E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET"

Transcript

1 E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET CORSO Il medico e l'ordine Professionale LEZIONE I In cosa consiste il procedimento disciplinare e quali le conseguenze? Quale la difesa più opportuna per il medico? CENTRO STUDI DI DIRITTO SANITARIO CORSO GIANNONE CASERTA TEL FAX

2 IN COSA CONSISTE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE E QUALI LE CONSEGUENZE? QUALE LA DIFESA PIÙ OPPORTUNA PER IL MEDICO? INDICE 1. Il potere disciplinare dell Ordine. Perché l Ordine dei Medici ha potere disciplinare? Quali sono le norme che legittimano il potere disciplinare dell Ordine? Che natura hanno le norme deontologiche? Il potere disciplinare spetta esclusivamente all Ordine dei Medici? 2. Il procedimento disciplinare. Come inizia il procedimento disciplinare? Quali sono le attività preliminari dell Ordine dei Medici? La contestazione degli addebiti può essere fatta genericamente? Il sanitario dipendente pubblico può essere sottoposto al potere disciplinare dell Ordine? Come si svolge il giudizio innanzi all Ordine dei Medici? Si può fare ricorso avverso la decisone dell Ordine dei Medici? 3. La difesa del medico. Situazioni tipo nelle quali il medico incorre in responsabilità disciplinare 2

3 1. IL POTERE DISCIPLINARE DELL ORDINE Le diverse categorie professionali tendono ad associarsi ed organizzarsi in gruppi per tutelare al meglio i propri interessi collettivi, garantire il decoro della professione e la correttezza delle prestazioni rese a terzi, attraverso la definizione di regole di condotta vincolanti per gli appartenenti al gruppo. PERCHÉ L ORDINE DEI MEDICI HA POTERE DISCIPLINARE? Il Codice di Deontologia Medica contiene le norme che ciascun medico deve rispettare nell esercizio della sua attività professionale; la funzione di natura regolatoria svolta dall Ordine dei Medici diventa effettiva attraverso l'esercizio del potere disciplinare sui professionisti, poiché solo a seguito dei singoli procedimenti disciplinari viene definita in termini pratici l esatta portata di quelle regole di condotta di cui si esige il rispetto. Affinché i principi deontologici abbiano natura reale ed effettiva non è sufficiente individuare un mero catalogo di astratti criteri di comportamento, ma è necessario stabilire anche a quali doveri di comportamento quei criteri diano luogo e quali siano le conseguenze in caso di violazione degli stessi. 3

4 QUALI SONO LE NORME CHE LEGITTIMANO IL POTERE DISCIPLINARE DELL ORDINE? Con il Decreto Legislativo C.P.S. del 13/09/1946 n. 233, contenete la disciplina relativa alla ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie, si prevede espressamente che fra le funzioni spettanti al Consiglio direttivo di ciascun Ordine dei Medici ci sia anche quella di esercitare il potere disciplinare nei confronti dei sanitari liberi professionisti iscritti nel relativo albo 1. Nel successivo D.P.R. del 05/04/1950, n. 221 viene ribadito il principio per il quale il sanitario che si rende colpevole di abusi o mancanze nell'esercizio della professione o di episodi disdicevoli al decoro professionale viene sottoposto a procedimento disciplinare da parte del Consiglio dell'ordine. 2 La Legge del 24/07/1985, n. 409, istitutiva della professione sanitaria di odontoiatria, ha attribuito la competenza disciplinare alla Commissione per gli Iscritti all Albo dei Medici Chirurghi e alla Commissione per gli Iscritti all Albo degli Odontoiatri 3, istituite in seno ai Consigli direttivi degli ordini provinciali ed al Comitato centrale della Federazione nazionale. Il Codice di Deontologia Medica, all articolo 2, si occupa di definire la potestà e le sanzioni disciplinari spettanti all Ordine, stabilendo che l inosservanza degli obblighi contenuti nel Codice è punita dalle Commissioni disciplinari con le sanzioni previste dalla legge. 1 Cfr. articolo 3 lettera f) Decreto Legislativo C.P.S. del 13/09/1946 n. 233, Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse. 2 Cfr. articolo 38 D.P.R. del 05/04/1950, n. 221, Approvazione del regolamento per la esecuzione del decreto legislativo 13 settembre 1946, n. 233, sulla ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse. 3 Cfr. articolo 6 Legge 24 luglio 1985, n. 409 (in Suppl. ordinario alla Gazz. Uff., 13 agosto, n. 190). - Istituzione della professione sanitaria di odontoiatria e disposizioni relative al diritto di stabilimento ed alla libera prestazione di servizi da parte dei dentisti cittadini di Stati membri delle Comunità europee. 4

5 CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA Art. 2 - Potestà e sanzioni disciplinari L'inosservanza dei precetti, degli obblighi e dei divieti fissati dal presente Codice di Deontologia Medica e ogni azione od omissione, comunque disdicevoli al decoro o al corretto esercizio della professione, sono punibili dalle Commissioni disciplinari con le sanzioni previste dalla legge. Le sanzioni, nell ambito della giurisdizione disciplinare, devono essere adeguate alla gravità degli atti. Il medico deve denunciare all Ordine ogni iniziativa tendente ad imporgli comportamenti non conformi alla deontologia professionale, da qualunque parte essa provenga. CHE NATURA HANNO LE NORME DEONTOLOGICHE? La norma deontologica ha, normalmente, gli stessi requisiti formali delle altre norme giuridiche, cioè generalità e astrattezza, ma la sua specificità è data dal fatto di produrre effetti solamente nei confronti dei soggetti appartenenti alla categoria professionale. Essa non ha rilevanza giuridica esterna, ma si indirizza esclusivamente ai professionisti iscritti all'albo dei medici chirurghi; prescrive precise regole di condotta che, per loro natura, sono poste a presidio e a garanzia del gruppo sociale di riferimento. I beni giuridici protetti dall'insieme delle disposizioni deontologiche sono il decoro, la dignità e il buon nome della professione medica, valori che assumono rilevanza interna al gruppo, ma che restano indifferenti, in via immediata e diretta, all'ordinamento generale. 5

6 IL POTERE DISCIPLINARE SPETTA ESCLUSIVAMENTE ALL ORDINE DEI MEDICI? Anche il datore di lavoro, sia esso un ente pubblico o un soggetto privato, può irrogare sanzioni disciplinari nei confronti dei propri dipendenti. Il potere disciplinare del datore di lavoro è finalizzato a garantire l'ordinato svolgimento dell'attività lavorativa nell azienda, evitando l'inosservanza da parte del lavoratore degli obblighi che derivano dal contratto e dalla sua posizione giuridica di subordinazione; in tal senso, le sanzioni disciplinari non hanno carattere afflittivo, ma sono dirette ad assicurare la continuità dell'attività dell'impresa e l'ordinato svolgimento del rapporto lavorativo. La sanzione più grave è rappresentata dall estinzione del rapporto di lavoro mediante il licenziamento del dipendente. Esso può essere intimato solo se vi è 4 : giusta causa, in quanto si sono verificati fatti tali da non consentire la prosecuzione dell attività lavorativa, poiché indice di grave negazione degli elementi essenziali del rapporto di lavoro ed in particolare di quello fiduciario; giustificato motivo soggettivo, a seguito di un grave inadempimento contrattuale del lavoratore, che, però, presuppone l avere posto in essere un fatto meno rilevante di quello che giustifica l adozione del licenziamento per giusta causa; 4 Cfr. Articolo 1, Legge n. 604 del , Norme sui licenziamenti individuali, Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 6 agosto 1966, n

7 non ha natura di sanzione disciplinare il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, in quanto dovuto a ragioni relative all attività ed all organizzazione lavorativa e prescinde dall inadempimento del lavoratore. Le altre sanzioni disciplinari possono essere la censura, la riduzione dello stipendio o la sospensione. Il rapporto di lavoro del dirigente non è assoggettato alle norme limitative dei licenziamenti individuali, previste dalla Legge n. 604 del 1966, e il concetto di "giustificatezza" del licenziamento del dirigente, posto dalla contrattazione collettiva, non coincide con quello di giustificato motivo di licenziamento individuata dalla legge. La nozione di licenziamento giustificato del dirigente è più ampia, ricomprendendo qualsiasi motivo di recesso del datore di lavoro, idoneo a turbare il legame di fiducia con il datore, purché apprezzabile sul piano del diritto e non meramente arbitrario. 7

8 2. IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE La competenza per la trattazione del procedimento disciplinare è affidata alle Commissioni istituite all interno dell Ordine Provinciale nel cui Albo è iscritto il sanitario che si rende colpevole di abusi, mancanze nell'esercizio della professione, fatti disdicevoli al decoro professionale. COME INIZIA IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE? Il procedimento disciplinare ha inizio: d ufficio; su richiesta del Ministro della Salute o del Procuratore della Repubblica; la formulazione dell art. 38 del D.P.R. n. 221del 05/04/1950 indica il Prefetto quale soggetto deputato alla richiesta di procedimento disciplinare, ma con l istituzione del Ministero della Sanità, ai sensi della Legge 13/03/1958 n. 296, le competenze del Prefetto in materia di sanità pubblica sono state trasferite al Ministero della Salute 5, essendo stata affermata la competenza dello Stato relativamente agli ordini ed ai collegi professionali. Attualmente, quindi, il Ministro della Salute, e non più il Prefetto, è contraddittore necessario del professionista sia in sede d'impugnazione del provvedimento disciplinare davanti alla Commissione Centrale per gli esercenti le professioni sanitarie sia in sede di ricorso per Cassazione avverso la decisione della Commissione. 6 5 Cfr. art. 6, Legge 13/03/1958 n. 296, Costituzione del Ministero della Sanità, Pubblicata nella Gazzetta Uff. del 14 aprile 1958, n Cfr. Cassazione Sezioni Unite, Sentenza. n del

9 QUALI SONO LE ATTIVITÀ PRELIMINARI DEL PRESIDENTE? Il Presidente dovrà innanzitutto essere a conoscenza di fatti che possono formare oggetto di procedimento disciplinare, sia mediante acquisizione diretta di informazioni che a seguito di segnalazione. In via preliminare svolge una sommaria verifica delle circostanze, senza particolari formalità, al solo scopo di valutare se si è in presenza di fatti potenzialmente idonei ad iniziare un procedimento nei confronti dell iscritto. Non ha il potere di archiviare gli atti, ma ha il compito di accertare se esistano presupposti che suggeriscano la necessità di procedere alla convocazione del medico. Se lo ritiene, convoca il sanitario, con lettera raccomandata nella quale sono indicati, sia pure in modo sintetico, i motivi della stessa. Dispone l audizione del medico, esponendo i motivi della convocazione e ponendo le domande utili all acquisizione delle informazioni necessarie alla decisione della competente Commissione di aprire il procedimento; dell audizione dovrà essere redatto un apposito verbale in cui vengono riportate con esattezza le domande del Presidente e le risposte del sanitario; ad integrazione di quanto dichiarato, si può presentare successivamente una memoria scritta di risposta alle domande. Il Presidente invia il verbale alla competente Commissione, la quale deciderà se aprire il procedimento disciplinare o disporre l archiviazione e non procedere ulteriormente. 9

10 Se si ritiene di dovere agire nei confronti del medico, fissa la data della seduta per il giudizio, nomina il relatore e provvede a notificare all'interessato 7 : la menzione circostanziata degli addebiti; il termine non inferiore a venti giorni, e prorogabile su richiesta dell'interessato, entro il quale egli può prendere visione degli atti relativi al suo deferimento a giudizio disciplinare e produrre le proprie controdeduzioni scritte; l'indicazione del luogo, giorno ed ora del giudizio disciplinare; l'espresso avvertimento che, qualora non si presenti alla seduta della Commissione, si procederà al giudizio in sua assenza. Il medico che intenda chiedere di essere sentito dall Ordine può farlo nel termine fissato dal Presidente per visionare gli atti e produrre le controdeduzioni. LA CONTESTAZIONE DEGLI ADDEBITI PUÒ ESSERE FATTA GENERICAMENTE? La norma del D.P.R. n. 221 del 05/04/1950, precisa che vi debba essere, nella comunicazione al medico della data del giudizio disciplinare, una menzione circostanziata degli addebiti. E necessario che la contestazione comprenda: l individuazione del comportamento posto in essere in violazione del codice deontologico; l indicazione esatta della norma deontologica violata; l'omessa individuazione di quest ultima si traduce in una insanabile contraddittorietà della motivazione 8. 7 Cfr. articolo 39 D.P.R. del 05/04/1950, n. 221, citato. 8 Cfr. Cassazione Civile, Sez. III, Sentenza. n del

11 La tutela del contraddittorio nei confronti del medico sottoposto a procedimento disciplinare richiede una contestazione dell'addebito che gli consenta di approntare la propria difesa senza rischiare di essere giudicato per fatti diversi da quelli ascritti o diversamente qualificabili sotto il profilo della condotta professionale a fini disciplinari. Tuttavia, la giurisprudenza ritiene che non sia necessaria una minuta, completa e particolareggiata esposizione dei fatti che integrano l'illecito, in quanto è sufficiente che con la lettura degli addebiti sia posto in grado di difendersi in maniera efficace. 9 Se manca la puntualità della contestazione si avrà in ogni caso un vizio del procedimento disciplinare, poiché la stessa non è solo funzionale all'esplicazione del diritto di difesa dell'incolpato, ma è finalizzata anche a garantire l esigenza di trasparenza dell'azione disciplinare. 10 IL SANITARIO DIPENDENTE PUBBLICO PUÒ ESSERE SOTTOPOSTO AL POTERE DISCIPLINARE DELL ORDINE? Il potere disciplinare spettante al Consiglio dell'ordine non si riferisce solo alla professione espletata secondo un modello organizzativo autonomo, ma anche a fatti e violazioni collegati allo svolgimento di ogni attività che comporti la concreta applicazione delle particolari conoscenze tecniche di medico. Anche se dipendente di una Azienda Sanitaria, il medico non cessa di appartenere all'ordine Professionale ed è tenuto all'osservanza degli obblighi 9 Cfr. Cassazione Civile, Sez. III, Sentenza. n del Cfr. Cassazione Civile, Sentenza n del , consultabile su pubblicata il 21/04/

12 deontologici da esso previsti; pertanto, è pienamente legittima l'instaurazione nei suoi confronti di procedimento disciplinare da parte dell'ordine cui appartiene, a prescindere da quello eventualmente promosso dalla A.S.L. di appartenenza. Ad esempio, è stata ritenuta legittima la decisione del Consiglio dell'ordine professionale, che aveva ritenuto la responsabilità disciplinare di un medico dirigente di un reparto di cardiologia, per aver richiesto e ottenuto somme di denaro per la prestazione in ospedale ed aver dirottato dei pazienti presso il suo studio privato. COME SI SVOLGE IL GIUDIZIO INNANZI ALLA COMMISSIONE DISCIPLINARE? Il giudizio inizia con l esposizione del relatore dei fatti addebitati e delle circostanze emerse dall'istruttoria. Successivamente viene sentito il medico, che deve comparire personalmente e può farsi assistere da un avvocato o da un esperto di fiducia. l'incolpato ha la facoltà di avvalersi dell assistenza di un difensore, ma ciò non impone alcun obbligo procedimentale a carico dell'organo disciplinare, tale per cui dalla violazione dello stesso possa conseguire l'illegittimità del procedimento; di conseguenza, l'assenza di un difensore tecnico non è causa di nullità del procedimento, poiché entrambe le parti discutono di vicende tecniche che sono in grado di valutare in base alla propria esperienza e professionalità; si avrà una violazione del diritto di difesa dell'inquisito solo se nel caso in cui chieda espressamente di essere assistito da un difensore e l'organo procedente lo privi di tale facoltà; diversamente, qualora il medico, per propria scelta, non 12

13 faccia alcuna istanza e si presenti personalmente a rispondere dei fatti contestati non si ha nullità del procedimento. 11 Conclusa la trattazione orale, l interessato viene allontanato ed il Consiglio assume la sua decisione; essa è assunta a maggioranza di voto e, in caso di parità, prevale il voto del Presidente. Le sedute del Consiglio non sono pubbliche, ma per ciascuna di esse deve essere sempre redatto apposito verbale nel quale sono riportati i nomi dei componenti del Consiglio intervenuti, i giudizi esaminati, le questioni trattate e i provvedimenti presi in ordine a ciascun procedimento. I dispositivi delle decisioni assunte sono riportati nel verbale. La decisione deve contenere, a pena di nullità, l'indicazione della data in cui è stata adottata, dei fatti addebitati e delle prove assunte, l'esposizione dei motivi ed il dispositivo; la segreteria, nella quale viene depositato l originale, provvede a notificarne copia all'interessato. QUALI SONO LE SANZIONI DISCIPLINARI? Le sanzioni disciplinari applicabili sono indicate espressamente nell art. 40 del D.P.R. n. 221 del 05/04/1950 e possono consistere in: 1. avvertimento, cioè una diffida rivolta al colpevole a tenere nuovamente una determinata condotta; 2. censura, che è una dichiarazione di biasimo per la mancanza commessa; 11 Cfr. Cassazione Civile Sez. III, Sentenza n del , consultabile su pubblicata il 13/09/

14 3. sospensione dall'esercizio della professione per la durata da uno a sei mesi; 4. radiazione dall'albo, pronunciata contro l'iscritto quando con la sua condotta abbia compromesso gravemente la sua reputazione e la dignità della classe sanitaria. CHE RAPPORTO C È FRA IL GIUDIZIO DISCIPLINARE E IL PROCEDIMENTO PENALE? Il sanitario a carico del quale abbia avuto luogo un procedimento penale è sottoposto a giudizio disciplinare per il medesimo fatto imputatogli, purché egli non sia stato prosciolto per la non sussistenza del fatto o per non averlo commesso. 12 Per il principio dell'autonomia della valutazione disciplinare rispetto a quella effettuata dall'autorità giudiziaria, gli stessi fatti irrilevanti in sede penale possono essere invece idonei a ledere i principi della deontologia professionale e dare pertanto luogo a responsabilità disciplinare; ciò è escluso nel caso in cui sia intervenuta sentenza penale irrevocabile di assoluzione, in quanto essa ha efficacia di giudicato nel giudizio per responsabilità disciplinare davanti alle pubbliche autorità quanto all'accertamento che il fatto non sussiste o non costituisce illecito penale ovvero che l'imputato non lo ha commesso. Il medico è, inoltre, sottoposto a procedimento disciplinare, quando gli siano state applicate una misura di sicurezza o il confino di polizia o l'ammonizione. 12 Cfr. articolo 44 D.P.R. del 05/04/1950, n. 221, citato. 14

15 SI PUÒ FARE RICORSO AVVERSO LA DECISONE DELL ORDINE DEI MEDICI? Contro la decisione emessa dall Ordine il sanitario può proporre ricorso alla Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie, un organo di giurisdizione speciale istituito presso il Ministero della Salute. Il termine per la proposizione del ricorso è di trenta giorni, che decorrono dalla notificazione o dalla comunicazione del provvedimento. Il ricorso ha effetto sospensivo quando sia proposto avverso i provvedimenti di cancellazione dall'albo o disciplinari, esclusi quelli per i quali la legge prevede la sospensione o la radiazione di diritto. Il medico interessato può chiedere di essere udito personalmente dalla Commissione; qualora questa ritenga necessario che le parti diano chiarimenti, producano atti o documenti o si presentino personalmente, ne fa richiesta alle parti stesse. Le decisioni della Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie sono impugnabili davanti alla Corte di Cassazione. 15

16 3. LA DIFESA DEL MEDICO A volte, situazioni che al medico non sembrano passibili di procedimento disciplinare possono rivelarsi tali, perché, esaminate con accuratezza alla luce dei principi che devono ispirare l attività professionale del sanitario, risultano in contrasto con essi più di quanto si possa ritenere affidandosi semplicemente al proprio buon senso o al sentire comune. L organo disciplinare, nelle valutazioni degli addebiti, non può prescindere dall elemento psicologico che caratterizza l infrazione commessa, per cui, nell applicare la sanzione, fa inevitabilmente ricorso ai precedenti personali ed a tutte le circostanze atte a determinare la personalità dell incolpato, tenendo particolarmente conto delle eventuali recidive specifiche soggetto. Pertanto, conoscere adeguatamente le norme del Codice Deontologico può essere utile al fine di avere gli strumenti necessari per esaminare le situazioni concrete che si presentano nella realtà quotidiana e sapersi orientare nei diversi possibili modi di affrontare le stesse. Va, comunque, rilevato che anche comportamenti non specificatamente previsti e sanzionati dal Codice Deontologico possono essere oggetto di procedimenti disciplinari, perché ciascun Ordine gode di autonomia nella valutazione della condotta dei propri iscritti. Dall esame delle decisioni assunte dal Consiglio dell Ordine e dalla Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie, si possono individuare alcune situazioni tipizzate, utili ad indicare alcuni profili comportamentali per il medico. 16

17 SITUAZIONI TIPO NELLE QUALI IL MEDICO INCORRE IN RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE Omessa visita da parte del medico di medicina generale È legittima la sanzione irrogata dall Ordine per omesso intervento da parte del medico di medicina generale nei confronti di una paziente poi deceduta, ove il fatto risulti dall esposto di una persona amica della vittima, sofferente di difficoltà respiratorie, che si era sentita opporre dal medico curante un diniego alla richiesta di visita. Essendo sopravvenuto il decesso per disturbi cardiaci provocati da un embolia con conseguente ictus letale, l Ordine aveva ritenuto il comportamento del sanitario contrario all art. 7 del Codice di deontologia medica («Obbligo di intervento»). Infatti, correttamente l organo di disciplina ha valutato la rilevanza del diverso ruolo dei due soggetti, l una semplice amica della paziente, l altro professionista incaricato del servizio di medicina generale: non possono quindi accogliersi le giustificazioni relative alla condotta dell esponente, la quale avrebbe lasciato deteriorare le condizioni di salute dell amica omettendo di avvisare il pronto soccorso, in quanto ciò non esime certamente il sanitario dagli obblighi deontologici derivanti dall appartenenza ad un Albo professionale. Anzi, il tentativo di sfuggire alle proprie responsabilità scaricandole su altro soggetto, non qualificato e presumibilmente alterato dal fatto di trovarsi in una situazione di emergenza, sarebbe suscettibile di aggravare la valutazione negativa del comportamento del sanitario. Pertanto, pur potendosi escludere una omissione volontaria di visita da parte del medico, e accedendo quindi alla tesi da lui sostenuta circa un malinteso con l amica della paziente, resta un profilo colposo nella condotta del medico, il quale è stato negligente nel non procedere ad un accertamento diretto delle condizioni di salute dell assistita. 17

18 Mancate visite domiciliari È fondato il ricorso del sanitario, incolpato per violazione degli artt. 7 (obbligo di intervento) e 18 (competenza professionale) del Codice di deontologia medica, per presunto mancato rispetto dell incarico a tempo indeterminato di attività di continuità assistenziale presso una Azienda sanitaria locale, qualora la commissione disciplinare non provi adeguatamente i fatti addebitati supportandoli con riscontri oggettivi idonei a dimostrare in modo inequivocabile il comportamento scorretto del ricorrente. In assenza di siffatti riscontri, sono condivisibili i rilievi del ricorrente secondo cui le contestazioni sulla carenza di visite domiciliari e sulla eccedenza di consulenze telefoniche riguarderebbero un periodo troppo limitato per offrire una dimostrazione significativa di scarsa diligenza professionale. Né il provvedimento sanzionatorio può essere legittimamente fondato su precedenti comportamenti negligenti, per i quali sia stata applicata a suo tempo la relativa sanzione, e nemmeno sulla base del risultato dell accertamento disposto dalla stessa A.S.L., dal quale il sanitario è risultato inidoneo allo svolgimento dell incarico di continuità assistenziale, a cui ha fatto seguito la revoca dell incarico. Imprudenza e superficialità in casi clinici di particolare complessità Non si ravvisa imprudenza e superficialità nella condotta del sanitario che, in base agli atti del procedimento disciplinare, abbia dimostrato di essere consapevole della particolare complessità del caso, ponendo in atto tutte le azioni professionalmente idonee e attenendosi a doverosi criteri di scrupolosa prudenza. Ciò può essere dimostrato, a titolo esemplificativo, dalle seguenti attività: rivolgersi ad un accreditato laboratorio specialistico; acquisire il parere di colleghi esperti della 18

19 patologia da cui era affetta la paziente; consultare scrupolosamente la letteratura in materia. Comunicazione con i pazienti e rispetto della dignità del malato Non è corretto il comportamento del sanitario che, a causa di proprie difficoltà comunicative, assuma atteggiamenti incompatibili con l esigenza di ascoltare e parlare coi pazienti, tenendo in giusto conto il livello culturale e le capacità di comprensione degli assistiti, verso i quali il medico deve sempre adoperarsi per fornire una informazione corretta e comprensibile. Infatti, non va intesa l attività medica come mera esecuzione tecnica di accertamenti diagnostici, con l unica preoccupazione di individuare la malattia senza tenere in alcun conto la persona del malato, il rispetto della cui dignità rappresenta per il medico un dovere deontologico fondamentale. Errata annotazione su scheda chirurgica È suscettibile di sanzione l aver annotato su una scheda chirurgica il nominativo di un anestesista che non aveva partecipato all intervento oggetto di registrazione, con il potenziale rischio di implicazioni medico-legali e fiscali, potendosi considerare la scheda chirurgica come una certificazione con fini, oltre che certificativi, amministrativi. Correttamente l Ordine, valutando il ravvedimento operoso del ricorrente, ha deciso per una sanzione più lieve rispetto a quella che avrebbe potuto infliggergli, anche in virtù del potenziale rischio, civile e penale cui avrebbe potuto sottoporre l anestesista che non ha partecipato all intervento di cui trattasi. È infatti pacifico che il medico, allorché compila un documento, deve prestare la massima attenzione nel redigerlo, soprattutto quando il documento può determinare conseguenze anche di natura assicurativa. 19

20 Esercizio abusivo della professione (favoreggiamento) - L accertamento, a seguito di ispezione dei NAS presso uno studio dentistico, dell avvenuta esecuzione di attività odontoiatriche da parte di igienisti dentali fa scaturire in capo al professionista sanitario una responsabilità per condotta omissiva, concretantesi in scarsa vigilanza. Al riguardo, ai fini dell agevolazione colposa dell esercizio abusivo della professione non è richiesta continuità nell attività contestata, essendo sufficiente la semplice invasione di campo da parte di soggetti non abilitati, mentre l archiviazione del procedimento penale aperto sui fatti in esame nel procedimento disciplinare nulla toglie o aggiunge alla valutazione che l Ordine professionale è tenuto a compiere sulla violazione di norme deontologiche. - Il sanitario deve porre in essere tutte le misure idonee ad evitare ogni commissione tra l attività dell odontoiatra e quella dell odontotecnico, in modo da scongiurare il compimento di atti illeciti da parte di persona non abilitata all esercizio della professione odontoiatrica. Laddove risulti invece che il sanitario, pur avvertito dell effettuazione di prestazioni odontoiatriche da parte del collaboratore non abilitato, non abbia osservato gli accorgimenti necessari a far venir meno l abusivismo, lo stesso in quanto titolare dello studio è responsabile sotto il profilo squisitamente deontologico. Invero, ai fini dell accertamento di tale responsabilità, non è necessario a differenza delle fattispecie di cui all art. 348 c.p. e dell art. 8 della legge 175/1992 che vi sia una attività abusiva svolta in modo continuativo con la copertura, protezione o omissione di sorveglianza da parte del professionista, ma è sufficiente anche una sola invasione di campo da parte del non abilitato. 20

21 Rapporti tra colleghi - È da ritenersi violata la norma deontologica in base alla quale il rapporto tra i medici deve ispirarsi ai principi del reciproco rispetto e della considerazione della rispettiva attività professionale, ove il sanitario oltrepassi i limiti di un diritto di critica che pure va rispettato. Ciò in particolare quando il contenuto di una lettera del ricorrente ad un collega contenga frasi che mettono in dubbio la professionalità del destinatario, non limitandosi ad una valutazione dello specifico caso clinico, ma estendendosi a giudizi sulla qualità professionale del sanitario stesso. - Nello svolgimento della attività medico-legale il sanitario deve osservare le norme deontologiche di correttezza nei confronti dei colleghi e di tutela della dignità e del decoro della professione. Nel caso di specie, la relazione tecnica oggetto della vicenda, inferiva, in alcuni passaggi, veri e propri giudizi di valore frettolosi e poco prudenti nei confronti del medico, la cui identità, peraltro, pur non essendone citato il nominativo in quello stesso passaggio, era facilmente individuabile dalla parte introduttiva della relazione, poiché in quella stessa parte era bensì citato il nome del chirurgo che aveva eseguito l intervento. - È lesivo del prestigio della categoria il comportamento del sanitario consistente nel rendere pubblica una controversia o rilasciare dichiarazioni, quando ciò sia stato reso di pubblico dominio attraverso la stampa, mentre non è altrettanto lesivo un comportamento che resta confinato in iniziative assunte nell ambito dell autonomia privata, quale la mancata di esecuzione di una sentenza civile: condotta, questa, che non può considerarsi una infrazione tale da gettare discredito sull intera categoria medica e che anzi appare legittima ove la controversia tra i due sanitari coinvolti abbia 21

Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare

Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare Per esercitare legittimamente la professione medica e quella odontoiatrica è richiesta l iscrizione all ordine dei

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE DISCIPLINARI Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 310 del 25 settembre 2014 Modificato con Delibera del 27 febbraio

Dettagli

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE a cura di Remo Danovi 1. Tenuta albi - Pena interdittiva accessoria sentenza penale di condanna La cancellazione dall Albo degli Avvocati, disposta come conseguenza

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario Introduzione... 2 Le violazioni e le misure disciplinari... 2 SISTEMA SANZIONATORIO PER I LAVORATORI DIPENDENTI... 3 LAVORATORI DIPENDENTI NON DIRIGENTI (QUADRI, IMPIEGATI, OPERAI)... 3 DIRIGENTI...

Dettagli

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE

GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE GIURISPRUDENZA DEL CNF E DELLA CASSAZIONE a cura di Remo Danovi 1. Tenuta albi - Obbligo di comunicazione dell ammontare del reddito professionale alla Cassa di previdenza In tema di obblighi degli avvocati

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO EX D. LGS. 231/2001 1 L introduzione di un sistema disciplinare volto a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel Modello 231/2001, aggiornato alla L. 190/2012,

Dettagli

LYBRA ASSOCIAZIONE GIURIDICO CULTURALE

LYBRA ASSOCIAZIONE GIURIDICO CULTURALE LYBRA ASSOCIAZIONE GIURIDICO CULTURALE Cass. civ. Sez. Unite, Sent., 16-02-2015, n. 3023 2 AVVOCATO Con decisione 29.9.2011, il Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Roma irrogò all'avv. F.S. la sanzione

Dettagli

Professioni sanitarie:

Professioni sanitarie: Professioni sanitarie: Natura e controllo delle professioni sanitarie Generalità. Secondo il Testo unico delle leggi sanitarie le professioni sanitarie si distinguono in principali, ausiliari e arti ausiliari

Dettagli

Il licenziamento disciplinare

Il licenziamento disciplinare Capitolo 4 Il licenziamento disciplinare Caso 4.1 Quali sono stati gli effetti della sentenza della Corte Costituzionale n. 204 del 1982? Con più ordinanze del 1976 furono impugnati innanzi alla Corte

Dettagli

I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI Sei stato vittima di un provvedimento disciplinare ingiusto? Le informazioni qui di seguito riportate ti permetteranno di conoscere i limiti all esercizio del potere disciplinare

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI PRESSO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CODICE DI DEONTOLOGIA PROFESSIONALE DEI GEOMETRI Approvato con Delibera del 7 giugno 2005 SOMMARIO Introduzione Pagina 3 Titolo I Dei principi

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il licenziamento

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l.

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. Approvato all unanimità dagli Amministratori con decisione del 21 aprile 2009 SOMMARIO Art. 1 PREMESSA Art. 2 ILLECITI DISCIPLINARI E CRITERI SANZIONATORI Art. 3 LAVORATORI

Dettagli

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI PROCEDURA PENALE I LEZIONE X LE NOTIFICAZIONI PROF. GIANLUCA D AIUTO Indice 1 Gli organi e i modi della notificazione. --------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

FNOVI Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani CODICE DEONTOLOGICO PER MEDICI VETERINARI

FNOVI Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani CODICE DEONTOLOGICO PER MEDICI VETERINARI FNOVI Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani CODICE DEONTOLOGICO PER MEDICI VETERINARI DISPOSIZIONI GENERALI E SPECIFICHE Oggetto e campo di applicazione del Codice Deontologico Art. 1 - Medico

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente N. 00346/2015 REG.PROV.COLL. N. 03852/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della Qualità Direzione Generale Risorse Umane e Professioni Sanitarie Ufficio III (Segreteria CCEPS) Giurisprudenza della Commissione Centrale per gli Esercenti le

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa (Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Dlgs 231/01) Pagina

SISTEMA DISCIPLINARE. Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa (Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Dlgs 231/01) Pagina (Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Dlgs 231/) 1 di 16 16/12/23 REVISIONE ex Dlgs 231/ (Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Dlgs 231/) 2 di 16 16/12/23 REVISIONE Indice 1.

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) DECISIONE

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) DECISIONE 5721/2010 R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente DECISIONE Sul ricorso numero di registro

Dettagli

A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico. CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico

A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico. CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico A.N.Te.L. - Associazione Italiana Tecnici Sanitari di Laboratorio Biomedico CODICE DEONTOLOGICO - del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico Disposizioni generali Art. 1 - Il Tecnico Sanitario di Laboratorio

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI Pag. 1 di 5 Con la presente si informa il lavoratore su alcuni aspetti tratti dal contratto collettivo nazionale di categoria: Art. 47 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI L inosservanza, da parte del lavoratore,

Dettagli

CODICE ETICO- DEL REVISORE CONDOMINIALE. (approvato in data 30 GENNAIO 2015 dal Consiglio Direttivo )

CODICE ETICO- DEL REVISORE CONDOMINIALE. (approvato in data 30 GENNAIO 2015 dal Consiglio Direttivo ) CODICE ETICO- DEL REVISORE CONDOMINIALE (approvato in data 30 GENNAIO 2015 dal Consiglio Direttivo ) REVCOND ASSOCIAZIONE REVISORI CONDOMINIALI PREAMBOLO quale parte integrante del presente Codice Il revisore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente N. 00695/2015 REG.PROV.COLL. N. 03212/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

La mancata timbratura del cartellino, giustifica il licenziamento del medico per responsabilità

La mancata timbratura del cartellino, giustifica il licenziamento del medico per responsabilità SENTENZE IN SANITÀ TAR PIEMONTE TAR PIEMONTE sentenza n. 2950/2006 La mancata timbratura del cartellino, giustifica il licenziamento del medico per responsabilità disciplinare. Il Tribunale Amministrativo

Dettagli

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010

Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Tribunale di Roma, sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale, ordinanza 14 aprile 2010 Fapav ha agito nei confronti di Telecom Italia s.p.a. (per brevità: Telecom) a tutela dei

Dettagli

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE)

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE) CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 1994/1997 E PARTE ECONOMICA BIENNIO 1994-1995 CAPO V NORME DISCIPLINARI

Dettagli

Rapporti con i medici, i veterinari ed altri sanitari. Rapporti con i maestri e con i tirocinanti

Rapporti con i medici, i veterinari ed altri sanitari. Rapporti con i maestri e con i tirocinanti CODICE DEONTOLOGICO DELLA PROFESSIONE DI FARMACISTA Il "Codice Deontologico del Farmacista", è stato approvato dal Consiglio Nazionale della Federazione degli Ordini in data 13 dicembre 2000. Premessa

Dettagli

ALBO DEI PERITI E/O CONSULENTI TECNICI D'UFFICIO DEL TRIBUNALE

ALBO DEI PERITI E/O CONSULENTI TECNICI D'UFFICIO DEL TRIBUNALE ALBO DEI PERITI E/O CONSULENTI TECNICI D'UFFICIO DEL TRIBUNALE Il Consiglio dell Ordine dei Medici e degli Odontoiatri, nella seduta del 12/4/2011, PREMESSO che il Tribunale di Genova e di Chiavari richiedono

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE ISTRUTTORIE IN MATERIA DI DISCIPLINA DELLE RELAZIONI COMMERCIALI CONCERNENTI LA CESSIONE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI

REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE ISTRUTTORIE IN MATERIA DI DISCIPLINA DELLE RELAZIONI COMMERCIALI CONCERNENTI LA CESSIONE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE ISTRUTTORIE IN MATERIA DI DISCIPLINA DELLE RELAZIONI COMMERCIALI CONCERNENTI LA CESSIONE DI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI Articolo 1 Definizioni Ai fini del presente regolamento

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli

Seconda Università degli Studi di Napoli Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Medicina Legale Il dovere di certificare Prof. Bruno Della Pietra 1 La libertà

Dettagli

Ordine Nazionale dei Biologi TEL. (06) 57.090.1 r.a. Telefax: 57.090.234 00153 ROMA - Via Icilio, 7

Ordine Nazionale dei Biologi TEL. (06) 57.090.1 r.a. Telefax: 57.090.234 00153 ROMA - Via Icilio, 7 REGOLAMENTO PER L INFORMAZIONE SANITARIA (in applicazione alla Legge 183/2011 legge di riforma degli ordini professionali) Riferimenti legislativi - Legge 4 agosto 2006, n. 248 (Regolamento di pubblicità

Dettagli

Il presente regolamento individua e disciplina le procedure per la gestione del personale alle dipendenze del VIVI CISVOL - CSV VIBO VALENTIA

Il presente regolamento individua e disciplina le procedure per la gestione del personale alle dipendenze del VIVI CISVOL - CSV VIBO VALENTIA CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato dal comitato direttivo nella seduta del 15 Marzo 2012 1 Il presente regolamento

Dettagli

Nessun licenziamento in caso di generiche intimidazioni verso i colleghi

Nessun licenziamento in caso di generiche intimidazioni verso i colleghi Nessun licenziamento in caso di generiche intimidazioni verso i colleghi Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 04.10.2010 n 20566 http://www.altalex.com/index.php?idnot=50642 Le intimidazioni generiche

Dettagli

Codice Deontologico di Confestetica Associazione Nazionale Estetisti -

Codice Deontologico di Confestetica Associazione Nazionale Estetisti - Codice Deontologico di Confestetica Associazione Nazionale Estetisti - CAPO I PRINCIPI GENERALI ARTICOLO 1 Finalità 1. Finalità principale del presente codice consiste nel dettare norme comportamentali

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

informazione relativa a persona fisica o ad altro soggetto giuridico. Per trattamento dei

informazione relativa a persona fisica o ad altro soggetto giuridico. Per trattamento dei Il rispetto della privacy. Cosa comporta la presenza dell altro? Quale altro? Quando vale e per chi il segreto professionale? Cosa introduce nel processo comunicativo? E fuori dal segreto professionale

Dettagli

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO 12/11/12$ Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO Il contesto ambientale Il ruolo della giurisprudenza La medicina difensiva Il ruolo del singolo operatore Il ruolo del legislatore 1$ Responsabilità

Dettagli

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 A cura di Sergio Fucci Giurista e bioeticista, magistrato tributario,

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31 luglio 2014

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31 luglio 2014 SISTEMA SANZIONATORIO E approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31 luglio 2014 Pag. 1 di 15 Indice 1. Ambito di applicazione... 3 2. Linee guida... 4 3. Sanzioni per il personale dipendente.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in Giurisprudenza che intenda

Dettagli

10.02.2006 CONSIGLIO di STATO - Il medico ospedaliero non ha pieno titolo per prescrivere medicinali erogabili dal S.S.N.

10.02.2006 CONSIGLIO di STATO - Il medico ospedaliero non ha pieno titolo per prescrivere medicinali erogabili dal S.S.N. Pagina 1 di 5 10.02.2006 CONSIGLIO di STATO - Il medico ospedaliero non ha pieno titolo per prescrivere medicinali erogabili dal S.S.N. - Se è vero che la categoria dei medici ospedalieri può, ai sensi

Dettagli

N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC.

N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC. N. 05916/2009 REG.SEN. N. 01525/2009 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA Sul

Dettagli

Inadempimento di Stato - Libera circolazione dei lavoratori - Libertà di stabilimento - Dentisti - Condizione della residenza

Inadempimento di Stato - Libera circolazione dei lavoratori - Libertà di stabilimento - Dentisti - Condizione della residenza Sentenza della Corte (Sesta Sezione) del 18 gennaio 2001 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana Inadempimento di Stato - Libera circolazione dei lavoratori - Libertà di stabilimento

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13;

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13; Direzione generale Direzione centrale risorse umane Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza Circolare n. 64 Roma, 28 luglio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

LEGGE 24 LUGLIO 1985, N. 409

LEGGE 24 LUGLIO 1985, N. 409 LEGGE 24 LUGLIO 1985, N. 409 I stituzione della professione sanitaria di odontoiatria e disposizioni relative al diritto di stabilimento ed alla libera prestazione di servizi da parte dei dentisti cittadini

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE DOCENTE E ATA. Parte prima: personale docente. Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE DOCENTE E ATA. Parte prima: personale docente. Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. Ciusa Via Roma 64, 09070 - RIOLA SARDO (OR) Tel. 0783 410331 - Fax. 0783 412226 - Codice Fiscale n. 90027740951 e-mail: oric80400x@istruzione.it CODICE DISCIPLINARE PERSONALE

Dettagli

SUL DIRITTO ALL ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE A proposito di ABF Roma, n. 3091/2015

SUL DIRITTO ALL ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE A proposito di ABF Roma, n. 3091/2015 Settembre 2015 SUL DIRITTO ALL ESTINZIONE DEL CONTO CORRENTE A proposito di ABF Roma, n. 3091/2015 ABF Roma, 20 aprile 2015, n. 3091 Pres. De Carolis Est. Nervi Conto corrente (contratto di) Recesso del

Dettagli

PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA-GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA

PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA-GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA-GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA 1. PREMESSA La presente linea-guida in attuazione degli artt. 55-56-57 del

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A Sent. 585/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: Ivan DE MUSSO Andrea LUPI Pina Maria Adriana

Dettagli

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE

L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN SEDE PENALE Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 L UTILIZZO DI DATI E NOTIZIE ACQUISITI NEL CORSO DELLE INDAGINI. INTERFERENZE TRA INDAGINI FINANZIARIE IN SEDE AMMINISTRATIVA E IN

Dettagli

PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA-GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA

PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA-GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA 4 PUBBLICITA DELL INFORMAZIONE SANITARIA LINEA-GUIDA INERENTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT. 55-56-57 DEL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA 1) Premessa La presente linea-guida in attuazione degli artt. 55-56-57

Dettagli

PREMESSA TRIBUNALE CIRCONDARIALE DI SIRACUSA SEZIONE DISTACCATA DI AUGUSTA COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA

PREMESSA TRIBUNALE CIRCONDARIALE DI SIRACUSA SEZIONE DISTACCATA DI AUGUSTA COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA PREMESSA Ai sensi dell art. 166 c.p.c., il convenuto si costituisce in giudizio mediante deposito in cancelleria della comparsa di risposta, della copia della citazione notificata, della procura e dei

Dettagli

S TUDIO LEG AL E Avv. Marco Tortorella Patrocinante in Cassazione e dinanzi alle altre Giurisdizioni Superiori

S TUDIO LEG AL E Avv. Marco Tortorella Patrocinante in Cassazione e dinanzi alle altre Giurisdizioni Superiori PARERE PRO VERITATE su incarico Unione Nazionale Igienisti Dentali ************* I quesiti posti possono essere così di seguito riassunti: a) Come si inquadra sotto il profilo giuridico la figura professionale

Dettagli

Campo di applicazione

Campo di applicazione Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre LIC. DISCIPLINARE: CAMPO DI APPLICAZIONE 41 SOMMARIO Cap. 1. Campo di applicazione Sez. 1 - Giusta causa I. Nozione... 1112 II. Casistica... 1132 Sez. 2 - Giustificato motivo

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers. 2.0 approvato dal CdA il 21/01/2015

Dettagli

numero 21.2011 25 maggio 2011 Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino

numero 21.2011 25 maggio 2011 Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino Page 1 of 5 numero 21.2011 25 maggio 2011 IL PUNTO Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino di Federica Caponi, SELF Servizi e Formazione

Dettagli

Come inizia un procedimento per malpractice?

Come inizia un procedimento per malpractice? Come inizia un procedimento per malpractice? Quando si affronta il tema della responsabilità medica, si intercettano problemi e questioni di natura diversa. Nel presente contesto osserveremo taluni aspetti

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA (ex Articolo 27-bis del Decreto legislativo 6 settembre 2005 n. 206)

CODICE DI CONDOTTA (ex Articolo 27-bis del Decreto legislativo 6 settembre 2005 n. 206) CODICE DI CONDOTTA (ex Articolo 27-bis del Decreto legislativo 6 settembre 2005 n. 206) Preambolo Il traduttore e l'interprete hanno il compito di trasmettere nella lingua in cui traducono gli stessi concetti

Dettagli

http://www.espertorisponde.ilsole24ore.com/problema-settimana/licenziamento-disciplinare-nonprevede-rientro:20130128.php

http://www.espertorisponde.ilsole24ore.com/problema-settimana/licenziamento-disciplinare-nonprevede-rientro:20130128.php Il licenziamento disciplinare non prevede rientro http://www.espertorisponde.ilsole24ore.com/problema-settimana/licenziamento-disciplinare-nonprevede-rientro:20130128.php Per «licenziamento disciplinare»

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

FONDAZIONE ENPAM. Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi

FONDAZIONE ENPAM. Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi FONDAZIONE ENPAM Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi Capo I Art. 1 - Finalità Art. 2 - Principi ed ambito di applicazione Art. 3

Dettagli

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000)

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 5 settembre 2000, ha adottato la seguente deliberazione:

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 21 gennaio 2015, n. 1026

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 21 gennaio 2015, n. 1026 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 21 gennaio 2015, n. 1026 Rapporto di lavoro - Licenziamento - Contestazione disciplinare - Valutazione del giudice di merito - Congruità della sanzione irrogata Svolgimento

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO CCNL 94 97 ART. 33 Cause di cessazione del rapporto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 5878 Anno 2015 Presidente: LAMORGESE ANTONIO Relatore: BANDINI GIANFRANCO Data pubblicazione: 24/03/2015 SENTENZA sul ricorso 4344-2012 proposto da: CONFIDI MUTUALCREDITO SOCIETA'

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di TORTORETO Provincia di TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 83 in data 17/12/2008

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Penale Sent. Sez. 3 Num. 23484 Anno 2014 Presidente: FIALE ALDO Relatore: DI NICOLA VITO Data Udienza: 07/03/2014 SENTENZA sul ricorso proposto da Petroni Domenico, nata a Canosa di Puglia il 09/09/1971

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Ordine Nazionale dei Tecnologi Alimentari

Ordine Nazionale dei Tecnologi Alimentari CODICE DEONTOLOGICO ORDINE NAZIONALE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI TITOLO I Principi Generali ARTICOLO 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE 1) I principi e le regole espressi dal presente Codice Deontologico sono vincolanti

Dettagli

Tirocinio forense: ampia discrezionalità del CdO nel valutare i contenuti del libretto di pratica T.R.G.A., Bolzano 16.03.2004 n.

Tirocinio forense: ampia discrezionalità del CdO nel valutare i contenuti del libretto di pratica T.R.G.A., Bolzano 16.03.2004 n. Tirocinio forense: ampia discrezionalità del CdO nel valutare i contenuti del libretto di pratica T.R.G.A., Bolzano 16.03.2004 n. 138 Il TAR Bolzano ha ritenuto legittimo il diniego di rilascio del certificato

Dettagli

PI6247 - UNIVERSITÀ POPOLARE SAN TOMMASO - CAMPUS SICILIA Provvedimento n. 17989

PI6247 - UNIVERSITÀ POPOLARE SAN TOMMASO - CAMPUS SICILIA Provvedimento n. 17989 PI6247 - UNIVERSITÀ POPOLARE SAN TOMMASO - CAMPUS SICILIA Provvedimento n. 17989 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 7 febbraio 2008; SENTITO il Relatore Giorgio Guazzaloca;

Dettagli

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO ***

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO *** Sent 353/2014 REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Visto il ricorso iscritto al numero 73136/PM del registro di Segreteria; Udìti

Dettagli

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Studio legale law.it La documentazione in possesso della banca può dimostrare il contrario Nel corso di un giudizio

Dettagli

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE per l applicazione dell istituto dell ACCERTAMENTO CON ADESIONE e dell AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni contenute nel presente Codice Etico esprimono i principi fondamentali cui si ispira

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 13 gennaio 2015, n. 344 Svolgimento del processo La Corte d'appello di Milano, in riforma della sentenza di primo grado (che aveva dichiarato illegittimo il licenziamento

Dettagli

Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria

Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria COMPITI GENERALI IL DOVERE DI INFORMARE L AUTORITA LE DENUNCE OBBLIGATORIE SANITARIE: comunicazione all Autorità competente (Sindaco, in

Dettagli

Per giusta causa di recesso si intende la causa che non consenta la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto, ex art. 2119 cod. civ.

Per giusta causa di recesso si intende la causa che non consenta la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto, ex art. 2119 cod. civ. DEFINIZIONE 3. LICENZIAMENTO DEFINIZIONE PER GIUSTA CAUSA DEFINIZIONE Per giusta causa di recesso si intende la causa che non consenta la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto, ex art. 2119 cod.

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 18/05/2015 Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: JOBS ACT: come cambierà

Dettagli

Retinopatia pigmentosa: diritto al rimborso da parte del Servizio Nazionale delle spese mediche presso strutture specializzate straniere

Retinopatia pigmentosa: diritto al rimborso da parte del Servizio Nazionale delle spese mediche presso strutture specializzate straniere Retinopatia pigmentosa: diritto al rimborso da parte del Servizio Nazionale delle spese mediche presso strutture specializzate straniere Non può essere posta in dubbio la legittimità del diritto del paziente

Dettagli

Carte credito, vaglia postale veloce,carta

Carte credito, vaglia postale veloce,carta Carte di credito, vaglia postale veloce,carta di Pagamento,penale,pagamenti,internet,legalgeek Cassazione Feriale Penale del 15 settembre 12 dicembre 2011, n. 45946 testo Civile.it " I reati sono stati

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 29 luglio 2015; SENTITO il Relatore Dott.ssa Gabriella Muscolo; VISTA la Parte II, Titolo III, del Decreto Legislativo 6 settembre

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14)

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.9 del 18.04.2012 LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) ART. 13 Modifiche alla legge 15 luglio 1966, n. 604 Forma e procedure del licenziamento

Dettagli