ORDINE DEI MEDICI DI FERRARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORDINE DEI MEDICI DI FERRARA"

Transcript

1 ORDINE DEI MEDICI DI FERRARA Rassegna Stampa del 21/02/2014 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE ORDINE MEDICI DI FERRARA Il capitolo non contiene articoli SCENARIO SANITA' NAZIONALE 21/02/2014 Corriere della Sera - Nazionale La perizia sulla centrale: danni per 860 milioni di euro 21/02/2014 Corriere della Sera - Nazionale I medici stressati dai turni lunghi La Commissione Ue contro l'italia 21/02/2014 Il Sole 24 Ore Orari dei medici, Italia deferita alla Corte Ue 21/02/2014 La Repubblica - Bologna La Fondazione Carisbo torna a colpire nell'urna cadono anche Villalta e Poletti 21/02/2014 La Repubblica - Genova Sanità, Fi chiede un consiglio straordinario 21/02/2014 La Repubblica - Genova Cure gratuite a bocca aperta il volontariato degli odontoiatri 21/02/2014 La Repubblica - Nazionale Emergenza sporcizia a rischio chiusura quattromila istituti 21/02/2014 La Repubblica - Roma Fatebenefratelli "Troppi debiti" uffici occupati 21/02/2014 La Stampa - Nazionale Inchiesta Stamina verso la chiusura Ora in venti rischiano il processo 21/02/2014 Il Messaggero - Roma Fatebenefratelli «conti in rosso» scatta l'occupazione 21/02/2014 Il Messaggero - Roma Nasce la grande fabbrica dei «farmaci del futuro» 21/02/2014 QN - Il Resto del Carlino - Bologna «Il reparto di pediatria non verrà soppresso» 21/02/2014 Avvenire - Roma «L'ospedale è in crisi, la Regione intervenga»

3 21/02/2014 Avvenire - Nazionale Apre a Roma l'officina farmaceutica 21/02/2014 Il Gazzettino - Venezia «Attenti alle infiltrazioni mafiose» L'appello dei parroci sull'operazione 21/02/2014 Il Gazzettino - Venezia «Faremo l'ospedale unico» 20/02/2014 Famiglia Cristiana MA COME MI SENTO STANCO... 20/02/2014 Famiglia Cristiana EPILESSIA, UNA SCARICA ELETTRICA NEL CERVELLO 21/02/2014 L'Espresso Dottore, mi sente? 21/02/2014 L'Espresso Processo al BISTURI DOLCE

4 SCENARIO SANITA' NAZIONALE 20 articoli

5 21/02/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 20 (diffusione:619980, tiratura:779916) Savona Tirreno Power, gli esperti della Procura sulle malattie La perizia sulla centrale: danni per 860 milioni di euro Andrea Pasqualetto SAVONA - Ci sono le tragiche stime dei morti (oltre 400) e dei malati (oltre 2.600) e c'è quella del costo sanitario attribuito alla centrale a carbone di Vado: 860 milioni di euro. Secondo la procura di Savona è questo il danno sociale provocato dalla Tirreno Power alle casse pubbliche per le cure dei cittadini che vivono nell'area interessata dalle polveri sottili delle ciminiere. Un numero calcolato su sette anni di emissioni, dal 2000 al 2007, dal pool di specialisti voluti dal pubblico ministero per capire se c'è un nesso fra la centrale e l'aumento delle malattie cardiovascolari registrate nella zona. Dalla consulenza tecnica firmata da Paolo Franceschi, pneumologo dell'ospedale di Savona, Paolo Crosignani, ex direttore dell'unità di epidemiologia ambientale dell'istituto dei tumori di Milano, e Stefano Scarselli, analista di qualità dell'aria, filtrano i contenuti che il procuratore di Savona, Francantonio Granero, considera inequivocabili: «Il nesso c'è e le cifre sono più o meno quelle, ahimè». Una consulenza che è un bollettino di guerra: oltre 300 morti per malattie cardiache, quasi 100 per patologie respiratorie, 457 bambini ricoverati per danni respiratori. Cifre alle quali i consulenti arrivano dopo aver mappato il territorio in zone di massima e minima ricaduta dei metalli inquinanti della centrale. «Non c'è chiarezza sul metodo, non c'è alcun nesso di causalità», hanno replicato alla Tirreno Power. Le malattie sono comunque aumentate. Lo conferma il presidente dell'ordine dei medici di Savona, Ugo Trucco: «Abbiamo documentato un eccesso di mortalità e di patologie rispetto ad altri territori della Liguria. In particolare neoplasie, malattie cardiovascolari e respiratorie». Parla di tumori, asma, bronchiti croniche, infarti, ictus, enfisemi eccetera. «Le cure hanno un alto e crescente costo collettivo». La Tirreno Power, società che fa capo a Gas de France e a Energia Italia della famiglia De Benedetti (attraverso Sorgenia), prende le distanze: noi non c'entriamo. Dopo aver aperto due fascicoli per disastro ambientale e omicidio colposo e considerata la stima del danno sociale, la procura sta valutando la possibilità di iscrivere la società stessa nel registro degli indagati per la responsabilità penale derivante da presunto illecito amministrativo: legge 231 del Reato punito con sanzioni pecuniarie o interdittive e che non esclude sequestri. L'esperto italiano di centrali a carbone Virginio Bettini, docente di Analisi e valutazione ambientale allo Iuav di Venezia e consulente voluto dal Comune di Quiliano (fra i più colpiti), invita alla prudenza: «Ho letto bene il documento della procura, sicuramente c'è una connessione fra inquinamento ambientale e Tirreno Power. Ma questa consulenza non basta a stabilirlo con esattezza: bisogna implementare lo studio con i nuovi modelli di valutazione dell'impatto ambientale». RIPRODUZIONE RISERVATA Foto: Le costruzioni Le due ciminiere della centrale a carbone della Tirreno Power di Vado Ligure (Ansa) Foto: 400 Foto: Le vittime provocate dalle emissioni della centrale della Tirreno Power a Vado Ligure, secondo la procura di Savona SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/2014 5

