LIFE Project Number LIFE07 ENV/IT/0388. FINAL Report. Covering the project activities from 01/01/2009 to 31/12/2011. Reporting Date 31/12/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIFE Project Number LIFE07 ENV/IT/0388. FINAL Report. Covering the project activities from 01/01/2009 to 31/12/2011. Reporting Date 31/12/2011"

Transcript

1 LIFE Project Number LIFE07 ENV/IT/0388 FINAL Report Covering the project activities from 01/01/2009 to 31/12/2011 Reporting Date 31/12/2011 LIFE+ PROJECT NAME or Acronym CARBOMARK Data Project Project location Regione Veneto e Regione Friuli Venezia Giulia (Italia) Project start date: 01/01/2009 Project end date: 31/12/2011 Extension date: non prevista Total Project duration (in months) 36 mesi Extension months: non previsto Total budget EC contribution: (%) of total costs 50% (%) of eligible costs 50% Data Beneficiary Name Beneficiary Regione del Veneto Unità di Progetto Foreste e Parchi Contact person Dott. Maurizio Dissegna Postal address Via Torino Mestre Venezia (Italia) Visit address Via Torino Mestre Venezia (Italia) Telephone Fax: Project Website 1

2 1. Indice 1. Indice Executive Summary Project objectives Key deliverables and outputs Introduzione Origine del progetto Problema Obiettivi Parte amministrativa Descrizione del sistema di gestione Valutazione del sistema di gestione Parte tecnica Descrizione azione per azione Azione 1.1 Studio tecnico Azione 1.2 Studio economico Azione 1.3 Studio normativo Azione 2.1 Definizione del modello del mercato locale del carbonio Azione 3.1 Creazione dei Kyoto Observatories e azioni pilota per la realizzazione dei mercati di carbonio Azione 3.2 Analisi quantitative dei sink e delle emissioni Azione 3.3 Creazione del regional register e del market register Valutazione Analisi dei benefici di lungo termine Disseminazione Disseminazione per attività Azione 4.1 Sensibilizzazione del pubblico sui temi di progetto Azione 4.2 Coinvolgimento degli stakeholder Azione 4.3 Disseminazione Layman's report After-LIFE Communication plan Comments on the financial report Costs incurred Accounting system Reply to the Commission s letter dated 29 th September, Partners dispositions Auditor s report Commenti al rapporto finanziario Costi sostenuti Sistema di contabilità Risposta alla lettera della Commissione del 29 settembre Disposizioni tra i partner Report dell auditor Allegati

3 2. Executive Summary 2.1 Project objectives The environmental problem targeted by the project regards the increase of GHG in the atmosphere and climate change. In 2007, when the project was designed, data concerning the implementation of the Kyoto Protocol already demonstrated that strategies adopted until then would not enough contribute to mitigate the increase of GHG in the atmosphere and contrast the climate change. As long as technological innovation did not offer suitable solutions to adopt on a wide scale, CO 2 offsetting by means of forests could represent a valid strategy for mitigating the mediumterm effects of high GHG concentration. As a consequence, for the second commitment period of the Kyoto Protocol (after 2012) Carbomark project proposed to strengthen this strategy, in coherence with the Kyoto Protocol principles (art. 3.3 and 3.4), which had been only used in countries carbon accounting until then. The project was based on the assumption that the implementation of the strategy for increasing CO 2 adsorption through forests, if developed on a voluntary basis, could contribute to mitigate the problem and was coherent with the strategies of the Kyoto Protocol. Moreover, it could be integrated with initiatives for the voluntary reduction of SMEs emissions, also in sectors that were not already covered by the EU Emission Trading Scheme directive (ETS- EU). The initial project objective was to promote local initiatives that, on one hand, could stimulate forest owners to adopt forest management strategies oriented to carbon sequestration and, on the other hand, could get the voluntary involvement of the SMEs, which had not been yet included in EU ETS, but were interested in the green economy and in improving their environmental performance. Starting from these preliminary remarks, the project overall aim was to promote local voluntary carbon markets as a tool both for strengthening EU policies related to the Kyoto Protocol and for facilitating the drawing-up of an EU legislation related to the Kyoto strategy after 2012, with a view on further GHG reductions until More recent contributions have been issued by the international agenda discussing about climate change; first of all, the World Climate Summit, in Durban (South Africa), on December 3 and 4, 2011 confirmed the effectiveness of the strategy proposed by Carbomark and contributed to confirm the appropriateness of Carbomark specific objectives: 1. consolidate the knowledge base supporting the EU policy concerning local voluntary carbon markets as a tool for reducing GHG emissions in the framework of the Kyoto Protocol; 2. facilitate the implementation of strategies to mitigate GHG at local and regional level, in coherence with the EU environmental policies on the second commitment period of the Kyoto Protocol (after 2012); 3. establish both the legal and technical background needed to support and improve the replication of regional carbon markets both in Italy and in Europe; 4. recognize the role of sustainable soil management strategies as an effective although temporary measure for adsorbing CO 2 from the atmosphere and stimulating SMEs towards financial investments aiming at preserving forests also in marginal areas; 5. improve the awareness of stakeholders (forest owners and SMEs) of the need of adopting initiatives for the mitigation of GHG emissions. 3

4 To achieve the above mentioned objectives, the project promoted the following actions: Action 1 Development of preliminary studies consolidating the knowledge base to support the EU policy and legislation regarding local voluntary carbon markets. The studies regarded some technical, economic and legal aspects to be considered when starting up local carbon markets. They also provided the necessary knowledge base to define a model of local carbon market. Action 2 Definition of a model of local carbon market, including operating procedures, main requirements, algorithms for carbon credits accountability, audit and validation procedures, etc. Action 3 Establishment of Kyoto Observatories and implementation of 2 carbon market prototypes in 2 Italian regions, Veneto and Friuli Venezia Giulia. Action 4 Stakeholders awareness raising and dissemination of project results, improvement of forest owners and entrepreneurs knowledge about the need of adopting initiatives to mitigate GHG emissions and favour the replication of new local carbon markets in other geographical areas. 2.2 Key deliverables and outputs Carbomark project produced the following main deliverables and outputs: Some preliminary studies (concerning some technical, economic and legal aspects of voluntary carbon markets); A Carbomark manual, as a complete tool assisting in the implementation of local carbon markets in the 2 regions targeted by the project (Veneto and Friuli Venezia Giulia), which can be exported to other geographical areas; 2 Kyoto Observatories for the implementation of local carbon markets in 2 Italian regions, Veneto and Friuli Venezia Giulia; Some information materials, including a project web site, several documents on paper (brochure, final publication, layman s report) all with different aims and addressing different target groups a 30-minute video (in 2 languages), information panels to place in the premises of the organisations that had joined Carbomark Market. In order to improve the impact of information and communication activities, a project logo and a common graphic layout were designed at the beginning of the project and characterized all outputs. Thanks to all these outputs the partners could start up 2 carbon markets that could operate fully at project end. They involved public forest owners, SMEs, public local administrations and other organizations. They could also prove that voluntary carbon markets can be viable in a local context. During the preliminary actions (actions 1.1, 1.2 and 1.3), some useful elements were collected and discussed to understand all technical, economic and legal matters fully. A document was produced for each preliminary study, in which the results of the analyses were described and commented. 4

