonio Vegezzi Claudio Visentin 14

15 La Facoltà Assistenti e collaboratori scientifici Istituto di finanza Cecilia Aquila Zoran Filipovic Peter Gruber Chiara Legnazzi Filippo Macaluso Piotr Orlowski Elisa Ossola Alexandru Popescu Giuseppe Pratobevera Mirco Rubin Alessio Ruzza Carlo Sala Paula-Mirela Sandulescu Biljana Sejstraikova Carlo Sommavilla Jovan Stojkovic Davide Tedeschini Wojciech Zurowski Istituto d Economia politica Manuela Barreca Piera Bello Edoardo Beretta Andrea Carrera Elena Gentili Tobiolo Gianella Laura Gonzalez Ortiz Bettina Hirl Eleonora Lanzio Luisa Lomazzi Barbara Mantegazzini Giuliano Masiero Diego Medici Amalia Mirante Giulia Savio Giuseppe Sinopoli Edoardo Slerca 15

16 La Facoltà Istituto Ricerche economiche Davide Arioldi Moreno Baruffini Antonio Borriello Chwen Chwen Chen Riccardo Curtale Federica Maggi Paolo Malfitano Daniele Mantegazzi Alessandra Motz Valentina Mini Costanza Naguib Andrea Pellegrini Federica Rossi Igor Sarman Stefano Scagnolari Luzius Stricker Natalia Tretyakevich Eva Vroegop Istituto di Management Viviana Amati Margarita Maria Cruz Barrientos Duarte Joao Paulo Dr. Mattheus Goossen Eva Kooijman Emmanuel Kypraios Ivona Ljumic Maria Camila Ochoa Lena Pellandini-Simanyi Carla Rua Klaus-Peter Schipper Gloria Cecilia Urrea Castaño Sebastian Villa Betancur Wahle Thorsten Istituto di Diritto Annamaria Astrologo Elisabetta Bigatto Marcello Puca 16

17 La Facoltà 3 Istituti e centri di ricerca della Facoltà Gli istituti della Facoltà sono attivi in progetti ed attività finanziati sia da istituzioni pubbliche, come il FNSRS, l Unione Europea, la Confederazione o il Cantone, sia da istituzioni e aziende private. Essi sono: Istituto di Finanza Istituto di Economia Politica (IdEP) Center for Economic and Political Research on Aging (CEPRA) Istituto di Management (IMA) Istituto delle Ricerche Economiche (IRE) Istituto di Diritto Istituto di Finanza L Istituto di Finanza coordina le attività di ricerca e formazione nelle discipline finanziarie e quantitative della Facoltà di scienze economiche dell Università della Svizzera italiana. Fondato nel 1999, offre programmi di Bachelor, Master e Dottorato. Dal 2006 è parte dello Swiss Finance Institute. L Università della Svizzera italiana è attenta alle esigenze di sviluppo della formazione finanziaria degli operatori ticinesi. L importanza del settore finanziario nell economia cantonale motiva l impegno dell Istituto di Finanza a sviluppare ricerche sulle tematiche quantitative e istituzionali dei mercati finanziari, collaborando su questi temi con altre università e istituzioni finanziarie. I programmi didattici sono indirizzati a formare il personale necessario ad affrontare le sfide della globalizzazione, che rende sempre più intensa la competizione tra le piazze finanziarie. Istituto di Economia Politica (IdEP) L Istituto di Economia Politica coordina le attività di ricerca e formazione nelle discipline economiche della Facoltà. L IdEP nasce nel 2012 dall istituto di Microeconomia ed Economia Pubblica (MECOP) e dall integrazione di tutti i professori e ricercatori dell area economica della Facoltà di scienze conomiche. L Istituto di Economia Politica è attivo a livello svizzero in due progetti di cooperazione universitaria (SSPH+ e SPAN), offre corsi di Bachelor, Master e Dottorato, organizza settimanalmente un seminario di ricerca e coordina una collana di quaderni di ricerca. I professori ed i ricercatori dell istituto sono impegnati in una grande varietà di temi, sia teorici che applicati. Le aree di ricerca più coltivate sono: l economia pubblica, la politica economica, l economia sanitaria, l economia dell energia, l economia monetaria, l economia regionale, l economia del turismo e l economia e management delle amministrazioni pubbliche e 17

18 La Facoltà dei servizi pubblici. All interno dell Istituto di Economia Politica è stato creato il Center for Economic and Political Research on Aging (CEPRA). CEPRA Il CEPRA (Center for Economic and Political Research on Aging) e stato istituito nel 2012 all interno del Istituto di Economia Politica dell USI. Il CEPRA ha l obiettivo di sostenere l attività di ricerca ed il dibattito di policy sui temi dell invecchiamento, della previdenza sociale, delle pensioni e della sanità, che sono oggi al centro dell agenda economica e politica internazionale. Il centro ha il duplice ruolo di promuovere l attività di ricerca empirica e teorica su questi temi e di promuoverne l insegnamento con l istituzione di due corsi in Economia e Finanza dei Sistemi Previdenziali. Il CEPRA pone particolare attenzione alla disseminazione dei risultati di ricerca attraverso l organizzazione di conferenze, workshop e dibattiti pubblici. Il CEPRA ha ricevuto supporto finanziario dalla Banca Nazionale Svizzera e dai fondi AVS. Istituto di Management (IMA) L attività di ricerca dell IMA è organizzata in due centri di ricerca: il CORe (Center for Organizational Research) e l AMC (Advanced Management Centre). L attività di ricerca del CORe è incentrata sulla teoria ecologica delle popolazioni organizzative, un filone di ricerca in cui costituisce uno dei più grandi centri di ricerca in Europa. Altre aree di interesse sono il cambiamento organizzativo, gli aspetti organizzativi dell innovazione tecnologica, la performance organizzativa, il behavioral operations management e la social network analysis. Un area di applicazione di articolare rilevanza è il mercato dell energia. Il CORe è principalmente finanziato attraverso il Fondo Nazionale per la Ricerca della Svizzera. L AMC: è un centro di ricerca che si occupa di sviluppo e trasferimento di competenze manageriali nei seguenti campi: analisi strategica, competitive intelligence, innovazione, imprenditorialità e family business. Svolge attività di ricerca avanzata e di formazione executive per conto di imprese e istituzioni nazionali ed internazionali. E parte dell Istituto di Management e si avvale di ricercatori e docenti con una solida reputazione scientifica internazionale che hanno maturato significative esperienze come consulenti di imprese e istituzioni. L AMC è promotore dell Associazione delle imprese familiari (Ticino) AIF-TI che ha sede presso lo stesso centro di ricerca. 18

19 La Facoltà All istituto di Management (IMA) afferiscono i corsi di management all interno dell Università su tutti i livelli di insegnamento (Bachelor, Master, Executive Master e PhD) e la gestione di corsi di Master ed Executive Master. Inoltre, l Istituto gestisce il Seminario MORSe (Management and Organizational Research Seminars): una serie bisettimanale di seminari di ricerca di membri sia interni all Istituto che provenienti dalle più prestigiose Università internazionali. Istituto delle Ricerche Economiche (IRE) L Istituto Ricerche Economiche (IRE) si occupa principalmente di ricerche nel campo dell economia regionale. I temi principali che l IRE affronta nelle proprie ricerche sono l analisi della crescita economica e della competitività, del turismo, della mobilità e dei trasporti in un contesto regionale. Altri campi di interesse sono il mercato del lavoro, l economia urbana e i rapporti tra stato e economia. Tradizionalmente l IRE rappresenta un punto di riferimento nella ricerca applicata, fornendo al contempo servizi all economia e alle istituzioni (pubbliche e private) ticinesi. A supporto delle sue attività di ricerca applicata e di servizio, l IRE ha creato tre osservatori tematici, ognuno dei quali risponde a bisogni specifici espressi dagli ambienti istituzionali ed imprenditoriali, pubblici e privati: l Osservatorio del mercato del lavoro (O-Lav) - sviluppato nel quadro delle misure di accompagnamento agli accordi bilaterali sulla libera circolazione delle persone - l Osservatorio delle politiche economiche (O-Pol) - strumento di ricerca, analisi e divulgazione di conoscenza della realtà e della politica economica del Canton Ticino - e l Osservatorio del Turismo (O-Tur) - mirato all approfondimento e alla divulgazione della conoscenza nel settore turistico cantonale, attraverso l osservazione sistematica e l analisi della domanda turistica e dell offerta locale nelle destinazioni ticinesi. Istituto di Diritto L Istituto di Diritto ha carattere interfacoltare e intende promuovere e coordinare l insegnamento del diritto nei corsi di base e nei Master dell USI. Dal 2010 ospita altresì al suo interno la Cattedra Brenno Galli di Analisi Economica del diritto che promuove l attività di didattica e di ricerca accademica sul tema. L IDUSI ha inoltre lo scopo, in collaborazione con la Commissione per la formazione permanente dei giuristi e con la SUPSI, rappresentate nel Consiglio dell Istituto, di organizzare corsi di post-formazione, anche interdisciplinari, e manifestazioni varie, nonché di stimolare la ricerca nel campo del diritto in Ticino e, infine, di curare l edizione di manuali e di monografie. 19

20

21 Premessa del Decano Premessa del Decano La Facoltà di Scienze Economiche si pone l obiettivo di offrire un percorso di formazione di elevata qualità didattica, mettendo le competenze scientifiche di professori, ricercatori e assistenti con un profilo internazionale a servizio dell insegnamento. Questo obiettivo può essere raggiunto solo con la capacità di suscitare curiosità e trasmettere entusiasmo per lo studio delle scienze economiche. La possibilità di operare in classi di dimensioni ridotte e lavorare in piccoli gruppi è un tassello fondamentale del nostro modello e porta a fruttuosi scambi tra studenti e corpo docente. La Facoltà di Scienze Economiche offre un programma didattico che copre l intero percorso accademico dalla formazione di base articolata sui tre anni di Bachelor, alla fase di specializzazione nei vari programmi di Master, fino al dottorato ed alla formazione continua attraverso i Master of Advanced Studies. Questi programmi ambiscono a fornire gli strumenti disciplinari e le capacità di analisi critica che permettano agli studenti di affrontare con successo i prossimi passi della formazione e cogliere le sfide della carriera professionale con un alto profilo. In questo modo la facoltà contribuisce alla formazione dei decisori e ricercatori di domani. L augurio del decano agli studenti di Scienze Economiche è di sapere combinare fruttuosamente il talento, la curiosità intellettuale e la determinazione, per arrivare alla meta prefissa, con l auspicio che l appartenenza alla nostra Facoltà possa essere sempre motivo di fierezza. * * * Professor Patrick Gagliardini Decano della Facoltà di Scienze Economiche Settembre