6 21/02/2014 Corriere della Sera - Ed. nazionale Pag. 23 (diffusione:619980, tiratura:779916) Salute Esultano associazioni e sindacati: la colpa è della carenza di personale negli ospedali I medici stressati dai turni lunghi La Commissione Ue contro l'italia Il caso sottoposto alla Corte di Giustizia. «Rischi per i malati» In Europa In Europa il limite è di 48 ore di lavoro alla settimanacon riposi di 11 ore Francesco Di Frischia ROMA - I medici in Italia lavorano troppo. A lamentarsi non sono i sindacati, ma l'accusa è lanciata dalla Commissione europea che ha deciso di deferire il nostro Paese alla Corte di Giustizia dell'ue appunto per non aver applicato correttamente la direttiva sull'orario di lavoro ai camici bianchi operanti nel servizio sanitario pubblico. Secondo l'istituzione comunitaria la normativa nazionale priva gli specialisti del loro diritto a un limite nell'orario lavorativo settimanale e a un minimo di periodi di riposo giornalieri. La direttiva prevede, in particolare, il limite di 48 ore per l'orario lavorativo settimanale medio e il diritto a periodi minimi giornalieri di riposo di 11 ore consecutive. Secondo le norme italiane, però, tali limiti non si applicano ai «dirigenti» operanti nel Servizio sanitario nazionale. Una anomalia per la quale la Commissione Ue ha inviato nel maggio 2013 all'italia un parere motivato in cui si chiedeva di adottare le misure necessarie per assicurare che la legislazione nazionale ottemperasse alle regole già applicate nel resto dei Paesi membri. Ieri, infine, è arrivato il deferimento alla Corte Ue. Soddisfazione dalle associazioni dei medici e dai sindacati, che denunciano come il mancato rispetto dei limiti degli orari di lavoro «sia in vari casi dovuto alla carenza di personale», che obbliga i medici ad «allungare i turni». Il problema è che questa non è una questione «formale, poiché in gioco è la sicurezza stessa dei pazienti», rileva il presidente del Collegio italiano dei chirurghi, Nicola Surico: «Medici e chirurghi spesso sono costretti a prolungare il proprio orario perché manca il personale, ma è ovvio che così aumenta il rischio degli specialisti di incorrere in errori». Un rischio confermato pure da Costantino Troise, segretario del maggiore sindacato dei medici dirigenti, l'anaao-assomed: «Le statistiche dimostrano che la maggior parte degli errori medici avviene proprio al cambio turni o a fine turno - rivela il sindacalista -. Il che vuol dire che il periodo di riposo, per l'attività specifica del medico, non è indifferente ai fini della sicurezza». È stato fatto dunque «un abuso - commenta Troise - escludendo i nostri medici dirigenti dall'applicazione della direttiva». Quindi un annuncio: «Stiamo valutando un mega ricorso per gli eventuali danni subiti dai medici». Per Massimo Cozza, segretario della Fp- Cgil Medici, «è imbarazzante dover aspettare che sia la Corte di Giustizia Ue a difendere il diritto anche per i medici italiani al limite di 48 ore per l'orario lavorativo». Ad esempio «un medico del pronto soccorso, in quanto dirigente, non ha forse diritto ai riposi? -- domanda polemicamente Cozza -. È impensabile che siano i turni massacranti di medici e operatori a sopperire alle mancanze del sistema». Per questo il sindacalista si chiede: «Vi fareste operare da un chirurgo stanco?». Parole condivise da Roberto Lala, presidente dell'ordine dei medici di Roma (che ne vanta 41 mila) che ammette: «Non sono sorpreso: anzi. Sono grato all'ue che ci viene in soccorso. Siamo trattati come dei "paria", siamo quasi ai lavori forzati». Il sovraccarico di straordinari e la carenza di organici «li abbiamo segnalati tante volte anche noi, ma sempre inutilmente - ricorda Lala -. I risparmi, purtroppo, le Regioni li fanno sulle spalle dei lavoratori. Sono molto preoccupato per gli enormi rischi professionali e la carente copertura assicurativa». Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, sull'obbligo dei tempi di riposo per i medici aveva notato: «Noi siamo in infrazione europea», ma «se applicassimo la direttiva Ue dovremmo chiudere i pronto soccorso». Amara era stata la conclusione del ministro: «In questo momento ci sono lavoratori pubblici che fanno grandissimi sacrifici. Il sistema si regge grazie a una grande responsabilità da parte di tutti». RIPRODUZIONE RISERVATA SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/2014 6

7 21/02/2014 Il Sole 24 Ore Pag. 31 (diffusione:334076, tiratura:405061) Sanità. La Commissione europea contesta il mancato rispetto della normativa comunitaria Orari dei medici, Italia deferita alla Corte Ue LA MOTIVAZIONE Secondo l'accusa, i dottori italiani del servizio sanitario sono inquadrati come dirigenti ma in realtà non hanno autonomia Paolo Del Bufalo Orario di lavoro dei medici del Servizio sanitario nazionale: la Commissione Ue ha deciso ieri di deferire l'italia alla Corte europea di giustizia per il mancato rispetto della normativa comunitaria. La direttiva sull'orario di lavoro prevede che, per motivi di salute e sicurezza, si lavori in media un massimo di 48 ore a settimana, straordinari compresi. I lavoratori hanno inoltre diritto a un minimo di 11 ore ininterrotte di riposo al giorno e di un ulteriore riposo settimanale ininterrotto di 24 ore. Una norma che si applica in Italia, ma non per i dirigenti tra cui i medici sono stati classificati. In realtà però lo sono solo di nome e non (tutti) di fatto secondo la Commissione: «Le leggi italiane li classificano formalmente come tali ma non necessariamente godono delle prerogative o dell'autonomia dirigenziali durante l'orario di lavoro». Per questo la direttiva va applicata anche a loro e dopo aver ricevuto diverse denunce da parte dei sindacati medici, la Commissione ha inviato a maggio 2013 all'italia un "parere motivato" in cui le chiedeva di adottare le misure necessarie per assicurare che la legislazione nazionale si adeguasse alle regole Ue. Ma, evidentemente, questo non è bastato, e Bruxelles ha deciso di passare alla fase successiva della procedura d'infrazione, ricorrendo alla Corte di giustizia. La Commissione ha anche precisato che oggi solo per gli specializzandi la limitazione dell'orario di lavoro è stata introdotta, sulla base di regole speciali, nel periodo Dal 1 agosto 2009, puntualizza ancora l'ue, il limite di 48 ore si applica anche a loro, mentre i periodi minimi di riposo si applicavano anche a questi medici in tutti gli Stati membri fin dal primo agosto Immediati i commenti dei sindacati. «Oggi in Europa - ha detto Costantino Troise, segretario nazionale dell'anaao, il maggior sindacato degli ospedalieri - l'orario di lavoro dei medici è variabile nei singoli stati, ma le nostre 38 ore sono tra gli orari più lunghi. E soprattutto in Europa sono più attenti ai carichi di lavoro, mentre in Italia per colpa di scelte politiche fatte in passato abbiamo colleghi di 68 anni che fanno ancora turni di notte e riposano poco. Si rischiano troppi errori: stiamo valutando un mega ricorso per gli eventuali danni subiti dai medici». «Vi fareste operare da un chirurgo stanco?», domanda provocatoriamente Massimo Cozza, segretario della Cgil medici, sottolineando che «è impensabile che siano i turni massacranti di medici e operatori sanitari a sopperire alle mancanze del sistema, al blocco del turn over che riduce il personale e ai pesanti tagli economici». RIPRODUZIONE RISERVATA SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/2014 7

