La misurazione dell efficacia della comunicazione aziendale sui social network: una proposta metodologica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La misurazione dell efficacia della comunicazione aziendale sui social network: una proposta metodologica"

Transcript

1 La misurazione dell efficacia della comunicazione aziendale sui social network: una proposta metodologica Stefano Pace, Stefano Buzzanca e Luciano Fratocchi Abstract User-Generated Content characterizes the interactions between company and customers. Comments and contributions provided by customers in social media platforms represent a relevant input for companies marketing decisions. A firm cannot avoid this interaction with its customers within social media. Any firm is already part of spontaneous online conversations that cannot be managed by the company. Social media represent an opportunity for Small-Medium Enterprises, which can reach a wide audience of prospects with a small communication budget. This opportunity can be caught if the company is able to measure its communication strategy in a social media platform. The article presents a model to measure and analyze the interactions between a company and social media users. The model classifies the interaction according to some parameters, such as an index of intensity and quality of the discussion. Starting from these parameters, the management can draw some hints about the effectiveness of communication in a social media platform. To verify the mentioned model, it has been applied to the interactions of an entrepreneur in newsgroups and Facebook. The indexes allow to identify some critical points in the communication process and to have suggestions on how to improve it. Keywords: social network, social media, Facebook, Social Network Analysis, Pmi, newsgroups. Stefano Pace, Professore associato presso Kedge Business School, Stefano Buzzanca, Dottorando presso Diiie Dipartimento Ingegneria Industriale e dell Informazione e di Economia, Università L Aquila, Luciano Fratocchi, Professore associato presso Diiie Dipartimento Ingegneria Industriale e dell Informazione e di Economia, Università L Aquila, Diiie anno XXII, n. 3, dicembre

2 1. La misurazione dell efficacia della comunicazione aziendale sui social network: una proposta metodologica Internet sta subendo un cambiamento radicale che ha portato la Rete ad attraversare diverse fasi. In una prima era, il Web è stato principalmente un mezzo di interazione one-to-one fra un database di dimensioni infinite ed il singolo utente. La Rete, in questa fase, era impiegata primariamente per trovare informazioni di ogni genere, dagli articoli di quotidiani ai dati statistici, dalle previsioni del tempo agli orari ed ai costi di treni ed aerei. Il Web 2.0 ha portato un nuovo tipo di interazione, in cui l utente crea contenuto e lo scambia con altri utenti formando relazioni sociali. Il fenomeno dello User-Generated Content (Ugc) caratterizza così la nuova era di Internet (Kozinets et al. 2008; Tapscott e Williams 2008). A fronte di questo cambiamento, l idea di un consumatore-produttore diventa realtà. La Rete diventa la piattaforma ideale per la co-creazione di valore; attività che non è più appannaggio unico delle sole imprese che un tempo offrivano al consumatore l output di tale processo creativo ma diviene interazione diretta fra impresa e cliente (Lusch e Vargo 2006) o creazione autonoma da parte del cliente, indipendentemente dal contributo dell impresa (Cova e White 2010). In un ambiente così innovato, permane e si rinforza la necessità per gli studiosi di marketing, così come per i manager che gestiscono tale funzione aziendale di dotarsi di strumenti di misura della performance dell interazione Web con il cliente. Tali strumenti devono adattarsi all ambiente del Web 2.0 e dei social media, proponendo nuove modalità per valutare l azione di marketing online. I tentativi proposti in letteratura sono vari (Qualman 2010), tutti volti a munire il manager di un repertorio di misure utili per valutare la validità di una decisione di marketing. Winer (2009), nella sua ricognizione delle sfide del marketing poste dal nuovo modo di comunicare ed interagire con il cliente, dà ai «metrics and measurement» un ruolo centrale, riconoscendo la complessità di tale sfida, dato che «[t]here is considerable uncertainty about what metrics to use to gauge the effectiveness of the new media» (p. 112). Il contributo del presente lavoro si inserisce nell ambito di ricerca relativo agli strumenti di misurazione, proponendo alcuni indici con i quali valutare l efficacia delle interazioni impresa-cliente nei social media. In particolare, gli strumenti proposti permettono di comparare l efficacia delle comunicazioni nei newsgroup (forma di socialità online del passato) e nei nuovi social media (segnatamente Facebook). Nel perseguire questo obiettivo, ci si concentra in particolare sulle Piccole e Medie Imprese (Pmi). Tale focalizzazione è motivata da due ragioni. La prima è nella centralità di tali imprese nell economia italiana e, più 472

3 in generale, europea. La seconda ragione più specifica del contesto Web è nell osservazione che il futuro si caratterizzerà per una crescente presenza online delle Pmi. Il Web sta infatti passando da contesto primariamente caratterizzato da realtà aziendali di grandi dimensioni (si pensi a players online di notevoli dimensioni, come Amazon) ad uno in cui anche le piccole imprese avranno una crescente «fetta di mercato». Un esempio in tal senso è rappresentato da Etsy, piattaforma di vendita di prodotti artigianali ed artistici realizzati da micro-imprese individuali, spesso «botteghe» personali condotte da appassionati che scoprono la possibilità di vendere online le proprie creazioni in piccola serie. L esplosione di Etsy come fenomeno di mercato online mostra chiaramente che lo spazio per le imprese di piccole dimensioni esiste ed è ancora tutto da scoprire. Stante tale interesse delle Pmi per Internet, è necessario adeguare l attuale dotazione di strumenti di misurazione delle performance online, dato che molti di quelli attualmente a disposizione sono fondati su ricerche e pratiche rivolte ad imprese di grandi dimensioni con significative risorse (economiche, umane, tecniche e manageriali) da dedicare all attività di misurazione. Si pensi, in tal senso, ai complessi algoritmi di Google (in parte coperti da segreto industriale) per misurare la popolarità e l efficacia informativa di un sito. Molte Pmi non hanno e continueranno a non avere anche nel prossimo futuro accesso a misure sofisticate di performance delle proprie azioni online. Come accennato, non si tratta solo di risorse economiche da investire in software specialistico (come quello per la Social Network Analysis; Bertolasi e Mazzoni 2005) o in competenze esterne, ma anche di pratiche manageriali e di procedure organizzative. Il piccolo imprenditore, solitamente, non ha la possibilità o l attitudine a monitorare costantemente complessi indici di prestazione online. Il presente lavoro tenta quindi di proporre alle Pmi un metodo diretto che non necessita di sofisticazioni software ad hoc per ottenere un primo quadro di riferimento delle proprie performance comunicative nei social media. Tale strumento non ambisce a sostituire altri metodi, segnatamente, la Social Network Analysis, bensì si posiziona come complementare e più precisamente antecedente. Un simile metodo indirizzato specificatamente alle Pmi, senza essere basato su complicate formulazioni, appare caratterizzato da alcuni vantaggi: consente di introdurre la cultura della misurazione delle proprie performance in modo oggettivo. Tale forma mentis è certamente diffusa presso gli imprenditori, ma questi potrebbero avere la tentazione di affidarsi al proprio intuito. Intuito che come dimostra la storia di 473

4 successo delle Pmi è spesso efficace, ma che può generare risultati superiori se affiancato da misurazioni esogene, oggettive e presentabili a terzi, ivi compresi i finanziatori cui l impresa volesse rivolgersi per supportare il proprio sviluppo strategico e dimensionale; genera l opportunità di introdurre in una fase successiva, quando l impresa avrà pienamente compreso l utilità delle misurazioni in parola più efficaci modalità di misurazione del fenomeno, a partire dalla stessa Social Network Analysis. L assunto di base del lavoro risiede nella considerazione che le interazioni sul Web possano essere considerate come una struttura misurabile e che alcune «strutturazioni» di dette interazioni siano più desiderabili di altre per la Pmi. Interazioni che coinvolgano un vasto numero di utenti (quindi non concentrate in discussioni fra pochi attori del processo comunicativo) e siano ricche in termini di interazioni, nel Web 2.0 risultano più efficaci per veicolare il messaggio aziendale. L ideale sarebbe poter instillare una discussione che si sorreggesse autonomamente, senza interventi da parte dell impresa, in cui gli utenti discutessero autonomamente il messaggio aziendale iniziale, arricchendolo di significato. Questa è la natura ideale di un interazione nei social media, la conversazione fra clienti che i social media dovrebbero avviare (Kozinets et al. 2010). Al contrario, è meno efficace una comunicazione che non ottenga risposte o che avvii una discussione breve e fra i «soliti utenti», ancor di più se dette risposte risultano concentrate sul solo messaggio aziendale e senza interazioni fra gli attori del processo comunicativo. La letteratura sui gruppi online suggerisce, in tal senso, che alcune strutture sono più efficaci di altre. Un esempio è lo studio di Gonzalez- Bailon (2009) sulle discussioni politiche nei gruppi online. A seconda di come è strutturato il processo di discussione, la deliberazione finale e la qualità tutta della discussione prendono infatti forme diverse. Il processo di interazione è determinato da vari fattori, come il tipo di partecipanti o la piattaforma in cui avvengono le interazioni. Come affermano gli autori «not all networks allow the same flows of information, and that users might form different networks even when using the same internet technology» (Gonzalez-Bailon et al. 2010, p. 2). Da ciò deriva la domanda se le interazioni dei nuovi social media, come Facebook, siano diverse e migliori rispetto a quelle che avvenivano sui vecchi newsgroup e se possano essere quindi considerate più efficaci. Il presente lavoro propone due tipi di misura delle interazioni online, che saranno illustrati in dettaglio nelle sezioni successive. Il primo tipo concerne l intensità della discussione, determinata in base al numero di utenti che vi intervengono ed al numero di interventi comples- 474

5 sivi a cui gli stessi danno vita. È evidente che uno stimolo di marketing che sia seguìto da una discussione con numerosi interventi che formino un lungo thread ha maggior successo rispetto a conversazioni più «sterili». Un secondo tipo di misura concerne il tasso di concentrazione delle interazioni. La letteratura in materia riconosce che solo una piccola parte dei partecipanti ad un gruppo online partecipa attivamente allo stesso (Fournier e Lee 2009). A conferma di una legge paretiana, la maggioranza dei contributi avviene grazie ad una minoranza di soggetti. Molte piattaforme di Ugc, come YouTube, rispettano la legge di distribuzione power law (Cheng et al. 2008) in cui le «[p]ower-laws are distributions where few values have high frequency and plenty of values have low frequencies while still being a substantial part of the distribution (have-tail phenomenon)» (Santos et al. 2007, p. 3). Secondo tale legge, una minoranza di utenti accumula il maggior numero di visualizzazioni dei contenuti inseriti, produce la maggioranza dei contenuti, ha la maggioranza delle connessioni con altri utenti. Secondo i dati di Wikipedia, il 50% di tutte le voci dell enciclopedia sono scritte da meno dell 1% dei wikipediani, ossia poche centinaia di utenti rispetto ai milioni di individui operanti su Wikipedia. Quale è la concentrazione ideale per la discussione online? Su questo punto non c è convergenza tra gli studiosi. Da un lato, una parte di loro sostiene che un numero ristretto di lead users (Von Hippel 2005) può essere la fonte essenziale dell innovazione di impresa. Secondo tale visione, i followers sarebbero quindi utenti meno «interessanti» ai fini della generazione di idee. Ricerche più recenti specificatamente adattate ai social media mostrano, al contrario, che la preferenza per pochi lead users possa essere superata, in alcune circostanze, a favore di una partecipazione più ampia degli utenti. Secondo tali autori, i sistemi che stimolano la massima rappresentatività degli utenti possono esplorare un maggior numero di aspetti della discussione. Ad esempio, si considerino le iniziative online che cooptano il consumatore nella generazione di idee per nuovi prodotti o innovazioni in genere. Se tali gruppi coinvolgono equamente un gran numero di attori, invece che concentrarsi su un ristretto numero di soggetti molto attivi, l impresa ricava una mole di idee e di innovazioni ben più ponderosa e con maggior coinvolgimento del cliente. Si crea cioè una sorta di «democrazia dell Ugc» (Fuchs et al. 2010) di cui beneficiano tanto l impresa quanto i clienti. Gli studi richiamati operano nell ambito dell innovazione. Spostando l attenzione sulla comunicazione online senza fini di innovazione, si può affermare che anche in tale ambito una discussione equa e senza concentrazione sia migliore. Se un impresa annuncia un iniziativa di marketing (dalla ricerca di mercato alla comunicazione del lancio di un prodotto), una 475

6 reazione vasta e non concentrata da parte degli utenti è più attraente. Estendere la discussione oltre una cerchia limitata di soggetti consente infatti di arricchire il messaggio. La comunicazione di marketing non è più un significato univoco dettato al mercato, bensì uno stimolo per la costruzione di senso da parte dei clienti, attuali e potenziali. Il cliente elabora la comunicazione di marketing per formare un senso che arricchisce il valore della comunicazione e del brand (Arnould e Thompson 2005; Elliott e Percy 2007, Muñiz e Schau 2007), pur nei rischi che il significato veicolato dall impresa venga «dirottato» dai clienti (Wipperfürth 2005), in una manipolazione di significato che mostra la potenza della co-creazione di senso. Il brand e la comunicazione d azienda possono essere integrati dall interazione con i clienti tramite i social media, in una ricchezza combinatoria praticamente illimitata. Tale co-creazione di senso, per essere efficace, non può affidarsi ad un ristretto numero di utenti, bensì deve coinvolgere equamente nell interazione la maggioranza degli utenti. In definitiva, se una comunicazione aziendale all interno dei social media stimola una struttura di interazioni che conti numerosi contributi non concentrati in pochi partecipanti, tale comunicazione ha un efficacia superiore e sfrutta al meglio la natura stessa dei social media. Si presentano ora alcuni parametri di misurazione di tale efficacia comunicativa e si comparano le interazioni che si sviluppano all interno di «vecchi» newsgroup e nuovi social network. 2. Strumenti per la misurazione dell efficacia delle comunicazioni nei social network In questa sezione si presenta un set di strumenti di misurazione dell efficacia delle comunicazioni nei social network, partendo dai risultati conseguiti in precedenti lavori con riferimento specifico ai newsgroup. Pace et al. (2007) hanno proposto un modello di classificazione delle comunità virtuali basato su tre distinte variabili: numero medio di post per membro (assunto come proxy del grado di «attivismo» della community), percentuale di messaggi totali postati dai primi 10 membri per numero di interventi (assunta come proxy del grado di «concentrazione/estensione» della discussione nella comunità) e numero complessivo di membri (indicante la rilevanza del singolo newsgroup rispetto a quelli che trattano argomenti similari). Sulla base di queste variabili venivano individuate quattro tipologie di virtual community (Dominated, Partecipative, Occasional and partecipative, Occasional and dominated) in modo da consentire all azienda di individuare tra i newsgroup che 476

7 Tasso di concentrazione della discussione (%) Occasional and Dominated Group Occasional and Partecipative Group clubhouse Dominated Communities Partecipative Communities Post per membro alt.smokers.cigars. alt.smokers.cigars.marketplace alt.smokers.pipes alt.smokers.cigars.cuban alt.smokers.cigars.reviews alt.drinks.scotch-whisky alt.smokers Dimensione del cerchio = Numero di membri Linee grigie = Media delle community Fig. 1. Modello comparativo dei newsgroup: il caso dei prodotti per fumatori. Fonte: Pace et al trattavano argomenti similari quelli su cui concentrare gli sforzi comunicativi (nella figura 1 è riportata l applicazione del modello al settore dei prodotti per fumatori). La semplice individuazione del medium Web (ad esempio il newsgroup) più efficace non appare però sufficiente, in quanto va verificata la reale capacità dell azienda di implementare comunicazioni efficaci all interno di detto medium. Ciò diventa ancor più rilevante nel momento in cui si passa dai newsgroup che, tradizionalmente, non hanno un promotore aziendale alle sezioni di social network promosse specificatamente da un impresa, come nel caso delle pagine aziendali su Facebook. Il modello di analisi proposto in questo contributo prende ad oggetto la singola interazione comunicativa, ovvero una conversazione intesa come insieme di messaggi inviati da attori che partecipano alla comunità (nel caso delle pagine aziendali di Facebook, gli amministratori ed i fan; nel caso dei newsgroup i membri e gli eventuali moderatori). In tale contesto, si definisce «input» il primo messaggio di una nuova comunicazione, indipendentemente da chi ne sia il mittente (l amministratore o un 477

8 fan); la «risposta» è ognuno degli eventuali messaggi successivi all input che, in mancanza di risposte, si definisce «sterile». L assunto di base del modello è che una qualsiasi comunicazione è tanto più efficace quanto più alto è il numero degli intervenuti e quello dei messaggi. Si noti che in questo parametro non ci si concentra sul contenuto dei messaggi, per il quale rimangono utili metodi come la content analysis (Soscia 2000) e, in senso più ampio, la netnography (Kozinets 2010). Ci si focalizza, invece, sulla quantità dei messaggi, partendo dal presupposto che un buon numero di interventi risulta utile all impresa, in quanto forma un repertorio più vasto per comprendere le opinioni e idee dei clienti. Un interazione comunicativa prolungata ed articolata, in cui si evidenzino disservizi o problematicità dei beni offerti all azienda, ad esempio, è comunque utile per il promotore della pagina Facebook, in quanto gli permetterà di individuare i problemi percepiti dai clienti (effettivi o potenziali che siano) e di prevedere apposite azioni correttive. Le risposte che possono rinvenirsi in una comunicazione risultano di diversa natura e, quindi, di diverso livello di efficacia; pertanto, è necessario classificarle in categorie distinte. La semplice visualizzazione di un input rispetto al quale l attore non espone alcun pensiero è definita risposta «passiva»; di contro, una risposta «attiva» si verifica quando il mittente produce deliberatamente un contenuto; se quest ultimo contiene un commento più o meno amplio la risposta si definisce indipendentemente dall estensione «attiva»-«aperta»; se limitato all espressione «automatica» di un giudizio, come nel caso del «Mi piace» di Facebook, si identifica come risposta «attiva»-«chiusa». Le risposte attive inoltre sono definite «dirette» se direttamente riferite all input, «indirette» nel caso si riferiscano ad un messaggio successivo all input. Si hanno quindi tre diversi livelli di risposta: 1) risposta passiva: visualizzazione, 2) risposta attiva chiusa, in cui non si esprime un contenuto nuovo: «Mi piace» o equivalente, 3) risposta attiva aperta, in cui si produce contenuto: un commento all input o ad altri commenti successivi. Ciascun tipo di risposta può poi riferirsi direttamente all input o ad altri contenuti di risposta all input. La suddivisione delle conversazioni secondo la classificazione proposta consente di elaborare degli utili indicatori sull attività comunicativa all interno dell ambiente analizzato. Si può, ad esempio, misurare il peso delle diverse categorie di risposte attive (aperte vs. chiuse, dirette vs. indirette) contenute nella singola comunicazione, o quello degli input dell azienda rispetto a quelli degli altri attori. Allo stesso tempo, appare utile verificare la capacità degli input aziendali di generare dialogo da parte degli altri attori; in tal senso, un primo indicatore utile è dato dall «efficacia di stimolo», calcolata come rapporto tra input «non ste- 478

9 rili» (ossia input che ricevono risposte) ed input totali. La suddivisione delle comunicazioni secondo i criteri dianzi definiti può consentire una più approfondita valutazione dell efficacia delle stesse ricorrendo alla rappresentazione sul «piano delle conversazioni» (fig. 2) articolato secondo due assi: sull asse delle ascisse è riportato l indicatore «tasso di concentrazione della conversazione», definito come la percentuale di risposte attive generate dai primi tre attori, per numero di risposte, rispetto al totale; sull asse delle ordinate si ha l indicatore dell intensità della discussione (Int), misurata come funzione del numero di attori che intervengono e del numero complessivo di interventi, secondo il seguente algoritmo: (1) Int = p Raa Na Raa + q Rac Na Rac dove Raa indica le «risposte attive aperte», Rac indica le «risposte attive chiuse», Na il «numero di attori» che hanno prodotto le risposte della categoria indicata nel pedice; p e q, infine, rappresentano «pesi» da definire ad hoc. Le singole conversazioni sono rappresentabili sul «piano delle conversazioni» come torte in cui la dimensione radiale è legata al numero di risposte totali ricevute ed i settori circolari alla ripartizione percentuale tra risposte attive aperte e chiuse. Suddividendo il piano attraverso le semirette dei valori medi delle due variabili, si identificano 4 quadranti che permettono di classificare le singole conversazioni secondo la loro efficacia. L azienda sarà quindi interessata alle comunicazioni posizionate nel quadrante con basso tasso di concentrazione ed alta intensità di discussione, dato l elevato numero di attori coinvolti e la pluralità di messaggi generati dall input (fig. 2). Nell esempio riportato, la conversazione C3 è stata la più efficace in termini di reazione dei partecipanti, anche se costituita principalmente da risposte chiuse, che forniscono un contributo informativo limitato. Altrettanto rilevante ai fini della valutazione di efficacia della comunicazione aziendale appare l interazione C4, data la netta preponderanza di risposte con contenuto informativo più prezioso, in quanto aperte. Al fine di incrementare ulteriormente il patrimonio informativo derivante dall analisi delle conversazioni, è utile rappresentare le singole conversazioni secondo una struttura ad albero radiale, in cui i punti individuano i singoli messaggi ed i «rami» il rapporto di causa-effetto fra detti messaggi. L utilità della rappresentazione delle discussioni at- 479

10 Intensità della discussione:numero di utenti che intervengono x numero di interventi Alto Basso In molti parlano e parlano molto In molti parlano ma parlano poco C5 C4 C3 C2 In pochi parlano ma parlano molto C6 In pochi parlano e parlano poco C7 C1 C8 0% Tasso di concentrazione 100% Risposte chiuse Risposte aperte Fig. 2. Il piano delle conversazioni. traverso l uso di alberi radiali è già stata dimostrata in precedenti studi, come quello sulle discussioni politiche (Gonzalez-Bailon et al. 2010). In questa sede, si definisce «raggio» il collegamento tra un input e una risposta che non dia inizio ad un ulteriore interazione comunicativa (caso «a» in fig. 3). Si dice «catena» la struttura in cui dalla risposta iniziale ad un input scaturisce almeno un altra risposta (caso «b» in fig. 3). Da ultimo, si dice «polo» una risposta all interno di una catena da cui si originino simultaneamente almeno due risposte ulteriori (caso «c» in fig. 3). A parità di messaggi generati, una struttura con prevalenza di catene è indice di una comunicazione più efficace rispetto a quella offerta da una struttura contenente prevalentemente raggi, perché rappresentativa di una comunicazione «incrociata» tra i vari attori e, quindi, di un dibattito più articolato. Una struttura a catena contenente dei poli è a sua volta migliore, dato che la discussione è ancor più ricca, con attori che discutono fra loro. Sulla base della classificazione delle singole conversazioni proposta (raggi e catene) è possibile elaborare due ulteriori strumenti di misura dell efficacia delle conversazioni nei network sociali. Il primo di questi è la «Qualità della discussione» (Qd), che esprime l efficacia comunicativa della conversazione, essendo calcolato secondo il seguente algoritmo: (2) Qd = (a N raggi + 1) (b N catene + 1) (g N poli + 1) 480

11 Raggio Fig. 3a - Struttura a raggi Fig. 3b - Struttura a catena Raggio Risposta Risposta Risposta Risposta Input Input Risposta Risposta Risposta Fig. 3c - Struttura a catena con polo Risposta Input Risposta Risposta Risposta Fig. 3. Tipologie di interazioni comunicative. dove a, b e g rappresentano pesi, fissati in questa versione del modello rispettivamente pari a 1, 2 e 3 in funzione dell efficacia delle diverse strutture. Il secondo strumento, detto «Indice di focalizzazione» (If) misura, a parità di Qd, l efficacia relativa della singola conversazione, in quanto focalizza l attenzione sul contributo delle strutture comunicative più efficaci (le catene ed i poli). Esso è calcolato secondo il seguente algoritmo, in cui b e g assumono i valori precedentemente indicati: (3) If = (b N catene + 1) (g N poli + 1) Gli indici Qd e If variano tra 1 e infinito, indicando un efficacia comunicativa crescente del singolo input e della connessa conversazione. Sulla base di quanto esposto, l efficacia di un input comunicativo fornito da un azienda può quindi essere valutata attraverso un set di cinque indicatori: a. Efficacia di stimolo; b. Tasso di concentrazione della conversazione; c. Intensità della discussione (Int); 481

12 d. Qualità della discussione (Qd); e. Indice di focalizzazione (If). Inoltre, l analisi longitudinale di tali indicatori consente di verificare l evoluzione delle interazioni tra gli attori del social network, permettendo all impresa di effettuare un fine tuning della propria strategia di comunicazione online. 3. L applicazione degli strumenti ad un caso reale Al fine di verificare l utilità del modello e degli indicatori proposti per la valutazione della comunicazione d impresa nei social network, si è ritenuto utile applicarlo ad un caso aziendale reale già analizzato con altri strumenti in letteratura (Pace et al. 2007; Cocciola 2001). In particolare, si è analizzato il caso di un artigiano, Maurizio Tombari (Mt), imprenditore pesarese operante nel settore delle pipe artigianali di pregio. Mt ha una presenza online di lunga durata, risalente al 1999 quando era attivamente presente nei più importanti newsgroup di fumatori di pipa (Pace et al. 2007). Seguendo la rivoluzione del Web 2.0, nel 2010 l artigiano ha aperto anche una pagina Facebook aziendale (Le Nuvole Pipes by Maurizio Tombari) in cui interagisce con i propri fan. Con riferimento ai newsgroup, Mt ha partecipato a tre di essi (tutti appartenenti al sistema Google Groups): a) Alt.smokers.pipes (dal 1999); b) De.alt.fan.tabak (dal 2004); c) Pipes and Tabacs (dal 2005). Dei circa 800 messaggi complessivamente «postati» da Mt dal 1999 ad oggi, l 85% ha riguardato il primo dei newsgroup indicati. Alt.smokers.pipes (Asp) è stato inaugurato nel 1994 ed ha raggiunto il massimo numero di post nel corso del 2002 con oltre post da tutto il mondo. Attualmente il newsgroup è nella sua fase di maturità con un numero di post nel 2011 pari ad appena l 8,3% rispetto all anno di picco (fig. 4). Come indicato, la presenza di Mt nei newsgroup ha inizio nel 1999 e perdura almeno fino a tutto il 2011, con un picco nel corso del Per quanto concerne Facebook, invece, la presenza è cominciata, come già accennato, ad inizio Al fine di analizzare il comportamento comunicativo di Tombari sui due strumenti considerati (newsgroup e Facebook) si è ritenuto utile analizzare tutti i post del periodo in cui l imprenditore ha operato contemporaneamente su di essi. Dato che il newsgroup Alt.smokers.pipes (Asp) ha attraversato fasi del ciclo di vita particolarmente diverse, è sembrato utile analizzare anche i post relativi ad alcuni anni a vario titolo significativi: 482

13 Post pubblicati dagli utenti Crescita Maturità Avvio gen-94 gen-95 gen-96 gen-97 gen-98 gen-99 gen-00 gen-01 gen-02 gen-03 gen-04 gen-05 gen-06 gen-07 gen-08 gen-09 gen-10 gen-11 gen-12 Fig. 4. Post cumulati pubblicati in Asp. Tab. 1. Input iniziali di Tombari Anno Alt.smokers.pipes* Facebook Totale (46) (75) (75) (22) (44) (27) Totale (*) Il numero indica i post iniziali di Tombari (quelli che danno inizio a una discussione). Fra parentesi viene riportato il numero di post totali inseriti da Tombari, compresi quelli di risposta ad input di altri iscritti al newsgroup. a. 1999: primo anno di presenza di Mt su Asp; b. 2002: anno in cui il newsgroup ha raggiunto il picco di post; c. 2004: anno in cui Mt ha raggiunto il massimo numero di input personali; d. 2009: anno precedente all apertura della pagina Facebook. Infine, si è deciso di concentrare l attenzione sulle sole interazioni comunicative iniziate da Mt (i suoi «input»), corrispondenti a 111 post iniziali ed alle sue comunicazioni complessive, pari a 186 post (tab. 1). Al fine di facilitare l analisi dei risultati ottenuti applicando il modello e gli indicatori proposti alle interazioni indicate, si procederà dapprima analizzando i risultati conseguiti relativamente ai post dei 6 anni di presenza su Asp, successivamente si analizzeranno le comunicazioni 483

14 Tab. 2. Caratterizzazione degli input di Tombari su Asp Input totali Efficacia di stimolo 45,5% 70,8% 77,8% 80,0% 77,8% 75,0% Risposte totali Risposte medie per input 1,1 2,9 3,0 1,5 1,4 1,4 Attori interagenti Post annui in Asp sulla pagina Facebook nel periodo Gennaio 2010-Giugno 2011, infine si concluderà esaminando il periodo di coesistenza dei due strumenti. 4. Le interazioni comunicative sul newsgroup Alt.smokers.pipes I 111 input di Mt individuati si sono caratterizzati per un indice di «Efficacia di stimolo» compreso tra il 70% e l 80%, con l eccezione del primo anno, in cui solo un input su due ha avuto un qualche effetto in termini di output (tab. 2). Quest ultimo dato potrebbe essere spiegato con il fatto che Mt fosse a quel tempo un newcomer nella comunità, per cui i suoi post potevano essere visti con qualche diffidenza o non suscitare molto interesse. Ciò verrebbe confermato anche dal limitato numero di attori interagenti nelle conversazioni che l imprenditore ha intrapreso in quell anno (solo 6 contro una media di 17 nei 6 anni prescelti per l analisi). Allo stesso tempo, si nota che il raggiungimento della maturità da parte del newsgroup Alt.smokers.pipes ha indotto l artigiano a sperimentare altri Google Groups (De.alt.fan.tabak, dal 2004 e Pipes and Tabacs dal 2005) ed a ridurre progressivamente il numero di post su Asp, passando dai circa 70 dei primi 6 anni di presenza su Asp ai 30/40 degli ultimi 3. L applicazione del modello proposto ai singoli anni presi in considerazione evidenzia un importante correlazione positiva tra il grado di efficacia (valutato attraverso i cinque indicatori precedentemente proposti) dei singoli input immessi da Mt e la maturità della presenza dell imprenditore sul newsgroup. Analizzando il piano delle conversazioni del 1999 e del 2002 (figg. 5 e 6) in cui le bolle non sono scomposte in quanto nel newsgroup non sono previste risposte chiuse si registra un incremento delle conversazioni che si collocano nel quadrante in alto a sinistra («molti parlano e parlano molto»). L evidenza in parola è confermata dall analisi del piano delle conversazioni del 2004 in cui pur in presenza di una riduzione degli input, ma di un contemporaneo aumento dell indice di Efficacia di stimolo si evidenzia un numero di conversazioni efficaci uguale (fig. 7). 484

15 Intensità della discussione % Intensità media (10,75) ASP013 20% 40% 60% 80% 100% Tasso di concentrazione Fig. 5. Il piano delle conversazioni iniziate da Tombari in Asp nel Tasso di conc. medio (94,04%) ASP004; ASP021 ASP009; ASP012 Intensità della discussione % ASP082 Intensità media (10,75) ASP071 ASP039 ASP038; ASP042; ASP055 20% 40% 60% 80% 100% Tasso di concentrazione Fig. 6. Il piano delle conversazioni iniziate da Tombari in Asp nel Tasso di conc. medio (94,04%) ASP047; ASP073 Gruppo di 9 conversazioni Le conversazioni relative agli anni della maturità del newsgroup ( ), infine, identificano una sostanziale perdita di efficacia delle comunicazioni iniziate da Mt (figg. 8, 9 e 10), nonostante l efficacia di stimolo risulti in linea, se non addirittura superiore (2009), a quella di periodi precedentemente analizzati. L impatto della maturità dei Google Groups e quindi della concentrazione dei post e, verosimilmente, degli attori in esso interagenti è 485

16 Intensità della discussione Intensità media (10,75) ASP131 ASP123 ASP132; ASP141 ASP117 Tasso di conc. medio (94,04%) ASP114 Gruppo di 8 conversazioni 0 0% 20% 40% 60% 80% 100% Tasso di concentrazione Fig. 7. Il piano delle conversazioni iniziate da Tombari in Asp nel Intensità della discussione % Intensità media (10,75) 20% 40% 60% 80% 100% Tasso di concentrazione Fig. 8. Il piano delle conversazioni iniziate da Tombari in Asp nel Tasso di conc. medio (94,04%) ASP153 Gruppo di 8 conversazioni Gruppo di 3 conversazioni confermato dall utilizzo degli indicatori Qd ed If. Quanto al primo (Qd) si evidenzia che le conversazioni più efficaci sono concentrate nei primi tre anni considerati (1999, 2002, 2004), quando il newsgroup si caratterizzava ancora per elevati livelli di «traffico» (fig. 11). L indice If, invece, risulta elevato solo in due casi relativi, rispettivamente, al 1999 ed al 2004 (fig. 12). 486

17 18 16 Gruppo di 2 conversazioni Intensità della discussione Intensità media (10,75) Tasso di conc. medio (94,04%) ASP179 Gruppo di 8 conversazioni Gruppo di 10 conversazioni 0 0% 20% 40% 60% 80% 100% Tasso di concentrazione Fig. 9. Il piano delle conversazioni iniziate da Tombari in Asp nel ASP207 Intensità della discussione % Intensità media (10,75) 20% 40% 60% 80% 100% Tasso di concentrazione Fig. 10. Il piano delle conversazioni iniziate da Tombari in Asp nel Tasso di conc. medio (94,04%) Gruppo di 2 conversazioni Gruppo di 4 conversazioni Gruppo di 5 conversazioni Comparando i valori di Qd ed If con riferimento alle singole interazioni si evidenzia una significativa differenza. Ad esempio, l input Asp013 (che raggiunge i livelli massimi dei due indicatori) passa da un Qd di 70 ad un If di 35. Tale evidenza mostra chiaramente che le interazioni generate dagli input di Mt sono essenzialmente di tipo radiale, ovvero caratterizzate da minore efficacia comunicativa. Significativo, in 487

18 80 70 ASP ASP039 ASP123 ASP071 ASP131 ASP ASP114 ASP047 ASP179 0 ASP036 QD1999 QD2002 QD2004 QD2009 QD2010 QD2011 Fig. 11. Qualità della discussione (Qd) nelle conversazioni iniziate da Tombari in Asp ASP013 Indice di focalizzazione (unità) ASP047 ASP039 ASP114 ASP117 ASP123 ASP071 ASP131 ASP179 ASP073 ASP082 0 IF2002 IF1999 IF2004 IF2009 IF2010 IF2011 Fig. 12. If delle conversazioni iniziate da Tombari in Asp. tal senso, il caso della conversazione Asp082 che ha un Qd di 45 (il secondo in ordine decrescente) ed un If di 5. L analisi delle singole interazioni evidenzia quindi che le variabili considerate nel piano delle conversazioni (intensità e concentrazione) forniscono elementi conoscitivi differenti rispetto agli indici Qd ed If, per cui l integrazione degli strumenti contribuisce ad una più attenta valutazione dell efficacia comunicativa dell azienda. 488

19 5. Le interazioni comunicative sulla pagina Facebook Come precedentemente indicato, il modello di analisi proposto è stato pensato per essere applicato a diverse tipologie di strumenti Web 2.0, per cui è necessario effettuare degli adattamenti del modello alle caratteristiche dello specifico canale di comunicazione. Per quanto riguarda Facebook ed in particolare la pagina gestita da Mt si sono resi necessari i seguenti adattamenti: a. gli input di Mt in Facebook sono rappresentati prevalentemente da album fotografici contenenti una pluralità di foto delle collezioni di pipe create dall artigiano. Il concetto di input è stato quindi applicato all album nel suo complesso e non alla singola foto. Pertanto, ogni risposta relativa ad una singola immagine è stata considerata come risposta collegata al catalogo a cui la stessa appartiene; b. l imprenditore tende ad inserire gli album fotografici sulla propria pagina aziendale in Facebook facendoli seguire da un messaggio di testo che introduce l album stesso. Pur trattandosi tecnicamente di due input diversi, si è ritenuto opportuno considerarli un unica entità, stante il comune obiettivo comunicativo; c. a differenza dei newsgroup, la struttura delle conversazioni in Facebook, al momento dello studio, non consentiva di «commentare i commenti», il che avrebbe reso impossibile l instaurarsi di interazioni comunicative del tipo «a catena». Data l importanza di tale schema comunicativo, si è quindi ritenuto opportuno effettuare un analisi dettagliata del contenuto dei messaggi. Sono stati classificati come riferiti all input iniziale (e quindi considerati come raggi) i commenti in cui il rapporto con il commento precedente non risultasse evidente dal testo del messaggio stesso. Come anticipato, la presenza di Maurizio Tombari su Facebook con una propria pagina aziendale diversa da quella personale che non è dedicata solo all attività imprenditoriale, ma anche ai suoi interessi extra-lavorativi ha avuto inizio nel mese di Gennaio del Conseguentemente, l analisi ha riguardato i post immessi da Mt da tale data al 30 giugno 2011, per complessivi 75 input che hanno generato un indice di Efficacia di stimolo del 96%, ben superiore a quelli precedentemente registrati su Asp. È però da tener presente che in Facebook esiste la possibilità della risposta chiusa «Mi piace», che facilita l interazione degli altri attori rispetto all input del gestore della pagina aziendale. In tal senso, è da notare che scorporando dalle risposte generate dai 75 input di Tombari quelle chiuse (i «Mi Piace»), l indice di efficacia di stimolo 489

20 scende al 58,66%. Tale risultato non deve però indurre a considerare l efficacia della comunicazione di Mt sulla pagina Facebook più limitata rispetto ad Asp, in quanto anche i «Mi piace» possono risultare utili per l imprenditore. Il posizionamento delle interazioni sul «piano delle conversazioni» evidenzia una sostanziale equi-distribuzione fra tre dei quattro quadranti. Più specificatamente, su 75 conversazioni (di cui solo tre sterili) oltre due terzi si collocano nei due quadranti di sinistra, caratterizzati da un elevato numero di attori che interagiscono a seguito dell input (figg. 13 e 14). Come anticipato, tale interessante risultato è fortemente condizionato dalla significativa presenza di risposte chiuse («Mi piace»), tanto che solo in 6 dei casi analizzati le risposte aperte sono risultate maggioritarie. Con riferimento ai quadranti di destra in cui ci sono interazioni con un limitato numero di attori si nota una concentrazione quasi esclusiva delle conversazioni (23 su 25) nel quadrante in basso, dove «in pochi parlano poco». Ciò induce a ritenere che gli input dell imprenditore non generano interazioni assimilabili a «battibecchi polemici» ma tendono a promuovere interventi di attori distinti. Allo stesso tempo, però, le comunicazioni generate dall imprenditore sono sostanzialmente di tipo radiale, ovvero ad efficacia comunicativa più limitata. Significativo, in tal senso, il caso della conversazione 57, che è al top della graduatoria sia per Qd che per If; tuttavia, mentre per il primo indicatore raggiunge un punteggio di 396, il secondo si attesta solo al livello di 12 (contro il valore 35 del messaggio più efficace mai postato su Asp). Simile situazione si può rinvenire per l interazione 52, seconda per entrambi gli indici (288 vs 9) (figg. 15 e 16). Tenuto conto del più limitato numero di attori interagenti all interno della pagina Facebook (al fine giugno 2011 i fan della pagina erano circa 300, contro i circa partecipanti del newsgroup), i più alti livelli di efficacia di stimolo raggiunti nel social network rispetto ad Asp sembrerebbero confermare l importanza dell ambiente comunicativo sull efficacia della comunicazione. In altri termini, il pubblico più ristretto sembra favorire l interazione rispetto ad un dato input; per questo motivo, si è operato un confronto relativo a 19 input postati su Facebook, aventi lo stesso contenuto di altrettanti post immessi sul newsgroup nello stesso intervallo temporale. Un primo fondamentale risultato riguarda l efficacia di stimolo che è totalitaria in Facebook e più contenuta anche se comunque elevata (78,95%) su Asp; nonostante la platea più vasta e quindi la maggior possibilità di interazione gli input risultano più efficaci quando il pubblico è più ristretto. Ciò è confermato dal confronto fra i livelli di Qd: 823 in Facebook e 43 in Asp. Allo stesso tempo, il numero di risposte 490

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche Fondazione Minoprio - corso ITS Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche I social media Facebook La maggior parte dei proprietari di piccole aziende hanno dichiarato

Dettagli

PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information

PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information Inside Marketing rappresenta il passo in avanti necessario per lavorare in un ambiente sempre più multitasking e sempre più ricco di stimoli. Il

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000

MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000 INDICE 1. LA PREMESSA... 3 2. PERCHÈ IMPIEGARE FACEBOOK PER IL PROPRIO BUSINESS?... 4 3. CHE COS È MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL... 6 4.

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI:

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: Reputazione online NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: FONDAMENTI DI COMUNICAZIONE DIGITALE: LE REGOLE DEL WEB NUOVI OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE: DAL BRAND ALL IDENTITÀ DIGITALE DEFINIZIONE DI WEB REPUTATION

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Case history Miss Broadway

Case history Miss Broadway E giunto il momento per i brand di non preoccuparsi più dei social media, ma solo di goderne i benefici. Case history Miss Broadway Paglieri Sell System Miss Broadway http://www.missbroadway.it/ http://www.facebook.com/miss.broadway.makeup

Dettagli

SDA Bocconi School of Management Il controllo di gestione nel percorso di day surgery. Francesca Lecci

SDA Bocconi School of Management Il controllo di gestione nel percorso di day surgery. Francesca Lecci SDA Bocconi School of Management Il controllo di gestione nel percorso di day surgery Francesca Lecci 1 Agenda 1. Premessa 2. L azione sui ricavi 3. L azione sui costi 4. Conclusioni Agenda 1. Premessa

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Enrico Bertoldo Marketing Director Stefano Marongiu Customer Segment Manager Andrej Crnjaric Social Media Specialist 2009 Amadeus IT Group SA

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS. in collaborazione con

STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS. in collaborazione con STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS in collaborazione con FACEBOOK PER IL BUSINESS MODULO BASE A giugno 2014 Facebook festeggia 30 milioni di piccole imprese attive con una pagina aziendale sui propri canali.

Dettagli

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management Progetto di ricerca del CeRCA Centro di Ricerca sul Cambiamento e Apprendimento Organizzativo Prof. Vittorio D'Amato Direttore CeRCA 2 Indice Il CeRCA

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Presentazione della ricerca AZIENDE ITALIANE E SOCIAL MEDIA EDIZIONE 2013. Spazio Eventi Mondadori Multicenter Milano, 20 Febbraio 2013

Presentazione della ricerca AZIENDE ITALIANE E SOCIAL MEDIA EDIZIONE 2013. Spazio Eventi Mondadori Multicenter Milano, 20 Febbraio 2013 Presentazione della ricerca AZIENDE ITALIANE E SOCIAL MEDIA EDIZIONE 2013 Spazio Eventi Mondadori Multicenter Milano, 20 Febbraio 2013 INDAGINE Introduzione: obiettivi

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network + FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network A cura di Roberta Garibaldi e Roberto Peretta Ed. FrancoAngeli 2011 I contenuti generati dagli utenti hanno oggi una riconosciuta importanza

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Analisi statistiche web mendrisiottoturismo.ch. Gennaio - giugno 2014

Analisi statistiche web mendrisiottoturismo.ch. Gennaio - giugno 2014 Analisi statistiche web mendrisiottoturismo.ch Gennaio - giugno 2014 Indice Obiettivo e analisi Visite I sem. 2014 Lingue e provenienza utenti Canali di provenienza Parole chiave e flusso utenti Tipologia

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Per adottare un nuovo metodo di lavoro nel B2B

MARKETING AUTOMATION Per adottare un nuovo metodo di lavoro nel B2B 03 MARKETING AUTOMATION Per adottare un nuovo metodo di lavoro nel B2B Contenuti 3.0 3.1 Marketing Automation, esempi e strategie per nuove opportunità nel B2B Applicazione e vantaggi di un metodo innovativo

Dettagli

Influenza e uso dei social network per il messaggio politico. alessandro scartezzini

Influenza e uso dei social network per il messaggio politico. alessandro scartezzini Influenza e uso dei social network per il messaggio politico alessandro scartezzini CHI SONO http://www.linkedin.com/pub/alessandro-scartezzini/0/393/721 alessandro@webperformance.it - Dal 2010 fondatore

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Facebook in numeri. mobile. utenti. applicazioni. interazioni

Facebook in numeri. mobile. utenti. applicazioni. interazioni Facebook in numeri mobile Più di 350 MILIONI DI UTENTI accedono a Facebook attraverso device mobili. utenti Più di 800 MILIONI DI UTENTI ATTIVI. Il 50% di loro si logga ogni giorno e ha una media di 130

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

Rivoluzione HR. human resource revolution

Rivoluzione HR. human resource revolution Rivoluzione HR human resource revolution L a tecnologia sta modificando le abitudini e lo stile di vita delle persone ma, nel nuovo mondo che verrà sarà il loro modo di pensare che dovrà cambiare. Ogni

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Strumenti per i Social Media a supporto del Marketing Digitale. 23 Novembre 2015 Antonio Parlato

Strumenti per i Social Media a supporto del Marketing Digitale. 23 Novembre 2015 Antonio Parlato Strumenti per i Social Media a supporto del Marketing Digitale 23 Novembre 2015 Antonio Parlato Contesto Social Convivenza Utenti e Brand Nuovi canali, nuove figure professionali (spesso incomprensibili)

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

develon web d.social il potere della conversazione develon.com

develon web d.social il potere della conversazione develon.com develon web d.social il potere della conversazione develon.com Facebook, Twitter, Flickr, YouTube, forum tematici, blog, community... Qualcuno dice che il Web 2.0 ha cambiato il mondo. Qualcun altro, meno

Dettagli

Marketing e comunicazione

Marketing e comunicazione 1 Marketing e comunicazione Dal sito al portale: un evoluzione basilare Corticelli Comunicazione s.a.s - Amm. Dr. Paolo Corticelli Hooray Group SA Amm. Dr.ssa Sabrina Princigalli 2 Una considerazione di

Dettagli

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Toni Muzi Falconi Methodos SpA New York University Firenze, 17 maggio 2009 Alla fine del secolo scorso lo sviluppo delle nuove

Dettagli

Fare business sul web: 5 regole fondamentali per le PMI

Fare business sul web: 5 regole fondamentali per le PMI Fare business sul web: 5 regole fondamentali per le PMI Impresa 2.0 Bologna, 8 giugno 2011 Chi sono Mi occupo di marketing online dal 2000 Digital Marketing Manager freelance da aprile 2011 Blogger dal

Dettagli

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta.

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. Parlare di sessione online è ormai obsoleto: oggi non si va più online, si vive

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

EMBA Executive Master in Business Administration

EMBA Executive Master in Business Administration Master Universitario EMBA Executive Master in Business Administration Master Universitario di Secondo Livello part-time 1 a EDIZIONE OTTOBRE 2015 MARZO 2017 LIUC UNIVERSITÀ CATTANEO La LIUC Università

Dettagli

DIGITAL MARKETING 101 EDIZIONE 2015

DIGITAL MARKETING 101 EDIZIONE 2015 DIGITAL MARKETING 101 EDIZIONE 2015 INTRODUZIONE Il corso Digital Marketing 101 ha l obiettivo di fornire ai partecipanti elementi utili per capire le strategie di Digital Marketing & PR e approfondire

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 info@blue-group.

BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 info@blue-group. BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 E-mail info@blue-group.it Il Cilea, l Engineering nel settore dell industria

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI Città di Biella MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE MEDAGLIA D ARGENTO AL MERITO CIVILE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI Settore affari del personale

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo

Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Sistemi per le decisioni Dai sistemi gestionali ai sistemi di governo Obiettivi. Presentare l evoluzione dei sistemi informativi: da supporto alla operatività a supporto al momento decisionale Definire

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) L IMPATTO SULLA GESTIONE LA MISURAZIONE DELL IMPATTO IL SUPPORTO ALLA CREAZIONE DEL VALORE L INTEGRAZIONE ESIGENZE DEL BUSINESS

Dettagli

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG

PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG PRESENTAZIONE N #9 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG 16 gennaio 2015 OLTRE LA SCRITTURA: IL COMPORTAMENTO NELLA RETE SUI BLOG Introduzione Le attività dei blogger I social influencer

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

AB&A comunicazione: l agenzia con un cuore digitale

AB&A comunicazione: l agenzia con un cuore digitale AB&A comunicazione: l agenzia con un cuore digitale Un gruppo compatto e professionale, un esperienza pluriennale, un approfondita conoscenza del mondo della comunicazione in tutte le sue sfaccettature,

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

AL RICONOSCIMENTO DELLE STARTUP A VOCAZIONE SOCIALE. La nuova procedura per accedere ai vantaggi fiscali

AL RICONOSCIMENTO DELLE STARTUP A VOCAZIONE SOCIALE. La nuova procedura per accedere ai vantaggi fiscali GUIDA AL RICONOSCIMENTO DELLE STARTUP A VOCAZIONE SOCIALE La nuova procedura per accedere ai vantaggi fiscali Il rischio dell Italia è di città straordinariamente belle ma città del passato. La sfida è

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

PERSONE, STORIE E AMBIENTI DEL WEB

PERSONE, STORIE E AMBIENTI DEL WEB PERSONE, STORIE E AMBIENTI DEL WEB Flavia Rubino, 23 Gennaio 2016 1) La potenza della Rete Il web è, come tutti sappiamo, una grande ricchezza se usata bene, ma anche una causa di disinformazione se usata

Dettagli

Analisi dei dati destrutturati in italiano per Oracle Endeca

Analisi dei dati destrutturati in italiano per Oracle Endeca 01.net 13-FEB-2013 Collaboration Analisi dei dati destrutturati in italiano per Oracle Endeca Merito dell integrazione con la piattaforma Iride di Almawave, che unisce le funzionalità di Information discovery

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Il Check-up dell innovazione, edizione 2008-09

Il Check-up dell innovazione, edizione 2008-09 Il Check-up dell innovazione, edizione 2008-09 Paolo Pasini Professore di Sistemi Informativi Direttore Osservatorio Business Intelligence e Performance Management Filippo Fabrocini Business Development

Dettagli

Web Communication Strategies

Web Communication Strategies Web Communication Strategies The internet is becoming the town square for the global village of tomorrow. Bill Gates 1 ottobre 2013 Camera di Commercio di Torino Barbara Monacelli barbara.monacelli@polito.it

Dettagli

Bet Analytics The Social Betting Strategy

Bet Analytics The Social Betting Strategy Bet Analytics The Social Betting Strategy Antonino Marco Giardina Aprile 2012 My Business Idea Founder Nome: Antonino Marco Giardina Studi: Laurea Magistrale in Statistica, Economia e impresa - Università

Dettagli

SOCIAL MEDIA MARKETING L ESPERIENZA ERREA REPUBLIC. Marketing Club, Parma Febbraio 2011

SOCIAL MEDIA MARKETING L ESPERIENZA ERREA REPUBLIC. Marketing Club, Parma Febbraio 2011 SOCIAL MEDIA MARKETING L ESPERIENZA ERREA REPUBLIC Marketing Club, Parma Febbraio 2011 ERREA REPUBLIC Nel 2010 scoppia la moda dei pantaloni Erreà Drake. La linea si evolve in nuovi modelli e in nuovi

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

EURONICS: IL NUOVO PORTALE ECOMMERCE FIRMATO REPLY

EURONICS: IL NUOVO PORTALE ECOMMERCE FIRMATO REPLY EURONICS: IL NUOVO PORTALE ECOMMERCE FIRMATO REPLY Per Euronics la scelta di intervenire radicalmente sul proprio portale web è frutto di un cambiamento che mette al centro il presidio delle tecnologie

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Conoscendo l evoluzione storica della moda, è possibile affermarne la caratteristica di variabilità nel tempo, che dà vita ad un processo di cambiamento continuo,

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Roberto Musa Consulenze Informatiche. P.IVA 03348400924 Via Sac. Lampis, 6 09031 Arbus (VS) Tel. 3495135913 E-mail: info@robertomusa.

Roberto Musa Consulenze Informatiche. P.IVA 03348400924 Via Sac. Lampis, 6 09031 Arbus (VS) Tel. 3495135913 E-mail: info@robertomusa. Il SEO (Search Engine Optimizing) è un attività atta a dar visibilità ad un sito che sta guadagnando negli ultimi anni sempre maggior risalto nelle strategie di web marketing delle aziende. Avere il sito

Dettagli