ASSEGNAZIONE NUMERO CIVICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSEGNAZIONE NUMERO CIVICO"

Transcript

1 ASSEGNAZIONE NUMERO CIVICO DESTINATARI Cittadini privati e aziende private proprietari di un nuovo intervento edilizio o aventi titolo ai quali serve che venga assegnato il numero civico che contraddistingua ed identifichi sullo stradario comunale la propria abitazione o la sede della attività. CHI RIVOLGERSI Occorre rivolgersi al Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica. COSA FARE L interessato deve presentare una richiesta in carta libera all Ufficio Tecnico comunale, che a seguito di una verifica interna, procede poi a comunicare all interessato l assegnazione del numero civico e successivamente a consegnare una targhetta metallica riportante il numero assegnato. La targhetta deve essere posizionata a cura del richiedente in prossimità dell accesso dell immobile per il quale la si richiede. La richiesta va presentata all Ufficio Tecnico comunale da parte del proprietario dell immobile. Se si tratta di un condominio o di un complesso edilizio, la richiesta deve essere presentata dal legale rappresentante della ditta costruttrice (ovvero dall Amministratore del condominio) e corredata da una planimetria esplicativa della distribuzione degli appartamenti e degli accessi viari. L assegnazione viene effettuata entro 15 giorni dalla richiesta. La consegna della targhetta avviene dopo 30 giorni dal ricevimento della comunicazione ufficiale dell assegnazione.

2 ASSEGNAZIONE NUMERO MATRICOLA ASCENSORI E MONTACARICHI Per ogni nuovo ascensore o montacarichi è necessario ottenere un apposito numero di matricola. DESTINATARI La richiesta per ottenere il numero di matricola può essere effettuata direttamente dalla ditta installatrice dell elevatore, dal proprietario o amministratore dell edificio dove è stato installato l ascensore. Occorre rivolgersi Servizio Edilizia Privata. Presentare una domanda in carta semplice con le seguenti indicazioni ed allegati: 1. tipo di ascensore (es. oleodinamico o a funi); 2. anno e numero di fabbricazione; 3. generalità della ditta installatrice; 4. generalità e la relativa accettazione dell ente incaricato delle ispezioni biennali; 5. generalità della ditta incaricata della manutenzione; 6. dichiarazione di conformità dell impianto; 7. marcatura C.E. di conformità; 8. verbale di collaudo Il numero di matricola viene rilasciato entro 30 gg. dalla presentazione della richiesta. DPR 162/99 e successive modifiche ed integrazioni.

3 CERTIFICATO DI AGIBILITA / ABITABILITA RILASCIO Si tratta di un certificato che attesta che un immobile, o parte di esso, è agibile e viene rilasciato nei casi di nuove costruzioni, di ampliamenti di edifici esistenti, di modifiche di edifici esistenti realizzate mediante opere edilizie che possono influire sulle condizioni di igiene e salubrità degli stessi. DESTINATARI Quando e perchè Cittadini privati e aziende private proprietari o aventi titolo che hanno eseguito dei lavori su un immobile o debbano provvedere alla vendita dello stesso. Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica. COSA FARE Nei casi in cui in un immobile si eseguono dei lavori è necessario ottenere il certificato di agibilità/abitabilità. Entro 15 giorni dalla fine dei lavori, va presentata la domanda in bollo corredata dai vari allegati previsti dall art del Titolo III del Regolamento Locale d Igiene e dal D.P.R N. 425, nonché dal D.P.R. 380/01 e dalla L. R. 12/2005. Presso l Ufficio Tecnico Comunale o scaricando dal sito Internet è possibile ritirare l apposita modulistica per inoltrare la richiesta con l elenco della documentazione da allegare. Inoltre, per gli edifici non adibiti a residenza, prima di svolgere l attività il titolare della stessa deve ottenere il nulla osta inizio attività produttiva, ai sensi dell art del Titolo III del Regolamento Locale d Igiene. IL certificato può essere rilasciato entro 30 giorni dalla richiesta. Trascorso detto termine, senza che il comune abbia provveduto al rilascio, l agibilità è attestata, sempre che sia stato rilasciato il parere ASL; in caso di autodichiarazione il termine per la formazione del silenzio-assenso è di 60 giorni. La mancata presentazione della domanda comporta l applicazione della sanzione amministrativa (da 71 a 464 euro) e la non commerciabilità dell immobile. Regolamento Locale d Igiene, D.P.R N.425, D.P.R. n. 380/2001. L.R. 12/2005.

4 CERTIFICATO DI DESTINAZIONE URBANISTICA - RILASCIO E un certificato che attesta la destinazione di un area nel territorio comunale rispetto a quanto previsto dal Piano di Governo del Territorio, e dai Piani regolatori precedenti se necessita un certificato storico. DESTINATARI Quando e perché Solitamente viene richiesto per la stipula di atti notarili di compravendita o successione. Occorre rivolgersi al Servizio edilizia privata e urbanistica. Occorre compilare l apposita modulistica disponibile presso il servizio edilizia privata e urbanistica (o sul sito internet) e consegnarla all ufficio protocollo compilata e munita di marca da bollo; alla stessa dovranno essere allegati: - ricevuta del pagamento dei diritti segreteria; - estratto di mappa rilasciato dall Agenzia del territorio di competenza (Catasto); - ulteriore marca da bollo per il ritiro del certificato. Trenta giorni dalla richiesta presentata al protocollo. Prima della consegna al protocollo, il Servizio edilizia privata e urbanistica è disponibile al controllo preventivo della pratica. Per la richiesta e il certificato ad uso successione non sono necessarie le marche da bollo. Piano di Governo del Territorio (PGT) e piani regolatori generali precedenti; testo unico sull edilizia.

5 CERTIFICATI DI IDONEITA ABITATIVA ALLOGGIO - RILASCIO Il certificato di idoneità abitativa è un documento che stabilisce il numero massimo di persone che possono vivere nell alloggio per il quale lo stesso viene richiesto. DESTINATARI - Quando e perché Il cittadino extracomunitario, che possiede o ha in affitto un alloggio, deve richiedere il certificato di idoneità abitativa da presentare in Questura per il rilascio del permesso di soggiorno, della carta di soggiorno, per il ricongiungimento familiare o per l inserimento nel mercato del lavoro. L interessato deve presentarsi presso il Servizio Edilizia Privata e Urbanistica. La richiesta deve essere presentata sul modulo a disposizione presso il Servizio Edilizia Privata e Urbanistica, e sul sito internet del Comune con i seguenti allegati: 1) fotocopia del contratto d affitto o dell atto proprietà; 2) fotocopia di un documento di identità di tutti i soggetti interessati; 3) fotocopia piantina dell abitazione; 4) situazione familiare; 5) versamento diritti di segreteria anch essi consultabili sul sito nell apposito modello. Il certificato viene rilasciato entro 30 giorni dalla presentazione della richiesta. Si rilascia in base alla rispondenza dei requisiti minimi previsti dalla L.R. (n. 91/83) per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica e nel rispetto dei parametri minimi di un alloggio previsti dal regolamento locale di igiene tipo (Assemblea USSL 60 in data 18/01/1990)

6 CERTIFICAZIONE TIPOLOGIA LAVORI EDILIZI DESTINATARI Quando e perchè Cittadini che in seguito a presentazione di documentazione per interventi edilizi (Denuncia Inizio Attività o Permesso di Costruire) necessitano di certificazione per eventuali agevolazione IVA. Occorre rivolgersi al Servizio Edilizia Privata. Presentare richiesta scritta in carta semplice indicando gli estremi identificativi della pratica edilizia di riferimento. La certificazione viene rilasciata entro 30 giorni dalla data di presentazione della richiesta.

7 D.I.A. (DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ) / SUPERD.I.A. DESTINATARI Quando e perchè Cittadini e aziende private proprietari o aventi titolo che intendono realizzare un intervento edilizio su un immobile esistente o su un terreno edificabile che non è riconducibile alla manutenzione ordinaria (per quest ultima, infatti, non è richiesto alcun assenso da parte del comune). Occorre rivolgersi al Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica. Va presentata una denuncia da parte del proprietario (o avente titolo) di avvio dell attività edilizia e presentato un progetto comprensivo di asseverazione da parte del professionista (ingegnere, architetto, geometra, etc.) abilitato, nonché l indicazione dei dati relativi all imprese esecutrice dei lavori. La denuncia va presentata in carta libera su apposita modulistica disponibile presso lo sportello dell Ufficio Tecnico nonché sul sito internet del Comune, allegando gli elaborati tecnici previsti dal Regolamento Edilizio. La pratica deve essere debitamente firmata, per l assunzione di responsabilità, oltre che dal/i proprietario/i, dal tecnico progettista, dal direttore dei lavori e dall impresa esecutrice delle opere. I lavori possono iniziare dopo 30 giorni dalla data di presentazione. Qualora il Comune ravvisasse la non conformità dell intervento alla normativa, al proprietario viene notificata l ordinanza di non procedere all esecuzione dei lavori e di presentare, eventualmente, una nuova richiesta. La denuncia deve essere corredata dal versamento dei diritti di segreteria (quantificati in relazione all intervento) e dal versamento del contributo di costruzione ove dovuti. Prima della consegna della pratica al protocollo, il Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica è disponibile al controllo preventivo della pratica. D.P.R. n. 380/2001, L.R. 12/05, Regolamento Edilizio, L. 73/2010.

8 MANOMISSIONE SUOLO PUBBLICO DESTINATARI Cittadini privati e aziende private proprietari o aventi titolo, che hanno necessità di manomettere il suolo pubblico per realizzare gli allacciamenti degli impianti tecnologici (acqua, luce, gas, telefono) alle reti comunali per i nuovi interventi edilizi, o per interventi di ristrutturazione e/o adeguamento di impianti obsoleti di edifici esistenti. Occorre rivolgersi al Servizio Edilizia Privata. COSA FARE Per quanto riguarda gli allacciamenti effettuati da Enti gestori dei servizi pubblici (come ENEL, Telecom, Consorzio Acqua Potabile, etc.) le richieste vengono presentate dagli stessi Enti. I privati devono presentare richiesta compilando apposita modulistica disponibile presso l Ufficio Tecnico e sul sito internet del Comune di Ornago: Per le manomissioni eseguite da privati, è necessario effettuare il versamento di un deposito cauzionale quantificato di volta in volta dagli uffici comunali a seconda della lunghezza dello scavo. Il deposito cauzionale verrà restituito dopo che sarà stato effettuato il ripristino e l Ufficio Tecnico avrà accertato che lo stesso è stato eseguito a regola d arte. L autorizzazione viene rilasciata entro 30 giorni lavorativi. La restituzione del deposito cauzionale viene effettuata dopo l esecuzione dei lavori, in seguito a formale richiesta e sopralluogo da parte di un tecnico comunale, per verificare la corretta esecuzione dell intervento. Delibera del Consiglio Comunale n. 57/2001.

9 OPERE EDILIZIE DI MANUTENZIONE ORDINARIA DESTINATARI Cittadini privati e aziende private proprietari o aventi titolo che si apprestano ad eseguire su un immobile opere edilizie di modesta entità riconducibili alla manutenzione ordinaria Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica. Le opere riconducibili alla manutenzione ordinaria non sono soggette né a Permesso di Costruire né a Denuncia di Inizio Attività e quindi sono eseguibili senza alcun atto di assenso da parte del Comune. La Legge definisce interventi di manutenzione ordinaria, gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti, purché non comportino la realizzazione di nuovi locali né modifiche alle strutture o all organismo edilizio. Non essendo richiesto alcun atto di assenso da parte del Comune, esse sono eseguibili in qualsiasi momento. La classificazione di manutenzione ordinaria e l esecuzione delle opere avviene sotto la responsabilità del proprietario anche in riferimento alla sicurezza. D.P.R. n. 380/2001; L.R. 12/2005; L. 73/2010

10 SEGNALAZIONE OPERE ABUSIVE DESTINATARI Chiunque sia a conoscenza dell esecuzione di un opera abusiva ed in particolare chiunque si ritenga leso da un eventuale attività edilizia irregolare, può e deve fare la relativa segnalazione al Comune. Occorre rivolgersi al Servizio edilizia privata ed urbanistica. COSA FARE Il cittadino può chiedere di verificare l esistenza di abusi edilizi attraverso sopralluogo e visione della documentazione depositata. 30 giorni. D.P.R. n. 380/2001 e L.R. 12/05.

11 PARERE PREVENTIVO SUI PIANI ATTUATIVI, PERMESSI DI COSTRUIRE, DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ DESTINATARI Quando e perchè Cittadini privati e aziende private proprietari o aventi titolo, che necessitano di un parere preliminare su un progetto edilizio e/o piano attuativo relativamente all interpretazione di norme. Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica. Occorre presentare richiesta in carta semplice corredata di documentazione progettuale relativa al parere. La legge non prescrive un termine. Normalmente la pratica viene evasa in giorni. Regolamento Edilizio, Piano di Governo del Territorio (PGT); L.R.12/2005.

12 PERMESSO di COSTRUIRE Il Permesso di Costruire consente di realizzare un intervento edilizio (nuove costruzioni e ampliamenti superiori al 10% del volume esistente) su un immobile o su un terreno libero da costruzioni. DESTINATARI Cittadini e aziende, proprietari o aventi titolo Occorre rivolgersi al Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica. Occorre presentare domanda in bollo corredata dal progetto completo di tutti gli elaborati tecnici come previsto dal Regolamento Edilizio. Il progetto deve obbligatoriamente essere redatto da un tecnico abilitato iscritto all Albo professionale. In caso di trasferimento di proprietà è necessario volturare ovvero richiedere il cambio dell intestazione del permesso. Il richiedente dovrà pagare al Comune il contributo di costruzione e i diritti di Segreteria, il cui importo verrà determinato dal Comune in base alla normativa vigente, e sarà comunicato all interessato, insieme alle modalità di pagamento, prima del rilascio del permesso. Il permesso deve essere rilasciato entro 75 giorni dalla richiesta. Questo termine può essere interrotto qualora vengano richieste delle integrazioni ai documenti presentati. Prima della consegna al protocollo, il Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica è disponibile al controllo preventivo della pratica al fine di rendere più agevole e veloce l evasione della stessa. Rientrano in questa casistica anche l edificazioni nelle aree destinate all agricoltura in quanto la Legge Regionale n. 12/2005, non consente l utilizzo della D.I.A. (Denuncia Inizio Attività) nelle aree agricole. Regolamento Edilizio, Testo Unico 380/01, L.R. 12/05 e successive modifiche ed integrazioni.

13 PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA DESTINATARI Cittadini privati e aziende private proprietari o aventi titolo che intendono sanare un abuso edilizio, in quanto hanno realizzato degli interventi in assenza o in difformità del Permesso di Costruire o Denuncia Inizio Attività. Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica. COSA FARE Per la richiesta di sanatoria per interventi eseguiti abusivamente, occorre presentare domanda su apposita modulistica, in bollo, completa di progetto ed elaborati tecnici come previsto dal Regolamento Edilizio. Per poter essere sanati, è indispensabile che gli interventi siano conformi alla normativa urbanistica ed edilizia; in caso contrario non potrà essere rilasciato il permesso di costruire in sanatoria e l opera realizzata abusivamente dovrà essere demolita. Il permesso viene rilasciato (o negato) entro 75 giorni dalla richiesta. Questo termine può essere interrotto qualora vengano richieste delle integrazioni ai documenti presentati. Il rilascio del Permesso di Costruire in sanatoria è subordinato al pagamento, a titolo di oblazione, del contributo di costruzione nelle misure previste dalla normativa vigente. Regolamento Edilizio, D.P.R. n. 380/2001, L.R. 12/2005 e successive modifiche ed integrazioni.

14 PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (PGT) - INFORMAZIONI DESTINATARI Cittadini interessati all evolvere urbanistico del territorio o della situazione urbanistica del proprio immobile, che vogliono avere informazioni tecniche su documenti relativi al Piano di Governo del Territorio. Occorre rivolgersi al Servizio Urbanistica. COSA FARE Occorre presentarsi personalmente in ufficio negli orari di apertura o previo appuntamento. Le informazioni richieste vengono fornite immediatamente se sono informazioni di tipo urbanistico generale, entro 15 giorni se si richiede copia di atti vari. La visione del PGT è gratuita; la richiesta di copie è onerosa. L importo può variare a seconda del tipo di documento richiesto. L.R. n. 12/2005

15 PIANI ATTUATIVI DEL PIANO REGOLATORE GENERALE O DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO - APPROVAZIONE DESTINATARI Quando e perchè Cittadini privati e aziende private che siano proprietari di aree che il vigente Piano di Governo del Territorio indica come edificabili, subordinandole però all approvazione, da parte del Comune, di un piano attuativo. Occorre rivolgersi al Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica. Occorre presentare domanda in bollo, allegando gli elaborati tecnici previsti dalla Delibera di Giunta Regionale n.6/30267 del 25/7/97. I Piani Attuativi vengono adottati dagli Organi Comunali competenti, quindi depositati presso il Servizio Segreteria e pubblicati all Albo Pretorio on line per la visione e presentazione di osservazioni da parte di chiunque fosse interessato. I Piani vengono quindi approvati definitivamente dall organo Comunale che li ha adottati. Gli elaborati del progetto di Piano Attuativo devono essere redatti da un tecnico abilitato iscritto all albo professionale. I piani attuativi sono adottati dalla Giunta comunale entro novanta giorni dalla presentazione al Comune. La deliberazione di adozione è depositata per quindici giorni consecutivi nella segreteria comunale e il relativo avviso di deposito viene pubblicato all Albo Pretorio on line. Durante il periodo di pubblicazione, chiunque ha facoltà di prendere visione degli atti depositati e, entro quindici giorni decorrenti dalla scadenza del termine per il deposito, può presentare osservazioni. Entro trenta giorni dalla scadenza del termine di presentazione delle osservazioni, la Giunta comunale approva il piano attuativo decidendo nel contempo sulle osservazioni presentate. Piano di Governo del Territorio (PGT), L.R. 12/2005.

16 RIFACIMENTO DEL COLORE DI FACCIATA DI UN EDIFICIO DESTINATARI Quando e perché Cittadini privati e aziende private proprietari o aventi titolo che sono interessati a modificare il colore della facciata di un edificio. Occorre rivolgersi al Servizio Edilizia Privata. Nel caso in cui venga modificato il colore o si intervenga su tutta la facciata, è necessario presentare una Comunicazione Inizio Attività (si veda la modulistica disponibile presso l Ufficio Tecnico o scaricabile dal sito Internet). Inoltre, nel caso di interventi su particolari edifici individuati dal Piano del Colore, è necessario concordare il colore con l ufficio tecnico comunale. Qualora invece trattasi di intervento di manutenzione ordinaria, quindi di ripristino/pulitura della facciata, non risulta necessario alcun titolo abilitativi. Piano del Colore approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 26/2001, L.R. 12/2005, L. 73/2010

17 RINUNCIA VOLONTARIA A PRATICHE EDILIZIE DESTINATARI Quando e perchè Cittadini privati e aziende private che dopo aver presentato una pratica edilizia (Denuncia Inizio Attività o a un Permesso di Costruire) intendono rinunciare volontariamente a intraprendere la relativa attività. Occorre rivolgersi al Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica. Occorre presentare una comunicazione scritta di rinuncia volontaria alla Denuncia Inizio Attività o al Permesso di Costruire che deve essere presentata nei termini di validità dell atto originario. Quando la comunicazione viene fatta prima dell inizio lavori, se il titolo al quale si è rinunciato è oneroso e sono stati versati gli oneri di urbanizzazione, è possibile chiedere il rimborso delle somme versate.

18 VOLTURA DI PRATICHE EDILIZIE DESTINATARI Quando e perchè Cittadini privati e aziende private proprietari o aventi titolo che intendono volturare, ossia cambiare il nome dell intestatario, di una pratica edilizia (Denuncia Inizio Attività o di un Permesso di Costruire). Occorre rivolgersi al Servizio edilizia privata ed urbanistica. La voltura di una Denuncia Inizio Attività o di un Permesso di Costruire deve essere richiesta nel periodo di validità della pratica edilizia. Il richiedente (che può essere il venditore o l acquirente dell immobile a cui si riferisce la pratica edilizia) ) deve presentare apposita domanda in bollo allegando copia dell atto notarile di vendita o donazione. Trenta giorni. La richiesta deve essere firmata dal dante causa e dall avente causa (cioè dal venditore e dall acquirente). Sulla stessa inoltre deve essere apposta una marca da bollo e devono essere versati i relativi diritti di segreteria per la voltura.

19 S.C.I.A. (SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ) DESTINATARI Quando e perchè Cittadini e aziende private proprietari o aventi titolo che intendono realizzare un intervento edilizio su un immobile esistente o su un terreno edificabile che non è riconducibile alla manutenzione ordinaria (per quest ultima, infatti, non è richiesto alcun assenso da parte del comune). Occorre rivolgersi al Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica. Va presentata una denuncia da parte del proprietario (o avente titolo) di avvio dell attività edilizia e presentato un progetto comprensivo di asseverazione da parte del professionista (ingegnere, architetto, geometra, etc.) abilitato, nonché l indicazione dei dati relativi all imprese esecutrice dei lavori. La denuncia va presentata in carta libera su apposita modulistica disponibile presso lo sportello dell Ufficio Tecnico nonché sul sito internet del Comune, allegando gli elaborati tecnici previsti dal Regolamento Edilizio. La pratica deve essere debitamente firmata, per l assunzione di responsabilità, oltre che dal/i proprietario/i, dal tecnico progettista, dal direttore dei lavori e dall impresa esecutrice delle opere. I lavori possono iniziare dalla data di presentazione della domanda. Qualora il Comune, nel termine di 60 giorni, ravvisasse la non conformità dell intervento alla normativa, provvederà ad adottare motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell attività e/o rimozione degli eventuali effetti dannosi verificatisi. La denuncia deve essere corredata dal versamento dei diritti di segreteria (quantificati in relazione all intervento) e dal versamento del contributo di costruzione ove dovuti. Prima della consegna della pratica al protocollo, il Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica è disponibile al controllo preventivo della pratica. D.P.R. n. 380/2001, L.R. 12/05, Regolamento Edilizio, L. 73/2010; L. 122/2010.

20 C.I.A. (COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITÀ) DESTINATARI Quando e perchè Cittadini e aziende private proprietari o aventi titolo che intendono realizzare un intervento edilizio su un immobile esistente o su un terreno edificabile che non è riconducibile alla manutenzione ordinaria (per quest ultima, infatti, non è richiesto alcun assenso da parte del comune). In particolare, tale comunicazione deve essere presentata nei seguenti casi: a) manutenzioni straordinarie che non riguardino le parti strutturali dell edificio e non comportino aumento del numero delle unità immobiliari ed incremento dei parametri urbanistici; b) opere temporanee; c) pavimentazioni e finiture spazi esterni; d) pannelli solari, fotovoltaici e termici; e) aree ludiche senza fini di lucro ed elementi di arredo aree sportive. Occorre rivolgersi al Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica. Va presentata una comunicazione di inizio lavori da parte del proprietario (o avente titolo), a cui andranno allegate le autorizzazioni obbligatorie, e presentato un progetto comprensivo di relazione asseverata da parte del professionista (ingegnere, architetto, geometra, etc.) abilitato, nonché l indicazione dei dati relativi all imprese esecutrice dei lavori. La comunicazione va presentata in carta libera su apposita modulistica disponibile presso lo sportello dell Ufficio Tecnico nonché sul sito internet del Comune. La pratica deve essere debitamente firmata, per l assunzione di responsabilità, oltre che dal/i proprietario/i, dal tecnico progettista, dal direttore dei lavori e dall impresa esecutrice delle opere. I lavori possono iniziare dalla data di presentazione della comunicazione. Qualora il Comune ravvisasse la non conformità dell intervento alla normativa, provvederà ad adottare motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell attività e/o rimozione degli eventuali effetti dannosi verificatisi. La denuncia deve essere corredata dal versamento dei diritti di segreteria. Prima della consegna della pratica al protocollo, il Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica è disponibile al controllo preventivo della pratica. D.P.R. n. 380/2001, L.R. 12/05, Regolamento Edilizio, L. 73/2010.

21 ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA E un attestato che attribuisce all immobile una classe energetica in base al consumo di energia per riscaldarlo/raffrescarlo. DESTINATARI Quando e perchè Cittadini e aziende private proprietari o aventi titolo che necessitano: - della detrazione fiscale del 55% per interventi di riqualificazione energetiche; - di rogitare un immobile per affitto o vendita; - di interventi edilizi di nuova costruzione, demolizione o ristrutturazione per superfici disperdente energia maggiore del 25%. Occorre rivolgersi al Servizio Edilizia Privata ed Urbanistica. Occorre presentare il modulo rilasciato dal CENED all Ufficio Protocollo perché venga vistato dal Comune. Tale modulo deve essere sottoscritto e rilasciato da un professionista abilitato. Il modello viene vistato e restituito immediatamente. L attestato ha una validità di 10 anni dalla data di rilascio e va aggiornato ad ogni intervento che modifica la prestazione energetica dell edificio. Piano del Governo del Territorio (PGT), L.R. 12/05, Regolamento Regionale 7/2010, L.R., D.G.R. e decreti vari succ. al 2003.

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma)

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma) ATTIVITA PROFESSIONALE PREZZI (*esclusi: IVA e CNPAIA 4%, diritti di segreteria P.A.- COMPUTO-METRICI, CAPITOLATI, CONTRATTI, DIREZIONE LAVORI, N.O. VINCOLI, PROGETTO STRUTTURALE, RELAZIONE GEOLOGICA,

Dettagli

Settore Gestione del Territorio. Permesso di costruire. Permesso di costruire per variante edilizia. Fattore della qualità

Settore Gestione del Territorio. Permesso di costruire. Permesso di costruire per variante edilizia. Fattore della qualità Settore Gestione del Territorio Fattore della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato.

Dettagli

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU)

COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) COMUNE DI MONDAVIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P. zza Matteotti 2-61040 Mondavio (PU) protocollo BOLLO PRATICA N PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice

Dettagli

DOMANDA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA Ai sensi art. 24 e 25 del D.P.R. 380/2001

DOMANDA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA Ai sensi art. 24 e 25 del D.P.R. 380/2001 Settore Governo del Territorio Marca da Bollo Euro 16,00 Mod Agib_01 / 09.2014 DOMANDA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA Ai sensi art. 24 e 25 del D.P.R. 380/2001 (Da presentare entro 15 giorni dalla comunicazione

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA'

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Aggiornamento 2014 PRATICA EDILIZIA N. / ORIGINALE/COPIA Al Comune di Opera (Provincia di Milano) PROTOCOLLO GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE DEL TERRITORIO, via Dante Alighieri, 12 20090 Opera

Dettagli

PAS PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (D.Lgs n. 28 del 03.03.2011)

PAS PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (D.Lgs n. 28 del 03.03.2011) Modello PAS PG PR Data di arrivo/deposito Allo Sportello Unico per l Edilizia Ufficio Ricezione Piazza Municipale, 21 PAS PROCEDURA ABILITATIVA SEMPLIFICATA (D.Lgs n. 28 del 03.03.2011) Il/La sottoscritto/a

Dettagli

DOMANDA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Ai sensi del T. U. in materia edilizia - artt. 24-25 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 e s.m.i.

DOMANDA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Ai sensi del T. U. in materia edilizia - artt. 24-25 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 e s.m.i. AL COMUNE DI RIVALTA di TORINO Settore Politiche del Territorio Servizio Edilizia Privata Protocollo generale Marca da Bollo. 14,62 Via Balma n. 5 10040 Rivalta (TO) Spazio riservato al servizio protocollo

Dettagli

MODELLO UNICO per gli interventi di: manutenzione ordinaria e straordinaria

MODELLO UNICO per gli interventi di: manutenzione ordinaria e straordinaria Comune di CIVITAVECCHIA (Provincia di Roma) MODELLO UNICO per gli interventi di: manutenzione ordinaria e straordinaria SPAZIO PER PROTOCOLLO Al COMUNE di CIVITAVECCHIA Servizio 9 - Governo del Territorio

Dettagli

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena PROTOCOLLO Settore Tecnico Urbanistica Servizio Edilizia Privata SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Dati della denuncia di inizio attività/permesso di costruire: (Legge

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma 2 del D.P.R. n.380/2001 così come modificato dalla Legge n.

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma 2 del D.P.R. n.380/2001 così come modificato dalla Legge n. Comune di Oliva Gessi Provincia di Pavia Spazio riservato per il protocollo Servizio Territorio ed Ambiente Ufficio Edilizia Privata COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma

Dettagli

Comune di Fabriano Sportello Unico per l Edilizia

Comune di Fabriano Sportello Unico per l Edilizia Perm. n. Prat. n. Anno del bollo All Ufficio dello Sportello Unico per l'edilizia Del Comune di PROCEDIMENTO DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINALIZZATO ALL INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RIMOZIONE E SMALTIMENTO DELL AMIANTO DA FABBRICATI ED EDIFICI CIVILI, PRODUTTIVI, COMMERCIALI/TERZIARI,

Dettagli

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA Sede S. Piero in Bagno Piazza Martiri 25 luglio 1944 n. 1 Provincia Forlì-Cesena Tel. 0543 900411 Fax 0543 903032 e-mail: settoreurbanistica@comune.bagnodiromagna.fc.it SCHEDA

Dettagli

Presentazione della domanda

Presentazione della domanda Aggiornato ad Aprile 2015 Guida alla compilazione delle comunicazioni per la messa in esercizio degli ascensori, degli apparecchi di sollevamento e dei montacarichi Presentazione della domanda La presente

Dettagli

Denuncia di Inizio Attività

Denuncia di Inizio Attività Spazio riservato all ufficio protocollo diritti segreteria (1) Ai sensi dell art.42 c. 10 della LR12/2005 in assenza dell ordine di non effettuare l intervento si attesta l avvenuta chiusura del procedimento

Dettagli

DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/2001 n. 380)

DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/2001 n. 380) Bollo COMUNE DI PADOVA Settore Edilizia Privata Via Frà Paolo Sarpi, 2 - Padova Tel. 0498204707 - Fax 0498204645 DOMANDA DI AGIBILITÀ (Art. 24 e 25 D.P.R.6/6/200 n. 380) Domanda n / RICHIEDENTE Il sottoscritto

Dettagli

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi Informativa per la clientela studio Aral Ai gentili Clienti OGGETTO: Decreto sblocca Italia: stop alla DIA Gentile Cliente, con il Decreto Legge Sblocca Italia gli interventi di ristrutturazione in casa

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Timbro protocollo Bollo Comune di Crespellano Provincia di Bologna Al Responsabile dello Sportello Unico per l Edilizia DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Ai sensi della

Dettagli

PER PROCEDERE ALLA TRASCRIZIONE TACITA DELL EREDITA occorre esibire:

PER PROCEDERE ALLA TRASCRIZIONE TACITA DELL EREDITA occorre esibire: I DOCUMENTI NECESSARI PER IL TRASFERIMENTO DEGLI IMMOBILI A) FABBRICATI Il venditore deve, una volta perfezionato l accordo col futuro acquirente, consegnare allo stesso tutti i documenti attestanti i

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001)

ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001) Comune di Jesi Area Servizi Tecnici Ufficio Controllo del Territorio ATTESTAZIONE DI AGIBILITÀ PER EDILIZIA ABITATIVA (ai sensi dell art. 25 comma 5 bis D.P.R. 380/2001) Spazio riservato all'ufficio Pratica

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al Fondo aziendale

Dettagli

Il/La sottoscritto/a C.F. ( ) residente a in Via/P.zza n.. Tel/Cel

Il/La sottoscritto/a C.F. ( ) residente a in Via/P.zza n.. Tel/Cel Spazio riservato all ufficio protocollo Bollo 14,62 Spett.le COMUNE DI CADREZZATE Via Vittorio Veneto, n. 29 21020 CADREZZATE (VA) Alla c.a. del Responsabile Area Tecnica OGGETTO: Richiesta di Certificato

Dettagli

Comune di Montebello Jonico Provincia di Reggio Calabria Area Tecnica Sportello Unico edilizia

Comune di Montebello Jonico Provincia di Reggio Calabria Area Tecnica Sportello Unico edilizia Comune di Montebello Jonico Provincia di Reggio Calabria Area Tecnica Sportello Unico edilizia Segnalazione Certificata di Inizio Attività -S.C.I.A.- ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. n. 380/01 e

Dettagli

MODELLO UNICO DI COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ASSEVERATA

MODELLO UNICO DI COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ASSEVERATA MODELLO UNICO DI COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ASSEVERATA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. INTRODUZIONE 1. LA NOVITÀ DEL MODELLO UNIFICATO 2. QUALI LAVORI POSSO REALIZZARE

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

SEGNALA di dare inizio

SEGNALA di dare inizio Protocollo generale n. AL SIG. SINDACO del Comune di CARONNO PERTUSELLA P.zza A. Moro, 1 21042 CARONNO PERTUSELLA (VA) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ ai sensi dell art. 19 legge n. 241/1990

Dettagli

Richiesta di Certificato di Agibilità - art. 25, D.P.R. n 380/01 e s.m.i. per opere di:

Richiesta di Certificato di Agibilità - art. 25, D.P.R. n 380/01 e s.m.i. per opere di: Piverone, li Marca da Bollo 14,62 Ill.mo Signor Sindaco del Comune di PIVERONE C.a. Ufficio Tecnico Piazza G. Marconi n 1 10010 Piverone (TO) Oggetto: Richiesta di Certificato di Agibilità - art. 25, D.P.R.

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa all offerta pubblica di adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita

Dettagli

AL COMUNE DI MOTTOLA PROVINCIA DI TARANTO Settore Urbanistica

AL COMUNE DI MOTTOLA PROVINCIA DI TARANTO Settore Urbanistica Protocollo RICHIESTA CERTIFICATO AGIBILITA n del (Riservato all Ufficio) AL COMUNE DI MOTTOLA PROVINCIA DI TARANTO Settore Urbanistica MARCA DA BOLLO 14,62 RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITÀ ai sensi dell

Dettagli

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data L addetto alla ricezione N.B: Il presente documento è privo di validità in assenza di vidimazione da parte del SUAP. La vidimazione

Dettagli

COMUNE DI CARGEGHE Provincia di Sassari

COMUNE DI CARGEGHE Provincia di Sassari COMUNE DI CARGEGHE Provincia di Sassari VIA BRIGATA SASSARI N^ 1-07030 CARGEGHE Tel. 079 3440112 Fax 079 345001 UFFICIO TECNICO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI IDONEITA DELL ALLOGGIO (Allegato

Dettagli

contestualmente alla data di presentazione all ufficio protocollo comunale della presente S.C.I.A.,

contestualmente alla data di presentazione all ufficio protocollo comunale della presente S.C.I.A., Bollo 16,00 Allo Sportello Unico Dell Edilizia del Comune di Sgurgola Via Roma 8 03010 SGURGOLA (FR) Segnalazione Certificata di Inizio Attività -S.C.I.A.- ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. n. 380/01

Dettagli

Pratica Edilizia n. - parere CEC in data dec.n.. relativamente a (B. / ) - parere CCP in data dec.n.. relativamente a.

Pratica Edilizia n. - parere CEC in data dec.n.. relativamente a (B. / ) - parere CCP in data dec.n.. relativamente a. Pratica Edilizia n 1 Al Responsabile del Settore III Programmazione del Territorio del Comune Spazio riservato al protocollo Sportello Unico per le Attività Produttive (domanda unica SUAP) - P.A.S. Procedura

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (ex regime concessorio) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale 12/05 Il/ La sottoscritto/a Cod. fiscale/partita IVA residente /con sede in via n. CAP tel. in qualità proprietario

Dettagli

OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità.

OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità. Marca da bollo 16,00 All Ufficio Tecnico per l edilizia del Comune di 22032 ALBESE CON CASSANO OGGETTO: Richiesta di certificato di agibilità. Il/la sottoscritto/a nato a il codice fiscale/partita iva,

Dettagli

Regolamento di disciplina delle anticipazioni

Regolamento di disciplina delle anticipazioni PreviGen - Cassa di previdenza per i Dipendenti delle aziende convenzionate - Fondo Pensione Regolamento di disciplina delle anticipazioni Ai sensi dell Art. 11 comma 7 del D. Lgs. 252, 5 dicembre 2005

Dettagli

COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo

COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo RICHIESTA DI AGIBILITA (Ai sensi del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380) Il sottoscritto.., nato a..., il... Codice fiscale, tel......, residente in..., località...,

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O Prot. n. 47660/AEP del 15/09/06 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE L ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO PER LA TRASFORMAZIONE A GAS NATURALE DEGLI IMPIANTI PER RISCALDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) AREA TECNICA Servizio Urbanistico

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) AREA TECNICA Servizio Urbanistico COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) AREA TECNICA Servizio Urbanistico Segnalazione Certificata di Inizio Attività -S.C.I.A.- ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. n. 380/01 e s.m.i. come modificati

Dettagli

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap.

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap. Comune di Novara RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 Legge 241/1990 come modificato e integrato dall art. 49 della Legge 122/2010)

Dettagli

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente.

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. PREMESSO Che con D.C.C. n. 106 del 21.12.1993 modificata con DCC n.17 del 1997 si approvava

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art.

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art. S.C.I.A. n. / (riservato al Comune) Timbro del Protocollo Generale AL COMUNE DI ROSTA UFFICIO TECNICO Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta Torino OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A.

Dettagli

COMUNE DI VO' PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI VO' PROVINCIA DI PADOVA Estremi di registrazione pratica edilizia Timbro Protocollo Certificato di Agibilità n. : (agg.03-15) / RISERVATO U.T.C. VISTO DI PRESENTAZIONE La presente domanda è composta di n allegati, risulta completa

Dettagli

PROCEDURE URBANISTICHE

PROCEDURE URBANISTICHE PROCEDURE URBANISTICHE La Legge 122/2010 ha modificato l Art 19 della Legge 241/1990 (Nuove norme sul procedimento amministrativo) e sostituito la Denuncia Inizio Attività (DIA) con la Segnalazione Certificata

Dettagli

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI Deve essere presentata comunicazione relativa all abbattimento degli alberi. Solo nel caso in cui le piante interessate

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 ( Da presentarsi DOPO l ottenimento degli eventuali altri atti previsti dalle normative

Dettagli

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Modello CA (01/02/2013) Allo Sportello Unico per l Edilizia Pagina 1 di 6 COMUNE DI SAN GIOVANNI ROTONDO SETTORE TECNICO URBANISTICO - AMBIENTE - PATRIMONIO Cod. Fisc. 83001510714 P. IVA: 00464280718 Il

Dettagli

Il /la sottoscritto/a, n.c.f. nato/a a Prov. il residente in Prov. C.A.P. in Via/P.zza n tel. avente titolo in qualità di proprietario /

Il /la sottoscritto/a, n.c.f. nato/a a Prov. il residente in Prov. C.A.P. in Via/P.zza n tel. avente titolo in qualità di proprietario / SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PRATICA N Del COMUNE DI SGURGOLA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Denuncia di Inizio Attività Ai sensi degli articoli 22 e 23 del D.P.R. 06 Giugno 2001 n 380 Come modificato

Dettagli

ALLACCIAMENTI ALLA RETE GAS

ALLACCIAMENTI ALLA RETE GAS Edison DG Spa Società a socio unico Sede Legale - Via Pelosa, 20 35030 Selvazzano Dentro PD Tel. +39 049 8739444 ALLACCIAMENTI ALLA RETE GAS Richiedere l allaccio è semplice È sufficiente presentare la

Dettagli

Comune di MONTOPOLI IN VAL D'ARNO. (Provincia di Pisa) Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopol i in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.

Comune di MONTOPOLI IN VAL D'ARNO. (Provincia di Pisa) Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopol i in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98. Comune di MONTOPOLI IN VAL D'ARNO (Provincia di Pisa) Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopol i in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.49) Visto Sett.III Settore 3- Servizi Tecnici Edilizia Privata

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine

Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine Riservato al protocollo Al Responsabile dello Sportello Unico dell Edilizia del Comune di Alfonsine ALLEGATA ALLA : SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (art. 20 e 21 L.R. 31/2002) RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA

Dettagli

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Modello CA (01/02/2013) Allo Sportello Unico per l Edilizia Pagina 1 di 5 C O M U N E D I C A N D E L A (Provincia di Foggia) SETTORE TECNICO - URBANISTICO AMBIENTE - PATRIMONIO Protocollo Cod. Fisc. 80035910712

Dettagli

COMUNE DI LORIA Provincia di Treviso

COMUNE DI LORIA Provincia di Treviso Timbro protocollo Marca da bollo COMUNE DI LORIA Provincia di Treviso al Signor SINDACO del Comune di LORIA (TV) ATTESTAZIONE DI AGIBILITA DELL IMMOBILE, con asseverazione di conformità delle opere al

Dettagli

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali CONVEGNO La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali Ferrara, 20 21 aprile 2012012 a, 20 21 aprile 2012 Beni culturali e normativa urbanistica Giovanni Rizzi Notaio in Vicenza 2 Disciplina

Dettagli

LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO : Via n. int. ;

LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO : Via n. int. ; Al Responsabile dell Ufficio Tecnico Settore Urbanistico Del Comune di MORCONE Bollo 14,62 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE PER : Il/La sottoscritto/a Nato/a a Codice fiscale/partita Iva /con sede in Via

Dettagli

21. COMUNICAZIONE DI ESEGUITA Attività...5 22. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA, IN CASO DI DIA O PDC IN ZONA VINCOLO/ AMBIENTALE/

21. COMUNICAZIONE DI ESEGUITA Attività...5 22. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA, IN CASO DI DIA O PDC IN ZONA VINCOLO/ AMBIENTALE/ Indice percorsi 1. PERMESSO DI COSTRUIRE...1 2. PERMESSO DI COSTRUIRE CON VINCOLO IDROGEOLOGICO...1 3. RICHIESTA DI RINNOVO DEL PERMESSO DI COSTRUIRE...1 4. Denuncia Inizio Attività Edilizia DIA...1 5.

Dettagli

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano COMUNE DI ARESE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AI PRIVATI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN ETERNIT DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI REGOLAMENTO

Dettagli

Concessione Edilizia n. del / / ; Permesso di Costruire n. del / / ;

Concessione Edilizia n. del / / ; Permesso di Costruire n. del / / ; Modello di domanda volta ad ottenere il certificato di agibilità pag. 1 Vers. 1/2006 Marca da Bollo 14,62 Spazio per Ufficio Protocollo AL SINDACO DEL COMUNE DI CASTELFIDARDO PROCEDIMENTO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI BREGNANO

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI BREGNANO ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI BREGNANO Marca da bollo 14,62 RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' AI SENSI DEGLI ARTT. 24 e 25 DEL D.P.R. 06 giugno 2001, n. 380 Il/la Sottoscritto/a Nato/a

Dettagli

Al Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 1 52044 CORTONA

Al Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 1 52044 CORTONA Prot. gen. del Comune Riservato al Servizio Prat. Edilizia: n. / Modalità di inoltro fax posta a mano via telematica Servizio Edilizia Privata (1) Sportello Unico Attività Produttive (2) Al Comune di CORTONA

Dettagli

ll sottoscritto Tel. SEGNALA di dare inizio alla realizzazione del seguente intervento:

ll sottoscritto Tel. SEGNALA di dare inizio alla realizzazione del seguente intervento: Mittente: Via Al Sig. Sindaco del Comune di Colfelice Viale della Repubblica 03030 COLFELICE (FR) Segnalazione Certificata di Inizio Attività -S.C.I.A.- ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. n. 380/01

Dettagli

COMUNE DI SOIANO DEL LAGO (Provincia di Brescia) SCIA N. Al Sindaco del Comune di SOIANO DEL LAGO SEGNALA

COMUNE DI SOIANO DEL LAGO (Provincia di Brescia) SCIA N. Al Sindaco del Comune di SOIANO DEL LAGO SEGNALA COMUNE DI SOIANO DEL LAGO (Provincia di Brescia) UFFICIO TECNICO SETTORE EDILIZIA PRIVATA Telefono 0365676114-Fax 0365675414 www.comune.soiano.com tecnico@soaino.com Spazio riservato al protocollo SCIA

Dettagli

Proprietario cognome nome residente a via n. codice fiscale tel. fax email certificata

Proprietario cognome nome residente a via n. codice fiscale tel. fax email certificata COMUNE DI USMATE VELATE PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA Corso Italia n. 22-20040 USMATE VELATE P.I. 00714670965 - C.F. 01482570155 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi

Dettagli

COMUNE DI FORESTO SPARSO UFFICIO TECNICO

COMUNE DI FORESTO SPARSO UFFICIO TECNICO COMUNE DI FORESTO SPARSO UFFICIO TECNICO Documentazione necessaria all ottenimento del permesso di costruire (art. 10 e art. 22 comma 7 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 modificato ed integrato dal D.Lgs 27.12.2002

Dettagli

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' AI SENSI DEGLI ARTT. 24 e 25 DEL D.P.R. 06 giugno 2001, n. 380

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' AI SENSI DEGLI ARTT. 24 e 25 DEL D.P.R. 06 giugno 2001, n. 380 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI Marca da Bollo. 16,00 RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' AI SENSI DEGLI ARTT. 24 e 25 DEL D.P.R. 06 giugno 2001, n. 380 Il/La Sottoscritto/a Nato/a a

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14)

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14) VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sulle anticipazioni (ed. 01/14) Pagina 2 di 6 - Documento sulle anticipazioni Edizione 01.2014 Valore Pensione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AGIBILITA DI EDIFICI DESTINATI AD ATTIVITA ECONOMICHE

DICHIARAZIONE DI AGIBILITA DI EDIFICI DESTINATI AD ATTIVITA ECONOMICHE MODULISTICA UNIFICATA REGIONE LOMBARDIA (ai sensi dell art. 5 della l.r. 1/2007) Al Comune di Merlino Settore Tecnico Sede DICHIARAZIONE DI AGIBILITA DI EDIFICI DESTINATI AD ATTIVITA ECONOMICHE Il/La sottoscritto/a

Dettagli

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i) SITO IN VIA/LOCALITA

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA (art. 24 e 25 del D.P.R. 380/01 e s.m.i) SITO IN VIA/LOCALITA . BOLLO COMUNE DI ROFRANO Settore Urbanistica RISERVATO ALL UFFICIO ARCHIVIAZIONE DEL PROCEDIMENTO RISERVATO AL PROTOCOLLO PRATICA EDILIZIA N DEL / / RISERVATO ALL UFFICIO ACCETTAZIONE VERIFICA ELABORATI

Dettagli

D.I.A. (Denuncia Inizio di Attività edilizia) Elenco documenti da allegare alla richiesta:

D.I.A. (Denuncia Inizio di Attività edilizia) Elenco documenti da allegare alla richiesta: D.I.A. (Denuncia Inizio di Attività edilizia) 1. Relazione asseverata; 2. Elaborati progettuali; 3. Copia Atto Notarile di proprietà della area o del titolo che legittimi i richiedenti ad effettuare i

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA MODELLO A ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Comune di L Aquila Settore Edilizia ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6, comma 1 e 2, lettere a-b-c-d-e DPR 380/2001 così come modificato dalla Legge 73/10 Visto Arrivare

Dettagli

ATTENZIONE. Allo Sportello Unico per l Immigrazione competente

ATTENZIONE. Allo Sportello Unico per l Immigrazione competente Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro autonomo e di certificazione attestante il possesso di requisiti per lavoro autonomo ai sensi dell'art. 39, comma 9, del DPR. n. 39499 e successive

Dettagli

COMUNE DI VILLAFRANCA DI VERONA COMUNICAZIONE PER ATTIVITA DI EDILIZIA LIBERA (C.I.L.)

COMUNE DI VILLAFRANCA DI VERONA COMUNICAZIONE PER ATTIVITA DI EDILIZIA LIBERA (C.I.L.) COMUNE DI VILLAFRANCA DI VERONA SUE Sportello Unico Edilizia Privata Vicolo S. Sebastiano 5 Web site: www.comune.villafranca.vr.it Tel 045 6339391/111 fax 045 6339142 e-mail: protocollo.comune.villafranca.vr@pecveneto.it

Dettagli

INTERNET POINT SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA)

INTERNET POINT SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INTERNET POINT SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) Al Comune di ACIREALE 0 8 7 0 0 4 Ai sensi del D.Lgs. 59/2010 (art. 65), della L.R. 28/1999 e della L.R. 5/2011 (art. 6) IL SOTTOSCRITTO

Dettagli

DOMANDA DI AGIBILITÀ

DOMANDA DI AGIBILITÀ Al Comune di Duino Aurisina Aurisina Cave 25 34011 Duino Aurisina (TS) Servizio Urbanistica Marca da bollo Il sottoscritto 1 DOMANDA DI AGIBILITÀ 1) Cognome Nome nato a data di nascita cod. fisc. nella

Dettagli

DI ANGUILLARA SABAZIA

DI ANGUILLARA SABAZIA 1 CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA PROVINCIA DI ROMA Area Urbanistica - Edilizia Privata - Patrimonio - Edilizia Residenziale Pubblica MODULO C.I.L.A. In duplice copia COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ASSEVERATA

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ Art. 145 Legge regionale n. 65 del 10 Novembre 2014. P. E. n /

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ Art. 145 Legge regionale n. 65 del 10 Novembre 2014. P. E. n / SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ Art. 145 Legge regionale n. 65 del 10 Novembre 2014 Al Dirigente del Servizio Edilizia e attività economiche del Comune di Prato Protocollo P. E. n / Servizio

Dettagli

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano COMUNE DI ARESE Provincia di Milano 2010 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AI PRIVATI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN ETERNIT DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

Dettagli

RICHIESTA DI AGIBILITA

RICHIESTA DI AGIBILITA Protocollo Generale marca da bollo 14,62 RICHIESTA DI AGIBILITA (ai sensi del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia ) Il Sottoscritto

Dettagli

COMUNE di MADONE. Provincia di Bergamo

COMUNE di MADONE. Provincia di Bergamo COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo Regolamento comunale n. 87 REGOLAMENTO PER LO STANZIAMENTO DI CONTRIBUTI VOLTI ALLA RIMOZIONE E ALLO SMALTIMENTO DI MATERIALI IN FIBROCEMENTO E CONTENENTI AMIANTO

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) PRATICA EDILIZIA N. ANNO NUOVA VARIANTE A DEL Comune di Vedano al Lambro ANNULLAMENTO / ARCHIVIAZIONE - RICHIESTA DEL PROT. DA PRESENTARSI DOPO L OTTENIMENTO DEGLI EVENTUALI ALTRI ATTI PREVISTI DALLE NORMATIVE

Dettagli

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA

LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA LA DISCIPLINA NAZIONALE DELL ATTIVITA EDILIZIA ATTIVITA EDILIZIA TOTALMENTE LIBERA Ossia gli interventi edilizi per i quali non è richiesto nessun titolo abitativo, né è prevista alcuna specifica comunicazione,

Dettagli

BANDO 2012 ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA MICRORACCOLTA DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO (RCA) EFFETTUATA DAL SINGOLO CITTADINO DEL COMUNE DI CAVAGNOLO

BANDO 2012 ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA MICRORACCOLTA DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO (RCA) EFFETTUATA DAL SINGOLO CITTADINO DEL COMUNE DI CAVAGNOLO BANDO 2012 ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA MICRORACCOLTA DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO (RCA) EFFETTUATA DAL SINGOLO CITTADINO DEL COMUNE DI CAVAGNOLO Il Comune di Cavagnolo intende incentivare con un contributo

Dettagli

MUTUO ACQUISTO. Immobile esistente o di nuova costruzione

MUTUO ACQUISTO. Immobile esistente o di nuova costruzione MUTUO ACQUISTO Immobile esistente o di nuova costruzione DOCUMENTI BASE da consegnare in filiale (in copia) DESCRIZIONE DOVE RECUPERARLI 1) ATTO DI PROVENIENZA o del terreno Tipicamente è costituito da

Dettagli

Richiesta di Agibilità e Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380

Richiesta di Agibilità e Dichiarazione di conformità ai sensi dell art.25, comma 1, lettera b del D.P.R. 6 giugno 2001, n.380 N. Prot. Bollo.16,00 Provincia dell Aquila Sportello Unico per l Edilizia ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL PROCEDIMENTO DI CERTIFICAZIONE DI AGIBILITÀ (art.25 D.P.R. n. 380/01) Il sottoscritto cod.

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI. Procedimenti relativi agli adempimenti di cui al D.P.R. n.162/1999 per gli impianti elevatori nel territorio comunale.

COMUNE DI CAGLIARI. Procedimenti relativi agli adempimenti di cui al D.P.R. n.162/1999 per gli impianti elevatori nel territorio comunale. COMUNE DI CAGLIARI SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Unità Operativa Semplice N.2 Procedimenti relativi agli adempimenti di cui al D.P.R. n.162/1999 per gli impianti elevatori nel territorio comunale. L'Ufficio

Dettagli

ALL ART. 3 LETTERA A)

ALL ART. 3 LETTERA A) BANDO ANNO 2015 DI AMMISSIONE AL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LO SMALTIMENTO DI MATERIALE E/O MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO PRESENTI NEL TERRITORIO COMUNALE. Art. 1 Finalità L Amministrazione Comunale

Dettagli

DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI DENUNCIA DI INIZIO DI ATTIVITÀ EDILIZIA

DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI DENUNCIA DI INIZIO DI ATTIVITÀ EDILIZIA DOCUMENTAZIONE ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI DENUNCIA DI INIZIO DI ATTIVITÀ EDILIZIA PRATICA EDILIZIA n.... anno... INTERVENTO......... UBICAZIONE: località... via..., n.... IDENTIFICAZIONE N.C.T. N.C.E.U.

Dettagli

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA AL FINE DELL ISTRUTTORIA DELLA PRATICA : SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INZIO ATTIVITA DOCUMENTAZIONE PER PROCEDURA ORDINARIA PRESENTAZIONE DEL MODELLO COMUNALE, COMPILATO IN TUTTE

Dettagli

PRESENTA/NO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA per

PRESENTA/NO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA per Protocollo Comune COMUNE DI REGGELLO (Provincia di Firenze) Pratica Ed. n. / Al Responsabile del Settore Urbanistica del Comune di Reggello Copia per Comune Copia per Denunciante sottoscritt 1) C.F. nat

Dettagli

Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO. Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.)

Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO. Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) Protocollo COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Art. 6, comma 2, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. 380 TITOLARE: TECNICO: IMPRESA:

Dettagli

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA Mod. AGIBILITA P R O V I N C I A D I V A R E S E Originale C o p i a S e r v i z i o E d i l i z i a P r i v a t a e U r b a n i s t i c a Pratica edilizia Protocollo generale Bollo da Euro 14,62 l sottoscritt

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA COMUNE DI PORDENONE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1) altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT- FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT-PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT- DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1

Dettagli

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA PROTOCOLLO GENERALE COMUNICAZIONE MANUTENZIONE STRAORDINARIA COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA N DEL Al COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA Sportello Unico per l edilizia COMUNICAZIONE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE

Dettagli

Istruzioni di compilazione

Istruzioni di compilazione Modulo Z : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro autonomo e di certificazione attestante il possesso di requisiti per lavoro autonomo ai sensi dell'art. 26 T.U. Immigrazione e art.

Dettagli

In collaborazione con. Modulistica per Certificato di Agibilità

In collaborazione con. Modulistica per Certificato di Agibilità In collaborazione con Modulistica per Certificato di Agibilità Bollo virtuale E. 14,62 RICHIESTA (da presentarsi unitamente al Modello M.CIFL, da fornire entro 15 giorni dalla data di ultimazione dei lavori)

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

CIL: COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA LIBERA ATTIVITA EDILIZIA LIBERA SOGGETTA A COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI (D.Lgs n. 28 del 03.03.

CIL: COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA LIBERA ATTIVITA EDILIZIA LIBERA SOGGETTA A COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI (D.Lgs n. 28 del 03.03. Il/La sottoscritto/a nato/a a il domiciliato/a in via n Codice Fiscale/p.iva tel. Allo Sportello Unico per l Edilizia COMUNE CARPENEDOLO CIL: COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA LIBERA ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

Dettagli