2 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso"

Transcript

1

2 2 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso Consiglieri e revisori CONSIGLIO DIRETTIVO PRESIDENTE VICE PRESIDENTE SEGRETARIO TESORIERE CONSIGLIERI (Odontoiatra) Dott. Gennaro BARONE Dott. Marcello DI FALCO Dott. Celestina CLEMENTE Dott. Filomena GALLO Dott. Domenico COLOCCIA Dott. Elda DELLA FAZIA Dott. Sonia DE NOTARIS Dott. Angelo Elio GENNARELLI (Odontoiatra) Dott. Gianfranco GIGLIO Dott. Ernesto LA VECCHIA Dott. Sergio ZARRILLI COLLEGIO REVISORI DEI CONTI PRESIDENTE Dott. Maria Carmela MASCARO COMPONENTE EFFETTIVO Dott. Florio REALE Dott. Bartolomeo TERZANO COMPONENTE SUPPLENTE Dott. Daniele Antonio FALCONE Commissione odontoiatri COMMISSIONE ISCRITTI ALBO ODONTOIATRI PRESIDENTE COMPONENTE Dott. Attilio CICCHETTI Dott. Raffaella AMORUSO Dott. Domenico COLOCCIA Dott. Angelo Elio GENNARELLI Dott. William SUSI COMITATO DI REDAZIONE DIRETTORE REDATTORE Mena VASELLINO Dott. Gennaro BARONE Dott. Attilio CICCHETTI Dott. Luciano GRECO Dott. Giovanni SPÀRANO Dott. Sergio ZARRILLI BOLLETTINO DELL ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI CAMPOBASSO - Tel Fax Registrazione Tribunale di Campobasso del , n. 141 Impaginazione e stampa: ARTI GRAFICHE LA REGIONE s.r.l. C.da Pescofarese, RIPALIMOSANI (CB) Tel Fax ISDN: Le foto di copertina sono del Dott. Luciano Greco In prima di copertina: Larino e in quarta di copertina: Campitello di Sepino

3 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso 3 Sommario L Angolo del Presidente Assemblea generale ordinaria Giramento Codice Deontologico 50 anni di laurea Nati per leggere - Molise Medici che onorano il Molise nel mondo Psiche Mafiosa - Immagini da un carcere Sanità vo cercando, ch è sì cara Cooperazione internazionale e tutela della salute globale L epilessia, tema della VII Giornata Cardarelliana Parliamo di ambiente 92 incontro regionale in forma Molise Corso per l abilitazione alle attività di tutoraggio dei Medici di Medicina Generale Pagina Odontoiatrica La Storia dell Ordine dei Medici della Provincia di Campobasso Non solo medicina Notizie utili I dati dell Ordine PAG. 4» 6» 7» 8» 9» 10» 12» 14» 16» 17» 18» 20» 21» 22» 26» 30» 37» 42 AVVISA Tutti coloro che vogliono pubblicare articoli, suggerimenti, notizie e quant altro possono farlo inviando il materiale alla segreteria dell ordine oppure all indirizzo di posta elettronica.ci aspettiamo la collaborazione di tutti i medici iscritti e faremo del nostro meglio per pubblicare ogni vostra richiesta Si ricorda di compilare e spedire all Ordine il modulo che vi è stato inviato per aggiornare l anagrafica ai sensi delle nuove normative e utile anche ai fini previdenziali. Il modulo può anche essere scaricato direttamente dal sito dell Ordine. Obbligo PEC - Posta Elettronica Certificata: si ricorda che il D. L. 185 del 29 /11/2008 convertito con L. 28/01/2009, n.2, stabilisce l obbligo, per le società di capitali, per le società di persone e per i professionisti iscritti in albi o elenchi e le pubbliche amministrazioni, di dotarsi di una casella di posta elettronica certificata (l indirizzo pec dovrebbe divenire l unico mezzo di comunicazione con le pubbliche amministrazioni, compresi gli organi giudiziari ed il consiglio dell Ordine di appartenenza); per i professionisti (architetti, avvocati, ingegneri, medici, odontoiatri,ecc...) diviene obbligatoria dal 29/11/2011. Nella fattispecie si rammenta che l art. 16, comma 7, del D.L 185/08 dispone che i professionisti iscritti in albi ed elenchi istituiti con legge dello Stato comunicano ai rispettivi ordini o collegi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata. Si rende noto che le domande di verifica messaggi pubblicitari, per essere sottoposte all approvazione del Consiglio Direttivo nel mese in cui vengono inoltrate, devono pervenire entro il 10 di ogni mese. Gli iscritti all Ordine sono pregati di inviare i loro indirizzi mail aggiornati in modo da ricevere tutte le comunicazioni in modo tempestivo.

4 4 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso L ANGOLO DEL PRESIDENTE Dott. Gennaro Barone Cari colleghi, l Editoriale di questo numero del Bollettino contiene le risposte fornite alla FNOMCeO a due quesiti inviati a tutti i Presidenti di Ordine su temi importanti. Voglio condividerle con tutti voi potendo rappresentare spunto di riflessione e discussione. Riporto quindi a seguire i quesiti e le relative risposte inviate alla nostra Federazione. Caro Presidente, per il portale della FNOMCeO stiamo organizzando delle interviste ai Presidenti di Ordine. Le interviste sono strutturate su due domande alle quali Lei può rispondere magari integrando con qualche argomento che sta particolarmente a cuore al suo Ordine. 1 Qual è la sua valutazione sull attuale situazione del Servizio Sanitario Nazionale e della politica nazionale in materia di Sanità? 2 L Ordine da lei Presieduto su che cosa è particolarmente impegnato nei prossimi mesi? Formazione, informazione, eventi, iniziative, aspetti specifici del territorio di sua competenza? Roma, 27 luglio 2013 PRIMO QUESITO Premetto che le mie considerazioni sono ovviamente condizionate dalla situazione della sanità (per nulla incoraggiante) della mia regione, situazione che comunque rispecchia le caratteristiche di una parte rilevante della realtà italiana. E fuori discussione, secondo me, che la madre di tutti i guai che imperversano e incombono sulla nostra sanità, è stata da molti lustri la sua occupazione armata, insidiosamente progressiva, da parte della politica intesa nel senso più deteriore del termine (logiche e interessi di partiti e loro correnti). Conseguentemente la sanità è diventata, in diverse realtà, il mezzo per acquisire facili consensi e quindi merce di scambio elettorale. Una conseguenza di tutto ciò è stato l affossamento di quella che, non solo per me, era la più civile e democratica riforma sanitaria, garante dei diritti sanciti dalla Carta Costituzionale in materia di tutela della salute in quanto sottolineava la imprescindibilità del concetto di uguaglianza sociale e del principio della solidarietà sul quale deve fondarsi un civile Sistema Sanitario Nazionale. Mi sto riferendo alla legge 833/78, quella che aboliva le Casse Mutue, che ribadiva la chiusura dei Manicomi, che eliminava le disuguaglianze assistenziali, che riorganizzava sul territorio nazionale una Sanità fino ad allora apparentemente efficiente solo a macchia di leopardo, che garantiva tutto a tutti, senza distinzione di censo o di latitudine. E durata poco perché il legislatore di allora non aveva previsto che, per attuarla concretamente, c era bisogno di una classe politica e dirigenziale diversa, più lungimirante e capace di cogliere i contenuti e i veri principi innovativi della riforma che, se applicata correttamente, avrebbe portato la nostra sanità in porti più tranquilli e sicuri rispetto a quelli attuali. Invece, gli anni delle UUSSLL e poi delle AASSLL, fatte le dovute eccezioni, sono stati gli anni del salti chi può, dello sbraco organizzativo e dell ognuno badi per sé consistente in un dispendio di risorse economiche al di fuori di qualsiasi programmazione. Lo stiamo pagando adesso, lo stanno pagando, sulla propria pelle (è proprio il caso di dirlo), le fasce sociali più fragili, comprese quelle che una volta appartenevano al cosiddetto ceto medio, oggi abbondantemente declassato perché impoverito. La tutela della salute sta purtroppo diventando, sempre più, privilegio di chi può pagarsela. Basta considerare l offerta del sistema sanitario pubblico, sempre più povera e complicata da chilometriche liste di attesa che mettono il cittadino che deve curarsi dinanzi ad un assurdo dilemma: o rivolgersi alla sanità privata (ahimè troppo spesso gestita dagli stessi operatori del pubblico) o lasciar perdere e affidare la propria salute a qualche santo protettore. E i tentativi per risalire la china (per la verità sbrigativi e per nulla frutto di lungimiranza decisionale), hanno prodotto, anche nel mondo della sanità, precariato, malcontento ubiquitario, smantellamento parziale (leggi anche sfiancamento) di Unità Operative ben funzionanti, primari non di ruolo o facenti funzione mentre fa da stridente contraltare il voler mantenere in piedi strutture vetuste, poco utili per un contesto organizzativo armonico e funzionale. E tutto ciò, manco a dirlo, a causa del persistere di posizioni di vari potentati locali in gran parte sorrette da fini di consenso politico. Mentre ci si appella alla imperversante cri-

5 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso 5 L ANGOLO DEL PRESIDENTE si per giustificare la imposizione di crescenti addizionali e di esosi ticket sanitari che rendono sempre meno competitivo il servizio pubblico a tutto vantaggio di altre forme di assistenza, ancora una volta gran parte della classe politica che ci rappresenta si distingue nel non dare un giusto contributo alla causa del dissesto nazionale e locale: sperperi attualmente al vaglio della magistratura, appannaggi esorbitanti, scarsa sensibilità verso i veri problemi della nazione sui quali primeggiano la tutela della salute accessibile a tutti, il lavoro e il diritto allo studio. La tutela della salute (al pari del diritto allo studio e al lavoro), per concludere queste mie amare e crude riflessioni, deve essere considerata come un diritto intoccabile del cittadino, un bene inalienabile che qualcuno ha addirittura voluto mettere in competizione con lo stesso diritto a lavorare (vedi il caso ILVA di Taranto, pessimo indicatore di civiltà!). La Sanità deve quindi sganciarsi da logiche di bottega e sbarazzarsi di tutti quelli che finora ne hanno tratto profitto, in termini economici e di consenso elettorale. E il primo passo da compiere se vogliamo recuperare quello che avevano stabilito i padri costituenti dei quali si prova oggi, al confronto di chi ci rappresenta attualmente, forte nostalgia e rimpianto. SECONDO QUESITO Chiaramente l impegno dell Ordine da me presieduto è indirizzato, per quanto possibile e per quello che gli può competere, anche ad affrontare le problematiche citate precedentemente, rese più pesanti dal fatto che il Molise (nonostante conti appena abitanti) è una di quelle regioni annoverate tra le poco virtuose, che sono alle prese da anni con un estenuante piano di rientro dal quale non si riesce ad uscire. L Ordine si è posto sempre come interlocutore super partes di tutte le istituzioni sanitarie e politiche, cercando di fornire un contributo tecnico ogni qual volta è stato necessario, presenziando varie commissioni istituzionali e partecipando a incontri specifici, cercando sempre di fornire un apporto costruttivo. A tal proposito ha promosso varie iniziative formative ed informative, sui grossi temi della sanità, che hanno coinvolto iscritti all Albo e cittadini in genere. Uno degli obiettivi che ci siamo prefissati di raggiungere, è stato quello di migliorare tra gli iscritti la conoscenza del nostro Codice di Deontologia, consapevoli che specifici problemi della nostra professione possono anche derivare da inosservanza parziale o totale di quello che mi piace chiamare la Stella Polare del medico. Svariate iniziative formative organizzate dal nostro Ordine, sono state incentrate proprio sul CDM, anche in sintonia con il programma politico della FNOMCeO. Soprattutto ai nuovi iscritti si è cercato di inculcare la imprescindibile importanza dei precetti da osservare, mezzo per certi versi determinante per erogare una buona sanità e non incorrere, per quanto possibile, in pericolosi e dolorosi contenziosi. E a proposito del CDM, l Ordine di Campobasso ha avuto, in questi ultimi anni, una particolare predilezione e attenzione per l ambiente, coerentemente con quanto stabilito dall art. 5. E stata promossa la attivazione di una Commissione interna all Ordine dedicata ad Ambiente e Salute e, concomitantemente, una efficiente sezione dell ISDE con sede proprio presso il nostro Ordine, soprattutto per sottolineare la importanza della tutela dell ambiente come uno dei mezzi fondamentali di tutela della salute. Numerosissime sono state le iniziative portate avanti in questo settore incidendo, spesso in modo determinante, su situazioni di particolare criticità. Salubrità dell aria, del suolo, dell acqua, degli alimenti, il nucleare, le malattie collegate con l inquinamento ambientale.. tutti temi affrontati anche in ECM per gli iscritti e con dibattiti destinati ai cittadini e agli studenti universitari e di scuola media superiore. Inoltre, rappresentanti della Commissione ambiente e dell ISDE si recano spesso nelle scuole per illustrare agli studenti come evitare i danni sulla salute causati dal cattivo uso dei telefoni cellulari, alla luce delle recenti acquisizioni scientifiche e dei rilievi epidemiologici effettuati in questi ultimi anni. Questa iniziativa è stata molto apprezzata da numerose dirigenze scolastiche e dai genitori dei ragazzi. La stessa Prefettura ha avuto parole di plauso per questo impegno portato avanti con incisività e costanza. Di conseguenza, l ISDE e la Commissione Ambiente dell Ordine sono nel tempo diventati validi punti di riferimento per quanto attiene le problematiche ambientali. Tra le numerose attività organizzate dall Ordine, mi piace ricordare quelle che mettono in risalto la opportunità di donare solidarietà e generoso altruismo soprattutto alle fasce sociali bisognose o fragili. Tanti nostri professionisti, coordinati dall Ordine, offrono assistenza gratuita ai numerosissimi bambini Bosniaci che, ospitati da famiglie molisane, vengono a trascorrere le vacanze estive e natalizie in Italia. Cardiologi, pediatri e odontoiatri si rendono disponibili nel prestare la propria competenza professionale quando necessaria, nobilitando così una professione messa troppe volte ingiustamente alla sbarra per ipotizzati e spesso non confermati episodi di malasanità. Le iniziative di solidarietà si concretizzano anche nel sostenere numerosi colleghi che si recano in diverse zone disagiate del mondo (Africa, sud America) per prestare la propria opera professionale, svolgendo un encomiabile volontariato sanitario. Le attività formative, come già accennato, sono state e saranno numerosissime, sia per medici che per odontoiatri. Tramite eventi di particolare rilievo scientifico, viene garantito, per ciascun iscritto, il conseguimento di gran parte del fabbisogno formativo annuale, anche grazie ad una intensa collaborazione con la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università del Molise e la locale Azienda Sanitaria. A breve verrà garantita a tutti gli iscritti una specifica formazione in campo informatico al fine di migliorare conoscenze dalle quali, anche nella nostra professione, ormai non si può prescindere. Gennaro Barone Presidente OMCeO di Campobasso

6 6 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI VIA MAZZINI, CAMPOBASSO Tel.0874/ Fax 0874/ A Tutti i Sigg. Medici-Chirurghi ed Odontoiatri della Provincia L O R O S E D I ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA È convocata in prima convocazione il giorno 08 novembre 2013, alle ore 23,00 - e in SE- CONDA CONVOCAZIONE alle ore 10,00 del giorno 09 NOVEMBRE 2013 presso la sede di questo Ordine - via Mazzini n Campobasso, l Assemblea Generale Ordinaria dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia per trattare il seguente Ordine del giorno Relazione del Presidente; Relazione del Tesoriere e del Collegio Revisori dei Conti; Approvazione Conto Consuntivo 2012 Bilancio Preventivo 2014; Giuramento Codice Deontologico Medici neo Laureati; Premiazione Medici con 50 anni di laurea; Varie ed eventuali. In caso di impedimento si può rilasciare delega ad altro Collega. Nessuno può essere investito con più di due deleghe. Il Presidente Dr. Gennaro Barone DELEGA Delego il Dott. a rappresentarmi all Assemblea dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri che si terrà sabato 09 novembre Firma

7 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso 7 Giuramento Codice Deontologico Io giuro per Apollo Medico e per (Iscritti fino al consiglio del ) BARONE NOEMI Asclepio ( ) BRIGANTE FABIANA CECERE FEDERICO CELLURALE MICHELE CENTRITTO STEFANO Secondo le mie forze ed il mio giudizio, CERVONE LUCIA CICCHESE NOEMI CINELLI MICHELE MARIO COLASURDO MARCO COLOCCIA GIOVANNI (ODONT.) COMEGNA LAURA CONTE MARIA GRAZIA CORONA ROSALIA prescriverò la dieta per giovamento dei malati e CRISTOFARO ADRIANA DE BENEDITTIS DANIELA DE VITA CARLA DEL CORSO DOMENICO DI FLORIO FRANCESCA mi asterrò da DI IORIO ROBERTO SALVATORE MERCURIO DI PADUA CLAUDIA ogni danno e violenza ( ) DI PAOLO MARIAPIA EVANGELISTA GIULIO (ODONT.) FATICA FEDERICA FAZIO CHIARA FESTA KOTELNIKOVA ELENA FILIPPELLI MARIAELENA GIAGNORIO MARIA GIOVANNA GIULIANO LUCIA (ODONT.) IAFELICE GIUSEPPE (ODONT.) MADDALENA SILVIO MARANDOLA DIEGO MARIANO IOLANDA MEZZACAPPA ANTONIA MINICUCCI VALENTINA NARDINO DANIELA NICOTERA MICHELA PADUANO DANILO PASQUALE CHIARA PERAZZELLI CHIARA PONTICO MARIANO QUACQUARUCCIO ANTONIO (ODONT.) ROSATI DENISE SABELLI VITTORIO SASSI TERESA TARANTINO PAOLO TROIANO LUCIA TROMBA FEDERICA (ODONT.) VINCELLI GIOVINA ZAPPACOSTA ANDREA