22

23 Bachelor

24

25 Piano degli studi Bachelor Laurea triennale Dopo più di dieci anni dall attivazione dell ordinamento degli studi secondo la Dichiarazione di Bologna, nel 2013 la Facoltà di scienze economiche ha introdotto una nuova struttura del programma di Bachelor. Il Bachelor costituisce un periodo di formazione scientifica di base. I primi due semestri prevedono 13 corsi obbligatori. A partire dal terzo semestre il programma offre 4 aree di prima specializzazione (stream): economia politica economia aziendale (o management) finanza metodi quantitativi Questa scelta consentirà allo studente di programmare adeguatamente il suo percorso formativo nel biennio successivo. Complessivamente il programma di Bachelor comporta 180 ECTS così suddivisi: 18 corsi obbligatori core 102 ECTS 8 corsi di prima specializzazione stream 48 ECTS 4 corsi a scelta, tra quelli offerti dalle altre specializzazioni 24 ECTS. Tra i corsi a scelta è possibile seguire un corso in un altra Facoltà dell USI per un massimo di 6 ECTS (*) Memoria di bachelor 6 ECTS, opure memoria di bachelor 3 ECTS + stage, o progetto, o corso a scelta 3 ECTS *) Per decisione del Consiglio di facoltà, non è lecito agli studenti sostenere esami in discipline economiche erogate dalla Facoltà di scienze della comunicazione 25

26 Piano degli studi Distribuzione di corsi nell arco dei sei semestri Corsi obbligatori core Nome corso N. ECTS semestre Economia politica 6 1 Economia aziendale I 6 1 Matematica I 6 1 Contabilità A 6 1 Informatica I 6 1 Macroeconomia A Microeconomia A 6 2 Matematica II 6 2 Statistica I Diritto dell economia I 6 2 Macroeconomia B Microeconomia B 3 3 Economia aziendale II Statistica II 6 3 Inglese economico Economia pubblica A 6 4 Economia monetaria A 6 4 Economia internazionale 6 5 Corsi di prima specializzazione, tutti di 6 ECTS Nome corso semestre Management Diritto dell economia II 3 Organizational Economics 4 Contabilità B 4 Controlling 5 Strategia aziendale 5 Organizzazione e risorse umane 6 Tecniche delle ricerche di mercato 6 Marketing 6 26

27 Piano degli studi Nome corso semestre Economia Diritto dell economia II 3 Introduzione all econometria 4 Introduzione alla microeconomia quantitativa 4 Economia pubblica B 5 Economia monetaria B 5 Politica economica 6 Economia e politica regionale 6 Economia e management aziende pubbliche 6 Nome corso semestre Finanza Informatica II 3 Introduzione all econometria 4 Teoria dei mercati finanziari 4 Teoria finanziaria 5 Econometria 5 Corporate finance 5 Analisi di Bilancio 6 Metodi quantitativi per la finanza 6 Nome corso semestre Metodi quantitativi Informatica II 3 Introduzione all econometria 4 Introduzione alla microeconomia quantitativa 4 Econometria 5 Teoria dei giochi e programmazione lineare 5 Metodi quantitativi per la finanza 6 Metodi numerici 6 Teoria delle decisioni 6 Nome corso semestre Ulteriore corso a scelta Analisi economica del diritto 6 27

28 Piano degli studi Programma di mobilità Un programma di mobilità serve allo studente per arricchire la propria formazione accademica, attingendo a diverse scuole di pensiero, sistemi di insegnamento e culture. Presso la nostra Facoltà un periodo di studio in un altra università è fortemente raccomandato per il conseguimento del titolo di Master, può tuttavia essere svolto già durante il triennio. I crediti ECTS relativi agli esami superati sono convalidati a condizione che un piano di studio sia stato debitamente e tempestivamente approvato dal Delegato per gli esami. Le informazioni necessarie (riguardo termini, condizioni, modalità, coordinamento, ecc.) sono fornite nel documento Direttive per il soggiorno di studio fuori sede. Gli esami In conformità al Regolamento degli studi, l esame per le singole materie è proposto alla fine del corso semestrale. Una sessione di recupero è prevista nel mese di settembre dello stesso anno accademico. Corsi di inglese Il corso di Inglese economico è erogato nel secondo anno. Per accedervi è richiesto un livello intermedio superiore, equivalente al livello B2 secondo il Common European Framework of Reference for language learning. A quanti non raggiungono il livello B2 è proposta un offerta formativa nel primo e secondo semestre, al cui termine è previsto un test. Il corso di Lingua inglese è inteso ad aiutare lo studente ad acquisire e migliorare le sue competenze linguistiche (grammatica, lessico, ecc.) di inglese generale. 28

29 Primo anno

30

31 Primo anno Economia politica Semestre autunnale 6 ECTS Mario Padula Obiettivi Il corso di Economia Politica insegna agli studenti a pensare da economisti attraverso lo studio di principi fondamentali dell economia, quali il principio di scarsità, dei costi- benefici, degli incentivi, del vantaggio comparato, del costo-opportunità crescente, dell efficienza e dell equilibrio. Con un uso limitato della strumentazione analitica dell economista, al cui sviluppo sono dedicati i corsi di Microeconomia e di Macroeconomia, il corso agevola la comprensione delle nozioni di base di economia attraverso esempi ed applicazioni tratti dalla realtà e dall esperienza quotidiana. Contenuto del corso Scelte in condizioni di scarsità. Vantaggio comparato. Domanda e offerta. Concorrenza e mano invisibile. Imperfezioni e fallimenti del mercato. Commercio internazionale ed integrazione. Visione di insieme del sistema economico. Testo di riferimento Frank, Robert H., Ben S. Bernanke, Moore McDowell, Rodney Thom e Ivan Pastine, (2013), Principi di economia, Quarta edizione, McGraw-Hill. 31

32 Primo anno Economia aziendale I Semestre autunnale 6 ECTS Gianluca Colombo Contenuto del corso Gli obiettivi di fondo Il corso mira a sviluppare i fondamenti del vasto campo delle discipline che si occupano dell economia delle aziende nei sistemi economici avanzati. L azienda viene esaminata nei suoi rapporti dinamici con l ambiente, sia con riguardo alle attese dei soggetti che vi partecipano, sia con riferimento ai sistemi competitivi nei quali agisce. In tale prospettiva, il corso analizza i profili strutturali delle aziende e in particolare gli assetti istituzionali, organizzativi, tecnici ed economico-patrimoniali; presenta il dinamico quadro ambientale nel quale le aziende nascono, si sviluppano e competono; delinea i principi che informano le scelte economiche di gestione nell area della organizzazione e del personale, della produzione, del marketing, della comunicazione e della finanza. Il corso è prevalentemente centrato sulle problematiche di governo dell azienda di produzione di merci e di servizi. Delinea inoltre la struttura e le logiche di funzionamento delle aziende pubbliche e delle aziende non profit. La metodologia didattica Il corso si articola in lezioni di carattere teorico alternate a momenti di discussione di casi, in modo da favorire una didattica di tipo attivo e un processo di apprendimento di tipo sia deduttivo sia induttivo. Alcuni esercizi serviranno ad applicare le nozioni e le teorie apprese durante il corso. Letture di articoli e materiali multimediali di attualità saranno messi a disposizione su icorsi per suggerire spunti di discussione. L articolazione del corso Il corso completo si struttura in quattro parti. 1. La prima parte ha carattere introduttivo e mira a collocare l economia aziendale nel più ampio contesto delle discipline economiche, definendone gli specifici contenuti e le finalità. Ha inoltre lo scopo di delineare le diverse classi di aziende che costituiscono l oggetto di riferimento del corso. 32

33 Primo anno 2. Nell ambito della seconda parte del corso viene illustrato un modello di analisi e di interpretazione della realtà aziendale. Gli elementi costitutivi del modello vengono progressivamente sviluppati, anche con il supporto di casi aziendali, e opportunamente declinati in relazione alle classi fondamentali di aziende. 3. La terza parte del corso è interamente dedicata all analisi e alla valutazione dell economicità aziendale. Vengono illustrati i caratteri essenziali del sistema delle rilevazioni per l informazione e le decisioni economiche, le tecniche per l apprezzamento dell equilibrio reddituale, patrimoniale e finanziario d impresa e i fattori che influenzano l entità e la qualità dei risultati economici. Trattandosi di una parte caratterizzata da contenuti di tipo tecnico, ai fini della didattica si farà ampio ricorso a materiali di supporto che agevolino l apprendimento degli studenti. 4. La quarta parte del corso affronta il tema dell ambiente economico: i mercati, i settori, i cambiamenti strutturali dei sistemi competitivi, le modalità di aggregazione interaziendale. Questa parte del corso, oltre a presentare alcuni modelli interpretativi del contesto ambientale in cui le imprese operano, mira a delineare le principali sfide competitive che le aziende si trovano a dover affrontare nello scenario economico più recente e, di riflesso, ad aprire al tema della gestione, intesa come attività di governo sistematicamente volta a dare risposte efficaci alle linee evolutive dell ambiente di riferimento. Testi di riferimento G. Airoldi, G. Brunetti e V. Coda, Economia aziendale, Il Mulino, Bologna, Altre indicazioni bibliografiche AA.VV., Lezioni di economia aziendale, Giappichelli, Torino, G. Fiorentini, Organizzazione non profit e di volontariato, Etas Libri, Milano, L. Guatri, Economia delle aziende industriali e commerciali, EGEA, Milano, J.T. Straub and R.F. Attner, Introduction to Business, 5th ed., Wadsworth, Belmont (Ca), J.P. Thommen, Introduction à la gestion d entreprise, Versus, Zürich,

34 Primo anno Contabilità A Semestre autunnale 6 ECTS Giovanni Camponovo Scopo del corso La contabilità finanziaria è lo strumento al quale è assegnato il compito di quantificare e comunicare l andamento economico e finanziario di un impresa. Essa rappresenta pertanto un mezzo conoscitivo della realtà aziendale fondamentale sia per gli organi di governo dell impresa sia per l insieme degli stakeholder aziendali. Gli obiettivi fondamentali del corso sono: comprendere il ruolo e le funzioni della contabilità finanziaria nella gestione aziendale; comprendere i principi contabili fondamentali e il quadro normativo di riferimento svizzero; acquisire il linguaggio, il metodo e gli strumenti di base della contabilità finanziaria; sapere allestire, capire e analizzare criticamente il contenuto del conto annuale nel rispetto del Codice svizzero delle obbligazioni; saper analizzare e valutare la situazione patrimoniale, economica e finanziaria di un impresa. Contenuti del corso 1. Introduzione agli scopi, ai principi della contabilità finanziaria e ai metodi di rilevazione contabile sistematica per la determinazione del reddito d esercizio e del capitale di funzionamento nelle aziende. 2. La contabilizzazione delle attività operative (compravendita di beni e servizi e altre operazioni correnti), d investimento (acquisto e vendita di sostanza fissa materiale, finanziaria e immateriale) e di finanziamento (aumenti o riduzioni di capitale, prestiti, impiego del risultato annuale). 3. I principi cui si ispirano le valutazioni di bilancio per l informazione esterna e le conseguenti registrazioni in sede di chiusura dei conti annuali. 4. Introduzione all analisi contabile dei conti annuali dal punto di vista patrimoniale, economico e finanziario: riclassificazioni di bilancio e conto economico; il conto dei flussi sui mezzi liquidi, indici di liquidità, solidità e redditività. 34

35 Primo anno Testi di riferimento F. Carlen, F. Gianini e A. Riniker, Contabilità finanziaria, volume 1, Edizioni FCPC, Testi e letture di approfondimento C.T. Horngren, G.L. Sundem, J.A. Elliott e D.R. Philbrick, Introduction to Financial Accounting, 10ed. Pearson, B. Apothéloz, A. Stettler e V. Dousse, Maîtriser l information comptable (Volume 1): Théorie comptable et théorie des comptes, 4ed, Presses polytechniques et universitaires romandes, O. Nosetti, Introduzione alla contabilità finanziaria, 2ed, Tipografia Poncioni,

36 Primo anno Matematica I Semestre autunnale 6 ECTS Roberto Ferretti Scopo del corso Lo scopo di questo corso è fornire allo studente gli strumenti matematici utili per lo studio e la comprensione dei concetti fondamentali dell analisi economica. Dopo una prima fase di introduzione al linguaggio matematico, si affronterà lo studio del concetto di limite, per poi indirizzarsi verso le funzioni e le loro derivate. Si passerà poi all analisi dei metodi di ottimizzazione ad una dimensione. Si concluderà con un introduzione agli integrali. Programma corso 1. Introduzione. Esempi economici. Strumenti logici. 2. I limiti. Il concetto di limite. Calcolo di limiti. Successioni e serie geometriche. 3. Derivate di funzioni ad una variabile. Definizione. Calcolo di derivate. Espansione di Taylor. 4. Ottimizzazione di funzioni in una variabile. Esempi. Calcolo di massimi e minimi. 5. Integrali. Definizione. Teorema fondamentale dell analisi. Tecniche di calcolo. Bibliografia R. Adams, Calcolo differenziale 1, Ambrosiana, Milano, G. Archinard, B. Guerrien, Analyse mathématique pour économistes, Economica, Paris, A.C. Chang, Fundamental Methods of Mathematical Economics, 3rd ed., McGraw-Hill, New York, Edizione italiana: Introduzione all economia matematica, Bollati-Boringhieri, Torino, C. Miranda, Lezioni di analisi matematica, Liguori, Napoli, D. Royer, Mathématiques de base, Economica, Paris, C.P. Simon, L.Blume, Mathematics for Economists, W.W.Norton, New York, T. Yamane, Matematica per economisti, Etas Libri, Milano,

37 Primo anno Informatica I Semestre autunnale 6 ECTS Paolo Tenconi Contenuto del corso Il corso si pone l obiettivo di fornire agli studenti gli strumenti necessari ad affrontare il successivo percorso accademico e, in seguito, professionale. I temi proposti sono suddivisi in tre parti logicamente e sequenzialmente collegate: Gestione dei dati: database relazionali (SQL con MS Access), principi di OLAP e XML Analisi dei dati: Excel/Visual Basic for Applications, principi di programmazione con R Presentazione delle analisi: LateX attraverso il software LyX, utilizzo di Powerpoint e Word Gli studenti, sottoposti a prova pratica in laboratorio informatico, dovranno essere in grado di: Costruire un semplice database con MS Access ed effettuare semplici interrogazioni Predisporre analisi con Excel/VBA Scrivere ed eseguire semplici programmi con il software R Programma I database relazionali, il linguaggio SQL e MS Access. Principi di OLAP e XML. Panoramica dei linguaggi di programmazione, l ambiente R e la sintassi del linguaggio. Analisi dei dati con Excel (funzioni, strumenti di analisi, risolutore e tabelle pivot), estensione di Excel tramite programmazione con Visual Basic for Applications. Il linguaggio LateX e redazione di documenti scientifici con LyX. Creazione di presentazioni con Powerpoint inclusione di tabelle e grafici Excel in Word. Testi di riferimento Il materiale del docente, costituito da slides ed esercitazioni, rappresenta il punto di riferimento per il corso. Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla bibliografia sotto indicata. 37

38 Primo anno Altre indicazioni bibliografiche P. Camagni, M. Della Puppa, R. Nikolassy, SQL. Il linguaggio per le basi di dati, HOEPLI, D. Sheperd, XML Guida Completa, Apogeo, R Development Core Team, R Language Definition, (http://cran.r project.org/manuals.html) J. Walkenbach, Excel 2007 Bible, Wiley, Indianapolis, J. Walkenbach, Analisi dei Dati con Excel 2007, Hoepli, M. Doob, A Gentle, Introduction to LateX, The University of Manitoba (ftp://ftp.tex.ac.uk/tex-archive/info/gentle/gentle.pdf) Links ai software gratuiti R: LyX: 38

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM 77

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM 77 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM 77 ART. 9 REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE 1. Per essere ammessi al corso di Laurea

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

Economia E Management

Economia E Management CORSO DI LAUREA TRIENNALE Economia E Management A.A. 2012 / 2013 DIPARTIMENTO Impresa e Management Economia e Management COSA STAI CERCANDO? Gennaro Olivieri DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO Il corso di laurea

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI ECONOMIA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI 1. Corsi di laurea L offerta formativa della Facoltà di Economia

Dettagli

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA Anno Accademico 2014/2015 1 ANNO 2 ANNO Economia e Finanza (Classe LM16 D.M. 270/2004) Attivato Attivato Il corso di laurea

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM 77

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM 77 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM 77 ART. 9 REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE 1. Per essere ammessi al corso di Laurea Magistrale

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI SETTEMBRE 2013 GENNAIO 2014 Fondazione CUOA Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova classe manageriale e imprenditoriale.è la prima business school

Dettagli

Corso di Fondamenti di Economia

Corso di Fondamenti di Economia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Gianmaria Martini Introduzione al corso A.A. 2013-2014 Obiettivi del corso è il primo insegnamento di natura economica nel Corso di Laurea Triennale in

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi:

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE (EFI) - Classe LM- 77 Immatricolati dall'a.a. 2011/2012 GENERALITA' Classe di

Dettagli

SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE e ASSICURATIVE

SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE e ASSICURATIVE UNIVERSITÀ CATTOLICA SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE e ASSICURATIVE R Anno Accademico 2009-2010 Sede di Milano www.unicatt.it/scienzebancarie Laurea Triennale INDICE La Facoltà di Scienze bancarie, finanziarie

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM-77

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM-77 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM-77 ART. 9 REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE 1. Per essere ammessi al corso di Laurea Magistrale

Dettagli

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Marketing (Anno II, semestre I, n 9

Dettagli

ECONOMIA E MANAGEMENT

ECONOMIA E MANAGEMENT CORSO DI LAUREA TRIENNALE A.A. 2015 / 2016 COSA STAI CERCANDO? LUIGI MARENGO DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO Le solide basi teoriche, la vocazione internazionale e l orientamento in parte specialistico dal

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 Obiettivi formativi corsi di laurea, raggruppamenti disciplinari, insegnamenti Economia: banche, aziende e mercati Obiettivi formativi corso di laurea I laureati in Economia:

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010 AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINATORE Ranzani Sono presenti i proff. P Ranzani (coordinatore),

Dettagli

CONSULENZA AZIENDALE LE MAGISTRALI. Corso di Laurea Magistrale Dipartimento di Impresa e Management. La Tua Università

CONSULENZA AZIENDALE LE MAGISTRALI. Corso di Laurea Magistrale Dipartimento di Impresa e Management. La Tua Università CONSULENZA AZIENDALE Corso di Laurea Magistrale Dipartimento di Impresa e Management LE MAGISTRALI La Tua Università corso di laurea magistrale dipartimento di impresa e management consulenza aziendale

Dettagli

European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE MILANO 2014

European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE MILANO 2014 European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE MILANO 2014 TESEO, da oltre dieci anni, opera quale ente di ricerca e sviluppo di didattica applicata e quale centro di cultura finanziaria indipendente,

Dettagli

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU www.unipegasotrapani.it ECONOMIA AZIENDALE L-18 triennale 180 CFU Facoltà di Giurisprudenza OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI Il corso di laurea in Economia

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor Advantage Skills Advantage Skills European Financial Advisor Program Il Corso Advantage Skills (European Financial Advisor Program) è un corso di alta qualificazione professionale, rivolto a chi opera

Dettagli

FRA LA FACOLTA DI ECONOMIA DELL UNIVERSITA ROMA TRE DI ROMA E LA EUROPEAN SCHOOL OF MANAGEMENT ITALIA SI CONVIENE QUANTO SEGUE:

FRA LA FACOLTA DI ECONOMIA DELL UNIVERSITA ROMA TRE DI ROMA E LA EUROPEAN SCHOOL OF MANAGEMENT ITALIA SI CONVIENE QUANTO SEGUE: PROTOCOLLO FRA LA FACOLTA DI ECONOMIA DELL UNIVERSITA ROMA TRE DI ROMA E LA EUROPEAN SCHOOL OF MANAGEMENT ITALIA REGOLANTE I CURRICULA DEGLI STUDENTI ISCRITTI AI CORSI DELL ESCP-EAP RECLUTATI E TRANSITANTI

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Tecnica industriale e commerciale

Tecnica industriale e commerciale Università degli Studi di Catania Facoltà di Economia AEGI - Area di Economia e Gestione delle Imprese Corso di Laurea in Economia Aziendale Anno accademico 2009-2010 Tecnica industriale e commerciale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

Moving into the Future La professione dell Attuario

Moving into the Future La professione dell Attuario Moving into the Future La professione dell Attuario dott. Gian Paolo Clemente Milano, 9 Febbraio 2009 1 L attuario: chi è? L attuario è il matematico o lo statistico delle assicurazioni che studia le probabilità

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

CORSI DI LAUREA TRIENNALI IN SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE

CORSI DI LAUREA TRIENNALI IN SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE CORSI DI LAUREA TRIENNALI IN SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE Gli studenti che si iscrivono al I anno nell anno accademico 2003/2004 possono scegliere tra: ECONOMIA AZIENDALE - EA ECONOMIA

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC)

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) classe delle lauree Magistrali in Scienze dell economia (LM-56), Sede didattica del Corso

Dettagli

INDICE. Scienze bancarie, finanziarie e assicurative 2. Laurea magistrale in Economia dei mercati e degli intermediari finanziari 3

INDICE. Scienze bancarie, finanziarie e assicurative 2. Laurea magistrale in Economia dei mercati e degli intermediari finanziari 3 INDICE Scienze bancarie, finanziarie e assicurative 2 Laurea magistrale in Economia dei mercati e degli intermediari finanziari 3 Laurea magistrale in Banking and finance 6 Laurea magistrale in Scienze

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Corso di Laurea in Fisica

Corso di Laurea in Fisica OBIETTIVI FORMATIVI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra M. Melloni Corso di Laurea in Fisica Laurea di I livello nella Classe L-30 Scienze e Tecnologie Fisiche

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MDT Master in Diritto tributario dell impresa XII Edizione 2013-2014 MDT Master in Diritto tributario dell impresa Il diritto tributario è un tema spesso

Dettagli

Studiare a Economia Valore al tuo futuro

Studiare a Economia Valore al tuo futuro Studiare a Economia Valore al tuo futuro a.a. 2011/2012 1 Studiare a Economia Economia Il mondo contemporaneo parla il linguaggio dell Economia. L Economia non solo domina le relazioni sociali e politiche,

Dettagli

Esperto SAP ERP. I edizione

Esperto SAP ERP. I edizione Esperto SAP ERP I edizione Il Master, organizzato da SPEGEA in collaborazione con SAP Education, si propone di offrire un percorso formativo finalizzato a formare figure professionali che abbiano le competenze

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corpus del corso, di durata triennale, è costituito da sapere e saper fare legati al mondo del web, delle nuove tecnologie e alla gestione di quelle che definiamo esperienze

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA. COMPLEMENTARE (Master PrevManagement)

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA. COMPLEMENTARE (Master PrevManagement) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevManagement) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. GRAFICA E COMUNICAZIONE VISIVA corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corso, di durata triennale, permette di conseguire un alta formazione nel campo del design della comunicazione visiva. Il percorso formativo è strutturato in modo da trasmettere

Dettagli

PROGRAMMA. Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art.

PROGRAMMA. Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art. PROGRAMMA Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art. 1 del bando EVENTUALE TEST PRESELETTIVO su tutte le materie previste per la prova

Dettagli

Bachelor of Science in Economia aziendale

Bachelor of Science in Economia aziendale Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale Bachelor of Science in Economia aziendale www.supsi.ch/deass Obiettivi e competenze Il Bachelor

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA ART. 1 Denominazione e obiettivi formativi Il Master in Economia e Banca nasce (MEBS) dal rapporto di collaborazione tra 1'Università degli Studi di Siena e la

Dettagli

Scienze XXXXX bancarie, finanziarie e assicurative FOTO. Facoltà di. Lauree magistrali. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt.it. Percorsi Formativi

Scienze XXXXX bancarie, finanziarie e assicurative FOTO. Facoltà di. Lauree magistrali. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt.it. Percorsi Formativi Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX bancarie, finanziarie e assicurative FOTO Lauree magistrali www.unicatt.it Milano a.a. 2013-2014 www.unicatt.it INDICE Scienze bancarie, finanziarie e assicurative

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA. Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA. Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA. Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA. Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale A.S. 2012-2013 Docente ANNA MARIA NAPOLI * * * SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Dipartimento di Economia

Dipartimento di Economia Dipartimento di Economia RETTORE: PROF.SSA GALVANI ADRIANA PRESIDENTE DIPARTIMENTALE: DOTT. LAVALLE NICOLA Corso di Laurea in Economia e Finanza Internazionale DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Corso di Laurea

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Economia aziendale b)

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Corso Pratico Annuale (CPA) di organizzazione, marketing ed economia aziendale dello studio odontoiatrico.

Corso Pratico Annuale (CPA) di organizzazione, marketing ed economia aziendale dello studio odontoiatrico. XII edizione Dal passaparola al Web 2.0 Il CPA è alla sua XII edizione ed in dieci anni più di 590 dentisti vi hanno partecipato con successo Corso Pratico Annuale (CPA) di organizzazione, marketing ed

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. III edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2013/2014. In collaborazione con:

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. III edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2013/2014. In collaborazione con: Diritto Tributario Master Universitario di secondo livello Facoltà di Economia III edizione Anno Accademico 2013/2014 In collaborazione con: L Università Cattolica del Sacro Cuore attiva per l anno accademico

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in DIREZIONE AZIENDALE Anno Accademico 2015/16 STATISTICA PER IL BUSINESS o BUSINESS STATISTICS (2015/16, semestre

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE, ECONOMIA E FINANZA. (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione Il Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione

Dettagli

Classe delle lauree in Ingegneria Industriale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE

Classe delle lauree in Ingegneria Industriale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE 54 Classe delle lauree in Ingegneria Industriale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE Referente del Corso di Laurea Prof. Mario Tucci e-mail mario.tucci@unifi.it, tel 055/479708, http://www.gestionale.unifi.it

Dettagli

L UNIVERSITÀ A JESI: IL FUTURO È CON NOI!

L UNIVERSITÀ A JESI: IL FUTURO È CON NOI! FONDAZIONE ANGELO COLOCCI L UNIVERSITÀ A JESI: IL FUTURO È CON NOI! in collaborazione con OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 INDIRIZZI: SCIENZE GIURIDICHE APPLICATE Corso di laurea triennale 1) OPERATORE

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Economia Anno Accademico

Dettagli

PIANI DI STUDIO a.a. 2015 16. Economia aziendale e management (CLEAM) pag. 1. Economia e finanza (CLEF) pag. 2

PIANI DI STUDIO a.a. 2015 16. Economia aziendale e management (CLEAM) pag. 1. Economia e finanza (CLEF) pag. 2 PIANI DI STUDIO a.a. 015 1 Economia aziendale e management (CLEAM) pag. 1 Economia e finanza (CLEF) pag. Economia e scienze sociali (CLEF) pag. Economia e management per arte, cultura e comunicazione (CLEACC)

Dettagli

Corso introduttivo a International MBA (in Inglese)

Corso introduttivo a International MBA (in Inglese) Indice: Corso introduttivo a International MBA (in Inglese) Mini MBA in Ristorazione e Catering Mini-MBA in International Business (in Inglese) Mini MBA in Business Management per Artisti e Creativi Mini

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Economia e finanza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA MAGISTRALE IN Economia e Finanza

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Economia. LAUREA MAGISTRALE IN Economia e Finanza UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Economia LAUREA MAGISTRALE IN Economia e Finanza REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Corso di Laurea di durata biennale appartenente

Dettagli

Il Corso di Studi in ECONOMIA AZIENDALE

Il Corso di Studi in ECONOMIA AZIENDALE Il Corso di Studi in ECONOMIA AZIENDALE Focus del Corso di Studi in Economia Aziendale Focus AZIENDA ED IL SUO MANAGEMENT FORMAZIONE DEI MANAGERS DIVERSE TIPOLOGIE DI AZIENDE DIVERSI MOMENTI DI VITA APPROCCIO

Dettagli

Master in Economia e Management delle Attività Turistiche e Culturali. Corso di formazione in Diritto del turismo (14 maggio 22 maggio)

Master in Economia e Management delle Attività Turistiche e Culturali. Corso di formazione in Diritto del turismo (14 maggio 22 maggio) Master in Economia e Management delle Attività Turistiche e Culturali Corso di formazione in (14 maggio 22 maggio) La formazione nel turismo Nell ultimo ventennio profondi cambiamenti hanno segnato il

Dettagli

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION (110 ore, 3 ottobre 2009 22 maggio 2010)

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION (110 ore, 3 ottobre 2009 22 maggio 2010) EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION (110 ore, 3 ottobre 2009 22 maggio 2010) 1. Contabilità finanziaria 2. Contabilità manageriale 3. Diritto commerciale Elementi chiave dell amministrazione La

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

CONSULENZA E FORMAZIONE

CONSULENZA E FORMAZIONE Cos è l EBC*L La European Business Competence Licence (EBC*L), nata dalla collaborazione di alcuni docenti universitari di Austria e Germania, è una certificazione, riconosciuta in ambito europeo, relativa

Dettagli

PIANO FORMATIVO DEL MASTER PER LA FORMAZIONE DI MANAGER DELLE RISORSE ARTISTICHE E CULTURALI

PIANO FORMATIVO DEL MASTER PER LA FORMAZIONE DI MANAGER DELLE RISORSE ARTISTICHE E CULTURALI PIANO FORMATIVO DEL MASTER PER LA FORMAZIONE DI PRESSO L UNIVERSITÀ IULM LIBERA UNIVERSITÀ DI LINGUE E COMUNICAZIONE. La Fondazione Roma e la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM organizzano

Dettagli

Criminologia e studi giuridici forensi MA 056

Criminologia e studi giuridici forensi MA 056 Master di I livello (1875 ore 75 CFU) Anno Accademico 2011/2012 Criminologia e studi giuridici forensi MA 056 Titolo Criminologia e studi giuridici forensi La Criminologia sta assumendo un ruolo sempre

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1

SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1 SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1 Alla Facoltà di Scienze bancarie, finanziarie e assicurative afferiscono i seguenti corsi di laurea di specialistica: a) corso

Dettagli

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali)

Regolamento Corso di Laurea Magistrale in. AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Regolamento Corso di Laurea Magistrale in AMMINISTRAZIONE ECONOMIA E FINANZA (Classe LM-77, Scienze Economico Aziendali) Art. 1 Attivazione La Facoltà di Economia attiva il Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

European Financial Advisor Program

European Financial Advisor Program European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE 2015 TESEO, da oltre dieci anni, opera quale ente di ricerca e sviluppo di didattica applicata e quale centro di cultura finanziaria indipendente,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015 Indicazioni

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ASL LECCE Master II Livello in MANAGEMENT SANITARIO ANNO ACCADEMICO 10-11 R E G O L A M E N T O ARTICOLO 1 Il Master in Management Sanitario si propone

Dettagli

Corso di preparazione all esame di Avvocato 2015

Corso di preparazione all esame di Avvocato 2015 Corso di preparazione all esame di Avvocato 2015 Sede: Cosenza (in aula ed in videoconferenza) Destinatari Praticanti avvocati che devono sostenere le prove scritte dell esame di avvocato a dicembre 2015

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

Investire nella formazione

Investire nella formazione Repubblica e Cantone Ticino Investire nella formazione Concetto 2006 per la formazione dei Segretari comunali, dei Quadri dirigenti e dei Funzionari amministrativi Dipartimento dell educazione, della cultura

Dettagli

I Edizione SECURITY MANAGER

I Edizione SECURITY MANAGER MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014-2015 I Edizione SECURITY MANAGER Il Master è organizzato dall Università LUMSA in convenzione con il Consorzio Universitario Humanitas DIRETTORE:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

Schede delle Scuole di Dottorato, dei corsi e degli indirizzi attivati. Dottorato di ricerca in Economia aziendale

Schede delle Scuole di Dottorato, dei corsi e degli indirizzi attivati. Dottorato di ricerca in Economia aziendale Allegato A Schede delle Scuole di, dei corsi e degli indirizzi attivati Elenco delle schede Scuola di dottorato Scheda Scuola superiore di Economia SSE Scuola dottorale interateneo Global Change Science

Dettagli

Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE

Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento formazione e apprendimento Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE Piano degli studi 2015/2016

Dettagli

Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali

Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali Laurea triennale in Interpretariato e comunicazione Regolamento dei Laboratori di lingua professionalizzanti e caratterizzanti

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Master Universitario annuale di II livello in RUOLO E COMPITI DEL DIRIGENTE NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2015/2016 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE (CLEA) Classe di laurea in Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale (cl.

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE (CLEA) Classe di laurea in Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale (cl. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA AZIENDALE (CLEA) Classe di laurea in Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale (cl.l-18) Sedi Formative e Il corso si propone di formare giovani in grado di

Dettagli

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1 BANDO MASTER IIN IINTERNATIIONAL BUSIINESS STUDIIES Accrediitato ASFOR IIXX ediiziione Anno 2014/2015 1 Indicazioni generali Il CIS è la Scuola per la Gestione d Impresa di Unindustria Reggio Emilia operante

Dettagli