8 21/02/2014 La Repubblica - Bologna Pag. 7 (diffusione:556325, tiratura:710716) La Fondazione Carisbo torna a colpire nell'urna cadono anche Villalta e Poletti Il presidente Virtus: "Siamo il Paese dei franchi tiratori" Entrano l'oncologa Petronelli e il manager della Sanità Cacciari ENRICO MIELE I "franchi tiratori", come da tradizione, stravolgono i pronostici dell'assemblea della Fondazione Carisbo. Riunita per eleggere quattro nuovi soci, l'aula ieri mattina ha impallinato a sorpresa l'ex campione di basket Renato Villalta, 59 anni, medaglia d'argento olimpica a Mosca '80 e attuale presidente della Virtus. Nome apprezzato dall'ex premier Romano Prodi e da Fabio Roversi Monaco, precedente presidente di Palazzo Saraceni, oggi alla guida di Genus Bononiae. Sponsor di peso che non gli sono bastati per superare l'ostacolo del voto segreto, su cui in passato sono scivolati diversi nomi illustri, dall'industriale Gaetano Maccaferri all'ex patron di Virtus e Bologna Alfredo Cazzola. Da esperto uomo di sport, Villalta la prende con filosofia: «In Italia si vive di franchi tiratori - sorride - evidentemente è mancato il gioco di squadra».e giù con le metafore sportive: «Bisogna sapere accettare le sconfitte, dimenticarle subito e passare alla partita successiva». La bocciatura di Villalta è stata quasi chirurgica. Ieri mattina per entrare nelle stanze della "cassaforte" della città, e diventare socio per dieci lunghi anni, servivano 39 voti (un po' più del solito visti i tanti presenti). Il presidente delle V nere si è fermato a 34, a sole cinque lunghezze dal quorum. «Non ce l'ho fatta per un soffio - ammette - ma so che molti che non hanno partecipato mi avrebbero votato». In fondo la mancanza cronica di un "gioco di squadra"è «un po' il male di questa città, se mi hanno chiesto di candidarmi è perché evidentemente pensavano potessi dare il mio contributo». Poi qualcosa, che neanche lui riesce a spiegarsi, è andato storto: «Avevo la certezza matematica, almeno sulla carta, di passare. Almeno 50 persone avevano promesso di votare per me». Anche nella caccia alle firme dei soci, necessarie per presentare qualsiasi candidatura, Villalta con coraggio ci ha messo la faccia. Pratica inusuale nelle stanze di Palazzo Saraceni dove formalmente si viene candidati e non ci si candida: «Io invece sono andato porta a porta a prendermi ogni singola firma, sono abituato a metterci la faccia». Villalta, che oltre al basket nella vita collabora con il colosso assicurativo Unipol in qualità di consulente, non è il solo nome nell'elenco dei bocciati. L'imprenditore e collezionista d'arte Michelangelo Poletti, 70 anni, gradito al presidente della Fondazione Leone Sibani, si è fermato a 28 voti, anche lui decisamente lontano dal quorum. Disco verde, invece, per l'oncologa Angela Petronelli, che lavora alla casa di cura Villa Toniolo, passata con 57 voti e soprattutto per l'ex direttore generale del Sant'Orsola, Paolo Cacciari, 68 anni, che ha raccolto un consenso quasi "bulgaro", di rado registrato nella storia recente della Fondazione: 60 voti su 76 presenti. Infine per il costruttore Luigi Marchesini, 58 anni, presidente della Galotti Spa, si trattato di un mandato bis. Scaduti i dieci anni in qualità di socio - visto che solo i più anziani mantengono la caricaa vitaieri ha ottenuto la riconferma (con 51 voti). Nel mezzo, durante l'assemblea durata un paio d'ore si è parlato di bilanci. Il timore dei vertici di Palazzo Saraceni, infatti, è che quest'anno i dividendi della "casa madre" Intesa Sanpaolo siano più magri del solito. Nell'ultimo biennio, tra la banca e i fondi d'investimento, la Fondazione ha incassato circa 17,5 milioni l'anno, soglia lontana dagli assegni faraonici della stagione precrisi. Tra le idee per il futuro, anche quella di far certificare i bilanci da una società di revisione. Ma alcuni, stanchi del rito delle bocciature, vorrebbero metter mano anche al meccanismo di elezione dei nuovi soci. Il presidente Leone Sibani, da quasi un anno presidente della Fondazione Carisbo ed ex manager di lungo corso nella Cassa di risparmio in Bologna In primo piano SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/2014 8

9 21/02/2014 La Repubblica - Bologna Pag. 7 (diffusione:556325, tiratura:710716) L'imprenditore Imprenditore e collezionista d'arte, Michelangelo Poletti non è passato al voto dell'assemblea, ha raccolto 29 voti mentre ne servivano almeno 39 Il manager Ha fatto il pieno di voti Paolo Cacciari, già manager della sanità al Rizzoli e al Sant'Orsola. La sua candidatura è stata votata da 60 soci sui 76 presenti Foto: Il presidente della Virtus Renato Villalta. Sotto, Fabio Roversi Monaco SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/2014 9

10 21/02/2014 La Repubblica - Genova Pag. 6 (diffusione:556325, tiratura:710716) Regione Sanità, Fi chiede un consiglio straordinario I CONSIGLIERI regionali di Forza Italia Matteo Rosso, vice presidente della Commissione sanità della Regione, e Marco Melgrati, capogruppo di Forza Italia, hanno chiesto la convocazione di un Consiglio straordinario sulla situazione dell'ospedale San Martino "per affrontare le criticità dell'ospedale e verificare se vi è ancora la fiducia, almeno della giunta, sull'operato dell'amministrazione". "Siamo molto preoccupati, non possiamo aspettare, bisogna capire cosa si vuole fare e dove si vuole andare", hanno affermato i due esponenti di Forza Italia. A preoccupare Rosso e Melgrati sono anche i ritardi relativi al piano strategico del nuovo Ircss, richiesto anche dal ministero per la Ricerca: "Il rischio è di perdere la qualifica di istituto di ricerca con conseguenze disastrose per la nostra Regione", affermano Rosso e Melgrati, facendo riferimento anche alle "ultime polemiche legate alla situazione igienico sanitaria della struttura" che "non possono e non devono passare sotto silenzio". SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/

11 21/02/2014 La Repubblica - Genova Pag. 8 (diffusione:556325, tiratura:710716) L'iniziativa Aperta a Genova la nuova clinica della LCO con una serie di attività benefiche Cure gratuite a bocca aperta il volontariato degli odontoiatri Due giorni ogni mese per aiutare chi ha difficoltà economiche e attività preventiva PICCOLI denti crescono, ma con essi anche le spese per seguire lo sviluppo dei denti nei giovani e, eventualmente, curarli. Costi molto cari, che spesso le famiglie non riescono ad affrontare. E per venire incontro a questa problematica, molto diffusa, anchea Genovaè iniziata l'attività del gruppo LCO (Le Cliniche Odontoiatriche) che ha inaugurato ufficialmente la clinica di viale Brigata Bisagno 2. LCO ha anche iniziato una serie di attività benefiche. In primo luogo, l'impegno nei confronti della Fondazione Operation Smile Italia Onlus alla quale offre gratuitamente le sue strutture ai medici e agli odontoiatri volontari della Fondazione, per un sabato e una domenica al mese. A questa iniziativa si affianca il supporto ad "Arkè, un dentista per amico", onlus ligure che si occupa di prestare cure dentistiche gratuite a bambini e ragazzi con difficoltà economiche. Contemporaneamente prende il via una campagna di prevenzione rivolta ai bambini e ai ragazzi di età compresa tra 6 e 10 anni: il primo venerdì del mese sarà infatti possibile partecipare alle "merende informative in clinica" in cui i bambini incontreranno i medici e il personale che spiegheranno loro l'importanza di una corretta prevenzione e igiene oral e ( prenotazioni allo ). «Siamo molto contenti di aver incluso la clinica nel progetto Operation Smile, ma anche di entrare nel network per iniziative benefiche sul territorio, rivoltea giovani pazienti bisognosi» afferma Marco Longo, amministratore delegato di LCO. Il centro di Viale Brigata Bisagno è dotato di 16 sale (di cui due dedicate alla chirurgia odontoiatrica, 3 all'ortodonzia per adulti e bambini, 2 all'igiene dentale), più quelle per l'accoglienza dei pazienti, per la sterilizzazione e per la diagnosi radiologica per immagini. «Il progetto nasce dalla convinzione che il futuro dell'odontoiatria si fondi sul consolidamento delle professionalità specialistiche dei singoli medici e sull'arricchimento dei servizi offerti ai pazienti - spiegano i responsabili organizzativi - È per questa ragione che nella struttura di Genova opera un team di sette professionisti con esperienza in tutte le branche dell'odontoiatria. I medici, tra cui Fabio Cocchi, direttore danitario, hanno scelto il centro allo scopo di potersi concentrare totalmente sulla professione e sul continuo arricchimento del proprio "bagaglio medico-professionale", anche attraverso il lavoro di team e la possibilità di utilizzare tecnologie sempre aggiornate, tra cui la presa di impronta digitale». Foto: Un dentista all'opera sulla bocca di un giovanissimo paziente SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/

12 21/02/2014 La Repubblica - Ed. nazionale Pag. 15 (diffusione:556325, tiratura:710716) Il caso Mancano 140 milioni per gli addetti alle pulizie: dal 1 marzo si teme il caos Emergenza sporcizia a rischio chiusura quattromila istituti CORRADO ZUNINO ROMA - Ci sono 87 ex lavoratori socialmente utili, che ora si occupano di pulire le scuole italiane, denunciati per aver occupato in settimana settanta istituti di Napoli e provincia. Avevano allontanato studenti e prof dalle aule. C'è stato, ieri, lo sgombero a forza dell'elementare Trilussa occupata a Pomezia, hinterland romano: la polizia è stata invitata dal sindaco grillino a cacciare gli addetti alle pulizie in sciopero. Ci sono quattromila scuole (su 72 mila sul territorio) che tra una settimana potrebbero essere chiuse per sporcizia. Non è solo un allarme sindacale, è già accaduto il mese scorso in quattro istituti tra Mestre e Venezia: alcuni alunni hanno accusato problemi respiratori, gli insegnanti hanno preso a svolgere le attività all'aperto e nei corridoi. Nelle ultime ore, poi, sindaci e Asl hanno chiuso materne ed elementari a Napoli, e per diversi istituti in Abruzzo la serrata è vicina. La scuola che vive di emergenze e proroghe deve affrontare l'ultima crisi: la sporcizia in aula e nelle palestre. La questione è semplice anche se antica. I tagli del governo Monti,e la scelta dell'ex ministro Profumo di affidare i bandi delle pulizie alla centrale Consip, hanno ridotto progressivamente i finanziamenti di Stato: 640 milioni di euro elargiti nel 1999, 390 milioni nel 2011, solo 290 milioni per la stagione in corso. Il ragionamento del governo Monti -non smentito da Letta e dalla Carrozza - è stato: prima del 1999 la pulizia nelle scuole si faceva con bidelli, oggi il costo di quel servizio deve corrispondere al costo di bidelli assunti. Il taglio successivo, quindi, è stato più che lineare, violento: meno 48%. Oggi a pulire le scuole italiane ci sono 24 mila esterni, il doppio dei bidelli: sono ex Lsu (lavoratori socialmente utili) e i cosiddetti "appalti storici". Le prime analisi del Miur hanno verificato casi con 57 lavoratori impegnatia pulire sei aule, ma in altre realtà il personale è sottodimensionato. Soprattutto, ci sono 11 mila lavoratori che - avendo le loro coop e le loro aziende iscritte a Confindustria introitato la metà- rischiano di perdere il posto di lavoro o di veder dimezzato lo stipendio (oggi di 850 euro al mese). I contratti stipulati fino al 2016 sono questi, al ribasso. Dieci dei tredici lotti con cui si è diviso il territorio sono stati assegnati, ma i soldi per 24 mila addetti non ci sono. La prima proroga da 34 milioni concessa da Letta- Carrozza basterà per arrivare al 28 febbraio, alla Camera è stato approvato un emendamento che porta avanti le buste paga un altro mese, ma per arrivare alla fine dell'anno scolastico servirebbero 144 milioni extra. Non li ha il Miur, non li ha l'economia. Il rischio che molte scuole chiudano per sporcizia venerdì prossimo è serio. «Il metodo del ministero è criminale, ci incateniamo ai cancelli», hanno detto Anip, Legacoop e Confcooperative, grandi vincitori degli appalti da 1,6 miliardi totali (per quattro anni). In generale, topi e pidocchi sono segnalati in crescita: uno studio di 37 pediatri ha stimato in 1,7 milioni i ragazzi colpiti da pediculosi nel 2013, duecentomila in più. L'Usb e i 5 stelle chiedono di riportare all'interno delle scuola le pulizie: «Si risparmierebbero 100 milioni». RIPRODUZIONE RISERVATA I numeri GLI ADDETTI A rischio in Campania, in Puglia e Sicilia, 600 nel Lazio 1,6 miliardi GLI APPALTI Vale quattro anni, assegnati 10 lotti su 13. Tre alla Manutencoop 144 milioni I FONDI MANCANTI Servono 20 milioni entro il 28 febbraio e 144 per chiudere l'anno scolastico SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/

13 21/02/2014 La Repubblica - Roma Pag. 15 (diffusione:556325, tiratura:710716) All'Isola Tiberina Fatebenefratelli "Troppi debiti" uffici occupati OCCUPATA a oltranza la direzione del Fatebenefratelli dell'isola Tiberina. Cinquanta dipendenti dell'ospedale si sono schierati, già ieri mattina, in opposizione con il management. Dopo il tavolo di confronto per definire il piano di rilancio industriale, la Cgil dichiara guerra: «Nessuna proposta concreta». Ma la direzione contrattacca: «Strumentalizzazioni contro il dialogo». La regione Lazio auspica che «la struttura esca al più presto dall'attuale stato di instabilità» ma ad oggi l'indebitamento del Fatebenefratelli supera i 270 milioni di euro. Foto: Il Fatebenefratelli SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/

14 21/02/2014 La Stampa - Ed. nazionale Pag. 16 (diffusione:309253, tiratura:418328) ENTRO LA PROSSIMA SETTIMANA LA RICHIESTA DI RINVIO A GIUDIZIO Inchiesta Stamina verso la chiusura Ora in venti rischiano il processo Torino, alle accuse già formulate si aggiunge anche l'omicidio colposo PAOLO RUSSO TORINO Il cappio delle indagini si stringe intorno agli indagati del caso Stamina. Sarebbero salite a venti le richieste di rinvio a giudizio, 12 relative al primo filone dell'inchiesta, quello che ha interessato tra il 2009 e il 2012 Vannoni e i suoi della Stamina Foundation, mentre altri 8 sarebbero medici e dirigenti degli Spedali Civili di Brescia, accusati di aver spalancato le porte dell'ospedale pubblico a un metodo privo di qualsiasi validazione scientifica, composto da sostanze ignote, prodotte in laboratori, come quello bresciano, non in regola con i requisiti internazionali per la produzione di cellule staminali mesenchimali. Il pm torinese Raffaele Guariniello e i carabinieri dei Nas hanno più volte chiuso e riaperto i fascicoli con lo svelarsi di nuovi e sempre più allarmanti fatti, ma questa volta ci siamo. Entro la prossima settimana ai venti indagati partirà la comunicazione di chiusura indagini, in pratica l'anticamera della richiesta di rinvio a giudizio. Dopo di che le richieste finiranno sul tavolo del giudice delle indagini preliminari, che dovrà decidere se avviare il processo vero e proprio per una raffica di reati: dalla associazione a delinquere alla truffa aggravata, dalla somministrazione di farmaci guasti e pericolosi per la salute, alla violazione della privacy e all'esercizio abusivo della professione medica (per il laureato in lettere Vannoni) e di quella di biologo (per la sua laureata in biologia ma mai iscritta all'albo, Erica Molino). Richieste supportate da pile di documentazioni e prove accumulate da Guariniello e Nas in anni di meticolose indagini. Che in corso d'opera potrebbero arricchirsi di un nuovo e più grave capo d'imputazione: quello di omicidio colposo. I periti medici della Procura da tempo lavorano intorno ad alcune morti sospette per polmonite fulminante o gravi infezioni alle vie respiratorie, avvenute a stretto giro dopo le infusioni Stamina. Per un caso più datato la correlazione non ci sarebbe, ma su altri episodi gli inquirenti vogliono vederci chiaro. Intanto sulla graticola giudiziaria finiscono, come previsto, Davide Vannoni e i suoi più stretti collaboratori. Il vice presidente di Stamina Foundation, nonché super-prescrittore delle misteriose infusioni, Marino Andolina e la biologa della stessa fondazione, quella Erica Molino che in uno scambio di mail con il professor Camillo Ricordi ammetteva che il preparato da testare a Miami "non subisce sterilizzazioni o filtrazioni". Ma a rischio processo c'è anche un lungo stuolo di medici e dirigenti degli Spedali Civili di Brescia. Le notifiche di Guariniello finiranno quasi sicuramente nella mani della direttrice sanitaria dell'ospedale, Ermanna Derelli, un marito Pm e un cognato nella lista dei 36 pazienti in trattamento Stamina a Brescia. Così come davanti al gip compariranno quasi sicuramente il primario della oncoematologia pediatrica bresciana, Fulvio Porta, primo prescrittore di Stamina e poi interfaccia di Andolina nell'ospedale e la responsabile delle segreteria scientifica del comitato etico degli Spedali, Carmen Terraroli, che avrebbe contribuito non poco allo sbarco a Brescia di Vannoni e i suoi. In fase ultima di valutazione sarebbero le posizioni del presidente del comitato etico, Francesco De Ferrari e del neurologo Marcello Villanova, dipendente del "Nigrisoli" di Bologna e supporter Tv del "metodo Vannoni". SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/

15 21/02/2014 Il Messaggero - Roma Pag. 38 (diffusione:210842, tiratura:295190) SANITÀ Fatebenefratelli «conti in rosso» scatta l'occupazione Blitz di un gruppo di lavoratori negli uffici di presidenza: «No ai licenziamenti e al piano industriale lacrime e sangue» SANITÀ L'ASSEMBLEA Chiara Acampora Lo spettro dei licenziamenti e di un piano industriale «lacrime e sangue» per scongiurare il fallimento e arginare un buco nei conti dell'ospedale Fatebenefratelli dell'isola Tiberina che ammonterebbe a ben 270 milioni di euro. A lanciare il nuovo allarme, a quattro mesi di distanza dall'sos dei vertici della struttura che dichiararono ufficialmente lo stato di crisi, è stata la Cgil Fp di Roma e Lazio. Ieri mattina una delegazione di circa cinquanta lavoratori si è staccata da un'assemblea in corso nell'ospedale e ha «occupato» la presidenza per avere rassicurazioni. «Sono servite oltre due ore di occupazione per riuscire a sapere dal vicepresidente operativo le vere intenzioni del management sul futuro della struttura - sottolinea Natale Di Cola, segretario generale Cgil Fp Roma e Lazio - Ancora una volta non è stata data nessuna rassicurazione sul mantenimento dei livelli occupazionali e salariali dei circa mille lavoratori dell'ospedale». È stata confermata la cifra dell' indebitamento complessivo della struttura di oltre 270 milioni di euro e uno sbilancio annuo di circa 20 milioni. Siamo sempre più convinti che, se mai ci sarà un piano di rilancio del Fatebenefratelli, sarà in una prospettiva di lacrime e sangue», aggiunge. Il sindacato rimane in allerta e l'assemblea con i lavoratori prosegue anche oggi per decidere le prossime iniziative da intraprendere. RIPRODUZIONE RISERVATA «Andremo avanti con le mobilitazioni fino a quando non avremo risposte concrete - incalza Enrico Gregorini, segretario generale della Cgil Fp Centro, Ovest, Litoranea - Con un debito complessivo di questa portata serve quasi un miracolo per salvare l'ospedale dal fallimento. E' evidente che l'ipotesi di licenziamenti è più che fondata. Nel frattempo, da un mese i medici hanno circa 250 euro in meno in busta paga perché sono state tagliate le indennità di risultato». Dall'ospedale confermano che «c'è un'esposizione finanziaria rilevante, ma non è necessariamente debito in senso stretto». La cifra verrà «quantificata nel piano di risanamento» che sarà «ultimato nei prossimi giorni», probabilmente nell'arco di due o al massimo tre settimane, quando saranno «terminate tutte le verifiche tecniche e operative con l'attenzione richiesta dalla delicatezza e dalla complessità della situazione». LA DIRIGENZA La dirigenza del Fatebenefratelli muove, però, delle critiche nei confronti del sindacato. Parla di una «azione dimostrativa contro il dialogo» e «denuncia le strumentalizzazioni e il comportamento di quelle rappresentanze dei lavoratori che sembrerebbero preferire le azioni dimostrative e di forza al tavolo di confronto», spiegando che mercoledì «la delegazione della Cgil Fp ha deciso di lasciare, poco dopo l'avvio dei lavori, il tavolo di confronto sullo stato della messa a punto del piano di risanamento». E intanto la Regione definisce la struttura dell'isola Tiberina un «sorvegliato speciale», spiegando che «sta monitorando costantemente la situazione di crisi» ed è «in attesa di conoscere il piano di riorganizzazione aziendale affidato dalla proprietà a un nuovo management nelle scorse settimane». «E' interesse della Regione aggiunge - che una realtà ospedaliera importante come quella dell' Isola Tiberina esca al più presto dall'attuale stato di instabilità, in modo da proseguire il suo rapporto con il sistema sanitario regionale in condizioni di assoluta tranquillità operativa e gestionale». Chiara Acampora Foto: SOS DEI SINDACATI: «GIÀ TAGLIATI GLI STIPENDI» L'OSPEDALE: «RIFIUTANO IL DIALOGO» SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/

16 21/02/2014 Il Messaggero - Roma Pag. 38 (diffusione:210842, tiratura:295190) L'INTESA Nasce la grande fabbrica dei «farmaci del futuro» Gemelli-Bambino Gesù firmato l'accordo per le terapie innovative Cellule staminali, a Roma è la nata la più grande "fabbrica" d'europa. Quattromila metri quadrati divisi in due laboratori. Né pillole, né fiale ma materiale per terapie geniche e cellulari, ingegneria tissutale, produzione di vettori virali e anticorpi. Per le insufficienze cardiache come per i tumori del sangue. La "fabbrica", il nome è Xellbiogene, nasce da un accordo tecnico-scientifico tra il Policlinico Gemelli e il Bambino Gesù. Una parte della produzione, dunque, all'università Cattolica e l'altra nella sede di San Paolo fuori le mura dell'ospedale pediatrico. Obiettivo della società è quello di portare gli ultimi ritrovati della biomedicina dalle stanze dei ricercatori al letto del paziente. Per il primo periodo le cellule utilizzate arriveranno da fuori (fino a quando nel 2015 l'agenzia italiana del farmaco non darà il via libera alla distribuzione di prodotti biotecnologici) poi il mega-laboratorio romano sarà autonomo. Oltre a servire i due ospedali fondatori la "fabbrica" punta a trovare altri collaboratori e clienti sia in Italia che all'estero. «Con queste ricerche - spiega Rocco Bellantone preside di Medicina alla Cattolica e vicepresidente di Xellbiogene - potremo, per esempio, rigenerare tessuti e organi compromessi da un trauma o una malattia. Per alcune patologie, penso ai tumori del sangue, il futuro è già presente e le terapie basate sulle staminali, mi riferisco alle emopoietiche, sono consolidate». Verranno effettuati anche test sull'uso di cellule prelevate dal midollo osseo per guarire le insufficienze cardiache. «La società - fa sapere Giuseppe Profiti presidente del Bambino Gesù - opererà secondo tutte le regole e gli standard necessari per questo tipo di ricerche con l'obiettivo di produrre i farmaci del futuro che abbiano sempre meno effetti collaterali». SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/

17 21/02/2014 QN - Il Resto del Carlino - Bologna Pag. 20 (diffusione:165207, tiratura:206221) «Il reparto di pediatria non verrà soppresso» Porretta Ospedale, il consigliere regionale Marani (Pd) fa chiarezza GIACOMO CALISTRI di GIACOMO CALISTRI - PORRETTA - «NEL PIANO di riorganizzazione dell'azienda Usl non si parla per Porretta né della sparizione della reperibilità notturna del pediatria e neppure della soppressione del reparto di pediatria. Entrambe le attività vengono mantenute». Il consigliere regionale Pd Paola Marani, componente della commissione sanità di viale Aldo Moro e responsabile del partito per lo stesso settore di Bologna e provincia, sgombera il campo dall'allarme lanciato da Emanuela Cioni, presidente del comitato per la salvaguardia dell'ospedale porrettano secondo la quale, alla chiusura del punto nascita, ne seguiranno altre a scapito dei territori della montagna. «Ma non solo - aggiunge la Marani -, il piano garantisce quotidianamente alle donne, sabato compreso, prima e dopo il parto, la presenza in ospedale del ginecologo e dell'ostetrica per tutte le necessità compresa quella degli interventi chirurgici di ginecologia e delle consulenze ambulatoriali. Assolutamente infondato - continua l'esponente Pd - il presunto superaffollamento degli ospedali cittadini delle donne dopo la soppressione del punto nascita dell'appennino: nel corso del 2013 si sono registrati al Sant'Orsola parti, al Maggiore e a Porretta 112. Con questi dati si capisce come sia ininfluente il numero delle partorienti della montagna rispetto al modello organizzativo come quello dei due grossi ospedali. Siamo di fronte ad un problema che non esiste». DA AFFRONTARE con urgenza vi è invece quello relativo alla sopravvivenza nella struttura di Porretta del punto prelievi sangue dei donatori di Avis e Advs. «Né il centro di Vergato né quello della cittadina termale figurano tra quelli da eliminare e per quanto riguarda Porretta verrà studiata una sistemazione adeguata alle normative» puntualizza la Marani che allarga infine il giro d'orizzonte. «I nosocomi di Porretta e di Vergato - precisa - non diventeranno ospedali di comunità poiché si è già operato per far sì che le due strutture siano integrate tra di loro e siano di fatto un unico ospedale su due edifici». Intanto il consigliere regionale Alberto Vecchi (Fi-Pdl) vuole certezze messe 'nero su bianco' e ha rivolto una interrogazione alla Giunta per sapere se risponde al vero che la reperibilità notturna del pediatra dell'ospedale di Porretta «è destinata a sparire e se questa grave decisione è propedeutica alla chiusura del reparto per i piccoli ammalati». Il consigliere, a questo proposito, chiede alla Regione di riaprire un tavolo di confronto in ordine alla difesa della sanità dell'alta Valle del Reno. Image: /foto/1234.jpg SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/

18 21/02/2014 Avvenire - Roma - roma sette Pag. 29 (diffusione:105812, tiratura:151233) l'appello. Ormai l'azienda ospedaliera di Caserta è una struttura che versa in stato di grave abbandono «L'ospedale è in crisi, la Regione intervenga» Il personale del Sant'Anna e San Sebastiano è insufficiente per le emergenze. Solo 400 i posti letto per i malati dell'intera provincia GIOVANNA GIAQUINTO E SILVIA TAGLIAFIERRO Cosa lasceremo ai nostri figli? L'amarezza di non aver tentato un Cambiamento o la forza di aver cercato con tutti i nostri mezzi, una strada per migliorare una situazione disastrosa?» Questo è l'incipit che muove la volontà e la necessità di agire dei medici, di tutti i medici dell'ospedale Sant'Anna e San Sebastiano di Caserta. Una struttura pubblica che «soffre» le pecche di errori e gestioni, troppo spesso, delittuose che, ora, evidenzia la criticità di una situazione non più sostenibile. «Il personale sanitario è insufficiente. Non si possono fare concorsi per assumere nuove unità - a spiegare la situazione comune a tutti i reparti del nosocomio cittadino è il dottor Ortensio Marotta, direttore di Otorinolaringoiatria - E le malattie sono in continuo aumento. Cosa possiamo dire ai nostri pazienti? Aspettate, fra poco la situazione si risolverà, ma intanto le patologie si aggravano. I tumori decimano le persone». I posti letto sono insufficienti. «Poco più di quattrocento posti letto - prosegue il dottor Marotta - un numero ridicolo per sopperire alle esigenze di questa provincia, soprattutto se consideriamo il numero dei letti messi a disposizione delle altre province campane». Altri cinquecento posti dovrebbero essere riservati al nascente Policlinico «quei posti, li potrebbero concedere a noi oggi, insieme a un incremento del personale sanitario e poi, pensare a un trasferimento una volta attiva la struttura». Ma dalla Regione il rifiuto è netto. «Ora non sono possibili assunzioni». Il Comune intanto ha inserito la situazione dell'ospedale all'ordine del giorno del Consiglio comunale. Le persone già gravate da malattie sempre più truculente, subiscono un aggravio peggiore, l'ansia, la snervante attività di medici, infermieri e operatori sanitari tutti che, si barcamenano per cercare di offrire un servizio sanitario di buona qualità. «Un servizio pubblico - conclude il dottore - deve essere una fonte per tutti. Chi si reca in ospedale lo deve fare con speranza, senza essere portato alla disperazione». Una struttura commissariata non può rispondere alle esigenze necessarie, necessita di un aiuto e non si può aspettare oltre. L'interrogazione parlamentare Un grido d'allarme, quello inerente la salute casertana, che potrebbe determinare la chiusura di attività sanitarie fondamentali per la salute dei cittadini della provincia di Caserta. Ecco perché si è configurata l'esigenza fattiva di presentare un'interrogazione parlamentare ad opera del capogruppo regionale del Pse, Gennaro Oliviero, secondo cui Caserta vede seriamente compromesse le possibilità di dare risposte concrete ai pazienti in emergenza cardiologica. Inoltre, una lista di attesa di 289 pazienti che attendono di essere sottoposti a interventi presso il reparto di otorino-laringoiatra, rischiano di far collassare una struttura già in una situazione precaria. Foto: L'ospedale di Caserta SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/

19 21/02/2014 Avvenire - Ed. nazionale Pag. 19 (diffusione:105812, tiratura:151233) Malattie incurabili. Apre a Roma l'officina farmaceutica DIl Bambino Gesù e il Gemelli uniscono forze e know-how per produrre terapie innovative attraverso la messa a punto di medicinali bio ALESSIA GUERRIER R OMA Dal laboratorio al letto del paziente. È per rendere a prova di modernità la nuova frontiera biotecnologica della cura che l'ospedale pediatrico Bambino Gesù e il policlinico universitario Agostino Gemelli uniscono le proprie forze e il knowhow creando Xellbiogene, una startup con l'obiettivo di produrre terapie innovative per le malattie incurabili. Un'officina farmaceutica di ultima generazione, insomma, che avrà proprio nei due nosocomi capitolini siti produttivi e laboratori tra i più grandi d'europa. Qui, in 4mila metri quadrati, si metteranno in "produzione" i progetti di ricerca sulle cellule e vettori virali per arrivare ai medicinali biologici da impiegare sia nella sperimentazione clinica di terapie avanzate (genica, cellulare, ingegneria tissutale, produzione di vettori virali e anticorpi) sia nelle terapie consolidate in ambito oncoematologico. Xellbiogene sarà in sostanza l'industria di farmaci del futuro. «Uniamo le forze per fare in modo che il maggior numero di pazienti passi dalla speranza alla cura», esordisce il presidente del centro pediatrico romano e responsabile del cda della biotech company, Giuseppe Profiti, convinto che il risultato dell'alleanza sarà «superiore alla semplice sommatoria dei fattori». L'obiettivo è arrivare a una terapia senza effetti collaterali mirata per ogni persona, oltre che per ogni malattia ad ora inguaribile. Non la definisce temerarietà Rocco Bellantone, preside della Facoltà di Medicina dell'università Cattolica e vicepresidente della neonata joint venture, piuttosto «voglia di essere buoni samaritani per portare la scienza ai suoi massimi traguardi» con il sogno un domani di poter «rigenerare tessuti e organi compromessi dalla malattia» e «correggere i difetti generici» spesso alla base di molte malattie rare. Per arrivarci, tuttavia, occorre iniziare a camminare adesso. E per farlo in sicurezza servono laboratori conformi ai più alti standard internazionali. «Contiamo di ricevere l'accreditamento dall'agenzia del Farmaco entro i primi mesi del spiega l'ad dell'azienda Marco Dieci -. Nel secondo trimestre inizieremo le terapie per il trattamento dei tumori del sangue e a inizio anno prossimo le sperimentazioni cliniche nel campo delle terapie avanzate». In attesa di ricevere il via libera dell'aifa alla distribuzione di prodotti biotecnologici, le cellule arriveranno da altri laboratori. I due binari, all'inizio, saranno da un lato l'uso di cellule staminali prelevate dal midollo osseo per guarire le insufficienze cardiache. Dall'altro le staminali mesenchimali per evitare che nei bambini si sviluppi, dopo un trapianto per leucemia, la "malattia del trapianto contro l'ospite". SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/

20 21/02/2014 Il Gazzettino - Venezia Pag. 28 (diffusione:86966, tiratura:114104) PRIMO INCONTRO CON I SACERDOTI DEL SANDONATESE «Attenti alle infiltrazioni mafiose» L'appello dei parroci sull'operazione «Attenzione alle infiltrazioni mafiose: ci sono investimenti importanti che possono attirare l'attenzione». Don Eros, prete dell'ospedale di San Donà, è abituato ad essere schietto e diretto. E non ha mancato di farlo anche durante il primo incontro con i parroci voluto dai vertici dell'asl 10, per spiegare cosa prevede la riorganizzazione sanitaria e, in particolare, il progetto dell'ospedae unito per tutto il Veneto orientale. I preti del Sandonatese hanno rivolto tutta una serie di domande, in particolare al direttore generale Carlo Bramezza. L'interesse era riferito soprattutto alla difesa della persona, delle fasce più deboli, del ruolo del volontariato: da capire, insomma, quanto l'ospedale unico serva effettivamente al territorio. «È stata un'occasione per capire effettivamente come sarà la riorganizzazione sanitaria - commenta don Eros Pellizzari - per cercare di essere a nostra volta utili alle persone che a noi si rivolgono per capire che succede. Anche se, questo è emerso dai parroci del Sandonatese, il cittadino non sembra molto interessato alla questione». Ed è proprio il prete dell'ospedale a rivolgere l'invito più pungente ai vertici della sanità, riferendosi alla nuova struttura che sorgerà ed ai 130 milioni di euro di investimenti: «Le cifre sono importanti, dobbiamo prestare attenzione affinchè non ci siano infiltrazioni». Il direttore generale ha posto garanzie sul fatto che ci sarà massima attenzione. Così come ha sottolineato che quello dell'ospedale unico è un treno che non va perso. riproduzione riservata SCENARIO SANITA' NAZIONALE - Rassegna Stampa 21/02/

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Rassegna del 15/04/2015

Rassegna del 15/04/2015 Rassegna del 15/04/2015 SANITA' REGIONALE 15/04/15 Gazzetta del Sud 17 Lavori in corso nel centrodestra - «Un ponte tra chi non dialoga più» Costa Luana 1 15/04/15 Gazzetta del Sud 17 Le nomine fatte dai

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

Durc online: dal 1 luglio nuova procedura di verifica della regolarita' contributiva

Durc online: dal 1 luglio nuova procedura di verifica della regolarita' contributiva RASSEGNA STAMPA UNISANNIO 02/07/2015 Indice Il Sannio Quotidiano 1 Unisannio Atenei campani, il rettore Filippo de Rossi al vertice Il Mattino 2 Unisannio Coordinamento atenei campani: de Rossi al vertice

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761 Gazzetta Ufficiale 15 febbraio 1980, n. 45, S. O. Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della

LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA. Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della LUCI ED OMBRE SULL ANNO CHE VERRA Se il 2014 si è concluso con la presentazione del DDL Orlando sulla riforma della giustizia, provvedimento in più punti discutibile ma adottato nella forma più opportuna

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli