VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina 213

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro 21-10-2010 14:54 Pagina 213"

Transcript

1 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina 213 Piero Polidoro 1 Teoria dei generi e siti web 1. Introduzione 1.1. Sul concetto di genere Affrontare il problema dell esistenza di generi nell ambito dei siti web significa innanzitutto porsi la questione di cosa sia un genere. Non è questa la sede per un analisi attenta e approfondita del concetto e della sua storia, ma alcune osservazioni potranno essere utili per quello che diremo dopo. Quando si parla di generi non si fa altro che riportare a un caso specifico (quello dei testi) il problema della individuazione e classificazione di categorie e tipi. Con una certa approssimazione potremmo dire che la questione teorica della categorizzazione è stata affrontata seguendo tre modelli principali: 2 a) Classificazione gerarchica, cioè il tipo di categorizzazione che risale ad Aristotele e trova la sua più chiara esemplificazione nell albero di Porfirio. 3 In questi casi, a partire da un punto iniziale (il tutto da classificare), si procede per successive disgiunzioni (preferibilmente binarie) attraverso le quali si classificano gli individui in insiemi sempre più ristretti e definiti. A questo modello può essere ricondotta la distinzione tradizionale dei tre generi, epico, lirico e drammatico, che viene fatta risalire (erroneamente, secondo Genette 1979) a Platone e Aristotele. b) Combinatoria: questo modello deriva più o meno direttamente da quello precedente e dalla possibilità che alcune disgiunzioni possano trovarsi nello stesso tempo sotto diversi rami dell albero delle definizioni. Da qui l idea di una combinatoria: la classificazione, cioè, avviene mediante due o più parametri, ognuno dei quali prevede due o più possibilità. L insieme di questi parametri restituisce l insieme delle categorie, che possono essere realizzate o semplicemente potenziali. In semantica questo tipo di approccio è stato usato da Hjelmslev (1943), mentre Genette (1979) lo ha applicato ai generi letterari Per una storia della teoria dei generi, cfr. Bagni (1997). 3 Cfr. Eco (1984, cap. 2). 4 Genette (1979; tr. it.: 61) sottolinea che i sistemi di generi che procedono per inclusioni univoche e gerarchizzate sono tipici delle teorie romantiche e moderne, mentre Aristotele, seppur implicitamente, aveva scelto un modello basato su tabelle. Lo stesso Genette opta, anche se con qualche cautela, per un modello combinatorio, basato su tre diversi parametri (una tabella a tripla entrata, insomma).

2 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina PIERO POLIDORO c) Tipologia: il terzo modello ha di recente trovato una base nelle logiche fuzzy e nelle semantiche che usano i concetti di stereotipo, prototipo, ecc. 5 Le categorie possono essere descritte da una serie non predefinita di proprietà, il che significa che le proprietà pertinenti potrebbero variare da categoria a categoria. Inoltre la presenza di queste proprietà o l appartenenza a una categoria non può essere stabilita in base a una semplice logica binaria (sì/no), ma deve prevedere dei gradi intermedi. 6 Nel nostro caso, quindi, i generi non sono più caselle rigide che coprono tutto il campo testuale e hanno valore prescrittivo, ma sono raggruppamenti di testi che manifestano costanze e similitudini e sono organizzati attorno a un nucleo più o meno definito e dal quale possono trovarsi più o meno lontani. Per Jauss (1977; tr. it.: 223), che è stato l anticipatore dell applicazione di questo modello al campo dei testi letterari, i generi sono da intendere non come genera (classi) in senso logico, ma come gruppi o famiglie storiche. Il genere, in tal senso, diventa un quadro di riferimento per il produttore, cioè uno schema consolidato sul quale basarsi ma le cui regole possono essere aggirate, ingannate, violate apertamente. Dal punto di vista del fruitore, invece, il genere rappresenta essenzialmente un orizzonte di attese. In altre parole il fruitore, grazie alla competenza acquisita, può, in presenza di certe caratteristiche del testo, inferire la sua appartenenza a un genere piuttosto che a un altro e, di conseguenza, costruire un sistema di aspettative adatto (sistema che, ovviamente, potrà anche essere frustrato) Vantaggi del modello tipologico Le più recenti teorie del genere sembrano orientate decisamente verso il modello tipologico. Il che, fra l altro, deriva direttamente dalla constatazione che i generi, come detto, non sono entità logiche e naturali, ma realizzazioni storiche e prototipiche. L approccio dello studioso sarà dunque non quello tradizionale, astratto e deduttivo, ma quello storico-induttivo (Corti 1976). Le conseguenze di questo cambiamento sono notevoli. Innanzitutto i generi non coprono più l intero campo testuale, ma, al più, descrivono al- 5 Per una panoramica su questo tipo di semantiche e sui concetti principali su cui si basano, cfr. Violi (1997). 6 Allo stesso modo Zinna (2002a), partendo dalla teoria hjelmsleviana, parla di due tipi di operazioni razionali: le operazioni logiche, basate su opposizioni esclusive, e quelle prelogiche, basate su opposizioni partecipative. 7 Il nuovo testo evoca per il lettore (o ascoltatore) l orizzonte che gli è familiare in base ai testi precedenti, fatto di aspettative e di regole del gioco che in seguito potranno essere variate, ampliate, corrette, ma anche trasformate, incrociate o solamente riprodotte. Variazione, ampliamento e correzione determinano il margine: da un lato la rottura con la convenzione e dall altro la pura riproduzione individuano i confini di una struttura di genere (Jauss 1977; tr. it.: 233).

3 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina 215 TEORIA DEI GENERI E SITI WEB 215 cuni agglomerati di testi che rappresentano zone di maggiore densità all interno di un continuum. I confini dei singoli generi diventano difficili da tracciare e ancora più difficile è creare sistemi gerarchici. Aver identificato una tipologia, inoltre, non significa aver fissato definitivamente una serie di proprietà necessarie e sufficienti, né aver descritto tutti gli aspetti di un determinato tipo di testo. Il modello, infatti, deve essere flessibile e lasciare numerosi spazi vuoti che, riempiti in maniera differente, renderanno possibili le declinazioni individuali del tipo generale. Ma, soprattutto, aumenta considerevolmente l importanza della dialettica norma/scarto. Il genere può essere considerato come una norma, ma nel senso retorico del termine. Rispetto alle norme che reggono il discorso, infatti, si possono avere degli scarti. Questi scarti possono essere errori (se sono ingiustificati) o licenze (se portano a un risultato finale migliore). Potremmo dire che la Web usability si interessa del primo caso: autori come Jakob Nielsen (2000), infatti, si preoccupano di studiare l interazione uomo-macchina e gli stili di navigazione, e di fissare conseguentemente regole il cui rispetto assicuri una facile e piena fruizione dei siti. Nel fare questo, però, escludono la possibilità che lo scarto possa essere non un errore, ma una licenza Livelli d analisi Un altro problema metodologico posto dai siti web dipende dalla loro natura sincretica, 9 che rende inadeguata un analisi legata solamente a un unico punto di vista, a un determinato linguaggio. Non si può, in altre parole, pensare che gli effetti di senso di un sito possano derivare esclusivamente, o comunque prevalentemente, dal suo contenuto verbale o dal suo aspetto visivo, ecc. Come osserva anche Cosenza (2004, cap. 6), l analisi dovrà svolgersi contemporaneamente su diversi livelli, anche se sarà inevitabile che, di volta in volta, qualcuno sia più pertinente (o semplicemente più interessante). Alcuni dei livelli che sembrano rivestire, nella maggior parte dei casi, un importanza maggiore sono: a) il livello verbale: riguarda il testo verbale presente nel sito; può aiutarci, ad esempio, a ricostruire il tipo di utente modello 10 previsto attraverso un analisi delle strategie enunciative, della complessità del linguaggio, dei meccanismi estetici usati, ecc.; 8 Sul concetto di scarto, analizzato dal punto di vista semiotico, cfr., fra gli altri, Groupe μ (1970). 9 Per Greimas e Courtés (1979; tr. it.: 325) i testi sincretici sono quelli che mettono in opera più linguaggi di manifestazione. Così, nei siti web, incontriamo non solamente testo verbale, ma immagini, filmati, suoni, ecc. 10 Cfr. Cosenza (2004, e cap. 3) e l articolo di Simone Diamanti in questo volume.

4 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina PIERO POLIDORO b) il livello visivo: può riguardare sia l aspetto figurativo che l aspetto plastico del sito; 11 c) il livello pragmatico: riguarda ciò che si può fare con il sito; un analisi dell aspetto pragmatico prevede, ad esempio, una classificazione del tipo dei link presenti e delle azioni che permettono; 12 a questo livello dovrebbe avvenire anche l analisi della struttura del sito, visto che da essa dipendono le pratiche concrete di navigazione. Ciò non significa, ovviamente, che non possano essere rilevati altri livelli. Potremmo ad esempio incontrare un sito in cui sia presente anche un livello sonoro (effetti legati a determinate operazioni dell utente, musica di sottofondo, testo verbale orale, ecc.). Non bisogna poi dimenticare che una così netta distinzione fra i diversi livelli è possibile, il più delle volte, solo teoricamente. Molto spesso, infatti, ci troviamo alle prese con oggetti in cui determinati effetti di senso possono essere spiegati solo alla luce di una stretta interazione fra i diversi linguaggi in gioco. Pensiamo, ad esempio, all uso dei font: l effetto di senso complessivo di un testo scritto non dipende sempre solo dal contenuto verbale, ma spesso anche dal particolare tipo di carattere usato, che andrà analizzato dal punto di vista plastico. 2. I portali 2.1. Portali e rimediazione I portali rappresentano sicuramente il genere di siti web oggi più riconoscibile e assestato; d altra parte l esistenza di un termine ad hoc per indicarli ne è la prova migliore. Nati intorno al 1997, i portali avevano inizialmente la funzione di punti di accesso (gateways) alla rete: l utente si connetteva al portale e da questo veniva rinviato, attraverso rubriche e link, al sito più adatto a soddisfare le sue esigenze. Con il passare del tempo i portali sono diventati sempre più importanti e ricchi di informazioni e servizi e, ormai, non sono più semplici punti di accesso, ma centri che attirano e trattengono grandi quantità di traffico, e sui quali l utente tende a rimanere per la maggior parte della sua navigazione. 13 I portali propriamente detti sono quelli orizzontali, cioè quelli che, come la televisione generalista, affrontano diverse tematiche e si rivolgono a 11 Secondo Greimas (1984) la semiotica figurativa si interessa del riconoscimento di oggetti del mondo reale a partire da determinate configurazioni visive, mentre la semiotica plastica (disinteressandosi di ogni rappresentatività) spiega la significazione di linee, colori, ecc. 12 Cfr. Zinna (2002b). 13 Cfr. Ferraro (1999: 148 sgg.), Rozanski e Bollman (2001).

5 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina 217 TEORIA DEI GENERI E SITI WEB 217 un pubblico il più vasto possibile. Esistono però anche portali verticali (o vortali), che sono invece dedicati a un pubblico di nicchia e si occupano di argomenti specifici. Al di là di questa distinzione, comunque, tutti i portali tendono ad avere caratteristiche comuni, che ci aiutano a definire il genere. Calvo et al. (2001) hanno identificato una serie di elementi ricorrenti: strumenti di ricerca, canali, risorse di contenuto e di attualità informativa, servizi orientati al consumatore, strumenti di comunicazione e di utilità personale, sistemi di accesso multicanale, sistemi di personalizzazione. Analisi come quella di Calvo et al. (2001) (per altro molto utili) tendono però a concentrarsi sui contenuti o su quello che abbiamo chiamato livello pragmatico, trascurando altri aspetti altrettanto interessanti. L interfaccia, ad esempio, contribuisce profondamente alla strategia comunicativa dei siti. Il modello dei portali, in particolar modo, si è diffuso anche al di là dei confini originari del genere, includendo oggi siti che, pur mancando a volte di alcune delle caratteristiche sopra elencate, dei portali condividono la struttura e, quindi, le strategie e gli effetti di senso. Una delle caratteristiche più interessanti delle interfacce dei portali è la loro frequente analogia (visiva e funzionale) con le prime pagine dei quotidiani. 14 A livello topologico, ad esempio, incontriamo molto spesso la stessa struttura, tipicamente rettilinea (cioè organizzata su opposizioni del tipo alto/basso e destra/sinistra), e organizzata in tre fasce orizzontali, con quella centrale ulteriormente divisa in tre colonne verticali. 15 Questa analogia visiva fa parte del processo che Bolter e Grusin (1999) chiamano rimediazione. Si ha rimediazione quando un nuovo medium rimedia, cioè recupera e riutilizza, alcuni aspetti di altri media. In questo senso, ad esempio, si può dire che la televisione degli anni 50 ha rimediato soprattutto il teatro e la radio, prima di sviluppare pienamente, e consapevolmente, un linguaggio proprio. Spesso la rimediazione favorisce la metabolizzazione di un medium, cioè la sua diffusione presso un pubblico che, trovando elementi di somiglianza con ciò che è già familiare, accetta più facilmente la novità. La questione della rimediazione è centrale per la comprensione delle dinamiche mediali, soprattutto per quanto riguarda il Web. Non è però l oggetto centrale di questo lavoro. Per quanto ci riguarda possiamo solamente sottolineare come sarebbe interessante studiare i siti web anche in base al loro grado di rimediazione. In questo senso si andrebbe da un estremo, rappresentato dalla semplice riproposizione on-line di materiale sviluppato per altri media, a siti che invece usano più propriamente le peculiarità di Internet. 14 Cfr. Polidoro (2002). 15 La semiotica plastica usa le categorie cromatiche (tono, saturazione, luminosità) per l analisi del colore, le categorie eidetiche (continuo/discontinuo, dritto/curvo, ecc.) per l analisi delle linee e delle forme, e le categorie topologiche per l analisi della disposizione spaziale. Queste ultime possono essere rettilinee (ad esempio, alto/basso, destra/sinistra) o curvilinee (es. inglobante/inglobato, centrale/periferico). Cfr. Thürlemann (1982).

6 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina PIERO POLIDORO 2.2. Ipermediazione e opacità Oltre alla rimediazione, Bolter e Grusin (1999) citano un altro tipo di fenomeno mediale, quello dell ipermediazione che, per quanto riguarda i computer, viene esemplificato dal cosiddetto stile a finestre. L ipermediazione è uno stile che favorisce la frammentazione, l eterogeneità e mette in evidenza il processo o la performance comunicativa; in altre parole consiste nel mettere in evidenza il carattere mediato di un determinato testo. In termini semiotici potremmo dire che quello che Bolter e Grusin chiamano rimediazione è un fenomeno legato alla presenza di tracce dell enunciazione all interno del testo. Fenomeno che può andare dalla presenza ineliminabile di queste tracce (dovuta al fatto che il testo è comunque il risultato di una enunciazione) allo loro volontaria moltiplicazione (lo stile a finestre, appunto). Il concetto di ipermediazione è molto simile a quello di opacità usato da Louis Marin (1994) nell ambito della semiotica visiva (e non a caso anche Bolter e Grusin parlano di trasparenza e di opacità). Secondo Marin in un immagine dobbiamo riconoscere due aspetti: la transitività o trasparenza, per cui l immagine rappresenta qualcosa, e la riflessività o opacità, per cui l immagine si presenta come rappresentante qualcosa. Il che significa che un immagine (ma qualunque segno in generale) non solo rappresenta qualcosa (e quindi in un certo senso rinvia la nostra attenzione su quel qualcosa), ma dice anche di essere un immagine, sottolinea la sua natura segnica, artificiale (in quanto segno prodotto dall uomo). Allo stesso modo Eco (1997), estendendo il discorso a ogni tipo di testo, oppone due principali modalità percettive, chiamandole Alfa e Beta. È per modalità Alfa che si percepisce un quadro (o una foto, o un immagine filmica, si veda la reazione dei primi spettatori dei Lumières alla proiezione dell arrivo di un treno in stazione) come se fosse la scena stessa. Solo a una seconda riflessione si stabilisce di trovarsi di fronte a una funzione segnica [...]. Definiamo come modalità Alfa quella per cui, prima ancora di decidere che ci si trova davanti all espressione di una funzione segnica, si percepisce per stimoli surrogati quell oggetto o quella scena che poi eleggeremo a piano dell espressione di una funzione segnica. Definiamo come modalità Beta quella per cui, onde percepire il piano dell espressione di funzioni segniche, occorre innanzitutto ipotizzare che di espressione si tratti, e l ipotesi che esse siano tali ne orienta la percezione. (Eco 1997: ) I portali sono caratterizzati da una forte presenza di elementi che mettono in evidenza la loro opacità: i sistemi di cornici, che chiudono i singoli testi integrandoli nel macrotesto e rappresentano la prima chiara traccia dell enunciazione avvenuta; lo sfondo bianco, residuo dell enunciazione; l uso prevalente del linguaggio verbale (il più convenzionale e artificiale dei linguaggi), ecc. Questo fatto determina conseguenze

7 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina 219 TEORIA DEI GENERI E SITI WEB 219 molto importanti per il tipo di strategia comunicativa sviluppato da questi siti. Eric Landowski (1989) ha messo in evidenza l esistenza di due esigenze diverse da parte dei quotidiani: da una parte quella di raccontare i fatti che avvengono nel mondo, dall altra quella di creare un discorso riconoscibile, che permetta di costruire un identità della testata e di fidelizzare i lettori. Landowski parla, nel primo caso, di racconto, mentre per il secondo usa il termine discorso. Successivamente confronta i due giornali francesi Le Monde e Libération, caratterizzati, rispettivamente, da uno stile oggettivante (riferimento ai fatti, posizione di distacco del lettore, ecc.) e da uno stile soggettivante (focalizzazione sull intimo, discorso passionale, ecc.). Landowski sembra dire che le due opposizioni (racconto/discorso e oggettivante/soggettivante) si sovrappongono o, addirittura, coincidono. In realtà, però, si tratta di due fenomeni abbastanza diversi. Nel primo caso, infatti, è in gioco (per quanto riguarda il discorso) la costruzione di un identità della testata, di un soggetto dell enunciazione che vuole rendersi visibile e riconoscibile (pena il fallimento di qualunque tentativo di fidelizzazione). Una scelta che, per i quotidiani (che hanno cadenza periodica), appare obbligata. Nel secondo caso (oggettivante/soggettivante) abbiamo invece a che fare con due diversi tipi di stili comunicativi, che vanno a caratterizzare in maniera differente il soggetto dell enunciazione. Se ora torniamo ai portali sembra evidente che la loro opacità, mettendone in evidenza il carattere mediato, artificiale, è funzionale all emergere di un soggetto dell enunciazione (la testata) che si pone come diaframma e intermediario fra noi e il mondo esterno. Vedremo successivamente come questa scelta, contrariamente a quanto avviene per i quotidiani, non è affatto obbligata per i siti web. È importante inoltre sottolineare come questi effetti di senso non dipendano tanto da singoli meccanismi enunciativi, ma da una differenza di modalità percettive (Alfa/Beta) e si collochino quindi, in un certo senso, a monte di una teoria dell enunciazione. Tanto che all interno di un testo opaco saranno possibili diverse scelte enunciative, che potranno puntare su uno stile oggettivante o soggettivante (per esempio, scegliendo débrayages enunciativi piuttosto che enunciazionali). Il che non toglie, d altra parte, che certe associazioni stabili possano realizzarsi e, per esempio, i portali di informazione tendano a scegliere costantemente strategie oggettivanti Ipermediazione e posizione di controllo C è un altro aspetto dell ipermediazione che può essere utile per comprendere la natura dei portali. Secondo Bolter e Grusin l ipermediazione conduce, per quanto possa sembrare paradossale, a una sorta di effetto

8 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina PIERO POLIDORO realistico. Non, ovviamente, nello stesso senso in cui un effetto di realtà viene garantito dalla dimensione di trasparenza di un immagine. Ma nel senso in cui la logica dell ipermediazione moltiplica i segni della mediazione e in questo modo cerca di riprodurre la ricchezza sensoriale dell esperienza umana (Bolter e Grusin 1999, tr.it.: 59). Più chiaramente Bolter e Grusin tornano sull argomento parlando dei telegiornali: Dal momento che i telegiornali vogliono proporre il maggior numero di notizie nel minor tempo possibile, essi tendono a riempire lo schermo, evidenziando il potere della televisione di cogliere gli eventi. Questo atteggiamento porta a quello che può essere chiamato look CNN, nel quale l immagine televisiva del conduttore è coordinata con la grafica e con una molteplicità di sottotitoli che integrano il flusso informativo, così che l emittente broadcast somiglia sempre di più a un sito web o a un applicazione multimediale. (Bolter e Grusin 1999, tr.it.: 222) La questione è però più complessa di quanto prospettato da Bolter e Grusin. L effetto, infatti, non sembra tanto quello del realismo, inteso come sensazione di partecipare direttamente alle cose (senza mediazione, appunto). Né si esaurisce nell esaltazione metalinguistica del potere della televisione. Si potrebbe piuttosto parlare di un effetto di centralità dell utente. È inutile sottolineare quanto la performanza 16 sia importante nella nostra esistenza e quanto, presa in sé, sia legata a una valorizzazione euforica. Sia che ciò dipenda da una naturale disposizione dell uomo, sia che dipenda dal sistema di valori della nostra cultura, viviamo innegabilmente il fascino dell azione e degli eventi, ed essere coinvolti in essi produce inevitabilmente un piacere. Le società contemporanee hanno però conosciuto una notevole rivoluzione tecnologica, che ha aumentato incredibilmente le possibilità di comunicazione e di reperimento dell informazione. Se prima, nella maggior parte dei casi, la nostra conoscenza si estendeva raramente al di là del nostro raggio d azione, oggi possiamo controllare in tempo reale, almeno potenzialmente, ciò che accade in tutto il mondo. Disponiamo, insomma, di potenti protesi cognitive (che aumentano le nostre possibilità di conoscenza), ma non di protesi pragmatiche. Contemporaneamente, è cresciuto e si è affiancato al fascino dell azione il fascino della posizione di controllo. In termini narrativi potremmo dire che oggi l eroe non è necessariamente chi compie l azione, ma può essere (ed è sempre di più) chi detiene un sapere, compie la manipo- 16 La performanza rappresenta, nello schema narrativo canonico (cioè la struttura di base di qualsiasi narrazione, secondo Greimas), la fase dell azione, del superamento della prova. Essa è preceduta dalla manipolazione (in cui un Destinante convince o obbliga l eroe a compiere la sua impresa) e dalla competenza (in cui l eroe deve acquisire le conoscenze e i mezzi necessari per superare la prova). L ultima fase è quella della sanzione, in cui l operato dell eroe viene riconosciuto (e premiato) oppure no.

9 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina 221 TEORIA DEI GENERI E SITI WEB 221 lazione e opera secondo il far-fare. Pensiamo ai film di guerra. Una volta erano prevalentemente dedicati alla pura performanza: lo scontro, individuale o collettivo. Oggi, sempre di più, lo scontro non è più l elemento centrale: alcune volte è marginale o addirittura assente. E viene sostituito dall immagine ricorrente della postazione di controllo, tecnologicamente avanzata, dalla quale si conduce la battaglia (una battaglia molto più modellata sull idea del calcolo strategico che non su quella del puro scontro di forze). La moltiplicazione delle finestre o dei riquadri che contengono i continui lanci di agenzia o le numerose notizie provenienti da diverse parti del mondo non danno (non potrebbero farlo) un effetto di realtà legato all illusione di assistere direttamente agli eventi. Danno, però, un effetto di centralità, l illusione di trovarsi in quella postazione di controllo che oggi ha su di noi un fascino maggiore di quello del campo di battaglia. 3. I siti trasparenti Se, come abbiamo visto, i portali si distinguono per la loro opacità, molti siti seguono strategie visive opposte, caratterizzandosi per la loro trasparenza (per la loro immediatezza, direbbero Bolter e Grusin). Ciò significa che, mentre nei portali si procedeva alla moltiplicazione delle tracce dell enunciazione, in questi siti, che potremmo definire trasparenti, si assiste alla loro rimozione, al loro occultamento. Se, ad esempio, lo sfondo bianco rappresentava il tipico residuo dell enunciazione (ciò che rimane del supporto dopo che l enunciazione è avvenuta, smascherandola), i siti trasparenti sono caratterizzati da meccanismi figurativi e plastici come chiaroscuri, scorci prospettici, livelli semi-trasparenti sovrapposti, ecc., che contribuiscono a creare effetti di profondità. I colori diventano irregolari, compaiono le sfumature, le linee non sono più rettilinee e perfettamente definite. Lo spazio non è più di tipo cartesiano (artificiale), basato su opposizioni alto/basso e destra/sinistra, ma diventa uno spazio curvilineo, cioè costruito su opposizioni come inglobante/inglobato, centrale/periferico: uno spazio molto più naturale e vicino al modo in cui organizziamo l ambiente che ci circonda. Con la rimozione delle tracce del suo operare, scompare (o comunque diventa meno evidente) anche il soggetto dell enunciazione: viene così eliminato un diaframma che si poneva esplicitamente fra l utente e l oggetto della comunicazione. L effetto che ne deriva è quello di una maggiore immediatezza del rapporto, della costruzione di una comunicazione paritetica, o almeno della creazione di uno spazio che la favorisca e la suggerisca. Non a caso, queste caratteristiche si trovano spesso nei siti di rockstar,

10 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina PIERO POLIDORO showgirl o attori: siti dedicati ai fan che, più che informazioni, cercano un contatto (anche se illusorio) con i loro divi. 17 È naturale quindi che i siti trasparenti siano quasi sempre caratterizzati da strategie soggettivanti, che rafforzano con diversi meccanismi (per esempio i débrayages enunciazionali) l effetto di coinvolgimento e di simmetria del rapporto comunicativo. È possibile riassumere in una tabella le caratteristiche principali che oppongono i portali ai siti trasparenti: 18 Portali Siti trasparenti dimensione riflessività transitività (opacità, modalità Beta) (trasparenza, modalità Alfa) strategia oggettivante soggettivante categorie topologiche rettilinee curvilinee categorie eidetiche dritto curvo categorie cromatiche radicali, colori complessi, saturazione piena diverse saturazioni sfondo bianco livelli trasparenti e sovrapposti, effetti prospettici testo scritto; débrayage audio; débrayage enunciazionale enunciativo Dal punto di vista teorico è importante sottolineare come l opposizione fra portali e siti trasparenti non sia riconducibile esclusivamente, per usare i termini peirciani, all opposizione fra la dimensione simbolica e quella iconica (cioè, ad esempio, alla differenza fra una pagina scritta e la fotografia di uno spazio). Questo è il motivo per cui la strategia dell interazione può fare a meno dei siti 3D, che non esauriscono affatto il campo dei siti trasparenti. I fattori coinvolti sono numerosi e possono anche non essere presenti contemporaneamente. Come abbiamo visto, alcuni meccanismi (chiaroscuri, effetti prospettici, ecc.), anche se svincolati dalla pura rappresentazione di oggetti del mondo reale, attivano comunque meccanismi tipici del riconoscimento e appartengono quindi alla semiotica figurativa. Ma la cosa interessante è che anche il livello plastico svolge un ruolo importante. L effetto soggettivante, la costruzione di uno spazio dell interazione, dipende anche da fattori (organizzazione topologica, valori eidetici, ecc.) che appartengono alla sfera della semiotica plastica. Questo collegamento potrebbe dipendere da analogie o comunanze fra alcuni 17 È evidente che in questo caso la scomparsa del soggetto dell enunciazione non crea problemi dal punto di vista della fidelizzazione. I siti trasparenti sono siti o progettati per singole fruizioni oppure in cui la fidelizzazione è assicurata da altri meccanismi (il desiderio di contatto con il divo, che diventa spesso il soggetto di un enunciazione rappresentata all interno del sito). 18 Per un approfondimento, cfr. Polidoro (2002).

11 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina 223 TEORIA DEI GENERI E SITI WEB 223 valori plastici e l esperienza che abbiamo del mondo. In altre parole, questo nesso potrebbe essere una testimonianza del rapporto (al di là della giusta separazione metodologica) fra semiotica plastica e semiotica figurativa. 4. Siti da navigare e siti da esplorare 4.1. Meccanismi metalinguistici Possiamo infine identificare un altro gruppo di siti, caratterizzati dalla volontà di mettere alla prova e a volte di violare le norme che reggono la comunicazione sul Web, dimostrandone la convenzionalità. Sono in altre parole siti che fanno un discorso metalinguistico, mettendo in evidenza, e corrodendo, le regole principali (spesso inconsapevoli) dei linguaggi di Internet. A caratterizzare questi siti, quindi, non sono proprietà particolari, quanto piuttosto un atteggiamento generale. E, soprattutto, questi siti si distinguono per il loro target. I loro utenti fanno spesso parte di un pubblico di nicchia, perché devono essere abbastanza competenti da poter comprendere e apprezzare i meccanismi che i siti propongono. 19 Ovviamente anche in questo caso sono possibili diversi gradi. Ad esempio, a un livello più semplice, abbiamo la ricontestualizzazione di particolari elementi: è quello che accade ogni volta che in un sito i caratteri alfabetici sono usati non come grafemi, ma per comporre immagini di vario tipo. Interessante è anche il caso dei meccanismi basati su metafore più o meno catacresizzate. In molti siti le metafore relative al sito inteso come luogo 20 e, di conseguenza, all entrare nel sito vengono rappresentate da home page in cui è raffigurata una porta, un apertura in una superficie, un passaggio che consente di accedere all interno del sito. 21 Un altro esempio di uso letterale di una metafora è quello che riguarda i font: gli esperti di desktop publishing e di grafica ragionano spesso in termini di peso dei testi scritti. Nel sito si trova una divertente applicazione che permette di confrontare, con una vera e propria 19 Questi siti potrebbero essere paragonati, per certi aspetti, alla pubblicità obliqua di cui parla Floch (1990), che è rivolta, non a caso, a un soggetto cognitivamente attivo e disposto a fare inferenze. Cfr. anche la tipologia di utenti proposta da Ferraro nel suo contributo a questo volume, e Cosenza (2004, 3.4.5). 20 Cfr. Volli (2003). 21 Cfr. ad esempio in cui vari personaggi, alternativamente, sbirciano nel sito guardando da un buco, o sito organizzato come se fosse una casa in cui si entra da un apertura nel soffitto. 22 Typeorganism.com è ricco di esempi di questo tipo. D altronde nella presentazione si legge che è a series of communication experiments exploring computation interactive design and interactive kinetic typography, based on the metaphorical notion of typography, Type is a lifeform [...] Type is an organism.

12 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina PIERO POLIDORO bilancia, i pesi di due caratteri realizzati con font diversi. 22 Altre volte, a essere messa in cortocircuito è l opposizione trasparenza/opacità. Nel sito per esempio, accanto ad alcuni elementi della pagina compaiono scritte che sembrano fatte a mano e servono a spiegare, come fossero appunti a margine, la loro funzione. 23 In tutti questi casi abbiamo operazioni metalinguistiche locali, che mirano a risemantizzare elementi che altrimenti sono poco percepiti (come i caratteri alfabetici), a mettere in crisi metafore catacresizzate (e quindi considerate naturali ), a evidenziare l opposizione di diverse modalità percettive. L effetto è di straniamento e ci induce a riflettere su alcune convenzioni che vigono sul Web. Un caso esemplare in tal senso è Yugop.com, il sito di Monocrafts, una delle più importanti società di grafica per il Web. Daniele Barbieri (2002) lo ha analizzato approfonditamente, mettendo in evidenza i meccanismi di risemantizzazione attivati dalle animazioni di Yugop.com, in cui, ad esempio, tipici elementi informatici astratti (stringhe alfanumeriche, liste strutturate, organigrammi, ecc.) sono manipolati come fossero oggetti naturali, dotati di peso, inerzia, ecc. Ma l aspetto più interessante di Yugop.com è probabilmente il suo violare costantemente e volutamente le regole fondamentali della Web usability. Laddove di solito si cerca di rendere più rapidi i tempi di navigazione, ad esempio, Yugop.com costringe l utente ad aspettare, lanciandogli una sorta di sfida e scommettendo sulla propria capacità di appassionarlo Notwist.com Alcuni di questi meccanismi si trovano anche in un altro sito molto interessante, quello del gruppo musicale tedesco dei Notwist (www.notwist.com). Anche qui incontriamo risemantizzazioni e giochi metalinguistici, che prendono di mira sia elementi generali (come nell uso grafico dei caratteri alfabetici sullo sfondo), sia convenzioni e oggetti tipici di quel sotto-genere web costituito dai siti dei gruppi musicali. Così, ad esempio, in quasi tutti i siti di questo genere si trova un mixer 23 Parlo di cortocircuito fra trasparenza e opacità anche se la home page di Visualdrug.com è una tradizionale pagina opaca, perché l aggiunta delle scritte sembra suggerire la possibilità di un intervento diretto sulla pagina stessa, cosa che, rispetto alla logica generale del Web (che in questo è vicina a quella della televisione e diversa da quella del libro), rappresenta comunque un aumento di trasparenza. È lo stesso meccanismo (cfr. Polidoro 2002) per cui, nel sito 3D quando si deve tornare al linguaggio verbale per raccontare la storia del gruppo musicale, lo si fa aprendo non una pagina tradizionale quasi completamente testuale, ma l immagine di un libricino. L effetto di senso in termini di opacità/trasparenza cambia radicalmente: non ho un medium opaco che mi presenta un testo verbale, ma visualizzo (in maniera trasparente) un oggetto del mondo reale. Che poi questo oggetto sia un testo scritto è un altro discorso.

13 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina 225 TEORIA DEI GENERI E SITI WEB 225 che presenta diverse tracce audio (strumentali o vocali) provenienti da pezzi dell autore o del gruppo. Noi possiamo scegliere quali tracce usare e controllare il volume, in modo da creare (a partire dai materiali già dati) un nostro motivo. Molto spesso si finisce per formare pezzi dissonanti e traballanti (volontariamente o no). Il sito dei Notwist non può non possedere uno strumento del genere. Solo che in questo sito non si tratta di un mixer vero e proprio: è un confuser. Anche qui abbiamo campionature, ma molte sono poco riconoscibili o corrispondono a rumori, più che a melodie o armonie. Inoltre, l interfaccia del confuser è tutt altro che tradizionale. Non ci sono più le manopole da spingere avanti o indietro, i pulsanti da premere, ecc. C è solo uno sfondo confuso, e per attivare le campionature bisogna cliccare in punti diversi della finestra (non sappiamo quali, ovviamente), mentre il livello del volume dipende dal punto in cui si trova il mouse. Il confuser è uno strumento di una complessità (anche d analisi) notevole. Il risultato però è molto interessante: la dissonanza non è più un effetto indesiderato (e quasi sempre scontato) del mixer, ma diventa una condizione ineliminabile. Anzi, lo scopo del confuser è proprio quello di trovare belle dissonanze (ossimoro non più scandaloso). Magari per accorgersi che ciò che ne deriva non è solo un suono, ma un testo sincretico fatto di grafica (lo sfondo), suoni e movimenti della nostra mano. Il linguaggio visivo e quello gestuale cessano di essere puri strumenti finalizzati alla creazione di un testo sonoro, ma diventano parte integrante di una composizione, di un tentativo di opera d arte totale. Il confuser è basato su una doppia riflessione metalinguistica. Una, quella che emerge da quanto abbiamo appena detto, riguarda più direttamente la musica. L altra riguarda invece il Web. Uno strumento tipico dei siti di gruppi musicali viene ripreso e i suoi difetti sono portati alle estreme conseguenze, e trasformati in punti di forza, in nuove occasioni per riconsiderare le funzionalità di un sito o ripensare l idea che abbiamo della musica. Come Yugop.com, però, Notwist.com non si ferma a questo, ma attacca direttamente alcune regole di base della progettazione e navigazione dei siti. Se, infatti, la massima fondamentale della Web usability è quella della chiarezza, cioè della necessità di creare un interfaccia intuitiva, in cui la funzione dei singoli elementi sia facilmente riconoscibile e in cui sia sempre chiaro dove ci si trova e dove conducono i link, qui accade esattamente il contrario. Solo dopo un po si comprende che il menu non è (come sembrava) assente, ma è stato trasformato in quel rizoma di caselline che galleggia sullo sfondo. Quando si passa su uno dei link lo schermo si copre di scritte scomposte ed enigmatiche. Servono diversi tentativi per capire che il menu non si limita a infrangere le tradizionali regole della chiarezza, ma ne fonda delle altre. Andando sulle singole voci, infatti, otteniamo sempre due indicazioni aggiuntive: la prima indica il tipo di file che troveremo ( img per le imma-

14 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina PIERO POLIDORO gini, txt per i testi, mov per i filmati, ecc.), la seconda ci suggerisce cosa troveremo, anche se simula un rumore che disturba e deteriora il testo verbale (quasi come alcune sonorità utilizzate dai Notwist disturbano le loro canzoni). Così, ad esempio, discogrxxxxx ci porta alla discografia, mentre lirxxxxxx è la trascrizione di lirics. Ma Notwist.com va oltre. Clicchiamo, ad esempio, su 000**!1.not. Si apre una finestra con il tipico gioco unisci i puntini. Semplice intrattenimento? Vediamo. Se completiamo l immagine, compare sullo sfondo la foto di uno dei componenti del gruppo e parte un loop sonoro. Ma, soprattutto, si apre una nuova finestra, con un nuovo unisci i puntini. Stessa storia: se finiamo appare un altro componente del gruppo, inizia un secondo loop che si sovrappone al primo e si apre una terza finestra. A questo punto il gioco è chiaro: la terza finestra introduce la voce del cantante e la quarta chiude la serie con la batteria. Il meccanismo ci sorprende continuamente. Scopriamo, dietro a quello che pensavamo un semplice gioco enigmistico, una serie che ci permette di conoscere tutti i membri del gruppo. Non solo, a ogni foto corrisponde un suono. I Notwist continuano a giocare con le sonorità, a fare discorsi metalinguistici. Ma il nostro unisci i puntini non si ferma qui. Quando abbiamo finito il percorso e tutte le sonorità sono state attivate, ecco che si apre una nuova finestra, più grande. È una finestra in cui compare la cronologia del gruppo. La cronologia è una sezione sempre presente nei siti musicali e spesso è la prima cosa che si nota. Nell alternativo sito dei Notwist sembrava inesistente. Ma bisognava (come nel caso delle voci del menu) solamente cercare. Ed è interessante notare come il meccanismo usato non sia molto diverso da quello di un videogioco adventure: abbiamo esplorato il sito, abbiamo dovuto superare alcune prove (unire i puntini) e alla fine abbiamo ottenuto la nostra ricompensa Navigazione vs. esplorazione e logica dell adventure A questo punto possiamo chiederci: cosa sta facendo Notwist.com, a che gioco ci sta facendo giocare? Il contratto su cui si regge la comunicazione fra enunciatore ed enunciatario non è quello di un normale sito Internet. Ed è chiaro fin dall inizio: l aspetto del sito (tricromia, sfondo, ecc.) ne evidenzia immediatamente l atipicità. Ma in cosa consiste questa atipicità? Normalmente il termine che viene usato per indicare la fruizione del Web è navigazione. Ma, almeno in una delle sue accezioni, la navigazione è l insieme dei metodi e dei procedimenti di calcolo che l equipaggio a bordo di un natante o di un aereo deve attuare sulla base di informazioni 24 Le definizioni sono tratte dal Grande dizionario della lingua italiana Utet.

15 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina 227 TEORIA DEI GENERI E SITI WEB 227 e riferimenti esterni per raggiungere il punto prestabilito seguendo vie non tracciate in un mezzo fluido o nell aria. 24 La navigazione, in questo senso, richiede una mappa, che ci faccia sempre sapere dove ci troviamo e dove arriveremo seguendo un certo percorso. In un sito abbiamo solitamente una serie di informazioni di questo tipo e, soprattutto, un menu. Ma Notwist.com, chiaramente, non ragiona secondo questa logica. Il termine adatto per questo tipo di attività è esplorazione: viaggio, spedizione collettiva, per terra o per mare, verso territori sconosciuti o selvaggi, lontani da quelli in cui l uomo ha scelto la sua sede, per conoscerli, studiarli e descriverli (ed eventualmente farne oggetto di conquista politica o economica o di espansione demografica). L utente che si trova di fronte a Notwist.com, quindi, deve esplorare il sito. Inizialmente è smarrito, non ha punti di riferimento. Deve procedere a tentoni, cercando di dare un senso a ciò che apparentemente non ne ha. Tutte le convenzioni della Web usability (e non solo quelle) sono chiaramente infrante. Ma questo non significa che non ne vengano poste altre: la regola che ci permette di inferire a cosa portano le voci del menu, il meccanismo per cui solo finendo determinati giochi riesco a ottenere ulteriori informazioni, ecc., sono le nuove regole che Notwist.com ci invita a scoprire. A ben guardare è l intera struttura del sito a essere molto simile a quella di un adventure. In termini di schema narrativo abbiamo una iniziale fase di manipolazione (quella reale fra produttore del gioco, che promette divertimento, e giocatore, e spesso quella rappresentata nella introduzione audiovisiva del sito), la competenza, la performanza e, infine, la sanzione (il raggiungimento del premio finale e il divertimento del giocatore). Solo che, rispetto a una normale narrazione, spesso negli adventures la fase della competenza si dilata a dismisura. Soprattutto nei cosiddetti puzzle games il fulcro del gioco è la soluzione di complicati enigmi, in cui la performanza (manipolazione di macchinari, composizione di oggetti, realizzazione di marchingegni, ecc.) è solo la parte finale di un lungo processo cognitivo. Il giocatore deve esplorare, osservare e, soprattutto, riflettere per poter raggiungere un saper fare. È la stessa cosa che accade con l unisci i puntini o con il memory di Notwist.com. Ma, a livello più generale, è la stessa struttura che regge l intero sito. Dopo la fase di manipolazione (quella in cui è instaurato il contratto-sfida fra enunciatore ed enunciatario), l attenzione dell utente di fronte all apparente caos del sito è rivolta a comprendere quali siano le regole che lo reggono e che gli permetteranno una piena fruizione. 5. Conclusioni Internet è relativamente giovane e non ha ancora avuto il tempo di ac-

16 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina PIERO POLIDORO quisire un assetto stabile e definito. Ciò nonostante, alcune tipologie di siti cominciano a essere riconoscibili, sia perché i modelli più efficaci vengono imitati, sia perché alcune scelte sono quasi obbligate. 25 Oggi il portale è sicuramente il caso di maggior successo e ha assorbito progressivamente altri tipi di siti. Mostra caratteristiche strutturali e tematiche abbastanza stabili, tanto da poter essere considerato un vero e proprio genere. In altri casi, invece, non si può parlare di generi, ma piuttosto di meccanismi che sviluppano effetti di senso più o meno stabili. Così la trasparenza è più una dimensione generale, che può essere impiegata in diverse situazioni. I siti dei gruppi musicali, ad esempio, costituiscono un piccolo genere trasversale, caratterizzato da certe costanze (soprattutto tematiche) e potrebbero essere realizzati usando strategie visive basate sulla trasparenza (favorendo l interazione) o sull opacità (ricadendo quindi, come specie, all interno del genere portale). D altronde la teoria letteraria ci ha insegnato, come abbiamo visto, che i generi sono solo tipologie, più o meno assestate, che possono ricombinarsi, mischiarsi, scomparire. Tutto ciò suggerisce una pratica d analisi molto flessibile, che tenda ad affrontare l oggetto da diversi punti di vista, applicando localmente strumenti d indagine eterogenei e ricostruendo, di volta in volta, il senso che emerge dai diversi meccanismi di significazione presenti. 26 Riferimenti bibliografici BAGNI, P Genere, Scandicci: La Nuova Italia. BARBIERI, D L argomentare sottile di Yugop.com, in Pezzini (a cura di) (2002). BOLTER, J.D. E R. GRUSIN 1999 Remediation. Understanding New Media, Cambridge, Mass.: The MIT Press (trad. it. Remediation, Milano: Guerini e Associati, 2002). CALVO, M. ET AL Frontiere di rete, Roma-Bari: Laterza. CORTI, M Principi delle comunicazione letteraria, Milano: Bompiani. COSENZA, G Semiotica dei nuovi media, Roma-Bari: Laterza. ECO, U Semiotica e filosofia del linguaggio, Torino: Einaudi Kant e l ornitorinco, Milano: Bompiani. FERRARO, G La pubblicità nell era di Internet, Roma: Meltemi. FLOCH, J.M. 25 Hjelmslev (1988: 273) ricordava come le somiglianze fra le lingue non dipendessero solamente da una origine comune, ma anche dalle cosiddette associazioni linguistiche, dovute a un comune ambiente culturale e a un omogeneo modo di vita. 26 Approfondimenti su questi temi e materiali d analisi sono disponibili all indirizzo: digilander.liberol.it/pieropolidoro.

17 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina 229 TEORIA DEI GENERI E SITI WEB Sémiotique, marketing et communication. Sous les signes, les stratégies, Paris: PUF (trad. it. Semiotica marketing e comunicazione, Milano: Angeli 1997). GENETTE, G Introduction à l architexte, Paris: Seuil (trad. it. Introduzione all architesto, Parma: Pratiche Editrice, 1981). GREIMAS, A.J Sémiotique figurative et sémiotique plastique, Actes sémiotiques. Documents 60 (trad. it. Semiotica figurativa e semiotica plastica, in L. Corrain e M. Valenti, a cura di, Leggere l opera d arte, Bologna: Esculapio, 1991). GREIMAS, A.J. E J. COURTÉS 1979 Sémiotique. Dictionnaire raisonné de la théorie du langage, Paris: Hachette (trad. it. Semiotica. Dizionario ragionato della teoria del linguaggio, Firenze: La Casa Usher, 1986). GROUPE μ 1970 Rhétorique générale, Paris: Larousse (trad. it. Retorica generale, Milano: Bompiani, 1976). HJELMSLEV, L Omkring sprogteoriens grundlæggelse, København: Munksgaard (trad. it. I fondamenti della teoria del linguaggio, Torino: Einaudi, 1968) Saggi linguistici 1, Milano: Unicopli. JAUSS, H.R Alterität und Modernität der mittelalterlichen Literatur, München: Fink (trad. it. Alterità e modernità della letteratura medievale, Torino: Bollati Boringhieri, 1989). LANDOWSKI, E La société réfléchie, Paris: Seuil (trad. it. La società riflessa, Roma: Meltemi, 1999). MARIN, L De la représentation, Paris: Gallimard-Seuil (trad. it. Della rappresentazione, Roma: Meltemi, 2001). NIELSEN, J Designing Web Usability, Macmillan Computer Publishing (trad. it. Web usability, Milano: Apogeo, 2000). PEZZINI, I. (a cura di) 2002 Trailer, spot, clip, siti, banner. Le forme brevi della comunicazione audiovisiva, Roma: Meltemi. POLIDORO, P Essere in rete: banner e portali, in Pezzini (a cura di) (2002). ROZANSKI, H.D. E G. BOLLMAN 2001 The Great Portal Payoff, Booz-Allen & Hamilton (www.bah.com). THÜRLEMANN, F Paul Klee: analyse sémiotique de trois pentures, Lausanne: L age de l Homme. VIOLI, P Significato ed esperienza, Milano: Bompiani. VOLLI, U La spazialità di Internet, in R. Antonucci e O. Pedemonte (a cura di), Il Tao del Web, Genova: Il Melangolo. ZINNA, A. 2002a Décrire, produire, comparer et projecter. La sémiotique face aux nouveaux objects de sens, in Nouveaux Actes Sémiotiques : b L invention de l hypertexte, in Documenti di lavoro, Centro Internazionale di Semiotica e Linguistica, Urbino.

18 VERSUS94_5_6_Polidoro:VERSUS94_5_6_Polidoro :54 Pagina 230

Lezione 13 Analisi dei siti web

Lezione 13 Analisi dei siti web Corso di laurea specialistica Formazione, comunicazione e innovazione nei contesti sociali e organizzativi Facoltà di Psicologia 2 Università La Sapienza di Roma Corso di Semiotica prof. Piero Polidoro

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PROGETTARE UNA PAGINA WEB

PROGETTARE UNA PAGINA WEB PROGETTARE UNA PAGINA WEB Che differenza c è tra una grafica cartacea e una grafica per web? Nella maggior parte dei casi, quando parliamo di grafica cartacea parliamo di cartellonistica volantini, manifesti

Dettagli

Nicola Dusi. Mode del 67). Allo stesso modo, in un libro come Apocalittici e integrati

Nicola Dusi. Mode del 67). Allo stesso modo, in un libro come Apocalittici e integrati Nicola Dusi Benché già dalle sue origini la semiotica s è pensata come uno studio dei segni in seno alla vita sociale (Saussure), l analisi e l interpretazione dei principali fenomeni della società contemporanea

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Multimedialità. Giuliana Pascucci. g.pascucci@unimc.it

Multimedialità. Giuliana Pascucci. g.pascucci@unimc.it Università degli Studi di Macerata - Facoltà di Scienze della Formazione - Corso di Laurea in Scienze dell educazione e della formazione Multimedialità Giuliana Pascucci g.pascucci@unimc.it a.a. 2010 2011

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro 27 e 28 ottobre 2014 lezioni 5-6 roland barthes Sommario 1. Il ribaltamento di Saussure 2. Denotazione/Connotazione 3. Miti d oggi 2 di 36 Roland Barthes (1915-1980)

Dettagli

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni Windows XP In questa sezione, si desidero evidenziare le caratteristiche principali di Windows cercando possibilmente di suggerire, per quanto possibile, le strategie migliori per lavorare velocemente

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI ISTITUTO COMPRENSIVO VIA UGO BASSI Via U. Bassi n 30-62012 CIVITANOVA MARCHE Tel. 0733 772163- Fax 0733 778446 mcic83600n@istruzione.it, MCMM83600N@PEC.ISTRUZIONE.IT www.circolougobassi.it Cod. fiscale:

Dettagli

A proposito di qualità del software didattico

A proposito di qualità del software didattico A proposito di qualità del software didattico Il software va visto nel contesto d uso e va valutato sulla base dell efficacia didattica e dell integrabilità del diversi percorsi educativi Michela Ott ITD-CNR,

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

PowerPoint 2007 Le funzioni

PowerPoint 2007 Le funzioni PowerPoint 2007 Le funzioni Introduzione Cos è un ipertesto L' ipertesto è un testo organizzato in link, o collegamenti ad altre parti del testo e/o altri testi, in modo da consentire all utente di scegliere

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Daniele Marini. Rimediazione

Daniele Marini. Rimediazione Daniele Marini Rimediazione Rimediazione La rimediazione è la trasposizione di un contenuto particolare da un mezzo di comunicazione ad un altro Dalla tradizione orale alla scrittura, al graffito Dal graffito

Dettagli

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

n L ambiente di lavoro

n L ambiente di lavoro n L ambiente di lavoro n Usare Cabri n Comprendere Cabri n L ambiente di lavoro 1 Che cosa è Cabri Il programma Cabri* è stato sviluppato da Jean-Marie Laborde e Franck Bellemain presso l Institut d Informatique

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

INTRODUZIONE AL VIDEOMAKING PARTE II: LA POSTPRODUZIONE

INTRODUZIONE AL VIDEOMAKING PARTE II: LA POSTPRODUZIONE INTRODUZIONE AL VIDEOMAKING PARTE II: LA POSTPRODUZIONE PROGRAMMA 10.15 11.30 Teoria del montaggio 11.30 13.00 Cinetecnica: uso di AVS editor 13.00 14.00 Pausa pranzo 14.00 17.30 Laboratorio: montaggio

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE

GUIDA ALLA NAVIGAZIONE GUIDA ALLA NAVIGAZIONE 1. Accesso al sito La consultazione di AMAtI è subordinata alla registrazione al sito. Per registrarsi è necessario contattare la redazione all indirizzo francesca.simoncini@unifi.it.

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 ARTE

Dettagli

Progettare Ipermedia. Presentazione

Progettare Ipermedia. Presentazione Progettare Ipermedia Presentazione L aspetto progettuale riveste notevole importanza in un percorso didattico impostato sulla produzione di ipermedia così come è importante pianificarne lo sviluppo su

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web 5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web EIPASS Junior SCUOLA PRIMARIA Pagina 43 di 47 In questo modulo sono trattati gli argomenti principali dell universo di Internet, con particolare

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

Il mago delle presentazioni: PowerPoint

Il mago delle presentazioni: PowerPoint Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:46 Pagina 48 Il mago delle presentazioni: è un programma di Microsoft che ti permette di creare presentazioni multimediali per mostrare, a chi vuoi, un tuo lavoro,

Dettagli

Che cos è un programma di presentazione

Che cos è un programma di presentazione Che cos è un programma di presentazione I programmi per la creazione di presentazioni, come PowerPoint, sono software che consentono di costruire documenti informatici multimediali, vale a dire una sequenza

Dettagli

parte III analisi del testo lezione 10 semiotica figurativa 3. retorica visiva, tipi di pubblicità

parte III analisi del testo lezione 10 semiotica figurativa 3. retorica visiva, tipi di pubblicità Corso di Semiotica per la comunicazione Università di Teramo a.a. 2007/2008 prof. Piero Polidoro parte III analisi del testo lezione 10 semiotica figurativa 3. retorica visiva, tipi di pubblicità Sommario

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere 7. L aula digitale inclusiva: proposte operative Accezione larga del concetto di disabilità di Paola Angelucci e Piero Cecchini Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO LEVANTO PROGRAMMAZIONE CLASSE II ANNO SCOLASTICO 2013/2014 classe 2^ COMPETENZE DISCIPLINARE ISTITUO COMPRENSIVO LEVANTO 2013/2014 ITALIANO 1. Ascolta e interagisce nelle conversazioni

Dettagli

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione 1 Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione di Erika Barbato Andrea Carnevali CEO di Republic+Queen e Co-Founder di Wannabe, Agenzia specializzata in Strategia e Advertising

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Microsoft PowerPoint 2003 Tutorial Author Kristian Reale Rev. 2011 by Kristian Reale Liberamente distribuibile

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO 1. L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1

Uso del computer e gestione dei file. Parte 1 Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Avviare il pc Il tasto da premere per avviare il computer è frequentemente contraddistinto dall etichetta Power ed è comunque il più grande posto sul case.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMELLA. ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqas dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Author Kristian Reale Rev. 2011

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

dei documenti audiovisivi e delle informazioni

dei documenti audiovisivi e delle informazioni I criteri di usabilità e l organizzazione on-line dei documenti audiovisivi e delle informazioni Ornella Nicotra A.A. 2001-2002 Modulo europeo Action Jean Monnet Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

INTRODUZIONE. 1. Il progetto generale.

INTRODUZIONE. 1. Il progetto generale. INTRODUZIONE 1. Il progetto generale. Il progetto generale, entro il quale si inscrive la collaborazione fra la Fondazione Gramsci e la ditta Varvello, ha per finalità la valorizzazione della cultura e

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone MUSICA -- CLASSE PRIMA UNITA D APPRENDIMENTO N 1 TITOLO OBIETTIVO FORMATIVO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2009/10 GIOCANDO D ARTE Realizzato in collaborazione con Il girotondo dell arte di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA IL GIROTONDO DELL ARTE snc (laboratori didatticiartistici,

Dettagli

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI

PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI PROPOSTA DI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI Silvana Cantù Graziella Favaro Arcangela Mastromarco Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo Via Porpora, 26 20131 Milano tel 02.29.53.74.62

Dettagli

Creazione di un elemento grafico SmartArt Crea una nuova diapositiva con layout Titolo e contenuto.

Creazione di un elemento grafico SmartArt Crea una nuova diapositiva con layout Titolo e contenuto. G. Pettarin ECDL Modulo 6: Strumenti di presentazione 98 6. Gli Smartart Con gli elementi grafici SmartArt si può rappresentare visivamente le informazioni e i concetti che si vuole illustrare. È possibile

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

DoudouLinux. www.doudoulinux.org

DoudouLinux. www.doudoulinux.org DoudouLinux Cos'è DoudouLinux DoudouLinux è una distribuzione GNU/Linux che offre una collezione di giochi sia educativi che facili da usare per divertirsi mentre si impara. Può essere avviata da disco

Dettagli

PROGRAMMA MARTINA DALLA MURA

PROGRAMMA MARTINA DALLA MURA PROGRAMMA MARTINA DALLA MURA Elementi di grammatica audiovisiva Inquadrature e montaggio Visione e analisi di varie tipologie di video e di montaggi. Generi e stili dell audiovisivo: analisi delle caratteristiche.

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A A cura di Logopediste: Battisti Lucia, Rossi M.Cristina, Sicoli Silvia Psicologa: Ghiggeri Sabrina Audiologo:

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Autore Junior Un software per creare storie multimediali

Autore Junior Un software per creare storie multimediali Antonio Calvani e Francesco Leonetti Autore Junior Un software per creare storie multimediali Guida Editing Pier Paolo Faresin Silvia Larentis Sviluppo software Francesco Leonetti Grifo Multimedia Supervisione

Dettagli

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale La posta elettronica ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Posta elettronica E mail Elettronica Posta In questo argomento del nostro corso impareremo

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Per infinite e complicate che possano essere le mosse di una partita di scacchi, persino il gioco

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: La conoscenza del mondo, Il corpo e il movimento)

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: La conoscenza del mondo, Il corpo e il movimento) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: La conoscenza del mondo, Il corpo e il movimento) ANNI TRE Traguardi per lo sviluppo delle competenze. (alla fine del triennio)

Dettagli

COSTRUTTORI DI CARTELLE

COSTRUTTORI DI CARTELLE COSTRUTTORI DI CARTELLE E ora di cominciare a viaggiare in lungo e in largo per l Italia e raccogliere ricordi virtuali da registrare sul nostro computer; costruiamo la prima cartella, Viaggio in Italia

Dettagli