COME PREPARARE UN ELEVATOR PITCH. Emilio Paolucci 29 ottobre 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COME PREPARARE UN ELEVATOR PITCH. Emilio Paolucci 29 ottobre 2014"

Transcript

1 COME PREPARARE UN ELEVATOR PITCH Emilio Paolucci 29 ottobre 2014

2 Alcuni esempi https://www.youtube.com/watch?v=ehdap1oq9zw https://www.youtube.com/watch?v=ubnjh2rooli https://www.youtube.com/watch?v=xsk3xo2-3re Cosa avete notato in queste presentazioni? Quali concetti? Quali modalità di comunicazione? Come è stato gestito il tempo a disposizione? Che finalità avevano? 2

3 Discussione: quali sono le caratteristiche «CHIAVE» della vostra presentazione? Concetti / tecnologia? Stile di comunicazione? Messaggio / obiettivi? Visione di lungo periodo? Uso dei tempi (da 1 a 8 minuti).. COME POSSIAMO MIGLIORARE? QUALI SONO I PUNTI IN CUI È NECESSARIO FARLO? 3

4 Il nostro lavoro insieme 1. COSA è UN ELEVATOR PITCH: FINALITA E CONCETTI CHIAVE 2. COME PREPARARE I SINGOLI CONTENUTI LE MODALITA DI REDAZIONE DELLE SINGOLE SLIDE 4

5 PARTE 1 COSA È UN «ELEVATOR PITCH Emilio PAOLUCCI 5

6 IL CONCETTO DI ELEVATOR PITCH FORMA DI PRESENTAZIONE (BREVE) DELLA PROPRIA ATTIVITA / STARTUP COMUNICAZIONE PROFESSIONALE VERSO «INVESTITORI» DEVE CATTURARE ATTENZIONE E TRASFERIRE ALCUNI CONCETTI CHIAVE IN MODO EFFICACE 6

7 I CONCETTI CHIAVE DEL PROCESSO DI PREPARAZIONE FARE UNA PRESENTAZIONE EFFICACE E DIFFICILE (MA NON IMPOSSIBILE) CHIUNQUE CI RIESCE, MA RICHIEDE ALLENAMENTO TUTTO PUÒ / DEVE ESSERE PERFEZIONATO / MIGLIORATO, SERVONO METODO, OBIETTIVITÀ, CHIAREZZA E CREATIVITÀ 7

8 COSA VI ATTENDE? 8

9 Company presentation PANELISTS 8 (ITV) INTERLOCUTORI: panel di investitori / esperti PRESENTAZIONE: 8 minuti Q&A: 7 minuti sessione di approfondimento FEEDBACK (eventuale): nei successivi momenti di networking 9

10 COSA DOVETE PREPARARE? (E COME ) 10

11 ELEVATOR PITCH IL VOSTRO GOAL Proporre un BUON INVESTIMENTO a INVESTITORI PROFESSIONALI. Linguaggio e contenuti devono essere adeguati allo scopo 11

12 Dettaglio vs. Efficacia 12

13 Ho una grande idea da finanziare! Parliamone 13

14 L OBIETTIVO: SUSCITARE INTERESSE 14

15 UN BUON RISULTATO Ottengo una possibilità di follow-up (se tutto va bene siamo solo all inizio di un lungo processo ) 15

16 Ma non gli ho neanche ancora chiesto dei soldi?? UN CATTIVO RISULTATO! 16

17 Quale stile di comunicazione per un «elevator pitch»? SINTETICO: concetti chiari CHIARO: esposti in modo comprensibile EFFICACE: orientati ad un chiaro obiettivo, secondo il punto di vista di chi vi ascolta FOCALIZZATO: che cosa volete ottenere? 17

18 Un elevator pitch non è: La presentazione aziendale al cliente Una presentazione della tesi di dottorato Una relazione ad un convegno accademico Una relazione al capo per dire che ha ragione Una autoincensazione Una gara a dimostrare che sono il più bravo di tutti, MA. E l occasione di pochi minuti / secondi per trasmettere un messaggio ben preciso 18

19 La ricerca di equilibrio tra aspetti contrastanti Contenuti / SIGNIFICATI e tecnica oratoria Semplicità, parole chiave, concetti forti Immagini / grafici, video e parole Sobrietà ed aggressività Visione e concretezza Intonazione voce ed «espressioni» del corpo E il frutto di un processo fatto di pensiero, confronti e critiche anche feroci!

20 I concetti ( pochi, ma buoni ) Il problema che volete risolvere La vostra visione: idea di business / business model / tecnologia Esistenza di un mercato raggiungibile, con alto potenziale di crescita Esistenza e sostenibilità del vantaggio competitivo / unicità Minacce e rischi (noti e presunti) Qualità del team imprenditoriale Risorse necessarie, obiettivi di crescita, FUNDING NEEDS 20

21 UN CONSIGLIO: 21

22 PER EVITARE BRUTTE FIGURE

23 NON SI IMPROVVISA. BISOGNA PREPARARE IL PITCH CON CURA! (E RIVEDERLO MOLTE VOLTE ) 23

24 Da dove inizia la preparazione? Bisogna chiarirsi i seguenti aspetti: Messaggio ed obiettivi Tempi a disposizione (1 minuto / slide) Contenuti essenziali e presentabili nel tempo a disposizione (i titoli delle slide) La forma da utilizzare (varia anche in funzione anche degli interlocutori) 24

25 Allenamento e Rifinitura (I passi successivi) Tradurre i concetti che si vogliono trasmettere in modo comprensibile e comunicabile Selezionare i contenuti (quelli che vidistinguono) Eliminare i dettagli inutili (altrimenti si perdono attenzione ed efficacia) Essere breve: max 1 per ogni concetto Trasmettere passione e competenza, con adeguato tono di voce e stile di presentazione Mettere in evidenza i limiti dell idea e delle assunzioni su cui essa si basa 25

26 La prova del 9 (la verifica continua ) Sintetico: le parole giuste, «poche ma buone»! Chiaro: «lo deve capire anche mia nonna» Convincente: «ecco il problema che risolvo!» Credibile: «hey, io sono quello giusto!» Concettuale: come funziona no dettagli tecnici Concreto: basato su evidenze, fatti Personalizzato: fatto su misura per chi ascolta Coerente: verifica la coerenza complessiva Interlocutorio: non è possibile «DIRE TUTTO»; creare interesse per ulteriori approfondimenti 26

27 Un processo che non finisce mai. Fai diverse prove con amici che sanno poco o nulla della tua idea Raccogli ed analizza i loro commenti e cerca di capirli Lavora sul supporto cartaceo/digitale Slide chiare ed efficaci Prova le animazioni Occhio ai video TIP: tieni sempre aggiornato il pitch con lo sviluppo dell idea di business 27

28 QUANDO e con CHI? Stesso concetto, tante applicazioni Convincere family, fools & friends Coinvolgere i Business Angels Portare a conclusione il primo round con un VC (vari steps) 28

29 2. I CONTENUTI: PUNTI CHIAVE E MODALITA DI PRESENTAZIONE 29

30 L indice «essenziale»: da dove partire e dove arrivare? 1. La visione ed il bisogno a cui ci si rivolge (interessa a qualcuno?) 2. Il Business Model e la compelling Value Proposition 3. La tecnologia utilizzata: cosa avete fatto e che cosa la caratterizza? 4. Il processo di search ( get out of the building ) e di validazione del prodotto / servizio: a che punto siete? 5. Il mercato: evidenze su esistenza e contendibilità 6. Il team imprenditoriale: chi siete? 7. La robustezza delle assunzioni e della struttura delle previsioni economico finanziarie (i bisogni di capitale) 8. In breve: COSA OFFRO e COSA VOGLIO

31 Quindi, cosa è essenziale (da dove partire e dove arrivare???) COSA OFFRO: UNA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO* CON UN BUON POTENZIALE DI REDDITIVITÀ ED ALTO RISCHIO COSA VOGLIO: LE RISORSE (FINANZIARIE E NON) NECESSARIE PER REALIZZARE CON SUCCESSO L INVESTIMENTO * Quote di proprietà dell impresa ed alcuni diritti di controllo 31

32 COME PREPARARE I DIVERSI «MATTONI» DEL PITCH Emilio PAOLUCCI 32

33 A. Il business model*: lo avete in mente? * Chi vuole raccontare il proprio? 33

34 B. VALUE PROPOSITION Il principale punto di debolezza: la Value Proposition Customer: what are you offering them? what is that getting done for them? do they care?

35 Il Vostro focus sulla Value Proposition Capture the founders vision and genius Core aspect of any Business Model Without a clear VP it is impossible to get revenues VP is different from technical specs and technology VP is grounded on the concept of Minimum Viable Product It is linked to a Channel and to a Market Segments

36 Un esercizio sulla vostra Value Proposition Write a brief that captures founders thoughts about the product in 3 separate areas: Product vision (and potential early customers ) Problems you can solve and how (cheaper, better, faster ) Product features and benefits (did you validate your business case?) Your idea of Minimum Viable Product (avoid overengineering but how can I come up with it?)

37 C. Le ipotesi sul «cliente / mercato» e la loro verifica E importante capire il POTENZIALE di crescita L esistenza di un mercato non implica la capacità di soddisfarlo Solitamente i dati di mercato sono frutto di GUESSES basati su opinioni dei fondatori e/o report di esperti Essi sono quindi fonte di infinite discussioni e sono spesso un punto debole Non i possono applicare metodi delle grandi imprese A volte i concetti sono corretti ma i numeri sono esagerati RISULTATO: perdete credibilità, nessun follow-up DOMANDA: come fornire evidenze in tal senso? 37

38 Come trasformare le Ipotesi in Fatti 38

39 Il (segmento) di mercato di riferimento DETERMINA IL POTENZIALE DI CRESCITA, E QUINDI L INTERESSE DEGLI INVESTITORI Va definito con cura (spesso sbagliato; es. Internet non è un «mercato») Uno / pochi clienti occasionali NON SONO UN MERCATO Mercato fatto da bisogni comuni a molti, interessati alla vostra Value Proposition Identificate driver che ne guidano il comportamento ed il modo con cui ne tenere conto Come validate / avete validato il vostro mercato? Dimostrate di essere un BIG FISH IN A SMALL POND (non il contrario) 39

40 D. IL CANALE DI ACCESSO AL MERCATO how does each customer segment want to be reached? through which interaction points?

41 Sapere dire in che value chain vi collocate? (Bit vs. Atomi) Web Channel Physical Product Bits Physical? 41

42 Distributor EU Discounts End Consumer Gli economics dei canali: un esempio Revenue List Price Cost of Goods (Supply Chain) Profit + SG&A + R&D Reseller Dimostrate di avere capito il ruolo dei canali nel vostro BM: - nel creare il valore per il cliente - Nel determinare il prezzo finale (vedi esempio di distributore / reseller) Source: Mark Leslie, Stanford GSB 42

43 E. L analisi dei concorrenti (1) Serve a validare il vostro vantaggio competitivo e la sua sostenibilità Definire «Chi sono?» e «Come sono posizionati?» Dichiarare quali sono i vostri punti di forza e di debolezza. Che evidenze avete raccolto su questo punto? Come pensate di competere (quali leve di competizione avete a vostra disposizione e come si coniugano con il mercato?) Ecc. 43

44 L analisi dei concorrenti (2) Come deve essere fatta? Scegliere imprese effettivamente paragonabili (es. Microsoft non è concorrente di nessuna start-up) Dimostrate di conoscere i vostri concorrenti Fate il confronto sugli elementi tecnici che determinano la vostra VP e la domanda di mercato Tali elementi vanno elencati e per ognuno di essi operato il confronto in termini relativi e assoluti Usare tabelle a doppia entrata o rappresentazioni simili

45 F. Le risorse chiave: l IP Quanto è importante la vs. Proprietà Intellettuale (IP)? Un brevetto è una risorsa, non un vantaggio competitivo!!!!! Una domanda di brevetto non è un brevetto Avere un brevetto «robusto» (quanta cura ci avete messo nel redigere la domanda?) Difendere un brevetto implica costi dell ordine dei 100 k Importanza per investitori è limitata da contesto A che punto siete con IP rispetto ai concorrenti? 45

46 G. Il team imprenditoriale Aspetto fondamentale di presentazione dell impresa e di scelta degli investitori Alcuni temi da evidenziare: Chi siete? Qual è la vostra esperienza utile? Quali competenze vi rendono unici ed affidabili? Quanto tempo dedicate all idea?. La domanda di fondo è perché voi? 46

47 H. L approccio strategico Necessario dimostrare di avere una visione strategia chiara Chiarire come si costruiscono valore e vantaggio competitivo Non è necessariamente oggetto di una slide a sé stante Definire fasi di sviluppo / roadmap tecnologica Influenza impostazione economics & financials e richieste di finanziamento a investitori 47

48 I. Le Forze Esterne: come tenerne conto? Nel presentare dovete mostrare conoscenza del fatto che la vostra idea è soggetta alla azione di forze esterne, quali: 1. Mutamenti nei bisogni dei clienti 2. Evoluzione della tecnologia 3. Azioni della Concorrenza 4. L assetto di regole (legali, standard tecnici, ecc.) dell ambiente di riferimento 5. E UTILE AVERE SLIDE DI BACK-UP DI DETTAGLIO PER QUESTI ASPETTI, SE RILEVANTI 48

49 I. Economics & Financials Dare informazioni aggregate su andamento Flussi di Cassa Dimostrare che sono basati su assunzioni coerenti con tutti gli elementi discussi Focus su dati relativi a sostenibilità del business (break even, marginalità, investimenti, ecc.) Usare linguaggio grafico, chiaro Approndimento in ulteriori incontri 49

50 3. ALCUNI ESEMPI DI DETTAGLIO UTILI PER LA VOSTRA PRESENTAZIONE 50

51 VEDIAMO ALCUNI ESEMPI Ricorda: X minuti, X slide al massimo. ma non dimenticate quelle di back-up per aiutarvi nelle risposte 51

52 Riassumendo, avete X 00 per presentare i seguenti concetti La vostra idea + il prodotto/servizio Modello di business Il mercato potenziale e raggiungibile Strategia e vantaggio competitivo Il team imprenditoriale Le opportunità economiche.. In aggiunta dovete avere con voi slide di backup che vi aiutino durante il Q&A 52

53 3.A LA PRESENTAZIONE DEL VOSTRA VALUE PROPOSITION E DEL PRODOTTO / SERVIZIO 53

54 Cosa dire (e cosa no ) OK Oggetto della vostra presentazione Con cosa si confronta e perché Quale valore crea sotto quali condizioni Dare quantificazioni e metriche (euro) comprensibili Citare fonti e fatti per sostenere il proprio punto di vista NO Siamo gli unici al mondo Abbiamo un prodotto (e se fosse un prototipo? O solo una nuova tecnologia?) Esprimere valutazioni assolute senza metriche «Risolviamo tutti i problemi» Asserzioni prive di riscontri fattuali

55 Solution Advantages High Efficiency Low Efficiency Traditional η vs. V IN Patent 550 η vs. V IN V OUT V IN AVG On average, it works at a lower efficiency point. V IN AVG = V OUT No Operation V IN V IN On average, it works at an optimum efficiency point. Esempio 1: convertitore di energia: cosa capite?

56 Off-grid integrated technologies Water Objectives Tank Focus on system performances (water) Lower investment for PVs, well, etc. Simpler installation Easier maintenaince DC/DC Regulator Land Irrigation Drinking Water Photovoltaic Panels Submersible DC Pump Water spring

57 Benefits and Value Proposition Flexibility in energy sources More water pumped Cheaper Today Simpler conversion system % (Capex, Opex) Optimum energy extraction High conversion efficiency Better pumping continuity MUCH Cheaper Tomorrow Organic photovoltaics + +30% water +8% water +30% water

58 Es. 2: Gnammo: WHAT IS IT? It s a startup created by merge of two similar ones offering a web-based platform Its Goal: Create a social network based on cuisine aiming to create a new market It acts as a intermediary between Gnammers and Cooks

59 VALUE PROPOSITION Gnammer Social Experience - New adventures, making acquaintances - Dine out in a different location - Discover new meals Save money Cook Familiar environment - Host people in own home - Cook with own tools Earn money, working as a chef even if he/she doesn t have a restaurant Test their skills with immediate feedback

60 HOW IT WORKS? Event & Menu Creation 1 2 Search & Request Accept or Reject 3 4 Payment Expired application 5 Buys ingredients 6 Event 7 Event Feedbacks to Gnammers Feedback to Cook 60

61 Es. 3: WineOpedia is the First Ever Mobile Wine Encyclopedia FROM TO TRIGGERED BY Enlarged product & brand identity E-label Referenced contents

62 Es. 4: A TeleHealthcare solution ADAMO Indoor Tele-assistance Tele-monitoring Emergency mngmnt Cortesy calls Status check Service Provider Call Center Telerescue Data backup Data Storage Only for full-optional version Data management

63 Es. 5: Ottimizzazione conversione energia Sorgente privilegiata/controllata DC Non ci sono limiti di applicazione power converter Utenza regolata Rete di distribuzione AC DC AC AC DC AC DC Batterie per UPS, PC, INNOVAZIONE Elettrolizzatori AC BTS 63

64 Es. 6: Brush to play per Role Gamers Virtual Game Environment To successfully launch our platform we need: An exciting card game A kind of protection for our Brush&Play procedure

65 3.B Customer Segment e MERCATO: DEFINIZIONE E FATTI 65

66 Cosa dire (e cosa non ) SI Come lo avete identificato e che potenziale offre Le caratteristiche del segmento in cui intendete operare Come avete validato l offerta di valore Quali sono i canali di accesso al mercato e quanto costano La vostra comprensione del processo di acquisto del cliente e quello di costruzione dei prezzi di mercato NO: Trascurare il ruolo dei canali di accesso al mercato Parlare di mercati di miliardi di euro, non raggiungibili Dimenticare di segmentare il mercato Value Proposition slegata dal mercato Assenza strategia di ingresso («va bene iniziare in qualsiasi modo».. 66

67 Es. 1 ITALIAN TARGET MARKET Dined out Market 55 B Overall Meals 1,6 Billions Source: FIPE (2011) Source: ISTAT (2011) 0,002% of Potential Meals Main goal: Expand as fast as Airbnb (first 6 months) Dec 2012: Meals Internet Researches 84 Millions Yearly Volumes 0,035% of Internet Researches (Keyword Ristorante ) 67

68 1. PRIMARY RESEARCH 280 questionnaires: Preliminary segmentation Workers: - Quality of Food - Familiar Environment Students: - Different Location - Personal Pleasure Gnammers willingness to pay Average Expense: xx Saving: yy% Average Expense: ww Saving: zz% Searching Criteria: Word of Mouth, Friends and Internet Low loyalty (30%) Cuisine not perceived as social No particular interest in gaming among workers 68

69 1. PRIMARY RESEARCH (cont.) Innovators profile Age Range: years old Increase acquaintances Mainly Cooks Events Typology Basic event Elegant event Exclusive event Quantity focused cuisine Quality focused cuisine Upscale cuisine Over 30 69

70 Es. 2 - The product (Prototype) Features Internet connection and browsing Video recording with hard disk Audio and video player Digital TV decoder, IPTV decoding Value proposition Upgrading old TV in a Smart TV

71 WHO IS THE CUSTOMER? No segmentation mass market WHAT DO THE CUSTOMER LIKE? Smart features WHERE DO THEY LOOK FOR INFO? On Internet 78% WHERE DO THEY BUY? In store 88% WHAT DRIVES THEIR PURCHASE? Technical Performance 90% 2. Market Results HOW TO COMMUNICATE TECHNICAL PERFORMANCE? Brand as proxy -73% association with big brands 26% knows Brionvega Sample: 574 heterogeneous respondents WHICH IS A FAIR PRICE?

72 2. Market Opportunity & Weakness WOULD YOU BUY A SMART STB? o o o 47% not interested 13% Interested 40% Interested but... CUSTOMERS COMPLAIN o Complex / weak graphic interface o Uncomfortable remote controller Latent Market Market opportunity for the value proposition

73 73 2. Industry - Dynamic of Set Top Box Italian Smart STB market 200k* pieces sold in 2011 Grow rate at 20% until 2015 Low ADSL penetration *Source: "Display Search" Forecasted Italian market of Smart STB [k ] * *Source: "MEKO", "GFK" and "Display Search" Life-cycle Smart TV: 7 years* Smart features: 3 years* Smart STB: 3 years *Source: "Next TV"

74 Es. 3: THE POTENTIAL MARKET PRIMARY MARKET 2,2 milion over 75 self-sufficient but with the need of social-assistance services SECONDARY MARKET Relatives Public (157 ASL, social-assistance structures, minor parties) Private (3 telecare services providers, chemists) System integrators (Telecom, IBM contacted) Carlo CAPELLO

75 Es. 4: UN MERCATO VASTO E GLOBALE Enorme potenzialità di mercato (range di prezzo di vendita euro/kw) Target di mercato selezionati: Energia rinnovabili Fotovoltaico 3.1 GW per il 2010 (solo in Italia, Germania e Spagna) Eolico 10 GW per il 2010 in Europa Risparmio energetico BTS pezzi all anno (globale) per il 2010 Fonti: EPIA 2009, GSMA 2010, EUEA Solo in Europa, i segmenti individuati valgono 20GW nel 2010 Crescita globale del settore: almeno 30% all anno Boom attesi: fotovoltaico in Nord America, BTS in Sud America, energy backup in Far East, Mercati da esplorare: produzione elettrochimica, raddrizzatori industriali e ferrotranviari, azionamenti e regolatori di velocità Non si ha notizia di tecnologie (attuali o in fase di sviluppo) che permettano analoghe prestazioni e con time-to-market paragonabile. 75

76 Es.5:It is a Billions Market Opportunity ITA EU US JAP Global Players [Mln] 0,33 4,3 4,6 1,4 12,6 Market [ Mln] Flat growth: ~1% (source: NPD, Hasbro, Konami) Low dynamics of technological innovation Small market area due to demographic trends 76

77 5. Market Segmentation Game typology: Face-to-face Online Age User s involvement Plays every day Plays for challenges Is highly involved Plays few hours a week Plays for fun Is not that involved Hardcore Gamer Casual Gamer 77

78 5. Identikit Gamer Age 9-40: Kids Teen Adults He involves friends (word of mouth) He shares a code of ethics He feels part of the community Self-discipline Empathy for physical cards He likes technological innovations He also plays online 78

79 3.C ANALISI CONCORRENTI E VANTAGGIO COMPETITIV

80 Come definisco un mio concorrente? Quali sono le tipologie di concorrenti che mi trovo davanti? Quali sono le leve di competizione? Come si legano alla mia Value Proposition dichiarata Su quali leve decido di competere? Ovvero come posso differenziare la mia offerta rispetto alla loro? Su quali ho un vantaggio rispetto ai concorrenti? Come misuro questo vantaggio? E un vantaggio sostenibile o temporaneo (ad esempio costo o prezzo)? E un vantaggio relativo o assoluto? Quali reazioni potrei dover sostenere da parte dei miei concorrenti?.. Le domande da farsi

81

82

83 Es. 2 - Industry Threats Substitute products Console - Smart TV - IPTV Decoder Competitors 3 players 70% italian market Weak competition Future entrants Big Brands - Highly competitive

84 2. Industry Benchmarking

85 GLI STEP DI IMPLEMENTAZIONE 85

86 Cosa dire Quali sono gli step di implementazione che avete previsto Metriche per misurare raggiungimento dei diversi punti intermedi del piano Per ognuno di essi dimostrare che si conoscono obiettivi intermedi, risorse necessarie, costi, ecc. In che modo essi determinano struttura delle proiezioni economico / finanziarie e servono per tranching dei finanziamenti richiesti? Dettaglio fa parte delle slide di back-up che dovete necessariamente avere 86

87 87 Es. 1 The Implementation Plan Timeline What: Product Awareness How: Social media and Blogs Brionvega website In store promotion App and Movie store User friendly interface and remote controller Redesign of the product aligned with Brionvega s one MHP and CI+ Standard

88 IL TEAM IMPRENDITORIALE 88

89 Cosa dire Chi siete in relazione all idea (1 slide con tutto il team, non il CV completo ) Dimostrare che siete un team ben assortito e che avete ruoli ben definiti per ognuno (come vi siete divisi le responsabilità gestionali, commerciali e tecniche?) Quale esperienza avete in sintesi? Le competenze sono coerenti e sufficienti rispetto a quanto richiesto per il successo dell iniziativa? 89

90 LE PROIEZIONI ECONOMICO FINANZIARIE 90

91 Cosa dire Sintesi di tutta la presentazione, volta ad identificare elementi di sostenibilità economica e finanziaria Richiede una rappresentazione semplice e chiara Proiezioni basate su assunzioni che derivano da punti precedenti (mostrare coerenza e conseguenzialità logica) Prevale la parte finanziaria ( cash is the king ) Evitate di sottostimare risorse necessarie e relativi costi Fate capire e quantificare gli investimenti necessari e la capacità di generare valore attraverso di essi Eventualmente chiarite quanto è facile / difficile raggiungere breakeven economico e finanziario in relazione alle quantità del mercato obiettivo Analisi di sensitività è più importante di valori assoluti 91

92 A cosa fare attenzione? Chiarezza e semplicità (dettagli in back-up) Scale e unità di misura Assunzioni legate a analisi precedente Misurazione dei vantaggi Potenziale di crescita Struttura di costo Variabili di scenario e variabili critiche su cui fare analisi di sensitività (RISCHIO) METRICHE SU INVESTIMENTI RICHIESTI E RITORNI ATTESI UTILIZZO DEI FONDI RICHIESTI 92

93 La versione standard 93

94 La versione standard (cont.) 94

95 La versione standard (cont.) 95

96 2. Economics & Financial Structure Cost Structure Data & Assumptions Target market share: 20% Interest Rate: 9% Lead Time: 10 weeks Marketing: Double effect of Word of Mouth and Advertising Purchasing Cost:

97 2. Economics & Financial Results Profitability Revenues [k ] Sales [pcs] ROS 4,7% 8,1% 7,8% EBITDA [k ] Net Income [k ] Marketing Expenses [k ] (Total three years) Financial Dec Leverage 260% Cash Flow Analysis Payback period 36 months Residual Loan [k ] IRR 17% Cash [k ] Batch financial exposure 4,5 months Batch financial exposure Months

98 2. Sensitivity Analysis Cost (Material) Share IRR PayBack time IRR PayBack time IRR PayBack time IRR PayBack time IRR PayBack time 10% -8,9% None -27,5% None -44,7% None -59,0% None -69,9% None 15% 44,8% 35 17,5% 36-10,3% None -30,3% None -48,2% None 20% 90,2% 24 52,9% 35 14,1% 36-11,2% None -34,7% None 25% 131,8% 23 84,6% 24 35,3% 36 5,0% 36-23,7% None 30% 169,9% ,1% 24 53,4% 35 18,4% 36-15,0% None

99 2. Sensitivity Analysis Marketing / Purchasing cost The analysis confirms that purchasing cost is the most relevant variable Few profitable scenarios

100 Emilio 100 Paolucci 100

COME e PERCHE PREPARARE UN ELEVATOR PITCH. Emilio Paolucci 27 ottobre 2015

COME e PERCHE PREPARARE UN ELEVATOR PITCH. Emilio Paolucci 27 ottobre 2015 COME e PERCHE PREPARARE UN ELEVATOR PITCH Emilio Paolucci 27 ottobre 2015 Alcuni esempi https://www.youtube.com/watch?v=ehdap1oq9zw https://www.youtube.com/watch?v=ubnjh2rooli https://www.youtube.com/watch?v=xsk3xo2-3re

Dettagli

presenta Olimpia Ponno Communication & Marketing Consultant, Trainer, Author President MPI Italia

presenta Olimpia Ponno Communication & Marketing Consultant, Trainer, Author President MPI Italia Con il patrocinio di In collaborazione con presenta Olimpia Ponno Communication & Marketing Consultant, Trainer, Author President MPI Italia in collaborazione con Massimo Carpo - BC Today 3 dicembre 2014

Dettagli

Market Data / Supplier Selection / Social Advertising / User Experience / Call-toaction /Brand fidelity / Brand awareness

Market Data / Supplier Selection / Social Advertising / User Experience / Call-toaction /Brand fidelity / Brand awareness SOCIALIKEE Market Data / Supplier Selection / Social Advertising / User Experience / Call-toaction /Brand fidelity / Brand awareness Fondatore Massimiliano Mascoli TARGET & NEED 2. Target & Need Trust

Dettagli

Il Piano di Marketing. alessandra.gruppi@mib.edu

Il Piano di Marketing. alessandra.gruppi@mib.edu Il Piano di Marketing 1 Di cosa parleremo A cosa serve il marketing In cosa consiste Perché scrivere un piano di marketing Come scriverlo...in particolare per new business e innovazioni 2 Because its purpose

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY COME PRESENTARE BREVEMENTE LA PROPRIA IDEA D IMPRESA. Nicola Redi. 2015 Nicola Redi

EXECUTIVE SUMMARY COME PRESENTARE BREVEMENTE LA PROPRIA IDEA D IMPRESA. Nicola Redi. 2015 Nicola Redi EXECUTIVE SUMMARY COME PRESENTARE BREVEMENTE LA PROPRIA IDEA D IMPRESA Nicola Redi Cos è una banca? 26 maggio 2015 Università di Sassari 2 Una cassaforte 26 maggio 2015 Università di Sassari 3 Il tuo consulente

Dettagli

INNOVATIVE LIGHTING SOLUTION COMPANY PRESENTATION

INNOVATIVE LIGHTING SOLUTION COMPANY PRESENTATION INNOVATIVE LIGHTING SOLUTION COMPANY PRESENTATION CHI SIAMO GREENLED INDUSTRY, A NEW LIGHTING COMPANY IS GROWING FAST NASCE NEL 2012 COME START-UP INNOVATIVA ALL INTERNO DELL INCUBATORE ITALEAF SPA SETTORE

Dettagli

Service Design Programme

Service Design Programme Service Design Programme SERVICE DESIGN - cosa è Il Service Design è l attività di pianificazione e organizzazione di un servizio, con lo scopo di migliorarne l esperienza in termini di qualità ed interazione

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Il Business Plan. 15 Febbraio 2016 Marco Menichini

Il Business Plan. 15 Febbraio 2016 Marco Menichini Il Business Plan 15 Febbraio 2016 Marco Menichini Che cos è? E un documento che sintetizza un progetto imprenditoriale A cosa serve? 1) Studio di fattibilità. La mia idea è davvero buona? 2) Guida operativa.

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

Come Fare un Business Plan in 30 Minuti (con Esempio)

Come Fare un Business Plan in 30 Minuti (con Esempio) Come Fare un Business Plan in 30 Minuti (con Esempio) Il business plan è un importante strumento di pianificazione economica e finanziaria fondamentale in fase di start up aziendale ai fini della presentazione

Dettagli

Per sviluppare il vostro prodotto dimenticatevene. Focalizzatevi sul cliente

Per sviluppare il vostro prodotto dimenticatevene. Focalizzatevi sul cliente Per sviluppare il vostro prodotto dimenticatevene. Focalizzatevi sul cliente Renzo Rizzo, Direttore Practice Business Innovation, e Master in Marketing Management & Innovation, Fondazione ISTUD Business

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN

MODELLO DI BUSINESS PLAN MODELLO DI BUSINESS PLAN Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile, possibilmente non

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Programma degli incontri: INVESTITORI: COME VALUTANO E COSA CHIEDONO ALLA START-UP Imola, 15 aprile 2015 h. 15.00 18.30

Programma degli incontri: INVESTITORI: COME VALUTANO E COSA CHIEDONO ALLA START-UP Imola, 15 aprile 2015 h. 15.00 18.30 INNOVAMI Camp: scaling-up your business. Edizione 2015 Il percorso "Scaling-up your business" è orientato a formare e fare incontrare le start-up e i progetti di impresa del territorio con manager, imprese

Dettagli

Cosa significa misurare una strategia Riflessioni e pratiche dal mondo dell impresa. Andrea Manfredi Roma, 25 Novembre 2013

Cosa significa misurare una strategia Riflessioni e pratiche dal mondo dell impresa. Andrea Manfredi Roma, 25 Novembre 2013 Cosa significa misurare una strategia Riflessioni e pratiche dal mondo dell impresa Andrea Manfredi Roma, 25 Novembre 2013 Contenuti del documento SuperMoney Media Group Blasting News Cosa significa misurare

Dettagli

Pitch Template. Guida alla compilazione

Pitch Template. Guida alla compilazione Pitch Template Guida alla compilazione IL PITCH Il pitch è il veicolo di promozione del progetto che deve contenere le informazioni necessarie a divulgare e rendere attrattiva la propria business idea.

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

LA GESTIONE DI UN IMPRESA INNOVATIVA: modelli di business e business planning. A cura di Fabrizio Bugamelli

LA GESTIONE DI UN IMPRESA INNOVATIVA: modelli di business e business planning. A cura di Fabrizio Bugamelli LA GESTIONE DI UN IMPRESA INNOVATIVA: modelli di business e business planning A cura di Fabrizio Bugamelli 1) Impresa innovativa : una definizione Organizzazione che genera i profitti attraverso la realizzazione

Dettagli

"CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI"

CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI "CRM - CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT NELLE AMMINISTRAZIONI" Marco Beltrami COMPA, Novembre 2004 COMPA Bologna 2004 IBM oggi non solo Information Technology! L ottava società mondiale per dimensione 45%

Dettagli

IL BUSINESS PLAN CCIAA Reggio Emilia Dott. Alessandro Garlassi IL BUSINESS PLAN. 07 Ottobre 2015 CCIAA Reggio Emilia. Dott. Alessandro Garlassi

IL BUSINESS PLAN CCIAA Reggio Emilia Dott. Alessandro Garlassi IL BUSINESS PLAN. 07 Ottobre 2015 CCIAA Reggio Emilia. Dott. Alessandro Garlassi IL BUSINESS PLAN 07 Ottobre 2015 PROGRAMMA DI FORMAZIONE 1 2 3 4 5 Il percorso d impresa Disegnare il business Dall idea all azione: il business plan I contenuti del Business Plan La valutazione del progetto

Dettagli

IL BUSINESS PLANNING LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN. 2. Analisi dell ambiente. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva

IL BUSINESS PLANNING LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN. 2. Analisi dell ambiente. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN 2. Analisi dell ambiente Avendo chiarito la vostra idea imprenditoriale (cosa volete vendere ed a chi), oltre agli obiettivi che vi prefiggete, è ora necessario capire in

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Dodici

U Corso di italiano, Lezione Dodici 1 U Corso di italiano, Lezione Dodici U Al telefono M On the phone U Al telefono D Pronto, Hotel Roma, buongiorno. F Hello, Hotel Roma, Good morning D Pronto, Hotel Roma, buongiorno. U Pronto, buongiorno,

Dettagli

Dalla Business Idea al Business Plan - 1 -

Dalla Business Idea al Business Plan - 1 - Dalla Business Idea al Business Plan - 1 - Elementi base per il Business Plan - 2 - Imprenditore = Persona Da che cosa partire? dalle persone Un buon gruppo di neoimprenditori migliorerà l idea a fronte

Dettagli

Startup, ristrutturazione e consolidamento come e quando coinvolgere i propri clienti? Nicola Mona Giornata Marketing 22 maggio 2014

Startup, ristrutturazione e consolidamento come e quando coinvolgere i propri clienti? Nicola Mona Giornata Marketing 22 maggio 2014 Startup, ristrutturazione e consolidamento come e quando coinvolgere i propri clienti? Nicola Mona Giornata Marketing 22 maggio 2014 Questioni di prospettive Sometimes, what you see depends on where you

Dettagli

31 gennaio 2013 - Distillerie F.lli Branca, Milano

31 gennaio 2013 - Distillerie F.lli Branca, Milano 31 gennaio 2013 - Distillerie F.lli Branca, Milano Definizione di Social Media Interconnesso, interdipendente e in evoluzione Immediatezza e facilità di contatto Tipologia di interazioni: (1) Connecting

Dettagli

Evento di Apertura 11/6 dalle 15 alle 18. 1 Modulo: efficacia personale 12-13/06. 2 Modulo: analisi di mercato e posizionamento aziendale 17-18/07

Evento di Apertura 11/6 dalle 15 alle 18. 1 Modulo: efficacia personale 12-13/06. 2 Modulo: analisi di mercato e posizionamento aziendale 17-18/07 Training partners Calendario Modulo Data Evento di Apertura 11/6 dalle 15 alle 18 1 Modulo: efficacia personale 12-13/06 2 Modulo: analisi di mercato e posizionamento aziendale 17-18/07 3 Modulo: marketing

Dettagli

BUSINESS PLAN NATURAL...MENTE SCUOLA

BUSINESS PLAN NATURAL...MENTE SCUOLA NATURAL...MENTE SCUOLA BUSINESS PLAN Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia e per la Campania Direzione Generale Cosa è? Criteri di I livello

Dettagli

Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura. www.claudiazarabara.it Dicembre 2015

Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura. www.claudiazarabara.it Dicembre 2015 Come sviluppare una strategia social per la promozione della propria struttura www.claudiazarabara.it Dicembre 2015 Utenti Internet nel mondo Utenti Internet in Europa Utenti Internet in Italia Utenti

Dettagli

XaaS, anything as a Service, la nuova frontiera dell IT

XaaS, anything as a Service, la nuova frontiera dell IT XaaS, anything as a Service, la nuova frontiera dell IT Cloud Day 8 Ottobre 2014 Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT Ing. Filpa Paolo XaaS Anything as a Service IAAS Infrastructure as a Service PAAS

Dettagli

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622 PROGRAMMA CORSO MARKETING ED INNOVAZIONE NEL MERCATO FARMACEUTICO TITOLO RAZIONALE PRINCIPALI ARGOMENTI ORE Modulo 1 Modulo 2 Marketing strategico Marketing operativo Questo modulo introduce gli aspetti

Dettagli

DOVE LA REALTÀ RAGGIUNGE L IMMAGINAZIONE PRENDONO FORMA LE IDEE

DOVE LA REALTÀ RAGGIUNGE L IMMAGINAZIONE PRENDONO FORMA LE IDEE DOVE LA REALTÀ RAGGIUNGE L IMMAGINAZIONE PRENDONO FORMA LE IDEE Grazie alla sinergia delle sue business unit, GGF Group accorcia la distanza tra il presente che hai costruito e il futuro che sogni per

Dettagli

VI Convention Nazionale FEDERCONGRESSI&EVENTI 15 marzo 2013 Importanza della Web Reputation MASIMO ROVELLI LUISS Guido Carli

VI Convention Nazionale FEDERCONGRESSI&EVENTI 15 marzo 2013 Importanza della Web Reputation MASIMO ROVELLI LUISS Guido Carli Digital Media in convergenza È una questione SOCIALE. Papa Francesco I Twitter said it had seen some 7 million tweets related to the new pontiff, a number that seems sure to grow by the end of the day.

Dettagli

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità Mario Massone fondatore Club CMMC 1) Il Marketing, nuova centralità: meno invasivo, più efficace 2) La customer experience, come

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Chi siamo. ActValue: 2

Chi siamo. ActValue: 2 Dietro il Carrello Chi siamo ActValue Consulting & Solutions è attiva nel mondo dell IT e della consulenza dal 2004. Specializzata in Servizi ecommerce, Sviluppo Software, Web Application, Management Consultancy,

Dettagli

Piano di business preliminare

Piano di business preliminare Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica del Prodotto/Servizio

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Microsoft Dynamics CRM Live

Microsoft Dynamics CRM Live Microsoft Dynamics CRM Live Introduction Dott. Fulvio Giaccari Product Manager EMEA Today s Discussion Product overview Product demonstration Product editions Features LiveGRID Discussion Product overview

Dettagli

Intercettare le esigenze del cliente per accrescere l efficacia commerciale

Intercettare le esigenze del cliente per accrescere l efficacia commerciale Intercettare le esigenze del cliente per accrescere l efficacia commerciale Dal CRM Strategico, alle logiche di social networking, couponing e loyalty Davide Diemmi Responsabile Sviluppo Offerta 1 Agenda

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Argomenti principali. 1. Trend e mercato. 2. Samsung: contenuti e soluzioni. 3. Evoluzione del mondo finanziario

Argomenti principali. 1. Trend e mercato. 2. Samsung: contenuti e soluzioni. 3. Evoluzione del mondo finanziario Argomenti principali 1. Trend e mercato 2. Samsung: contenuti e soluzioni 3. Evoluzione del mondo finanziario 1 I principali trend della nuova societa MOBILE DEMATERIALIZZAZIONE BIG DATA COMUNICAZIONE

Dettagli

dall idea alla sua ideale realizzazione

dall idea alla sua ideale realizzazione dall idea alla sua ideale realizzazione Advertising above & below the line Comunicazione e soluzioni web Consulenza marketing Realizzazione eventi, fiere e promozioni Radio e tv instore Digital Signage

Dettagli

MORE. FOR YOUR COMPANY PROFILE CUSTOMER

MORE. FOR YOUR COMPANY PROFILE CUSTOMER MORE. FOR YOUR COMPANY PROFILE CUSTOMER ABOUT NOW!retail specialist supporta le reti commerciali nei progetti di organizzazione e sviluppo. Siamo un gruppo di professionisti che ha nel proprio dna il mestiere:

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Il massimo dei risultati, con il minimo sforzo e nel minor tempo possibile! Creative Consulting

Il massimo dei risultati, con il minimo sforzo e nel minor tempo possibile! Creative Consulting Il massimo dei risultati, con il minimo sforzo e nel minor tempo possibile! Creative Consulting La maggior parte della nostra attività di consulenza ruota intorno a un Framework che abbiamo ideato e perfezionato

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Get Instant Access to ebook Guida Agli Etf PDF at Our Huge Library GUIDA AGLI ETF PDF. ==> Download: GUIDA AGLI ETF PDF

Get Instant Access to ebook Guida Agli Etf PDF at Our Huge Library GUIDA AGLI ETF PDF. ==> Download: GUIDA AGLI ETF PDF GUIDA AGLI ETF PDF ==> Download: GUIDA AGLI ETF PDF GUIDA AGLI ETF PDF - Are you searching for Guida Agli Etf Books? Now, you will be happy that at this time Guida Agli Etf PDF is available at our online

Dettagli

Il Business Model Canvas Value side

Il Business Model Canvas Value side Il Business Model Canvas Value side Andrea Mezzadri 1 BMC Partnership Attività Valore offerto Relazioni con i clienti Segmenti di clientela Risorse Canali Struttura dei costi Flussi di ricavi 2 1 Value

Dettagli

Comunicazione digitale: le opportunità per clienti e consulenti finanziari

Comunicazione digitale: le opportunità per clienti e consulenti finanziari www.pwc.com/it/am Comunicazione digitale: le opportunità per clienti e consulenti finanziari Milano I social media in Italia 2 La comunicazione digitale in Italia La diffusione dei nuovi device mobili

Dettagli

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing Marketing research Definition (AMA): Marketing research is the function that links the consumer, customer, and public to the marketer through information--information used to identify and define marketing

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO D.1 BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Un percorso dedicato Riduzione costi Qualità Oobeya Room Product Development Value Stream Map

Dettagli

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO!

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! MONDO GRAFICA 7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! IL MATTONE di ogni comunicazione Grafica La pubblicità è quella forma di comunicazione che raggruppa la diffusione di messaggi

Dettagli

Programma Agency. ottenere nuovi #contatti. aumentare le vendite ed il #business on-line. pagare solo i #risultati ottenuti AIUTA I TUOI CLIENTI A:

Programma Agency. ottenere nuovi #contatti. aumentare le vendite ed il #business on-line. pagare solo i #risultati ottenuti AIUTA I TUOI CLIENTI A: Programma Agency AIUTA I TUOI CLIENTI A: ottenere nuovi #contatti aumentare le vendite ed il #business on-line pagare solo i #risultati ottenuti 24Adv per le Agenzie Il programma Agency di 24Adv è la suite

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

shared bytes -> shared good A geek proposal for the Sharing Economy survival

shared bytes -> shared good A geek proposal for the Sharing Economy survival shared bytes -> shared good A geek proposal for the Sharing Economy survival Sharitaly Milano, 9/11/2015 What challenges? Regulatory uncertainty -> -> Spending and investments delays -> Unplanned direction

Dettagli

STARTUP CAMP Strumenti per la creazione di startup e imprese innovative. Programma

STARTUP CAMP Strumenti per la creazione di startup e imprese innovative. Programma STARTUP CAMP Strumenti per la creazione di startup e imprese innovative Programma MODULO 1 Definire il modello di business e partire leggeri L'obiettivo del modulo è fornire ai partecipanti un kit completo

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Diciannove

U Corso di italiano, Lezione Diciannove 1 U Corso di italiano, Lezione Diciannove U Al telefono: M On the phone: U Al telefono: U Pronto Elena, come stai? M Hello Elena, how are you? U Pronto Elena, come stai? D Ciao Paolo, molto bene, grazie.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE COME GESTIRE I PROGETTI IN MODO PIÙ SEMPLICE, VELOCE E COLLABORATIVO? COME RENDERE LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI PIÙ VELOCE ED EFFICIENTE? COME RIDURRE LA COMPLESSITÀ DEI PRODOTTI GARANTENDO

Dettagli

Lezione 22. Il reporting

Lezione 22. Il reporting Lezione 22 Il reporting Perché i report Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se: 1. gli

Dettagli

Il cloud per la tua azienda.

Il cloud per la tua azienda. Il cloud per la tua azienda. Questo è Microsoft Cloud Ogni azienda è unica. Dalla sanità alla vendita al dettaglio, alla produzione o alla finanza, non esistono due aziende che operano nello stesso modo.

Dettagli

Pubblicità e strategie di comunicazione integrata A. a. 2013-2014

Pubblicità e strategie di comunicazione integrata A. a. 2013-2014 Pubblicità e strategie di comunicazione integrata A. a. 2013-2014 La sfida: individuare e costruire un consumer insight Una motivazione rilevanteper il target specifico, necessariaa comunicare il beneficio

Dettagli

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo BSI aiuta le organizzazioni a raggiungere l eccellenza. BSI aiuta a migliorare le organizzazioni per farle crescere e funzionare al meglio.

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

Storytelling cross-mediale. Alcune risposte, molte piu' domande. Presentazione a cura di Giovanni Spitale

Storytelling cross-mediale. Alcune risposte, molte piu' domande. Presentazione a cura di Giovanni Spitale Storytelling cross-mediale Alcune risposte, molte piu' domande Presentazione a cura di Giovanni Spitale 1. raccontare storie Perché raccontiamo storie? In quale modo le raccontiamo? Quanto tempo hanno

Dettagli

PosteMobile. Novembre 2009

PosteMobile. Novembre 2009 PosteMobile Novembre 2009 Perché PosteMobile? 2 Servizi Telefonia Mobile Miliardi di Euro* -0,6% Servizi Mobili Finanziari Milioni di Euro** +80% CAGR 2008-2013 Servizi Voce Servizi Dati 30,6 29,7 2008

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

INVENT S.r.l. Più di 60 ricercatori sono impiegati nelle start-up

INVENT S.r.l. Più di 60 ricercatori sono impiegati nelle start-up Gennaio 2015 INVENT S.r.l. Fondata nel 2002 come fondo di seed per investire in start-up innovative. Lo scopo è di valorizzare nuovi prodotti (prototipi/brevetti) mediante il trasferimento verso il mercato

Dettagli

CAPITALIZZARE DAL PASSATO PER ECCELLERE NEL FUTURO

CAPITALIZZARE DAL PASSATO PER ECCELLERE NEL FUTURO Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano IL VALORE DEL VIAGGIO NEL TEMPO Nuovo Museo del Duomo 22 Maggio 2014 LA STORIA E GLI ACQUISTI Procurement Hour CAPITALIZZARE DAL PASSATO PER ECCELLERE NEL FUTURO

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Piccole e Medie Imprese

Piccole e Medie Imprese Autopromozione per le Piccole e Medie Imprese Caratteristiche dell autopromozione. La grafica cartacea Il sito internet La pagina Facebook. Gli strumenti a pagamento. Caratteristiche dell autopromozione

Dettagli

Excellence Consulting. Company Profile

Excellence Consulting. Company Profile Excellence Consulting Company Profile Chi siamo L ECCELLENZA, l elemento principale della nostra value proposition non è solo il nostro brand ma fa parte anche del nostro DNA. Noi proponiamo eccellenza

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Success Case. Come raccogliere il 180% delle manifestazioni di interesse in 48 ore. Powered by SIAMOSOCI

Success Case. Come raccogliere il 180% delle manifestazioni di interesse in 48 ore. Powered by SIAMOSOCI Success Case Come raccogliere il 180% delle manifestazioni di interesse in 48 ore Powered by SIAMOSOCI Wanderio ha raccolto il 180% delle manifestazioni di interesse in 48 ore La maggior parte delle startup

Dettagli

ABOUT LE NOSTRE RAGIONI

ABOUT LE NOSTRE RAGIONI COMPANY PROFILE NOW! Retail Specialist snc Sede Legale Sede Operativa Via Cibrario, 50 10144 Torino Italia Via Allioni, 3 10122 Torino Italia +39 347 2654450 www.nowretail.it info@nowretail.it P.IVA 11296050013

Dettagli

Vendere online nel 2015

Vendere online nel 2015 Vendere online nel 2015 Il mercato e i numeri La strategia Le regole del gioco L acquisizione del cliente La persuasione all acquisto La fidelizzazione Il mercato e i numeri In Italia ci sono più di 30

Dettagli

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali Lezione 19 Il reporting Perché i report 1. Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali 2. Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se:

Dettagli

CLOUD LAB. Servizi IT innovativi per le aziende del territorio. Parma, 5 Dicembre 2012

CLOUD LAB. Servizi IT innovativi per le aziende del territorio. Parma, 5 Dicembre 2012 CLOUD LAB Servizi IT innovativi per le aziende del territorio Parma, 5 Dicembre 2012 Cloud Lab: highlights Cloud Lab è un progetto in Partnership tra BT Enìa e UPI/UNICT per portare alle imprese del territorio

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA

WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA WEB MARKETING MIX BROCHURE TECNICA ZIMMERMANNUNDKOLL.IT PAG. 1 DI 8 INDICE INTRODUZIONE AL WEB MARKETING MIX PAG. 03 LE FASI CHIAVE PAG. 04 RISCHIO DI INVESTIMENTO PAG. 05 DETTAGLIO SERVIZI PAG. 07 BUDGET

Dettagli

Pubblicità su Carta e Digitale : Transizione o Sinergia?

Pubblicità su Carta e Digitale : Transizione o Sinergia? Pubblicità su Carta e Digitale : Transizione o Sinergia? Convegno ASIG IFRA Milano, 11 Giugno 2011 I mercati in cui operano le Concessionarie stanno affrontando un processo di radicale trasformazione Consumatori

Dettagli

Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più

Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più Innovazione Strategica e Organizzativa d Impresa Agenda Obiettivi di Marketing e Vendite Piano di Marketing Automation Strumenti

Dettagli

Internet come media: le origini, la storia, le evoluzioni future

Internet come media: le origini, la storia, le evoluzioni future Internet Economics Prof. Paolo Cellini Anno Accademico 2012 2013, II semestre Numero totale d incontri previsti: 10 (è necessario frequentare almeno 8 incontri e superare lo scritto finale per il riconoscimento

Dettagli

Digital integrato nella Strategia di Comunicazione di un'azienda B2B

Digital integrato nella Strategia di Comunicazione di un'azienda B2B Digital integrato nella Strategia di Comunicazione di un'azienda B2B Unione Nazionale Imprese di Comunicazione Technological Digital Agency È l associazione che rappresenta il maggior numero di imprese

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

Schema per la redazione di un business plan high tech

Schema per la redazione di un business plan high tech Schema per la redazione di un business plan high tech 1. Sintesi dell idea 2. Assessment dei fattori di rischio dell iniziativa 3. Strategia competitiva 3.1 Fonti del vantaggio competitivo 3.2 Posizionamento

Dettagli

Soluzioni integrate per una città intelligente e sostenibile

Soluzioni integrate per una città intelligente e sostenibile Paolo Scalera, ABB PS Division, Arezzo, 20 Novembre 2012 Forum Internazionale Sviluppo Ambiente Salute Soluzioni integrate per una città intelligente e sostenibile Soluzioni integrate per città intelligente

Dettagli

AUMENTARE I CONTATTI E LE VENDITE CON UN NUOVO PROCESSO: LEAD ADVANCED MANAGEMENT

AUMENTARE I CONTATTI E LE VENDITE CON UN NUOVO PROCESSO: LEAD ADVANCED MANAGEMENT AUMENTARE I CONTATTI E LE VENDITE CON UN NUOVO PROCESSO: LEAD ADVANCED MANAGEMENT Obiettivi Incrementare i contatti (lead) e quindi le Vendite B2B attraverso l implementazione di un nuovo processo che

Dettagli

Tutto il materiale inspirato a Steve Blank

Tutto il materiale inspirato a Steve Blank PERCHè SIAMO QUI PAOLA PISANO pisano@di.unito.it UN RINGRAZIAMENTO AGLI STUDENTI DEL SECONDO ANNO DI INFORMATICA PER LA REVISIONE DELLE SLIDE Tutto il materiale inspirato a Steve Blank PERCHE SIAMO QUI?

Dettagli

Benvenuti STEFANO NOSEDA

Benvenuti STEFANO NOSEDA Presentazione di.. SOLAR FORTRONIC Milano 29 settembre 2011 Benvenuti STEFANO NOSEDA FARNELL ITALIA GENERAL MANAGER 1 SOLAR FORTRONIC 2 TAPPE FONDAMENTALI NELLA STORIA DELLA PROGETTAZIONE ELETTRONICA 2009

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

U.V.P. la base del Marketing U. V. P. Non cercare di essere un uomo di successo. Piuttosto diventa un uomo di valore Albert Einstein

U.V.P. la base del Marketing U. V. P. Non cercare di essere un uomo di successo. Piuttosto diventa un uomo di valore Albert Einstein U.V.P. la base del Marketing U. V. P. Non cercare di essere un uomo di successo. Piuttosto diventa un uomo di valore Albert Einstein U.V.P. la base del Marketing U. V. P. Unique Value Propositon U.V.P.

Dettagli

Supporto all avvio di progetti imprenditoriali. GAL media Valle d Aosta

Supporto all avvio di progetti imprenditoriali. GAL media Valle d Aosta Supporto all avvio di progetti imprenditoriali GAL media Valle d Aosta Questo manuale è parte del progetto LEADER Agir pour l innovation rurale Scopo del manuale Sostenere le neo imprese rurali o le imprese

Dettagli

Case history Miss Broadway

Case history Miss Broadway E giunto il momento per i brand di non preoccuparsi più dei social media, ma solo di goderne i benefici. Case history Miss Broadway Paglieri Sell System Miss Broadway http://www.missbroadway.it/ http://www.facebook.com/miss.broadway.makeup

Dettagli