5 Concerning the technical study, the research work performed by both partners and subcontractors allowed both to define the 3 main principles of local carbon markets and to establish activities to consider as sources of carbon credits. The main principles include permanence, additionality and baseline. With relation to each principle the technical study provided for a comprehensive analysis of the aspects that could influence the efficacy of carbon stocking initiatives. Permanence refers to stable carbon sequestration achieved with project activities, as carbon stocking is a temporary measure whose effects on climate change mitigation directly depends on its remaining in an unaltered condition in the wood mass for a significant time. This concept is important, e.g. in the case of forest management, when considering possible losses due to disturbances such as fires, plant pathologies and tree collapsing that can turn the ecosystem from absorber into carbon emitter. The additionality principle is another key factor for project eligibility. It provides that projects for carbon sequestration are only eligible for carbon credits if the resulting emission reductions are additional to any that would occur in the absence of the certified project activity. Additionality represents the scenario for a mitigation activity that determines additional carbon sequestration compared to the "baseline". For example, forest management determines "additionality" compared with a "business as usual" scenario, if forest owners commit themselves to give up part of the increment they could use or improve forest conditions to achieve higher carbon sequestration than in the current situation. Finally the baseline represents the scenario that would have been, if no initiative had been undertaken. In forest activities, the baseline scenario is represented by the existing carbon stocks and sequestration before the project of carbon sequestration was implemented. The economic study was mainly aimed at supporting SMEs in adopting procedures and strategies (included joining local carbon markets) improving their environmental performance. The research also considered data supplied by a Eurobarometer report in order to give evidence of the European citizens interest for products manufactured by firms that adopt an environmentally sustainable approach. The study also compared the presently available voluntary environmental certifications and the offsetting procedures. This comparison could support the companies in choosing among a wide range of opportunities related to environmental compatibility. An interesting idea emerging from the study is that whilst product and process certifications are developed inside companies, carbon offsetting procedures are based on initiatives that are totally external to the firm and do not influence the productive process. A further aspect to consider, when comparing the offsetting with other voluntary strategies, is linked to the procedure costs and certainty. In the case of a purchase of carbon credits, they will only include the emission assessment (which is compulsory, if one wants to join Carbomark Market, and has to be combined with a minimum emission reduction target in an agreed time period) and the participation in the carbon markets with a fee whose amount will depend on the planned investment. This is a more accessible solution in comparison with procedures requiring technological investments, consultancy costs, staff involvement, etc. This difference was particularly appreciated by smaller organisations, which could hardly adopt complex procedures featuring a higher uncertainty level. The legal study made a comparison among several credit certification standards related to forest management and products and it highlighted strengths and weaknesses for each standard. Thanks to this analysis, Carbomark could partly profit from the peculiar elements of other standards and integrate them with the aim of developing an easy but effective approach. Together with the legal study several models of contracts were also be prepared and considered by the partners technical staff to trade carbon credits. 5

6 The results of the preliminary studies were adopted and integrated (action 2.1) in Carbomark Manual. It includes all procedures and relevant elements that will support the operative aspects of the market. First of all Carbomark Manual defines the method to calculate carbon shares, taking into account the 3 above-mentioned basic principles, particularly regarding the share amounts, the security buffer, the real additionality in the respect of the shares already accounted by the national government into the Kyoto Protocol procedures. The document considers 3 types of carbon stocking: forest management, wood products and urban forest. A fourth stocking opportunity, presently considered as experimental, is biochar (the material obtained by the pyrolysis of biomass). Carbomark Manual was updated till the end of the project, also in consideration of some suggestions provided by external experts that were requested for comments on the document. It includes: a general part (of 75 pages) including the guidelines of Carbomark Market, the operating mechanisms, the types of traded carbon credits, the coherence criteria and the role of the Kyoto Observatories; a special part (of 31 pages) describing the requirements for participating in Carbomark Market, the audit system, the procedures for claims and risks management; a set of 14 annexes (made altogether of 40 pages) that provide all documents needed to the complete implementation of local carbon markets, including contracts fac-similes, an audit check list, a note concerning privacy procedures, a technical glossary, the main bibliography and the methodological note for those who want to calculate their emissions and mitigate their carbon footprint through Carbomark Market. The technical and scientific staff of the project decided to increment the contents of Carbomark Manual compared to what had been foreseen in the AF. In the project, indeed, it was just foreseen to analyse existing market models and choose the most effective for the Regions targeted by the project. However, the preliminary studies highlighted the need of settling more specific regulations in order to integrate available experiences with further innovations and improvements. This made the implementation of an extremely detailed procedures/management manual necessary, tailored in accordance with the characteristics of Carbomark Market idea and centred on its basic principles as well as on the partners technical-scientific work. The procedures for settling local carbon markets and Kyoto Observatories, included in the project (action 3.1), were implemented by settling dedicated offices in the premises of the Regional Administrations, which were project partners, training the personnel, participating in meeting and seminars both in Italy and Europe to support the training of the technicians. Now the Kyoto Observatories are operating and their activities, as foreseen, will continue also after the end of the project. The Kyoto Observatories manage the web site that is also the platform regulating the transactions of carbon credits between buyers and sellers. During the project implementation 3 public calls for selling carbon credits were issued (Municipality of Lusiana, Municipality of Caltrano, SadiLegno). The data of the organizations that already joined Carbomark Market were entered into a specific Microsoft Access database (action 3.3) that will constitute the reference register of the market for the whole project and also after its end. Moreover, a private company was contracted in the framework of the same action to provide legal and fiscal assistance to the organisations that will join the market. 6

7 Concerning dissemination initiatives (action 4.1), the activities started with the selection of the project logo and the graphic design to use for all information means. Then the web site was created and the first communication means targeting an undifferentiated public were prepared, including the brochure (in Italian and English) with a general project description, folders, note books and rollers. The stakeholders involvement (action 4.2) was basically made with the organization of seminars. On the whole, 9 seminars were held (5 in Veneto Region and 4 in Friuli Venezia Giulia Region), which, together with the final conference, facilitated the contact with 40 organizations per event, including forest owners, companies representatives, consultants, officers of public administrations, representatives of local communities, etc. Dissemination activities also included the presentation of the project at national and international events, on local press and in specialized magazines as well as in international reports. Carbomark project selected by the Italian Ministry of the Environment as Life project of the month in May 2011 and on that occasion a short project presentation appeared in the Ministry s web site. Other dissemination materials of the project include a 30-minute video (in Italian and English) targeting both students and experts, 32 notice boards placed in the seats of the buyers and sellers of carbon credits, the final publication with more extended technical details, and the layman s report. The main final result of the project is constituted by the start-up of 2 local markets for carbon credits, in Veneto and Friuli Venezia Giulia. At project end 21 private companies and 27 (public) forest owners had joined Carbomark Market. Through the project web site, which works as a platform trading carbon credits, 3 buying contracts have been signed, although the subscription have taken place formally after December 31, According to these contracts, 250 tons of carbon will be stocked and the companies will reduce their emissions, by adopting policies that will improve their environmental performance in a way that will not merely support the offsetting of all emissions, but will also consider integrating policies aiming to reduce the emissions. Another contract concerning 100 t of carbon will be signed within April These are results only partially reflecting the real potential of the project. This because it does not consider that Carbomark Market will work further in the future and the number of contracts is increasing. Together with Ecosystem Marketplace, an initiative by the no-profit organization called Forest Trends, which is a worldwide main information source on green markets and the payment for ecosystem services, Carbomark has been reckoned among the 13 worldwide initiatives consisting in governments (institutional) actions regarding voluntary carbon markets. Only 3 out of the 13 initiatives are in Europe. This result is described in the report Bringing it at home: taking stock of government engagement with the voluntary carbon market issued in March This report is also quated by Forbes, Reuters and Point Carbon, apart from being mentioned in the Supplement of the New York Times Climate Wire (www.ecosystemmarketplace.com/pages/dynamic/article.page.php?page_id=8922&section=n ews_articles&eod=1). Within the project it has been realized the web site that will be implemented till year 2016 that will be continuously updated in the future and costs charged to Veneto Region. Have a look to that web site for a review of the events realized after the end of the project that demonstrate the follow up of Carbomark Market. 7

8 Obiettivi del progetto Il problema ambientale affrontato dal progetto riguarda l incremento di gas ad effetto serra (GHG) nell atmosfera e il cambiamento climatico. Quando il progetto fu concepito, nel 2007, i dati relativi alla implementazione del Protocollo di Kyoto già dimostravano che le strategie adottate fino a quel momento non sarebbero state sufficienti a mitigare l incremento di GHG e a contrastare il cambiamento climatico. In attesa che l innovazione tecnologica fornisse soluzioni da adottare su vasta scala, l assorbimento di CO 2 da parte delle foreste poteva costituire una strategia efficace nel medio periodo per contrastare i cambiamenti climatici. Il progetto Carbomark propose quindi per il secondo periodo di impegno del Protocollo di Kyoto (post-2012) un rafforzamento di tale strategia, coerente con i principi del Protocollo (Art. 3.3 e 3.4) che fino ad allora era utilizzata esclusivamente per il conteggio delle quote di carbonio a livello nazionale. Il progetto fu basato sull assunto che l implementazione di strategie per incrementare l assorbimento di CO 2 da parte delle foreste, su base volontaria, poteva contribuire a mitigare il problema ed era coerente con il Protocollo di Kyoto. Inoltre tale strategia poteva essere integrata con iniziative per la riduzione volontaria delle emissioni delle PMI in settori non coperti dalla direttiva comunitaria ETS (Emission Trading System). L obiettivo iniziale del progetto fu promuovere iniziative locali orientate da un lato a stimolare i proprietari forestali ad adottare strategie di gestione del bosco finalizzate al sequestro di carbonio e dall altro a coinvolgere, su base volontaria, le PMI non incluse nel meccanismo ETS ma orientate alla green economy e al miglioramento delle prestazioni ambientali. Partendo da questi concetti preliminari, il progetto individuò i mercati locali volontari del carbonio come strumento per rafforzare le politiche comunitarie relative al Protocollo di Kyoto e facilitare la messa a punto della legislazione comunitaria relativa a Kyoto post-2012, con attenzione anche alla successiva riduzione di gas ad effetto serra entro il Più recenti contributi forniti dai tavoli di lavoro internazionali sui cambiamenti climatici, in primis il World Climate Summit tenutosi il 3 e 4 dicembre 2011 a Durban (South Africa) hanno rafforzato l approccio strategico proposto da Carbomark e confermato la correttezza degli obiettivi adottati dal progetto: 1. consolidare la base di conoscenza per supportare la politica comunitaria relativa ai mercati volontari del carbonio come strumento idoneo a ridurre le emissioni di GHG nell ambito del Protocollo di Kyoto; 2. facilitare la implementazione di strategie per mitigare i GHG a livello locale e regionale, coerentemente con le politiche ambientali comunitarie relative al secondo periodo di impegno del Protocollo di Kyoto (post 2012); 3. stabilire i background legislativi e tecnici necessari a supportare e migliorare la disseminazione dei mercati del carbonio regionali a livello nazionale e comunitario; 4. riconoscere il ruolo della gestione sostenibile dei suoli come una misura efficace anche se temporanea per assorbire CO 2 dall atmosfera e incentivare le PMI a investire risorse finanziarie per il mantenimento delle foreste, anche in aree marginali; 5. aumentare la percezione dei portatori di interesse (proprietari forestali e PMI) della necessità di adottare iniziative per la mitigazione delle emissioni di CO 2 in atmosfera. Al fine di perseguire tali obiettivi il progetto ha promosso le seguenti azioni: 8

9 Azione 1 Realizzazione di studi preliminari per consolidare la base di conoscenza e supportare la politica comunitaria e la legislazione relative ai mercati volontari del carbonio. Gli studi hanno riguardato aspetti tecnici, economici e legislativi rilevanti per la creazione di mercati locali, fornendo conoscenze necessarie per definire un modello di mercato locale del carbonio. Azione 2 Definizione del modello di mercato locale del carbonio, attraverso la messa a punto delle procedure di funzionamento, dei requisiti tecnico-metodologici, degli algoritmi per la contabilizzazione dei crediti, delle procedure per l audit e la validazione, ecc. Azione 3 Istituzione degli Osservatori di Kyoto come strumento di governo e implementazione di 2 prototipi di mercati del carbonio in 2 regioni italiane (Veneto e Friuli Venezia Giulia). Azione 4 Sensibilizzazione degli stakeholder e disseminazione dei risultati raggiunti dal progetto, miglioramento delle conoscenze di proprietari forestali e PMI sulla necessità di adottare iniziative per mitigare le emissioni di GHG e favorire la replicazione di altri mercati locali del carbonio in altri contesti geografici. Documenti prodotti e output La realizzazione del progetto Carbomark ha dato origine ai seguenti output: studi preliminari relativi ad aspetti tecnici, economici e normativi inerenti i mercati volontari del carbonio; Manuale Carbomark, un modello esaustivo per l implementazione di mercati volontari del carbonio nelle 2 regioni target del progetto, esportabile anche in altri contesti locali; n. 2 Osservatori di Kyoto, costituiti da altrettanti uffici pubblici e dalla piattaforma web per l implementazione di mercati locali del carbonio nelle regioni italiane dove si è svolto il progetto; materiali informativi, costituiti da sito web del progetto, documenti cartacei (brochure, pubblicazione finale, layman s report) con diverse finalità e target, video di 30 minuti (in 2 lingue), pannelli informativi da posizionare presso i soggetti che hanno aderito al Mercato Carbomark. Al fine di migliorare l impatto delle attività informative e comunicative preliminarmente all avvio delle attività è stato definito un logo di progetto e una linea grafica che ha successivamente caratterizzato tutti gli output. Grazie a questi output i partner hanno avviato concretamente 2 mercati volontari del carbonio, che al termine del progetto risultavano pienamente operativi, coinvolgendo proprietari forestali pubblici, PMI, amministrazioni locali e altri soggetti, dimostrando la possibilità di creare mercati del carbonio di dimensione locale. Nel corso delle attività preliminari (azioni 1.1, 1.2 e 1.3) sono stati raccolti e discussi gli elementi utili per una completa comprensione degli aspetti tecnici, economici e normativi. Per ciascuno studio preliminare è stato prodotto un documento nel quale sono stati descritti e commentati i risultati delle analisi svolte. Relativamente allo studio tecnico le ricerche realizzate da partner e subcontractor hanno individuato i 3 principi fondamentali dei mercati locali di carbonio e stabilito le attività ammesse a generare crediti di carbonio. 9

10 I principi fondamentali includono permanenza, addizionalità e baseline. Per ciascun principio lo studio tecnico ha fornito un analisi complessiva degli aspetti che possono influenzare l efficacia dei progetti di stoccaggio del carbonio. La permanenza si riferisce alla stabilità del sequestro del carbonio in quanto si tratta di una misura comunque temporanea i cui effetti sulla mitigazione del clima dipendono direttamente dal tempo in cui il carbonio rimane inalterato nella biomassa legnosa. Tale concetto è importante ad esempio nel caso della gestione forestale in quanto è necessario considerare possibili perdite (emissioni) conseguenti a fenomeni di disturbo come incendi, attacchi parassitari, schianti che potrebbero rilasciare il carbonio sequestrato, sottoforma di CO 2, e trasformare l ecosistema da assorbitore in emettitore. L addizionalità stabilisce che i progetti per il sequestro del carbonio siano ammissibili solo nel caso in cui le riduzioni di emissioni sono aggiuntive rispetto a ciò che sarebbe avvenuto in assenza del progetto stesso. Ad esempio una certa procedura di gestione forestale può determinare addizionalità se il proprietario forestale si impegna a mantenere parte dell incremento legnoso generato dalla foresta in quantità superiore a quello che avrebbe normalmente mantenuto (business as usual). La baseline rappresenta lo scenario esistente nel caso in cui non fosse stata intrapresa alcuna iniziativa. Nelle attività forestali lo scenario baseline è rappresentato dallo stock di carbonio esistente e dal livello di sequestro prima che il progetto di sequestro del carbonio sia implementato. Esso costituisce quindi il punto di partenza sul quale calcolare la portata, in termini di stoccaggio del carbonio, delle misure che si intendono adottare. Lo studio economico ha perseguito l obiettivo di fornire alle PMI elementi a supporto dell adozione di procedure e strategie per migliorare le loro prestazioni ambientali (inclusa l adesione a mercati locali del carbonio). Nello studio sono anche stati analizzati dati di un report Eurobarometer a testimonianza dell interesse dei cittadini comunitari per i prodotti forniti da imprese che adottano un approccio ecosostenibile. Inoltre lo studio ha svolto un confronto tra le certificazioni ambientali volontarie attualmente disponibili e le procedure di mitigazione. Uno spunto di riflessione emerso dallo studio è che mentre le certificazioni di prodotto e di processo sono sviluppate all interno delle imprese, lo stoccaggio del carbonio si basa su iniziative totalmente esterne che, di conseguenza, non influenzano il processo produttivo. Un ulteriore elemento di riflessione relativo all offsetting è legato al costo e alle certezze delle procedure. Nel caso dell acquisto di crediti di carbonio queste includono solo la misurazione delle emissioni (obbligatoria per l adesione al Mercato Carbomark, da abbinare ad un obiettivo minimo di riduzione in un periodi temporale concordato) e la partecipazione a mercati del carbonio con un costo proporzionale all investimenti pianificato. Si tratta di una soluzione più accessibile in confronto a procedure che richiedono investimenti tecnologici, costi di consulenza, coinvolgimento di personale interno, ecc. Una differenza apprezzata soprattutto dalle organizzazioni più piccole che difficilmente riuscirebbero ad adottare procedure complesse caratterizzate da un più alto livello di incertezza. Lo studio legislativo ha svolto una comparazione tra diversi standard per la certificazione dei crediti di carbonio dalla gestione delle foreste e dai prodotti legnosi, evidenziando punti di forza e di debolezza. Lo standard adottato da Carbomark ha in parte utilizzato elementi caratteristici di altri standard, integrandoli, al fine di mettere a punto un approccio semplice ed efficace. Unitamente allo studio legislativo sono anche stati predisposti e valutati diversi modelli di contratto per lo scambio di crediti di carbonio. I risultati degli studi preliminari sono stati adottati e integrati (azione 2.1) nel Manuale Carbomark. Esso include tutte le procedure e gli elementi rilevanti che consentono il funzionamento operativo del mercato e dal punto di vista tecnico costituisce il risultato di maggiore valore del progetto. 10

11 Il Manuale Carbomark in primis definisce la procedura per il calcolo delle quote di carbonio, facendo riferimento ai 3 principi fondamentali sopra citati, in particolare con riferimento all ammontare delle quote, al buffer di sicurezza, alla reale addizionalità rispetto alle quote già conteggiate dalle amministrazioni nazionali nell ambito degli accordi previsti dal Protocollo di Kyoto. Il documento è orientato a 3 tipologie di stoccaggio del carbonio: gestione forestale, prodotti legnosi e forestazione urbana (verde pubblico). Esso inoltre considera una quarta opportunità di stoccaggio per ora adottata solo a livello sperimentale costituita dal biochar (il materiale ottenuto dalla pirolisi della biomassa). Il Manuale Carbomark è stato aggiornato fino alla fine del progetto, anche sulla base dei suggerimenti forniti da esperti esterni ai quali è stato richiesto di commentare il documento, ed è costituito da: un parte generale (composta da 75 pagine) che comprende le linee guida del Mercato Carbomark, i meccanismi di funzionamento, le tipologie di crediti di carbonio scambiabili, i criteri di coerenza e il ruolo degli osservatori di Kyoto; una parte speciale (composta da 31 pagine) che descrive i requisiti per la partecipazione al Mercato Carbomark, il sistema di audit, le procedure di garanzia e di prevenzione dei rischi; una serie di 14 allegati (complessivamente composti da 40 pagine) che forniscono tutti i documenti utili per la completa implementazione dei mercati locali, inclusi i fac-simile dei contratti, la lista di controllo per l audit, le note sulla privacy, il glossario tecnico, la principale bibliografia di riferimento, la nota metodologica per il calcolo delle emissioni da parte dei soggetti che intendono mitigare le proprie emissioni tramite il Mercato Carbomark. Lo staff tecnico del progetto ha notevolmente ampliato i contenuti del Manuale Carbomark rispetto a quanto previsto dall application form. Nel progetto, infatti, era stata prevista solo l analisi dei modelli di mercato esistenti e la scelta di quelli più adatti per le regioni interessate dal progetto. Tuttavia gli studi preliminari hanno evidenziato la necessità di creare regole più specifiche al fine di integrare le esperienze esistenti con ulteriori innovazioni e miglioramenti. Ciò ha reso necessario l implementazione di procedure originali da cui la necessità di redigere un manuale di procedura e gestione estremamente dettagliato, adattato sulla base delle caratteristiche dell idea-progetto Carbomark e centrato sui principi fondamentali individuati dagli studi preliminari e dal lavoro tecnico-scientifico dei partner. Le procedure per la creazione del mercato locale del carbonio e degli Osservatori di Kyoto, previste dal progetto (azione 3.1) sono state implementate mediante la creazione di uffici dedicati all interno delle strutture delle Amministrazioni Regionali partner del progetto, la formazione del personale, la partecipazione a meeting e seminari in Italia e in Europa per supportare la formazione dei tecnici. Ad oggi gli Osservatori di Kyoto sono operativi e la loro attività, come previsto, continua anche successivamente alla conclusione del progetto. Gli Osservatori di Kyoto gestiscono il sito web che costituisce anche la piattaforma tramite la quale viene regolato lo scambio di crediti di carbonio tra acquirenti e venditori. Nel corso della realizzazione del progetto sono state pubblicate sul sito n. 3 aste pubbliche per la vendita di crediti di carbonio (Comune di Lusiana, Comune di Caltrano, SadiLegno). I dati relativi ai soggetti che già hanno aderito al Mercato Carbomark sono stati caricati in uno specifico database in formato Microsoft Access (azione 3.3) che costituirà il registro di riferimento del mercato e dell intero progetto e successivamente alla sua conclusione. Inoltre nell ambito della stessa azione è stata incaricata una società privata per fornire assistenza legale e fiscale alle organizzazioni che avrebbero aderito al mercato. 11

12 In merito alle iniziative di disseminazione (azione 4.1) le attività sono iniziate con la selezione del logo di progetto e il design della linea grafica comune da adottare su tutti gli strumenti informativi. Quindi sono stati predisposti il sito web e gli strumenti rivolti ad un pubblico indifferenziato comprendenti la brochure di progetto (in Italiano e in Inglese) per una presentazione generale del progetto, cartelline, block notes e pannelli di tipo roller. Il coinvolgimento degli stakeholder (azione 4.2) è stato effettuato mediante la organizzazione di seminari. Si sono tenuti 9 seminari (5 nella Regione Veneto e 4 in Friuli Venezia Giulia), più la conferenza finale, che hanno permesso di entrare in contatto diretto con in media 40 soggetti ad evento tra proprietari forestali, rappresentanti di imprese, consulenti e funzionari della pubblica amministrazione, rappresentanti delle comunità locali, ecc. Le attività di disseminazione hanno inoltre incluso la presentazione del progetto nel corso di eventi nazionali e internazionali, sulla stampa locale e in riviste specializzate e report internazionali. Il progetto Carbomark è stato scelto dal Ministero dell Ambiente come Progetto Life del mese a maggio 2011 e in quell occasione una sua breve sintesi è stata inserita nel sito web del Ministero. Altri materiali per la disseminazione dei risultati prodotti dal progetto sono costituiti dal video rivolto a studenti ed esperti (in Italiano e in Inglese, di durata pari a circa 30 minuti), n. 32 pannelli da installare presso le sedi degli acquirenti e dei venditori di crediti di carbonio, la pubblicazione finale con più estesi contenuti tecnici e il layman s report. Il principale risultato finale del progetto è costituito dalla attivazione di 2 mercati locali del carbonio, in Veneto e in Friuli Venezia Giulia. Al termine del progetto hanno aderito al Mercato Carbomark 21 aziende private e 27 proprietari forestali (pubblici). Tramite il sito di progetto, che opera come una piattaforma per lo scambio dei crediti, sono stati sottoscritti 3 contratti (per complessivi 250 t eq. di carbonio), la cui sottoscrizione è formalmente avvenuta successivamente al 31 dicembre Questi contratti prevedono lo stoccaggio di 150 t di carbonio e impegni alla riduzione di emissioni da parte delle imprese, che adotteranno politiche atte a migliorare le proprie performance ambientali in modo tale che non prevalga un approccio votato alla compensazione in assoluto delle emissioni, senza prevedere politiche aziendali integrative tese verso anche la riduzione delle stesse. Un contratto relativo ad altri 100 t di carbonio saranno stipulati entro aprile Si tratta di risultati parziali che riflettono solo in parte la reale portata del progetto. Ciò in quanto non considera che il Mercato Carbomark continuerà ad operare in futuro e il numero di contratti di scambio sta aumentando. Allo steso tempo va considerato che nuovi mercati volontari locali saranno probabilmente istituiti nel futuro sulla base del modello proposto dal progetto Carbomark sfruttando i principi e le informazioni fornite dal Manuale Carbomark. Carbomark, in collaborazione con Ecosystem Marketplace un iniziativa dell organizzazione no-profit Forest Trends primaria fonte di informazioni a livello internazionale sui mercati ambientali e il pagamento di servizi ecosistemici, è stato inserito tra le 13 iniziative mondiali di azioni governative (istituzionali) nei mercati volontari del carbonio. Di queste tredici solo tre sono europee. Tale risultato è descritto nel report Bringing it at home: taking stock of government engagement with the voluntary carbon market pubblicato a marzo Il report, tra l altro, è stato citato da Forbes, Reuters e Point Carbon oltre che dal supplemento del New York Times Climate Wire. (www.ecosystemmarketplace.com/pages/dynamic/article.page.php?page_id=8922&section=n ews_articles&eod=1). Nell ambito del progetto è stato realizzato il sito che sarà attivo fino al 2016 e che continuerà ad essere aggiornato in futuro con costi a carico della Regione Veneto. Si rimanda a tale sito anche per una visione degli eventi successivi alla conclusione del progetto che testimoniano del successo del Mercato Carbomark. 12

13 3. Introduzione 3.1 Origine del progetto Il problema ambientale affrontato dal progetto Carbomark è stato l incremento dei gas ad effetto serra (GHG) nell atmosfera, in particolare la CO 2, che in anni recenti è stato oggetto di un intenso dibattito scientifico a livello internazionale mediante diversi strumenti tra cui il Protocollo di Kyoto (PK). Al momento della stesura della proposta era già evidente che le strategie adottate nell ambito del PK non sarebbero state sufficienti a mitigare l incremento di GHG in atmosfera. In attesa della disponibilità di nuove tecnologie per ridurre le emissioni, l assorbimento di CO 2 da parte delle foreste e lo stoccaggio del carbonio nella biomassa legnosa poteva quindi costituire una strategia efficace anche se temporanea per contrastare l incremento della concentrazione di GHG. Peraltro lo stoccaggio del carbonio era già previsto dallo stesso PK (art. 3.3 e 3.4) ma con riferimento esclusivamente per la contabilizzazione nazionale, prevedendo comunque un maggiore sfruttamento di tale misura nel secondo periodo di commitment del PK (post 2012). La strategia di promuovere il sequestro di carbonio nel legno era quindi uno strumento efficace per favorire la riduzione della CO 2 atmosferica coerentemente con le regole del PK. Alcune iniziative di natura privata che già proponevano l approccio della vendita di crediti di carbonio a fronte della realizzazione di progetti di valenza ambientale, non sembravano adeguate a rispondere alle esigenze delle imprese e alle necessità di un effettivo contrasto ai cambiamenti climatici. Ciò in quanto generalmente tali iniziative non erano basate su rigidi protocolli tecnici e in più la loro applicazione globale prevedeva la realizzazione di progetti principalmente in paesi terzi, con conseguenti difficoltà di controllo e ridotta credibilità per gli investitori. 3.2 Problema Il problema affrontato dal progetto consisteva nell aumento della concentrazione di GHG nell atmosfera e nei suoi effetti sul cambiamento climatico. La soluzione proposta, consistente nella promozione della mitigazione attraverso lo stoccaggio di carbonio nella biomassa legnosa, presentava la difficoltà di retribuire l impegno a stoccare carbonio da parte di soggetti in possesso di tale biomassa (non solo foreste) in assenza del quale non era prevedibile l adozione su larga scala di strategie dedicate a tale scopo. Il problema specifico affrontato dal progetto era quindi costituito dalle barriere non tecnologiche che frenavano il collegamento tra imprese e proprietari di biomassa legnosa rispetto alla possibilità di attivare congiuntamente strategie di mitigazione delle emissioni di GHG con reciproco vantaggio. In particolare il progetto focalizzava l attenzione sulle PMI e su quella grandissima fetta di imprese non coinvolte, a norma di legge, nella procedura di scambio di quote di carbonio definita a livello comunitario dall ETS (Emission Trading System). I limiti evidenziati delle organizzazioni private che già operavano nel mercato dei crediti rendevano infatti questo meccanismo scarsamente attrattivo per le imprese che avrebbero potuto finanziare progetti di stoccaggio del carbonio. Occorreva dunque avvicinare queste imprese proponendo loro uno strumento credibile che desse loro la possibilità di mitigare effettivamente l impatto ambientale prodotto dall attività produttiva ma anche di dimostrare alla propria clientela l efficacia delle azioni promosse e favorire lo sfruttamento commerciale dell investimento effettuato, in una strategia di green marketing. 13

14 3.3 Obiettivi Lo strumento scelto per risolvere il problema della remunerazione dell impegno a stoccare carbonio è stato quello del mercato locale per lo scambio di crediti di carbonio, basato su rigidi presupposti tecnici. L obiettivo iniziale del progetto Carbomark consisteva quindi nel dimostrare la possibilità di attivare una strategia di mitigazione delle emissioni di GHG favorendo il trasferimento di risorse economiche tra soggetti in grado di stoccare carbonio e imprese interessate ad effettuare investimenti di natura ambientale in una prospettiva di green marketing. A tale scopo il progetto Carbomark proponeva la creazione di 2 mercati locali del carbonio, con funzione pilota, in Veneto e Friuli Venezia Giulia. I risultati attesi dal progetto erano quindi costituiti dalla istituzione e attivazione dei mercati locali del carbonio e dalla conseguente riduzione della CO 2 in atmosfera a seguito degli impegni assunti da venditori e acquirenti di crediti di carbonio nell ambito degli scambi promossi da tali mercati. Nella realizzazione del progetto è sorta la necessità, poi diventata ulteriore obiettivo, di rafforzare la base tecnica sulla quale appoggiare le transizioni dei crediti al fine di dare maggiori garanzie agli acquirenti sulla effettiva efficacia ambientale dei progetti finanziati. Il lavoro svolto dai partner è stato codificato in un Manuale Carbomark, che costituisce un risultato rilevante dell iniziativa, a disposizione di altri soggetti pubblici che intendono creare altri mercati locali. In questo modo il modello sviluppato dal progetto è anche a disposizione delle pubbliche amministrazioni e dei legislatori per l aggiornamento della normativa regionale, nazionale e comunitaria relativa alla creazione di mercati locali del carbonio e alla contabilizzazione di crediti maturati su base volontaria. 4. Parte amministrativa 4.1 Descrizione del sistema di gestione L articolazione del progetto in numerose azioni e attività (6 azioni e 15 attività) e l elevato numero di partner (4) per un progetto Life+ ha comportato la necessità di applicare una gestione attenta del progetto al fine di coordinare le attività e raggiungere gli obiettivi previsti. Il progetto prevedeva infatti un partenariato costituito da 4 organizzazioni, di cui 2 pubbliche amministrazioni (Regione Veneto e Regione Friuli Venezia Giulia) e 2 organismi accademici (Università di Padova, tramite il Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali TESAF e Università di Udine, tramite il Dipartimenti di Scienze Agrarie e Ambientali DISA). La costituzione di un partenariato ha reso necessario la stipula di Partnership Agreement (PA) e a tale scopo il capofila del progetto, la Regione Veneto, ha stipulato 3 accordi singoli con i beneficiari associati, strutturati in maniera analoga e già trasmessi alla Commissione in allegato all Inception Report (Allegato n. 3 dell IR Reporting date 30 settembre 2009). Il PA è stato costituito in 2 parti: una parte di accordo vero e proprio e una parte di descrizione delle procedure, denominata Manuale di implementazione del progetto, allegata all accordo vero e proprio e costituente parte integrante del PA. Dal punto di vista della organizzazione del partenariato, il PA ribadisce il ruolo di coordinamento svolto dalla Regione Veneto e il suo mandato a rappresentare il partenariato nei confronti della Commissione. Il ruolo assegnato a ciascun partner corrisponde a quello previsto dall application form e, a tale scopo, il PA ricostruisce il quadro finanziario complessivo distribuendo le risorse per ciascun partner e per ciascuna azione e attività di progetto, impegnando gli stessi partner associati a svolgere le attività alle quali tali costi facevano riferimento. Inoltre il Manuale di implementazione del progetto comprende un 14

15 cronoprogramma e impegna i beneficiari associati al rispetto sostanziale della pianificazione temporale delle attività. Dal punto di vista operativo il Manuale di implementazione del progetto allegato al PA descrive in dettaglio le procedure contabili e di rendicontazione e le procedure di comunicazione, informazione e pubblicità e introduce una clausola di riservatezza. Non sono invece stati previsti specifici accordi sui diritti di proprietà intellettuale né sulla gestione di eventuali dispute fatta salva l attribuzione al Tribunale di Venezia di eventuali contenzioni non risolvibili per via extragiudiziaria. Infine per quanto non esplicitamente previsto dal PA si fa esplicito rimando alle Common Provision. L organizzazione del partenariato è stata gestita direttamente dal Project Manager (dott. Maurizio Dissegna Regione Veneto) supportato dalla segreteria tecnico-amministrativa interna e da un subcontractor (Starter S.r.l.). Durante lo svolgimento delle attività è stata effettuata una variazione dell assetto organizzativo regionale che ha portato la titolarità del progetto dalla Direzione Foreste ed economia montana, che è stata soppressa, alla Unità di Progetto Foreste e parchi che ne ha assorbito le funzioni. Tale variazione non ha peraltro comportato modifiche allo staff dedicato al progetto, che è rimasto invariato sia nella parte tecnica che per quella amministrativa. L organigramma del progetto ha visto la partecipazione di un referente per ciascun partner (Regione Veneto: Maurizio Dissegna project leader, Regione Friuli Venezia Giulia: Silvia Stefanelli (successivamente sostituita da Giuseppe Vanone), Università di Padova: Tommaso Anfodillo, Università di Udine: Alessandro Peressotti), supportato da personale interno e collaboratori esterni. Ciascun partner ha anche utilizzato il proprio personale amministrativo per la gestione delle spese del progetto e del contributo comunitario tuttavia i costi di tale personale non sono stati inclusi nella rendicontazione (su indicazione della Commissione Brussels, ENV/E-4/SB/SEB/ml Ares del 20 settembre 2010). Nel caso delle Università, sia di Padova che di Udine, si è scelto di utilizzare per le attività di propria competenza molteplici soggetti con competenze specialistiche (operanti sotto il coordinamento del referente del partner) con contratti a tempo determinato, al fine di coinvolgere numerosi giovani ricercatori sui temi del progetto in modo da diffondere la conoscenza dell iniziativa anche nel mondo scientifico accademico. Dal punto di vista pratico il coordinamento è stato ottenuto mediante la organizzazione di riunioni di coordinamento mensili/bimestrali alle quali hanno partecipato di norma almeno un rappresentante per ciascun partner (il referente del partner o un suo delegato), con il supporto di eventuali subcontractor quando opportuno. La lista completa degli incontri di coordinamento è riportata nella tabella 1. Ciascuna riunione di coordinamento è stata gestita direttamente dal project leader o da personale della Regione Veneto appositamente incaricato e di norma ha previsto: (1) la verifica delle attività svolte da ciascun partner; (2) la validazione di eventuali output prodotti; (3) l esame di eventuali difficoltà incontrate durante lo svolgimento delle attività o scostamenti rispetto alle previsioni; (4) la programmazione delle attività successive. Per ogni riunione è stato compilato un foglio presenze con le firme dei partecipanti. Tabella 1. Incontri di coordinamento del progetto Carbomark Data Tipologia di incontro Sede di svolgimento Amministrativa/tecnica Mestre Tecnica Mestre (Continua) 15

16 Data Tipologia di incontro Sede di svolgimento Kick-off meeting Mestre Amministrativa/tecnica Mestre Amministrativa Udine Amministrativa/tecnica Mestre Amministrativa/tecnica Udine Tecnica Mestre Amministrativa/tecnica Mestre Amministrativa Udine Tecnica Mestre Amministrativa (Direzione/ditta Engimedia) Mestre Tecnica (telefonica) Mestre-Padova-Porcia Amministrativa/tecnica Udine Tecnica (telefonica) Mestre-Udine-Padova-Porcia Amministrativa Mestre Amministrativa/tecnica Udine Tecnica Mestre Amministrativa/tecnica Mestre Amministrativa/tecnica Mestre Tecnica Udine Amministrativa/tecnica Mestre Amministrativa/tecnica Mestre Tecnica Udine Amministrativa/tecnica Mestre Visita di monitoraggio Mestre Tecnica Udine Amministrativa/tecnica Mestre Amministrativa/tecnica Mestre Tecnica Udine Tecnica Mestre Amministrativa/tecnica Mestre L ultima visita di monitoraggio da parte del monitor Dott.ssa Agnese Roccato si è svolta presso gli uffici della Regione Veneto il 1 dicembre Valutazione del sistema di gestione L articolazione dei partner del progetto Carbomark era tale da coinvolgere in entrambe le regioni target sia l autorità pubblica che avrebbe dovuto implementare il mercato regionale sia un soggetto tecnico per supportare l implementazione del punto di vista dell approccio scientifico, garantendo la corretta interpretazione delle differenze ambientali, selvicolturali e di regolamentazione forestale riscontrate nelle 2 regioni. All atto pratico tale scelta si è rivelata efficace in quanto le 2 amministrazioni regionali hanno potuto operare in autonomia nella implementazione del mercato all interno del proprio territorio, ferma restando la linea tecnica comune adottata dai 2 diversi mercati, mentre le università hanno garantito la qualità tecnico-scientifica delle scelte operative. Inoltre lo scambio di dati e informazione tra le organizzazioni accademiche reso possibile dal progetto ha favorito un confronto di alto profilo tecnico-scientifico che ha permesso di elevare significativamente la qualità delle soluzioni implementate nel Mercato Carbomark. La piena complementarietà tra i soggetti che hanno partecipato al progetto, di ruoli, di competenze e di interessi, ha favorito notevolmente il management e di conseguenza è stato possibile concentrare tale attività unicamente sugli aspetti di coordinamento e di gestione amministrativa. 16

17 Dal punto di vista operativo il management del progetto non ha incontrato difficoltà in quanto tutte le organizzazioni avevano già precedenti esperienze di partecipazione a progetti finanziati con contributi comunitari. In particolare i partner del progetto Carbomark avevano già consolidato i loro rapporti nell ambito di un precedente progetto di cooperazione concluso con successo finanziato dal programma Interreg CADSES e denominato CarbonPro (www.carbonpro.org). Rispetto alle previsioni dell application form si è reso necessario predisporre un calendario di incontri di coordinamento più assiduo, soprattutto a causa della necessità di effettuare verifiche costanti sull avanzamento delle attività sviluppate dai partner in merito alle diverse componenti tecniche che sono successivamente confluite nel Manuale Carbomark. Grazie a questi incontri il partenariato ha operato costantemente in maniera coordinata, sfruttando al meglio le competenze e le specializzazioni di ciascun componente del gruppo di lavoro. Per quanto gli aspetti tecnici il progetto prevedeva le seguenti azioni/attività: Azione 1 Studi preliminari, comprendenti studi tecnici (Attività 1.1) e analisi economiche (Attività 1.2) e normative (Attività 1.3); Azione 2 Definizione di un modello di mercato locale del carbonio (Attività 2.1); Azione 3 Attivazione degli Osservatori di Kyoto, comprendente la istituzione vera e propria degli osservatori (Attività 3.1), l analisi quantitativa dei sink di carbonio e delle emissioni presso i soggetti aderenti al mercato Carbomark (Attività 3.2) e la creazione dei registri per il funzionamento dei mercati (Attività 3.3); Azione 4 Sensibilizzazione e disseminazione dei risultati, comprendente la sensibilizzazione del pubblico sui temi del progetto (Attività 4.1), le iniziative per il coinvolgimento degli stakeholder (Attività 4.2) e la disseminazione dei risultati del progetto (Attività 4.3); Azione 5 Monitoraggio del progetto, comprendente la verifica della efficienza del funzionamento del modello Carbomark (Attività 5.1) e i risultati conseguiti in termini ambientali (Attività 5.2); Azione 6 Management del progetto, comprendente la gestione generale e il coordinamento tecnico (Attività 6.1) e quello amministrativo (Attività 6.2). Al termine del progetto tutte le azioni e le attività risultano completate, a testimonianza della efficacia della gestione del progetto. Dal punto di vista della tempistica la pianificazione temporale prevista dal progetto prevedeva di avviare le attività tecniche con la realizzazione degli studi preliminari e quindi con la definizione del modello di mercato, per poi passare all avviamento dei 2 mercati locali. Operativamente gli studi preliminari sono stati realizzati nei tempi indicati dal progetto mentre la definizione del modello di mercato ha richiesto più tempo del previsto. Ciò in quanto in corso d opera si è rilevata la necessità di individuare soluzioni originali e migliorative rispetto a quelle proposte dagli standard internazionali per la certificazione dei crediti di carbonio presi come riferimento. Nella tabella 2 è riportata la lista delle milestone e la data effettiva di raggiungimento compara a quella prevista dall application form. Tabella 2. Lista delle milestone di progetto Deliverable Azione Data prevista di Data effettiva di realizzazione realizzazione Kick-off meeting Impegno fornitori esterni di servizi Piano d azione di progetto Manuale implementazione progetto Riunione di coordinamento Set up del sito web Riunione di coordinamento (Continua) 17

18 Deliverable Azione Data prevista di Data effettiva di realizzazione realizzazione 3 Riunione di coordinamento Completamento/validazione studi preliminari Seminari per la pubbliche amministrazioni Riunione di coordinamento Completamento e validazione modello di mercato Tavole rotonde per PMI e proprietari forestali Istituzione degli Osservatori di Kyoto riunione dedicata a PMI e proprietari forestali Avviamento degli Osservatori di Kyoto Riunione di coordinamento Riunione dedicata a PMI e proprietari forestali (Veneto) Completamento primo monitoraggio ambientale Riunione di coordinamento Riunione di coordinamento Riunione di coordinamento Riunione dedicata a PMI e proprietari forestali Riunione di coordinamento Istituzione dei mercati regionali Conferenza finale Completamento secondo monitoraggio ambientale Al fine di non rallentare l esecuzione del progetto e garantire il raggiungimento degli obiettivi prefissati si è quindi stabilito di avviare la costituzione degli osservatori di Kyoto nelle 2 regioni anticipatamente rispetto alla completa definizione del modello di mercato la quale si è protratta fino quasi alla conclusione del progetto. Va rilevato come a fronte del prolungamenti di questa azione il risultati raggiunto debba essere considerato di grande interesse in quanto il Manuale Carbomark che ne è derivato costituisce ad oggi l unico riferimento a livello nazionale ed internazionale per la realizzazione di mercati locali del carbonio secondo principi e regole generali che ne garantiscano la credibilità e l efficacia dal punto di vista ambientale. Il valore di questo strumento è stato più volte riconosciuto in diversi contesti amministrativi e tecnico-scientifici anche da soggetti esterni al progetto ed è testimoniato dalle richieste pervenute agli Osservatori di Kyoto di poterlo impiegare per la replicazione di altri mercati locali in aree geografiche differenti (ad esempio Regione Piemonte e Provincia di Roma). I principali risultati raggiunti dal progetto al termine delle attività sono costituiti dalla istituzione dei 2 mercati del carbonio in Veneto e Friuli Venezia Giulia, dalla messa a punto di un manuale di riferimento per la replicazione dell esperienza e dall interesse suscitato dal progetto sul tema dei mercati volontari del carbonio a livello nazionale e internazionale. Tale interesse è stato il risultato anche delle numerose attività informative e di disseminazione dei risultati promosse dal progetto. Accanto ai materiali informativi realizzati, con contenuti differenziati in relazione ai target ai quali essi erano destinati, la disseminazione dei risultati del progetto è stata basata principalmente sulla partecipazione ad iniziative ed eventi, alcuni realizzati nell ambito del progetto Carbomark altri collegati a manifestazioni diverse nelle quali è stata data ampia visibilità al progetto e ai suoi risultati. L efficacia delle azioni di disseminazione è testimoniata dalla numerosa partecipazione agli eventi, dall elevato numero di richieste di informazioni giunte agli Osservatori di Kyoto, anche da soggetti qualificati, dalle richieste di replica del modello Carbomark avanzate dalla 18

19 Regione Piemonte (prot. n del 29 aprile 2010) e dalla Provincia di Roma (prot. n.9476 del 10 gennaio 2012). Il livello di interesse suscitato a livello nazionale dal progetto Carbomark lascia ben sperare sia sul proseguimento dell attività dei 2 mercati che il progetto ha istituito sia sulla loro replicazione. Tutti gli aspetti significativi del metodo proposto sono ampiamente descritti all interno del Manuale Carbomark e potranno trovare diretta applicazione in Italia e all estero e contribuire alla attivazione di altri mercati locali del carbonio. Da questo punto di vista si evidenzia come i risultati raggiunti abbiamo permesso di fornire risposte operative ai possibili ostacoli di natura tecnica che possono insorgere nella attivazione di nuovi mercati, la cui realizzazione potrà dipendere esclusivamente dalla volontà delle amministrazioni e dalla loro capacità operativa ed organizzativa. 19

20 5. Parte tecnica 5.1. Descrizione azione per azione Il progetto Carbomark è stato articolato nelle seguenti azioni: Azione 1 Studi preliminari, finalizzati a consolidare la base di conoscenza sulle politiche comunitarie e la legislazione relativa ai mercati volontari del carbonio. Gli studi hanno riguardato aspetti tecnici (Azione 1.1), aspetti economici (Azione 1.2) e normativi (Azione 1.3). Azione 2 Definizione di un modello di mercato locale del carbonio (Azione 2.1), finalizzato a comprendere in dettaglio gli aspetti tecnici e procedurali che consentono di creare un mercato volontario credibile e la cui attivazione garantisca la effettiva generazione di benefici ambientali. Tale aspetto, considerato in termini generici nella proposta progettuale iniziale, è risultato invece di importanza fondamentale nella realizzazione del progetto e per favorire la replicazione dell esperienza (creazione di altri mercati volontari locali del carbonio) in altri contesti. Azione 3 Attivazione degli Osservatori di Kyoto presso le amministrazioni regionali partner del progetto (Veneto e Friuli Venezia Giulia) con funzione non solo informativa ma anche di avviamento, regolamentazione e gestione dei mercati a livello locale/regionale. L azione ha compreso la istituzione vera e propria degli osservatori (Azione 3.1), l analisi quantitativa dei sink di carbonio e delle emissioni presso i soggetti aderenti al mercato Carbomark (Azione 3.2) e la creazione dei registri per il funzionamento dei mercati (Azione 3.3). Azione 4 Sensibilizzazione e disseminazione dei risultati, finalizzata a dare visibilità al progetto e favorirne la replicazione in altri contesti. L azione comprendeva la sensibilizzazione del pubblico sui temi del progetto (Azione 4.1) e ha compreso la realizzazione del sito web (utilizzato anche come piattaforma per il mercato da parte degli Osservatori di Kyoto regionali) la preparazione di materiale informativo generico (brochure, pannelli, layman s report) e di un video di 30 minuti. Nell ambito della stessa azione sono inoltre state realizzate le iniziative per il coinvolgimento degli stakeholder (Azione 4.2) che hanno compreso la organizzazione di meeting e del relativo materiale informativo e di una newsletter periodica ed è stata attivata la disseminazione dei risultati del progetto (Azione 4.3) mediante l aggiornamento del sito web, la realizzazione della pubblicazione e della conferenza finale, la partecipazione a eventi di portata nazionale e internazionale. Azione 5 Monitoraggio del progetto allo scopo di verificare l efficienza del funzionamento del modello Carbomark come mercato volontario per la commercializzazione di crediti di carbonio (Attività 5.1) e i risultati conseguiti in termini ambientali dal punto di vista della quantità di CO 2 effettivamente sottratta dall atmosfera (Attività 5.2). Azione 6 Management del progetto, realizzata a cura del soggetto capofila (Regione Veneto) e finalizzata alla gestione generale e al coordinamento tecnico (Attività 6.1) e a quello amministrativo (Attività 6.2). Di seguito si descrivono i contenuti delle attività svolte nelle azioni da 1, 2, 3 e 5 mentre i contenuti relativi all azione 4 sono riportati nel paragrafo 5.4 e quelli relativi all azione 6 sono già stati descritti nel paragrafo 4. 20

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Guida alla partecipazione a Carbomark

Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Regione del Veneto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Udine Unità

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10

Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Introduzione ai Principi di Revisione Internazionali (ISA Italia) elaborati ai sensi dell art. 11, comma 3, del D.Lgs. 39/10 Premessa Il Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 39 Attuazione della direttiva

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale Sheet nr.1 for the Italian tax authorities DOMANDA DI RIMBORSO PARZIALE-APPLICATION FOR PARTIAL REFUND * applicata sui canoni pagati da residenti dell'italia

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds 4 to 7 funds 8 to 15 funds 16 to 25 funds 26 to 40 funds 41 to 70 funds 53 Chi siamo Epsilon SGR è una società di gestione del risparmio del gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione di portafoglio

Dettagli

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION PSS Worldwide is one of the most important diver training agencies in the world. It was created thanks to the passion of a few dedicated diving instructors

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli