PROVINCIA DI SAVONA PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA. Dicembre 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI SAVONA PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA. Dicembre 2007"

Transcript

1 PROVINCIA DI SAVONA SETTORE DIFESA DEL SUOLO E TUTELA AMBIENTALE SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA Dicembre 2007 A cura di: Dott.Geol. Franco Mazzoli - Dott.Ing. Matteo Delbuono Dott.Geol. Simona Cuttica - Dott.Geol. Fiammetta Rava PREMESSA E NORMATIVA L.R. 17/02/2000 N. 9 art.4 Competenze della PROVINCIA Mappe di Rischio PREDISPOSIZIONE Programmi Provinciali di Previsione e Prevenzione 1/3 1

2 PREMESSA E NORMATIVA L.R. 17/02/2000 N. 9 art.4.è compito della Provincia la realizzazione del Piano di Emergenza conseguente all elaborazione ed aggiornamento dei dati di rischio nel relativo ambito territoriale anche sulla base dei dati raccolti da altri Enti o Amministrazioni : Programma Provinciale di Previsione e Prevenzione Documento fondativo che definisce gli indirizzi e le procedure per la realizzazione di attività finalizzate alla riduzione del rischio 2007: 1) Analisi del sistema ambientale ed antropico di riferimento Valutazione degli strumenti di programmazione disponibili 2) Individuazione degli obiettivi del Piano 3) Definizione di un MODELLO D INTERVENTO UNIVOCO 2/3 PREMESSA E NORMATIVA Legge Regionale n 9/2000 DEFINISCE GLI AMBITI D INTERVENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE Rischio idrogeologico (alluvioni, frane, neve) Rischio sismico Rischio industriale derivante dalla lavorazione, stoccaggio e trasporto di sostanze pericolose Incendi boschivi ed incendi che, per natura ed estensione, acquisiscono connotazione tale da diventare evento di Protezione Civile (es. incendi d interfaccia) Ogni altra calamità che si verifichi sul territorio regionale SCENARI DI RISCHIO 3/3 2

3 STRUTTURA DEL PIANO CAPITOLO 1 CAPITOLO 2 INTRODUZIONE GENERALE ANALISI DEL TERRITORIO - Profilo amministrativo - Ambito territoriale Ottimale (A.T.O.) - Azienda Sanitaria Locale - Profilo fisico-territoriale - Assetto della popolazione - Reti di comunicazione CAPITOLO 3 - Linee elettriche e condotto interrate (oleodotti, gasdotti) - Risorse umane - Infrastrutture viarie e fabbricati ANALISI DEI RISCHI - Rischio idrogeologico - Rischio sismico - Rischio siccità - Rischio industriale - Rischio incendi boschivi - Rischio da trasporto merci pericolose - Altri tipi di rischio 1/2 STRUTTURA DEL PIANO CAPITOLO 4 SCENARI DI RISCHIO - Rischio idrogeologico - Rischio siccità - Rischio incendi boschivi - Rischio sismico - Rischio da trasporto merci pericolose - Rischio industriale CAPITOLO 5 AMBITI OMOGENEI IN RAGIONE DEI RISCHI ATTESI CAPITOLO 6 SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELLA PROVINCIA E GESTIONE DELLE EMERGENZE - Il S.I.T. provinciale - Il sistema SIRIO - Il software DATASIEL di Protezione Civile - Il sistema di raccolta dati per la gestione dell emergenza CAPITOLO 7 PROCEDURE D INTERVENTO PER LE DIVERSE TIPOLOGIE DI RISCHIO - Procedure d intervento - Informazione alla popolazione e ai mass media - Procedure d attivazione 2/2 3

4 ANALISI DEL TERRITORIO 69 COMUNI Superficie 1545 kmq 4 COMUNITA MONTANE Abitanti Densità 183 ab/kmq Servizio Idrico Integrato (art. 8 L. 36/1994) Ambito Territoriale Ottimale A.T.O. Elemento territoriale elementare entro cui viene organizzato il servizio idrico integrato Autorità d Ambito Insieme di comuni e province di ogni A.T.O. che, nel caso ligure, operano tramite una Convenzione di Cooperazione. Gestione dei Rifiuti A.T.O. Rifiuti Competenze definite dal Piano Provinciale per la Gestione dei Rifiuti 1/3 ANALISI DEL TERRITORIO Ambito1 - Albenganese Ambito2 - Finalese Ambito3 - Valbormidese Ambito4 Savonese 2/3 4

5 ANALISI DEL TERRITORIO Le problematiche ambientali possono essere legate alle caratteristiche proprie del territorio e a come queste vengono tutelate: Geomorfologia Geologia Fenomeni erosivi Salto del meandro Il caso di Gorra 3/3 IDROGRAFIA SUPERFICIALE Corsi d acqua iscritti nell elenco delle acque pubbliche della Provincia di Savona (R.D. 11/07/1941 e D.P.R. 30/06/1954) Corsi d acqua demaniali (Regione Liguria cartografia catastale 1:5000). Carta del Reticolo Idrografico Principale TAVOLA 13 Fonte: Servizio Piani di Bacino Piano di Bacino stralcio per il Rischio Idrogeologico art. 1 comma 1 D.L. 180/1998 convertito in L. 267/98 CARTE DI PERICOLOSITÀ Carta Suscettività Dissesto di Versante TAVOLA 8 Carta Fasce di Inondabilità TAVOLA 9 1/5 5

6 IDROGRAFIA SUPERFICIALE Fonte: Servizio Piani di Bacino 2/5 IDROGRAFIA SUPERFICIALE ANALISI CONDOTTA SU ALCUNI BACINI RICADENTI ALL INTERNO DEL TERRITORIO PROVINCIALE Versante Tirrenico Fiume Centa T. Varatella T. Nimbalto T. Maremola T. Pora T. Sciusa T. Crovetto T. Segno T. Quiliano T. Letimbro T. Sansobbia T. Teiro Versante Padano Bormida di Millesimo Bormida di Pallare Bormida di Mallare Bormida di Spigno Torrente Valla Torrente Letimbro: sistemazione sotto il profilo idraulico del Torrente Letimbro prospiciente la V Cappelletta (sponda destra) Rio Coreallo, bacino del torrente Crovetto, Spotorno: imbocco della copertura Fiume Centa: localizzazione dell intervento di sistemazione delle opere idrauliche a protezione degli argini (asta terminale) 3/5 6

7 IDROGRAFIA SUPERFICIALE SITUAZIONE AL SETTEMBRE 2005 SITUAZIONE AL NOVEMBRE 2007 Regimazione acque meteoriche di provenienza autostradale Situazione dell imbocco della tombinatura Stato attuale della risagomatura dell alveo 4/5 IDROGRAFIA SUPERFICIALE Esempio di carta derivata dall analisi del territorio. Carta del censimento delle situazioni di microcriticità. 5/5 7

8 Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche Fonte dei dati: EVENTI ALLUVIONALI dichiarazione dello stato di emergenza dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile PROBLEMATICHE IDRAULICHE E IDROGEOLOGICHE Segnalazioni Prefettura Segnalazioni C.F.S. Segnalazioni Comunali di danno alle opere pubbliche Segnalazioni Enti Locali (Comunità Montane) Segnalazioni di Privati Servizio Protezione Civile Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche ARTICOLAZIONE del LAVORO 1) Valutazione delle segnalazioni pervenute 2) Inserimento nel database cartografico dell ubicazione e dei dati relativi alle segnalazioni pervenute Danni Alluvionali 2005 (Non ancora compresi nello studio 2005) DATA-BASE Cartografico 300 SEGNALAZIONI Danni Alluvionali 2006 Segnalazioni di problematiche idrauliche e idrogeologiche TAVOLA 1: Censimento delle segnalazioni 8

9 Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche 3) Analisi cartografica delle condizioni a contorno Livello di antropizzazione Presenza della rete viaria Presenza del reticolo idrografico 4) Sopralluoghi sui siti stabiliti Rilevamento dello stato dei luoghi Valutazione speditiva delle condizioni idrogeologiche geomorfologiche e il grado di antropizzazione a contorno Rilevamento fotografico Analisi critica allo scopo di individuare i siti rilevanti in ambito di rischio idraulico e idrogeologico 9

10 Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche Albenga Albissola Marina Albisola Superiore Altare Arnasco Borghetto S.S. Casanova Lerrone Cairo Montenotte Celle Ligure Cisano sul Neva Erli Finale Ligure Giustenice Laigueglia Ortovero Plodio Pontinvrea Savona Stella Stellanello Testico Urbe Varazze Vezzi Portio Villanova d Albenga Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche 5) Redazione delle schede di microcriticità 10

11 Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche Attraversamenti 11

12 Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche Occupazione dell alveo ed arginature insufficienti Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche Tombinature 12

13 Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche Erosioni Dissesti Esempi sul territorio 13

14 Albisola Superiore Loc. Magrania Altare Centro urbano 14

15 Stella San Giovanni Urbe Loc. Vara Inferiore 15

16 Celle Ligure Centro urbano Albenga Loc. Salea 16

17 Finale Ligure Marina Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche Data-base 172 microcriticità individuate 17

18 Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche Figura1:DistribuzionedelleMicrocriticitàindividuatenelcorsodellostudiodel2007 Figura 2: Distribuzione delle Microcriticità individuate nel corso dello studio del 2005 e del 2007 Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche 18

19 Censimento danni alluvionali ed aggiornamento del Piano Microcriticità idrauliche ed idrogeologiche Conclusioni: Alta densità del tessuto urbano Carenza della regimazione delle acque meteoriche superficiali Aumento delle aree impermeabilizzate (aumento urbanizzazione e colture intensive) Scarsa manutenzione delle aree terrazzate ex-coltive Mutamenti del regime pluviometrico STRADE PROVINCIALI RETI DI COMUNICAZIONE AUTOSTRADE A10 Genova Ventimiglia Genova-Savona (Società Autostrade per l Italia) Savona-Ventimiglia (Società Autostrada dei Fiori) A6 Torino Savona (Società A.T.S.) LINEE FERROVIARIE (ItalFerr) Milano Genova Ventimiglia 2010: Raddoppio Genova Ventimiglia con spostamento a monte 1/2 19

20 RETI DI COMUNICAZIONE Fonte STRADE PROVINCIALI AUTOSTRADE 2/2 Deposito costiero Comune di Quiliano Società per Azioni Raffineria Padana Olii Minerali (SARPOM) RETI DI DISTRIBUZIONE OLEODOTTI D. Lgs. 334/99 Riceve petrolio da navi cisterne (sea lines 32 / 36 di diametro) Invia petrolio SARPOM Trecate (NO) (oleodotto di circa 145 km, diametro di 20 ) Smista petrolio (condotte da 8 ) Petrolig (Vado Ligure) ERG (Savona) Centri abitati più prossimi: 1 Zinola (fraz. Di Savona), 2 km 2 Comune di Savona, 2 km 3 Comune di Vado Ligure, 1.5 km Vie di comunicazioni più prossime: 1 Autostrada Genova Ventimiglia A-10 (0.5 km); 2 Autostrada Torino Savona A-6 3 Linea ferroviaria Genova Ventimiglia (0.5 km) 4 S.P. 1 Aurelia (0.5 km) 1/5 20

21 RETI DI DISTRIBUZIONE OLEODOTTI Società per Azioni Raffineria Padana Olii Minerali (SARPOM) Deposito costiero di olii minerali 2/5 SNAM Rete Gas Nazionale km di condotte - Diametro da 25 a mm - P tra 0,5 e 75 bar RETI DI DISTRIBUZIONE GASDOTTI Descrizione Lunghezza (km) Diametro (mm) M Alessandria Cairo M M Ponente ligure tratto Carcare - Andora M Ponente Ligure tratto Andora S. Remo M Ponente Ligure tratto Ponti - Cosseria M Cuneo Cosseria tratto Ceva - Cengio M Cairo M. - Savona M Carcare - Cosseria M Cuneo Cosseria tratto Cengio - Cosseria Aggionamento: 30/06/2004 3/5 21

22 RETI DI DISTRIBUZIONE GASDOTTI 4/5 Comparto costiero di LEVANTE (Da NOLI a VARAZZE) RETI DI DISTRIBUZIONE ACQUEDOTTI UNICO SOGGETTO GESTORE (Società Acquedotto di Savona S.p.A ) Comparto costiero di PONENTE NON ESISTE ANCORA UN SISTEMA IDRICO UNITARIO Comparto PADANO FORTE FRAMMENTAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE Sfruttamento degli acquiferi di qualità scadente Acquiferi fortemente vulnerabili ad episodi di contaminazione L eccessiva frammentazione delle opere di presa Impossibilità di interscambio delle risorse captate Problema del salt-wedge (cuneo salino) 5/5 22

23 RISCHIO SICCITA Dal Piano Provinciale per il superamento di situazioni di emergenza idrica, anno 2003 SITUAZIONI DI CRISI INCIDENTI (inquinamento, disfunzioni, rotture negli impianti, etc.) Scenario improvviso e imprevisto PERIODI SICCITOSI Sviluppo progressivo CLASSIFICAZIONE dei comuni a rischio secondo fattori determinanti Aumento stagionale della popolazione Rapporto tra Volume Addotto / Volume Consumato - stima delle perdite degli impianti - Quantificazione delle precipitazioni Segnalazioni di interventi di rifornimento idrico 1/4 RISCHIO SICCITA FONTE: Regione Liguria 2/4 23

24 Fattori che determinano le classi di rischio dei diversi comuni RISCHIO SICCITA Fonte: A.T.O. Provincia di Savona 3/4 RISCHIO SICCITA 4/4 24

25 RISCHIO IDROGEOLOGICO IDENTIFICAZIONE DELLE REGIONI OMOGENEE FONTE:Studio CIMA Università di Genova Regione Liguria Le tempeste della stagione autunnale presentano tutte una struttura meteorologica simile, caratterizzata dall ingresso nell area mediterranea di perturbazioni di origine atlantica, il cui movimento verso est è spesso rallentato dalla presenza di un blocco di alta pressione sull Europa orientale. Unitamente alla temperatura mediamente alta del mare nella stagione autunnale, all interno delle perturbazioni si formano celle temporalesche che generano precipitazioni di notevole intensità. Sensori di Precipitazione Sensori di Livello Idrometrico L omogeneità statistica nel campo di precipitazione è prodotta dall omogeneità nei meccanismi le generano IDENTIFICATA COME OMOGENEA la striscia di territorio lungo l arco ligure, con una dimensione trasversale di circa 50 km, che contiene tutta la Liguria più una piccola parte di bacino padano 1/7 Messaggio di Allerta della Protezione Civile DIVERSIFICATO Zona di Allertamento Categoria Idrologica comunale. 2/7 25

26 RISCHIO IDROGEOLOGICO Allo SCENARIO 0 corrisponde un quadro di ordinaria criticità ALLAGAMENTI LOCALIZZATI (piccoli canali, rii, reti di smaltimento) PROBLEMI SPECIE NELLE AREE PIU DEPRESSE Allo SCENARIO 1 corrisponde un quadro di moderata criticità di tipo diffuso o localizzato. ALLAGAMENTI DIFFUSI SCORRIMENTO SUPERFICIALE IMPORTANTE INNALZAMENTO TIRANTI IDRICI dei corsi d acqua OCCASIONALE PERICOLOSITÀ ALLERTA 0 MODERATA PERICOLOSITÀ ALLERTA 1 FRANE E SMOTTAMENTI LOCALIZZATI Allo SCENARIO 2 corrisponde un quadro di elevata criticità generalmente di tipo diffuso. ELEVATA PERICOLOSITÀ FUORIUSCITA DELLE ACQUE ROTTURA ARGINI, SORMONTO PASSERELLE E PONTI ALLERTA 2 EROSIONI SPONDALI INONDAZIONE AREE CIRCOSTANTI e CENTRI ABITATI FRANE e SMOTTAMENTI DIFFUSI ed ESTESI L avviso di PREALLERTA scatta se sia previsto lo scenario 1 o 2 per DOPODOMANI (incertezza sulla previsioni) 3/7 RISCHIO IDROGEOLOGICO REGIONE LIGURIA ALLERTA 1 ALLERTA 2 ACCORDO TRA PREFETTURA E PROVINCIA DI SAVONA ATTIVAZIONE delle STRUTTURE COMUNALI di PROTEZIONE CIVILE (Sindaco, COC) Norme di AUTOPROTEZIONE per la popolazione SALA OPERATIVA della PREFETTURA U.T.G. di Savona Servizio intersettoriale di reperibilità della Provincia di Savona C.O.C. Centro Operativo Comunale Struttura operativa di livello comunale, presieduta dal Sindaco, che coordina i servizi d emergenza in un determinato Comunale C.O.M. Centro Operativo Misto Struttura operativa decentrata che coordina i servizi d emergenza in una determinata area di competenza FUNZIONI DI SUPPORTO MODELLO D INTERVENTO C.C.S. Centro Coordinamento Soccorsi Massimo organo di Protezione Civile, presieduto dal Prefetto, composto dai responsabili di tutte le strutture operative presenti sul territorio 4/7 26

27 RISCHIO IDROGEOLOGICO EVENTI DI TIPO B e C ai sensi L.225/92 COMUNI SEDE DI C.O.M. Rischio idrogeologico e altri rischi Proposta relativa al rischio sismico ALBENGA CAIRO MONTENOTTE FINALE LIGURE SAVONA VARAZZE ALBENGA ANDORA LOANO SAVONA 5/7 RISCHIO IDROGEOLOGICO Piano per l individuazione di scenari di rischio inerenti la presenza di sbarramenti e dighe sui corsi d acqua della Provincia di Savona L art. 4, comma 1, lettera i, della L.R. 9/93, come modificato dall art. 8 della L.R. 46/96, stabilisce che la Provincia provveda agli adempimenti di cui al D.P.R. n. 1363/59 per gli sbarramenti fino a 15 metri di altezza e che determinino un volume d invaso fino a m 3, ove non siano posti al servizio di grandi derivazioni d acqua ad uso idroelettrico. 26 opere di sbarramento traverse fluviali dighe Muratura o c.a. Materiali sciolti Miste Mappatura delle aree inondabili per ipotetico collasso delle opere di sbarramento (redatto secondo Circolare P.C.M. del 13 dicembre 1995, n 22806) 6/7 27

28 RISCHIO IDROGEOLOGICO 7/7 PROVINCIA di SAVONA RISCHIO TRASPORTO MERCI PERICOLOSE UNIVERSITA degli STUDI di GENOVA DIMSET Sezione Trasporti DIPTEM Dip.to Ingegneria della Produzione Studio per la valutazione dei rischi connessi al trasporto di merci pericolose nelle infrastrutture di trasporto stradale che attraversano il territorio della Provincia di Savona S.P. 1 - Aurelia S.P. 28 bis Del Colle di Nava S.P. 29 Del Colle di Cadibona A6 Torino/Savona A10 Genova /Ventimiglia (Autostrada dei Fiori) Circolare del Ministero dei L.L.P.P.n 7938 del 6 dicembre 1999 Galleria FUGONA (S.P. 29 del Colle di Cadibona, km ), Comune di Altare, L = 2020 m. Galleria FRATE (della S.P. 28 bis del Colle di Nava Km ), Comune di Roccavignale, L=1043 m. 1/1 28

29 RISCHIO INDUSTRIALE Quadro normativo Direttiva Seveso 82/501 D.P.R. 175/88 Controllo dei pericoli da incidente rilevante Dovere di informazione ai lavoratori e alla popolazione (L. 137/97, art. 1, comma 1) Sicurezza dell impianto Direttiva Seveso II 96/82 D.Lgs. 334/99 Effetto Domino Controllo dell urbanizzazione Informazione tempestiva, comprensibile, aggiornata e diffusa Politica aziendale di prevenzione Sistema di Gestione della Sicurezza 1/6 RISCHIO INDUSTRIALE LA PIANIFICAZIONE DELL EMERGENZA NELLE INDUSTRIE A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE Art. 8 D.Lgs. 334/99 a) PIANO D EMERGENZA INTERNA (P.E.I.) È predisposto dal gestore dello stabilimento per fronteggiare gli effetti di un incidente rilevante all interno dello stesso. Prevede l utilizzo di squadre interne per affrontare l emergenza anche con l ausilio dei VV.F. b) PIANO D EMERGENZA ESTERNA (P.E.E.) È predisposto dal Prefetto,per organizzare la risposta di protezione civile ad una emergenza di natura chimica industriale. È volto a mitigare i danni e a proteggere la popolazione da un incidente rilevante i cui effetti dannosi ricadono all esterno dello stabilimento. 2/6 29

30 RISCHIO INDUSTRIALE 6 INDUSTRIE A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE IN PROVINCIA DI SAVONA (ai sensi dell art. 8 del D.Lgs 334/1999) (Gruppo di Lavoro presso Prefettura UTG di Savona) ERG PETROLI S.P.A., deposito costiero di olii minerali, Comune di Savona. 3/6 RISCHIO INDUSTRIALE INFINEUM ITALIA S.r.l., stabilimento chimico, Comune di Vado Ligure. LIQUIGAS S.P.A., stabilimento deposito di gpl, Comune di Albenga. 4/6 30

31 RISCHIO INDUSTRIALE PETROLIG S.r.l. Deposito di olii minerali, Comune di Vado Ligure. Zynox S.p.a. Stabilimento per la produzione di ossido di zinco, Comune di Vado Ligure. 5/6 RISCHIO INDUSTRIALE FONTE: Settore Tutela Ambientale Provincia di Savona Grafici del vento: rilevamento delle velocità (m/sec) e delle direzioni preferenziali del vento nell arco di un anno. Utilizzo: utile riferimento nel caso di scenari di rischio incidentali (esplosioni, rilascio di sostanza tossiche in atmosfera, etc.) Caso di esempio: stazione di rilevamento posizionata in Comune di Vado Ligure; dati riferiti agli anni 2004, 2005 e /6 31

32 PROCEDURE DI INTERVENTO PROCEDURE D INTERVENTO PER LE DIVERSE TIPOLOGIE DI RISCHIO OBIETTIVO: Realizzare un modello d intervento utilizzabile per ogni tipo di rischio o per combinazioni di essi. Tale obiettivo è perseguibile tramite la costruzione di un modello operativo Matrice ottenuta dall incrocio dei dati che caratterizzano le figure che svolgono una funzione specifica durante le diverse fasi dell emergenza ed in tempo di pace, e della tipologia di rischio. Soggetti coinvolti nell indagine conoscitiva Scheda tipo del report singolo 1/3 PROCEDURE DI INTERVENTO 2/3 32

33 PROCEDURE DI INTERVENTO Esempio di carta di riferimento nella gestione dell emergenza 3/3 RISCHIO INCENDI Per bosco :..si intende un terreno coperto da vegetazione forestale arborea e/o arbustiva, di origine naturale o artificiale, in qualsiasi stadio di sviluppo, nonché il terreno temporaneamente privo della preesistente vegetazione per cause naturali per interventi dell uomo (art.2, L.4/1999) Per incendio boschivo:. Si intende un fuoco con suscettività a espandersi su aree boscate, cespugliate o erborate, comprese eventuali strutture e infrastrutture antropizzate, poste all interno delle predette aree, oppure su terreni coltivati o incolti e pascoli limitrofi a dette aree (art.2, L.353/2000) Si parla di aree percorse dal fuoco: e non di boschi bruciati, poiché infatti non necessariamente il fuoco distrugge il bosco, ma spesso lascia solo scottature sui fusti degli alberi 1/11 33

34 RISCHIO INCENDI L incendio di bosco è un processo rapidissimo di decomposizione che avviene solo in presenza di: + O 2 + piccola quantità di calore La gravità del fenomeno investe il bosco nelle sue molteplici funzioni provocando: 1- Danni Diretti Sono rappresentati dal valore della massa legnosa 2- Danni Indiretti Sono connessi alle funzioni senza prezzo che la massa legnosa esercita, quali la difesa idrogeologica, la produzione di ossigeno, la conservazione naturalistica, il richiamo turistico, possibilità di lavoro per numerose categorie N.B. Il 70% del territorio provinciale è ricoperto da tessuto vegetale di tipo boschivo tanto che la Provincia di Savona risulta essere la più boscata d Italia. 2/11 RISCHIO INCENDI Secondo il Piano Regionale di Previsione, Prevenzione e Lotta attiva contro gli Incendi Boschivi, pubblicato dalla Regione Liguria nel 2003, gli incendi vengono così classificati: INCENDIO SOTTERRANEO INCENDIO RADENTE La maggior parte degli incendi che si verifica sul territorio provinciale è di tipo RADENTE INCENDIO DI CHIOMA gen feb mar 30 apr 25 num ero incendi 20 mag giu lug 15 ago m es i set ott nov dic Elaborazione del corpo Forestale dello Stato dei dati raccolti tra il 1976 ed il 1994.(tratto dai Boschi del Savonese G.Bovio, A. Camia, R. Marchisio) 3/11 34

35 RISCHIO INCENDI PRINCIPALI CAUSE DI INCENDIO Incendi frequenze relative per cause di innesco 19% 1% 8% 72% volontarie involontarie naturali non classificate A fronte di un fattore scatenante si può originare un incendio se sussistono condizioni che vengono chiamate predisponenti: COMBUSTIBILI TOPOGRAFIA FATTORI METEOROLOGICI Se è fuori dubbio che il fattore climatico e l andamento stagionale abbiano una notevole influenza nel creare le condizioni favorevoli allo sviluppo e alla propagazione degli incendi boschivi, generalmente la causa determinante è di origine: ANTROPICA L autocombustione, sovente citata a sproposito, è da ritenersi una giustificazione quanto mai semplicistica, in quanto ai nostri climi, non si verifica che in casi del tutto eccezionali. 4/11 RISCHIO INCENDI CATASTO INCENDI Corpo Forestale dello Stato 2252 EVENTI Comuni Ufficio Sit numero incendi Distribuzione degli incendi dal 1986 al anni Serie Gli anni più colpiti dagli incendi sono stati il 1990 (287 incendi) ed il 2003 (213 incendi). In questo ultimo caso è possibile fare una correlazione tra quantità di eventi verificatisi e condizioni climatiche. Infatti risulta che si sia trattato di un anno caratterizzato da un estate molto calda e scarsità di precipitazioni. 5/11 35

36 km RISCHIO INCENDI IL COMUNE PIU COLPITO STELLA VARAZZE km STELLA CELLE km SAVONA - ALBENGA TABELLA IL MINOR NUMERO DI INCENDI SPETTA A MASSIMINO! VARAZZE /11 RISCHIO INCENDI ANNO 2006 INCENDIO DI INTERFACCIA Fuoco di vegetazione che si diffonde o può diffondersi su linee, superfici o zone ove costruzioni o altre strutture create dall uomo si incontrano o si compenetrano con aree vegetate creando condizioni di pericolosità particolari. (Dal Manuale per Corsi di II livello sulle Procedure Antincendio Boschivo) UN ESEMPIO DI INCENDIO DI INTERFACCIA L INCENDIO DELLA CONCA VERDE : 6 AGOSTO /11 36

37 RISCHIO INCENDI LA CARTOGRAFIA Zone di interfaccia : sono le aree in cui si ha la sovrapposizione tra gli incendi verificatisi e le aree urbanizzate entrambi incrementati di 50 metri km..in particolare se le abitazioni non sono circondate da una fascia di dimensioni adeguate prive di vegetazione arborea o arbustiva. D D = FASCIA DI RISPETTO = In effetti non esiste una vera e propria fascia di rispetto imposta dalla normativa che debba essere obbligatoriamente rispettata dai proprietari dei terreni o di case confinanti con il bosco o con boschi di loro proprietà. L articolo 45 della Legge Forestale n 4 del 1999 afferma che: nel caso di fabbricati già esistenti all interno di un area e adibiti ad uso abitativo o stalla, è consentita senza rilascio di autorizzazione ai fini paesistico ambientali e forestali, la creazione di una fascia di rispetto devegetata di profondità non superiore ai 15 metri lineari misurati dal perimetro dei fabbricati stessi. 8/11 CARTA DEL RISCHIO INCENDIO DI INTERFACCIA 9/11 37

38 RISCHIO INCENDI LA PREVENZIONE ANTINCENDIO SPIRL MONITORAGGIO AREE COLPITE La Legge 353/2000 prevede che dopo un incendio, venga congelata per 15 anni la destinazione d uso di un area colpita e che per 10 anni sia vietato edificare ed esercitare caccia e pastorizia. Il CFS e lo stesso Bertolaso hanno sottolineato che i comuni non hanno realizzato, per la maggior parte dei casi, il catasto delle aree incendiate che a loro compete. Si ritiene pertanto opportuno ricordare in questa sede la necessità di adempiere ai suddetti compiti. 10/11 11/11 38

39 RISCHIO SISMICO OPCM 3274/2003 Nuova classificazione sismica che comprende tutto il territorio nazionale EUROCODICE 8 Programma temporale delle verifiche (entro 5 anni) zona Accelerazione Orizzontale con probabilità di Superamento pari al 10% in 50 anni Accelerazione Orizzontale di ancoraggio dello spettro di risposta elastico 1 > < /12 42 comuni su 69 ricadono in Zona Sismica 4 27 comuni su 69 ricadono in Zona Sismica 3 2/12 39

40 RISCHIO SISMICO I LAVORI SVOLTI DA QUESTO SERVIZIO 2 gallerie 2005 SCHEDE TECNICHE 37 ponti # PONTI 10 edifici scolastici Tipo Località n rif CTR enteproprietario entegestore 1 Ponte Comune di Pietra Ligure Sp1 km Provincia di Savona Provincia di Savona 2 Ponte Comune di Borghetto S.S. Sp1 km Provincia di Savona Provincia di Savona 3 Ponte Comune di Albenga Sp1 km Provincia di Savona Provincia di Savona 4 Ponte Comune di Albenga Sp Provincia di Savona Provincia di Savona 5 Ponte Comune di Albenga Sp Provincia di Savona Provincia di Savona 6 Ponte Comune di Alassio Sp1 km , Provincia di Savona Provincia di Savona 7 Ponte Comune di Andora Sp1 km Provincia di Savona Provincia di Savona 8 Ponte Comune di Andora Sp1 km Provincia di Savona Provincia di Savona 9 Viadotto Comune di Casanova Lerrone Loc. Scalette-Verne Provincia di Savona Provincia di Savona Sp 06 km Ponte Comune di Nasino Sp14 (Val Pennavaire) Provincia di Savona Provincia di Savona 11 Ponte Comune di Castelbianco frazione Colletta Sp Provincia di Savona Provincia di Savona 12 Ponte Comune di Nasino Sp14 presso l'incrocio per Vignoletto Provincia di Savona Provincia di Savona 13 Ponte Comune di Ortovero Sp21 circa al km Provincia di Savona Provincia di Savona 14 Ponte Comune di Ortovero Sp21 circa tra km1 e km Provincia di Savona Provincia di Savona 15 Ponte Comune di Pietra Ligure Loc. Molinetto Sp 24 km Provincia di Savona Provincia di Savona 16 Ponte Comune di Pietra Ligure Loc. Molinetto Sp 24 km Provincia di Savona Provincia di Savona 17 Ponte Comune di Balestrino Loc Pasqua Sp 34 km Provincia di Savona Provincia di Savona 18 Ponte Comune di Onzo Sp Provincia di Savona Provincia di Savona 19 Ponte Comune di Arnasco Sp35 dopo il km 1 tra Chiesa e Menosio Provincia di Savona Provincia di Savona 20 Ponte Comune di Villanova d'albenga Loc. Mitaere Sp 55 km Provincia di Savona Provincia di Savona 21 Ponte Comune di Toirano Sp60 loc. Cave Marchisio Provincia di Savona Provincia di Savona 22 Ponte Comune di Toirano Sp60 circa al km 7 Loc. Salto del Lupo Provincia di Savona Provincia di Savona 23 Ponte Comune di Toirano Sp60 km Provincia di Savona Provincia di Savona 24 Ponte Confine tra Comuni Toirano e Balestrino Sp60 km Provincia di Savona Provincia di Savona 25 Ponte Comune di Albenga Sp453 km Provincia di Savona Provincia di Savona 26 Ponte Comune di Villanova d'albenga S.p453 km Provincia di Savona Provincia di Savona 27 Ponte Comune di Villanova d'albenga Sp 453 km Provincia di Savona Provincia di Savona 28 Ponte Comune di Ortovero Sp 453 km Provincia di Savona Provincia di Savona 29 Ponte Comune di Ortovero Sp 453 km Provincia di Savona Provincia di Savona 30 Ponte Comune di Onzo Sp 453 km Provincia di Savona Provincia di Savona 31 Ponte Comune di Cisano sul Neva Sp 582 km Provincia di Savona Provincia di Savona 32 Ponte Comune di Cisano sul Neva Sp 582 km Provincia di Savona Provincia di Savona 33 Ponte Comune di Zuccarello Sp 582 km Provincia di Savona Provincia di Savona 34 Ponte Comune di Zuccarello Sp 582 km Provincia di Savona Provincia di Savona 35 Ponte Comune di Zuccarello Sp 582 km Provincia di Savona Provincia di Savona 36 Ponte Comune di Zuccarello Sp 582 km Provincia di Savona Provincia di Savona 37 Ponte Comune di Erli Sp 582 km Provincia di Savona Provincia di Savona data costruz prog esec data prog SCUOLE Censimento Scuole Provincia di Savona Secondo la nuova normativa sismica tipologia comune # nome indirizzo alberghiero ALASSIO Via Petrarca 7,13 (2 edifici) Istituto Secondario Superiore agrario ALBENGA Piazza S.Bernardino 1 Giancardi Galilei Aicardi ITIS e palestra ALBENGA Campochiesa_regione rapalline 32 sede scientifico (2 ALBENGA Viale Pontelungo 91 Liceo scientifico classico fabbricati) 2 Giordano Bruno succursale classica ALBENGA Via Dante 1 3 Istituto Secondario Superiore ragionieri e geometri LOANO Via Aurelia 297 Ragionieri e Geometri GALLERIE Censimento Gallerie Provincia di Savona Secondo la nuova normativa sismica località lunghezza # denominazione anno costruzione Galleria S. Comune di Albenga S.P. 1 Aurelia m 1969 Martino km Galleria Capo Comune di Andora S.P. 1 Aurelia m Mele km /12 CARTA DEL CENSIMENTO DELLE INFRASTTRUTTURE VIARIE E DEI FABBRICATI DI COMPETENZA PROVINCIALE IN ZONA SISMICA 3 OPCM 3274/2003 4/12 40

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO MIUR - DIPARTIMENTO DELL'ISTRUZIONE SS-13-HC-XDO02 CENTRO SERVIZI AMMINISTRATIVI DELLA PROVINCIA DI SAVONA PAG.

SISTEMA INFORMATIVO MIUR - DIPARTIMENTO DELL'ISTRUZIONE SS-13-HC-XDO02 CENTRO SERVIZI AMMINISTRATIVI DELLA PROVINCIA DI SAVONA PAG. PAG. 1 CODICE ISTITUZIONE SCOLASTICA : SVEE00100L DENOMINAZIONE : SAVONA-CHIAVELLA INDIRIZZO : PIAZZALE MORONI 28 COMUNE : SAVONA DISTRETTO :007 PAG. 2 CODICE ISTITUZIONE SCOLASTICA : SVEE00200C DENOMINAZIONE

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

DIVISIONE STUDI E PROGETTI

DIVISIONE STUDI E PROGETTI PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI MAZZANO DIVISIONE STUDI E PROGETTI COMUNE DI MAZZANO PROVINCIA DI BRESCIA Risorse e Ambiente s.r.l. Divisione Studi e Progetti Via del Sebino, 12 25126 BRESCIA Tel: 0302906550

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da CAPITOLO 20 Il recupero delle aree percorse dal fuoco con tecniche di Ingegneria Naturalistica U. Bruschini, P. Cornelini 20.1 Introduzione Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da tempo una drammatica

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Protezione Civile Area Centro Funzionale Regionale DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione Ci si può difendere dai terremoti? Sebbene si sappia da molto tempo che l Italia è un paese sismico la storia della classificazione sismica e quindi anche della normativa che avrebbe potuto ridurre i danni

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA LEGGI FONDAMENTALI DELLE NORMESISMICHE SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME SISMICHE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA Giacomo Di Pasquale, Dipartimento della Protezione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici

Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici Elementi per una Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE PUBBLICA (12 SETTEMBRE 2013) Sommario INTRODUZIONE 1 IMPATTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E VULNERABILITÀ

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

PRIM 2007-2010 Programma Regionale Integrato di Mitigazione dei Rischi

PRIM 2007-2010 Programma Regionale Integrato di Mitigazione dei Rischi PRIM 2007-2010 Programma Regionale Integrato di Mitigazione dei Rischi Febbraio 2008 S O M M A R I O 1. METODI, STRUMENTI E LOGICHE DEL PRIM 2007-2010... 2 1.1 Le grandi scelte del PRIM 2007-2010... 2

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli