Nato in California il 15 marzo 1956, dopo essersi diplomato presso l Ecole Internationale du SHAPE (Belgio), nel 1984 si laurea in Medicina e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nato in California il 15 marzo 1956, dopo essersi diplomato presso l Ecole Internationale du SHAPE (Belgio), nel 1984 si laurea in Medicina e"

Transcript

1 NICK SANDRO MIRANDA Nato in California il 15 marzo 1956, dopo essersi diplomato presso l Ecole Internationale du SHAPE (Belgio), nel 1984 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Padova. Da allora esercita esclusivamente l odontoiatria come libero professionista e come specialista ambulatoriale presso l Asl n 3 Alto Friuli. Ha acquisito il titolo di Odontologo Forense presso l Università degli Studi di Firenze. Ha ricoperto il ruolo di sottosegretario sindacale nazionale e segretario sindacale regionale del Friuli Venezia Giulia per l Associazione nazionale dei Dentisti Italiani. Ha ricoperto il ruolo di tutor per le problematiche sulla sicurezza sul luogo di lavoro. Ha tenuto relazioni nazionali e internazionali sulle problematiche inerenti le politiche sanitarie ed è autore di numerosi articoli sull argomento. Attualmente è vicepresidente vicario Andi Friuli Venezia Giulia e tesoriere dell Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Udine. 374

2 Cento anni di storia dell Ordine dei Medici: dal passato una prospettiva per il futuro NICK SANDRO MIRANDA Se lo scopo ultimo delle forze politiche in un paese è soltanto raggiungere il massimo dei consumi e il massimo della produzione senza mai interrogarsi sull effetto che avranno questi risultati sui rapporti interpersonali, il risveglio rischia di essere brutale: non ci si può permettere di nascondere in questo modo ciò che è essenziale. Tzvetan Todorov 1. INTRODU ZIONE Cento anni di storia dell Ordine dei Medici sono un tempo lungo, così lungo da far dimenticare le ragioni della sua nascita. L Ordine è nato con un obiettivo di tipo etico e la funzione del medico dovrebbe rispecchiare quella di un professionista qualificato e preparato che tutela la salute del paziente secondo scienza e coscienza. Tuttavia, per il pensiero economicistico che nel tempo si è andato ad affermare, scienza e coscienza devono sottostare a regole economicamente sostenibili, il che rappresenta il nodo cruciale della crisi in ambito sanitario Nell arco di questi cento anni, quelli che erano modelli teorici si sono concretizzati circa vent anni fa con l aziendalizzazione della sanità, uno degli obietti- 375

3 CENTO ANNI DI PROFESSIONE AL SERVIZIO DEL PAESE vi della riforma sanitaria prevista dal Dlgs.502/92. Il controllo della gestione economica rappresenta un aspetto importante della sanità, ma molte volte si è trasformato nell unico obiettivo forse per una distorta interpretazione. La sanità, per il condizionamento di poteri sovrastatuali delle imprese e dei capitali che si autoleggitimano a diventare produttori di regole planetarie*, si è universalmente trasformata in un mercato potenzialmente infinito e la salute è diventata merce da consumare. Di fatto l illuminata riforma sanitaria concepita nel 1978 con la legge 833/78 perse per strada molti pezzi nonostante le molte critiche da parte dei professionisti. La messa a regime della riforma sanitaria (Dlgs. 502/92), in cui la centralità della cura della persona cominciava a cedere il passo alla centralità della prestazione, provocò varie conseguenze come l aumento della mobilità sanitaria e il ricorso alle medicine alternative, ma soprattutto fece esplodere i conflitti medico legali. Nacque così una nuova disciplina medica, la medicina difensivistica, che ha condizionato l attività medica in maniera tanto devastante da avere effetti sensibili sulla spesa sanitaria nazionale**. La medicina difensivistica alimenta un circolo vizioso che parte dalla perdita di fiducia del paziente nel medico, che a sua volta vive la professione in un perenne stato d ansia. I medici sono indotti sempre più ad evitare l imputabilità deresponsabilizzandosi professionalmente ed eticamente. Assumere la definizione di contenzioso medico legale come epifenomeno di un malessere sociale e professionale consente di analizzare le cause del conflitto e permette una miglior comprensione della crisi della medicina, della sanità e del concetto di salute. Si deduce che è necessario un approccio interdisciplinare che valorizzi gli strumenti ermeneutici disponibili. Da questo approccio emerge la presenza di una visione economicistica che permea la totalità delle attività umane. La filosofia, la linguistica, le scienze cognitive, la sociologia, le scienze economiche e l antropologia medica sono solo alcune delle discipline che forniscono interpretazioni utili alla narrazione. Occorre confutare il predominante pensiero riduzionista che interpreta la crisi come problema prevalentemente economico/contabile. * Si tratta di un concetto che il Prof. Stefano Rodotà espresse nell ambito del Festival della filosofia che si tenne a Roma il 13 maggio Visto il 29/10/2008 all indirizzo ** Il 17 luglio 2008 nell ambito di Free Genius Festival delle Intelligenze il sottosegretario al Welfare, l on. Ferruccio Fazio, affermò che la spesa pubblica per la medicina difensivistica è attualmente di 7-8 miliardi di euro. La dichiarazione è stata vista il 29 ottobre 2008 all indirizzo Successivamente, in altre dichiarazioni, l on. Ferruccio Fazio affermò che il costo della medicina difensivistica è compresa tra i 12 e i 20 miliardi di euro all anno. Doctornews 25 settembre Anno 6, Numero 153, p

