Nei panni del paziente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nei panni del paziente"

Transcript

1 P inchiesta Nei panni del paziente Pierluigi Altea C «Come ci vedono i nostri pazienti e cosa si aspettano da noi? E delle nostre qualità professionali, cosa apprezzano di più?». Le risposte a queste e ad altre domande in uno studio sul campo condotto da I-Dentivity, un network di odontoiatri che ha deciso di studiare con un metodo rigoroso il mercato per conoscerlo e governarlo. Ce lo siamo chiesto tutti, almeno una volta nella vita: chissà come ci vedono gli altri, cosa pensano di noi, delle nostre qualità e delle nostre attitudini personali e professionali Una curiosità improvvisa che può nascere in un momento di incertezza oppure un sano e autentico interesse, utile per capire come muoverci nel contesto in cui viviamo e operiamo. Indossare, anche solo per un attimo, gli occhiali dei nostri interlocutori ci può aiutare a conoscerci meglio, ma anche a comprendere i bisogni e le aspettative di chi ci sta accanto. Se nella vita privata questo equivale a coltivare rapporti umani un po più autentici, reali e non idealizzati, quelli che poi finiscono per deluderci, nel mondo professionale può significare garantirsi un maggior successo e affrontare con sicurezza i cambiamenti che la società odierna sembra riservare un po a tutti i settori. Nel mondo odontoiatrico c è chi questa esperienza di conoscenza di sé attraverso gli occhi dell altro l ha realizzata con rigore scientifico, scoprendo aspetti particolari della professione odontoiatrica che il mercato della salute sembrava ormai Mauro Foltran e Lorenzo Balsano 20

2

3 P inchiesta Dall efficacia del trattamento all efficienza della cura «È la clinica che si adatta al paziente o e il paziente che deve adattarsi alle conoscenze scientifiche?». È questa la domanda provocatoria che lo scorso febbraio Luigi Paglia e Claudio Gatti, medici - odontoiatri e Consiglieri dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli odontoiatri di Milano hanno posto all uditorio convenuto all Auditorium Don Alberione- Periodici San Paolo della stessa città per discutere sui problemi e le prospettive in odontoiatria. È forse necessaria una svolta, si sono chiesti i relatori, per dare un nuovo impulso ai professionisti, ma anche ai pazienti. «La sfida che ci attende», spiega Luigi Paglia, libero professionista, ma anche responsabile del reparto di Odontoiatria infantile presso l Istituto Stomatologico Italiano di Milano, «è quella di proporre modelli di odontoiatria che, pur muovendosi sullo scenario delle evidenze scientifiche, si uniformino anche alle necessità extra-cliniche dei pazienti che trattiamo, trasformando quindi il concetto di massima efficacia del trattamento, in quello di efficienza clinica della cura proposta». Per Paglia, questo significa proporre un odontoiatria meno accademica, scevra dalle più diverse e discutibili contaminazioni, capace di considerare il paziente nella sua interezza. Proprio quello che ha in mente anche Claudio Gatti, medicoodontoiatra libero professionista, nel riportare un caso clinico di oltre vent anni fa, affrontato con successo, spiega, «con metodiche ancora in uso, ma che oggi sono troppo spesso considerate superate dalle nuove applicazioni cliniche e tecnologiche che risultano però, di fatto, insostenibili per il paziente». avere cancellato o nascosto, certo anche per interesse. Nove studi odontoiatrici, dislocati tra le province di Cremona, Mantova, Venezia, Treviso e Belluno, capitanati da un direttore e coadiuvati da un esperto di comunicazione e marketing, si sono messi insieme per fare il punto della situazione. Capire come stanno davvero le cose nel mondo dell odontoiatria, che idea abbia il paziente del proprio odontoiatra, cosa apprezzi di più delle sue qualità e altro ancora, temi di cui si è parlato recentemente anche a Milano, in occasione di una giornata di studio organizzata dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano. Tra i relatori c era anche Lorenzo Balsano, odontoiatra libero professionista di Pandino, paese in provincia di Cremona, proprio uno dei soci fondatori di I-Dentivity, il network di odontoiatri lombardo-veneti che ha promosso una ricerca per valutare le aspettative del paziente odontoiatrico, in collaborazione con Mauro Foltran, formatore ed esperto di comunicazione e marketing, egli stesso socio fondatore. «Benvenuti nella nostra casa di cristallo» È bella e invitante l immagine che Lorenzo Balsano ha scelto per descrivere la sua nuova dimora, quella che da circa un anno divide con altri colleghi di area lombardo-veneta. Una convivenza non certo forzata, visto che ognuno, precisa Balsano, ha mantenuto la propria autonomia, tuttavia, condividendo con gli altri il meglio delle esperienze di ciascuno. «Abbiamo cominciato a frequentarci», racconta Balsano, «sviluppando un progetto comune: organizzare i nostri studi professionali legando il concetto di libera professione a quello di impresa, con un altra convinzione. La difesa del rapporto medico-paziente passa anche attraverso la tutela della libera professione, oggi in pericolo per come si sta muovendo il mercato e per i nuovi soggetti che stanno entrando in scena». Il riferimento è ovviamente alle catene di franchising, ai fondi integrativi e a tutto ciò che può frapporsi nel rapporto tra odontoiatra e paziente e indurre il professionista ad abbassare il livello qualitativo delle prestazioni. «Sono convinto», prosegue Balsano, «che l unico modo per contrastare la deriva della libera professione sia entrare nel governo di ciò che sta accadendo. Per farlo, prima di ogni altra cosa, dobbiamo comprendere il punto di vista del pazientecliente». Vestire i suoi panni per capire le sue esigenze, le stesse che ha ciascuno di noi quando, fa notare Balsano, nell acquistare un bene o un servizio diviene consumatore. Tuttavia, aggiunge l odontoiatra di Pandino, lo scenario è molto più complesso. «Sono aumentati i costi organizzativi e di gestione dello studio», ricorda, «ed è aumentata anche la concorrenza: a Pandino, 22

4

5 P inchiesta per esempio, un paese che conta solo 9 alla clinica, alla qualità delle cure che tenga mila abitanti, vent anni fa, quando avviai però conto delle reali esigenze del paziente il mio studio, erano pochi i dentisti che e non sia solo un esercizio intellettuale servivano anche le aree limitrofe, oggi sono e pratico di chi, conoscendo bene la cresciuti enormemente di numero, senza proprio disciplina, dispensi trattamenti di contare quelli che nel frattempo si sono eccellenza, ma insostenibili dal paziente. insediati dei paesi vicini». «Quella a cui puntiamo», spiega Balsano, «è Serve dunque attrezzarsi per affrontare il un attività clinica che, senza rinunciare alla nuovo scenario, proprio come hanno fatto qualità imposta anche dalla deontologia Balsano e i colleghi che oggi fanno parte di professionale, sappia tener conto dei costi I-Dentivity. per attuarla e della qualità percepita, non «Il nostro network», spiega, «non è nato ultimo anche della possibilità di inserirla in dal nulla: ciascuno di noi proviene un economia di scala». da altre esperienze, da percorsi di Obiettivi che si possono raggiungere, formazione nell ambito della leadership, spiega l odontoiatra, solo con strumenti e della gestione delle risorse e della metodi appropriati, impiegati però sempre comunicazione. da una prospettiva che ponga al centro Con I-Dentivity abbiamo però voluto di tutto il paziente, i suoi bisogni e le sue aggiungere qualcosa di nuovo al nostro aspettative. bagaglio, una figura professionale che ci «È a partire da un data-base aggiornato permettesse di uscire da quella dimensione dei nostri pazienti, cioè che contenga autoreferenziale che spesso caratterizza i tutte le informazioni necessarie a gruppi costituiti da soli dentisti». identificare con precisione la persona, Così, oltre a un direttore operativo del l indirizzo, i recapiti, ma anche la network, gli odontoiatri lombardo-veneti composizione del suo nucleo familiare, si sono appoggiati al socio professionista per esempio», suggerisce Balsano, «che della comunicazione che, grazie al suo possiamo mantenere i rapporti in essere punto di vista «altro» rispetto alla cultura odontoiatrica, ha potuto introdurre novità e sollecitare il gruppo a interrogarsi su questioni non convenzionali per un dentista. «Così organizzati», spiega Balsano, «ci siamo impegnati a individuare le esigenze e gli orientamenti del paziente. È un cambiamento culturale fondamentale per noi liberi professionisti. Stiamo cercando di attuarlo all interno della nostra casa di cristallo, come noi amiamo definirla: una costruzione trasparente che funge da centrale operativa e che ci permette di condividere valori ed esperienze, facendole circolare da uno studio all altro». Tuttavia, l aspetto centrale a cui nessuno degli odontoiatri coinvolti nel Figura 1 progetto intende rinunciare, è l attenzione con i nostri pazienti e pianificare strategie per allacciarne di nuovi». Sì, perché buone prestazioni cliniche, infatti, ormai è assodato, non bastano a fare dell odontoiatra un valido professionista e del suo studio una realtà attrattiva e capace di sostenersi sul mercato divenuto sempre più competitivo. «Dobbiamo imparare a osservare il nostro paziente», suggerisce Balsano, «cosa fa quando si trova in sala d attesa, cosa legge, cosa guarda, come si muove nell ambiente?». Elementi che, se ben interpretati, possono consigliare come migliorare lo studio. «Non basta misurare, com è nostra abitudine, le performance cliniche del nostro lavoro», sostiene infatti Balsano, «dobbiamo trovare e impiegare anche uno strumento di misurazione delle prestazioni relazionali dello staff odontoiatrico, quelle che giocano un ruolo fondamentale nel giudizio complessivo dato dal paziente al proprio dentista, come è emerso anche dalla nostra indagine». Per questo, tra le attività promosse dal network, oltre alla formazione sul versante 24

6

7 P inchiesta Figura 2 clinico, occupa un posto di rilievo anche l educazione alla comunicazione empatica, al marketing e al telemarketing per il personale di segreteria. «Negli incontri periodici che organizziamo tra noi membri del network», conclude Balsano, «portiamo i risultati delle nostre esperienze, così da poterli confrontare e imparare da chi è più avanti di noi, con l impegno di rimuovere le non conformità rilevate». Senza dimenticare mai chi mettere al centro. Figura 3 alla formulazione dei questionari che abbiamo poi somministrato a 560 pazienti, provenienti per il 50% dagli studi consorziati con I-Dentivity», spiega Mauro Foltran, «abbiamo condotto un analisi sulle dinamiche presenti all interno degli studi, un I risultati della ricerca Non lasciano dubbi i dati emersi dall Indagine di Mercato ideata e commissionata a un Istituto di Ricerche da Mauro Foltran (Presidente di HCS, società di consulenza attiva anche nel settore odontoiatrico dal 2006), in qualità di Socio, per I-Dentivity: per il paziente la relazione interpersonale rappresenta un aspetto importante nel rapporto con il proprio odontoiatra, quasi quanto la capacità clinica in senso stretto. Anche l aspetto economico, all interno di un certo range, per buona parte dei pazienti intervistati non è il vero ostacolo alle cure odontoiatriche. Ma come si è giunti a questo e agli altri risultati della ricerca? «Prima di arrivare Figura 4 26

8

9 inchiesta P INCHIESTA Le qualità relazionali insieme a quelle dello studio sembrano fare la differenza Figura 5 monitoraggio che è sfociato in una serie di interviste qualitative che hanno permesso di realizzare il questionario a domande chiuse». Come mostra la figura 1, il campione intervistato era costituito da persone con un età media intorno ai 47 anni (44,3% maschi, 55,7% femmine), riconducibili a un nucleo familiare titolare di due redditi e mediamente con meno di un figlio minore a carico (figura 2). «Il campione intervistato, pur non avendo dignità nazionale, perché solo di provenienza lombardo-veneta», precisa Foltran, «ha comunque una composizione interessante che permette di leggere i risultati, di cogliere gli orientamenti emersi dallo studio, anche al di là della zona geografica in cui è stata realizzata la ricerca». «Quando pensa al dentista come categoria professionale, lo pensa un po come fosse.». A questa domanda, l 80% degli intervistati risponde dicendo che il dentista è un medico specialista, confermando l autorevolezza di cui gode l odontoiatra nei confronti dei pazienti (figura 3). «Sulla base delle esperienze che lei ha avuto con i dentisti, provi a immaginare Figura 6 come vorrebbe fosse il suo dentista ideale. Quali sono le due qualità più importanti, che lei vorrebbe trovare in lui personalmente?». «È interessante osservare che se per il 50% delle persone a cui è stata sottoposta questa domanda siano di fondamentale importanza le qualità professionali dell odontoiatra (vedi figura 4), qualità peraltro date per scontate in un professionista», fa notare Foltran, «per una quota altrettanto rilevante sarebbero le qualità relazionali insieme a quelle dello studio a fare la differenza». 28

10

11 P inchiesta Figura 7 Proporzioni che si modificano a favore allo studio e ai collaboratori (figura 5). delle relazioni e della qualità complessiva «Abbiamo anche indagato», racconta dell ambulatorio odontoiatrico, Foltran, «quali fossero nel nostro campione quando la domanda è posta in rapporto le caratteristiche dello studio a cui il paziente prestasse maggior attenzione. Il grado di accoglienza dell ambiente, il livello tecnologico e l attenzione verso una buona relazione sembrerebbero i fattori decisivi (vedi figura 6). Ha un peso interessante anche la presenza degli specialisti di diverse aree, meno d impatto invece, la flessibilità degli orari e le dimensioni dello studio». Le ragioni che spingono un paziente a cambiare dentista sono riassunte nella figura 7. Il 55,9% degli intervistati (figura 8) ammette di aver scelto il proprio odontoiatra grazie alla segnalazione di una persona di fiducia, il 18%, invece, semplicemente perché ne aveva sentito parlare bene. «I dati della ricerca», aggiunge Foltran, «mostrano anche quanta importanza rivesta per i pazienti che nello studio, non necessariamente di grandi dimensioni, ci sia però la presenza di diversi specialisti, si respiri un aria tecnologica, ma soprattutto si abbia la sensazione di trovarsi in un luogo dinamico, in continua evoluzione». La ricerca promossa da I-Dentivity ha indagato anche altre questioni: come Figura 8 Figura 9 30

12

13 inchiesta P INCHIESTA «possibilità che il paziente non vede di buon occhio. Molto interessanti, invece, sono i dati relativi alla concorrenza. Di fronte alla necessità di affrontare una riabilitazione importante, circa un paziente su tre sostiene che prenderebbe in esame la possibilità di rivolgersi al pubblico o addirittura di compiere un viaggio all estero per sperimentare l odontoiatria low-cost» (figura10). Ci saranno tanti segmenti su cui lavorare: ciascuno sceglierà quello su cui riterrà valga la pena farlo Figura 10 valuterebbero i pazienti la possibilità di trovare in vendita, all interno dello studio, i prodotti consigliati dall odontoiatra per l igiene e la prevenzione, per esempio, Figura 11 ma anche il grado di coerenza di chi, insieme alle cure odontoiatriche, propone trattamenti di medicina estetica (figura 9). «Sono entrambe», spiega Foltran, Ma il dato più significativo, su cui varrebbe la pena riflettere, fa capire Foltran, è quest ultimo. «La maggior parte dei pazienti», prosegue, «giustifica gli elevati onorari degli odontoiatri, attribuendoli alle spese che i professionisti sostengono per la gestione dello studio, per l acquisto delle attrezzature e l aggiornamento professionale: la maggior parte, l 85% dei pazienti intervistati, questo il dato incoraggiante, nonostante tutto, sostiene che per un preventivo di 5 mila euro, un valore che abbiamo estrapolato dalle nostre interviste propedeutiche all indagine, farebbe riferimento al proprio odontoiatra, senza rivolgersi ad altri» (figura 11). Alla luce di tutto questo, come sarà dunque il mercato di domani secondo Mauro Foltran? «Molti hanno preannunciato la nascita di un mercato di massa», conlcude, «io credo invece che ci sarà una massa di mercati, tanti segmenti su cui si potrà lavorare: a ciascuno la scelta su quale valga la pena farlo». 32

Excellsium Leading Dental Clinics

Excellsium Leading Dental Clinics Excellsium Leading Dental Clinics La rete di Studi odontoiatrici d eccellenza L iniziativa odontoiatrica 2014 da non perdere Voce all odontoiatria di qualità La visione di Excellsium Proprio mentre il

Dettagli

Editoriale di Marina Fabiano

Editoriale di Marina Fabiano Editoriale di Li avete visti i Quaderni del Coaching? Dove? Ma sul sito www.coachmag.it! Aggiornato per accogliere le due grandi novità: i Quaderni e i CoachMag acquistabili separatamente. Il primo Quaderno

Dettagli

PERCORSO DI MANAGEMENT DI STUDIO ODONTOIATRICO

PERCORSO DI MANAGEMENT DI STUDIO ODONTOIATRICO PERCORSO FORMATIVO PERCORSO DI MANAGEMENT DI STUDIO ODONTOIATRICO RIVOLTO ALL ODONTOIATRA, ALL IGIENISTA E AL TEAM DI STUDIO IN 4 GIORNATE (32 ORE) Con il patrocinio di Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri

Dettagli

IV. Pubblicità e Marketing

IV. Pubblicità e Marketing Pubblicità e marketing Il marketing Il marketing nella professione medica Grazie al decreto legge 223/2006 (detto anche decreto Bersani ), ai professionisti e alle strutture sanitarie è consentita la diffusione

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare GRUPPO DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON DDAI NELLA REGIONE LAZIO Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare Una presa in carico globale Come molti

Dettagli

Come avviare una consulenza al ruolo?

Come avviare una consulenza al ruolo? Come avviare una consulenza al ruolo? Alcune riflessioni a cura di Daniela Patruno 1. La settimana scorsa ho visto un film appena uscito: Le coach, del regista di O. Doran, con Richard Berry nel ruolo

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi 3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi L intento di questo modulo è di far lavorare sulla condivisione di responsabilità, ovvero di permettere ai bambini

Dettagli

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA a. Introduzione BAMBINI NON COMMERCIALI Il diritto a pensieri e spazi senza condizionamenti pubblicitari Le relazioni educative, all interno di una famiglia, per essere significative

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

Indagine longitudinale sulle famiglie italiane

Indagine longitudinale sulle famiglie italiane Università degli Studi di Milano Bicocca Università degli Studi di Trento Università degli Studi di Bologna Indagine longitudinale sulle famiglie italiane Quinta rilevazione Questionario e istruzioni per

Dettagli

Che la salute non diventi un lusso CURE MEDICHE

Che la salute non diventi un lusso CURE MEDICHE CURE MEDICHE Sempre più spesso si fanno esami e visite specialistiche presso le strutture private. Anche perché nel pubblico costa sempre di più. Che la salute non diventi un lusso 10 DI TASCA NOSTRA INTRA

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

LA METODOLOGIA DI PASSI

LA METODOLOGIA DI PASSI LA METODOLOGIA DI PASSI IL QUESTIONARIO L INTERVISTA TELEFONICA ruolo dell intervistatore criticità emerse Marinella Giuliano Dipartimento Prevenzione ASL 2 Savonese Savona, 7 Maggio 2007 LA METODOLOGIA

Dettagli

Non scrivo nulla di nuovo ricordando

Non scrivo nulla di nuovo ricordando Il franchising, attualità e prospettive È la formula imprenditoriale che consente di realizzare accordi di collaborazione per la creazione di reti di vendita: uno spazio aperto nel quale le Camere di Commercio

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

Osservatorio sull Efficienza Energetica 2013. Seconda edizione

Osservatorio sull Efficienza Energetica 2013. Seconda edizione Osservatorio sull Efficienza Energetica 2013 Seconda edizione CONFERENZA STAMPA Indagine presso le famiglie Torino, 13 settembre 2013 (Rif. 1621v112) Partner dell Osservatorio 2 Patrocinio 3 Cap.1 - Il

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO 1- Presso il Servizio in cui operi e previsto un progetto analogo? La maggior parte dei partecipanti ha risposto in maniera negativa. Al momento, solo presso il nostro Servizio

Dettagli

Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura

Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura Corso di formazione specialistica su dialogo, tecnologie e comunicazione globale promosso dalla rete nazionale di scuole Rete Dialogues (retedialogues.it) Scoprire il dialogo, riscoprire la scrittura INTRODUZIONE

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

2OTT. Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi

2OTT. Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi Sogni e obiettivi: intervista a Silvia Minguzzi 2OTT Silvia Minguzzi Silvia Minguzzi si occupa professionalmente di formazione, coaching e crescita personale (vedi sito). Come spettatrice segue assiduamente

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEI DENTISTI E DEI PAZIENTI

CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEI DENTISTI E DEI PAZIENTI N 32 Ottobre 2009 Commissione Odontoiatri Presidente Valerio Brucoli Segretario Ercole Romagnoli Componenti Dino Dini Claudio Gatti Luigi Paglia CARTA DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEI DENTISTI E DEI PAZIENTI

Dettagli

Pensavamo fosse. invece..

Pensavamo fosse. invece.. Pensavamo fosse. invece.. La presentazione che segue racconta il percorso scolastico di uno studente straniero con una lunga serie di bocciature alle spalle. Istituto Comprensivo Darfo2 La storia O. è

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano I PRIMI PASSI DELLA RIFORMA SCOLASTICA IN PROVINCIA DI BOLZANO Per la scuola in lingua italiana della provincia autonoma di Bolzano, da un lato, abbiamo voluto evitare un atteggiamento attendista, che

Dettagli

Controllo di gestione, ad ogni costo?

Controllo di gestione, ad ogni costo? Controllo di gestione, ad ogni costo? Come contrastare le difficoltà economiche senza rinunciare alla propria professionalità? Quanto incidono i costi fissi sulla gestione complessiva? Tra le soluzioni

Dettagli

Nuove relazioni tra impresa e cliente. Cosa ne pensano cittadini e consumatori

Nuove relazioni tra impresa e cliente. Cosa ne pensano cittadini e consumatori Carlo Erminero e Carlo Santucci Nuove relazioni tra impresa e cliente. Cosa ne pensano cittadini e consumatori Risultati preliminari della Ricerca CRM Roma, 13 dicembre 2004 Le imprese italiane e la PA

Dettagli

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI

LA MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE A SCUOLA AFFIANCAMENTO PER ALUNNI STRANIERI NEO ARRIVATI Sistema di Gestione Qualità, rendicontazione indagini di soddisfazione 2011 Direzione Programmazione e Controllo Servizio Studi e Ricerche Sistemi Qualità Direzione Politiche Sociali Partecipative e dell

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

cegalingroup.com STAY IN A SERVICE EXPERIENCE

cegalingroup.com STAY IN A SERVICE EXPERIENCE 2 3 Una filosofia del servizio dedicata esclusivamente agli hotel Pierantonio Pegoraro, Direttore Commerciale Cegalin Group 4 Cegalin Group da oltre vent anni si dedica al servizio di pulizie e restoring

Dettagli

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI)

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Purtroppo noi scontiamo, in Italia, il fatto che l odontoiatria come branca autonoma rispetto alla medicina si sia affermata solo in anni recenti, e nel passato l odontoiatria

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

News letter. I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Editoriale

News letter. I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Editoriale News letter Numero 7 15 gennaio 2010 Editoriale Sommario I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Come sviluppare abilità per gestire i clienti interni in una

Dettagli

Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione degli utenti

Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione degli utenti Provincia di Milano Direzione Centrale Cultura e Affari Sociali Settore Sostegno e Prevenzione delle Emergenze Sociali Ufficio Teleassistenza Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Decalogo e Vademecum del volontario

Decalogo e Vademecum del volontario Decalogo e Vademecum del volontario IL DECALOGO DEL VOLONTARIO Il Volontario, dopo aver approfondito le motivazioni che lo hanno spinto a scegliere il servizio ospedaliero e aver vagliato le sue reali

Dettagli

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI

RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI RILEVARE LA SODDISFAZIONE DEI DIPENDENTI EMPLOYEE (PEOPLE) SATISFACTION Non bisogna mai dimenticare che i primi clienti di un organizzazione sono i collaboratori interni e che un indicatore molto importante

Dettagli

scritto da gsub Projektegesellschaft mbh, Dr. Diana Peitel Una visita al Learning Shop

scritto da gsub Projektegesellschaft mbh, Dr. Diana Peitel Una visita al Learning Shop scritto da gsub Projektegesellschaft mbh, Dr. Diana Peitel Una visita al Learning Shop Contenuto Riassunto 2 Parole chiave 2 La storia 2 Dopo l orientamento 4 Domande e punti di discussione 5 Il background

Dettagli

..parlattare tra genitori

..parlattare tra genitori 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE..parlattare tra genitori Cari amici e care amiche, vi presentiamo una chiacchierata che abbiamo avuto il piacere di raccogliere dai genitori che partecipano a Parlattando

Dettagli

People strategy in Azione

People strategy in Azione People strategy in Azione Gentili Colleghi, La People Strategy di Bausch + Lomb illustra il modo di operare della nostra azienda quando si stratta di selezionare, far crescere, motivare e valorizzare la

Dettagli

ORATORIO UNO E TRINO. C è un altro bisogno che risulta sempre più impellente ed è la formazione

ORATORIO UNO E TRINO. C è un altro bisogno che risulta sempre più impellente ed è la formazione 2 sperimentazioni 1PROGETTO: ORATORIO UNO E TRINO (per Oratori in crisi d identità) Che cos è Il progetto educativo dell Oratorio è lì, chiuso in un cassetto. I problemi di ogni giorno, l urgenza del quotidiano,

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

ANALISI QUESTIONARI CUSTOMER SATISFACTION 2014

ANALISI QUESTIONARI CUSTOMER SATISFACTION 2014 ANALISI QUESTIONARI CUSTOMER SATISFACTION 2014 RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE FAMILIARI OSPITI CASA RESIDENZA A CURA DI UFFICIO QUALITÀ FERRARA 16/10/2014 Ho deciso di smettere di usare la parola "consumatore"

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO LEZIONE: LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO PROF.SSA PAOLA ZOCCOLI Indice 1 LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO --------------------------------------------- 3 2 OBIETTIVI

Dettagli

Percorrendo(il(Colon(retto(

Percorrendo(il(Colon(retto( ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale PercorrendoilColonretto Il#PDTA#Colon#Retto:#migliorare#e#sviluppare#in#modo#partecipato#un#percorso#di#

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza

Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza Cosa significa comunicare su un rischio in situazioni di emergenza (Parte dei contenuti del testo sono tratti dai contributi di Mauro Palazzi ai corsi di formazione sul rischio in situazioni di emergenza)

Dettagli

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI

QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI QUINTO VOLUME: GENITORI E INSEGNATI La motivazione e la creatività, bambini disattenti e iperattivi, integrare gli alunni stranieri nella scuola a cura di Marco Rossi Doria Presentazione Tutti i bambini

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

Editoriale di Marina Fabiano

Editoriale di Marina Fabiano Editoriale di Li avete visti i Quaderni del Coaching? Dove? Ma sul sito www.coachmag.it! Aggiornato per accogliere le due grandi novità: i Quaderni e i CoachMag acquistabili separatamente. Il primo Quaderno

Dettagli

F E D E R C O N S U M A T O R I

F E D E R C O N S U M A T O R I * INDAGINE SULLA CONOSCENZA DEI FARMACI EQUIVALENTI/GENERICI Sintesi ricerca F E D E R C O N S U M A T O R I FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI Roma, 21 giugno 2012 Presentazione a cura di Roberto

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

OBIETTIVO STRATEGICO 6

OBIETTIVO STRATEGICO 6 OBIETTIVO STRATEGICO 6 Cesare Giannetti operatore area sviluppo Croce Rossa Italiana Legnano (MI) La Strategia 2020 e il suo motto saving lives, changing minds Obiettivo 6 Agiamo con una struttura capillare,

Dettagli

Praxis Intelligence Network

Praxis Intelligence Network Praxis Intelligence Network In un contesto di mercato sempre più saturo, che mette i consumatori in una condizione di overchoice, ogni prodotto viene ripetutamente e costantemente sottoposto ad un severo

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

METTI IN MOTO IL TALENTO

METTI IN MOTO IL TALENTO METTI IN MOTO IL TALENTO Laboratorio di sviluppo, al femminile e non solo. Progetto di valorizzazione del personale rivolto ai dipendenti dell Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino Provincia di

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se

Dettagli

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise 1 WP2/D.5 Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE 2 UN MODELLO PER L EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA ALLA CARRIERA RISPONDENTE ALLE ESIGENZE DI DOTTORANDI

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Cosa? I tirocini internazionali in azienda o stage, così come sono generalmente conosciuti, stanno acquisendo una

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

POTENZIARE LA PROPRIA ATTITUDINE AL COMUNICARE PER L EFFICACIA PROFESSIONALE E PERSONALE

POTENZIARE LA PROPRIA ATTITUDINE AL COMUNICARE PER L EFFICACIA PROFESSIONALE E PERSONALE POTENZIARE LA PROPRIA ATTITUDINE AL COMUNICARE PER L EFFICACIA PROFESSIONALE E PERSONALE CORSO ESSENZIALE DI PROGRAMMAZIONE NEUROLINGUISTICA (PNL) PER DOTTORI COMMERCIALISTI, AVVOCATI E NOTAI L uomo è

Dettagli

DOTT. GIOVANNI BONA IL MIGLIOR ALLEATO PER IL TUO SUCCESSO

DOTT. GIOVANNI BONA IL MIGLIOR ALLEATO PER IL TUO SUCCESSO DOTT. GIOVANNI BONA IL MIGLIOR ALLEATO PER IL TUO SUCCESSO PASSIONE PER IL PROPRIO LAVORO LlL Il Dott. Giovanni Bona non è solo il Direttore Scientifico di tutti i suoi studi dentistici; è l ideatore e

Dettagli

giusta Fai la spesa Inchiesta

giusta Fai la spesa Inchiesta Fai la spesa giusta Qual è la politica etica del tuo supermercato? Cosa c è dietro alle promozioni? La nostra inchiesta traccia il profilo di sei grandi insegne. Coop è la migliore. 20 Altroconsumo 278

Dettagli

Più valore alla terza età

Più valore alla terza età Più valore alla terza età UNA RISORSA PER LE FAMIGLIE Le Residenze Anni Azzurri sono nate per dare risposte efficaci a un esigenza sempre più sentita nella realtà di oggi: l assistenza agli anziani. In

Dettagli

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori

Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori TANDEM A di Francesca Negri Distribuzione e produzione a confronto Il presidio territoriale:venditori g I venditori sono dipendenti della nostra azienda perché ci rappresentano sul mercato e anche perché

Dettagli

IL CHECK UP DEL PUNTO VENDITA

IL CHECK UP DEL PUNTO VENDITA Attilio Rossi, Emanuele Schmidt IL CHECK UP DEL PUNTO VENDITA Incrementare la redditività di grandi e medie superfici MANUALI/FrancoAngeli GUIDA OPERATIVA PER LO STORE MANAGER Attilio Rossi, Emanuele

Dettagli

Una finestra sul mondo

Una finestra sul mondo Domus Coop Una finestra sul mondo LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno strumento che noi della Cooperativa Sociale Domus Coop mettiamo a disposizione di chi vuole conoscerci per orientarsi al

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE

CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE Il consorzio è un opportunità di crescita per la micro e piccola impresa. Le imprese che si trovano a misurarsi in un mercato dove i competitor sono rappresentati

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

1. Leadership: La risposta in tal senso è stata positiva consolidando un opera di continuo presidio del territorio da parte dell UP ACI Lucca..

1. Leadership: La risposta in tal senso è stata positiva consolidando un opera di continuo presidio del territorio da parte dell UP ACI Lucca.. 1. Leadership: 1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori per: formulare e sviluppare la missione (quali sono i nostri obiettivi) e la visione (dove

Dettagli

Il ruolo del multilinguismo nella comunicazione con i cittadini dell Unione europea

Il ruolo del multilinguismo nella comunicazione con i cittadini dell Unione europea SPEECH/07/173 Leonard Orban Commissario europeo per il multilinguismo Il ruolo del multilinguismo nella comunicazione con i cittadini dell Unione europea Accademia di Romania/Università La Sapienza Roma,

Dettagli

Report. Ricerca esplorativa sull Agente ECVET. Preparato da Meath Partnership Febbraio 2015

Report. Ricerca esplorativa sull Agente ECVET. Preparato da Meath Partnership Febbraio 2015 Report Ricerca esplorativa sull Agente ECVET Preparato da Meath Partnership Febbraio 2015 Sommario Introduzione... 3 Metodologia e profilo dei partecipanti alla ricerca... 4 Accreditamento... 6 Barriere

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli