Indagine sulle emissioni di gas serra in aziende bovine da latte della Filiera AQ

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indagine sulle emissioni di gas serra in aziende bovine da latte della Filiera AQ"

Transcript

1 Antonello cannas AlBerto S. Atzori g. zanirato Indagine sulle emissioni di gas serra in aziende bovine da latte della Filiera AQ 4

2 Indagine sulle emissioni di gas serra in aziende bovine da latte della Filiera AQ

3 Progetto finalizzato con il contributo del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali nell ambito dell attivazione dei Contratti di Filiera D.M. 1 agosto 2013 ISBN Finito di stampare nel mese di dicembre 2013 dalla Litografia SAB - Budrio (BO) 2

4 INDICE Zootecnia ed emissioni di gas serra pag. 5 Indagine sulle emissioni di gas serra in aziende bovine da latte della Filiera AQ » 21 Principali risultati aggregati » 29 Cooperativa Latte Arborea » 35 Cooperativa Assolac » 47 Cooperativa Granlatte » 61 Cooperativa Progetto natura » 75 Strategie di mitigazione delle emissioni nelle aziende bovine da latte » 89 Conclusioni » 100 3

5 Gruppo di Lavoro Dipartimento di Agraria, Università degli Studi di Sassari Responsabile scientifico del progetto: Prof. Antonello Cannas, Professore Ordinario di Nutrizione ed alimentazione animale, Sez. di Scienze Zootecniche Dr. Alberto S. Atzori, Ricercatore in Zootecnica speciale Dr.ssa Maria Gabriella Serra, Dottoranda di ricerca Sez. Ingegneria del Territorio Prof.ssa Lelia Murgia, Professore Associato di Meccanica agraria Dr. Giuseppe Todde, Dottorando di ricerca in Meccanica agraria Sez. Agronomia, coltivazioni erbacee e genetica Prof. Francesco Giunta, Professore Associato di Agronomia e coltivazioni erbacee Prof. Giovanni Pruneddu, Professore Aggregato di Agronomia e coltivazioni erbacee Dr. Pietro Giola, Assegnista di ricerca Ain gronomia e coltivazioni erbacee Prof. Bruno Basso, Professore Ordinario di Agronomia e coltivazioni erbacee, Michigan State University, USA Ringraziamenti I ricercatori del Dipartimento di Agraria dell Università di Sassari desiderano ringraziare per il supporto e la preziosa e continua collaborazione le seguenti aziende e persone: Cooperativa 3A Latte Arborea: Dr. Mauro Panetto, Dr.ssa Agata Marongiu, Dr.ssa Silvia Fiori, Dr. Roberto Cocco, Cooperative Asso.La.C.: Dr. Arnaldo Perfetti Cooperative Granlatte: Dr. Filippo Nettis, Dr. Marcello Pinto Cooperativa Progetto Natura: Dr. Giovanni Capuzzello, Un particolare ringraziamento va a tutti gli Allevatori che hanno messo a disposizione tanto del loro prezioso tempo per l esecuzione di questo studio 4

6 Zootecnia ed emissioni di gas serra 5

7

8 Impatto ambientale della zootecnia Negli ultimi decenni è cresciuta la consapevolezza che tutte le attività umane hanno un forte impatto sull ambiente. È cresciuta di pari passo l esigenza di quantificare la responsabilità ambientale di ogni settore produttivo (agroalimentare in primis) e di comunicare quest ultima al consumatore. Nel caso della zootecnia l impatto ambientale può avvenire in vari modi (consumo di energia, consumo di suolo, inquinamento delle falde, riduzione della biodiversità, etc.). Sicuramente però l impatto che più di tutti ha comportato le maggiori critiche per la zootecnia riguarda la produzione di gas ad effetto serra da parte degli allevamenti zootecnici L effetto serra e il riscaldamento globale La temperatura del pianeta è regolata, fra le varie cose, dalla concentrazione di diversi gas che si trovano nella parte più alta dell atmosfera. Questi gas (soprattutto anidride carbonica, metano, protossido di azoto, chiamati in inglese green house gases, GHG) schermano la terra da sempre, regolando la quantità di calore che essa libera verso lo spazio. Tuttavia nell ultimo secolo la loro concentrazione è aumentata moltissimo, soprattutto per effetto delle attività umane, intrappolando parte dell energia che prima si liberava nello spazio. Ciò sta determinando l aumento della temperatura sulla superficie terrestre, contribuendo al riscaldamento globale. 7

9 L effetto schermante (effetto serra, perché i gas si comportano come il vetro di una serra) è diverso per i diversi gas coinvolti. Per questo gli effetti delle emissioni si uniformano prendendo come riferimento l effetto schermante dell anidride carbonica (CO 2 per i chimici) con la CO 2 equivalente (CO 2 eq.) 1 kg di anidride carbonica = 1 kg di CO 2 equivalente 1 kg di metano (CH 4) = equivalente a 25 kg di CO 2 1 kg di nitrossido di azoto (N 2O) = equivalente a 298 kg di CO 2 8

10 Zootecnia e riscaldamento globale Secondo le stime FAO (FAO, 2013) il settore zootecnico mondiale è responsabile per il 14,5% delle emissioni totali antropogeniche (cioè di origine umana). Considerando i principali gas serra, a livello mondiale gli allevamenti zootecnici sarebbero responsabili della emissione di circa il 9% dell anidride carbonica, il 37% del metano e il 65% del nitrossido di azoto. EMISSIONI ANTROPOGENICHE MONDIALI Ammontano a circa 500 miliardi di tonnellate di CO 2eq per anno. Gli allevamenti zootecnici sono responsabili, come già detto, di circa il 14,5% delle emissioni totali, così suddivise: Bovini da carne: 5,9%, Bovini da latte: 2,9% Ovini e Caprini: 0,9%, Suini 1,3%, Polli: 1,2%, Altre specie: 2.2% L effetto serra di una certa attività umana puoi essere misurato: in termini assoluti (tonnellate/anno) come quantità di gas serra (come CO 2 eq.) prodotta per ottenere per un certo prodotto od attività. Questa si chiama spesso Carbon footprint (impronta del carbonio in italiano) In zootecnia: kg di CO 2 eq. per animale per giorno o anno kg di CO 2 eq./kg di latte o carne kg di CO 2 eq./kg di SS ingerita 9

11 Zootecnia italiana e gas serra In Italia l agricoltura è responsabile ogni anno di circa il 7% delle emissioni totali nazionali, la zootecnia di circa il 3.2% (di cui per il 54% gli allevamenti bovini da latte) I bovini da latte nel mondo (FAOSTAT, 2013) 10

12 I paesi con maggiori produzioni di latte (milk nella figura) e con sistemi di allevamento tecnologicamente più avanzati hanno livelli di emissione totali (GHG nella figura) minori di quelle dei paesi meno avanzati. Infatti, al crescere del livello produttivo (kg/anno di latte per vacca) le emissioni per kg di latte diminuiscono (Capper, 2010): America settentrionale e Europa, che hanno i livelli produttivi (milk yield in figura) superiori a 6000 kg di latte per capo, emettono circa kg di CO 2 / kg di latte prodotto (Carbon footprint in figura). Asia e Africa fino, che hanno livelli produttivi bassi, emettono fino a 7 kg di CO 2 per kg di latte prodotto Questo avviene perché c è una quota fissa ed elevata di emissioni in tutti gli animali, anche quelli in crescita od asciutta, legata al mantenimento. A parità di animali presenti, più latte si fa in un allevamento, più questa quota fissa si diluisce. Le emissioni della filiera del latte bovino Le emissioni di gas serra avvengono in tutte le fasi della filiera del latte bovino, dalla produzione degli alimenti necessari alla alimentazione degli animali, alla trasformazione e distribuzione, fino al consumatore finale. Tuttavia, le emissioni maggiori (circa l 80%) avvengono nella nelle aziende zootecniche, mentre il resto della filiera della produzione del latte (tra- 11

13 sporto del latte, sua trasformazione, vendita e regrigerazione o sperco nelle famiglie) incide per il restante 20%. Emissioni nelle aziende zootecniche: metano ruminale (enterico) Nelle aziende zootecniche la produzione di metano avviene soprattutto nel rumine dei bovini, durante i processi digestivi È un prodotto di scarto che deriva principalmente dalla fermentazione della fibra (quindi soprattutto dai foraggi)ed è la principale causa di emissione di gas serra (> 40% del totale) da parte dei ruminanti AGV : acidi grassi volatili: acido acetico, propionico, butirrico CH 4 : metano prodotto da fermentazioni ruminali viene eruttato Amidi, fibra Proteina Grassi Bittante et al., 1999 Razioni ricche in foraggi: alta produzione di acido acetico e metano Razioni ricche in concentrati: si produce molto acido propionico, bassa produzione metano 12

14 Perdite da CH 4: 5-10 % dell energia degli alimenti Meno energia è sprecata come metano, più energia rimane per le produzioni (ad es. latte) la produzione di metano si riduce nel rumine (per kg di alimento usato) quando: aumenta l ingestione giornaliera ( la digeribilità, % di ac. propionico) la % di fibra e foraggi nella razione, la % di concentrati, di amido e zuccheri si aumenta la degradabilità dell amido si migliora la qualità dei foraggi si macina la fibra si aggiungono grassi insaturi alla razione si usano alcuni additivi 13

15 Emissioni nelle aziende zootecniche: deiezioni e reflui zootecnici Derivano soprattutto da metano prodotto quando i reflui sono conservati in condizioni anaerobiche (senza aria) e nitrossido di azoto in condizioni aerobiche (quando invece c è aria) Metano (CH 4 ) prodotto ed emesso quando le deiezioni sono conservate in condizioni anaerobiche e in forma liquida o semiliquida (stoccaggio di lungo periodo) con deiezioni ricche Allevamenti bovini con vasconi di lungo stoccaggio Allevamenti senza terra (suinicoli, avicoli, cunicoli) deiezioni secche o quelle liberate al pascolo non portano alla produzione di quantità significative di metano (condizioni aerobiche) Nitrossido di N (N 2 O) Emissioni dirette processi aerobici di nitrificazione dell ammoniaca contenuta nelle deiezioni seguiti da processi anaerobicidi denitrificazione dei nitrati NITRIFICAZIONE NH 4 - NO 2 - NO 3 - DENITRIFICAZIONE NO 3 - NO 2 - NO (gas) N 2 O(gas) N 2 trattamento aerobico deiezioni solide da animali che liberano le deiezioni nel suolo (feedlot o animali al pascolo) Emissioni indirette processi di volatilizzazione di NH 3 e NO x e percolamento 14

16 Emissioni nelle aziende zootecniche: effetto del livello produttivo la produzione di GHG aumenta in termini assoluti col crescere del livello produttivo delle vacche a seguito dell aumento di ingestione Tuttavia: per kg di prodotto (latte, carne), diminuisce al crescere del livello produttivo I gas prodotti per il mantenimento, l accrescimento (rimonta) e la gravidanza degli animali dell allevamento sono diluiti in una maggiore quantità di prodotto (latte) Gli animali e gli allevamenti molto produttivi usano razioni con meno foraggio o con fibra di migliore qualità 15

17 Emissioni nelle aziende zootecniche: effetto delle tecniche di allevamento Riduzione della Carbon footprint : sino a -25% di metano migliorando l efficienza riproduttiva degli allevamenti (Garnsworthy, 2004) riduzione età al primo parto o della quota di rimonta - 8% metano in vacche da latte con un serio piano di controllo delle mastiti (Stott et al., 2010) In generale, il miglioramento della carriera produttiva utile e dell efficienza produttiva, nonché la riduzione delle categorie improduttive (rimonta, vacche in asciutta, vacche malate) comporta forti riduzione delle emissioni Tutto ciò che a livello aziendale consente di produrre la stessa quantità di latte con meno risorse (alimenti), riduce le emissioni di gas serra per litro di latte prodotto 16

18 Emissioni nelle aziende zootecniche: N 2 O e CO 2 dalla produzione aziendale di alimenti zootecnici Emissioni primarie dirette di N 2 O Le emissioni dirette rappresentano una quota dell N apportato al suolo derivante da fertilizzanti minerali ed organici e dall N presente nei residui colturali, che nel suolo subisce delle trasformazioni chimiche che comportano una sua perdita nell ambiente. Emissioni primarie indirette di N 2 O e CO 2 Emissioni indirette di N 2 O derivanti dalla deposizione atmosferica dell azoto volatilizzato Emissioni indirette di N 2 O derivanti dalla lisciviazione e/o ruscellamento nel suolo dell azoto dei fertilizzanti Emissioni di CO 2 derivanti dalla fertilizzazione con urea L apporto di urea per la fertilizzazione delle colture agrarie può portare a delle emissioni di CO 2. L urea (CO(NH 2 ) 2 ), in presenza di acqua e dell enzima ureasi, viene convertita in ammonio (NH 4+ ), ione idrossido (OH - ) e bicarbonato (HCO 3- ), quest ultimo può evolvere in anidride carbonica e acqua Emissioni secondarie Emissioni di CO 2 eq. per la produzione di fertilizzanti Derivano dalla produzione di fertilizzanti, si differenziano per tipologia di fertilizzante impiegato. Per i fertilizzanti azotati, fosfatici e potassici i coefficienti di emissione considerati sono pari rispettivamente a 3.307, e kg di CO 2 eq. per kg di unità fertilizzante utilizzata. Emissioni di CO 2 eq. per la produzione di presidi sanitari Per la produzione di presidi sanitari, il fattore di emissione utilizzato è pari a 22 kg di CO 2 eq. per kg di principio attivo del presidio sanitario impiegato per i trattamenti fitosanitari 17

19 Emissioni di CO 2 eq. per la produzione di semi Questa fonte di emissione secondaria viene determinata utilizzando un fattore di emissione pari a 0.3 kg di CO 2 eq. per kg di seme utilizzato per la semina delle colture aziendali. Tale fattore di emissione è stato stimato prendendo in considerazione le emissioni totali generate durante la produzione di semi alle quali è stato sottratto il quantitativo di CO 2 assimilato dai semi stessi Emissioni di CO 2 eq. per la produzione della plastica La stima delle emissioni relative alla produzione della plastica viene effettuata utilizzando un coefficiente di emissione pari a 2 kg CO2 per kg di plastica utilizzata Emissioni nelle aziende zootecniche: CO2eq da alimenti acquistati Il consumo di alimenti acquistati è comunque associato ad emissioni che avvengono per la produzione di questi alimenti nei pesi di origine. Gli alimenti importati possono avere un elevato costo ambientale per il loro trasporto, per i processi di trasformazione industriale e talvolta per la deforestazione con cui si sono liberati i terreni per coltivare questi alimenti A parità di efficienza agronomica e di processi di trasformazione, gli alimenti prodotti localmente hanno un impatto minore Emissioni nelle aziende zootecniche: CO 2eq da consumi energetici Le fonti fossili utilizzate per la produzione di energia (meccanica, elettrica o termica) sono composte a base di atomi di carbonio e idrogeno dette anche idrocarburi (gasolio, gas, benzina, carbone ecc). Durante il processo di combustione gli idrocarburi generano anidride carbonica, acqua ed energia. C x H x + O 2 = CO 2 + H 2 O + ENERGIA Gasolio (energia meccanica) Emissioni di anidride carbonica si verificano durante l utilizzo delle macchine motrici e operatrici semoventi attraverso la combustione di gasolio (lavorazioni di campo, preparazione e distribuzione alimenti, irrigazione ecc). 18

20 Elettricità (energia elettrica) L utilizzo di apparecchiature elettriche (mungitura, refrigerazione del latte, irrigazione, ecc) comporta emissione di anidride carbonica in atmosfera durante i processi di produzione dell energia elettrica. GPL o metano (energia termica) La combustione di GPL o metano e le relative emissioni di CO 2 avvengono per il riscaldamento dell acqua per la pulizia degli impianti di mungitura e della refrigerazione Fattori di emissione specifica delle diverse fonti energetiche (ENEA 2010, ISPRA 2011, EN15603) Gasolio 3,15 kg CO 2 /kg Elettricità 0,41 kg CO 2 /kwh GPL 2,87 kg CO 2 /kg Metano 2,63 kg CO 2 /kg La produzione aziendale di energia termica o energia elettrica da fonti alternative (solare termico o fotovoltaico, biomasse, biogas, eolico) riduce, spesso drasticamente, le emissione nette delle aziende zootecniche 19

21

22 Indagine sulle emissioni di gas serra in aziende bovine da latte della Filiera AQ 21

23 Obbiettivi principali Misurare l impronta ambientale in termini di emissioni di gas ad effetto serra negli allevamenti di bovini da latte soci delle Cooperative partner di Filera AQ srl all interno dell azienda zootecnica (dalla produzione degli alimenti alla frigo del latte) Individuare le principali fonti di emissione e le principali strategie di mitigazione per ridurre le emissioni di gas serra da parte delle aziende zootecniche Partner e dati del progetto iniziale Cooperativa Regione Produttori (n.) 3A Arborea Sardegna 325 Assolac Calabria 153 Granlatte Puglia e Basilicata 297 Progetto Natura Sicilia

24 Il progetto prevedeva 4 azioni principali, della durata complessiva di 30 mesi Azione 1 Indagine preliminare su tutte le aziende (questionario sintetico) Individuazione aziende campione Indagine analitica su aziende campione (30% del totale) Stima analitica delle emissioni di gas serra per unità di prodotto (kg di CO 2 eq./kg di latte) 23

25 Indagine analitica su 285 aziende campione Periodo di riferimento: 1 ottobre settembre 2011 Questionario (31 pagine): Parte Generale Dati generali (dimensione, manodopera, altimetria, giacitura, etc.) Parte Zootecnica Specie, razze e categorie animali allevate Razioni alimentari e costi alimenti Tipologia di stabulazione Gestione dei reflui Parte Energetica Consumi energetici (gasolio, gas, elettricità) da bollette e fatture aziendali da audit energetico (caratteristiche impianti/macchine e tempi lavoro) Parte Agronomica Emissioni di N 2 O dirette (fertilizzanti e residui colturali), ed indirette (deposizione N atm., lisciviazione) Emissioni secondarie di CO 2 eq (produzione fertilizzanti, di presidi sanitari, di semi e plastica) Formazione dei Tecnici delle Cooperative per la raccolta dei dati Rilevamento dei dati effettuato dai Tecnici in collaborazione con i Titolari delle aziende zootecniche Intervista agli allevatori Raccolta di documentazione aziendale (planimetrie, cartellini dei mangimi acquistati, razioni, controlli funzionali APA, registro dei conferimenti, analisi del latte, bollette riportanti i consumi energetici, etc) Rilevamento diretto parco macchine ed impianti, loro caratteristiche e potenza Elaborazione dei dati da parte dei Ricercatori del Dipartimento di Agraria dell Università di Sassari Continua interazione con i Tecnici delle Cooperative per il controllo di qualità sui dati, verifiche, correzioni, etc. 24

26 Rispetto della riservatezza dei dati delle singole aziende Azione 2 Sviluppo di un modello previsionale (implementato in un software) da applicare a tutte le aziende e utilizzabile in futuro per aggiornare le stime Azione 3 Implementazione in tutte le aziende socie del modello e del software e stima della GHG complessiva delle Cooperative Azione 4 Divulgazione dei risultati con presentazione da parte dei Ricercatori del Dipartimento di Agraria nelle sedi delle 4 Cooperative Visite aziendali dei Tecnici delle Cooperative nelle aziende zootecniche con maggiori criticità, per suggerire ed implementare tecniche per la mitigazione delle emissioni 25

27 Metodo di stima analitico delle emissioni L approccio adottato è quello della misurazione delle emissioni nel ciclo di vita (LCA) parziale del latte, dalla produzione degli alimenti alla consegna del latte fino al cancello dell azienda (ISO 14040, 2006; IPCC, 2006 e IDF 2010). Non sono invece state considerate le emissioni per il trasporto del latte, la sua trasformazione, la vendita, la refrigerazione domestica ed il consumo. Per ognuna delle 285 stalle campionate sono state calcolate: Emissioni Animali Metano ruminale: è stato stimato a partire dalle razioni somministrate agli animali e dal consumo di sostanza secca proporzionale al fabbisogno energetico degli animali; Metano da reflui: è stato stimato calcolando le quantità di reflui prodotti; Nitrossido di azoto da reflui è stato stimato,attraverso il calcolo della ingestione di proteina grezza, delle escrezioni di azoto dei diversi gruppi animali allevati, dell azoto volatilizzato e dell azoto rimanente nelle strutture di stoccaggio dei reflui. Il nitrossido emesso dai reflui è stato calcolato con coefficienti di emissione specifici per le diverse modalità di gestione dei reflui di ogni stalla. Emissioni da consumi di gasolio, energia elettrica, GPL, metano e produzione di energia da fonte rinnovabile Attraverso l inventario delle utenze presenti in azienda (Audit energetico su impianti e motori elettrici, a gas e diesel) e i rispettivi tempi di utilizzo sono stati calcolati i quantitativi di energia utilizzati e le relative emissioni di anidride carbonica utilizzando i seguenti coefficienti di emissione: Diesel 3,15 kg CO 2 -eq per kg Elettricità 0,41 kg CO 2 -eq per kwh GPL 2,87 kg CO 2 -eq per kg Metano 2,63 kg CO 2 /kg Produzione di energia rinnovabile: 0,38 kg CO 2 -eq per kwh Emissioni da alimenti prodotti in azienda Sono state analizzate tutte le colture aziendali, suddivise in gruppi in relazione alla specie coltivata e al tipo di prodotto ottenuto, se destinato all alimentazione dei bovini da latte: Mais (insilato e granella) Cereali autunno-vernini (fieno, insilato e granella) 26

28 Erba medica (fieno) Miscugli di graminacee (fieno) Miscugli di graminacee e leguminose (fieno e insilato) Leguminose (granella) Loiessa (fieno e/o insilato) Per ognuno dei gruppi considerati sono state calcolate tutte le emissioni dirette, indirette e secondarie derivanti dalle diverse fonti. La somma di tutte le fonti di emissione per coltura aziendale è stata divisa per le produzioni ottenute ed ha permesso di determinare le emissioni di CO 2 eq. per kg di prodotto aziendale utilizzato in razione come alimento zootecnico per i bovini da latte Impatto coltura = kg di CO 2 eq. / kg di sostanza secca prodotta Ripartizione delle emissioni tra latte e carne Le emissioni di ogni singola azienda sono state scontate di una quota attribuita alla produzione di carne (da vitelli eccedenti la rimonta e da vacche a fine carriera) in modo da determinare la quota di CO 2 equivalente attribuibile alla sola produzione del latte. Efficienza di produzione ed emissioni aziendali Le performance ambientali delle aziende campione (emissione di CO 2 ) sono state valutate attraverso l analisi di alcuni parametri di efficienza tecnica e produttiva che comprendono principalmente: numero di capi allevati nelle diverse categorie; livelli produttivi degli animali; indice di conversione alimentare; escrezioni di azoto; rese colturali; efficienza di utilizzazione dell azoto NUE (zootecnica: proteina del latte/proteina della dieta; agronomica: kg di alimento per kg di fertilizzante; dimensionamento dei macchinari e degli impianti, ripartizione dei consumi, inefficienze energetiche. 27

29

30 Principali risultati aggregati 29

31 Principali risultati Caratteristiche medie delle 285 aziende zootecniche studiate Latte Arborea Granlatte Asso.La.C Progetto natura AZIENDE, n SAU, ha 41,2 43,7 48,2 49,1 Vacche presenti per azienda, n Latte/vacca pres., kg/anno Latte 4%/vacca pres., kg/anno Foraggi, % di SS consumata* 64,7 56,6 66,1 60,6 Alimenti acquistati % SS consumata* 45,8 46,5 52,4 44,7 % del costo razioni* 76,7 71,7 64,9 72,1 kg latte/kg SS consumata *0,84 0,83 0,67 0,74 * incluse tutte le categorie animali Sintesi delle emissioni stimate nelle 285 aziende zootecniche Dati cumulativi del campione 3A Granlatte Assolac Progetto Natura Latte conferito, kton al 4% 63,0 41,3 17,0 20,2 kg latte/anno per vacca Emissioni totali, kton CO 2 eq 89,7 58,8 26,8 34,3 Emissioni attribuite al latte 94,2% 94,3% 91,3% 93,2% Carbon footprint (CF): kg di CO 2 eq/kg latte al 4% grasso 1,34 1,35 1,45 1,59 CF del latte con grasso al 3.6% 1,27 1,28 1,38 1,51 Carbon footprint delle aziende campione delle 4 cooperative Media fra le aziende: 1,63 kg CO 2 eq/kg latte (range ) Media ponderata per il latte prodotto: 1,39 kg CO 2 eq/kg latte Emissioni totali delle 4 Cooperative (incluse tutte le aziende socie) = kton CO 2 eq Circa 2.5% del totale della zootecnia italiana 30

32 La distribuzione di frequenza delle aziende per classe di emissione indica che circa metà delle aziende campione ha emissioni inferiori a 1,5 kg di CO 2 /kg di latte conferito mentre circa il 10% le ha superiori a 2,75. n. Aziende, e, n. Aziend e, 35% 35% 30% 30% 25% 25% 20% 20% 15% 15% 10% 10% 5% 5% 0% 0% Classe d i emissione, kg of CO Classe di emissione, kg of CO 2eq/kg 2 e q/kg di latte 4% di grasso di latte 4% di grasso La ripartizione della CO 2 emessa indica che la quota prevalente è data dal metano, enterico + reflui, e dalla produzione di alimenti. Tuttavia, le emissioni legate all energia sono quelle in cui sono attuabili il maggior numero di strategie di mitigazione a breve termine. Alimenti Alimenti acquistati acquis 18% 18% Energia Energia 6% 6% Metano Metano enterico enterico 46% 46% Alimenti Alimenti aziendali aziendali 8% 8% N 2 O da N 2 O reflui da reflui 7% 7% Metano da Metano reflui da refl 15% ui 15%

33 y = 227.1x-0.57 R = 0.77 P< ,3 4,8 4,3 3,8 3,3 2,8 2,3 1,8 1,3 0,8 0,3 kg CO 2 eq/kg latte conferito kg latte/anno per vacca adulta Le emissioni per kg di latte si riducono all aumentare del livello produttivo medio aziendale Il livello produttivo ha un forte impatto sulle performances ambientali, questo è dovuto principalmente al fatto che con produzioni elevate le emissioni che derivano dalla quota di alimenti, escrezioni, consumi energetici associati al mantenimento degli animali o ai costi fissi della stalla vengono diluiti in un maggior numero di litri di latte prodotti, che hanno quindi un minore impatto unitario. Il grafico indica che, per produrre la stessa quantità di latte di una stalla da 9000 kg/vacca, le stalle da 6500 e 4000 kg/vacca emettono rispettivamente il 20% e il 60% di gas serra in più 32

34 Media Nord Italia 1.30 per allevamenti intensivi (Guerci et al., 2012) USA 1.1, Svezia 1.1, Germania 1.3, Olanda 1.4, Francia 1.7, Media mondiale 2.8, Emissioni s ioni (kg CO2 eq. / kg prodotto) Miscugli Graminacee- Leguminose (fieno e fasciati) COOPERATIVE PROGETTO T NATURA 3A ARBOREA GRANLATTE ASSOLAC y = 2.17x-0.69 R = P*** kg di sostanza secca prodotti / kg di azoto distribuiti Relazione tra emissioni e ed efficienza dell uso dell azoto (kg s.s. fieno o fieno silo/kg di N distribuito) Quando le colture sono prodotte in maniera efficiente (molti kg di prodotto per kg di fertilizzante) si ha una consistente riduzione delle emissioni di CO 2 eq per kg prodotto Lo spreco di azoto comporta un elevato costo ambientale ed economico. 33

35

36 Cooperativa 3A - LATTE ARBOREA 35

37 Risultati della cooperativa LATTE ARBOREA Inquadramento generale delle aziende campione (n=83) MEDIA DEV ST MAX MIN Superficie, ha Vacche presenti Vacche in lattazione, n Vacche in asciutta, n Rimonta capi, Capi improduttivi 50.2% 5.7% 68.8% 38.1% Parti per vacca presente x anno Asciutta, % di vacche adulte 17.8% 11.6% 88.3% 6.6% Alimenti utilizzati dalle aziende campione, % del totale Mangime e nuclei acquistati 9.80% Farine acquistate 22.90% Farine prodotte 1.20% Pascolo o 3.30% Paglia 3.80% Integratori 1.30% Fieno acquistato 5.70% Insilato mais 26.60% Insilato erba; 2.50% Fieno prodotto 22.70% 36

38 Sintesi delle emissioni misurate sul campione Media DS MAX MIN Carbon footprint (CFP), kg CO 2 eq/kg di latte RIPARTIZIONE EMISSIONI METANO RUMINALE EMISSIONI DA REFLUI Metano da reflui N 2 O da reflui Dirette Indirette ALIMENTI aziendali acquistati ENERGIA Emissioni attribuite al latte, % 94.2% 3.7% 99.9% 72.0% Le emissioni medie delle aziende campione della cooperativa Latte Arborea sono risultate di 1,47 kg CO 2 eq per kg di latte conferito con valore massimo di 4,97 e minimo di Il valore di 4,97 risulta un valore estremo infatti il secondo valore più basso osservato è di 2,30. Considerando che aziende che conferiscono molto latte hanno anche emissioni inferiori alla media il latte conferito alla azienda Arborea dalle aziende campione ha un livello di emissione di 1,34 kg CO 2 eq per kg di latte conferito (media ponderata per il latte prodotto). Le emissioni delle vacche in lattazione, della rimonta e degli alimenti acquistati hanno una notevole incidenza. Elevati valori di emissione sono stati osservati nelle aziende che con un numero elevato di capi improduttivi (asciutte e rimonta) rispetto al numero di capi adulti totali (> 53%), con una elevata età al primo parto delle manze (>25) e con un ridotto numero di parti per anno per vacca presente (< 1). 37

39 Origine delle emissioni 31 Cooperativa LATTE ARBOREA: fattori di emissione CO2eq, kg/kg di llatte conferito Composizione delle emissioni per classi di livello produttivo o N = N = 7 Energia N = 25 N = 43 Alimenti acquistati Alimenti aziendali 0.12 Reflui Livello produttivo kg di latte /anno per vacca Il metano rappresenta la quota di emissioni maggiore in tutte le classi di livello produttivo. Il metano è molto più elevato nelle aziende con basso livello produttivo con una bassa efficienza di conversione alimentare 38

40 k q, CO2e Livello produttivo kg di latte /anno per vacca Indice di conversione: kg di alimento per kg di latte venduto Livello produttivo kg di latte /anno per vacca Aziende che consumano più di 1,2 kg di SS per kg di latte conferito hanno emissioni di gas serra superiori alla media della cooperativa; aziende con livelli produttivi elevati hanno indici di conversione < 1.1 kg di SS per kg di latte Proteina della razione delle vacche in lattazione 32 Poche aziende del campione hanno mostrato di avere razioni con carenza o ec- cesso proteico, mentre la maggior parte delle aziende è inclusa nel range 14-17% che è da ritenersi ottimale per i livelli produttivi osservati. È da tenere presente che una eccessiva riduzione della proteina della razione (eccessivo risparmio sulla soia) comporta una riduzione delle escrezioni e delle emissioni azotate tuttavia potrebbe ridurre l efficienza di conversione 32 alimentare (meno kg di latte per kg di SS) causando un aumento delle emissioni di metano enterico e un aumento dei costi di alimentazione per kg di latte. 39

41 Cooperativa LATTE ARBOREA: parte agronomica Le emissioni totali stimate per la cooperativa sono risultate pari a ton. di CO 2 eq. per anno, ripartite nel seguente modo: Emissioni dirette (per apporti di N al suolo) rappresentano la principale fonte di emissione essendo pari al 43.5 % Emissioni indirette (per volatilizzazione e lisciviazione) 27.5% Emissioni derivanti dalla produzione di fertilizzanti minerali hanno inciso per il 18.8% sul totale delle emissioni. Emissioni secondarie (derivanti dall utilizzo di urea e dalla produzione di presidi sanitari, semi e plastica) hanno rappresentato l 10.2% delle emissioni totali della cooperativa Ripartizione % delle emissioni nelle diverse componenti 10.3% EMISSIONI apporti di N al 43.5% 18.8% EMISSIONI DIRETTE (apporti di N al suolo) EMISSIONI INDIRETTE (volatilizzazione e lisciviazione) EMISSIONI PRODUZIONE FERTILIZZANTI 27.5% EMISSIONI SECONDARIE (urea, produzione di presidi sanitari, semi e plastica) 100% 10,694 8,902 7,979 8,566 11, ,803 Emissioni secondarie 90% 18,724 15,797 13,678 (urea, produzione semi, 15,824 80% 19,429 18,099 19,033 pesticidi e plastica) 70% 18,552 32,477 20,001 17,983 60% 16,957 12,020 17,749 Emissioni da produzione 5,584 11,151 50% 10, ,881 10,714 10,239 fertilizzanti 8,621 40% 6,312 30% 20% 42,205 46,174 52,759 46,477 49,336 Emissioni lisciviazione 44,175 33,866 10% 0% Emissioni volatilizzazione Emissioni dirette (apporti di N al suolo) 33 40

42 Dati agronomici ed efficienze relativi alle aziende campione appartenenti alla cooperativa Latte Arborea Aziende (%) Ha (%) Produzioni medie (t ha -1 tal quale) e min. - max. Emissioni medie (kg CO 2 eq. kg s.s. -1 ) e min. - max. Mais (insilato) Mais (granella) Cereali aut-ver(fieno) Cereali aut-ver (insilato) Cereali aut-ver (granella) Erba medica (fieno) Miscugli graminacee (fieno) Miscugli gram e leg (fieno) Miscugli gram e leg(insilato) Leguminose (granella) Loiessa (fieno e/o insilato) Emissioni (medie e variazione) (t CO 2 eq. ha -1 ) NUE Variazione NUE media ottimale (kg s.s. kg N distribuito -1 ) N distribuito (media e variazione) (kg N ha -1 ) Mais (ins.) Mais (granella) Cereali aut-ver (fieno) Cereali aut-ver(ins.) Cereali aut-ver(granella) Miscugli gram (fieno) Miscugli gram e leg (fieno) Miscugli gram e leg (ins.) Leguminose (granella) Loiessa (fieno e/o insilato)

43 Le aziende della cooperativa ARBOREA hanno mostrato un elevatissima variabilità tra le diverse aziende per i parametri analizzati, soprattutto per le rese e l efficienza di utilizzazione dell azoto. Tale variabilità indica che esistono ampi margini di miglioramento soprattutto in termini di azoto distribuito che per alcune colture raggiunge livelli più che doppi rispetto ai valori ottimali. Infatti l azoto distribuito deve essere proporzionale ai livelli di resa ottenibili. Sono ingiustificati apporti di fertilizzante (organico+minerale) superiori a kg di N/ha per il mais, o kg/ha per le colture autunno-vernine, anche con livelli massimi di resa prevista. NUE (kg di s. s. prodotti / kg di N distribuiti Mais (insilato) Quantitativo di azoto distribuito (kg N /ha) Relazione tra azoto distribuito e Nitrogen Use Efficiency All aumentare della quantità di azoto distribuito la NUE si riduce, questa relazione indica che oltre un determinato quantitativo di azoto apportato con la fertilizzazione la coltura non è più in grado di assimilare tale elemento e la NUE si riduce, si verificano quindi delle perdite di azoto nell ambiente, e quindi anche nell atmosfera contribuendo all incremento delle emissioni di gas serra.. 42

44 Emissioni (kg CO2 eq. / kg prodotto) Mais (insilato) NUE (kg di sostanza secca prodotti / kg di azoto distribuiti) Relazione tra emissioni e Nitrogen Use Efficiency (NUE = kg s.s. di prodotto /kg di N distribuito) I risultati ottenuti evidenziano che esiste una forte relazione inversa tra NUE ed emissioni, all aumentare della NUE le emissioni si riducono in maniera considerevole

45 Cooperativa LATTE ARBOREA: parte energetica Energia consumata e prodotta, medie aziendali (N = 83) Media Capo Vacca lattazione Ettaro kg latte Diesel (kg) ,027 Elettricità (kwh) ,058 GPL (kg) 60 0,5 1,2 2,0 0,000 Fonti rinnovabili (kwh) ,012 Ripartizione consumi elettrici Spazzolatura 2% Illuminazione 5% Altro 2% Mungitura 23% Vent-Neb 6% Trattamento Liquami 8% Refrigerazione Latte 23% Irrigazione 6% Pompaggio Acqua 13% Riscaldamento Acqua 12% Le analisi sui consumi elettrici aziendali hanno evidenziato un elevata richiesta di energia elettrica nelle operazioni di mungitura (23%), refrigerazione del latte (23%) e riscaldamento dell acqua (12%). Queste tre operazioni richiedono il 58% dei consumi elettrici aziendali. 44

46 Operazioni di Campo 43% Operazioni di Campo 43% Ripartizione consumi Gasolio Prep-Dist Alimenti 47% Prep-Dist Alimenti 47% Irrigazione 1% Irrigazione 1% rattamento Liquami Trattamento 9% Liquami 9% Le analisi sui consumi di gasolio aziendali hanno evidenziato un elevato fabbisogno nelle operazioni di lavorazioni di campo (43%), preparazione e distribuzione alimenti (47%) e gestione dei reflui (9%). Queste tre operazioni utilizzano il 99% dei consumi di gasolio. I consumi di gasolio per unità di alimento prodotto in azienda dipendono notevolmente dalla resa delle colture utilizzate. Come evidenziato nella figura, la produzione di 1 tonnellata di sostanza secca di insilato di mais necessita di 11 kg di gasolio, mentre 1 tonnellata di sostanza secca di granella+paglia necessita 70 kg di gasolio

47 Emissioni di CO 2 da elettricita (E) e da diesel (D) Pompaggio Altro Acqua 3% E 3% E Riscaldamento Acqua 2% Refrigerazione E Latte 4% E Mungitura 4% E Irrigazione D+E 2% Trattamento Liquami D+E 9% Operazioni di Campo D 35% Preparazione- Distribuzione Alimenti 38% D La combustione di gasolio per le operazioni di campo (35%) e la preparazione-distribuzione degli alimenti (38%), rappresentano le operazioni più inquinanti, con il 73% delle emissioni di CO 2 aziendali. Classi di Livello produttivo (tonnellate latte anno/vacca lattazione) per consumi di energia e relative emissioni di CO 2 (N=83) Fonti Energetiche < >10 GPL (kg) GPL emissioni (kg CO 2 eq) Diesel (kg) Diesel emissioni (kg CO 2 eq) , Elettricita (kwh)* 9, Elettricita emissioni (kg CO 2 eq)* Totale emissioni (kg CO 2 eq/100 kg latte) 24,36 15,40 9,76 8,21 *Elettricità da fonti rinnovabili non inclusa Il livello produttivo influisce notevolmente sulle emissioni di anidride carbonica. Le emissioni sono 3 volte inferiori passando da un livello produttivo inferiore di 5 ad un livello produttivo maggiore di 10 tonnellate di latte/vacca lattazione anno. 46

48 Risparmio energetico ed economico annuale attraverso l utilizzo di strategie di mitigazione dei consumi elettrici. kwh Risparmiati kwh/1000 kg Latte Tot. kg CO 2 -eq Euro Totali Euro/1000 kg Latte Variatore , ,1 Pre-refrigeratore , ,4 Recuperatore Calore , ,1 Fotovoltaico Pannelli Solari ,1 Le tecnologie per il risparmio energetico, quali il variatore di velocità della pompa del vuoto (inverter), il prerefrigeratore e il recuperatore di calore, permettono di ridurre il consumo di elettricità nelle operazioni di mungitura e refrigerazione del latte. La tecnologia più diffusa è risultata il recuperatore di calore, presente nel 60% degli impianti, seguita dal variatore di velocità (30%). Nelle aziende in cui tali dispositivi erano presenti, il risparmio medio stimato sulla bolletta elettrica aziendale variava da 1045 a poco più di 1300 all anno. Per l autoproduzione aziendale di energia dalle più comuni fonti rinnovabili, solare termico e fotovoltaico, il vantaggio economico medio è stato stimato senza considerare gli incentivi statali. 47

49 Cooperativa ASSO.LA.C. 49

50 Risultati della Cooperativa ASSO.LA.C. Inquadramento generale delle aziende campione (n=44) Media DS MAX MIN ha Vacche presenti, n Vacche in lattazione, n Vacche in asciutta, n Rimonta capi, n Asciutta, % di vacche pres. 38% 26% 110% 1% Rimonta, % di vacche pres. 57% 37% 215% 13% Capi improduttivi, % di totale 53.4% 10.6% 80.0% 28.6% Parti per vacca presente x anno Alimenti utilizzati dalle aziende campione, % del totale Integratori 0.30% Altro 0.10% Insilato mais 5.20% Mangime e nucleo acquistati 22.60% Insilato erba 0.50% Farine acquistate 9.50% Farine prodotte 1.50% Pascolo 0.20% Fieno prodotto 48.10% Paglia 4.90% Fieno acquistato 7.10% 50

51 Sintesi delle emissioni misurate sul campione Media DS MAX MIN Carbon footprint (CFP), kg CO 2 eq/kg di latte RIPARTIZIONE EMISSIONI METANO RUMINALE EMISSIONI DA REFLUI Metano da reflui N 2 O da reflui Dirette Indirette ALIMENTI aziendali acquistati ENERGIA Emissioni attribuite al latte, % 91.3% 4.9% 99.6% 92.6% Le emissioni delle aziende campione di ASSO.LA.C sono risultate di 2,06 kg CO 2 eq per kg di latte conferito (media aritmetica) Considerando che aziende che conferiscono molto latte hanno anche emissioni inferiori alla media, è più corretto considerare la media delle emissioni ponderata per la produzione di latte di ciascuna azienda, pari a 1,44 kg CO 2 eq per kg di latte conferito. 51

52 Origine delle emissioni totali Le emissioni delle vacche in lattazione, hanno la maggiore incidenza ma quelle della rimonta e delle vacche asciutte pesano notevolmente sul latte prodotto ed incrementano la carbon footprint. Sebbene gli alimenti acquistati rappresentino circa la metà degli alimenti consumati, le emissioni di questi sono molto maggiori Risultati ASSO.LA.C.: fattori di emissione 42 Composizione delle emissioni per classi di livello produttivo Il metano rappresenta la quota più elevata di emissioni in tutte le classi di livello produttivo, tuttavia il suo contributo è maggiore nelle aziende di basso livello produttivo 52

53 Indice di conversione: kg di alimento per kg di latte venduto kg CO 2 eq/kg di latte venduto 5.5 y = 1.145x R = kg di SS consumata dall allevamento per kg di latte venduto Aziende che consumano più di 1,4 kg di SS per ogni kg di latte conferito hanno emissioni di gas serra superiori alla media della cooperativa N 2 O dai reflui ed efficienza animale di utilizzazione dell azoto Le emissioni dei reflui aumentano con razioni ad elevata percentuale di proteina e bassa efficienza di utilizzazione dell azoto. Tuttavia, in diverse aziende di questa cooperativa le emissioni elevate di metano e di azoto dei reflui, sono spesso legate ad una bassa efficienza alimentare e da bassi livelli produttivi. 53

54 Cooperativa ASSO.LA.C.: parte agronomica Le emissioni totali stimate per la cooperativa sono risultate pari a ton. di CO 2 eq. per anno, ripartite nel seguente modo: Emissioni dirette (per apporti di N al suolo) rappresentano la principale fonte di emissione con una percentuale pari al 44,5 % Emissioni indirette (per volatilizzazione e lisciviazione) 25,9% Emissioni derivanti dalla produzione di fertilizzanti minerali hanno inciso per il 21,2% sul totale delle emissioni. Emissioni secondarie (derivanti dall utilizzo di urea e dalla produzione di presidi sanitari, semi e plastica) hanno rappresentato l 8,4% delle emissioni totali della cooperativa 21.2% 8.4 % 44.5% EMISSIONI DIRETTE (apporti di N al suolo) EMISSIONI INDIRETTE (volatilizzazione e lisciviazione) EMISSIONI PRODUZIONE FERTILIZZANTI 25.9% Ripartizione % delle emissioni nelle diverse componenti 54 44

55 Dati agronomici ed efficienze relativi alle aziende campione appartenenti alla cooperativa ASSO.LA.C. Aziende (%) Ha (%) Produzioni medie (t ha -1 tal quale) e min. - max. Emissioni medie (kg CO 2 eq. kg s.s. -1 ) e min. - max. Mais (insilato) Mais (granella) Cereali aut-ver(fieno) Cereali aut-ver (insilato) Cereali aut-ver (granella) Erba medica (fieno) Miscugli graminacee (fieno) Miscugli gram e leg (fieno) Miscugli gram e leg(insilato) Leguminose (granella) Loiessa (fieno e/o insilato) Emissioni (medie e variazione) (t CO 2 eq. ha -1 ) NUE Variazione NUE media ottimale (kg s.s. kg N distribuito -1 ) N distribuito (media e variazione) (kg N ha -1 ) Mais (ins.) Mais (granella) Cereali aut-ver (fieno) Cereali aut-ver(ins.) Cereali aut-ver(granella) Miscugli gram (fieno) Miscugli gram e leg (fieno) Miscugli gram e leg (ins.) Leguminose (granella) Loiessa (fieno e/o insilato) NUE = kg s.s. di prodotto /kg di N distribuito 55

56 Le aziende della cooperativa Asso.La.C. hanno mostrato un elevata variabilità tra le diverse aziende per i parametri analizzati, tale variabilità indica che esistono degli ampi margini di miglioramento per quelle aziende con livelli di efficienza ridotti rispetto alla media della cooperativa. Valori di bassa efficienza rispetto a quella ottimale sono da attribuire a: quantitativi di azoto eccessivi che vengono mediamente distribuiti nelle colture di cereali coltivate in purezza destinati all insilamento; i valori critici sono riportati in rosso nella tabella. basse rese che in alcune aziende corrispondono a produzioni per ettaro vicine alla metà di quelle osservate mediamente nel campione. NUE (kg di s.s. prodotti / kg n distribuiti) Loietto (fieno e/o insilato) Quantitativo di azoto distribuito (kg N / ha) Relazione tra azoto distribuito e Nitrogen Use Efficiency All aumentare della quantità di azoto distribuito la NUE si riduce, questa relazione indica che oltre un determinato quantitativo di azoto apportato con la fertilizzazione la coltura non è più in grado di assimilare tale elemento e la NUE si riduce, si verificano quindi delle perdite di azoto nell ambiente, e quindi anche nell atmosfera contribuendo all incremento delle emissioni di gas serra. Emissioni (kg CO2 eq. / kg prodotto) 56 NUE (kg di sostanza secca prodotti / kg di azoto distribuiti)

57 Emissioni (kg CO2 eq. / kg prodotto) Loietto (fieno e/o insilato) NUE (kg di sostanza secca prodotti / kg di azoto distribuiti) Relazione tra emissioni e Nitrogen Use Efficiency (NUE = kg s.s. di prodotto /kg di N distribuito) I risultati ottenuti evidenziano che esiste una forte relazione inversa tra NUE ed emissioni, all aumentare della NUE le emissioni si riducono in maniera considerevole

58 Cooperativa ASSOLAC: parte energetica Energia consumata e prodotta, medie aziendali (N=44) Media Capo Vacca lattazione Ettaro kg latte Diesel (kg) 16, ,093 Elettricita (kwh) 30, ,086 GPL (kg) 360 3,1 6,8 10,7 0,001 Fonti rinnovabili (kwh) -138, ,028 Ripartizione consumi elettrici Le analisi sui consumi elettrici aziendali hanno evidenziato un elevata richiesta di energia elettrica nelle operazioni di irrigazione (29%), mungitura (16%), refrigerazione del latte (11%) e riscaldamento dell acqua (10%). Queste ultime tre operazioni richiedono il 37% dei consumi elettrici aziendali. 58

59 Ripartizione consumi Gasolio Le analisi sui consumi di gasolio aziendali hanno evidenziato un elevato fabbisogno nelle operazioni di preparazione e distribuzione alimenti (32%), lavorazioni di campo (25%), irrigazione (22%), trattamento liquami (22%). I consumi di gasolio per unità di alimento prodotto in azienda dipendono notevolmente dalla resa delle colture utilizzate. Come evidenziato nella figura, la produzione di 1 tonnellata di sostanza secca di insilato di mais necessita di 14 kg di gasolio, mentre 1 tonnellata di sostanza secca di granella necessita 48 kg di gasolio

60 % delle emissioni di CO 2 da elettricita (E) e da Diesel (D) La combustione di gasolio per la preparazione-distribuzione degli alimenti (25%) e per le operazioni di campo (20%), rappresentano le operazioni più inquinanti, con il 45% delle emissioni di CO 2 aziendali insieme alle operazioni di irrigazione, con il 23% (elettricità e gasolio) Classi di Livello produttivo (tonnellate latte anno/vacca lattazione) per consumi di energia e relative emissioni di CO 2 (N=44) Fonti Energetiche < >10 GPL (kg) GPL emissioni (kg CO 2 eq) Diesel (kg) Diesel emissioni (kg CO 2 eq) Elettricita (kwh)* Elettricita emissioni (kg CO 2 eq)* Totale emissioni (kg CO 2 eq/100 kg latte) 64,06 22,44 15,21 27,82 *Elettricità da fonti rinnovabili non inclusa 60 49

61 Il livello produttivo influisce notevolmente sul carico delle emissioni di anidride carbonica. Le emissioni infatti diminuiscono quando la produzione annuale di latte per vacca aumenta. Risparmio energetico ed economico annuale attraverso l utilizzo di strategie di mitigazione dei consumi elettrici kwh Risparmiati kwh/1000 kg Latte Tot. Kg CO 2- eq Euro Totali Euro/1000 kg Latte Variatore ,7 Pre-refrigeratore ,3 Recuperatore Calore ,3 Fotovoltaico ,8 Le tecnologie per il risparmio energetico, quali il variatore di velocità della pompa del vuoto (inverter), il pre-refrigeratore e il recuperatore di calore, permettono di ridurre il consumo di elettricità nelle operazioni di mungitura e di refrigerazione del latte. Nelle aziende in cui tali dispositivi erano presenti, il risparmio medio stimato sulla bolletta elettrica aziendale variava da 470 a oltre all anno. Per l autoproduzione di energia dalle più comuni fonti rinnovabili, solare termico e fotovoltaico, il vantaggio economico medio è stato stimato senza considerare gli incentivi statali. 61

INDAGINE SULLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN AZIENDE BOVINE DA LATTE DELLA FILIERA AQ

INDAGINE SULLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN AZIENDE BOVINE DA LATTE DELLA FILIERA AQ INDAGINE SULLE EMISSIONI DI GAS SERRA IN AZIENDE BOVINE DA LATTE DELLA FILIERA AQ Dipartimento di Agraria Università degli Studi di Sassari Sez. Scienze Zootecniche - Coordinatore: prof. Antonello Cannas

Dettagli

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL

REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL REG. (CE) N. 1698/2005 -PSR 2007-2013 DGR N. 1354 DEL 03.08.2011 MISURA 124 COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI, PROCESSI E TECNOLOGIE NEL SETTORE AGRICOLO, ALIMENTARE E FORESTALE Strategie

Dettagli

La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica

La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica La valutazione dell impatto ambientale della zootecnica: l impronta ecologica Luca Battaglini Dipartimento Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Università degli Studi di Torino Accademia di Agricoltura

Dettagli

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Piacenza, 11 febbraio 2014 Sostenibilità, opportunità e criticità nella filiera latte post 2015 Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte G.

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte L IMPRONTA ANIMALE Valutazione dell Impatto Ambientale della Zootecnia Fiera Agricola - Verona. 3 Febbraio 2012 Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte G.Matteo Crovetto Alberto Tamburini DSA Università

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

Il biogas negli allevamenti zootecnici

Il biogas negli allevamenti zootecnici Il biogas negli allevamenti zootecnici SEMINARIO Sostenibilità economica ed ambientale del biogas negli allevamenti Nicola Labartino CRPA SpA Martedì 10 giugno 2014 Agriturismo del Papa Pozza di Maranello

Dettagli

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto

Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto Indicatori aziendali: bilancio aziendale dell azoto I bilanci colturali e aziendali dell azoto sono degli indicatori semplici della valutazione della gestione dell azoto delle colture e agrotecniche ad

Dettagli

I COSTI AMBIENTALI DELL ALLEVAMENTO INTENSIVO

I COSTI AMBIENTALI DELL ALLEVAMENTO INTENSIVO Sicura & QsA - Qualità, Sicurezza Alimentare e Sanità Animale in convention, Modena Fiere, 24 25 settembre 2013 25/09/13, 9:00-13:00, Seminario: L'altro cibo, il cibo degli altri negozi e ristoranti etnici,

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano L impronta carbonica degli alimenti Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano Fondazione Culturale San Fedele, Milano, 9 ottobre 2014 Indice Le emissioni di gas serra dalle

Dettagli

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale

Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale Produzione efficiente di biogas da digestione anaerobica di matrici agroalimentari: quadro attuale in Piemonte e indicazioni di sviluppo razionale P. Balsari, F. Gioelli Facoltà di Agraria, Università

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE

Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 PREMESSE Allegato A al Decreto n. 104 del 31 marzo 2008 pag. 1/9 TRATTAMENTO DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO: PERDITE DI AZOTO VOLATILE E CONTENUTO RESIDUO NELLE FRAZIONI PALABILE E NON PALABILE DEI MATERIALI TRATTATI

Dettagli

CONVERSIONE TERMOCHIMICA

CONVERSIONE TERMOCHIMICA CONVERSIONE TERMOCHIMICA PIROLISI La pirolisi si può svolgere secondo diverse modalità: Carbonizzazione a temperature tra 300 C e 500 C Pirolisi convenzionale a temperature inferiori a 600 C Fast pirolisi

Dettagli

Valutazioni sugli impianti a Biogas. Gianni Tamino

Valutazioni sugli impianti a Biogas. Gianni Tamino Valutazioni sugli impianti a Biogas Gianni Tamino Processi produttivi naturali e umani A differenza dei processi produttivi naturali, che utilizzano energia solare, seguono un andamento ciclico, senza

Dettagli

ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI : LA FILIERA AGROENERGETICA

ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI : LA FILIERA AGROENERGETICA Renzo Persona Dottore Agronomo- Prof. Ord. di Estimo Rurale Generale e Magistrale presso l Università degli Studi di Padova Convegno del 18 febbraio 2010 ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI : LA FILIERA AGROENERGETICA

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Energia e ambiente: sviluppo sostenibile. Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo

Energia e ambiente: sviluppo sostenibile. Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo Energia e ambiente: sviluppo sostenibile Prof. Ing. Sergio Rapagnà Facoltà di Agraria Università degli Studi di Teramo La quantità di energia consumata dipende dal grado di sviluppo dell economia Tempo:

Dettagli

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cosa sarà il mercato del latte italiano dopo

Dettagli

L impianto di biogas a misura di azienda agricola

L impianto di biogas a misura di azienda agricola L impianto di biogas a misura di azienda agricola Dr. Daniele Pederzoli, Agraferm technologies ag Germania Mantova 02.04.2008 Chi é agraferm? Istanbul Che cos è il Biogas? o Risulta dalla decomposizione

Dettagli

Strategie per la delocalizzazione e l abbattimento delle emissioni dai reflui zootecnici

Strategie per la delocalizzazione e l abbattimento delle emissioni dai reflui zootecnici Strategie per la delocalizzazione e l abbattimento delle emissioni dai reflui zootecnici Gestione dei reflui zootecnici Problematiche ambientali Paolo BALSARI DEIAFA Sez.. di meccanica Università degli

Dettagli

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola

Coop. Fattoria della Piana Società Agricola Impianto di digestione anaerobica e cogenerazione da biogas Agroenergia della Piana Azienda: Coop. Fattoria della Piana Soc.Agricola Località: C.da Sovereto, 89020 Candidoni (RC) Potenza installata: 998

Dettagli

Questionario informativo per uno studio di fattibilità

Questionario informativo per uno studio di fattibilità Questionario informativo per uno studio di fattibilità 1 Anagrafica Ragione sociale Azienda: Indirizzo: Riferimento: Funzione aziendale: Telefono: Mobile: E-mail: Tipologia di azienda: agricola non agricola

Dettagli

Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA

Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA Il Dairy margin protection program: un nuovo strumento di garanzia del reddito per gli allevatori USA Cristian Bolzonella Contagraf, Università di Padova Steven Taff Dipartimento Economia Applicata, Università

Dettagli

Mela Media globale dell impronta dell acqua per una mela di 100 grammi: 70 litri d acqua. Impronta dell acqua di un bicchiere di succo di mela di 200

Mela Media globale dell impronta dell acqua per una mela di 100 grammi: 70 litri d acqua. Impronta dell acqua di un bicchiere di succo di mela di 200 Mela Media globale dell impronta dell acqua per una mela di 100 grammi: 70 litri d acqua. Impronta dell acqua di un bicchiere di succo di mela di 200 ml: 190 litri d acqua. Orzo Media globale dell impronta

Dettagli

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Linee di mangimi per vacca da latte Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Indice Perfecta. Perfetto equilibrio tra fonti proteiche naturali per la migliore efficienza produttiva

Dettagli

Biogas. 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R.

Biogas. 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R. Biogas 12 novembre2015 WORKSHOP: L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Silvia R. Motta - ERSAF Numero di impianti di digestione anaerobica in RL Gli impianti in

Dettagli

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria

Tare pro- tare impro- Ripartizione SAU. produzione unitaria La superficie catastale di un'azienda ad indirizzo cerealicolo-zootecnico con allevamento di bovini da latte, è pari a ettari 50.75.25 completamente destinati a seminativo e foraggere. Il candidato, descritta

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

Prof. Ing. Maurizio Carlini

Prof. Ing. Maurizio Carlini ENERGIA DA BIOMASSE RESIDUALI NELLA REGIONE TIBERINA: OPPORTUNITÀ DI LAVORO E PROSPETTIVE DI CRESCITA PER LE AZIENDE AGRICOLE LAZIALI Prof. Ing. Maurizio Carlini 1 New Economy: dalla tecnologia alla centralità

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

LE BIOMASSE PER L ENERGIA

LE BIOMASSE PER L ENERGIA Aula Magna dell Istituto Tecnico Agrario Statale F.lli Navarra Martedì 12 Aprile 2011 LE SPERIMENTAZIONI SUL CAMPO DI AGRIUNIFE: RICERCHE APPLICATE ALL AGRICOLTURA ING. ANNA VACCARI DI COSA PARLEREMO Il

Dettagli

E dai liquami elettricità e ca

E dai liquami elettricità e ca DOSSIER E dai liquami elettricità e ca Aumentare il numero delle bovine non è più la sola opzione possibile quando si voglia investire. Lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili fa intravedere nuove

Dettagli

Associazione Regionale Allevatori della Liguria via Vittorio Veneto 149/2 Mignanego (GE) p.iva 01553510999. tel. 010581938 fax 0107721655

Associazione Regionale Allevatori della Liguria via Vittorio Veneto 149/2 Mignanego (GE) p.iva 01553510999. tel. 010581938 fax 0107721655 Associazione Regionale Allevatori della Liguria via Vittorio Veneto 149/2 Mignanego (GE) p.iva 01553510999. tel. 010581938 fax 0107721655 PRESENTAZIONE DEL PROGETTO ZOOALIMSOST è un progetto finalizzato

Dettagli

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi NITROGEN MANAGEMENT OPTIMISATION Gestione dell azoto in conformità alla Direttiva Nitrati Paolo Mantovi Convegno internazionale Reggio Emilia, 14 set 2007 La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema

Dettagli

1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4. Stefano Caserini. Politecnico di Milano

1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4. Stefano Caserini. Politecnico di Milano 1. Cambiamenti climatici e sovranità alimentare..p. 2 2. L impronta carbonica degli alimenti. p. 4 Stefano Caserini Politecnico di Milano 1 Cambiamenti climatici e sovranità alimentare Prof. Stefano Caserini,

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

Materiali per la formazione della lettiera, con relative caratteristiche chimiche e stima del consumo giornaliero.

Materiali per la formazione della lettiera, con relative caratteristiche chimiche e stima del consumo giornaliero. Materiali per la formazione della lettiera, con relative caratteristiche chimiche e stima del consumo giornaliero. composizione consumo di lettiera* Materiale N P 2 O 5 K 2 O kg/capo al giorno % t.q. %

Dettagli

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono:

Le principali tipologie di biomassa utilizzabili per la produzione di energia sono: PascaleCave e Costruzioni S.r.l. Biomassa -Biogas Biomassa La Biomassa utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili

Dettagli

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare?

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cristian Rota Cosa sarà il mercato del latte

Dettagli

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Stefano Monaco, Carlo Grignani - Dip. Agroselviter Torino, 12 gennaio 2012 Quali colture per la Deroga? Su almeno il 70% della SAU bisogna coltivare

Dettagli

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

Biogas: chimera o realtà?

Biogas: chimera o realtà? Biogas: chimera o realtà? La produzione di energia verde da biogas può essere sostenibile solo se gestita in modo professionale Collecchio, Green Days 21 Settembre 2013 Il biogas in Italia Impianti in

Dettagli

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp

4 BIOGAS SRL www.4biogas.it NOI LO RENDIAMO FACILE. Impianti NOVA da 50 a 300 kwp NOI LO RENDIAMO FACILE Impianti NOVA da 50 a 300 kwp Nozioni processo biologico Formazione biogas Materiale organico batteri Calore, assenza di ossigeno Composizione: CH 4 : 46 68 Vol-% CO 2 : 30 50 Vol-%

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti

Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi della redditività degli impianti per la produzione di biogas alla luce delle nuove tariffe incentivanti Giovedì

Dettagli

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti ALLEGATO B PAES Rosignano M.mo NB. I valori riportati nel presente documento sono espressi in termini di CO 2eq Il Covenant of Mayors tiene conto delle emissioni di CO 2 legate ai consumi energetici dei

Dettagli

Allevamento zootecnico e ambiente: impatto ambientale e sostenibilità dell'allevamento ovicaprino

Allevamento zootecnico e ambiente: impatto ambientale e sostenibilità dell'allevamento ovicaprino MISURA 215 SUL BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2012/13 Allevamento zootecnico e ambiente: impatto ambientale e sostenibilità dell'allevamento ovicaprino L'impatto ambientale delle attività zootecniche L impatto

Dettagli

CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità

CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ Strumenti normativi e formativi al servizio della sostenibilità LA GESTIONE SOSTENIBILE DELL ENERGIA ENERGIA Prof.Luigi Bruzzi Università di Bologna

Dettagli

Biogas e biometano per la competitività dell azienda agricola

Biogas e biometano per la competitività dell azienda agricola la competitività dell azienda agricola CONFERENZA Bioenergia: quali prospettive per l agricoltura e l impresa italiana Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia 6 luglio 2015, Milano Centro Ricerche

Dettagli

Alma Mater Studiorum Universita di Bologna

Alma Mater Studiorum Universita di Bologna Ecomondo Rimini, 4 Novembre 2010 Valutazione di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l'lca? LCA di sistemi energetici per la produzione di energia da biomasse: come affrontare il problema dell

Dettagli

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli

5 INFO BIOGAS BIOGAS QUO VADIS? MONTICHIARI Centro Fiera Venerdi 23 Gennaio 2009. La biologia nel fermentatore: Come perdere e come guadagnare

5 INFO BIOGAS BIOGAS QUO VADIS? MONTICHIARI Centro Fiera Venerdi 23 Gennaio 2009. La biologia nel fermentatore: Come perdere e come guadagnare 5 INFO BIOGAS BIOGAS QUO VADIS? MONTICHIARI Centro Fiera Venerdi 23 Gennaio 2009 La biologia nel fermentatore: Come perdere e come guadagnare Dr. chim. Marlene Hölzl e Helmut Mittermair, B.T.S. Italia

Dettagli

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali

Prodotti delle Fermentazioni Ruminali Prodotti delle Fermentazioni Ruminali GAS Acidi Grassi Volatili CORPI MICROBICI 1) GAS prodotti dalle Fermentazioni Ruminali CO 2 ANIDRIDE CH 4 METANO ANIDRIDE CARBONICA ALTRI (NH 3, H 2 S ) (AMMONIACA,

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Il biogas e il progetto LIFE Seq-Cure

Il biogas e il progetto LIFE Seq-Cure Convegno Dall agricoltura e dalla silvicoltura nuove energie da fonti rinnovabili, Bomporto (MO) 24 Novembre 2006 Il biogas e il progetto LIFE Seq-Cure G. Bonazzi S.Piccinini - C. Fabbri - P. Mantovi CRPA

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER

PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER LE BIOMASSE Le biomasse sono le materie prime rinnovabili capaci di produrre energia che si ottengono sia dagli scarti che dai residui delle attività agricole, zootecniche e forestali. PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER

Dettagli

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia Centrale eolica e a biomasse CUORE VERDE Azienda agricola e forestale LO.MA. engineering Scenario L'energia prodotta da fonti rinnovabili (eolica, solare, idraulica,

Dettagli

Costi di produzione, prezzo del latte

Costi di produzione, prezzo del latte ASSEMBLEA APROLAV (TREVISO) 21 MAGGIO 2014 Costi di produzione, prezzo del latte Alberto Menghi (a.menghi@crpa.it) Centro Ricerche Produzioni Animali Desideria Scilla A.Pro.La.V. Le domande Il prezzo del

Dettagli

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio Commissionata da Dicembre 2012 Sommario Elementi del Sistema...3 Infisso in Legno...8 Risultati...9 Infisso in PVC...13 Risultati...14 Infisso

Dettagli

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q)

BILANCIO AZIENDALE. frumento. 6,5 ha frumento CALCOLO DEL FIENO NORMALE (FN) PRODOTTO IN AZIENDA E DELLA PLV-CEREALI. Produzione Totale (q) BILANCIO AZIENDALE Calcolare il beneficio fondiario (Bf) di un azienda agraria cerealicola-zootecnica, ordinaria, avendo a disposizione i seguenti dati: - Superficie totale 40 ha; superficie improduttiva

Dettagli

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale » Spinaci Cubello Foglia Più 01» Introduzione Questo documento è un estratto del Report relativo al calcolo dell impronta di carbonio (Carbon Footprint) di 8 prodotti orticoli surgelati a marchio Orogel,

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

! "#$%&%! '' ' * +,-..' ( & '" "( $' ( '' '' ' " # 5 +9023,*?& # >

! #$%&%! '' ' * +,-..' ( & ' ( $' ( '' '' '  # 5 +9023,*?& # > ! $%%! ) * +,- /01 * +-23, $ +*, * 6 07)18/+923,+ -318/, :3 ;$ 033)3 --) 18/$)2018/=> +9023,*? >? ):3+$,2:3+, - ;$ -3+=,073 +$,? 2 @ +, A-3 B @ +, +,>? C6!% 8 B! 3 0 A3 6 +073, D 23 E FEF+G, FF B! 6*6$

Dettagli

Software per l'analisi di fattibilità e redditività degli impianti

Software per l'analisi di fattibilità e redditività degli impianti Thematic Meeting Opportunità di innovazione nel campo dell efficienza energetica Sistemi di controllo degli impianti di digestione anaerobica, per ottimizzarne le rese energetiche Software per l'analisi

Dettagli

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas dinametan : Foraggi e fatti Una crescente pressione sulla redditivitá e l efficienza

Dettagli

RISULTATI DI PRODUZIONE DI BIOGAS DA DIVERSE BIOMASSE

RISULTATI DI PRODUZIONE DI BIOGAS DA DIVERSE BIOMASSE Massimo Brambilla (Università degli studi di Milano, Dip. VSA) Fabio Araldi, Barbara Bertazzoni e Matteo Zagni (ERSAF Lombardia) RISULTATI DI PRODUZIONE DI BIOGAS DA DIVERSE BIOMASSE PRODUZIONE DI BIOGAS

Dettagli

Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT)

Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Gruppo di ricerca Sorveglianza del rischio alimentare Sorveglianza dell esposizione

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

Parte 1 AMBITO DELL ANALISI ESERCIZIO DELL IMPIANTO PER BIOGAS PRODUZIONE DI ENERGIA APPROVVIGIONAMENTO DELLA BIOMASSA GESTIONE DEL DIGESTATO

Parte 1 AMBITO DELL ANALISI ESERCIZIO DELL IMPIANTO PER BIOGAS PRODUZIONE DI ENERGIA APPROVVIGIONAMENTO DELLA BIOMASSA GESTIONE DEL DIGESTATO Dipartimento di Economia e Ingegneria agrarie Alessandro Ragazzoni Potenza e biomassa Quando l impianto l di biogas conviene BIOMASSA BIOGAS ENERGIA DIGESTATO Cremona, 29 ottobre 2011 Parte 1 AMBITO DELL

Dettagli

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai Seminario biomassa da rifiuti Tecnologie per la produzione di biogas ed energia prof. ing. Antonio Lallai Dipartimento di Ingegneria Chimica e Materiali Università degli S tudi di Cagliari 1 Che cos è

Dettagli

I potenziali energetici. Beatrice Cattini Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali U.O. VIA e Politiche Energetiche

I potenziali energetici. Beatrice Cattini Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali U.O. VIA e Politiche Energetiche I potenziali energetici Beatrice Cattini Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali U.O. VIA e Politiche Energetiche Gli ambiti di azione del Piano Clima 2 ADATTAMENTO Gestione

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

Bioenergie da colture oleaginose: sostenibilità e potenzialità di riduzione e sequestro di CO 2 nei suoli

Bioenergie da colture oleaginose: sostenibilità e potenzialità di riduzione e sequestro di CO 2 nei suoli PROGETTO BIOENERGIE Finanziamento MIPAAF Sottoprogetto Realizzazione di filiere dimostrative per biocarburanti Bioenergie da colture oleaginose: sostenibilità e potenzialità di riduzione e sequestro di

Dettagli

Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi

Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi Alessandro Ragazzoni Dipartimento di Scienze Agrarie (Dip.S.A.) Università di Bologna Analisi economica di impianti per biogas alla luce dei nuovi incentivi Martedì, 1 ottobre 2013 Sala Conferenze Terza

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea

Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea Maccarana L. 1, Cattani M. 1, Lerose D. 1, Bailoni L. 1 1 Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione (BCA)

Dettagli

EMISSIONI AGRICOLE E IMPATTO DELLA ZOOTECNIA

EMISSIONI AGRICOLE E IMPATTO DELLA ZOOTECNIA EMISSIONI AGRICOLE E IMPATTO DELLA ZOOTECNIA Area Ambiente e Territorio EMISSIONI AGRICOLE E IMPATTO DELLA ZOOTECNIA Indice pg. 1. EMISSIONI DI GAS SERRA PER SETTORE ECONOMICO E TREND A LIVELLO NAZIONALE

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

CONVEGNO AGRICOLTURA INTEGRATA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE. Il Ruolo della Certificazione per valorizzare la sostenibilità nell integrato

CONVEGNO AGRICOLTURA INTEGRATA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE. Il Ruolo della Certificazione per valorizzare la sostenibilità nell integrato CONVEGNO AGRICOLTURA INTEGRATA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE Il Ruolo della Certificazione per valorizzare la sostenibilità nell integrato Fabrizio Piva - Amministratore Delegato - CCPB srl Bologna e mail:

Dettagli

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema ENERGIA Capacità di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: atto di produrre un cambiamento di configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico,

Dettagli

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti M. Antongiovanni Dipartimento di Scienze Zootecniche 1 Indice degli argomenti La dieta dei ruminanti

Dettagli

Sostenibilità della filiera agroalimentare regionale:

Sostenibilità della filiera agroalimentare regionale: LCA Food Lazio Sostenibilità della filiera agroalimentare regionale: le aziende del Lazio verso l EXPO Milano 2015 Fondo Euorpeo Agricolo per lo sviluppo: L Europa investe nelle zone rurali Regione Lazio

Dettagli

Homo Sapiens Sapiens ed Energia. Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri

Homo Sapiens Sapiens ed Energia. Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri Homo Sapiens Sapiens ed Energia Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri 1 Il punto di vista energetico... E solo uno degli innumerevoli punti di vista utili per valutare

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

COGENERAZIONE e BIOGAS

COGENERAZIONE e BIOGAS COGENERAZIONE e BIOGAS TIECO srl L ENERGIA CHE NON PENSAVI DI AVERE TIECO SRL PROFESSIONALITA AL TUO SERVIZIO. Fondata nel 2000, TIECO SRL rappresenta una realtà consolidata nella progettazione e realizzazione

Dettagli

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra Biagio Naviglio a, Massimiliano Fabbricino b, Anna Cozzolino b a. Stazione Sperimentale

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

Il digestato: aspetti tecnici e normativa

Il digestato: aspetti tecnici e normativa tecnici e normativa USO DEL DIGESTATO PER IL MANTENIMENTO DELLA FERTILITÀ DEI TERRENI Paolo Mantovi Centro Ricerche Produzioni Animali Giovedì 14 Marzo 2013 - Ore 14,00 Sala Convegni Azienda Sperimentale

Dettagli

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA

IL BIOGAS IN AGRICOLTURA IL BIOGAS IN AGRICOLTURA CIB - Consorzio Italiano Biogas e Gassificazione G. Bezzi IL BIOGAS Biogas: prezioso combustibile gassoso naturale che nasce dalla fermentazione di materia organica e vegetale,

Dettagli

IMPIANTO DI DIGESTIONE ANAEROBICA CONSORZIO AGRIENERGY. Ing. Ennio Spazzoli

IMPIANTO DI DIGESTIONE ANAEROBICA CONSORZIO AGRIENERGY. Ing. Ennio Spazzoli IMPIANTO DI DIGESTIONE ANAEROBICA CONSORZIO AGRIENERGY Ing. Ennio Spazzoli INQUADRAMENTO NORMATIVO BIOMASSE E SOTTOPRODOTTI D.lgs. 387/2003 Attuazione della direttiva 2001/77 relativa alla promozione dell

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia FONTI DI ENERGIA sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia Fonti energetiche primarie quelle che si trovano disponibili in natura si possono classificare in: Fonti energetiche

Dettagli

idrogeno Laboratorio Sensori e Semiconduttori Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università di Ferrara

idrogeno Laboratorio Sensori e Semiconduttori Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università di Ferrara Dipartimento di Fisica Università di Ferrara INFM/CNR UdR di Ferrara L energia solare per la produzione di idrogeno Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università

Dettagli

Forme di energia alternative

Forme di energia alternative Forme di energia alternative L energia, bene primario della nostra società, è utilizzata costantemente durante tutto l arco della giornata, da quando ci svegliamo la mattina fino a quando andiamo a dormire

Dettagli