8 8 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso dott. Salati Laurea in Medicina e Chirurgia nel Specializzazione in Malattie Nervose e Mentali nel Specializzazione in Medicina Legale e delle Assicurazioni nel Assistente Ospedale Psichiatrico di Sassari. Docente di Fisiopatologia della età evolutiva presso il Magistero Sperimentale di Campobasso. Specialista Ambulatoriale nelle branche di Neurologia e Psichiatria. Psichiatra forense in attualità di servizio. Il Dott. Giuseppe Biondi è nato a Foligno nel 1939, cresciuto ed educato durante la guerra e subito dopo, cioè con i bombardamenti, le macerie, le distruzioni, i feriti e i morti della propria città ad opera delle truppe amiche e nemiche. Ha perciò deciso, fin da bambino, di dedicarsi ad aiutare gli altri, come uomo e come medico, verso tutti, indistintamente, trascurando addirittura i propri interessi. Ciò non è retorica ma impostazione di vita. Compiuti gli studi di base a Foligno, ha conseguito la Laurea in Medicina e Chirurgia, con il massino dei voti, nel 1953 a Perugia. Subito dopo, pur continuando la formazione, ha iniziato ad espletare la Professione di Medico Chirurgo, è diventato di leva, Ten. Med. Cpl. Dirigente SS dell E.I. a Bolzano. In seguito è stato assunto come Medico Chirurgo di ruolo a tempo pieno, prima come Assistente e poi come Aiuto della divisione di Ortopedia e Traumatologia all ospedale di Foligno. Si è specializzato in Ortopedia e Traumatologia nel 1971 a Firenze e ha poi continuato a specializzarsi, durante tutta la sua carriera, in Chirurgia della mano e del ginocchio, in Osteosintesi interna ed esterna e Protesi, in Reumatologia, in Riabilitazione, in Neurofisiopatologia e in Ortopedia pediatrica. È stato membro, e lo è ancora parzialmente, di molte Associazioni Specialistiche, ha espletato e vinto numerosi concorsi pubblici di Idoneità Nazionale di Aiuto e di Primario di Ortopedia ospedaliera. Dal 1980 è in Molise dove è diventato Primario della Divisione di Ortopedia e Traumatologia dell Ospedale di Larino svolgendo le sue funzioni con la massima abnegazione nonostante la pochezza di mezzi e sovvenzioni. Nel 2001, non esistendo più il posto, è stato costretto a dimettersi, non senza dispiacere. Da allora continua comunque a studiare e ad aggiornarsi e ad esercitare la Professione privatamente e completamente a titolo gratuito come quella di CTU presso il tribumale. dott. Biondi Giovanni Sparano è nato a Caserta in data 11/3/1938. Ha compiuto gli studi classici presso il liceo Pietro Giannone di Caserta. Si è laureato in medicina e chirurgia presso l Università di Napoli in data 21/12/1963. E specializzato in Urologia e Nefrologia. Ha esercitato la professione di medico di base per cinque anni nel Comune di Caserta. Ha dato un determinante contributo alla nascita del reparto di nefrologia e dialisi dell ospedale civile di Caserta, dove ha operato come assistente per cinque anni. Ha fondato e diretto il reparto di Nefrodialisi dell Ospedale Civile di Campobasso, dove ha rivestito la carica di primario per ventitrè anni ( ). Ha promosso la nascita della dialisi peritoneale a domicilio e di centri dialisi in tutti gli Ospedali della Regione Molise, che ha diretto e coordinato per oltre dieci anni. Ha contribuito all attuazione dei prelievi di organi a scopo di trapianto terapeutico presso la UOC di Rianimazione di Campobasso, favorendo, in collaborazione con i centri trapianti, l effettuazione di numerosi trapianti ai nefropazienti molisani. Ha insegnato alla Scuola di Specializzazione di Nefrologia della Università Tor Vergata di Roma negli anni Ha rivestito cariche importanti a livello regionale, interregionale e nazionale (Coordinatore Nazionale della Società di Aferesi in Nefrologia nell anno 1996, Presidente della Società di Nefrologia del Centro Italia (ALaMMU) nel triennio , Condirettore del Suditaltransplant). Ha pubblicato numerosi lavori scientifici innovativi su tecniche originali nel campo del trattamento dialitico dei pazienti ricoverati in reparti di terapia intensiva. E ideatore e proprietario di Brevetto di un apparecchiatura per emodiafiltrazione nei reparti di terapia intensiva (Brevetto N del 27/8/1992). Attualmente, collocato in pensione in data 31 dicembre 2003, collabora attivamente con articoli di interesse medico e sociosanitario al Bollettino Dei Medici Chirurghi della Provincia di Campobasso, al mensile Il Bene Comune, all Ufficio Pastorale Sanitaria dell Arcidiocesi di Campobasso Bojano. E autore dei libri: Donazione, Prelievi e Trapianti (OMC Campobasso 2008), Nascita di un reparto (Tipografia l Economica, settembre 2010), Destinazione Molise (Il Bene Comune, novembre 2010), La Persona e il Creato al centro della cura (Il Bene Comune, febbraio 2012), Percorsi di vita (Tipografia L Economica, gennaio 2013). Attualmente è Presidente A.M.C.I. (Associazione Medici Cattolici) Regione Molise. dott. Sparano

9 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso 9 Leggi ogni giorno una storia al tuo bambino. Digli così quanto bene gli vuoi, fagli un regalo che dura per sempre. Rita Valentino Merletti Sergio Zarrilli Anche quest anno la biblioteca Albino ha ospitato le letture estive del progetto Nati per Leggere; nella magica atmosfera del giardino della biblioteca i lettori volontari hanno accolto genitori e bambini e proposto vecchie e nuove storie. Gli incontri di lettura di questa estate hanno confermato la bontà del progetto, l interesse e la partecipazione di tante famiglie, più numerose rispetto al passato e più motivate. Una buona base di partenza, insomma, per continuare a crescere. Il viaggio di NpL in autunno continua al chiuso in una sala della Fondazione Molise Cultura a Campobasso; dal 18 settembre appuntamenti settimanali presso la Fondazione in via Milano a Campobasso; dalle alle 18 di ogni mercoledì i lettori volontari del progetto accoglieranno genitori e bambini con tanti libri e tante storie da raccontare. Il progetto Nati per Leggere, giunto in Italia alla fine degli anni 90, riguarda la lettura ad alta voce ai bambini in età precocissima da parte dei genitori e degli altri adulti e l introduzione dei libri nella vita del bambino, prima come conoscenza di oggetto e poi come fonte di piacere e divertimento. Ricerche scientifiche hanno dimostrato come leggere ad alta voce e con continuità ai bambini in età prescolare abbia un influenza positiva sia dal punto di vista relazionale che cognitivo; in più si consolida nel bambino l abitudine a leggere che si protrae, poi, nelle età successive. Il bambino che ha conosciuto precocemente i libri e la lettura entra a scuola dotato di maggiori strumenti. L attività del lettore volontario si affianca a quella svolta da genitori, bibliotecari, insegnanti, pediatri e offre, ai bambini, una opportunità di lettura in più. Il corso per lettori volontari è parte integrante del progetto Nati per Leggere e ne rappresenta una delle manifestazioni più coinvolgenti e interessanti. Nel maggio scorso ne sono stati organizzati a Campobasso due (quello base e quello avanzato) con Alfonso Cuccurullo e Tiziana Cristiani, del Coordinamento Nazionale del progetto. Il gruppo lettori volontari di NpL Molise ha accolto, quindi, nuovi lettori ed è pronto per le letture d autunno in Fondazione. Sergio Zarrilli

10 10 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso Medici che onorano il MOLISE nel mondo Lo scorso 6 settembre nella sala conferenze del Ordine dei Medici si è aggiunto un nuovo iscritto all Albo, quello del Professor Antonio Ferrante. Ancora una volta è stata data la più che giusta attenzione ad un Molisano che, dall altra parte del mondo, onora la sua terra. Il Professor Ferrante, nato a Castellino del Biferno nel 1949, è emigrato in Australia insieme alla famiglia nel 1957, ed è oggi uno dei più affermti studiosi di Immunologia e Pediatria immunologica. Di passaggio in Italia è stata colta al balzo l occasione di riceverlo, insieme alla sua famiglia, nella sua terra con l attenzione e la gloria che merita. Il Presidente dell Ordine, Dott. Barone, facendo gli onori di casa si è mostrato ancora una volta particolarmente emozionato nel ricevere un uomo che rende onore alla sua professione in tutto il mondo, portando sempre nel cuore e con vanto le sue origini tanto forti soprattutto nella sua parlata, poco italiana e molto Castellinese. E stato un pomeggio importante al quale hanno partecipato anche gli amministratori del piccolo comune Molisano con in testa il Sindaco, il Pesidente della Provincia di Campobasso, il Presidente della Camera di Commercio, il Prof. De Lisio che ha già pubblicato articoli del Prof. Ferrante nella sua importante rivista Quaderni di Scienza e Scienziati Molisani, il Dott. Ugo Carissimi che è intervento per illustrare il suo lavoro in campo immunologico. All incontro è stato presente anche il Dott. Testa, tra i decani dell ordine, e il prof. De Gaetano al quale va rivolto un particolare ringraziamento per averci aiutato con la traduzione degli interventi in inglese del Prof. Ferrante. Un ampio spazio è sato dato poi a quest ultimo che ha illustrato ai presenti in cosa consiste il suo lavoro, come funziona la ricerca in Australia, i risultati, le difficoltà, i traguardi raggiunti. Ad oggi il Prof. Ferrante ha ottenuto fondi per oltre 6 milioni di dollari australiani, ricevuti da importanti istituzioni e fondazioni per la ricerca medica, dalle Nazioni Unite, da banche e organizzazioni internazionali ed inoltre 4 milioni di dollari, negli ultimi 15 anni, dall industria per la ricerca biotecnologica. Al termine dell incontro il Presidente Barone a nome dell Ordine ha consegnato al Prof. Ferrante Le Lezioni cliniche di Cardarelli, il libro del Dott. Testa Le Grandi figure della Medicina Molisana, ma soprattutto la targa Honoris Causa che fa del Professore un iscritto di diritto al nostro Ordine. Omaggi sono arrivati anche dalla Provincia con l Atlante dei Castelli del Molise e la spilla con lo stemma provinciale. Mena Vasellino

11

12 12 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso Psiche Mafiosa Immagini da un carcere A Termoli esperti e toccanti testimonianze Lo scorso 29 giugno è stato presentato a Termoli il volume Psiche Mafiosa. Immagini da un carcere di Angelo Malinconico (psichiatra e analista junghiano, direttore del Centro di Salute Mentale di Termoli), e Nicola Malorni (psicologo analista dell infanzia e dell adolescenza, coordinatore del Centro Clinico VATMA), in un convegno organizzato dalla Cooperativa Sociale Sirio, in collaborazione con l Associazione Italiana degli psicoanalisti junghiani (l AIPA). L evento, accreditato ECM per la nostra categoria, ha visto la partecipazione di esponenti di fama nazionale del mondo accademico, psichiatrico-psicoanalitico, psicologico-giudidico, nonché di quello penitenziario. Il lavoro che ha portato alla stesura di Psiche Mafiosa, come ha sottolineato il moderatore del convegno, Marzo Zanasi (psichiatra, analista junghiano didatta dell AIPA), si qualifica come un esperienza limite, in quanto origina dalla conduzione di un gruppo analitico di padri detenuti nella Casa Circondariale di Larino, appartenenti ad organizzazioni mafiose, notoriamente poco inclini all espressione e all esplorazione dell affettività. L evento con cui il volume è stato presentato in anteprima al pubblico molisano è stato incentrato sui modelli di intervento psicoanalitico nel contesto penitenziario, in riferimento alla concezione della mente di Carl Gustav Jung, che vedeva la psiche umana come un apparato complesso, dinamico e insieme sistemico. Attraverso la presentazione del volume, la riflessione è stata centrata nello specifico sul modello analitico che ha ispirato il progetto, che discostandosi da classificazioni psicopatologiche o criminologiche, ha inteso promuovere nel gruppo di detenuti mafiosi del carcere frentano un confronto con l inconscio. Paolo Aite, uno dei padri dello junghismo italiano, direttore della storica Rivista di Psicologia Analitica, ha affermato nel suo intervento che l esperienza molisana è una dimostrazione di come, attraverso l accesso all attività immaginativa sponta-

13 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso 13 nea della mente umana, mediato dal Gioco della Sabbia, sia possibile facilitare il superamento di barriere comunicative e culturali rigide come quelle dell affiliato mafioso, rendendo possibile il confronto con l affettività autentica e con essa anche il recupero o il potenziamento della funzione genitoriale. Come dire che oltre le maschere iconografiche e tragiche della cultura mafiosa si dischiude la possibilità di accedere alla psiche individuale, in un percorso in cui essa di rivela in tutta la sua umanità. Il Gioco della Sabbia è una metodica analitica junghiana utilizzata sia per il trattamento di bambini che di adulti, grazie alla quale il gesto ludico diviene il centro dell attività dell analizzando, la messa in scena del suo mondo interno, una sorta di teatro psichico che evoca nella sua costruzione emozioni, vissuti, rappresentazioni e segreti spesso intraducibili attraverso le parole. Una particolare attenzione è stata rivolta dagli analisti relatori alla possibilità di accedere ai sogni e all affettività dei detenuti attraverso la rappresentazione dei sogni con il Gioco della Sabbia, un campo di ricerca inaugurato in Italia proprio da Malinconico. Di fronte alla chiusura tipica della cultura mafiosa, l esperienza analitica del carcere frentano ha sollecitato una sequenza creativa di aperture, promuovendo lo sviluppo di un confronto tra l approccio psicoanalitico, il mondo interiore del detenuto, l Istituzione Totale. Il tutto grazie ad un primo livello di apertura, che è quello del direttore della Casa Circondariale di Larino, Rosa la Ginestra, che ha lasciato che entrasse all interno dell Istituzione carceraria un modello di intervento certamente distonico rispetto alle abituali prassi cosiddette riabilitative del contesto penitenziario. Particolarmente toccanti, autentici e intrisi di speranza sono stati gli interventi di ex mafiosi, alcuni ancora detenuti, altri non più, che hanno voluto testimoniare il percorso di chi, nato ed allevato in una cultura considerata non scardinabile, l ha prima interpretata drammaticamente, per poi riuscire a lasciarsela alle spalle, attraverso le strade dell arte, del teatro e dello spettacolo (fino alla notorietà internazionale, come protagonisti dello splendido film Cesare deve morire ). Il Convegno si è concluso, proprio a proposito di scambi e alchimie, con uno spettacolo teatrale sulla Mafia, che è stato portato per la prima volta in Molise dalla Compagnia Stabile Assai della Casa di Reclusione di Rebibbia, dal titolo Alle due i monaci tornano in convento. Un dramma in atto unico inscenato in serata alla Scalinata del Folklore e che ha posto al centro della scena la storia di due giovani palermitani cui viene infranto il sogno d amore dall appartenenza alla Famiglia. Per chi volesse saperne di più su questi temi: - Aite P., Paesaggi della psiche Il Gioco della Sabbia nell analisi junghiana, Bollati Boringhieri, Torino, Malinconico A. e Malorni N., Psiche mafiosa. Immagini da un carcere, Edizioni Magi, Roma, Malinconico A. e Peciccia M., Al di là della parola Vie nuove per la terapia analitica delle psicosi, Ed. Magi, Malinconico A., (a cura di), Il sogno in analisi e i suoi palcoscenici. Drammatizzazioni, gioco e figurazioni, Roma, Edizioni Magi, Dalla Redazione

14 14 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso Sanità vo cercando, ch è sì cara Dott. Elio Gennarelli Temo che la gravità della crisi in cui versa la sanità molisana sia sottovalutata non solo dalla stragrande maggioranza dei cittadini, ma anche dagli stessi operatori e che la difficoltà di accesso ai dati ufficiali e, quindi, una scarsa pubblicizzazione degli stessi, contribuisca a mantenere da un lato un clima di generalizzata insoddisfazione riguardo alla sanità percepita, dall altro ad impedire una seria assunzione di responsabilità collettiva che sia di sprone e avalli scelte di politica sanitaria efficaci ed efficienti nel rispondere ai bisogni di salute dei cittadini e che metta mano ad una organizzazione territoriale consolidata e cristallizzata nel tempo, ma non più rispondente ad una strutturazione dei servizi moderna e di qualità. Invito pertanto ad una maggiore consapevolezza fornendo qualche dato e qualche spunto di riflessione. La spesa sanitaria in Molise è di circa 600 milioni di euro l anno e cioè circa 2000,00 euro per abitante. E ancora fortunatamente coperta per il 70% da trasferimenti statali e solo per il 30% da entrate regionali. Dal 2006 quando il governo Prodi ripianò il debito della sanità molisana, fino ad allora accumulato di circa 600 milioni di euro, abbiamo continuato a sforare ogni anno di milioni di euro. Solo da questo si evince che attualmente siamo vicini ad un indebitamento di circa mezzo miliardo di euro (metà di quanto a livello nazionale può far recuperare l aumento di un altro punto di IVA). Ogni cittadino molisano, dal neonato all anziano, ha di conseguenza un debito di circa 1500,00 euro, di cui probabilmente non è consapevole. Ancora una volta si è dovuto ricorrere ad aumentare le addizionali regionali e l IRAP nella necessità di fare cassa penalizzando le attività produttive già investite da una crisi senza precedenti. Abbiamo 6 ospedali pubblici e 6 strutture private convenzionate con una dotazione di posti letto al 1 gennaio 2013 pari a 4,54 per 1000 abitanti rispetto al valore di riferimento nazionale, che è di 3,7 posti letto per 1000 abitanti, seppure in costante decremento essendo partiti da un indice di 6,3, con una inversione nella ripartizione di risorse tra ospedale e territorio, rispettivamente 60% e 40%. Questo dato deve essere letto anche alla luce della degenza media pre-operatoria, che si mantiene, nel 2012 al di sopra del valore medio nazionale(2,42 contro 1,85). L analisi comparata dei due dati si traduce per i pazienti in una difficoltà ad accedere dai Pronto Soccorso ai reparti di ricovero i cui posti letto, pur essendo complessivamente superiori alla media nazionale per circa 250 p.l., sono occupati più a lungo, anche per la carenza di strutture territoriali di diagnostica strumentale e di assistenza agli anziani. Su tutta la regione la dotazione di personale nei vari ruoli, compreso quello amministrativo, eccede le medie di riferimento, con una collocazione non parametrata ai carichi di lavoro. Si riscontrano, come si legge nei verbali dei tavoli tecnici: carenze organizzative e ritardi inammissibili nell utilizzo delle nuove tecnologie, per esempio fascicolo sanitario elettronico e ricetta elettronica; assenza di procedure organizzative per la gestione delle emergenze urgenze all interno di una rete HUB and SPOKE; ritardi nell attivazione dei presidi territoriali a servizio dei cittadini, pur previsti dagli accordi collettivi. Una qualità delle prestazioni che, stando allo studio dell agenzia nazionale per i servizi sanitari

15 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso 15 (AGENAS) del ministero della Salute, pubblicata su WIRED.IT, evidenzia una situazione a macchia di leopardo con risultati di eccellenza per alcuni centri e che ci vedono in fondo alla classifica per altri. Per questo studio sono state esaminate per ogni ospedale le schede di dimissione(sdo) e considerati gli indicatori utilizzati in tutto il mondo per le operazioni chirurgiche più comuni, o le terapie a seguito di infarto cardiaco oppure di ischemia cerebrale. Per ognuno di questi indicatori è stato espresso un valore di rischio che rappresenta la percentuale dei pazienti deceduti sul totale dei ricoveri effettuati. Un valore già corretto a monte per rimuovere tutti i fattori di alterazione come per esempio l età dei pazienti, la presenza di altre malattie, la gravità della patologia e finanche le dimensioni dell ospedale. Questo significa rivedere innanzitutto le modalità di organizzazione e fare investimenti che siano mirati; parimenti devono essere puntualmente definite le prestazioni che le strutture private possono erogare in regime di convenzione, il loro costo e la convenienza che ne deriva, nel rispetto dei vincoli di budget stabilito in sede di programmazione. Non è accettabile infatti un depotenziamento della sanità pubblica strumentale ad interessi privati. Va sottolineata ancora l abnegazione con la quale molti si dedicano al proprio lavoro nella sanità pubblica, basti pensare al reparto di oncologia dell ospedale Cardarelli o all Hospice di Larino, piuttosto che ai colleghi che in prima linea presso i pronto soccorso ospedalieri sono chiamati ad operare in condizioni di grande difficoltà organizzativa e logistica ma anche a causa di problematiche di non difficile soluzione: solo ad esempio la mancata trasmissione dei risultati di laboratorio per via telematica e di un protocollo di bed-management (gestione dei posti letto). E mentre a livello nazionale si sta lavorando ad una rivisitazione dei livelli essenziali di assistenza (LEA), all integrazione sociosanitaria, all ideazione di nuove forme di compartecipazione alla spesa, ai costi standard, al problema del personale fino all annosa questione delle cure territoriali nell ottica di una nuova spending review orientata non su tagli lineari ma sforbiciate agli sprechi, a livello regionale trova ostacoli la concretizzazione di una programmazione seria che tenga conto delle eccellenze di risultato di strutture pubbliche ma anche private e di rilevanza nazionale a fronte della spinta a mantenere in piedi piccoli ospedali presso i quali neppure i firmatari di punta degli appelli per il loro mantenimento hanno mai pensato di ricoverarsi, e che potrebbero essere riconvertiti, tra l altro, in poliambulatori attrezzati di diagnostica e per day surgery e strutture di riabilitazione e di presa in carico di pazienti cronici anche nella necessità di preservare l indotto socio-economico delle realtà locali, compatibilmente con le risorse disponibili. Il rischio che si corre è che poi a pagare il prezzo siano proprio i pazienti, come testimoniano i recenti fatti di cronaca, ma anche i lavoratori della sanità, che rischiano di perdere il posto di lavoro. Ogni sforzo va fatto per conservare i livelli occupazionali, ma per fare questo bisogna rivedere i modelli organizzativi. Forse sarebbe anche il momento di tagliare qualche premio di produzione e qualche incentivo in nome di una tutela più ampia possibile dei posti di lavoro. Rispetto a tali problematiche sembra poi prevalere la tendenza a scaricare sui vari Commissari ministeriali la responsabilità per la situazione esistente e la scelta di misure che ad arte vengono strumentalizzate, anche da parte di alcuni organi di informazione locali che preferiscono cavalcare la protesta piuttosto che documentarsi in modo responsabile, e che vengono etichettate come ragionieristiche. Ed allora, la politica deve recuperare il ruolo che la democrazia impone in termini di credibilità, autorevolezza ma anche competenza e capacità, per non subire decisioni di tribunali amministrativi che, pur nel rispetto delle leggi, di fatto rendono più intrigate le matasse, anche per i tempi intollerabilmente lunghi della giustizia. Riappromiamoci del ruolo che la professione medica deve avere e della dignità di cittadini per smentire ciò che don Fabrizio Corbera, Principe di Salina, (Il Gattopardo), verrebbe a dire: In Molise non importa far male o far bene; il peccato che noi Molisani non perdoniamo mai è semplicemente quello di fare.. dott. Elio Gennarelli

16 16 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E TUTELA DELLA SALUTE GLOBALE Il 27 giugno scorso si è svolto a Roma un incontro sul progetto Cooperazione Internazionale e Tutela della Salute Globale, cui ho partecipato, in rappresentanza dell Ordine dei Medici della Provincia di Campobasso, insieme ai referenti degli Omceo Provinciali di tutta Italia. L incontro era finalizzato all aggiornamento sugli sviluppi del progetto curato dalla Federazione insieme a importanti partner, quali il CUAMM Medici con l Africa, l AMREF, l Istituto Nazionale per la promozione della salute dei migranti, il Ministero della Salute, il Vaticano, il CUN, che si è reso disponibile a stipulare degli accordi tra le Facoltà di Medicina e Chirurgia e gli Omceo, e altri ancora. Sono state approfondite le diverse realtà provinciali in questo settore, al fine di individuare un percorso di omogeneizzazione e raccordo, con un unico coordinatore. Sono stati, inoltre, evidenziati elementi utili alla preparazione per il Convegno che la Federazione sta organizzando per il prossimo autunno (4 5 ottobre 2013). I lavori della giornata hanno svelato una galassia di realtà sanitarie italiane dedite ad azioni di cooperazione internazionale, con l impegno personale di molti colleghi che operano volontariamente, soprattutto in Africa e in Asia, spesso supportati dalle strutture sanitarie e amministrative regionali; qualche volta, invece, come nel caso dei gruppi molisani, a titolo personale e con il solo aiuto di amici e benefattori. Si è evidenziata la necessità di coordinare tutte queste realtà, di proporre una comune strategia d intervento, ed è stata presentata una bozza di proposta di una Norma di Legge Regionale per consentire la fruizione di aspettative retribuite per il personale del SSN coinvolto in progetti di cooperazione sanitaria decentrata internazionale. Sono stati ribaditi i contenuti del Manifesto sul Multiculturalismo in Medicina e Sanità (Padova, 2007) e l impegno della FNOMCEO per la promozione della salute e della cooperazione internazionale, per il volontariato medico e la collaborazione tra le istituzioni Sono state avanzate e valutate numerose proposte: Formazione e ricalibrazione di medici e operatori sanitari di Paesi in via di sviluppo mediante stage in Italia presso dipartimenti universitari e ospedali pubblici, offrendo il soggiorno presso i nostri collegi dell ONAOSI. Costituzione di un albo nazionale di medici pensionati e volontari disponibili a operare per periodi da determinare presso strutture di Paesi in via di sviluppo. Coordinamento nazionale ai fini dell indirizzo programmatico presso la FNOMCEO di tutte le organizzazioni di volontariato dirette da medici. Promozione di iniziative regionali ai fini del riconoscimento giuridico ed economico dei distacchi di tutti gli operatori sanitari presso i Paesi in via di sviluppo. Tutte le novità saranno riportate non appena svolto in prossimo Convegno autunnale. Luciano Greco

17 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso 17 A nche se è trascorso un pò di tempo, pubblichiamo con piacere questo articolo scritto in occasione dell ultim a G iornata Cardarelliana. L epilessia, tema della VII Giornata Cardarelliana a Civitanova del Sannio Civitanova del Sannio, con la sua splendida cornice naturale, ha ospitato l 8 giugno 2013 la VII Giornata Scientifica Cardarelliana. Nella Sala Convegni di Piazzale Padre Fiorante, l Amministrazione Comunale con il Sindaco Dott.ssa Lidia Iocca ha accolto con calore i medici e gli infermieri iscritti al corso di aggiornamento professionale. L evento organizzato dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Campobasso e di Isernia aveva come tema La malattia epilettica da Cardarelli ai giorni nostri. Nella I Sessione il moderatore, il Prof. Bruno Moncharmont dell Università degli Studi del Molise, ha introdotto il primo relatore, il dott. Italo Testa. Nella sua dissertazione Antonio Cardarelli figlio d arte, ha messo in luce la personalità di Urbano Cardarelli, anch egli medico morto all età di 91 anni nel Liberale, per molti anni medico di Civitanova del Sannio, si ricorda di lui l abnegazione per il lavoro e l attaccamento al paese tanto che si distinse nella grave epidemia di colera del E seguito l intervento del Prof. Erberto Melaragno che ha analizzato alcuni casi di epilessia estrapolati dagli scritti del Prof. Cardarelli. Entrando nel vivo della materia, il Prof. Mario Manfredi ha posto l accento sulla classificazione generale e l eziopatogenesi della malattia, mentre i Dott. ri Paolo Laurenzio e Licio Iacobucci dell Ospedale Cardarelli di Campobasso hanno parlato dell Elettroencefalogramma (EEG) e dell Imaging radiologico. La II Sessione presentava come moderatrice la Prof. ssa Giuseppina Sallustio della Fondazione di Ricerca e Cura Giovanni Paolo II di Campobasso. Le crisi a semeiologia ipermotoria è stato l argomento affrontato dal Dott. Giancarlo Di Gennaro dell Istituto NEUROMED di Pozzilli (IS), a cui ha fatto seguito l intervento del Prof. Alfonso Di Costanzo dell UNI- MOL sulle Sindromi epilettiche. Molto interessanti anche le relazioni successive: La terapia medica esposta dal Prof. Giuseppe Di Iorio della II Università di Napoli che ha approfondito l uso di vecchi e nuovi farmaci e gli effetti collaterali; La terapia chirurgica trattata dalla Dott.ssa Roberta Morace dell Istituto NEUROMED, che ha riferito dell ultime novità sul tema, delle complicanze, e di altre metodiche. Gli aspetti tecnici e infermieristici del V-EEG sono stati illustrati dalle Dott.sse Simona Fratini e Valentina Cristinzio dell Istituto NEUROMED. L incontro ha posto in luce il confronto tra la Clinica, la Diagnostica, la Terapia e la Gestione della malattia, dando ancora una volta il giusto rilievo al valore che il Prof. Cardarelli dava all insegnamento, alla metodologia e allo studio accurato. La lezione di Cardarelli si racchiude tutta nella considerazione che il medico, nella sua pratica quotidiana, debba recuperare saggezza ed equilibrio e mettere in primo piano il rapporto di fiducia con il paziente. Nell avvicinarsi alla sofferenza della persona malata, il medico deve confortare sempre, curare spesso, guarire quanto più è possibile, riconoscendo e integrando tutte le dimensioni della realtà umana: fisica, chimica, biologica, vitale, emotiva, mentale e spirituale. Il Dott. Gennaro Barone, Presidente OMCeO di Campobasso, ha coordinato con la perizia di sempre i lavori congressuali che si sono conclusi con la verifica dell apprendimento e la valutazione del corso da parte dei partecipanti. Antonino Picciano

18 18 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso Parliamo di ambiente Dott. Leo Terzano Ultimamente la sensazione diffusa è quella di trovarsi in un mare di guai. L Italia, una delle nazioni più belle e ricche al mondo, è scivolata sempre più verso una deriva pericolosa. Il Molise, che all interno di questa catastrofe nazionale occupa già da anni uno degli ultimi posti, e non solo per numero di abitanti e di Prodotto interno lordo, soffre di tale congiuntura molto più di quanto si riesca ad apprezzare. Il futuro è legato, vincolato alla nostra capacità di essere regione virtuosa nel segno di una mobilità sostenibile, nel risparmio di acqua, nel risparmio energetico, ma molto molto di più nella nostra capacità di impegno nella raccolta differenziata. Ed in questo settore, ora, la Regione Molise occupa proprio l ultimo posto nella classifca delle regioni d Italia. Il Consiglio dell Ordine dei Medici della Provincia di Campobasso, e il suo Presidente Dr. Gennaro Barone si è più volte distinto ed impegnato, nel rispetto del Art. 5 del Codice deontologico, in tale direzione, cioè nel richiamare gli amministratori della Provincia al rispetto di una legge dello stato: la raccolta differenziata va attuata nel più breve tempo possibile e non più ritardata. Proprio il 20 settembre si è infatti svolto, nella sala dell Ordine, un interessante incontro con amministratori, cittadini e medici e la piacevole sorpresa di avere come ospite il Sindaco di Apollosa, un centro sannitico in provincia di Benevento, Marino Corda, che ha arricchito con la sua esperienza e con le sue iniziative una serata di grande interesse per la salute, l ambiente e l economia delle famiglie. Ha dichiarato, infatti, il Dr. Barone che l incontro non proprio casuale con Corda è avvenuto nel giugno del 2013, quando nel Beneventano, Barone e Terzano sono stati invitati per un convegno sull inquinamento delle catene alimentari, ed in

19 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso 19 quella occasione rimasero particolarmente colpiti non solo dai risultati ottenuti sul campo nel comune di Apollosa, ma anche dell impegno e dell entusiasmo che un giovane sindaco di un comune sannitico, e perciò sempre difficile da gestire, stava donando alla cittadinanza. Marino Corda ha innanzitutto spiegato come e perchè si deve differenziare, e su quali materiali (materie prime e secondarie)si debba puntare in primis per ottenere benefici anche di tipo economico. Fondamentale diventa la raccolta dell umido, una frazione che incide per circa il 50% del materiale portato in discarica e che invece può condurre a effettivi benefici sia economici, (in termini di riduzione della TARES) sia in termini di minor occupazione di suolo dedicato all immondizia, e infine meno danni all ambiente e alla salute. Anche il recupero di carta e cartone conduce ad uninteressante risparmio di moneta. Ma l aspetto veramente centrale è stata la proposta che un sindaco, primo cittadino tra cittadini, ha saputo plasmare per le aziende produttive operanti nel comune: riduzione fino anche del 40% della TARES nel caso di un impegno deciso verso la raccolta differenziata spinta. Il bello è che ci è riuscito e il suo comune giunge a valori del 83% di recupero, rivolgendosi ora, dopo poco più di un anno dall inizio del processo, alle scuole e ai giovani di Apollosa per tesorizzare quanto rqaggiunto e formare una mentalità vincente nel prossimo futuro. Inizialmente il Dr. Barone introducendo l argomento dell incontro aveva portato i saluti ai presenti spiegando loro le motivazioni e i passaggi successivi, dal 2010 in poi, che hanno determinato coscienza nei medici e nel consiglio tutto su delicati problemi di vita quotidiana, (stili di vita e inquinanti) determinanti per un profilo corretto di salute collettiva. Insomma la raccolta differenziata l Ordine dei Medici la sta proponendo anche negli stessi studi professionali e anche nei comuni dove non se ne parla neppure, pensate la sta proponendo attraverso un concorso per meriti denominato Ambulatorio Verde. Un iniziativa che andando contro corrente si prefigge lo scopo di entusiasmare piuttosto che sbuffare piangendosi addosso. Subito dopo il Dr. Terzano ha focalizzato l attenzione sulle modalità di azione degli inquinanti e chiaramente sul loro pericolo intrinseco. Ha perciò paragonato quanto accade in caso di ingestione di tossici in q u a n t i t à macroscopica,esempio che ognuno di noi sa raffigurarsi, e i danni invece portati sul codice genetico da presenza diffusa e costante di molecole dei più vari e infinti inquinanti presenti oramai in natura. Anche se nessuno di noi può riportare in una immagine concreta il tipo di alterazione, molti studi e ricerche suggeriscono che tale fenomeno è pericoloso anche più di un contatto in acuto: perchè coinvolge i discendenti in un passaggio trasplacentare e transgenerazionale del danno. L incontro è stato chiusa dal Dr. Gennaro Barone, che ha voluto ribadire la totale disponibilità dei medici della provincia di Campobasso a svolgere un ruolo di consulenza e di sostegno sia per l azione di amministratori sia per i singoli cittadini e associazioni per diffondere stili di vita corretti, per la salvaguadia dell ambiente e per la salute umana. Dott. Leo Terzano Marino Corda

20 20 BOLLETTINO dell Ordine dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Campobasso 92 incontro regionale in forma Molise Verso nuovi stili di vita - alla ricerca di un ben Essere - in movimento Si è tenuto a Termoli, nei giorni 13 e 14 settembre, presso l Istituto Alberghiero il 2 incontro regionale In Forma Molise orientato a far acquisire nuovi stili di vita, premessa indispensabile per la cura e la prevenzione delle malattie del benessere. All evento hanno partecipato professionisti di varie discipline diabetologi, psicologi, dietisti, biologi, infermieri ed una buona rappresentanza di persone con diabete. Ancora una volta la Unità Operativa di Termoli diretta dal Dr. Vincenzo Iannaccone, primario di Medicina Interna, e che riconosce la Dr.ssa Celeste Vitale la diabetologa responsabile, ha dimostrato di voler essere presente nel panorama metabolico della regione con proposte innovative le cui fondamenta sono state costruite intorno alla sana alimentazione ed alla attività di movimento. A moderare l incontro lo stesso Dr. Iannaccone che più volte ha riconosciuto alla U.O. di diabetologia un ruolo fondamentale di guida per le persone con diabete. A nome dell Ordine dei Medici è intervenuto il Dr. Sergio Zarrilli che ha focalizzato il suo intervento di saluto sulla necessità di iniziare l azione educativa sin da bambini. Quindi il Presidente dell ISDE Molise, Dr. Bartolomeo Terzano a difesa dell ambiente e del territorio per sostenere sia una corretta alimentazione che una sana attività di movimento. Il Dr. Guido Monacelli e la Dr.ssa Celeste Vitale entrambi di provenienza ADI Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica hanno sostenuto la loro multiforme piattaforma di attività rivolta a tutti i cittadini quale indispensabile presidio di prevenzione delle malattie metaboliche. All interno uno spazio è stato affidato alla diabetologia con l intervento del Dr. Alfredo Puntillo che si è soffermato sul consulto telefonico a servizio dei pazienti. Il Dr. Marco Tagliaferri, Presidente ADI Molise, ha ritenuto opportuno ribadire, a difesa delle persone con diabete, che l automonitoraggio della glicemia deve essere elevato a strumento terapeutico e che la striscia reattiva deve essere considerata salva vita e salva complicanze per cui non soggetta a compartecipazione della spesa. L evento ha avuto anche la presenza del Presidente Nazionale ANIAD, Dr. Gerardo Corigliano, che ha più volte sottolineato che l uomo è nato per correre e ad esprimersi in movimento quotidiano. Se vuole, quindi, costruirsi una vita più sana e maggiormente lontana dalla malattia ha affermato Corigliano - deve introdurre nella propria quotidianità momenti di esercizio fisico. Anche quest anno è stata presentata la pergamena di Molisanità a tavola contenente due ricette inedite sviluppate anche a valori nutrizionali e calorici. L evento si è concluso, ottenendo l adesione di tutti i partecipanti, con la camminata nordica egregiamente guidata dall istruttore Amerigo Di Giulio. Dr. Marco Tagliaferri

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI Con il Patrocinio di: LE ARTRITI E LA PSORIASI Convegno promosso da AISpA Onlus - Bologna Presidente: Do. Giuseppe Oranges Sabato 1 Giugno 2013 Hotel Don Carlo - San Marco Argentano (CS) Presidente del

Dettagli

RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 SETTEMBRE 2015

RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 SETTEMBRE 2015 RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 23 SETTEMBRE 2015 Verbale n 15 L anno 2015, addì ventitre del mese di settembre, in Campobasso alle ore 19,00, presso la sede dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado CHI SIAMO La SSF Rebaudengo di Torino è un istituzione universitaria affiliata alla Facoltà di Scienze

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

DR. ROBERTO MALANO. e-mail : malanor@tiscali.it

DR. ROBERTO MALANO. e-mail : malanor@tiscali.it DR. ROBERTO MALANO CENTRO DI SALUTE MENTALE III DISTRETTO, DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE RM D - ROMA VIA E. FERMI, 161 00146 ROMA TEL 06 56485804; FAX 06 56485815 e-mail

Dettagli

UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. pag.

UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. pag. pag. 7 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA

Dettagli

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE Mantova Professione per la vita: L INFERMIERE Scegliere un lavoro che ti permette di essere protagonista nella vita vera, di essere un punto di riferimento per gli altri e di esercitare importanti responsabilità,

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Titolo Convegno Le malattie reumatiche nuove prospettive nel rapporto medico paziente

Titolo Convegno Le malattie reumatiche nuove prospettive nel rapporto medico paziente Titolo Convegno Le malattie reumatiche nuove prospettive nel rapporto medico paziente Data venerdì 31 ottobre 2014 Luogo di svolgimento: Salerno, Sala Conferenze Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo Molise (Malasanità al Cardarelli, un paziente) il dott.

relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo Molise (Malasanità al Cardarelli, un paziente) il dott. 10 Venerdì 2 settembre 2011 CAMPOBASSO LA REPLICA Malasanità, l Asrem si difende Lʼospedale Cardarelli di Campobasso CAMPOBASSO. In relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo

Dettagli

Associazione per le cure palliative (onlus)

Associazione per le cure palliative (onlus) CON NOI Associazione per le cure palliative (onlus) CON NOI Associazione per le cure palliative Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) Chi siamo "CON NOI" è un'associazione di volontariato

Dettagli

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015 A.O. CARDARELLI NAPOLI Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Via Antonio Cardarelli, 9-80131 Napoli Relazione del Direttore Generale al bilancio economico preventivo 2015

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) LUCIANO DE BIASE Via Carlo Bartolomeo Piazza 8, 00161, Roma, Italia Telefono(i) +390644237388 Cellulare:+39347011063 2

Dettagli

CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE?

CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE? CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE? Legittimati a ricorrere al Giudice Tutelare, cioè le persone che possono richiedere al giudice l eventuale apertura di un procedimento di amministrazione di sostegno,

Dettagli

Lista Decoro e dignità professionale

Lista Decoro e dignità professionale Lista Decoro e dignità professionale A) I NOSTRI OBIETTIVI B) COSA E STATO FATTO NEL TRIENNIO 2006/2008. FATTI: NON PAROLE C) LE PROPOSTE PER IL TRIENNIO 2009/2011 D) COMMISSIONE ALBO ODONTOIATRI (C.A.O.)

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

Curriculum Vitae Giovanni Rapisarda. 0952540736 telefono cellulare aziendale: nessuno giovanni.rapisarda@aspct.it

Curriculum Vitae Giovanni Rapisarda. 0952540736 telefono cellulare aziendale: nessuno giovanni.rapisarda@aspct.it INFORMAZIONI PERSONALI Giovanni Rapisarda 0952540736 telefono cellulare aziendale: nessuno giovanni.rapisarda@aspct.it Data di nascita 01/10/1962 Nazionalità Italiana POSIZIONE ATTUALE RICOPERTA Dirigente

Dettagli

CORSO BI-MODULARE: CONSULENZA TECNICO PSICHIATRICA E PSICOLOGICA e COLPA MEDICA Autunno 2015

CORSO BI-MODULARE: CONSULENZA TECNICO PSICHIATRICA E PSICOLOGICA e COLPA MEDICA Autunno 2015 CORSO BI-MODULARE: CONSULENZA TECNICO PSICHIATRICA E PSICOLOGICA e COLPA MEDICA Autunno 2015 OBIETTIVI E SBOCCHI PROFESSIONALI Il corso è strutturato in due moduli e mira a fornire una preparazione adeguata

Dettagli

chi siamo una presenza InternazIonale francia belgio spagna ItalIa svizzera

chi siamo una presenza InternazIonale francia belgio spagna ItalIa svizzera chi siamo Orpea è stata fondata in Francia nel 1989 dal dott. Jean-Claude marian, medico neuro psichiatra. nel corso di questi anni, il Gruppo Orpea ha sviluppato a livello internazionale un importante

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di Verbale 5 Pag. n. 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA ATTI della Riunione di consultazione del Comitato di indirizzo della Facoltà di Medicina e Chirurgia L anno 2010 (Duemiladieci) in questo giorno di

Dettagli

Curriculum Vitae DICHIARA DI AVER EFFETTUATO LE SEGUENTI DOCENZE :

Curriculum Vitae DICHIARA DI AVER EFFETTUATO LE SEGUENTI DOCENZE : Curriculum Vitae Dott.sa Antonietta Scafato nata a Taranto il 09/10/1953 residente in via Lucania 166, 74100 Taranto tel.amb. 099-4585880 cell. 338-7557859, Laureata nell anno accademico 1976 presso l

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

PRESENTAZIONE. ECM Evento accreditato ECM per le categorie MEDICO CHIRURGO* e INFERMIERE. Crediti assegnati 10,5.

PRESENTAZIONE. ECM Evento accreditato ECM per le categorie MEDICO CHIRURGO* e INFERMIERE. Crediti assegnati 10,5. PRESENTAZIONE I percorsi diagnostico terapeutici nell ambito delle patologie cardiovascolari sono soggetti a continua evoluzione in funzione di nuove disponibilità tecnologiche e di nuove possibilità terapeutiche

Dettagli

A proposito di... Epilessia in età evolutiva

A proposito di... Epilessia in età evolutiva Convegno Nazionale A proposito di... Epilessia in età evolutiva Bologna, 28-29 Ottobre 2011 Villa Gandolfi Pallavicini Fondazione Alma Mater Promosso e sostenuto in occasione del FA.NE.P. DAY 2011 dall

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità. 17 maggio 2013

Istituto Superiore di Sanità. 17 maggio 2013 RESPONSABILITÀ IN MEDICINA E CHIRURGIA E IN ODONTOIATRIA. ATTUALITÀ E CRITICITÀ 17 maggio 2013 organizzato da ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Dipartimento di Tecnologie e Salute in collaborazione con ASSOCIAZIONE

Dettagli

INNOVAZIONI IN TEMA DI DIABETE E COMPLICANZE 7 NOVEMBRE 2015. HOTEL PISANI, Viale Carlo III 166-81020 - San Nicola La Strada (CE)

INNOVAZIONI IN TEMA DI DIABETE E COMPLICANZE 7 NOVEMBRE 2015. HOTEL PISANI, Viale Carlo III 166-81020 - San Nicola La Strada (CE) INNOVAZIONI IN TEMA DI DIABETE E COMPLICANZE 7 NOVEMBRE 2015 HOTEL PISANI, Viale Carlo III 166-81020 - San Nicola La Strada (CE) Ble Consulting srl id. 363 numero ecm: 137302, edizione 1 Responsabile scientifico

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE Dott. Pasquale Morano

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE Dott. Pasquale Morano Pasquale Morano CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE Dott. Pasquale Morano Laureato in Medicina il 4 Aprile 1991 con voto 106/110. Tesi di laurea: La Lidocaina nella prevenzione della defibrillazione ventricolare

Dettagli

Convegno Nazionale di Studi SUICIDI e SUICIDI

Convegno Nazionale di Studi SUICIDI e SUICIDI SIFPP Società Italiana Formazione Psichiatria Forense e Penitenziaria Convegno Nazionale di Studi SUICIDI e SUICIDI Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Aversa 15 16 17 novembre 2007 Con il Patrocinio

Dettagli

PROGETTO SCUOLA IN OSPEDALE E A DOMICILIO

PROGETTO SCUOLA IN OSPEDALE E A DOMICILIO PROGETTO SCUOLA IN OSPEDALE E A DOMICILIO Da ragazzo spiare i ragazzi giocare al ritmo balordo del cuore malato e ti viene la voglia di uscire e provare che cosa ti manca per correre al prato, e ti tieni

Dettagli

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi Titolo del Workshop La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad Abstract / sintesi degli interventi Presentazione Il workshop, partendo dalla presentazione dei

Dettagli

La VENTILAZIONE meccanica domiciliare dalla «A» alla «Z» Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini. Aspetti tecnici, pratici, organizzativi

La VENTILAZIONE meccanica domiciliare dalla «A» alla «Z» Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini. Aspetti tecnici, pratici, organizzativi MAN.VENTILAZ. 11-07-2000 10:23 Pagina 1 Il punto più importante è di capire e credere che anche se le condizioni di vita sono Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini modificate questo non può e non

Dettagli

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Roma 29 marzo 2011 L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Prof. ROSARIA ALVARO Associato Scienze Infermieristiche Università

Dettagli

Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile

Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile Nell ambito della visita pastorale del Pontificio Consiglio per la Salute della Santa Sede alle persone con disabilità della comunità veronese,

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

Lecce, 19 Novembre 2012. - Al Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi

Lecce, 19 Novembre 2012. - Al Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi Lecce, 19 Novembre 2012 - Al Ministro della Salute Prof. Renato Balduzzi - Al Presidente della Conferenza Stato-Regioni Ministro per gli Affari regionali, Turismo e Sport, Dr. Piero Gnudi - Ai Sigg. Presidenti

Dettagli

claudia.bonari@gmail.com ITALIANA 14/05/1984 PESCIA (PT)

claudia.bonari@gmail.com ITALIANA 14/05/1984 PESCIA (PT) Curriculum Vitae Claudia Bonari INFORMAZIONI PERSONALI Nome BONARI CLAUDIA E-mail Nazionalità Data e luogo di nascita Telefono 3298663939 claudia.bonari@gmail.com ITALIANA 14/05/1984 PESCIA (PT) ESPERIENZA

Dettagli

ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF

ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF Giovedì 29 settembre 2011, ore 14.30-18.00 Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore, 3- Milano Saluto del Presidente dell Ordine degli Avvocati di

Dettagli

Resoconto Attività 2010-2011. 20 dicembre 2011

Resoconto Attività 2010-2011. 20 dicembre 2011 Resoconto Attività 2010-2011 20 dicembre 2011 Programma! Benvenuto Prof. Alessandro Albisetti Preside Facoltà di Giurisprudenza! Un anno di attività Paolo Gambarini! Testimonianze CTiF Dott.ssa Luisa Della

Dettagli

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006 Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella separazione Bologna 1 e 2 dicembre 2006 - Mediatore familiare e Avvocato: il Protocollo d intesa di Reggio Emilia

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA AZIENDA SANITARIA UNITA SANITARIA LOCALE N. 4 DI MATERA COMUNE

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

CITTADINANZATTIVA - TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO

CITTADINANZATTIVA - TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO CITTADINANZATTIVA - TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO AI CONFINI DEL DOLORE Incontro tra saperi sull esperienza del dolore e della sofferenza per l affermazione di una cultura della terapia del dolore

Dettagli

Dal 22 aprile 2011 a tutt oggi. Assistente Sociale VII^ qualifica funzionale. Data Da agosto 2006 al 21 aprile 2011

Dal 22 aprile 2011 a tutt oggi. Assistente Sociale VII^ qualifica funzionale. Data Da agosto 2006 al 21 aprile 2011 C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Annamaria Villanacci Indirizzo Via Fontanelle n. 38-82100 Benevento Telefono 0824.772668 320.4306849 Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

SOCIETÀ PSICOANALITICA ITALIANA CENTRO MILANESE DI PSICOANALISI CESARE MUSATTI

SOCIETÀ PSICOANALITICA ITALIANA CENTRO MILANESE DI PSICOANALISI CESARE MUSATTI SOCIETÀ PSICOANALITICA ITALIANA CENTRO MILANESE DI PSICOANALISI CESARE MUSATTI I SEMINARI APERTI 2015 Il Centro Milanese di Psicoanalisi organizza i Seminari Aperti 2015 per rispondere alle richieste di

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Vincitrice di concorso presso l OMNI dell Amm.ne Provinciale di Campobasso.

CURRICULUM VITAE. Vincitrice di concorso presso l OMNI dell Amm.ne Provinciale di Campobasso. CURRICULUM VITAE Dott.ssa Anna Pagnotta nata a Campobasso il 16/06/49. Residente a Campobasso in via Scardocchia 14. Cell.333-6101281 E-Mail: pagnotta.anna @ virgilio.it. Luglio 1969 Aprile 1971 Maturità

Dettagli

SOCIETÀ ITALIANA DI PATOLOGIA P RESIDENTE: F RANCESCO S AVERIO A MBESI I MPIOMBATO

SOCIETÀ ITALIANA DI PATOLOGIA P RESIDENTE: F RANCESCO S AVERIO A MBESI I MPIOMBATO SOCIETÀ ITALIANA DI PATOLOGIA P RESIDENTE: F RANCESCO S AVERIO A MBESI I MPIOMBATO VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 19 MAGGIO 2008 Il giorno 19 maggio 2008, alle ore 11:00 presso l Auletta

Dettagli

Il sottoscritto Mariani Ulisse, nato ad Ancona il 21/02/1956, residente a Viterbo, dichiara il seguente curriculum formativo e professionale:

Il sottoscritto Mariani Ulisse, nato ad Ancona il 21/02/1956, residente a Viterbo, dichiara il seguente curriculum formativo e professionale: Il sottoscritto Mariani Ulisse, nato ad Ancona il 21/02/1956, residente a Viterbo, dichiara il seguente curriculum formativo e professionale: TITOLI FORMATIVI è in possesso del diploma di laurea in psicologia,

Dettagli

ASPETTI STORICI DELLA LEGISLAZIONE SANITARIA

ASPETTI STORICI DELLA LEGISLAZIONE SANITARIA LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (PRIMA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico Scheda informativa Università Universita' degli Studi di PADOVA Classe Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008

Dettagli

Triennio 2010-2013 Protocollo d Intesa per il funzionamento della scuola ospedaliera sottoscritto da:

Triennio 2010-2013 Protocollo d Intesa per il funzionamento della scuola ospedaliera sottoscritto da: Protocollo D Intesa per il funzionamento della scuola in Ospedale Triennio 2010-2013 Protocollo d Intesa per il funzionamento della scuola ospedaliera sottoscritto da: 1 - Ufficio scolastico regionale

Dettagli

1 CONVENGNO SANIMPRESA

1 CONVENGNO SANIMPRESA 1 CONVENGNO SANIMPRESA 29 NOVEMBRE 2006 DALLA NASCITA ALL EVOLUZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA NEL LAZIO Relazione di Luigi Corazzesi Vice Presidente. L incontro odierno dal titolo: Dalla nascita

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris - Pisa 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe di

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo.

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo. Carta dei FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG www.operasancamillo.net HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti 1 di 18

Dettagli

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV)

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) In collaborazione con: Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) L Associazione Tiziana Vive A seguito del recente drammatico episodio di femminicidio che ha sconvolto la

Dettagli

Intervento di GIUSEPPE GATTI Presidente Consulta Personale Tecnico Amministrativo

Intervento di GIUSEPPE GATTI Presidente Consulta Personale Tecnico Amministrativo Cerimonia di Inaugurazione 840 anno accademico Modena, 17 marzo 2016 Intervento di GIUSEPPE GATTI Presidente Consulta Personale Tecnico Amministrativo Magnifico Rettore, Autorità, Studenti, cari Colleghi

Dettagli

PAROLE CHIAVE - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV

PAROLE CHIAVE  - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV INTRODUZIONE L interesse verso l argomento che intendo affrontare con questo elaborato, è maturato nel corso di questo triennio di studi, attraverso le conoscenze a me apportate dalle lezioni teoriche

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità SORU ANTONIO MARIA Dato omesso ai sensi dell art. 3, n.2, dell avviso

Dettagli

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Giovanni Corsello, Maria Piccione Dipartimento di Promozione della Salute e Materno-Infantile

Dettagli

SOLLIEVO Attraverso le cure palliative cerchiamo di portare sollievo dalla sofferenza fisica, psicologica, relazionale e spirituale.

SOLLIEVO Attraverso le cure palliative cerchiamo di portare sollievo dalla sofferenza fisica, psicologica, relazionale e spirituale. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

5 Maggio 2014. Aula "Di Blasio", Di.S.T.A.Bi.F. Seconda Università degli Studi di Napoli, Caserta.

5 Maggio 2014. Aula Di Blasio, Di.S.T.A.Bi.F. Seconda Università degli Studi di Napoli, Caserta. 5 Maggio 2014 Seconda Università degli Studi di Napoli, Caserta. Si terrà il prossimo 5 Maggio, presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, il convegno dal titolo Il Biologo, figura dinamica nel

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

IL DOLORE. Come riconoscerlo, come combatterlo. 17 ottobre 2015 Hotel The Queen Pastorano (CE)

IL DOLORE. Come riconoscerlo, come combatterlo. 17 ottobre 2015 Hotel The Queen Pastorano (CE) IL DOLORE Come riconoscerlo, come combatterlo 17 ottobre 2015 Hotel The Queen Pastorano (CE) Ble Consulting srl id. 363 numero ecm 136405, edizione 1 Responsabile scientifico Prof. Andrea Di Lauro Destinatari

Dettagli

MA SIAMO STATI IGNORATI NON RICEVENDO NESSUNA RISPOSTA

MA SIAMO STATI IGNORATI NON RICEVENDO NESSUNA RISPOSTA Nel 2011 muore Giovanni Bollea, il padre della Neuropsichiatria Infantile. Con un inquietante sincronia con la sua morte, la disciplina da lui voluta e fatta crescere in tutta Italia, corre ora il rischio

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail RICHIESTA PUBBLICITA SANITARIA Strutture complesse Marca da Bollo (Solo Regione) AL SIGNOR DIRIGENTE REGIONALE DIREZIONE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI DORSODURO 3493 30123 VENEZIA AL SIG. PRESIDENTE DELL

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN NEUROPSICOLOGIA CLINICA. Età Evolutiva, Adulti e Anziani. Anno accademico 2011-12

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN NEUROPSICOLOGIA CLINICA. Età Evolutiva, Adulti e Anziani. Anno accademico 2011-12 ISTITUTO SKINNER Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Comportamentale e Cognitiva MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN NEUROPSICOLOGIA CLINICA Età Evolutiva, Adulti e Anziani Anno accademico 2011-12

Dettagli

www.ipasvicomo.it 12maggio Giornata dell internazionale infermiere

www.ipasvicomo.it 12maggio Giornata dell internazionale infermiere l infermiere Supplemento a Agorà n. 41 (1-2009) - Reg. Trib. Como 1/98 del 09/02/1998 - Direttore responsabile Stefano Citterio Impaginazaione e stampa a cura di Elpo Edizioni Como - info@elpoedizioni.com

Dettagli

UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE

UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE FABIO SASSI O N L U S DIGNITA ALLA FINE DELLA VITA UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE FABIO SASSI ABBIAMO ANCORA BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO PER FARE DI PIÙ E SEMPRE MEGLIO Cara amica, caro

Dettagli

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Filippo Gitti Indirizzo Via Boccacci 83 Brescia Telefono 0302090625 Fax 0303704436 E-mail filippo.gitti@spedalicivili.brescia.it Nazionalità

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Snc, Via Arcangelo Sepe 83054 S. Angelo dei Lombardi (AV) gaetanosicuranza@virgilio.it TITOLI SCIENTIFICI

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Snc, Via Arcangelo Sepe 83054 S. Angelo dei Lombardi (AV) gaetanosicuranza@virgilio.it TITOLI SCIENTIFICI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome GAETANO SICURANZA Indirizzo Telefono 0816060241 Fax 0816060203 E-mail Snc, Via Arcangelo Sepe 83054 S. Angelo dei Lombardi (AV) gaetanosicuranza@virgilio.it

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2007/08 LAUREA SANITARIA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2007/08 LAUREA SANITARIA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2007/08 LAUREA SANITARIA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: SNT/1 Professioni sanitarie infermieristiche

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO III MASTER POST-UNIVERSITARIO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO Direttore: Dott.ssa A. Chillà Coordinatori didattici: dott. A. Borzone, dr. A. Centanni

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale

A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale Novara, 5 marzo 2013 CONTINUITA E CENTRALITA DEL PAZIENTE: LE DIRETTRICI DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELL ASL NO Oggi, martedì 5 marzo 2013 alle 11.00, alla presenza del Presidente della Regione Piemonte,

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI Lavorare con cura PERCORSO FORMATIVO E DI AGGIORNAMENTO PER GLI A.S.A. E O.S.S. IMPIEGATI NEI SERVIZI DOMICILIARI AMBITI TERRITORIALI VAL SERIANA E VAL SERIANA

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA MEDICINA CENTRATA SULLA PERSONA ALL ADOLESCENZA

APPLICAZIONI DELLA MEDICINA CENTRATA SULLA PERSONA ALL ADOLESCENZA APPLICAZIONI DELLA MEDICINA CENTRATA SULLA PERSONA ALL ADOLESCENZA Dott. Aldo Zanon Professore Associato Dpt. Adolescentologia e di Medicina dell adolescenza - Università Ambrosiana La Medicina Centrata

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE di ANTONIO ROCCO nato a San Paolo del Brasile il 19/05/1955.

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE di ANTONIO ROCCO nato a San Paolo del Brasile il 19/05/1955. CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE di ANTONIO ROCCO nato a San Paolo del Brasile il 19/05/1955. PERCORSO PROFESSIONALE RUOLO : Sanitario PROFILO PROFESSIONALE : C. P. S. E. Infermiere Categoria : Ds

Dettagli

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 05/E1 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE BIO/12

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 05/E1 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE BIO/12 PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 05/E1 SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE BIO/12 (Decreto del Rettore n. 1322 del 22/12/2014 - avviso pubblicato

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - S.S. Consultorio, sede di Sarzana

Dirigente ASL I fascia - S.S. Consultorio, sede di Sarzana INFORMAZIONI PERSONALI Nome FAIETTI ELENA Data di nascita 14/12/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI SPEZZINO Dirigente ASL I fascia - S.S. Consultorio,

Dettagli

Esperienza lavorativa Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Categoria DS3

Esperienza lavorativa Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Categoria DS3 FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome Tricanico Cesare Indirizzo Via macchia di mare 14, 87022 Cetraro ( CS) Telefono 3355397819 E-mail tricanico@tiscali.it Nazionalità Italiana

Dettagli

Presentazione Mai Soli.

Presentazione Mai Soli. Presentazione Mai Soli. Libretto per genitori in Oncoematologia Pediatrica presso la Sede della Fondazione Cassa di Risparmio Di Ferrara Via Cairoli, 13 - Ferrara Rassegna Stampa Associazione di Volontariato

Dettagli