Master II livello in Management della Responsabilità Sanitaria La responsabilità disciplinare dei Medici. Roberto Carlo Rossi Presidente OMCeO Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Master II livello in Management della Responsabilità Sanitaria La responsabilità disciplinare dei Medici. Roberto Carlo Rossi Presidente OMCeO Milano"

Transcript

1 Master II livello in Management della Responsabilità Sanitaria Roberto Carlo Rossi Presidente OMCeO Milano

2 Il procedimento disciplinare in sede ordinistica (alcuni problemi): - Errore professionale: l Ordine è competente? - Competenze tecniche: come risolvere il problema? - Indipendenza / Autonomia da eventuali decisioni in sede giurisdizionale e/o amministrativa? Il problema del patteggiamento. - L esponente è parte nel procedimento? - Il procedimento è discrezionale?

3 Decreto legislativo del Capo Provvisorio dello Stato 13 Settembre 1946, n. 233 Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse Art. 1. In ogni provincia sono costituiti gli Ordini dei Medici-Chirurghi, Art. 3. Al Consiglio direttivo di ciascun Ordine e Collegio spettano le seguenti attribuzioni: a) compilare e tenere l'albo dell'ordine e del Collegio e pubblicarlo al principio di ogni anno; b) vigilare alla conservazione del decoro e della indipendenza dell'ordine e del Collegio; f) esercitare il potere disciplinare nei confronti dei sanitari liberi professionisti inscritti nell'albo, salvo in ogni caso, le altre disposizioni di ordine disciplinare e punitivo contenute nelle leggi e nei regolamenti in vigore; g) interporsi, se richiesto, nelle controversie fra sanitario e sanitario, o fra sanitario e persona o enti

4

5 Immanuel Kant La Critica della Ragion Pratica In quest opera, scritta nel 1788, Kant affronta il problema della morale ed usa il metodo critico per fondare su basi razionali le norme del comportamento umano; egli, infatti, afferma che dev essere la ragione a determinare il modello di comportamento umano. L uomo è quindi libero di compiere... AZIONI LEGALI oppure

6 Questo tipo di azioni sono solo conformi alle leggi stabilite dallo Stato (non rubare, non uccidere, etc.) e risiedono nel comportamento esteriore degli uomini; secondo queste, si compie un azione solo perché la legge lo consente e non perché si ritiene giusto farla. L azione legale possiede un BASSO valore morale.

7 Questi tipi di azioni si riconoscono sia nel rispetto della legge esterna, quella stabilita dallo Stato, sia nel rispetto della legge interna, quella stabilita dalla persona che la compie. L'uomo, infatti, possiede una volontà la quale è ragione pratica che si propone fini di cui è consapevole. La ragione, legislatrice in campo conoscitivo, è tale anche in campo morale: su questa si fonda la LEGGE MORALE, che è a priori, universale e assoluta, e si distingue dalle massime pratiche, le quali, dato che hanno un contenuto determinato, rappresentano le condizioni storiche e ambientali dell'individuo.

8 La legge morale è l'unico motivo determinante della volontà pura. Ma, poiché questa legge è semplicemente formale (cioè, richiede soltanto la forma della massima, come universalmente legislativa), così essa, come motivo determinante, astrae da ogni materia, e perciò da ogni oggetto, del volere. (I. Kant, Critica della Ragion Pratica)

9 Due cose riempiono l'animo con sempre nuovo e crescente stupore e venerazione, quanto più spesso e accuratamente la riflessione se ne occupa: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me. Entrambe le cose non posso cercarle e semplicemente supporle come fossero nascoste nell'oscurità o nel trascendente, al di fuori del mio orizzonte; io le vedo davanti a me e le collego immediatamente con la coscienza della mia esistenza. Il primo comincia dal luogo che io occupo nel mondo sensibile esterno, ed estende la connessione in cui mi trovo nell'infinitamente grande, con mondi sopra mondi e sistemi di sistemi, e inoltre nei tempi illimitati del loro movimento periodico, nel loro inizio e nella loro continuità. La seconda comincia dalla mia invisibile identità, la personalità, e mi pone in un mondo che possiede vera infinità, ma di cui si può accorgere solo l'intelletto, e con il quale io non mi riconosco, come là, in una connessione puramente accidentale, ma in una necessaria e universale. (Critica della Ragion pratica, A ).

10 Morale Deontologia la preoccupazione della deontologia non è la qualità morale dell azione, ma la sua correttezza, tenendo presente soprattutto il punto di vista del rapporto tra la professione e la società la deontologia non è un insieme di precetti elaborati per deduzione a partire dai principi di un etica generale o da un determinato sistema morale e applicati poi ad una professione specifica... si tratta piuttosto di un insieme di regole tradizionali che indicano come comportarsi in quanto membri di un gruppo sociale determinato; e il senso di tali regole è di provvedere alla convenienza o utilità di tale corpo sociale, perché possa meglio conseguire il fine che si propone Sandro Spinsanti Etica biomedica Paoline, 1988

11 Breve (e travagliata) storia del Codice Deontologico in Italia (modif. da: Francesco Introna I Cento Anni del Codice Deontologico - Riv. It. Med. Leg. XXVII, 2005) 1) Fino al 1903 si ebbero molte pubblicazioni («Galateo Medici») costituivano un tentativo di rispondere alla numerose critiche che l opinione pubblica rivolgeva ai medici. Tali pubblicazioni avevano lo scopo di disegnare le qualità ideali del professionista. Nel Il Codice di Sassari si differenzia da queste pubblicazioni per il fatto di costituire non più l espressione del pensiero di singoli medici, ma uno strumento di autoregolamentazione della categoria professionale che non solo propone modelli comportamentali, ma impone il rispetto di regole. L inosservanza comporta, infatti, come prevede l articolo 49 dello stesso Codice, sanzioni disciplinari nei confronti degli iscritti, che vanno dall ammonizione, alla censura, alla sospensione e all espulsione. Sono sanzioni che ricalcano quelle poi adottate dalla legge istitutiva degli Ordini. 2) L Ordine dei Medici di Torino, per iniziativa, tra gli altri, di Garosci, Oliaro, Boccasso, Garzino, Maffei, Mattioli, Bertachini, Sosso, Valombra, procede alla pubblicazione del Codice deontologico. 3) Il Consiglio dell Ordine di Torino, per iniziativa del Presidente Stefano Perrier, procede all aggiornamento ed alla revisione del Codice deontologico. 4) La FNOM porta a conoscenza di tutti i medici, attraverso la pubblicazione in piu` numeri di «Federazione Medica», il Codice deontologico dell Ordine di Torino, ponendolo a base di un referendum tra i medici italiani in vista della redazione di un Codice deontologico nazionale. 5) La FNOM nomina una Commissione perla redazione del Codice deontologico nazionale, presieduta da Frugoni e composta da Bonomo, Palmieri, Perrier, Piccinni e Maranelli. La Commissione prende come punto di partenza il Codice elaborato dall Ordine dei Medici di Torino. 6) In seno alla Societa` Romana di Medicina Legale e` costituita una Commissione di studio della quale fanno parte Gerin, Battaglini, Chiappelli, Didonna, Grasso, Biondi, Pera per prendere in esame, su richiesta della FNOM, il progetto di Codice deontologico. 7) La Commissione Frugoni conclude i suoi lavori. La FNOM porta a conoscenza dei medici italiani, mediante l integrale pubblicazione su «Federazione Medica» il testo del «Codice di Deontologia Medica» noto a tutti come «Codice Frugoni». 8) La FNOM istituisce una Commissione perla revisione del Codice deontologico composta da De Lorenzo, Spinelli, Gerin, Di Raimondo, Testa, Borghi, Artuso, Pirolo, Peratoner, Ferrarotti, Minafra. 9) La FNOM nomina un Comitato ristretto per concludere i lavori di aggiornamento del Codice deontologico. Detto Comitato composto da Olivetti, Barucchello, Galeazzo, Rossolini, con un lavoro protrattosi circa un anno, provvede alla stesura del testo definitivo del «Codice di Deontologia Medica» integrandolo con le osservazioni della Societa` Italiana di Deontologia Sanitaria (SI.- De.S) intervenuta nelle fase finale dei lavori con il Presidente Prof. Massone e con il Prof. Palenzona. 10) Il Comitato ristretto sottopone all approvazione del Comitato Centrale della FNOM il testo proposto che, dopo alcune modifiche, viene assunto dal Comitato Centrale stesso come testo da presentare al Consiglio Nazionale. 11) 7 gennaio Il Consiglio Nazionale approva il nuovo «Codice di Deontologia Medica». 12) 20 gennaio il Comitato Centrale nomina una Commissione perla revisione del Codice deontologico. 13) 15 luglio Il Consiglio Nazionale approva il nuovo «Codice di Deontologia Medica». 14) 15 luglio Il Consiglio Nazionale delibera di trasformare la Commissione di studio in Commissione permanente al fine di studiare eventuali modifiche che nel corso del tempo si renderanno necessarie a portare un costante aggiornamento del Codice deontologico. 15) giugno Il Consiglio Nazionale pubblica il Codice Deontologico. 16) ottobre La Federazione degli Ordini approva un ulteriore aggiornamento del Codice deontologico 17) 2006 approvazione dell Ultimo Codice Deontologico attualmente in vigore (emendato nel febbraio 2007)

12 Perché non un Codice Etico?? mai come oggi, nella tormentata e contraddittoria epoca che stiamo vivendo, vi è stato tanto bisogno di Deontologia. Si potrebbe dire che la presente è la stagione dei codici deontologici. Il bisogno di deontologia e di codici deontologici, cresce di pari passo con il progressivo venir meno di un etica unanimemente condivisa. Busnelli F.D., Prefazione, in Fineschi V. Il Codice di Deontologia Medica, Milano, Giuffrè, [I Codici Deontologici sono] strumenti disciplinari tutt altro che formali, ma intimamente permeati dalle valenze etiche e dalle suggestioni culturali, prodotte incessantemente tanto dal diritto quanto dalla bioetica Barni M., Diritti- doveri, Responsabilità del medico, dalla bioetica al diritto,milano, Giuffrè, 1999

13 Il Codice di Deontologia Medica È funzionale alla professione medica e agli scopi che essa si prefigge È utile al cittadino/paziente in quanto fissa un sistema di regole che rendono non aleatorio l accesso ad un diritto costituzionalmente garantito (Articolo 32 La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana) Fissa un insieme di regole (rectius di «doveri») chiare e condivise che i medici si sono date al di là delle differenze di valori etici di riferimento che possono sussistere tra diversi professionisti Può (e deve) evolvere nel tempo in base alle evoluzioni delle conoscenze scientifiche

14 «CON LA PRESENTE VI RESTITUISCO LA TESSERA ONORARIA DI APPARTENENZA ALLA VOSTRA ASSOCIAZIONE. NON ACCETTEREI MAI DI FAR PARTE DI UN CLUB CHE ANNOVERA PERSONE COME ME TRA I SUOI SOCI» Groucho Marx

15 Le (numerose) responsabilità del Medico Penale Civile Deontologica Amministrativa Convenzionale e/o Contrattuale Contabile

16 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 aprile 1950, n. 221 Capo IV - Delle sanzioni disciplinari e del relativo procedimento Art. 38. I sanitari che si rendano colpevoli di abusi o mancanze nell'esercizio della professione o, comunque, di fatti disdicevoli al decoro professionale, sono sottoposti a procedimento disciplinare da parte del Consiglio dell'ordine o Collegio della provincia nel cui Albo sono iscritti. Il procedimento disciplinare è promosso d'ufficio o su richiesta del Prefetto o del Procuratore della Repubblica. Art. 39. Quando risultano fatti che possono formare oggetto di procedimento disciplinare, il presidente, verificatene sommariamente le circostanze, assume le opportune informazioni e, dopo aver inteso il sanitario, riferisce al Consiglio per le conseguenti deliberazioni. Il presidente fissa la data della seduta per il giudizio, nomina il relatore e provvede a notificare all'interessato: a) la menzione circostanziata degli addebiti; b) il termine non inferiore a giorni venti e prorogabile su richiesta dell'interessato, entro il quale egli può prendere visione degli atti relativi al suo deferimento a giudizio disciplinare e produrre le proprie controdeduzioni scritte; c) l'indicazione del luogo, giorno ed ora del giudizio disciplinare; d) l'espresso avvertimento che, qualora non si presenti alla seduta del Consiglio, si procederà al giudizio in sua assenza. Nel termine di cui alla lettera b) l'interessato può chiedere di essere sentito.

17 D.P.R. 5 aprile 1950, n Approvazione del regolamento per la esecuzione del decreto legislativo 13 settembre 1946, n. 233, sulla ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse. Art. 40. Le sanzioni disciplinari sono: 1) l'avvertimento, che consiste nel diffidare il colpevole a non ricadere nella mancanza commessa; 2) la censura, che é una dichiarazione di biasimo per la mancanza commessa; 3) la sospensione dall'esercizio della professione per la durata da uno a sei mesi, salvo quanto é stabilito dal successivo art. 43; 4) la radiazione dall'albo. Art. 41. La radiazione é pronunciata contro l'iscritto che con la sua condotta abbia compromesso gravemente la sua reputazione e la dignità della classe sanitaria. Art. 44. Fuori dei casi di radiazione, previsti dall'art. 42, il sanitario a carico del quale abbia avuto luogo procedimento penale é sottoposto a giudizio disciplinare per il medesimo fatto imputatogli, purché egli non sia stato prosciolto per la non sussistenza del fatto o per non averlo commesso. E' altresì sottoposto a procedimento disciplinare, indipendentemente dalla sospensione di cui all'articolo precedente, il sanitario a carico del quale siano state applicate una misura di sicurezza o il confino di polizia o l'ammonizione.

18 Art. 45. Nel giorno fissato per il giudizio, il relatore espone i fatti addebitati e le circostanze emerse dall'istruttoria; quindi viene sentito, ove sia presente, l'incolpato. Chiusa la trattazione orale ed allontanato l'incolpato, il Consiglio decide. Art. 48. Quando il Consiglio ometta di iniziare il procedimento disciplinare su richiesta del Prefetto o del Procuratore della Repubblica ovvero nei procedimenti già iniziati trascuri di emettere le sue decisioni, provvede il Prefetto, sentito il Consiglio Provinciale di Sanità, con la procedura stabilita per i sanitari condotti nell'art. 75, primo comma, del testo unico delle leggi sanitarie, approvato con regio decreto 27 luglio 1934 n Il provvedimento del Prefetto deve essere motivato a norma dell'art. 47. La disposizione dei precedenti commi si osserva anche, in quanto applicabile, per i provvedimenti di radiazione dall'albo o di sospensione dall'esercizio professionale, nei casi preveduti negli articoli 42 e 43. Art. 49. Dell'inizio e dell'esito di ogni giudizio disciplinare è data immediata comunicazione, a cura del presidente, al Prefetto ed al Procuratore della Repubblica territorialmente competenti per l'albo cui è iscritto l'incolpato, nonché alle medesime Autorità di altra circoscrizione che abbiano promosso il giudizio. Art. 51. L'azione disciplinare si prescrive in cinque anni.

19 D.P.R. 5 aprile 1950, n Approvazione del regolamento per la esecuzione del decreto legislativo 13 settembre 1946, n. 233, sulla ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse. Art. 53. I ricorsi alla Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie sono proposti dall'interessato o dal Prefetto o dal Procuratore della Repubblica, nel termine di trenta giorni dalla notificazione o dalla comunicazione del provvedimento. Il ricorso dell'interessato ha effetto sospensivo quando sia proposto avverso i provvedimenti di cancellazione dall'albo o avverso i provvedimenti disciplinari, ad eccezione di quelli previsti dai precedenti articoli 42 e 43. Il ricorso del Prefetto o del Procuratore della Repubblica avverso il provvedimento che dispone l'iscrizione nell'albo ha effetto sospensivo.

20 Legge 24 Luglio 1985, n. 409 Istituzione della professione sanitaria di odontoiatria e disposizioni relative al diritto di stabilimento ed alla libera prestazione di servizi da parte dei dentisti cittadini di Stati membri delle Comunità europee Art. 6. L'Ordine provinciale dei medici-chirurghi e la Federazione nazionale dei medici-chirurghi assumono rispettivamente la denominazione di "Ordine provinciale dei medici-chirurghi e degli odontoiatri" e di "Federazione nazionale degli ordini dei medici-chirurghi e degli odontoiatri". In seno ai Consigli direttivi degli ordini provinciali ed al Comitato Centrale della Federazione nazionale sono istituite commissioni costituite da componenti medici e da componenti odontoiatri iscritti ai rispettivi Albi professionali. Le commissioni esercitano le attribuzioni di cui alle lettere f) e g) dell'articolo 3 del decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233, ed al relativo regolamento di esecuzione approvato con decreto del Presidente della Repubblica 5 aprile 1950, numero 221, e successive modificazioni ed integrazioni, nonché alla lettera c) del medesimo articolo, quando le designazioni riguardino competenze della specifica professione..

21

22 DEFINIZIONI & Principi fondamentali

23 Art. 1 - Definizione Il Codice di Deontologia Medica contiene principi e regole che il medico-chirurgo e l'odontoiatra, iscritti agli albi professionali dell'ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, di seguito indicati con il termine di medico, devono osservare nell'esercizio della professione. Il comportamento del medico anche al di fuori dell esercizio della professione, deve essere consono al decoro e alla dignità della stessa, in armonia con i principi di solidarietà, umanità e impegno civile che la ispirano. Il medico è tenuto a prestare la massima collaborazione e disponibilità nei rapporti con il proprio Ordine professionale. Il medico è tenuto alla conoscenza delle norme del presente Codice e degli orientamenti espressi nelle allegate linee guida, la ignoranza dei quali, non lo esime dalla responsabilità disciplinare. Il medico deve prestare giuramento professionale ( norma innovativa: prima era contenuta nelle «disposizioni finali»).

24

25 Art. 2 Potestà e sanzioni disciplinari L'inosservanza dei precetti, degli obblighi e dei divieti fissati dal presente Codice di Deontologia Medica e ogni azione od omissione, comunque disdicevoli al decoro o al corretto esercizio della professione, sono punibili dalle Commissioni disciplinari con le sanzioni previste dalla legge. Le sanzioni, nell ambito della giurisdizione disciplinare, devono essere adeguate alla gravità degli atti. Il medico deve denunciare all Ordine ogni iniziativa tendente ad imporgli comportamenti non conformi alla deontologia professionale, da qualunque parte essa provenga.

26 Alcuni casi

27 Un Medico di Famiglia stila reiteratamente «certificati» medici nella giornata di lunedì in favore di un suo assistito in cui scrive che il paziente dichiara di essere stato ammalato il venerdì. Il fatto viene segnalato dal datore di lavoro all Ordine dei Medici. Il Medico, nel corso del procedimento disciplinare, dichiara di non aver commesso nulla di male: ha semplicemente riportato le dichiarazioni del paziente. Egli è convinto di non aver rilasciato «certificati medici» e quindi di non aver violato l articolo 24 del Codice (come invece contestatogli nel capo di incolpazione). 1

28 1 Art Certificazione Il medico è tenuto a rilasciare al cittadino certificazioni relative al suo stato di salute che attestino dati clinici direttamente constatati e/o oggettivamente documentati. Egli è tenuto alla massima diligenza, alla più attenta e corretta registrazione dei dati e alla formulazione di giudizi obiettivi e scientificamente corretti.

29 1

30 Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 16 gennaio 9 marzo 2012, n Presidente Spagna Musso Relatore Carluccio La censura svolta,, si incentra sulla mancanza dei caratteri che individuano un certificato medico in quelli redatti dall'incolpato, Contenendo questi ultimi solo quanto riferito dal paziente in ordire al proprio stato di salute nei giorni precedenti alla visita, non potrebbero essere qualificati «certificati», ai sensi del generale precetto deontologico (art. 24) 3.1. La censura va rigettata. La riconducibilità di tali certificati nell'area precettiva dell'art. 24 discende da considerazioni logiche, oltre che dalla funzione del certificato per incapacità al lavoro, redatto dal medico di famiglia. Se il codice deontologico richiede scrupolo e diligenza nella redazione di certificati medici in senso proprio, non possono non essere vietati gli attestati che, come nella specie, hanno la parvenza di certificati - anche se non certificano nulla - e che, proprio perché provengono da un medico e sono statti redatti su un modulario, previsto per la certificazione di malattia rispetto all'assenza dal lavoro, si prestano ad ingenerare il dubbio che l'assenza sia giustificata da una malattia accertata. 5. In conclusione, il ricorso va rigettato; le spese del processo di cassazione seguono la soccombenza. 1

31 In maggio, una signora affetta da una neoformazione mandibolare si reca da uno Specialista in ORL. Il Collega la visita e fa un prelievo bioptico. In seguito si saprà, per ammissione del Medico, che il prelievo non viene fissato adeguatamente e va quindi in necrosi. Il Medico, quindi, se ne libera, essendo diventato il campione totalmente inidoneo per un analisi istologica. Ricontattato telefonicamente dalla paziente, la tranquillizza, dicendole che andava tutto bene. Durante le vacanze estive la paziente inizia a percepire dolori alla mandibola. Sul luogo di vacanza consulta un altro Specialista, che, dopo le opportune analisi, fa diagnosi di neoplasia mandibolare che si rivela aver già prodotto metastasi linfonodali, polmonari e cerebrali. In autunno la paziente muore. La famiglia intenta una causa civile allo Specialista ORL che visitò la paziente Il CTU stabilisce che la mancata diagnosi non ha, di fatto, modificato in maniera significativa la storia naturale della malattia. Il Medico viene assolto, ma il Giudice invia gli atti all Ordine dei Medici per i risvolti di carattere deontologico. IL MEDICO È STATO ASSOLTO, PERCHÉ PROSEGUIRE NELL AZIONE DISCIPLINARE? 2

32 2 Art Competenza professionale Il medico deve garantire impegno e competenza professionale, non assumendo obblighi che non sia in condizione di soddisfare. Egli deve affrontare nell ambito delle specifiche responsabilità e competenze ogni problematica con il massimo scrupolo e disponibilità, dedicandovi il tempo necessario per una accurata valutazione dei dati oggettivi, in particolare dei dati anamnestici, avvalendosi delle procedure e degli strumenti ritenuti essenziali e coerenti allo scopo e assicurando attenzione alla disponibilità dei presidi e delle risorse.

33 2

34 Il giorno 25 maggio 2012 due Operatori ASL effettuano un sopralluogo sanitario, senza preavviso, presso uno studio odontoiatrico. Non vi sono pazienti, ma solo la segretaria, Sig.ra R, che dichiarava essere anche assistente alla poltrona. Responsabile Sanitario dell ambulatorio odontoiatrico era, secondo la dichiarazione di inizio attività, il Dott. B, doppio iscritto (Albo Medici e Albo Odontoiatri). Il Medico veniva contattato telefonicamente ma risultava irreperibile. L agenda dell ambulatorio risultava piena di appuntamenti fissati per il giorno 26 maggio. La Sig.ra R dichiarava di non conoscere il Dott. B, ma solo il Dott. Q, proprietario dei locali, unico «medico» frequentatore dello studio, che assisteva regolarmente nella sua attività professionale di natura odontoiatrica. Il «Dott. Q», in realtà, risultava poi essere un odontotecnico non laureato. Da un controllo successivo, risultava che il Dott. B si trovava in Spagna, in vacanza fino al 3 giugno. La ASL trasmetteva il verbale di sopralluogo in Procura e all Ordine dei Medici. Nel procedimento davanti alla Commissione Medica, il Dott. B si difendeva adducendo principalmente le seguenti giustificazioni: era sì Responsabile Sanitario dell ambulatorio, ma in maniera del tutto gratuita e solo per aver fatto un favore a Q, che lui conosceva come proprietario dei locali e odontotecnico. Mai si sarebbe immaginato che il Q tradisse la sua fiducia. Appreso del sopralluogo ASL, B ha presentava immediatamente le proprie dimissioni al Q. In media i suoi sopralluoghi presso il centro avevano cadenza quindicinale e quando egli accedeva ai locali, questi erano vuoti di pazienti. AVRESTE CONSIGLIATO AL MEDICO UN ALTRO TIPO DI STRATEGIA DIFENSIVA? 3

35 Art Direzione sanitaria Il medico che svolge funzioni di direzione sanitaria nelle strutture pubbliche o private ovvero di responsabile sanitario in una struttura privata deve garantire, nell espletamento della sua attività, il rispetto delle norme del Codice di Deontologia Medica e la difesa dell autonomia e della dignità professionale all interno della struttura in cui opera. Egli comunica all Ordine il proprio incarico e collabora con l Ordine professionale, competente per territorio, nei compiti di vigilanza sulla collegialità nei rapporti con e tra medici per la correttezza delle prestazioni professionali nell interesse dei cittadini. Egli, altresì, deve vigilare sulla correttezza del materiale informativo attinente alla organizzazione e alle prestazioni erogate dalla struttura. Egli, infine vigila perché nelle strutture sanitarie non si manifestino atteggiamenti vessatori nei confronti dei colleghi. 3

36 3

37 3

38 CORTE DI CASSAZIONE - SEZIONE III CIVILE - SENTENZA 11 MAGGIO 30 LUGLIO 2001 N IL PEDIATRA E' OBBLIGATO ALLA VISITA DOMICILIARE SE NECESSARIA A PLACARE L'ANSIA DEI GENITORI. In data 24/9/1998 perveniva all'ordine dei medici di Pistoia un esposto di (...), relativamente al rifiuto di effettuare una visita domiciliare, pediatra di libera scelta del proprio figlio affetto da febbre. La Commissione disciplinare, con decisione del 14/1/99, riteneva il Conti responsabile e irrogava la sanzione dell'avvertimento per aver dimostrato un'insufficiente capacità di percepire il bisogno di rassicurazione dei genitori del piccolo paziente, interrompendo il rapporto fiduciario medico-paziente, con pregiudizio dell'intera categoria professionale. Proponeva ricorso il Conti alla Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie. La Commissione, con decisione depositata il 23/5/2000, rigettava il ricorso. Riteneva la Commissione, che a norma dell'art. 3 del codice deontologico, tra i doveri del medico vi è anche quello del sollievo della sofferenza, Avverso questa decisione proponeva ricorso per Cassazione il Conti Assume il ricorrente che la decisione impugnata non ha tenuto in nessun conto il disposto dell'art. 33 del d.p.r. n. 613/1996 (attinente alla convenzione regolante i rapporti per la medicina pediatrica di base), il quale dispone che la visita domiciliare deve essere espletata "qualora ritenuta necessaria secondo la valutazione del pediatra" Il motivo e' infondato e va rigettato. Va osservato che non è pertinente la censura di violazione dell'art. 33 del d.p.r. 21/10/1996, n. 613, attenendo lo stesso all'accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di pediatria di libera scelta Nella fattispecie, infatti, non è contestata all'incolpato la violazione della predetta norma ma di aver tenuto una condotta in violazione di quanto prescritto dall'art. 3 del codice deontologico 4

39 Art. 3 - Doveri del medico Dovere del medico è la tutela della vita, della salute fisica e psichica dell'uomo e il sollievo dalla sofferenza nel rispetto della libertà e della dignità della persona umana, senza distinzioni di età, di sesso, di etnia, di religione, di nazionalità, di condizione sociale, di ideologia,in tempo di pace e in tempo di guerra, quali che siano le condizioni istituzionali o sociali nelle quali opera. La salute è intesa nell'accezione più ampia del termine, come condizione cioè di benessere fisico e psichico della persona. Art. 8 - Obbligo di intervento Il medico, indipendentemente dalla sua abituale attività, non può mai rifiutarsi di prestare soccorso o cure d'urgenza e deve tempestivamente attivarsi per assicurare assistenza [era: ogni specifica e adeguata assistenza]. 4

40 La convivente di Caso un paziente n deceduto 8 per una grave neoplasia chiede la riscossione della polizza vita stipulata a suo vantaggio dal compagno L istituto assicurativo chiede la cartella clinica dell ultimo ricovero presso un ospedale del circondario milanese. Il Direttore Sanitario del nosocomio nega l accesso: la signora non è moglie del deceduto e non risulta indicato dal paziente nessuna persona autorizzata ad accedere ai suoi dati personali sanitari La signora si reca dal Curante per farsi fare una dichiarazione (che l istituto assicurativo avrebbe comunque accettato al posto della cartella clinica) relativa alle condizioni di salute e alla malattia che ha portato al decesso il convivente. Il Curante è in grado di fare questa certificazione poiché ha assistito il paziente fino all ultimo ricovero, oltretutto recandosi spesso a domicilio e stilando frequentemente le prescrizioni necessarie per la terapia del pz deceduto Tuttavia il Curante oppone un netto rifiuto: il segreto professionale non si scioglie neppure dopo la morte del paziente Dopo la comprensibile reazione ingenerata dal rifiuto, vicenda vengono investiti: l Ordine dei Medici da parte del Curante e Mi manda RAI Tre da parte della compagna del deceduto. I giornalisti si mettono prontamente in comunicazione con tutti gli attori della vicenda per organizzare un passaggio in trasmissione. - QUAL E LA SOLUZIONE? COSA RISPONDERESTE? - IL MMG HA SBAGLIATO QUALCOSA O E NEL GIUSTO? - IL DIRETTORE SANITARIO DELL OSPEDALE HA AGITO CORRETTAMENTE? 5

41 Art. 10 Codice Deontologico - Segreto professionale - Il medico deve mantenere il segreto su tutto ciò che gli è confidato o di cui venga a conoscenza nell esercizio della professione. La morte del paziente non esime il medico dall obbligo del segreto. La rivelazione è ammessa ove motivata da una giusta causa, rappresentata dall adempimento di un obbligo previsto dalla legge (denuncia e referto all Autorità Giudiziaria, denunce sanitarie, notifiche di malattie infettive, certificazioni obbligatorie) ovvero da quanto previsto dai successivi artt. 11 e 12. Art. 9 Codice Privacy Modalità di esercizio 3. I diritti di cui all articolo 7 [accesso ai dati] riferiti a dati personali concernenti persone decedute possono essere esercitati da chi ha un interesse proprio, o agisce a tutela dell interessato o per ragioni familiari meritevoli di protezione. 5

42 La Signora T., di 86 Caso anni, telefona n alla 6 dottoressa M. di Assistenza Primaria riferendole di percepire, da alcuni giorni, dei forti dolori gravativi al torace irradiati alla mandibola, chiedendo una visita domiciliare. I dolori si presentano anche a riposo e passano nel giro di mezz ora/un ora. Si tratta di una paziente che il medico conosce bene, affetta unicamente da ipertensione arteriosa e da poliartralgie su base artrosica. La Sig.ra T., fino all età di 85 aa., ha assistito il proprio coniuge affetto da decadimento cognitivo ed i contatti con la Dott.ssa M. erano molto frequenti a causa della politerapia farmacologica in atto e dei numerosi accessi domiciliari effettuati. La Dott.ssa M., in quel momento impegnata nell attività di studio, consiglia la signora T. di recarsi subito in P.S. chiamando il 118. La Sig.ra T. fa mostra di aver capito e accettato il consiglio formulato. Il mattino dopo la Dott.ssa M. viene contattata dalla figlia della paziente, medico specialista in neurologia e in quel momento impegnata in un congresso. La neurologa comunica al medico di famiglia che l anziana mamma non si è poi recata in P.S. e chiede un immediata visita domiciliare. Di nuovo la Dott.ssa M. comunica che in quel momento si trova impegnata in studio. Riferisce di essere disponibile alla domiciliare, ma nel pomeriggio, dopo lo studio. Di nuovo viene formulato il consiglio di ricoverare immediatamente la Sig.ra T. La telefonata viene interrotta dalla neurologa che sbrigativamente comunica al medico che ci penserà poi lei a recarsi nel pomeriggio dall anziana madre. Come detto, nel pomeriggio la figlia neurologa si reca a casa della mamma e la trova a letto, dispnoica e soporosa. Chiama il 118. All arrivo dell ambulanza la paziente va in arresto cardiaco. Dopo le manovre rianimatorie, viene caricata in ambulanza e muore durante il trasporto in P.S. La figlia neurologa della Sig.ra T. unitamente al fratello (anch esso medico, ricercatore presso un Università tedesca) fanno un esposto all Ordine dei Medici e alla ASL poiché la Dott.ssa M. non si è recata a domicilio della paziente così come richiesto e ne ha cagionato la morte ritardando il momento in cui la paziente è stata soccorsa. 6 - COME ORGANIZZERESTE LA DIFESA DELLA COLLEGA? - PERCHE, SECONDO VOI, I FIGLI DELLA PAZIENTE SI SONO RIVOLTI ALL ORDINE E ALLA ASL INVECE CHE DENUNCIARE IL MMG E/O INTENTARGLI UNA CAUSA CIVILE?

43 Il nuovo (!) Codice di Deontologia Medica

44

45

46

47

48 Triennio di Formazione in MG Arsizio 12 febbraio 2013 Busto

49 Roberto Carlo Rossi Presidente OMCeO Milano

Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare

Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare Per esercitare legittimamente la professione medica e quella odontoiatrica è richiesta l iscrizione all ordine dei

Dettagli

LEGGE 24 Luglio 1985, n. 409

LEGGE 24 Luglio 1985, n. 409 LEGGE 24 Luglio 1985, n. 409 Istituzione della professione sanitaria di odontoiatria e disposizioni relative al diritto di stabilimento ed alla libera prestazione di servizi da parte dei dentisti cittadini

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli

Seconda Università degli Studi di Napoli Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Medicina Legale Il dovere di certificare Prof. Bruno Della Pietra 1 La libertà

Dettagli

Codice di deontologia osteopatica

Codice di deontologia osteopatica SOCIETA ITALIANA DI OSTEOPATIA Codice di deontologia osteopatica ANNO 2014 2 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Definizione Il Codice di deontologia osteopatica di seguito indicato con il termine di Codice

Dettagli

Professioni sanitarie:

Professioni sanitarie: Professioni sanitarie: Natura e controllo delle professioni sanitarie Generalità. Secondo il Testo unico delle leggi sanitarie le professioni sanitarie si distinguono in principali, ausiliari e arti ausiliari

Dettagli

PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI. Articolo 1 L Associazione

PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI. Articolo 1 L Associazione PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI Articolo 1 L Associazione E costituita l Associazione Professionale di Categoria, denominata Pedagogisti ed Educatori Italiani Associati (P.ED.I.AS.), di seguito

Dettagli

L Etica Medica ed in Medicina

L Etica Medica ed in Medicina Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale 2010 Sede di Reggio Emilia L etica e la deontologia della Responsabilità professionale Dott. Salvatore de Franco Presidente ed Odontoiatri di Reggio Emilia

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Regolamento sulla gestione e tenuta dell Albo del Collegio Provinciale IPASVI di TORINO

Regolamento sulla gestione e tenuta dell Albo del Collegio Provinciale IPASVI di TORINO APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 138/15 DEL 27 LUGLIO 2015 DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO IP.AS.VI. DI TORINO Regolamento sulla gestione e tenuta dell Albo del Collegio Provinciale IPASVI di TORINO

Dettagli

Legge 12 marzo 1968, n. 478 Ordinamento della professione di mediatore marittimo

Legge 12 marzo 1968, n. 478 Ordinamento della professione di mediatore marittimo Legge 12 marzo 1968, n. 478 Ordinamento della professione di mediatore marittimo TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI - Articoli 1-3 TITOLO II - RUOLO DEI MEDIATORI MARITTIMI E CONDIZIONI PER ESSERVI ISCRITTI

Dettagli

L. 24 LUGLIO 1985, N. 409

L. 24 LUGLIO 1985, N. 409 L. 24 LUGLIO 1985, N. 409 ISTITUZIONE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOIATRA E DISPOSIZIONI RELATIVE AL DIRITTO DI STABILIMENTO ED ALLA LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI DA PARTE DEI DENTISTI CITTADINI

Dettagli

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Napoli

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Napoli CARTA DEI SERVIZI Deliberata dal Consiglio deli Ordine nella seduta del 21 Maggio 2012 La Carta è lo strumento fondamentale con il quale si attua il principio di trasparenza ed è un documento che ogni

Dettagli

NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si

NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si affida il Giudice durante il processo civile. Nel processo

Dettagli

LEGGE 24 LUGLIO 1985, N. 409

LEGGE 24 LUGLIO 1985, N. 409 LEGGE 24 LUGLIO 1985, N. 409 I stituzione della professione sanitaria di odontoiatria e disposizioni relative al diritto di stabilimento ed alla libera prestazione di servizi da parte dei dentisti cittadini

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI MALATTIA NEL PUBBLICO IMPIEGO

LA CERTIFICAZIONE DI MALATTIA NEL PUBBLICO IMPIEGO LA CERTIFICAZIONE DI MALATTIA NEL PUBBLICO IMPIEGO LA CERTIFICAZIONE MEDICA LA CERTIFICAZIONE RAPPRESENTA PER IL MEDICO UN DOVERE GIURIDICO- AMMINISTRATIVO CHE DISCENDE DAL CARATTERE PUBBLICISTICO DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA GESTIONE E TENUTA DELL ALBO DEL COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI DI BIELLA

REGOLAMENTO SULLA GESTIONE E TENUTA DELL ALBO DEL COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI DI BIELLA REGOLAMENTO SULLA GESTIONE E TENUTA DELL ALBO DEL COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI DI BIELLA Approvato Consiglio Direttivo del 16 febbraio 2015 delibera n. 83 Art. 1 disposizione generale Il Consiglio Direttivo,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Legislatura 14º - Disegno di legge N. 404-B SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Attesto che la 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità), il 15 giugno 2005, ha approvato, con modificazioni, il seguente

Dettagli

Regione Lazio. Atti del Consiglio Regionale 20/01/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 6

Regione Lazio. Atti del Consiglio Regionale 20/01/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 6 Regione Lazio Atti del Consiglio Regionale Determinazione Dirigenziale 12 dicembre 2014, n. 1041 Approvazione dell'avviso pubblico per l'aggiornamento dell'albo regionale per il conferimento di incarichi

Dettagli

Titolo IV CONSIGLI DI DISCIPLINA - SANZIONI DISCIPLINARI - PROCEDIMENTO. Art. 36 - bis

Titolo IV CONSIGLI DI DISCIPLINA - SANZIONI DISCIPLINARI - PROCEDIMENTO. Art. 36 - bis Allegato A 1 Quadro di riferimento normativo per il funzionamento dei Consigli di disciplina della L. 3/76 e L. 152/92 e del DPR 350/1981 modificata ed integrata dal DPR 137/2012 redatta ai sensi dell

Dettagli

motivazione della decisione in ordine al mancato accoglimento dell appello per quanto riguarda la deduzione di prescrizione quinquennale dell azione

motivazione della decisione in ordine al mancato accoglimento dell appello per quanto riguarda la deduzione di prescrizione quinquennale dell azione Predispone una falsa lettera di messa in mora per farsi pagare dai clienti-avvocato sospeso dall esercizio della professione per sei mesi- Corte di Cassazione Sez. Un. Civ. - Sent. del 19.12.2012, n. 23465-commento

Dettagli

D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233

D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233 D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233 RICOSTITUZIONE DEGLI ORDINI DELLE PROFESSIONI SANITARIE E PER LA DISCIPLINA DELL'ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI STESSE. CAPO I - DEGLI ORDINI E DEI COLLEGI PROVINCIALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in Giurisprudenza che intenda

Dettagli

D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946.

D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946. D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946. Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse. Capo I - Degli Ordini e dei Collegi Provinciali

Dettagli

Titolo I ART. 1 ART. 2

Titolo I ART. 1 ART. 2 Legge 24 luglio 1985, n. 409 ISTITUZIONE DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI ODONTOIATRA E DISPOSIZIONI RELATIVE AL DIRITTO DI STABILIMENTO ED ALLA LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI DA PARTE DEI DENTISTI CITTADINI

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITÀ DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE E REDDITUALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE E DI GOVERNO.

REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITÀ DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE E REDDITUALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE E DI GOVERNO. Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITÀ DELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE E REDDITUALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE E DI GOVERNO. Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Garante per la protezione dei dati personali

Garante per la protezione dei dati personali Garante per la protezione dei dati personali Autorizzazione n. 3/2000 al trattamento dei dati sensibili da parte degli organismi di tipo associativo e delle fondazioni In data odierna, con la partecipazione

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

Il testo integrale del nostro codice deontologico.

Il testo integrale del nostro codice deontologico. Il codice deontologico dei Fisioterapisti Il testo integrale del nostro codice deontologico. Approvato dal direttivo nazionale A.I.T.R. il 23 ottobre 1998 Approvato dal congresso nazionale A.I.T.R. il

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

Codice per l applicazione di sanzioni disciplinari agli studenti

Codice per l applicazione di sanzioni disciplinari agli studenti Codice per l applicazione di sanzioni disciplinari agli studenti (adottato con D.R. n. 877 del 25 giugno 2014) INDICE Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione 2 Art. 2 - Illecito disciplinare 2 Art. 3

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 796 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Nuova regolamentazione delle attività di informazione scientifica e istituzione

Dettagli

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott.

TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. TRIBUNALE DI PISTOIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Pistoia, sezione lavoro, in persona del dott. Giuseppe De Marzo, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile

Dettagli

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SERVIZIO NAZIONALE VIGILANZA AMBIENTALE ITTICO VENATORIA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLE GUARDIE PARTICOLARI GIURATE VOLONTARIE DELLA L.I.P.U. Art. 1 L attività delle guardie

Dettagli

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27 B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Articolo 1 Finalità della legge In attuazione dei principi e delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in giurisprudenza che intenda iscriversi al Registro Speciale dei praticanti

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

ORDINANZA N. 203 ANNO 2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Paolo MADDALENA Presidente

ORDINANZA N. 203 ANNO 2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Paolo MADDALENA Presidente ORDINANZA N. 203 ANNO 2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Paolo MADDALENA Presidente - Alfio FINOCCHIARO Giudice - Alfonso QUARANTA - Franco

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE

Consiglio di Stato - Decisione n. 1994/2006. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE In tema di riscattabilità del diploma di infermiere professionale (Consiglio di Stato, Decisione 11.4.2006 n. 1994) Il ricorso, trattenuto in decisione all udienza del 13 gennaio 2006, è fondato. Il primo

Dettagli

Condizioni d assicurazione (CA) BeneFit forma particolare d assicurazione secondo l assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie

Condizioni d assicurazione (CA) BeneFit forma particolare d assicurazione secondo l assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie Il gruppo Helsana comprende Helsana Assicurazioni SA, Avanex Assicurazioni SA, Progrès Assicurazioni SA e Sansan Assicurazioni SA. Edizione 1 gennaio 2014 Condizioni d assicurazione (CA) BeneFit forma

Dettagli

MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO

MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO Art. 1 E costituito il Movimento per la vita italiano, Federazione dei Movimenti per

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel., chiede di essere iscritto/a al Registro Praticanti Avvocati per trasferimento dall Ordine

Dettagli

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria del Consulente del Lavoro per L Esercizio In Qualità Della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail RICHIESTA PUBBLICITA SANITARIA Strutture complesse Marca da Bollo (Solo Regione) AL SIGNOR DIRIGENTE REGIONALE DIREZIONE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI DORSODURO 3493 30123 VENEZIA AL SIG. PRESIDENTE DELL

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Verona - visto l art. 16 della Legge 31 dicembre 2012; - visto il decreto legislativo

Dettagli

RACCOLTA FIRMA PER L INTRODUZIONE DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI DEL COMUNE DI VERONA

RACCOLTA FIRMA PER L INTRODUZIONE DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI DEL COMUNE DI VERONA RACCOLTA FIRMA PER L INTRODUZIONE DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI DEL COMUNE DI VERONA Premesso che: - l articolo 32 della Costituzione Italiana afferma che "La Repubblica tutela la salute come fondamentale

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2526 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Disposizioni per la regolamentazione della professione veterinaria e la tutela

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COPIA PRIVA DI VALORE LEGALE COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Provincia di Modena ISTITUZIONE DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI TESTAMENTO BIOLOGICO

Dettagli

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Articolo 1 OGGETTO Il presente regolamento si applica

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE NUOVO REGOLAMENTO PER L ACCERTAMENTO DELLA INABILITA E DELLA INVALIDITA (Testo modificato con Ministeriale del 20 maggio 2010 - G.U. n. 128 del 4 giugno

Dettagli

DELIBERA PER L ATTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DIFESA D'UFFICIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA

DELIBERA PER L ATTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DIFESA D'UFFICIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA DELIBERA PER L ATTIVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA DIFESA D'UFFICIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Ivrea - visto l art. 16 della Legge 31 dicembre 2012; -

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Laboratorio di Informatica Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Il diritto alla tutela della privacy non trova esplicito riferimento nella Costituzione italiana, ma si ricava dal contenuto

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXX /Vodafone Omnitel XX

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXX /Vodafone Omnitel XX Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXX /Vodafone Omnitel XX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente

Dettagli

A.Pe.D.F.V.G. ASSOCIAZIONE PERITI DANNI FRIULI VENEZIA GIULIA

A.Pe.D.F.V.G. ASSOCIAZIONE PERITI DANNI FRIULI VENEZIA GIULIA STATUTO TITOLO PRIMO Denominazione, sede, scopo Art. 1 Art. 2 Art. 3 E costituita in Udine l Associazione A.Pe.D.F.V.G. Associazione Periti Danni Friuli Venezia Giulia per l accertamento e la stima dei

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Legge 8 marzo 1991, n. 81

Legge 8 marzo 1991, n. 81 Legge 8 marzo 1991, n. 81 Legge-quadro per la professione di maestro di sci e ulteriori disposizioni in materia di ordinamento della professione di guida alpina. 1. Oggetto della legge. 1. La presente

Dettagli

Comune di Verrayes Comune de Verrayes. Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE.

Comune di Verrayes Comune de Verrayes. Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE. Comune di Verrayes Comune de Verrayes Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE. Approvato con deliberazione di Consiglio n. 62 del 22/12/1998 INDICE

Dettagli

Associazione di Volontariato ARCI 690.

Associazione di Volontariato ARCI 690. STATUTO Art 1 E costituita con sede in Cascina, presso i locali della Pubblica Assistenza, Via Comaschi, 46 un Associazione di Volontariato che assume la denominazione di Associazione di Volontariato ARCI

Dettagli

TITOLO I. OGGETTO DELLA PROFESSIONE. Testo in vigore dal 20.01.1961. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica, hanno approvato;

TITOLO I. OGGETTO DELLA PROFESSIONE. Testo in vigore dal 20.01.1961. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica, hanno approvato; LEGGE 22 dicembre 1960, n. 1612 (G.U. n.4 del 05.01.1961 ) - Riconoscimento giuridico della professione di spedizioniere doganale ed istituzione degli albi e del fondo previdenziale a favore degli spedizionieri

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

I CONSULENTI TECNICI DEL GIUDICE Formazione e tenuta dell Albo

I CONSULENTI TECNICI DEL GIUDICE Formazione e tenuta dell Albo I CONSULENTI TECNICI DEL GIUDICE Formazione e tenuta dell Albo di Claudio Venturi Sommario: - 1. Riferimenti normativi - 2. La figura professionale e i compiti del consulente tecnico - 3. La formazione

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede di essere iscritto/a al Registro dei Praticanti Avvocati. Il/La sottoscritto/a consapevole

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 25.04.2011 LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO Il codice civile, con l art. 2106, attribuisce al datore di lavoro

Dettagli

FRANCOBOLLI - NUOVE EMISSIONI

FRANCOBOLLI - NUOVE EMISSIONI IN BREVE n. 16/2007 a cura di Marco Perelli Ercolini FRANCOBOLLI - NUOVE EMISSIONI Giuseppe Tomasi di Lampedusa Data di emissione il 14 aprile 2007 Roma Capitale Data di emissione il 21 aprile 2007 GARANTE

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO Programma triennale per la trasparenza e l integrità Anni 2016-2018 (approvato nella seduta di Consiglio del 13 gennaio 2016) 1. Introduzione:

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 L. 24 febbraio 2005, n. 25...L SOTTOSCRITT NAT A... IL CITTADINANZA....

Dettagli

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Costituzione 1. Con deliberazione del 21 febbraio 2011, ai sensi dell'art. 18 del D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28 e

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 5 dell 11.1.2012 DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ART. 1 PREMESSA 1. Il presente documento disciplina il conferimento degli incarichi per

Dettagli

può domandare il riesame della decisione presidenziale alla Commissione per l avvocatura.

può domandare il riesame della decisione presidenziale alla Commissione per l avvocatura. Legge sull avvocatura (LAvv) (del 13 febbraio 2012) 3.2.1.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 12 ottobre 2010 n. 6406 del Consiglio di Stato; visto il rapporto 28 novembre

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO REGOLAMENTO PER LA TRATTAZIONE DEI RICORSI PROPOSTI AL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Approvato con delibera n. 83 del 22 febbraio

Dettagli

IL Dott. MAURO GUAITOLI nato a Soliera (MO) IL 11/2/1952 CF: GTLMRA52B11I802C, Medico successivamente denominato Professionista

IL Dott. MAURO GUAITOLI nato a Soliera (MO) IL 11/2/1952 CF: GTLMRA52B11I802C, Medico successivamente denominato Professionista CONTRATTO LIBERO PROFESSIONALE PER ATTIVITA DI MEDICO ADDETTO ALLE VISITE DI CONTROLLO SUI LAVORATORI IN STATO DI MALATTIA O MATERNITA TRA L Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena, con sede in Modena,

Dettagli

TITOLO I PENSIONE DI INABILITÀ

TITOLO I PENSIONE DI INABILITÀ REGOLAMENTO PER L'ACCERTAMENTO DELL'INABILITÀ E DELL'INVALIDITÀ (ai sensi degli artt. 18, comma 8, e 20, comma 7, del Regolamento per l'attuazione delle attività di previdenza approvato con D.M. 15/10/1997,

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

LEGGE 08 marzo 1991, n. 81 (1).

LEGGE 08 marzo 1991, n. 81 (1). LEGGE 08 marzo 1991, n. 81 (1). (1) In G.U.16 marzo 1991, n. 64. Legge-quadro per la professione di maestro di sci e ulteriori disposizioni in materia di ordinamento della professione di guida alpina (2).

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

*** IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

*** IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE «Minori: ricorre lo stato di abbandono quando la vita offerta al minore non è in grado di assicurargli un normale sviluppo psico-fisico» (Cassazione civile sez. I, 25 giugno 2014, numero: 14448) Minore-

Dettagli

ORDINANZA N. 284 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Gaetano SILVESTRI

ORDINANZA N. 284 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Gaetano SILVESTRI ORDINANZA N. 284 ANNO 2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Gaetano SILVESTRI Presidente - Luigi MAZZELLA Giudice - Sabino CASSESE - Giuseppe

Dettagli

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE a cura di Remo Danovi 1. Tenuta albi - Pena interdittiva accessoria sentenza penale di condanna La cancellazione dall Albo degli Avvocati, disposta come conseguenza

Dettagli

COMUNE DI TORINO DI SANGRO

COMUNE DI TORINO DI SANGRO COMUNE DI TORINO DI SANGRO C.A.P. 66020 PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 1 ART. 1 Finalità ed ambito di applicazione

Dettagli

SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE. SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO

SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE. SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO (Testo approvato dall Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 28 giugno 2004) STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO

Dettagli

VIA COLOMBO 4/B 33077 SACILE PN - ITALY Tel. 0434 782141 C.F.91077060936

VIA COLOMBO 4/B 33077 SACILE PN - ITALY Tel. 0434 782141 C.F.91077060936 VIA COLOMBO 4/B 33077 SACILE PN - ITALY Tel. 0434 782141 C.F.91077060936 ART. 1 COSTITUZIONE Fra i suindicati comparenti è costituita, ai sensi della legge quadro sul volontariato 11 agosto 1991, n 266

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA

PROPOSTA DI DELIBERA COMUNE DI COMO PROPOSTA DI DELIBERA Oggetto: ISTITUZIONE DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA Il consiglio comunale di Como Premesso che: - Con l espressione testamento biologico (o anche

Dettagli

MODULO ISCRIZIONE NUOVI VOLONTARI

MODULO ISCRIZIONE NUOVI VOLONTARI MODULO ISCRIZIONE NUOVI VOLONTARI Cognome:...... Nome:.. Indirizzo:.... Città:.... Telefono fisso:........ Telefono cell.:...... email:..... Codice Fiscale.. Data:.... Ricontattato per colloquio preliminare.(gg/mm/aa)

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO DEI SOCI AOBI. Principi generali

CODICE DEONTOLOGICO DEI SOCI AOBI. Principi generali Principi generali 1. I Soci AOBI, in particolare i Soci Ordinari e i Soci Professionali, nell esercizio della propria attività ed anche al di fuori di essa, devono uniformare il proprio comportamento all

Dettagli

COMUNE DI SINALUNGA PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONISMO DEL COMUNE DI SINALUNGA

COMUNE DI SINALUNGA PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONISMO DEL COMUNE DI SINALUNGA COMUNE DI SINALUNGA PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO DELL'ASSOCIAZIONISMO DEL COMUNE DI SINALUNGA approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.31 del 30.04.2015 1 Sommario TITOLO I ALBO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI PER LA PUBBLICAZIONE DELLA DICHIARAZIONE PER LA TRASPARENZA

REGOLAMENTO COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI PER LA PUBBLICAZIONE DELLA DICHIARAZIONE PER LA TRASPARENZA COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DELLA DICHIARAZIONE PER LA TRASPARENZA DELLO STATO PATRIMONIALE DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI (art. 41-bis del D.Lgs. 18 agosto 2000,

Dettagli

Info: Susanna Pietra-3406676706 susanna.pietra@gmail.com Ufficio stampa chiesa valdese di piazza Cavour

Info: Susanna Pietra-3406676706 susanna.pietra@gmail.com Ufficio stampa chiesa valdese di piazza Cavour APERTO AL PUBBLICO OGNI MERCOLEDÌ ORE 18 UNO SPORTELLO PER DEPOSITARE IL PROPRIO TESTAMENTO BIOLOGICO PRESSO LA CHIESA EVANGELICA VALDESE DI ROMA PIAZZA CAVOUR Il diritto alla vita comprende anche il diritto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente N. 00623/2015 REG.PROV.COLL. N. 00336/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

FNOVI Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani CODICE DEONTOLOGICO PER MEDICI VETERINARI

FNOVI Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani CODICE DEONTOLOGICO PER MEDICI VETERINARI FNOVI Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani CODICE DEONTOLOGICO PER MEDICI VETERINARI DISPOSIZIONI GENERALI E SPECIFICHE Oggetto e campo di applicazione del Codice Deontologico Art. 1 - Medico

Dettagli

C O M U N E DI IGLESIAS

C O M U N E DI IGLESIAS C O M U N E DI IGLESIAS (PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS) BOZZA REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E TRASPARENZA DELLA SITUAZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato

Dettagli