Aree diverse sono state interessate in tempi diversi alla domesticazione delle piante: innanzitutto il Vicino Oriente con grano, orzo e legumi.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aree diverse sono state interessate in tempi diversi alla domesticazione delle piante: innanzitutto il Vicino Oriente con grano, orzo e legumi."

Transcript

1 Con il passaggio dalla raccolta alla coltivazione delle piante si entra nel Neolitico, termine tradizionalmente associato ad un nuovo tipo di lavorazione della pietra, ma che è ormai utilizzato per indicare la fase in cui nasce l agricoltura. In questo periodo si passa dallo sfruttamento delle risorse vegetali disponibili in natura ad un economia di produzione, attraverso la selezione di un piccolo numero di piante dalle notevoli capacità nutritive che diventano domestiche, cioè non più spontanee, ma controllate dall uomo. Aree diverse sono state interessate in tempi diversi alla domesticazione delle piante: innanzitutto il Vicino Oriente con grano, orzo e legumi. Centro di Origine Vicino Oriente America Centrale Ande Asia Orientale Africa sud-sahariana Nascita agricoltura a.c a.c a.c. Habitat a.c. Mediterraneo Tropicale Alta montagna Zona stepposa o temperata a.c. Savana erbosa Vegetali Domesticati Cereali e leguminose Mais, fagioli, zucca, peperoncino Patata, quinoa Miglio, riso Sorgo, miglio, palma da olio Sviluppi Sociali Grandi villaggi stabili e complessi Villaggi stabili dal a.c. Villaggi stabili dal a.c. Villaggi stabili Pastorizia nomade In seguito l America centrale con mais, fagioli, zucca, peperoncino e pomodori, le Ande peruviane con la patata, l Asia orientale con il riso, l Africa sud-sahariana con il miglio e il sorgo, oltre ad altre piante minori. Processo di diffusione In Europa, Asia, Africa Nel Nord e Sud America No In Cina, Giappone, Sud-Est Asiatico No Strutture complesse del villaggio di Çayonü - Turchia Intorno a anni da oggi è ormai avvenuta la selezione definitiva di un gruppo di specie vegetali che comprende tra i cereali anche i frumenti nudi, ovvero il grano duro (Triticum durum) e il grano tenero (Triticum aestivum), tra i legumi la veccia (Vicia sativa) e le cicerchie (Lathyrus cicera e L. sativus) e inoltre il papavero da oppio (Papaver somniferum). A partire da anni da oggi (Neolitico Preceramico A) in differenti regioni del Vicino Oriente si cominciò a operare un controllo e una selezione su cereali e legumi presenti allo stato spontaneo, inducendo dei cambiamenti significativi in alcuni dei loro caratteri morfologici. Si è trattato di un processo lento, che ha visto a lungo raccolta e coltivazione praticate contemporaneamente e poi la seconda prendere gradualmente il sopravvento. È intorno a anni da oggi (Neolitico Preceramico B medio), che appaiono con certezza specie con caratteristiche domestiche nel Sud-est dell Anatolia, Nord dell Iraq, Ovest dell Iran e Levante (Siria, Palestina, Giordania). Si tratta di farro, piccolo farro, orzo, lenticchia, pisello, ervo, cece e lino. In questo periodo si constatano cambiamenti in numerosi insediamenti (Asikli e Çayönü in Turchia, Abu Hureyra e Halula in Siria, Ain Ghazal in Giordania), con un aumento sensibile delle dimensioni degli abitati e strutture complesse, a testimonianza di una reale economia di produzione e di una forte esplosione demografica. Si tratta dunque di villaggi ormai completamente basati su una economia di tipo agricolo a larga scala. Campo di grano duro

2 La nascita dell agricoltura, oltre a comportare notevoli conseguenze nell organizzazione sociale dell uomo, ha determinato significativi cambiamenti anche nelle piante da lui coltivate. Un esempio di modifiche determinate dalla domesticazione è ben evidente nel Farro, un gruppo di frumenti chiamati scientificamente TRITICUM MONOCOCCUM subsp. MONOCOCCUM e TRITICUM TURGIDUM subsp. DICOCCUM, coltivato già anni fa. Le piante selvatiche più primitive di frumento presentano un particolare adattamento per la dispersione del seme: la spiga che porta i chicchi è molto fragile e a maturità si spezza facilmente lasciando cadere i semi avvolti dal loro rivestimento. A seguito di mutazioni genetiche avvenute nel tempo, alcune piante hanno prodotto spighe più resistenti per cui i chicchi maturi possono restare sulla pianta più a lungo. Nell ambito di questa diversità, l uomo ha selezionato, forse all inizio inconsciamente, esemplari con spiga resistente, che si offrivano alla raccolta molto meglio di quelli con spiga fragile, i cui semi cadevano a terra e venivano persi a.c. MONOCOCCO SELVATICO TRITICUM MONOCOCCUM subsp. BOEOTICUM Diploide (AA) Spiga fragile + SPECIE SELVATICA AEGYLOPS SPELTOIDES Diploide (BB) I frumenti oggi conosciuti derivano da ripetute ibridazioni di specie del genere TRITICUM con esponenti del genere AEGYLOPS. Il processo, iniziato nel Neolitico, può essere così schematizzato: 7000 a.c. MONOCOCCO COLTIVATO TRITICUM MONOCOCCUM subsp. MONOCOCCUM Diploide (AA) DICOCCO SELVATICO TRITICUM TURGIDUM subsp. DICOCCOIDES Tetraploide (AABB) Spiga fragile Il MONOCOCCO SELVATICO Triticum monococcum subsp. boeoticum (2n=14) si incrociò spontaneamente con Aegylops speltoides (2n=14) dando il DICOCCO SELVATICO Triticum turgidum subsp. dicoccoides (2n=28) Le prime esperienze di coltivazione e di selezione portarono alla nascita del Dicocco (Triticum turgidum subsp. dicoccum) e del Grano duro (Triticum durum) tutti a corredo cromosomico tetraploide (2n=28). Parallelamente ulteriori ibridazioni con Aegylops squarrosa (2n=14) portarono alla nascita del Gran farro (Triticum spelta) (2n=42) a.c. Largamente coltivato in passato (PICCOLO FARRO) DICOCCO COLTIVATO TRITICUM TURGIDUM subsp. DICOCCUM Tetraploide (AABB) Largamente coltivato in passato (FARRO) Aggiunta del genoma D attraverso ibridazione + GRAN FARRO TRITICUM SPELTA SPECIE SELVATICA Esaploide (AABBDD) Spiga fragile AEGYLOPS SQUARROSA Diploide (DD) Non è stata mai domesticata ma il suo corredo cromosomico ha contribuito alla costituzione dei grani esaploidi Infine si è ottenuto il frumento tenero Triticum aestivum quando il Dicocco coltivato, Triticum turgidum subsp. dicoccum si è reincrociato con Aegylops squarrosa nelle pianure meridionali del Mar Caspio. Questa evoluzione fu accelerata dall estensione dell area geografica delle superfici coltivate e dalla selezione operata dalle popolazioni umane, consentendo la produzione di frumento da pane a partire dal 6000 a.c. Il frumento è il cereale più importante nel mondo e viene oggi coltivato quasi esclusivamente per l alimentazione dell uomo. Le specie più diffuse sono il Grano tenero (Triticum aestivum), che serve per la panificazione, ed il Grano duro (Triticum durum) adoperato essenzialmente per la fabbricazione della pasta. Oggi GRANO DURO TRITICUM DURUM Tetraploide (AABB) Cariosside nuda GRANO TENERO TRITICUM AESTIVUM Coltivato un tempo, oggi in disuso Esaploide (AABBDD) Cariosside nuda

3 Le prime forme domestiche di cereali e legumi si diffondono rapidamente dalle loro aree originarie, secondo un processo di rapida propagazione piuttosto che di adozione indipendente, per arrivare nella penisola greca a partire da anni da oggi e poi in Europa occidentale, segnando l inizio del Neolitico europeo. In Europa, poiché le specie vegetali adatte alla domesticazione erano assenti allo stato spontaneo, i cereali e le leguminose coltivati furono introdotti completamente dal Vicino Oriente. Si passò però da una agricoltura di tipo estensivo, propria di aree aride, a una di tipo orticolo, presso sorgenti e rive di fiumi o laghi. Tra i cereali l orzo divenne particolarmente diffuso, forse perché resistente a un clima più freddo e umido. Una pianta di pistacchio Grotta Franchti - Grecia. Neolitico antico Orzo e lenticchie coltivati Campo di orzo coltivato A Grotta Franchti, in Grecia, a partire da anni da oggi i cereali e legumi selvatici presenti nel Mesolitico vengono completamente sostituiti da quelli coltivati nel Neolitico. Non si tratta pertanto di domesticazione in posto ma di adozione di cereali coltivati provenienti dal Vicino Oriente. Esempio di agricoltura tradizionale in Grecia Con il passaggio all Età dei metalli anni da oggi - nacque l agricoltura diversificata: oltre alle colture di cereali e legumi cominciarono anche quelle delle piante da frutto (arboricoltura) come meli, peri e susini in Europa occidentale, vite, olivo, fico, mandorlo, pistacchio nell area egea e mediterranea. Il modello agricolo si diffuse rapidamente in Europa sud-orientale (Grecia, Bulgaria, Balcani, Romania) ed Europa mediterranea (Italia, Francia e Spagna meridionali, Africa del Nord) grazie alla propagazione lungo le coste. La transizione fu molto più lenta in Europa settentrionale, dove le tecniche agricole rimasero a lungo secondarie rispetto alla raccolta. Durante la diffusione dell agricoltura in Europa si aggiunsero via via nuove piante coltivate: spelta o farro grande (Triticum spelta), originaria del Caucaso, adatta a vivere in climi freddi, l orzo nudo (Hordeum vulgare), la segale (Secale cereale), il miglio (Panicum miliaceum) e il panico (Setaria italica), provenienti dalla Cina, e infine l avena (Avena sativa), coltivata in Europa dal II millennio a.c. Campo di grano coltivato Spighe mature di segale (Secale Cereale) Campo di segale (Secale cereale)

4 Nel Neolitico antico, a partire da anni da oggi, in Italia meridionale (Puglia e Basilicata) nacquero i primi villaggi agricoli basati su un economia di produzione, in cui sono stati ritrovati resti carbonizzati di semi delle specie vegetali coltivate provenienti dal Vicino Oriente: farro, piccolo farro, orzo, lenticchia; più rari pisello, veccia, cicerchia e fava. Il Tavoliere foggiano offre una documentazione eccezionale della densità di insediamenti durante le prime fasi del Neolitico. La foto aerea evidenzia un villaggio con fossato esterno e strutturazioni interne presso Masseria S. Cecilia, Foggia Semi di cereali e leguminose ritrovati nell insediamento neolitico di Sammardenchia in Friuli: a) Triticum monococcum, base di spighetta; b) Triticum monococcum, cariosside in norma dorsale, ventrale, laterale; c,d) Triticum dicoccum, due cariossidi nelle tre norme; e,f) Triticum dicoccum, basi di spighetta; g,h) Triticum spelta, base di gluma e cariosside i) Triticum aestivum/durum, cariosside; m-o) Hordeum vulgare/ distichum, base di spighette Semi carbonizzati dallo insediamento neolitico di Sammardenchia in Friuli In seguito l area di diffusione dell agricoltura si allargò al resto dell Italia centro-meridionale, il farro divenne prevalente e si diffusero i frumenti nudi (Triticum aestivum e T. durum), mentre l orzo nudo sostituì quello vestito. In Italia settentrionale i cereali coltivati comparvero tutti insieme più tardi, intorno a anni da oggi, per cui già agli inizi del Neolitico erano presenti soprattutto orzo, ma anche farro, piccolo farro e frumenti nudi. Grano tenero (Triticum aestivum) a) Lathyurus cicera/sativus, seme; b) Lens culinaris; c,d) Leguminosae tipo piccolo, semi; e) Vicia ervilia, seme; f) Vicia faba var. minor, seme Durante l Età dei Metalli l orzo e il farro rimasero i due cereali più diffusi (mentre il piccolo farro divenne un infestante dei campi) e si diffusero nuove specie come la spelta o farro grande e tra i cereali minori l avena e la segale, tipiche delle aree centro-settentrionali. Spighe carbonizzate dallo insediamento neolitico della Marmotta sul Lago di Bracciano Siti neolitici dell Italia settentrionale con le prime attestazioni dell agricoltura cicerchia, veccia, ervo e forse il favino (Vicia faba var. minor). Nel villaggio della Marmotta sul Lago di Bracciano è stato ritrovato anche il papavero. Nel Neolitico medio-finale ( anni da oggi) negli insediamenti umidi si diffusero lino e papavero e i primi cereali minori, come miglio e panico. Le leguminose rinvenute sono soprattutto lenticchia e pisello, ma anche Campo di veccia Nell insediamento di Nola (Antica Età del Bronzo, anni da oggi), negli strati di cinerite dovuti a una fase eruttiva del Vesuvio sono state recuperate numerose impronte di spighe di tre cereali (piccolo farro, farro e orzo), alcune impronte di ghianda e una di mandorla. Un lento processo di fossilizzazione ha trasformato i vegetali in impronte perfette, che riproducono fedelmente tutti i particolari delle spighe. Si tratta pertanto di un ritrovamento davvero eccezionale. Impronta di spiga da Nola In particolare l avena, fino ad allora considerata una erbaccia infestante dei campi di grano, con il peggioramento climatico del periodo di passaggio alla Età del Ferro ( anni a.c.) divenne un cereale importante, assieme al panico e alla segale. Fra le leguminose si impose il favino, mentre il cece comparve soltanto durante la Età del Ferro nel Sud Italia. Spiga di avena Panicum miliaceum

5 Scena etnogra ca di abbattimento di alberi con ascia in pietra Gli inizi dell agricoltura vedono la messa a coltura di aree mai coltivate prima. Per creare nuovi spazi coltivabili a spese delle foreste, presenti alle nostre latitudini intorno ai 6000 anni a.c., l uomo adottò varie tecniche: abbattere gli alberi tramite asce e accette, con lame prima in pietra poi in metallo, o farli seccare incidendo la corteccia e il libro sottostante con strumenti in selce. Ma il metodo più semplice consiste nel bruciare la vegetazione selvatica e seminare cereali e legumi (pratica del debbio o ignicoltura). Dopo l azione di diboscamento la preparazione del suolo avveniva tramite zappe in corno, legno e pietra, mentre per interrare le sementi si usavano i bastoni da scavo, noti già dal Paleolitico. Con l Età del Rame fa la sua comparsa l aratro trainato da bovini, poi da cavalli e asini, attestato sia dalle incisioni rupestri del Monte Bego e della Valcamonica che dalle tracce fossili dei solchi conservatisi in alcuni siti, come ad Aosta, dove l aratura era forse legata a pratiche rituali, o a Gricignano, dove le tracce sono state conservate dalle eruzioni del Vesuvio. Falcetto dal villaggio di pla tte dell Età del Bronzo di Fiavè, Trento. Lo scheletro è in legno di faggio, le lamelle in selce sono ssate al manico con bitume Gricignano, Aversa (Caserta). La super cie di un campo arato dopo la rimozione dei prodotti di una eruzione egrea. Eneolitico - Antica Età del Bronzo A Gricignano le arature sono estese su decine di ettari e distribuite su un arco di circa mille anni (inizi IIIinizi II millennio a.c.), con canalette per irrigazione o drenaggio che testimoniano di un agricoltura specializzata ed intensiva. Scene agricole neolitiche raf gurate sulle pareti di grotte del Levante spagnolo Zappetta di corno di cervo dal sito della Recente Età del Bronzo di Moscosi di Cingoli (Macerata) Scena etnogra ca di agricoltura dopo diboscamento Incendio del bosco a scopi agricoli Il più antico aratro conservatosi in Italia è quello interamente in legno di quercia proveniente dall acquitrino del Lavagnone (Brescia) e risalente all Antica Età del Bronzo. Lo sviluppo della lavorazione del corno di cervo in Italia settentrionale durante l Età del Bronzo può far pensare ad un suo apporto nella pratica dell aratura grazie all uso di vomeri o punte di vomere in corno, essendo il rame e il bronzo troppo teneri o fragili. Il più antico aratro italiano è in quercia e proviene dall acquitrino del Lavagnone (Brescia) Uso del coltello da mietitore Alla raccolta delle messi, attuata tramite i falcetti, seguiva la trebbiatura che consiste nel separare il chicco dalla gluma. La sgranatura delle spighe avveniva con violente percussioni tramite dei bastoni appositi (correggiato e battitoio), con particolari attrezzi come il coltello da mietitore o con costole di bovini, per calpestio animale, o strisciamento col tribulum i cui primi ritrovamenti risalgono ad 8000 anni fa. Si tratta di una pesante tavola in legno munita di lame e schegge in selce infisse che viene trascinata sopra il raccolto da un animale; il conducente vi sta sopra per aumentare col peso del corpo l effetto trebbiante. Tale strumento è ancora in uso in Europa meridionale e nei Balcani. Incisione su pietra dalla Valcamonica (Brescia) con la rappresentazione di un aratro trainato da due buoi. Età dei Metalli Un tribulum tto di selci davanti ad una casa dell altipiano turco Un contadino greco guida un tribulum trascinato da un cavallo. L uso del tribulum suggerisce la lavorazione su larga scala di cereali per il recupero della paglia, utilizzabile come cibo o lettiera e come materiale da costruzione

6 Le varietà vestite dei cereali, in cui i chicchi anche dopo la separazione dalla spiga con la trebbiatura restavano racchiusi nelle glume, prima di venire consumati dovevano essere denudate : il rivestimento veniva eliminato mediante la pilatura, cioè pestando le cariossidi essiccate in un mortaio con un pestello, entrambi in legno o pietra. Un altra tecnica per eliminare le glumelle consisteva nel tostare leggermente le spighe, che potevano essere poggiate su piani di cottura in argilla, su pietre che venivano riscaldate, oppure in forni, o anche bollite in buche foderate di argilla in cui venivano poste pietre arroventate per riscaldare l acqua. Si tratta di strutture ben documentate nei villaggi pre-protostorici. La pianura friulana intensamente abitata n dai primordi dell agricoltura conserva numerose strutture infossate atte a contenere granaglie, talvolta impermeabilizzate da una camicia di argilla indurita dal fuoco Le granaglie venivano immagazzinate e conservate in silos sotterranei, ben documentati in molti villaggi neolitici. Si tratta di fosse circolari o pozzetti scavati nel terreno, che talvolta conservano ancora parte dell originaria chiusura in argilla; le pareti di queste fosse potevano essere rivestite di argilla indurita e arrossata dal fuoco. Probabilmente erano utilizzati anche silos aerei, costruiti con rami rivestiti di argilla. Il terreno arrossato e i ciottoli spaccati suggeriscono che su questo focolare venissero abbrustoliti i semi dei cereali. Torre Sabea, Lecce. Neolitico antico, circa 6000 a.c È quindi più facile che si conservino le varietà vestite, che necessitano di tostatura per il distacco delle glume, e che l archeologo trova negli scavi sotto forma di resti carbonizzati, che non quelle nude che perdono il loro duro rivestimento spontaneamente durante la battitura. La tostatura di cereali e frutti spontanei prima dell immagazzinamento poteva essere adottata anche contro l attacco di muffe e parassiti. Sono attestati però anche casi in cui le spighe venivano conservate senza trebbiatura che doveva avvenire dilazionata nel tempo. Una donna della Mauritania pila i cereali con mortaio e pestello in pietra Donna pueblo del Nuovo Messico intenta alla molitura del mais su una rozza macina di pietra scabrosa. La pelle di animale è distesa a raccogliere la farina I chicchi potevano essere quindi ridotti in farina tramite la macinatura, utilizzando le macine, grandi pietre piatte, sulle quali si sfregava una pietra più piccola, lunga e stretta, il macinello. La materia prima utilizzata per questi strumenti consisteva in rocce dal potere abrasivo. L uso di macine e macinelli è generalizzato in tutti i periodi della Preistoria e della Protostoria, arrivando fino alla piena età storica. Indigeni BaNyoro dell Uganda coprono un granaio sopraelevato realizzato con materiali vegetali intrecciati Nola, Napoli - Un archeologo è intento a mettere in luce un grande silos in vimine per la conservazione delle granaglie, risalente a 4000 anni fa circa. La traccia in negativo restituita dai sedimenti vulcanici ha conservato l impressione del vimine adoperato per la fabbricazione del manufatto e ha fossilizzato l impronta dell ultimo prelievo del contenuto, avvenuto probabilmente tramite una paletta di legno In alcuni casi le granaglie erano raccolte anche in grandi vasi di terracotta o in panieri di vimini intrecciati, conservati in casa, in recinti o in appositi granai. In molti siti venivano conservate insieme piante coltivate e parti commestibili di piante selvatiche come è testimoniato dagli essiccatoi in argilla dell Età del Rame di Eberdingen (Germania), che contenevano mele dimezzate e cariossidi di frumento monococco. Vasi d argilla di grandi dimensioni per contenere grani o prodotti vegetali lavorati, come la farina, sono attestati per tutta l Età dei Metalli, ma assumono dimensioni molto grandi e sono riuniti in ambienti appositi a partire dalla Tarda Età del Bronzo. Una famiglia della tribù dei Somba, nello stato africano del Benin, sta costruendo serbatoi di argilla pressata per conservare il miglio

ALLE ORIGINI DELL AGRICOLTURA UNA GRANDE RIVOLUZIONE

ALLE ORIGINI DELL AGRICOLTURA UNA GRANDE RIVOLUZIONE ALLE ORIGINI DELL AGRICOLTURA UNA GRANDE RIVOLUZIONE La fine delle grandi glaciazioni Circa 13000 anni fa si innescò una serie di cambiamenti climatici connessi al riscaldamento globale che modificarono

Dettagli

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Indice Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Cap. 1 COMPOSIZIONE BIOCHIMICA DEGLI ALIMENTI VEGETALI 1.1 Definizione di alimento...18 1.2 Principi nutritivi...18 1.2.1 Inorganici...19 1.2.1.1 Ossigeno...19

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

[TESTO COMUNICAZIONE TRITICUM TURGIDUM TURANICUM]

[TESTO COMUNICAZIONE TRITICUM TURGIDUM TURANICUM] 2013 BIOLOGISTIC S.R.L. Marco Rusconi [TESTO COMUNICAZIONE TRITICUM TURGIDUM TURANICUM] Sommario ORIGINI... 1 LA CLASSIFICAZIONE MODERNA DEI CEREALI... 3 IL GRANO KHORASAN... 4 PROPRIETA NUTRIZIONALI DEL

Dettagli

SALA DEL FRANTOIO Museo di Storia Naturale e del Territorio Calci (PISA) dal 24 aprile al 16 maggio 2004

SALA DEL FRANTOIO Museo di Storia Naturale e del Territorio Calci (PISA) dal 24 aprile al 16 maggio 2004 Dipartimento di Scienze Archeologiche Dipartimento di Scienze Botaniche Museo di Storia Naturale e del Territorio Commissione Musei di Ateneo SALA DEL FRANTOIO Museo di Storia Naturale e del Territorio

Dettagli

La specie umana fra passato e futuro

La specie umana fra passato e futuro La specie umana fra passato e futuro 2 a parte (Società civile) Leonardo Beccarisi Corso di Ecologia Università degli Studi di Roma Tre 10 marzo 2011 18 a lezione Sommario 1 Società civile Origini della

Dettagli

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali.

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali. il testo: Uguali e diversi. Alle radici dell umanità. 01 Le nostre lontane origini L homo sapiens sapiens è comparso in Africa circa 40000 (quarantamila) anni fa. L homo sapiens è il risultato di una lunga

Dettagli

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria INIZIA Indice arcaica Bang Big primaria secondaria terziaria La Pangea quaternaria Le ere L' evoluzione dell'uomo ETA DELLA PIETRA NEOLITICO

Dettagli

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD PERDITA VARIETÀ COLTURE AGRARIE La FAO stima che a oggi il 75% delle varietà per colture agrarie siano andate perdute e che

Dettagli

Il Neolitico. Che cosa sai già? Che cosa imparerai?

Il Neolitico. Che cosa sai già? Che cosa imparerai? Nel periodo del Neolitico gli uomini hanno cambiato il loro modo di vivere: da cacciatori e raccoglitori sono diventati agricoltori e allevatori. Che cosa sai già? Dove abitavano gli uomini nel Neolitico?

Dettagli

I DISCIPLINARI DEL MARCHIO QM

I DISCIPLINARI DEL MARCHIO QM 9 I DISCIPLINARI DEL MARCHIO QM PRINCIPALI REQUISITI DEL DISCIPLINARE FILIERA CEREALI Sezione prima FRUMENTO DURO, FRUMENTO TENERO E PRODOTTI DERIVATI Il disciplinare Filiera cereali, insieme a quello

Dettagli

Agricoltura Cereali -Selezione

Agricoltura Cereali -Selezione 1.1.1. Cereali -Selezione La spiga dei frumenti selvatici èfragile Si disarticola in spighette ed i semi si spargono facilmente Ad ogni spighetta èconnesso un frammento dell asse della spiga Monococco

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI Scheda 13 L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI 1. Leggi attentamente il paragrafo seguente, ritaglialo e incollalo sul quaderno. Trova un titolo adeguato e scrivilo; quindi ritaglia ed incolla i disegni che rappresentano

Dettagli

QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA

QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA I SEMI I semi sono un regalo della natura che i contadini, da sempre, si sono scambiati tra loro insieme a idee, conoscenze, cultura. QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA Gli agricoltori

Dettagli

Le origini dell agricoltura nel Mediterraneo e la diffusione dei cereali in Puglia e Basilicata

Le origini dell agricoltura nel Mediterraneo e la diffusione dei cereali in Puglia e Basilicata 123-124 Basilicata Regione Notizie Le origini dell agricoltura nel Mediterraneo e la diffusione dei cereali in Puglia e Basilicata Il mare, più che costituire un elemento di divisione, ha rappresentato

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

I SECOLI DELLA RINASCITA 1000-1300

I SECOLI DELLA RINASCITA 1000-1300 476 d.c. 1000 1492 I SECOLI DELLA RINASCITA 1000-1300 Finiscono le ultime invasioni Migliora il clima Cresce la produzione Rinascono i mercati e le città Intanto l amicizia tra Chiesa e Impero si trasforma

Dettagli

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO.

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. CIVILTÀ: INSIEME DI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO UN POPOLO CHE VIVE IN UN DETERMINATO PERIODO

Dettagli

farina serve ad indicare quella di grano semola

farina serve ad indicare quella di grano semola Cos è la farina? La farina è il prodotto ottenuto dalla macinazione di cereali o di altri prodotti (legumi, frutta a guscio, tuberi). Nell'uso comune quando non specificato il termine farina serve ad indicare

Dettagli

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari 1 Ere geologiche Archeozoica Paleozoica Mesozoica Cenozoica Neozoica o quaternaria (era in cui compare l uomo) 2 Processo di ominazione 3 I primati, comparsi circa 60 milioni di anni fa, vivevano sugli

Dettagli

con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo

con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo da sotto il mango con il patrocinio e il contributo di con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo da sotto il mango... mostra video-fotografica

Dettagli

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Tra il 1990 e il 2008 le importazioni ed i consumi dell Europa hanno contribuito alla deforestazione di 9 milioni di ettari (una superficie

Dettagli

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica.

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica. I GRUPPI SANGUIGNI Il dottor Peter D Adamo, naturopata, nel corso degli anni ha sviluppato una teoria che lega gli alimenti ai gruppi sanguigni. I concetti essenziali di questa dieta si fondano sul presupposto

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del L'archeologia Archeologia significa discorso (logos) sull'antico (archeos) ed è una parola di derivazione greca. Infatti si suole ritenere che il primo scavo archeologico sia stato quello condotto dagli

Dettagli

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2011-2012

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 DI PALO IN PALAFITTA ALLA SCOPERTA DEL SITO ARCHEOLOGICO DEL LAVAGNONE DI DESENZANO E DELLA VITA IN UN VILLAGGIO PALAFITTICOLO DELL ETÀ DEL B RONZO. T IPOLOGIA Percorso

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

La segale. Lavori della terra e alimentazione sulle Alpi dell Ossola. L agricoltura mista di montagna. La civiltà alpina

La segale. Lavori della terra e alimentazione sulle Alpi dell Ossola. L agricoltura mista di montagna. La civiltà alpina Paolo Crosa Lenz La segale Lavori della terra e alimentazione sulle Alpi dell Ossola Gennaio 2013 L agricoltura mista di montagna L agricoltura mista di montagna (Alpwirtschaft) è il modello economico

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti:

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti: Museo Nazionale Preistorico Etnografico L. Pigorini w w w.pigorini/beniculturali.it Scuola dell infanzia Una serie di percorsi ludico-didattici rivolti in particolare alla scuola dell infanzia, per dare

Dettagli

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

Intervista a Giulio Cicchetti

Intervista a Giulio Cicchetti Intervista a Giulio Cicchetti Signor Cicchetti, ci parla della sua azienda agraria? Cosa ci fa col farro? Come lo tratta? La specie del ferro qui è duro; il farro si raccoglie ad Agosto e si coltiva a

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

LA GRECIA. -Forma di governo: Repubblica. -Capitale: Atene. -Lingua: greco. -Religione: ortodossa. -Moneta: euro

LA GRECIA. -Forma di governo: Repubblica. -Capitale: Atene. -Lingua: greco. -Religione: ortodossa. -Moneta: euro LA GRECIA -Forma di governo: Repubblica -Capitale: Atene -Lingua: greco -Religione: ortodossa -Moneta: euro La Grecia si trova nel sud dei monti Balcani. La Grecia confina a nord con l Albania, la Macedonia

Dettagli

donna che schiaccia il grano - terracotta egiziana della sesta dinastia

donna che schiaccia il grano - terracotta egiziana della sesta dinastia Origine del pane Secondo la tradizione il pane è stato inventato in Egitto. Gli egiziani erano già in uso di frantumare i chicchi e produrre la farina, ma un giorno... Il Nilo in piena raggiunse i sacchi

Dettagli

Le Botteghe dell Insegnare

Le Botteghe dell Insegnare Le Botteghe dell Insegnare percorso 2013-2014 Elaborato a cura di Daniela Bellomo classe III B del Liceo Linguistico annesso all ITC Giulio Cesare Bari; anno scolastico 2013/14 Per molti secoli la casa

Dettagli

Ann Mus civ Rovereto Sez : Arch, St, Sc nat Vol 21 (2005) 87-120 2006 DANIELA MOSER RICERCHE DI CARPOLOGIA A LOPPIO-ISOLA S ANDREA (TN): I PRIMI RISULTATI Abstract - DANIELA MOSER - Carpology s researches

Dettagli

BASILICATA SVOLTA DA : ALICE, SIMONE E FRANCESCO CLASSE 5 B SCUOLA PRIMARIA S. GIUSEPPE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

BASILICATA SVOLTA DA : ALICE, SIMONE E FRANCESCO CLASSE 5 B SCUOLA PRIMARIA S. GIUSEPPE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 BASILICATA SVOLTA DA : ALICE, SIMONE E FRANCESCO CLASSE 5 B SCUOLA PRIMARIA S. GIUSEPPE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SUPERFICIE POPOLAZIONE DENSITA CAPOLUOGO PROVINCIA 9 992 kmq 59 055 59 abitanti per kmq

Dettagli

LA RICERCA PARTECIPATA IN AGRICOLTURA

LA RICERCA PARTECIPATA IN AGRICOLTURA Intervento di: SALVATORE CECCARELLI Genetista, Consulente in miglioramento genetico ICARDA (International Center for Agricultural Research in the Dry Areas Aleppo, Siria) LA RICERCA PARTECIPATA IN AGRICOLTURA

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita.

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. Sin dalla creazione l uomo con i pochi mezzi e i pochi materiali che aveva a disposizione

Dettagli

Alimenti glucidici di uso non abituale nell alimentazione dello sportivo

Alimenti glucidici di uso non abituale nell alimentazione dello sportivo Riunione Nazionale SINU Milano, 29-30 novembre 2007 Tavola rotonda I carboidrati nell alimentazione dello sportivo Alimenti glucidici di uso non abituale nell alimentazione dello sportivo Bertini I, Giampietro

Dettagli

Sommario. . Introduzione... 11

Sommario. . Introduzione... 11 Sommario. Introduzione... 11 Ringraziamenti...15 Capitolo 1 Storia e proprietà dei germogli...17 1.1 Breve storia dell uso dei germogli... 17 1.2 Proprietà nutritive dei germogli... 22 Proteine, vitamine

Dettagli

Sistema idraulico di Bologna

Sistema idraulico di Bologna Sistema idraulico di Bologna Il territorio di Bologna si presenta in pendenza (da sud a nord) e con differenti altitudini. Dentro lo spazio urbano scorrono i corsi d acqua naturali e artificiali distribuendo

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

L Europa baltica. Osserva la carta geografica dell Europa baltica. Quali sono gli stati dell Europa baltica?...

L Europa baltica. Osserva la carta geografica dell Europa baltica. Quali sono gli stati dell Europa baltica?... L Europa baltica Osserva la carta geografica dell Europa baltica. Quali sono gli stati dell Europa baltica?............ Quali sono i mari intorno all Europa baltica?...... Quali sono i fiumi principali?......

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^)

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^) COMPETENZE 1.Comprendere il legame uomo/territorio, origine della cultura antropologica. 2. Riconoscere l importanza culturale e sociale delle

Dettagli

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo NOME FILE: L evoluzione dell uomo_a2 CODICE DOCUMENTO: S STORIA A A2 P 2 DESCRIZIONE DOCUMENTO: proposta di testo semplificato di storia SCUOLA: primaria CLASSE: 3^ LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz

Dettagli

L OLIO LA STORIA DELL OLIO L albero dell olivo veniva coltivato più di 6000 anni fa dai Fenici. Veniva utilizzato per i sacrifici, come oggetto di baratto, come balsamo e cosmetico, olio combustibile per

Dettagli

GRANO: DAL CHICCO ALLA MIETITURA

GRANO: DAL CHICCO ALLA MIETITURA Nome... classe.... GRANO: DAL CHICCO ALLA MIETITURA Leggete i paragrafi, trovate la frase con lõidea principale e scrivetela nelle righe vuote STORIA DEL GRANO La storia del grano risale alla preistoria,

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Asparago - Costituzione e diffusione dell ibrido maschile Italo Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Italo è il primo ibrido interamente maschile (le piante maschili sono notoriamente

Dettagli

AGRICOLTURA DI PIANTAGIONE

AGRICOLTURA DI PIANTAGIONE AGRICOLTURA DI PIANTAGIONE Agricoltura di piantagione : basata sulla monocoltura di piante tropicali caffè, cacao, tè, cocco banane. Dipendenza dei paesi poveri dai ricchi. Spesso i lavoratori vengono

Dettagli

Le piante nella Bibbia 2^ Parte

Le piante nella Bibbia 2^ Parte Le piante nella Bibbia 2^ Parte Giuseppe Frison Ricercatore in pensione PLF/CRA (Ex Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura) Casale Monferrato Casale Monferrato, settembre 2015 Le piante nella

Dettagli

I CEREALI. riso orzo farro

I CEREALI. riso orzo farro I CEREALI I cereali sono coltivati per i loro semi ricchi di amido che si prestano in moltissime preparazioni alimentari e costituiscono la base energetica della dieta di gran parte dell umanità. riso

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi...

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi... VOLUME 3 CAPITOLO 15 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE EUROPA ECONOMIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori...... idrocarburi...... città d arte...... siti

Dettagli

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:...

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:... Unità 1 Nome... Classe... Data... Prima Osserva la carta dell Europa e prova a rispondere alle seguenti domande: perché appare strano definire l Europa come un continente a sé a differenza di quanto avviene,

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili. Amilosio: catene lineari di glucosio con legami 1-4

AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili. Amilosio: catene lineari di glucosio con legami 1-4 AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili Alimento Contenuto di amido, % Mais granella 71-74 Avena 41-44 Riso 75-88 Grano 67-68 Orzo 67-68 Pisello semi 43-48 Patate

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio.

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio. Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. NUTRIZIONE Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Azienda USL di Modena DIETISTA DOTT.SSA MARIANGELA CIRILLO Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati.

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO

EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO TUTELA DELLA BIODIVERSITA ED AGRICOLTURA BIOLOGICA Domenica 25 Ottobre 2015 con inizio

Dettagli

LA PIRAMIDE ALIMENTARE E IL SIMBOLO DELLA SANA ED EQUILIBRATA ALIMENTAZIONE E CI DEVE GUIDARE NELLA SCELTA GIORNALIERA DEGLI ALIMENTI.

LA PIRAMIDE ALIMENTARE E IL SIMBOLO DELLA SANA ED EQUILIBRATA ALIMENTAZIONE E CI DEVE GUIDARE NELLA SCELTA GIORNALIERA DEGLI ALIMENTI. LA PIRAMIDE ALIMENTARE E IL SIMBOLO DELLA SANA ED EQUILIBRATA ALIMENTAZIONE E CI DEVE GUIDARE NELLA SCELTA GIORNALIERA DEGLI ALIMENTI. ALLA BASE DELLA PIRAMIDE SONO PRESENTI GLI ALIMENTI CHE POSSIAMO UTILIZZARE

Dettagli

Gli attrezzi per la cura della vigna

Gli attrezzi per la cura della vigna Gli attrezzi per la cura della vigna Le vigne utilizzate dalle corti contadine rivestivano molta importanza fondamentale nella dinamica della comunità, il vino anche se non di qualità veniva usato principalmente

Dettagli

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione.

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Destinatario: alunno con deficit cognitivo di grado lieve e sindrome ipercinetica da danno cerebrale lieve

Dettagli

LA SELEZIONE ARTIFICIALE

LA SELEZIONE ARTIFICIALE LA SELEZIONE ARTIFICIALE MENTRE LA SELEZIONE NATURALE E OPERATA DALLA NATURA CHE FA SOPRAVVIVERE SOLO GLI ORGANISMI PIU ADATTI A VIVERE IN UN CERTO AMBIENTE, LA SELEZIONE ARTIFICIALE E OPERATA DALL UOMO.

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015.

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015. INCIPIT Inizia così il nostro viaggio alla scoperta del legame che unisce territorio, cibo e cultura. In particolare vengono proposte due attività introduttive al fine di far emergere le conoscenze pregresse

Dettagli

nuove tecniche di estrazione e lavorazione della selce varie forme d arte agricoltura Neolitico, nuova età della pietra neos=nuovo lithos= pietra

nuove tecniche di estrazione e lavorazione della selce varie forme d arte agricoltura Neolitico, nuova età della pietra neos=nuovo lithos= pietra IL NEOLITICO Brevi indicazioni didattiche. Iniziamo il percorso con un richiamo al Paleolitico domandando agli alunni quale fosse la maggiore preoccupazione degli uomini di allora. Tra i bisogni primari

Dettagli

La globalizzazione e l economia

La globalizzazione e l economia La globalizzazione e l economia La globalizzazione Oggi nel mondo sono scomparse sia le distanze fisiche sia le distanze culturali. La cultura è diventata di massa: ovunque nel mondo abbiamo stili di vita

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

1^ Monografia. I cereali antichi in agricoltura biologica

1^ Monografia. I cereali antichi in agricoltura biologica 1^ Monografia I cereali antichi in agricoltura biologica Introduzione 1^monografia I cereali antichi in agricoltura biologica a cura di Francesco Torriani (*) Il termine grani antichi è un termine commerciale,

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI DIETA VEGETARIANA Nella realizzazione di una dieta vegetariana frequentemente viene seguito un percorso che passa attraverso un procedimento di eliminazione di gruppi di cibi dall architettura tipica della

Dettagli

Sintesi della visita Az. Agricola FABIO PEDERZANI

Sintesi della visita Az. Agricola FABIO PEDERZANI Sintesi della visita Az. Agricola FABIO PEDERZANI AZIENDA Nome del produttore Fabio Pederzani Indirizzo Fraz. Pieve di Cusignano, 9 - Fidenza Telefono 334 3843716 Mail info@biopederzani.it GRUPPO DI VISITA

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Azienda Agraria LA CHIONA

Azienda Agraria LA CHIONA Azienda Agraria LA CHIONA Sede legale : Via Ottaviani 3,06034 Foligno (PG) Sito web : www.lachiona.it it Servizio Clienti : +39 320 6145149 La nostra sede operativa: Acquatino di Spello (PG), Via Piermarini

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

STORIA PER CLASSE TERZA

STORIA PER CLASSE TERZA STORIA PER CLASSE TERZA Il presente file riporta alcuni testi semplificati di storia di classe terza per una bambina che conosce discretamente l italiano. Tali testi riguardano la preistoria, compresa

Dettagli

Al centro della penisola italiana, universalmente nota per la varietà dei territori e colma di bellezze naturali, si trovano le pendici degli

Al centro della penisola italiana, universalmente nota per la varietà dei territori e colma di bellezze naturali, si trovano le pendici degli Al centro della penisola italiana, universalmente nota per la varietà dei territori e colma di bellezze naturali, si trovano le pendici degli Appennini Umbri. L Umbria, cuore verde d Italia, è rinomata

Dettagli

Università degli studi di Bari Aldo Moro

Università degli studi di Bari Aldo Moro Università degli studi di Bari Aldo Moro Corso di Laurea: SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe L-69 Corso Integrato: Elementi di biologia e qualità delle materie prime vegetali Modulo: Produzioni erbacee

Dettagli

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A Manuale per costruire e la il riassucco di un testo sua mappa concettuale Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A della Scuola Primaria

Dettagli

VISITA DI ISTRUZIONE A PANTALICA. Classe III Sez. H Anno scolastico 2009-2010

VISITA DI ISTRUZIONE A PANTALICA. Classe III Sez. H Anno scolastico 2009-2010 VISITA DI ISTRUZIONE A PANTALICA Classe III Sez. H Anno scolastico 2009-2010 1 Pantalica ( da pantargo o pantalictos luogo pieno di pietre ) è il più importante sito archeologico della Sicilia orientale

Dettagli

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole CHE COS È LA STORIA? Studiare un libro di Storia vuol dire fare un viaggio interessante in un mondo nuovo: questo viaggio porta nel passato! La Storia vuole raccontare i fatti del passato come sono realmente

Dettagli

L agricoltura ai tempi dei Romani. Gaia Giulia Piras 1

L agricoltura ai tempi dei Romani. Gaia Giulia Piras 1 L agricoltura ai tempi dei Romani Gaia Giulia Piras 1 Fonti antiche Catone, De agri cultura Varrone, De re rustica Virgilio, Georgiche Columella, De re rustica Plinio il Vecchio, Naturalis historia Gaia

Dettagli

Il fiore è l'organo riproduttivo delle piante superiori e compare sulla Terra circa 200 milioni di fa, alla fine dell'era secondaria.

Il fiore è l'organo riproduttivo delle piante superiori e compare sulla Terra circa 200 milioni di fa, alla fine dell'era secondaria. Il fiore Il fiore è l'organo riproduttivo delle piante superiori e compare sulla Terra circa 200 milioni di fa, alla fine dell'era secondaria. Il fiore rappresentato sopra contiene entrambi gli organi

Dettagli

Prodotti integrali, leguminose, altri cereali & patate

Prodotti integrali, leguminose, altri cereali & patate Prodotti integrali, leguminose, altri cereali & patate Al giorno: ad ogni pasto principale mangiare un contorno amidaceo (cioè 2-3 porzioni al giorno, di cui possibilmente due porzioni in forma integrale)

Dettagli

L ORIENTE CHE È IN NOI. Mode e manie Asiatiche

L ORIENTE CHE È IN NOI. Mode e manie Asiatiche L ORIENTE CHE È IN NOI Mode e manie Asiatiche CATEGORIA: CIBO Sushi Kebab Involtini Primavera Pollo Tandoori Falafel Tabbouleh SUSHI Il Sushi è un piatto della cucina tipica Giapponese, ma è popolare in

Dettagli

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione II PARTE Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione 2. Un Asia, tante Asie: Paesi, aree e regioni dell estremo Oriente Inizio II Millennio ASIA centro della

Dettagli

La Puglia. e i suoi paesaggi

La Puglia. e i suoi paesaggi La Puglia e i suoi paesaggi La carta fisica La puglia confina a nord e a est con il mar Adriatico a sud con mar Ionio e Basilicata e a ovest con Molise e Campania La parte amministrativa Il capoluogo di

Dettagli