DOCUMENTO DELCONSIGLIO DI CLASSE 5^AP INDIRIZZO INFORMATICO AZIENDALE - MERCURIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DELCONSIGLIO DI CLASSE 5^AP INDIRIZZO INFORMATICO AZIENDALE - MERCURIO"

Transcript

1 DOCUMENTO DELCONSIGLIO DI CLASSE 5^AP INDIRIZZO INFORMATICO AZIENDALE - MERCURIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

2 ESAMI DI STATO - ANNO SCOL. 2013/2014 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 ^AP Nominativo Docenti Disciplina Firma Docenti Tiso Nereo Religione Gargano Maria Cristina Lingua Italiana Gargano Maria Cristina Storia Danielli Laura Inglese Barbieri Giuseppina Matematica Saracino Serafina Diritto Saracino Serafina Economia politica Scienza delle finanze Piccolo Paolo Attilio Economia Aziendale Zottis Anna Maria Informatica Piovan Paola Lab. Inf. Mat. Ec.Az. Muraro Alberto Educazione Fisica Padova,15 maggio 2014 Il Dirigente Scolastico dott. ssa Bettelle Cinzia Prot. 3409/B23

3 1. Presentazione del Corso e Indirizzo PROFILO PROFESSIONALE Corso Programmatori - Mercurio Il ragioniere specializzato in informatica, oltre a possedere una consistente cultura generale accompagnata da buone capacità linguistico - espressive e logico-interpretative, avrà conoscenze ampie e sistematiche dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo, contabile e informatico. In particolare egli dovrà essere in grado di intervenire nei processi di analisi, sviluppo e controllo di sistemi informativi automatizzati per adeguarli alle esigenze aziendali e contribuire a realizzare nuove procedure. Pertanto egli saprà cogliere gli aspetti organizzativi e procedurali delle varie funzioni aziendali anche per collaborare a renderli coerenti con gli obiettivi del sistema; operare all'interno del sistema informativo aziendale automatizzato per favorirne la gestione e svilupparne le modificazioni; utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali; redigere e interpretare i documenti aziendali interagendo con il sistema di archiviazione, collocare i fenomeni aziendali nella dinamica del sistema economico - giuridico a livello nazionale e internazionale. Egli dovrà, quindi, essere orientato a interpretare in modo sistemico strutture e dinamiche del contesto in cui opera, analizzare situazioni e rappresentarle con modelli funzionali ai problemi ed alla risorse tecnologiche disponibili, operare per obiettivi e per progetti, documentare adeguatamente il proprio lavoro, individuare strategie risolutive ricercando ed assumendo le opportune informazioni, valutare l'efficacia delle soluzioni adottate ed individuare gli interventi necessari comunicare efficacemente utilizzando appropriati linguaggi tecnici, partecipare al lavoro organizzato, individualmente o in gruppo, accettando ed esercitando il coordinamento, affrontare il cambiamento sapendo riconoscere le nuove istanze e ristrutturare le proprie conoscenze. L'acquisizione di tali capacità sarà facilitata dal coordinamento didattico realizzato dal Consiglio di Classe e deriverà dall'abitudine ad affrontare e risolvere problemi di tipo prevalentemente gestionale analizzati nelle loro strutture logiche fondamentali.

4 QUADRO ORARIO Materie di insegnamento Triennio ore settimanali cl. 3^ cl. 4^ cl. 5^ Religione Italiano Storia Lingua straniera (inglese) Matematica e informatica 4(1) 4(1) 5(1) Diritto Economia politica/scienza delle finanze Economia aziendale 6(2) 8(2) 7(2) Informatica 5(2) 4(2) 5(3) Educazione fisica Totale ore Presentazione della Classe CLASSE Provenienti da stessa sezione Provenienti da altre sezioni Iscritti Ripetent i Esterni Scrutinio finale Promossi Scrutini o differito Non promossi o ritirati Terza / Quarta 18 / / Quinta 15 / / / n. candidati 15

5 3. Composizione del Consiglio di Classe Materie Nominativo Docenti Classe 3^ Classe 4^ Classe 5^ Religione Tiso Nereo Tiso Nereo Tiso Nereo Lingua Italiana Gargano Maria Gargano Maria Cristina Cristina Gargano Maria Cristina Storia Gargano Maria Gargano Maria Cristina Cristina Gargano Maria Cristina Inglese Todisco Marina Danielli Laura Danielli Laura Matematica Barbieri Giuseppina Barbieri Giuseppina Barbieri Giuseppina Diritto Saracino Serafina Saracino Serafina Saracino Serafina Economia politica Scienza delle finanze Saracino Serafina Saracino Serafina Saracino Serafina Economia Aziendale Carpanese Paola Piccolo Attilio Piccolo Attilio Informatica Zottis Anna Maria Zottis Anna Maria Zottis Anna Maria Lab. Inf. Mat. Ec.Az. Piovan Paola, Barone Piovan Paola, Maria Giovanna Guarini Gabriella Piovan Paola Educazione Fisica Balsano Fabio Creuso Vincenzo Muraro Alberto 4. Situazione della classe all inizio dell anno scolastico Il livello iniziale della classe sotto l aspetto delle competenze e conoscenze appariva: Molto diversificato Descrizione situazione d ingresso (difficoltà manifestate, aspetti motivazionali, etc.) Diversificato Nel complesso omogeneo OMISSIS Omogeneo 5. Situazione della classe al termine dell anno scolastico Il livello finale della classe sotto l aspetto delle competenze e conoscenze appare: Molto diversificato Diversificato Nel complesso omogeneo Omogeneo Il livello rimane differenziato, con qualche miglioramento per alcuni studenti.

6 Notevole Buono Discreto Suffic. Insuff. Scarso Corretto Scorretto Regolare Irregolare 6. Giudizio finale sulla classe Elementi di valutazione Interesse Partecipazione Applicazione Capacità di lavorare autonomamente Capacità di lavorare assieme Comportamento 7. Obiettivi minimi da raggiungere Obiettivi di tipo comportamentale Puntualità nello svolgimento dei compiti assegnati Correttezza nei rapporti interpersonali Obiettivi di tipo formativo Capacità di lavorare autonomamente ed organizzare il proprio lavoro Capacità di lavorare in gruppo Obiettivi di tipo cognitivo Acquisizione di un linguaggio appropriato Capacità di analisi critica e di sistemazione logica delle conoscenze Capacità di risolvere semplici casi concreti Capacità di operare collegamenti interdisciplinari

7 7.1 Giudizio sugli obiettivi raggiunti Obiettivi di tipo comportamentale Puntualità nello svolgimento dei compiti assegnati: parzialmente raggiunta Correttezza nei rapporti interpersonali: raggiunta Obiettivi di tipo formativo Capacità di lavorare autonomamente ed organizzare il proprio lavoro: parzialmente acquisita Capacità di lavorare in gruppo: parzialmente acquisita Obiettivi di tipo cognitivo Acquisizione di un linguaggio appropriato: parzialmente raggiunta Capacità di analisi critica e di sistemazione logica delle conoscenze: parzialmente acquisita Capacità di risolvere semplici casi concreti: acquisita Capacità di operare collegamenti interdisciplinari: acquisita da alcuni studenti 8. Relazione finale sulla classe OMISSIS

8 9. Attività didattica pluridisciplinare svolta Titolo del modulo I conti correnti di corrispondenza (Economia aziendale, Informatica) Obiettivi generali Obiettivi specifici Obiettivi disciplinari Contenuti disciplinari Metodologie Tenuta del conto corrente Conoscere la teoria delle basi di dati Sviluppare la capacita di risolvere problemi, utilizzando le competenze informatiche acquisite Individuare ed applicare tecniche computistiche Progettare e realizzare un database con accesso in rete Conoscere il modello relazionale Conoscere il linguaggio SQL Conoscere gli strumenti Java necessari per accedere ad una base di dati Il Conto Corrente Il foglio elettronico Basi di dati, DBMS relazionale, linguaggio SQL, JDBC, JSP Lezione frontale Lavoro di gruppo Laboratorio Problem solving Saper utilizzare uno dei DBMS studiati (LibreOffice Base, PostgreSql)

9 9.2 - Titolo del modulo Il bilancio di esercizio (Economia aziendale, Inglese) Obiettivi generali Obiettivi specifici Obiettivi disciplinari Contenuti disciplinari Metodologie Acquisizione di un linguaggio specifico Conoscenze di: - funzioni del sistema informativo di bilancio - normativa civilistica sul bilancio d esercizio - criteri di valutazione dettati dal codice civile Capacità di collegare conoscenze acquisite in campo giuridico ed aziendale e conoscenze linguistiche Lettura, analisi ed interpretazione di bilanci Competenze: - redigere gli schemi contabili del bilancio d esercizio - collegare i dati contenuti nello Stato patrimoniale con quelli contenuti nel Conto economico - applicare i criteri di valutazione dettati dal codice civile Il bilancio d esercizio La funzione informativa del bilancio La normativa sul bilancio Le componenti del bilancio I criteri di valutazione Il controllo contabile Lezione frontale Problem solving Casi di studio Capacità: - confrontare i dati espressi nei bilanci di imprese diverse allo scopo di scoprire relazioni, analogie e differenze procedurali - individuare, attraverso la lettura del bilancio, le linee strategiche perseguite dall impresa

10 10. Terza prova assegnata nel corso dell anno scolastico Tipologia Discipline coinvolte Durata Data B. Quesiti a risposta Singola Prima simulazione: Diritto, Informatica, Inglese, Matematica Seconda simulazione: Informatica, Inglese, Matematica, Scienza delle finanze 3 ore 28 marzo 30 aprile 10.1 PRIMA SIMULAZIONE DIRITTO Tratti il candidato i seguenti argomenti dedicando a ciascuno quindici righe: 1. La sovranità dello Stato; 2. I poteri della Corte Costituzionale; 3. Le politiche comunitarie. INGLESE BANKING FOR THE POOR Prof. Muhammad Yunus & Grameen Bank Awarded The Nobel Peace Prize for 2006 The Norwegian Nobel Committee has decided to award the Nobel Peace Prize for 2006, divided into two equal parts, to Muhammad Yunus and Grameen Bank for their efforts to create economic and social development from below. Lasting peace cannot be achieved unless large population groups find ways in which to break out of poverty. Micro-credit is one such means. Development from below also serves to advance democracy and human rights. When they started giving out tiny loans under a system which later became known as the Grameen Bank, they never imagined that one day they would be reaching hundreds of thousands, let alone five million, borrowers. 1. What is Microcredit? 2. Who are the typical borrowers? 3. Why has microcredit been criticized? E - BANKING

11 Many banks offer their services on the Web. Once you have opened your account with an online banker, you have convenient control from your office of what happens to your money, twenty-four hours a day, seven days a week. You can pay your bills and have an instant check of your account balances so as to make sure that your finances are in order and you have enough funds to cover any scheduled payments. In addition you can transfer funds from your company account to another bank account. There are also many dangers with E-Banking. Discuss the pros and cons of traditional banking versus online banking including these points : safety risk precautions - time saving versus time consuming - personal banking and business banking. INFORMATICA Il candidato risponda ai seguenti quesiti. Date le seguenti tabelle: Volatili (codicevolatile, nome, specie) Aree(codiceArea, nome, provincia, regione, estensione) aree in cui è stato suddiviso il territorio per studiare gli avvistamenti di volatili Avvistati(data, ora,...) * data nel formato ggmmaa, ora nel formato hhmmss 1. completare la tabella Avvistati con gli attributi ritenuti necessari; 2. produrre in SQL l'elenco, in ordine alfabetico, dei volatili avvistati in una data provincia, fornito in input il suo nome; 3. produrre in SQL la provincia nella quale è stato avvistato il maggior numero di volatili. MATEMATICA 1. Descrivere la risoluzione di un problema di utilità di un consumatore con il vincolo del bilancio mediante il metodo dei moltiplicatori di Lagrange. 2. Spiegare cosa si intende per modello matematico di un problema di scelta. Qual è il modello matematico che rappresenta il seguente problema?

12 Per produrre una data merce un impresa sostiene una spesa fissa settimanale di 5 milioni più una spesa variabile espressa da 5x 2, essendo x il numero di quintali prodotti settimanalmente. La capacità produttiva dell impresa è limitata a 500 quintali la settimana. Calcolare il numero di quintali da produrre alla settimana perché sia minimo il costo unitario di produzione. 3. Una persona vuole impiegare la somma di euro e si trova di fronte a tre alternative: Dare in prestito la somma al tasso del 12% annuo convenendo che venga rimborsato in 10 anni con rate costanti posticipate; Dare in prestito la somma convenendo che venga rimborsata globalmente dopo 10 anni con pagamento annuo degli interessi al tasso annuo del 14% ; Dare in prestito la somma convenendo che venga rimborsata con il pagamento di 9 rate annue anticipate al tasso annuo del 10 %. Individuare la scelta più conveniente, applicando il criterio del valore attuale al tasso del 3% annuo.

13 10.2 SECONDA SIMULAZIONE INFORMATICA Il candidato risponda ai seguenti quesiti. Date le seguenti tabelle: Agenzie(CodiceAgenzia, NomeAgenzia,Via, Citta, Provincia, Telefono, NumeroDipendentiAgenzia, NomeSocietaAssicurativa) Agenti(CodiceAgente, Cognome, Nome) Clienti(CodiceCliente, CodiceFiscaleCliente, Cognome, Nome, Via, Citta, Provincia) Polizze(TipoPolizza, Descrizione, Premio) Propone(NumeroPolizza, DataScadenzaPolizza) tenendo presente che ogni agenzia opera con più clienti, che possono stipulare polizze diverse, ma sempre con lo stesso agente, che un agente dipende da una sola agenzia: 1. completare le tabelle con gli attributi ritenuti necessari, evidenziando chiavi primarie, esterne ed eventuali ulteriori vincoli; 2. produrre in SQL l elenco delle polizze stipulate, il cui premio è maggiore della media dei premi di tutte le polizze stipulate; 3. produrre in SQL i dati (tutti) dell agente con il minor numero di clienti. INGLESE Nike advertising is one of the most effective emotional branding examples in the marketing world today. Nike Advertising and Emotional Branding Nike brand strategy is to build a powerful brand so powerful that it inspires fervent customer loyalty from people literally all over the world. This is because Nike advertising uses the emotional branding technique of archetypes in its advertising more specifically, the story of the Hero. It s an age old tale, a tale of a hero pitted against a great foe, and after a great struggle, emerging triumphant. In a way, you could say that Nikes marketing strategy is thousands of years old, and has been inspiring customer loyalty the entire time. Building Customer Loyalty with Heroism Nike advertising isn t the only group that uses the Hero archetype to inspire customer loyalty. Many other companies use this emotional branding technique to great effect. In most cases, the foe is

14 external. The most common story of the hero is that of a man of humble origins setting out to defeat a great evil one far more powerful than he and, against all odds, emerging triumphant. This same pattern could apply to, say, a home security system against a house fire, or an antacid against heartburn. As long as there is a clearly identified enemy and a clearly identified hero, the emotional branding can begin. Nike Brand Strategy Nike advertising takes the common hero story and turns it on its head. Instead of inspiring customer loyalty by singling out an external enemy, it pulls out the stops and focuses on an internal foe our laziness. Nike advertising knows just how often we battle with our lazy side. Every morning when that alarm goes off and it s still totally dark outside, the battle begins. When we choose how long to run, the battle continues. This is how Nike marketing uses emotional marketing to inspire customer loyalty. They know that while some people may identify with an external foe, all people identify with an internal one. COMPREHENSION: What kind of emotional branding technique does Nike advertising use? Is Nike marketing the only group that uses this archetype? How does Nike brand strategy use the emotional marketing story of the Hero and the Villain? PRODUCTION: Describe the most important types of media used by the advertising industry. Explain briefly the main advantages and disadvantages of each type. (Write lines ) MATEMATICA 1. Illustrare il problema delle scorte, indicando le variabili da tenere in considerazione e descrivendo il modello risolutivo standard. 2. Un impresa produce un articolo che vende a 4 al pezzo.può servirsi di tre processi produttivi con costi: A: 2 al pezzo e una spesa fissa di 600; B: 0,75 al pezzo senza spese fisse; C: 1,5 al pezzo e una spesa fissa di 300; Determina: Quale processo è più conveniente secondo le quantità prodotte, essendo 1000 la massima capacità produttiva;

15 a) Quale processo è più conveniente se si conosce la seguente distribuzione di probabilità delle vendite e si applica il criterio del valor medio e inoltre si fissa un livello di rischio al 60% del valor medio. Numero pezzi Probabilità 0,05 0,1 0,12 0,2 0,25 0,1 0,08 0,05 0,03 0,02 SCIENZA DELLE FINANZE Tratti il candidato i seguenti argomenti,dedicando a ciascuno quindici righe: 1. La pressione tributaria; 2. Le detrazioni d imposta; 3. Le entrate dell Unione europea.

16 11. Obiettivi realizzati e contenuti delle varie discipline Anno sc. 2013/14 Corso Diurno Classe 5^AP Relazione finale del docente di: ITALIANO Prof.ssa: Maria Cristina Gargano TESTO ADOTTATO: Baldi, Giusso, Razetti Zaccaria, la letteratura, volumi 5, 6, 7 In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di: COMPETENZE Produrre testi orali e scritti in relazione ai diversi scopi comunicativi Contestualizzare e confrontare le opere letterarie esaminate cogliendone le principali peculiarità stilistiche CONOSCENZE ABILITA Conoscere la poetica e le opere di alcuni autori fondamentali della letteratura italiana ed europea nel periodo che va dalla fine dell Ottocento all epoca contemporanea Conoscere gli aspetti formali indispensabili alla produzione dell articolo, del saggio e dell analisi del testo letterario in prosa e in versi Comprendere testi d attualità ed utilizzarli correttamente come fonte di informazioni Saper argomentare una propria tesi Utilizzare le informazioni in proprio possesso per formulare giudizi critici Saper operare esaurienti analisi contenutistiche e formali delle opere esaminate in forma orale e scritta Saper esporre in modo coerente e corretto i contenuti appresi Saper elaborare in forma scritta testi adeguatamente ricchi di contenuto, coerenti e globalmente corretti, secondo le tipologie della prima prova dell esame di Stato affrontate durante l anno

17 PROGRAMMA SVOLTO Moduli didattici Decadentismo e simbolismo francese Il passaggio dal positivismo al decadentismo: quadro storico e storico culturale Problemi di definizione La visione del mondo decadente: i presupposti filosofici Le diverse anime del decadentismo europeo I temi decadenti Il simbolismo francese (il poeta veggente; la poesia iniziatica; il linguaggio poetico simbolista) Approfondimento sulla pittura impressionista e postimpressionista TESTI Charles Baudelaire: Corrispondenze, Spleen Paul Verlaine: Arte poetica Arthur Rimbaud: Vocali Stephane Mallarmè: Brezza marina Friedrich Nietzsche: L uomo folle da La gaia scienza 125 (materiale in fotocopia) Arthur Schopenhauer: Il mondo come volontà e rappresentazione (libro primo, I, brani) DOCUMENTI ICONOGRAFICI Impressioni, sole nascente e La Gare Saint Lazare di Claude Monet Il ristorante de la Sirènes ad Asnères di Vincent Van Gogh Il decadentismo in Italia: Giovanni Pascoli Aspetti salienti della biografia dell autore Visione del mondo decadente e poetica del fanciullino L ideologia pascoliana La poetica innovativa delle prime raccolte Myricae Canti di Castelvecchio TESTI da Myricae: X Agosto, I puffini dell Adriatico, Arano, Novembre, L Assiuolo, Temporale da Canti di Castelvecchio: Gelsomino notturno da Il fanciullino (brano antologizzato) da La grande Proletaria si è mossa (brano) Durata 8 ore 7 ore

18 Il romanzo decadente europeo L estetismo Le novità strutturali e stilistiche della narrativa decadente TESTI Joris Karl Huysmans: La realtà sostitutiva da A rebours Oscar Wilde: Un mostro di edonismo da Il ritratto di Dorian Gray Il decadentismo in Italia: Gabriele D Annunzio Aspetti salienti della biografia dell autore Estetismo e superomismo L ideologia del poeta vate I romanzi dannunziani La poetica dannunziana di Alcyone Il D Annunzio notturno TESTI da Il Piacere: libro I, cap.ii; libro III, cap.iii (brani) da Alcyone: La pioggia nel pineto, La sera fiesolana da Notturno: brani antologizzati Fabrizio Falconi, D'Annunzio e il cuore messo a nudo, in 3 ore 8 ore La poesia nell età delle avanguardie Il concetto di avanguardia ; caratteri dei movimenti di avanguardia Il futurismo Cenni sulle avanguardie in Europa La reazione al dannunzianesimo e al vitalismo futurista: la poesia crepuscolare Le riviste del primo Novecento (cenni) Cenni sulle avanguardie artistiche di inizio Novecento: il futurismo in pittura e scultura, surrealismo e dada, De Chirico e la pittura metafisica TESTI Filippo Tommaso Marinetti: Manifesto del Futurismo e Manifesto tecnico della letteratura futurista, brani Filippo Tommaso Marinetti, da Zang tumb tuum: Il bombardamento di Adrianopoli (brano letto dall autore, in Aldo Palazzeschi, E lasciatemi divertire! (lettura da 6 ore

19 Corrado Govoni, Le cose che fanno la domenica (brano) Guido Gozzano, Totò Merumeni DOCUMENTI ICONOGRAFICI Dinamismo della figura umana, Dinamismo di una partita di calcio, Rissa in Galleria, Stati d animo I: gli addii, Forme uniche della continuità nello spazio di Umberto Boccioni; Bambina che balla sul balcone, Forze di paesaggio con cocomero di Giacomo Balla; Ruota di bicicletta, Fontana di Marcel Duchamp; Piazza d Italia di Giorgio De Chirico L età delle avanguardie e il romanzo europeo di inizio Novecento Le inquietudini di inizio secolo, la definitiva crisi del pensiero positivista La psicanalisi di Sigmund Freud (cenni) La filosofia irrazionalista di Henri Bergson (cenni) La perdita di certezze e la rottura delle convenzioni del romanzo Sintesi delle principali novità del romanzo europeo La narrativa di James Joyce (breve UD pluridisciplinare con Inglese) TESTI Marcel Proust: Le intermittenze del cuore da Alla ricerca del tempo perduto, Dalla parte di Swann James Joyce, Il monologo di Molly Bloom da Ulisse Franz Kafka, La metamorfosi (brano) Italo Svevo Aspetti eccentrici della formazione di Svevo L incontro con la psicanalisi e il protagonista inetto I primi romanzi L opera della maturità: La coscienza di Zeno TESTI Da Una vita: brano antologizzato La coscienza di Zeno (lettura integrale e analisi di passi scelti dalla Prefazione, dai capitoli III e IV, dal capitolo conclusivo) Luigi Pirandello Aspetti salienti della biografia Relativismo e irrazionalismo nella visione del mondo 7 ore 4 ore 7 ore

20 pirandelliana L umorismo e i personaggi fuori di chiave Le novelle I romanzi La rivoluzione del teatro pirandelliano TESTI da L umorismo: brano da Novelle per un anno: Il treno ha fischiato da Il fu Mattia Pascal: lettura di brani dai capitoli V e XVIII Uno, nessuno e centomila (lettura integrale e analisi di passi scelti tratti dal libro I - capitoli I, VIII, IX e dal capitolo conclusivo) da Sei personaggi in cerca di autore: visione di un breve brano dallo spettacolo diretto da De Lullo con Romolo Valli ( Il contrasto tra forma e vita in Giuseppe Ungaretti e la cultura italiana tra le due guerre Elementi significativi dell esperienza biografica L evoluzione poetica di Giuseppe Ungaretti, da Allegria al Sentimento del tempo e alle ultime raccolte Il panorama delle riviste tra le due guerre, dal frammentismo al ritorno all ordine L ermetismo TESTI Giuseppe Ungaretti, da Allegria: Il porto sepolto, Commiato, Sono una creatura, Veglia, Fratelli, Italia, Vanità; da Il sentimento del tempo: L isola Carlo Bo, Letteratura come vita (brano) Salvatore Quasimodo, Ed è subito sera, Oboe sommerso, Alle fronde dei salici 6 ore Eugenio Montale e la poetica del male di vivere Biografia ragionata La visione del mondo e le novità stilistiche di Ossi di seppia La poetica degli oggetti, il valore della memoria, la figura femminile nelle Occasioni il terzo Montale di La bufera e altro L evoluzione della poesia montaliana nel secondo dopoguerra 6 ore

21 TESTI da Ossi di seppia: Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho incontrato, I limoni, Cigola la carrucola del pozzo da Le occasioni: Non recidere forbice quel volto, La casa dei doganieri da La bufera e altro: Primavera hitleriana, da Quaderno di quattro anni: Senza pericolo La narrativa italiana nel secondo dopoguerra Lo scenario politico, economico e sociale Il neorealismo, tra mito del popolo e temi resistenziali Dal neorealismo alla riflessione sulla modernità TESTI 4 ore Cesare Pavese, La luna e i falò, lettura integrale e analisi di passi scelti Italo Calvino, Tutto in un punto, da Le cosmicomiche ore dedicate alle verifiche (scritte e orali) e alle esercitazioni 34 ore Ore effettivamente svolte nell'intero anno scolastico Totale ore 100 METODOLOGIA DIDATTICA Lezione frontale Lezione dialogata Analisi di testi letterari Presentazioni in PowerPoint di tendenze artistiche e di opere d arte Lettura personale e commento o analisi in classe di passi scelti di tre classici inclusi nel programma affrontato Esercitazioni STRUMENTI DI LAVORO Manuale Mappe concettuali Edizioni integrali di tre classici della letteratura Internet Piattaforma e-learning LIM TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA Verifiche orali: relazioni sui contenuti affrontati (elementi di storia della letteratura, contestualizzazione delle opere, elementi della poetica e peculiarità stilistiche degli autori studiati), collegamenti e confronti, analisi delle liriche e dei testi narrativi presi in considerazione; semplici analisi di opere d arte

22 Verifiche scritte: Tipologie A, B, C e D della prima prova dell Esame di stato (con una simulazione di prova d esame) Sono state effettuate almeno due verifiche orali e tre verifiche scritte per periodo. CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI: si fa riferimento alla tabella di valutazione adottata dall istituto, di cui al punto 16 del documento. Firma del Docente Firma dei rappresentanti di classe

23 Anno sc. 2013/14 Corso Diurno Classe 5^AP Relazione finale del docente di: STORIA Prof.ssa: Maria Cristina Gargano TESTO ADOTTATO: Ciuffoletti, Baldocchi, Bucciarelli, Sodi, Dentro la storia, volumi 2 e 3 (A e B) In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di: COMPETENZE Comprendere i cambiamenti e la diversità dei tempi storici nella dimensione diacronica e sincronica Caratterizzare e confrontare i diversi aspetti di un evento storico (politica, economia, società, cultura) Possedere la consapevolezza dell importanza della tutela e del riconoscimento di diritti e doveri CONOSCENZE ABILITA Conoscere nelle linee generali i più importanti avvenimenti storici dalla fine del XIX sec. alla seconda metà del XX sec. Conoscere i principali fenomeni di media e lunga durata del periodo storico affrontato Conoscere e considerare la dimensione spaziale e geografica dei fenomeni storici Comprendere e utilizzare in maniera pertinente il lessico specifico della disciplina storica Saper analizzare e interpretare documenti storici di media difficoltà Sapersi orientare nella complessa interpretazione di un evento storico cogliendone le principali implicazioni e le linee di sviluppo Saper rielaborare e approfondire i contenuti appresi servendosi della consultazione di fonti di informazione alternative al libro di testo Saper esporre oralmente e per iscritto i contenuti con chiarezza e fluidità 23

24 PROGRAMMA SVOLTO Moduli didattici Tensioni e contraddizioni tra Ottocento e Novecento (modulo di riepilogo e di raccordo) Trasformazioni produttive e società di massa L evoluzione del quadro politico, tra allargamento del suffragio, partiti di massa e nazionalismi L imperialismo coloniale in Africa (cenni) La crisi del positivismo, l irrazionalismo, il razzismo e la belle époque I governi di Giolitti: politica interna e politica estera, la conquista della Libia Il primo conflitto mondiale La questione balcanica Le cause e le novità del conflitto Dalla guerra di movimento alle trincee L intervento dell Italia e le fasi belliche dal 1915 al 16 La rivoluzione d ottobre in Russia La nascita dell Unione Sovietica e le scelte economiche del nuovo stato, dal comunismo di guerra alla NEP Il 1917 anno della svolta L ultimo anno di guerra APPROFONDIMENTI G. D Annunzio, Il discorso di Quarto (da I discorsi delle radiose giornate di maggio ) W. Wilson, I 14 punti Il primo dopoguerra I problemi della pace e la questione dei trattati Nazionalità e tensioni negli anni 20 La questione di Fiume in Italia Il dopoguerra in Italia e il biennio rosso Il Movimento dei fasci italiani di combattimento Le elezioni del 19 e del 21 Gli Stati Uniti negli anni 20 Il crollo di Wall Street Roosevelt e il New Deal APPROFONDIMENTI Durata 3 ore 5 ore 4 ore 24

25 E. Hobsbawm, La disoccupazione incubo dei lavoratori (da Il secolo breve) Il fascismo in Italia La nascita del PNF La marcia su Roma Dall omicidio Matteotti alle leggi fascistissime Il Concordato con la Chiesa La politica economica del fascismo La propaganda e l affermazione del totalitarismo La politica estera del fascismo e guerra d Etiopia Le leggi razziali e l avvicinamento al nazismo APPROFONDIMENTI B. Mussolini, Discorso del bivacco e Discorso alle camere del 25 gennaio 1925 (brani); Le leggi razziali (brani scelti) Il totalitarismo nazista e i presupposti del secondo conflitto mondiale Il dopoguerra in Germania e le difficoltà della repubblica di Weimer Le conseguenze della crisi del 29 in Germania e l ascesa del nazismo Dall incendio del Reichstag al totalitarismo Propaganda e nazificazione dello Stato La persecuzione degli ebrei, dalle Leggi di Norimberga alla soluzione totale La teoria del Lebensraum in politica estera Tendenze autoritarie nel resto d Europa L aggressività del Giappone La guerra di Spagna e l asse Roma Berlino Dall Anschluss alla Conferenza di Monaco La questione di Danzica APPROFONDIMENTI H.A. Winkler, Il seme maligno della violenza, da La Repubblica di Weimar La Costituzione della Repubblica di Weimar, articoli 48 e 53 Le leggi di Norimberga (brano) Il Patto d acciaio (brano) La seconda guerra mondiale La prima fase e l intervento italiano 4 ore 4 ore 4 ore 25

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI Pagina 1 di 8 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: IGEA 5AR DOCENTE : PINI MARIA GABRIELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 ISIONE SOCIETA DI CAPITALI 2 I CARATTERI DELLE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: MERCURIO CLASSE: 5BR DOCENTE: BONOMINI MIRELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture A 1 I CARATTERI DELLE Le caratteristiche

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDIRIZZO AMM.NE, FINANZA E MARKETING MATERIA: CLASSE: DOCENTE: ECONOMIA AZIENDALE 3^ C VALENTINA CASTELLI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ED ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Conosco

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Economia aziendale 2 biennio RIM

Economia aziendale 2 biennio RIM Economia aziendale 2 biennio RIM CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA classe terza RIM MODULO DISCPLINARE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE (come da LINEE GUIDA) METODI di VERIFICA MEZZI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PIANO DI LAVORO CLASSE V IGEA I.T.E. DON PEPPINO DIANA CIRCELLO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014

PIANO DI LAVORO CLASSE V IGEA I.T.E. DON PEPPINO DIANA CIRCELLO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PIANO DI LAVORO CLASSE V IGEA I.T.E. DON PEPPINO DIANA CIRCELLO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 ORGANIZZAZIONE DEI CONTENUTI DISCIPLINARI MODULO 1: Le imprese industriali e la contabilità generale UNITA DIDATTICA

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof Giuseppe Santagata MATERIA Economia aziendale classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 CONOSCENZE 1 Le fasi

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAJORANA Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI (TO) Codice fiscale 84511990016

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAJORANA Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI (TO) Codice fiscale 84511990016 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE MAJORANA Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI (TO) Codice fiscale 84511990016 Sezione Liceale E.Majorana Scientifico Linguistico - Classico Via Ada Negri, 14 10024 MONCALIERI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 10 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: AFM - SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: Alagna, Garofoli - Masoch - Oldoni - Zuffada ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docenti: BOMBEN MATILDE - BRAVIN DANI Classe: 3^ A - C RIM Libro di testo:

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO Materia: ITALIANO Totale Abilità: 15 Competenza: 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti 1. 1.1 Comprendere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLNARE DI STORIA/ GEOGRAFIA per Unità di Apprendimento (UdA) bimestrali

PROGRAMMAZIONE DISCIPLNARE DI STORIA/ GEOGRAFIA per Unità di Apprendimento (UdA) bimestrali LICEO STATALE G. COMI - TRICASE a. s. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DISCIPLNARE DI STORIA/ GEOGRAFIA per Unità di Apprendimento (UdA) bimestrali Classe I sez. AL indirizzo: Linguistico Docente: Prof.ssa Carla

Dettagli

IIS BRESSANONE-BRIXEN I.T.E. "Falcone e Borsellino" Classe IV I.T.E. anno scolastico 2015-2016. Piano di lavoro individuale.

IIS BRESSANONE-BRIXEN I.T.E. Falcone e Borsellino Classe IV I.T.E. anno scolastico 2015-2016. Piano di lavoro individuale. Anno scolastico 2015 2016 Piano di lavoro individuale IIS Bressanone I.T.E. "Falcone e Borsellino" Classe: IV I.T.E. Insegnante: CAVICCHIOLI MARZIA Materia: ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Marzia Cavicchioli

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof.ssa

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Itis Galilei di Roma - 4 dicembre 2009 - VI CONFLUISCONO GLI INDIRIZZI PREESISTENTI: ISTITUTI TECNICI COMMERCIALI Ragioniere e perito commerciale

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ssa

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS V ERSA RI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo LICEO TECNICO MATERIA M ATEMATICA APPLICATA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROF PIZZILEO

Dettagli

Anno scolastico 2015 / 2016. Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: DEGASPERI EMANUELA

Anno scolastico 2015 / 2016. Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: DEGASPERI EMANUELA Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale ITE Falcone e Borsellino Classe: IV ITE Insegnante: DEGASPERI EMANUELA Materia: LABORATORIO DI INFORMATICA ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

All. A RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE. Classe: QUINTA BET Anno scolastico: 2014/2015. Materia: DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI PREMESSA

All. A RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE. Classe: QUINTA BET Anno scolastico: 2014/2015. Materia: DISCIPLINE TURISTICHE E AZIENDALI PREMESSA Istituto d Istruzione Superiore Statale ENRICO DE NICOLA Via G. Parini,10/C 35028 Piove di Sacco Padova Tel. 0495841692 0499703995 Fax. 0495841969 E.Mail:denicola@provincia.padova.it Indirizzo:www.denicolaonline.org

Dettagli

PIANO DI LAVORO anno scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO anno scolastico 2014-2015 PIANO DI LAVORO anno scolastico 2014-2015 Prof.ssa Bisognin Paola Materia: Economia Aziendale e geo-politica: classe 5^ B RIM CLASSE QUINTA TESTO/I ADOTTATO/I: : Eugenio Astolfi, Lucia Nazzaro, Stefano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE

PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE ALLEGATO N AL VERBALE N. PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING A.F.M. RELAZIONI INTERNAZIONALI ANNO

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

Programmazione Annuale Docente Classi 4^

Programmazione Annuale Docente Classi 4^ Fa 02/967.01.431 e-mail: itczappa@itczappa.it sito internet: www.itczappa.it Programmazione Annuale Docente Classi 4^ Docenti : Balletta Giuseppe - Caruso Francesco - Dassisti Giovanni - Muratore Carmela

Dettagli

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA PRIMO BIENNIO COMUNE INDIRIZZI AFM e TURISMO collocare

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Anno Scolastico 2013 / 2014

Anno Scolastico 2013 / 2014 VENEZIA - MESTRE PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE: RAFANIELLO SALVATORE CLASSE 3 SEZ. C amministrazione finanza e marketing Anno Scolastico 2013 / 2014 MESTRE-VENEZIA 2 dicembre

Dettagli

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA

COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA MODULO 1 (tot h. 49) ASSE DEI LINGUAGGI DESTINATARI: ALUNNI NON IN POSSESSO DELLE CONOSCENZE DI BASE (ZERO CREDITI FORMATIVI) ITALIANO INGLESE SECONDA LINGUA COMUNITARIA Interagire oralmente in maniera

Dettagli

IPOTESI DI CURRICOLO

IPOTESI DI CURRICOLO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via Capitano Di Castri - 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ 852132 (centr.) 0831/852133 (pres.) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOM. -

Dettagli

DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO

DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO 1. ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Ho conosciuto la classe nell anno scolastico 2011-2012 quando frequentavano la classe 2bt per poi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 5 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 5^ SI DOCENTE: BONOMINI MIRELLA A B C D Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture I CARATTERI DELLE Le

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente si orienta con i linguaggi propri della cultura nelle

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: Geografia CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti,5-21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità. DISCIPLINA Informatica A.S. 2014-2015 X di dipartimento

ISIS C.Facchinetti Sede: via Azimonti,5-21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità. DISCIPLINA Informatica A.S. 2014-2015 X di dipartimento DISCIPLINA Informatica A.S. 2014-2015 X di dipartimento individuale dei docenti LACQUANITI e DE BERNARDI 1) PREREQUISITI per le classi 5^ Inf /Serale Conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione

Dettagli