4 DAL PASSATO UNA PROSPETTIVA PER IL FUTURO Oramai tutto è considerato merce, anche la salute viene considerata tale. Tuttavia, la salute non può essere considerata una merce per definizione, essendo essa un valore che è mantenuto, per quanto danneggiato, principalmente ma non esclusivamente, da regole comportamentali, dai determinanti sociali e dall ambiente. Applicare alla salute i criteri che vengono prevalentemente utilizzati nella regolamentazione della produzione e del consumo delle merci genera un grave errore concettuale. Il Codice Deontologico, anche nelle sue varie rivisitazioni, ha assunto questo principio come punto fermo. Il sociologo Ivan Cavicchi scrive: Per di più la salute nelle sue forme di benessere e di vitalità non è solo una questione di consumi sanitari, ma anche di politiche, di istituzioni, di ambiente, di partecipazione democratica, di consenso, di accordo, ecc.. Non comprendere queste cose costa molto all azienda e ancora di più al malato. Si può affermare che a perdere è tutta la società. La tutela della salute è una delle missioni che ogni società civile dovrebbe sostenere. Per affrontare i problemi legati alla salute delle persone e per capire come tutelare la libertà e la professionalità dei medici, in particolare degli odontoiatri, sarebbe utile analizzare e rispondere alle seguenti quattro domande: 1) Qual è il fine primario del comportamento umano? 2) Perché la scelta di essere medici? 3) Perchè le malattie della bocca sono malattie sociali? 4) Che cosa chiedono le persone quando si parla di salute? Sono le domande che poi trovano la loro risposta nel Giuramento professionale e nelle norme deontologiche, domande che questi cent anni di storia insegnano debbano essere riproposte periodicamente, se non si vuole perdere il senso della mission medica. 2. LE QUATTRO DOMANDE CHIAVE 2.1 QUAL È IL FINE PRIMARIO DEL COMPORTAMENTO UMANO? Il fine primario del comportamento umano è la ricerca del benessere. Aristotele definisce l eudaimonia come fioritura umana. Anche Adam Smith, padre dell economia classica, si interessa al concetto di benessere. In La ricchezza delle nazioni egli sviluppa il concetto della mano invisibile, una eterogenesi dei fini intesa come stimolo egoistico che spinge l uomo ad arricchirsi personalmente e che così facendo produce un arricchimento anche degli altri. Tuttavia in La teoria dei sentimenti morali Adam Smith avverte il lettore che la capacità di godere dei beni di consumo ha un limite fisiologico. Egli riassume questo 377

5 CENTO ANNI DI PROFESSIONE AL SERVIZIO DEL PAESE concetto nella famosa frase: The eye is larger than the belly*. Adam Smith avverte così che il motore dell economia, vale a dire la mano invisibile, è un grande inganno, perché indirizza l attività umana su uno solo dei componenti del benessere trascurandone altri. Nei primi del Novecento nasce l economia neoclassica paretiana con la quale si afferma che quello che conta è il comportamento dei consumatori e non la sua motivazione escludendo in tal modo l approccio etico e culturale che aveva caratterizzato fino a quel momento le scienze sociali. Allora nacque quella dicotomia che è così evidente ai giorni nostri e l istituzione degli Ordini rispondeva all esigenza di difendere dei valori sociali (nel nostro caso la salute) dall invadenza dell economia. Una evidenza particolarmente sottolineata in ambito odontoiatrico in cui l esercizio è per la quasi totalità libero professionale. Qualcuno prospettava che l economia fosse il vero motore dello sviluppo del mondo, scienze comprese: oggi bisogna chiedersi se siano state mantenute le belle promesse, se si sono realizzate la prosperità economica, la liberazione dalla condanna del lavoro e l aumento del benessere. La risposta, per gli ultimi due temi, è negativa. Nel tempo ci sono stati alti e bassi, ma anche guardando alla storia recente vediamo che, a fronte di un reddito costante o in calo, si dedica sempre più tempo al lavoro sacrificando quello dedicato ad altre attività che forniscono un maggiore contributo al raggiungimento del benessere. Un esempio è rappresentato dal successo della cultura dell impresa, che esita in una vita di superlavoro, di ansia e di isolamento. Nel contempo nel lavoro calano la gratificazione, le motivazioni e le aspettative. C è la sensazione di essere sempre meno proprietari della nostra vita. In altri termini, quanto più cresce la perdita di controllo sulla propria vita tanto più cresce l infelicità delle persone. L individuo non realizza quanto desidererebbe essere e questo accade quando occupa una posizione che lo dequalifica, lo invalida, lo strumentalizza e lo annulla. L uomo diventa invisibile. Si riduce il senso di benessere ed infatti nei paesi sviluppati od in via di sviluppo aumenta il consumo di antidepressivi e il numero dei suicidi. Il termine benessere ha perso con il tempo il suo sostanziale significato acquisendo progressivamente quello riduttivo di ricchezza monetaria. È senso comune intendere la felicità delle persone come qualcosa che è soprattutto legato all incremento del Pil (Prodotto interno lordo). In realtà nel 1974 l economista Richard Easterlin formulò il concetto del paradosso della felicità. Tramite le sue * Traduzione: l occhio è più grande della pancia. 378

6 DAL PASSATO UNA PROSPETTIVA PER IL FUTURO ricerche dimostrò che nelle società a reddito elevato il loro accrescimento non determina automaticamente più felicità, o comunque produce meno felicità di quanto ci si aspetterebbe. È stato evidenziato, anche sperimentalmente, che ad un aumento del reddito non corrisponde un aumento della felicità, né nell arco della vita del singolo individuo, né comparando i risultati nell ambito di una nazione o fra le nazioni. Da allora, nonostante qualche tentativo di confutare quanto dimostrato da Richard Easterlin o la sua validità cognitiva, il paradosso della felicità rappresenta una vera e propria sfida per la teoria economica. La felicità, come del resto la salute, costituisce un concetto di ideale che non può essere completamente afferrato dall essere umano. A cosa si deve il benessere delle persone? Ultimamente molti economisti utilizzano il termine ben-essere. In esso si includono molti altri valori, definiti domini, fra i quali sono compresi oltre al reddito anche la libertà, la salute, la qualità dei servizi, l istruzione, i beni relazionali, il consumo creativo, la fiducia nelle istituzioni, le motivazioni/aspirazioni/aspettative appartenenti e dipendenti dal lavoro. Per soddisfare il ben-essere, data la finitezza umana, bisogna ben modulare l allocazione temporale dei vari domini. La società consumistica è caratterizzata da una cultura del comfort che è molto difficile da abbandonare poiché essa genera abitudine ed assuefazione. La ricerca di comfort tende a spiazzare la ricerca di attività stimolanti e creative con perdite di benessere sia individuali che sociali. Questa assuefazione e abitudine caratterizza una maggioranza triste e comoda, i cosiddetti consumatori atomizzati descritti da Noam Chomsky, che restano in uno stato di perenne infelicità, sazia e noiosa, cui occorrono stimoli sempre più forti per sentirsi vivi. In questa società consumistica anestetizzata la sponda opposta è formata da una minoranza consapevole che fa molta fatica ad uscire dalle secche del consumismo. Tutto ciò, tradotto in linguaggio deontologico, significa che economia e scienza devono essere guidati dalla mano della coscienza, una battaglia primaria in questi cento anni di storia e particolarmente attuale ai nostri giorni. 2.2 PERCHÉ LA SCELTA DI ESSERE MEDICI DENTISTI? La risposta è nella definizione dei ruoli che caratterizzano il medico. Per i dentisti, che in Italia fondamentalmente rappresentano la libera professione, sono quello professionale, artigianale ed imprenditoriale RU OLO PROFESSION A LE Il ruolo professionale è prioritario ed è quello che probabilmente ha indotto la scelta di diventare medici. Professare la medicina significa promettere di agire per il bene degli altri prima che per il proprio in armonia con i principi di solidarie- 379

7 CENTO ANNI DI PROFESSIONE AL SERVIZIO DEL PAESE tà, umanità e impegno civile che la ispirano così come dettato dal Codice di Deontologia Medica. Per ben professare serve l autonomia decisionale e l assunzione di responsabilità. Il problema che si pone a molti medici dipendenti o convenzionati, a causa delle scelte economicistiche, è quello di dover decidere tra gli interessi del proprio pazienti e del proprio datore di lavoro, o di essere trasformati in meri certificatori. I dentisti italiani in libera professione sono stati finora fra i pochi professionisti della sanità a sfuggire a questa involuzione e condizionamento, ma è sempre maggiore il rischio di perdita della proprietà della propria professione. Ivan Cavicchi utilizza una metafora molto efficace per descrivere questo rischio: si tratta del medico minotauro, metà medico e metà burocrate perso in un labirinto RU OLO A RT IGIA N A LE Questo ruolo si rifà all età arcaica quando i medici, al pari di altri mestieri, erano i demiourgoi ed avevano a cuore il bene collettivo. Il ruolo artigianale, legato anche alla capacità manuale, è caratterizzato dall abilità, la quale a sua volta è data dalla maestria e dall esperienza. In ambito odontoiatrico è un aspetto importante della professione. Quando tuttavia si disconosce l abilità, si nega il valore di essere riconosciuti importanti per la vita degli altri e di fatto si nega il rispetto della persona. Gli esseri umani non sono solo individui ma sono anche relazioni e per completarsi hanno bisogno del riconoscimento di essere riconosciuti. L imposizione di un tariffario nella libera professione, sostitutivo dell onorario, penalizza l abilità. Perché un professionista, che fra l altro si assume tutti i rischi d impresa, dovrebbe sacrificare il suo tempo ed il suo denaro per perfezionarsi quando il riconoscimento espresso dalla parcella (ovviamente nei limiti di quella coscienza sopracitata, che rimanda al concetto di equità) non è diverso da colui che esercita con minore maestria? Il rispetto delle persone è il riconoscimento ottenuto tramite l impegno. È significativa la distinzione di senso dei due termini, tariffa ed onorario: la tariffa è una serie di prezzi che non si formano liberamente sul mercato ma vengono fissati da terzi, mentre l onorario è il giusto premio che si dà al professionista che ha bene operato. Nel settore pubblico, in un sistema caratterizzato dalla meritorietà, il riconoscimento dell abilità avviene con l avanzamento di carriera, garantendo un incremento dello stipendio. Per il libero professionista l entità dell onorario è un apprezzamento dell attività svolta, rappresenta il premio ed è equiparabile all avanzamento di carriera del medico dipendente. Quello della tariffa e dell onorario è comunque una questione che rimanda ad un 380

8 DAL PASSATO UNA PROSPETTIVA PER IL FUTURO problema più ampio, che è quello di una società che per liberarsi dalle costrizioni dell etica tende a differenziare i ruoli imprenditoriali e operativi. In questo modo si disumanizza il sistema come ha dimostrato la recente crisi finanziaria fatta pagare ai piccoli risparmiatori, truffati da più o meno ignari operatori bancari in cui avevano riposto fiducia RU OLO IM PR EN DITOR IA LE L odontoiatra libero professionista è anche imprenditore, una particolarità che, come si diceva prima, è anche una forza. L imprenditore, secondo gli attuali concetti economici neoclassici ed utilitaristi, dovrebbe puntare sempre alla massimizzazione dei profitti. Invece, secondo i concetti espressi dalla nuova economia, l imprenditore deve soprattutto tutelare la propria impresa, altrimenti rischia la distorsione dell allocazione temporale dei domini che caratterizzano il ben-essere. È questa la nuova illuminata visione imprenditoriale (ispirata ai vecchi principi deontologici) che il dentista e le associazioni di categoria dovrebbero fare propria, garantendo in tale modo la tutela della salute delle persone, la professionalità ed il ben-essere dei dentisti. Le politiche sanitarie economicistiche stanno imponendo la figura del terzo soggetto che si convenziona con il dentista. Spesso la convenzione prevede una tariffa concordata che inevitabilmente si trasforma in imposizione, come storicamente avvenuto in altre nazioni, dato l asimmetrico potere contrattuale delle parti. Una tariffa imposta tiene relativamente conto dei costi. Ciò significa che per ottenere un onorario dignitoso occorre disinvestire nell aggiornamento gestionale, culturale, materiale e strumentale e si deve accelerare lo svolgimento delle prestazioni o dedicare più tempo al lavoro. La conseguenza sarà da un lato il sacrificio del tempo dedicato ai beni relazionali o al consumo creativo e dall altro la velocizzazione della cura, che può indurre più facilmente all errore e dunque alla conflittualità fra medico e paziente. Velocizzare significa trascurare quello che può essere ritenuto superfluo poiché non legato all atto tecnico: con questa visione l attenzione dedicata alla relazione medico/paziente, non essendo un atto tecnico, dovrebbe essere considerata un atto superfluo! Velocizzare significa indurre stress negativo e dunque incidere sulla salute. Disinvestire nella professione significa ridurre la soddisfazione dal lavoro. Anche il nomenclatore imposto, il tempario e la maggiore burocratizzazione (forma di controllo sui medici e pazienti) che caratterizzano i convenzionamenti, possono indurre gli stessi condizionamenti e dunque compromettere il ben-essere. Il rischio è quello di creare un medico insoddisfatto della propria professione che adotta una medicina paradigmatica in vece di una medicina pragmatista. Il rischio è un aumento dei conflitti e dei contenziosi medico legali e dunque il prevalere di una odontoiatria di- 381

9 CENTO ANNI DI PROFESSIONE AL SERVIZIO DEL PAESE fensivistica. La sempre maggiore invadenza della medicina basata sulle prove di efficacia (Ebm), delle linee guida e dei protocolli terapeutici, rappresenta il segnale di questa trasformazione difensivistica. Applicare i concetti per cui gli Ordini sono stati istituiti, ripresi dalla nuova economia, può evitare questa involuzione L ECONOMICISMO NELLA SANITÀ La scelta economicistica in sanità significa imporre e rendere prioritaria l applicazione delle teorie economiche neoclassiche ed utilitaristiche. Essa nasce dall esigenza di contenere i costi, ma in realtà genera problemi tanto nella sanità pubblica quanto nella sanità privata e ancor più nella sanità di tipo misto. Un classico esempio di economicismo applicato alla sanità è rappresentato dai Drg (Diagnosis Related Groups). Essi sono stati introdotti in Italia circa quindici anni fa come un modalità di rimborso delle prestazioni ospedaliere per le quali gli ospedali e le cliniche convenzionate con il Ssn (Servizio sanitario nazionale) vengono remunerati sulla base del valore della prestazione per tipo di patologia anzichè per i giorni di ricovero. Se lo scopo dei Drg era il risparmio economico per la collettività, c è da dire che in macroeconomia si tratta di un autogoal per la induzione ad una maggiore spesa causata dal maggior numero di prestazioni erogate. Si ha un minor costo per unità, ma una maggiore spesa totale. Obiettivo dei Drg è quello di evitare ricoveri inutili, tuttavia in ambito diagnostico-terapeutico possono favorire la scelta di indagini e trattamenti legati a convenienze economiche piuttosto che all utilità del malato. Questo, ovviamente, crea qualche problema. L economicismo in sanità ha assunto tanta importanza perché ritenuto necessario per il contenimento dei costi. Negli ultimi decenni si è assistito, a livello globale, ad un esplosione della spesa sanitaria. E le previsioni non sono rosee. È dai primi anni cinquanta che il costo dell assistenza sanitaria cresce con una percentuale ben maggiore rispetto a quella dell indice dei prezzi. È stato dimostrato che l ammontare di risorse che i Paesi Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) impiegano per i propri sistemi sanitari, cresce in maniera inesorabilmente progressiva. Nel 2002 la spesa sanitaria ha raggiunto, in media, un picco dell 8,5% del Pil e la spesa sanitaria annuale pro-capite è cresciuta in termini reali più velocemente, di quasi un punto percentuale, della crescita del reddito reale pro-capite (3,5% contro 2,8%). Un dato sul quale riflettere è la percentuale di spesa dedicata alla prevenzione, che notoriamente è il mezzo più efficace per tutelare la salute. A tal proposito, mentre nei paesi Ocse è destinato in media solo il 3% della spesa sanitaria, in Italia viene stanziato il 5%. Sorge il sospetto che anche in questo caso l economicismo abbia influenzato ne- 382

10 DAL PASSATO UNA PROSPETTIVA PER IL FUTURO gativamente la politica sanitaria perché la prevenzione è notoriamente una tecnologia povera. I motivi che spiegano questo orientamento sono numerosi. C è un aumento della domanda dovuta all invecchiamento della popolazione, ma anche una importante induzione della domanda stessa (medicalizzazione e disease mongering). C è un maggior costo delle tecnologie, maggiori possibilità diagnostiche e terapeutiche, ma ci sono anche sprechi, illeciti e aumenti di costi derivati dalla medicina difensivistica. L economicismo, che sia applicato alla sanità pubblica piuttosto che a quella privata o alla mista, oltre a non determinare un aumento della qualità e della quantità della salute, non riesce neppure a contenere i costi. Di pari passo, con l aumento dei costi e degli investimenti, aumentano paradossalmente le denunce. In ambito odontoiatrico emerge in maniera evidente l applicazione delle teorie economiche neoclassiche ed utilitaristiche quando fra paziente e medico si inserisce un terzo soggetto. Il terzo soggetto ha spesso come scopo il profitto. In questi casi si stabiliscono degli accordi in termini di modalità di pagamento, tariffario, nomenclatore, tempario e burocratizzazione. Questa scelta determina la standardizzazione dell atto medico imposta in nome dell efficientismo. Standardizzare significa semplificare, negando la complessità che caratterizza la medicina. L imposizione della procedurizzazione delle indagini diagnostiche e delle scelte terapeutiche priva il medico delle sue possibilità e capacità interpretative. Il medico rischia di perdere l autonomia decisionale e con l assunzione di responsabilità dei propri atti, ma senza autonomia, non si può fare buona medicina. Si determina anche un aumento dei conflitti d interesse ed etici, una turbativa di mercato, la mercificazione della professione, la Iatrogenesi clinica. È un caso che i contenziosi medico legali caratterizzino soprattutto i medici che non sono appagati dalla loro professione? È un caso che in Spagna, a fronte del 10% di dentisti spagnoli che opera in centri cosiddetti low cost, il 70% delle denunce riguarda proprio i dentisti che lavorano in queste strutture? Un fenomeno analogo è stato descritto in Lombardia. 2.3 PERCHÈ LE MALATTIE DELLA BOCCA SONO MALATTIE SOCIALI? È assodato che le malattie della bocca sono nella gran parte dei casi malattie dovute a carenze comportamentali. È dimostrato che la salute del cavo orale è legata alla scolarità: più è bassa la scolarità peggiore è la salute del cavo orale. La conseguenza è che la spesa pro capite dal dentista è maggiore per chi ha scolarità più bassa, e spesso chi ha scolarità più bassa ha minori possibilità economiche. Da indagini Censis effettuate nella Regione Lombardia si evidenzia che la quota di 383

11 CENTO ANNI DI PROFESSIONE AL SERVIZIO DEL PAESE persone che non si sono recate dal dentista a causa dell impossibilità ad affrontare la spesa è appena il 6,4% del campione. Da cosa è determinato questo tipo di comportamento? Evidentemente è in parte legato all acquisizione della conoscenza. È dimostrato che la mancanza di conoscenza può determinare comportamenti errati. Questo rende ragione del fatto che quando si discute di vulnerabilità sociale, più che analizzare le fasce d età o gli stati morbosi oppure il reddito, si dovrebbe misurare la conoscenza: Il soggetto realmente vulnerabile è colui che non ha la conoscenza o che, appresa la conoscenza, non è in grado di applicarla. Sono questi i soggetti che subiscono il fascino della visione economicistica della sanità. La salute è scambiata per merce e dunque si ricorre alle cure di chi offre il prezzo più basso quando dovrebbero essere altri i parametri da utilizzare per una scelta più conveniente. In questo senso è interessante vedere l evoluzione del Codice Deontologico nelle successive rivisitazioni: man mano si è data sempre più importanza all informazione tra medico e paziente (ad esempio in riferimento al consenso informato) abbandonando di fatto la vecchia medicina paternalistica pur mettendo l accento sui rischi di una medicina clientelare. Queste sono considerazioni che comunque non dovrebbero sorprendere. L epidemiologo Michael Marmot da quarant anni sta dimostrando il legame che esiste fra i determinanti sociali e l attesa di vita per valutare la salute di una popolazione. Egli ha dimostrato che la quantità e qualità della salute non dipendono dalla ricchezza (importante, ma non fondamentale oltre certi limiti) ma dal capitale sociale inteso come cultura e disponibilità di mezzi intellettivi necessari per poter essere critici e giudiziosi nelle scelte da fare per preservare la propria salute. L assistenza sanitaria svolge un ruolo importante sulla prognosi delle malattie, ma non sulla loro incidenza. Si è evidenziato che quando si valutano e si comparano i risultati dei sistemi sanitari in termini di longevità delle popolazioni di riferimento si vede come, tra i paesi industrializzati avanzati che garantiscono un accesso equo ai servizi, non esiste praticamente nessuna correlazione tra la spesa (e quindi le disponibilità di servizi e operatori), la speranza di vita e quindi la salute. Questo significa che per incidere efficacemente sulla salute delle persone bisogna programmare una politica sanitaria illuminata che investa soprattutto nei determinanti sociali della salute. Lo stesso concetto, espresso con il termine di capacitazione, è uno degli argomenti centrali del pensiero dell economista Amartya Sen. 384

12 DAL PASSATO UNA PROSPETTIVA PER IL FUTURO 2.4 COSA CHIEDONO LE PERSONE QUANDO SI PARLA DI SALUTE? Per rispondere si può trarre spunto dall economia neoclassica e dalla cosiddetta nuova economia del ben-essere. L economia neoclassica asseconda la scelta/comportamento del consumatore perché la ritiene, per principio, razionale e rivelatrice di una preferenza. Chi applica i concetti dell economia neoclassica opera allo scopo di soddisfare la preferenza del consumatore prescindendo dalle motivazioni. È opinione comune che il maggior contributo all innalzamento della vita media sarebbe dato proprio dall incremento dei servizi sanitari offerti. Per analogia, in ambito odontoiatrico dove la preferenza delle persone è avere una bocca sana, la scelta diventa quella di ottenere terapie preferibilmente a basso costo; ma non è così! Le persone, chiedendo terapie, non rivelano una preferenza, ma piuttosto esprimono una credenza (utilità attesa). Si tratta di un comportamento errato poichè dipende da un condizionamento. Gli odontoiatri sono consapevoli che la tutela della salute è garantita da un percorso virtuoso che consiste nella prevenzione primaria, nell intercettamento delle malattie e nelle terapie di qualità. Si può ragionevolmente sospettare che applicare in odontoiatria i concetti dell economia neoclassica e dell utilitarismo benthamiano non risolva i problemi di salute delle persone, ma li peggiori perché rischia di incrementare i fenomeni di iatrogenesi clinica, sociale e culturale. Riassumendo: tentare da una parte di soddisfare la credenza e dall altra di ricercare la massimizzazione dell utilità fa sì che i protagonisti siano entrambi insoddisfatti e godano di minor salute e di minor ben-essere. Per assicurare la salute si dovrebbe fornire quell informazione efficace a garanzia di una conoscenza consapevole e condivisa che induce le persone ad un comportamento, in questo caso, razionale. Nel Canton Ticino un esperienza durata un quarto di secolo ha dimostrato che l informazione riduce la richiesta di indagini e terapie sanitarie senza ridurre la qualità e quantità della vita. Precedentemente si è detto che le persone che hanno meno patologia e spendono dal dentista meno soldi pro capite, sono quelle a più alta scolarità. Queste sono persone che hanno ricevuto una corretta informazione odontoiatrica e che si recano regolarmente da un dentista virtuoso. Il dentista virtuoso è colui che: - intercetta le malattie; - rende consapevole il proprio paziente sull importanza della prevenzione e lo corresponsabilizza; - fornisce terapie solo quando necessarie e sempre di alta qualità, poiché sa che così facendo ottiene maggior soddisfazione dal lavoro, garantisce la durata delle cure, tutela la salute dei suoi pazienti, rafforza il rapporto fiduciario medico/pa- 385

13 CENTO ANNI DI PROFESSIONE AL SERVIZIO DEL PAESE ziente e riduce i conflitti ed i contenziosi medico legali. Questi aspetti accrescono anche il ben-essere del dentista. Questo discorso trova una sua validazione nella revisione del Giuramento Professionale del febbraio del 2007, in cui si sottolinea l importanza dell alleanza terapeutica, un rapporto che vede medico e paziente mettersi in gioco anche dal punto di vista umano, superando così i limiti commerciali del c.d. contratto terapeutico. 3. CONFLITTI E CONTENZIOSI MEDICO LEGALI 3.1 MOTIVI DELLA LITIGIOSITÀ Tutto ciò fa apparire meno paradossale il fatto che, nonostante un indubbio miglioramento dello standard qualitativo delle cure, aumenti contemporaneamente il clima di litigiosità fra il paziente ed il medico. A parte l incremento del malessere sociale, altre motivazioni sono: - lo sviluppo scientifico che aumenta la prevedibilità del successo terapeutico riducendo la possibilità di giustificazione dell errore; - una sovrastima, spesso condizionata, del medico nella tecnologia, nella scienza e nelle proprie capacità personali; - le false aspettative del paziente condizionato, cui consegue l insoddisfazione della incorrispondenza tra attesa e risultato; - un insuccesso nella comunicazione fra medico e paziente. Cambia anche il modo giuridico di intendere il concetto di colpa professionale, e l atto medico si trasforma da relazione, unica e irripetibile, in contratto dal quale deriva una supposta obbligazione di risultato. Si deve inoltre registrare che a fronte di un accresciuta tutela del diritto alla salute, il paziente iper-responsabilizza il medico e deresponsabilizza se stesso. In tutto il mondo si assiste all incremento dei contenziosi medico legali. È significativo notare come in Italia il fenomeno abbia subito una importante accelerazione dopo l istituzione delle aziende sanitarie (Asl) previste dalla riforma sanitaria prevista dal D.lgs. n. 502/1992. Infatti, tra il 1994 e il 2006, secondo i dati dell Ania (Associazione nazionale fra le Imprese Assicuratrici), il numero di denunce ai medici è aumentato da a , mentre quello alle strutture sanitarie è salito da a Le denunce sporte sono soprattutto a carico delle branche chirurgiche, anestesiologia/rianimazione compresa. Per l odontoiatria, in assenza di dati certi, la percentuale in ambito civile sembra essere nell ordine del 5% mentre in ambito penale dell 1%, valori nettamente inferiori rispetto alle altre discipline. Essendo l odontoiatria una branca chirurgica, considerato l altissimo numero di prestazioni odontoiatriche erogate in un anno e considerata la cronica campagna non 386

14 DAL PASSATO UNA PROSPETTIVA PER IL FUTURO elogiativa dei mass media nei confronti degli odontoiatri, il dato del 5% è indicativo di un fatto: gli odontoiatri, nell ambito del contenzioso medico legale, sono al momento una categoria medica privilegiata rispetto alle altre discipline. Fabrizio Montagna ha analizzato un certo numero di dati riguardanti i conflitti e i contenziosi medico legali odontoiatrici avvenuti negli anni novanta in Gran Bretagna, Stati Uniti e Danimarca. Si evidenzia che, mentre i reclami sono in aumento, le richieste di risarcimento e le azioni legali sono in diminuzione. Egli rileva che in Italia non si è verificata la temuta americanizzazione del conflitto odontoiatra/paziente. 3.2 M EDICIN A DIFEN SIVIST ICA La medicina difensivistica è l insieme delle attività mediche che sono indirizzate ad evitare l imputabilità del medico. La medicina difensivistica conduce all abdicazione del ruolo prioritario del medico: la cura del paziente. Per evitare l imputabilità, il medico da un lato si de-responsabilizza eticamente e professionalmente e dall altro si iper-responsabilizza giuridicamente. Si assiste alla giuridizzazione della medicina, aspetto che oramai la caratterizza profondamente. Ciò significa che l attività medica è sempre più condizionata dalle norme giuridiche, sia nei rapporti con pazienti, strutture e associazioni, sia nelle modalità diagnostiche e terapeutiche. Inoltre con la medicina difensivistica aumentano i costi della sanità, giuridici e assicurativi, si rende inefficiente e inefficace il sistema sanitario e si espongono i pazienti a spese inutili e al rischio paradossale di un aumento dei danni. Emerge un problema: l appropriatezza dell atto medico, così come previsto dal Codice di Deontologia Medica. Paradossalmente, nonostante l incremento della medicina difensivistica, i conflitti ed i contenziosi medico legali non si riducono. 3.3 GEST ION E DEL R ISCHIO CLIN ICO Durante i primi anni Ottanta, epoca in cui in Italia furono laureati i primi Odontoiatri, negli ospedali statunitensi comparvero i responsabili dei programmi di clinical risk management (risk manager). Questa esigenza derivò dalla consapevolezza che gli errori medici potessero essere causati non solo dalla scorretta pratica professionale, ma anche dalla malasanità. La gestione del rischio clinico, che ha la finalità di garantire la qualità, interviene nelle attività e nei processi di cura. Senza nulla togliere a quanto di positivo possa esserci nel controllo delle procedure, la ricerca dell efficientismo preso in prestito dall economia rischia di snaturare l atto medico, illudendosi di risolvere i problemi della malasanità e della scorretta pratica professionale. I fautori della gestione del rischio clinico sono 387

15 CENTO ANNI DI PROFESSIONE AL SERVIZIO DEL PAESE convinti che l autonomia professionale sia negativa perché connessa alla personalizzazione e all incertezza delle cure, all ambiguità delle conoscenze mediche e ai difetti dell organizzazione. Per i sostenitori della gestione del rischio clinico quello che conta è il lavoro del team. Questo pensiero è in netta contrapposizione con l idea che è la tutela dell autonomia e della responsabilità del medico la via più virtuosa ed efficace per ottenere una buona sanità. La gestione del rischio clinico prevede la standardizzazione delle procedure mediche in una disciplina, come quella medica, caratterizzata dalla complessità. Un sistema complesso è costituito da tantissimi elementi che interagiscono fra di loro ed i comportamenti terminali non sono predicibili partendo dall analisi dei singoli mattoncini che lo compongono. Significa che la sorpresa è sempre in agguato e per affrontarla serve, oltre alla libertà di scelta, il contributo del pensiero laterale (immaginazione, intuito, creatività). La volontà di ridurre i costi, il numero degli errori e dei contenziosi, ricercando il raggiungimento della qualità tramite percorsi precostituiti, è destinata al fallimento perché ben altre sono le motivazioni profonde dei due fenomeni. Il rischio è quello di generare una tecno-burocratizzazione della sanità, di accentuare la disumanizzazione della medicina, di ridurre lo spazio vitale del medico e di peggiorare la salute delle persone. Essa rende i medici dei meri esecutori invalidando i valori prioritari del medico: l autonomia e la responsabilità. Ancora una volta si applicano alla sanità i concetti economici di efficientismo, ma la salute non è una confezione di pomodori pelati e la sanità non è l impresa che li produce e li inscatola. 3.4 MEDICINA PRAGMATISTA E PARADIGMATICA La medicina difensivistica si avvale della medicina paradigmatica costituita dalle linee guida, dalla medicina basata sulle prove di efficacia e dai protocolli operativi. Piuttosto che pensare ad una medicina paradigmatica bisognerebbe proporre una medicina pragmatista dove le teorie, i valori ed i fatti sostituiscono i paradigmi. Nei fatti non esiste il paziente descritto dalle teorie, ma esiste il paziente reale che necessita dell interpretazione del medico. In definitiva, non si tratta di contrapporre la conoscenza alla ragione, ma di sancire il primato del soggetto sul metodo tramite la conoscenza e la ragione. Questo non significa opporsi al metodo, che è imprescindibile, ma sostituire la libertà dal metodo con la libertà nel metodo. Richard Smith, nella veste di direttore di una delle più importanti rivistiche mediche del mondo, il British Medical Journal, nel 1992 affermò nel suo editoriale: Le situazioni che si possono basare su dimostrate prove di efficacia si attestano intorno al 15%. Tutto il resto è incertezza più o meno marcata. 388

16 DAL PASSATO UNA PROSPETTIVA PER IL FUTURO Se per ridurre gli errori non è pensabile proporre precipuamente una metodologia induttiva ed analogica perché caratterizzate rispettivamente dalla probabilità e dalla possibilità del risultato, sarebbe invece auspicabile recuperare il concetto di abduzione. Con la modalità abduttiva, che è il ragionamento argomentativo in cui si trae il caso dalla regola e dal risultato, il medico non è obbligato ad una logica monotona come quella deduttiva ma utilizza la creatività per rivedere le conclusioni e quindi stabilirne la plausibilità. 3.5 M EDICA LIZ Z A ZION E Più di trent anni fa Ivan Illich prefigurò la medicalizzazione della vita descrivendo i fenomeni di iatrogenesi clinica, sociale e culturale. La medicalizzazione della vita avviene quando la medicina sconfina e viene applicata a campi che non le competono, spaziando dall individuo al sociale. Oramai il processo di medicalizzazione ha permeato la società in una sorta di cultura terapeutica caratterizzata da un consenso dal quale deriva la necessità. Dalla necessità consegue la richiesta di una soluzione. La medicina, con le sue capacità diagnostiche e terapeutiche rappresenta la soluzione apparentemente più semplice per un problema complesso che andrebbe gestito diversamente. Si crea in tal modo una dipendenza che delega ai medici la soluzione di problemi che in realtà non sempre sono di loro competenza. Naturalmente, come succede quando la proposta della soluzione è inadeguata, le aspettative vanno spesso deluse. Si genera in tale modo un meccanismo che crea individui inetti, insicuri, insoddisfatti ed infelici. In questo quadro avere come obiettivo il contenimento delle aspettative potrebbe essere utile per ridurre il contenzioso. Nel 1999, in un noto editoriale della prestigiosa rivista British Medical Journal il direttore Richard Smith scrisse: La morte è inevitabile. La maggior parte delle malattie gravi non può essere guarita. Gli antibiotici non servono per curare l influenza. Le protesi artificiali ogni tanto si rompono. Gli ospedali sono luoghi pericolosi. Ogni medicamento ha anche effetti secondari. La maggioranza degli interventi medici dà solo benefici marginali e molti non hanno effetto. Gli screening producono anche falsi positivi e falsi negativi. Esistono modi migliori di spendere i soldi che destinarli ad acquisire tecnologia medico-sanitaria. È chiaro che, se come sta accadendo, si affermerà il pensiero del dottor Knock*, sarà inevitabile un aumento della conflittualità. Le persone hanno bisogno di una * Nel 1923 lo scrittore Jules Romains scrisse una commedia Il dottor Knock e il trionfo della medicina che raccontava dell alleanza tra il nuovo medico del villaggio e il farmacista che induceva alla medicalizzazione di tutta la popolazione di quel villaggio che prima del suo arrivo si recava occasionalmente dal medico. Diceva Knock un sano non è che un ammalato che non sa di esserlo. 389

17 CENTO ANNI DI PROFESSIONE AL SERVIZIO DEL PAESE trasformazione culturale che le conduca a (ri)considerare il fatto che sono inevitabilmente deteriorabili e che tutti hanno una data di scadenza. Le persone dovrebbero acquisire la consapevolezza che la medicalizzazione conduce all infelicità ed alla precarietà perché porta ad essere sempre più sanità-dipendenti e sempre più esposti ad effetti collaterali. Purtroppo si assiste ad una significativa accelerazione di sistematica medicalizzazione della società e della vita promossa dal marketing dell industria con il sostegno dei media, dei professionisti della sanità e dei vari guru locali e nazionali di riferimento* che soppianta la promozione della salute, che per definizione è una tecnologia povera. Ed essa si è talmente incuneata nella società moderna da essere richiesta dalle sue stesse vittime. Forse è giunto il momento di affermare con forza che diagnosi e malattia si basano su delle convenzioni e che dunque come tali vanno (ri)definite. Un esempio della complessità dei termini, e di come vengono percepiti ed utilizzati, è rappresentata dalla definizione di malattia in inglese. Illness è la definizione di malattia quando percepita dal paziente. Sickness è la malattia come riconoscimento di una condizione patologica da parte dell ambiente non medico che circonda il paziente. Infine disease è la definizione di malattia da parte del medico. 4. DISCU SSION E Il prevalere delle politiche economicistiche sembra essere una delle principali cause che determina il clima di litigiosità fra medici e pazienti. Tradurre la gestione della sanità in criteri aziendali non sembra essere le via più efficace per tutelare la salute delle persone. La moderna società dei consumi ha trasformato la salute in una merce e le persone perseguono il bene salute con le stesse modalità con le quali perseguono il soddisfacimento dell acquisizione dei beni materiali di comfort. Poiché la salute non è una merce, le aspettative vengono spesso deluse e il disagio che ne consegue può essere una delle cause della tensione che si crea nel rapporto medico/paziente. Sarebbe conveniente considerare la salute come un bene creativo che, per essere goduto, ha bisogno di essere coltivato. Al contrario, stiamo assistendo ad un fenomeno dove l azione di tutela della salute e del guarire inizialmente gestita dal soggetto, è passata nelle mani del medico per essere infine gestita da un ente impersonale. Un indagine effettuata da Eurisko sulla cultura e sulle pratiche sanitarie dei cit- * Un esempio: come un disturbo come la stipsi diventa condizione invalidante. Antonino Michienzi, Campagna nazionale per la diagnosi e la cura di emorroidi e stipsi: non va bene. Visto il 7 novembre 2008 su: 390

18 DAL PASSATO UNA PROSPETTIVA PER IL FUTURO tadini italiani dal 1993 al 2002, ha mostrato da una parte una maggiore consapevolezza della salute come bene prioritario, ma dall altra una minore attenzione nei riguardi dell importanza degli stili di vita e del comportamento per tutelare la salute. Stiamo assistendo al fenomeno della delega, in cui aumenta la richiesta d indagini diagnostiche anche in assenza di disturbi, e di terapie. Gli italiani attribuiscono sempre più importanza alla medicina e alla fortuna, e nel contempo aumenta il consumo di farmaci. L indagine evidenzia che i cittadini italiani non sembrano essere consapevoli della relatività delle risorse economiche quando affermano che non intendono rinunciare ai livelli di consumo acquisiti. Per costruire un diritto alla buona salute serve la conoscenza condivisa e consapevole, assicurata da un informazione efficace, e serve il perseguimento di un percorso virtuoso che realizzi quella complicità medico/paziente utile a ri-legittimare la figura del medico, oramai mortificato da attenzioni mediatiche e giudiziarie non sempre giustificate. Il diritto alla buona salute richiede anche una maggiore autocoscienza ed una maggiore autodisciplina. In altri termini, le persone dovrebbero (ri)scoprire e fare proprio il concetto della corresponsabilizzazione nella costruzione del diritto alla salute, aumentando l autodeterminazione e riducendo la delega. La grande criticità del settore odontoiatrico è legata fondamentalmente a due domande: 1) perché tanta richiesta di cure? 2) perché così costose? Si può sinteticamente rispondere che le carenze comportamentali possono sia causare la malattia sia richiedere tardivamente una visita dal dentista, il quale sarà costretto ad eseguire terapie più complesse e dunque costose. Ne deriva che la tutela della salute dei cittadini dovrebbe seguire il percorso virtuoso : a) informare efficacemente come la salute della bocca sia importante per tutelare la salute in generale e dare importanza agli stili di vita e ai comportamenti; b) informare efficacemente com è facile e poco costoso raggiungere questo stato di benessere intervenendo in tempo utile tramite l intercettamento precoce; c) informare efficacemente che il criterio economicistico del miglior offerente legato alla riduzione dell onorario non sempre rappresenta la scelta più conveniente per tutelare questo bene. Occorre dare qualità e giusto valore alla parcella. Serve ridefinire il profilo sociale del medico. La formazione del medico è sempre più votata all abilità della produzione e dunque della crescita del Pil. Esiste un asimmetria formativa che privilegia l aspetto tecnico/scientifico a discapito di quello umanistico. Nello stesso tempo il medico subisce il condizionamento al consumo di comfort, generando un insidioso conflitto d interessi. Ne risulta che trop- 391

19 CENTO ANNI DI PROFESSIONE AL SERVIZIO DEL PAESE po spesso il medico è più attento all aspetto retributivo della sua professione e meno a difendere l autonomia e la responsabilità. Il medico è oltremodo concentrato sul come fare piuttosto che apprendere le ragioni profonde del perché fare. In realtà non sempre il possibile fare corrisponde al necessario fare e questo aspetto va discusso con il paziente. C è chi intravede nell approccio prevalentemente analitico e riduzionistico della medicina occidentale una delle cause della perdita del rapporto fiduciario medico/paziente. È necessario evitare le contrapposizioni tra i metodi e ricercare un giusto equilibrio che riavvicini il medico alla medicina sintetica ed olistica, acquisendo la capacità di guardare soprattutto al malato e non solamente alla malattia, integrando l approccio molecolare e quello sistemico. Se, com è plausibile pensare, la medicina è un arte di mimesi scientifica votata alla ricerca dell errore e caratterizzata dall incertezza, pensare di inquadrarla rigidamente in percorsi predeterminati, rappresenta una operazione di semplificazione estremamente pericolosa. L atto artistico richiede immaginazione, concentrazione, spirito di sacrificio, libertà, attività e condotte non routinarie. Serve una testa che sappia ragionare piuttosto che riempire le teste delle persone. Sarebbe auspicabile che i medici aderissero con maggiore entusiasmo ad una politica sanitaria di tipo culturale pensando più alla salute che non ai servizi. Tutto questo potrebbe salvare il medico dalla crescente delegittimazione sociale alla quale è andato incontro negli ultimi decenni. Un aspetto rilevante nel rapporto medico/paziente è il valore del tempo. Nella società consumistica il tempo è stato (ri)definito. In nome dell efficienza la velocizzazione è divenuta un imperativo. In medicina il tempo trascorso a parlare con le persone sta diventando una perdita piuttosto che una risorsa. In medicina viene utilizzato sempre di più il concetto di produttività, che si misura in base al numero di prestazioni eseguite. Ma l uomo, per la sua finitezza, così come non è in grado di gestire la tecnologia oltre certi limiti, così non è in grado di gestire la velocizzazione se non a rischio suo e del prossimo. Dedicare meno tempo ai pazienti può indurre ad errori di diagnosi e terapia, ma anche alla perdita del rapporto fiduciario medico/paziente. Spesso il contenzioso riguarda più la terapia effettuata che non l errore di diagnosi, ma è proprio il poco tempo dedicato al momento diagnostico che spesso rappresenta la vera causa dell errore che poi si manifesta nell atto terapeutico. Prendersi il giusto tempo non solo favorisce la riflessione, ma è elemento indispensabile per dedicarsi al nostro prossimo. Un esempio: una ricerca ha dimostrato che i chirurghi potrebbero dimezzare il numero di contenziosi semplicemente allungando di qualche minuto il tempo dedicato ai pazienti. La salute è qualcosa di molto più complesso rispetto a quell algoritmo che pre- 392

20 DAL PASSATO UNA PROSPETTIVA PER IL FUTURO vede la distribuzione di diagnosi e terapie. Chi fa politica sanitaria tiene realmente conto di tutta questa complessità? L attuale sistema sanitario nazionale, così come è strutturato, è in grado di affrontarla e gestirla? Se da un lato il paziente esigente deve essere messo nelle condizioni di confrontarsi con il medico, dall altro anche il medico deve essere messo nelle condizioni di essere professionale, responsabile e autonomo. Per favorire la relazione bisogna fornire la possibilità ad entrambi di esercitare l asseribilità: significa dare spazio a quanto viene espresso dall esigente e dal medico e che quanto espresso sia determinante nella politica di gestione della sanità. In realtà, purtroppo, la denuncia del medico che accusa l eccesso di linee guida, di protocolli, di carte da riempire, del poco tempo che può dedicare ai pazienti, fattori che raccontano del disagio e del rallentamento della crescita professionale, resta inascoltata. Sempre più gli esigenti ed i medici sono preda di una gestione eteronoma e la scelta del medico appare eteroguidata: c è chi decide quando fare, cosa fare, come fare e quanto fare. Sembra di assistere al ritorno della medicina paternalistica, ma con una sostanziale differenza: un tempo il padre era il medico nei confronti del figlio paziente, ora è l istituzione padre nei confronti dei figli pazienti e medici. Pertanto è necessario ridurre il rapporto di sudditanza dei protagonisti nel riguardo delle istituzioni condizionate dai poteri economici. 5. CONCLUSIONE Il Pil di una nazione è uno degli strumenti utilizzati per misurare la ricchezza prodotta dalla sua economia. Fino ad oggi le politiche economiche delle nazioni hanno avuto come obiettivo prioritario l incremento del Pil. A giudizio di molti economisti si tratta di uno strumento dell economia neoclassica che si è rivelato insufficiente poiché calcola solo il reddito che passa attraverso il mercato e non considera l aspettativa di vita, l ambiente, l educazione e la socialità. In altri termini all economia neoclassica viene rimproverato il fatto di non tenere in conto del reale livello di ben-essere delle persone e della società. Applicare l economicismo alla sanità significa ignorare gli aspetti più importanti del ben-essere ed indurre al consumo a discapito dell agire. Sono queste esattamente le ragioni che hanno suggerito l istituzione degli Ordini dei Medici, organi ausiliari dello Stato nati per tutelare la salute del cittadino e quei professionisti che quella salute la tutelano. È interessante notare come molti ultimamente, in ossequio all imperante legge del libero mercato, chiedano a gran voce la chiusura degli Ordini. Così facendo, l attuale politica sanitaria dei paesi occidentali crea insoddisfazione e provoca alcuni comportamenti in ambito sociale e sanitario che possono determinare un aumento dei conflitti e dei contenziosi medico legali. In tal modo 393

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli